Buena navegación con NihilScio!  Página de Facebook
NihilScio                Home

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

á   è   é   ì   í   ò
ó   ù   ú   ü   ñ   ç
Inglese
sinonimi di andar

  Cerca  frasi:
Vocabulario y frases
andar
= intr. camminare , andare , funzionare , stare , passare .
---------------
* Sobre todo le encargó que llevase alforjas; él dijo que sí llevaría, y que asimismo pensaba llevar un asno que tenía muy bueno, porque él no estaba duecho a andar mucho a pie.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Mire vuestra merced —respondió Sancho— que aquellos que allí se parecen no son gigantes, sino molinos de viento, y lo que en ellos parecen brazos son las aspas, que, volteadas del viento, hacen andar la piedra del molino( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y, en tanto que él iba de aquella manera menudeando tragos, no se le acordaba de ninguna promesa que su amo le hubiese hecho, ni tenía por ningún trabajo, sino por mucho descanso, andar buscando las aventuras por peligrosas que fuesen( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Bien dices, Pedro —dijo uno—; que no será menester usar de esa diligencia, que yo me quedaré por todos; y no lo atribuyas a virtud y a poca curiosidad mía, sino a que no me deja andar el garrancho que el otro día me pasó este pie( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Harto vive la sarna —respondió Pedro—; y si es, señor, que me habéis de andar zaheriendo a cada paso los vocablos, no acabaremos en un año( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Cesó esta plática y comenzose otra, preguntando el que se llamaba Vivaldo a don Quijote qué era la ocasión que le movía a andar armado de aquella manera por tierra tan pacifica( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Pero, puesto caso que corran igualmente las hermosuras, no por eso han de correr iguales los deseos, que no todas hermosuras enamoran; que algunas alegran la vista y no rinden la voluntad; que, si todas las bellezas enamorasen y rindiesen, sería un andar las voluntades confusas y descaminadas, sin saber en cuál habían de parar; porque, siendo infinitos los sujetos hermosos, infinitos habían de ser los deseos, y, según yo he oído decir, el verdadero amor no se divide, y ha de ser voluntario y no forzoso( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Mas yo te juro, Sancho Panza, a fe de caballero andante, que antes que pasen dos días, si la fortuna no ordena otra cosa, la tengo de tener en mi poder, o mal me han de andar las manos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y lo que sería mejor y más acertado, según mi poco entendimiento, fuera el volvernos a nuestro lugar, ahora que es tiempo de la siega y de entender en la hacienda, dejándonos de andar de Ceca en Meca y de zoca en colodra, como dicen( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —¡Qué poco sabes, Sancho —respondió don Quijote—, de achaque de caballería! Calla y ten paciencia; que día vendrá donde veas, por vista de ojos, cuán honrosa cosa es andar en este ejercicio.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Desa suerte —dijo don Quijote—, quitado me ha Nuestro Señor del trabajo que había de tomar en vengar su muerte, si otro alguno le hubiera muerto; pero, habiéndole muerto quien le mató, no hay sino callar y encoger los hombros, porque lo mismo hiciera si a mí mismo me matara; y quiero que sepa vuestra reverencia que yo soy un caballero de la Mancha llamado don Quijote, y es mi oficio y ejercicio andar por el mundo enderezando tuertos y desfaciendo agravios( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Mas, viendo Sancho que a más andar se venía la mañana, con mucho tiento desligó a Rocinante y se ató los calzones.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Digo, pues, señor —respondió Sancho—, que de algunos días a esta parte he considerado cuán poco se gana y granjea de andar buscando estas aventuras que vuestra merced busca por estos desiertos y encrucijadas de caminos, donde ya que se venzan y acaben las más peligrosas, no hay quien las vea ni sepa, y así, se han de quedar en perpetuo silencio y en perjuicio de la intención de vuestra merced y de lo que ellas merecen.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —No dices mal, Sancho —respondió don Quijote—; mas antes que se llegue a ese término es menester andar por el mundo como en aprobación, buscando las aventuras, para que, acabando algunas, se cobre nombre y fama tal, que, cuando se fuere a la corte de algún gran monarca, ya sea el caballero conocido por sus obras, y que, apenas le hayan visto entrar los muchachos por la puerta de la ciudad, cuando todos le sigan y rodeen, dando voces diciendo: «Este es el caballero del Sol», o de la Sierpe, o de otra insignia alguna, debajo de la cual hubiere acabado grandes hazañas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —A no haberle añadido esas puntas y collar —dijo don Quijote—, por solamente el alcahuete limpio no merecía él ir a bogar en las galeras, sino a mandallas y a ser general dellas, porque no es así como quiera el oficio de alcahuete, que es oficio de discretos y necesarísimo en la república bien ordenada, y que no le debía ejercer sino gente muy bien nacida, y aun había de haber veedor y examinador de los tales, como le hay de los demás oficios, con número deputado y conocido, como corredores de lonja, y desta manera se escusarían muchos males que se causan por andar este oficio y ejercicio entre gente idiota y de poco entendimiento, como son mujercillas de poco más a menos, pajecillos y truhanes de pocos años y de poca experiencia, que a la más necesaria ocasión, y cuando es menester dar una traza que importe, se les yelan las migas entre la boca y la mano y no saben cuál es su mano derecha( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Traía la cabeza descubierta, y, aunque pasó con la ligereza que se ha dicho, todas estas menudencias miró y notó el Caballero de la Triste Figura; y, aunque lo procuró, no pudo seguille, porque no era dado a la debilidad de Rocinante andar por aquellas asperezas, y más siendo él de suyo pisacorto y flemático( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Luego imaginó don Quijote que aquel era el dueño del cojín y de la maleta, y propuso en sí de buscalle, aunque supiese andar un año por aquellas montañas hasta hallarle; y así, mandó a Sancho que se apease del asno y atajase por la una parte de la montaña, que él iría por la otra, y podría ser que topasen, con esta diligencia, con aquel hombre que con tanta prisa se les había quitado de delante( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Saludonos cortésmente, y en pocas y muy buenas razones nos dijo que no nos maravillásemos de verle andar de aquella suerte, porque así le convenía para cumplir cierta penitencia que por sus muchos pecados le había sido impuesta.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Si ya quisiera la suerte que los animales hablaran, como hablaban en tiempo de Guisopete3355, fuera menos mal, porque departiera yo con mi jumento lo que me viniera en gana, y con esto pasara mi mala ventura; que es recia cosa, y que no se puede llevar en paciencia, andar buscando aventuras toda la vida, y no hallar sino coces y manteamientos, ladrillazos y puñadas, y, con todo esto, nos hemos de coser la boca, sin osar decir lo que el hombre tiene en su corazón, como si fuera mudo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y querría ya verme en camino solo por vella, que ha muchos días que no la veo, y debe de estar ya trocada, porque gasta mucho la faz de las mujeres andar siempre al campo, al sol y al aire.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* 199 blancura y belleza de los pies, pareciéndoles que no estaban hechos a pisar terrones, ni a andar tras el arado y los bueyes, como mostraba el hábito de su dueño( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Suspenso tenían a Lotario las razones de Anselmo, y no sabía en qué había de parar tan larga prevención o preámbulo, y aunque iba revolviendo en su imaginación qué deseo podría ser aquel que a su amigo tanto fatigaba, dio siempre muy lejos del blanco de la verdad; y por salir presto de la agonía que le causaba aquella suspensión, le dijo que hacía notorio agravio a su mucha amistad en andar buscando rodeos para decirle sus más encubiertos pensamientos, pues tenía cierto que se podía prometer dél, o ya consejos para entretenellos, o ya remedio para cumplillos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Bien está —dijo Anselmo—; hasta aquí ha resistido Camila a las palabras; es menester ver cómo resiste a las obras: yo os daré mañana dos mil escudos de oro para que se los ofrezcáis y aun se los deis, y otros tantos para que compréis joyas con que cebarla; que las mujeres suelen ser aficionadas, y más si son hermosas, por más castas que sean, a esto de traerse bien y andar galanas; y si ella resiste a esta tentación, yo quedaré satisfecho y no os daré más pesadumbre( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Pero, con todo eso, no es tanta que no coma, aunque sea un poco más tarde de lo que se usa, aunque sea de las sobras de los ricos; que es la mayor miseria del estudiante este que entre ellos 274llaman andar a la sopa6611, y no les falta algún ajeno brasero o chimenea, que, si no calienta, a lo menos entibie su frío, y, en fin, la noche duermen debajo de cubierta.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Desunció luego los bueyes de la carreta el boyero y dejolos andar a sus anchuras por aquel verde y apacible sitio, cuya frescura convidaba a quererla gozar, no a las personas tan encantadas como don Quijote, sino a los tan advertidos y discretos como su escudero; el cual rogó al cura que permitiese que su señor saliese por un rato de la jaula, porque si no le dejaban salir, no iría tan limpia aquella prisión como requiría la decencia de un tal caballero como su amo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* «Yo sé que estoy bueno —replicó el licenciado—, y no habrá para qué tornar a andar estaciones».( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Para otras cosas más —respondió don Quijote— tiene licencia el señor cura, y así puede decir su escrúpulo, porque no es de gusto andar con la conciencia escrupulosa( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Una de las cosas —dijo a esta sazón don Quijote— que más debe de dar contento a un hombre virtuoso y eminente es verse, viviendo, andar con buen nombre por las lenguas de las gentes, impreso y en estampa; dije con buen nombre: porque siendo al contrario, ninguna muerte se le igualara( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Pero allá van reyes do quieren leyes, y con este nombre me contento, sin que me le pongan un don encima que pese tanto, que no le pueda llevar, y no quiero dar que decir a los que me vieren andar vestida a lo condesil o a lo de gobernadora, que luego dirán.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Con todo esto, entre otras muchas razones que con él pasaron, le dijo el ama: —En verdad, señor mío, que si vuesa merced no afirma el pie llano y se está quedo en su casa y se deja de andar por los montes y por los valles como ánima en pena, buscando esas que dicen que se llaman aventuras, a quien yo llamo desdichas, que me tengo de quejar en voz y en grita a Dios y al rey, que pongan remedio en ello( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Díjole don Quijote: —Sancho amigo, la noche se nos va entrando a más andar y con más escuridad de la que habíamos menester para alcanzar a ver con el día al Toboso, adonde tengo determinado de ir antes que en otra aventura me ponga, y allí tomaré la bendición y buena licencia de la sin par Dulcinea, con la cual licencia pienso y tengo por cierto de acabar y dar felice cima a toda peligrosa aventura, porque ninguna cosa desta vida hace más valientes a los caballeros andantes que verse favorecidos de sus damas( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Eso es lo que yo digo también —respondió Sancho—, y pienso que en esa leyenda o historia que nos dijo el bachiller Carrasco que de nosotros había visto, debe de andar mi honra a coche acá, cinchado, y, como dicen, al estricote, aquí y allí, barriendo las calles.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Pues a fe de bueno, que no he dicho yo mal de ningún encantador ni tengo tantos bienes que pueda ser envidiado; bien es verdad que soy algo malicioso y que tengo mis ciertos asomos de bellaco; pero todo lo cubre y tapa la gran capa de la simpleza mía, siempre natural y nunca artificiosa, y cuando otra cosa no tuviese sino el creer, como siempre creo, firme y verdaderamente, en Dios y en todo aquello que tiene y cree la santa Iglesia Católica Romana, y el ser enemigo mortal, como lo soy, de los judíos, debían los historiadores tener misericordia de mí y tratarme bien en sus escritos; pero digan lo que quisieren, que desnudo nací, desnudo me hallo, ni pierdo ni gano; aunque por verme puesto en libros y andar por ese mundo de mano en mano, no se me da un higo que digan de mí todo lo que quisieren( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Hemos de matar en los gigantes a la soberbia, a la envidia en la generosidad y buen pecho, a la ira en el reposado continente y quietud del animo, a la gula y al sueño en el poco comer que comemos y en el mucho velar que velamos, a la lujuria y lascivia en la lealtad que guardamos a las que hemos hecho señoras de nuestros pensamientos, a la pereza, con andar por todas las partes del mundo buscando las ocasiones que nos puedan hacer y hagan, sobre cristianos, famosos caballe- 110 Se refiere al Panteón, maravillosa construcción de la Roma antigua, realizado por Agripa( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Ya lo veo —respondió Sancho—, y plega a Dios que no demos con nuestra sepultura; que no es buena señal andar por los cimenterios a tales horas, y más habiendo yo dicho a vuestra merced, si mal no acuerdo, que la casa desta señora ha de estar en una callejuela sin salida( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Sancho, que vio suspenso a su señor, y asaz malcontento, le dijo: —Señor, ya se viene a más andar el día y no será acertado dejar que nos halle el sol en la calle; mejor será que nos salgamos fuera de la ciudad, y que vuestra merced se embosque en alguna floresta aquí cercana, y yo volveré de día, y no dejaré ostugo en todo este lugar donde no busque la casa, alcázar o palacio de mi señora, y asaz sería de desdichado si no la hallase, y hallándole, hablaré con su merced, y le diré dónde y cómo queda vuestra merced esperando que le dé orden y traza para verla sin menoscabo de su honra y fama( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y has también de advertir, Sancho, que no se contentaron estos traidores de haber vuelto y transformado a mi Dulcinea, sino que la transformaron y volvieron en una figura tan baja y tan fea como la de aquella aldeana, y juntamente le quitaron lo que es tan suyo de las principales señoras, que es el buen olor por andar siempre entre ámbares y entre flores; porque te hago saber, Sancho, que, cuando llegué a subir a Dulcinea sobre su hacanea, según tú dices, que a mí me pareció borrica, me dio un olor de ajos crudos, que me encalabrinó y atosigó el alma( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* De una cosa me pesa, señor mío, más que de otras: que es pensar qué medio se ha de tener cuando vuesa merced venza a algún gigante o otro caballero, y le mande que se vaya a presentar ante la hermosura de la señora Dulcinea, ¿adónde la ha de hallar este pobre gigante o este pobre y mísero caballero vencido? Paréceme que los veo andar por el Toboso hechos unos bausanes buscando a mi señora Dulcinea, y aunque la encuentren en mitad de la calle, no la conocerán más que a mi padre( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Por eso digo —dijo el del Bosque— que nos dejemos de andar buscando aventuras, y pues tenemos hogazas, no busquemos tortas, y volvámonos a nuestras chozas; que allí nos hallará Dios si Él quiere( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Quise resucitar la 437 438ya muerta andante caballería, y ha muchos días que, tropezando aquí, cayendo allí, despeñándome acá y levantándome acullá, he cumplido gran parte de mi deseo, socorriendo viudas, amparando doncellas y favoreciendo casadas, huérfanos y pupilos, propio y natural oficio de caballeros andantes, y, así, por mis valerosas, muchas y cristianas hazañas he merecido andar ya en estampa en casi todas o las más naciones del mundo; treinta mil volúmenes se han impreso de mi historia, y lleva camino de imprimirse treinta mil veces de millares, si el cielo no lo remedia.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Es una ciencia —replicó don Quijote— que encierra en sí todas o las más ciencias del mundo, a causa que el que la profesa ha de ser jurisperito y saber las leyes de la justicia distributiva y comutativa, para dar a cada uno lo que es suyo y lo que le conviene; ha de ser teólogo, para saber dar razón de la cristiana ley que profesa clara y distintamente adondequiera que le fuere pedido; ha de ser médico, y principalmente herbolario, para conocer en mitad de los despoblados y desiertos las yerbas que tienen virtud de sanar las heridas, que no ha de andar el caballero andante a cada triquete111199 buscando quien se las cure; ha de ser astrólogo, para conocer por las estrellas cuantas horas son pasadas de la noche y en qué parte y en qué clima del mundo se halla; ha de saber las matemáticas, porque a cada paso se le ofrecerá tener necesidad dellas, y, dejando aparte que ha de estar adornado de todas las virtudes teologales y cardinales, decendiendo a otras menudencias, digo que ha de saber nadar como dicen que nadaba el peje Nicolás o Nicolao112200; ha de saber herrar un caballo y aderezar la silla y el freno, y, volviendo a lo de arriba, ha de guardar la fe a Dios y a su dama; ha de ser casto en los pensamientos, honesto en las palabras, liberal en las obras, valiente en los hechos, sufrido en los trabajos, caritativo con los menesterosos y, finalmente, mantenedor de la verdad, aunque le cueste la vida el defenderla.