Pagina facebook
NihilScio         Home
 

Educational search engine
©2009-2017

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

Inglese

á     é     è     ì     í     ò
ó     ù     ú     ü     ñ     ç
Latin version Latino

sinonimi di pelear
Cerca  frasi:
Italiano
Vocabolario e frasi
* Chiese quindi licenza ; e , abbracciato di nuovo il padron di casa , e tutti quelli che , trovandosi più vicini a lui , poterono impadronirsene un momento , si liberò da essi a fatica ; ebbe a combatter nell'anticamere , per isbrigarsi da' servitori , e anche da' bravi , che gli baciavano il lembo dell'abito , il cordone , il cappuccio ; e si trovò nella strada , portato come in trionfo , e accompagnato da una folla di popolo , fino a una porta della città ; d'onde uscì , cominciando il suo pedestre viaggio , verso il luogo del suo noviziato .(Manzoni-I Promessi sposi)<>
---------------
* Tutta questa chiacchierata s'è fatta per venire a dire che , nella lotta tra le due parti che si contendevano il voto della gente affollata alla casa del vicario , l'apparizione d'Antonio Ferrer diede , quasi in un momento , un gran vantaggio alla parte degli umani , la quale era manifestamente al di sotto , e , un po' più che quel soccorso fosse tardato , non avrebbe avuto più , né forza , né motivo di combattere .(Manzoni-I Promessi sposi)<>
---------------
* E qui pure ebbe a combattere co' galantuomini del ne quid nimis , i quali , in ogni cosa , avrebbero voluto farlo star ne' limiti , cioè ne' loro limiti .(Manzoni-I Promessi sposi)<>
---------------
* Girolamo Soranzo , inviato de' Veneziani , poté bene addurre ragioni per combattere quella risoluzione ; che il re e il cardinale , dando retta alla sua prosa come ai versi dell'Achillini , se ne ritornarono col grosso dell'esercito , lasciando soltanto sei mila uomini in Susa , per mantenere il passo , e per caparra del trattato .(Manzoni-I Promessi sposi)<>
---------------
* I ribaldi che avevan creduto di non andar che alla preda , vedendosi venire addosso gente schierata e pronta a combattere , lasciarono il saccheggio a mezzo , e se n'andarono in fretta , senz'aspettarsi l'uno con l'altro , dalla parte dond'eran venuti .(Manzoni-I Promessi sposi)<>
---------------
Gli toccò, tuttavia, a combattere un bel po' col mezzadro, per farlo condiscendere alle nozze del figliuolo.(Pirandello - Novelle per un anno)<>
---------------
Dolcemàscolo, venuto con la prevenzione di dover combattere chi sa che battaglia contro i cavilli e le insidie di quel vecchio rospo, di fronte a tanta remissione, s'abbiosciò a un tratto, mortificato.(Pirandello - Novelle per un anno)<>
---------------
Ora Sciaramè, quel giorno, doveva dire appunto alla figliastra di non scendere piú in quella stanza, sede della Società, e di rimanersene invece a lavorare sú, nella sua cameretta, perché Amilcare Bellone, presidente dei Reduci, s'era lamentato con lui, non propriamente di quest'abitudine di Rorò, ch'era infine la padrona di casa, ma perché, con la scusa di venire a leggere i giornali, vi entrava quasi ogni mattina un giovinastro, un tal Rosolino La Rosa, il quale, per essere andato in Grecia insieme con tre altri giovanotti del paese, il Betti, il Gàsperi e il Marcolini, a combattere nientemeno contro la Turchia, si credeva garibaldino anche lui.(Pirandello - Novelle per un anno)<>
---------------
Proprio cosí! E sa perché? perché, non essendo ancor nati o essendo ancora in fasce, quando Giuseppe Garibaldi - il vero, il solo - come dice la deliberazione - si mosse a combattere per la liberazione della Patria, noi poveretti non potemmo naturalmente con le nostre balie e con le nostre mamme seguir Lui, allora, e abbiamo avuto il torto di seguire invece il Figlio (che pare, a giudizio dei sullodati veterani, non sia Garibaldi anche lui) nell'Ellade sacra.(Pirandello - Novelle per un anno)<>
---------------
Non ne avevamo mai fatto parola, per carità di patria, né ce ne saremmo mai occupati, se ora l'atto inconsulto della suddetta Società non avesse giustamente provocato la protesta del signor Gàsperi e degli altri giovani valorosi che combatterono in Grecia.(Pirandello - Novelle per un anno)<>
---------------
Per piú d'un mese aveva dovuto combattere per strappare il consenso al padre, il quale saggiamente gli aveva fatto osservare ch'era troppo intempestivo per lui un impegno di quel genere; che la cugina aveva quattr'anni piú di lui, e che egli, ancora studente, avrebbe dovuto aspettare per lo meno altri sei anni per farla sua.(Pirandello - Novelle per un anno)<>
