Buena navegación con NihilScio!  Página de Facebook
NihilScio                Home

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

á   è   é   ì   í   ò
ó   ù   ú   ü   ñ   ç
Inglese
sinonimi di arrimar

  Cerca  frasi:
Vocabulario y frases
arrimar
= accostare , avvicinare .
---------------
* Admiráronse de tan extraño género de locura y fuéronselo a mirar desde lejos, y vieron que, con sosegado ademán, unas veces se paseaba, otras, arrimado a su lanza, ponía los ojos en las armas, sin quitarlos por un buen espacio de ellas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y viendo don Quijote lo que pasaba, con voz airada dijo: —Descortés caballero, mal parece tomaros con quien defender no se puede; subid sobre vuestro caballo y tomad vuestra lanza (que también tenía una lanza arrimada a la encina adonde estaba arrimada la yegua), que yo os haré conocer ser de cobardes lo que estáis haciendo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Don Quijote iba sentado en la jaula, las manos atadas, tendidos los pies, y arrimado a las verjas, con tanto silencio y tanta paciencia, como si no fuera hombre de carne, sino estatua de piedra( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Los más de los caballeros que agora se usan, antes les crujen los damascos, los brocados y otras ricas telas de que se visten, que la malla con que se arman; ya no hay caballero que duerma en los campos, sujeto al rigor del cielo, armado de todas armas desde los pies a la cabeza; y ya no hay quien, sin sacar los pies de los estribos, arrimado a la lanza, sólo procure descabezar, como dicen, el sueño como lo hacían los caballeros andantes.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —A lo que el señor Sansón dijo que se deseaba saber quién, o cómo, o cuándo se me hurtó el jumento, respondiendo digo, que la noche misma que huyendo de la Santa Hermandad nos entramos en Sierra Morena, después de la aventura sin ventura de los galeotes, y de la del difunto que llevaban a Segovia, mi señor y yo nos metimos entre una espesura, adonde mi señor, arrimado a su lanza, y yo sobre mi rucio, molidos y cansados de las pasadas refriegas, nos pusimos a dormir como si fuera sobre cuatro colchones de pluma; especialmente yo dormí con tan pesado sueño, que quienquiera que fue tuvo lugar de llegar y suspenderme sobre cuatro estacas que puso a los cuatro lados de la albarda, de manera, que me dejó a caballo sobre ella y me sacó debajo de mí al rucio, sin que yo lo sintiese( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Sobre las armas traía una sobrevista o casaca de una tela, al parecer, de oro finísimo, sembradas por ella muchas lunas pequeñas de resplandecientes espejos, que le hacían en grandísima manera galán y vistoso; volábanle sobre la celada grande cantidad de plumas verdes, amarillas y blancas; la lanza que tenía arrimada a un árbol era grandísima y gruesa, y de un hierro acerado de mas de un palmo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Bien, por Dios —dijo Sancho—; no diga más vuestra merced, señor y amo mío, en su abono, porque no hay más que decir, ni más que pensar, ni más que perseverar en el mundo; y más, que negando este señor, como ha negado, que no ha habido en el mundo ni los hay caballeros andantes, ¿qué mucho que no sepa ninguna de las cosas que ha dicho? —Por ventura —dijo el eclesiástico—, ¿sois vos, hermano, aquel Sancho Panza que dicen, a quien vuestro amo tiene prometida una ínsula? —Si soy, respondió Sancho—, y soy quien la merece también como otro cualquiera; soy quien «júntate a los buenos y serás uno dellos», y soy yo de aquellos «no con quien naces sino con quien paces», y de los «quien a buen árbol se arrima buena sombra le cobija»; yo me he arrimado a buen señor y ha muchos meses que ando en su compañía y he de ser otro como él, Dios queriendo; y viva él y viva yo, que ni a él le faltarán imperios que mandar ni a mí ínsulas que gobernar( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* También pensó, como él dice, que muchos, llevados de la atención que piden las hazañas de don Quijote, no la darían a las novelas118822, y pasarían por ellas o con priesa o con enfado, sin advertir la gala y artificio que en sí contienen, el cual se mostrara bien al descubierto cuando por sí solas, sin arrimarse a las locuras de don Quijote ni a las sandeces de Sancho, salieran a luz.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Levantose Sancho y desviose de aquel lugar un buen espacio y, yendo a arrimarse a otro árbol, sintió que le tocaban en la cabeza, y, alzando las manos, topó con dos pies de persona, con zapatos y calzas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Hallose don Quijote a pie, su caballo sin freno, su lanza arrimada a un árbol y, finalmente, sin defensa alguna, y así, tuvo por bien de cruzar las manos e 649 650inclinar la cabeza, guardándose para mejor sazón y coyuntura.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Admirole ver lanza arrimada al árbol, escudo en el suelo y a don Quijote armado y pensativo, con la más triste y melancólica figura que pudiera formar la misma tristeza( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Don Quijote, arrimado a un tronco de una haya o de un alcornoque (que Cide Hamete Benengeli no distingue el árbol que era), al son de sus mesmos suspiros cantó de esta suerte: Amor, cuando yo pienso en el mal que me das, terrible y fuerte, voy corriendo a la muerte, pensando así acabar mi mal inmenso; mas en llegando al paso que es puerto en este mar de mi tormento, tanta alegría siento, que la vida se esfuerza, y no le paso( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Altisidora, en la opinión de don Quijote vuelta de muerte a vida, siguiendo el humor de sus señores, coronada con la misma guirnalda que en el túmulo tenía y vestida una tunicela de tafetán blanco sembrada de flores de oro, y sueltos los cabellos por las espaldas, arrimada a un báculo de negro y finísimo ébano, entró en el aposento de don Quijote, con cuya presencia turbado y confuso, se encogió y cubrió casi todo con las sábanas y colchas de la cama, muda la lengua, sin que acertase a hacerle cortesía ninguna.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
Vocabulario y frases
accostare
= verbo trans. avvicinare
---------------
* Don Abbondio gli andò dietro , e , mentre quegli girava la chiave nella toppa , se gli accostò , e , con volto serio e ansioso , alzandogli davanti agli occhi le tre prime dita della destra , come per aiutarlo anche lui dal canto suo , - giurate almeno . . .- gli disse .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma , quando volle mischiarsi coi principali della sua città , trovò un fare ben diverso da quello a cui era accostumato ; e vide che , a voler esser della lor compagnia , come avrebbe desiderato , gli conveniva fare una nuova scuola di pazienza e di sommissione , star sempre al di sotto , e ingozzarne una , ogni momento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il padre Cristoforo lo guardò , passando , lo salutò , e seguitava la sua strada ; ma il vecchio se gli accostò misteriosamente , mise il dito alla bocca , e poi , col dito stesso , gli fece un cenno , per invitarlo a entrar con lui in un andito buio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Guardate se si può inventare , a questo modo ! - esclamò di nuovo Perpetua ; e riprese subito: - in quanto a Beppe , tutti sanno , e hanno potuto vedere . . .Ehi , Tonio ! accostate l'uscio , e salite pure , che vengo - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo accostò di nuovo l'uscio pian piano ; e tutt'e quattro su per le scale , non facendo rumore neppur per uno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Va a chiamar gli altri , li fa entrar con sé , li manda a nascondersi accanto ai primi ; accosta adagio adagio l'uscio di strada , vi posta due sentinelle di dentro ; e va diritto all'uscio del terreno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Accostatevi , quella giovine , - disse la signora a Lucia , facendole cenno col dito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In tanto arrivava altra gente dalla porta ; e uno di questi , accostatosi alla donna , le domandò: - dove si va a prendere il pane ?
