Buena navegación con NihilScio!  Página de Facebook
NihilScio                Home

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

á   è   é   ì   í   ò
ó   ù   ú   ü   ñ   ç
Inglese
sinonimi di angustiar

  Cerca  frasi:
Vocabulario y frases
angustiar
= angosciare .
---------------
* Hecho esto, que él pensó que era lo más que tenía que hacer para salir de aquel terrible aprieto y angustia, le sobrevino otra mayor, que fue que le pareció que no podía mudarse sin hacer estrépito y ruido, y comenzó a apretar los dientes y a encoger los hombros, recogiendo en sí el aliento todo cuanto podía.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —¡Majadero! —dijo a esta sazón don Quijote—; a los caballeros andantes no les toca ni atañe averiguar si los afligidos, encadenados y opresos que encuentran por los caminos van de aquella manera o están en aquella angustia por sus culpas o por sus gracias; sólo le toca ayudarles como a menesterosos, poniendo los ojos en sus penas y no en sus bellaquerías.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Porque no sé qué días a esta parte me fatiga y aprieta un deseo tan estraño y tan fuera del uso común de otros, que yo me maravillo de mí mismo, y me culpo, y me riño a solas, y procuro callarlo y encubrirlo de mis proprios pensamientos, y así, me ha sido posible salir con este secreto como si de industria procurara decillo a todo el mundo; y pues que, en efeto, él ha de salir a plaza, quiero que sea en la del archivo de tu secreto, confiado que con él y con la diligencia que pondrás, como mi amigo verdadero, en remediarme, yo me veré presto libre de la angustia que me causa, y llegará mi alegría por tu solicitud al grado que ha llegado mi descontento por mi locura( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* cuando don Quijote, sacudiendo la pereza de sus miembros, se puso en pie y llamó a su escudero Sancho, que aún todavía roncaba, lo cual visto por don Quijote, antes que le despertase le dijo: —¡Oh tú, bienaventurado sobre cuantos viven sobre la haz de la tierra, pues, sin tener invidia ni ser invidiado, duermes con sosegado espíritu, ni te persiguen encantadores ni sobresaltan encantamentos! Duermes, digo otra vez y lo diré otras ciento, sin que te tengan en contina vigilia celos de tu dama, ni te desvelen pensamientos de pagar deudas que debas, ni de lo que has de hacer para comer otro día tú y tu pequeña y angustiada familia, ni la ambición te inquieta, ni la pompa vana del mundo te fatiga, pues los límites de tus deseos no se estienden a más que a pensar113355 tu jumento; que el de tu persona sobre mis hombros le tienes puesto, contrapeso y carga que puso la naturaleza y la costumbre a los señores.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Oyéronse en esto grandes alaridos y llantos, acompañados de profundos gemidos y angustiados sollozos; volví la cabeza y vi por las paredes de cristal que por otra sala pasaba una procesión de dos hileras de hermosísimas doncellas, todas vestidas de luto, con turbantes blancos sobre las cabezas, al modo turquesco; al cabo y fin de las hileras venía una señora, que en la gravedad lo parecía, asimismo vestida de negro, con tocas blancas tan tendidas y largas, que besaban la tierra.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¿No adviertes, angustiado de ti y malaventurado de mí, que, si veen que tú eres un grosero villano o un mentecato gracioso, pensarán que yo soy algún echacuervos o algún caballero de mohatra? No, no, Sancho amigo, huye, huye destos inconvinientes, que quien tropieza en hablador y en gracioso, al primer puntapié cae y da en truhán desgraciado; enfrena la lengua, considera y rumia las palabras antes que te salgan de la boca y advierte que hemos llegado a parte donde, con el favor de Dios y valor de mi brazo, hemos de salir mejorados en tercio y quinto en fama y en hacienda( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En esto, se levantó don Quijote y, encaminando sus razones a la Dolorida dueña, dijo: —Si vuestras cuitas, angustiada señora, se pueden prometer alguna esperanza de remedio por algún valor o fuerzas de algún andante caballero, aquí están las mías, que, aunque flacas y breves, todas se emplearán en vuestro servicio( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Mis padres me dejaron sirviendo y se volvieron a su tierra, y de allí a pocos años se debieron de ir al cielo, porque eran a demás buenos y católicos cristianos; quedé huérfana y atenida al miserable salario y a las angustiadas mercedes que a las tales criadas se suele dar en palacio; y, en este tiempo, sin que diese yo ocasión a ello, se enamoró de mí un escudero de casa, hombre ya en días, barbudo y apersonado, y, sobre todo, hidalgo como el rey, porque era montañés.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Donde se cuenta la aventura de la segunda dueña Dolorida, o Angustiada, llamada por otro nombre doña Rodríguez Cuenta Cide Hamete que, estando ya don Quijote sano de sus aruños, le pareció que la vida que en aquel castillo tenía era contra toda la orden de caballería que profesaba, y así, determinó de pedir licencia a los duques para partirse a Zaragoza, cuyas fiestas llegaban cerca, adonde pensaba ganar el arnés que en las tales fiestas se conquista.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Unos tropezaban en él, otros caían, y tal hubo quien se puso encima un buen espacio, y, desde allí, como desde atalaya, gobernaba los ejércitos, y a grandes voces decía: —¡Aquí de los nuestros: que por esta parte cargan más los enemigos! ¡Aquel portillo se guarde, aquella puerta se cierre, aquellas escalas se tranquen! ¡Vengan alcancías, pez y resina en calderas de aceite ardiendo! ¡Trinchéense las calles con colchones! En fin, él nombraba con todo ahínco todas las baratijas e instrumentos y pertrechos de guerra, con que suele defenderse el asalto de una ciudad, y el molido Sancho, que lo escuchaba y sufría todo, decía entre si: —¡Oh, si mi Señor fuese servido que se acabase ya de perder esta ínsula, y me viese yo, o muerto o fuera desta grande angustia! Oyó el cielo su petición y, cuando menos lo esperaba, oyó voces que decían: —¡Vitoria, vitoria, los enemigos van de vencida! ¡Ea, señor gobernador, levántese vuesa merced!; y venga a gozar del vencimiento y a repartir los despojos que se han tomado a los enemigos, por el valor dese invencible brazo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Desta manera se lamentaba Sancho Panza, y su jumento le escuchaba sin responderle palabra alguna, tal era el aprieto y angustia en que el pobre se hallaba.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
Vocabulario y frases
angosciare
= verbo trans. dare angoscia
---------------
* Don Abbondio in vece non sapeva altro ancora se non che l'indomani sarebbe giorno di battaglia ; quindi una gran parte della notte fu spesa in consulte angosciose .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La paura del giorno avanti , la veglia angosciosa della notte , la paura avuta in quel momento , l'ansietà dell'avvenire , fecero l'effetto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo le raccontò brevemente la storia di quella mattina: ella ascoltava con angoscia: e quando udì il nome di don Rodrigo , - ah ! - esclamò , arrossendo e tremando , - fino a questo segno !
