NihilScio

  Home

NS www.nscio.com - ©2009-2012 Iuppiter 

Nihil Scio, Sed Unum Scio, Nihil Scire

  Educational search engine -  contact

Indice della schede

Continua la ricerca  nella categoria Storia
sul web in siti selezionati da NihilScio:


Galileo Galilei

Pisa 1564 - Arcetri 1642
Galileo Galilei (Pisa 1564 - Arcetri 1642) 
  Fisico e astronomo, è considerato il padre del metodo sperimentale.  
Condusse esperimenti sulla caduta dei gravi e scoprì la legge di isocronia delle piccole oscillazioni del pendolo; costruì inoltre una bilancia idrostatica per misurare la densità di un corpo; per le suddette scoperte ottenne la cattedra di matematica a Pisa. (1589)
Tre anni dopo si trasferì a Padova, ove scrisse il "Trattato della sfera" (1592) e "Sul moto accelerato" (1604); Nel 1609 perfezionò il telescopio, strumento con la quale scoprì:
-I satelliti di Giove
-Le Fasi di Venere
-Le Macchie di Venere.
Parlò di queste scoperte nel Sidereus Nuncius (1610), e nello stesso anno fu richiamato in Toscana da Cosimo II, fu professore a Pisa.
Nel "Il Saggiatore" (1623) pose i fondamenti del metodo scientifico.
Sostenne la teoria eliocentrica copernicana ed di conseguenza entrò in conflitto con la chiesa, che sosteneva le teorie geocentriche. A causa della pubblicazione della sua opera più importante "Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo" (1632), fu chiamato a Roma, ove venne accusato e processato per eresia. Negli ultimi anni della sua vita, fu costretto ad abiurare le sue tesi per evitare la condanna a morte, fu condannato all'esilio ad Arcetri. Nel 1638 scrisse una sua ultima opera così intitolata:" Discorsi intorno a due nuove scienze." Malato e cieco morì ad Arcetri assistito da sua figlia nel 1642.