---------------
Ritornato in Sicilia, per non apparire ingenuo in mezzo ai commercianti suoi compaesani, produttori e sensali d'agrumi e di zolfo, gente ladra, usa a combattere tra le insidie e con ogni sorta d'inganni, provò il bisogno di lasciar loro intendere che con quelle stesse arti egli aveva guadagnato colà il suo danaro.(Pirandello - Novelle per un anno)<>
---------------
Francamente, ella ha quattro bambini, non tre, e tutte le cure e tutte le attenzioni per essi, per il marito, per la casa; ma il tempo di pettinarsi a modo e di vestirsi bene e con comodo, lo vuole; e, volendo, si trova, via, si trova! È chiaro che ancora la signora Lèuca deve farci l'abitudine, a combattere coi figliuoli.(Pirandello - Novelle per un anno)<>
---------------
De poder tottu l'Africa acquistare ; Tranquillos e sanos a torrare , Los assistan sos Santos de sa Gloria , E cun bona memoria e vertude Torren a dom'issoro chin salude ! Il turco non vuole arrendersi , – Anzi per combattere è animoso , – L'arabo inferocito è coraggioso , – Si slancia pronto né vuole fuggire . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le sembrava di sentire sulle labbra il sapore delle lagrime di lui – ed era il sapore di tutta la tristezza , di tutta la debolezza umana: allora la solita immagine di lui annoiato , spostato , avvilito , di lui contro cui non si poteva combattere perché dava l'impressione d'un masso precipitato dal monte a rovinar la casa , spariva per lasciar posto all'immagine di lui buono , pentito , appassionato .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Allora in fondo alle tenebre che già lo avvolgevano brillò come una lampada lontana: la volontà di combattere la morte .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Sempre combattere fino all’estrema vecchiaia! E serbarsi puro fin de’ pensieri! Non aver chi t’assista infermo, scorato ti rinfranchi; pagare a contanti quei servigi che mia madre sarebbe lieta di profondermi, e me ne saprebbe grado, e piange a calde lagrime di non lo potere. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Saremo l’uno all’altro custodi: e del combattere e del vincere avremo un vicino conforto. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Invece Franco, diffidentissimo dell'imperatore, attribuiva l'alleanza sarda al buon volere dell'Inghilterra, ma riconosceva che, appena proclamata quest'alleanza, l'Austria, sacrificando i suoi interessi ai principii e agli odii si sarebbe schierata con la Russia, per cui Napoleone sarebbe stato costretto di combatterla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli mostrò i suoi fiori con quel tanto di cortesia che occorreva, con perfetta tranquillità; e lo ricondusse dall'orto in casa, discorrendo di non so qual professore Maspero, di non so qual segreto per combattere l'oïdium. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si può combattere come ho combattuto io, ma… » «Tutto questo discorso mi pare inutile», esclamò Franco, alzandosi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Parlar così, tu che dicevi sempre di prender la vita come una guerra? E il tuo modo di combattere sarebbe questo? Io credevo una volta che la più forte fossi tu. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
– Il patto d’alleanza? dopo che l’Austria l’ha strappato aggredendo? dopo che la Germania, impazzita, dichiara guerra a destra, guerra a sinistra, guerra finanche alle stelle, senza darcene avviso, senza tener conto delle nostre condizioni? Ignorante! imbecille! Che parola e parola! Combattere ai nostri danni? Ajutare l’Austria a vincere? noi? E le nostre terre irredente? E le nostre coste e le nostre isole, con la flotta inglese e francese contro di noi? Possiamo essere contro l’Inghilterra, noi? Ignorante! imbecille! –
---------------
Quei tre poveri fratelli non han potuto perciò sottrarsi all’obbligo odioso di combattere per l’Austria e chi sa, se le cose per noi si mettono male, fors’anche contro l’Italia, domani.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
chi sa! Correrebbe volontario, anche a costo di trovarsi a combattere contro quei suoi disgraziati fratelli.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
E quei pochi che siamo qua di Trento e di Trieste, siamo come spatriati in patria; e per miracolo lei, lealista, non mi grida che il mio posto sarebbe là, a combattere e a morire per l’Austria con gli altri miei fratelli!
