Buena navegación con NihilScio!  Página de Facebook
NihilScio                Home

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

á   è   é   ì   í   ò
ó   ù   ú   ü   ñ   ç
Inglese
sinonimi di aderezar

  Cerca  frasi:
Vocabulario y frases
aderezar
= preparare , adornare , condire .
---------------
* De lo que le sucedió a don Quijote con unos cabreros Fue recogido de los cabreros con buen ánimo y, habiendo Sancho, lo mejor que pudo, acomodado a Rocinante y a su jumento, se fue tras el olor que despedían de sí ciertos tasajos de cabra que hirviendo al fuego en un caldero estaban; y, aunque él quisiera en aquel mismo punto ver si estaban en sazón de trasladarlos del caldero al estómago, lo dejó de hacer, porque los cabreros los quitaron del fuego y, tendiendo por el suelo unas pieles de ovejas, aderezaron con mucha prisa su rústica mesa y convidaron a los dos, con muestras de muy buena voluntad, con lo que tenían.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Venían con ellos, asimismo, dos gentiles hombres de a caballo, muy bien aderezados de camino, con otros tres mozos de a pie que los acompañaban.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —¿Sabes qué imagino, Sancho? Que esta famosa pieza deste encantado yelmo, por algún estraño accidente debió de venir a manos de quien no supo conocer ni estimar su valor, y, sin saber lo que hacia, viéndola de oro purísimo, debió de fundir la otra mitad para aprovecharse del precio, y de la otra mitad hizo esta que parece bacía de barbero, como tú dices; pero, sea lo que fuere, que, para mí que la conozco, no hace al caso su trasmutación; que yo la aderezaré en el primer lugar donde haya herrero, y de suerte que no le haga ven146 taja ni aun le llegue la que hizo y forjó el Dios de las herrerías para el Dios de las batallas, y en este entretanto la traeré como pudiere, que más vale algo que no nada, cuanto más que bien será bastante para defenderme de alguna pedrada( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Desde allí le llevarán, sin duda, a algún cuarto del palacio ricamente aderezado, donde, habiéndole quitado las armas, le traerán un rico manto de escarlata con que se cubra, y, si bien pareció armado, tan bien y mejor ha de parecer en farseto.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Porque quien oyere decir a vuestra merced que una bacía de barbero es el yelmo de Mambrino, y que no salga de este error en más de cuatro días, ¿qué ha de pensar sino que quien tal dice y afirma debe de tener güero el juicio? La bacía yo la llevo en el costal toda abollada, y llévola para aderezarla en mi casa y hacerme la barba en ella, si Dios me diere tanta gracia que algún día me vea con mi mujer y hijos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* De allí a un poco salió de una recámara Luscinda, acompañada de su madre y de dos doncellas suyas, tan bien aderezada y compuesta como su calidad y hermosura merecían, y como quien era la perfección de la gala y bizarría cortesana.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* La ventera, ventero, su hija y Maritornes, que vieron venir a don Quijote y a Sancho, les salieron a recebir con muestras de mucha alegría, y él las recibió con grave continente y aplauso, y díjoles que le aderezasen otro mejor lecho que la vez pasada; a lo cual le respondió la huéspeda que como la pagase mejor que la otra vez, que ella se le daría de príncipes.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Don Quijote dijo que sí haría, y así, le aderezaron uno razonable en el mismo camaranchón de marras, y él se acostó luego, porque venía muy quebrantado y falto de juicio.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Hizo el cura que les aderezasen de comer de lo que en la venta hubiese, y el huésped, con esperanza de mejor paga, con diligencia les aderezó una razonable comida; y a todo esto dormía don Quijote, y fueron de parecer de no despertalle, porque más provecho le haría por entonces el dormir que el comer( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Ya en esto llegaba la noche, y por orden de los que venían con don Fernando había el ventero puesto diligencia y cuidado en aderezarles de cenar lo mejor que a él le fue posible.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Acabaron de cenar, levantaron los manteles y, en tanto que la ventera, su hija y Maritornes aderezaban el camaranchón de don Quijote de la Mancha, donde habían determinado que aquella noche las mujeres solas en él se recogiesen, don Fernando rogó al cautivo les contase el discurso de su vida, porque no podría ser sino que fuese peregrino y gustoso, según las muestras que había comenzado a dar, viniendo en compañía de Zoraida.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Porque ya se sabe que la hermosura de algunas mujeres tiene días y sazones, y requiere accidentes para diminuirse o acrecentarse, y es natural cosa que las pasiones del ánimo la levanten o abajen, puesto que las más veces la destruyen; digo, en fin, que entonces llegó en todo estremo aderezada y en todo estremo hermosa, o, a lo menos, a mí me pareció serlo la más que hasta entonces había visto, y con esto, viendo las obligaciones en que me había puesto, me parecía que tenía delante de mí una deidad del cielo venida a la tierra para mi gusto y para mi remedio.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Ya, en esto, estaba aderezada la cena, y todos se sentaron a la mesa, eceto el cautivo y las señoras, que cenaron de por sí en su aposento.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y, por no oílle, se tapó con las manos entrambos oídos, de lo que también se admiró Dorotea; la cual, estando atenta a lo que se cantaba, vio que proseguían en esta manera: —Dulce esperanza mía, que, rompiendo imposibles y malezas, sigues firme la vía que tú mesma te finges y aderezas, no te desmaye el verte a cada paso junto al de tu muerte( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Pero engañose mucho en su creencia, porque apenas comenzó a amanecer, cuando llegaron a la venta cuatro hombres de a caballo, muy bien puestos y aderezados, con sus escopetas sobre los arzones.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Ya a esta sazón estaban en paz los huéspedes con el ventero, pues por persuasión y buenas razones de don Quijote, más que por amenazas, le habían pagado todo lo que él quiso, y los criados de don Luis aguardaban el fin de la plática del oidor y la resolución de su amo, cuando el demonio, que no duerme, ordenó que en aquel mesmo punto entró en la venta el barbero a quien don Quijote quitó el yelmo de Mambrino, y Sancho Panza los aparejos del asno, que trocó con los del suyo; el cual barbero, llevando su jumento a la caballeriza, vio a Sancho Panza que estaba aderezando no sé qué de la albarda, y así como la vio, la conoció, y se atrevió a arremeter a Sancho, diciendo: —¡Ah, don ladrón, que aquí os tengo! Venga mi bacía y mi albarda, con todos mis aparejos que me robastes( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En esto volvió el cura el rostro y vio que a sus espaldas venían hasta seis o siete hombres de a caballo, bien puestos y aderezados, de los cuales fueron presto alcanzados, porque caminaban, no con la flema y reposo de los bueyes, sino como quien iba sobre mulas de canónigos, y con deseo de llegar presto a sestear a la venta, que menos de una legua de allí se parecía.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* El cual prosiguió diciendo: —De donde nace que cuando vemos alguna persona bien aderezada y con ricos vestidos compuesta y con pompa de criados, parece que por fuerza nos mueve y convida a que la tengamos respeto, puesto que la memoria en aquel instante nos represente alguna bajeza en que vimos a la tal persona; la cual inominia, ahora sea de pobreza, o de linaje, como ya pasó, no es, y sólo es lo que vemos presente.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Pues no tenga pena —respondió el bachiller—, sino váyase en hora buena a su casa, y téngame aderezado de almorzar alguna cosa caliente, y, de camino, vaya rezando la oración de Santa Apolonia, si es que la sabe; que yo iré luego allá y verá maravillas( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Finalmente, don Quijote y Sancho se abrazaron y quedaron amigos, y con parecer y beneplácito del gran Carrasco, que por entonces era su oráculo, se ordenó que de allí a tres días fuese su partida, en los cuales habría lugar de aderezar lo necesario para el viaje, y de buscar una celada de encaje, que en todas maneras dijo don Quijote que la había de llevar.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Pero dime, Sancho, ¿aquella que a mí me pareció albarda que tu aderezaste, era silla rasa, o sillón? —No era —respondió Sancho—, sino silla a la jineta, con una cubierta de campo que vale la mitad de un reino, según es de rica( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Es una ciencia —replicó don Quijote— que encierra en sí todas o las más ciencias del mundo, a causa que el que la profesa ha de ser jurisperito y saber las leyes de la justicia distributiva y comutativa, para dar a cada uno lo que es suyo y lo que le conviene; ha de ser teólogo, para saber dar razón de la cristiana ley que profesa clara y distintamente adondequiera que le fuere pedido; ha de ser médico, y principalmente herbolario, para conocer en mitad de los despoblados y desiertos las yerbas que tienen virtud de sanar las heridas, que no ha de andar el caballero andante a cada triquete111199 buscando quien se las cure; ha de ser astrólogo, para conocer por las estrellas cuantas horas son pasadas de la noche y en qué parte y en qué clima del mundo se halla; ha de saber las matemáticas, porque a cada paso se le ofrecerá tener necesidad dellas, y, dejando aparte que ha de estar adornado de todas las virtudes teologales y cardinales, decendiendo a otras menudencias, digo que ha de saber nadar como dicen que nadaba el peje Nicolás o Nicolao112200; ha de saber herrar un caballo y aderezar la silla y el freno, y, volviendo a lo de arriba, ha de guardar la fe a Dios y a su dama; ha de ser casto en los pensamientos, honesto en las palabras, liberal en las obras, valiente en los hechos, sufrido en los trabajos, caritativo con los menesterosos y, finalmente, mantenedor de la verdad, aunque le cueste la vida el defenderla.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Ya en esto Sancho había aderezado y cinchado bien la silla a Rocinante, y, subiendo en él don Quijote y el duque en un hermoso caballo, pusieron a la duquesa en medio y encaminaron al castillo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Llegado, pues, el esperado día, armose don Quijote, vistiose Sancho, y encima de su rucio, que no le quiso dejar, aunque le daban un caballo, se metió entre la tropa de los monteros; la duquesa salió bizarramente aderezada, y don Quijote, de puro cortés y comedido, tomó la rienda de su palafrén, aunque el duque no quería consentirlo, y, finalmente, llegaron a un bosque que entre dos altísimas montañas estaba, donde, tomados los puestos, paranzas y veredas, y repartida la gente por diferentes puestos, se comenzó la caza con grande estruendo, grita y vocería, de manera, que unos a otros no podían oírse, así por el ladrido de los perros, como por el son de las bocinas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En esto, atravesaron al jabalí poderoso sobre una acémila, y, cubriéndole con matas de romero y con ramas de mirto, le llevaron, como en señal de victoriosos despojos, a unas grandes tiendas de campaña que en la mitad del bosque estaban puestas, donde hallaron las mesas en orden y la comida aderezada, tan sumptuosa y grande que se echaba bien de ver en ella la grandeza y magnificencia de quien la daba( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Iba don Quijote, no sobre Rocinante, sino sobre un gran macho de paso llano y muy bien aderezado.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Entraron todos en la popa, que estaba muy bien aderezada, y sentáronse por los bandines; pasose el cómitre en crujía, y dio señal con el pito que la chusma hiciese fuera ropa, que se hizo en un instante.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Entraron al patio principal del castillo, y viéronle aderezado y puesto de manera que les acrecentó la admiración y les dobló el miedo, como se verá en el siguiente capítulo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
Vocabulario y frases
preparare
= verbo trans . mettere in ordine , approntare qualcosa perché sia pronta all'uso , serva al suo scopo
---------------
* Affrettò il passo , recitò un versetto a voce più alta , compose la faccia a tutta quella quiete e ilarità che poté , fece ogni sforzo per preparare un sorriso ; quando si trovò a fronte dei due galantuomini , disse mentalmente: ci siamo ; e si fermò su due piedi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* All'entrare , si sentì preso da quella suggezione che i poverelli illetterati provano in vicinanza d'un signore e d'un dotto , e dimenticò tutti i discorsi che aveva preparati ; ma diede un'occhiata ai capponi , e si rincorò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I bravi dell'uno e dell'altro eran rimasti fermi , ciascuno dietro il suo padrone , guardandosi in cagnesco , con le mani alle daghe , preparati alla battaglia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La compagnia si trattenne ancor qualche tempo , con una bonarietà e con una cordialità insolita , in ragionamenti ai quali nessuno era preparato , andando là .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dopo la partenza del frate , i tre rimasti erano stati qualche tempo in silenzio ; Lucia preparando tristamente il desinare ; Renzo sul punto d'andarsene ogni momento , per levarsi dalla vista di lei così accorata , e non sapendo staccarsi ; Agnese tutta intenta , in apparenza , all'aspo che faceva girare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ma , ma , se tu mi vuoi fare un servizietto , le venticinque lire son preparate .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Addio , chiesa , dove l'animo tornò tante volte sereno , cantando le lodi del Signore ; dov'era promesso , preparato un rito ; dove il sospiro segreto del cuore doveva essere solennemente benedetto , e l'amore venir comandato , e chiamarsi santo ; addio ! Chi dava a voi tanta giocondità è per tutto ; e non turba mai la gioia de' suoi figli , se non per prepararne loro una più certa e più grande .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ah sì ! - esclamò Gertrude , scossa dal timore , preparata dalla vergogna , e mossa in quel punto da una tenerezza istantanea .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il sonno fu affannoso , torbido , pieno di sogni penosi , ma non fu rotto che dalla voce strillante della vecchia , che venne a svegliarla , perché si preparasse per la gita di Monza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E qui , dopo aver suggerita qualche risposta all'interrogazioni più probabili , entrò nel solito discorso delle dolcezze e de' godimenti ch'eran preparati a Gertrude nel monastero ; e la trattenne in quello , fin che venne un servitore ad annunziare il vicario .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo andò diritto alla porta , si ripose in seno il mezzo pane che gli rimaneva , levò fuori e tenne preparata in mano la lettera , e tirò il campanello .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Questi fremevano , minacciavano anche , cercavan di rifarsi ; ma la causa del sangue era perduta: il grido che predominava era: prigione , giustizia , Ferrer ! Dopo un po' di dibattimento , coloro furon respinti: gli altri s'impadroniron della porta , e per tenerla difesa da nuovi assalti , e per prepararvi l'adito a Ferrer ; e alcuno di essi , mandando dentro una voce a quelli di casa (fessure non ne mancava) , gli avvisò che arrivava soccorso , e che facessero star pronto il vicario , - per andar subito . . .in prigione: ehm , avete inteso ?