---------------
Lucia entrò nella stanza terrena , mentre Renzo stava angosciosamente informando Agnese , la quale angosciosamente lo ascoltava .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dopo qualche momento d'una lotta così angosciosa , parve che s'acquietasse ; allentò le braccia , lasciò cader la testa all'indietro , alzò a stento le palpebre , tenendo l'occhio immobile ; e quegli orridi visacci che le stavan davanti le parvero confondersi e ondeggiare insieme in un mescuglio mostruoso: le fuggì il colore dal viso ; un sudor freddo glielo coprì ; s'abbandonò , e svenne .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Poi ricadeva ancora senza sentimenti , poi si riaveva di nuovo , per rivivere a nuove angosce .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma ormai non ci regge il cuore a descriverle più a lungo: una pietà troppo dolorosa ci affretta al termine di quel viaggio , che durò più di quattr'ore ; e dopo il quale avremo altre ore angosciose da passare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La faccia del suo ascoltatore , di stravolta e convulsa , si fece da principio attonita e intenta ; poi si compose a una commozione più profonda e meno angosciosa ; i suoi occhi , che dall'infanzia più non conoscevan le lacrime , si gonfiarono ; quando le parole furon cessate , si coprì il viso con le mani , e diede in un dirotto pianto , che fu come l'ultima e più chiara risposta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Gli disse in succinto di che si trattava ; e se saprebbe trovar subito una buona donna che volesse andare in una lettiga al castello , a prender Lucia: una donna di cuore e di testa , da sapersi ben governare in una spedizione così nuova , e usar le maniere più a proposito , trovar le parole più adattate , a rincorare , a tranquillizzare quella poverina , a cui , dopo tante angosce , e in tanto turbamento , la liberazione stessa poteva metter nell'animo una nuova confusione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per don Abbondio questo ritorno non era certo così angoscioso come l'andata di poco prima ; ma non fu neppur esso un viaggio di piacere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Mentre in quel luogo tutto il resto era languore , angoscia , spavento , rammarichìo , fremito , nella Provvisione era vergogna , stordimento , incertezza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E le grandi angosce non erano ancor venute .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
II Dopo due mesi d'orrenda angoscia, quella confessione del suo stato la sollevò, insperatamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Scosso lo sbalordimento angoscioso dei primi giorni, Eleonora, per consiglio della vecchia serva, si diede a preparare il corredino per il nascituro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Angosciata da questi pensieri, stanca del lavoro, per distrarsi, prendeva in mano uno di quei libri che l'altra volta s'era fatti spedire dal fratello, e si metteva a leggere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che pianti, che angoscia disperata in tutte e cinque le badie di Montelusa, specialmente per quest'ultima disposizione! che maneggi per farla revocare! Ma Monsignor Partanna era stato irremovibile.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quasi senza notare la presenza di Flavia, egli scostò tutti, e si chinò a osservare Gabriele; poi, rivolto a Flavia che affollava di domande e d'esclamazioni la sua ansia angosciosa, disse con durezza: - Non fate cosí, vi prego.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tutto immerso negli affari, Gabriele non aveva neppur sospettato la gravità del male e aveva lasciato sola la moglie a trepidare per la vita dei figliuolo; e Flavia in un momento di suprema angoscia, quasi delirante, aveva parlato, s'era sfogata con lui, gli aveva lasciato intravedere che ella aveva tutto compreso, sempre, sempre, fin dal primo momento.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tu sei il medico della Compagnia, è vero? Lucio Sarti, angosciato dal dubbio tremendo che l'Orsani avesse inteso tutto quello ch'egli aveva detto a Flavia, rimase stordito a quella subitanea risoluzione; gli parve senza nesso, ed esclamò, sollevato per il momento da un gran peso: - Ma è una pazzia! - No, perché? - rispose, pronto, Gabriele.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Riaprendo gli occhi, risollevandosi, dopo quel momento d'orribile angoscia, la quiete profonda della città dormente, vegliata dai fanali, gli parve un sogno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dormi tranquillo, eh? - gli raccomandò la madre, commossa dalla carezza a quella mano, che egli s'era lasciata fare e, asciugandosi gli occhi, per non guastarsi questa tenerezza angosciosa, se n'uscí.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E sapesse quanto mi piace il gufo che, in mezzo a tanta dolcezza, si mette a singhiozzare da lontano, angosciato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ricordava ancora le angosce che gli avevano strizzato il coricino atterrito nelle terribili insonnie di quelle notti lontane.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma ora, ecco, il mistero cominciava a schiudere le sue porte tenebrose: le avrebbe spalancate domani! Intanto, da questo primo spiraglio all'umanità sgomenta, in angosciosa ansia, venivano ombre ancora incerte e paurose a rivelare il mondo di là: strane luci, strani segni...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sú Nina, sú! Dormi, stasera? Sú! Maledetta la casa e maledetto il podere, che non lo lasciavano essere neanche povero bene, povero e pazzo, lí, in mezzo a una strada, povero senza pensieri, come tanti ne conosceva e per cui, nell'esasperazione in cui si trovava, sentiva un'invidia angosciosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Venuta la sera, il Verona, come urtato da quell'attonimento angoscioso, da quel cordoglio cupo, che minacciava di vanir nell'ebetismo, lo spinse fuori della camera mortuaria, lo forzò a recarsi dalla figlia, assicurandolo che sarebbe rimasto lui, là, a vegliare tutta la notte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Con gli occhi senza sguardo, vagando per la camera, il Lori si grattava di continuo la fronte con le dita irrequiete, quasi per destar la mente dal torpore angoscioso in cui era caduta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sarebbe stato un momento terribile, uno strappo a tutte le convenienze, un angoscioso tormento di tutta la notte...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
S'interruppe; le domandò: - Vuol vederlo? Adriana fece segno di no col capo, angosciata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Io sí, - rispose Adriana, angosciata, timidamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quanti baci dava loro tra le lagrime! Che orrore, poi, quella casa muta, quando i piccini erano a letto! Tornava a sedere innanzi alla tavola non ancora sparecchiata e si metteva ad arrotondare al solito pallottoline di mollica, rimeditando, angosciato, la sua orrenda sciagura.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ecco: sdrajato lí su l'erba, con le mani intrecciate dietro la nuca, guardare nel cielo azzurro le bianche nuvole abbarbaglianti, gonfie di sole; udire il vento che faceva nei castagni del bosco come un fragor di mare, e nella voce di quel vento e in quel fragore sentire, come da un'infinita lontananza, la vanità d'ogni cosa e il tedio angoscioso della vita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