---------------
– Perché nessuno poteva venire qua a costringervi a marciare e a combattere contro il sentimento vostro e i vostri interessi! Ma avete pensato a noi di là, che dovremmo essere appunto questo sentimento vostro, che siamo appunto ciò che chiamate «i vostri interessi»? Noi di là ci avete lasciati prendere, con la vostra neutralità, e trascinare al macello; e dite ancora ch’era il diritto dell’Austria, questo; e nessuno grida per il sangue dei miei fratelli uccisi! Gridano tutti, invece Viva il Belgio! qua, Viva la Francia! Or ora, venendo, le ho incontrate le colonne dei dimostranti per le vie di Roma.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
ecco qua: ora, ogni mattina, la moglie – anche questo! – appena la serva ritorna dalla spesa giornaliera, lo investe, domanda conto e ragione a lui di tutti i viveri rincarati – di tanto il pane, di tanto la carne, di tanto le uova – come se la avesse voluta lui, mossa lui, la guerra! Col cuore esulcerato, con la rovina dentro, gli tocca anche d’affogare in tutte queste volgarità della moglie, che per miracolo non lo vuole anche responsabile del pericolo a cui Faustino è esposto, d’esser chiamato prima del tempo sotto le armi e mandato a combattere, se l’Italia sarà anch’essa trascinata in guerra! Non rappresenta forse la Germania, lui, in casa; la Germania che ha voluto la guerra?
---------------
Ricorda Berecche com’egli insegnava, or son pochi anni, la storia ai suoi alunni di liceo: – Intorno al 950, ridotti in obbedienza i Danesi che gli si erano ribellati, passò Ottone in Boemia a combattere il duca Bodeslao, ch’erasi costituito indipendente, e spintosi fin davanti a Praga costrinse quel duca a ritornare vassallo del germanico regno.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
Ma gli dica, signor Fongi, che io non sono venuto qua a combattere per la Francia.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
Ed ella tremò di sgomento per tutte le ossa pensando che quella passione poteva essere più grande e più selvaggia della sua passione. Di quelle settimane d'assenza e d'attesa ella ignorava tutto, e la fantasia le si sollevava su quella ignoranza. Vedeva sé nella dolce marina pisana, sé distesa nei cuscini dei piaceri, sé voluttuosa e obliosa; e l'altra, la creatura chiusa e tenace, audace e nascosta, lassù, nella Città di vento e di macigno, tra spettacoli di duolo e di morte, col suo canto e col suo amore intenta di continuo a esaltare la sua disperazione. E la invidiò, e la temette; e la imaginò carica di forze accumulate, pronta a combattere, pronta a morire. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Dopo pranzo, uscì di nuovo per le vie non sapendo come ingannare la sua ansia. Sotto un portico violentemente illuminato udì un clamore di folla, uno scroscio di applausi. Alle mura e alle colonne pendevano imagini di pugilatori giganteschi in atto di combattere, seminudi, coi pugni armati di guanti enormi. Entrò in una vasta sala gremita, afosa di mille petti anelanti. Sopra un palco recinto di corde, un bianco e un negro combattevano, assistiti dall'arbitro. Ma non era un combattimento, era una carneficina disgustosa. Il bianco, già ridotto un cencio sanguinante, aveva le labbra lacere, il naso pesto, le palpebre gonfie, tutto il ceffo disfatto; ma resisteva tuttavia con un coraggio inumano, sputando nel sangue ingiurie atroci contro il suo carnefice. Il negro ghignava dalla larga fauce piena di denti d'oro, e senza pietà scagliava contro la mascella dell'avversario il pugno infallibile.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
I ricordi, in così breve spazio, si fecero di carne e d'ossa, camminarono verso di lui su quattro branche, lo soffocarono con un respiro grave come quello delle fiere. Poi combatterono, poi si divorarono tra loro; e rimasero vivi i più selvaggi, e infuriarono. «Ricordati del mio pianto come io mi ricorderò della parola che accompagnava i tuoi colpi.»
