Buena navegación con NihilScio!  Página de Facebook
NihilScio                Home

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

á   è   é   ì   í   ò
ó   ù   ú   ü   ñ   ç
Inglese
sinonimi di apretar

  Cerca  frasi:
Vocabulario y frases
apretar
= stringere , comprimere , affliggere , sollecitare .
---------------
* Don Quijote, que sintió la pesadumbre de aquel desaforado golpe, dio una gran voz diciendo: —¡Oh señora de mi alma, Dulcinea, flor de la fermosura, socorred a este vuestro caballero, que, por satisfacer a la vuestra mucha bondad, en este riguroso trance se halla! El decir esto y el apretar la espada y el cubrirse bien de su rodela y el arremeter al vizcaíno todo fue en un tiempo, llevando determinación de aventurarlo todo a la de un golpe solo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¡Válgame Dios, y quién será aquel que buenamente pueda contar ahora la rabia que entró en el corazón de nuestro manchego, viéndose parar de aquella manera! No se diga más sino que fue de manera que se alzó de nuevo en los estribos, y, apretando más la espada en las dos manos, con tal furia descargó sobre el vizcaíno, acertándole de lleno sobre la almohada y sobre la cabeza, que, sin ser parte tan buena defensa, como si cayera sobre él una montaña, comenzó a echar sangre por las narices y por la boca y por los oídos, y a dar muestras de caer de la mula abajo, de donde cayera, sin duda, si no se abrazara con el cuello; pero con todo eso, sacó los pies de los estribos, y luego soltó los brazos, y la mula, espantada del terrible golpe, dio a correr por el campo, y, a pocos corcovos dio con su dueño en tierra( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Lo que has de hacer es apretar bien las cinchas a Rocinante y quedarte aquí, que yo daré la vuelta presto, o vivo o muerto( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Viendo, pues, Sancho la última resolución de su amo, y cuán poco valían con él sus lágrimas, consejos y ruegos, determinó de aprovecharse de su industria, y hacerle esperar hasta el día, si pudiese; y así, cuando apretaba las cinchas al caballo, bonitamente y sin ser sentido ató con el cabestro de su asno ambos pies a Rocinante, de manera que, cuando don Quijote se quiso partir, no pudo, porque el caballo no se podía mover sino a saltos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Hecho esto, que él pensó que era lo más que tenía que hacer para salir de aquel terrible aprieto y angustia, le sobrevino otra mayor, que fue que le pareció que no podía mudarse sin hacer estrépito y ruido, y comenzó a apretar los dientes y a encoger los hombros, recogiendo en sí el aliento todo cuanto podía.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Miró también don Quijote a Sancho y viole que tenía los carrillos hinchados y la boca llena de risa, con evidentes señales de querer reventar con ella, y no pudo su melanconía tanto con él, que a la vista de Sancho pudiese dejar de reírse; y, como vio Sancho que su amo había comenzado, soltó la presa, de manera que tuvo necesidad de apretarse las ijadas con los puños por no reventar riendo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y estando en lo mejor de su plática, paró y enmudeciose; clavó los ojos en el suelo por un buen espacio, en el cual todos estuvimos quedos y suspensos, esperando en qué había de parar aquel embelesamiento, con no poca lástima de verlo, porque por lo que hacía de abrir los ojos, estar fijo mirando al suelo sin mover pestaña gran rato, y otras veces cerrarlos apretando los labios y enarcando las cejas, fácilmente conocimos que algún accidente de locura le había sobrevenido.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En esto, les sirvió de peine unas manos, que, si los pies en el agua habían parecido pedazos de cristal, las manos en los cabellos semejaban pedazos de apretada nieve; todo lo cual en más admiración y en más deseo de saber quién era ponía a los tres que la miraban( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Finalmente, a él le pareció que era menester, en el espacio y lugar que daba la ausencia de Anselmo, apretar el cerco a aquella fortaleza.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Mirándola estaba Luscinda, no menos lastimada de su sentimiento que admirada de su mucha discreción y hermosura, y, aunque quisiera llegarse a ella y decirle algunas palabras de consuelo, no la dejaban los brazos de don Fernando, que apretada la tenían; el cual, lleno de confusión y espanto, al cabo de un buen espacio que atentamente estuvo mirando a Dorotea, abrió los brazos y, dejando libre a Luscinda, dijo: —Venciste, hermosa Dorotea, venciste; porque no es posible tener ánimo para negar tantas verdades juntas( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Parecióle a Dorotea que don Fernando había perdido la color del rostro y que hacía ademán de querer vengarse de Cardenio, porque le vio encaminar la mano a ponella en la espada; y así como lo pensó, con no vista presteza se abrazó con él por las rodillas, besándoselas y teniéndole apretado, que no le dejaba mover, y, sin cesar un punto de sus lágrimas, le decía: —¿Qué es lo que piensas hacer, único refugio mío, en este tan impensado trance? Tú tienes a tus pies a tu esposa, y la que quieres que lo sea está en los brazos de su marido; mira si te estará bien o te será posible deshacer lo que el cielo ha hecho, o si te convendrá querer levantar a igualar a ti mismo a la que, pospuesto todo inconveniente, confirmada en su verdad y firmeza, delante de tus ojos tiene los suyos, bañados de licor amoroso el rostro y pecho de su verdadero esposo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Digo, pues, que encima del patio de nuestra prisión caían las ventanas de la casa de un moro rico y principal, las cuales, como de ordinario son las de los moros, más eran agujeros que ventanas, y aun estas se cubrían con celosías muy espesas y apretadas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* A lo cual el mozo, asiéndole fuertemente de las manos, como en señal de que algún gran dolor le apretaba el corazón y, derramando lágrimas en grande abundancia, le dijo: —Señor mío, yo no sé deciros otra cosa sino que desde el punto que quiso el cielo y facilitó nuestra vecindad que yo viese a mi señora doña Clara, hija vuestra y señora mía, desde aquel instante la hice dueño de mi voluntad; y si la vuestra, verdadero señor y padre mío, no lo impide, en este mesmo día ha de ser mi esposa.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Aunque lo mas acertado sería dejar dormir su cólera a cada uno; que no sabe nadie el alma de nadie, y tal suele venir por lana que vuelve tresquilado, y Dios bendijo la paz y maldijo las riñas; porque si un gato acosado, encerrado y apretado se vuelve en león, yo, que soy hombre, Dios sabe en lo que podré volverme, y, así, desde ahora intimo a vuestra merced, señor escudero, que corra por su cuenta todo el mal y daño que de nuestra pendencia resultare.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Tomola don Quijote, y sin que echase de ver lo que dentro venía, con toda priesa se la encajó en la cabeza, y como los requesones se apretaron y exprimieron, comenzó a correr el suero por todo el rostro y barbas de don Quijote, de lo que recibió tal susto, que dijo a Sancho: —¿Qué será esto, Sancho, que parece que se me ablandan los cascos o se me derriten los sesos, o que sudo de los pies a la cabeza? Y si es que sudo, en verdad que no es de miedo; sin duda creo que es terrible la aventura que agora quiere sucederme.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Acabada la muestra proponía las habilidades de su mono, diciendo al pueblo que adivinaba todo lo pasado y lo presente, pero que en lo de por venir no se daba maña; por la respuesta de cada pregunta pedía dos reales y de algunas hacia barato, según tomaba el pulso a los preguntantes, y como tal vez llegaba a las casas de quien él sabía los sucesos de los que en ella moraban, aunque no le preguntasen nada por no pagarle, él hacía la seña al mono y luego decía que le había dicho tal y tal cosa, que venía de molde con lo sucedido; con esto cobraba crédito inefable y andábanse todos tras él; otras veces, como era tan discreto, respondía de manera, que las respuestas venían bien con las preguntas y, como nadie le apuraba ni apretaba a que dijese cómo adevinaba su mono, a todos hacía monas y llenaba sus esqueros( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Venían las doce dueñas y la señora a paso de procesión, cubiertos los rostros con unos velos negros, y no trasparentes como el de Trifaldín, sino tan apretados que ninguna cosa se traslucían( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Entraron con luces, y vieron la desigual pelea; acudió el duque a despartirla, y don Quijote dijo a voces: —¡No me le quite nadie, déjenme mano a mano con este demonio, con este hechicero, con este encantador; que yo le daré a entender, de mí a él, quién es don Quijote de la Mancha! Pero el gato, no curándose destas amenazas, gruñía y apretaba; mas, en fin, el duque se le desarraigó y le echó por la reja( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Sintieron los pobres animales las nuevas espuelas y, apretando las colas, aumentaron su disgusto, de manera que, dando mil corcovos, dieron con sus dueños en tierra.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Requebrábanle como a hurto las damiselas, y él, también como a hurto, las desdeñaba; pero viéndose apretar de requiebros, alzó la voz y dijo: —¡Fugite, partes adversae!221177.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Yo, señor don Quijote de la Mancha, soy una destas, apretada, vencida y enamorada; pero, con todo esto, sufrida y honesta, tanto que, por serlo tanto, reventó mi alma por mi silencio y perdí la vida.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
Vocabulario y frases
stringere
= verbo transitivo accostare , avvicinare con maggiore o minor forza una cosa a un'altra ,
---------------
* - Ah birbone ! ah dannato ! ah assassino ! - gridava Renzo , correndo innanzi e indietro per la stanza , e stringendo di tanto in tanto il manico del suo coltello .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo abbracciò molto volentieri questo parere ; Lucia l'approvò ; e Agnese , superba d'averlo dato , levò , a una a una , le povere bestie dalla stìa , riunì le loro otto gambe , come se facesse un mazzetto di fiori , le avvolse e le strinse con uno spago , e le consegnò in mano a Renzo ; il quale , date e ricevute parole di speranza , uscì dalla parte dell'orto , per non esser veduto da' ragazzi , che gli correrebber dietro , gridando: lo sposo ! lo sposo ! Così , attraversando i campi o , come dicon colà , i luoghi , se n'andò per viottole , fremendo , ripensando alla sua disgrazia , e ruminando il discorso da fare al dottor Azzecca-garbugli .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E subito si fece serio , ma d'una serietà mista di compassione e di premura ; strinse fortemente le labbra , facendone uscire un suono inarticolato che accennava un sentimento , espresso poi più chiaramente nelle sue prime parole .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Così , con gli occhi bassi , col padre compagno al fianco , passò la porta di quella casa , attraversò il cortile , tra una folla che lo squadrava con una curiosità poco cerimoniosa ; salì le scale , e , di mezzo all'altra folla signorile , che fece ala al suo passaggio , seguito da cento sguardi , giunse alla presenza del padron di casa ; il quale , circondato da' parenti più prossimi , stava ritto nel mezzo della sala , con lo sguardo a terra , e il mento in aria , impugnando , con la mano sinistra , il pomo della spada , e stringendo con la destra il bavero della cappa sul petto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Un - bravo ! bene ! - scoppiò da tutte le parti della sala ; tutti si mossero , e si strinsero intorno al frate .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Così dicendo , appoggiò il gomito sinistro sul ginocchio , chinò la fronte nella palma , e con la destra strinse la barba e il mento , come per tener ferme e unite tutte le potenze dell'animo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il podestà strinse le labbra , e alzò la mano , come in atto di rassegnazione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Giunti sul pianerottolo , i due fratelli s'avvicinarono all'uscio della stanza , ch'era di fianco alla scala ; gli sposi si strinsero al muro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Allo stropiccìo de' quattro piedi , Renzo prese un braccio di Lucia , lo strinse , per darle coraggio , e si mosse , tirandosela dietro tutta tremante , che da sé non vi sarebbe potuta venire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si stringe nelle spalle , si volta alla compagnia , accenna loro che va a vedere nell'altra stanza , e che gli vengan dietro pian piano ; entra , fa le stesse cerimonie , trova la stessa cosa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Qui alcuni cominciarono a brontolare , altri a canzonare , altri a sagrare ; altri si stringevan nelle spalle , e se n'andavano: quando arriva uno tutto trafelato , che stentava a formar le parole .