In preda a un tremito angoscioso, il Ciunna avrebbe voluto fermarla.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma che era accaduto? Nello sconvolgimento della coscienza, Bobbio all'improvviso aveva provato un tremore, un tremito di tenerezza angosciosa per se stesso, che soffriva, oh Dio, soffriva da non poterne piú.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vergine delle Grazie, con un lanternino acceso, pendulo innanzi alla grata, e Bobbio, in quel fremito di tenerezza angosciosa, con la coscienza sconvolta, senza sapere piú quello che si facesse, aveva fissato lo sguardo lagrimoso a quel lanternino, e...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non ne prova invidia, però: sí un timor vago e come un intenerimento angoscioso, di pietà per sé.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Allungando un braccio, poteva prendere da terra la bottiglia: prendeva quasi sempre la vuota, e si stizziva; tanto che, alla fine, con una manata la mandò a rotolare sul pavimento in pendío, con grande angoscia, anzi terrore del vecchio professor Sabato, che si buttò subito a terra, gattoni, e le corse dietro per pararla, fermarla, gemendo, arrangolando: - Per carità...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Al buon Gesú, specialmente! E prima d'andare in chiesa, tirati per mano, si voltano, poveri piccini, ad allungargli certi sguardi cosí densi di perplessa angoscia e di doglioso rimprovero, che il mio amico signor Daniele Catellani si metterebbe a urlare chi sa quali imprecazioni, se invece...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ognun d'essi stava lí forse a pensare che le brighe umane non han requie neanche nella notte; e, siccome sopra tutto nella notte appajon vane, prive come sono delle illusioni della luce, e anche per quel senso di precarietà angosciosa che tien sospeso l'animo di chi viaggia e che ci fa vedere sperduti su la terra, ognun d'essi, forse, stava lí a pensare che la follía accende i fuochi nelle macchine nere, e che nella notte, sotto le stelle, i treni correndo per i piani buj, passando strepitosi sui ponti, cacciandosi nei lunghi trafori, gridano di tratto in tratto il disperato lamento di dover trascinare cosí nella notte la follía umana lungo le vie di ferro, tracciate per dare uno sfogo alle sue fiere smanie infaticabili.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Carlino Sanni, dal canto suo, si raschiava con le unghie le gote rase e rompeva con lo stridore dei peli rinascenti certi angosciosi silenzii interiori e si richiamava all'ispida realtà del suo vigor maschile che, via, gl'imponeva ormai d'esser uomo, vale a dire, un po' crudele.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se quella ragazza, da loro invitata a venir da Padova a Roma, resa madre da uno di loro due, ora, in quello stato, si dibatteva in una incertezza angosciosa, di chi la colpa? Che pretendeva ella infine, senza fastidio, senza peso, né responsabilità da parte loro? Che non si commettesse la violenza di buttar via il figlio, che o dell'uno o dell'altro era di certo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perdurava fuori ancora un ultimo tetro barlume del crepuscolo: ora angosciosa per chi viaggia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non so perché, guardando la giovine straniera, abbandonata lí in quell'angolo della vettura, mi sentii stringere la gola da un nodo angoscioso di pianto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dei frutti di questa scuola il professor Erminio Del Donzello si accorse bene, allorché, dopo un anno di titubamenti e angosciose perplessità, scelta alla fine una casta zitella attempata, di nome Caterina, nipote d'un curato, la sposò e la portò in casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non staccavano gli occhi da una che per attaccarli subito a un'altra, e la seguivano con lo sguardo, studiandone ogni mossa o fissandone qualche tratto, il seno, i fianchi, la gola, le rosee braccia trasparenti dai merletti delle maniche: storditi, inebriati da tutto quel brulichío, da tutto quel fremito di vita, da tanta varietà d'aspetti e di colori e di espressioni, e tenuti in un'ansia angosciosa di confusi sentimenti e pensieri e rimpianti e desiderii, ora per uno sguardo fuggevole, ora per un sorriso lieve di compiacenza che riuscivano a cogliere da questa o da quella, tra il frastuono delle vetture e il passerajo fitto, continuo che veniva dalle prossime ville.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Didí si sentí pesare sui piedini, fino al giorno avanti liberi e scoperti, la veste lunga, e ne provò un fastidio smanioso: si sentí oppressa da una angoscia soffocante, e volse lo sguardo dal fratello al padre, che sedeva all'altro angolo della vettura, intento a leggere alcune carte d'amministrazione, tratte da una borsetta di cuojo aperta su le ginocchia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tuttora Didí ne sentiva un desiderio angoscioso, che la faceva piangere insaziabilmente, inginocchiata innanzi a una antica cassapanca, ov'erano conservate le vesti della madre.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Domandai notizia di tanti e, con maraviglia ch'era a un tempo angoscia e dispetto, vidi, a qualche nome, certi visi oscurarsi, altri atteggiarsi di stupore o di disgusto o di compassione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Rivedeva difatti col pensiero una lunga corsia, lucida, con tanti e tanti lettini bianchi in fila, di qua e di là, e un finestrone ampio in fondo sull'azzurro del cielo; rivedeva le suore di carità, con quelle grandi ali bianche in capo e quel tintinnío delle medaglie appese al rosario, a ogni passo; rivedeva pure un vecchio sacerdote che lo conduceva per mano lungo quella corsia: egli guardava smarrito, angosciato dalla commozione, su questo e su quel letto; alla fine il prete gli diceva: "Qua" e lo attirava presso la sponda d'uno di quei letti, ove giaceva moribonda, irriconoscibile, quella sciagurata che, dopo avergli messo al mondo sei creaturine, se n'era scappata di casa per andar poi a finir lí.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La figliuola stava a guardare dal letto con tanto d'occhi sbarrati, sgomenta, angosciata, levata su un gomito: vedeva le palpebre chiuse del padre fervere come se nella rapidità vertiginosa del volo la vista di lui, abbarbagliata, fosse smarrita nell'immensità d'uno spettacolo luminoso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Riconoscere che nessun grido poteva piú erompere a lui dall'anima, che avesse la gioja di quei trilli, di quel cinguettío; nessun pensiero piú, nessun sentimento nascere a lui nella mente e nel cuore, che avessero la timidità gentile di quei primi fiorellini, la freschezza di quella prima erba dei prati; riconoscere che tutta quella delizia per le anime giovani, si convertiva per lui in una infinita angoscia di rimpianto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Fosco, angosciato, era uscito da Villa Borghese; aveva attraversato Piazza del Popolo, imboccato via Ripetta; poi sentendosi per questa via soffocare, aveva passato il ponte, e giú per il Lungotevere dei Mellini.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il sole! il sole! Chiedete angosciosamente il sole, voialtri! Perché le illusioni non sorgono piú spontanee con una luce artificiale, procacciata da voi stessi con mano tremante.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Una cosí intensa e disperata angoscia si dipinse sul volto del dottor Fileno, che subito tutti quegli altri (i miei personaggi che ancora stavano a trattenerlo) impallidirono mortificati e si ritrassero.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Giurlannu Zarú, a un nuovo richiamo, smise di rantolare; si provò ad aprir gli occhi insanguati, anneriti, pieni di paura; aprí la bocca orrenda e gemette, com'arso dentro: - Muojo! - No, no, - s'affrettò a dirgli Saro, angosciato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Rorò lo guardava, angosciata e sbalordita, sentendolo sparlare cosí.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma era il nome, quello, o una parola affettuosa? L'infermo guardava negli occhi il compagno, come se non lo riconoscesse; e allora ella vide il corpo gigantesco di quel giovine marinajo sussultare, lo sentí piangere, curvo sul letto, e parlare angosciosamente, tra il pianto, in una lingua ignota.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E com'era restato una sera, nel silenzio, alla vista della luna, nel vano della finestra! Era pure, era pure la stessa luna ch'egli tante volte in patria, per mare, aveva veduta; ma gli era parso che lí, in quel paese ignoto, ella parlasse ai tetti di quelle case, al campanile di quella chiesa, quasi un altro linguaggio di luce, e l'aveva guardata a lungo, con un senso di sgomento angoscioso, sentendo piú acuta che mai la pena dell'abbandono, il proprio isolamento.