Buena navegación con NihilScio!  Página de Facebook
NihilScio                Home

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

á   è   é   ì   í   ò
ó   ù   ú   ü   ñ   ç
Inglese
sinonimi di acompañar

  Cerca  frasi:
Vocabulario y frases
acompañar
= accompagnare , accludere , allegare .
---------------
* El lenguaje no entendido de las señoras y el mal talle de nuestro caballero acrecentaba en ellas la risa y en él el enojo, y pasara muy adelante si a aquel punto no saliera el ventero, hombre que, por ser muy gordo, era muy pacífico; el cual, viendo aquella figura contrahecha, armada de armas tan desiguales como eran la brida, lanza, adarga y coselete, no estuvo en nada en acompañar a las doncellas en las muestras de su contento.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y, a pocos pasos que entró por el bosque, vio atada una yegua a una encina, y atado en otra a un muchacho, desnudo de medio cuerpo arriba, hasta de edad de quince años, que era el que las voces daba, y no sin causa, porque le estaba dando con una pretina muchos azotes un labrador de buen talle, y cada azote le acompañaba con una reprehensión y consejo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Detrás de ellos venía un coche con cuatro o cinco de a caballo que le acompañaban, y dos mozos de mulas a pie.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* 80Todo esto que don Quijote decía escuchaba un escudero de los que el coche acompañaban, que era vizcaíno; el cual, viendo que no quería dejar pasar el coche adelante, sino que decía que luego había de dar la vuelta al Toboso, se fue para don Quijote, y, asiéndole de la lanza, le dijo, en mala lengua castellana y peor vizcaína2200, de esta manera: —Anda, caballero, que mal andes; por el Dios que criome, que, si no dejas coche, así te matas como estás ahí vizcaíno( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Venían con ellos, asimismo, dos gentiles hombres de a caballo, muy bien aderezados de camino, con otros tres mozos de a pie que los acompañaban.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y luego dijo sobre la alcuza más de ochenta paternostres y otras tantas avemarías, salves y credos, y a cada palabra acompañaba una cruz a modo de bendición; a todo lo cual se hallaron presentes Sancho, el ventero y cuadrillero, que ya el arriero sosegadamente andaba entendiendo en el beneficio de sus machos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Con facilidad será vuestra merced satisfecho —respondió el licenciado— ; y así, sabrá vuestra merced que, aunque denantes dije que yo era licenciado, no soy sino bachiller, y llámome Alonso López; soy natural de Alcobendas, vengo de la ciudad de Baeza con otros once sacerdotes, que son los que huyeron con las hachas; vamos a la ciudad de Segovia acompañando un cuerpo 133 muerto, que va en aquella litera, que es de un caballero que murió en Baeza, donde fue depositado, y ahora, como digo, llevábamos sus huesos a su sepultura, que está en Segovia, de donde es natural( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Digo que oyeron que daban unos golpes a compás, con un cierto crujir de hierros y cadenas, que, acompañados del furioso estruendo del agua, que pusieran pavor a cualquier otro corazón que no fuera el de don Quijote( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Pero don 136Quijote, acompañado de su intrépido corazón, saltó sobre Rocinante y, embrazando su rodela, terció su lanzón y dijo: —Sancho amigo, has de saber que yo nací por querer del cielo en esta nuestra edad de hierro para resucitar en ella la de oro, o la dorada, como suele llamarse.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Cuando Sancho oyó las palabras de su amo, comenzó a llorar con la mayor ternura del mundo y a decirle: —Señor, yo no sé por qué quiere vuestra merced acometer esta tan temerosa aventura; ahora es de noche, aquí no nos ve nadie, bien podemos torcer el camino y desviarnos del peligro, aunque no bebamos en tres días; y, pues no hay quien nos vea, menos habrá quien nos note de cobardes; cuanto más que yo he oído predicar al cura de nuestro lugar, que vuestra merced bien conoce, que quien busca el peligro, perece en él; así que no es bien tentar a Dios acometiendo tan desaforado hecho, donde no se puede escapar sino por milagro, y basta los que ha hecho el cielo con vuestra merced en librarle de ser manteado, como yo lo fui, y en sacarle vencedor, libre y salvo de entre tantos enemigos como acompañaban al difunto.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Diole el duque licencia, y mandome que le acompañase.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Estando, pues, los dos allí sosegados y a la sombra, llegó a sus oídos una voz que, sin acompañarla son de algún otro instrumento, dulce y regaladamente sonaba, de que no poco se admiraron, por parecerles que aquel no era lugar donde pudiese haber quien tan bien cantase, porque, aunque suele decirDON QUIJOTE DE LA MANCHA 189 se que por las selvas y campos se hallan pastores de voces estremadas, más son encarecimientos de poetas que verdades; y más cuando advirtieron que lo que oían cantar eran versos, no de rústicos ganaderos, sino de discretos cortesanos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* De allí a un poco salió de una recámara Luscinda, acompañada de su madre y de dos doncellas suyas, tan bien aderezada y compuesta como su calidad y hermosura merecían, y como quien era la perfección de la gala y bizarría cortesana.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Es, pues, el caso que pasando mi vida en tantas ocupaciones y en un encerramiento tal, que al de un monesterio pudiera compararse, sin ser vista, a mi parecer, de otra persona alguna que de los criados de casa, porque los días que iba a misa era tan de mañana y tan acompañada de mi madre y de otras criadas, y yo tan cubierta y recatada, que apenas vían mis ojos más tierra de aquella donde ponía los pies, y, con todo esto, los del amor, o los de la ociosidad, por mejor decir, a quien los de lince no pueden igualarse, me vieron, puestos en la solicitud de don Fernando, que este es el nombre del hijo menor del duque que os he contado( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y, sobre todo, me comenzaron a hacer fuerza y a inclinarme a lo que fue, sin yo pensarlo, mi perdición, los juramentos de don Fernando, los testigos que ponía, las lágrimas que derramaba y, finalmente, su dispusición y gentileza, que, acompañada con tantas muestras de verdadero amor, pudieran rendir a otro tan libre y recatado corazón como el mío.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Llamé a mi criada para que en la tierra acompañase a los testigos del cielo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Mas templose esta furia por entonces con pensar de poner aquella mesma noche por obra lo que puse, que fue ponerme en este hábito que me dio uno de los que llaman zagales en casa de los labradores, que era criado de mi padre, al cual descubrí toda mi desventura, y le rogué me acompañase hasta la ciudad donde entendí que mi enemigo estaba.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y en el silencio de aquella noche, sin dar cuenta a mi traidora doncella, salí de mi casa, acompañada de mi criado y de muchas imaginaciones, y me puse en camino de la ciudad a pie, llevada en vuelo del deseo de llegar, ya que no a estorbar lo que tenía por hecho, a lo menos, a decir a don Fernando me dijese con qué alma lo había hecho.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Esta, señores —prosiguió Dorotea—, es mi historia; sólo resta por deciros que, de cuanta gente de acompañamiento saqué de mi reino, no me ha quedado sino sólo este buen barbado escudero, porque todos se anegaron en una gran borrasca que tuvimos a vista del puerto.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Pues ¡es verdad —replicó don Quijote—, que no acompaña esa grandeza y la adorna con mil millones de gracias del alma! Pero no me negarás, Sancho, una cosa: cuando llegaste junto a ella, ¿no sentiste un olor sabeo, una fragancia aromática y un no sé qué de bueno, que yo no acierto a dalle nombre? Digo ¿un tuho, o tufo, como si estuvieras en la tienda de algún curioso guantero? —Lo que sé decir —dijo Sancho—, es que sentí un olorcillo algo hombruno, y debía de ser que ella, con el mucho ejercicio, estaba sudada y algo correosa( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Otro día dio aviso su amigo a los parientes de Anselmo de su muerte, los cuales ya sabían su desgracia y el monesterio donde Camila estaba, casi en el término de acompañar a su esposo en aquel forzoso viaje, no por las nuevas del muerto esposo, mas por las que supo del ausente amigo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Tampoco sabré decir eso —respondió el mozo—, porque en todo el camino no la he visto el rostro; suspirar sí la he oído muchas veces, y dar unos gemidos, que parece que con cada uno dellos quiere dar el alma; y no es de maravillar que no sepamos más de lo que habemos dicho, porque mi compañero y yo no ha más de dos días que los acompañamos; porque, habiéndolos encontrado en el camino, nos rogaron y persuadieron que viniésemos con ellos hasta el Andalucía, ofreciéndose a pagárnoslo muy bien( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Estas y otras razones dijo la lastimada Dorotea con tanto sentimiento y lágrimas, que los mismos que acompañaban a don Fernando y cuantos presentes estaban la acompañaron en ellas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Dijo que, así como Luscinda se vio en su poder, perdió todos los sentidos, y que después de vuelta en sí no había hecho otra cosa sino llorar y suspirar, sin hablar palabra alguna, y que así, acompañados de silencio y de lágrimas, habían llegado a aquella venta, que para él era haber llegado al cielo, donde se rematan y tienen fin todas las desventuras de la tierra( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Basta —dijo don Fernando—, y no se hable más en esto; y, pues la señora princesa dice que se camine mañana porque ya hoy es tarde, hágase así, y esta noche la podremos pasar en buena conversación hasta el venidero día, donde todos acompañaremos al señor don Quijote, porque queremos ser testigos de las valerosas e inauditas hazañas que ha de hacer en el discurso desta grande empresa que a su cargo lleva( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Yo soy el que tengo de serviros y acompañaros —respondió don Quijote—; y agradezco mucho la merced que se me hace y la buena opinión que de mí se tiene, la cual procuraré que salga verdadera o me costará la vida, y aun más, si más costarme puede( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Perdiose, en fin, la Goleta; perdiose el Fuerte, sobre las cuales plazas hubo de soldados turcos pagados setenta y cinco mil, y de moros y alárabes de toda la África más de cuatrocientos mil, acompañado este tan gran número de gente con tantas municiones y pertrechos de guerra y con tantos gastadores, que con las manos y a puñados de tierra pudieran cubrir la Goleta y el Fuerte.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Dimos de comer a los moros bagarinos y el renegado les consoló, diciéndoles como no iban cautivos: que en la primera ocasión les darían libertad; lo mismo se le dijo al padre de Zoraida, el cual respondió: «Cualquiera otra cosa pudiera yo esperar y creer de vuestra liberalidad y buen término, ¡oh cristianos!; mas el darme libertad, no me tengáis por tan simple que lo imagine; que nunca os pusistes vosotros al peligro de quitármela para volverla tan liberalmente, especialmente sabiendo quién soy yo, y el interese que se os puede seguir de dármela, el cual interese, si le queréis poner nombre, desde aquí os ofrezco todo aquello que quisiéredes por mí y por esa desdichada hija mía, o si no, por ella sola, que es la mayor y la mejor parte de mi alma.» En diciendo esto, comenzó a llorar tan amargamente, que a todos nos movió a compasión, y forzó a Zoraida que le mirase; la cual, viéndole llorar, así se enterneció, que se levantó de mis pies y fue a abrazar a su padre, y juntando su rostro con el suyo comenzaron los dos tan tierno llanto, que muchos de los que allí íbamos le acompañamos en él; pero cuando su padre la vio adornada de fiesta y con tantas joyas sobre sí, le dijo en su lengua: «¿Qué es esto, hija, que ayer al anochecer antes que nos sucediese esta terrible desgracia en que nos vemos, te vi con tus ordinarios y caseros vestidos, y agora, sin que hayas tenido tiempo de vestirte, y sin haberte dado alguna nueva alegre de solenizalle con adornarte y pulirte, te veo compuesta con los mejores vestidos que yo supe y pude darte cuando nos fue la ventura más favorable? Respóndeme a esto, que me tienes más suspenso y admirado que la misma desgracia en que me hallo.» Todo lo que el moro decía a su hija nos lo declaraba el renegado, y ella no le respondía palabra; pero cuando él vio a un lado de la barca el cofrecillo donde ella solía tener sus joyas, el cual sabía él bien que le había dejado en Argel y no traídole al jardín, quedó más confuso, y preguntole que cómo aquel cofre había venido a nuestras manos, y qué era lo que venía dentro.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Mas como pocas veces, o nunca, viene el bien puro y sencillo, sin ser acompañado o seguido de algún mal que le turbe o sobresalte, quiso nuestra ventura, o quizá las maldiciones que el moro a su hija había echado, que siempre se han de temer de cualquier padre que sean, quiso, digo, que estando ya engolfados, y siendo ya casi pasadas tres horas de la noche, yendo con la vela tendida de alto baja, frenillados los remos porque el próspero viento nos quitaba del trabajo de haberlos menester, con la luz de la luna que claramente resplandecía, vimos cerca de nosotros un bajel redondo, que, con todas las velas tendidas, llevando un poco a orza el timón, delante de nosotros atravesaba, y esto tan cerca, que nos fue forzoso amainar por no embestirle, y ellos, asimesmo, hicieron fuerza de timón para darnos lugar que pasásemos.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¡Oh buen hermano mío, y quién supiera agora donde estabas; que yo te fuera a buscar y a librar de tus trabajos, aunque fuera a costa de los míos! ¡Oh, quién llevara nuevas a nuestro viejo padre de que tenías vida, aunque estuvieras en las mazmorras más escondidas de Berbería; que de allí te sacaran sus riquezas, las de mi hermano y las mías! ¡Oh Zoraida hermosa y liberal, quién pudiera pagar el bien que a un hermano hiciste; quién pudiera hallarse al renacer de tu alma, y a las bodas, que tanto gusto a todos nos dieran! Estas y otras semejantes palabras decía el oidor, lleno de tanta compasión con las nuevas que de su hermano le habían dado, que todos los que le oían le acompañaban en dar muestras del sentimiento que tenían de su lastima( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Acudió el capitán a abrazar a su hermano, y él le puso ambas manos en los pechos, por mirarle algo más apartado; mas cuando le acabó de conocer, le abrazó tan estrechamente, derramando tan tiernas lágrimas de contento, que los más de los que presentes estaban le hubieron de acompañar en ellas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Nadie podía imaginar quién era la persona que tan bien cantaba, y era una voz sola, sin que la acompañase instrumento alguno( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Sosegadas, pues, estas dos pendencias, que lo eran las más principales y de más tomo, restaba que los criados de don Luis se contentasen de volver los tres, y que el uno quedase para acompañarle donde don Fernando le quería llevar; y como ya la buena suerte y mejor fortuna había comenzado a romper lanzas y a facilitar dificultades en favor de los amantes de la venta y de los valientes della, quiso llevarlo al cabo y dar a todo felice suceso, porque los criados se contentaron de cuanto don Luis quería, de que recibió tanto contento doña Clara, que ninguno en aquella sazón la mirara al rostro que no conociera el regocijo de su alma( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Ya en esto, el cura se había concertado con los cuadrilleros que le acompañasen hasta su lugar, dándoles un tanto cada día.