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Lucia non nascose le lacrime ; Renzo trattenne a stento le sue , e , stringendo forte forte la mano a Agnese , disse con voce soffogata: - a rivederci , - e partì .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* All'entrare in Monza , Gertrude si sentì stringere il cuore ; ma la sua attenzione fu attirata per un istante da non so quali signori che , fatta fermar la carrozza , recitarono non so qual complimento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Al fermarsi della carrozza , davanti a quelle mura , davanti a quella porta , il cuore si strinse ancor più a Gertrude .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Poi , come fuori di sé , stringendo i denti , e raggrinzando il viso , stendeva le braccia , e puntava i pugni , come se volesse tener ferma la porta . . .Del resto , quel che facesse precisamente non si può sapere , giacché era solo ; e la storia è costretta a indovinare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La domanda per sé era sospetta ; il tempo stringeva ; i birri , appena liberati da quel piccolo intoppo , dovevan senza dubbio essersi rimessi in traccia del loro fuggitivo ; la voce di quella fuga poteva essere arrivata fin là ; e in tali strette , Renzo dovette fare forse dieci giudizi fisionomici , prima di trovar la figura che gli paresse a proposito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo , tentennando il capo , stringendo le labbra , e facendone uscire un suono inarticolato , disse: - Milano , da quel che ho sentito dire . . .non dev'essere un luogo da andarci in questi momenti , meno che per una gran necessità .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Toccano finalmente quella riva ; Renzo vi si slancia ; ringrazia Dio tra sé , e poi con la bocca il barcaiolo ; mette le mani in tasca , tira fuori una berlinga , che , attese le circostanze , non fu un piccolo sproprio , e la porge al galantuomo ; il quale , data ancora una occhiata alla riva milanese , e al fiume di sopra e di sotto , stese la mano , prese la mancia , la ripose , poi strinse le labbra , e per di più ci mise il dito in croce , accompagnando quel gesto con un'occhiata espressiva ; e disse poi : - buon viaggio - , e tornò indietro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- L'ho detto io della Provvidenza ! - esclamò Renzo , stringendo affettuosamente la mano al buon cugino .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Un parlare ambiguo , un tacere significativo , un restare a mezzo , uno stringer d'occhi che esprimeva: non posso parlare ; un lusingare senza promettere , un minacciare in cerimonia ; tutto era diretto a quel fine ; e tutto , o più o meno , tornava in pro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Va bene ; ma la protezione de' traviati d'una certa specie . . . ! Son cose spinose , affari delicati . . .- E qui , in vece di gonfiar le gote e di soffiare , strinse le labbra , e tirò dentro tant'aria quanta ne soleva mandar fuori , soffiando .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si strinse il più che poté , nel canto della carrozza , mise le braccia in croce sul petto , e pregò qualche tempo con la mente ; poi , tirata fuori la corona , cominciò a dire il rosario , con più fede e con più affetto che non avesse ancor fatto in vita sua .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non sapete tutto ciò che ha fatto questa che volete stringere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Lasciate , - disse Federigo , prendendola con amorevole violenza , - lasciate ch'io stringa codesta mano che riparerà tanti torti , che spargerà tante beneficenze , che solleverà tanti afflitti , che si stenderà disarmata , pacifica , umile a tanti nemici .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Le sue lacrime ardenti cadevano sulla porpora incontaminata di Federigo ; e le mani incolpevoli di questo stringevano affettuosamente quelle membra , premevano quella casacca , avvezza a portar l'armi della violenza e del tradimento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Federigo gli prese la mano , gliela strinse , e disse: - favorirete dunque di restare a desinare con noi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il cardinale gli disse che , appena arrivato questo , lo facesse parlar subito con don Abbondio: e tutto poi fosse agli ordini di questo e dell'innominato ; al quale strinse di nuovo la mano , in atto di commiato , dicendo: - v'aspetto - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Allora , quello di cui si parlava , spinse l'uscio , e si fece vedere ; Lucia , che poco prima lo desiderava , anzi , non avendo speranza in altra cosa del mondo , non desiderava che lui , ora , dopo aver veduti visi , e sentite voci amiche , non poté reprimere un subitaneo ribrezzo ; si riscosse , ritenne il respiro , si strinse alla buona donna , e le nascose il viso in seno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Raggrinzò la fronte , torse gli occhi in traverso , strinse le labbra , tese a tutta forza l'arco dell'intelletto , cercò , frugò , sentì di dentro un cozzo d'idee monche e di mezze parole: ma il momento stringeva ; il cardinale accennava già d'avere interpretato il silenzio: il pover'uomo aprì la bocca , e disse: - si figuri ! - Altro non gli volle venire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Questi casi , - dice il Tadino , - occorsi nella Città in case Nobili , disposero la Nobiltà , et la plebe a pensare , et gli increduli Medici , et la plebe ignorante et temeraria cominciò stringere le labra , chiudere li denti , et inarcare le ciglia " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Afflitto della nuova , e arrabbiato della maniera , Renzo afferrò ancora il martello , e , così appoggiato alla porta , andava stringendolo e storcendolo , l'alzava per picchiar di nuovo alla disperata , poi lo teneva sospeso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La cantilena infernale , mista al tintinnìo de' campanelli , al cigolìo de' carri , al calpestìo de' cavalli , risonava nel voto silenzioso delle strade , e , rimbombando nelle case , stringeva amaramente il cuore de' pochi che ancor le abitavano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Guarda , sciagurato ! - E mentre con una mano stringeva e scoteva forte il braccio di Renzo , girava l'altra davanti a sé , accennando quanto più poteva della dolorosa scena all'intorno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il petto si sollevava di quando in quando , con un respiro affannoso ; la destra , fuor della cappa , lo premeva vicino al cuore , con uno stringere adunco delle dita , livide tutte , e sulla punta nere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quando furono nella strada di mezzo , il frate gli strinse la mano , e disse: - se la trovi , che Dio voglia ! quella buona Agnese , salutala anche in mio nome ; e a lei , e a tutti quelli che rimangono , e si ricordano di fra Cristoforo , dì che preghin per lui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Andarono insieme , e si strinse il contratto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Ma non è possibile, credi! - Chi è? - riprese il Bandi, tutto fremente, stringendola da presso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Chi è? subito, il nome! Sentendosi addosso la furia del fratello, Eleonora si strinse nelle spalle, si provò a sollevare appena il capo e gemette sotto gli occhi inferociti di lui: - Non posso dirtelo...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ogni tanto, accennando col capo, domandava alla serva: - Che fa? Gesa si stringeva nelle spalle, sporgeva il labbro, poi rispondeva: - Uhm! Sta con la testa sul libro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma Gerlando non glielo lasciò; glielo strinse piú forte; la costrinse a sedere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No: ti voglio! ti voglio! - diss'egli, allora, com'ebbro, stringendola vieppiú con un braccio, mentre con l'altro le cercava, piú su, la vita, avvolto nell'odore del corpo di lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E che ne so io? - fece il Chiarenza, stringendosi nelle spalle e chiudendo gli occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- fece lo Scelzi, stringendosi nelle spalle.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo Scala vi fissò gli occhi e strinse nel pugno le briglie fino a farsi male.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Avvezzi com'eravamo da tempo al fasto, alle maniere gioconde e cordiali, alla copiosa munificenza dell'Eccell.mo nostro Monsignor Vivaldi (Dio l'abbia in gloria!), tutti noi Montelusani ci sentimmo stringere il cuore, allorché vedemmo per la prima volta scendere dall'alto e vetusto Palazzo Vescovile, a piedi tra i due segretarii, incontro al sorriso della nostra perenne primavera, lo scheletro intabarrato di questo vescovo nuovo: alto, curvo su la sua trista magrezza, proteso il collo, le tumide e livide labbra in fuori, nello sforzo di tener ritta la faccia incartapecorita, con gli occhialacci neri su l'adunco naso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quali sono stati i miei sbagli? Il Bertone si strinse nelle spalle, chiuse gli occhi e aprí le mani, come per dire: Che giova adesso? - Piuttosto, i rimedii...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché, dunque? Sostenendo lo sguardo dell'Orsani, risoluto a difendersi fino all'ultimo, gli domandò con voce mal ferma: - La mia responsabilità, tu dici, di fronte alla Compagnia? - Aspetta! - riprese Gabriele, come abbagliato dall'efficacia stringente del suo ragionamento.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il ragazzo stringeva con le due mani al petto il tozzo di pane, senza volerlo cedere, neppure alle esortazioni della madre.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Da per sé, poi, queste forze si esplicano, si svolgono latenti, e ti tendono una rete, un'insidia che tu non puoi scorgere, ma che alla fine t'avviluppa, ti stringe, e tu allora ti trovi preso, senza saperti spiegar come e perché.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- T'è morta? Lao Griffi si cangiò subito in volto e si cacciò le mani in tasca, stringendosi nelle spalle.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La Vita, in atto modesto e dimesso, si stringe accanto allo scheletro e tende la mano a ricevere quell'anello.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gli venne la tentazione d'afferrargli quel piede, stringerglielo, prendere per le braccia l'amico e dargli un tremendo scrollone, per scomporlo da quell'orribile immobilità.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E, via facendo, ella con l'ombrellino rosso riparava anche lui dai raggi del sole, e tutti e due andavano mollemente quasi avviluppati in una tenerezza deliziosa, assaporando l'ebrietà squisita delle carezze rattenute, dei contatti fuggevoli delle mani, dei lunghi sguardi appassionati, in cui le anime si allacciano, si stringono fino a spasimar di voluttà.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Invano, allora, le buone suore assistenti s'eran provate a confortarla con la fede; ella aveva fatto, come faceva anche adesso; ascoltava attenta, sorrideva, diceva di sí; ma si capiva che il groppo che le stringeva il cuore non si scioglieva né s'allentava per quelle esortazioni.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ai primi picchi, Raffaella piegò da un lato la testa, strinse i denti e si provò ad aprire gli occhi; li richiuse subito, facendo un violento sforzo su se stessa per contenersi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La moglie era sovraccarica d'oro: grossi orecchini le pendevano dagli orecchi; una collana doppia le stringeva il collo; un gran fermaglio a lagrimoni le andava sú e giú col petto, che pareva un mantice, e una lunga catena le reggeva il ventaglio e tanti e tanti anelli massicci quasi le toglievano l'uso delle tozze dita sanguigne.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La contrazione del timido sorriso, nella faccia cerea del Piccirilli, era orribile: stringeva il cuore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perdio! Il problema della morte, il terribile essere o non essere d'Amleto, la terribile questione era dunque risolta? Poteva l'anima d'un trapassato tornare per un istante a "materializzarsi" e venire a stringergli la mano? Sí, a stringere la mano a lui, Zummo, incredulo, cieco fino a jeri, per dirgli: "Zummo, sta' tranquillo; non ti curare piú delle miserie di codesta tua meschinissima vita terrena! C'è ben altro, vedi? ben altra vita tu vivrai un giorno! Coraggio! Avanti!".(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