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che gli restava piú da fare ormai? mettersi a disposizione della morte, con la coscienza tranquilla, sí, ma angosciata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si confortò sperando che col tempo si sarebbe adattato alle nuove condizioni d'esistenza, si sarebbe messo a pensare, a sentire come Venerina, o che questa, con l'affetto, con l'intimità sarebbe riuscita a trovar la via fino a lui per non lasciarlo piú solo, cosí, in quell'esilio angoscioso della mente e del cuore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E ripartiva, e lontano, per quel mare, su quel guscio di noce, si sentiva sempre piú solo e piú angosciato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La discussione s'era fatta, da parte sua soltanto, sempre piú violenta, non tanto per le risposte che gli aveva dato don Pietro, quanto per un dispetto man mano crescente contro se stesso, per il bisogno che aveva sentito, invincibile e assurdo, d'andarsi a confidare con quel santo vecchio, già suo primo precettore e poi confessore per tanti anni, pur riconoscendolo incapace d'intendere i suoi tormenti, la sua angoscia, la sua disperazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come se l'avesse aspettata al varco, si mise a seguirla fino alla stazione: vide il treno lugubre, sotto la tettoja a vetri; una gran confusione di gente in quell'interno vasto, fumido, mal rischiarato, cupamente sonoro: ecco, il treno partiva; e, come se veramente lo vedesse allontanare e sparire nelle tenebre, rientrò d'un subito in sé, aprí gli occhi nella camera silenziosa e provò un senso angoscioso di vuoto, come se qualcosa le mancasse dentro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sí, era vero: della noncuranza quasi sdegnosa di lui ella si era altre volte sentita ferire; ma non mai come quel giorno; e ora per la prima volta si sentiva cosí angosciosamente sola, divisa dai suoi parenti, i quali le pareva in quel momento la avessero abbandonata lí, quasi che, sposando il Brivio, avesse già qualcosa di comune con quella morta e non fosse piú degna d'altra compagnia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Anche lei dunque, davvero, aveva sofferto per lui? anche lei, anche lei, accorgendosi di non essere amata, aveva sentito quel vuoto angoscioso? - Sí? sí? - domandò Anna, soffocata dal pianto, all'immagine.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che pensava? Faustino Sangelli stette a spiarlo un pezzo con una pena, con una pena che, a mano a mano crescendo, gli si faceva piú amara e piú angosciosa: pena della vita che è cosí; pena delle memorie che dolgono, come se i dolori presenti non bastassero al cuore degli uomini.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma non poté reggere a lungo in quel silenzio angoscioso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Affannato, angosciato dalla paura di non arrivare mai a tempo, correva di qua, di là, per trar partito da tutto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Aspettando la cena, lí seduto sul balconcino, nell'ultima luce fredda del crepuscolo, guardando (senza neppur forse vederla) la fetta di luna già accesa nel cielo scialbo e vano; poi abbassando gli occhi sulla sudicia stradicciuola deserta costeggiata da una parte da una siepe secca e polverosa a riparo degli orti, si sentiva invader l'anima, in quella stanchezza, da uno squallore angoscioso; ma non appena il pianto accennava di pungergli gli occhi, serrava i denti, stringeva nel pugno la bacchetta di ferro della ringhiera, appuntava lo sguardo all'unico fanale della stradicciuola, a cui i monellacci avevano fracassato a sassate due vetri, e si metteva a pensar cose cattive, apposta, contro gli scolaretti del convitto, anche contro il Direttore, ora che non sentiva piú di poter essere come prima fiducioso con lui, avendo capito che gli faceva il bene, sí, ma quasi piú per sé, per il compiacimento di sentirsi, lui, buono; il che gli dava adesso, nel riceverne quel bene, come un impiccio d'umiliazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quel povero albero - io lo ricordo - s'era levato sul magro stelo cinereo con evidente sforzo e rizzando i rami come a supplicare, desideroso di vedere il sole e l'aria libera, angosciato dalla paura di non avere in sé tanto rigoglio da arrivare oltre i tetti delle case che lo circondavano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ero andato a casa di quel mio amico per affari e lo avevo trovato con la moglie in preda a un cordoglio angoscioso, attorno al lettuccio dell'infermo adorato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le si affacciò per un istante al pensiero il figliuolo lontano, la vecchia suocera, ma ne scacciò subito l'immagine per il bisogno istintivo di non turbarsi quel momento di sollievo dopo le lunghe sofferenze angosciose del viaggio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
chi sa! Le passavano tante brutte ideacce per il capo! Spesso se lo sognava infermo, magro magro, pelle e ossa, col colluccio vizzo e un testone da rachitico che gli s'abbandonava ora su una spalluccia ora sull'altra e gl'ingrossava di punto in punto, mentr'ella stava a contemplarlo, raccapricciata, allibita: - Questo, il mio Luzziddu? cosí s'è ridotto? - E voleva, nel sogno angoscioso, dargli il suo latte, subito subito; ma il bambino allora la guardava con gli occhi cupi, truci della nonna, e voltava la faccia, rifiutando il seno ch'ella gli porgeva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Durarono a lungo quel pianto e quelle angosciose preghiere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Un gemito angoscioso venne dalla camera da letto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nel silenzio, gli oggetti della camera, le tende, la candela che ardeva sul cassettone, riflessa nello specchio, parve al Gelli che assumessero, nella immobilità loro, sentimento di vita e fossero come sospesi in una attesa angosciosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dopo alcuni giorni di angosciosa perplessità, le nozze furono stabilite.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E ancora, e forse piú angosciosamente che mai, ella vede vaneggiarvi sconsolato ogni suo pensiero, sconsolata ogni opera, sconsolata ogni immagine di vita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Resta con quel suo spirito, sempre cosí dolorosamente attento a sé e a tutto, la signora Lèuca, sotto la candida maschera della sua serenità, lacerata dentro da una prova che nessuno ha sospettato; con queste tre bambine non sue, da curare, da crescere; e con questa pena, con questa pena che non passa, non già per lei soltanto, che forse soffre meno di tant'altri, ma per tutte le cose e tutte le creature della terra, com'ella le vede nell'infinita angoscia del suo sentimento che è d'amore e di pietà; questa pena, questa pena che non passa, anche se qualche gioja di tanto in tanto la consoli, anche se un po' di pace dia qualche sollievo e qualche ristoro: pena di vivere cosí...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E di tutta quella sua delicatezza non rimeritata s'inteneriva angosciosamente; e quell'angosciata tenerezza gli si scioglieva subito in un nuovo e piú urgente sgorgo di lagrime.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ne era uscita da pochi giorni con la patente di maestra, e stava ora nell'attesa angosciosa di un posticino nelle scuole elementari di qualche paesello, privandosi di tutto per pagar la pigione di quello sgabuzzino in città e mantenersi in quell'attesa con le poche centinaja di lire vinte in un concorso di pedagogia, nell'ultimo anno di collegio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ridendo le dicono gli uomini, queste cose, che a lei in quel punto avevano cagionato tanta angoscia e acceso nel sangue tanto fuoco! Quel giorno stesso aveva cambiato alloggio, senza lasciar traccia di sé.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E, appena viene a sapere che quel giovane medico l'ha fatta lui, per suo conto, la denunzia, e che Piccaglione, per tutta risposta, senza neanche aspettare l'interdizione, ha fatto fagotto e se n'è andato via con la sonnambula, interroga la propria coscienza e sta in angosciosa perplessità se non abbia l'obbligo d'avvertire segretamente i cittadini di Milocca di guardarsi dal marito, a cui ha dato di volta il cervello.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