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Llegaron los diligentes a los perezosos, y saludáronse cortésmente, y uno de los que venían, que, en resolución, era canónigo de Toledo7799 y señor de los demás que le acompañaban, viendo la concertada procesión del carro, cuadrilleros, Sancho, Rocinante, cura y barbero, y más a don Quijote enjaulado y aprisionado, no pudo dejar de preguntar qué significaba llevar aquel hombre de aquella manera, aunque ya se había dado a entender, viendo las insignias de los cuadrilleros, que debía de ser algún facinoroso salteador o otro delincuente, cuyo castigo tocase a la Santa Hermandad.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Lo que has de creer y entender es que si ellos se les parecen, como dices, debe de ser que los que me han encantado habrán tomado esa apariencia y semejanza; porque es fácil a los encantadores tomar la figura que se les antoja, y habrán tomado las destos nuestros amigos para darte a ti ocasión de que pienses lo que piensas, y ponerte en un laberinto de imaginaciones que no aciertes a salir dél, aunque tuvieses la soga de Teseo; y también lo habrán hecho para que yo vacile en mi entendimiento y no sepa atinar de dónde me viene este daño; porque si por una parte tú me dices que me acompañan el barbero y el cura de nuestro pueblo, y por otra yo me veo enjaulado y sé de mí que fuerzas humanas, como no fueran sobrenaturales, no fueran bastantes para enjaularme, ¿qué quieres que diga o piense sino que la manera de mi encantamento excede a cuantas yo he leído en todas las historias que tratan de caballeros andantes que han sido encantados? Ansí que bien puedes darte paz y sosiego en esto de creer que son los que dices, porque así son ellos como yo soy turco.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Certifico con verdad que en veinte y cinco de febrero deste año de seiscientos y quince, habiendo ido el ilustrísimo señor don Bernardo de Sandoval y Rojas, cardenal arzobispo de Toledo, mi señor, a pagar la visita que a Su Ilustrísima hizo el embajador de Francia, que vino a tratar cosas tocantes a los casamientos de sus príncipes y los de España, muchos caballeros franceses de los que vinieron acompañando al embajador, tan corteses como entendidos y amigos de buenas letras, se llegaron a mí y a otros capellanes del cardenal mi señor, deseosos de saber qué libros de ingenio andaban más validos, y tocando acaso en éste que yo estaba censurando, apenas oyeron el nombre de Miguel de Cervantes, cuando se comenzaron a hacer lenguas, encareciendo la estimación en que así en Francia como en los reinos sus confinantes, se tenían sus obras, La Galatea, que alguno dellos tiene casi de memoria la primera parte desta, y las Novelas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Con esta buena fee, el buen capellán pidió al retor mandase dar los vestidos con que allí había entrado el licenciado; volvió a decir el retor que mirase lo que hacía, porque sin duda alguna el licenciado aún se estaba loco; no sirvieron de nada para con el capellán las prevenciones y advertimientos del retor para que dejase de llevarle; obedeció el retor, viendo ser orden del arzobispo; pusieron al licenciado sus vestidos, que eran nuevos y decentes, y como él se vio vestido de cuerdo y desnudo de loco, suplicó al capellán que por caridad le diese licencia para ir a despedirse de sus compañeros los locos; el capellán dijo que él le quería acompañar y ver los locos que en la casa había; subieron, en efeto, y con ellos algunos que se hallaron presentes, y llegado el licenciado a una jaula adonde estaba un loco furioso, aunque entonces sosegado y quieto, le dijo: «Hermano mío, mire si me manda algo, que me voy a mi casa; que ya Dios ha sido servido por su infinita bondad y misericordía, sin yo merecerlo, de volverme mi juicio; ya estoy sano y cuerdo, que acerca del poder de Dios ninguna cosa es imposible; tenga grande esperanza y confianza en Él, que pues a mí me ha vuelto a mi primero estado, también le volverá a él, si en Él confía; yo tendré cuidado de enviarle algunos regalos que coma, y cómalos en todo caso, que le hago saber que imagino, como quien ha pasado por ello, que todas nuestras locuras proceden de tener los estómagos vacíos y los celebros llenos de aire; esfuércese, esfuércese, que el descaecimiento en los infortunios apoca la salud y acarrea la muerte».( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En resolución, en aquellos tres días don Quijote y Sancho se acomodaron de lo que les pareció convenirles, y, habiendo aplacado Sancho a su mujer, y don Quijote a su sobrina y a su ama, al anochecer, sin que nadie lo viese sino el bachiller, que quiso acompañarles media legua del lugar, se pusieron en camino del Toboso, Don Quijote sobre su buen Rocinante y Sancho sobre su antiguo rucio, proveídas las alforjas de cosas tocantes a la bucólica110099, y la bolsa de dineros que le dio don Quijote para lo que se ofreciese.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —No hay camino tan llano —replicó Sancho—, que no tenga algún tropezón o barranco; en otras casas cuecen habas, y en la mía, a calderadas; más acompañados y paniaguados debe de tener la locura que la discreción.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Quiere hacer uno un viaje largo y, si es prudente, antes de ponerse en camino busca alguna compañía segura y apacible con quien acompañarse.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Pues ¿por qué no hará lo mesmo el que ha de caminar toda la vida hasta el paradero de la muerte, y más si la compañía le ha de acompañar en la cama, en la mesa y en todas partes, como es la de la mujer con su marido? La de la propia mujer no es mercaduría que una vez comprada se vuelve o se trueca o cambia, porque es accidente inseparable que dura lo que dura la vida.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* 458nacido en Majalahonda; dije discretos, porque hay muchos que no lo son, y la discreción es la gramática del buen lenguaje que se acompaña con el uso; yo, señores, por mis pecados he estudiado cánones en Salamanca, y pícome algún tanto de decir mi razón con palabras claras, llanas y significantes( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Para mí no es opinión, sino verdad asentada —replicó Corchuelo—; y si queréis que os lo muestre con la experiencia, espadas traéis, comodidad hay, yo pulsos y fuerzas tengo, que acompañadas de mi ánimo, que no es poco, os harán confesar que yo no me engaño; apeaos y usad de vuestro compás de pies, de vuestros círculos y vuestros ángulos y ciencia, que yo espero de haceros ver estrellas a medio día con mi destreza moderna y zafia, en quien espero, después de Dios, que está por nacer hombre que me haga volver las espaldas, y que no le hay en el mundo a quien yo no le haga perder tierra( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y, apeándose de Rocinante y asiendo de su lanza, se puso en la mitad del camino, a tiempo que ya el licenciado, con gentil donaire de cuerpo y compás de pies, se iba contra Corchuelo, que contra él se vino lanzando, como decirse suele, fuego por los ojos; los otros dos labradores del acompañamiento, sin apearse de sus pollinas, sirvieron de aspetatores113322 en la mortal tragedia; las cuchilladas, estocadas, altibajos, reveses y mandobles que tiraba Corchuelo eran sin número, más espesas que hígado y más menudas que granizo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Donde se prosiguen las bodas de Camacho, con otros gustosos sucesos Cuando estaban don Quijote y Sancho en las razones referidas en el capítulo antecedente, se oyeron grandes voces y gran ruido, y dábanlas y causábanle los de las yeguas, que con larga carrera y grita iban a recebir a los novios, que, rodeados de mil géneros de instrumentos y de invenciones, venían acompañados del cura y de la parentela de entrambos y de toda la gente más lucida de los lugares circunvecinos, todos vestidos de fiesta.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Ensilló Sancho a Rocinante y aderezó al rucio, prove- 471 472yó sus alforjas, a las cuales acompañaron las del primo, asimismo bien proveídas, y, encomendándose a Dios y despediéndose de todos, se pusieron en camino, tomando la derrota de la famosa cueva de Montesinos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Oyéronse en esto grandes alaridos y llantos, acompañados de profundos gemidos y angustiados sollozos; volví la cabeza y vi por las paredes de cristal que por otra sala pasaba una procesión de dos hileras de hermosísimas doncellas, todas vestidas de luto, con turbantes blancos sobre las cabezas, al modo turquesco; al cabo y fin de las hileras venía una señora, que en la gravedad lo parecía, asimismo vestida de negro, con tocas blancas tan tendidas y largas, que besaban la tierra.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En fin, su grandeza, su contoneo, su negrura y su acompañamiento pudiera y pudo suspender a todos aquellos que, sin conocerle, le miraron( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Oyendo lo cual la Dolorida dueña, hizo señal de querer arrojarse a los pies de don Quijote, y aun se arrojó, y pugnando por abrazárselos, decía: —Ante estos pies y piernas me arrojo, ¡oh caballero invicto!, por ser los que son basas y colunas de la andante caballería; estos pies quiero besar, de cuyos pasos pende y cuelga todo el remedio de mi desgracia, ¡oh valeroso andante, cuyas verdaderas fazañas dejan atrás y escurecen las fabulosas de los Amadíses, Esplandianes y Belianises! Y, dejando a don Quijote, se volvió a Sancho Panza y, asiéndole de las manos, le dijo: —¡Oh tú, el más leal escudero que jamás sirvió a caballero andante en los presentes ni en los pasados siglos, más luengo en bondad que la barba de Trifaldín, mi acompañador, que está presente!, bien puedes preciarte que en servir al gran don Quijote sirves en cifra a toda la caterva de caballeros que han tratado las armas en el mundo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¡Bueno es que apenas puedo tenerme en mi rucio y sobre un albarda más blanda que la mesma seda, y querrían ahora que me tuviese en unas ancas de tabla sin cojín ni almohada alguna! Pardiez, yo no me pienso moler por quitar las barbas a nadie; cada cual se rape como más le viniere a cuento; que yo no pienso acompañar a mi señor en tan largo viaje, cuanto más que yo no debo de hacer al caso para el rapamiento destas barbas como lo soy para el desencanto de mi señora Dulcinea( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Con todo eso, le habéis de acompañar si fuere necesario, buen Sancho, porque os lo rogarán buenos; que no han de quedar por vuestro inútil temor tan poblados los rostros destas señoras, que cierto sería mal caso( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¡Desdichadas de nosotras las dueñas; que, aunque vengamos por línea recta de varón en varón del mismo Héctor el troyano, no dejaran de echarnos un vos nuestras señoras si pensasen por ello ser reinas! ¡Oh gigante Malambruno que, aunque eres encantador, eres certísimo en tus promesas! Envíanos ya al sin par Clavileño para que nuestra desdicha se acabe; que si entra el calor y estas nuestras barbas duran, ¡guay de nuestra ventura! Dijo esto con tanto sentimiento la Trifaldi, que sacó las lágrimas de los ojos de todos los circunstantes y aun arrasó los de Sancho, y propuso en su corazón de acompañar a su señor hasta las últimas partes del mundo, si es lo que en ello consistiese quitar la lana de aquellos venerables rostros( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Así es verdad —replicó don Quijote—; por lo cual los no de principios nobles deben acompañar la gravedad del cargo que ejercitan con una blanda suavidad que, guiada por la prudencia, los libre de la murmuración maliciosa, de quien no hay estado que se escape.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y así, llevando adelante sus burlas, aquella tarde enviaron a Sancho con mucho acompañamiento al lugar que para él había de ser ínsula( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Salió, en fin, Sancho, acompañado de mucha gente, vestido a lo letrado, y encima un gabán muy ancho de chamelote de aguas, leonado, con una montera de lo mesmo, sobre un macho a la jineta, y, detrás dél, por orden del duque, iba el rucio con jaeces y ornamentos jumentiles de seda, y flamantes( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Digo, pues, que con todo su acompañamiento llegó Sancho a un lugar de hasta mil vecinos, que era de los mejores que el duque tenía; diéronle a entender que se llamaba la ínsula Barataria, o ya porque el lugar se llamaba Baratario, o ya por el barato con que se le había dado el gobierno.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Al entrar de la calle de Santiago, en Madrid, que es algo estrecha, venía a salir por ella un alcalde de Corte, con dos alguaciles delante, y, así como mi buen escudero le vio, volvió las riendas a la mula, dando señal de volver a acompañarle.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Mi señora, que iba a las ancas, con voz baja le decía: «¿Qué hacéis, desventurado, no veis que voy aquí?» El alcalde, de comedido, detuvo la rienda al caballo, y 591 592díjole: «Seguid, señor, vuestro camino; que yo soy el que debo acompañar a mi señora doña Casilda», que así era el nombre de mi ama.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Todavía porfiaba mi marido con la gorra en la mano, a querer ir acompañando al alcalde; viendo lo cual mi señora, llena de cólera y enojo, sacó un alfiler gordo, o creo que un punzón del estuche, y clavósele por los lomos, de manera, que mi marido dio una gran voz y torció el cuerpo, de suerte que dio con su señora en el suelo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Las hijas de los gobernadores no han de ir solas por los caminos, sino acompañadas de carrozas y literas y de gran numero de sirvientes( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Dejémoslos pasar nosotros, como dejamos pasar otras cosas, y vamos a acompañar a Sancho, que entre alegre y triste venía caminando sobre el rucio a buscar a su amo, cuya compañía le agradaba más que ser gobernador de todas las ínsulas del mundo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Salí, como digo, de la ínsula sin otro acompañamiento que el de mi rucio; caí en una sima, víneme por ella adelante, hasta que esta mañana, con la luz del sol, vi la salida; pero no tan fácil que, a no depararme el cielo a mi señor don Quijote, allí me quedará hasta la fin del mundo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Presente don Quijote en la estacada, de allí a poco, acompañado de muchas trompetas, asomó por una parte de la plaza sobre un poderoso caballo, hundiéndola toda, el grande lacayo Tosilos, calada la visera y todo encambronado con unas fuertes y lucientes armas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Claudia dijo a Roque que querría irse a un monasterio donde era abadesa una tía suya, en el cual pensaba acabar la vida, de otro mejor esposo y más eterno acompañada.