come l'hai scoperto? - Eh, - fece donna Giannetta, stringendosi nelle spalle e socchiudendo maliziosamente gli occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E la prese, cosí dicendo, per la vita e la strinse forte a sé.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Allora, nel volto infocato, un po' per la stizza, un po' per l'ebbrezza, che istintivamente e suo malgrado le cagionava il trionfo della sua femminilità, ella si confondeva; il sorriso di chi la ammirava, si rifletteva, senza che lei lo volesse, anche su le sue labbra; scoteva con una rabbietta il capo, si stringeva nelle spalle e troncava il discorso, dichiarando di non saper parlare, di non sapersi esprimere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Martino Lori si stringeva nelle spalle.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma perché poi, quand'egli andava a veder la figlia, e lo trovava lí, a tavola con lei e il genero, come se fosse di casa, era accolto da lui quasi con dispetto, gelidamente? Poteva darsi che quest'impressione di gelo gli fosse data dal luogo, da quella vasta sala da pranzo, lucida di specchi, splendidamente arredata? Ma che! no! no! Non si era soltanto allontanato il Verona; il tratto, il tratto di lui era proprio cangiato; gli stringeva appena la mano, appena lo guardava, e seguitava a conversar col Gualdi, come se non fosse entrato nessuno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Eh! - fece Bartolino, stringendosi nelle spalle, rosso come un gambero di fronte a quella specie d'incoscienza della moglie pur tanto sapiente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Chi sa che cova! Ah, povera Iduccia nostra! Carlotta si stringeva nelle spalle: - Che ci possiamo far noi? - Eh già, - incalzava Serafina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Adriana allora si chinò per stringersi forte al seno il figlioletto che le si era aggrappato alla veste, e ruppe in singhiozzi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Sià, che s'era precipitato con la mano tesa per stringer quella del Vivoli, all'inchino sostenuto di questo, restò goffo, arrossí, trinciò in aria con la mano già tesa un saluto, come per dire: - Ecco, fa lo stesso: Saluto cosí! Il moribondo schiuse gli occhi e aggrottò le ciglia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Angelica Noti, a cui egli offriva il braccio, glielo stringeva a un tratto furtivamente con la mano; egli si voltava a guardarla, stupito, ed ella accoglieva quello sguardo con un sorriso impudente, da scema, e chiudeva voluttuosamente le palpebre su i grandi occhi neri, globulenti, in presenza di tutti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come mai? Dov'era? - Adriana! Adriana! - Un'angosciosa tenerezza per la moglie lo vinse; e si mise a piangere come un bambino, nel desiderio cocente di buttarle le braccia al collo e stringersela forte, forte al petto...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma appena le vide gli occhi rossi di pianto, le prese un braccio e, nascondendovi il volto, le disse: - Ancora, dunque? non mi perdoni ancora? Adriana strinse le labbra tremanti, mentre nuove lagrime le sgorgavano dagli occhi; e non trovò in prima la voce per rispondergli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Che potevo fare di piú? Il Cimetta si strinse nelle spalle, e disse: - Avresti dovuto morire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- faceva Piovanelli, e si stringeva nelle spalle per non dire, sicuro che anche dicendo come voleva la moglie, questa lo avrebbe sempre tirato a riconoscere che aveva torto lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ormai, lui che aveva avuto sempre il ritegno piú rispettoso per la donna, lui che non s'era mai permesso un atto un po' spinto, una parola arrischiata, lui che aveva creduto sempre difficilissima ogni conquista amorosa, si sentiva insidiato da tutte le parti, e andava per la strada a capo chino; e se qualche donna lo guardava, abbassava subito gli occhi; se qualche donna gli stringeva appena appena la mano, diventava di mille colori.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il povero Piovanelli, quantunque straziato, ne ebbe paura: temette davvero che lo volesse strozzare, quando gli buttò le braccia al collo e glielo strinse, glielo strinse, per la Madonna santissima, con tutta la forza che le restava, quasi se lo volesse trascinare giú nella fossa, con sé.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E si strinse forte la fronte con una mano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Saltare dalla vettura? Trasse la mano sinistra dalla tasca e col pollice e l'indice s'afferrò il labbro inferiore, come per riflettere, mentre con l'altre dita stringeva, stritolava qualcosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
S'era forse fermato il tempo? Come mai non sentiva ancora nessun accenno di dolore? - Non muojo? E subito, come se il pensiero gli avesse dato la sensazione attesa, si ritrasse, e con una mano si strinse il ventre.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Fiato cattivo! Strinse le labbra e, piegando la testa da un lato, sempre con gli occhi chiusi, si passò di nuovo, piú forte, la mano su la mandibola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
S'alzò di scatto; si strinse, da sotto, con ambo le mani lo scialle attorno al volto, fino alla visiera del berretto; e, cosí imbacuccato, curvo, lanciando occhiatacce al crocchio degli urloni, uscí dal caffè.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- pensa Clementina, stringendosi, storcendosi le mani.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A passeggio, tentava di parlarne coi colleghi; ma questi, appena egli faceva il nome del Chiàrchiaro, cioè di colui che aveva intentato il processo, si alteravano in viso e si ficcavano subito una mano in tasca a stringervi una chiave, o sotto sotto allungavano l'indice e il mignolo a far le corna, o s'afferravano sul panciotto i gobbetti d'argento, i chiodi, i corni di corallo pendenti dalla catena dell'orologio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Forse tanti e tanti s'eran sentiti stringere il cuore al fischio lamentoso del treno in corsa nella notte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Carlino si strinse nelle spalle, fingendo ancora di non comprendere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A un certo punto, dagli occhi chiusi della giovine vidi sgorgare due grosse lagrime, e subito guardai in volto la vecchia, che strinse le labbra rugose e ne contrasse gli angoli in giú, evidentemente per frenare un impeto di commozione, mentre gli occhi, battendo piú e piú volte di seguito, frenavano le lagrime.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non so perché, guardando la giovine straniera, abbandonata lí in quell'angolo della vettura, mi sentii stringere la gola da un nodo angoscioso di pianto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Fu trattenuto; tutti gli si strinsero attorno, come a proteggerlo dalla forza; ma il maresciallo riuscí a rompere la calca e ordinò che subito quel moribondo fosse trasportato a casa e che tutti sgombrassero di là.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E ogni tanto, fissandone qualcuna, ansimava, come se gli si stringesse il naso; si scoteva, facendo scricchiolar la sedia, e si metteva in un'altra positura non meno truce, col pomo del bastone sotto il mento, affondato nella pappagorgia lustra di sudore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi si alzò; prese il figlio per un braccio; glielo strinse con tutta la forza, come se volesse comunicargli con quella stretta qualcosa che non poteva o non sapeva dire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quant'è? Dolcemàscolo si strinse nelle spalle, sorrise e disse: - Venti rocchi di quei grossi...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si strinsero nelle spalle, e: - Ma sí, - dissero, - eccoci qua.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non se la sentiva! Ecco: si stringeva forte forte, con due dita, il labbro, e non se lo sentiva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ah, Carlino! Carlino mio! - proruppe giubilante il dottor Palumba, stringendo e accostando alle labbra quel biglietto, quasi per baciarlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
San Romé strinse le pugna, impallidí, con gli occhi gonfi d'ira.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Doveva restar solo lui, invece? assistere anche alla morte di quell'ultima innocente? Cosí voleva Dio? Don Nuccio strinse le pugna.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Come non lo sapete? Tararà si strinse nelle spalle e significò chiaramente con l'atteggiamento del volto, che gli sembrava quasi una vanità, ma proprio superflua, il computo degli anni.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tararà si strinse nelle spalle e disse: - Ecco, Eccellenza.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mi stringe la mano e mi dice: - Quel povero signor Gerolamo! Che pena! Chiudo gli occhi e sospiro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi ha chiuso gli occhi ed ha aperto di nuovo le braccia, ma con un'altra espressione, stringendosi nelle spalle, come per significare: - È fatta cosí! Bisogna compatirla...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Belle cose, difatti, sono anche queste, per due fidanzati che se le dicono stringendosi le mani e guardandosi negli occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sentirai, - mi ripeté Tucci, stringendomi il braccio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ci andrò io, lascia fare! Il Bellone sghignò; poi, senza lasciargli il braccio, gli domandò: - Vuoi sapere che cosa sei? Sciaramè sorrise amaramente, stringendosi nelle spalle.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Piuttosto morire che lasciarlo! - Seguisti dunque tuo fratello? - Sí, sempre! E Sciaramè ebbe come un brivido lungo la schiena, e si strinse piú forte il petto con la mano, curvandosi vie piú.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non gli apparteneva? Ma ai morti non si sogliono passare, sulle lapidi, tante bugie, peggiori di questa? Là, le medaglie! Tutt'e sette sul cuore! Pum, pum, pum, il Navetta, con la sua gamba di legno, gli s'accostò, aggrondato; lo mirò un pezzo; poi si voltò ai compagni e disse, cupo: - Gli si levano? Il Bellone, che s'era ritratto con gli altri in fondo alla camera, presso la finestra, a confabulare, lo chiamò a sé con la mano, si strinse nelle spalle e confermò il pensiero di quei vicini, brontolando: - Lascia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E per l'angusta viuzza, ancora invasa dalle tenebre notturne, abbrividendo, si stringeva alla vecchia serva e, arrivato alla piazzetta della chiesa, alzava gli occhi al campanile, e allo sgomento misterioso che gliene veniva, non meno misterioso rispondeva il conforto che, appena entrato nella chiesa, gli veniva dai ceri placidi accesi sull'altare, nella frescura dell'ombra solenne insaporata d'incenso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E il padre beneficiale Fioríca, vedendosi davanti spalancati e intenti quegli occhioni fervidi nel visetto pallido e ardito, tremava di commozione per la grazia che Dio gli concedeva di bearsi di quel meraviglioso fiorire della fede in quella candida anima infantile; e quando, sul piú bello di quei racconti, Guiduccio, non riuscendo piú a contenere l'interna esaltazione, gli buttava le braccia al collo e gli si stringeva al petto, fremente, ne provava tale gaudio e insieme tale sgomento, che si sentiva quasi schiantar l'anima, e piangendo e premendo le mani sulle terga del bimbo, esclamava: - Oh figlio mio! E che vorrà Dio da te? Ma sí! Il diavolo stava intanto in agguato dietro il seggiolone su cui il padre beneficiale Fioríca sedeva con Guiduccio sulle ginocchia; e il padre beneficiale Fioríca, al solito, non se n'accorgeva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La strinse piano piano a sé, teneramente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le due donne si strinsero vieppiú tra loro; poi, vedendogli sollevare una mano e far cenno di parlare, scapparono via con un grido, a richiudersi in cucina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma, intanto, baciava e stringeva il guanciale del lettuccio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si strinsero la mano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Qua? - pensava il Cleen, - qua, tutta la vita? E si sentiva stringere la gola sempre piú da un nodo di pianto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non ragionava piú! Ah, partire, fuggire coi suoi compagni, parlare di nuovo la sua lingua, sentirsi in patria, lí, sul suo piroscafo - eccolo! grande! bello! - fuggire da quell'esilio, da quella morte! - Si buttò