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* quitarse de andar receloso y lleno de sospechas, ordenó de casar a su hija con el rico Camacho, no pareciéndole ser bien casarla con Basilio, que no tenía tantos bienes de fortuna como de naturaleza, pues si va a decir las verdades sin invidia, él es el más ágil mancebo que conocemos, gran tirador de barra, luchador estremado y gran jugador de pelota; corre como un gamo, salta más que una cabra y birla a los bolos como por encantamento; canta como una calandria y toca una guitarra que la hace hablar, y, sobre todo, juega una espada como el más pintado( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Sí, que para preguntar necedades y responder disparates no he menester yo andar buscando ayuda de vecinos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Diréisle también que cuando menos se lo piense oirá decir como yo he hecho un juramento y voto, a modo de aquel que hizo el marqués de Mantua, de vengar a su sobrino Baldovinos cuando le halló para espirar en mitad de la montiña, que fue de no comer pan a manteles, con las otras zarandajas que allí añadió, hasta vengarle; y así le haré yo de no sosegar y de andar las siete partidas del mundo, con más puntualidad que las anduvo el infante don Pedro de Portugal, hasta desencantarla».( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* , volviendo la plática a don Quijote, le dijo: —Y a vos, alma de cántaro, ¿quién os ha encajado en el celebro que sois caballero andante y que vencéis gigantes y prendéis malandrines? Andad en hora buena, y en tal se os diga: volveos a vuestra casa y criad vuestros hijos si los tenéis, y curad de vuestra hacienda, y dejad de andar vagando por el mundo, papando viento y dando que reír a cuantos os conocen y no conocen( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y ya, en esto, se venía a más andar el alba alegre y risueña; las florecillas de los campos se descollaban y erguían, y los líquidos cristales de los arroyuelos, murmurando por entre blancas y pardas guijas, iban a dar tributo a los ríos que los esperaban; la tierra alegre, el cielo claro, el aire limpio, la luz serena, cada uno por sí y todos juntos daban manifiestas señales que el día que al aurora venía pisando las faldas había de ser sereno y claro.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Has de saber, Teresa, que tengo determinado que andes en coche, que es lo que hace al caso, porque todo otro andar es andar a gatas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Algunos días estuvo encubierta y solapada en la sagacidad de mi recato esta maraña, hasta que me pareció que la iba descubriendo a más andar no sé qué hinchazón del vientre de Antonomasia, cuyo temor nos hizo entrar en bureo a los tres, y salió dél que, antes que se saliese a luz el mal recado, don Clavijo pidiese ante el vicario por su mujer a Antonomasia, en fe de una cédula que de ser su espo- 549 550sa la infanta le había hecho, notada por mi ingenio con tanta fuerza que las de Sansón no pudieran romperla.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* De allí le ha sacado Malambruno con sus artes y le tiene en su poder y se sirve dél en sus viajes, que los hace por momentos por diversas partes del mundo, y hoy está aquí y mañana en Francia, y otro día en Potosí, y es lo bueno que el tal caballo ni come ni duerme, ni gasta herraduras, y lleva un portante por los aires, sin tener alas, que el que lleva encima puede llevar una taza llena de agua en la mano sin que se le derrame gota, según camina llano y reposado; por lo cual la linda Magalona se holgaba mucho de andar caballera en el( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* A esto dijo Sancho: —Para andar reposado y llano, mi rucio, puesto que no anda por los aires; pero, por la tierra, yo le cutiré con cuantos portantes hay en el mundo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Eso no haré yo —dijo Sancho—, ni de malo ni de buen talante, en ninguna manera; y si es que este rapamiento no se puede hacer sin que yo suba a las ancas, bien puede buscar mi señor otro escudero que le acompañe, y estas señoras otro modo de alisarse los rostros; que yo no soy brujo, para gustar de andar por los aires.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Cuando subieres a caballo, no vayas echando el cuerpo sobre el arzón postrero, ni lleves las piernas tiesas y tiradas y desviadas de la barriga del caballo, ni tampoco vayas tan flojo, que parezca que vas sobre el rucio; que el andar a caballo a unos hace caballeros, a otros caballerizos.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Ahora bien, yo callaré; pero no dejaré de andar advertido de aquí adelante, a ver si descubre otra señal que confirme o desfaga mi sospecha( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Desesperábase el gobernador de la tardanza que tenía la moza en dilatar su historia, y díjole que acabase de tenerlos más suspensos; que era tarde y faltaba mucho que andar del pueblo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y de aquí adelante no se muestren tan niños ni tan deseosos de ver mundo; que la doncella honrada, la pierna quebrada y en casa; y la mujer y la gallina por andar se pierden aína; y la que es deseosa de ver también tiene deseo de ser vista.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Dude quien dudare —respondió el paje—; la verdad es la que he dicho, y esta que ha de andar siempre sobre la mentira como el aceite sobre el agua; y si no, operibus credite et non verbis119977: véngase alguno de vuesas mercedes conmigo y verán con los ojos lo que no creen por los oídos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Quédense en esta caballeriza las alas de la hormiga, que me levantaron en el aire para que me comiesen vencejos y otros pájaros, y volvámonos a andar por el suelo con pie llano; que si no le adornaren zapatos picados de cordobán, no le faltarán alpargatas toscas de cuerda.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* El discreto y cristiano no ha de andar en puntillos con lo que quiere hacer el cielo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Consolábale Sancho, y, entre otras razones, le dijo: —Señor mío, alce vuesa merced la cabeza y alégrese si puede, y dé gracias al cielo que, ya que le derribó en la tierra, no salió con alguna costilla quebrada, y pues sabe que donde las dan las toman y que no siempre hay tocinos donde hay estacas, dé una higa al medico, pues no le ha menester para que le cure en esta enfermedad; volvámonos a nuestra casa y dejémonos de andar buscando aventuras por tierras y lugares que no sabemos; y, si bien se considera, yo soy aquí el más perdidoso, aunque es vuesa merced el más mal parado( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¡Oh, qué polidas cuchares tengo de hacer cuando pastor me vea! ¡Qué de migas, qué de natas, qué de guirnaldas y qué de zarandajas pastoriles, que, puesto que no me granjeen fama de discreto, no dejarán de granjearme la de ingenioso! Sanchica mi hija nos llevará la comida al hato; pero ¡guarda! que es de buen parecer y hay pastores más maliciosos que simples, y no querría que fuese por lana y volviese trasquilada; y también suelen andar los amores y los no buenos deseos por los campos como por las ciudades, y por las pastorales chozas como por los reales palacios, y, quitada la causa, se quita el pecado, y ojos que no veen corazón que no quiebra, y más vale salto de mata que ruego de hombres buenos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Andar a la greña
---------------
* Andar a rastras
---------------
* Andar de cabeza
---------------
Vocabulario y frases
camminare
= verbo intr. muoversi, spostarsi da un punto a un altro a piedi
---------------
* Il buon secentista ha voluto sul principio mettere in mostra la sua virtù ; ma poi , nel corso della narrazione , e talvolta per lunghi tratti , lo stile cammina ben più naturale e più piano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Taluni però di que' fatti , certi costumi descritti dal nostro autore , c'eran sembrati così nuovi , così strani , per non dir peggio , che , prima di prestargli fede , abbiam voluto interrogare altri testimoni ; e ci siam messi a frugar nelle memorie di quel tempo , per chiarirci se veramente il mondo camminasse allora a quel modo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Diceva tranquillamente il suo ufizio , e talvolta , tra un salmo e l'altro , chiudeva il breviario , tenendovi dentro , per segno , l'indice della mano destra , e , messa poi questa nell'altra dietro la schiena , proseguiva il suo cammino , guardando a terra , e buttando con un piede verso il muro i ciottoli che facevano inciampo nel sentiero: poi alzava il viso , e , girati oziosamente gli occhi all'intorno , li fissava alla parte d'un monte , dove la luce del sole già scomparso , scappando per i fessi del monte opposto , si dipingeva qua e là sui massi sporgenti , come a larghe e inuguali pezze di porpora .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Uscito poi , e camminando di mala voglia , per la prima volta , verso la casa della sua promessa , in mezzo alla stizza , tornava con la mente su quel colloquio ; e sempre più lo trovava strano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Stette il giovine in forse un momento di tornare indietro , per metterlo alle strette , e farlo parlar più chiaro ; ma , alzando gli occhi , vide Perpetua che camminava dinanzi a lui , ed entrava in un orticello pochi passi distante dalla casa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo , rispostole con un saluto , tornò indietro pian piano , per non farla accorgere del cammino che prendeva ; ma , quando fu fuor del tiro dell'orecchio della buona donna , allungò il passo ; in un momento fu all'uscio di don Abbondio ; entrò , andò diviato al salotto dove l'aveva lasciato , ve lo trovò , e corse verso lui , con un fare ardito , e con gli occhi stralunati .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo intanto camminava a passi infuriati verso casa , senza aver determinato quel che dovesse fare , ma con una smania addosso di far qualcosa di strano e di terribile .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Questi spettacoli accrescevano , a ogni passo , la mestizia del frate , il quale camminava già col tristo presentimento in cuore , d'andar a sentire qualche sciagura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tutt'e due camminavan rasente al muro ; ma Lodovico (notate bene) lo strisciava col lato destro ; e ciò , secondo una consuetudine , gli dava il diritto (dove mai si va a ficcare il diritto !) di non istaccarsi dal detto muro , per dar passo a chi si fosse ; cosa della quale allora si faceva gran caso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E , ad ogni modo , ridurre un uomo a spropriarsi del suo , a tosarsi la testa , a camminare a piedi nudi , a dormir sur un saccone , a viver d'elemosina , poteva parere una punizione competente , anche all'offeso il più borioso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il padre Cristoforo camminava , con una consolazione che non aveva mai più provata , dopo quel giorno terribile , ad espiare il quale tutta la sua vita doveva esser consacrata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* S'avviò al convento , arrivò a tempo d'andare in coro a cantar sesta , desinò , e si mise subito in cammino , verso il covile della fiera che voleva provarsi d'ammansare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quando quello tornò a riferire che que' signori eran partiti , lasciando i loro rispetti: - e il conte Attilio ? - domandò , sempre camminando , don Rodrigo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Cammina avanti , - gli disse .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I nostri fuggiaschi camminarono un pezzo di buon trotto , in silenzio , voltandosi , ora l'uno ora l'altro , a guardare se nessuno gl'inseguiva , tutti in affanno per la fatica della fuga , per il batticuore e per la sospensione in cui erano stati , per il dolore della cattiva riuscita , per l'apprensione confusa del nuovo oscuro pericolo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Qualcheduna anche , rammentandosi d'essere stata , con simili arti , condotta a quello di cui s'era pentita poi , sentiva compassione della povera innocentina , e si sfogava col farle carezze tenere e malinconiche: ma questa era ben lontana dal sospettare che ci fosse sotto mistero ; e la faccenda camminava .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Sarebbe forse camminata così fino alla fine , se Gertrude fosse stata la sola ragazza in quel monastero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ripreso il cammino , s'andò quasi di passo al monastero , tra gli sguardi de' curiosi , che accorrevano da tutte le parti sulla strada .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* È una strada così fatta che , da qualunque laberinto , da qualunque precipizio , l'uomo capiti ad essa , e vi faccia un passo , può d'allora in poi camminare con sicurezza e di buona voglia , e arrivar lietamente a un lieto fine .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Egli camminava innanzi e indietro , al buio , per una stanzaccia disabitata dell'ultimo piano , che rispondeva sulla spianata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Avrebbe però ordinariamente a stare un gran pezzo in cammino , se ognuno non avesse che due amici: quello che gli dice , e quello a cui ridice la cosa da tacersi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il Griso prese i due compagni , e partì con faccia allegra e baldanzosa , ma bestemmiando in cuor suo Monza e le taglie e le donne e i capricci de' padroni ; e camminava come il lupo , che spinto dalla fame , col ventre raggrinzato , e con le costole che gli si potrebber contare , scende da' suoi monti , dove non c'è che neve , s'avanza sospettosamente nel piano , si ferma ogni tanto , con una zampa sospesa , dimenando la coda spelacchiata ,
---------------
* Dopo la separazione dolorosa che abbiam raccontata , camminava Renzo da Monza verso Milano , in quello stato d'animo che ognuno può immaginarsi facilmente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A poco a poco cominciò poi a scoprir campanili e torri e cupole e tetti ; scese allora nella strada , camminò ancora qualche tempo , e quando s'accorse d'esser ben vicino alla città , s'accostò a un viandante , e , inchinatolo , con tutto quel garbo che seppe , gli disse: - di grazia , quel signore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma , tra l'avviso , e l'ordine , e il radunarsi , e il mettersi in cammino , e il cammino , essi arrivarono che la casa era già cinta di vasto assedio ; e fecero alto lontano da quella , all'estremità della folla .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Camminando così con la testa per aria , si trovò a ridosso a un crocchio ; e fermatosi , sentì che vi discorrevan di congetture , di disegni , per il giorno dopo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non è vero , signori miei , che c'è una mano di tiranni , che fanno proprio al rovescio de' dieci comandamenti , e vanno a cercar la gente quieta , che non pensa a loro , per farle ogni male , e poi hanno sempre ragione ? anzi quando n'hanno fatta una più grossa del solito , camminano con la testa più alta , che par che gli s'abbia a rifare il resto ? Già anche in Milano ce ne dev'essere la sua parte .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non siamo obbligati a far servizio al prossimo ? - E camminando , faceva a Renzo , in aria di discorso , ora una , ora un'altra domanda .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Un garzone girava innanzi e indietro , in fretta e in furia , al servizio di quella tavola insieme e tavoliere: l'oste era a sedere sur una piccola panca , sotto la cappa del cammino , occupato , in apparenza , in certe figure che faceva e disfaceva nella cenere , con le molle ; ma in realtà intento a tutto ciò che accadeva intorno a lui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E s'avviò verso il cammino .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Del medesimo , - disse l'oste al garzone , dandogli il fiasco ; e ritornò a sedere sotto la cappa del cammino .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ah oste , oste ! - ricominciò , accompagnandolo con l'occhio intorno alla tavola , o sotto la cappa del cammino ; talvolta fissandolo dove non era , e parlando sempre in mezzo al chiasso della brigata: - oste che tu sei ! Non posso mandarla giù . . .quel tiro del nome , cognome e negozio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma , già nel far quelle operazioni , aveva ripreso , dentro di sé , il filo dell'apostrofe cominciata al letto del povero Renzo ; e la proseguiva , camminando in istrada .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* L'altro gli guardò dietro un momento , e , accozzando nel suo pensiero quella maniera di camminare con la domanda , disse tra sé: " o n'ha fatta una , o qualcheduno la vuol fare a lui " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Va innanzi ; rallenta quelle gambe benedette , che volevan sempre correre , mentre conveniva soltanto camminare ; e adagio adagio , fischiando in semitono , arriva alla porta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Vedendo a diritta una viottola , entrò in quella , per evitare la strada maestra ; e camminò un pezzo prima di voltarsi neppure indietro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Cammina , cammina ; trova cascine , trova villaggi , tira innanzi senza domandarne il nome ; è certo d'allontanarsi da Milano , spera d'andar verso Bergamo ; questo gli basta per ora .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dopo aver camminato un pezzo , si può dire , alla ventura , vide che da sé non ne poteva uscire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Già cammin facendo , aveva disegnato di far lì un'altra fermatina , per fare un pasto un po' più sostanzioso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se non gli riusciva in quel giorno , era risoluto di camminare fin che l'ora e la lena glielo permettessero: e d'aspettar poi l'alba , in un campo , in un deserto ; dove piacesse a Dio ; pur che non fosse un'osteria .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Cammina , cammina , o presto o tardi ci arriverò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Cammina , cammina ; arrivò dove la campagna coltivata moriva in una sodaglia sparsa di felci e di scope .