Buena navegación con NihilScio!  Página de Facebook
NihilScio                Home

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

á   è   é   ì   í   ò
ó   ù   ú   ü   ñ   ç
Inglese
sinonimi di amar

  Cerca  frasi:
Vocabulario y frases
amar
= amare .
---------------
* Yo conozco, con el natural entendimiento que Dios me ha dado, que todo lo hermoso es amable; mas no alcanzo que, por razón de ser amado, esté obligado lo que es amado por hermoso a amar a quien le ama.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y más, que podría acontecer que el amador de lo hermoso fuese feo, y, siendo lo feo digno de ser aborrecido, cae muy mal el decir: «quiérote por hermosa; hasme de amar aunque sea feo».( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* El cielo aún hasta ahora no ha querido que yo ame por destino; y el pensar que tengo de amar por elección es escusado.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Esa es natural condición de mujeres —dijo don Quijote—: desdeñar a quien las quiere y amar a quien las aborrece; pasa adelante, Sancho( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Porque has de saber, Sancho, si no lo sabes, que dos cosas solas incitan a amar más que otras, que son la mucha hermosura y la buena fama, y estas dos cosas se hallan consumadamente en Dulcinea, porque en ser hermosa ninguna le iguala, y en la buena fama pocas le llegan.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —En decir que maldecía mi fortuna dijiste mal —dijo don Quijote—, porque antes la bendigo y bendeciré todos los días de mi vida por haberme hecho digno de merecer amar tan alta señora como Dulcinea del Toboso( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Con esa manera de amor —dijo Sancho—, he oído yo predicar que se ha de amar a Nuestro Señor, por sí solo, sin que nos mueva esperanza de gloria o temor de pena.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Aunque yo le querría amar y servir por lo que pudiese( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Amar y saber, todo junto nopuede ser
---------------
Vocabulario y frases
amare
= verbo trans. nutrire profondo affetto , voler bene
---------------
* Appena gli parve ora di poter , senza indiscrezione , presentarsi al curato , v'andò , con la lieta furia d'un uomo di vent'anni , che deve in quel giorno sposare quella che ama .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per passare un poco la mattana , e per contrapporre all'immagine del frate che gli assediava la fantasia , immagini in tutto diverse , don Rodrigo entrò , quel giorno , in una casa , dove andava , per il solito , molta gente , e dove fu ricevuto con quella cordialità affaccendata e rispettosa , ch'è riserbata agli uomini che si fanno molto amare o molto temere ; e , a notte già fatta , tornò al suo palazzotto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La presenza di Federigo era infatti di quelle che annunziano una superiorità , e la fanno amare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma quando voi stesso sorgerete a condannare la vostra vita , ad accusar voi stesso , allora ! allora Dio sarà glorificato ! E voi domandate cosa Dio possa far di voi ? Chi son io pover'uomo , che sappia dirvi fin d'ora che profitto possa ricavar da voi un tal Signore ? cosa possa fare di codesta volontà impetuosa , di codesta imperturbata costanza , quando l'abbia animata , infiammata d'amore , di speranza , di pentimento ? Chi siete voi , pover'uomo , che vi pensiate d'aver saputo da voi immaginare e fare cose più grandi nel male , che Dio non possa farvene volere e operare nel bene ? Cosa può Dio far di voi ? E perdonarvi ? e farvi salvo ? e compire in voi l'opera della redenzione ? Non son cose magnifiche e degne di Lui ? Oh pensate ! se io omiciattolo , io miserabile , e pur così pieno di me stesso , io qual mi sono , mi struggo ora tanto della vostra salute , che per essa darei con gaudio (Egli m'è testimonio) questi pochi giorni che mi rimangono ; oh pensate ! quanta , quale debba essere la carità di Colui che m'infonde questa così imperfetta , ma così viva ; come vi ami , come vi voglia Quello che mi comanda e m'ispira un amore per voi che mi divora !