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Alabole Roque su buen propósito, ofreciósele de acompañarla hasta donde quisiese y de defender a su padre de los parientes y de todo el mundo, si ofenderle quisiese.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Llegaron en esto los escuderos de la presa, trayendo consigo dos caballeros a caballo y dos peregrinos a pie, y un coche de mujeres con hasta seis criados, que a pie y a caballo las acompañaban, con otros dos mozos de mulas que los caballeros traían.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Túvolos así un rato suspensos Roque; pero no quiso que pasase adelante su tristeza, que ya se podía conocer a tiro de arcabuz y, volviéndose a los capitanes, dijo: —Vuesas mercedes, señores capitanes, por cortesía sean servidos de prestarme sesenta escudos, y la señora regenta ochenta para contentar esta escuadra que me acompaña; porque el abad de lo que canta yanta.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Acaecio, pues, que yendo don Quijote con el aplauso que se ha dicho, un castellano2211 66 que leyó el rétulo de las espaldas, alzó la voz, diciendo: —¡Válgate el diablo por don Quijote de la Mancha! ¿Cómo que hasta aquí has llegado sin haberte muerto los infinitos palos que tienes a cuestas? Tú eres loco, y si lo fueras a solas y dentro de las puertas de tu locura, fuera menos mal; pero tienes propiedad de volver locos y mentecatos a cuantos te tratan y comunican; si no, mírenlo por estos señores que te acompañan.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Hermano —dijo don Antonio—, seguid vuestro camino y no deis consejos a quien no os los pide; el señor don Quijote de la Mancha es muy cuerdo y nosotros, que le acompañamos, no somos necios; la virtud se ha de honrar dondequiera que se hallare, y andad enhoramala, y no os metáis donde no os llaman( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Entró dentro con todo su acompañamiento y vio tirar en una parte, corregir en otra, componer en esta, enmendar en 663 664aquella y, finalmente, toda aquella máquina que en las emprentas grandes se muestra.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Cómo me vio, cómo nos hablamos, cómo se vio perdido por mí y cómo yo no muy ganada por él, sería largo de contar, y más en tiempo que estoy temiendo que entre la lengua y la garganta se ha de atravesar el riguroso cordel que me amenaza; y así, solo diré cómo en nuestro destierro quiso acompañarme don Gregorio.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Dio luego traza el rey de que yo volviese a España en este bergantín y que me acompañasen dos turcos de nación que fueron los que mataron vuestros soldados.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y luego calló, preñados los ojos de tiernas lágrimas, a quien acompañaron muchas de los que presentes estaban.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* El visorrey, creyendo sería alguna nueva aventura fabricada por don Antonio Moreno o por otro algún caballero de la ciudad, salió luego a la playa con don Antonio y con otros muchos caballeros que le acompañaban, a tiempo cuando don Quijote volvía las riendas a Rocinante para tomar del campo lo necesario.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¡Oh condición no oída la que conmigo muerte y vida trata! Cada verso destos acompañaba con muchos suspiros y no pocas lágrimas, bien como aquel cuyo corazón tenía traspasado con el dolor del vencimiento, y con la ausencia de Dulcinea.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Subieron en esto al teatro con mucho acompañamiento dos principales 687 688personajes, que luego fueron conocidos de don Quijote ser el duque y la duquesa, sus huéspedes; los cuales se sentaron en dos riquísimas sillas junto a los dos que parecían reyes.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Ya, en esto, se había sentado en el túmulo Altisidora y al mismo instante sonaron las chirimías a quien acompañaron las flautas y las voces de todos que aclamaban: —¡Viva Altisidora, Altisidora viva! Levantáronse los duques y los reyes Minos y Radamanto, y todos juntos con don Quijote y Sancho fueron a recebir a Altisidora y a bajarla del túmulo; la cual, haciendo de la desmayada, se inclinó a los duques y a los reyes y, mirando de través a don Quijote, le dijo: —Dios te lo perdone, desamorado caballero, pues por tu crueldad he estado en el otro mundo, a mi parecer más de mil años; y a ti, ¡oh el más compasivo escudero que contiene el orbe!, te agradezco la vida que poseo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Que sigue al sesenta y nueve, y trata de cosas no escusadas para la claridad desta historia Durmio Sancho aquella noche en una carriola en el mesmo aposento de don Quijote, cosa que él quisiera escusarla si pudiera, porque bien sabía que su amo no le había de dejar dormir a preguntas y a respuestas, y no se hallaba en disposición de hablar mucho, porque los dolores de los martirios pasados los tenía presentes y no le dejaban libre la lengua, y viniérale más a cuento dormir en una choza solo, que no en aquella rica estancia acompañado.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Pardiez, señor —respondió Sancho—, que para lo que yo pienso darme, eso se me da en casa que en el campo; pero con todo eso querría que fuese entre árboles, que parece que me acompañan y me ayudan a llevar mi trabajo maravillosamente( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Finalmente, rodeados de mochachos y acompañados del cura y del bachiller, entraron en el pueblo y se fueron a casa de don Quijote, y hallaron a la puerta della al ama y a su sobrina, a quien ya habían llegado las nuevas de su venida.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Más vale solo que mal acompañado
---------------
Vocabulario y frases
accompagnare
= verbo trans. seguire per amicizia , cortesia o protezione
---------------
* All'udir parole d'un tanto signore , così gagliarde e sicure , e accompagnate da tali ordini , viene una gran voglia di credere che , al solo rimbombo di esse , tutti i bravi siano scomparsi per sempre .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Lascio poi pensare al lettore , come dovessero stare in viaggio quelle povere bestie , così legate e tenute per le zampe , a capo all'in giù , nella mano d'un uomo il quale , agitato da tante passioni , accompagnava col gesto i pensieri che gli passavan a tumulto per la mente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Andava un giorno per una strada della sua città , seguito da due bravi , e accompagnato da un tal Cristoforo , altre volte giovine di bottega e , dopo chiusa questa , diventato maestro di casa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Un fratello del morto , due suoi cugini e un vecchio zio , vennero pure , armati da capo a piedi , con grande accompagnamento di bravi ; e si misero a far la ronda intorno , guardando , con aria e con atti di dispetto minaccioso , que' curiosi , che non osavan dire: gli sta bene ; ma l'avevano scritto in viso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Chiese quindi licenza ; e , abbracciato di nuovo il padron di casa , e tutti quelli che , trovandosi più vicini a lui , poterono impadronirsene un momento , si liberò da essi a fatica ; ebbe a combatter nell'anticamere , per isbrigarsi da' servitori , e anche da' bravi , che gli baciavano il lembo dell'abito , il cordone , il cappuccio ; e si trovò nella strada , portato come in trionfo , e accompagnato da una folla di popolo , fino a una porta della città ; d'onde uscì , cominciando il suo pedestre viaggio , verso il luogo del suo noviziato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Accompagnatolo poi in un salotto , e guardandolo con una cert'aria di maraviglia e di rispetto , disse: - non è lei . . .il padre Cristoforo di Pescarenico ?
---------------
* Le sue censure non arrivavano agli orecchi del padrone che accompagnate dal racconto delle risa che se n'eran fatte ; dimodoché riuscivano anche per lui un soggetto di scherno , senza risentimento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Agnese diceva il vero , e riguardo alla possibilità , e riguardo al pericolo di non ci riuscire: ché , siccome non ricorrevano a un tale espediente , se non persone che avesser trovato ostacolo o rifiuto nella via ordinaria , così i parrochi mettevan gran cura a scansare quella cooperazione forzata ; e , quando un d'essi venisse pure sorpreso da una di quelle coppie , accompagnata da testimoni , faceva di tutto per iscapolarsene , come Proteo dalle mani di coloro che volevano farlo vaticinare per forza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E qui , parlando col naso , accompagnando le parole con gesti caricati , continuò , in tono di predica: - in una parte di questo mondo , che , per degni rispetti , non nomino , viveva , uditori carissimi , e vive tuttavia , un cavaliere scapestrato , più amico delle femmine , che degli uomini dabbene , il quale , avvezzo a far d'ogni erba un fascio , aveva messo gli occhi . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Vuoi stare zitto , bestia ? - gli disse Tonio , accompagnando il titolo con una gomitata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I nostri viaggiatori arrivaron dunque a Monza , poco dopo il levar del sole: il conduttore entrò in un'osteria , e lì , come pratico del luogo , e conoscente del padrone , fece assegnar loro una stanza , e ve gli accompagnò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Era verecondia ? Chi avesse osservata una rapida espressione di dispetto che accompagnava quel rossore , avrebbe potuto dubitarne ; e tanto più se l'avesse paragonato con quello che di tanto in tanto si spandeva sulle gote di Lucia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il guardiano accompagnò Agnese alla porta , dandole nuove istruzioni , e se n'andò a scriver la lettera di ragguaglio all'amico Cristoforo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Bambole vestite da monaca furono i primi balocchi che le si diedero in mano ; poi santini che rappresentavan monache ; e que' regali eran sempre accompagnati con gran raccomandazioni di tenerli ben di conto ; come cosa preziosa , e con quell'interrogare affermativo: - bello eh ? - Quando il principe , o la principessa o il principino , che solo de' maschi veniva allevato in casa , volevano lodar l'aspetto prosperoso della fanciullina , pareva che non trovasser modo d'esprimer bene la loro idea , se non con le parole: - che madre badessa ! - Nessuno però le disse mai direttamente: tu devi farti monaca .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I servitori s'uniformavano , nelle maniere e ne' discorsi , all'esempio e all'intenzioni de' padroni: e Gertrude , che , per sua inclinazione , avrebbe voluto trattarli con una famigliarità signorile , e che , nello stato in cui si trovava , avrebbe avuto di grazia che le facessero qualche dimostrazione d'affetto , come a una loro pari , e scendeva anche a mendicarne , rimaneva poi umiliata , e sempre più afflitta di vedersi corrisposta con una noncuranza manifesta , benché accompagnata da un leggiero ossequio di formalità .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La donna che andò ad accompagnarla in camera , era una vecchia di casa , stata già governante del principino , che aveva ricevuto appena uscito dalle fasce , e tirato su fino all'adolescenza , e nel quale aveva riposte tutte le sue compiacenze , le sue speranze , la sua gloria .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Era accompagnata da due anziane ; e quando lo vide comparire , - signor principe , - disse: - per ubbidire alle regole . . .per adempire una formalità indispensabile , sebbene in questo caso . . .pure devo dirle . . .che , ogni volta che una figlia chiede d'essere ammessa a vestir l'abito , . . .la superiora , quale io sono indegnamente , . . .è obbligata d'avvertire i genitori . . .che se , per caso . . .forzassero la volontà della figlia , incorrerebbero nella scomunica .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E , accompagnando l'ultime parole con un gesto grazioso della mano , se n'andò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E quella qualunque raccolta non era ancor finita di riporre , che le provvisioni per l'esercito , e lo sciupinìo che sempre le accompagna , ci fecero dentro un tal vòto , che la penuria si fece subito sentire , e con la penuria quel suo doloroso , ma salutevole come inevitabile effetto , il rincaro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* All'arrivar della carrozza , fecero ala , e presentaron l'arme al gran cancelliere , il quale fece anche qui un saluto a destra , un saluto a sinistra ; e all'ufiziale , che venne più vicino a fargli il suo , disse , accompagnando le parole con un cenno della destra: - beso a usted las manos-: parole che l'ufiziale intese per quel che volevano dir realmente , cioè: m'avete dato un bell'aiuto ! In risposta , fece un altro saluto , e si ristrinse nelle spalle .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Che avvenisse poi di questo suo proponimento non lo dice il nostro autore , il quale , dopo avere accompagnato il pover'uomo in castello , non fa più menzione de' fatti suoi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ah oste , oste ! - ricominciò , accompagnandolo con l'occhio intorno alla tavola , o sotto la cappa del cammino ; talvolta fissandolo dove non era , e parlando sempre in mezzo al chiasso della brigata: - oste che tu sei ! Non posso mandarla giù . . .quel tiro del nome , cognome e negozio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In vece sua , avranno quattro tristi , serviti con tutte le formalità , accompagnati da' cappuccini , e da' confratelli della buona morte ; e gente che se l'è meritato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tre sole immagini gli si presentavano non accompagnate da alcuna memoria amara , nette d'ogni sospetto , amabili in tutto ; e due principalmente , molto differenti al certo , ma strettamente legate nel cuore del giovine: una treccia nera e una barba bianca .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Toccano finalmente quella riva ; Renzo vi si slancia ; ringrazia Dio tra sé , e poi con la bocca il barcaiolo ; mette le mani in tasca , tira fuori una berlinga , che , attese le circostanze , non fu un piccolo sproprio , e la porge al galantuomo ; il quale , data ancora una occhiata alla riva milanese , e al fiume di sopra e di sotto , stese la mano , prese la mancia , la ripose , poi strinse le labbra , e per di più ci mise il dito in croce , accompagnando quel gesto con un'occhiata espressiva ; e disse poi : - buon viaggio - , e tornò indietro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Attilio fece ancora qualche scusa , qualche promessa , qualche complimento ; poi si licenziò , e se n'andò , accompagnato da un - e abbiamo giudizio , - ch'era la formola di commiato del conte zio per i suoi nipoti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La farò accompagnare . . .E la promessa ? e l'impegno ? e don Rodrigo ? . . .Chi è don Rodrigo ? "
