NihilScio
 

  Home

www.nscio.com - ©2009-2010 Iuppiter 

Nihil Scio, Sed Unum Scio, Nihil Scire

    Motore di ricerca tematico - contatti

 

Sintesi di “LA FILOSOFIA DELL'ARTE”


di Giovanni Gentile

Indice

 

LA FORMA

Il principio artistico in ogni opera d'arte

 

 

Data l'inattualità dell'arte in sé, sappiamo che essa si può rendere attuale solo nel pensiero. Dobbiamo ora distinguere in un'opera d'arte ciò che è pensiero e ciò che è, invece, il principio artistico, che è tutto arte.

Ma è evidente che prescindere dal pensiero è prescindere proprio dalla concreta e pratica realizzazione dell'autocoscienza, che è appunto quella consapevolezza con cui il soggetto si riconosce nell'oggetto per tornare poi soggetto. Tuttavia questo procedimento ci servirà per rintracciare il principio di un'opera d'arte, ossia ciò che da valore d'arte a tutta la vita spirituale che esso investe.

L'Io in forma di soggetto

 
 

L'Io in forma di soggetto è la forma puramente ideale, o trascendentale, che è principio di ogni realtà. Ma per essere tale è indispensabile la sua opposizione e costante compenetrazione con l'oggetto.

L'opposizione tra soggetto e oggetto risponde alla logica della nostra filosofia secondo la quale l'opposizione è necessaria agli opposti. Nessuno degli opposti, cioè si può pensare per sé stante, indipendentemente dall'altro, come qualcosa di assoluto. L'opposizione, infatti, suppone la relazione necessaria dei termini, ossia un'attività sintetica che li pone entrambi contrapponendoli.

Significato della distinzione tra arte e pensiero

 
 

L'arte, oltre ad essere pura soggettività, è anche pura oggettività, ed è la conciliazione di questa immediata opposizione nella realtà dell'autocoscienza. Pertanto, nella definizione di Gentile, l'arte è tutto, e quindi nulla (giacché la definizione definisce in quanto distingue, e finché tutto rimane indistinto non si è definito nulla!).

Ora, se si accetta una tale definizione di arte, la distinzione tra arte e pensiero non vien meno; soltanto non è più perpendicolare al piano della realtà spirituale, ma trasversale.

Dunque, il soggetto che si pone di fronte all'arte ha 2 possibilità:

  • o non attualizzarla nello spirito,

  • o realizzare un'unità spirituale (fuori della quale non è possibile che rimanga nulla a cui si possa attribuire valore spirituale), in cui l'arte si attualizza e diventa pensiero.

Inattualità della pura arte


 

L'arte pura è inattuale, e perciò, nella sua purezza, inafferrabile. Ciò non significa che essa non esista, ma solo che non è separabile dal resto dell'atto spirituale in cui essa esiste. Pertanto, come si diceva prima, la distinzione tra arte e pensiero non è nettamente individuabile, ma trasversale.

Il contenuto dell'arte

 
 

Il significato del termine contenuto è doppio:

  • E' contenuto astratto quando, nella forma del pensiero, suppone l'opera d'arte, e non la precede. Il pensiero è così estraneo al mondo dell'arte, sebbene ad esso inscindibilmente congiunto; come già detto, si esprime come rappresentazione e riflessione insieme.

  • È contenuto concreto quando, nella forma dell'intuizione, investe lo spirito dell'artista in una forma che è già arte (come un nucleo primitivo, o un abbozzo di arte futura).

La forma dell'arte

 
 

La forma dell'arte non è la stessa forma del pensare, perché l'arte non è pensiero, ma di qua dal pensiero, ne è l'anima.

Mentre, infatti, la forma del pensiero è una forma logica o etica (se considerato nella sua azione di auto-produzione), la forma dell'arte è il principio inattuale di ogni opera, il solo cui compete il valore della bellezza. Pertanto si può dire che si possa giungere alla scoperta della bellezza solo attraverso il formalismo assoluto.

La bellezza come valore

 
 

La bellezza è un valore estetico perché è un carattere della vita spirituale. Ora, valore è sinonimo di ciò che c'è da preferire; pertanto necessita che sia preferito o scelto da una volontà libera.