In quel silenzio d'attesa angosciosa, balenò a un tratto al Marchese la speranza che il parto fosse avvenuto, finalmente! e uscí a precipizio dallo stanzino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le gambe, lí, gli mancarono: cadde a sedere su una poltrona e vi si contorse, vi si raggomitolò tutto quasi per nascondersi a se stesso: ira, vergogna, angoscia, rimorso gli fecero tale impeto dentro, che s'addentò un braccio e squassò la testa fino a farsi uno strappo nella manica.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A mano a mano che questo era cresciuto fino ad assumere quelle proporzioni mostruose, l'anima atterrita si doveva certo esser fatta dentro di lei piccina piccina, con certe voglie timide e angosciose di toccare le piccole cose gentili e delicate, ma pur non osando toccarle per non vederle quasi sparire al contatto delle schiaccianti mani.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le smanie feroci erano per le premure angosciose con cui, subito appena rincasato, lo avrebbero oppresso la moglie e le due figliuole: una gallina spersa e due pollastre pigolanti dietro: corri di qua, scappa di là: per le pantofole, per la tazza di latte col torlo d'uovo; e l'una giú carponi a slacciargli le scarpe; e l'altra a domandargli con una voce a lamento (secondo le stagioni) se si era inzuppato, se era sudato; come se non lo vedessero, rincasato senz'ombrello, intinto da strizzare o, d'agosto, di ritorno a mezzogiorno, tutto incollato e illividito dal sudore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E per otto giorni vissero tutti e tre nella speranza angosciosa che Giacinto tornasse e rimediasse al malfatto , che Giacinto se ne andasse e non si facesse rivedere mai piú ! XI Un giorno in autunno Efix andò in casa di don Predu .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix lo guardava spaurito , con gli occhi pieni di una angoscia da bestia ferita .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix lo sentiva ansare lievemente , come colto da malessere , e a sua volta , mentre si stringeva il braccio che gli ardeva per la stretta , respirò con angoscia .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Oh sia benedetta la sua memoria! Ell’ebbe virtù di destare in me, ne’ momenti più crudeli, una tenerezza consolata che mi fece meno angosciosi la vergogna e i rimorsi.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Passai la notte piangendo, d’orgoglio, non di dolore: la prima delle tante notti angosciose mie. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma se pretendete esser messa a mazzo seco..." "Seguitate, signor conte" fec’io con un ghigno angoscioso, e rizzandomi, e già fuor di me.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Maria lo scorse una volta, e rizzandosi verso lui: Giovanni, non avrete voi compassione di me? "Maria, vi siete voi raccomandata a Dio?" "Oh sì." "Ripregatelo: e vengo." Si rimise a scrivere: ella s’inginocchiò; ma per un momento; ed entrò da lui, colorata di rossore angoscioso. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Inginocchiata e fuor di sé, non sentiva più la su’ angoscia: ma al suono de’ passi volse il capo, e prima di veder l’uomo, intese la voce: "coraggio, madama; vostro marito vive. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ogni terren desio cresce angoscioso e muore; quel che consacra Iddio, è più ch’umano ardor.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
«Vado fuori!», diss'ella angosciosamente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dina soggiunse che in un momento così angoscioso per un padre non osava quasi dirgli perché il conte di Cavour si interessasse a lui. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La vide ansante, accesa, vegliata dal medico e dalla mamma, immaginò in un minuto lunghe lunghe ore al suo capezzale, lunghe angoscie, il rinascer della speranza, il primo sussurro della dolce voce: «Papà mio». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ogni tanto lo strepito del treno lo toglieva dal suo torpore suggerendogli l'idea di una corsa angosciosa, richiamando il suo cuore a correre, a batter così. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La sorda, impettita e immobile sul canapè, aveva sofferto angosce mortali aspettando un gesto del marito che le imponesse di giuocare. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La Cia era in grande angoscia, e avea pregato Luisa di insistere sapendo ch'egli era stato côlto, il giorno venti, da forti vertigini e che il ventidue, senza dir niente a nessuno, era andato a confessarsi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Qual voce remota e angosciosa, di tanto in tanto, quando la birreria è vuota e in ombra, gli canta in fondo all’anima la canzone:
---------------
Ma è contento, sì, ch’ella preghi di là, la sua Margheritina; è contento che una parte di lui, così angosciosamente amata, priva di quel suo lume di ragione, cieca preghi di là per il buon Papa che muore.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
2 Tutto il primo giorno – sei giorni addietro – passato in un’ansia crescente d’ora in ora, tra un’oscura costernazione e un’irritazione sorda man mano anche esse crescenti, per il ritardo del figliuolo a rincasare; ritardo sempre piú inescusabile e inesplicabile, perché non c’erano piú dimostrazioni per Roma che potessero far pensare a un arresto, come l’altra volta; – poi, la sera, le corse affannose di qua e di là in cerca di lui, dove si fosse potuto attardare tanto, nei caffè, in casa di qualche amico, nella camera mobiliata di Gino Viesi – e la sorpresa, qui, nel sapere che anche lui, Gino Viesi, uscito dalla mattina alle sette, non s’era piú fatto vedere; poi, la notte, quella prima notte senza il figliuolo in casa, con la casa che sembrava vuota e paurosa, come vuoto e pauroso l’animo di lui; e le ore che passavano a una a una lente, eterne, su la sua ansia pure angosciata dallo sgomento di vederle passare, così, a una a una, nella vana attesa alla finestra, con l’ossessione delle vie per cui il figliuolo poteva essersi incamminato, per cui torse camminava ancora nella notte, per allontanarsi sempre piú, sempre piú dalla sua casa, sciagurato! ingrato! ma dove? dove diretto? – e poi l’alba e il silenzio di tutta la casa, orribile, con le donne cedute al sonno tra il pianto, là su le seggiole, col capo su la tavola, sotto il lume ancora acceso – ah, quel lume giallo nell’alba, e quei corpi là, che da sé a poco a poco s’erano composti in atteggiamenti pietosi, rassettati per non soffrir tanto, per trovare un po’ di requie essi almeno, se l’anima nel sonno angoscioso non poteva trovarne! – e poi, al mattino e durante tutto il giorno seguente, le altre corse, tre, quattro, alla Questura, prima per denunziare la scomparsa del figliuolo e di quell’altro là, perché fosse spiccato subito e diramato da per tutto un ordine d’arresto; poi per sapere se qualche notizia fosse giunta; e mai nessuna! – quei no, quel no del delegato rosso lentigginoso, che pure la mattina pareva avesse preso con impegno la cosa nel sentire che forse si trattava di due giovanotti che tentavano di passare in Francia per arruolarsi nella legione garibaldina; e ora piú niente, tutto intento ad altro ora, come se non si ricordasse piú neanche dell’ordine dato; – e le invettive, le aggressioni d’ora in ora piú violente della moglie e della figlia Carlotta, perché erano sicure che Faustino e quell’altro erano scappati via per lui, ma sì, per lui, per lui che aveva fin dall’infanzia oppresso quel figliuolo col metodo tedesco, con la disciplina tedesca, con la coltura tedesca, fino a fargli concepire un odio indomabile, inestinguibile per la Germania, che Dio la danni in eterno! e – ultimamente, in faccia all’altro che piangeva due fratelli uccisi, non aveva forse avuto il coraggio di gridare che l’Austria aveva tutto il diritto di mandarglieli al macello quei due fratelli? – lui! lui! – per questo erano scappati, per dargli una giusta risposta, per fare una giusta vendetta dei sentimenti da lui offesi nell’uno e oppressi nell’altro fin dall’infanzia: ebbene, non basta tutto questo? Ce n’è anche d’avanzo per spiegare come Berecche si sia in sei giorni invecchiato di venti anni.