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ciò non ostante andò avanti ; e siccome nella sua mente cominciavano a suscitarsi certe immagini , certe apparizioni , lasciatevi in serbo dalle novelle sentite raccontar da bambino , così , per discacciarle , o per acquietarle , recitava , camminando , dell'orazioni per i morti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Gli alberi che vedeva in lontananza , gli rappresentavan figure strane , deformi , mostruose ; l'annoiava l'ombra delle cime leggermente agitate , che tremolava sul sentiero illuminato qua e là dalla luna ; lo stesso scrosciar delle foglie secche che calpestava o moveva camminando , aveva per il suo orecchio un non so che d'odioso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se Renzo si fosse trovato lì andando a spasso , certo avrebbe guardato in su , e ammirato quell'albeggiare così diverso da quello ch'era solito vedere ne' suoi monti ; ma badava alla sua strada , e camminava a passi lunghi , per riscaldarsi , e per arrivar presto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si ritirò , chiuse la finestra , e si mise a camminare innanzi e indietro per la stanza , con un passo di viaggiatore frettoloso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A questo punto della nostra storia , noi non possiam far a meno di non fermarci qualche poco , come il viandante , stracco e tristo da un lungo camminare per un terreno arido e salvatico , si trattiene e perde un po' di tempo all'ombra d'un bell'albero , sull'erba , vicino a una fonte d'acqua viva .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quando i due personaggi furon veduti spuntar nella strada , tutta la gente che c'era andò verso di loro ; e in pochi momenti n'accorse da ogni parte , camminando loro ai fianchi chi poteva , e gli altri dietro , alla rinfusa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma cos'è mai la storia , diceva spesso don Ferrante , senza la politica ? Una guida che cammina , cammina , con nessuno dietro che impari la strada , e per conseguenza butta via i suoi passi ; come la politica senza la storia è uno che cammina senza guida .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ai poverini a cui quel primo ristoro avesse rese forze bastanti per reggersi e per camminare , davano un po' di danaro , affinché il bisogno rinascente e la mancanza d'altro soccorso non li rimettesse ben presto nello stato di prima ; agli altri cercavano ricovero e mantenimento , in qualche casa delle più vicine .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si vedevano i nobili camminare in abito semplice e dimesso , o anche logoro e gretto ; alcuni , perché le cagioni comuni della miseria avevan mutata a quel segno anche la loro fortuna , o dato il tracollo a patrimoni già sconcertati: gli altri , o che temessero di provocare col fasto la pubblica disperazione , o che si vergognassero d'insultare alla pubblica calamità .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Come fare ? - esclamava: - dove andare ? - I monti , lasciando da parte la difficoltà del cammino , non eran sicuri: già s'era saputo che i lanzichenecchi vi s'arrampicavano come gatti , dove appena avessero indizio o speranza di far preda .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per portarsi lontano e fuori della strada che l'esercito aveva a percorrere , non era possibile trovar né un calesse , né un cavallo , né alcun altro mezzo: a piedi , don Abbondio non avrebbe potuto far troppo cammino , e temeva d'esser raggiunto per istrada .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Ma a chi diceva queste cose ? Ad uomini che passavano curvi sotto il peso della loro povera roba , pensando a quella che lasciavano in casa , spingendo le loro vaccherelle , conducendosi dietro i figli , carichi anch'essi quanto potevano , e le donne con in collo quelli che non potevan camminare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Un tal ordin di cose camminò , e fece effetto , fino a un certo tempo ; ma , crescendo , ogni giorno , il numero di quelli che morivano , di quelli che andavan via , di quelli che perdevan la testa , venner coloro a non aver quasi più nessuno che li tenesse a freno ; si fecero , i monatti principalmente , arbitri d'ogni cosa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Camminando però , sentiva un mal essere , un abbattimento , una fiacchezza di gambe , una gravezza di respiro , un'arsione interna , che avrebbe voluto attribuir solamente al vino , alla veglia , alla stagione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Un turbamento ancor più forte provò allo sboccare sulla piazzetta davanti alla chiesa ; e ancora peggio s'aspettava al termine del cammino: ché dove aveva disegnato d'andare a fermarsi , era a quella casa ch'era stato solito altre volte di chiamar la casa di Lucia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Camminava adagio adagio , portando il bastone come chi n'è portato a vicenda ; e di mano in mano che s'avvicinava , sempre più si poteva conoscere nel suo volto pallido e smunto , e in ogni atto , che anche lui doveva aver passata la sua burrasca .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tirò di lungo: poco lontano c'era la sua casa ; attraversò l'orto , camminando fino a mezza gamba tra l'erbacce di cui era popolato , coperto , come la vigna .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Verso sera , arriva a Greco , senza però saperne il nome ; ma , tra un po' di memoria de' luoghi , che gli era rimasta dell'altro viaggio , e il calcolo del cammino fatto da Monza in poi , congetturando che doveva esser poco lontano dalla città , uscì dalla strada maestra , per andar ne' campi in cerca di qualche cascinotto , e lì passar la notte ; ché con osterie non si voleva impicciare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Allora , andò carpon carponi verso l'orlo di quel gran letto ; mise la testa fuori , e non vedendo nessuno , scese di dov'era salito , uscì di dov'era entrato , s'incamminò per viottole , prendendo per sua stella polare il duomo ; e dopo un brevissimo cammino , venne a sbucar sotto le mura di Milano , tra porta Orientale e porta Nuova , e molto vicino a questa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo , lontano dall'immaginarsi come l'avesse scampata bella , e agitato più dalla rabbia che dalla paura , pensava , camminando , a quell'accoglienza , e indovinava bene a un di presso ciò che lo sconosciuto aveva pensato di lui ; ma la cosa gli pareva così irragionevole , che concluse tra sé che colui doveva essere un qualche mezzo matto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo si mosse anche lui , e , camminando , cercava di fare a se stesso una ripetizione dell'itinerario , per non esser da capo a dover domandare a ogni cantonata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quel nome della strada , quella traccia del cammino l'avevan messo così sottosopra .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ognuno , camminando , aveva molto da fare , per iscansare gli schifosi e mortiferi inciampi di cui il terreno era sparso e , in qualche luogo , anche affatto ingombro: ognuno cercava di stare in mezzo alla strada , per timore d'altro sudiciume , o d'altro più funesto peso che potesse venir giù dalle finestre ; per timore delle polveri venefiche che si diceva esser spesso buttate da quelle su' passeggieri ; per timore delle muraglie , che potevan esser unte .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In mezzo a questa desolazione aveva Renzo fatto già una buona parte del suo cammino , quando , distante ancor molti passi da una strada in cui doveva voltare , sentì venir da quella un vario frastono , nel quale si faceva distinguere quel solito orribile tintinnìo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Erano ammalati che venivan condotti al lazzeretto ; alcuni , spinti a forza , resistevano in vano , in vano gridavano che volevan morire sul loro letto , e rispondevano con inutili imprecazioni alle bestemmie e ai comandi de' monatti che li guidavano ; altri camminavano in silenzio , senza mostrar dolore , né alcun altro sentimento , come insensati ; donne co' bambini in collo ; fanciulli spaventati dalle grida , da quegli ordini , da quella compagnia , più che dal pensiero confuso della morte , i quali ad alte strida imploravano la madre e le sue braccia fidate , e la casa loro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma aveva già fatto un bel pezzetto di cammino , e ripetuto più e più volte quel doloroso esame , senza veder mai nessuna donna: onde s'immaginò che dovessero essere in un luogo separato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Era uno di que' tempi , in cui , tra una compagnia di viandanti non c'è nessuno che rompa il silenzio ; e il cacciatore cammina pensieroso , con lo sguardo a terra ; e la villana , zappando nel campo , smette di cantare , senza avvedersene ; di que' tempi forieri della burrasca , in cui la natura , come immota al di fuori , e agitata da un travaglio interno , par che opprima ogni vivente , e aggiunga non so quale gravezza a ogni operazione , all'ozio , all'esistenza stessa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Una nuova attenzione , una nuova speranza gli nacque nel veder , dopo questi , comparire alcuni carri , su cui erano i convalescenti che non erano ancora in istato di camminare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Andava innanzi il giovine , attento alla strada , con una grand'impazienza d'arrivare , e rallentando però il passo , per misurarlo alle forze del compagno ; il quale , stanco dalle fatiche , aggravato dal male , oppresso dall'afa , camminava stentatamente , alzando ogni tanto al cielo la faccia smunta , come per cercare un respiro più libero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Andava dunque il nostro viaggiatore allegramente , senza aver disegnato né dove , né come , né quando , né se avesse da fermarsi la notte , premuroso soltanto di portarsi avanti , d'arrivar presto al suo paese , di trovar con chi parlare , a chi raccontare , soprattutto di poter presto rimettersi in cammino per Pasturo , in cerca d'Agnese .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In quanto a stanco , lo poteva essere , ma non ne sapeva nulla: e il frescolino dell'alba aggiunto a quello della notte e di quel poco bagno , non gli dava altro che una fierezza , una voglia di camminar più presto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* S'alzò prima che facesse giorno ; e , vedendo cessata l'acqua , se non ritornato il sereno , si mise in cammino per Pasturo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Nei giorni belli don Filippino la conduceva a passeggio, un po' facendola camminare pian pianino coi suoi piedi, un po' reggendola in braccio, come fosse una bambina; poi sedeva su qualche masso a piè d'un albero; Tita allora s'arrampicava sui rami e, spenzolandosi, afferrata per la coda, tentava di ghermirgli la papalina per il fiocco o di acciuffargli la parrucca o di strappargli il Virgilio dalle mani.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cammina e cammina, si ritrovò, quasi senza saperlo, dinanzi la porta di don Lagàipa, ch'era il suo confessore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Potersi assicurare tutto ciò che si lascia o si perde lungo il cammino della vita: i capelli! i denti, per esempio! E la testa? La testa che si perde cosí facilmente...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dopo i quaranta! - Dopo i quaranta, bisogna avere il coraggio di voltar le spalle a un cammino che, seguitando, ti porterebbe al precipizio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quante volte mi butterei a camminare a terra, cosí con le mani puntate, gattoni! Questa maledetta civiltà ci rovina! Quadrupede, io sarei una bella bestia selvaggia; quadrupede, ti sparerei un pajo di calci nel ventre per le bestialità che hai detto; quadrupede, non avrei moglie, né debiti, né pensieri...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E gli si mise accanto e si sforzò di camminare col passo di lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come camminava svelta la gente per via! svelta di collo, svelta di braccia, svelta di gambe...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lei, per modo d'esempio, vede una bella donna, la segue con gli occhi, se la immagina tutta, e col pensiero la abbraccia, senza dirne nulla, naturalmente, a sua moglie che le cammina accanto? Nel frattempo, sua moglie vede un bell'uomo, lo segue con gli occhi, se lo immagina tutto, e col pensiero lo abbraccia, senza dirne nulla a lei, naturalmente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ebbene, quel giorno, venendo alla solita ora per vivere un'ora con quel suo filo d'erba, quand'era già a pochi passi dalla chiesetta, aveva scorto dietro a questa, seduta su uno di quei due macigni, la signorina Olga Fanelli, che forse stava lí a riposarsi un po', prima di riprendere il cammino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se mi trattengo, sia pure per poco, in questo paese di galantuomini, capirai, c'è pericolo mi rúbino finanche le suole delle scarpe, appena alzo il piede per camminare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che bella angeletta sarà poi in cielo, Clementina! Ed ecco, ella sorride talvolta, camminando, alla gente che la guarda per istrada.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Codesti pastorelli con le fiscelline di ricotta e i panierini d'uova e il cacio raviggiolo sono un caro scherzo, chi lo può negare? cosí in cammino tutti verso la grotta di Bethlehem! Ebbene, resteremo nello scherzo anche noi, non dubitare! Sarà uno scherzo anche il nostro, e non meno carino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Per altri venti minuti di cammino, gli toccava aspettare piú di cinque ore in quella stazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché la caffettiera non ha ruote e non può camminare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ognuno di questi uomini, a cui muore il padre o la madre, la moglie o il figlio, il fratello o la sorella, deve patir lo strazio di vedere il cadavere del parente issato, o cristiani, sul dorso d'una mula, per essere trasportato, sguazzante nella bara, per miglia e miglia di ripido cammino tra le rocce! E piú volte s'è dato il caso che la mula è scivolata e la bara s'è spaccata e il morto è balzato tra i sassi e il fango del letto dei torrenti! Questo è accaduto, o cristiani, perché il signor barone di Màrgari ci nega barbaramente il permesso di seppellire in un cantuccio sotto la nostra borgatella i nostri morti, da poterli avere sotto gli occhi e custodire! Abbiamo finora sopportato lo strazio, senza gridare, contentandoci di pregare, di scongiurare a mani giunte questo barbaro signore! Ma ora che muore il padre di tutti noi, o cristiani, il vecchio nostro, con la brama di sapersi seppellito là, dove in tante case ora arde il fuoco da lui acceso per la prima volta, noi siamo venuti qua a reclamare, non un diritto propriamente legale, ma d'u...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma quando, dopo molte ore d'affannoso cammino, cominciò la salita della montagna, s'intravidero da lontano, non ostante il bujo già fitto, tali cose straordinarie, che nessuno pensò piú di poter fare al vecchio quell'inganno pietoso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cammin facendo verso l'ospizio ove il poverino era stato ricoverato, seguitai a riflettere per conto mio: "A un uomo che viva come Belluca finora ha vissuto, cioè una vita "impossibile", la cosa piú ovvia, l'incidente piú comune, un qualunque lievissimo inciampo impreveduto, che so io, d'un ciottolo per via, possono produrre effetti straordinarii, di cui nessuno si può dar la spiegazione, se non pensa appunto che la vita di quell'uomo è "impossibile".(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
S'eran levati tutti a bujo, giú a Sarli, per fare pian piano la salita fino a Gori; da Gori a Roccia Balda c'erano tre ore buone di cammino, e bisognava andar lesti per arrivarci prima che il sole s'infocasse.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sentí finirsi lo stomaco San Romé ascoltando gli amorevoli consigli di tutte quelle ipocrite, nelle quali aveva sperato ajuto e che invece: - Ma sí, pallidina! - Ma sí, le si vede dagli occhi! - Ma certo, un po' di riposo le farà bene! - Quanto ci duole! - Quanto ci dispiace! - Roccia Balda è lontana: non potrebbe far tanto cammino...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Oh, il cielo era splendido e non c'era davvero pericolo che si rovesciasse uno di quegli acquazzoni improvvisi, cosí frequenti in montagna, a interromper la gita; né c'era alcuna probabilità di liberarsi prima di sera, con quel bravo signor Bortolo Raspi di Sarli, che pesava a dir poco un quintale e mezzo e a piedi era voluto venire, a piedi anche lui, vantandosi d'essere un gran camminatore, lui, e già cominciava a soffiare come un biacco e a far eco alla Generalessa, che s'era portato intanto il seggio a libriccino e dichiarava d'aver bisogno di sostare di tratto in tratto, lei, per non affaticarsi troppo il cuore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il diavolo, invece, aveva camminato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