---------------
* Eh, non era mica facile combattere con quei tipi! Bisognava prenderli per il loro verso e aver pazienza se fino all'ultimo mostravano di non saper la parte... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Chi era in quel momento il suo amante? E a questo pensiero, diventò subito una cosa facilissima mettere in iscena quel dramma, assistere alle prove, combattere con gli attori. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Tutti venivan Vi per due ore o per tre , per vedersi , per combattersi , per raccontare , per eccitarsi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Bisognava non combatterlo , ma trascurarlo e dimenticare in certo modo di abbandonarvisi volgendogli le spalle con noncuranza come a compagnia che si riconosce indegna di sé .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
anticancro
= destinato a prevenire o a combattere il cancro .
---------------
anticristo
= anticristo , nell'apocalisse , l'essere diabolico che alla fine dei secoli combatterà contro cristo e perseguiterà i credenti , ma sarà sconfitto ogni oppositore di cristo o della chiesa uomo malvagio e diabolico .
---------------
anticrittogamico
= composto chimico o trattamento usato per combattere le crittogame parassite delle piante .
---------------
antimafia
= finalizzato a combattere la mafia
---------------
antiracket
= nell'uso giornalistico , che ha il compito di combattere il racket
---------------
antisilurante
= unità o arma attrezzata o impiegata per combattere contro le siluranti .
---------------
antiterrorismo
= volto a prevenire e a combattere il terrorismo
---------------
armamento
= l'armare , l'armarsi insieme dei mezzi necessari per mettere un esercito o una nazione in condizioni di combattere
---------------
bellare
= verbo intr. combattere
---------------
bestiario
= schiavo romano addestrato a combattere con le belve nel circochi in uno zoo ha in custodia animali feroci.
---------------
certare
= verbo intr. combattere, contendere.
---------------
combattente
= part. pres. di combattere
---------------
combattimento
= il combattere
---------------
combattuto
= part. pass. di combattere affrontato con impegno e accanimento
---------------
gigante
= ciascuno dei mortali di smisurata grandezza , nati dalla terra e dal sangue di urano , che combatterono contro gli dei
---------------
groggy
= pugile che , stordito dai pugni ricevuti , non è più in grado di combattere e reagire
---------------
pugnare
= verbo intr . combattere <>
---------------
ricombattere
= verbo trans. e intr. combattere di nuovo.
---------------
scherma
= arte del combattere con armi bianche ,
---------------
Spagnolo
Vocabolario e frasi
* —Así es —dijo don Quijote—; que ese es un sabio encantador, grande enemigo mío, que me tiene ojeriza, porque sabe por sus artes y letras que tengo de venir, andando los tiempos, a pelear en singular batalla con un caballero a quien él favorece, y le tengo de vencer sin que él lo pueda estorbar, y por esto procura hacerme todos los sinsabores que puede; y mándole yo que mal podrá él contradecir ni evitar lo que por el cielo está ordenado( Cervantes - Don Quijote)<>
---------------
* En el camino dijo el del Bosque a Sancho: —Ha de saber, hermano, que tienen por costumbre los peleantes de la Andalucía, cuando son padrinos de alguna pendencia, no estarse ociosos, mano sobre mano, en tanto que sus ahijados riñen; dígolo porque esté advertido, que mientras nuestros dueños riñeren nosotros también hemos de pelear y hacernos astillas( Cervantes - Don Quijote)<>
---------------
* Cuanto más que yo quiero que sea verdad y ordenanza expresa el pelear los escuderos en tanto que sus señores pelean; pero yo no quiero cumplirla, sino pagar la pena que estuviere puesta a los tales pacíficos escuderos, que yo aseguro que no pase de dos libras de cera, y mas quiero pagar las tales libras, que sé que me costarán menos que las hilas que podré gastar en curar- 429 430me la cabeza, que ya me la cuento por partida y dividida en dos partes; hay más: que me imposibilita el reñir el no tener espada, pues en mi vida me la puse( Cervantes - Don Quijote)<>
---------------
* —Con todo —replicó el del Bosque—, hemos de pelear siquiera media hora( Cervantes - Don Quijote)<>
---------------