---------------
* Ma il voto pubblico era abbastanza spiegato per lasciar andare in prigione il vicario ; e nel tempo della fermata , molti di quelli che avevano agevolato l'arrivo di Ferrer , s'eran tanto ingegnati a preparare e a mantener come una corsìa nel mezzo della folla , che la carrozza poté , questa seconda volta , andare un po' più lesta , e di seguito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Preparate un buon letto a questo bravo giovine , - disse la guida: - perché ha intenzione di dormir qui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Fissò gli occhi su quel bicchiere che aveva riempito ; e , vedendo passar davanti alla tavola il garzone , gli accennò di fermarsi , come se avesse qualche affare da comunicargli ; poi gli accennò il bicchiere , e con una pronunzia lenta e solenne , spiccando le parole in un certo modo particolare , disse: - ecco , l'avevo preparato per quel galantuomo: vedete ; pieno raso , proprio da amico ; ma non l'ha voluto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E quel vostro avventore cosa fa ? Continua a schiamazzare , a metter su la gente , a preparar tumulti per domani ?
---------------
* Bastò questo per far morir tra' denti al giovine l'altre domande che aveva preparate .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Stamattina dunque que' birboni che ieri avevano fatto quel chiasso orrendo , si trovarono a' posti convenuti (già c'era un'intelligenza: tutte cose preparate) ; si riunirono , e ricominciarono quella bella storia di girare di strada in strada , gridando per tirar altra gente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Prima però di sdraiarsi su quel letto che la Provvidenza gli aveva preparato , vi s'inginocchiò , a ringraziarla di quel benefizio , e di tutta l'assistenza che aveva avuta da essa , in quella terribile giornata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Oh per carità ! - esclamò Agnese , con quel misto di gratitudine e d'impazienza , che si prova a un'esibizione in cui si trovi più la buona volontà altrui , che la propria convenienza: - cosa m'importa a me che uomo sia o non sia un altro , quando quel pover'uomo che non c'è più , era quello che sapeva le nostre cose , e aveva preparato tutto per aiutarci ?
---------------
* Ora aveva cenci da rattoppare , ora da preparare in fretta da mangiare a chi tornasse da una spedizione , ora feriti da medicare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il cardinale chiamò con un altro cenno il cappellano , al quale ordinò che facesse preparare subito la lettiga e i lettighieri , e sellare due mule .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quando furono nel mezzo della stanza , entrò dall'altra parte l'aiutante di camera del cardinale , e gli s'accostò , per dirgli che aveva eseguiti gli ordini comunicatigli dal cappellano ; che la lettiga e le due mule eran preparate , e s'aspettava soltanto la donna che il curato avrebbe condotta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La buona donna , fatta seder Lucia nel miglior luogo della sua cucina , s'affaccendava a preparar qualcosa da ristorarla , ricusando , con una certa rustichezza cordiale , i ringraziamenti e le scuse che questa rinnovava ogni tanto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Allora tutte le potenze del suo animo , appena riavute , furon sopraffatte di nuovo , a un tratto: e se quell'animo non fosse stato così preparato da una vita d'innocenza , di rassegnazione e di fiducia , la costernazione che provò in quel momento , sarebbe stata disperazione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La moglie del sarto , ch'era la sola che si trovava lì presente , fa coraggio a tutt'e due , le acquieta , si rallegra con loro , e poi , sempre discreta , le lascia sole , dicendo che andava a preparare un letto per loro ; che aveva il modo , senza incomodarsi ; ma che , in ogni caso , tanto lei , come suo marito , avrebbero piuttosto voluto dormire in terra , che lasciarle andare a cercare un ricovero altrove .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I loro discorsi eran tanto più tristi , quanto più affettuosi: tutt'e due eran preparate a una separazione ; giacché la pecora non poteva tornare a star così vicino alla tana del lupo: e quando , quale , sarebbe il termine di questa separazione ? L'avvenire era oscuro , imbrogliato: per una di loro principalmente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Conoscendo la vostra debolezza e i vostri doveri , avete voi pensato a prepararvi ai passi difficili a cui potevate trovarvi , a cui vi siete trovato in effetto ? Ah ! se per tant'anni d'ufizio pastorale , avete (e come non avreste ?) amato il vostro gregge , se avete riposto in esso il vostro cuore , le vostre cure , le vostre delizie , il coraggio non doveva mancarvi al bisogno: l'amore è intrepido .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma chi sa se Dio misericordioso non ve ne prepara ? Ah non le lasciate sfuggire ! cercatele , state alle velette , pregatelo che le faccia nascere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Andò a casa , zitta , zitta ; si chiuse in camera , svoltò il rotolo , e quantunque preparata , vide con ammirazione , tutti in un mucchietto e suoi , tanti di que' ruspi , de' quali non aveva forse mai visto più d'uno per volta , e anche di rado ; li contò , penò alquanto a metterli di nuovo per taglio , e a tenerli lì tutti , ché ogni momento facevan pancia , e sgusciavano dalle sue dita inesperte ; ricomposto finalmente un rotolo alla meglio , lo mise in un cencio , ne fece un involto , un batuffoletto , e legatolo bene in giro con della cordellina , l'andò a ficcare in un cantuccio del suo saccone .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E non farà stupore che la mortalità crescesse e regnasse in quel recinto a segno di prendere aspetto e , presso molti , nome di pestilenza: sia che la riunione e l'aumento di tutte quelle cause non facesse che aumentare l'attività d'un'influenza puramente epidemica ; sia (come par che avvenga nelle carestie anche men gravi e men prolungate di quella) che vi avesse luogo un certo contagio , il quale ne' corpi affetti e preparati dal disagio e dalla cattiva qualità degli alimenti , dall'intemperie , dal sudiciume , dal travaglio e dall'avvilimento trovi la tempera , per dir così , e la stagione sua propria , le condizioni necessarie in somma per nascere , nutrirsi e moltiplicare (se a un ignorante è lecito buttar là queste parole , dietro l'ipotesi proposta da alcuni fisici e riproposta da ultimo , con molte ragioni e con molta riserva , da uno , diligente quanto ingegnoso) (Del morbo petecchiale . . .e degli altri contagi in generale , opera del dott .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Sudate , o fochi , a preparar metalli:
---------------
* Nello stesso tempo , aveva messo in moto altr'uomini e donne di servizio , o suoi dipendenti , a preparar nel castello alloggio a quante più persone fosse possibile , a rizzar letti , a disporre sacconi e strapunti nelle stanze , nelle sale , che diventavan dormitòri .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tre giorni furono spesi in preparativi: l'undici di giugno , ch'era il giorno stabilito , la processione uscì , sull'alba , dal duomo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Bisognava tener fornito il lazzeretto di medici , di chirurghi , di medicine , di vitto , di tutti gli attrezzi d'infermeria ; bisognava trovare e preparar nuovo alloggio per gli ammalati che sopraggiungevano ogni giorno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A quella vista , quantunque ci dovesse esser preparato , si sentì dare come una stretta al cuore: fu assalito in un punto da una folla di rimembranze dolorose , e di dolorosi presentimenti: gli pareva d'aver negli orecchi que' sinistri tocchi a martello che l'avevan come accompagnato , inseguito , quand'era fuggito da que' luoghi ; e insieme sentiva , per dir così , un silenzio di morte che ci regnava attualmente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Perché , ricordati che non è poco ciò che tu sei venuto a cercar qui: tu chiedi una persona viva al lazzeretto ! Sai tu quante volte io ho veduto rinnovarsi questo mio povero popolo ! quanti ne ho veduti portar via ! quanti pochi uscire ! . . .Va' preparato a fare un sacrifizio . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Va' ora , - riprese il frate , - va' preparato , sia a ricevere una grazia , sia a fare un sacrifizio ; a lodar Dio , qualunque sia l'esito delle tue ricerche .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Del resto mantenne ciò , che aveva detto all'amico , di voler raccontargliene per tutta la giornata ; tanto più , che , avendo sempre continuato a piovigginare , questo la passò tutta in casa , parte seduto accanto all'amico , parte in faccende intorno a un suo piccolo tino , e a una botticina , e ad altri lavori , in preparazione della vendemmia ; ne' quali Renzo non lasciò di dargli una mano ; ché , come soleva dire , era di quelli che si stancano più a star senza far nulla , che a lavorare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* S'occupò intanto de' preparativi più necessari: trovò una casa più grande ; cosa divenuta pur troppo facile e poco costosa ; e la fornì di mobili e d'attrezzi , intaccando questa volta il tesoro , ma senza farci un gran buco , ché tutto era a buon mercato , essendoci molta più roba che gente che la comprassero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il primo pensiero d'Agnese fu quello di preparare nella sua povera casuccia l'alloggio il più decente che potesse , a quell'anima buona: poi andò in cerca di seta da annaspare ; e lavorando ingannava il tempo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Al lettore noi lo faremo passare in un momento tutto quel tempo , dicendo in compendio che , qualche giorno dopo la visita di Renzo al lazzeretto , Lucia n'uscì con la buona vedova ; che , essendo stata ordinata una quarantina generale , la fecero insieme , rinchiuse nella casa di quest'ultima ; che una parte del tempo fu spesa in allestire il corredo di Lucia , al quale , dopo aver fatto un po' di cerimonie , dovette lavorare anche lei ; e che , terminata che fu la quarantina , la vedova lasciò in consegna il fondaco e la casa a quel suo fratello commissario ; e si fecero i preparativi per il viaggio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Cosa direte ora , sentendo che , appena arrivati e accomodati nel nuovo paese , Renzo ci trovò de' disgusti bell'e preparati ? Miserie ; ma ci vuol così poco a disturbare uno stato felice ! Ecco , in poche parole , la cosa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Gli altri parenti e amici dello sposo innumerevoli, attendevano nella villa, tutti parati a festa, con gli abiti di panno turchino, gli uomini; con le mantelline nuove e i fazzoletti dai colori piú sgargianti, le donne; giacché il mezzadro, d'idee larghe, aveva preparato un trattamento proprio coi fiocchi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mentre Gerlando si travagliava con queste riflessioni, il padre e la madre attendevano agli ultimi preparativi del pranzo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Alcuni convitati scoppiarono a ridere, altri furono pronti a trattenere il mezzadro che s'era lanciato per schiaffeggiare il figlio imbecille che gli guastava cosí la festa preparata con tanta solennità e tanta spesa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Da quel giorno stesso, Gerlando si mise a studiare, a riprendere la preparazione interrotta per gli esami di riparazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Scosso lo sbalordimento angoscioso dei primi giorni, Eleonora, per consiglio della vecchia serva, si diede a preparare il corredino per il nascituro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che voleva di piú? Tutto poteva aspettarsi il povero don Mattia, tranne che quella scimmia maledetta, che tanto lo aveva fatto penare, gli dovesse far l'ultima! Era solito lo Scala di levarsi prima dell'alba, per vigilare ai preparativi del lavoro prestabilito la sera avanti col garzone; non voleva che questi, dovendo, per esempio, attendere alla rimonda, tornasse due o tre volte dalla costa alla cascina o per la scala, o per la pietra d'affilare la ronca o l'accetta, o per l'acqua o per la colazione: doveva andarsene munito e provvisto di tutto punto, per non perder tempo inutilmente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che relazione poteva esserci tra quei tre rintocchi di campana, che dicevano Io penso a te, e i Liguorini che non dovevano tornare a Montelusa? E a qual sacrifizio s'era votato il Mèola per non farli tornare? Sapevo che nella badia di Sant'Anna egli aveva una zia, sorella dello Sclepis e della madre; sapevo che tutte le monache delle cinque badie di Montelusa odiavano anch'esse cordialmente Monsignor Partanna, perché appena insediatosi vescovo, aveva dato per esse tre disposizioni, una piú dell'altra crudele: 1a che non dovessero piú né preparare né vendere dolci o rosolii (quei buoni dolci di miele e di pasta reale, infiocchettati e avvolti in fili d'argento! quei buoni rosolii, che sapevano d'anice e di cannella!); 2a che non dovessero piú ricamare (neanche arredi e paramenti sacri), ma far soltanto la calzetta; 3a che non dovessero piú avere, in fine, un confessore particolare, ma servirsi tutte, senza distinzione, del Padre della comunità.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E vedemmo, stupiti, subito dopo quel giuramento solenne, cambiar vita a Marco Mèola; lo vedemmo ogni domenica e in tutte le feste del calendario ecclesiastico entrare in chiesa e sentirsi la messa; lo vedemmo a passeggio in compagnia di preti e di vecchi bigotti; lo vedemmo in gran faccende ogni qual volta si preparavano le visite pastorali nella Diocesi, che Monsignor Partanna faceva con la massima vigilanza a' tempi voluti dai Canoni, non ostante la gran difficoltà delle vie e la mancanza di comunicazioni e di veicoli; e lo vedemmo con lo zio far parte del seguito in quelle visite.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ha dovuto preparar le sue robe...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vuoi che t'accenda il lumino da notte? - Dio, me lo domandi ogni sera! La vecchia madre, come sferzata da questa risposta alla domanda superflua, corse, curva, trascinando un po' una gamba, ad accendergli in camera il lumino da notte e a preparargli il letto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sarebbe stato un peccato! un vero peccato! Non s'era mai provata a trattare i colori? Mai, mai? Perché? Oh, non ci sarebbe mica voluto molto con quella preparazione, con quella passione...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Accettai la sfida; ma mia moglie mi sghignò sul muso e, senza por tempo di mezzo, cominciò a preparar le sue robe.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
I quattro militi si riposavano un po', preparando le cinghie per la salita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Intanto, lei prepari le fasce.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sarà meglio preparare a poco a poco il convalescente alla dura necessità...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ai figliuoli, no, ai figliuoli voleva badar lui: lui vestirli la mattina; preparar loro la colazione; poi condurre a scuola il maggiore; lui servirli a tavola, e poi la sera a cena, e far loro recitare le orazioni e svestirli per metterli a letto, nella loro cameretta vigilata da un ritratto fotografico ingrandito della mamma che non c'era piú.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando fu alla punta della scogliera, cascò a sedere, si levò il cappello, serrò gli occhi, la bocca, e gonfiò le gote, quasi per prepararsi a buttar via, con tutto il fiato che aveva in corpo, l'angoscia, la disperazione, la bile che aveva accumulato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Venivano parenti, amici; e si facevano gran tavolate all'aperto: le donne attendevano a preparare il pranzo o cicalavano; i ragazzi facevano il chiasso tra loro; gli uomini andavano a caccia o giocavano alle bocce.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dieci, venti, trenta lire al giorno a un tramviere, a un ferroviere? Quattro, cinque mesi di preparazione, seppure! E un professor di liceo, un giudice, che han dovuto studiar vent'anni per strappare una laurea e affrontare esami e concorsi difficilissimi, non le avevano, non le avevano trenta lire al giorno! E tutte le commiserazioni, intanto, e tutte le cure per il cosí detto proletariato...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