---------------
- E ancor lo domandate ? E non ve l'ho detto ? E dovevo dirvelo ? Amare , figliuolo ; amare e pregare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Forse , o sciagura degna di lacrime ancor più amare ! la madre , tutta occupata de' suoi patimenti , aveva dimenticato ogni cosa , anche i figli , e non aveva più che un pensiero: di morire in pace .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
lui, all'orlo di un abisso! Due colpi all'uscio a vetri, che dava nelle stanze riserbate all'abitazione, riscossero Gabriele da queste amare riflessioni.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Forse non potrai intendermi bene neanche tu; ma immagina un uomo, per esempio, che sia costretto a vivere, incatenato, con un'altra creatura, contro la quale covi un intenso odio, soffocato ora per ora dalle piú amare riflessioni: immagina! Oh, un bel giorno, mentre sei a colazione - tu qui, lei lí - conversando, ella ti narra che, quand'era bambina, suo padre fu sul punto di partire, poniamo, per l'America, con tutta la famiglia, per sempre; oppure, che mancò poco ella non restasse cieca per aver voluto un giorno ficcare il naso in certi congegni chimici del padre.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sapeva, sentiva bene che non avrebbe potuto piú amare alcun'altra donna, mai.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Del resto, poi, eran cosí uniti idealmente quei due uomini, che quasi formavano un uomo solo, da amare insieme, senz'alcuna invidia né da una parte né dall'altra per quel tanto che a ciascuna necessariamente ne toccava, chiudendo a sera le porte de' due quartierini gemelli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Te lo provo! Una donna che ha figliuoli e che per necessità riprende marito, anche avendo altri figliuoli da questo secondo marito, non cessa mai d'amare i primi; non solo, ma riesce a farli amare anche dal padrigno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sfido! Li ha fatti lei, questi e quelli: suo sangue, sua carne! Un vedovo, invece, con figli, che riprenda moglie, anche se non abbia altri figliuoli dalla seconda moglie, non ama piú quelli come prima, perché la madrigna se n'adombra, la madrigna se ne ingelosisce; e se poi questa gliene dà altri, lo tira ad amare i proprii e a trascurare i poveri orfanelli; e lui, vigliacco, schifoso, mascalzone, farabutto, obbedisce! - Non dici a me, spero...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E tanto quest'odio li accecava, che nessuno dei due per il momento pensava, che cosa avrebbero fatto domani di fronte a quel figliuolo, che non avrebbero potuto entrambi amare insieme.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma come rifiutare quel benefizio, dopo le tante cure e le premure affettuose di lei? quel benefizio offerto in quel modo, che non lo legava ancora per nulla, che lo lasciava libero di scegliere, libero di mostrarsi, o no, grato di quanto gli era stato fatto? Ora, ogni mattina, levandosi dal divanaccio con le ossa indolenzite, don Pietro si esortava cosí: - Coraggio, don Paranza! alla doppia pesca! E preparava gli attrezzi: le due canne con le lenze, una per sé, l'altra per L'arso, i barattoli dell'esca, gli ami di ricambio: ecco, sí, per i pesci era ben munito; ma dove trovare l'occorrente per l'altra pesca: quella al marito per la nipote? chi glielo dava l'amo per tirarlo a parlare? Si fermava in mezzo alla stanza, con le labbra strette, gli occhi sbarrati; poi scoteva in aria le mani ed esclamava: - L'amo francese! Eh già! Perché gli toccava per giunta di muovergliene il discorso in francese, quando non avrebbe saputo dirglielo neppure in siciliano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E lí, su la scogliera del porto, mentre riforniva gli ami di nuova esca, si voltava a guardare L'arso, che se ne stava seduto su un masso poco discosto, diritto su la vita, con gli occhi chiari fissi al sughero della lenza che galleggiava su l'aspro azzurro dell'acqua luccicante d'aguzzi tremolii.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Cleen, all'esclamazione, si riscoteva come da un sogno, e gli sorrideva; poi tirava pian piano dall'acqua la lenza, credendo che il Mílio lo avesse richiamato per questo, e riforniva anche lui gli ami chi sa da quanto tempo disarmati.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Io sono donna, e non posso tenerti conversazione: ho tanto da fare! Egli la guardava, la guardava, e gli veniva di domandarle: "Non mi ami piú?" - Venerina, sentendo che non si moveva, alzava gli occhi dal cucito, lo vedeva con quell'aria smarrita e rompeva in una gaja risata: - Che vuoi da me? Un omaccione tanto, che se ne sta in casa come un ragazzino, Dio benedetto! Impara un po' a vivere come i nostri uomini: piú fuori che dentro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se non che, adesso, in qualcuna di queste grandi e miserabili case, pur tra cotali inquilini rimasti a compir l'opera di distruzione sulle pareti e sugli usci e sui pavimenti, qualche famiglia decaduta o di ceto medio, d'impiegati o di professori, ha cominciato a cercar ricovero, o per non averlo trovato altrove o per bisogno o amor di risparmio, vincendo il ribrezzo di tutto quel lerciume e piú della mescolanza con quello che sí, Dio mio, prossimo è, non si nega, ma che pur certamente, poco poco che si ami la pulizia e la buona creanza, dispiace aver troppo vicino; e non si può dire del resto che il dispiacere non sia contraccambiato; tanto vero che questi nuovi venuti sono stati in principio guardati in cagnesco, e poi, a poco a poco, se han voluto esser visti men male, han dovuto acconciarsi a certe confidenze piuttosto prese che accordate.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ora sí, odio, signor dottore, per quello che hanno fatto patire alla loro madre e a me! Ma prima, quando erano qua, io li amavo e rispettavo come fratelli maggiori.