---------------
* Accosto a quella stava ancor condensato il fondaccio , per dir così , del tumulto ; un branco di birboni , che malcontenti d'una fine così fredda e così imperfetta d'un così grand'apparato , parte brontolavano , parte bestemmiavano , parte tenevan consiglio , per veder se qualche cosa si potesse ancora intraprendere ; e , come per provare , andavano urtacchiando e pigiando quella povera porta , ch'era stata di nuovo appuntellata alla meglio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
L'oste , vedendo che il gioco andava in lungo , s'era accostato a Renzo ; e pregando , con buona grazia , quegli altri che lo lasciassero stare , l'andava scotendo per un braccio , e cercava di fargli intendere e di persuaderlo che andasse a dormire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E sentito ch'ebbe accostare i battenti e scorrere il paletto , tornò a rannicchiarsi nel suo cantuccio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , a quelle dimostrazioni , stava come un ragazzo pauroso , che veda uno accarezzar con sicurezza un suo cagnaccio grosso , rabbuffato , con gli occhi rossi , con un nomaccio famoso per morsi e per ispaventi , e senta dire al padrone che il suo cane è un buon bestione , quieto , quieto: guarda il padrone , e non contraddice né approva ; guarda il cane , e non ardisce accostarglisi , per timore che il buon bestione non gli mostri i denti , fosse anche per fargli le feste ; non ardisce allontanarsi , per non farsi scorgere ; e dice in cuor suo: oh se fossi a casa mia !
---------------
* Don Abbondio se ne sbrigò come poté , in quella confusione di mente ; e accostatosi poi all'aiutante , gli disse: - mi dia almeno una bestia quieta ; perché , dico la verità , sono un povero cavalcatore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Accostatosi Poi passo passo alla moglie , che staccava il calderotto dalla catena , le disse sottovoce: - è andato bene ogni cosa ?
---------------
* Tre giovani compagni francesi , un letterato , un pittore , un meccanico , venuti per veder l'Italia , per istudiarvi le antichità , e per cercarvi occasion di guadagno , s'erano accostati a non so qual parte esterna del duomo , e stavan lì guardando attentamente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Olà ! - gridò di nuovo il gabelliere , con una voce però che indicava più impazienza che risoluzione di farsi ubbidire ; e non essendo ubbidito , alzò le spalle , e tornò nella sua casaccia , come persona a cui premesse più di non accostarsi troppo ai passeggieri , che d'informarsi de' fatti loro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E arrivato a casa , raccontò che gli s'era accostato un untore , con un'aria umile , mansueta , con un viso d'infame impostore , con lo scatolino dell'unto , o l'involtino della polvere (non era ben certo qual de' due) in mano , nel cocuzzolo del cappello , per fargli il tiro , se lui non l'avesse saputo tener lontano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo , quando gli fu vicino , si levò il cappello , e gli accennò che desiderava parlargli , fermandosi nello stesso tempo , in maniera da fargli intendere che non si sarebbe accostato di più .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sentite , Lucia , sentite ! - disse Renzo , senza però accostarsele di più .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Dio la benedica , - disse il frate , accostandosi al lettuccio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Poi egli si accostò al canapè, si chinò sul giacente, gli prese il polso e chiamò: - Gabriele...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ciro? - Codicillo, già! - disse questi impostandosi su l'attenti, togliendosi il cappelluccio e scoprendo le folte ciglia giunte e gli occhi accostati al naso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
guardala là, ma eh! che tocco di figliolona senza risparmio m'è uscita dalle mani! Ti puoi sul serio lusingare che quella lí ti voglia sposare? Ti s'è accostata, timida e dimessa; lagrime giú a fontana...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non fidandosi però dell'assicurazione del medico, appena questi andò via, concertò col figliuolo e con la serva il modo di portar via dal cassetto del comodino la rivoltella: lei e la serva si sarebbero accostate alla sponda del letto con la scusa di rialzare un tantino le materasse, e nel frattempo - ma, attento per carità! - il ragazzo avrebbe aperto il cassetto senza far rumore e...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Che posso offrirvi? Cristoforo Golisch, rimasto mortificato e ingrugnato, non vuole accettar nulla; Beniamino Lenzi accetta un biscottino e lo mangia accostando la bocca alla mano di Nadina che lo tiene tra le dita e finge di non volerglielo dare, scattando con brevi risatine: - No...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le si accostò, le sollevò con delicatezza il mento con una mano, e con l'indice dell'altra le rovesciò appena una palpebra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Oh avrebbe saputo guardarla lei dalle insidie dei maschiacci! Guaj, guaj se un canino le si accostava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Aveva gli occhi strabi, chiari, accostati a un gran naso a scarpa; e sedeva curvo, col capo basso, come schiacciato da un peso insopportabile; le mani scarne, diafane, appoggiate al bastoncino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ai ricchi non poteva piú accostarsi, e i poveri non lo volevano riconoscere per compagno, per via di quella casa in paese e di quel poderetto lassú.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dovreste dar fuoco anche alla paglia! - Che paglia? - A tutta la paglia! - disse Nàzzaro, accostandosi, rapido e leggero come un'ombra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma non mi volevo accostare a voi, perché avevate gli uccelli prigionieri in casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
la mano di Ginetta? Andando col Verona nei concerti, nelle conferenze, a passeggio, Ginetta, sí, era potuta entrare in un mondo, a cui né per nascita né per condizione sociale avrebbe potuto accostarsi, vi aveva destato qualche simpatia; ma lui...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se non che, quando per la prima volta Spiro Tempini s'era accostato improvvisamente alle quattro Margheri, la scelta aveva potuto farla lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il dottor Sià si accostò in punta di piedi a un angolo della camera quasi al bujo, dove Adriana vegliava nascosta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- si lasciò cadere dalle labbra il Vocalòpulo, accostandosi di piú al letto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando, di pochi passi lontano dal portoncino ben noto, a destra, scorse la finestretta quadra del mezzanino, sulla porta, con le persiane accostate, che dalle stecche e da sotto lasciavano intravedere il lume della cameretta, Teodoro Piovanelli si turbò profondamente, assalito dall'imagine precisa, là, vivente, del ricordo lontano...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
DISTRAZIONE Nero tra il baglior polverulento d'un sole d'agosto che non dava respiro, un carro funebre di terza classe si fermò davanti al portone accostato d'una casa nuova d'una delle tante vie nuove di Roma, nel quartiere dei Prati di Castello.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il cocchiere, che cascava a pezzi dal sonno, con la tuba spelacchiata, buttata a sghembo sul naso, e un piede sul parafango davanti, al primo portone che gli era parso accostato in segno di lutto, aveva dato una stratta alle briglie, l'arresto al manubrio della martinicca, e s'era sdrajato a dormire piú comodamente su la cassetta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E davanti al portone, anch'esso accostato della casa piú in là, si fermò e riprese a dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non s'accorge che tutti i portoni a quest'ora sono accostati.