non debbo preparar nulla? E vedendo, a questa domanda supplichevole, restare il giovine tra confuso e seccato e commosso, subito gli prese una mano, lo attirò a sé e s'affrettò a soggiungere con foga: - Senti, Carlino, senti, per carità! io non voglio nulla, non chiedo nulla di piú.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
là, - diceva la poveretta, indicando la culla: che l'avrebbero ritrovata là, la Melina che conoscevano, cercando là, in quella culla, e tutt'intorno, nelle cose preparate per il suo bimbo, e nelle quali si era distrutta, o piuttosto, trasfusa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tutta l'anima sua, tutta la sua vita, tutto il suo amore, erano in quella culla, e là, là, nei cassetti del canterano, ov'era il corredino del bimbo, pieno di merletti, di nastri e di ricami, tutto preparato da lei, con le sue mani.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tre giorni dopo, allorché il bimbo fu partito con la balia per Alatri con tutto il corredo preparato dalla povera Melina, si divisero per sempre.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Eran preparati sul coperchio di quella cassa una papalina di seta nera, un pajo di pantofole di panno e un fazzoletto, anch'esso di seta nera, ripiegato a fascia che, appena morto, passato sotto il mento e legato sul capo, doveva servire a tenergli chiusa la bocca.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
"Respirando, palpitando, muovendosi nell'aerea sublimità di quei momenti, sa lei però, signor mio, che bei tiri le gioca, che razza di scherzetti le combina, che graziose sorprese le prepara la sua anima libera e sciolta da ogni freno, destituita d'ogni riflessione, tutta accesa e abbagliata nella fiamma dell'eroismo? "Lei non sa; lei non se n'accorge; non se ne può accorgere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Aspirava a ben altro lui! A preparare alle genti la salute dell'anima.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma tutti, ormai, nell'aula, avevano disposto l'animo all'ilarità e lo guardavano col sorriso preparato in attesa d'una sua risposta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Neanche la colla in cucina poteva preparare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nessuno può far miracoli, e tanto meno, su la base d'un cosí fatto progetto, potrà farne il Municipio di Milocca! Scoppiarono frenetici applausi e il consigliere Ansatti si precipitò dal suo banco ad abbracciare e baciare il Maganza; poi, rivolto al pubblico e ritornando man mano al suo posto, prese a gridare tutto infocato, con violenti gesti: - Si osa proporre, o signori, oggi, oggi, come se noi ci trovassimo dieci o venti anni addietro, al tempo di Galileo Ferraris, si osa proporre un impianto idro-termo-elettrico a Milocca! Ah come mi metterei a ridere, se potesse parermi uno scherzo! Ma coi denari dei contribuenti, o signori della Giunta, non è lecito scherzare, ed io non rido, io m'infiammo anzi di sdegno! Un impianto idrotermo- elettrico a Milocca, quando già spunta su l'orizzonte scientifico la gloria consacrata di Pictet? Non vi farò il torto di credere, o signori, che voi ignoriate chi sia l'illustre professor Pictet, colui che con un processo di produzione economica dell'ossigeno industriale prepara una memoranda rivoluzione nel mondo della scienza, della tecnica e dell'industria, una rivoluzione che sconvolgerà tutto il macchinismo della vita moderna, sostituendo questo nuovo elemento di luce e di calore a tutti quelli, di potenza molto minore, che finora sono in uso! E con questo tono e con crescente fuoco, il consigliere Ansatti spiegò al pubblico attonito e affascinato la scoperta del Pictet, e come col sistema da lui inventato le fiamme delle reticelle Auer sarebbero arrivate alle altissime temperature di tre mila gradi, aumentando di ben venti volte la loro luminosità; e come la luce cosí ottenuta sarebbe stata, a differenza di tutte le altre, molto simile a quella solare; e che se poi, al posto del gas, si fosse messa un'altra miscela derivante da un trattamento del carbon fossile col vapore acqueo e l'ossigeno industriale, il potere calorifico sarebbe aumentato di altre sei volte! Mentr'egli spiegava questi prodigi, il consigliere Zagardi, suo rivale, quello che mi aveva compianto per la scala, sogghignava sotto sotto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poiché, perdio, non si trattava soltanto di mantenere un proposito deliberato, ma anche di non venir meno a un giuramento fatto, ecco, a un giuramento! a un giuramento! Cosí, quando il mortorio giunse (ch'era già sera chiusa) alla chiesetta fuorimano dove lo scaccino aveva preparato i due cavalletti su cui il misero feretro doveva esser deposto, mentre la gente assisteva alla benedizione del cadavere, andò a nascondersi quatto quatto dietro un confessionale.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E Venerina, che dalla sera avanti sapeva del prossimo arrivo del nuovo piroscafo norvegese - ecco qua - non gli aveva preparato né la camicia inamidata, né la cravatta, né i bottoni, né la finanziera: nulla, insomma.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma come rifiutare quel benefizio, dopo le tante cure e le premure affettuose di lei? quel benefizio offerto in quel modo, che non lo legava ancora per nulla, che lo lasciava libero di scegliere, libero di mostrarsi, o no, grato di quanto gli era stato fatto? Ora, ogni mattina, levandosi dal divanaccio con le ossa indolenzite, don Pietro si esortava cosí: - Coraggio, don Paranza! alla doppia pesca! E preparava gli attrezzi: le due canne con le lenze, una per sé, l'altra per L'arso, i barattoli dell'esca, gli ami di ricambio: ecco, sí, per i pesci era ben munito; ma dove trovare l'occorrente per l'altra pesca: quella al marito per la nipote? chi glielo dava l'amo per tirarlo a parlare? Si fermava in mezzo alla stanza, con le labbra strette, gli occhi sbarrati; poi scoteva in aria le mani ed esclamava: - L'amo francese! Eh già! Perché gli toccava per giunta di muovergliene il discorso in francese, quando non avrebbe saputo dirglielo neppure in siciliano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il marito doveva partire quella sera stessa, ed ella era entrata nella camera di lui per preparargli l'occorrente per il viaggio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E intanto il commesso farmacista ha tutto il tempo di preparare un bel paccone di rimedii urgenti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Alessandro De Marchis, lasciandosi cadere pesantemente sul seggiolone preparato apposta per lui, sorrideva con la bocca sdentata, senza baffi né barba, ed emetteva, tra l'ànsito che gli davano la pinguedine e la vecchiaja, come un grugnito, e guardava con gli occhi quasi spenti, scialbi, acquosi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Forse perché diciott'anni addietro, al tempo della prima gravidanza, la donna aveva preparato di tutto punto il corredino del nascituro: fasce, cuffiette, camicine, bavaglini, vestine lunghe infiocchettate, pedalini di lana, che aspettavano ancora di essere usati ormai ingialliti e stecchiti nella loro insaldatura, come cadaverini.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo aveva preparato lei, certo, quel corredino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ah quelle spoglie, quasi vive ancora, come serbavano il profumo che tanto lo aveva turbato negli ultimi tempi! Gli parve ora, nella bracciata che ne fece per andarle a riporre, di sentirci come l'alito del bimbo, a riprova della strana impressione che tutto, tutto lí appartenesse a lui, lavato, incipriato, avvolto in quel corredino ricco ch'ella gli aveva preparato prima di morire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
l'eleganza, il gusto, quello scrupolo di pulizia della mamma; e ora, ecco stesa là sulla tavola una sudicia tovaglia; la cena non ancora preparata; il suo letto, di là, non ancora rifatto dalla mattina, e fosse stato almeno ben curato il bimbo; ma nossignori: sporca la vestina, sporco il bavaglino; e a muoverne a quella balia il minimo rimprovero, già la certezza d'indispettirla e il pericolo ch'ella approfittasse dell'assenza di lui per sfogare il dispetto contro la creaturina innocente; e poi subito pronta la doppia scusa che, dovendo badare al bambino, non aveva tempo né di rassettare la casa né di attendere alla cucina; e che, se mancava al bambino qualche cura, questo dipendeva perché le toccava far anche da serva e da cuoca.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Intanto, Rosa, bisogna che tu prepari tutto, presto...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi scappò in cucina; preparò lesto lesto un buon fuoco; lo portò in camera; chiuse gli scuri, l'uscio e al lume della lampadina che la vecchia Rosa teneva sempre accesa davanti un'immagine della Madonna, si stese sul letto accanto a Ninní.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Qualcosa, certamente, dev'esserle accaduta; perché, né la tavola nel salottino da pranzo è apparecchiata, né in cucina c'è alcunché preparato per il desinare: i fornelli, spenti; e tutto in ordine, come a mezzogiorno ha dovuto lasciarlo la servetta che tengono a mezzo servizio, per la spesa e la pulizia di casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Siete contento, ora? Ecco i frutti della vostra smania di salire a ogni costo, senza la preparazione, senza l'educazione necessaria! Poi s'era calmato, e aveva promesso che avrebbe fatto di tutto perché lo scandalo fosse soffocato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ella aveva dunque davanti a sé circa un mese e mezzo di tempo per preparar l'occorrente alla meglio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora ella avrebbe avuto piú agio, piú tempo di preparare il nido; e doveva esser bello, come un sogno, questo nido, ch'egli avrebbe veduto per prima cosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E parla, ora; dimmi come me lo preparerai, il nido.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando lo seppe felice, attese ancora un po', nella casa vuota; gliela preparò amorosamente, mandando a dire a lui che, esultante, la voleva lí, anche per un minuto, che avesse pazienza ancora per qualche giorno; non accorreva per non agitarlo; il medico non permetteva...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non c'è dubbio che le daranno molto da fare quelle tre bambine; ma se è vero (e dev'esser vero) ch'esse non sapevano neanche farsi la croce la prima sera ch'ella le accolse in casa; tanto piú, adesso, non dovrebbe trascurare di condurle a messa regolarmente tutte le domeniche, e ora anche alla novena in preparazione della festa dell'Immacolata Concezione di Maria Santissima, che cade il giorno otto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Bellavita sgranò tanto d'occhi, ripiombando nello sbalordimento doloroso, ma col sospetto ormai che il discorso che quel signore era venuto a fargli, nascondeva sotto ogni parola un tradimento preparato dal Notajo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si preparò in quei due giorni all'udienza, raccogliendo come a un supremo cimento tutte le sue facoltà mentali.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'altro occhio, armato da una rigida caramella cerchiata di tartaruga, don Filiberto Fiorinnanzi se lo vide piantare in faccia con una fissità cosí dura e ostile e persistente, che sentí gelarsi il sangue nelle vene e imbrogliarsi in bocca le parole del breve esordio con tanto studio preparato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sarà andato forse a prepararsi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Prepararsi per partire, - spiegò il Migri.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
In preda a quell'irritazione crescente, di cui, nello stordimento e nell'impaccio, non riusciva a rendersi esatto conto, con la testa che già gli fumava, anziché commuoversene, se ne sentí irritare, come per una cosa veramente assurda: stupida e crudele soperchieria della sorte che, no, perdio, non si doveva a nessun costo lasciar passare! Tutta quella rigidità della morta gli parve di parata, come se quella povera vecchina si fosse stesa da sé, là, su quel letto, con quella enorme cuffia inamidata per prendersi lei, a tradimento, la festa preparata per la figliuola, e quasi quasi al professor Gori venne la tentazione di gridarle: - Sú via, si alzi, mia cara vecchia signora! Non è il momento di fare scherzi di codesto genere! Cesara Reis stava per terra, caduta sui ginocchi; e tutta aggruppata, ora, presso il lettino su cui giaceva il cadavere della madre, non piangeva piú, come sospesa in uno sbalordimento grave e vano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non si doveva darla vinta al destino, che favoriva cosí iniquamente l'ipocrisia di tutti quei signori radunati nell'altra stanza! No, no: era tutto preparato, tutto pronto; quei signori là erano venuti in marsina come lui per le nozze: ebbene, bastava un atto di volontà in qualcuno; costringere quella povera fanciulla, caduta lí per terra, ad alzarsi; condurla, trascinarla, anche cosí mezzo sbalordita, a concludere quelle nozze per salvarla dalla rovina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Là, dal nulla, in quarantacinque anni, aveva edificato la sua fortuna, avvalendosi d'ogni mezzo, d'ogni arte, carpendo il momento o preparando e covando con lunga astuzia le insidie: prima guardiano d'armenti, poi colono, poi addetto ai grandi appalti di linee ferroviarie, poi costruttore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Efix preparò la stuoia , ma non si coricò .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Cercava di nascondere la loro miseria ; ma pareva ch'egli conoscesse anche questa , perché senza attender d'esser servito , dopo aver portato la valigia nella camera che zia Ester aveva già preparato per lui – l'antica camera per gli ospiti , in fondo al balcone – ridiscese disinvolto e andò a lavarsi al pozzo come il servo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Un ragazzo suonava la fisarmonica , ma la gente , ch'era appena uscita dalla novena e preparava la cena o già mangiava entro le capanne , non si decideva a cominciare il ballo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Grixenda lo aiutò a stenderli sul sedile in muratura , lungo la parete , e fu lei a spazzar la celletta e a preparare il lettuccio , mentre nell'altra capanna si udiva Giacintino rispondere rispettoso e quasi timido alle domande delle zie .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ed Efix ricordava le sere lontane , il ballo , i canti notturni , donna Lia seduta sulla pietra all'angolo del cortile , piegata su se stessa come una giovine prigioniera che rode i lacci e piano piano si prepara alla fuga .( Grazia Deledda - Canne al vento) V L'indomani all'alba Efix riportò il cavallo in paese e raccontò alla padrona giovine il divertimento della sera prima .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Sedette e domandò: — Dove son le altre ? Che è accaduto ? — Ester è a messa , Noemi è su , — disse donna Ruth , curva a preparare il caffè .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Sedettero nella cucina , ma il borghese preparava la cena ed Efix non voleva parlare in sua presenza: da parte sua Giacinto scherzava e rideva e non sollecitava il colloquio .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Va , uccello di malaugurio ! Lo sapevo che portavi la notizia di una morte ! E altro ? — E Grixenda si prepara a lasciarci .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Intanto le donne preparavano il pranzo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Codesto m’ubriacava, non mi metteva ribrezzo: che mia zia senza volerlo mi ci aveva, ripeto, già preparata. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Accennò della sua padrona di casa, esagerò un poco il pericolo, per pregare Maria lo salvasse prendendolo a dozzina lei: ma il discorso mal preparato non attaccava; e Maria voleva pur ricusando manifestare l’animo suo. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
L’affezione mia, mi prepara ella nuovo dolore o pericolo? Non lo so. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Così navicella raccolta in porto, si gode di breve calma, intanto che il mare e il cielo preparano a lei, rinavigatura, tempeste.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