tra le braccia del cognato, se lo strinse a sé fin quasi a soffocarlo, scoppiando irresistibilmente in un pianto dirotto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E subito il signore: - C'è un medico? Ma quegli, avvertendo sulla faccia e sulle mani il gelo di fuori, dà indietro, alza le braccia, stringe le pugna e comincia a stropicciarsi gli occhi, sbadigliando: - A quest'ora? Poi, per interrompere le proteste dell'avventore, il quale - ma sí, Dio mio, sí - tutta quella furia, sí, con ragione: chi dice di no? - ma dovrebbe pure compatire chi a quell'ora ha anche ragione d'aver sonno - ecco, ecco, si toglie le mani dagli occhi e prima di tutto gli fa cenno d'aspettare; poi, di seguirlo dietro il banco, nel laboratorio della farmacia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dottore! dottore! Il dottor Mangoni muggisce dentro la barbaccia arruffata che gl'invade quasi fin sotto gli occhi le guance; poi stringe le pugna sul petto e alza i gomiti per stirarsi; infine si pone a sedere, curvo, con gli occhi ancora chiusi sotto le sopracciglia spioventi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nello spasimo di quella storta al piede, trovandosi col sacco dell'ossigeno in mano, gli viene la tentazione di scaraventarlo alle spalle di quel signore; ma lo posa per terra, si ferma, si appoggia con una mano al muro, e con l'altra, tirato sú il piede, se lo stringe forte alla noce, provandosi a muoverlo in qua e in là, col volto tutto strizzato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mobili piú che decenti, tutte le comodità, guardaroba ben fornito, dispensa abbondantemente provvista, eh sí, sfido! Con tutto questo gran lavoro della mammina infaticabile; ma che tristezza anche, e che silenzio in quella casa! Cesarino, ripensandoci dal collegio, se ne sentiva ancora stringere il cuore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- balbettò, piú incuriosito quasi sulle prime, che atterrito da quella vista, stringendosi nelle spalle e protendendo il collo a guardare come fanno i miopi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se lo strinse al petto, pianse con lui, gli disse che quella sera stessa sarebbe venuto a trovarlo a casa e, sperava, con una buona notizia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Aspettando la cena, lí seduto sul balconcino, nell'ultima luce fredda del crepuscolo, guardando (senza neppur forse vederla) la fetta di luna già accesa nel cielo scialbo e vano; poi abbassando gli occhi sulla sudicia stradicciuola deserta costeggiata da una parte da una siepe secca e polverosa a riparo degli orti, si sentiva invader l'anima, in quella stanchezza, da uno squallore angoscioso; ma non appena il pianto accennava di pungergli gli occhi, serrava i denti, stringeva nel pugno la bacchetta di ferro della ringhiera, appuntava lo sguardo all'unico fanale della stradicciuola, a cui i monellacci avevano fracassato a sassate due vetri, e si metteva a pensar cose cattive, apposta, contro gli scolaretti del convitto, anche contro il Direttore, ora che non sentiva piú di poter essere come prima fiducioso con lui, avendo capito che gli faceva il bene, sí, ma quasi piú per sé, per il compiacimento di sentirsi, lui, buono; il che gli dava adesso, nel riceverne quel bene, come un impiccio d'umiliazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gli pareva ora di sentirsi frustato dal dileggio di quelli: "Verginello! Verginello!", e tornava a stringere nel pugno la bacchetta della ringhiera e a serrare i denti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cesarino si stringeva nelle spalle.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Oh cuore mio! - esclamò questa, stringendosi al seno Ninní.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E io, signorino? Questa povera Rosa? Cesarino, per non risponderle direttamente, si tolse in braccio il piccino, se lo strinse al petto, e, piangendo, cominciò a dirgli: - La povera Rosa, Ninní? Insieme con noi anche lei? Non è giusto! Non si può! Le lasceremo tutto, alla povera Rosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cesarino, questa volta, se le lasciò strappare; chiuse gli occhi e si strinse il bimbo al petto: - Quieto, ora, Ninní, quieto...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Avrà finto, - disse il medico stringendosi nelle spalle.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tutti domandano al professor Corvara Amidei come faccia a andar d'accordo con quella bufera d'uomo che è il professor Dolfo Dolfi; egli si stringe nelle spalle; apre le mani e abbozza un sorriso squallido, socchiudendo gli occhi; perché con quella domanda - è facile intenderlo - la gente vorrebbe farlo capace della sua imbecillità.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E va bene! - sospira il professor Corvara Amidei, stringendosi nelle spalle, allungando il collo e socchiudendo gli occhi dietro le lenti doppie, da miope, che pajono due fondi di bottiglia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quand'egli viene a saperlo, si stringe nelle spalle, sorridente, allunga il collo, socchiude gli occhi, è proprio lí lí per sospirar...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sentendo questi discorsi, il professor Corvara Amidei si stringeva nelle spalle, protendeva il collo, socchiudeva gli occhi e ripeteva ancora una volta: - E va bene! Certi giorni, all'uscita dal Ministero, lo attendevano don Melchiorre Spanu di qua, sui gradini di Santa Maria della Minerva, la moglie di là, appoggiata maestosamente alla ringhiera del Pantheon.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando fu pronto, Cosmo Antonio Corvara Amidei si strinse nelle spalle, si provò pian piano a protendere il collo, e socchiudendo gli occhi, sospirò ancora una volta: - E va bene! III.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Satanina sta affacciata a quella finestra e parla sottovoce con qualcuno giú! Come! Con chi? Ah, spudorata! Ancora? Cosmo Antonio Corvara Amidei si stringe in sé, felinamente, le si accosta, senza fare il minimo rumore, e - quando le sente dire all'ufficiale che sta lí sotto: "No, Gigino, stasera no: non è possibile.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si volge verso la folla, ammiccando e scoprendo nella contrazione del volto, i denti gialli; si stringe nelle spalle, protende il collo, ma l'angoscia gli serra troppo la gola, e non può ripetere anche questa volta: - E va bene! IL GIARDINETTO LASSÚ I Che voleva dirmi? L'affanno cresciuto non dava adito alle parole, che volevano certo esser aspre, a giudicare dagli sguardi e dai gesti con cui, tossendo, cercava di farmi comprendere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- A chi lo lascio? Se lo strinse al seno; si mise a piangere di nuovo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tentò di muovergliene il discorso, dichiarandole che teneva a disposizione di lei il danaro che la suocera aveva rifiutato; ma Annicchia le rispose: - E che vuole che me ne faccia piú, oramai? Non ho piú che questo qua, ora! E si strinse al seno Nònida, ch'era tornato a lei e le dimostrava lo stesso amore, quantunque divezzato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Questi si strinse nelle spalle e, tanto per dire qualcosa, indicando certi segni esteriori attorno alla ferita, diede alcune spiegazioni affatto inutili.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quand'ebbe pianto, cosí, un pezzo, aprí le braccia, si strinse nelle spalle e fece per parlare; ma, sentendo che la voce gli usciva ancora grossa di pianto, s'addentò una mano; strizzò gli occhi; ricacciò indietro violentemente le lagrime.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che bella cosa! Rise e si stirò a lungo, prima da una parte, poi dall'altra, le due bande della barba; ma infine se le strinse tutt'e due nel pugno e rimase a pensare, con gli occhi vividi, ilari, parlanti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il vecchio strinse le pugna, impallidí, mormorò: - Questo fa il vescovo? - Questo e piú, - rispose il campiere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Falci si strinse nelle spalle, sorrise.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No! No! Si strinse tutta in sé, dal ribrezzo, dalla nausea.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Egli la attendeva, seduto, con le braccia aperte; la strinse, forte, forte a sé, gridando la sua felicità e che per lei soltanto voleva riacquistar la vista, per vedere la sua cara, la sua bella, la sua dolce sposa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma quand'egli, ebbro, la strinse e minacciò di non lasciarla piú, in quel momento, ella si sciolse, si rizzò, fiera come d'una vittoria di fronte a sé stessa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E si stringeva nelle spallucce, socchiudendo i grossi occhi ovati nel visetto olivigno, e stirava penosamente il magro collo per spingere sú e sú, dall'angustia delle spalle cosí ristrette, la punta del piccolo mento aguzzo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La vita? Eh già, proprio quella, la vita: una vergogna da non potersi nemmeno confessare; una miseria da compatire cosí, stringendo le spalle e socchiudendo gli occhi, o spingendo sú sú il mento come fosse anche un ben duro e amaro boccone da ingozzare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E stringe, come ad averne la prova, tra le dita della mano affondata nella tasca dei calzoni quel logoro biglietto da cento lire ripiegato in quattro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si sente stringere il cuore, pensando ch'egli s'è ridotto a vivere in una casa come quella; e l'angoscia e insieme il ribrezzo le crescono, appena gli occhi cominciano a distinguere la miseria, il disordine, la sporcizia...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Per miracolo non bestemmia, il padre, soffocato dalle braccine di quella brutta Rosina, che gli si stringono sempre piú al collo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Seguita da quelle e preceduta da Ballarò, col fagotto delle molte sottane tirato sú a mezza gamba, si lasciò andare traballando patonfia per la scala del palazzo; e per un tratto, scordandosi di riabbassar quelle sottane, attraversò le vie della città con gli sconci polpacci delle gambe scoperti, le calze turchine di cotone grosso e le scarpe con gli elastici sfiancati, il busto strappato e le poppe sobbalzanti alla vista di tutti; mentre, stringendo nel pugno la medaglina, seguitava a gemere col vocione da maschio: - San Francescuccio di Paola, santo padruccio mio protettore, cento torce alla vostra chiesa! fatemi la grazia, non me lo fate morire! Ballarò, battistrada, alleggerito ora dal peso della notizia, quasi rideva, da quello scemo che era, per la soddisfazione d'essere uno di casa, in una congiuntura come quella, che attirava la curiosità della gente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Bellavita strinse tra i denti il labbro per impedire uno scoppio di singhiozzi, ma le lagrime gli piovvero dagli occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Tu sei rimasta sola, figliuola mia, e devi ajutarti da te! Lo capisci che devi ajutarti da te? Ora, sí, ora! Prendere tutto il tuo coraggio a due mani: stringere i denti e far quello che ti dico io! - Che cosa, professore? - Niente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- La prego di credere, Eccellenza! E nel dire Eccellenza stringe gli occhi Quaquèo, come se assaporasse un liquore prelibato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Movendo gli occhi, scorse la serva, si voltò a guardar l'infermo; andò a sedere presso un tavolinetto, su cui appoggiò i gomiti, stringendosi la testa tra le mani.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se la strinse al petto; le sussurrò tra i capelli: - Sei libera.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E uscí dalla pagoda; scese per il viale; svoltò; appena si vide solo, nascosto, si fermò, strinse le pugna e contrasse tutto il volto in uno spasimo di riso: - Gliel'ho pagata io...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Io ricordo quando ero ragazzo , se uno mi permetteva di stringergli il dito mignolo io gli torcevo tutta la mano .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ella lo riconobbe subito agli occhi , occhi grandi a mandorla , d'un azzurro verdognolo ; erano ben gli occhi dei Pintor , ma il suo turbamento aumentò quando lo straniero balzato sugli scalini del portone la strinse forte fra le sue braccia dure .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Grixenda depose la secchia sul sedile , e si gettò sopra il bambino che le sorrideva dal giaciglio agitando le gambine in aria e tentando di afferrarsele con le manine sporche: gli baciò le cosce , affondando le labbra nella carne tenera ove i solchi segnavano striscioline rosee e viola ; lo sollevò in alto , lo riabbassò fino a terra , lo sollevò ancora , lo fece ridere , lo portò fuori stringendoselo forte al petto .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Hai la febbre !Giacinto ingoiò le pastiglie e senza sollevarsi si strinse la testa fra le mani .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