---------------
* Aveva scelto sei preti ne' quali una carità viva e perseverante fosse accompagnata e servita da una complessione robusta ; gli aveva divisi in coppie , e ad ognuna assegnata una terza parte della città da percorrere , con dietro facchini carichi di vari cibi , d'altri più sottili e più pronti ristorativi , e di vesti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* L'innominato troncò quelle parole , domandando premurosamente le nuove di Lucia ; e sapute che l'ebbe , si voltò per accompagnare al castello i nuovi ospiti , come fece , malgrado la loro resistenza cerimoniosa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E ripassando nel paesetto salvato , non si potrebbe dire con quali applausi e benedizioni fosse accompagnato il drappello liberatore e il condottiero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Volle poi accompagnar tutti e tre gli ospiti , fino alla carrozza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Una notte , verso la fine d'agosto , proprio nel colmo della peste , tornava don Rodrigo a casa sua , in Milano , accompagnato dal fedel Griso , l'uno de' tre o quattro che , di tutta la famiglia , gli eran rimasti vivi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Largo canaglia ! - gli pareva di gridare , guardando alla porta , ch'era lontana lontana , e accompagnando il grido con un viso minaccioso , senza però moversi , anzi ristringendosi , per non toccar que' sozzi corpi , che già lo toccavano anche troppo da ogni parte .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Torna pure accompagnato ; chè , se Dio vuole , ci sarà da lavorar per tutti , e ci faremo buona compagnia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Con una tale sicurezza , temperata però dall'inquietudini che il lettore sa , e contristata dallo spettacolo frequente , dal pensiero incessante della calamità comune , andava Renzo verso casa sua , sotto un bel cielo e per un bel paese , ma non incontrando , dopo lunghi tratti di tristissima solitudine , se non qualche ombra vagante piuttosto che persona viva , o cadaveri portati alla fossa , senza onor d'esequie , senza canto , senza accompagnamento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A quella vista , quantunque ci dovesse esser preparato , si sentì dare come una stretta al cuore: fu assalito in un punto da una folla di rimembranze dolorose , e di dolorosi presentimenti: gli pareva d'aver negli orecchi que' sinistri tocchi a martello che l'avevan come accompagnato , inseguito , quand'era fuggito da que' luoghi ; e insieme sentiva , per dir così , un silenzio di morte che ci regnava attualmente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Son cose brutte , - disse l'amico , accompagnando Renzo in una camera che il contagio aveva resa disabitata ; - cose che non si sarebbe mai creduto di vedere ; cose da levarvi l'allegria per tutta la vita ; ma però , a parlarne tra amici , è un sollievo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A ogni passo , sentiva crescere e avvicinarsi un rumore che già aveva cominciato a sentire mentre era lì fermo a discorrere: un rumor di ruote e di cavalli , con un tintinnìo di carnpanelli , e ogni tanto un chioccar di fruste , con un accompagnamento d'urli .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Pure , in tanta confusione , si vedeva ancora qualche esempio di fermezza e di pietà: padri , madri , fratelli , figli , consorti , che sostenevano i cari loro , e gli accompagnavano con parole di conforto: né adulti soltanto , ma ragazzetti , ma fanciulline che guidavano i fratellini più teneri , e , con giudizio e con compassione da grandi , raccomandavano loro d'essere ubbidienti , gli assicuravano che s'andava in un luogo dove c'era chi avrebbe cura di loro per farli guarire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si voltò di nuovo , e vide (ché il gran turbamento non gliel aveva lasciato vedere un momento prima) un carro che s'avanzava , anzi una fila di que' soliti carri funebri , col solito accompagnamento ; e dietro , a qualche distanza , un altro mucchietto di gente che avrebbero voluto anche loro dare addosso all'untore , e prenderlo in mezzo ; ma eran trattenuti dall'impedimento medesimo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tra i monatti s'alzò un urlo di trionfo , uno scroscio procelloso di risa , un - uh ! - prolungato , come per accompagnar quella fuga .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Con le braccia ciondoloni , e con la testa piegata sur una spalla , accompagnò con l'occhio quella schiera , mentre gli passava davanti quella degli uomini .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo , senza fare il lezioso , promise (salve però le debite approvazioni) al cugino di rimettersi al lavoro , quando verrebbe accompagnato , a stabilirsi in paese .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Parve che tutti provassero un gran piacere nel far pubblicamente strazio dell'ammirazione, del rispetto per tanti anni tributati a quella donna; come se tra l'ammirazione e il rispetto, di cui non la stimavano piú degna, e il dileggio, con cui ora la accompagnavano a quelle nozze vergognose, non ci potesse esser posto per un po' di commiserazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vi si recò i primi giorni accompagnata, al solito, da Gerlando e da Gesa; poi, senza Gerlando; infine, sola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Monsignor Partanna, invece, non si era mai recato piú d'una volta al mese in questa o in quella badia, sempre accompagnato dai due segretarii, arcigno e duro, e non aveva mai voluto accettare, non che una tazza di caffè, neppure un bicchier d'acqua.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quantunque abbattuto, don Arturo balzò in piedi: - Eccomi, signor barone! E lo accompagnò, attraversando tutto lo stanzone, fino alla saletta d'ingresso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
ma dopo cinque o sei, don Arturo non aspettò piú che venissero a pregarlo fino al divanuccio in fondo allo stanzone; appena vedeva uno alzarsi, accorreva pronto e servizievole e lo accompagnava fino alla saletta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Griffi accompagnò con un desolato tentennar del capo le esclamazioni di stupore del ritrovato amico; e ogni tentennamento era forse insieme un cenno e un saluto lagrimevole ai ricordi del buon tempo andato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se non che, la prima volta che poté uscir di casa, accompagnato dalla sorella, in gran segreto manifestò a questa il desiderio d'esser condotto alla casa del medico che curava Beniamino Lenzi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma sicuro che m'era facilissimo fare il gradasso con lei, schiaffeggiare una donna, dopo aver accolto e accompagnato coi debiti riguardi fino alla porta uno che era venuto a insultarmi fino a casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Pareva almeno cosí, perché d'estate quando a Chianciano venivano per la cura dell'acqua i villeggianti in gran numero coi loro cagnolini, e le loro cagnoline, Pallino cangiava di punto in bianco, diventava socievole, chiassone, proprio un altro; tutto il giorno in giro da questa a quella Pensione, a lasciare a suo modo, alzando un'anca, biglietti da visita, il benvenuto ai cani forestieri, agli ospiti, che poi accompagnava da per tutto e, al bisogno, difendeva con feroce zelo dalle aggressioni dei paesani.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E di chi sono? e perché ce li tieni? Poi, sentendo dietro l'uscio dello studio i passi di papà che veniva ad accompagnare fino alla porta qualche cliente di conto, si cacciava sotto il tavolino, tra le gambe dello scrivano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La fecero bene, e istintivamente egli accompagnò col corpo la loro mossa da bertucce ammaestrate.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Infine, per raccomandarla con maggiore efficacia, volle accompagnarla - (ma proprio scomodarsi fino a tal punto?) - sí sí, lui in persona volle accompagnarla al Ministero della Pubblica Istruzione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ed ecco il Verona, due, tre volte la settimana, pronto con la vettura per condurre la ragazza a questo e a quel concerto; e spesso, durante la stagione lirica, veniva a congiurar con lei, a metterla sú, perché inducesse con le sue graziette la mamma e il babbo ad accompagnarla a teatro, nel palco già fissato per lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Fu all'improvviso come se, nella sua anima scombujata, quei ceri funebri guizzassero e accendessero un lampo livido a rischiarargli orridamente tutta la vita, fin dal primo giorno che Silvia gli era venuta innanzi, accompagnata da Marco Verona.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando - tre mesi dopo - i Fiorenzo, marito e moglie, accompagnati alla stazione dai parenti e dagli amici, partirono per il viaggio di nozze, diretti a Roma, Ortensia Motta, intima di casa Fiorenzo e anche amicissima della Sarulli, disse al marito, alludendo a Bartolino: - Povero figliuolo, ha preso moglie? Io direi piuttosto che gli hanno dato marito! Ma con ciò, si badi, la Motta non voleva mica dire che Lina Sarulli, prima Lina Taddei, ora Lina Fiorenzo, avesse piú dell'uomo che della donna.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quei due eran venuti da un paese di Calabria accompagnati da una lettera di presentazione a Tommaso, il quale li aveva accolti con la festosa espansione della sua indole sempre gioconda, con aria confidenziale, col sorriso schietto di quel suo maschio volto, in cui gli occhi lampeggiavano, esprimendo la vitalità piena, l'energia operosa, costante, che lo rendevano caro a tutti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
forse un po' troppo franca nel parlare; sí, ma lieve difetto, in fin dei conti, che tante buone qualità avrebbero potuto compensare, se non fosse stato accompagnato da un brutto male, ah brutto...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ella non si provò piú a trattenerlo; lo accompagnò, dolente, fino alla porta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dietro, una sola accompagnatrice.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E accompagnò il saluto con un riso sguajato, scrollando il capo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Aveva fatto giuramento, lei, che avrebbe accompagnato a piedi il padrone fino all'imboccatura di via San Lorenzo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il sonno del cocchiere su la cassetta e il sonno del morto dentro il carro: freddo e nel bujo, quello del morto; caldo e nel sole, quello del cocchiere; e poi quell'unica accompagnatrice con l'ombrellino chiaro e il velo nero abbassato sul volto: tutto l'insieme di quel mortorio, insomma, cosí zitto zitto e solo solo, a quell'ora, bruciata, faceva proprio cader le braccia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Alla fine il carro si mosse tra la folla che gli fece largo, vociando; ma, come apparve di nuovo, sotto l'ombrellino chiaro, col velo nero abbassato sul volto, quell'unica accompagnatrice - silenzio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
"Nessuno, come t'ho detto, ardisce montarci sopra; e tutti, appena lo vedono fermo davanti a una casa, restano a mirarlo con certi visi lunghi spauriti; e certi gli vengono attorno coi ceri accesi; e poi appena cominciamo a muoverci, tanti dietro, zitti zitti, lo accompagnano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Pare di gran conto, perché la spedizione avviene con molta pompa e molto accompagnamento.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Da quindici giorni, questi strambi soliloquii dialogati, con accompagnamento di gesti vivacissimi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No! Ah ah, vorresti accompagnarmi? Sarebbe curiosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
I due cavalli tiravano la carrozza chiusa, accompagnando con un moto della testa china ogni passo allungato a stento, e i sonagli ciondolanti pareva misurassero la lentezza e la pena.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Socchiuse gli occhi e aspirò col naso, a lungo, deliziosamente, accompagnando l'aspirazione con un gesto espressivo della mano: - Che profumo...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma, perdio, da quel suo collo cosí lungo egli credeva di saper tuttavia cavar fuori una seducentissima voce e accompagnare le sue frasi dolci e gentili con molta grazia di sguardi, di sorrisi e di gesti, con le mani costantemente calzate da guanti di filo di Scozia, che non si levava neanche a scuola, impartendo le sue lezioni di francese ai ragazzini delle tecniche, che naturalmente ne ridevano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Chi sa come sarebbero restati a Màrgari, vedendoli ritornare accompagnati cosí, da tanta forza! Il vecchio se ne sarebbe subito accorto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sorseggiavano una piccola Pilsen, succhiavano qualche sciroppo con un cannuccio di paglia, e stavano a guardare, a guardar tutte le donne che passavano per via, sole, a coppie, o accompagnate dai mariti: spose, giovinette, giovani madri coi loro bambini; e quelle che scendevano dalla tranvia, dirette a Villa Borghese, e quelle che ne tornavano in carrozza, e le forestiere che entravano al grande albergo dirimpetto o ne uscivano, a piedi, in automobile.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E con ciò? - La accompagnò fino qua, a piedi; attempatello com'è.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Con grande stupore zia Michelina si vide rimandare indietro il danaro, accompagnato da una protesta furiosa: ch'egli non voleva questo; ch'egli voleva esser capito, capito, capito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le toccò poi quasi con mano, quando, sul tardi, avendo accompagnato la comitiva fino a Sarli per la via piú corta, e risalendosene solo per il viale a Gori, a un certo punto, giú nella valle, tra i castagni, intravide Pepi, seduto e assorto senza dubbio nel ricordo della gioja recente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vive, Dio, vive, vive quelle labbra; e con cosí vivo, vivo e pressante invito il gesto della mano e anche del capo, anche del capo ora, accompagnava l'offerta, che egli si sentí forzato a protendersi, ad allungare una mano tremante verso la mano della Vergine; e già stava per riceverne il rosario, quando dall'ombra dell'altra navata della chiesa un grido rimbombò come un tuono: - Ah, ladro! E don Nuccio cadde, come fulminato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'ho accompagnata fino al portone di casa, poi, dopo il tramonto, mi sono recato a passeggiare lungo la riva destra del Tevere oltre il recinto militare, in prossimità del Poligono.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