E siccome il nuovo stato non lo distoglieva dagli studi, (ch’anzi le comodità che prepara la cura quieta e continua di donna amante con senno, gli risparmiavano e tempo e noie); così né gli studi lo facevano men riconoscente alla pietà di Maria. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Una mattina, ch’egli stava a scrivere, ella a preparare la colazione, ecco una visita.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli in vederla così, si sentì stringere il cuore; e non sapeva da che parte farsi per prepararla. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
"Tanto da ordinare i miei fogli, da preparare l’anima mia, la vostra. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Io sarò sempre con voi: l’anima mia starà nei vostri pensieri." Sonarono le ore: egli si rizzò spaventato credendo le cinque; ma sentite al rintocco le quattro, si ricompose, e si preparava ad uscire. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma perché non la confortav’egli con più carezzevoli parole, con la speranza di ritornar vivo e sano? — Perché, non l’avendo questa speranza, non voleva profanar con menzogna la santità dell’ultimo abbracciamento; perché la stima e la fiducia sua nell’anima di Maria superavan l’affetto, e parevano sopprimere la pietà; perch’e’ non osava farle poi più crudele l’annunzio della sua fine, e sapeva bene come terribile sopravvenga a speranza ostinata e a infiammato affetto un immedicabil dolore; perch’egli andava disposto a consumare quel che pareva a lui sacrifizio, e sperare d’uscirne, era un toglierne il merito; e l’intenerirsi in quella imagine gli pareva mollezza: perché più d’ogni cosa l’atterrivano le spese e i perditempi e le cure che costerebbe a lei malaticcia una ferita non mortale ma grave; sebbene, anche a ciò fosse già preparato: perché l’uomo che con parole consola l’ambascia altrui, non la sente nel fondo. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
La natura permette i vizi; ma insieme prepara i compensi. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
S’impazientiva egli dell’intoppo, preparato da Dio per dargli luogo d’imbattersi col buon prete di Pontcroix, che in quel punto uscì di chiesa, e primo lo vide, e lo salutò con gioia, perché nulla sapeva del male di lei. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli solo sa se voi siate destinata a più lungo patire: ma il patire v’ha già da gran tempo preparata alla morte. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
La religione era per lui come la scienza per uno scolaro diligente che ha la scuola in cima de' suoi pensieri e vi è assiduo, non trova pace se non ha fatto i suoi compiti, se non si è preparato alle ripetizioni, ma poi quando ha compiuto il proprio dovere, non pensa più al professore né ai libri, non sente il bisogno di regolarsi ancora secondo fini scientifici o programmi scolastici. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'ingegnere vi entrò e ne uscì subito col sagrestano che stava preparando gl'inginocchiatoi per gli sposi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Se la marchesa viene a conoscere il matrimonio in un modo simile e, naturalmente, non vuol saperne di prender Luisa in casa, cosa fanno questi ragazzi? Dove vanno? Qui non c'è posto e quand'anche vi fosse posto non è preparato nulla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Se si voleva tener la cosa segreta per un mese o due, non era mica per ingannare; era per aver tempo di disporvi la nonna e, se la nonna non volesse piegarsi, di preparar un paio di stanze a Oria.» «Oh povero me!», fece l'ingegnere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dio ti benedica, Luisa; e anche te, Franco.» Chiese il suo libro di preghiere, si accostò il lume, fece aprire le finestre e l'uscio della terrazza per respirar meglio e mandò via la fantesca che si preparava a tenerle compagnia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
In un canto dell'orto viveva, nella sua stalletta costrutta con tutte le regole dell'arte, una vaccherella svizzera comperata dopo tre mesi di assidui studi e riuscita magra e cagionevole quanto il padrone; al quale, malgrado la mucca svizzera e quattro galline padovane, capitava spesso di non potersi preparare in casa un latte all'ovo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Aveva sperato invano una felicità simile a quella dell'amico suo! Franco intese, s'imbarazzò, non seppe dirgli nulla, e ne seguì un silenzio così significativo che il Gilardoni non poté sopportarlo e si mise ad accendere un po' di fuoco per riscaldare il caffè che aveva preparato. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
E preparava già per il proprio piacere un discorsetto blando, ammolliente, da posare poi sulla ferita della impassibile dama per modo ch'ella non potesse dissimularla e che nessuno avesse a lagnarsi di lui, neppure Franco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poi aggiustò le partite di sua moglie con un buon rabbuffo, giurando che in avvenire lo avrebbe tenuto lui lo zucchero, e poiché ella si permise di ribattere «cossa te voeut mai intrigàt ti?» la interruppe, «intrigatissim in tütt! intrigatissim in tütt!» e voltatele le spalle, s'avviò a gran passi, sbuffando e fremendo, verso il posto dove la diligente sposa gli aveva preparata la lenza e la polenta, e inescò i due poderosi ami da tinche. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
È una cosa sublime!» «Lei è certo, però, che quest'anima è in errore?» «Oh sì sì!» «Ma Lei, a quale delle Sue categorie appartiene?» Il professore si credeva dei pochissimi che si regolano interamente secondo un'aspirazione alla vita futura; benché forse sarebbe stato imbarazzato a dimostrare che i suoi profondi studi su Raspail, il suo zelo nel preparare acqua sedativa e sigarette di canfora, il suo orrore dell'umidità e delle correnti d'aria significassero poca tenerezza per la vita presente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ah quando l'Italia fosse libera, come la servirebbe, con che forza, con che gioia! Queste poesie nel cuore le aveva bene, ma il proposito e la costanza di prepararsi con gli studi a un tale avvenire, no. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il maligno uomo si preparava un divertimento squisito; dire al signor Giacomo e a don Giuseppe che sua moglie desiderava rimediare al mal fatto e metter pace, farli trovare tutti e tre insieme a casa sua, star ad ascoltare dietro un uscio la deliziosa scena che seguirebbe fra il signor Giacomo irritato, don Giuseppe atterrito, la Barborin addolorata e sorda. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa, più tranquilla, pensò ai vermi, preparò la santonina sul tavolino da notte. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'aggiunto discese in sala e intimò a Franco di prepararsi a seguirlo dentro un quarto d'ora. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco diventò rosso, osservò che desiderava prepararle dei ricordi preziosi, questa partenza notturna in barca, il lago oscuro, la neve, la chiesa piena di lumi e di gente, l'organo, i canti, la santità del Natale. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco, sentendosi così demolire la sua sottile preparazione di ricordi religiosi e poetici, si fece scuro. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Una lucerna modérateur era accesa nel salotto del Gilardoni, un bel fuoco ardeva nel caminetto, il Pinella aveva preparato ogni cosa per il punch e chi lo fece fu Luisa perché il professore pareva aver perduto la testa, non faceva che darsi dello stupido e della bestia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
sul lago di Como, mettersi in relazione colla gente, tener vivo il sentimento buono, preparare tutto ciò ch'è bene preparare per il giorno della guerra, se verrà. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli ultimi preparativi furono fatti in silenzio, il caffè fu preso in silenzio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ho inteso che per preparare, in caso di guerra, un movimento alle spalle dei nostri signori, occorrono alcune persone sicure cui far capo con le opportune comunicazioni da Torino, sia direttamente sia per mezzo del Comitato di Como. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poiché la rata semestrale de' tuoi interessi scade il 16 ho creduto che avesse le cinquecento svanziche e gli ho detto senz'altro che andavo a preparargli la ricevuta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La Pasotti fraintese l'espressione dei suoi occhi, credette leggervi un rimprovero e si mise a piangere con le mani sul viso, a dirsi nelle mani, scotendo quei due poveri riccioloni neri, che ci aveva una rabbia, una rabbia! Avrebbe vissuto un anno a pane ed acqua piuttosto che invitar a pranzo la marchesa! Questa del pranzo era certo una gran croce per lei, in causa di tanti pensieri, della fatica di preparar tante cose e delle tremende strapazzate di Pasotti; ma la croce suprema era di far dispiacere a Luisa! Almeno fosse una croce buona da offrire al Signore! Ma no, ci aveva troppa rabbia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Agile come un camoscio, arrivò in quattr'ore a Oria, trovò che Franco e l'avvocato si preparavano a partire per un altro avvertimento misterioso pervenuto loro dal curato di Castello, ch'era stato a Porlezza e ne aveva ricevuto l'incarico in confessione. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Nel grembo di Luisa spuntava un germe vitale preparato alle future battaglie dell'era nascente, ad altre gioie, ad altri dolori da quelli onde l'uomo del mondo antico usciva in pace, benedetto all'ultimo momento, senza saperlo, da quell'ignoto prete dell'Isola Bella, che mai, forse, non aveva detto le sante parole a un più degno. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Così, così – è incredibile – come nel giuoco avrebbe fatto lui ragazzetto di nove anni, hanno pensato sul serio di poter fare i Tedeschi, ora, dopo quarantaquattro anni di preparazione militare! Sul serio hanno pensato che il Belgio neutrale potesse lasciarsi invadere quietamente e lasciarli passare senza opporre la minima resistenza, a Liegi, a Namur, per dar tempo alla Francia impreparata di raccogliere gli eserciti e all’Inghilterra di sbarcare le sue prime milizie ausiliarie: così!
---------------
Ah, che rovina! Il ragazzetto di nove anni era cresciuto, cresciuto; era il suo amore, era la sua ammirazione; diventato un gigante florido e prosperoso, che sapeva tutto meglio degli altri, che faceva tutto meglio degli altri, ecco, dopo quarantaquattro anni di preparazione, si rivelava un bestione: forzuto, sì, dalle mani e dalle zampe bene addestrate e poderose; ma che pensava sul serio di poter giocare alla guerra ancora come un ragazzaccio feroce di nove anni, o come se al mondo ci fosse lui solo e gli altri non contassero per nulla: in quattro salti passare a traverso il Belgio e andare a piantar le bandierine, un pajo, su Parigi, e poi via, di corsa, in altri quattro salti, su Pietroburgo e su Mosca.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
Rimette il foglio intestato dentro la cartella, si alza e va a uno degli scaffali; ne cava un manuale Hoepli su l’Equitazione; ritorna a sedere innanzi al tavolino, vi appoggia i gomiti, si prende il capo tra le mani, e si sprofonda nella lettura preparatoria:
---------------
Non ignara del piacere e bisognosa di gioire soffrendo, smaniosa di sporgersi all'orlo delle tentazioni più terribili, con un cuore timido e temerario, soave e spietato, la donna aspirava intorno a sé l'ardore delle anime simile all'odore sulfureo dell'uragano; e non formava alcun disegno, non si preparava contro l'impreveduto; pesava sul ritmo de' suoi ginocchi la divina bestialità del suo corpo, covava la sua astuzia e la sua lussuria nel suo calore più profondo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Aspettò, coricata sul fianco, rivolta verso il vaso delle rose, ch'era accanto al capezzale: «E se Isabella fosse ripresa dalla smania di andare? se ora si preparasse ad andar sola, o accompagnata da Chiaretta?» L'ansia rimescolò tutte le doglie. Ella cercò in sé un modo di opporsi a questo evento. Le pareva che ad ogni costo ella non dovesse desistere dal proposito; il quale omai le era divenuto come un comandamento dell'anima, a cui le fosse necessario obbedire sotto pena di un'oscura punizione. Bisognava che in quella notte ella si ritrovasse alla presenza di colui che aveva sognato con lei l'ultimo sogno; bisognava ch'ella deponesse ai piedi del cadavere il fascio di rose ancor vivo ond'aveva tolta quella del più alto volo. La febbre delle sue imaginazioni aveva mutato in un legame misterioso le vaghe possibilità ondeggianti su quel colloquio tanto recente e già tanto remoto. Il suo vóto funebre era come il vóto d'una fidanzata segreta.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella spirava la voluttà parlando, sorridendo; e vedeva posato su le sue chiare ginocchia quel viso bronzino che le pareva d'aver già intravisto in una fantasia alzato su un grande stallone arabo dal mantello di raso bianco tra lo sventolare del haik e il roteare del fucile in una nube acre di polvere e di fumo, laggiù, nella Mitidja, una sera di festa, prima della gozzoviglia preparata sotto le tende coniche della razza guerriera. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
E tanto era certa di far soffrire che credette sentir su le sue ginocchia il peso del selvaggio dolore. E preparava profondamente la sua carne all'irruzione preveduta del desiderio micidiale. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Ha scritto al maestro di casa che prepari la villa. È fidanzata. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Dunque non c'era scampo. Si preparava il legame legittimo. Isabella diveniva il possesso di un uomo. Tutto nella sua e nell'altrui vita era per trasmutarsi. Tutto crollava. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Una musculatura leonina, i tendini d'un leone balzante aveva il dolore di Vana. Era una potenza irrefrenabile, che la sopraffaceva e la traeva senza scampo, la scoteva e la sbatteva senza pietà. Né ella tentava di resistere, né pensava che in una tregua potesse ella trovare sollievo. Tale forse la vergine cristiana che il bestiario legava alla fiera preparata pel gioco circense. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
La donna uscì. Ella rimase nella vasta camera di damasco verde, che odorava di gelsomino come l'estate del giardino di Volterra. Il gran letto era preparato; la lunga camicia molle e trasparente era posata su la rimboccatura orlata di pizzo. Su la tavola della specchiera brillavano innumerevoli cristalli metalli avorii: fiale d'essenze, scatole di cosmetici, pettini e spazzole di varia densità, in bacili o in custodie arnesi più sottili e più diversi che quelli di qualsiasi altra arte, tutti gli strumenti e tutti i segreti addetti al culto del corpo trionfale. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ricomparve nella stanza ov'era preparata la piccola tavola, portando una di quelle tuniche a mille pieghe che, quando erano vedove del suo corpo, si ristringevano a guisa di corde bene attorte e, quando ella vi s'insinuava agilmente per la testa, s'aprivano a guisa di ventagli numerosi. Quella era d'un nero blu ramificata di verde, con la fimbria stampata in sanguigno d'un fregio di polpi al modo fenicio. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Da più giorni il costruttore d'ali incatenato alla terra non respirava più ma ansava sotto l'incubo assiduo. Si preparò rapidamente alla corsa, con uno scrollo di sollievo, tanto era il bisogno di essere altrove, di fuggire i fantasmi, di respirare con violenza il mattino. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Raccolse il suo coraggio; si dispose a uscire; si preparò a tutto. Prima d'ogni altra ricerca, bisognava andare alla Questura, nel caso che i due uomini fossero veramente due guardie e potessero averla condotta nell'asilo di vergogna. Andò. Sentì l'odore singolare che, con quello dell'ospedale e della prigione, è fra i più tristi in terra. Un affaccendamento misterioso agitava le sale, gli anditi; i campanelli tintinnivano di continuo; s'udiva qualcuno singhiozzare e implorare, dietro un uscio. Un ceffo giallognolo sotto la visiera d'un chepì faceva pensare che veramente la Natura ha fatto del volto umano il suo luogo più orrido. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Ho ben considerato. È impossibile ch'essa rimanga qui, in queste condizioni. Deve tutto temere dal padre e dallo Sciacallo. La più assidua vigilanza non basta. Ora la villa murata di San Girolamo non soltanto è ottima per quiete e per solitudine ma ha il vantaggio d'esser prossima a una Casa di cura, che è diretta da un uomo d'alto ingegno e di profonda coscienza, e di rigidissima disciplina, nel quale io posso pienamente confidare. Inoltre so che il padre non si oppone a questo trasporto. E non bisogna dimenticare che purtroppo la sua autorità è avvalorata dalla legge, e che conviene per ciò traccheggiare con lui. Non frappongo indugio. Preparo la partenza per domani. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