E quelli son ricchi: sono i re del petrolio , del rame , delle conserve ! Chi sono io , al loro confronto ? E le donne ? Le principesse russe , le americane , chi sposano ? Non s'innamorano di poveri artisti e persino dei loro cocchieri e dei loro servi ? Ma tu che cosa puoi sapere ? Efix stringeva fra le mani un pezzo di pane e gli sembrava di stringere il suo cuore tormentato dai ricordi .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ma Giacinto stringeva la lettera fra le palme delle mani e scuoteva la testa .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ma Noemi disse con voce amara , stringendo lentamente i pugni e stendendoli verso Efix: — Dacché è venuto non ha fatto altro che mancarci di rispetto .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ohuff ! — sbuffò Giacinto appoggiando i gomiti al tavolino per stringersi la testa fra le mani ; e come la sua spalla tremava , don Predu gliela guardò , sbiancandosi lievemente in viso ; e quella spalla convulsa parve dargli tale noia che si alzò e vi posò la mano dicendo: — Usciamo , andiamo a prendere il fresco .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Giacinto le stringeva la mano e la festa intorno , nel cortile , nel mondo , era per loro . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ruth , Ruth ? — chiamò sottovoce , curva su lei , stringendole gli omeri .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ma d'improvviso tutto tacque: poi s'udirono passi , risuonarono voci ; il cortile fu pieno di gente: Noemi vide accanto a sé il ragazzo col viso pallido e i grandi occhi spalancati , che si stringeva al petto la fisarmonica come per difendersi da qualche assalto , e gli disse all'orecchio: — Corri ; va' a chiamare Efix .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
La spalla di Giacinto cominciò a tremare ; tremò anche il suo labbro inferiore , ma egli se lo morsicò rabbiosamente , e strinse e riaprí i pugni quasi volesse prendere e buttar via qualche cosa .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Giacinto non dimenticò mai gli occhi di Efix in quel momento ; occhi che pareva implorassero dalla profondità di un abisso , mentre la mano che stringeva la sua lo tirava giú verso terra e il corpo del servo si piegava e cadeva lentamente .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ella cuciva: egli aveva sollevato le ginocchia e si stringeva in mezzo le mani giunte .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Allora Efix ricordò la festa del Rimedio , Natòlia e Grixenda che ballavano stringendosi in mezzo lo straniero ; e un dolore cocente lo punse , ma col dolore un intenso desiderio di fare qualche cosa contro il destino .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix lo sentiva ansare lievemente , come colto da malessere , e a sua volta , mentre si stringeva il braccio che gli ardeva per la stretta , respirò con angoscia .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Credo che abbiano litigato perché venne fuori con gli occhi rossi , come avesse pianto ; Grixenda lo guardava e rideva , ma stringeva i denti .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Sulle prime non seppero cosa dirsi: egli stringeva a sé la bisaccia e chinava la testa vergognoso ; ella si levò gli occhiali , li chiuse fra lepagine del libro , parve volesse appoggiarsi al fianco del servo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Spero che noi siamo piú pulite ! — disse , stringendogli il braccio .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Egli in quel momento, preso da uno degl’impeti suoi che me lo rendevano terribile e caro, mi strinse il braccio di forza. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Mi stringevo più e più con l’anima alla mia compagna; e lavoravo con seco dalla mattina alla sera: e perché non occupata io dalle faccende di casa, facevo più, e n’ero lieta. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Se mai te n’avanza, ricordati di me poveretta." Ella, stringendo il mio capo al suo seno: "Per il tuo campamento non temere, temi per il cuor tuo, povera Maria." Questa parola parve che mi pungesse: ma poi quante volte la mi venne a mente, e con quanta tenerezza! Mi trovai due stanzine allegre a un quinto piano, in via dell’Este; che davano sul giardino del Lussemburgo, e dominavano il grigio de’ tetti e il verde de’ campi; fuor di Parigi perché più su di Parigi. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma se mai..." "A me piuttosto che ad altri: me lo promette?" "Sì, ve lo prometto; e vi stringo la mano; e vorrei potervi mostrare il cuor mio." "Ci voglia bene: ecco fatto. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma sfortunata! Glie la raccomando." Quest’ultima parola commosse più di tutte Giovanni, che gli strinse la mano, movendo le labbra e senza parola.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Maria strinse a questo la mano, guardandolo con pieno affetto, e nel baciare Rosa, le disse: sorella mia. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Parevagli d’abbracciare una donna condannata a morire, e la stringeva a sé come per rattenere l’angelo suo fuggente. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli in vederla così, si sentì stringere il cuore; e non sapeva da che parte farsi per prepararla. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma dite, com’è seguito? con chi?" Gliene disse: Maria rimaneva abbattuta guardandolo con occhi erranti senza quasi vederlo né udirlo: ed egli seguiva: "Il tempo stringe. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli si strinse nelle spalle, fece con la mano un brusco atto di comando, e discese verso il battello. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Suo marito picchiava impaziente sul tavolino, il curatone palpava con un sorriso beato le proprie carte, e lei si stringeva le sue al petto, ridendo e gemendo, sbirciando ora l'uno ora l'altro de' suoi compagni. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Pasotti si strinse nelle spalle. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Appena uscita la nonna, gittò via il foglio, strinse i pugni, si sfogò senza parole, con un furibondo sbuffo, e saltò in piedi, dicendo forte: «Ah, meglio, meglio, meglio! Meglio così», fremeva in sé «meglio non condurla mai, la mia Luisa, in questa maledetta casa, meglio non farle soffrir mai questo impero, questa superbia, questa voce, questo viso, meglio viver di pane e d'acqua e aspettar il resto da qualunque lavoro cane, piuttosto che dalle mani della nonna: meglio far l'ortolano, maledetto sia, far il barcaiuolo, far il carbonaio!» Salì nella sua camera, risoluto di romperla con tutti i riguardi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
A Castello, le case che si serrano in fila sul ciglio tortuoso del monte a godersi il sole e la veduta del lago in profondo, tutte bianche e ridenti verso l'aperto, tutte scure verso quell'altra disgraziata fila di case che si attrista dietro a loro, somigliano certi fortunati del mondo che di fronte alla miseria troppo vicina prendono un sussiego ostile, si stringono l'uno all'altro, si aiutano a tenerla indietro. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli le prese le mani, gliele strinse trattenendo a fatica il pianto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Diamine! Don Franco era certamente andato in casa Rigey con fini onestissimi e… «Pécia, pécia, pécia!», fece sottovoce, frettolosamente, don Giuseppe curvandosi tutto sul parapetto, stringendo la canna della lenza e ficcando gli occhi nell'acqua come se un pesce fosse per abboccare. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si fermò, si eresse, stringendo i pugni; e il suo bel viso intelligente spirò una fierezza tale che se la vecchia signora di marmo l'avesse realmente veduta, realmente incontrata in quel punto, si sarebbe senz'altro, piegata no, impaurita no, ma posta in difesa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Senta senta senta», fece il Commissario coprendosi la fronte e stringendosi le tempie colla mano sinistra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il Biancòn strinse forte la bacchetta tenendo il fiato. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Forse, se potesse veder Maria!» Luisa si strinse al petto la bambina e lo guardò con una fierezza tale ch'egli si smarrì e disse: «Scusi». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Maria, stretta così forte, alzò gli occhi al viso strano della mamma, diventò rossa rossa, strinse le labbra, pianse due grosse lagrime, scoppiò in singhiozzi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Volete altro?» Franco abbracciò di slancio, con un singulto, i suoi amici I tre stettero abbracciati in silenzio, palpitando, stringendosi forte, nella ebbrezza della magica parola: guerra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Strinse egli pure le tempie di lei fra le mani, le baciò, le ribaciò i capelli e disse dolcemente: «Cara, pensa che gran cosa, dopo, questa Italia!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco lesse, si strinse nelle spalle e intascò la carta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa si alzò, andò ad aprire le imposte, si voltò a guardar sorridendo suo marito nella luce; gli stese la mano ch'egli strinse e scosse col cuore caldo e la lingua impedita. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Quegli la guardò, si strinse nelle spalle e passò oltre, seguito dagli altri. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Sua moglie, quando vide il cassetto aperto, gli sedette accanto, gli prese e gli strinse una mano spasmodicamente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'aggiunto si strinse nelle spalle e ripeté a Franco: «Dentro un quarto d'ora. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si cercarono con le braccia avide, si afferrarono, si strinsero, non parlarono più. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco aveva trasporti di passione per essa, l'afferrava all'impensata, la stringeva, la divorava di baci ed ella allora gittava il capo all'indietro puntando una manina sul viso di suo padre e guardandolo scura come se qualche cosa in lui le fosse straniero e ripugnante. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli passò anzi nel cervello, come una lama rapida e fredda, il pensiero che questo latente antagonismo fra le idee di sua moglie e le sue avesse un giorno o l'altro a scoppiare in qualche doloroso modo e se la strinse atterrito nelle braccia come per difender sé e lei contro i fantasmi della propria mente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Era un'ora di tanta bellezza, di tanta pace da stringere il cuore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Quelle due mani, stringendosi furtivamente, parlavano di un prossimo avvenimento, di una risoluzione grave che conveniva tener segreta e che non ancora era presa in modo irrevocabile. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli pareva già di essere partito e che lo cercasse, che piangesse, e allora gli correva nelle braccia un desiderio di stringerla forte, fermato subito dal timor di destarla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Allora suo marito le passò un braccio al collo, la strinse a sé, protestando contro parole che ella non aveva dette: «Oh Luisa, Luisa!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non potendo parlare, afferrò il capo di Luisa, se lo strinse sul petto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa lo ascoltò sino alla fine, poi fece «ah!» e si strinse forte forte il viso fra le mani. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Ho fatto male, signora Luisina?» «Altro che male! Malissimo! Mi scusi, sa, Lei ha avuto l'aria di andare a proporre una transazione, un mercato! E la marchesa crederà che siamo d'accordo! Ah!» Ella strinse e scosse le mani congiunte come se avesse voluto rimaneggiarvi, rimpastarvi dentro una testa professorale più quadra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Allora fu lei che si atterrì, fu lei che lo strinse disperatamente fra le braccia singhiozzando «ma no! ma no! ma no!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poi sedette, piantò i gomiti sulla tavola, si strinse il capo fra le mani. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«No», supplicò straziata, «dimmi che mi credi, dimmelo subito subito perché altrimenti tu non sai, tu non sai!» «Cosa, non so?» «Tu non sai come sono io che ti amerò ancora ma non vorrò più essere moglie per te, che potrò soffrir tanto ma non cambiare, mai più! Capisci cosa vuol dire mai più?» Egli la trasse a sé, la sottile persona ansante, le strinse le mani da rompergliele e disse con voce soffocata: «Ti crederò, sì, ti crederò». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco se la strinse in braccio, la coperse di baci, la chetò, la ripose nel letticciuolo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non sapeva che sei a Torino e al solo nome di Torino mi afferrò e mi strinse le mani come se la moglie d'uno ch'è a Torino fosse già una specie di eroina. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli si strinse nelle spalle e se n'andò. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa si alzò, si voltò a guardar verso Cressogno stringendo il pugno. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Solo quando guardavano Ester si stringevano, si velavano di una tenerezza pia, come se il professore avesse avuto paura d'incenerire la diletta saettandole addosso senza precauzioni tutto il fuoco dell'anima. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Esser guardata a quel modo non piaceva a Ester; e Luisa, la consigliera del professore, ebbe il coraggio di dirgli che non bisognava guardar la sua fidanzata stringendo gli occhi come fanno i cani affettuosi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Discendeva lenta lenta, con l'ombrello chiuso, stringendone forte il manico, come fosse stato la impugnatura d'un'arma. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa era seduta sul letto con la sua bambina morta in braccio, la stringeva, la baciava sul viso e sul collo, gemeva, premendovi su le labbra, gemiti lunghi, inesprimibili. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Tutto è stato fatto quel che si poteva fare, adesso vieni con me, non star più qui, vieni con me.» «Zio zio zio», fece Luisa con una voce grossa di tenerezza, senza guardarlo, stringendosi il cadavere sul seno, cullandolo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si lasciò sdrucciolare dal letto a terra si avviò verso lo zio stringendosi al petto col braccio sinistro la sua dolce morta, passò l'altro al collo del vecchio, gli sussurrò: «un bacio, un bacio, un bacio alla tua Ombretta, un bacio solo, uno solo». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella indietreggiò cupa, stringendosi la sua morta sul seno. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si alzò in piedi, giunse e strinse le mani in uno sforzo muto di preghiera. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco, che stava bocconi, all'udir «tre anni e un mese», l'età di Maria, si alzò sulle braccia stringendo l'erba convulsivamente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli si alzò, tutto vibrante di una commozione senza nome, si chinò sopra di lei, la raccolse da terra, non renitente né abbandonantesi, con mani risolute e riguardose, se la collocò vicina sulla dormeuse, le cinse con un braccio le spalle, la strinse a sé, le parlò sui capelli, bagnandoli di poche lagrime ardenti che a quando a quando gli rompevan la voce: «Povera Luisa mia, no, non l'hai uccisa tu. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Balzò improvvisamente in piedi stringendosi le tempie fra le mani, piantò in viso al professore due occhi dove non erano lagrime ma invece una luce sinistra di corruccio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa prese la mano di suo marito, gliela strinse in silenzio, non con la stretta d'un'amante, ma pure abbastanza forte per significargli ch'era una commossa risposta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ti ricordi che nella discesa t'ho dato il braccio e che c'era chiaro di luna?» «Sì.» «E ti ricordi che ho fatto uno sdrucciolone prima di arrivare al ponte e che tu mi hai detto: "Caro signore, tocca a Lei di sostenere me"?» Luisa non rispose, gli strinse la mano. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«E non vuoi che desideri di morire io, quando posso morir bene, per il mio paese?» Luisa gli stringeva il braccio senza parlare. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non si sa mai, potrebbero cadere in mano ai croati.» Ella inorridì, tremò, esitò un istante, gli si gettò al collo, glielo strinse da soffocarlo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Berecche alla fine balza in piedi, soffocato, e si butta arrangolando sulla moglie; se la stringe tra le braccia, china di nuovo il viso sul capo di lei, e tutt’e due ora così stretti piangono forte, sussultando.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
Berecche comprende che no, neanche quello può vedere Margheritina, la sua animuccia cara; e se la stringe al petto piú forte.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
Torna a stringersi forte al petto la sua cechina sempre chiusa nel suo silenzio nero; mormora:
---------------
* Alto, asciutto, rigido e preciso come un inglese, coi baffetti ancora biondi e i capelli già canuti, fitti, corti corti, si dava l'aria di esercitar la professione tanto per fare qualche cosa; vestiva con ricca e semplice eleganza e portava sempre un paio di splendidi gambali di cuoio, di cui pareva ogni volta si dimenticasse apposta a casa d'affibbiar qualche stringa, per affibbiarsela fuori, per istrada o nelle visite, e richiamar così su essi l'attenzione. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Il pianto, allora, che nella cameretta del bimbo le era venuto agli occhi se non propriamente sforzato, quasi strappato dalla violenza di quella vista, qua le sgorgò spontaneo e impetuoso: qua si sentì lacerare il cuore dai ricordi vivi della sua creaturina, qua si risentì madre veramente, col cuore d'allora, quando la bàlia ogni mattina le recava a lato il piccino roseo ignudo levato or ora dal bagno, ed ella, stringendoselo al seno, pensava che presto le sarebbe toccato di separarsi da lui... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* - Hai veduto? hai veduto? - le singhiozzava intanto Giustino sul seno, stringendola sempre più. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Parlava con accento nasale e rideva anche col naso, giacché ogni volta, come si vergognasse di ridere, stringeva le labbra. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ricordo che una volta, scappando via al solito su le furie, s’imbatté in me per una delle stanze abbandonate; m’afferrò per il mento, me lo strinse forte forte con le dita, dicendomi: – Bellino! bellino! bellino! – e accostandomi, man mano che diceva, sempre più il volto al volto, con gli occhi negli occhi, finché poi emise una specie di grugnito e mi lasciò, ruggendo tra i denti:
---------------
* Mino allora tornava ad appiccicarsi a me; e il padre a stringer la bocca al sacchetto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Non mi parve, dall’aria con cui mi salutò, che Marianna Dondi, vedova Pescatore, accogliesse con molto piacere l’annunzio d’una mia seconda visita: mi porse appena la mano: gelida mano, secca, nodosa, gialliccia; e abbassò gli occhi e strinse le labbra. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma ella si strinse la carta contro il seno:
---------------
* Nel raccapriccio istintivo, incrociai le braccia sul petto e con le mani mi palpai, mi strinsi:
---------------
* Se non che, a un certo punto, mi cadde lo sguardo su l’anellino di fede che mi stringeva ancora l’anulare della mano sinistra. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ne ricevetti una scossa violentissima: strizzai gli occhi e mi strinsi la mano con l’altra mano, tentando di strapparmi quel cerchietto d’oro, così, di nascosto, per non vederlo più. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E più le sue domande mi stringevano, e io con le mie risposte m’allontanavo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma come l’ometto mio seppe ch’ero nato in Argentina, balzò dalla sedia e venne a stringermi calorosamente la mano:
---------------
Mi strinsi ne le spalle:
---------------
* Chinò gli occhi e si strinse un po’ il labbro tra i denti. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Mi strinsi ne le spalle e gli risposi:
---------------
* A poco a poco, superati gli scogli delle prime domande imbarazzanti, scansandone alcuni coi remi della menzogna, che mi servivan da leva e da puntello, aggrappandomi, quasi con tutte e due le mani, a quelli che mi stringevano più da presso, per girarli pian piano, prudentemente, la barchetta della mia finzione poté alla fine filare al largo e issar la vela della fantasia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Sentendo proferire il nome di Adriana con quel tono, strinsi le pugna e sentii frizzarmi il sangue per le vene. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* In preda a un’ansia smaniosa, attesi, curvo, stringendomi forte con le mani i ginocchi, che Adriana si facesse al terrazzino. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Felicissimo! Fortunatissimo! – esclamò quegli, scoprendosi, strisciando una riverenza, e stringendomi calorosamente la mano. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Innanzi all’uscio della mia camera Adriana mi strinse forte la mano, come finora non aveva mai fatto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Non saprei, – risposi, stringendomi ne le spalle. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Perché? – e strinse le pugna. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Quegli chiuse gli occhi, alzò come un orso una zampa e la tenne un tratto sospesa, aspettando che io gliela stringessi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Colui si strinse nelle spalle e stirò in sù la bocca:
---------------
Io strinsi forte, forte, forte, la mano di Adriana fino a farle male, appena ella venne a prender posto accanto a me. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Contemporaneamente la signorina Caporale mi stringeva l’altra mano, come per domandarmi: «È contento così?». ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Per rispettare il suo timore, non gliela strinsi in prima; pian piano, gradatamente, gliela premetti, come per infonderle calore, e, col calore, la fiducia che tutto adesso sarebbe proceduto tranquillamente. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Sì! – esclamai subito, denunciando il fenomeno; e strinsi la mano d’Adriana. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E che dire? Io già parlavo da un pezzo con la mano d’Adriana, e non pensavo, ahimè, non pensavo più a nulla! Tenevo a quella manina un lungo discorso intenso, stringente, e pur carezzevole, che essa ascoltava tremante e abbandonata; già! l’avevo costretta a cedermi le dita, a intrecciarle con le mie. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Troppe cose, senza parlare, le avevo detto, stringendole la mano, inducendola a intrecciar con le mie le sue dita; e un bacio, un bacio infine aveva suggellato il nostro amore. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Me la strinsi fra le braccia: non pensai più al denaro rubato, vedendola soffrire così, smaniare, disperata: e le promisi che avrei fatto com’ella voleva purché si calmasse. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
La signorina Caporale si strinse ne le spalle. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Frattanto, ecco, nella tasca del mio pastrano palpavo, stringevo con le dita irrequiete qualcosa che non riuscivo a capir che fosse. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi premetti forte le mani sul volto, sentendomi stringere il cuore d’angoscia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Non potei, lì per lì, rispondere: mi strinsi le pugna al petto, come per impedir che il cuore mi balzasse fuori. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Romilda si strinse nelle spalle, guardò Pomino, sorrise nervosamente: poi, riabbassando gli occhi e guardandosi le mani:
---------------
* In quella livida luce dell’alba, sentii stringermi la gola da un nodo di pianto inatteso, e guardai Pomino odiosamente. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Mi stringo nelle spalle, socchiudo gli occhi e gli rispondo:
---------------