(Perché il Vannícoli credeva che il professor Lamis quand'egli e il Ciotta, finita la lezione, lo accompagnavano per un lungo tratto di via verso casa, si rivolgesse unicamente a lui, solo capace d'intenderlo.) E difatti il Vannícoli sapeva che da circa sei mesi era uscita in Germania (Halle a.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sicché dunque davvero Bernardino Lamis aveva ragione, uscito dall'Università, di sfogarsi quel giorno amaramente coi due suoi fedeli giovani che lo accompagnavano al solito verso casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Io ci fui! Lo accompagnai...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La zitellona corse ranca ranca a rintanarsi di nuovo; ma Venerina, coraggiosamente, lo accompagnò nella camera dell'infermo già quasi al bujo, accese una candela e la porse allo straniero, che la ringraziò chinando il capo con un mesto sorriso; poi stette a guardare, afflitta: vide che egli si chinava su quel letto e posava lieve una mano su la fronte dell'infermo, sentí che lo chiamava con dolcezza: - Cleen...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E che risate quando egli sbagliava, risate che diventavano fragorose se s'accorgeva che la zia zitellona, legnosa nella sua pudibonda severità, per non cedere al contagio del riso si torturava le labbra, massime quando l'infermo accompagnava con gesti comicissimi quelle parole staccate, telegrafando cosí a segni le parti sostanziali del discorso che gli mancavano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ritornati in paese, Venerina accompagnò fino al vaporetto il marito, ma non volle imbarcarsi con lui per il viaggio di nozze concesso dal Di Nica.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ci andò una volta il Cleen, per far piacere alla moglie, ma ebbe dalla zitellona tale accoglienza, che giurò di non ritornarci piú, né solo né accompagnato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Appena il ragazzo si presentò in maniche di camicia nel giardino davanti alla finestra, il Brivio gli buttò in faccia sgarbatamente la giacca infilzata, accompagnando l'elemosina con un "Tieni, è per te!".(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E si mosse per uscire, con le mani avanti; barellò; fu sorretto, messo in vettura e accompagnato da due pietosi fino a casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma quando ne diede il primo saggio al Balicci con certe inflessioni e certe modulazioni, e volate e smorzamenti e arresti e scivoli, accompagnati da una mimica tanto impetuosa quanto superflua, il pover'uomo si prese la testa tra le mani e si restrinse e si contorse come per schermirsi da tanti cani che volessero addentarlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Se vuole, - gli disse la Venanzi, - lo farò accompagnare fino a casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si recò nella saletta per pregare il custode, che l'aveva accompagnato, di attender lui a quanto si doveva ancor fare per la mamma.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi seguiva per un lungo tratto dello stradone polveroso la comitiva, che si recava, sovraccarica di sacchi e di fagotti, alla stazione ferroviaria della prossima città, fra le madri, le spose e le sorelle che piangevano, disperate; e, camminando, guardava affitto affitto gli occhi di questo o di quel giovane emigrante che simulava una romorosa allegria per soffocare la commozione e stordire i parenti che lo accompagnavano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dio La benedica, signor dottore! Ma che dice? Accompagnarmi, vossignoria! Vada, vada avanti; io sono vecchierella e vado piano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
mi toccò una volta accompagnare una mia figliuola che soffriva di nervi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Annicchia rimase un po' perplessa, poi aggiunse: - Anche a Palermo è venuto alla stazione un altro galantuomo che mi ha poi accompagnata fino al vapore: tanto buono anche lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E l'asino riprese ad andare, non ben persuaso però di quel suono insolito che accompagnava il suo lento zoccolare sulla polvere dello stradone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi la accompagneremo fino alla fossa, e quindi ciascuno riprenderà la sua via...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il vecchio, ancora valido, attendeva di là alla rimonda e accompagnava cosí, con quel lamento, la sua dura fatica.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La mattina seguente volle accompagnarlo in vettura fino alla clinica e, nel lasciarlo, gli disse che si sarebbe messa subito subito all'opera, come una rondine frettolosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
III Tre giorni dopo, il signor Marco Lèuca, accompagnato dall'avvocatino Aricò, fece la sua prima visita alla moglie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nascono pure in lei gli stessi sentimenti che in tutti gli altri; ma mentre gli altri vi s'abbandonano cecamente, lei, appena sorti, li avverte e, se buoni, li accompagna come s'accompagna un bambino per mano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si rianima subito, notando negli occhi della moglie il gradimento inatteso, il piacere ch'egli anzi sia venuto cosí accompagnato; e allora apre le braccia e senza darlo a vedere tira pian piano un gran sospiro con le labbra atteggiate d'un tremulo sorriso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E allora, senz'altro, si reca a visitar quella casa in principio di via Flaminia, accompagnata dall'Aricò.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo accompagnava a casa; lo raccomandava alla serva; e ritornava alla bottega, dove ritrovava il vecchio cameriere che dormiva ancora, nel solito angolo, con la bocca aperta, mangiato dalle mosche.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E di qua e di là, passeri, cince e beccafichi, quasi n'avessero avuto il segnale dagli alberetti in vedetta, accompagnavano con un coro di sfrenata ilarità quell'aspra rissa sottovoce, a petto a petto, ferma ancora su quelle due parole, che invece di levarsi sú, acute, si stiracchiavano pigiate sempre piú dallo sprezzo: - Spiiia! - Laaadro! - Spiiiia! - Laaaadro! E alla fine, quando entrambi sentirono di essersi raschiata la gola e credettero d'aver ciascuno impresso su la grinta dell'altro, indelebilmente, il marchio d'infamia contenuto in quella parola tante volte e con tanta veemenza ripetuta, si voltarono le spalle, e Meo Zezza prese di qua e don Filiberto Fiorinnanzi di là, frementi, ansimanti, schizzando faville dagli occhi, stirandosi il collo in sú, il panciotto in giú, e ripetendo, fra il tremolío delle labbra aride, quello: - Spia...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Rientrò nella stanzetta la vecchia serva che aveva accompagnato fino alla porta il commesso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ecco finalmente una parola che parte dal cuore! Lei, dunque, venga, corra al Municipio, gentilissimo signore! Prese per un braccio quell'invitato, a cui s'era rivolto la prima volta; lo accompagnò fino alla porta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La maestrina Boccarmè, cosí colta all'improvviso, aprí appena appena le mani gracili e pallide a un gesto sconsolato e disse: - È ormai tanto tempo! L'angustia d'una rassegnazione, forse neanche piú avvertita, le si disegnò, cosí dicendo, agli angoli degli occhi, appena contrasse la pelle del viso per accompagnare quel gesto delle mani con uno squallido sorriso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ritornando verso casa, già tardi, gli aveva strappato la promessa, anzi il giuramento, che la avrebbe accompagnata soltanto fino alla porta; ma il giuramento era a prezzo d'un bacio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma appena il medico si licenziò e la nuora con la bambina per mano si recò ad accompagnarlo fino alla porta, il furore scoppiò sul figlio rimasto solo con lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non aveva ancora sei anni, e già si rivoltava, indignato, e scappava via sulle furie nel vedersi mostrato da lei a chi la rimproverava di quella sua troppa remissione; si turava gli orecchi per non udire dall'altra stanza le parole con cui di solito ella accompagnava quel gesto rimasto a mezzo per la sua fuga: che aveva un figlio e che questo, data la sua disgrazia, fosse già un premio veramente insperato che Dio le aveva voluto concedere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
IV Quando, già a tarda sera, il professor Dionisio Vernoni e Torello Scamozzi, i quali cavallerescamente avevano voluto accompagnare fino alla stazione di Valdana le signore Gilli e a Valdana s'erano poi trattenuti tutta la giornata, si ricondussero stanchi e affamati all'alberguccio, in vetta al monte, vi trovarono tutti gli altri ospiti come smarriti in un silenzio d'infinita costernazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dopo la paurosa avventura occorsa a Niní Gilli e tutti i discorsi che s'erano fatti nella mattinata, come spiegare quel ritardo del senatore, cosí prolungato? Leone Borisi s'affrettò a ragguagliare i due amici; disse che già due camerieri erano stati spediti in cerca dell'illustre uomo, ma che eran ritornati sú senza averlo trovato; che poi l'albergatore stesso, non ben sicuro che quei camerieri fossero veramente arrivati fino al Conventino, c'era voluto andar lui, accompagnato da un altro cameriere; e neppur lui lo aveva trovato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si rivolse alla moglie: - Va' anche tu; accompagnalo! E tornate qua presto, tutti insieme! La moglie s'arrischiò a chiedergli ancora una volta, con voce di pianto: - Ma tu che vuoi fare, Saru mio? Per carità! Saru si pose un dito sulla bocca e poi, con la stessa mano, fe' cenno imperioso alla moglie d'ubbidire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ella, che accompagnava inginocchiata quello scongiuro, pregando col piú intenso fervore, all'interruzione chinò piú volte il capo, per significargli che aveva capito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sidora, a quelle parole accompagnate da un ambiguo sorriso, si sentiva gelare e lo guardava sbigottita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E perciò io non ho paura! Zi' Lisi insistette per accompagnarla; ma lei tenne duro; gli disse che avrebbe preso in affitto l'asino da qualche altro; e allora egli cedette e le promise che il giorno appresso, all'alba, l'asinella sarebbe stata davanti alla porta di lei, con la bardella e tutto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Signore e la bella Madre vi accompagnino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le animucce sante del Purgatorio mi accompagneranno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
— E lasciatemi parlare ! E perché è fuggita donna Lia , la vostra padrona piccola ? La mia nonna dice che voi lo sapete: che l'avete aiutata a fuggire , donna Lia: l'avete accompagnata fino al ponte , dove si è nascosta finché è passato un carro sul quale ella è andata fino al mare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Il silenzio e la frescura del Monte incombente regnavano attorno: solo il gorgheggio delle cingallegre in mezzo ai rovi animava il luogo , accompagnando la preghiera monotona delle donne raccolte nella chiesa .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
La festa durava nove giorni di cui gli ultimi tre diventavano un ballo tondo continuo accompagnato da suoni e canti: Noemi stava sempre sul belvedere , tra gli avanzi del banchetto ; intorno a lei scintillavano le bottiglie vuote , i piatti rotti , qualche mela d'un verde ghiacciato , un vassoio e un cucchiaino dimenticati ; anche le stelle oscillavano sopra il cortile come scosse dal ritmo della danza .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Cantava accompagnandosi: A sa festa . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tutto il giorno la fisarmonica suonò accompagnata dai gridi dei rivenditori , dall'urlo dei giocatori di morra , dai canti corali o dai versi dei poeti estemporanei .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Persino i fantasmi , quella notte , non osavano uscire , tanta luce c'era: e il mormorio dell'acqua era solitario , non accompagnato dallo sbatter dei panni delle panas .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Il ragazzo cantava , accompagnandosi , e la sua voce acerba d'una melanconia inesprimibile riempiva la notte di dolcezza e di chiarore .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Intanto don Predu accompagnava Efix , su , su , per la straducola lavata dalle ultime piogge .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Quando fu nella strada dopo che don Predu lo ebbe accompagnato fino al portone come un amico , Efix si guardò attorno e sospirò .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ma il Signore mi ha sempre aiutato: prima Juanne Maria , Dio l'abbia in gloria , poiquesto , sono stati i miei compagni , i miei fratelli , come gli angeli che accompagnavano Tobia .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— No , non me ne andrò , — disse Efix , — io ti accompagnerò , d'ora in avanti: ci porteremo per mano l'uno con l'altro .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
La gente ballava e suonava , il tramonto tingeva di rosa il campanile , i tetti , gli alberi intorno ; dalla chiesa usciva un salmodiare di laudi che accompagnava il motivo della danza , e un profumo d'incenso che si mescolava all'odore degli orti .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ed Efix sentiva avvicinarsi la morte , piano piano , come salisse tacita dal sentiero accompagnata da un corteggio di spiriti erranti , dal batter dei panni delle panas giú al fiume , dal lievesvolazzare delle anime innocenti tramutate in foglie , in fiori . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Don Predu è vestito di nero , un abito nuovo attillato che lo costringe a respirar forte , ma Efix non ne distingue il viso , mentre vede la bocca sarcastica del Milese , lunga , stretta , come piena di riso represso , e il ventre gonfio d'una parente delle dame , quella che deve accompagnare la sposa , e due ceri con due nastri color rosa sostenuti da due manine pallide .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Torno presto , io , appena li avrò accompagnati: bisogna che vada ; sta' quieto , fermo fermo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