* Straziato da questo esilio, ch'era d'un passo e infinito, dalla sua stessa vita, la quale, ecco, viveva là, fuori di lui, innanzi a lui, e lo lasciava spettatore inerte della sua propria miseria, della sua nullità adesso, Giustino ebbe un impeto d'orgoglio e pensò che - sì - seguitava ad andare da sé l'opera sua; ma come? non certo come se ci fosse lui ancora, a dirigerla, a sorvegliarla, a governarla, a sorreggerla da tutte le parti! Davvicino avrebbe voluto vedere com'essa seguitava ad andare senza di lui! Che preparazione aveva avuto quella prima del nuovo dramma? Appena appena ne avevano parlato i giornali della sera avanti e della mattina... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Per Dio! esporsi così al cimento terribile d'un nuovo dramma, dopo il trionfo clamoroso del primo, senza un'adeguata preparazione della stampa, senza prevenire il pubblico che quel nuovo dramma sarebbe stato diverso in tutto dal primo, la rivelazione d'un nuovo aspetto dell'ingegno di Silvia Roncella. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* L’avvilimento maggiore m’era venuto dalla scarsezza del denaro con cui avrei dovuto avventurarmi nel buio della sorte, così lontano, incontro a una vita affatto ignota, e senz’alcuna preparazione. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E mi svolse (fors’anche perché fossi preparato a gli esperimenti spiritici, che si sarebbero fatti questa volta in camera mia, per procurarmi un divertimento) mi svolse, dico, una sua concezione filosofica, speciosissima, che si potrebbe forse chiamare lanterninosofia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Il giorno appresso, sul tardi, Papiano venne a preparare la camera: v’introdusse un tavolino rettangolare, d’abete, senza cassetto, senza vernice, dozzinale; sgombrò un angolo della stanza; vi appese a una funicella un lenzuolo; poi recò una chitarra, un collaretto da cane con molti sonaglioli, e altri oggetti. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Questi preparativi furono fatti al lume del famoso lanternino dal vetro rosso. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Preparando, non smise – s’intende! – un solo istante di parlare. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Meglio di tutti se n’accorgerà Adriana che gli sta più vicina; ma lei già sospetta la frode e vi è preparata. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Questo vuol dire, signor Meis, che Max ci prepara intanto qualche bella manifestazione. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* La fiera, in me, s’era rifocillata, per prepararsi all’imminente assalto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Per riscaldarci un po’, Romilda volle preparare con le sue mani il caffè. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Io preparai invece , come ultima parte della grande opera , una stoica proposta di suicidio universale . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Pensavo , insieme ai pochi a' quali m''ero accostato , a un colpo di mano per impadronirci della città ; mi preparavo alla rivolta universale ; avevo voglia di scappare , di viaggiare ogni paese , di urtarmi coi corpi di tutti i popoli , di stomacarmi nelle esalazioni d'oriente , di sperdermi tra i fumi del nord . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Come poteva rimaner calma la gente mentre si stava preparando la rivelazione d' idee e d'anime nuove e la distruzione di errori e di uomini vecchi ? E difatti qualcuno veniva e s'accostava a noi anche senza conoscerci . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Fatto sta che quasi tutti , subito dopo , scrissero il loro nome sof pra un gran foglio che una specie di previdente segretario aveva preparato sopra una tavola . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il mio Giuliano era fuori d' Italia : bastò una lettera mia dove raccontavo focosamente i preparativi della grande sortita e le mie speranze e le prime aw^isaglie per farlo precipitare quaggiù nella mischia , dove prese subito uno de' primi posti . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Si cominciò a preparare e a pubbUcare i primi libri piccoli e grossi , d'arte e di filosofia , che dovevano allargare e rassodare la nostra azione ; ci chia — Ili — ma vano a scrivere in altre riviste ; e* invitavano qua e là a far discorsi e conferenze . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Dicevo : la preparazione del dominio spirituale delle cose . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* La mia missione era doppia : disgustare e allontanar gli uomini dalla vita presente e preparare e render visibile la superiore e soprumana vita eh' io presentivo e intravedevo con l' esasperata tensione dei massimi desideri . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Bisognava prepararsi a morire . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Coli' arte avrei sve - iS3 gliati di soprassalto i sensibili ; colla teoria volevo preparare e trascinare gF intellettuali . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Su questa mia aspettazione e preparazione dell'Uomo Dio pensai di fondare una religione . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* S''era fissato di prepararsi per qualche anno , in solitudine , studiando il problema della potenza dell'anima — sperimentando , raff'orzando la nostra volontà , scoprendo i segreti dell'azione spirituale diretta , in modo da esser pronti a offrire miracoli e prodigi se gli uomini di laggiù duri come Pietro e increduli come Tommaso , ce li avessero chiesti . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non già eh' io avessi piena fede in quel guazzabuglio teologico e simbolico dal quale secondo loro , doveva sprizzar la luce (la luce che — 195 — doveva portare in noi la nuova vita , una vita ricca di poteri) ma credevo che qualcosa di vero ci fosse nelle istruzioni raccomandate ai discepoli , per quel che riguardava la preparazione a un regime mentale (e fisico) diverso dal solito . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Cosi , coll'apparenza di voler fare più degli altri , si fa meno di tutti e ci si prepara una bella e gloriosa sconfìtta : s'era proposto cose talmente grandi che le forze non gli bastarono ; chissà cosa avrebbe fatto se la sua ambizione fosse stata appena appena minore ! Io conosco talmente bene queste trappole , civetterie e scappatoie dei vinti che non so cosa farmene . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma che storielle , ma che leggende , ma che tragedie ! Chi s'annoia giochi a scopone o si butti in mare ! E il genio non s'adopri più per regalare letture divertenti ai disoccupati e per ridar vita a chi fu nel passato oppur non fu mai , ma per annunziare nuove vite e vite migliori , e preparare una terra che conosca soltanto i dolori dello spirito e regga sopra di sé uomini che non pensino a dimenticare ma a ricordare e a promettere . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E invano mi son buttato nella vita fino al punto di affogare e di vomitare , e invano , sempre invano , mi sono sciupato gli occhi sui libri vecchi e sugli ultimi e mi son fatto rintronar la testa dall'urlate de' filosofi rivali e invano , eternamente invano , ho provocato gli echi interiori e ho preparato con umiltà le vie della rivelazione . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* A questo figUuol prodigo che ha mangiato a tutti i banchetti intellettuali d' Europa € ha pasturato e bastonato i maiali altrui la vecchia casa ha preparato un cantuccio , accanto al focolare tutto nero di fumo , alla tavola d'abete che sa le gialle polende , i prosciutti salati e le pagnotte avvampate dal forno . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* No : sappiatelo per un'altra volta : non sta bene confondere il silenzio colla morte e il raccoglimento colla fine e la preparazione col suicidio . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Aspettano , ci tollerano e se hanno davvero paura ci fanno l'occhio di triglia e ci preparano l'esca della cordialità . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Sentono il bisogno di rivoltarsi ai più prossimi , e stanno preparandosi ad assalirci come noi abbiamo assalito i nostri maggiori . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* I minuti che passano ora possono anche essere puri , ma , certo , tali non furono tutti i secoli che ti prepararono .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Stavo preparandomi a Graz per il primo esame di stato e accuratamente avevo notati tutti i testi di cui abbisognavo fino all’ultimo esame .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* A casa preparammo un po’ di biancheria in un baule e subito di sera andammo dal dottor Muli .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Mia madre continuava a vivere sebbene distante da me e poteva anche compiacersi dei successi cui andavo preparandomi .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* È una grande fatica prepararsi ad un combattimento .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ma pensavo ch’egli non si sarebbe rassegnato di coricarsi senza darmi il fatto mio e mi preparai a discussioni che poi non vennero .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Poi disse che vedeva ch’era per bontà ch’io pensavo di organizzare così la vita dei miei figliuoli , ma che non le pareva giusto di vivere per prepararsi alla morte .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Così il maschio si prepara alla sua parte in una grande inerzia che può estendersi a tutti i suoi sensi , anche a quelli della vista e dell’udito .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Non sarebbe bastato di dirigerle la frase fatta che avevo preparata .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Così mi parve d’essermi preparato a tutto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Non pensai , camminando , che a preparare più brevemente che fosse possibile la frase che dovevo dirigergli .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Mi preparavo a quella lotta .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Era un proposito eroico quello di voler correggersi di ogni difetto per prepararsi a conquistare Ada dopo qualche settimana .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Non poteva essere altro che l’amore che le aveva suggerito di non dirmi ch’essa non era Ada , ma di farmi la domanda che da Ada avevo attesa invano e che lei invece certo s’era preparata di farmi subito quando m’avesse rivisto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Per aumentare l’ilarità mi pensai di dirle senz’alcuna preparazione:
---------------
Questa era una frase che nei lunghi giorni precedenti avevo preparata per Ada per indurla a dirmi di sì anche senza sentire per me un grande amore .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Sono certo che in quell’epoca io m’ero già assuefatto a considerare Ada quale una sorella , ma non ero preparato a vederne far uso a quel modo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* E mi preparavo a trattarla molto rudemente se si fosse rimessa da tanto da darmi della bestia perché m’ero lasciato prendere a quel modo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* La signora , una persona timidissima vestita di un povero vestito nero , con la testa rilevata da un biancore di neve , mi tenne un piccolo discorso che doveva aver preparato: erano onorate dalla mia visita e mi ringraziavano del cospicuo dono che avevo fatto loro .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* La mia coscienza è tanto delicata che , con le mie maniere , già allora mi preparavo ad attenuare il mio futuro rimorso .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Corsi al mio studio e preparai in una busta qualche poco di denaro che volevo offrire a Carla nello stesso istante in cui le avrei annunziato il mio abbandono .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Che cosa stavo facendo in quel luogo lasciando trascorrere il tempo utile per effettuare i miei buoni propositi? Mi obbligavano di trascurare un’opera tanto utile a me e ad Augusta! Stavo preparando una scusa per andarmene , ma in quel momento il salotto fu invaso dalle donne accompagnate da Guido .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Prendendo il caffè , ero tanto assorto nel preparare un tanto elaborato discorso , che Augusta non ebbe da me altro segno di affetto che un lieve bacio prima di uscire .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Quella sua comunicazione , ch’ero il suo primo amante , designazione che preparava il posto ad un secondo , non mi commosse molto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ad ogni occasione ne mettevo in disparte in un posto ben celato della mia biblioteca , per essere preparato a far fronte a qualunque esigenza dell’amante che tanto temevo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Se ero ritornato a casa non ricordando neppure che quella stessa sera v’era la solennità che doveva preparare quelle nozze!
---------------
Quantunque non vi fossero altri invitati che noi di famiglia , i vecchi Malfenti volevano che il banchetto fosse preparato solennemente .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Augusta era stata pregata di aiutare a preparare la sala e la tavola .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Se mi domandassero di preparare per loro anche il letto nuziale , lo farei con lo stesso aspetto sereno!
---------------
* La povertà del cibo che si preparava nella casa le cui spese dovevo oramai sostenere io solo , m’ammorbidì e smorzò la stizza che provavo per non aver trovata pronta la mia amante .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Mi preparai a quel sacrificio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
abbreviatore
= funzionario della curia pontificia che aveva il compito di preparare le minute dei brevi e delle bolle papali
---------------
accingere accignere ,
= verbo trans. cingere accingersi
= verbo rifl. prepararsi , apprestarsi a fare qualcosa
---------------
acquaforte rar . acqua forte
= nome antico dell'acido nitrico tecnica di incisione su lastre di rame o di zinco opportunamente preparate , che vengono sottoposte all'azione dell'acido nitrico o di altro mordente la riproduzione a stampa così ottenuta .
---------------
acquerello o acquarello ,
= tecnica pittorica che usa colori preparati con la gomma arabica e diluiti con acqua
---------------
aeronautico
= relativo all'aeronautica accademia aeronautica , istituto cui è affidata la preparazione degli ufficiali piloti dell'aeronautica militare e degli ingegneri del genio aeronautico .
---------------
agguerrire
= verbo trans. preparare , allenare alle fatiche e ai rischi della guerra temprare alla lotta
---------------
agra
= siero inacidito del latte utilizzato per la preparazione della ricotta .
---------------
agrocotto
= succo di agrumi concentrato , usato per preparare l'acido citrico .
---------------
allestire
= verbo trans. preparare , mettere a punto , approntare
---------------
alligazione
= l'unirsi in lega preparazione del miscuglio dei vari componenti di una lega
---------------
allisciatoio
= attrezzo che si usa in fonderia per preparare le forme nelle quali verrà versato il metallo fuso .
---------------
ammannire ammannare ,
= verbo trans. preparare , spec . riferito a cibi
---------------
antialonico
= materiale fotografico preparato in modo da evitare la formazione di un alone attorno all'immagine .
---------------
anticellulite
= preparato o trattamento volto a ridurre o eliminare la cellulite .
---------------
antimicotico
= preparato che combatte l'azione dei funghi parassiti .