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora, destarsi, veder fermo sul marciapiedi a sinistra un signore allampanato, barbuto, con grossi occhiali neri, stremenzito in un abito grigio, sorcigno, e sentirsi arrivare in faccia, su la tuba, un grosso involto, fu tutt'uno! Prima che Scalabrino avesse tempo di riaversi, quel signore s'era buttato innanzi ai cavalli, li aveva fermati e, avventando gesti minacciosi, quasi volesse scagliar le mani, non avendo piú altro da scagliare, urlava, sbraitava: - A me? a me? mascalzone! canaglia! manigoldo! a un padre di famiglia? a un padre di otto figliuoli? manigoldo! farabutto! Tutta la gente che si trovava a passare per via e tutti i bottegai e gli avventori s'affollarono di corsa attorno al carro e tutti gl'inquilini delle case vicine s'affacciarono alle finestre, e altri curiosi accorsero, al clamore, dalle prossime vie, i quali, non riuscendo a sapere che cosa fosse accaduto, smaniavano, accostandosi a questo e a quello, e si drizzavano su la punta dei piedi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Imbecille! sí, sí, lo dico e lo sostengo: imbecille! imbecille! Gliel'avrei pagato io il viaggio! Io, gliel'avrei pagato! Quando uno non sa piú che farsi della propria vita, perdio, se non fa cosí è un imbecille! - Scusi, che è stato? - domandò un nuovo venuto, accostandosi, intronato da tutti quegli urli e un po' perplesso, a un avventore che se ne stava discosto, appartato in un angolo in ombra, tutto aggruppato, con uno scialle di lana su le spalle e un berretto da viaggio in capo, dalla larga visiera che gli tagliava con l'ombra metà del volto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Con la bocca otturata, combatté un pezzo, sordamente, con la propria gola, ove una tosse profonda irrompeva, rugliando tra sibili; infine disse con voce cavernosa: - Mi ha fatto aria, accostandosi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Scusi, - disse, - non si potrebbero almeno accostare un tantino queste finestre? Due, tre fischi partirono in quel momento dalla folla raccolta nella piazza sottostante.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E, per essere lasciata in pace, povera sbiobbina, immagina d'un tratto questo espediente: accosta il tavolino alla finestra, prende uno strofinaccio e poi, con l'ajuto d'una seggiola, monta a gran fatica sul tavolino, là, in piedi, come per pulire con quello strofinaccio i vetri della finestra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Eccomi qua, - disse il Chiàrchiaro, accostando la seggiola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma come? Sentivano che nessuno dei due poteva piú accostarsi a quella culla.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nillí, nel collegio, durante quell'anno, aveva stretto amicizia con un piccolo compagno, unico figliuolo d'un colonnello, a cui tanto Carlino Sanni, quanto Tito Morena, avevano dovuto per forza accostarsi, giacché i due piccini (i piú piccoli del collegio) entravano nel salone delle visite domenicali tenendosi per mano senza volersi staccare l'uno dall'altro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ah, perciò, - disse, accostandoglisi, con le mani levate e contratte, - perciò è cosí ladro il suo cane? L'ha addottorato lei! Piccarone si levò in piedi, torbido, levò un braccio: - Esci fuori! Risponderai anche d'ingiurie a un galantuomo che...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Che significa? - aveva allora esclamato il capo-ufficio, accostandoglisi e prendendolo per una spalla e scrollandolo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vidi la bara, tra i ceri, e mi accostai.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E che strana impressione, di dolore misto a ribrezzo, provava da alcun tempo nel vederlo da quella trista vita impenetrabile accostarsi a lei; al pensiero che egli, pur sempre per lei buon fratellino affettuoso, fosse poi, fuori di casa, peggio che un discolo, un vizioso, se non proprio un farabutto, come tante volte nell'ira gli aveva gridato in faccia il padre.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ah, Carlino! Carlino mio! - proruppe giubilante il dottor Palumba, stringendo e accostando alle labbra quel biglietto, quasi per baciarlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Allora Saro Tortorici si accostò al moribondo e lo chiamò amorosamente: - Giurlà, Giurlà, c'è il dottore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'abbiamo condotto noi; lo vedi? - Portatemi al paese! - pregò il Zarú, e con affanno, senza potere accostar le labbra: - Oh mamma mia! - Sí, ecco, c'è qua la mula! - rispose subito Saro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gliel'ho detto questa mattina - premise, per ammansarlo, accostandoglisi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Alcuni avventori del Caffè avevano allora indicato al Bellone Carlandrea Sciaramè, che se ne stava al solito appisolato in un cantuccio discosto, e gli avevano detto ch'era anche lui un veterano garibaldino, il vecchio patriota del paese; e il Bellone, acceso dal ricordo dei giovanili entusiasmi e un po' anche dal vino, gli s'era senz'altro accostato: - Ehi, commilitone! Picciotto! Picciotto! - Lo aveva scosso dal sonno e chiamato, tra gli evviva, a far parte del nascente sodalizio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo riprese, lo accostò di piú agli occhi, come se la vista gli si fosse a un tratto annebbiata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma avete ragione! Non posso piú accostarmi a un amico, lo so.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Rifornito d'olio il lampadino, quegli si accostò pian piano al feretro; si chinò; poi, senza volerlo, volse in giro uno sguardo e, prima di ritirarsi nella sua cameruccia sopra la sagrestia a dormire, tolse pulitamente con due dita la berretta al morto, e se la filò zitto zitto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E va bene! Tese gl'indici delle mani e li accostò ripetutamente l'uno all'altro, per significare: "Marito e moglie, uniti..." - Vous et ma nièsse...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
O perché se l'era immaginata bella e radiosa come un sole, finora, la fede? Eccola lí, eccola lí, nella miseria di quel dolore inginocchiato, nella squallida angustia di quella paura prosternata, la fede! E don Angelino salí come sospinto all'altare, esaltato di tanta carità, che le mani gli tremavano e tutta l'anima gli tremava, come la prima volta che vi si era accostato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Finché, all'improvviso, chi sa perché, forse per qualche dispetto o per qualche disinganno inatteso o per prendersi una subita rivincita su qualcuno, ella gli s'era accostata amorosa, gli s'era promessa, ma a patto che subito egli si fosse apertamente fidanzato con lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Discesa a grado a grado tutta la scala della miopia, ormai da alcuni anni pareva che i libri se li mangiasse davvero, anche materialmente, tanto se li accostava alla faccia per leggerli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se l'avesse fatto, ora, accostandosi all'uno o all'altro degli scaffali, si sarebbe sentito meno sperduto, con lo spirito meno confuso, meno sparpagliato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si accostò lentamente a una mensola, per tuffar la faccia in un gran mazzo di rose; poi, ritraendola, sospirò: - Povero vecchio...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma quello stesso avvertimento di contrarietà e di diffidenza li spinse appunto ad accostarsi, perché sembrò loro irragionevole ammettere che la presenza invisa di quell'uomo e anche l'intenzione che pareva in lui evidente d'esser venuto lí per essi potessero rappresentare qualcosa di cosí grave, da rinunziare a quella sosta consueta, di cui la pregnante specialmente aveva bisogno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si premette le mani sul volto, accostandosi alla finestra per fare da solo, nel bujo della mente, le sue supposizioni.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma che! Il medico, o non ci vedeva, o non riusciva a decifrare la scrittura: accostava agli occhi il foglietto, lo allontanava per vederlo meglio al lume del lampioncino, lo rovesciava di qua, di là...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E come il dottore, riscotendosi, le disse che era pronto si accostò con la seggiola alla scrivania e, ancora una volta, con la stessa voce di lagrime, cominciò a dettare: - Cari figli...