"Vi rammentate voi, lo scorso autunno a Parigi del giorno che guardavam lieti alle isolette vagamente alberate e cespugliose del ponte a Neuilly, che, tutte vestite, bagnano nell’acqua i lembi del verde lor manto; e quando, svoltando per la via che accompagna il fiume, montavam per la costa vignata di Suresne, verso la chiesetta ch’è in cima, e vedevam la salita ad ora ad ora mollemente riposarsi in pianure ondeggianti od in seni; e i poggi a destra fender l’azzurro con le allegre lor cime: quando entrammo in un capanno biancheggiante di gesso cavato; e guardando al sole che mandava gli ultimi raggi alla già languente verzura, tale, diss’io, è l’ultimo amore? "Addio, buona mia. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Un giorno salendo dalla Penta all’Oreto, mentre guardava tra’ colli addossati le vallette scorrere quasi seni, e il forte castagno quasi abondante criniera vestire le cime, e i sentieruoli distinti di fior bianchi e gialli, e le siepi ondeggianti per le fronde a piramide della felce; e il declivio digradare lento verso la piaggia feconda, e sul mare il sole novello, e i villaggi biancheggiare, e l’ombre e il lume dai dossi sbattuto risaltar pel contrasto; e’ s’abbatté ad un buon vecchio co’ capelli bianchi; e accompagnatosi seco, gli domandava del Paoli.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma, in quella notte cruda non volend’ella a nessun costo disturbare il buon vecchio, Giovanni leggeva tradotte le preci, e Maria le accompagnava col mover tacito delle labbra. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quelli gravi di suo fratello e del signor Giacomo, la coda della colonna, non le lasciavano udire gli altri ch'ella avrebbe voluto accompagnar con l'orecchio quanto era possibile. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poi uscì, fu accompagnato dal Pinella col lume fino al sottoportico tenebroso dove mette capo la strada di Castello e scomparve. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ci si provò Pasotti e, non riuscendo, uscì dai gangheri anche lui con un «O fiolonona!» e proseguì a tirarle improperi, a ciascuno dei quali il signor Giacomo faceva un sommesso accompagnamento di gratitudine. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La ingenua creatura si offerse di accompagnarlo a casa Ribera quel giorno stesso: «Gavarissen inscì mai piasè». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La signora Peppina le inghiottì scrupolosamente tutte fino all'ultima, accompagnandovi affettuose note di lieta meraviglia: «Oh bell, oh bell!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ben! una volta, sì signor, le lune d'agosto le gera lunazze, tanto fate, come fondi de tina; adesso le xe lunete, buzarete… no, no, no.» E, acceso il suo lanternino, partì con Pasotti, accompagnato fino al cancello del giardinetto dall'impertinente Pedraglio con le solite antifone sul toro e la servente, si avviò verso gli antri di Oria, col conforto delle giaculatorie di Pasotti: «gente maleducata, sior Zacomo, gente villana!», giaculatorie dette abbastanza forte perché gli altri potessero udire e ridere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Con suo grande stupore, la Pasotti, invece di uscire, chiuse la porta e si mise a fargli una mimica concitata, affatto inintelligibile, accompagnandola di sospiri tronchi e di stralunamenti d'occhi: dopo di che si levò di tasca una lettera e gliela porse. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Udito che le dalie erano nell'orto, propose a Franco di accompagnarvelo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'aveva Franco, che discese, accompagnato da un gendarme, a prenderla nella sua camera. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Discese accompagnata da un gendarme e risalì con un cestellino pieno di chiavi, lo porse all'aggiunto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il professore che accompagnava Ester con l'ombrello ebbe un'idea, palpitò, tremò e, fattosi un coraggio leonino, la mise fuori; disse che il paradiso era più piccolo ancora e poteva stare sotto un ombrello. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella si guardò bene dall'offrirgliene il bandolo, continuò a parlargli del tempo, del freddo, dell'umido, di un raffreddore di Friend che infatti accompagnava di frequenti starnuti il discorso della sua dama. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non volle invitar Luisa ad accompagnarlo, sperando ch'ella lo facesse spontaneamente; ed ella non lo fece dubitando che gli fosse gradito. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Baciò la mano a Luisa, abbracciò l'ingegnere e Franco accompagnando gli atti con effusioni e profluvi di sentimento. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Se fosse venuto per loro? Se nelle cause di questa improvvisa venuta ci avesse parte il viaggio del professore a Lodi? Avrebbe voluto consultarsi col professore, dirgli di fermarsi fino a che i Pasotti fossero partiti; ma come parlargli poi senza che se ne avvedesse Franco? Intanto donna Ester prese congedo e il professore che aveva ottenuto il perdono della capricciosetta, perfidetta signorina, a patto di non domandare il paradiso, ebbe licenza di accompagnarla a casa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Allora se ne andò anche la signora Peppina e la Pasotti chiese a Luisa di ritirarsi un momento, la pregò di accompagnarla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
In questo testamento Ella, signor don Franco, è istituito erede universale con accompagnamento di offese atroci alla moglie e al figlio del testatore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La Veronica accompagnò i viaggiatori col lume, diede il buon viaggio al padrone, tutta compunta, avendo odorata la burrasca. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Vieni a Porlezza per le carte del notaio», diss'egli, «o proprio per accompagnar me?» 1 «Anche questo!», mormorò Luisa, tristemente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Se son venuta per accompagnarti, lo saprai. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli raccontò che ne possedeva una anche lei, corse a prenderla per fargliela vedere e il professore scherzò, la pregò di accompagnarlo a Lugano con la sua barca. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ester scrisse il telegramma, in sala c'era un'altra persona, la povera Pasotti corsa lì mentre suo marito era andato ad accompagnare la marchesa a Cressogno. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Che gioia di trovarlo e che gioia di sentirsi terra libera sotto i piedi! Mi sia permesso di ricordare il vecchio che accompagnava Pedraglio e l'avvocato, bizzarra figura del piccolo mondo antico luganese, artista e degno che un altro artista, passandogli così vicino, gli renda onore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ora egli si era spontaneamente accompagnato a Pedraglio e a V. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Uscita dal Camposanto si avviò verso Albogasio e si accompagnò ad alcune donne di Oria che andavano a dire il rosario alla parrocchia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Contavo di accompagnarti ma, se non vieni, andrò solo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Sì», brontolo un vecchio sergente che li accompagnava, «ca s'ricordo del Sgnour, d'la Madonna, del Vescov e del prevost!» I soldati molto pratici del «prevost», la prigione militare, risero della barzelletta e il battello partì. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Partito il battello, accompagnò egli stesso i due viaggiatori all'albergo del Delfino. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco li accompagnò alla barca e intanto sua moglie salì a vedere lo zio Piero. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Disse con voce rotta che dovendo alzarsi presto per accompagnarlo al vapore pensava di non sciogliersi le trecce e di coricarsi vestita. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Prese a sinistra e per una fila di sale vuote accompagnò i visitatori al cancello di ferro, suonò il campanello. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella si vuotò di dolcezza, si fece tutta vacua e lieve come se un'aria calda circolasse nella concavità delle sue ossa prive della midolla insensibile; e un gemito sommesso, quasi una implorazione senza suono, accompagnava quel miracolo. Ma, quando si sentì distrutta sino al fondo, volle rinascere; e scosse un poco il capo per allentare la presa e liberò dalle labbra le labbra e le riattaccò sovrapposte per avere quel che aveva donato.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
E il gemito sommesso, debole come il fiotto d'un bambino infermo, accompagnava il miracolo; ché, pur mordendo, la donna non cessò da quella implorazione quasi senza suono, onde la voluttà pareva soffusa di dolore e velato di pietà il combattimento. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Come l'aquila nella valle arenosa non balza a volo ma parte con rapido passo, corre accompagnando la corsa con un crescente fremito di penne, si separa dalla sua propria ombra salendo con debole erta, alfine si libra su la vastità dell'ali rimontando il filo del vento: prima gli artigli segnano impronte profonde, dopo a grado a grado più lievi, sinché sembrano appena scalfire la sabbia, e l'ultima traccia è invisibile: così la macchina su le sue tre ruote leggère correndo nel fumo azzurrigno, quasi che l'erbe secche della brughiera le ardessero sotto, lasciava la terra. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli lasciava dietro di sé la turbolenza della sua passione, il riso agitante d'Isabella, lo sguardo febrile e ostile dell'adolescente, la vanità delle amiche, la stupidità degli accompagnatori, tutto quello stuolo intruso che l'aveva assalito e oppresso. Ritrovava il suo silenzio, il suo deserto, il suo cómpito. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Subitamente l'intervallo si chiuse; il nucleo della forza si ricompose. Di nuovo egli sentì che le sue vertebre armavano tutto il congegno e che l'ossatura delle ali simile all'omero tubulare dell'uccello era penetrata dall'aria stessa dei suoi polmoni. Di nuovo gli si creò nei sensi l'illusione di essere non un uomo in una macchina ma un sol corpo e un solo equilibrio. Una novità incredibile accompagnò tutti i suoi moti. Egli volò su la sua gioia. Una intera stirpe fu nuova e gioiosa in lui. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
«Domani, domani!» ella pensava sconvolta come se a un tratto, dopo aver sì crudelmente indugiato, non volesse più attendere. «Potrei fargli dimenticare il suo dolore? Conosce la mia bocca. Che farà egli? Partirà? accompagnerà la salma del suo amico? non mi tornerà più? o quando?»
---------------
Egli già aveva attenuata di dubbii la subitanea divinazione del bacio selvaggio; aveva persuaso a sé medesimo la possibilità d'essersi ingannato; s'era acquetato nella continua vigilanza. Ed ecco, ella confessava il suo amore, più con quel suo viso muto che con le inattese parole; rompeva i ritegni; era pronta alla ventura. Gli ritornò nell'anima il gemito che l'aveva accompagnato nelle ambagi della ruina. «Addio! Addio!» (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Aspettò, coricata sul fianco, rivolta verso il vaso delle rose, ch'era accanto al capezzale: «E se Isabella fosse ripresa dalla smania di andare? se ora si preparasse ad andar sola, o accompagnata da Chiaretta?» L'ansia rimescolò tutte le doglie. Ella cercò in sé un modo di opporsi a questo evento. Le pareva che ad ogni costo ella non dovesse desistere dal proposito; il quale omai le era divenuto come un comandamento dell'anima, a cui le fosse necessario obbedire sotto pena di un'oscura punizione. Bisognava che in quella notte ella si ritrovasse alla presenza di colui che aveva sognato con lei l'ultimo sogno; bisognava ch'ella deponesse ai piedi del cadavere il fascio di rose ancor vivo ond'aveva tolta quella del più alto volo. La febbre delle sue imaginazioni aveva mutato in un legame misterioso le vaghe possibilità ondeggianti su quel colloquio tanto recente e già tanto remoto. Il suo vóto funebre era come il vóto d'una fidanzata segreta.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Come siete venuta qui, sola? Qualcuno è là, che v'ha accompagnata?
---------------
L'atto ch'egli era per compiere al conspetto della folla era un atto di silenzio, un atto religioso, comandato da una necessità interiore ch'egli non indagava ma che nessuna forza di persuasione avrebbe potuto abolire. Andava egli incontro al presagio? sfidava la morte? sperava nella morte? Non v'era in lui né l'ansia del presentimento né l'eccitazione della prodezza; sì v'era una pacata potenza di dolore e di attesa come s'egli andasse a un alto colloquio desiderato dalla cara Ombra fraterna. Egli sentiva in sé quello stupendo gelo che accompagna la volontà di là dal limite noto, quando sembra che l'anima si muti in un monte di rigido diamante e non lasci vivere sul suo culmine aguzzo se non un solo pensiero aquilino. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Lunella accompagnava col cenno del capo chiomoso la rimatrice improvvisa, mentre gli occhi cigliuti color di nocciòla le rimanevano serii e il sorriso le schiudeva appena appena la bella bocca imbronciata come quella di Antinoo. Aveva in mano un foglio di carta bianca, e dentro v'intagliava figure con un par di forbici sottili. Ella era seduta sul murello tondo che cerchiava il tronco del leccio patriarcale, nel giardino degli Inghirami; e Vana le stava da presso, inginocchiata su l'erba sparsa di piccole ghiande vaie, con lo sguardo fisso all'opera incantevole. Di là dal tetto del palagio, di là dai vecchi embrici chiazzati di gromma, sorgevano le torri fulve e bige di Volterra nell'ardore di luglio. I balestrucci a stormi tessevano e ritessevano l'azzurro tra il Duomo e la Rocca. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Era il sospiro d'un'arietta, era il gorgheggio d'una di quelle antiche villanelle italiane che sembrano accompagnare il Cupìdo sbracato che danza su le serpi o la Grazia discinta che compone la ghirlanda con le mani trafitte. Era un arioso, era un lamento, una monodìa di Cristoforo Gluck, simile a una pura nudità dolorante nel suo proprio fulgore. Era una confessione improvvisa di Roberto Schumann in un rotto singhiozzo, in un grido irrevocabile, con una bocca severa, con uno sguardo forsennato. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Chi parte, non piange; chi resta, non piange. Si guardano fissi, con la mano nella mano; si accomiatano senza parole, presso il limite sepolcrale. E il testimone alato non è se non la divina Tristezza; perché la Tristezza è la musa etrusca, è quella che accompagnerà per le vie dell'esilio e dell'inferno un grande Etrusco colorato dalla bile atra. Non hai mai pensato che Dante ha ripreso l'arte dei dipintori di vasi e l'ha ingigantita col suo polso strapotente? Quasi tutta la prima cantica non è di figure rosse su fondo nero, di figure nere su fondo rosso? Taluni suoi versi non li vedi rilucere di quel nero metallico che hanno certi fìttili? E le sue Ombre non sono simili ai Vivi, come i Mani scolpiti in questi alabastri?(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Or bisogna che io ti guardi bene per scoprire se tu sei l'amore o se tu sei l'odio, o se tu sei biforme; perché ella m'ama e vuole ch'io l'ami così che ancóra e sempre quell'imagine di morte accompagna il mio delirio, e la mia voluttà si rattrista per non poter cancellare la bellezza di cui non si sazia». (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Via, Lunella, andiamo. Sii buona. Ti accompagno. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— L'ho portato sempre con me, il mio scarabillo. Qualche volta lo lascio dormire in fondo a un baule o a un tiretto per mesi e mesi. Poi lo risveglio. E m'incanta e mi culla ancóra. Mi ricordo che quando ero bimba facevo gighe e volte e sarrabande, sola sola, intorno alla scatola posata per terra. Ma come mai stasera lo scarabillo della mia innocenza ha accompagnato la danza della mia perdizione, Aini?