* —Estemos a razón, Sancho —replicó don Quijote: Ven acá, ¿en qué consideración puede caber que el bachiller Sansón Carrasco viniese como caballero andante armado de armas ofensivas y defensivas, a pelear conmigo? ¿He sido yo su enemigo, por ventura? ¿Hele dado yo jamás ocasión para tenerme ojeriza? ¿Soy yo su rival, o hace él profesión de las armas para tener invidia a la fama que yo por ellas he ganado? —Pues ¿qué diremos, señor —respondió Sancho— a esto de parecerse tanto aquel caballero, sea el que se fuere, al bachiller Carrasco, y su escudero a Tomé Cecial, mi compadre? Y si ello es encantamento como vuestra merced ha dicho, ¿no había en el mundo otros dos a quien se parecieran? —Todo es artificio y traza —respondió don Quijote— de los malignos magos que me persiguen, los cuales, anteviendo que yo había de quedar vencedor en la contienda, se previnieron de que el caballero vencido mostrase el rostro de mi amigo el bachiller, porque la amistad que le tengo se pusiese entre los filos de mi espada y el rigor de mi brazo, y templase la justa ira de mi corazón, y desta manera quedase con vida el que con embelecos y falsías procuraba quitarme la mía.( Cervantes - Don Quijote)<>
---------------
* No había aún llegado a su noticia la primera parte de su historia; que si la hubiera leído, cesara la admiración en que lo ponían sus hechos y sus palabras, pues ya supiera el género de su locura; pero como no la sabía, ya le tenía por cuerdo y ya por loco, porque lo que hablaba era concertado, elegante y bien dicho, y lo que hacía, disparatado, temerario y tonto, y decía entre sí, ¿qué mas locura puede ser que ponerse la celada llena de requesones y darse a entender que le ablandaban los cascos los encantadores, y qué mayor temeridad y disparate que querer pelear por fuerza con leones? Destas imaginaciones y deste soliloquio le sacó don Quijote, diciéndole: —¿Quién duda, señor don Diego de Miranda, que vuestra merced no me tenga en su opinión por un hombre disparatado y loco? Y no sería mucho que así fuese, porque mis obras no pueden dar testimonio de otra cosa; pues, con todo esto, quiero que vuestra merced advierta que no soy tan loco ni tan menguado como debo de haberle parecido.( Cervantes - Don Quijote)<>
---------------
* Finalmente conocieron y supieron cómo el pueblo corrido salía a pelear con otro que le corría más de lo justo y de lo que se debía a la buena vecindad( Cervantes - Don Quijote)<>
---------------
* Sabed, señor, que a mí me llaman el bachiller Sansón Carrasco, soy del mesmo lugar de don Quijote de la Mancha, cuya locura y sandez mueve a que le tengamos lástima todos cuantos le conocemos, y entre los que más se la han tenido he sido yo, y, creyendo que está su salud en su reposo y en que se esté en su tierra y en su casa, di traza para hacerle estar en ella, y así, habrá tres meses que le salí al camino como caballero andante, llamándome el Caballero de los Espejos, con intención de pelear con él y vencerle sin hacerle daño, poniendo por condición de nuestra pelea que el vencido quedase a discreción del vencedor, y lo que yo pensaba pedirle, porque ya le juzgaba por vencido, era que se volviese a su lugar y que no saliese dél en todo un año, en el cual tiempo podría ser curado.( Cervantes - Don Quijote)<>
---------------
* —Yo, señor don Quijote —respondió el correo—, soy Tosilos, el lacayo del duque mi señor, que no quise pelear con vuesa merced sobre el casamiento de la hija de doña Rodríguez( Cervantes - Don Quijote)<>
---------------
Coniugazione:2 - combattere
Ausiliare:avere intransitivo/transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io combatto
tu combatti
egli combatte
noi combattiamo
voi combattete
essi combattono
Imperfetto
io combattevo
tu combattevi
egli combatteva
noi combattevamo
voi combattevate
essi combattevano
Passato remoto
io combattei
tu combattésti
egli combattè
noi combattémmo
voi combattéste
essi combatterono
Passato prossimo
io ho combattuto
tu hai combattuto
egli ha combattuto
noi abbiamo combattuto
voi avete combattuto
essi hanno combattuto
Trapassato prossimo
io avevo combattuto
tu avevi combattuto
egli aveva combattuto
noi avevamo combattuto
voi avevate combattuto
essi avevano combattuto
Trapassato remoto
io ebbi combattuto
tu avesti combattuto
egli ebbe combattuto
noi avemmo combattuto
voi eveste combattuto
essi ebbero combattuto
Futuro semplice