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A un tratto, al vecchio, assorto in queste amare riflessioni, giunse la voce d'uno dei figliuoli: di Càrmine, ch'era il maggiore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma tuttavia, come rimanere piú oltre in quella casa, se non a questo patto? E non sarebbe stata una crudeltà abbandonare quel cieco, privarlo delle sue cure amorose, per paura dell'altrui malignità? Era, senza dubbio, per lei una gran fortuna; ma sentiva, in coscienza, di meritarsela, perché ella lo amava; anzi, per lei la maggior fortuna era questa, di poterlo amare apertamente, di potersi dir sua, tutta e per sempre, di potersi consacrare a lui unicamente, anima e corpo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma tu lavatele a ogni modo, perché zio Florestano ama i bambini puliti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma lo ringrazierà, quando le verranno tra mano questi pochi foglietti di carta, se ama di cuore il suo Florestano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora, non sarebbe stato forse tanto aspro per lui il cordoglio, se un certo puntiglio non glie l'avesse segretamente esacerbato, impedendogli di fare anche su la sua giovane compagna quelle riflessioni un po' amare ma piene di bonaria indulgenza, con le quali era pur solito di scusare e compatire tant'altre cose nella vita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
— Il ragazzo è sincero , buono: non ha vizi , non fuma , non beve , non ama le donne .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Se ama davvero quella ragazza . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Fa bene ! La approvo ! Il vero amore è stato il tuo , verso di loro ; e se c'è qualcuno ch'esse dovrebbero amare e sposare , sí , lo dico , saresti tu , non lo zio Pietro . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Invece ti han cacciato via come un cane vecchio , adesso che non sei buono piú a niente ; eppure tu le ami di piú per questo , perché il tuo cuore è un vero cuore di uomo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Son contento che si sposi ; sai cos'era accaduto , l'ultima volta che venni ? Io le dicevo: — Sposatevi , zia Noemi ; zio Pietro è ricco , vi ama , vi renderà felice .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ond’egli taceva: e con gli occhi intenti e pur timidi, con la fronte serena e dimessa, intendeva rispondere alla donna; che, incerta di sé (come i buoni, e gli erranti non tristi sogliono, come suole chi comincia ad amare davvero), traeva quel silenzio a senso di disistima, e si tormentava dentro, ma senza pentirsi dell’avere parlato. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Amav’io in essa l’affetto che a quando a quando traspariva dalle parole delicatamente lusinghevoli e dagli occhi vaganti? Amavo io l’ingegno agile, aperto? Amavo io il nome? e l’esile persona schiettamente adorna, e la casa riccamente addobbata, e la frequenza elegante poteva anco in me? Non credo. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quando pure il più ricco o il più nobile de’ due abbia sentimenti così generosi e volontà così ferma in amare come credo sarebbe la sua, l’accettare certi doni talvolta costa più dell’offrirli. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Francesi potrebbero essere di governo: ma d’ingegno e di lingua, italiani: e dai Bretoni (che a chi loro parla francese non degnan rispondere) imparar da’ Bretoni ad amare la tradizione de’ padri loro; e a’ Francesi rendersi rispettabili rispettando se stessi.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Una portoghese, di quel pallore olivastro che le portoghesi sogliono, ma più grande delle forme, e bella di silenzio intendente e d’occhi affettuosi e d’ingenui desideri, a cui da molti anni il marito viveva al Brasile, già passati ella i trenta, ma schietta dell’anima; di quelle donne che sanno amare umilmente; io conobbi a Parigi; e mi piacque: ed ella pensava di me più che non io di lei, sola e senza né speranze né distrazioni alla vedova vita. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
A chi ama l’Italia, il passare da Marsiglia a Bastia, gli è come a chi sente in cuore l’eleganza, trovare in vetta dell’Appennino separati da breve limite l’accento bolognese e il toscano. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quivi giunti, tornarono a uscio a uscio con Matilde, la quale li ricevé cordiale al solito, afflitta d’un suo bambino perduto di corto, e col fare incerto di persona che, non riamata ma avuta in affezione, abbia amato, e ami tuttavia, m’altrimenti. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Malgrado tutto questo, Franco non avrebbe potuto cimentarsi, nei salotti cittadini, con tanti piccoli dilettanti incapaci d'intendere e di amare la musica. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poi aggiustò le partite di sua moglie con un buon rabbuffo, giurando che in avvenire lo avrebbe tenuto lui lo zucchero, e poiché ella si permise di ribattere «cossa te voeut mai intrigàt ti?» la interruppe, «intrigatissim in tütt! intrigatissim in tütt!» e voltatele le spalle, s'avviò a gran passi, sbuffando e fremendo, verso il posto dove la diligente sposa gli aveva preparata la lenza e la polenta, e inescò i due poderosi ami da tinche. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Primo a ponente, il signor Ricevitore slanciava due ami appaiati in capo a una lenza sola, due traditori bocconi di polenta, lontano dalla sponda quanto mai poteva; e quando il filo si era ben disteso, quando il sughero indicatore si era quasi ancorato in placida attesa, l'I. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Quanto al giardinetto pensile, Luisa avrebbe potuto sopportare anche il granturco per una tolleranza di spirito superiore che ama lasciar in pace gl'inferiori nelle loro idee, nelle loro abitudini, nei loro affetti. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Aveva del resto un inconscio bisogno di amare senza speranza per potersi poi compiangere, per la voluttà di un doppio intenerimento, verso una bella creatura e verso se stesso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ore amare L'ultimo dì dell'anno, mentre Franco stava scrivendo le minutissime istruzioni che intendeva lasciare a sua moglie per il governo del giardinetto e dell'orto, mentre lo zio rileggeva per la decima volta la sua favorita Storia della diocesi di Como, Luisa uscì a passeggio con Maria. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Addio, addio! Pareva a Franco che le pianticelle gli rispondessero tristemente: "Perché ci lasci? Che sarà di noi? Tua moglie non ci ama come te". (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Non mi puoi amare più?» 1 Egli non rispose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Povero Franco, non averla con te, tu che saresti così contento di lei! Fai un gran sacrificio! Se ti può far piacere ti dirò che la sola possibilità per me di amare Iddio la trovo in questa bambina perché in essa Iddio mi diventa visibile, intelligibile. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Quindi mi son detto: Di che ti sdegni e che ti sorprende? Non conoscevi tu quel malanimo e non ne avesti offese maggiori? Infinitamente mi rattrista che tu non abbia saputo celare i tuoi sentimenti a Maria, infinitamente mi commuove che tu ne sia pentita e infinitamente mi consola che tu ami il Signore nella bambina, che tu me lo scriva. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