---------------
antiparassitario
= sostanza o preparato che distrugge i parassiti animali o vegetali .
---------------
apparare
= verbo trans. preparare
---------------
apparato
= preparativo , apparecchiamento
---------------
apprestare
= verbo trans. preparare , approntare , allestire porgere , apportare
---------------
approntare
= verbo trans. allestire , preparare mettere in assetto di guerra
---------------
arricciaburro
= utensile di cucina che serve per preparare riccioli o conchigliette di burro .
---------------
arsina
= idrogeno arsenicale , gassoso , assai tossico , di odore sgradevole , usato per la preparazione di composti organici arsenicali e di aggressivi chimici .
---------------
artificiere
= militare o tecnico civile addetto alla preparazione e alla custodia degli esplosivi o al disinnesco di ordigni inesplosi colui che prepara fuochi di artificio .
---------------
aspic
= piatto freddo di carne o pesce in gelatina , preparato in stampi .
---------------
assestacovoni
= parte della mietilegatrice che assesta le spighe e le prepara allineate per la legatura .
---------------
atabagico
= preparato che si somministra ai fumatori per disabituarli a fumare .
---------------
autovaccino
= vaccino preparato con colture di germi prelevati dal paziente stesso .
---------------
babbagigi
= pianta largamente coltivata per i tuberi , grossi come olive , che trovano impiego nella preparazione di bibite .
---------------
barman
= colui che prepara cocktail in un bar colui che serve al banco di un bar
---------------
battilano
= , o battilana ,
= operaio che batte e prepara la lana per l'imbottitura di materassi e cuscini
---------------
battipista
= lo sciatore che prepara una pista battendola con gli sciil mezzo cingolato che compie questa operazione.
---------------
betonaggio
= l'insieme delle operazioni necessarie per la preparazione e la messa in opera dei vari tipi di calcestruzzo.
---------------
betonista
= operaio che prepara i vari tipi di calcestruzzo.
---------------
bicarbonato
= sale acido dell'acido carbonico bicarbonato , sale usato per preparare acqua effervescente e come medicinale.
---------------
binatric macchina che accoppia due o più fili e li prepara per l'operazione della ritorcituraoperaia addetta alla binatura.
---------------
bobinatura
= preparazione di bobine , a mano o mediante bobinatrice.
---------------
brillantina
= preparato cosmetico a base di oli , alcol e sostanze aromatiche , usato per dare lucentezza ai capelli.
---------------
burraia
= nelle abitazioni rustiche , locale in cui viene preparato il burro.
---------------
cacimperio
= o cacimpero vivanda che si prepara con formaggio grattato, sbattuto con uovo, burro e un po' di brodo pinzimonio.
---------------
caciottaio roman. caciottaro,
= colui che prepara caciotte.
---------------
caffettiera
= bricco in cui si prepara o si serve il caffè automobile vecchia e sgangherata.
---------------
calcinaio
= manovale addetto alla preparazione della calcinafossa scavata nel terreno vicino alle vasche di estinzione della calce viva, in cui si effettuano la completa idratazione e la stagionatura della calce spentanell'industria del cuoio, vasca di cemento o botte di legno dove s'immergono in latte di calce le pelli da conciare.
---------------
camomilliera
= recipiente nel quale si prepara l'infuso di camomilla.
---------------
campionarista
= nell'industria, spec. tessile, colui che sceglie i campioni dei prodotti e prepara i campionarichi illustra i campionari ai clienti.
---------------
campire
= verbo trans. in pittura, preparare mediante una prima stesura omogenea di colore lo sfondo entro il quale collocare le figure o l'oggetto della rappresentazione.
---------------
candeletta
= dim. di candela preparato farmaceutico a forma di cilindro sottile per la terapia locale di canali fisiologici
---------------
canfora
= chetone terpenico che si presenta come sostanza solida bianca, odorosa, volatile, infiammabile, ricavata dal canforo o preparata sinteticamente
---------------
carbonaio
= colui che prepara le carbonaie e ne sorveglia il funzionamentochi vende carbone.
---------------
carburazione
= preparazione e dosatura della miscela di aria e carburante
---------------
carpenteria
= complesso di attività consistenti nella preparazione e nel montaggio degli elementi di una struttura provvisoria o permanente
---------------
catalografico
= relativo alla preparazione di cataloghi
---------------
cataplasma popolare cataplasmo,
= impiastro medicamentoso preparato con sostanze emollienti persona piena di acciacchi
---------------
catastasi
= nella tragedia classica, la parte in cui si svolge l'azione che prepara la catastrofeparte dell'orazione forense classica contenente l'esposizione dei fatti la fase iniziale dell'atto fonatorio, in cui gli organi si predispongono all'articolazione dei suoni.
---------------
catecumenato
= periodo di preparazione al battesimo.
---------------
catgut
= filo preparato con intestini animali, usato in chirurgia per le suture interne.
---------------
centerbe
= liquore ad alta gradazione alcolica preparato con l'impiego di molte erbe aromatiche.
---------------
ceresina
= sostanza simile alla paraffina, usata come surrogato della cera animale in preparazioni industriali .
---------------
chinolina
= composto organico azotato che si trova nel catrame di carbon fossile o anche preparato sinteticamente
---------------
ciclostile
= ciclostilo, semplice macchina da stampa che riproduce in varie copie scritti o disegni preparati su un'apposita matrice.
---------------
cioccolatiera
= bricco in cui si prepara o si mesce la cioccolata.
---------------
cioccolato ant. cioccolatte e cioccolatto,
= sostanza alimentare preparata con polvere di cacao, zucchero e altri ingredienti
---------------
citrico
= - un acido organico diffuso in natura nel succo di molti frutti , largamente impiegato in medicina e nella preparazione di bevande dissetanti
---------------
colofonia
= resina giallastra che si ricava distillando la trementina, usata per preparare vernici, saponi, adesivi, mastici ecc.
---------------
colonia
= espressione ellittica per acqua di colonia, profumo preparato con alcol ed essenze varie.
---------------
colorista
= operaio addetto alla preparazione dei coloriin pittura, colui che dimostra particolare abilità nell'uso del colore o mira a ottenere particolari effetti cromatici
---------------
componentistica
= l'attività industriale che prepara componenti per altre industrie che produrranno il prodotto finito
---------------
confettare
= verbo trans. applicare un rivestimento cheratinizzato dolce a un preparato medicinale ricoprire di zucchero
---------------
confettureria
= stabilimento in cui si preparano confetture o negozio in cui si vendono
---------------
confezionare
= verbo trans. fare, eseguire, preparare
---------------
confezionatore
= colui che confeziona capi di abbigliamento, o prepara scatole e pacchi.
---------------
contropreparazione
= azione di fuoco mirante a ostacolare i preparativi di un attacco nemico.
---------------
copale fam. coppale,
= o m. resina fossile di origine vegetale usata per la preparazione di vernicipelle pregiata per calzature, lavorata e resa lucida con la vernice di copale.
---------------
coperto
= ciò che occorre per preparare la tavola per ciascun commensale
---------------
costumista
= colui che disegna e prepara i costumi di scena teatrali, cinematografici o televisivi.
---------------
cronoide
= preparato medicinale che produce un effetto ritardato sull'organismo
---------------
crostone
= suolo formato da detriti cementati, dovuto all'erosione o all'intensa evaporazionefetta di pane arrostito, usata in varie preparazioni gastronomiche.
---------------
cuccuma
= recipiente per preparare il caffè bricco rancore, collera.
---------------
cucina
= stanza in cui si preparano e si cuociono i cibi
---------------
cucinare
= verbo trans. preparare e cuocere le vivande
---------------
dentifricio
= - sostanza - preparato che serve a pulire i denti
---------------
destrina
= sostanza ottenuta per parziale idrolisi dell'amido - impiegata per apprettare i tessuti - per preparare colle - nell'industria farmaceutica ecc .
---------------
dolciere
= operaio addetto alla preparazione di dolciumi
---------------
dopobarba
= preparato che si applica sul viso dopo la rasatura
---------------
dracena
= genere di piante di grandi dimensioni - proprie delle regioni tropicali - dalla cui corteccia si estrae una resina rossa usata nella preparazione di vernici .
---------------
elettuario elettovario - lattuario - lattovaro
= nome generico di antichi preparati farmaceutici sciropposi .
---------------
emolliente
= in farmacologia - preparato in grado di rilassare e decongestionare i tessuti infiammati
---------------
emoteca
= luogo in cui si preparano e si conservano il sangue e il plasma sanguigno per trasfusioni .
---------------
emulsionatore
= apparecchio per preparare emulsioni .
---------------
enciclopedismo
= preparazione culturale vasta e diversificata
---------------
eosina
= colorante organico artificiale sotto forma di polvere rossa - usato per tingere tessuti e per colorare liquori - dolciumi - rossetti - inchiostri - lacche e anche preparati istologici da osservare al microscopio .
---------------
epatoprotettore
= preparato - di sostanza che esercita un'azione protettiva sul fegato .
---------------
erboristeria
= la raccolta - preparazione e conservazione di piante aromatiche e medicinali e il loro commercio
---------------
ernista
= tecnico sanitario che prepara apparecchi per la contenzione delle ernie .
---------------
estemporaneo
= che è detto - scritto o attuato senza preparazione - improvvisando
---------------
euforizzante
= preparato che provoca uno stato euforico
---------------
farmaceutica
= farmacologia l'industria della preparazione dei farmaci .
---------------
farmaceutico
= che concerne la preparazione e la prescrizione dei farmaci
---------------
farmacia
= l'insieme degli studi e delle pratiche che hanno per oggetto le proprietà , l'uso terapeutico e la preparazione dei medicinali
---------------
farmacista
= colui che , laureato in farmacia , vende medicinali - o li prepara - essere farmacista , avere la laurea in farmacia .
---------------
farmacobotanica
= studio delle proprietà medicinali delle piante ai fini della preparazione di prodotti farmaceutici .
---------------
farmacozoologia
= studio delle proprietà medicinali presenti negli organismi animali ai fini della preparazione di prodotti farmaceutici .
---------------
filtro
= bevanda preparata con arti magiche .
---------------
fitocosmesi
= cosmesi che utilizza preparati di origine vegetale .
---------------
follone
= macchina a cilindri usata per la follatura dei tessuti e per la preparazione delle pelli da concia .
---------------
fonduta
= vivanda piemontese preparata con fontina fusa , crema di latte e tuorlo d'uovo .
---------------
formatrice
= macchina che serve a preparare le forme usate in fonderia - nell'industria alimentare , macchina usata per dar forma al burro - o ad altri prodotti semisolidi .
---------------
formatura
= nell'industria ceramica , operazione consistente nel modellare a mano - o a macchina una pasta argillosa sino a conferirle la forma dell'oggetto da fabbricare in fonderia , la preparazione delle forme di colata .
---------------
fornace
= costruzione in muratura per la cottura di calcari , gesso , argilla e sim . , usati nella preparazione di laterizi e di altri materiali da costruzione
---------------
fotocalcografia
= procedimento fotomeccanico e chimico di preparazione di matrici di rame per la stampa calcografica e rotocalcografica .
---------------
frangibiade macchina a cilindri rotanti destinata a tritare i cereali secchi per la preparazione di mangimi .
---------------
friggitoria
= negozio in cui si preparano e si vendono cibi fritti .
---------------
fucina
= forgia luogo in cui vengono compiuti lavori di fucinatura - fucina infernale , l'inferno - fucina di vulcano , nella mitologia greca , quella situata sotto l'etna , in cui vulcano forgiava le armi degli dei
= 3 luogo dove si prepara , si macchina qualcosa
---------------
galvanotipista
= colui che prepara matrici per la stampa con il procedimento della galvanotipia.
---------------
gastronomia
= l'arte di cucinare e preparare i cibi
---------------
gliossale
= dialdeide alifatica che si presenta come polvere cristallina gialla , usata nell'industria dei coloranti e per preparare una soluzione acquosa conservante.
---------------
grassello
= calce spenta mista ad acqua , usata per la preparazione di malte.
---------------
idrolato
= preparato farmaceutico ottenuto per estrazione dei principi attivi volatili di determinate droghe in seguito a distillazione in corrente di vapore d'acqua .
---------------
impagliatore
= colui che per mestiere impaglia sedie , fiaschi ecc . o ricopre con paglia oggetti vari - colui che prepara animali impagliati .
---------------
improntare
= verbo transitivo , approntare , preparare .
---------------
improvvisare
= verbo transitivo , dire , comporre all'improvviso , senza alcuna preparazione precedente
---------------
indossile
= composto eterociclico azotato derivato dall'indolo e preparato industrialmente come intermedio per la sintesi dell'indaco .
---------------
inossare
= verbo tr. preparare la tavola da disegno con polvere d di osso -
---------------
insaccatore
= colui che insacca merci - colui che prepara carni insaccate .
---------------
interrogare
= verbo transitivo , rivolgere una o più domande a qualcuno per avere informazioni o spiegazioni , oppure per accertarsi che sappia , per valutarne la preparazione
---------------
iodismo
= intossicazione cronica da preparati a base di iodio .
---------------
macchietta
= diminutivo di macchia - bozzetto a olio dal vero eseguito in preparazione di un lavoro più impegnativo
---------------
macellare
= verbo trans.ammazzare bestie che servono all'alimentazione dell'uomo, preparandone le carni per il commercio - uccidere, far morire un gran numero di persone
---------------
macinadosatore
= apparecchio che macina il caffè e lo dosa in quantità appropriata per le macchine che preparano il caffè espresso
---------------
maialatura
= l'insieme delle operazioni che servono alla preparazione delle carni dei maiali macellati
---------------
malpreparato
= o mal preparato, non ben preparato
---------------
maltatore
= muratore che prepara le malte.
---------------
mangimificio
= stabilimento per la preparazione e la confezione di mangimi.
---------------
manicaretto
= pietanza gustosa, preparata con cura.
---------------
marasca o amarasca,
= varietà di ciliegia a polpa succosa di sapore dolce-acidulo, con la quale si prepara il maraschino.
---------------
marginatore
= nelle macchine per scrivere tradizionali, ciascuno dei due dispositivi scorrevoli che servono a fissare i margini laterali del testo - nella composizione a piombo, la squadra usata per marginare la pagina 3 nella preparazione di ingrandimenti fotografici, apparecchio utilizzato per tenere disteso il foglio di carta sensibile e contornarlo di un margine bianco.
---------------
marinatura
= preparazione di carni o pesci marinati, spec. nell'industria alimentare.