---------------
* Giustino, col volto inondato di lagrime, convulso, si storceva le mani, tentato d'applaudire anche lui furiosamente, e pur non di meno impedito dall'attesa angosciosa che gli concentrava tutta l'anima negli occhi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Lei sola: – non certo quelli che la guardavano, sospesi nel supplizio che cagionava loro il capriccio di essa, a cui – ecco – sotto, su i quadrati gialli del tavoliere, tante mani avevano recato, come in offerta votiva, oro, oro e oro, tante mani che tremavano adesso nell’attesa angosciosa, palpando inconsciamente altro oro, quello della prossima posta, mentre gli occhi supplici pareva dicessero: «Dove a te piaccia, dove a te piaccia di cadere, graziosa pallottola d’avorio, nostra dea crudele!». ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Tutt’intorno, i giocatori, uomini e donne, vecchi e giovani, d’ogni paese e d’ogni condizione, parte seduti, parte in piedi, s’affrettavano nervosamente a disporre mucchi e mucchietti di luigi e di scudi e biglietti di banca, su i numeri gialli dei quadrati; quelli che non riuscivano ad accostarsi, o non volevano, dicevano al croupier i numeri e i colori su cui intendevano di giocare, e il croupier, subito, col rastrello disponeva le loro poste secondo l’indicazione, con meravigliosa destrezza; si faceva silenzio, un silenzio strano, angoscioso, quasi vibrante di frenate violenze, rotto di tratto in tratto dalla voce monotona sonnolenta dei croupiers:
---------------
* L’agitazione cresceva di momento in momento attorno al tavoliere; eran fremiti d’impazienza, scatti di brevi gesti nervosi, un furor contenuto a stento, angoscioso e terribile. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Non si avevano notizie di lui da alquanti giorni: giorni di tremenda costernazione e d’inenarrabile angoscia per la desolata famiglia; costernazione e angoscia condivise dalla miglior parte della nostra cittadinanza, che lo amava e lo stimava per la bontà dell’animo, per la giovialità del carattere e per quella natural modestia, che gli aveva permesso, insieme con le altre doti, di sopportare senza avvilimento e con rassegnazione gli avversi fati, onde dalla spensierata agiatezza si era in questi ultimi tempi ridotto in umile stato. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* La «tremenda costernazione e l’inenarrabile angoscia» della mia famiglia non mi fecero ridere, né l’amore e la stima dei miei concittadini per le mie belle virtù, né il mio zelo per l’ufficio. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Dovevo proprio credere alla loro pena per la mia morte, a tutta quella «inenarrabile angoscia», a quel «cordoglio straziante» del funebre pezzo forte di Lodoletta? Bastava, perbacco, aprir pian piano un occhio a quel povero morto, per accorgersi che non ero io; e anche ammesso che gli occhi fossero rimasti in fondo alla gora, via! una moglie, che veramente non voglia, non può scambiare così facilmente un altro uomo per il proprio marito. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E ogni qualvolta due che comunichino fra loro così, con le anime soltanto, si trovano soli in qualche luogo, provano un turbamento angoscioso e quasi una repulsione violenta d’ogni minimo contatto materiale, una sofferenza che li allontana, e che cessa subito, non appena un terzo intervenga. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* A un certo punto: «Beate le marionette,» sospirai, «su le cui teste di legno il finto cielo si conserva senza strappi! Non perplessità angosciose, né ritegni, né intoppi, né ombre, né pietà: nulla! E possono attendere bravamente e prender gusto alla loro commedia e amare e tener se stesse in considerazione e in pregio, senza soffrir mai vertigini o capogiri, poiché per la loro statura e per le loro azioni quel cielo è un tetto proporzionato. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Balzai in piedi, reggendomi al tavolino per non cadere, nell’improvviso smarrimento angoscioso: stupefatto, quasi atterrito, tesi l’orecchio, con l’idea di fuggire non appena quei due – Papiano e lo Spagnuolo (era lui, non c’era dubbio: lo avevo veduto nella sua voce) – avessero attraversato il corridoio. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Che piacere! Nell’improvviso buio, allora è indescrivibile lo scompiglio delle singole lanternine: chi va di qua, chi di là, chi torna indietro, chi si raggira; nessuna più trova la via: si urtano, s’aggregano per un momento in dieci, in venti; ma non possono mettersi d’accordo, e tornano a sparpagliarsi in gran confusione, in furia angosciosa: come le formiche che non trovino più la bocca del formicaio, otturata per ispasso da un bambino crudele. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Il fioco, ma placido lume di queste lanternucce desta certo invidia angosciosa in molti di noi; a certi altri, invece, che si credono armati, come tanti Giove, del fulmine domato dalla scienza, e, in luogo di quelle lanternucce, recano in trionfo le lampadine elettriche, ispira una sdegnosa commiserazione. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma domando io ora, signor Meis: E se tutto questo buio, quest’enorme mistero, nel quale indarno i filosofi dapprima specularono, e che ora, pur rinunziando all’indagine di esso, la scienza non esclude, non fosse in fondo che un inganno come un altro, un inganno della nostra mente, una fantasia che non si colora? Se noi finalmente ci persuadessimo che tutto questo mistero non esiste fuori di noi, ma soltanto in noi, e necessariamente, per il famoso privilegio del sentimento che noi abbiamo della vita, del lanternino cioè, di cui le ho finora parlato? Se la morte, insomma, che ci fa tanta paura, non esistesse e fosse soltanto, non l’estinzione della vita, ma il soffio che spegne in noi questo lanternino, lo sciagurato sentimento che noi abbiamo di essa, penoso, pauroso, perché limitato, definito da questo cerchio d’ombra fittizia, oltre il breve àmbito dello scarso lume, che noi, povere lucciole sperdute, ci proiettiamo attorno, e in cui la vita nostra rimane come imprigionata, come esclusa per alcun tempo dalla vita universale, eterna, nella quale ci sembra che dovremo un giorno rientrare, mentre già ci siamo e sempre vi rimarremo, ma senza più questo sentimento d’esilio che ci angoscia? Il limite è illusorio, è relativo al poco lume nostro, della nostra individualità: nella realtà della natura non esiste. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Ma come mai, – gemette ella, angosciata, – come mai teneva lei tanto denaro, così, in casa?
---------------
* E andai, andai all’impazzata; poi, man mano rallentai il passo e alla fine, arrangolato, mi fermai, come se non potessi più trascinar l’anima, frustata da quel dileggio, fremebonda e piena d’una plumbea tetraggine angosciosa. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E io avevo dormito! E ora, in questa impazienza angosciosa, avrei dovuto aspettare fino alla mattina del giorno seguente, per saper qualche cosa dai giornali di Roma. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Messi insieme così un funereo zibaldone di dolore fatto verbo , dove i distici , i paradossi , i lagni , i rimpianti di uomini lontani nello spazio , nel tempo e nello spirito si ritrovarono accozzati assieme , come il coro angoscioso dell'umana incontentezza . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ed io le ho fatte godere e soffrire come gli altri uomini ed ho conosciuto anch' io le febbri della bramosia , le angoscie dell' incertezza , i tormenti del dubbio , le tristezze dell'attesa , il travaglio della gelosia e la divina incoscienza dell' abbraccio violento quando par che le due anime vogliano strapparsi dai corpi congiunti per farne i una sola . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E anche se riuscissi , anche se buttassi in faccia a tutti voialtri che m'avete disprezzato , angosciato , sbeffeggiato , strapazzato , perseguitato e ignorato l'opera che sognai e desiderai , il capolavoro che facesse piangere i vostri asciutti occhi di avari e chiudesse le vostre bocche oscenamente irridenti e facesse trabalzare il placido cuoricino che avete ormai dimenticato sotto il corpetto ; se arrivassi , insomma , a confondervi , sconfiggervi e stravincervi colla forza prepotente e balenante del mio genio , che cosa mi dareste , cosa mi potreste offrire , in che modo pensereste ricompensarmi ? Tutte le storie del dolore degli uomini son piene della vostra riconoscenza . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
– Sono dunque gravemente ammalato? – aveva domandato con angoscia .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Fu marcata in quelle ore angosciose in caratteri grandi nel mio vocabolario alla lettera C (Carla) la data di quel giorno con l’annotazione: «ultimo tradimento» .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
amaricare
= verbo trans. rendere amaro amareggiare , angosciare .