In capo a due ore di cammino, tutti i discorsi furono esauriti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E quella bestia lí non diceva nulla: s'ajutava perfino col muso a camminare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non avete neanche acqua per bere e per lavarvi la faccia, case da abitare, strade per camminare, luce la sera per vedere dove andate a rompervi il collo, e siete ricchi e felici? Va' là, ho capito, sai.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poteva parere un'irrisione considerar come "immobile" anche questo chiosco di Papa-re, che a momenti camminava da solo, dai tanti tarli che lo abitavano, in luogo del proprietario sempre assente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Purché, la mobilia, mi raccomando! Camminavano sole quelle quattro seggiole sgangherate, a chiamarle col frullo delle dita, dai tanti tarli che le popolavano! E il tanfo di rinchiuso in quella decrepita stamberga, perduta tra gli alberi lassú, era insopportabile.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Piú di sette miglia di cammino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ogni giorno, seduti su quel pietrone, si riposavano della lunga e lenta camminata per una mezz'oretta, il signor Porrella guardando il ponte fosco e certamente pensando che di là erano passati gli antichi romani; la signora Porrella seguendo con gli occhi qualche vecchia cercatrice d'insalata tra l'erba del declivio lungo il corso del fiume, che appare lí sotto per un breve tratto dopo il ponte; o guardandosi le mani e rigirandosi pian piano gli anelli attorno alle tozze dita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi seguiva per un lungo tratto dello stradone polveroso la comitiva, che si recava, sovraccarica di sacchi e di fagotti, alla stazione ferroviaria della prossima città, fra le madri, le spose e le sorelle che piangevano, disperate; e, camminando, guardava affitto affitto gli occhi di questo o di quel giovane emigrante che simulava una romorosa allegria per soffocare la commozione e stordire i parenti che lo accompagnavano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se vossignoria si vuol levare questa curiosità, non ha da camminare molto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il medico non la volle, e si chinò a carezzare il bamboccetto per terra, mentre l'altro ragazzo scappava a chiamare il padre Poco dopo s'intese lo scalpiccío di grossi scarponi imbullettati, e, di tra i fichidindia, apparve Rocco Trupía, che camminava curvo, con le gambe larghe ad arco, e una mano alla schiena, come la maggior parte dei contadini.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Restava stordito di ciò che apprendeva cosí tardi; riportava l'ammaestramento al tempo in cui avrebbe potuto giovargli, e s'immergeva allora in lunghe e profonde considerazioni, immaginando il diverso cammino che avrebbe potuto prendere con esso la sua vita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il dottor Giunio Falci aveva vinto da poco, per concorso, il posto di direttore della clinica oftalmica; ma sia per la sua aria stanca e sempre astratta, sia per la figura sgraziata, per quel suo modo di camminare tutto rilassato e dinoccolato, con la grossa testa precocemente calva, buttata indietro, non riusciva a cattivarsi né la simpatia né la confidenza d'alcuno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il cammino però è lungo: da via Flaminia, dove egli abita, fin presso a Sant'Agnese; e teme che, a farlo tutto a piedi, la piccina non abbia a stancarsi troppo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sai perché non voglio che tu lo dica? - soggiunge egli, riprendendo a camminare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Egli avverte questa segreta ostilità della figlia, e drizzandosi per riprendere il cammino, è pieno d'astio al pensiero che non può aspettarsi nulla di meglio dalle figliuole d'una madre come quella.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Notajo andò a ricorrere al Commissario di polizia; ma al Commissario di polizia Bellavita, quando fu chiamato, rispose che non disturbava nessuno; che la strada non era del signor Notajo e che egli ci camminava per conto suo, vestito cosí perché gli era morta la moglie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Da molti anni, dopo molte e intricatissime meditazioni, credeva d'essere riuscito a darsi una spiegazione sufficiente di tutte le cose; a sistemarsi insomma il mondo per suo conto; e pian piano s'era messo a camminarci dentro, non molto sicuro, no, anzi con l'animo sempre un po' sospeso e pericolante, nell'aspettativa d'una qualche improvvisa violenza, che glielo buttasse all'aria tutt'a un tratto, sgarbatamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
S'era da un pezzo costituito esempio a tutti di compostezza e di misura, nel trattar gli affari, nelle discussioni che si facevano al circolo o nei caffè, in tutti gli atti, nel modo anche di vestire e di camminare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Venti minuti di cammino! Ed erano già le sette e un quarto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'altro giorno, per esempio, Florestano se lo portò a spasso, e, al ritorno, mi raccontò ridendo che, mentre camminavano insieme, traversando la piazza piena di sole, a un certo punto Carluccio mise un grido, s'arrestò e gli domandò tutt'afflitto: - T'ho fatto male, zio Florestano? - No, Carluccio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Una folla che non si camminava, nella passeggiata del Molo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Proprio tra le fiamme le era parso di camminare; sola con lui, a braccetto con lui, per le vie della città.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E l'ombra è come la morte che segue un corpo che cammina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
LO STORNO E L'ANGELO CENTUNO Ci eravamo levati a bujo e camminavamo da tre ore con una fame da lupi, per certe scorciatoje scellerate che, a dire di Stefano Traína, ci avrebbero fatto risparmiare un terzo di cammino: ma già tre o quattro volte ci era toccato di tornare indietro, non trovando l'uscita, e non so quanto tempo avevamo perduto a scavalcar muricce, e cercare il passo tra fitte siepi di àgavi e di rovi, a traversar rigagnoli sui ciottoli: fatiche da bestie, che ci avevano tolto l'unico compenso al sonno perduto: quello di godere, camminando per vie piane, l'ilare freschezza dell'aria mattutina in campagna.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Che stolido, quello zi' Lisi! Debbo mettermi in cammino, di notte? Mah! Sono vecchia, c'è la luna; e non ho niente da perdere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma, o fosse la lentezza del cammino, o la sua debolezza, o che, o come, a un certo punto, forse la vinse il sonno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché cosí in silenzio, tutti quei soldati? Non si sentivano nemmeno camminare e non sollevavano neanche un po' di polvere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo stradone , fino al paese era in salita ed egli camminava piano perché l'anno passato aveva avuto le febbri di malaria e conservava una gran debolezza alle gambe: ogni tanto si fermava volgendosi a guardare il poderetto tutto verde fra le due muraglie di fichi d'India ; e la capanna lassú nera fra il glauco delle canne e il bianco della roccia gli pareva un nido , un vero nido .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix cammina , piccolo e nero fra tanta grandiosità luminosa .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Gli sembra che tutto intorno a lui si animi , ma d'una vita fantastica di leggenda ; i morti risuscitano , il Cristo che sta dietro la tenda giallastra dell'altare , e che solo due volte all'anno viene mostrato al popolo , scende dal suo nascondiglio e cammina: anche Lui è magro , pallido , silenzioso: cammina e il popolo lo segue , e in mezzo al popolo è lui , Efix , che va , va , col fiore in mano , col cuore agitato da un sussulto di tenerezza . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Gli pareva di camminare con lei sulla sabbia lungo il fiume , sotto la luna: andavano , andavano , silenziosi cauti ; arrivavano allo stradone accanto al ponte .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix camminava col velo della febbre davanti agli occhi .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Bisogna che vada , — disse accennando fuori , come uno che ha da camminare , da andare lontano .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ah , sí , donna Noemi ? Se penso invece di camminare ! — Ti dico che stai male: non scherzare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
No , doveva camminare per penitenza , arrivare senza aiuto di nessuno .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Vergognati ! Non hai pianto abbastanza ? Su , coraggio , uomo ! Cammina .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
La gente camminava triste ma tranquilla , come in processione , avviata non a un luogo di festa ma di preghiera: anche una fisarmonica lontana ripeteva il motivo religioso delle laudi sacre , ed egli sentiva che la sua penitenza era cominciata .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ma cosa intendi quando dici che sei innocente ? — Che cammino verso l'eternità , — disse il cieco sottovoce .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Camminavano , camminavano , non sapevano dove , non sapevano perché ; i luoghi di spasso ove andavano erano per loro indifferenti , non piú lieti né tristi delle solitudini ove facevano tappa per riposarsi o per mangiare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix , stanco morto , con la febbre fin dentro le ossa , non tentava di convertirli , eneppure sentiva pietà di loro ; ma gli pareva di camminare in sogno , portato via da una compagnia di fantasmi , come tante volte laggiú nelle notti del poderetto ; era già morto ed errava ancora per il mondo , scacciato dai regni di là .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Di festa in festa camminavano , o soli o in fila con altri mendicanti , come condannati diretti a un luogo di pena irraggiungibile .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Vieni , — disse , prendendolo per mano , e dopo aver camminato un poco: — senti ? Il cieco sentiva la voce dell'altro compagno , che lí davanti a loro domandava l'elemosina .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Vedrai , Efix ; adesso comincia davvero il tuo cammino .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
E le ore e i giorni passavano , ed Efix nel delirio sognava di camminare , camminare coi ciechi , attraverso le valli e le tancas dell'altipiano , e sognava le feste , i soldi che cadevano davanti a lui , le donne pietose , i bei giovani sui cavalli balzani che correvano sulla costa del Monte e da lontano gli lanciavano monete e parole mordenti .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Non s'arriva mai ! Gli sembrava infatti di camminare sempre .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Adesso però camminava tranquillo , e solo gli dispiaceva di non arrivar mai per sgombrare del suo corpo la casa delle sue padrone: ma un giorno , o una notte – non capiva piú che tempo era – gli parve d'esser giunto al muricciuolo del poderetto , su in alto sul ciglione delle canne , e di sdraiarsi pesantemente sulle pietre .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
E tutti sono serii come venuti a prendere lui , morto , non la padrona sposa , e camminano piano per non dargli noia .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Napoli è rimasto per me un certo paese magico e misterioso dove le vicende del mondo non camminano ma galoppano , non s'ingranano ma s' accavallano . (Nievo)
---------------
Com’è fuggevol cosa in cuor giovanetto il dolore! Quella novità del cammino, que’ poggi che l’un sull’altro si rizzano o si riposano, e dopo molto addossarsi e ondeggiare si confondono a’ fianchi alteri del monte da cui paiono usciti; le vallette che in fondo al verde, giù in fondo, mostrano il biancheggiar de’ villaggi; le tenui acque stillanti; e la selva di Vizzavona che sale con le grandi orme e scende pe’ fianchi della forte montagna, e gode vestirli dell’ampie ombre de’ frassini o delle spesse e diritte cime de’ pini, mi distraevano malcontenta da’ miei dolci pensieri.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Di via di Sèvre in via Clichy camminammo noi due poverette, mal coperte; e l’acqua diaccia spruzzata dal vento c’inzuppava di sopra, la mota di sotto. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma i pregiudizi decapitati si rizzarono e camminarono. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma ne’ suoi coetanei Giovanni vedeva con dolore le piaghe aperte dal dubbio e dalle audacie della ragione miserabile umana: vedeva dalla baldanzosa sicurezza cascare ingegni vigorosi in quiete disperata, per avere lasciato il cammin della fede, arduo ma sicuro, e che sale. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Paragonavano quella liberale ricchezza di gioie alle bellezze parche, e quasi pensose, della terra di Francia: rammentavano le passeggiate dello scorso autunno nel bosco di Meudon, tra il canto raro, e però più soave, di pochi uccelli, sotto il sole ch’or si cela, or ritorna, e fende a poco a poco la nuvola, sì che l’ombre vengono a grado a grado dipingendosi per terra, e quasi camminando col raggio: ripensavano le salite e le chine del bosco, e i sentieretti secreti accanto al viale, nereggianti di more, e il mesto stormire delle foglie appassite; e un’acquicella che accavalciata da un ponte, fugge tacita e bruna, e riappare tra l’ombre, e riflette una lista di cielo, una ciocca di verde; e la barca a vapore che fitta di gente di vari colori passa volando nel basso; e le isolette che quasi navicelle ondeggianti paiono vogare sul fiume; e rammentavano i pensieri ch’egli ebbero in quel bosco, e quelli che adesso. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
E sull’acque camminò leggiera entr’un raggio di luna; e cantando svanì. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Pasotti, in soprabito nero di cerimonia, col cappello a staio in testa e la grossa mazza di bambù in mano, camminava nervoso per la riva, guardava di qua, guardava di là, si fermava a picchiar forte la mazza a terra, chiamando quell'asino di barcaiuolo che non compariva. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La gran breva del 1848, dopo aver dato poche ore di sole e lottato un pezzo con le nuvole pesanti, spenta da tre anni, lasciava piovere e piovere i giorni quieti, foschi, silenziosi dove cammina questa mia umile storia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
El mondo d'adesso el xe come la nostra ciesa de Albogasio de sora che sti ani Domenedio el ghe vegneva una volta al mese e adesso el ghe vien una volta a l'ano.» «Senta, caro signor Giacomo», osservò l'ingegnere, impaziente di arrivare a Castello: «se si trasporta la parrocchia da una chiesa all'altra, Domeneddio non c'entra; del resto lasciamo fare a Domeneddio e camminiamo.» Ciò detto prese un'andatura così lesta che il signor Giacomo, fatti pochi passi, si fermò soffiando come un mantice. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Verso le quattro e mezzo udì un tocco di campanello al piano inferiore, e poco dopo, il Pinella venne ad avvertirlo a nome del padrone, che, se voleva far la salita del Boglia, era tempo di mettersi in cammino. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Camminatore instancabile, contava di potervi arrivare alle otto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Altro tocco al sughero, altro anello più grosso; il sughero va pian piano sull'acqua, si ferma, il cuore del Biancòn batte a furia; il sughero cammina ancora per un piccol tratto, a fior d'acqua e sprofonda; zac! il Biancòn dà un colpo, la bacchetta si torce in arco tanto il filo è tirato da un peso occulto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Intanto la barca veduta da don Giuseppe aveva camminato e passava davanti all'orto, alquanto discosto dalla riva. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Io vedo tutto il cammino ch'egli ha fatto nel suo cuore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Conosco questo spavento e questo dolore, so che si paga così la compiacenza di camminar poi sul solido e perciò non mi trattiene dal discutere teco una pietà che sarebbe falsa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli non camminava, non respirava più come prima. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ell'avrebbe potuto seguir di lassù il cammino della gondola dalle acque di Cressogno fino allo sbarco; ma ora, infuriando l'acquazzone, un baglior bianco le nascondeva ogni cosa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Certo egli pensava, così dicendo, alla dolce creaturina che il lago aveva uccisa, ma v'era pure nel suo cuore il dubbio che altri guai fossero in cammino, che l'opera sinistra delle acque perfide non fosse ancora compiuta; e v'era una pietà immensa per il padre, per il povero padre che non sapeva ancora niente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dal momento in cui aveva ricevuto il telegramma, Franco aveva camminato su e giù per Torino come in sogno, senza udire il suono dei propri passi, senza coscienza di ciò che vedeva, di ciò che udiva, andando macchinalmente dove gli occorreva, in quella congiuntura, di andare, dove lo portava una facoltà inferiore e servile dell'anima, quel misto di ragione e d'istinto che ci sa guidare per il labirinto delle vie cittadine, mentre lo spirito nostro, fisso in un problema o in una passione, niente se ne cura. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ma quando fu a Cassarago, dove mettono la strada di Pregassona a quella di Gandria, quando vide la punta di Castagnola così vicina e pensò che da Castagnola si va a Gandria in meno di mezz'ora, che da Gandria si può andare a Oria in un'ora e mezza, l'idea di salire il Boglia, di camminare sette od otto ore gli divenne intollerabile. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si ripose in cammino. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Là era coperto e camminava sull'erba, senza rumore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Allora la quarta guardia tirò altre due boccate di fumo e si rimise in cammino. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Nessuna insomma poté arrestare lo spettro nel suo cammino. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il Pedraglio non sapeva niente della disgrazia di Franco né del suo ritorno né che l'avvocato fosse a Oria, ma non andò a cercar altro, corse a Loveno, si provvide di denaro e si pose in cammino. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il sior Zacomo dormiva in una stanza d'angolo oltre una sala che l'avvocato attraversò in punta di piedi camminando tra mucchi di castagne, di noci, di nocciuole e di pere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'avvocato gli fece prendere sotto l'ascella uno scartafaccio che trovò in cucina, gl'insegnò come doveva camminare e soffiare. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'avvocato camminava in silenzio, l'altro malediceva continuamente, sottovoce, il suo vestiario, «el loder d'on cappel» che gl'invischiava la fronte d'unto; «el boia d'un marsinon» che gli puzzava di troppi sudori antichi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Grandi avvenimenti, annunciati debitamente da una splendida cometa, erano in cammino. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«No», mormorò Luisa, accorata, «quello non lo posso, non domandarmelo, non è più possibile.» «Cosa, non è possibile?» «Oh, intendi bene! Anch'io ho inteso bene cosa volevi dir tu.» Ella riprese a camminare, volendo staccarsi da quel discorso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Nel silenzio che seguì, rotto solo da uno spasimo di singhiozzi repressi, Franco udì venir gente e durò fatica a staccarsi sua moglie dal petto, a riprender con essa il cammino dell'albergo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'uscio della camera era chiuso, tuttavia Luisa pregò suo marito di camminare in punta di piedi e di parlar sottovoce. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La caricatura è nella scacchiera: per dire che Berecche vede il mondo così, a scacchi, e vi cammina alla tedesca con mosse ponderate e regolari, da onesta pedina appoggiata al re, alle torri, agli alfieri.