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A ogni nuovo assalto, per prevenire le rampogne del prete, si accostava a lui, sospirando, con la solita mossa, e stropicciandosi per di piú le mani: - E va bene! E va bene! Intanto, era prossima la primavera: stagione piú delle altre nociva ai malati di petto; e il medico aveva consigliato al professor Corvara Amidei di condurre Dolfino al mare, almeno per il primo mese, durante il quale l'aria di Roma sarebbe stata per lui troppo sottile.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Satanina sta affacciata a quella finestra e parla sottovoce con qualcuno giú! Come! Con chi? Ah, spudorata! Ancora? Cosmo Antonio Corvara Amidei si stringe in sé, felinamente, le si accosta, senza fare il minimo rumore, e - quando le sente dire all'ufficiale che sta lí sotto: "No, Gigino, stasera no: non è possibile.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si accostò a un ferroviere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Titta Marullo, pallido come un morto, si accostò al Mori, gli prese il bavero della giacca e, scrollandoglielo pian piano: - Mio figlio è morto, sai? Morto! - aggiunse, voltandosi verso Annicchia che aveva cacciato un urlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma quegli si voltò verso il prete che già si era accostato timido, perplesso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La signora Lèuca, che stentava ancora a riconoscerlo, cosí cangiato, cosí arrozzito e invecchiato dopo undici anni, avrebbe voluto accostarsi per sollevarlo da terra, ma non riusciva a vincere il ribrezzo e lo spavento, e si tirava indietro, invece, per non vederselo cosí davanti in ginocchio, e gemeva: - Ma no...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non come il suo cuore, da giovinetta, la sognò; ma questa miseria che (forse è peccato dirlo) ad accostarcisi, pare debba proprio insudiciare; da compiangere fors'anche, certo anzi da compiangere, perché ogni piacere è poi pagato a prezzo di lagrime e di sangue.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non si prova nemmeno ad accostarsi per cercar di staccarla dal padre e persuaderla a mettersi a giocare con le sorelline, certa com'è che, non solo non riuscirebbe a nulla, ma anzi farebbe peggio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se il rispetto non l'avesse trattenuto, si sarebbe accostato in punta di piedi a deporre un bacio di convulsa gratitudine su quella calvizie, tanto il doloroso raccoglimento del signor Notajo gli era di balsamo al cuore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dio volesse, ci fosse qualcuno che volesse ajutar me! La maestrina Boccarmè si sentiva soffocare, tra lo stupore e l'angoscia che quelle notizie le cagionavano e il ribrezzo che le incuteva quella svergognata, la quale, senz'alcun ritegno, aveva osato accostarsi a lei davanti a tutti, là sul Molo, e qua, ora, penetrare nella sua intimità per insudiciarle quell'antico verecondo segreto, ch'era stato lo strazio della sua giovinezza ed era adesso, nel ricordo, il conforto e quasi l'orgoglio unico della sua vita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La porta, all'ultimo piano, era accostata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gli scuri del balcone erano rimasti accostati.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La atterriva il fatto, che avesse potuto dimenticare per un momento che lí in quel bujo degli scuri sempre accostati, ci fosse il nonno e che ella avesse potuto trasgredire, senza punto pensarci, all'ordine severissimo dei genitori, da tanto tempo espresso e sempre osservato da tutti, di non entrare cioè in quella stanza se non dopo aver picchiato all'uscio e chiestane licenza (come si dice?): -Permetti nonnino? - ecco, cosí, e poi pian pianino, in punta di piedi, senza fare il minimo rumore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Avvertí che non era quel solito tremito di paura, a stento represso dalla piccina, ogni qual volta il padre o la madre la costringevano ad accostarsi a lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
S'accaní a lungo allora a sospingere la mano su quelle gambe per accostarla a poco a poco, a piccoli sbalzi, a quel capello, che gli era odioso come uno scherno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Margherita intanto piangeva, guardando il padre, il quale le si era fatto accosto, anzi sotto, per mirare di quanto ella lo avesse superato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Solo un tale gli s'era accostato, che a lui però non era riuscito d'immaginare chi potesse essere; un certo omino ammantellato, che pareva quasi per ridere, tanto era piccolo e il mantello grande.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quattro signori a un tavolino, ritti sui busti e protesi l'uno verso l'altro, con le teste accoste accoste, intonavano con gran delizia non so che musica, cantando col naso; altri ciarlavano forte, altri ridevano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Gioventú! Come s'era spaventata Trisuzza Tumminía di quell'insetto venuto a cacciarlesi tra i capelli, non sapendo che fosse una "candelina di pecorajo"! Egli le si era accostato, aveva preso con due dita, delicatamente, quella lucciola di tra i capelli e, mostrandogliela, come nell'atto d'improvvisarle uno stornello, le aveva detto: - Luce, vedete? Era venuta a mettervi una stella in fronte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- È ancora alla lontana, ma si viene accostando.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si accostò al crocchio delle donne, ora divenute tutte pietose, e si mise a confabular con esse, poi con Batà da sola a solo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
No? Perché no, quella mattina? E il commendator Morozzi tese gl'indici e, con un gesto che gli era solito, li accostò pian pianino fino a toccarsi le punte insegate dei maschi baffoni grigi, come per accertarsi se stessero a posto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le si accostò, si chinò su lei, le tolse dal naso gli occhiali, come se volesse baciarla senza farglielo vedere, e: - Che abbiamo? che è avvenuto? - Nelda, - disse donna Angeletta, ponendogli una mano sul petto per tenerlo discosto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le voci si perdevano nel silenzio , le figure sfumavano nella luce: ed eccone una di donna sorgere accanto a un cespuglio: un'altra di uomo la raggiunge e le si accosta tanto che formano un'ombra sola .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix la guarda , la guarda , e gli sembra di ricordare una vita anteriore , remotissima , e gli sembra che ella gli accenni di accostarsi , di aiutarla a scendere , di seguirla . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Finalmente mi accostai . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— La vecchia Pottoi è morta , — disse Efix finalmente , e Giacinto gli accostò la sua forchetta al viso quasi volesse pungerlo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tu , dove l'hai trovata la vera salvezza ? Vivendo per gli altri: e cosí voglio far io , Efix , — aggiunse , parlandogli accosto al viso ; — sei tu che mi hai salvato: io voglio essere come te . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ed ecco Efix , vinto dal sonno , crede di non poter piú sollevare le palpebre e di sognare: vede il vecchio cieco mettersi a sedere , protendersi in ascolto ,appoggiare la mano al tronco della quercia , alzarsi e dopo un momento di esitazione accostarsi a lui e con la mano adunca tirar su la bisaccia come pescandola nell'ombra .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ebbene , Efix , che hai ? Egli le accennò con le palpebre di accostarsi di piú , le mormorò sul viso con un filo di voce: — Donna Ester mia , di grazia , se vuole mi chiami prete Paskale .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le rive, or accostate, or ritraendosi in seni ameni, or lasciando all’acque quiete ampio letto, mostravano qui l’ombre rade e là conserte, qui l’erboso declivio, là ’l poggio sassoso, segnato di sentieretti che s’inerpicano lenti per l’erta. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Io, entrato a pena in Francia, ritrovo in vettura una signora francese, che mi si mostra a chiari segni abbracciabile: e perch’io, per buone ragioni, non le do retta, ed ella si butta a un altro Italiano lì accosto, e scende seco la notte a contemplare il firmamento de’ cieli. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma Giovanni con la sua negletta e cordiale semplicità le accostava. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Che consolazione secreta e quieta, vedere a poco a poco dall’animo altrui cadere la diffidenza; e l’affetto nascoso, d’una parte e d’altra farsi strada; e balenare in una parola, in uno sguardo; e richiudersi timidamente, e riaprirsi più lieto che mai: vedere un’anima umana accostarmisi passo passo; e non s’abbandonare a me per cieco impeto ma con pensata letizia! Ma a provare tal sorta di gioie, mi ci vuole del tempo: e oramai non n’ho più di bisogno, o Maria. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Giovanni le si accosta quasi supplichevole: e stava per baciarla in fronte, quando s’accorge di non so che rosso sul volto suo più pallido e più soavemente mesto che mai. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