---------------
— Bisogna che io ritorni a Volterra, almeno per un po' di tempo — ella disse. — Non posso più lasciare le mie sorelle e mio fratello lassù, abbandonati, dimenticati. Ho già annunziato il mio ritorno e il nostro fidanzamento. È necessario che io sembri in regola, o quasi, davanti a Aldo, a Vana. Voglio che tu mi accompagni. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Smilzi cipressi intristiti, pagliai nerastri, fornaci di laterizii, cumuli di mattoni crudi, mucchi di fascine secche, miseri olivi contorti accompagnavano il cammino. Tutto pareva prossimo a incendiarsi nel vento come una stoppia di maremma, a divampare in un attimo, a consumarsi in un attimo, a disperdersi per la desolazione, fuoco nel fuoco, cenere su la cenere. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Al primo urto, Isabella sgomenta aveva volto gli occhi per scorgere chi fosse apparito, ché qualcosa d'imprevedibile era sempre imminente alla sua inquietudine. Ma quel brivido d'incerto terrore, suscitatogli dal grido e dall'atto, accompagnò l'imagine dell'amante evocata dalle altre parole di Lunella. E l'ombra della sciagura le scese sul cuore in tumulto. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Non ti ricordi quando tu dicesti a Aldo: «Se m'accompagni, io vado?» Non andasti. Io andai. Nessuno mi accompagnò fuorché il mio mazzo di rose e il mio segreto. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Mi accompagnerai domani?
---------------
Vana, Lunella, Isabella non più parevano sbigottite ma s'erano disgiunte per seguire quel folle gioco; e, prese dal contagio, accompagnavano la distruzione con le loro voci rotte. Per arrivare alla volta, l'affocatore si drizzava con tutta la persona, sobbalzava e trasaltava come in una danza incomposta. Le faville crosciavano intorno al suo capo veemente. Egli sapeva evitarle. I suoi occhi lampeggiavano a quando a quando, nella luce rossa e fumosa, verso Isa che per istinto secondava coi moti involontarii l'insania del fratello. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Una volontà disperata di nuocere vi risorgeva per entro, accompagnata da un balenìo d'imagini violente. «Ah no, no, non posso tacere. Accada qualunque cosa, bisogna che io gli dica tutto, bisogna ch'egli sappia l'infamia. E se li uccide?» Ella volgeva su le sue amiche quegli occhi subitamente sbarrati che le faceva ridere o maravigliare. Era tutta chiara e gaia, in quel pomeriggio di Marzo, la stanza ove Simonetta Cesi le aveva radunate a prendere il tè per la festa del suo nome.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella non si volse, traversò l'andito. Un domestico la precedeva per accompagnarla fino alla scala. Ella aveva il passo fermo, un rigore quasi lapideo in tutta la persona, una tesa volontà di ripulsa, come per rendersi intangibile; poiché pensava che una mano potesse a un tratto prenderla per la spalla e trattenerla. Si ritrovò sul lastrico. «È compiuto». (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella non gridava né si difendeva, ma a ogni colpo gemeva un gemito sommesso, quasi una implorazione senza suono, che somigliava il gemito ond'ella aveva accompagnato il miracolo del primo bacio, debole come il fiotto d'un bambino infermo. Sentì il noto sapore dolciastro nella sua bocca, e non d'una sola stilla; e poi sentì l'altra bocca schiacciarla, più pesante del pugno, e i colpi cessare, e le mani passare a un'altra violenza, e la carne penetrare la carne come il ferro che sventra. E nella lividezza del crepuscolo, in fondo a quella stanza d'amore, tra le quattro pareti ch'erano quattro testimonii di silenzio e d'ombra, fu la mischia feroce di due nemici legati per il mezzo del corpo, fu l'ànsito crescente nel collo gonfio di arterie da recidere, fu lo squasso rabbioso di chi si sforza strappare dall'infimo le più rosse radici della vita e scagliarle di là dal limite imposto allo spasimo degli uomini. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Conoscimi — ella diceva — conoscimi, prima che io mi separi da te, prima che tu mi lasci. Metti la tua pena contro la mia pena. Tenta di scuotermi e di sollevarmi per sentire il peso di quel che dentro mi pesa più della mia carne. Fammi sanguinare ancóra, se non sai ancóra di che sa il mio sangue. Fammi ancóra male, amor mio dolce, fammi sempre più male finché tu mi somigli; perché in nulla possiamo somigliarci se non nella crudeltà ma tu non puoi eguagliarmi nel patirla. Ricòrdati del mio pianto come io mi ricorderò della parola che accompagnava i tuoi colpi.... (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Paolo aveva aperto gli occhi e nell'ombra incerta, ove ardeva ancóra la lampada velata ed entravano per gli interstizii i raggi del mattino, aveva sentito quell'aura misteriosa che accompagna la sventura. Sùbito fu in piedi, indossò una veste, uscì nel corridoio, vide Chiaretta stravolta e singhiozzante. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
«E io? non sono più nulla per te, Aini?» disse allora una bocca sanguinosa. «Ricòrdati del mio pianto come io mi ricorderò della parola che accompagnava i tuoi colpi....» E il tormento ricominciò, più fiero. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Paolo Tarsis, che pure tante volte s'era appassionato a quegli spettacoli, fuggì sconvolto, col cuore in gola. Si ricordava del giorno in cui egli e il compagno avevano assistito, in Sidney, dai gradi d'un immenso stadio capace di ventimila spettatori, sotto la giovine luce, al pugilato supremo fra il negro Jack Johnson e Tommy Burns il Canadese, finito in carneficina anche quello. Come entrò nell'ombra, all'estremo del portico, due o tre bagasce in agguato lo sollecitarono. Da un Caffè fumoso veniva un coro ignobile accompagnato da uno stridìo di mandolini e di chitarre. Un chiarore verdognolo, dalla vetrina d'una Farmacia, non rischiarava se non le tracce dei piedi umidicci su le lastre. Ed era una notte d'aprile. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ma, nell'affacciarmi per un attimo alla finestra, ho veduto la signora salire in una vettura pubblica che aspettava su la via e andarsene accompagnata dai due uomini seduti l'uno a fianco e l'altro di fronte.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Aveva già visitato la demente; appariva triste e perplesso, poiché non conosceva l'episodio della cattura se non nel ritorno dell'infelice accompagnata dai due sconosciuti e riconsegnata al portinaio. Né Paolo aveva cuore di confessargli la sua miseria e la sua insània. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Che accadde dall'ora in cui essa uscì sola all'ora in cui rientrò accompagnata dai due sconosciuti? — chiese il medico guardando dirittamente gli occhi chiari. — Può dirmelo?
---------------
La signora smaniosa disparve su per le scale. I due accompagnatori si allontanarono. Le ricerche minutissime, compiute per trovare tra gli agenti l'uomo indicato, son riuscite vane. Nessun rapporto fu presentato al Questore. Io penso che l'uomo sia un qualche malfattore temerario che abbia tentato un ricatto. Le ricerche tuttavia continueranno. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
I ricordi, in così breve spazio, si fecero di carne e d'ossa, camminarono verso di lui su quattro branche, lo soffocarono con un respiro grave come quello delle fiere. Poi combatterono, poi si divorarono tra loro; e rimasero vivi i più selvaggi, e infuriarono. «Ricordati del mio pianto come io mi ricorderò della parola che accompagnava i tuoi colpi.»
---------------
Come per accompagnarla fino ai tre cipressi, fino ai tre patiboli confitti sul poggio calvo, egli passò per la piazza di San Firenze prima di andare al colloquio incerto. La piccola porta, per ove ella era entrata, s'apriva sotto una finestra difesa da ferri robusti. L'andito era bianco, con le pareti coperte di lapidi e di stemmi. Appesa in alto era una lunga scala di legno; altre due lunghe scale eran poggiate sul pavimento, simili a quelle dei crocifissori. Un pergamo di legno scuro era abbandonalo a fianco dell'uscio. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
S'alzò, temendo le allucinazioni; attraversò il corridoio; escì su la piazza. I fanali erano già accesi. La massa petrosa del Bargello occupava il cielo argentino. Il campanile azzurro della Badia attendeva che alla sua punta si accendesse la prima stella. Una fila di vetture stava lungo il marciapiede, coi cavalli stanchi e tristi, coi vetturini sdraiati in attitudini di ubriachi o di mentecatti. «Quale di quelle portò la povera folle, seduta tra i due accompagnatori?»
---------------
* Temeva che il signor Prever lo volesse accompagnare. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Quando entrò nella sua camera, accompagnato dalla mamma che gli faceva lume, s'accorse che questa sul piano del cassettone aveva posato tre carte da dieci lire. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Pensò che forse ella si era fatta aiutare, accompagnare a quelle prove da qualcuno, forse dal Baldani, forse dal Luna o dal Betti... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* non era sola; forse qualcuno la accompagnava, la sosteneva in quel viaggio penoso... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E non uscì più di casa, tranne le domeniche, di mattina per tempo, per andare a messa nella prossima chiesa, accompagnata dalle due vecchie serve, ch’ella trattava come parenti. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Tutto il paese ha preso parte al cordoglio di lei e ha voluto dimostrarlo accompagnando all’estrema dimora il cadavere, a cui rivolse brevi e commosse parole d’addio il nostro assessore comunale cav. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Quasi ogni mattina, dopo la consueta abluzione di tutto il corpo, mi accompagnava nelle mie passeggiate; andavamo o sul Gianicolo o su l’Aventino o su Monte Mario, talvolta sino a Ponte Nomentano, sempre parlando della morte. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Allegro! – ripeté, accompagnando l’esortazione con un gesto della mano che significava: «Che fai? che pensi? non ti curar di nulla!». ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Quando si riscendeva per tornare in città la tristezza mi riagguantava il cuore e il pungente crepuscolo della sera accompagnava la mia nostalgia coi tocchi delle fievoli campane inascoltate . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* L'assettatura del mio sistema pessimistico — fondato sulla legge che sono necessariamente irraggiungibili giustappunto i fini più desiderabili — fu accompagnata da gioie intellettuali quasi nuove per me . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non vedevo e sentivo tutto quel che d'arte pura e grande v'è in molte pagine di quel libro troppo famoso e quell'aura pietosa e cristiana che vi spira dentro ; quella acquiescenza servile ai voleri del Signor Iddio ; quella punizione esemplare dei peccatori accompagnata dal trionfo discreto dei semplici e dei disgraziati mi faceva rivoltare con tutto il fuoco del mio spirito satanico e carducciano . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Li godevo al calore di quell'entusiasmo leggero e un po' volgare ; la poesia mi allargava e affinava la sensibilità ; la musica , assaporata allora per le prime volte , accompagnava con ritmi più gravi le mie galoppate visionarie . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Per conto mio non so rivedere la mia vita di quegli anni che accompagnata dalla tua figura di laborioso ed eccitabile giacobino . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Per l'uomo di vent'anni i tramonti medesimi sembrano avere i riflessi bianchi e delicati dell'alba che tarda a venire e le torcia che accompagnano i morti son fiiochi di gioia per le nuove fest(i e i rammarichi delle campane bigotte sono squilli che annunziano le nascite e accompagnano i battesimi delle anime . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Mi accorgevo d'esser lontano dalla mèta da me segnata e di non essere ancora lo spirito senza macchia né debolezza , predestinato ad accompagnar gli uomini nel gran passaggio al di là della vita presente . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Dolore e Amore ; il Su e il Giù ; i Santi e le Madri e un turbine che accompagna , fra cielo e terra , il viaggio di un peccatore mortale voglioso di salute . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Avevo trovato un compagno degno di me , pazzo come me , determinato ad accompagnarmi e a spartire con me insulti e trionfi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Chi ha mai pensato che quelli che illuminarono la nostra fanciullezza e ci accompagnarono con tante loro creature parlanti nelle serate malinconiche e libidinose dell' adolescenza e della giovinezza fossero dei buffoni ? Anch' io , quando non son preso da questa oscura rabbia che mi fa vomitar condanne e offese , dubito delle mie parole e sto per credermi ingiusto , forsennato e cattivo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* L' uomo soloy assolutamente solo , assolutamente spogliato , che non chiede nulla , che non vuol nulla , ch'è giunto al vertice del disinteresse per troppa perspicuità e non per cieca rinunzia , si rivolge al mondo ch'é spoglio per lui come una prateria bruciata , come una città devastata , il mondo che non ha più chiese , più mète , più asili e rifugi , e gli dice : Per quanto tu non mi prometta nulla sono ancora con te , mi unisco ancora alla tua forza , lavoro col tuo lavoro , ti accompagno e ti rifletto nel tuo spietato cammino . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
La mamma con un gesto accompagnato da un lieve suono labbiale accennò a me , ch’essa credeva immerso nel sonno su cui invece nuotavo in piena coscienza .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Allora soffersi per qualche settimana di un violento male di gola accompagnato da febbre .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Il dottore aveva una grande pancia e la sua respirazione asmatica accompagnava il picchio della macchina elettrica messa in opera subito alla prima seduta , che mi disilluse , perché m’ero aspettato che il dottore studiandomi scoprisse il veleno che inquinava il mio sangue .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Sollevò la mano e con l’indice teso accompagnò quelle parole da un atto di minaccia attenuato da un sorriso .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Feci delle poesie per onorarla ciò che mai equivale a piangere e , nel dolore , fui sempre accompagnato dal sentimento che da quel momento doveva iniziarsi per me una vita seria e di lavoro .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Certo sarà accompagnata dal senso della felicità e del riposo visto che la ricomposizione è tanto faticosa .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* M’aveva confidato di sentirsi male ed io lo costrinsi di andare da un medico dal quale anche lo accompagnai .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Curioso! Il mio dolore veniva accompagnato dal rimorso .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Anche nell’incoscienza veniva accompagnato da quella sua indomabile ostinazione .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Il dottore Coprosich arrivò alla villa quando ancora non albeggiava , accompagnato da un infermiere che portava una cassetta di medicinali .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Poteva esserci un’azione più malvagia di quella di richiamare in sé un ammalato , senz’avere la minima speranza di salvarlo e solo per esporlo alla disperazione , o al rischio di dover sopportare – con quell’affanno! – la camicia di forza? Con tutta violenza , ma sempre accompagnando le mie parole di quel pianto che domandava indulgenza , dichiarai che mi pareva una crudeltà inaudita di non lasciar morire in pace chi era definitivamente condannato .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Arrivavo a lei accompagnato da tanta sicurezza e finivo col parlare di tutt’altra cosa .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Anzi qualche volta anch’essa s’era accompagnata alle sorelle ed era stata a sentire le mie storielle .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Dovevano pur stendersi su un certo spazio di tempo! Dovevano esser accompagnate da un’espressione supplice della faccia , difficile a foggiarsi immediatamente dopo la mia lotta con Anna ed anche con Ada , e dal fondo del corridoio s’avanzava già la signora Malfenti richiamata dalle strida della bambina .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Avevo suonato con Augusta e , infatti , talvolta avevo parlato più con lei , che mi stava a sentire , che non con Ada , ma solo perché essa spiegasse ad Ada le mie storie accompagnate dalla sua approvazione .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Per un buon quarto d’ora corsi per le vie accompagnato da tanto sentimento .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Corsi da un fioraio e scelsi un magnifico mazzo di fiori che indirizzai alla signora Malfenti accompagnato dal mio biglietto da visita sul quale non scrissi altro che la data .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Oltre all’annotazione di un’ultima sigaretta accompagnata dall’espressione della fiducia di poter guarire della malattia dei cinquantaquattro movimenti , v’è un tentativo di poesia .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Mi permette di accompagnarla per un tratto?