---------------
2 Tutto il primo giorno – sei giorni addietro – passato in un’ansia crescente d’ora in ora, tra un’oscura costernazione e un’irritazione sorda man mano anche esse crescenti, per il ritardo del figliuolo a rincasare; ritardo sempre piú inescusabile e inesplicabile, perché non c’erano piú dimostrazioni per Roma che potessero far pensare a un arresto, come l’altra volta; – poi, la sera, le corse affannose di qua e di là in cerca di lui, dove si fosse potuto attardare tanto, nei caffè, in casa di qualche amico, nella camera mobiliata di Gino Viesi – e la sorpresa, qui, nel sapere che anche lui, Gino Viesi, uscito dalla mattina alle sette, non s’era piú fatto vedere; poi, la notte, quella prima notte senza il figliuolo in casa, con la casa che sembrava vuota e paurosa, come vuoto e pauroso l’animo di lui; e le ore che passavano a una a una lente, eterne, su la sua ansia pure angosciata dallo sgomento di vederle passare, così, a una a una, nella vana attesa alla finestra, con l’ossessione delle vie per cui il figliuolo poteva essersi incamminato, per cui torse camminava ancora nella notte, per allontanarsi sempre piú, sempre piú dalla sua casa, sciagurato! ingrato! ma dove? dove diretto? – e poi l’alba e il silenzio di tutta la casa, orribile, con le donne cedute al sonno tra il pianto, là su le seggiole, col capo su la tavola, sotto il lume ancora acceso – ah, quel lume giallo nell’alba, e quei corpi là, che da sé a poco a poco s’erano composti in atteggiamenti pietosi, rassettati per non soffrir tanto, per trovare un po’ di requie essi almeno, se l’anima nel sonno angoscioso non poteva trovarne! – e poi, al mattino e durante tutto il giorno seguente, le altre corse, tre, quattro, alla Questura, prima per denunziare la scomparsa del figliuolo e di quell’altro là, perché fosse spiccato subito e diramato da per tutto un ordine d’arresto; poi per sapere se qualche notizia fosse giunta; e mai nessuna! – quei no, quel no del delegato rosso lentigginoso, che pure la mattina pareva avesse preso con impegno la cosa nel sentire che forse si trattava di due giovanotti che tentavano di passare in Francia per arruolarsi nella legione garibaldina; e ora piú niente, tutto intento ad altro ora, come se non si ricordasse piú neanche dell’ordine dato; – e le invettive, le aggressioni d’ora in ora piú violente della moglie e della figlia Carlotta, perché erano sicure che Faustino e quell’altro erano scappati via per lui, ma sì, per lui, per lui che aveva fin dall’infanzia oppresso quel figliuolo col metodo tedesco, con la disciplina tedesca, con la coltura tedesca, fino a fargli concepire un odio indomabile, inestinguibile per la Germania, che Dio la danni in eterno! e – ultimamente, in faccia all’altro che piangeva due fratelli uccisi, non aveva forse avuto il coraggio di gridare che l’Austria aveva tutto il diritto di mandarglieli al macello quei due fratelli? – lui! lui! – per questo erano scappati, per dargli una giusta risposta, per fare una giusta vendetta dei sentimenti da lui offesi nell’uno e oppressi nell’altro fin dall’infanzia: ebbene, non basta tutto questo? Ce n’è anche d’avanzo per spiegare come Berecche si sia in sei giorni invecchiato di venti anni.
---------------
Egli l'aveva ancóra presa per la mano come per condurla; e dentro di sé e fuori di sé era perduto. Camminavano sul loro stesso tremito, come su una corda tesa e oscillante. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Avevano sopportato quattro giorni di digiuno con un cammino quatriduano di cento trenta miglia nell'Altai deserto; percorso in trentadue ore circa ottanta miglia a piedi, nell'isola di Negros, per raggiungere in tempo su la costa una lancia spagnuola che, partita, non sarebbe tornata se non dopo un mese e mezzo. Avevano cavalcato nelle steppe diciotto ore su le ventiquattro, e continuato così per settimane senza stancarsi.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Una rosa perduta, una rosa ritrovata! Chi La manda a me? Veramente viene di Madura? Ha fatto tanto cammino? È la prima volta che porto un fiore nel cielo. Crede che sia leggero? Forse pesa quanto un doppio destino. Lo porterò in alto, in alto. Le prometto che lo porterò oggi a un'altezza non raggiunta mai da me né da altri, sopra le nubi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ora ella lo amava con tutte le forze della sua vita, perdutamente; e implorava dal suo amore una potenza senza limiti, una virtù d'incanti. «Entraste, come chi apre una porta e comanda a un estraneo: — Lascia tutto e vieni con me. — E non dubita dell'obbedienza». Le si riaccendevano nella memoria le parole di Paolo dette su la via della morte, dopo la corsa folle contro il carro carico di tronchi. E raccontava al suo cuore divenuto puerile: «Ecco, ora vado al campo; m'accosto alla sua tettoia; separo le cortine e sporgo il viso. Egli è seduto accanto al letto funebre. Mi sente, mi guarda, si alza, cammina come un sonnambulo, si lascia prendere per la mano, dimentica tutto, viene con me, nella notte, nell'alba». (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Solo il compagno superstite vegliava la spoglia sanguinosa; ma una sola creatura — dopo colui e dopo la madre — aveva diritto alla visitazione estrema: quella che per portare un fiore aveva fatto tanto cammino.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Ed egli l'ha presa e m'ha detto: «Veramente viene di Madura? Ha fatto tanto cammino? È la prima volta che porto un fiore nel cielo. Crede che sia leggero? Forse pesa quanto un doppio destino. Lo porterò in alto in alto». (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Un tremito nuovo entrava nella rigidezza del suo dolore, e ignote figure nascevano dalla sua superstizione e scomparivano pei cammini dove egli aveva camminato col suo fratello e per quelli ov'egli doveva camminar solo. E straordinarii disegni si componevano dentro di lui, senza ch'egli vi consentisse; e poi si dissolvevano. E un presentimento ondeggiava nel fondo e non prendeva forma; e pareva a lui che, se avesse potuto fermarlo e interpretarlo, avrebbe avuto la chiave della sua sorte. Qualcuno in lui ascoltava tutti i rumori e li seguiva fino all'estremo fondo della vita. Gli assioli cantavano su i pioppi. Un cane uggiolava in un casale. Cigolava un baroccio su la strada maestra. Era come una notte nota che ritornasse nel giro degli anni, di molto molto lontano. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Camminarono l'una a fianco dell'altro. Come furono sul limite e Paolo fece l'atto di scostare i lembi, ella si strinse contro di lui con un sussulto di terrore. Egli la sorresse e la sospinse. Entrarono. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ora, non nella memoria della mente ma in una memoria ben più profonda, il superstite confondeva la testa rasa del pellegrino con quella dell'indovino e, in un sentimento d'infinita lontananza, la fatalità del coltello con quella della rosa. E tutto era comunione e legame, in un luogo della sua vita inesplorato. E mistica nel supremo cerchio dell'anima era l'eco di quella dimanda: «Ha fatto tanto cammino?»