La malata disse: non mi baciare, Matilde; non accostare il tuo fiato al mio. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
«La vela!», ripeté l'altro, più forte, con le mani accostate al viso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il Paolin e il Puria si accostarono lentamente, con le mani dietro la schiena, alla credenza, contemplarono il pasticcio di risotto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Doveva romperglielo sulla faccia il piatto!», gli stridette su il prefetto tra le mani accostate alle guance. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Appena Franco e Luisa ebbero accostata la mamma al tavolo dov'era il lume, capitò il sagrestano ad avvertire che tutto era pronto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dio ti benedica, Luisa; e anche te, Franco.» Chiese il suo libro di preghiere, si accostò il lume, fece aprire le finestre e l'uscio della terrazza per respirar meglio e mandò via la fantesca che si preparava a tenerle compagnia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Pasotti si accostò le mani alla bocca e le gridò sul viso: «El voeur andà a trovà la morosa!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Faceva ogni sforzo di ricordar il posto preciso dove l'aveva veduta, d'immaginar una via di scampo, e taceva seguendo con gli occhi, macchinalmente, la candela che un gendarme accostava, secondo i cenni del suo capo, ora ad un cassetto aperto, ora ad una cantoniera, ora ad un quadro che colui alzava per guardarvi dietro. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Chi stima dirigersi verso un ideale, chi verso un altro, chi stima accostarsi a un modello, chi a un altro, chi andar avanti, chi tornar indietro; e il poeta li commove, li scuote col suo verso tutti insieme, li porta sulla propria via. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Prese allora uno zolfino e accostatolo alla bragia ne riaccese la lucerna, prese l'idea pure luminosa e scottante, se la portò a letto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Finito il tarocco, Pasotti si accostò a una finestra, disse forte qualche cosa sugli effetti della luce crepuscolare e chiamò Franco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si accostò pian piano al salotto, guardò per il vetro dell'uscio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il dottore sospirò in silenzio, accese un cerino, lo accostò alle labbra di Maria. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Tre o quattro donne che pregavano ginocchioni si alzarono, si accostarono al letto palpitanti, trattenendo il respiro. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Obbedì, prese il lume e lo accostò al piccolo cadavere che faceva con quegli occhi semiaperti e quelle pupille dilatate una pietà immensa ed era stato la Maria, la Ombretta gentile, la dolcezza del vecchio, il viso e l'amore della casa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella riprese però la mano di suo marito, volle accostarsela da capo alle labbra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli si accosta all'uscio: è chiuso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Può cominciare dalla quarta pagina.» Il professore non intese queste ultime parole, si accostò al lume e lesse ad alta voce: Torino, 18 febbraio 1859. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Con quest’ultima considerazione Berecche si leva; passeggia, aggrondato, ancora un po’ per lo studio; poi esce sul corridojo; vede accostato l’uscio della camera del suo figliuolo; stende una mano e pian piano lo schiude.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
Giustino stava a udire quelle voci note che, pur senza volere, si alteravano nel dar vita al personaggio della scena; guardava l'ampia vacuità sonora del teatro in ombra; ne aspirava quel particolare odor misto d'umido, di polvere e di fiati umani ristagnati, e si sentiva a mano a mano crescer l'angoscia, come se lo assaltasse alla gola il ricordo preciso d'una vita che non poteva più esser sua, a cui non poteva accostarsi più, se non così, nascosto, quasi di furto, o commiserato come dianzi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E gli toccava di vederla proseguire, là, ecco, in quella fiumana di gente ansiosa, a cui non poteva più neanche accostarsi, mescolarsi; espulso, respinto, egli, egli per cui la prima volta quella fiumana s'era mossa, egli che primo la aveva raccolta e guidata, in quella serata memorabile al teatro Valle di Roma!
---------------
* Avrebbe voluto udire almeno i commenti che si facevano su quel primo atto; accostarsi al palcoscenico, vedere quelli che vi entravano a confortar l'autrice... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Questo, dalla vista di lei, gli era penetrato, gli s'era imposto come una convinzione assoluta: che tutto per lui era finito, perché quella non era più Silvia, no, no, quella non era più Silvia; era un'altra, a cui egli non poteva più accostarsi, lontana, irraggiungibilmente lontana, sopra di lui, sopra di tutti, per quella tristezza ond'era tutta avvolta, isolata, inalzata, così diritta e austera, com'era uscita dalla tempesta attraversata; un'altra, per cui egli non aveva più alcuna ragione d'esistere. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Poco dopo, Graziella le recò con gli occhi bassi, un ristoro; ma ella non volle neppur accostarvi le labbra. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Quando il mortorio si sciolse, si strappò dal braccio del Prever e si accostò vacillante a Silvia che si disponeva a montare su l'automobile del giornalista. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Una sera, per esempio, io e Berto, sapendo che egli soleva dormire, seduto su la cassapanca, nella saletta d’ingresso, in attesa della cena, saltammo furtivamente dal letto, in cui ci avevano messo per castigo prima dell’ora solita, riuscimmo a scovare una canna di stagno, da serviziale, lunga due palmi, la riempimmo d’acqua saponata nella vaschetta del bucato; e, così armati, andammo cautamente a lui, gli accostammo la canna alle nari – e zifff! –. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ricordo che una volta, scappando via al solito su le furie, s’imbatté in me per una delle stanze abbandonate; m’afferrò per il mento, me lo strinse forte forte con le dita, dicendomi: – Bellino! bellino! bellino! – e accostandomi, man mano che diceva, sempre più il volto al volto, con gli occhi negli occhi, finché poi emise una specie di grugnito e mi lasciò, ruggendo tra i denti:
---------------
* Sorrideva ogni tanto a Romilda, pietosamente; non osava più di accostarsele; perché, una volta, pochi giorni dopo la sua entrata in casa nostra, essendo accorsa a prestarle aiuto, era stata sgarbatamente allontanata da quella strega. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Tutt’intorno, i giocatori, uomini e donne, vecchi e giovani, d’ogni paese e d’ogni condizione, parte seduti, parte in piedi, s’affrettavano nervosamente a disporre mucchi e mucchietti di luigi e di scudi e biglietti di banca, su i numeri gialli dei quadrati; quelli che non riuscivano ad accostarsi, o non volevano, dicevano al croupier i numeri e i colori su cui intendevano di giocare, e il croupier, subito, col rastrello disponeva le loro poste secondo l’indicazione, con meravigliosa destrezza; si faceva silenzio, un silenzio strano, angoscioso, quasi vibrante di frenate violenze, rotto di tratto in tratto dalla voce monotona sonnolenta dei croupiers:
---------------