Più avanti si discuterà sul giusto modo di concepire il bello di natura.

  1. DIALETTICA DELLA FORMA.

Immediatezza e libertà della forma estetica

 
 

Si deve precisare cosa si intenda per immediatezza e per libertà quando si parla della forma estetica:

  • L'immediatezza coincide con la natura. Ma si è ormai superata quella falsa convinzione che guarda all'arte come il frutto di una spontanea ispirazione che si impadronisce dell'artista.

  • L'arte è piuttosto il frutto della libertà dell'artista; dove libertà significa pure volontà, spontanea e intuitiva, ma pur sempre scelta.

E' entro questi termini che si può affermare che il segreto dell'artista sia l'intuizione!

L'intuizione e l'idealismo

 
 

Ogni volta che nella filosofia si è parlato di intuizione (Platone, Cartesio, Kant, Schelling, Rosmini, Gioberti) l'interesse è sempre stato rivolto alla ricerca di un qualche cosa di oggettivo, tale che fosse indipendente dal soggetto.

  • Con Platone la dottrina della cognizione innata (che è il punto di partenza di tutta l'attività del soggetto) trova origine da un presupposto dogmatico per eccellenza, un concetto realistico dell'oggetto, concepito come un antecedente della relazione che il soggetto ha con esso.

  • Kant elabora una critica al dogmatismo, eppure si rinchiude entro 2 pilastri dogmatici: il noumeno (inconoscibile perché lo spirito umano è privo di intuizione intellettuale) e l'esperienza (conoscibile attraverso l'intuizione sensibile). Per cui la conoscenza dell'esperienza ci è data per la presenza in noi di un'intuizione proveniente dal di fuori; mentre la conoscenza del noumeno ci è negata perché in noi manca una forma di superiore intuizione.

  • L'idealismo moderno si è andato liberando da una tale idea oscura di intuizione. Il processo dello spirito non ammette più l'immediatezza (propria dell'intuizione), ma viene identificato come un processo di mediazione.

    Nella critica al dogmatismo dell'intuito, dell'innatismo e dell'immediatezza, l'idealismo si è servito dell'empirismo. Il quale, però, è caduto in braccio alla non meno dogmatica immediatezza dell'esperienza; pertanto il soggetto rimane ancora legato in maniera immediata e intuitiva alla realtà esterna percepita. La logica empiristica, insomma, ha ricondotto di nuovo la filosofia ad abbracciare l'intuizionismo.

La dialettica e il superamento dell'immediatezza

 
 

L'idealismo non può ammettere nessuna forma di intuizione perché non può ammettere che la vita dello spirito sia qualcosa di immediato. Esso, piuttosto, intende lo spirito come un'immanente dialettica, in cui tutto è sottratto all'immobilità del meccanicismo, e si realizza, invece, nel movimento del divenire (l'essere coincide col non-essere, l'affermazione con la negazione).

Anche l'arte partecipa alla dialettica della vita spirituale; ma la dialettica dell'arte non è la stessa dialettica del pensiero, la quale è volta a realizzare l'autocoscienza.

La dialettica dell'autocoscienza

 
 

L'autocoscienza è da intendere come atto dinamico del pensiero (perciò può dirsi atto pensante o pensiero in atto); tale che, se si stagnasse in qualcosa di statico, cesserebbe di essere autocoscienza.

Autocoscienza è posizione di un soggetto e di un oggetto nella loro reciproca relazione: ognuno dei due si pone contrapponendosi, e ponendo perciò l'opposto (ossia negando se stesso) a cui possa contrapporsi; e si realizza solo nell'unità della sintesi.

In altre parole, la dialettica dell'autocoscienza è l'unità indivisibile di tesi e antitesi, si essere e non-essere.

Il carattere dialettico della forma estetica

 
 

La dialetticità della forma artistica non permette all'arte di rimanere nella forma della sua inattualità ideale; ma la porta ad uscire da sé, a negarsi come quella forma puramente soggettiva che essa è, per risolversi gradatamente nella maturità del pensiero.

NihilScio - www.nscio.com