A dir vero, cara, non dovrei appagarmene così perché ad amare Iddio ne invitano i cieli e la terra ed Egli ci è visibile in ogni luce, intelligibile in ogni vero! Ma insomma tu incominci a udire la voce Sua! Nelle mie lettere non ho mai toccato questo punto per sentirmi troppo inetto a parlartene degnamente, efficacemente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Già», mormorò la Cia, «s'arrabbia solo con me.» L'argomento suggeriva tante cose amare e inutili a dire che nessuno parlò più. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
— Perché amavo anche allora i profumi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Non mi ami ancóra. Forse anch'io non ti amo ancóra. Ancóra non soffri assai di me; non soffro ancóra di te come voglio. Che l'amore mi sia come questa desolazione! Vedi? Vedi? Una desolazione che nessuna abondanza eguaglia. Tutto il resto è fiacco. Che sono dietro di noi le foreste di résina, le sabbie marine, i falaschi degli stagni? Guarda le mie crete!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Tu non puoi amare se non te stessa, se non il tuo piacere, se non la tua perfidia. È il tuo castigo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Ma non puoi amarlo. Per ciò, non avendo l'amore, sei attirata dal mio amore che ti vince. Lo so, lo so. Ho compreso, ho veduto. Tu ora speri di poterlo amare attraverso di me. Tu speri che il tuo cuore si riempia del mio cuore. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Potevo io vincere? Quella notte ella aveva detto: «L'amore più forte non è quello che vince?» Ah, non è vero. Ho dato tutto, per saper questo! Ella aveva detto a disfida: «Egli è folle di me.» Sì, una cosa torbida e trista vi rendeva folle, vi rende folle. Vi amavo io sola, vi amo io sola. Ma non avevate occhi per me, come ora; non per me, non per l'inganno.... (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella voleva rispondere: «Alla Badia». Diede l'indirizzo di Simonetta Cesi. Il cavallo bianco trotterellava zoppicando; e la sua lunga schiena stecchita s'abbassava verso la spalla sinistra, a stratte. Per non guardarla, Vana alzò gli occhi: vide il sole roseo sul cornicione d'un palazzo, il lieve cielo come sparso di piume, un grande albero della Giudea fiorito in un giardino. Cercò anche una rondine a volo, un nido di rondine in una gronda: inutilmente. «Simonetta, Simonetta, che dirai domani? Piangerai un'altra volta? Ah, se tu sapessi quanto male fa l'amore, a chi ama e a chi non ama! Il pastore di Fondi lo sa, e anche la Driade. Dio ti guardi, sorella allegra!» Diede al cocchiere un altro indirizzo, il suo proprio. S'appoggiò indietro; e guardò il cielo, respirò la primavera, cercò una rondine in una gronda.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Questo senso penoso di precarietà mi teneva ancora e non mi faceva amare il letto su cui mi ponevo a dormire, i varii oggetti che mi stavano intorno. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* A un certo punto: «Beate le marionette,» sospirai, «su le cui teste di legno il finto cielo si conserva senza strappi! Non perplessità angosciose, né ritegni, né intoppi, né ombre, né pietà: nulla! E possono attendere bravamente e prender gusto alla loro commedia e amare e tener se stesse in considerazione e in pregio, senza soffrir mai vertigini o capogiri, poiché per la loro statura e per le loro azioni quel cielo è un tetto proporzionato. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Io li sfuggivo e loro mi trascuravano ; non li amavo e mi odiavano . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Venivano dall'ombra dell' irreale eppur mi sembravano più vivi de' vivi che scalpicciavano a' miei fianchi e soltanto con loro m' era dato d' intendere ed essere inteso , d' amare e d' essere amato . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Li amavo perchè m' incitavano all'odio ; li ricercavo perchè mi aiutavano a fuggire . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Li amavo , insomma , più di quel che si può amare una donna perchè nella donna hai un viso solo e un' anima sola e loro mi davano dieci anime , mille anime : un'anima per la gioia e una per il dolore ; una per il superamento e una per la santificazione . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Li amavo perdutamente , forsennatamente , immoderatamente . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* È inutile : non so giovare altrui che coi tormenti e non posso amare se non disprezzando . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* U ingegno è quella tal forma superiore d' intelligenza che tutti possono capire , apprezzare ed amare . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E allora tutti insieme gridarono : CRISTO ! CRISTO ! CRISTO ! La voce unica di tutta l'umanità , di tutti gli uomini ch'erano stati sulla terra ad amare , a soffrire , a sperare , si alzò contro il cielo , come una sfida . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Filosofia 1 Mondi aladinici di fantasmi più vivi dei vivi ; di ombre più sireniche dei corpi ; di parole più polpute delle cose ; di formule più infiammanti di una strofe ! Io ti conobbi , ti amai , ti violentai . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma come avrei potuto scegliere dinanzi alle infinite possibilità delle mie voglie ? Per scegliere bisogna preferire qualcosa ; amare questo di più e Taltro di meno ; avere in mente uno scopo qualunque ; soffrire in cuore d'un ideale creduto . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Allora avrei potuto distruggere quel che disprezzavo , e far prevalere quel che amavo : indirizzare la corrente delle cose verso la mia meta ; e modellare nel docile fango del concreto il mio ideale . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non possono amare chi non s'è consumato d'amore per essi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E poiché non vi amai non vi conobbi e non avendovi conosciuto non potei salvarvi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ognuno ama d'immenso amore l'umanità chiuso nella solitudine della sua casa . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma dopo questa furia divoratrice torna fuori il fantastico che immagina storie impossibili , che deforma la realtà , che proietta nel comodo specchio dell' immaginazione i suoi istinti più malvagi , i suoi desideri più forsennati , che crea più in grande gli uomini che odia e gli uomini che ama , prendendo dalla vita stessa lo spunto reale per prolungarlo e ingigantirlo nel sogno . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Donne bionde , tenere , occhieggianti ben formate , mi passeranno d'accanto e la mia carne non sarà scossa dal desiderio : non son più fatte per me , non penso più a farmi amare . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
Ma allora io non sapevo se amavo o odiavo la sigaretta e il suo sapore e lo stato in cui la nicotina mi metteva .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* a pezzi! Di tutte amavo i piedini se ben calzati , di molte il collo esile oppure anche poderoso e il seno se lieve , lieve .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Il suo sorriso che io amavo tanto mi parve una derisione e fu proprio in quell’istante che nel mio animo germinò un sentimento nuovo che doveva far sì che un tentativo intrapreso con tanta serietà dovesse subito miseramente fallire .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Sembra dunque ch’io non abbia subito vista tutta la grazia e tutta la bellezza di Ada e che mi sia invece incantato ad ammirare altre qualità ch’io le attribuii di serietà e anche di energia , insomma , un po’ mitigate , le qualità ch’io amavo nel padre suo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ma Ada , che proprio allora era tanto seria da girare intorno i begli occhi alla ricerca dell’uomo ch’essa avrebbe ammesso nel suo nido , era incapace di amare la persona che la faceva ridere .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Io amavo la sua parola semplice , io , che come aprivo la bocca svisavo cose o persone perché altrimenti mi sarebbe sembrato inutile di parlare .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Non vorrei disingannare Augusta che ama crederle di mia invenzione .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Guardandola negli occhi le avrei domandato: «Mi ami tu?» E se essa m’avesse detto di sì , io l’avrei serrata fra le mie braccia per sentirne vibrare la sincerità .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Io amavo Ada! Non sapevo ancora se quel verbo fosse proprio e continuai l’analisi .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Finii col conchiudere che il verbo fosse proprio quello: Io amavo Ada .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Io , ormai scacciato da casa Malfenti , amavo Ada irosamente .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Per la brutta fanciulla che m’amava , avevo tutto il disdegno che non ammettevo avesse per me la sua bella sorella , che io amavo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Ciò significava allora di non raccontare quelle barzellette che facevano ridere e mi diffamavano , facendomi anche amare dalla brutta Augusta e disprezzare dalla mia Ada .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Subito sentii che se io dovevo finalmente eliminare quella seccante fanciulla dal mio destino , pure dovevo usarle il riguardo che un buon cavaliere quale son io , deve tributare alla donna che lo ama e sia dessa la più brutta che mai sia stata creata .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ricordai che Ada diceva di amare molto i gioielli .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Cominciò con una scoperta che mi stupì: io amavo Augusta com’essa amava me .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Per quanto la sapessi mal fondata perché basata su di me , io amavo , io adoravo quella sicurezza .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Ma l’intraprendenza era una delle cose che in lei più amavo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Per la prima volta essa mi raccontò d’aver risaputo dal Copler ch’io amavo tanto mia moglie:
---------------
* Carla mi vedeva in una luce falsa! Carla poteva disprezzarmi vedendomi tanto desideroso dei suoi baci quando amavo Augusta! Quella stessa Carla che faceva mostra di stimarmi tanto perché di me aveva tanto bisogno !
---------------
* Soltanto , come conclusione a quella vera storia che avevo raccontata , avevo dimenticato di dire che oramai io amavo veramente Augusta .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Certo è male che tu sia sposato , ma , visto che non ami tua moglie , io so almeno che la mia felicità non distrugge quella di nessun altro .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Correndo via pensai ancora: «Se essa sapesse quanto io ami mia moglie si comporterebbe altrimenti» .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Come devi essere rude con chi non ami , se lo sei tanto con me!
---------------
* Ricordo specialmente una «Ninna nanna» attribuita al Mozart , e nei giorni in cui sento meglio la tristezza della vita e rimpiango l’acerba fanciulla che fu mia e che io non amai , la «Ninna nanna» mi echeggia all’orecchio come un rimprovero .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Cantavano ora insieme delle canzoni sue che mi parvero povera cosa tanto quando amavo Carla quanto allorché la sentivo come una catena .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* si ama sempre la propria patria
---------------
amante
= participio presente di amare , che ama
---------------
amato
= participio passato di amare che , colui che è amato plur.masc.: amati - fem.: amata , amate
---------------
amatore
= amadore , colui che ama , è innamorato seduttore , donnaiolo
---------------
amigdalina
= glucoside contenuto nelle mandorle amare .