---------------
«Com'è strano! Quei lecci monchi li ho dentro di me, quel muro lebbroso l'ho dentro di me. Lo toccavo or ora, sentivo il freddo della pietra. Ho sognato a occhi aperti? Chiudere gli occhi, intessere le mani dietro la schiena, inchinarsi un poco.... Dopo quanto i piccoli fiori udrebbero il tonfo sordo? Dopo un tempo infinito. Si cade, si cade per un'eternità, sino al cuore della terra.... Ah, se lo facessi!» Impeti di vendetta insorgevano all'improvviso dal fondo e disperdevano la ragione. Ella cercava un qualunque mezzo per dare una pena a quelli che la penavano; e voleva porre contro di loro la sua propria morte per separarli. «Non varrebbe, neppur questo varrebbe. Quanto è durato il lutto per l'amico indimenticabile! Non si sono essi cercati dopo cinque giorni, appena chiuso il sepolcro? Non dimenticano tutto, non calpestano tutto?» L'amarezza le torceva l'anima. E, come udì giungere dalla Rocca il suono fioco della campana che tien dèste le sentinelle sul cammino di ronda, eguagliò la sua sorte a quella dei reclusi. Non era anch'ella una trista prigioniera? Non era una ignobile schiavitù anche la sua? (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Una collera sorda lo strinse. «Perché dei due compagni la sorte ha abbattuto quello inoffensivo? Perché non ha spezzata la schiena all'altro?» L'imagine maschia lo urtò nel mezzo del petto come quando là, sul poggiuolo in vista della palude mantovana, egli aveva veduto tra i denti forti il filo di sangue. Risospinse la sorella, si levò; camminò per la stanza portando un viluppo enorme di mostri sul passo elastico dei suoi piedi nudi nei sandali di sparto. S'appressò al davanzale, si sporse, bevve la frescura, l'ombra violetta, il profumo della magnolia. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Che alto silenzio in così piccole stanze! — diceva il fratello camminando con cautela sul pavimento di marmo a bande bianche e nere. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
I Mani, a piedi, a cavallo, venivano incontro ai viaggianti in carpento, in lettiga, in quadriga. I corsieri aggiogati ai carri chinavano il collo così che la criniera toccava la terra, come quella del Sauro d'Achille nel presagio di morte. Un giovine cavaliere cavalcava tutto avvolto nel mantello, con la bocca nascosta dal lembo, pel lungo cammino senza ritorno. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Yasmina, la mia negretta, una creatura adorabile, che sempre rimpiango: svelta e pieghevole come un giunco marino, tutta riso, tutta un riso abbagliante che le fendeva sino a mezzo delle gote un volto funebre come quello di Proserpina. La mandavo sempre vestita di verde e di nero, acconciata all'egiziana, coi bottoni d'argento e di smalto sul corsetto sanguigno. Era di forme così vive che, quando camminava, anche sotto il largo futa i muscoli le si palesavano come sotto un lino bagnato e aderente. S'innamorò di Aldo; e rise molto più di rado, ma gli occhi carezzevoli le divennero più belli. Il pianto le fece l'effetto del koheul. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Qualcosa d'argenteo lustrò nell'ombra, come se fosse quivi giunta e spirasse la voluta d'una di quelle onde rare che si levavano dalla dolcezza del mar cinerino. Era entrata Isabella, senza romore, coi sandali ch'ella usava per camminare su la sabbia. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il disdegno riapparve nel lievissimo sorriso di lei. Ella non rispose. Ora un dèmone spavaldo la trascinava, quasi che dalla debolezza del fratello venisse a lei qualcosa di virile, una superiorità maschia. Camminava con la testa alta, con un passo franco e spedito, lungo il filo di ferro irto di punte come un rovo da piegare in corone di spine, che teso fra le stele rozze di pietra chiudeva l'orto innanzi al grande edifizio di color tra di ruggine e di piaga. Il fratello la teneva per la mano; ma ella aveva l'aria di condurlo come un fanciullo, come se a un tratto i due anni scarsi di differenza fra le loro età fossero divenuti dieci. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
«Non è vero» fece ella dentro di sé. E sciolse la mano da quella del fratello; e sembrò ch'ella riprendesse anche la parte di dolore che aveva lasciato scorrere in lui. E, come la gora si rigonfia e colma gli argini se il varco sia occluso, quel dolore le rifluì su tutta l'anima e s'aumentò. Ella riebbe intero il sentimento della sua solitudine. Pareva lo contenesse dietro le sue labbra serrate, dietro la sua fronte contratta, nella fermezza di tutto il suo viso smagrito. Camminava sola, innanzi, su per il pendio erboso, tra i lunghi cipressi schiomati, tra i piccoli olivi distorti. Portava il cappello tessalico dalla ghirlanda di rose gialle, ch'era la sua ghirlanda funebre;(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella scansò il gesto del fratello, rivalicò la soglia, entrò nel chiostro; camminò lungo i gialli pilastri quadrangolari, tra le fascine di sermenti, tra le mannelle di paglia. Il cigolìo incessante dei passeri era triste come il rumore della gran falce invisibile il cui taglio fosse da taluno assottigliato su le lastre disgiunte intorno il pozzo cinto di ferro al pari d'una cripta o d'una muda. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Camminava con la testa bassa. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella lasciò il braccio del fratello e camminò per le zolle del campo inculto, nella sterpaia sparsa di fiori gialli, verso i macigni della muraglia etrusca superstiti su la proda infida. Il terrore sciolse le ginocchia dell'adolescente. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella seguitava a camminare col suo passo vacillante ma ostinato, su le zolle su i sassi su gli sterpi. Allora egli vinse l'orribile fiacchezza e si mise a correre per raggiungerla, col cuore alla gola, con l'impeto di gettarsi a terra innanzi a lei, di abbracciarle le ginocchia, di supplicarla, di piangere. Sentendolo vicino, ella s'arrestò e lo guardò. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Vana era salita sul ripiano del Castello, dietro il Leccione, e dal parapetto guardava verso la valle, spiava la via terribile? Ora Isabella ne creava in sé l'imagine viva, e si rappresentava il tristo luogo della vedetta: quel prato solitario su cui s'allunga l'ombra del Mastio che emerge dalla cintola in su dominando il cammino di ronda fra i due torrioni angolari, e l'albero degli Inghirami che di quivi appare senza tronco, simile a una cupola posata su l'erba, vasta come quella del Battistero a riscontro emergente di là dal tetto del palagio, di là dalle banderuole di ferro che in perpetuo stridono portando l'Aquila su la Ruota; e sotto il parapetto la perpetua tempesta degli elci abbarbicati nell'erta, l'incessante mugghio che affatica la fronda bruna. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Smilzi cipressi intristiti, pagliai nerastri, fornaci di laterizii, cumuli di mattoni crudi, mucchi di fascine secche, miseri olivi contorti accompagnavano il cammino. Tutto pareva prossimo a incendiarsi nel vento come una stoppia di maremma, a divampare in un attimo, a consumarsi in un attimo, a disperdersi per la desolazione, fuoco nel fuoco, cenere su la cenere. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Rimasta sola, ella fu presa da un'agitazione così violenta che si premette il pugno su la bocca per reprimere le grida. Temendo di far rumore, camminava sul tappeto scalza, da un angolo all'altro della grande stanza; e la sua ombra s'inalzava e s'allargava su le pareti. S'arrestò, soffocata dal cuore, presso il limitare della stanza attigua. E si chiedeva: «Perché ho fatto questo?» E dal suo male non le veniva la risposta, ma un male ancora più sordo. Contenne l'ansito, fece un passo. Vide il lettino bianco, e sul guanciale la macchia fosca della capellatura. S'appressò, a poco a poco, temendo di svegliare la sorellina col suo palpito. Alla luce fievole della lampada, la scorgeva supina. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Stamani è venuta prima che Miss Imogen mi facesse il bagno. S'è seduta accanto; ed era come quando mi racconta una novella, perché diceva: «Forbicicchia, povera Forbicicchia, sai che ci mandano via? sai che non possiamo più stare con Isa? Bisogna andare andare, prendere Tiapa e le forbici e un foglio bianco e niente altro, e mettersi in cammino, e andare coi nostri piedi, chi sa dove....» Era come una novella, e non pareva che dovesse finire in pianto. Ma a un tratto m'ha serrata forte, e ha gridato: «No, non posso, non posso. Ti porto via, ti porto via.» E singhiozzava, e mi bagnava i capelli, la faccia.... (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
«Chi cammina? dove?» Nell'allucinazione del senso, nel romorìo che le riempiva le tempie dolenti, ella non riusciva ancora a determinare l'origine del suono. L'aveva ella in sé? nella sua mente malata? Le parole di Lunella le ritornarono: «Bisogna andare andare, mettersi in cammino e andare, coi nostri piedi, chi sa dove....» Il terrore di nuovo l'agghiacciò. Ella temette che la sua ragione fosse per decomporsi, e che quel passo continuo fosse già un fantasma della sua demenza, e ch'ella dovesse udirlo sino alla morte, ch'ella dovesse fino alla morte essere abitata da quell'essere estraneo che camminava camminava senza posa. Le riapparve la femmina dal grembiule rigato, dai capelli rossicci e lisci, dal viso sparso di lentiggini, dagli occhi albini. «Andare, andare....»
---------------
— T'ho sentita — cominciò Isabella. — Di giù t'ho sentita camminare. Avevo addormentata Lunella; stavo al suo capezzale. T'ho sentita. Sono venuta su. Non potevo più resistere. Soffri? Anch'io soffro come non so dire. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Quel che era inconciliabile fu conciliato; quel che era impatibile fu patito. Come il paese etrusco aveva la sua città sotterranea abitata dai morti, così ebbero essi la loro città interiore abitata dagli spiriti violenti. Camminando pel giardino dei gelsomini, essi sapevano dove la terra fosse cava perché la sentivano talvolta risonare sotto la traccia. Guardandosi con i loro occhi chiari, parlandosi con le loro voci caute, non erano intesi se non al tumulto nascosto delle loro passioni, ai volti dolosi delle loro brame, ai vóti esiziali dei loro odii, alle occulte onde di voluttà che uno sguardo un gesto un passo generavano. Tutt'e quattro teneva la seduzione del fuoco che non sceglie la materia di cui si nutre ma quel che è puro e quel che è impuro converte in un medesimo ardore. Due d'essi teneva la tentazione d'uccidere, che senz'atto ha la virtù di aggiungere la forza e il mistero d'una vita nemica all'ansia dell'altra vita nemica. Evitavano di toccarsi;(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
E, dopo, egli s'allontanò in compagnia dell'ospite. Subitamente, quando i due erano già a cavallo e in cammino, un'ansietà arcana occupò le sorelle e le travagliò fino a sera. L'una e l'altra cercarono la loro dolce artefice di sogni bianchi; e s'inginocchiarono davanti a lei scontrosa che rimaneva chiusa e muta e chiesero qualche attimo d'oblio. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ancóra, l'ombra di un leccio cadeva su quella cadenza di cantilena. Il grande lecceto simmetrico ombreggiava lo sprone del poggio, radicato nel tufo cavo ch'era la volta d'un vasto ipogeo. Un'afa di tempesta aggravava il pomeriggio caliginoso. E le due sorelle, accosciate su l'erba, s'indugiavano, non parlavano più, si dislacciavano a poco a poco ma restavano nella nube della medesima angoscia. A qual punto del cammino erano giunti i cavalieri? Cavalcavano in silenzio? Qual era il loro testimone invisibile? Vana ripensava taluna delle parole fraterne proferite dinanzi alle urne sepolcrali. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il cuore terribile gli saliva alla gola col grido; ed egli per comprimerlo contraeva la sua volontà tortuosa come quella d'una donna. Esplorò con l'occhio veloce il deserto. Riconobbe un filone inclinato di pietra arenaria giallastra ove lucevano miste scagliette di talco; e, più lontano, una cresta sbiancata, più pallida d'ogni altra. Fiutò l'aria, e vi colse un leggero nidore. Segnò con lo sguardo un cammino parallelo a quello seguito dalle impronte del duca misterioso. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ritrovava le parole anelate nell'ora quando perduta era dentro di sé fuori di sé ed entrambi camminavano sul loro stesso tremito come su una corda tesa e oscillante. Ritrovava quelle parole, e il terrore di quei primi sorsi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella parlava con bassissima voce, come allora là dove il silenzio era suggellato. Egli riceveva ogni parola come un aumento di dolore, come una pena che entrasse nella sua pena e la dilatasse e risollevasse dal fondo qualcuna delle forze che un tempo avevano fatta la bellezza della sua guerra. Gli pareva di riudirla nella sua solitudine di quella notte, con qualcosa di quella sua potenza e di quella sua pietà. Il pianto che colava sotto quella voce senza inumidirla, gli pareva quello ch'ella aveva pianto dentro di lui innanzi al compagno esanime, quello che tanto gli era stato dolce nell'arido lutto. Una commozione dileguata gli si riadunava dentro: egli la sentiva crescere fino alla pienezza. E, come per una fenditura irreparabile, una fuga era in lui continua, una fuga dell'intima sua sostanza, quasi che di continuo il suo sangue, le ossa del suo petto, gli organi stessi del suo respiro divenuti un solo miscuglio fluido e affannoso lo abbandonassero, se ne andassero, seguissero una traccia, un cammino: la corsa di quei due già fuori della vista, già scomparsi nella caligine. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
«Distante!» Aveva bene udito? Egli non parlava più: camminava al fianco di lei, ridivenuto silenzioso, a capo chino. Ella udì il suono del passo sul suolo molliccio. Attese ch'egli parlasse ancóra. L'intervallo si prolungava. Entrambi calpestavano il silenzio. Ma per lei la parola ultima si moltiplicò in ogni orma, si sparse nella solitudine, raggiunse l'orizzonte, fu lo spazio, fu l'immensità, fu ogni cosa lontana e inaccessa. L'ululo della sirena lacerò l'aria grigia. Entrambi sobbalzarono e si volsero. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Sostarono, prima di rifare il cammino. Guardarono la Città funesta de' cui peccati troppe volte Iddio trasse vendetta col ferro col fuoco con la fame e con la pestilenza. Mentre in basso l'aria era morta, lei percoteva la sua bufera eterna; ché i cipressi di sotto la Rocca svettavano, i lecci di sotto il Castello tumultuavano. La fuga delle nuvole testimoniava la saldezza delle mura, delle torri, delle porte, che tra fumo e grumo ritenevano indelebili i colori dell'arsione e della strage. La torre del Pretorio annerita dal solfo che soffocò Pecorino e il Barlettano gittati in piazza su le picche e le corsesche; l'immane prua di mattone appuntata a levante dallo smugnitore Gualtieri fatto tiranno; la porta a Selci spalancata dai consanguinei dei fuorusciti ai mercenarii di Federico Montefeltro; la porta all'Arco che serrò tra valva e valva Bocchino Belforte scavalcato dal figlio d'Inghiramo Inghirami e infunato come belva;(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Si voltarono, rifecero il cammino verso la macchina che rombava su la via aspettando di riprendere la corsa. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli patì silenziosamente la trafittura. Non parlò più. Fu intento agli ignoti disegni che gli nascevano dall'angoscia e scomparivano pel cammino ov'egli s'affrettava piegato sul volante per raggiungere quella che aveva sospeso il suo amore tra la sentenza del Laberinto e l'enigma delle Pause. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Non più esse chiedevano, non più sceglievano le canzoni. Ella medesima sfogliava con la mano febrile il quaderno sospeso su la tastiera, indicava a Novella la pagina, senza intervallo passava da un grido di amore a un grido di dolore, da un anelito per la vita a una invocazione della morte. Esse tutte s'abbandonavano al rapimento, si protendevano verso la potenza, in attitudini che sembravano palesare il rilievo della loro verità nascosto fino a quel punto dalla grazia fallace. Poggiavano la gota su la palma, il cubito sul ginocchio, annodavano le due mani e le ponevano presso il mento, col gesto di chi supplica, rovesciavano in dietro il capo e schiudevano all'aria le labbra come chi ha il petto scavato dall'ambascia. I loro volti erano mutati, come spogli di ciò che li adornava, non ricchi se non di ciò che esprimevano: volti di angeli neutri, sospesi tra l'inquietudine della lor natura incompiuta e la divinazione di tutte le possibilità. Sentivano esse in confuso che quella voce era la voce d'una vita simile alla loro ma giunta con uno sforzo di pena in un cammino ignoto al culmine dell'erta per ove esse salivano e tentata di precipitarsi dalla parte dell'ombra.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Vana non udiva se non a intervalli, come a traverso una porta che si aprisse e si richiudesse di continuo. La sorella camminava su e giù per la stanza discorrendo. E ogni movimento di lei la urtava nel fianco, la urtava nel petto, la urtava nel mezzo del viso come il pugno brutale d'un avversario accanito. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
E ricominciò a camminare su e giù per la stanza con quel passo ondeggiante, con quel gioco dei ginocchi, con quella maniera di soppesare il suo corpo su i suoi malleoli come uno che soppesi nella mano una cosa d'inestimabile pregio e ve la ponga sotto gli occhi ostinatamente per forzarvi a una perpetua maraviglia, a una perpetua cupidigia. Lo sguardo del fratello seguiva ogni movenza, di sotto alle palpebre socchiuse nell'occhiaia turchiniccia e cava. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Camminò diritta lungo il muro; rasentò ancóra i cancelli carichi di roselline. «Sono gialle» notò. Senza soffermarsi ne colse una che pendeva all'altezza della sua mano: era sfiorita; si sfogliò subito. Le pareva di sorridere, ma veramente non sorrideva. «Viviano, Viviano,» pensò «credevo che t'avrei riveduto, credevo che l'ultimo saluto sarebbe stato per te, buon compagno». (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella era là, discosta, in piedi; ed egli voleva ancor più separarla da sé, respingerla nell'abominazione, vederla scomparire. Ed ella era ancóra là, per lui, come la sola cosa viva nell'Universo, la sola cosa alzata sul suo varco. E v'era per lui un solo varco, un solo cammino, un solo orizzonte: ed ella glielo serrava. E sentiva di non poterla abbattere, se non per giacerle sopra, per distruggersi in lei. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Vagò nella sera sciroccosa, per la città malinconica, sotto i portici eguali. «Compagno, compagno, ti ritrovo!» diceva egli allo spirito della statua alata e all'imagine viva del fratel suo. Se bene una parte dell'anima gli fosse penosamente protesa verso l'orrore lontano, egli aveva dalla lontananza e dalla mutazione un senso involontario di libertà. Gli sembrava che una sera d'amicizia tornasse a lui dopo tante sere torbide e inquiete. Il ricordo gli palpitava dentro come un cuore ridivenuto duplice, gli rendeva gli accenti gli sguardi i gesti dell'essere caro, glielo faceva vivo come quando insieme avevano osservato dal limitare della tettoia i segnali del vento e compianto il pollame testardo e irriso la millanteria bracata e fatto il proposito sorridendosi emuli dagli occhi leali. Egli lo sentiva in sé come nelle lor grandi ore di silenzio, quando l'uno e l'altro erano una sola armonia operosa; lo sentiva rivivere più frescamente che se gli camminasse al fianco per quel portico solitario;(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
L'indovino di Madura! Quella che di tanto lontano ti portò la rosa del presagio, tu lo sai, ha rifatto il suo viaggio. Tutte le rose della sua cintura te le portò e te le posò su i piedi congiunti. E prima di rimettersi nel cammino del ritorno, tu lo sai, ha rinfrescato i suoi piedi nudi col fresco delle stesse rose! Ti amava.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— La senti che cammina sempre?