io combatterò
tu combatterai
egli combatterà
noi combatteremo
voi combatterete
essi combatteranno
Futuro anteriore
io avrò combattuto
tu avrai combattuto
egli avrà combattuto
noi avremo combattuto
voi avrete combattuto
essi avranno combattuto
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io combatta
che tu combatta
che egli combatta
che noi combattiamo
che voi combattiate
che essi combattano
Passato
che io abbia combattuto
che tu abbia combattuto
che egli abbia combattuto
che noi abbiamo combattuto
che voi abbiate combattuto
che essi abbiano combattuto
Imperfetto
che io combattéssi
che tu combattéssi
che egli combattésse
che noi combattéssimo
che voi combattéste
che essi combattéssero
Trapassato
che io avessi combattuto
che tu avessi combattuto
che egli avesse combattuto
che noi avessimo combattuto
che voi aveste combattuto
che essi avessero combattuto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io combatterei
tu combatteresti
egli combatterebbe
noi combatteremmo
voi combattereste
essi combatterebbero
Passato
io avrei combattuto
tu avresti combattuto
egli avrebbe combattuto
noi avremmo combattuto
voi avreste combattuto
essi avrebbero combattuto
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
combatti
combatta
combattiamo
combattete
combattano
Futuro
-
combatterai
combatterà
combatteremo
combatterete
combatteranno
INFINITO - attivo
Presente
combatter
Passato
essersi combattuto
PARTICIPIO - attivo
Presente
combattente
Passato
combattuto
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
combattendo
Passato
avendo combattuto
DOPO linea_verbo-pelear:1,i,p,--
Conjugacíon: 1 - pelear
auxiliar: haber - intransitivo/pronominale
INDICATIVO activo
Presente
yo peleo
peleas
él/ella pelea
nosotros peleamos
nosotros peleáis
ellos/ellas pelean
Imperfecto
yo peleaba
peleabas
él/ella peleaba
nosotros peleabamos
vosotros peleabais
ellos/ellas peleaban
Pretérito indefinito
yo peleé
peleaste
él/ella peleó
nosotros peleamos
vosotros peleasteis
ellos/ellas pelearon
Preterito perfecto
yo he peleado
has peleado
él/ella ha peleado
nosotros hemos peleado
vosotros habéis peleado
ellos/ellas han peleado
Preterito pluscuamperfecto
yo había peleado
habías peleado
él/ella había peleado
nosotros habíamos peleado
vosotros habíais peleado
ellos/ellas habían peleado
Preterito anterior
yo hube peleado
hubiste peleado
él/ella hubo peleado
nosotros hubimos peleado
vosotros hubisteis peleado
ellos/ellas hubieron peleado
Futuro
yo pelearé
pelearas
él/ella peleará
nosotros pelearemos
vosotros peleareis
ellos/ellas pelearán
Futuro perfecto
yo habré peleado
habrás peleado
él/ella habrá peleado
nosotros habremos peleado
vosotros habréis peleado
ellos/ellas habrán peleado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo pelee
pelees
él/ella pelee
nosotros peleemos
nosotros peleéis
ellos/ellas peleen
Pretérito perfecto
yo haya peleado
hayas peleado
él/ella haya peleado
nosotros hayamos peleado
nosotros hayáis peleado
ellos/ellas hayan peleado
Pretérito imperfetto I
yo peleara
pelearas
él/ella peleara
nosotros peleáramos
nosotros pelearais
ellos/ellas pelearan
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera peleado
hubieras peleado
él/ella hubiera peleado
nosotros hubiéramos peleado
nosotros hubierais peleado
ellos/ellas hubieran peleado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese peleado
hubieses peleado
él/ella hubiese peleado
nosotros hubiésemos peleado
nosotros hubieseis peleado
ellos/ellas hubiesen peleado
Pretérito imperfetto II
Futuro
yo peleare
peleares
él/ella peleare
nosotros peleáremos
nosotros peleareis
ellos/ellas pelearen
Futuro perfecto
yo hubiere peleado
hubieres peleado
él/ella hubiere peleado
nosotros hubiéremos peleado
nosotros hubiereis peleado
ellos/ellas hubieren peleado
POTENCIAL - activo
Presente
yo pelearía
pelearías
él/ella pelearía
nosotros pelearíamos
vosotros pelearíais
ellos/ellas pelearían
Perfecto
yo habría peleado
habrías peleado
él/ella habría peleado
nosotros habríamos peleado
vosotros habríais peleado
ellos/ellas habrían peleado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
pelea
pelee
peleemos
pelead
peleen
 
 
 
 
 
 
 
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber peleado
PARTICIPIO - activo
Presente
que pelea
Compuesto
peleado
GERUNDIO activo
Presente
peleando
Compuesto
habiendo peleado