* Entrai in un’altra sala; m’accostai al primo tavoliere, ma senza intenzione di giocare; ed ecco, ivi a poco, quel signore, senza più la donna, accostarsi anche lui al tavoliere, ma facendo le viste di non accorgersi di me. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E mi proponevo di trarmi in disparte quanto più mi fosse possibile, ricordando di continuo a me stesso che non dovevo accostarmi troppo alla vita altrui, che dovevo sfuggire ogni intimità e contentarmi di vivere così fuor fuori. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Avevo già sperimentato come la mia libertà, che a principio m’era parsa senza limiti, ne avesse purtroppo nella scarsezza del mio denaro; poi m’ero anche accorto ch’essa più propriamente avrebbe potuto chiamarsi solitudine e noia, e che mi condannava a una terribile pena: quella della compagnia di me stesso; mi ero allora accostato agli altri; ma il proponimento di guardarmi bene dal riallacciare, foss’anche debolissimamente, le fila recise, a che era valso? Ecco: s’erano riallacciate da sé, quelle fila; e la vita, per quanto io, già in guardia, mi fossi opposto, la vita mi aveva trascinato, con la sua foga irresistibile: la vita che non era più per me. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E che uomo dunque? Un’ombra d’uomo! E che vita? Finché m’ero contentato di star chiuso in me e di veder vivere gli altri, sì, avevo potuto bene o male salvar l’illusione ch’io stessi vivendo un’altra vita; ma ora che a questa m’ero accostato fino a cogliere un bacio da due care labbra, ecco, mi toccava a ritrarmene inorridito, come se avessi baciato Adriana con le labbra d’un morto, d’un morto che non poteva rivivere per lei! Labbra mercenarie, sì, avrei potuto baciarne; ma che sapor di vita in quelle labbra? Oh, se Adriana, conoscendo il mio strano caso... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma Pomino, sotto la mia minaccia, le si accostò subito a scongiurarla di tacere, di calmarsi, per amor di Dio. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Mi accostai a Romilda e le scoccai un bel bacione su la guancia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Un ricordo più di tutti gli altri s'è inciso nel mio cuore : umide serate domenicali di novembre o dicem bre , in casa del nonno , col vino caldo in mezzo alla tavola , dentro a una zuppiera , sotto il gran lume a petrolio bronzato ; col vassoio delle bruciate accosto e tutta la famiglia — zii e zie , cugini e cugine in quantità — coi visi rossi attorno . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Sentii subito che in questo qui ch'era più anima e stoiFa che negli altri due e a lui , specialmente , mi accostai fin dai primi tempi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Noi siamo accosto e lontani , amico mio , ed io non so nulla di te e tu non sai più niente di me . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Pensavo , insieme ai pochi a' quali m''ero accostato , a un colpo di mano per impadronirci della città ; mi preparavo alla rivolta universale ; avevo voglia di scappare , di viaggiare ogni paese , di urtarmi coi corpi di tutti i popoli , di stomacarmi nelle esalazioni d'oriente , di sperdermi tra i fumi del nord . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Dopo un mese e più di colloqui e di assemblee ambulanti in quella febbricitante fine d'anno pensai di stendere una specie di gran discorso o manifesto e di leggerlo a tutti quelli che s'erano accostati a noi perchè dicessero chiaramente se ci avrebbero seguiti fino in fondo oppure no . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Nessuno mi sembrava degno di giudicarmi e neanche di starmi accosto . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Mi sono accostato a voialtri , uomini , eppure non vi amo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* In pochi giorni era arrivato ad un grande risultato , tale che tutti per via lo accostavano nella speranza di poter sentire meglio la propria salute accanto a lui malato .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Com’era cara , così maternamente piegata sulla bambina che continuava ad urlare! Il suo corpo era tanto flessibile che pareva divenuto più piccolo per accostarsi meglio alla piccina .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ora , il giorno innanzi , su un punto che precisai della via parallela a quella che stavamo percorrendo , fui accostato da un signore che mi conosceva e che io sapevo di conoscere .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Io invece sapevo che già le settimane di gioia del viaggio di nozze m’avevano sensibilmente accostato alle smorfie orribili dell’agonia .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Augusta poteva dire quello che voleva , il conto era presto fatto: ogni settimana io mi vi accostavo di una settimana .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* La stanza da bagno , che a memoria d’uomo era stata sempre in fondo a un corridoio a mezzo chilometro dalla mia stanza da letto , si accostò alla nostra e fu fornita di un numero maggiore di getti d’acqua .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Lo feci con una grande emozione che ricordava proprio quella deliziosissima del giovinetto che per la prima volta accosta l’amore .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Devo dire che leggevo con un’agitazione che forse somigliava a quella con cui il giovinetto depravato accosta le opere di pornografia .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Più tardi m’accorsi che Augusta s’era levata dalla sua poltrona e mi si accostava .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
abbordaggio
= l'abbordare andare all'abbordaggio , attaccare una nave nemica accostandone il bordo
---------------
abbordare
= verbo trans. avvicinarsi con una nave al bordo di un'altra , con intento aggressivo venire a collisione con un'altra nave , anche involontariamente avvicinare , accostare qualcuno per parlargli o proporgli qualcosa affrontare con risolutezza
---------------
accostabile
= che si può accostare
---------------
accostatore
= contadino che accosta le bestie ai covoni per la trebbiatura effettuata con il calpestio degli animali .
---------------
accostatura
= accostamento attaccatura , commettitura .
---------------
accostevole
= che si può accostare , affabile , alla mano .
---------------
accostumare
= verbo trans. avvezzare , abituare , assuefare accostumarsi
= verbo rifl. abituarsi .
---------------
accostumato
= participio passato di accostumare
= nel sign . del
= verbo bene educato
---------------
apparigliare
= verbo trans. appaiare , mettere a pari , accostare accoppiare al tiro animali simili , spec . cavalli .
---------------
appressare
= verbo trans. mettere vicino , accostare
= verbo intr. ,
---------------
appropinquare
= verbo trans. accostare , avvicinare
---------------
approssimarsi
= verbo rifl. o intr. pron . avvicinarsi , accostarsi
---------------
assordire
= verbo trans. e intr. disporre insieme più cose di uno stesso genere ma di forma , colore o qualità differenti , accompagnare , accostare , abbinare con un certo gusto oggetti diversi
---------------
attergare
= verbo trans. scrivere annotazioni a tergo di un documento cedere titoli nominativi apponendovi una dichiarazione a tergo attergarsi
= verbo rifl. accostarsi con le spalle
---------------
attizzare
= verbo trans. ravvivare il fuoco accostando i tizzoni , smuovendo la brace , soffiandovi aria attizzare un incendio , farlo divampare eccitare , aizzare
---------------
bacio
= atto di amore , di affetto , di devozione o di deferenza che si compie accostando le labbra a qualcuno o a qualcosa , talvolta facendole schioccare
---------------
bertoccio
= ciascuna delle pallottole di legno forato che , infilate nell'anchino , formano la trozza che tiene il pennone accostato all'albero.
---------------
binomio
= espressione algebrica costituita dalla somma di due monomi accostamento di due concetti o due persone
---------------
blob
= sequenza rapida di spezzoni di trasmissioni televisive , scelti in modo che il loro accostamento provochi effetti comici o grotteschi.
---------------
boccino
= nel gioco delle bocce , la palla più piccola , alla quale si cerca di accostare le altre testa
---------------
commettere
= verbo trans. accostare, far combaciare, incastrare
---------------
fotomontaggio
= composizione fotografica ottenuta riprendendo insieme parti di diverse fotografie opportunamente accostate , così da dare l'illusione che si tratti di una fotografia unica .