---------------
ambasciare
= imbasciare , verbo trans. addolorare , angosciare
= verbo intr. , ambasciarsi
= verbo rifl. provare ambascia .
---------------
anello
= anelante , affannoso ansioso , angosciato
---------------
angere
= verbo trans. angustiare , angosciare
---------------
angosciante
= che dà , procura angoscia
---------------
angosciare
= verbo trans. dare angoscia
---------------
angosciarsi
= verbo rifl. provare angoscia
---------------
angosciato
= participio passato di angosciare , tormentato , afflitto dall'angoscia
---------------
angoscioso
= che dà angoscia
---------------
compulsione
= costrizione impulso irrefrenabile a compiere un atto la cui mancata realizzazione sarebbe vissuta dal soggetto con angoscia o con un forte sentimento di colpa.
---------------
crepacuore popolare crepacore,
= dolore morale, angoscia insopportabili
---------------
incubo
= sogno angoscioso , spesso accompagnato da sensazioni di oppressione o soffocamento
---------------
omè
= anche ome , omei , esclamazione di dolore equivalente a ohimè , lamenti , sospiri angosciosi .
---------------
ossedere
= verbo trans . assediare - ossessionare , angosciare .
---------------
pieta
= dolore , angoscia
---------------
rancurarsi
= verbo riflessivo rammaricarsi, affliggersi, angosciarsi
---------------
trangosciare
= verbo (intrans .- aus . essere) provare angoscia , soffrire fino allo spasimo .
---------------
Conjugacíon: 1 - angustiar
auxiliar: haber - transitivo
INDICATIVO activo
Presente
yo angustío
angustías
él/ella angustía
nosotros angustiamos
vosotros angustiáis
ellos/ellas angustían
Imperfecto
yo angustiaba
angustiabas
él/ella angustiaba
nosotros angustiabamos
vosotros angustiabais
ellos/ellas angustiaban
Pretérito indefinito
yo angustié
angustiaste
él/ella angustió
nosotros angustiamos
vosotros angustiasteis
ellos/ellas angustiaron
Preterito perfecto
yo he angustiado
has angustiado
él/ella ha angustiado
nosotros hemos angustiado
vosotros habéis angustiado
ellos/ellas han angustiado
Preterito pluscuamperfecto
yo había angustiado
habías angustiado
él/ella había angustiado
nosotros habíamos angustiado
vosotros habíais angustiado
ellos/ellas habían angustiado
Preterito anterior
yo hube angustiado
hubiste angustiado
él/ella hubo angustiado
nosotros hubimos angustiado
vosotros hubisteis angustiado
ellos/ellas hubieron angustiado
Futuro
yo angustiaré
angustiaras
él/ella angustiará
nosotros angustiaremos
vosotros angustiareis
ellos/ellas angustiarán
Futuro perfecto
yo habré angustiado
habrás angustiado
él/ella habrá angustiado
nosotros habremos angustiado
vosotros habréis angustiado
ellos/ellas habrán angustiado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo angustíe
angustíes
él/ella angustíe
nosotros angustiemos
nosotros angustiéis
ellos/ellas angustíen
Pretérito perfecto
yo haya angustiado
hayas angustiado
él/ella haya angustiado
nosotros hayamos angustiado
nosotros hayáis angustiado
ellos/ellas hayan angustiado
Pretérito imperfetto I
yo angustiara
angustiaras
él/ella angustiara
nosotros angustiáramos
nosotros angustiarais
ellos/ellas angustiaran
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera angustiado
hubieras angustiado
él/ella hubiera angustiado
nosotros hubiéramos angustiado
nosotros hubierais angustiado
ellos/ellas hubieran angustiado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese angustiado
hubieses angustiado
él/ella hubiese angustiado
nosotros hubiésemos angustiado
nosotros hubieseis angustiado
ellos/ellas hubiesen angustiado
Pretérito imperfetto II
yo angustiase
angustiases
él/ella angustiase
nosotros angustiásemos
nosotros angustiaseis
ellos/ellas angustiasen
Futuro
yo angustiare
angustiares
él/ella angustiare
nosotros angustiáremos
nosotros angustiareis
ellos/ellas angustiaren
Futuro perfecto
yo hubiere angustiado
hubieres angustiado
él/ella hubiere angustiado
nosotros hubiéremos angustiado
nosotros hubiereis angustiado
ellos/ellas hubieren angustiado
POTENCIAL - activo
Presente
yo angustiaría
angustiarías
él/ella angustiaría
nosotros angustiaríamos
vosotros angustiaríais
ellos/ellas angustiarían
Perfecto
yo habría angustiado
habrías angustiado
él/ella habría angustiado
nosotros habríamos angustiado
vosotros habríais angustiado
ellos/ellas habrían angustiado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
angustia
angustíe
angustiemos
angustiad
angustíen
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber angustiado
PARTICIPIO - activo
Presente
que angustía
Compuesto
angustiado
GERUNDIO activo
Presente
angustiando
Compuesto
habiendo angustiado
INDICATIVO pasivo
Presente
yo soy angustiado
eres angustiado
él/ella es angustiado
nosotros somos angustiados
vosotros seis angustiados
ellos/ellas son angustiados
Imperfecto
yo era angustiado
eras angustiado
él/ella era angustiado
nosotros èramos angustiados
vosotros erais angustiados
ellos/ellas eran angustiados
Pretérito indefinito
yo fui angustiado
fuiste angustiado
él/ella fue angustiado
nosotros fuimos angustiados
vosotros fuisteis angustiados
ellos/ellas fueron angustiados
Preterito perfecto
yo he sido angustiado
has sido angustiado
él/ella ha sido angustiado
nosotros hemos sido angustiados
vosotros habèis sido angustiados
ellos/ellas han sido angustiados
Preterito pluscuamperfecto
yo había sido angustiado
habías sido angustiado
él/ella había sido angustiado
nosotros habíamos sido angustiados
vosotros habías sido angustiados
ellos/ellas habían sido angustiados
Preterito anterior
yo hube sido angustiado
hubiste sido angustiado
él/ella hubo sido angustiado
nosotros hubimos sido angustiados
vosotros hubisteis sido angustiados
ellos/ellas hubieron sido angustiados
Futuro
yo seré angustiado
serás angustiado
él/ella será angustiado
nosotros seremos angustiados
vosotros sereis angustiados
ellos/ellas serán angustiados
Futuro perfecto
yo habrè sido angustiado
habrás sido angustiado
él/ella habrá sido angustiado
nosotros habremos sido angustiados
vosotros habreis sido angustiados
ellos/ellas habrán sido angustiados
CONJUNTIVO - pasivo
Presente
yo sea angustiado
seas angustiado
él/ella sea angustiado
nosotros seamos angustiados
nosotros seáis angustiados
ellos/ellas sean angustiados
Pretérito perfecto
yo haya sido angustiado
hayas sido angustiado
él/ella haya sido angustiado
nosotros hayamos sido angustiado
nosotros hayáis sido angustiado
ellos/ellas hayan sido angustiado
Pretérito imperfetto I
yo fuere angustiado
fueres angustiado
él/ella fuere angustiado
nosotros fuéremos angustiados
nosotros fuereis angustiados
ellos/ellas fueren angustiados
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiere sido angustiado
hubieres sido angustiado
él/ella hubiere sido angustiado
nosotros hubiéremos sido angustiados
nosotros hubierei sido angustiados