---------------
Come passava una vettura di posta, Paolo si fece portare fino al Covigliaio per chiedere aiuto. Eran quasi le cinque; e la sua ansietà s'aggravava di presentimenti funesti. Tornò indietro con un meccanico addetto all'albergo. Dopo un'ora di lavoro la macchina ricominciò a camminare. Percorso un chilometro appena, si fermò: stette là, su la strada solitaria, ammasso pesante e inerte, con l'aspetto ottuso dei bruti caparbii, resistendo a ogni stimolo, a ogni industria. E la disperazione prese l'uomo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli rifaceva il cammino. — La vettura publica giunse con le tre persone. Uno dei due uomini, un giovine magro con un abito grigio a righe, dopo aver sonato e picchiato alla porta di giù, salì e cominciò a strepitare dinanzi alla porta di Mrs. Culmer. Dal suo contegno appariva ch'egli avesse sorpresa nella piazza quella sconosciuta e l'avesse creduta un'adescatrice di passanti! Chiestole l'indirizzo, egli l'aveva ricondotta là credendo che quella casa fosse una specie di ritrovo galante. S'adirava e strepitava perché credeva che «la padrona» si rifiutasse di aprire per evitar perquisizioni pericolose. Per ciò gridava: «Questa donna non appartiene a questa casa? Chiamate la padrona. Fateci parlare con la padrona.» Tutte maniere significative. E la donna dava un indizio ancor più grave. La guardia si rivolgeva alla sconosciuta e le domandava: «Ma che facevate voi, nel tal luogo, che facevate?» La testimone però non si ricordava del luogo nominato; ma anch'ella credeva fosse quella piazza. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Forse Ella può illuminarmi. L'inferma, a intervalli, crede di sentire qualcuno che cammina sotto il suo cranio, un passo concitato che suona dietro l'osso della sua fronte; e il suo terrore di quel supplizio e dell'eternità di quel supplizio è tale che non si può assistere all'accesso senza profondo strazio. Né gli intervalli le danno riposo, perché è di continuo nello sgomento e nell'attesa di riudire il passo. Se parla, si arresta per ascoltare. Quando l'ode avvicinarsi, si curva tutta sopra sé stessa, e rompe in supplicazioni confuse che non son riuscito a intendere, così forte il terrore le fa tremare le mascelle. Ma una volta ha detto, sotto voce, con un accento infantile: «Bisogna andare andare, mettersi in cammino e andare, coi nostri piedi, chi sa dove....» E mi sembra che in questo delirio entri per qualche parte la sorellina; perché a un certo punto è balzata in piedi, con una eccitazione spaventosa, gridando: «Ah no, questo no! Mi porta via Lunella, mi si prende Lunella! Ah, questo no! Non me la togliere! Dove la porti? dove la trascini? non vedi? è piccola, non può seguirti.... Lasciala! Perché mi fai questo? Non vedi come sono? Non posso farti più male. Tu mi cammini sopra, tu mi passi sopra. Sono diventata la tua via....» (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— È strano — disse il dottore a Paolo. — Quel tintinno la placa, interrompe anche il suono del passo che le cammina sopra. Stamani diceva: «Chiamatemi Lunella, rendetemi la mia Forbicicchia, che venga e porti con sé Tiapa e le sue forbici e stia qui e intagli per me qualche figuretta, e si viva insieme tutt'e tre, e lo scarabillo suoni sempre suoni sempre!»
---------------
I ricordi, in così breve spazio, si fecero di carne e d'ossa, camminarono verso di lui su quattro branche, lo soffocarono con un respiro grave come quello delle fiere. Poi combatterono, poi si divorarono tra loro; e rimasero vivi i più selvaggi, e infuriarono. «Ricordati del mio pianto come io mi ricorderò della parola che accompagnava i tuoi colpi.»
---------------
Camminò sopra una pietra sepolcrale, per un breve corridoio ingombro di armadii neri. Entrò nella cappella; guardò le lastre nere e bianche del pavimento ov'ella s'era inginocchiata, dinanzi ai balaustri di marmo che chiudono lo spazio dell'altare; guardò con occhi intentissimi. Gli aspetti delle cose gli si stampavano nel dolore, a uno a uno, senza sovrapporsi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il superstite camminò fino alla colonna che doveva sostenere il bronzo. Il monolito ancóra giaceva al suolo ma rialzato alquanto da fasci di frasca ch'erano come i guanciali sotto il dormente. Egli vi sedette; e, pensando all'opra che nell'ora ferveva intorno alla statua lontana, respirò nell'anima stessa del fuoco e nell'anima del fratel suo. Aveva già lo statuario gittato nel bacino l'anello?
---------------
* Lascia! Mi farà bene camminare... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Sceso dalla tramvia a vapore, la prima impressione che provò nel rimetter piede in città dopo nove mesi d'oscuro e profondo silenzio interiore, di seppellimento nel cordoglio, fu quella di non saper più camminare tra il rumore e la confusione. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Gli pareva che quei mormorii non volessero essere uditi né udire il suono dei suoi passi; ed egli camminava più lieve. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Nel vedersi imitato finanche nel modo di camminare, mio fratello perdeva subito la pazienza, forse per paura del ridicolo, e lo bistrattava fino a cavarselo di torno. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Oh, di quanti nonnini veri, di quanti vecchietti inseguiti e studiati un po’ a Torino, un po’ a Milano, un po’ a Venezia, un po’ a Firenze, si compose quel nonnino mio! Toglievo a uno qua la tabacchiera d’osso e il pezzolone a dadi rossi e neri, a un altro là il bastoncino, a un terzo gli occhiali e la barba a collana, a un quarto il modo di camminare e di soffiarsi il naso, a un quinto il modo di parlare e di ridere; e ne venne fuori un vecchietto fino un po’ bizzoso, amante delle arti, un nonnino spregiudicato, che non mi volle far seguire un corso regolare di studii, preferendo d’istruirmi lui, con la viva conversazione e conducendomi con sé, di città in città, per musei e gallerie. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ora, se questo Adriano Meis non aveva il coraggio di dir bugie, di cacciarsi in mezzo alla vita, e si appartava e rientrava in albergo, stanco di vedersi solo, in quelle tristi giornate d’inverno, per le vie di Milano, e si chiudeva nella compagnia del morto Mattia Pascal, prevedevo che i fatti miei, eh, avrebbero cominciato a camminar male; che insomma non mi s’apparecchiava un divertimento, e che la mia bella fortuna, allora... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Tentavo qualche volta di trarlo a parlar d’altro; ma pareva che il signor Paleari non avesse occhi per lo spettacolo della vita intorno; camminava quasi sempre col cappello in mano; a un certo punto, lo alzava come per salutar qualche ombra ed esclamava:
---------------
Una sera me lo vidi arrivare in casa insieme con un tale che entrò battendo forte il bastone sul pavimento, come se, tenendo i piedi entro un paio di scarpe di panno che non facevan rumore, volesse sentire così, battendo il bastone, ch’egli camminava. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Avevo in mano un giornale comprato a forza di chissà quali umiliazioni , e camminavo a capo basso , stanco , annoiato , indispettito contro il caldo e contro gli uomini . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non m' importava di andar vestito cogli spogli del babbo , consumati , lisi e infrittellati ; con toppe ben messe dietro e in fondo ai calzoni , né di avere in testa cappellucci sbertucciati , né di camminare con scarpe troppo strette , risolate e rimontate più volte . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il babbo sapeva certe strade solitarie , deserte , fuori di mano , dove si camminava adagio adagio per ore intere , senza incontrare un'anima . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E mi ricordo bene di certe corte e ventose giornate di gennaio e di febbraio , quando si camminava via lesti per le strade dure , ghiacciate , che risonavano sotto i passi , fra muri asciutti che rimandavan gli echi , sotto le sfilaccicature bianche delle nuvole alte . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* A forza di camminare tornavo a casa coi piedi brucianti e il viso acceso , tutto vibrante e vigoroso come se tornassi da una vittoria . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Si andava innanzi col nostro passo lesto di camminatori impazienti e invece dei canti ci allietavano il cammino i pensieri e i paradossi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* La logica che mi aveva condotto col suo rigore autonomo e il suo cammino senza requie fino a quel punto mi si tramutò in una sofistica sottile , capziosa , disgregatrice , che esercitai gagliardamente su tutti i pensieri possibili appena mi si offriva il destro . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* È Tunica età rodomontica della vita , in cui si ha il vizio virile di prender tutti i tori per le corna ; in cui si cammina col passo agile e ben battuto dei poliorceti , col cappello sulle ventitré e un randello dì ciliegio nella mano nervosa . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Che diavolo fate voialtri qua intorno ! Camminate più presto se non volete esser pestati — suicidatevi se non volete essere sparati . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Cercavo di camminar dentro l' ombre e quando si stava per tornar nella luce la mia mano lungamente esitante cercava la sua e subito la lasciava , col senso di aver commesso un non so che di osceno . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Era tempo di rimettersi in cammino . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Cammini solo in apparenza divergenti : religione e magìa eran nate insieme , ne' tempi primi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Conoscevo di già tutt'e due i cammini : quello celeste , verso i paradisi consacrati ; e quello sotterraneo , verso gli inferni maledetti . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Fissato cosi , esattamente , il compito e il cammino mi posi disperatamente al lavoro . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Conosco il vocabolario e qualche paragrafo ; ho un' idea dell' insieme e non so camminare colle mie gambe . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Appena esce fuori e comincia ad aver che fare con Pietro e con Giuda , uomini parlanti e camminanti , l'amore si cambia in disprezzo o in odio . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E mi provo a vivere codesta sciagurata vita prevista : a volte , se la strada è solitaria , chiudo gli occhi e seguito a camminare — esito , non vo diritto ; sento accanto a me le bugne o l'intonaco delle case e sotto i piedi le lastre che riecheggiano il passo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* C'è una bestia che vuol mangiare , ci son due gambe che voglion camminare , e' è una testa che vuol pensare , una mano che vuole scrivere . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* L' uomo soloy assolutamente solo , assolutamente spogliato , che non chiede nulla , che non vuol nulla , ch'è giunto al vertice del disinteresse per troppa perspicuità e non per cieca rinunzia , si rivolge al mondo ch'é spoglio per lui come una prateria bruciata , come una città devastata , il mondo che non ha più chiese , più mète , più asili e rifugi , e gli dice : Per quanto tu non mi prometta nulla sono ancora con te , mi unisco ancora alla tua forza , lavoro col tuo lavoro , ti accompagno e ti rifletto nel tuo spietato cammino . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Eppure per ricostituirmi , per raddrizzarmi , per rimettermi a camminare , ho bisogno di appoggiarmi a qualcosa , di rimetter le radici in qualche posto . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E per il bene e per il male che voglio e faccio ho diritto di respirare , di riscaldarmi , di camminare , di alzar la testa , di sputare in faccia — di esistere secondo la mia propria legge . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il buon secentista ha voluto sul principio mettere in mostra la sua virtù ; ma poi , nel corso della narrazione , e talvolta per lunghi tratti , lo stile cammina ben più naturale e più piano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Sì ; ma com'è dozzinale ! com'è sguaiato ! com'è scorretto ! Idiotismi lombardi a iosa , frasi della lingua adoperate a sproposito , grammatica arbitraria , periodi sgangherati .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E poi , qualche eleganza spagnola seminata qua e là ; e poi , ch'è peggio , ne' luoghi più terribili o più pietosi della storia , a ogni occasione d'eccitar maraviglia , o di far pensare , a tutti que' passi insomma che richiedono bensì un po' di rettorica , ma rettorica discreta , fine , di buon gusto , costui non manca mai di metterci di quella sua così fatta del proemio .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E allora , accozzando , con un'abilità mirabile , le qualità più opposte , trova la maniera di riuscir rozzo insieme e affettato , nella stessa pagina , nello stesso periodo , nello stesso vocabolo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ecco qui : declamazioni ampollose , composte a forza di solecismi pedestri , e da per tutto quella goffaggine ambiziosa , ch'è il proprio carattere degli scritti di quel secolo , in questo paese .(Manzoni-I Promessi Sposi)* In vero , non è cosa da presentare a lettori d'oggigiorno : son troppo ammaliziati , troppo disgustati di questo genere di stravaganze .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Meno male , che il buon pensiero m'è venuto sul principio di questo sciagurato lavoro : e me ne lavo le mani» .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Nell'atto però di chiudere lo scartafaccio , per riporlo , mi sapeva male che una storia così bella dovesse rimanersi tuttavia sconosciuta ; perché , in quanto storia , può essere che al lettore ne paia altrimenti , ma a me era parsa bella , come dico ; molto bella .(Manzoni-I Promessi Sposi)* «Perché non si potrebbe , pensai , prender la serie de' fatti da questo manoscritto , e rifarne la dicitura ?» Non essendosi presentato alcuna obiezion ragionevole , il partito fu subito abbracciato .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ed ecco l'origine del presente libro , esposta con un'ingenuità pari all'importanza del libro medesimo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Taluni però di que' fatti , certi costumi descritti dal nostro autore , c'eran sembrati così nuovi , così strani , per non dir peggio , che , prima di prestargli fede , abbiam voluto interrogare altri testimoni ; e ci siam messi a frugar nelle memorie di quel tempo , per chiarirci se veramente il mondo camminasse allora a quel modo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Una tale indagine dissipò tutti i nostri dubbi : a ogni passo ci abbattevamo in cose consimili , e in cose più forti : e , quello che ci parve più decisivo , abbiam perfino ritrovati alcuni personaggi , de' quali non avendo mai avuto notizia fuor che dal nostro manoscritto , eravamo in dubbio se fossero realmente esistiti .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E , all'occorrenza , citeremo alcuna di quelle testimonianze , per procacciar fede alle cose , alle quali , per la loro stranezza , il lettore sarebbe più tentato di negarla .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma , rifiutando come intollerabile la dicitura del nostro autore , che dicitura vi abbiam noi sostituita ? Qui sta il punto .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Chiunque , senza esser pregato , s'intromette a rifar l'opera altrui , s'espone a rendere uno stretto conto della sua , e ne contrae in certo modo l'obbligazione : è questa una regola di fatto e di diritto , alla quale non pretendiam punto di sottrarci .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Anzi , per conformarci ad essa di buon grado , avevam proposto di dar qui minutamente ragione del modo di scrivere da noi tenuto ; e , a questo fine , siamo andati , per tutto il tempo del lavoro , cercando d'indovinare le critiche possibili e contingenti , con intenzione di ribatterle tutte anticipatamente .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Né in questo sarebbe stata la difficoltà ; giacché (dobbiam dirlo a onor del vero) non ci si presentò alla mente una critica , che non le venisse insieme una risposta trionfante , di quelle risposte che , non dico risolvon le questioni , ma le mutano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Spesso anche , mettendo due critiche alle mani tra loro , le facevam battere l'una dall'altra ; o , esaminandole ben a fondo , riscontrandole attentamente , riuscivamo a scoprire e a mostrare che , così opposte in apparenza , eran però d'uno stesso genere , nascevan tutt'e due dal non badare ai fatti e ai principi su cui il giudizio doveva esser fondato ; e , messele , con loro gran sorpresa , insieme , le mandavamo insieme a spasso .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Non ci sarebbe mai stato autore che provasse così ad evidenza d'aver fatto bene .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma che ? quando siamo stati al punto di raccapezzar tutte le dette obiezioni e risposte , per disporle con qualche ordine , misericordia ! venivano a fare un libro .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Veduta la qual cosa , abbiam messo da parte il pensiero , per due ragioni che il lettore troverà certamente buone : la prima , che un libro impiegato a giustificarne un altro , anzi lo stile d'un altro , potrebbe parer cosa ridicola : la seconda , che di libri basta uno per volta , quando non è d'avanzo .(Manzoni-I Promessi Sposi)*
---------------
* Quando lo scorgo così indebolito e incerto camminare per le vie in cerca di un poco d’attività e d’aria , in me , ancora adesso , si rinnova l’avversione .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Camminai per qualche minuto per il viale , nel freddo , a capo scoperto , pestando irosamente i piedi nella neve alta .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Lasciavamo fare all’ammalato quello che voleva , ed egli camminava per la stanza nel suo strano costume , inconsapevole del tutto di attendere la morte .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Non pensai , camminando , che a preparare più brevemente che fosse possibile la frase che dovevo dirigergli .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Solo allora il tempo avrebbe potuto camminare come voleva , perché io non avrei più avuta alcuna ragione d’ingerirmene: sarei arrivato al punto fermo !