---------------
gaffa
= gancio che serve per accostare , detto com. alighiero
---------------
garganella
= solo nella loc. avv. a garganella , con cui si indica un modo di bere senza accostare il recipiente alla bocca , lasciando cadere il liquido dall'alto e inghiottendolo d'un fiato
---------------
giumella
= quanto entra nel cavo delle due mani accostate
---------------
giustapporre
= verbo trans. mettere accanto , accostare senza congiungere
---------------
glossolalia
= alterazione del linguaggio che consiste nell'articolare parole senza senso , costituite con sillabe accostate a caso
---------------
icario
= di , relativo a icaro , il mitico figlio di dedalo che volò con ali di cera accostandosi troppo al sole , sicché la cera si sciolse ed egli precipitò in mare
---------------
pallino
= nel gioco del biliardo e delle bocce , la palla più piccola a cui le altre devono accostarsi
---------------
paragramma
= accostamento di due parole che differiscono per un solo grafema virus simile a quello influenzale , ma con caratteri antigenici propri .
---------------
parcare
= verbo trans . sistemare le artiglierie in un parco , ordinarle accostandole in file
---------------
paretimologia
= accostamento etimologico apparentemente esatto , che non ha tuttavia fondamento scientifico
---------------
riaccostare
= verbo trans. accostare di nuovo
---------------
sottobordo
= sotto il bordo di una nave , accosto a essa ,
---------------
spallare
= verbo transitivo accostare il fucile alla spalla per prendere la mira e sparare , fiaccare le spalle , le reni di un animale da sella o da lavoro sotto ,
---------------
stringere
= verbo transitivo accostare , avvicinare con maggiore o minor forza una cosa a un'altra ,
---------------
transizione
= passaggio da uno stato , da una condizione , da una situazione a un'altra , un'età , un'epoca di transizione - governo di transizione , provvisorio , passaggio fra due stati fisici di un sistema , zona di transizione , zona interna della terra compresa fra la regione superiore e quella inferiore del mantello ,rocce di transizione , modulazione armonica ottenuta accostando tonalità diverse .
---------------
unire
= verbo transitivo accostare , congiungere , collegare , saldare due o più cose in modo che non vi sia tra loro soluzione di continuità , o che appaiano o diventino una cosa sola
---------------
Conjugacíon: 1 - arrimar
auxiliar: haber - transitivo
INDICATIVO activo
Presente
yo arrimo
arrimas
él/ella arrima
nosotros arrimamos
vosotros arrimáis
ellos/ellas arriman
Imperfecto
yo arrimaba
arrimabas
él/ella arrimaba
nosotros arrimabamos
vosotros arrimabais
ellos/ellas arrimaban
Pretérito indefinito
yo arrimé
arrimaste
él/ella arrimó
nosotros arrimamos
vosotros arrimasteis
ellos/ellas arrimaron
Preterito perfecto
yo he arrimado
has arrimado
él/ella ha arrimado
nosotros hemos arrimado
vosotros habéis arrimado
ellos/ellas han arrimado
Preterito pluscuamperfecto
yo había arrimado
habías arrimado
él/ella había arrimado
nosotros habíamos arrimado
vosotros habíais arrimado
ellos/ellas habían arrimado
Preterito anterior
yo hube arrimado
hubiste arrimado
él/ella hubo arrimado
nosotros hubimos arrimado
vosotros hubisteis arrimado
ellos/ellas hubieron arrimado
Futuro
yo arrimaré
arrimaras
él/ella arrimará
nosotros arrimaremos
vosotros arrimareis
ellos/ellas arrimarán
Futuro perfecto
yo habré arrimado
habrás arrimado
él/ella habrá arrimado
nosotros habremos arrimado
vosotros habréis arrimado
ellos/ellas habrán arrimado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo arrime
arrimes
él/ella arrime
nosotros arrimemos
nosotros arriméis
ellos/ellas arrimen
Pretérito perfecto
yo haya arrimado
hayas arrimado
él/ella haya arrimado
nosotros hayamos arrimado
nosotros hayáis arrimado
ellos/ellas hayan arrimado
Pretérito imperfetto I
yo arrimara
arrimaras
él/ella arrimara
nosotros arrimáramos
nosotros arrimarais
ellos/ellas arrimaran
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera arrimado
hubieras arrimado
él/ella hubiera arrimado
nosotros hubiéramos arrimado
nosotros hubierais arrimado
ellos/ellas hubieran arrimado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese arrimado
hubieses arrimado
él/ella hubiese arrimado
nosotros hubiésemos arrimado
nosotros hubieseis arrimado
ellos/ellas hubiesen arrimado
Pretérito imperfetto II
yo arrimase
arrimases
él/ella arrimase
nosotros arrimásemos
nosotros arrimaseis
ellos/ellas arrimasen
Futuro
yo arrimare
arrimares
él/ella arrimare
nosotros arrimáremos
nosotros arrimareis
ellos/ellas arrimaren
Futuro perfecto
yo hubiere arrimado
hubieres arrimado
él/ella hubiere arrimado
nosotros hubiéremos arrimado
nosotros hubiereis arrimado
ellos/ellas hubieren arrimado
POTENCIAL - activo
Presente
yo arrimaría
arrimarías
él/ella arrimaría
nosotros arrimaríamos
vosotros arrimaríais
ellos/ellas arrimarían
Perfecto
yo habría arrimado
habrías arrimado
él/ella habría arrimado
nosotros habríamos arrimado
vosotros habríais arrimado
ellos/ellas habrían arrimado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
arrima
arrime
arrimemos
arrimad
arrimen
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber arrimado
PARTICIPIO - activo
Presente
que arrima
Compuesto
arrimado
GERUNDIO activo
Presente
arrimando
Compuesto
habiendo arrimado
INDICATIVO pasivo
Presente
yo soy arrimado
eres arrimado
él/ella es arrimado
nosotros somos arrimados
vosotros seis arrimados
ellos/ellas son arrimados
Imperfecto
yo era arrimado
eras arrimado
él/ella era arrimado
nosotros èramos arrimados
vosotros erais arrimados
ellos/ellas eran arrimados
Pretérito indefinito
yo fui arrimado
fuiste arrimado
él/ella fue arrimado
nosotros fuimos arrimados
vosotros fuisteis arrimados
ellos/ellas fueron arrimados
Preterito perfecto
yo he sido arrimado
has sido arrimado
él/ella ha sido arrimado
nosotros hemos sido arrimados
vosotros habèis sido arrimados
ellos/ellas han sido arrimados
Preterito pluscuamperfecto
yo había sido arrimado
habías sido arrimado
él/ella había sido arrimado
nosotros habíamos sido arrimados
vosotros habías sido arrimados
ellos/ellas habían sido arrimados
Preterito anterior
yo hube sido arrimado
hubiste sido arrimado
él/ella hubo sido arrimado
nosotros hubimos sido arrimados
vosotros hubisteis sido arrimados
ellos/ellas hubieron sido arrimados
Futuro
yo seré arrimado
serás arrimado
él/ella será arrimado
nosotros seremos arrimados
vosotros sereis arrimados
ellos/ellas serán arrimados
Futuro perfecto
yo habrè sido arrimado
habrás sido arrimado
él/ella habrá sido arrimado
nosotros habremos sido arrimados
vosotros habreis sido arrimados
ellos/ellas habrán sido arrimados
CONJUNTIVO - pasivo
Presente
yo sea arrimado
seas arrimado
él/ella sea arrimado
nosotros seamos arrimados
nosotros seáis arrimados
ellos/ellas sean arrimados
Pretérito perfecto
yo haya sido arrimado
hayas sido arrimado
él/ella haya sido arrimado
nosotros hayamos sido arrimado
nosotros hayáis sido arrimado