---------------
mascarpone meno com. mascherpone,
= formaggio cremoso di colore bianco, tipico della lombardia, preparato con panna di latte di mucca.
---------------
masterizzazione
= l'insieme delle procedure per la preparazione di un master.
---------------
mate o matè,
= arbusto sempreverde dell'america merid., con le cui foglie si prepara un infuso simile al tè - l'infuso stesso.
---------------
matraccio
= recipiente di vetro di forma sferoidale a fondo piatto, con collo lungo e stretto oppure corto e largo, usato per preparazioni chimiche, distillazioni, colture microbiche ecc.
---------------
mazzettiere
= colui che prepara pietre per pavimentazioni stradali
---------------
mercuriale
= preparato farmaceutico che contiene mercurio
---------------
mesitilene
= idrocarburo a nove atomi di carbonio, derivato dal benzene, usato per preparare coloranti.
---------------
mestica
= miscela di colori e olio di lino usata per la preparazione di tavole e tele da dipingere.
---------------
metallurgia
= il complesso delle tecniche e delle operazioni necessarie per estrarre i metalli dai loro minerali e prepararli per la lavorazione industriale.
---------------
miscelatore
= in diverse industrie, persona addetta alla preparazione di miscele
---------------
monachina
= diminutivo di monaca - donna, ragazza che affetta timidezza e modestia 3 cappello a tesa larga di paglia di firenze, che per la foggia richiama il copricapo di taluni ordini di monache 4 dolce napoletano a base di panna, così detto perché in origine preparato dalle monache 5 faville che si sprigionano dalla legna o dalla carta che brucia.
---------------
morsura
= l'applicazione e l'azione del mordente su una lastra metallica nella preparazione di matrici per la stampa e nella produzione di acqueforti.
---------------
moschicida
= sostanza o preparato che serve a uccidere le mosche
---------------
nocciola lett . nocciuola
= il frutto e il seme del nocciolo , che si consuma come frutta fresca o secca e ha largo impiego nella preparazione di torroni e cioccolato o nella produzione di olio . dim . noccioletta , nocciolina - usato come
= che ha il colore marrone chiaro del guscio della nocciola .
---------------
novena
= pratica devozionale cattolica che consiste nella ripetizione di preghiere o riti per nove giorni consecutivi in preparazione a una festa o per implorare una grazia
---------------
noviziato
= il periodo di preparazione del novizio e la casa religiosa dove tale formazione avviene
---------------
novizio
= chi è accettato in un ordine religioso per un periodo di preparazione e di prova prima di prendere i voti
---------------
nozionista
= si dice di chi dimostra una preparazione nozionistica o di chi , insegnando , dà eccessiva importanza alle nozioni .
---------------
ocra
= varietà di argilla di colore dal giallo al rosso bruno , che s'adopera come pigmento nella preparazione di materiali coloranti
---------------
office
= negli alberghi e nelle case signorili , la stanza in cui si preparano le vivande o in cui si ripongono le provviste .
---------------
omiletica
= l'arte del preparare e pronunciare omelie , sermoni sacri .
---------------
oppiaceo
= si dice di sostanza o preparato che contiene oppio o suoi derivati .
---------------
orditoio
= macchina tessile sulla quale si prepara l'ordito .
---------------
organizzato
= participio passato di organizzare - preparato , predisposto ordinatamente
---------------
organoterapia
= cura medica consistente nel somministrare preparati derivati da organi animali .
---------------
osso
= in macelleria , muscolo dello stinco bovino tagliato in grosse fette , con la corrispondente sezione di osso ricco di midollo - pietanza della cucina milanese , preparata con questo taglio di carne .
---------------
panata
= minestra preparata con pane raffermo , bollito e condito con olio o burro , formaggio ed eventualmente altri ingredienti , come uova , lardo ecc .
---------------
panclastite
= miscela esplosiva a base di composti azotati , sensibilissima agli urti , che si prepara al momento stesso dell'uso .
---------------
paraffina
= sostanza grassa , solida , combustibile , costituita da una miscela di idrocarburi , ricavata dalla lavorazione del petrolio e utilizzata nella preparazione di candele , appretti , isolanti elettrici ecc .
---------------
parmigiana
= vivanda preparata alla parmigiana
---------------
passavivande
= apertura per far passare i cibi dal luogo in cui vengono preparati a quello in cui vengono consumati .
---------------
pasticceria
= l'arte di preparare dolci
---------------
pastiglia
= preparato farmaceutico o prodotto dolciario in forma per lo più discoidale , costituito da sostanze polverizzate e compresse
---------------
perclorato
= sale dell'acido perclorico , dotato di grande potere ossidante e usato per preparare esplosivi .
---------------
piroceramica
= materiale a struttura in parte vetrosa e in parte cristallina , dotato sia delle qualità del vetro sia di quelle della ceramica , usato per la preparazione di stoviglie resistenti al fuoco .
---------------
pirrolidone
= composto eterociclico azotato a quattro atomi di carbonio con un gruppo ammidico , usato per preparare il polivinilpirrolidone .
---------------
pizzeria
= locale pubblico in cui si preparano e si servono vari tipi di pizza , o anche altri piatti caldi o freddi di pronta confezione .
---------------
placebo
= denominazione generica di preparato privo di sostanze medicamentose , che si somministra per ottenere un effetto terapeutico basato sull'autosuggestione
---------------
polenta , polenda , tosc . pulenda ,
= cibo rustico preparato con farina di granturco cotta a lungo in acqua dentro un paiolo , dove viene rimestata in continuazione
---------------
polielettrolito
= polimero solubile in acqua , usato nel consolidamento dei terreni , nella preparazione di prodotti cosmetici , di vernici ecc .
---------------
polifosfato
= denominazione di un gruppo di composti chimici derivati dall'anidride fosforica e da un ossido , usati nel trattamento delle acque industriali , nella preparazione di detergenti , come conservanti alimentari ecc .
---------------
poliossietilene
= polimero dell'ossido di etilene , usato nella preparazione di detersivi .
---------------
politicante
= colui che si dà alla politica senza sufficiente preparazione o per trarne vantaggi personali .
---------------
poliuretano
= resina polimerica usata per rivestimenti protettivi o per preparare colle , vernici ecc .
---------------
polpetta
= pietanza di carne o altra sostanza tritata , aromatizzata con condimenti e preparata in piccole forme rotonde e schiacciate che vengono fritte o cotte in umido
---------------
polta
= presso gli antichi romani , sorta di polenta preparata con farina di frumento o di fave in uso quando ancora non si faceva il pane , in seguito cibo comune dei poveri e degli schiavi
---------------
pomata
= preparato cosmetico o farmaceutico , molle e untuoso , da applicarsi sulla pelle .
---------------
praticone
= chi , privo della necessaria preparazione teorica , esercita un'arte o una professione valendosi del semplice apprendimento acquisito con la pratica .
---------------
preatletico
= esercizio ginnico eseguito come preparazione a una determinata specialità atletica .
---------------
preatletismo
= l'insieme degli esercizi ginnici che servono di preparazione a una determinata specialità atletica .
---------------
prebarba
= lozione o altro preparato che si applica sul viso per facilitare la rasatura .
---------------
precampionato
= nel linguaggio sportivo , periodo che precede un campionato , durante il quale si svolgono partite amichevoli di preparazione
---------------
precotto
= cibo preparato industrialmente e venduto già cotto o parzialmente cotto .
---------------
precottura
= operazione industriale con cui si preparano cibi precotti .
---------------
predibattimento
= nel processo penale , fase preparatoria del dibattimento durante la quale si citano l'imputato , le parti private e i testi .
---------------
predisporre
= verbo trans . disporre , preparare in anticipo in vista di un fine
---------------
predisposto
= participio passato di predisporre
= che è stato preparato , disposto in precedenza
---------------
premilitare
= si dice dell'istruzione ginnico-sportiva destinata a preparare i giovani al servizio militare
---------------
preparamento
= il preparare , il prepararsi
---------------
preparativo
= che serve a preparare
---------------
preparato
= participio passato di preparare
= disposto , pronto , apparecchiato
---------------
preparatore
= colui che prepara qualcosa
---------------
preparatorio
= che è di preparazione , che serve a preparare
---------------
preparazione
= il preparare , il prepararsi , l'essere preparato
---------------
preprocessuale
= atto preparatorio di un processo .
---------------
preraffreddamento
= raffreddamento preventivo di una sostanza , spec . alimentare , soprattutto allo scopo di prepararne il trasporto frigorifero .
---------------
programmatore
= colui che prepara i programmi per gli elaboratori elettronici
---------------
propedeutica
= complesso di nozioni introduttive e preparatorie allo studio di una scienza , di una disciplina
---------------
propedeutico
= che serve di preparazione allo studio di una scienza , di una disciplina
---------------
prosciuttato
= preparato alla maniera del prosciutto
---------------
prosettore
= assistente di un istituto anatomico , addetto ad allestire i preparati anatomici a scopo dimostrativo .
---------------
pseudocultura
= insieme di conoscenze superficiali che non configurano una preparazione culturale solida .
---------------
puntasecca
= tecnica di incisione diretta , con un attrezzo a punta di acciaio o di diamante , su una lastra di rame o di zinco non preparata con acidi
---------------
quiz
= domanda , quesito che si pone ai partecipanti a un gioco , a un concorso e anche , da qualche tempo , ai candidati a un esame per valutarne la preparazione
---------------
rasiccia
= terreno preparato per la semina, su cui sono state tagliate e bruciate le erbe secche e gli sterpi per renderlo fertile.
---------------
raviolatore
= stampo per preparare più ravioli in una sola volta.
---------------
resinato
= profumato di resina, preparato con resina
---------------
ribollita
= zuppa che si prepara con cavolo nero, fagioli secchi e altre verdure, prima cotti separatamente e poi bolliti insieme e versati su fette di pane condito con olio, sale e pepe
---------------
riconcio
= preparato, cucinato.
---------------
rigaglia rar. regaglia
= le interiora del pollo, del piccione o di altro volatile, usate in varie preparazioni culinarie
---------------
ripreparare
= verbo trans. preparare di nuovo
---------------
riprepararsi
= verbo riflessivo prepararsi nuovamente.
---------------
salnitro
= nitrato di potassio , dotato di forte potere detonante e perciò usato , un tempo , per preparare la polvere nera ,
---------------
salsapariglia
= pianta erbacea perenne dell'america centrale e meridionale , la cui radice veniva usata in passato per preparare decotti diuretici e sudoriferi .
---------------
sandracca sandraca , sandaraca , sanderaca ,
= resina di color giallo limone secreta da alcune conifere dell'africa e dell'india e usata per preparare vernici e ceralacca .
---------------
saponina
= ciascuno dei glucosidi estratti da diverse piante in forma di polvere solubile con proprietà detergenti e schiumogene , usati nella preparazione di prodotti per l'igiene personale , polvere grassa , composta da carbonati e silicati alcalini e da sapone , usata un tempo nelle lavanderie .
---------------
sbozzatore
= colui che sbozza il marmo o altro materiale preparando il pezzo che verrà poi lavorato o rifinito .
---------------
sciovia
= impianto funicolare terrestre per il traino in salita degli sciatori , lungo una pista appositamente preparata .
---------------
scolorina
= preparato chimico usato per scolorire macchie d'inchiostro o scritture , costituito da due soluzioni separate , una a base di permanganato di potassio e l'altra a base di bisolfito di sodio , da usarsi nell'ordine .
---------------
selz
= o seltz , acqua resa gassosa con l'aggiunta di anidride carbonica , usata per preparare bevande ,
---------------
seminario
= istituto per la preparazione spirituale e culturale degli aspiranti al sacerdozio ,
---------------
settore
= chi seziona , chi taglia - settore anatomico , chi prepara i cadaveri sezionati per le lezioni di anatomia - usato anche come agg . ,
---------------
sfeltrare
= verbo transitivo nella lavorazione della lana , prepararla alla pettinatura dopo la cardatura .
---------------
sgasare o sgassare ,
= verbo transitivo liberare l'anidride carbonica contenuta in una bevanda gassata agitandola o aggiungendovi del limone -
= verbo intransitivo dare violente accelerate al motore , a veicolo fermo , per prepararsi a una partenza scattante con un autoveicolo o un motociclo - sgasarsi
= verbo riflessivo nel gergo giovanile , perdere l'entusiasmo , l'euforia ,
---------------
silicatizzazione
= processo di reazione tra silice e calce , nella preparazione delle malte .
---------------
silurista
= marinaio specializzato nella preparazione , nella manutenzione e nell'uso dei siluri .
---------------
sinopia
= varietà di ocra rossa - filo della sinopia , corda sottile che muratori e falegnami colorano di ocra rossa e poi tendono e fanno scattare sulle pareti o sulle tavole di legno per tracciarvi linee diritte , disegno preparatorio di un affresco , eseguito sull'intonaco .
---------------
smacchiatore
= chi è addetto alla smacchiatura chimica o meccanica , di indumenti , preparato chimico che serve a smacchiare .
---------------
smaltina
= arseniuro di cobalto , impiegato per l'estrazione del metallo o per preparare vetri e smalti ,
---------------
softwarista
= specialista nella preparazione di software .
---------------
sorbitolo
= alcol esavalente contenuto in molti frutti , in quelli del sorbo , usato nella preparazione di resine sintetiche , di alimenti per diabetici o anche , sotto forma di estere , come emulsionante e plastificante .
---------------
sottiletta
= formaggio fuso preparato sotto forma di fette sottili quadrangolari .
---------------
spaghetteria
= locale pubblico in cui vengono preparati e serviti prevalentemente piatti di spaghetti .
---------------
stage
= periodo di formazione o perfezionamento professionale trascorso presso un'università o un'azienda , per acquisirvi la preparazione professionale necessaria a svolgere una certa attività .
---------------
sterrare
= verbo transitivo rimuovere la terra spianando o scavando , per lo più per preparare il terreno a costruzioni di vario tipo ,
---------------
stufatura
= operazione con la quale si uccide la crisalide del baco da seta prima che si trasformi in farfalla , sottoponendo i bozzoli a una corrente d'aria calda o all'azione del vapor acqueo , nella preparazione dei formaggi , operazione consistente nel mantenere la cagliata a una temperatura piuttosto alta , in modo che i batteri in essa contenuti prolifichino producendo enzimi che favoriscono la maturazione del formaggio .
---------------
sulfanilammide
= composto organico azotato e solforato a sei atomi di carbonio , intermedio per la preparazione di molti sulfamidici .