ellos/ellas hubieren sido angustiados
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese sido angustiado
hubieses sido angustiado
él/ella hubiese sido angustiado
nosotros hubiésemos sido angustiados
nosotros hubieseis sido angustiados
ellos/ellas hubiesen sido angustiados
Pretérito imperfetto II
yo fuese angustiado
fuesess angustiado
él/ella fuese angustiado
nosotros fuésemos angustiados
nosotros fueseis angustiados
ellos/ellas fuesen angustiados
Futuro
yo fuere angustiado
fueres angustiado
él/ella fuere angustiado
nosotros fuéremos angustiados
nosotros fuereis angustiados
ellos/ellas fueren angustiados
Futuro perfecto
yo hubiere sido angustiado
hubieres sido angustiado
él/ella hubiere sido angustiado
nosotros hubiéremos sido angustiados
nosotros hubiereis sido angustiados
ellos/ellas hubieren sido angustiados
POTENCIAL - pasivo
Presente
yo sería angustiado
serías angustiado
él/ella sería angustiado
nosotros seríamos angustiados
vosotros seríais angustiados
ellos/ellas serían angustiados
Perfecto
yo habría sido angustiado
habrías sido angustiado
él/ella habría sido angustiados
nosotros habríamos sido angustiados
vosotros habríais sido angustiados
ellos/ellas habrían sido angustiados
IMPERATIVO - pasivo
Positivo
-
sé angustiado
sea angustiado
seamos angustiados
sed angustiados
sean angustiados
INFINITO pasivo
Presente
ser angustiado
Compuesto
haber sido angustiado
PARTICIPIO - pasivo
Presente
que es angustiado
Compuesto
angustiado
GERUNDIO pasivo
Presente
siendo angustiado
Compuesto
habiendo sido angustiado
Coniugazione:1 - angosciare
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io angoscio
tu angosci
egli angoscia
noi angosciamo
voi angosciate
essi angosciano
Imperfetto
io angosciavo
tu angosciavi
egli angosciava
noi angosciavamo
voi angosciavate
essi angosciavano
Passato remoto
io angosciai
tu angosciasti
egli angosciò
noi angosciammo
voi angosciaste
essi angosciarono
Passato prossimo
io ho angosciato
tu hai angosciato
egli ha angosciato
noi abbiamo angosciato
voi avete angosciato
essi hanno angosciato
Trapassato prossimo
io avevo angosciato
tu avevi angosciato
egli aveva angosciato
noi avevamo angosciato
voi avevate angosciato
essi avevano angosciato
Trapassato remoto
io ebbi angosciato
tu avesti angosciato
egli ebbe angosciato
noi avemmo angosciato
voi eveste angosciato
essi ebbero angosciato
Futuro semplice
io angoscerò
tu angoscerai
egli angoscerà
noi angosceremo
voi angoscerete
essi angosceranno
Futuro anteriore
io avrò angosciato
tu avrai angosciato
egli avrà angosciato
noi avremo angosciato
voi avrete angosciato
essi avranno angosciato
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io angosci
che tu angosci
che egli angosci
che noi angosciamo
che voi angosciate
che essi angoscino
Passato
che io abbia angosciato
che tu abbia angosciato
che egli abbia angosciato
che noi abbiamo angosciato
che voi abbiate angosciato
che essi abbiano angosciato
Imperfetto
che io angosciassi
che tu angosciassi
che egli angosciasse
che noi angosciassimo
che voi angosciaste
che essi angosciassero
Trapassato
che io avessi angosciato
che tu avessi angosciato
che egli avesse angosciato
che noi avessimo angosciato
che voi aveste angosciato
che essi avessero angosciato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io angoscerei
tu angosceresti
egli angoscerebbe
noi angosceremmo
voi angoscereste
essi angoscerebbero
Passato
io avrei angosciato
tu avresti angosciato
egli avrebbe angosciato
noi avremmo angosciato
voi avreste angosciato
essi avrebbero angosciato
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
angoscia
angosci
angosciamo
angosciate
angoscino
Futuro
-
angoscerai
angoscerà
angosceremo
angoscerete
angosceranno
INFINITO - attivo
Presente
angosciare
Passato
avere angosciato
PARTICIPIO - attivo
Presente
angosciante
Passato
angosciato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
angosciando
Passato
avendo angosciato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono angosciato
tu sei angosciato
egli é angosciato
noi siamo angosciati
voi siete angosciati
essi sono angosciati
Imperfetto
io ero angosciato
tu eri angosciato
egli era angosciato
noi eravamo angosciati
voi eravate angosciati
essi erano angosciati
Passato remoto
io fui angosciato
tu fosti angosciato
egli fu angosciato
noi fummo angosciati
voi foste angosciati
essi furono angosciati
Passato prossimo
io sono stato angosciato
tu sei stato angosciato
egli é stato angosciato
noi siamo stati angosciati
voi siete stati angosciati
essi sono stati angosciati
Trapassato prossimo
io ero stato angosciato
tu eri stato angosciato
egli era stato angosciato
noi eravamo stati angosciati
voi eravate stati angosciati
essi erano statiangosciati
Trapassato remoto
io fui stato angosciato
tu fosti stato angosciato
egli fu stato angosciato
noi fummo stati angosciati
voi foste stati angosciati
essi furono stati angosciati
Futuro semplice
io sarò angosciato
tu sarai angosciato
egli sarà angosciato
noi saremo angosciati
voi sarete angosciati
essi saranno angosciati
Futuro anteriore
io sarò stato angosciato
tu sarai stato angosciato
egli sarà stato angosciato
noi saremo stati angosciati
voi sarete stati angosciati
essi saranno stati angosciati
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia angosciato
che tu sia angosciato
che egli sia angosciato
che noi siamo angosciati
che voi siate angosciati
che essi siano angosciati
Passato
che io sia stato angosciato
che tu sia stato angosciato
che egli sia stato angosciato
che noi siamo stati angosciati
che voi siate stati angosciati
che essi siano stati angosciati
Imperfetto
che io fossi angosciato
che tu fossi angosciato
che egli fosse angosciato
che noi fossimo angosciati
che voi foste angosciati
che essi fossero angosciati
Trapassato
che io fossi stato angosciato
che tu fossi stato angosciato
che egli fosse stato angosciato
che noi fossimo stati angosciati
che voi foste stati angosciati
che essi fossero stati angosciati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei angosciato
tu saresti angosciato
egli sarebbe angosciato
noi saremmo angosciati
voi sareste angosciati
essi sarebbero angosciati
Passato
io sarei stato angosciato
tu saresti stato angosciato
egli sarebbe stato angosciato
noi saremmo stati angosciati
voi sareste stati angosciati
essi sarebbero stati angosciati
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii angosciato
sia angosciato
siamo angosciati
siate angosciati
siano angosciati
Futuro
-
sarai angosciato
sarà angosciato
saremo angosciati
sarete angosciati
saranno angosciati
INFINITO - passivo
Presente
essere angosciato
Passato
essere stato angosciato
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
angosciato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo angosciato
Passato
essendo stato angosciato