ellos/ellas hayan sido arrimado
Pretérito imperfetto I
yo fuere arrimado
fueres arrimado
él/ella fuere arrimado
nosotros fuéremos arrimados
nosotros fuereis arrimados
ellos/ellas fueren arrimados
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiere sido arrimado
hubieres sido arrimado
él/ella hubiere sido arrimado
nosotros hubiéremos sido arrimados
nosotros hubierei sido arrimados
ellos/ellas hubieren sido arrimados
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese sido arrimado
hubieses sido arrimado
él/ella hubiese sido arrimado
nosotros hubiésemos sido arrimados
nosotros hubieseis sido arrimados
ellos/ellas hubiesen sido arrimados
Pretérito imperfetto II
yo fuese arrimado
fuesess arrimado
él/ella fuese arrimado
nosotros fuésemos arrimados
nosotros fueseis arrimados
ellos/ellas fuesen arrimados
Futuro
yo fuere arrimado
fueres arrimado
él/ella fuere arrimado
nosotros fuéremos arrimados
nosotros fuereis arrimados
ellos/ellas fueren arrimados
Futuro perfecto
yo hubiere sido arrimado
hubieres sido arrimado
él/ella hubiere sido arrimado
nosotros hubiéremos sido arrimados
nosotros hubiereis sido arrimados
ellos/ellas hubieren sido arrimados
POTENCIAL - pasivo
Presente
yo sería arrimado
serías arrimado
él/ella sería arrimado
nosotros seríamos arrimados
vosotros seríais arrimados
ellos/ellas serían arrimados
Perfecto
yo habría sido arrimado
habrías sido arrimado
él/ella habría sido arrimados
nosotros habríamos sido arrimados
vosotros habríais sido arrimados
ellos/ellas habrían sido arrimados
IMPERATIVO - pasivo
Positivo
-
sé arrimado
sea arrimado
seamos arrimados
sed arrimados
sean arrimados
INFINITO pasivo
Presente
ser arrimado
Compuesto
haber sido arrimado
PARTICIPIO - pasivo
Presente
que es arrimado
Compuesto
arrimado
GERUNDIO pasivo
Presente
siendo arrimado
Compuesto
habiendo sido arrimado
Coniugazione:1 - accostare
Ausiliare:avere transitivo/intransitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io accosto
tu accosti
egli accosta
noi accostiamo
voi accostate
essi accostano
Imperfetto
io accostavo
tu accostavi
egli accostava
noi accostavamo
voi accostavate
essi accostavano
Passato remoto
io accostai
tu accostasti
egli accostò
noi accostammo
voi accostaste
essi accostarono
Passato prossimo
io ho accostato
tu hai accostato
egli ha accostato
noi abbiamo accostato
voi avete accostato
essi hanno accostato
Trapassato prossimo
io avevo accostato
tu avevi accostato
egli aveva accostato
noi avevamo accostato
voi avevate accostato
essi avevano accostato
Trapassato remoto
io ebbi accostato
tu avesti accostato
egli ebbe accostato
noi avemmo accostato
voi eveste accostato
essi ebbero accostato
Futuro semplice
io accosterò
tu accosterai
egli accosterà
noi accosteremo
voi accosterete
essi accosteranno
Futuro anteriore
io avrò accostato
tu avrai accostato
egli avrà accostato
noi avremo accostato
voi avrete accostato
essi avranno accostato
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io accosti
che tu accosti
che egli accosti
che noi accostiamo
che voi accostiate
che essi accostino
Passato
che io abbia accostato
che tu abbia accostato
che egli abbia accostato
che noi abbiamo accostato
che voi abbiate accostato
che essi abbiano accostato
Imperfetto
che io accostassi
che tu accostassi
che egli accostasse
che noi accostassimo
che voi accostaste
che essi accostassero
Trapassato
che io avessi accostato
che tu avessi accostato
che egli avesse accostato
che noi avessimo accostato
che voi aveste accostato
che essi avessero accostato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io accosterei
tu accosteresti
egli accosterebbe
noi accosteremmo
voi accostereste
essi accosterebbero
Passato
io avrei accostato
tu avresti accostato
egli avrebbe accostato
noi avremmo accostato
voi avreste accostato
essi avrebbero accostato
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
accosta
accosti
accostiamo
accostate
accostino
Futuro
-
accosterai
accosterà
accosteremo
accosterete
accosteranno
INFINITO - attivo
Presente
accostare
Passato
avere accostato
PARTICIPIO - attivo
Presente
accostante
Passato
accostato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
accostando
Passato
avendo accostato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono accostato
tu sei accostato
egli é accostato
noi siamo accostati
voi siete accostati
essi sono accostati
Imperfetto
io ero accostato
tu eri accostato
egli era accostato
noi eravamo accostati
voi eravate accostati
essi erano accostati
Passato remoto
io fui accostato
tu fosti accostato
egli fu accostato
noi fummo accostati
voi foste accostati
essi furono accostati
Passato prossimo
io sono stato accostato
tu sei stato accostato
egli é stato accostato
noi siamo stati accostati
voi siete stati accostati
essi sono stati accostati
Trapassato prossimo
io ero stato accostato
tu eri stato accostato
egli era stato accostato
noi eravamo stati accostati
voi eravate stati accostati
essi erano statiaccostati
Trapassato remoto
io fui stato accostato
tu fosti stato accostato
egli fu stato accostato
noi fummo stati accostati
voi foste stati accostati
essi furono stati accostati
Futuro semplice
io sarò accostato
tu sarai accostato
egli sarà accostato
noi saremo accostati
voi sarete accostati
essi saranno accostati
Futuro anteriore
io sarò stato accostato
tu sarai stato accostato
egli sarà stato accostato
noi saremo stati accostati
voi sarete stati accostati
essi saranno stati accostati
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia accostato
che tu sia accostato
che egli sia accostato
che noi siamo accostati
che voi siate accostati
che essi siano accostati
Passato
che io sia stato accostato
che tu sia stato accostato
che egli sia stato accostato
che noi siamo stati accostati
che voi siate stati accostati
che essi siano stati accostati
Imperfetto
che io fossi accostato
che tu fossi accostato
che egli fosse accostato
che noi fossimo accostati
che voi foste accostati
che essi fossero accostati
Trapassato
che io fossi stato accostato
che tu fossi stato accostato
che egli fosse stato accostato
che noi fossimo stati accostati
che voi foste stati accostati
che essi fossero stati accostati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei accostato
tu saresti accostato
egli sarebbe accostato
noi saremmo accostati
voi sareste accostati
essi sarebbero accostati
Passato
io sarei stato accostato
tu saresti stato accostato
egli sarebbe stato accostato
noi saremmo stati accostati
voi sareste stati accostati
essi sarebbero stati accostati
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii accostato
sia accostato
siamo accostati
siate accostati
siano accostati
Futuro
-
sarai accostato
sarà accostato
saremo accostati
sarete accostati
saranno accostati
INFINITO - passivo
Presente
essere accostato
Passato
essere stato accostato
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
accostato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo accostato
Passato
essendo stato accostato