* E mi si stringe il cuore ripensando a tutti quei giorni smorti , a quegli anni infiniti ; a quella vita rinchiusa , a quella mestizia senza motivi ; a quella nostalgia incancellabile di altri cieli e d'altri camerati . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Quando venne me lo strinsi sotto il braccio ed entrai tutto vergognoso e in punta di piedi nella gran sala di lettura . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E quando passerò io tutti mi guarderanno e le belle donne avranno uno sguardo anche per me e le ragazze ridenti mi vorranno accanto e mi stringeranno tremando le mani e gli uomini seri si leveranno il cappello e lo terranno ben alto sopra il loro capo quando passerò io , io in persona , il grande , il genio , Teroe » . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non mi restava che il pensiero : sempre m' era piaciuto generalizzare , stringer rapporti tra fatti lontani , indovinar leggi , smontare e rimontar teorie . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E ci siamo anche noi due e siamo vivi tutti e due e sempre vicini ma i pazzi orgogli non ci fruUan più per la testa e quando passo dinanzi a' due neri fratelli abbasso il capo e — non so perché — mi si stringe il cuore . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Quasi ogni sera apparivano visi nuovi , tipi mai visti né conosciuti , e si dovevano stringere nuove mani e convincere e riscaldare nuovi seguaci . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E ognuno di quei giovani strinse la mia mano e il giornale fa decisivamente deciso . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Forse era il suggerimento del nome : ma ricordava a me la prosa del Tacito davanzatiano , sobria , stringata , semplice eppur sugosa , carnosa e polposa come quella del mio Macchiavelli . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Le manifestazioni ad uso degli altri , i veicoli di queste ambascerie spirituali , — le parole , le parole parlate , le parole scritte ; i fogli colle parole stampate ; i fogli colle figure ; i fogli che vengon fuori ogni tanto ; i fogli che si stringono in volume e fanno V opuscolo , il libro , l'opera — non sono che tentativi , brancolameli , spiragli , mormorii: lingue che si formano , che cominciano , che pochi intendono , che nessuno vuole studiare . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Essi mi davano quel cibo che solum è mio ; davan ragione a ogni mio istinto ; mi scotevano quando stavo per accasciarmi ; mi sorridevano dai morti occhi dei ritratti quando stringevo forte la mia penna nera fra le secche dita e inseguivo sulla carta , colla mia sbandata scrittura , l' intreccio di un' idea o il discorso d'un fantasma . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Credevo sul serio d' esser V unico spirito senza pregiudizi e paraocchi ; senza falsità , sciocchezze e bestialità in testa ; il solo capace di sbandire gli inganni e di buttar giù gli usurpatori ; di spopolare Y intero walhalla dei vecchi dei e degli idoli moderni ; di spogliare ogni cosa , ogni idea , ogni persoaa dai ruffianeschi veli dell' abitudine , del comodo e della convenzione ; e di liberare l'umanità da tutte le obbrobriose servitù mentali che la stringono e l' impastoiano . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ho fatto anch' io le mie brave dichiarazioni con la voce tremante e stringendo le piccole mani , tentando di baciare prirna del tempo la bocca dàlia quale aspettavo il languido si ; sono stato anch' io sotto le finestre di lei , nei mattini pazzi di sole e ne' crepuscoli nebbiosi , ad aspettare il cenno di una mano , il moto di una tendina , l'apparizione di un lume o di un fazzoletto ; ho scritto anch' io centinaia di lettere liricamente e disperatamente invocanti e celebranti , suggellate in fondo dall'eterna e vana parola degli amanti : sempre ; ed ho stretto al mio petto altri petti ; e ho baciato più d'una bocca e ho fatto chiuder molti occhi con le mie carezze ; ed ogni strada fuori di mano mi ricorda un nome , un fiore , una parola — un nome che ora non dico più ; un fiore che sta secco e stiacciato dentro un libro messo da parte ; una parola che vorrei dimenticare . . . . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Quando il sole fu bianco come la luna nel cielo che sembrava più vasto e più nero e la terra si disseccò come un frutto dimenticato , gli uomini si nascosero nelle caverne e nelle catacombe , più vicini ai loro morti , e si strinsero assieme come le pecore all' appressar dell' inverno . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Oh s' io potessi veramente trovarmi accanto a coloro , e fossero anche tre o sette o dieci soH , che leggono con tutta l'anima , e non cogli occhi soli , che vivono collo scrittore e gli voghon bene come a un fratello anche se non T hanno mai visto ; che sognano di lui , che parlano di lui fra di loro nelle malinconiche passeggiate della domenica , e si nutrono del suo pensiero , si ubriacano della sua poesia , tremano per la sua sorte e aspettano una sua parola come i profeti aspettano la rivelazione d' Iddio , allora si eh* io sarei fé — 219 — lìce , allora mi sentirei compensato del silenzio passato e dell'insulso chiasso presente ! Potessi stringere al petto te , o giovane , pallido , triste , sconsolato e innamorato lettore unico e primo , a cui ho scoperto , io solo e prima di tutti , l'amaro sapore della grandezza e la gioia febbricitante della poesia ! Un tuo sorriso , un battito più forte del tuo cuore , un tuo sguardo ampio e felice , un tuo sogno agitato sarebbero per me regali più soavi e sostanziosi di tutto il ciarlio pappagallesco e di tutte le corone di foglio dorato . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Come farò a conoscer me stesso se non so ritrovarmi in questa moltitudine di umanità che mi stringe e penetra da tutte le parti ? E come arriverò ad esser veramente me stesso se non mi so riconoscere , se non so quale sia il centro irriducibile , Tultimo residuo della mia personalità ? Io non cerco un uomo , non cerco l'Uomo : voglio me stesso , unicamente me stesso . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Con fatica egli si strinse nelle grosse spalle:
---------------
* – Mi strinse la mano per congedarsi e se ne andò ballonzolando .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Stringendogli la mano , disse a Guido che lo aspettava quella sera .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* – Si strinse nelle spalle in atto di dispregio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Gli strinsi la mano:
---------------
– Grazie , – mormorai stringendole la mano non piccola , ma modellata perfettamente .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Essa prese la mia mano e , rasserenata , la strinse .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Alberta , raggiante , mi strinse la mano:
---------------
* Infatti io baciavo e stringevo al seno la sorella di Ada ogni qualvolta ne avevo la possibilità .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Io gliela strinsi freddamente .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
E di nuovo mi strinse la mano .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* – Quand’è soddisfatto del mio comportamento , seccamente impartisce la sua approvazione , mi stringe leggermente la mano e se ne va .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Mi strinsi nelle spalle dall’impazienza , ma tuttavia la compiacqui .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Io gliela strinsi affettuosamente e le dissi:
---------------
abbracciare
= verbo trans. cingere e stringere con le braccia , per esprimere amore , affetto , o per trattenere qualcuno o qualcosa che vorrebbe o potrebbe sfuggire comprendere , contenere
---------------
accappiettare
= verbo trans. fermare , stringere qualcosa con piccoli cappi .
---------------
affibbiare
= verbo trans. congiungere o fermare insieme mediante fibbie , lacci , stringhe ecc .
---------------
aggrappare
= verbo trans. stringere , afferrare
---------------
allacciare
= verbo trans. stringere con lacci
---------------
alleare
= verbo trans. stringere con vincolo di alleanza allearsi
= verbo rifl. o rifl. rec . fare alleanza , unirsi in alleanza
---------------
ammanigliarsi
= verbo rifl. stringere relazioni di convenienza con persone importanti
---------------
annodare
= verbo trans. legare con uno o più nodi annodarsi un fazzoletto , la cravatta , metterseli al collo con un nodo stringere con un vincolo
---------------
assuccare
= verbo trans. tesare o stringere fortemente
---------------
attagliare
= verbo intr. stringere con tenaglie stringere con forza , serrare tormentare
---------------
avvincere
= avincere , verbo trans. stringere , legare
---------------
avvinghiare
= avvinchiare ,verbo trans. stringere , afferrare con forza
---------------
avviticchiare
= verbo trans. stringere intorno strettamente , come fanno i viticchi avviticchiarsi
= verbo rifl. o intr. pron . avvolgersi strettamente intorno
---------------
becchetto
= ciascuno dei due finimenti delle scarpe , forniti di buchi per passarvi le stringhe.
---------------
bolina non com. bulina , borina , burina ,
= cavo applicato all'orlo di una vela quadra per tesarla e farle così prendere quanto più vento possibile navigazione , andatura di bolina , la rotta di una nave a vela che stringa al massimo il vento , quasi risalendo contro di esso
---------------
bustino
= corpetto , armato di stecche , usato soprattutto in passato dalle donne per stringere i fianchiparte superiore di un abito femminile.
---------------
cacciavite
= attrezzo per stringere o allentare le viti
---------------
cerchiare
= verbo trans. stringere, tenere insieme con uno o più cerchi
---------------
cinghia tosc. cigna,
= striscia di cuoio, stoffa o tessuto elastico che serve per stringere, legare e sostenere
---------------
cinghiare tosc. cignare,
= verbo trans. stringere, legare con una cinghia
---------------
cinturare
= verbo trans. nel gioco del calcio, trattenere irregolarmente un avversario stringendolo con le braccia alla vita
---------------
conciso
= - discorso espresso con poche ma efficaci parole o di colui che si esprime brevemente, con stringatezza
---------------
dentaruolo
= o dentarolo - piccolo oggetto di gomma che si dà ai bambini da stringere tra le gengive .
---------------
distringere
= destringere e distrignere - verbo trans . stringere fortemente
---------------
fermacalzoni
= grossa molletta usata da colui che va in bicicletta per stringere alla caviglia la gamba dei calzoni , ed evitare così che si impiglino - o si sporchino .
---------------
fraternizzare
= verbo intr .
= stringere rapporti fraterni
---------------
gogna
= collare di ferro che si stringeva al collo dei condannati alla berlina
---------------
incappiare
= verbo transitivo , stringere con il cappio .
---------------
invitare
= verbo transitivo , stringere una vite
---------------
invitatura
= il fermare o lo stringere con viti
---------------
legare - ligare ,
= verbo tr . stringere , avvolgere con una fune o altro mezzo flessibile una persona , una cosa o più cose insieme , per congiungere , tener fermo , immobilizzare
---------------
losco
= - persona che , per difetto della vista , stringe gli occhi per vedere
---------------
occhiello
= piccolo taglio , per lo più orlato , praticato in un tessuto per farvi passare un bottone , un gancio , una stringa
---------------
paradenti
= sorta di cuscinetto di gomma che i pugili stringono fra i denti per proteggerli dai colpi durante l'incontro .
---------------
pizzicare
= verbo trans . stringere con il pollice e l'indice una parte molle del corpo , per far male o , leggermente , come forma di scherzo o di approccio affettuoso
---------------
pizzico
= lo stringere con il pollice e l'indice una parte molle del corpo
---------------
pizzicottare
= verbo trans . stringere con pizzicotti .
---------------
restringere
= verbo trans. stringere, raccogliere in più breve spazio
---------------
rinvitare
= verbo trans. avvitare, stringere di nuovo con viti.
---------------
ristringere
= verbo trans. stringere di nuovo
---------------
scorsoio
= nodo scorsoio , nodo fatto all'estremità di una corda in modo da formare un laccio che si stringe quanto più se ne tira l'altra estremità .
---------------
serradadi
= attrezzo per stringere i dadi dei bulloni .
---------------
serraggio
= l'operazione di serrare , di stringere ,
---------------
serranodo
= attrezzo per stringere i nodi , strumento chirurgico per la sutura dell'osso con filo metallico .
---------------
strangolo
= attrezzo con cui , nella lavorazione a caldo del metallo , si effettuano strozzature , a strangolo , detto di un particolare guinzaglio per grossi cani , fatto in modo da stringere il collo se l'animale esercita una trazione eccessiva .
---------------
stretta
= lo stringere , per lo più con energia ,
---------------
stretto
= participio passato di stringere , che è poco sviluppato nel ,
---------------
strignere
= stringere .
---------------
striminzire streminzire , stremenzire ,
= verbo transitivo stringere il corpo in modo da renderlo più sottile , più snello ,
---------------
stringare
= verbo transitivo stringere ,
---------------
stringatezza
= l'essere stringato ,
---------------
stringato
= participio passato di stringare
= legato strettamente - dotato di stringhe ,
---------------
stringente
= participio presente di stringere , urgente , incalzante , cogente ,
---------------
stringimento
= lo stringere - stringimento di cuore , senso di viva commozione - che stringimento! , che paura , che strizza! .
---------------
stringinaso
= dispositivo a molla usato da tuffatori e subacquei per stringere le narici , occhiali a stringinaso , occhiali senza stanghette tenuti fermi sul naso da una molla ,
---------------
stringitore
= colui che stringe .
---------------
stringitura
= lo stringere .