---------------
suppositorio
= preparato farmaceutico solido che si introduce in cavità naturali del corpo .
---------------
tabloide
= preparato farmaceutico in forma di compressa - di tavoletta .
---------------
testista
= specialista nella preparazione , applicazione e interpretazione di test .
---------------
tiramisù
= tirami su - dolce semifreddo preparato con pan di spagna , mascarpone , uova e zucchero , e ricoperto da un sottile strato di cacao .
---------------
tocco
= intingolo della cucina ligure , preparato con sugo di carne , vino bianco , brodo , pomodoro , erbe aromatiche e usato per condire pasta - riso . diminutivo tocchetto .
---------------
toluene
= idrocarburo aromatico a sette atomi di carbonio , contenuto nei petroli , nel catrame di carbon fossile e in varie resine , usato come solvente e per preparare diversi prodotti chimici , tra i quali il tritolo .
---------------
tomino
= formaggio , preparato per lo più con latte di capra , che si conserva fermentato con pepe .
---------------
topinambur
= pianta erbacea perenne , originaria dell'america settentrionale , i cui tuberi , di sapore simile a quello del carciofo , sono usati nell'alimentazione umana e del bestiame e nella preparazione di alcol e sciroppi
---------------
toupet
= ciuffo preparato con capelli recisi - finti , che può essere aggiunto ad acconciature femminili per renderle più ricche
---------------
training
= invar . periodo di tempo durante il quale ci si prepara allo svolgimento di determinate attività , training psicoanalitico , training autogeno , complesso di tecniche psicoterapeutiche .
---------------
trapanazione
= l'operazione del trapanare - intervento chirurgico che consiste nel trapanare un osso , trapanazione del cranio - trapanazione dentaria , quella praticata nella cura della carie dentaria per eliminare la parte malata del dente e preparare la cavità alla successiva otturazione .
---------------
ultracondensatore
= condensatore ottico che serve a illuminare il preparato da esaminare con l'ultramicroscopio.
---------------
unguento
= preparato farmaceutico costituito da un miscuglio untuoso , a base di grassi
---------------
utensilista
= nell'industria meccanica , l'operaio addetto alla preparazione e alla manutenzione di utensili.
---------------
Conjugacíon: 1 - aderezar
auxiliar: haber - transitivo
INDICATIVO activo
Presente
yo aderezo
aderezas
él/ella adereza
nosotros aderezamos
vosotros aderezáis
ellos/ellas aderezan
Imperfecto
yo aderezaba
aderezabas
él/ella aderezaba
nosotros aderezabamos
vosotros aderezabais
ellos/ellas aderezaban
Pretérito indefinito
yo aderecé
aderezaste
él/ella aderezó
nosotros aderezamos
vosotros aderezasteis
ellos/ellas aderezaron
Preterito perfecto
yo he aderezado
has aderezado
él/ella ha aderezado
nosotros hemos aderezado
vosotros habéis aderezado
ellos/ellas han aderezado
Preterito pluscuamperfecto
yo había aderezado
habías aderezado
él/ella había aderezado
nosotros habíamos aderezado
vosotros habíais aderezado
ellos/ellas habían aderezado
Preterito anterior
yo hube aderezado
hubiste aderezado
él/ella hubo aderezado
nosotros hubimos aderezado
vosotros hubisteis aderezado
ellos/ellas hubieron aderezado
Futuro
yo aderezaré
aderezaras
él/ella aderezará
nosotros aderezaremos
vosotros aderezareis
ellos/ellas aderezarán
Futuro perfecto
yo habré aderezado
habrás aderezado
él/ella habrá aderezado
nosotros habremos aderezado
vosotros habréis aderezado
ellos/ellas habrán aderezado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo aderece
adereces
él/ella aderece
nosotros aderecemos
nosotros aderecéis
ellos/ellas aderecen
Pretérito perfecto
yo haya aderezado
hayas aderezado
él/ella haya aderezado
nosotros hayamos aderezado
nosotros hayáis aderezado
ellos/ellas hayan aderezado
Pretérito imperfetto I
yo aderezara
aderezaras
él/ella aderezara
nosotros aderezáramos
nosotros aderezarais
ellos/ellas aderezaran
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera aderezado
hubieras aderezado
él/ella hubiera aderezado
nosotros hubiéramos aderezado
nosotros hubierais aderezado
ellos/ellas hubieran aderezado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese aderezado
hubieses aderezado
él/ella hubiese aderezado
nosotros hubiésemos aderezado
nosotros hubieseis aderezado
ellos/ellas hubiesen aderezado
Pretérito imperfetto II
yo aderezase
aderezases
él/ella aderezase
nosotros aderezásemos
nosotros aderezaseis
ellos/ellas aderezasen
Futuro
yo aderezare
aderezares
él/ella aderezare
nosotros aderezáremos
nosotros aderezareis
ellos/ellas aderezaren
Futuro perfecto
yo hubiere aderezado
hubieres aderezado
él/ella hubiere aderezado
nosotros hubiéremos aderezado
nosotros hubiereis aderezado
ellos/ellas hubieren aderezado
POTENCIAL - activo
Presente
yo aderezaría
aderezarías
él/ella aderezaría
nosotros aderezaríamos
vosotros aderezaríais
ellos/ellas aderezarían
Perfecto
yo habría aderezado
habrías aderezado
él/ella habría aderezado
nosotros habríamos aderezado
vosotros habríais aderezado
ellos/ellas habrían aderezado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
adereza
aderece
aderecemos
aderezad
aderecen
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber aderezado
PARTICIPIO - activo
Presente
que adereza
Compuesto
aderezado
GERUNDIO activo
Presente
aderezando
Compuesto
habiendo aderezado
INDICATIVO pasivo
Presente
yo soy aderezado
eres aderezado
él/ella es aderezado
nosotros somos aderezados
vosotros seis aderezados
ellos/ellas son aderezados
Imperfecto
yo era aderezado
eras aderezado
él/ella era aderezado
nosotros èramos aderezados
vosotros erais aderezados
ellos/ellas eran aderezados
Pretérito indefinito
yo fui aderezado
fuiste aderezado
él/ella fue aderezado
nosotros fuimos aderezados
vosotros fuisteis aderezados
ellos/ellas fueron aderezados
Preterito perfecto
yo he sido aderezado
has sido aderezado
él/ella ha sido aderezado
nosotros hemos sido aderezados
vosotros habèis sido aderezados
ellos/ellas han sido aderezados
Preterito pluscuamperfecto
yo había sido aderezado
habías sido aderezado
él/ella había sido aderezado
nosotros habíamos sido aderezados
vosotros habías sido aderezados
ellos/ellas habían sido aderezados
Preterito anterior
yo hube sido aderezado
hubiste sido aderezado
él/ella hubo sido aderezado
nosotros hubimos sido aderezados
vosotros hubisteis sido aderezados
ellos/ellas hubieron sido aderezados
Futuro
yo seré aderezado
serás aderezado
él/ella será aderezado
nosotros seremos aderezados
vosotros sereis aderezados
ellos/ellas serán aderezados
Futuro perfecto
yo habrè sido aderezado
habrás sido aderezado
él/ella habrá sido aderezado
nosotros habremos sido aderezados
vosotros habreis sido aderezados
ellos/ellas habrán sido aderezados
CONJUNTIVO - pasivo
Presente
yo sea aderezado
seas aderezado
él/ella sea aderezado
nosotros seamos aderezados
nosotros seáis aderezados
ellos/ellas sean aderezados
Pretérito perfecto
yo haya sido aderezado
hayas sido aderezado
él/ella haya sido aderezado
nosotros hayamos sido aderezado
nosotros hayáis sido aderezado
ellos/ellas hayan sido aderezado
Pretérito imperfetto I
yo fuere aderezado
fueres aderezado
él/ella fuere aderezado
nosotros fuéremos aderezados
nosotros fuereis aderezados
ellos/ellas fueren aderezados
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiere sido aderezado
hubieres sido aderezado
él/ella hubiere sido aderezado
nosotros hubiéremos sido aderezados
nosotros hubierei sido aderezados
ellos/ellas hubieren sido aderezados
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese sido aderezado
hubieses sido aderezado
él/ella hubiese sido aderezado
nosotros hubiésemos sido aderezados
nosotros hubieseis sido aderezados
ellos/ellas hubiesen sido aderezados
Pretérito imperfetto II
yo fuese aderezado
fuesess aderezado
él/ella fuese aderezado
nosotros fuésemos aderezados
nosotros fueseis aderezados
ellos/ellas fuesen aderezados
Futuro
yo fuere aderezado
fueres aderezado
él/ella fuere aderezado
nosotros fuéremos aderezados
nosotros fuereis aderezados
ellos/ellas fueren aderezados
Futuro perfecto
yo hubiere sido aderezado
hubieres sido aderezado
él/ella hubiere sido aderezado
nosotros hubiéremos sido aderezados
nosotros hubiereis sido aderezados
ellos/ellas hubieren sido aderezados
POTENCIAL - pasivo
Presente
yo sería aderezado
serías aderezado
él/ella sería aderezado
nosotros seríamos aderezados
vosotros seríais aderezados
ellos/ellas serían aderezados
Perfecto
yo habría sido aderezado
habrías sido aderezado
él/ella habría sido aderezados
nosotros habríamos sido aderezados
vosotros habríais sido aderezados
ellos/ellas habrían sido aderezados
IMPERATIVO - pasivo
Positivo
-
sé aderezado
sea aderezado
seamos aderezados
sed aderezados
sean aderezados
INFINITO pasivo
Presente
ser aderezado
Compuesto
haber sido aderezado
PARTICIPIO - pasivo
Presente
que es aderezado
Compuesto
aderezado
GERUNDIO pasivo
Presente
siendo aderezado
Compuesto
habiendo sido aderezado
Coniugazione:1 - preparare
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io preparo
tu prepari
egli prepara
noi prepariamo
voi preparate
essi preparano
Imperfetto
io preparavo
tu preparavi
egli preparava
noi preparavamo
voi preparavate
essi preparavano
Passato remoto
io preparai
tu preparasti
egli preparò
noi preparammo
voi preparaste
essi prepararono
Passato prossimo
io ho preparato
tu hai preparato
egli ha preparato
noi abbiamo preparato
voi avete preparato
essi hanno preparato
Trapassato prossimo
io avevo preparato
tu avevi preparato
egli aveva preparato
noi avevamo preparato
voi avevate preparato
essi avevano preparato
Trapassato remoto
io ebbi preparato
tu avesti preparato
egli ebbe preparato
noi avemmo preparato
voi eveste preparato
essi ebbero preparato
Futuro semplice
io preparerò
tu preparerai
egli preparerà
noi prepareremo
voi preparerete
essi prepareranno
Futuro anteriore
io avrò preparato
tu avrai preparato
egli avrà preparato
noi avremo preparato
voi avrete preparato
essi avranno preparato
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io prepari
che tu prepari
che egli prepari
che noi prepariamo
che voi prepariate
che essi preparino
Passato
che io abbia preparato
che tu abbia preparato
che egli abbia preparato
che noi abbiamo preparato
che voi abbiate preparato
che essi abbiano preparato
Imperfetto
che io preparassi
che tu preparassi
che egli preparasse
che noi preparassimo
che voi preparaste
che essi preparassero
Trapassato
che io avessi preparato
che tu avessi preparato
che egli avesse preparato
che noi avessimo preparato
che voi aveste preparato
che essi avessero preparato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io preparerei
tu prepareresti
egli preparerebbe
noi prepareremmo
voi preparereste
essi preparerebbero
Passato
io avrei preparato
tu avresti preparato
egli avrebbe preparato
noi avremmo preparato
voi avreste preparato
essi avrebbero preparato
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
prepara
prepari
prepariamo
preparate
preparino
Futuro
-
preparerai
preparerà
prepareremo
preparerete
prepareranno
INFINITO - attivo
Presente
preparare
Passato
avere preparato
PARTICIPIO - attivo
Presente
preparante
Passato
preparato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
preparando
Passato
avendo preparato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono preparato
tu sei preparato
egli é preparato
noi siamo preparati
voi siete preparati
essi sono preparati
Imperfetto
io ero preparato
tu eri preparato
egli era preparato
noi eravamo preparati
voi eravate preparati
essi erano preparati
Passato remoto
io fui preparato
tu fosti preparato
egli fu preparato
noi fummo preparati
voi foste preparati
essi furono preparati
Passato prossimo
io sono stato preparato
tu sei stato preparato
egli é stato preparato
noi siamo stati preparati
voi siete stati preparati
essi sono stati preparati
Trapassato prossimo
io ero stato preparato
tu eri stato preparato
egli era stato preparato
noi eravamo stati preparati
voi eravate stati preparati
essi erano statipreparati
Trapassato remoto
io fui stato preparato
tu fosti stato preparato
egli fu stato preparato
noi fummo stati preparati
voi foste stati preparati
essi furono stati preparati
Futuro semplice
io sarò preparato
tu sarai preparato
egli sarà preparato
noi saremo preparati
voi sarete preparati
essi saranno preparati
Futuro anteriore
io sarò stato preparato
tu sarai stato preparato
egli sarà stato preparato
noi saremo stati preparati
voi sarete stati preparati
essi saranno stati preparati
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia preparato
che tu sia preparato
che egli sia preparato
che noi siamo preparati
che voi siate preparati
che essi siano preparati
Passato
che io sia stato preparato
che tu sia stato preparato
che egli sia stato preparato
che noi siamo stati preparati
che voi siate stati preparati
che essi siano stati preparati
Imperfetto
che io fossi preparato
che tu fossi preparato
che egli fosse preparato
che noi fossimo preparati
che voi foste preparati
che essi fossero preparati
Trapassato
che io fossi stato preparato
che tu fossi stato preparato
che egli fosse stato preparato
che noi fossimo stati preparati
che voi foste stati preparati
che essi fossero stati preparati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei preparato
tu saresti preparato
egli sarebbe preparato
noi saremmo preparati
voi sareste preparati
essi sarebbero preparati
Passato
io sarei stato preparato
tu saresti stato preparato
egli sarebbe stato preparato
noi saremmo stati preparati
voi sareste stati preparati
essi sarebbero stati preparati
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii preparato
sia preparato
siamo preparati
siate preparati
siano preparati
Futuro
-
sarai preparato
sarà preparato
saremo preparati
sarete preparati
saranno preparati
INFINITO - passivo
Presente
essere preparato
Passato
essere stato preparato
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
preparato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo preparato
Passato
essendo stato preparato