---------------
* Alla una di notte circa , incapace di prendere sonno , mi levai e camminai nella mite notte finché non giunsi ad un caffè di sobborgo nel quale non ero mai stato e dove perciò non avrei trovato alcun conoscente , ciò che mi era molto gradito perché volevo continuarvi una discussione con la signora Malfenti , cominciata a letto e nella quale non volevo che nessuno si frammettesse .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Mi raccontò ridendo che quando si cammina con passo rapido , il tempo in cui si svolge un passo non supera il mezzo secondo e che in quel mezzo secondo si movevano nientemeno che cinquantaquattro muscoli .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Il camminare era per me divenuto un lavoro pesante , e anche lievemente doloroso .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Era una festa piena di sole e , camminando , pensai che forse in città m’aspettava la novità attesa , l’amore di Ada!
---------------
* Ada camminava fra noi due e aveva sulla faccia , stereotipata , un’espressione vaga di lietezza che arrivava quasi al sorriso .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Di vero , invece , in quella storia non c’era che questo: a Trieste , anche dopo morto il Bertini , viveva una persona che diceva delle bestialità , camminava in modo che pareva si movesse sulle punte dei piedi ed aveva anche una voce strana .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– È possibile anche che la persona con cui ella parlò , fosse ben più giovane del Bertini , camminasse come un granatiere e avesse la voce virile e che la sua somiglianza con lui fosse limitata al dire bestialità .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Poi la conversazione con lo spirito camminò più rapida .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Nel lungo cammino traverso l’Italia , ad onta della mia nuova salute , non andai immune da molte sofferenze .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Camminai verso casa mia con un passo deciso , a cui battevo il tempo mormorando: «Mai più! Mai più!» .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Intanto che noi camminavamo sulla via uno accanto all’altro e , all’apparenza , sicuri del nostro affetto , l’altra si riteneva già amata da me .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Andavo via tanto ordinatamente dopo di aver corrisposto a tutte le formalità legali , che potevo camminare sicuro .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* E avevo camminato per le vie della città per ore ed ore .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Fui ricevuto da questi , un grosso uomo , ansante , dagli occhi rossi , che camminava inquieto su e giù per un breve corridoio oscuro .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Andai da lei proprio col desiderio di vivere più intensamente ed è quello che riconduce all’alcool , ma camminando verso di lei , avrei desiderato ch’essa m’avesse fornita tutt’altra intensità di vita del giorno prima .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Mi sembrava una grave compromissione , ma Carla desiderava tanto di camminare al braccio mio al sole , che finii col compiacerla .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
M’attese e poi mi camminò accanto senza parole .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
abasia
= incapacità parziale o totale di camminare , spesso di origine psichica .
---------------
acciabattare
= verbo intr. camminare con le ciabatte facendone sbattere la suola sul pavimento e contro il calcagno
= verbo trans. eseguire in fretta e male
---------------
ambage
= cammino , percorso tortuoso
---------------
ambulante
= participio presente di ambulare , che cammina , che passeggia che si sposta continuamente , che non ha sede fissa
---------------
andatura
= modo di andare , di camminare , di correre ritmo , velocità di marcia o di corsa di un concorrente
---------------
arrembarsi
= verbo rifl. detto del cavallo , presentare arrembatura camminare con fatica , arrancare .
---------------
calpestare
= verbo trans. premere con i piedi, camminare sopra qualcosa, talvolta per disprezzo o per rabbia
---------------
caminata
= camminata .
---------------
camminata
= il percorrere camminando un tratto di strada
---------------
camminatore
= colui che cammina molto senza stancarsi
---------------
camminatura
= modo di camminare, andatura.
---------------
cammino
= il camminare
---------------
carabottino
= graticolato di listelli di legno, messo sulle navi a chiusura dei boccaporti o usato come sopralzo per camminare all'asciutto dove ristagna l'acqua.
---------------
ciabattare ant. ciavattare,
= verbo intr. camminare strascicando le ciabatte o le scarpe, producendo così un rumore fastidioso.
---------------
ciabattone
= colui che cammina strascicando le ciabatte o le scarpe persona disordinata e sciatta colui che fa male il suo mestiere.
---------------
ciampicare
= verbo intr. camminare a stento, strisciando i piedi, barcollando o inciampando agire, comportarsi in modo impacciato.
---------------
ciampicone
= colui che cammina ciampicandodare o fare un ciampicone, inciampare.
---------------
cianchettare
= verbo intr. camminare male, zoppicare
---------------
danda
= ciascuna delle due strisce di tessuto o di cuoio con cui si sorreggono i bambini quando cominciano a camminare
---------------
deambulazione
= facoltà dell'uomo e degli animali superiori di spostarsi camminando sugli arti
---------------
digitigrado
= - animale che cammina poggiando sul suolo soltanto le dita - anziché tutta la pianta del piede .
---------------
gambalesta o gamba lesta ,
= persona svelta , veloce nel camminare.
---------------
incamminare
= verbo transitivo , mettere in cammino - avviare , indirizzare , guidare
---------------
non deambulante
= si dice di chi per malformazione , malattia o incidente non è in grado di camminare .
---------------
passante
= participio presente di passare
= si dice dell'animale raffigurato sullo scudo nell'atto di camminare
---------------
passo
= ciascuno dei movimenti alterni che si compiono camminando
---------------
penare
= verbo intr . colui che pencola nel camminare .
---------------
plantigrado
= mammifero che , camminando , poggia a terra l'intera pianta del piede - persona molto lenta nei movimenti o intellettualmente ottusa .
---------------
ranco
= che arranca, che cammina arrancando.
---------------
range
= cammino che una particella subatomica può compiere penetrando in una sostanza fino a quando la sua energia cinetica si riduce tanto da non produrre più effetti di ionizzazione
---------------
retrogrado
= che cammina, che va all'indietro ' moto retrogrado, moto apparente dei pianeti che avviene in senso contrario a quello del sole sull'eclittica
---------------
ricamminare
= verbo intr. camminare di nuovo
---------------
riprendere il cammino.
---------------
saltabeccare
= verbo intransitivo camminare , procedere a salti come una cavalletta .
---------------
scalpicciare
= verbo transitivo pestare più volte con i piedi -
= verbo intransitivo camminare stropicciando i piedi .
---------------
scarpinare
= verbo intransitivo camminare a lungo e faticosamente .
---------------
scarpinata
= camminata in montagna , camminata lunga , disagevole .
---------------
sculettare
= verbo intransitivo camminare dimenando i fianchi e il sedere .
---------------
scutrettolare
= verbo intransitivo detto di uccello , dimenare la coda - detto di persona , camminare ancheggiando ,
---------------
sgambata
= lunga corsa , camminata faticosa , la corsa di riscaldamento che fanno i ca ,
---------------
sgambetto
= mossa con la quale si intralcia il passo a qualcuno che sta camminando o correndo , per farlo cadere - fare lo sgambetto a qualcuno , prendere il suo posto , subentrargli con mezzi sleali ,
---------------
spazzo
= spazio aperto , ampio , terreno , suolo su cui si cammina ,
---------------
spedare
= verbo transitivo stancare , rovinare i piedi per il troppo camminare , sollevare dal fondo l'à ncora di una nave - sped ,
---------------
staccheggiare
= verbo intransitivo camminare facendo rumore con i tacchi .
---------------
steppage
= modo difettoso di camminare in cui il malato a ogni passo è obbligato ad alzare molto la coscia ,
---------------
strascicone
= persona che si strascica nel camminare .
---------------
suolo
= la superficie del terreno sul quale si sta o si cammina ,
---------------
tardigrado
= chi cammina - procede lentemente .
---------------
tragitto
= il tragittare , il traghettare - traghetto cammino , percorso , in relazione a un luogo di partenza e uno d'arrivo , il tragitto non è lungo - l'incontrò durante il tragitto - sentiero scosceso .
---------------
unguligrado
= mammifero che , per camminare , poggia sul suolo solo le ultime falangi delle dita.
---------------
Conjugacíon: 1 - andar
auxiliar: haber - intransitivo/transitivo/pronominale
INDICATIVO activo
Presente
yo ando
andas
él/ella anda
nosotros andamos
vosotros andáis
ellos/ellas andan
Imperfecto
yo andaba
andabas
él/ella andaba
nosotros andabamos
vosotros andabais
ellos/ellas andaban
Pretérito indefinito
yo anduve
anduviste
él/ella anduvo
nosotros anduvimos
vosotros anduvisteis
ellos/ellas anduvieron
Preterito perfecto
yo he andado
has andado
él/ella ha andado
nosotros hemos andado
vosotros habéis andado
ellos/ellas han andado
Preterito pluscuamperfecto
yo había andado
habías andado
él/ella había andado
nosotros habíamos andado
vosotros habíais andado
ellos/ellas habían andado
Preterito anterior
yo hube andado
hubiste andado
él/ella hubo andado
nosotros hubimos andado
vosotros hubisteis andado
ellos/ellas hubieron andado
Futuro
yo andaré
andaras
él/ella andará
nosotros andaremos
vosotros andareis
ellos/ellas andarán
Futuro perfecto
yo habré andado
habrás andado
él/ella habrá andado
nosotros habremos andado
vosotros habréis andado
ellos/ellas habrán andado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo ande
andes
él/ella ande
nosotros andemos
nosotros andéis
ellos/ellas anden
Pretérito perfecto
yo haya andado
hayas andado
él/ella haya andado
nosotros hayamos andado
nosotros hayáis andado
ellos/ellas hayan andado
Pretérito imperfetto I
yo anduviese
anduvieses
él/ella anduviese
nosotros anduviésemos
nosotros anduvieseis
ellos/ellas anduviesen
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera andado
hubieras andado
él/ella hubiera andado
nosotros hubiéramos andado
nosotros hubierais andado
ellos/ellas hubieran andado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese andado
hubieses andado
él/ella hubiese andado
nosotros hubiésemos andado
nosotros hubieseis andado
ellos/ellas hubiesen andado
Pretérito imperfetto II
yo anduviera
andivieras
él/ella anduviera
nosotros anduviéremos
nosotros anduviereis
ellos/ellas anduvieren
Futuro
yo anduviere
anduvieres
él/ella anduviere
nosotros anduviéremos
nosotros anduviereis
ellos/ellas anduvieren
Futuro perfecto
yo hubiere andado
hubieres andado
él/ella hubiere andado
nosotros hubiéremos andado
nosotros hubiereis andado
ellos/ellas hubieren andado
POTENCIAL - activo
Presente
yo andaría
andarías
él/ella andaría
nosotros andaríamos
vosotros andaríais
ellos/ellas andarían
Perfecto
yo habría andado
habrías andado
él/ella habría andado
nosotros habríamos andado
vosotros habríais andado
ellos/ellas habrían andado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
anda
ande
andemos
andad
anden
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber andado
PARTICIPIO - activo
Presente
que anda
Compuesto
andado
GERUNDIO activo
Presente
andando
Compuesto
habiendo andado
Coniugazione:1 - camminare
Ausiliare:avere intransitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io cammino
tu cammini
egli cammina
noi camminiamo
voi camminate
essi camminano
Imperfetto
io camminavo
tu camminavi
egli camminava
noi camminavamo
voi camminavate
essi camminavano
Passato remoto
io camminai
tu camminasti
egli camminò
noi camminammo
voi camminaste
essi camminarono
Passato prossimo
io ho camminato
tu hai camminato
egli ha camminato
noi abbiamo camminato
voi avete camminato
essi hanno camminato
Trapassato prossimo
io avevo camminato
tu avevi camminato
egli aveva camminato
noi avevamo camminato
voi avevate camminato
essi avevano camminato
Trapassato remoto
io ebbi camminato
tu avesti camminato
egli ebbe camminato
noi avemmo camminato
voi eveste camminato
essi ebbero camminato
Futuro semplice
io camminerò
tu camminerai
egli camminerà
noi cammineremo
voi camminerete
essi cammineranno
Futuro anteriore
io avrò camminato
tu avrai camminato
egli avrà camminato
noi avremo camminato
voi avrete camminato
essi avranno camminato
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io cammini
che tu cammini
che egli cammini
che noi camminiamo
che voi camminiate
che essi camminino
Passato
che io abbia camminato
che tu abbia camminato
che egli abbia camminato
che noi abbiamo camminato
che voi abbiate camminato
che essi abbiano camminato
Imperfetto
che io camminassi
che tu camminassi
che egli camminasse
che noi camminassimo
che voi camminaste
che essi camminassero
Trapassato
che io avessi camminato
che tu avessi camminato
che egli avesse camminato
che noi avessimo camminato
che voi aveste camminato
che essi avessero camminato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io camminerei
tu cammineresti
egli camminerebbe
noi cammineremmo
voi camminereste
essi camminerebbero
Passato
io avrei camminato
tu avresti camminato
egli avrebbe camminato
noi avremmo camminato
voi avreste camminato
essi avrebbero camminato
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
cammina
cammini
camminiamo
camminate
camminino
Futuro
-
camminerai
camminerà
cammineremo
camminerete
cammineranno
INFINITO - attivo
Presente
camminar
Passato
essersi camminato
PARTICIPIO - attivo
Presente
camminante
Passato
camminato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
camminando
Passato
avendo camminato