---------------
strizzare
= verbo transitivo stringere energicamente qualcosa per farne uscire il liquido contenuto ,
---------------
Conjugacíon: 1 - apretar
auxiliar: haber - transitivo
INDICATIVO activo
Presente
yo aprieto
aprietas
él/ella aprieta
nosotros apretamos
vosotros apretáis
ellos/ellas aprietan
Imperfecto
yo apretaba
apretabas
él/ella apretaba
nosotros apretabamos
vosotros apretabais
ellos/ellas apretaban
Pretérito indefinito
yo apreté
apretaste
él/ella apretó
nosotros apretamos
vosotros apretasteis
ellos/ellas apretaron
Preterito perfecto
yo he apretado
has apretado
él/ella ha apretado
nosotros hemos apretado
vosotros habéis apretado
ellos/ellas han apretado
Preterito pluscuamperfecto
yo había apretado
habías apretado
él/ella había apretado
nosotros habíamos apretado
vosotros habíais apretado
ellos/ellas habían apretado
Preterito anterior
yo hube apretado
hubiste apretado
él/ella hubo apretado
nosotros hubimos apretado
vosotros hubisteis apretado
ellos/ellas hubieron apretado
Futuro
yo apretaré
apretaras
él/ella apretará
nosotros apretaremos
vosotros apretareis
ellos/ellas apretarán
Futuro perfecto
yo habré apretado
habrás apretado
él/ella habrá apretado
nosotros habremos apretado
vosotros habréis apretado
ellos/ellas habrán apretado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo apriete
aprietes
él/ella apriete
nosotros apretemos
nosotros apretéis
ellos/ellas aprieten
Pretérito perfecto
yo haya apretado
hayas apretado
él/ella haya apretado
nosotros hayamos apretado
nosotros hayáis apretado
ellos/ellas hayan apretado
Pretérito imperfetto I
yo apretara
apretaras
él/ella apretara
nosotros apretáramos
nosotros apretarais
ellos/ellas apretaran
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera apretado
hubieras apretado
él/ella hubiera apretado
nosotros hubiéramos apretado
nosotros hubierais apretado
ellos/ellas hubieran apretado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese apretado
hubieses apretado
él/ella hubiese apretado
nosotros hubiésemos apretado
nosotros hubieseis apretado
ellos/ellas hubiesen apretado
Pretérito imperfetto II
yo apretase
apretases
él/ella apretase
nosotros apretásemos
nosotros apretaseis
ellos/ellas apretasen
Futuro
yo apretare
apretares
él/ella apretare
nosotros apretáremos
nosotros apretareis
ellos/ellas apretaren
Futuro perfecto
yo hubiere apretado
hubieres apretado
él/ella hubiere apretado
nosotros hubiéremos apretado
nosotros hubiereis apretado
ellos/ellas hubieren apretado
POTENCIAL - activo
Presente
yo apretaría
apretarías
él/ella apretaría
nosotros apretaríamos
vosotros apretaríais
ellos/ellas apretarían
Perfecto
yo habría apretado
habrías apretado
él/ella habría apretado
nosotros habríamos apretado
vosotros habríais apretado
ellos/ellas habrían apretado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
aprieta
apriete
apretemos
apretad
aprieten
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber apretado
PARTICIPIO - activo
Presente
que aprieta
Compuesto
apretado
GERUNDIO activo
Presente
apretando
Compuesto
habiendo apretado
INDICATIVO pasivo
Presente
yo soy apretado
eres apretado
él/ella es apretado
nosotros somos apretados
vosotros seis apretados
ellos/ellas son apretados
Imperfecto
yo era apretado
eras apretado
él/ella era apretado
nosotros èramos apretados
vosotros erais apretados
ellos/ellas eran apretados
Pretérito indefinito
yo fui apretado
fuiste apretado
él/ella fue apretado
nosotros fuimos apretados
vosotros fuisteis apretados
ellos/ellas fueron apretados
Preterito perfecto
yo he sido apretado
has sido apretado
él/ella ha sido apretado
nosotros hemos sido apretados
vosotros habèis sido apretados
ellos/ellas han sido apretados
Preterito pluscuamperfecto
yo había sido apretado
habías sido apretado
él/ella había sido apretado
nosotros habíamos sido apretados
vosotros habías sido apretados
ellos/ellas habían sido apretados
Preterito anterior
yo hube sido apretado
hubiste sido apretado
él/ella hubo sido apretado
nosotros hubimos sido apretados
vosotros hubisteis sido apretados
ellos/ellas hubieron sido apretados
Futuro
yo seré apretado
serás apretado
él/ella será apretado
nosotros seremos apretados
vosotros sereis apretados
ellos/ellas serán apretados
Futuro perfecto
yo habrè sido apretado
habrás sido apretado
él/ella habrá sido apretado
nosotros habremos sido apretados
vosotros habreis sido apretados
ellos/ellas habrán sido apretados
CONJUNTIVO - pasivo
Presente
yo sea apretado
seas apretado
él/ella sea apretado
nosotros seamos apretados
nosotros seáis apretados
ellos/ellas sean apretados
Pretérito perfecto
yo haya sido apretado
hayas sido apretado
él/ella haya sido apretado
nosotros hayamos sido apretado
nosotros hayáis sido apretado
ellos/ellas hayan sido apretado
Pretérito imperfetto I
yo fuere apretado
fueres apretado
él/ella fuere apretado
nosotros fuéremos apretados
nosotros fuereis apretados
ellos/ellas fueren apretados
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiere sido apretado
hubieres sido apretado
él/ella hubiere sido apretado
nosotros hubiéremos sido apretados
nosotros hubierei sido apretados
ellos/ellas hubieren sido apretados
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese sido apretado
hubieses sido apretado
él/ella hubiese sido apretado
nosotros hubiésemos sido apretados
nosotros hubieseis sido apretados
ellos/ellas hubiesen sido apretados
Pretérito imperfetto II
yo fuese apretado
fuesess apretado
él/ella fuese apretado
nosotros fuésemos apretados
nosotros fueseis apretados
ellos/ellas fuesen apretados
Futuro
yo fuere apretado
fueres apretado
él/ella fuere apretado
nosotros fuéremos apretados
nosotros fuereis apretados
ellos/ellas fueren apretados
Futuro perfecto
yo hubiere sido apretado
hubieres sido apretado
él/ella hubiere sido apretado
nosotros hubiéremos sido apretados
nosotros hubiereis sido apretados
ellos/ellas hubieren sido apretados
POTENCIAL - pasivo
Presente
yo sería apretado
serías apretado
él/ella sería apretado
nosotros seríamos apretados
vosotros seríais apretados
ellos/ellas serían apretados
Perfecto
yo habría sido apretado
habrías sido apretado
él/ella habría sido apretados
nosotros habríamos sido apretados
vosotros habríais sido apretados
ellos/ellas habrían sido apretados
IMPERATIVO - pasivo
Positivo
-
sé apretado
sea apretado
seamos apretados
sed apretados
sean apretados
INFINITO pasivo
Presente
ser apretado
Compuesto
haber sido apretado
PARTICIPIO - pasivo
Presente
que es apretado
Compuesto
apretado
GERUNDIO pasivo
Presente
siendo apretado
Compuesto
habiendo sido apretado
Coniugazione:2 - stringere
Ausiliare:avere transitivo/intransitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io stringo
tu stringi
egli stringe
noi stringiamo
voi stringete
essi stringono
Imperfetto
io stringevo
tu stringevi
egli stringeva
noi stringevamo
voi stringevate
essi stringevano
Passato remoto
io strinsi
tu stringésti
egli strinse
noi stringémmo
voi stringéste
essi strinsero
Passato prossimo
io ho stretto
tu hai stretto
egli ha stretto
noi abbiamo stretto
voi avete stretto
essi hanno stretto
Trapassato prossimo
io avevo stretto
tu avevi stretto
egli aveva stretto
noi avevamo stretto
voi avevate stretto
essi avevano stretto
Trapassato remoto
io ebbi stretto
tu avesti stretto
egli ebbe stretto
noi avemmo stretto
voi eveste stretto
essi ebbero stretto
Futuro semplice
io stringerò
tu stringerai
egli stringerà
noi stringeremo
voi stringerete
essi stringeranno
Futuro anteriore
io avrò stretto
tu avrai stretto
egli avrà stretto
noi avremo stretto
voi avrete stretto
essi avranno stretto
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io stringa
che tu stringa
che egli stringa
che noi stringiamo
che voi stringiate
che essi stringano
Passato
che io abbia stretto
che tu abbia stretto
che egli abbia stretto
che noi abbiamo stretto
che voi abbiate stretto
che essi abbiano stretto
Imperfetto
che io stringéssi
che tu stringéssi
che egli stringésse
che noi stringéssimo
che voi stringéste
che essi stringéssero
Trapassato
che io avessi stretto
che tu avessi stretto
che egli avesse stretto
che noi avessimo stretto
che voi aveste stretto
che essi avessero stretto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io stringerei
tu stringeresti
egli stringerebbe
noi stringeremmo
voi stringereste
essi stringerebbero
Passato
io avrei stretto
tu avresti stretto
egli avrebbe stretto
noi avremmo stretto
voi avreste stretto
essi avrebbero stretto
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
stringi
stringa
stringiamo
stringete
stringano
Futuro
-
stringerai
stringerà
stringeremo
stringerete
stringeranno
INFINITO - attivo
Presente
stringere
Passato
avere stretto
PARTICIPIO - attivo
Presente
stringente
Passato
stretto
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
stringendo
Passato
avendo stretto
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono stretto
tu sei stretto
egli é stretto
noi siamo stretti
voi siete stretti
essi sono stretti
Imperfetto
io ero stretto
tu eri stretto
egli era stretto
noi eravamo stretti
voi eravate stretti
essi erano stretti
Passato remoto
io fui stretto
tu fosti stretto
egli fu stretto
noi fummo stretti
voi foste stretti
essi furono stretti
Passato prossimo
io sono stato stretto
tu sei stato stretto
egli é stato stretto
noi siamo stati stretti
voi siete stati stretti
essi sono stati stretti
Trapassato prossimo
io ero stato stretto
tu eri stato stretto
egli era stato stretto
noi eravamo stati stretti
voi eravate stati stretti
essi erano statistretti
Trapassato remoto
io fui stato stretto
tu fosti stato stretto
egli fu stato stretto
noi fummo stati stretti
voi foste stati stretti
essi furono stati stretti
Futuro semplice
io sarò stretto
tu sarai stretto
egli sarà stretto
noi saremo stretti
voi sarete stretti
essi saranno stretti
Futuro anteriore
io sarò stato stretto
tu sarai stato stretto
egli sarà stato stretto
noi saremo stati stretti
voi sarete stati stretti
essi saranno stati stretti
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia stretto
che tu sia stretto
che egli sia stretto
che noi siamo stretti
che voi siate stretti
che essi siano stretti
Passato
che io sia stato stretto
che tu sia stato stretto
che egli sia stato stretto
che noi siamo stati stretti
che voi siate stati stretti
che essi siano stati stretti
Imperfetto
che io fossi stretto
che tu fossi stretto
che egli fosse stretto
che noi fossimo stretti
che voi foste stretti
che essi fossero stretti
Trapassato
che io fossi stato stretto
che tu fossi stato stretto
che egli fosse stato stretto
che noi fossimo stati stretti
che voi foste stati stretti
che essi fossero stati stretti
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei stretto
tu saresti stretto
egli sarebbe stretto
noi saremmo stretti
voi sareste stretti
essi sarebbero stretti
Passato
io sarei stato stretto
tu saresti stato stretto
egli sarebbe stato stretto
noi saremmo stati stretti
voi sareste stati stretti
essi sarebbero stati stretti
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii stretto
sia stretto
siamo stretti
siate stretti
siano stretti
Futuro
-
sarai stretto
sarà stretto
saremo stretti
sarete stretti
saranno stretti
INFINITO - passivo
Presente
essere stretto
Passato
essere stato stretto
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
stretto
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo stretto
Passato
essendo stato stretto