---------------
ancorotto
= ancora leggera usata da imbarcazioni di piccole o medie dimensioni attrezzo da pesca formato dall'unione di tre ami con le punte rivolte all'esterno .
---------------
barbiglio
= appendice cutanea con funzione sensoriale , posta sotto il mascellare e agli angoli della bocca di alcuni pesci negli uccelli , bargigliociascuna delle due alette laterali nella punta delle frecce e degli ami , che ne impediscono la fuoruscita una volta conficcati.
---------------
battagliero
= che ama la battaglia , la lotta
---------------
bellicoso
= che ama la guerra
---------------
blatta
= insetto dei blattoidei con corpo appiattito di colore nero o scuro , ali rudimentali o assenti , che ama il buio e l'umidità .
---------------
bolentino
= lenza di nailon con più ami e con un piombo all'estremità che si cala a mano da un'imbarcazione per effettuare la pesca sul fondo .
---------------
buongustaio
= o bongustaio , colui che ama la buona tavola
---------------
buono
= aggettivo sing. masc. - colui che ama divertirsi , stare in buona compagnia - gioviale , pieno di allegria - plur. masc. buoni - fem. buona , plur. buone
---------------
burlon colui che ama scherzare , far burle
---------------
carità
= virtù teologale per la quale si ama dio sopra ogni cosa e il prossimo per amore di dio disposizione naturale a compatire e ad aiutare attivamente colui che ne ha bisognoatto concreto di misericordia
---------------
cerimonioso
= persona che ama far cerimonie
---------------
chiassoso
= che fa chiasso, che ama il chiasso
---------------
ciarlatore
= che, colui che ama ciarlare
---------------
ciarliero
= che ciarla molto, che ama chiacchierare § ciarlieramente
= .
---------------
coccolone
= colui che ama farsi coccolare.
---------------
compagnevole
= che ama stare in compagnia
---------------
compagnone
= colui che ama le allegre compagnie
---------------
conversatore
= colui che ama conversare
---------------
crapulone
= colui che ama darsi alla crapula.
---------------
disamare
= verbo trans . non amare più - cessare d'amare
---------------
dormicchiare
= verbo intr . colui che ama dormire molto
---------------
emulsina
= enzima contenuto nelle mandorle amare e in altri semi
---------------
fantasticatore colui che ama fantasticare , colui che ha una fantasia molto fervida .
---------------
filarmonico
= che ama e coltiva la musica classica
---------------
freddurista
= colui che ama dire freddure .
---------------
fumista
= scrittore , artista che con le proprie opere si propone di sbalordire colui che ama fare scherzi , burle
---------------
georgofilo
= che , colui che studia e ama l'agricoltura.
---------------
giramondo
= colui che ama spostarsi da un luogo all'altro senza una meta e uno scopo determinati , vivendo per lo più di ripieghi.
---------------
luppolina
= miscuglio di sostanze amare e di resine estratte dal luppolo , di cui costituisce il principio attivo .
---------------
malalingua
= o mala lingua, persona che ama sparlare del prossimo.
---------------
maldicente
= che o colui che ama sparlare degli altri per malignità o leggerezza.
---------------
morbidone
= chi ama la vita comoda o si muove, si comporta da pigro.
---------------
morbinoso
= chi ama i divertimenti ed è incline a ridere e scherzare
---------------
odiosamato
= che si odia e si ama contemporaneamente
---------------
pacifico
= che ama la pace , opera per la pace
---------------
patriota meno com . patriotta , , patriotto ,
= colui che ama la patria
---------------
polpara
= attrezzo per la pesca dei polpi , costituito da un blocchetto di piombo a forma cilindrica o conica con una serie di robusti ami disposti a corona , che si cala sul fondo con un cavetto .
---------------
poltrire
= verbo intr . persona pigra , che ama poltrire , stare in ozio
---------------
pomicione
= colui che ama pomiciare .
---------------
questionatore ant . o tosc . quistionatore ,
= chi ama le dispute , le discussioni
---------------
rambo
= persona atletica che ama esibire il proprio vigore fisico o si rende protagonista di azioni di forza spettacolari.
---------------
riamare
= verbo trans. amare di nuovo
---------------
silenzioso
= che ama il silenzio ,
---------------
socievole
= che ama la compagnia ,
---------------
solitario
= che ama stare sol ,
---------------
sollazzevole
= che ama sollazzarsi , divertirsi , che fa divertire , spassoso .
---------------
spendereccio
= che ama spendere molto , con facilità ,
---------------
tiratardi
= chi é solito - ama far tardi
---------------
Conjugacíon: 1 - amar
auxiliar: haber - transitivo/pronominale
INDICATIVO activo
Presente
yo amo
amas
él/ella ama
nosotros amamos
vosotros amáis
ellos/ellas aman
Imperfecto
yo amaba
amabas
él/ella amaba
nosotros amabamos
vosotros amabais
ellos/ellas amaban
Pretérito indefinito
yo amé
amaste
él/ella amó
nosotros amamos
vosotros amasteis
ellos/ellas amaron
Preterito perfecto
yo he amado
has amado
él/ella ha amado
nosotros hemos amado
vosotros habéis amado
ellos/ellas han amado
Preterito pluscuamperfecto
yo había amado
habías amado
él/ella había amado
nosotros habíamos amado
vosotros habíais amado
ellos/ellas habían amado
Preterito anterior
yo hube amado
hubiste amado
él/ella hubo amado
nosotros hubimos amado
vosotros hubisteis amado
ellos/ellas hubieron amado
Futuro
yo amaré
amaras
él/ella amará
nosotros amaremos
vosotros amareis
ellos/ellas amarán
Futuro perfecto
yo habré amado
habrás amado
él/ella habrá amado
nosotros habremos amado
vosotros habréis amado
ellos/ellas habrán amado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo ame
ames
él/ella ame
nosotros amemos
nosotros améis
ellos/ellas amen
Pretérito perfecto
yo haya amado
hayas amado
él/ella haya amado
nosotros hayamos amado
nosotros hayáis amado
ellos/ellas hayan amado
Pretérito imperfetto I
yo amara
amaras
él/ella amara
nosotros amáramos
nosotros amarais
ellos/ellas amaran
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera amado
hubieras amado
él/ella hubiera amado
nosotros hubiéramos amado
nosotros hubierais amado
ellos/ellas hubieran amado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese amado
hubieses amado
él/ella hubiese amado
nosotros hubiésemos amado
nosotros hubieseis amado
ellos/ellas hubiesen amado
Pretérito imperfetto II
yo amase
amases
él/ella amase
nosotros amásemos
nosotros amaseis
ellos/ellas amasen
Futuro
yo amare
amares
él/ella amare
nosotros amáremos
nosotros amareis
ellos/ellas amaren
Futuro perfecto
yo hubiere amado
hubieres amado
él/ella hubiere amado
nosotros hubiéremos amado
nosotros hubiereis amado
ellos/ellas hubieren amado
POTENCIAL - activo
Presente
yo amaría
amarías
él/ella amaría
nosotros amaríamos
vosotros amaríais
ellos/ellas amarían
Perfecto
yo habría amado
habrías amado
él/ella habría amado
nosotros habríamos amado
vosotros habríais amado
ellos/ellas habrían amado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
ama
ame
amemos
amad
amen
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber amado
PARTICIPIO - activo
Presente
que ama
Compuesto
amado
GERUNDIO activo
Presente
amando
Compuesto
habiendo amado
INDICATIVO pasivo
Presente
yo soy amado
eres amado
él/ella es amado
nosotros somos amados
vosotros seis amados
ellos/ellas son amados
Imperfecto
yo era amado
eras amado
él/ella era amado
nosotros èramos amados
vosotros erais amados
ellos/ellas eran amados
Pretérito indefinito
yo fui amado
fuiste amado
él/ella fue amado
nosotros fuimos amados
vosotros fuisteis amados
ellos/ellas fueron amados
Preterito perfecto
yo he sido amado
has sido amado
él/ella ha sido amado
nosotros hemos sido amados
vosotros habèis sido amados
ellos/ellas han sido amados
Preterito pluscuamperfecto
yo había sido amado
habías sido amado
él/ella había sido amado
nosotros habíamos sido amados
vosotros habías sido amados
ellos/ellas habían sido amados
Preterito anterior
yo hube sido amado
hubiste sido amado
él/ella hubo sido amado
nosotros hubimos sido amados
vosotros hubisteis sido amados
ellos/ellas hubieron sido amados
Futuro
yo seré amado
serás amado
él/ella será amado
nosotros seremos amados
vosotros sereis amados
ellos/ellas serán amados
Futuro perfecto
yo habrè sido amado
habrás sido amado
él/ella habrá sido amado
nosotros habremos sido amados
vosotros habreis sido amados
ellos/ellas habrán sido amados
CONJUNTIVO - pasivo
Presente
yo sea amado
seas amado
él/ella sea amado
nosotros seamos amados
nosotros seáis amados
ellos/ellas sean amados
Pretérito perfecto
yo haya sido amado
hayas sido amado
él/ella haya sido amado
nosotros hayamos sido amado
nosotros hayáis sido amado
ellos/ellas hayan sido amado
Pretérito imperfetto I
yo fuere amado
fueres amado
él/ella fuere amado
nosotros fuéremos amados
nosotros fuereis amados
ellos/ellas fueren amados
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiere sido amado
hubieres sido amado
él/ella hubiere sido amado
nosotros hubiéremos sido amados
nosotros hubierei sido amados
ellos/ellas hubieren sido amados
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese sido amado
hubieses sido amado
él/ella hubiese sido amado
nosotros hubiésemos sido amados
nosotros hubieseis sido amados
ellos/ellas hubiesen sido amados
Pretérito imperfetto II
yo fuese amado
fuesess amado
él/ella fuese amado
nosotros fuésemos amados
nosotros fueseis amados
ellos/ellas fuesen amados
Futuro
yo fuere amado
fueres amado
él/ella fuere amado
nosotros fuéremos amados
nosotros fuereis amados
ellos/ellas fueren amados
Futuro perfecto
yo hubiere sido amado
hubieres sido amado
él/ella hubiere sido amado
nosotros hubiéremos sido amados
nosotros hubiereis sido amados
ellos/ellas hubieren sido amados
POTENCIAL - pasivo
Presente
yo sería amado
serías amado
él/ella sería amado
nosotros seríamos amados
vosotros seríais amados
ellos/ellas serían amados
Perfecto
yo habría sido amado
habrías sido amado
él/ella habría sido amados
nosotros habríamos sido amados
vosotros habríais sido amados
ellos/ellas habrían sido amados
IMPERATIVO - pasivo
Positivo
-
sé amado
sea amado
seamos amados
sed amados
sean amados
INFINITO pasivo
Presente
ser amado
Compuesto
haber sido amado
PARTICIPIO - pasivo
Presente
que es amado
Compuesto
amado
GERUNDIO pasivo
Presente
siendo amado
Compuesto
habiendo sido amado
Coniugazione:1 - amare
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io amo
tu ami
egli ama
noi amiamo
voi amate
essi amano
Imperfetto
io amavo
tu amavi
egli amava
noi amavamo
voi amavate
essi amavano
Passato remoto
io amai
tu amasti
egli amò
noi amammo
voi amaste
essi amarono
Passato prossimo
io ho amato
tu hai amato
egli ha amato
noi abbiamo amato
voi avete amato
essi hanno amato
Trapassato prossimo
io avevo amato
tu avevi amato
egli aveva amato
noi avevamo amato
voi avevate amato
essi avevano amato
Trapassato remoto
io ebbi amato
tu avesti amato
egli ebbe amato
noi avemmo amato
voi eveste amato
essi ebbero amato
Futuro semplice
io amerò
tu amerai
egli amerà
noi ameremo
voi amerete
essi ameranno
Futuro anteriore
io avrò amato
tu avrai amato
egli avrà amato
noi avremo amato
voi avrete amato
essi avranno amato
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io ami
che tu ami
che egli ami
che noi amiamo
che voi amiate
che essi amino
Passato
che io abbia amato
che tu abbia amato
che egli abbia amato
che noi abbiamo amato
che voi abbiate amato
che essi abbiano amato
Imperfetto
che io amassi
che tu amassi
che egli amasse
che noi amassimo
che voi amaste
che essi amassero
Trapassato
che io avessi amato
che tu avessi amato
che egli avesse amato
che noi avessimo amato
che voi aveste amato
che essi avessero amato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io amerei
tu ameresti
egli amerebbe
noi ameremmo
voi amereste
essi amerebbero
Passato
io avrei amato
tu avresti amato
egli avrebbe amato
noi avremmo amato
voi avreste amato
essi avrebbero amato
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
ama
ami
amiamo
amate
amino
Futuro
-
amerai
amerà
ameremo
amerete
ameranno
INFINITO - attivo
Presente
amar
Passato
essersi amato
PARTICIPIO - attivo
Presente
amante
Passato
amato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
amando
Passato
avendo amato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono amato
tu sei amato
egli é amato
noi siamo amati
voi siete amati
essi sono amati
Imperfetto
io ero amato
tu eri amato
egli era amato
noi eravamo amati
voi eravate amati
essi erano amati
Passato remoto
io fui amato
tu fosti amato
egli fu amato
noi fummo amati
voi foste amati
essi furono amati
Passato prossimo
io sono stato amato
tu sei stato amato
egli é stato amato
noi siamo stati amati
voi siete stati amati
essi sono stati amati
Trapassato prossimo
io ero stato amato
tu eri stato amato
egli era stato amato
noi eravamo stati amati
voi eravate stati amati
essi erano statiamati
Trapassato remoto
io fui stato amato
tu fosti stato amato
egli fu stato amato
noi fummo stati amati
voi foste stati amati
essi furono stati amati
Futuro semplice
io sarò amato
tu sarai amato
egli sarà amato
noi saremo amati
voi sarete amati
essi saranno amati
Futuro anteriore
io sarò stato amato
tu sarai stato amato
egli sarà stato amato
noi saremo stati amati
voi sarete stati amati
essi saranno stati amati
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia amato
che tu sia amato
che egli sia amato
che noi siamo amati
che voi siate amati
che essi siano amati
Passato
che io sia stato amato
che tu sia stato amato
che egli sia stato amato
che noi siamo stati amati
che voi siate stati amati
che essi siano stati amati
Imperfetto
che io fossi amato
che tu fossi amato
che egli fosse amato
che noi fossimo amati
che voi foste amati
che essi fossero amati
Trapassato
che io fossi stato amato
che tu fossi stato amato
che egli fosse stato amato
che noi fossimo stati amati
che voi foste stati amati
che essi fossero stati amati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei amato
tu saresti amato
egli sarebbe amato
noi saremmo amati
voi sareste amati
essi sarebbero amati
Passato
io sarei stato amato
tu saresti stato amato
egli sarebbe stato amato
noi saremmo stati amati
voi sareste stati amati
essi sarebbero stati amati
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii amato
sia amato
siamo amati
siate amati
siano amati
Futuro
-
sarai amato
sarà amato
saremo amati
sarete amati
saranno amati
INFINITO - passivo
Presente
essere amato
Passato
essere stato amato
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
amato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo amato
Passato
essendo stato amato