---------------
* Mi confondeva anche il fatto che allora nella nostra città , per una fanciulla , era già un’azione compromettente quella di lasciarsi accompagnare sulla via da un giovanotto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Guardavo Ada e tentavo di dimenticare tutto il resto compreso l’altro che ci accompagnava .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Volli mettere dell’enfasi nelle mie parole , ma , nella fretta , la misi fuori di posto e finì che quel povero nome di Augusta fu accompagnato da un accento e da un gesto di disprezzo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Queste parole accompagnate da un atteggiamento di tristezza non erano altro che la mia ultima dichiarazione d’amore per Ada .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
È un dubbio che m’accompagnò per tutta la vita e oggidì posso pensare che l’amore accompagnato da tanto dubbio sia il vero amore .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Guido sentì il bisogno di un gelato e m’invitò ad accompagnarlo ad un caffè .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Finito il suo gelato , Guido sentì il bisogno di una boccata d’aria fresca e m’indusse ad accompagnarlo ad una passeggiata verso la periferia della città .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Trovammo una farmacia ancora aperta ed egli ebbe l’idea di mandarmi a letto accompagnato da un calmante .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Mi propose però di accompagnarmi fino a letto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Io la vidi solo allora , frastornato com’ero dalla tanta gente ch’era venuta ad accompagnarci e subito pensai: «Sei proprio tu che mi cacciasti in questi panni!» Avvicinai le mie labbra alla sua guancia vellutata badando di non sfiorarla neppure .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Egli allora faceva un proposito che diceva ferreo perché , per materializzarlo , lo accompagnava con un nodo ch’egli allacciava alla catena di metallo del suo orologio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Anche colà , e contro mia voglia , fui accompagnato da tutti gli ordigni necessarii per fumare tranquillamente .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Avevo accompagnato in giardino il mio amico che doveva rincasare prima del tramonto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Carla non sapeva neppure suonare e il suo accompagnamento monco rendeva anche più povera quella povera musica .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Figurati quale effetto farebbe questa voce quando fosse accompagnata da una buona orchestra .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Essa infatti m’ammirò , ma proprio fisicamente allontanò da sé il libro ch’era il nostro Galeotto , ma che non ci accompagnò fino alla colpa .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Mi alzai sempre accompagnato dai migliori propositi .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Proprio quando m’accingevo ad uscire , Augusta m’invitò con un dolce sorriso ad accompagnarla in casa del padre .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Che cosa stavo facendo in quel luogo lasciando trascorrere il tempo utile per effettuare i miei buoni propositi? Mi obbligavano di trascurare un’opera tanto utile a me e ad Augusta! Stavo preparando una scusa per andarmene , ma in quel momento il salotto fu invaso dalle donne accompagnate da Guido .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Tutti risero ed io me ne andai trionfalmente accompagnato anche da un saluto abbastanza lieto da parte di Augusta .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ecco ch’io ero corso da Carla e arrivavo a Carla accompagnata dalla madre .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Vede , signorina , – e accompagnai subito l’appellativo vezzeggiativo con un sorriso che poteva essere anche di amante , – vorrei rivedere questa roba prima di passare oltre .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Fui accompagnato tutta la notte da un ferreo proposito .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* È una forma di rispetto come lo sentiamo noi uomini , mentre non è ben certo se al moribondo non piacerebbe di più di venir accompagnato per l’ultimo tratto di via da voci chiare e forti che gli ricorderebbero la vita .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Accompagnato dal vecchio pensionato che aveva continuato a misurare col suo passo il piccolo corridoio , entrai nella stanza mortuaria .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Per l’effetto del vino , quella parola offensiva accompagnata da una risata generale , mi cacciò nell’animo un desiderio veramente irragionevole di vendetta .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Come mitiga il proprio animo il sentimento di avere dei grossi torti da riparare! Accettavo con grato animo tutte le insolenze a patto fossero accompagnate da quell’affetto che non meritavo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Giovanni si era coricato da tempo e gli altri prendevano congedo dal signor Francesco che andava all’albergo accompagnato da Guido .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Mi accompagnavano dei propositi poco precisi ma tutti onesti .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Diceva delle parole adatte ad accompagnare le sue lacrime che continuavano a scorrere .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Le domandai il permesso di accompagnarla avendo da dirigermi dalla sua parte stessa .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
accessorio
= che si accompagna o si aggiunge a ciò che è principale
---------------
accompagnabile
= che si può accompagnare .
---------------
accompagnatore
= colui che accompagna , colui che fa da guida o da scorta
---------------
accompagnatoria
= lettera con cui si accompagna l'invio di atti , documenti ecc . anche
=
---------------
accompagnatorio
= che accompagna , che costituisce un allegato
---------------
accompagnatura
= accompagnamento , seguito accordo , armonizzazione .
---------------
accompagno
= accompagnamento
---------------
acid music sost . f . tipo di musica rap le cui sonorità , molto dure , sono accompagnate da rumori prodotti elettronicamente a forte volume , con l'intento di suscitare le stesse sensazioni che si provano sotto l'effetto degli allucinogeni .
---------------
aedo
= nella grecia antica , poeta che cantava le gesta degli dei e degli eroi accompagnandosi con la lira poeta .
---------------
assolo
= o a solo , brano eseguito da un solo strumento o da una sola voce , con accompagnamento o senza
---------------
assordire
= verbo trans. e intr. disporre insieme più cose di uno stesso genere ma di forma , colore o qualità differenti , accompagnare , accostare , abbinare con un certo gusto oggetti diversi
---------------
blizzard
= nell'america settentrionale , tempesta di vento glaciale accompagnata da nevischio tormenta di neve , con vento forte e gelido.
---------------
body copy
= sost. m. nel linguaggio della pubblicità , il testo che accompagna l'immagine o lo slogan.
---------------
bombardiere
= aeroplano militare attrezzato per il lancio di bombeartigliere addetto alla bombarda 3 coleottero dal corpo rosso mattone , il quale , se disturbato , emette una piccola scarica di vapore irritante accompagnata da un leggero scoppiettio 4 pescatore di frodo che si serve di esplosivo per catturare il pesce.
---------------
bordone
= grosso bastone con manico ricurvo , usato un tempo dai pellegrini. - emissione costante e insistita di una nota ad accompagnamento di una melodia - penna d'uccello appena spuntata .
---------------
boston
= valzer lento e strisciato , di origine nordamericana nel jazz , tipo di accompagnamento pianisticogioco di carte americano.
---------------
bovarismo
= stato di insoddisfazione determinato dal conformismo proprio della vita borghese e accompagnato dal desiderio di evasioni di tipo mondano , sentimentale o intellettuale.
---------------
bracciere
= colui che accompagnava una dama dandole il braccio.
---------------
cartoncino
= tipo di cartone leggero e sottilebiglietto di cartone leggero, elegante, usato spec. per partecipazioni e biglietti da visita, o per accompagnare regali carticino.
---------------
chanson
= composizione vocale francese di origine trovadorica , che ha diverse forme con o senza accompagnamento strumentale.
---------------
cicisbeo
= nel settecento, il cavalier servente che accompagnava la dama corteggiatore galante
---------------
circostanza
= condizione particolare che accompagna o determina un fatto, un evento, una situazione
---------------
citaredo
= nella grecia antica, aedo che cantava accompagnandosi con la cetra
---------------
citarodia
= nell'antica grecia, canto accompagnato dalla cetra o dalla lira.
---------------
climaterio
= periodo della vita femminile caratterizzato dall'involuzione fisiologica delle ghiandole sessuali, spesso accompagnata da disturbi fisici e psichici
---------------
codazzo
= gruppo di persone che accompagnano qualcuno
---------------
compagnare
= verbo trans. accompagnare.
---------------
conclavista
= nome dato all'ecclesiastico e al cameriere che accompagnano ogni cardinale che entra in conclave.
---------------
concomitante
= che accompagna, si determina o manifesta insieme con altri aspetti di un fenomeno
---------------
condurre ant. conducere ,
= verbo trans. portare, accompagnare
---------------
contraffilare
= verbo trans. in calzoleria, togliere il contraffilo intorno alla suola della scarpanell'addoppiare la seta, alternare i fili grossi con i sottili, i cupi con i chiari, affinché si accompagnino meglio.
---------------
convogliare
= verbo trans. accompagnare, scortare
---------------
convoglio
= scorta, accompagnamentogruppo di navi che viaggiano insieme
---------------
corteggio
= schiera di persone che accompagnano o attorniano qualcuno per rendergli onore, o anche per adulazione
---------------
corteo
= insieme di persone che accompagnano qualcuno durante una cerimonia
---------------
cotiledone
= foglia carnosa che accompagna l'embrione delle piante fanerogame nella fase di sviluppo, con funzioni nutritive e protettive
---------------
declamare
= verbo trans . leggere - recitare con tono solenne - anche accompagnando le parole con gesti
---------------
elateridi
= grande famiglia di insetti coleotteri dal corpo allungato - con protorace fornito di una sorta di meccanismo che consente loro - se rovesciati sul dorso - di inarcarsi e spiccare salti accompagnati da un caratteristico clic - fino a riprendere la posizione sul ventre
---------------
elettrocardiografia
= tecnica di registrazione dei fenomeni elettrici che accompagnano l'attività cardiaca
---------------
elettroencefalografia
= tecnica di registrazione dei fenomeni elettrici che accompagnano l'attività cerebrale .
---------------
elettromiografia
= metodo di registrazione dei fenomeni elettrici che accompagnano l'attività muscolare
---------------
emblema
= figura simbolica - spesso accompagnata da un motto - usata in passato come insegna di famiglie gentilizie e attualmente di stati - organi territoriali minori e organizzazioni internazionali
---------------
emozione
= intenso moto affettivo - piacevole o penoso - accompagnato per lo più da modificazioni fisiologiche e psichiche
---------------
epatosi
= ogni alterazione degenerativa del fegato non accompagnata da processo infiammatorio .
---------------
eritrodermia
= dermatite molto estesa accompagnata da desquamazione .
---------------
esplosione
= rapido sviluppo di una grande quantità di gas provocato da fenomeni fisici o chimici - accompagnato da violenti effetti acustici - termici e meccanici
---------------
falsobordone
= o falso bordone , procedimento contrappuntistico in uso nel sec . xv , consistente nell'eseguire un canto accompagnandolo con altre due voci procedenti parallelamente a intervalli inferiori .
---------------
fissione
= scissione di un nucleo atomico pesante in due - o , molto raramente , tre parti per effetto di un bombardamento di neutroni , a cui si accompagna la liberazione di una notevolissima quantità di energia .
---------------
flabello
= grande ventaglio , formato da lunghe piume fissate a raggiera in cima a un'asta , col quale nelle antiche civiltà orientali si accompagnavano sovrani e dignitari - ciascuno dei due grandi ventagli di piume che un tempo si portavano ai lati della sedia gestatoria del papa nelle cerimonie solenni foglia - o ciuffo di foglie che ha l'aspetto di un ventaglio
---------------
fotoromanzo
= romanzo , per lo più di contenuto rozzamente sentimentale e a forti tinte , raccontato attraverso una serie di fotografie accompagnate da didascalie e fumetti .
---------------
fulmine
= scarica elettrica , accompagnata da rumore e radiazione luminosa , che si produce per una forte differenza di potenziale elettromagnetico tra una nube e la terra - o tra due nubi - fulmine a ciel sereno , fatto imprevisto e spiacevole - colpo di fulmine , innamoramento improvviso qualunque cosa che sia molto veloce , potente - o minacciosa
---------------
funerale cerimonia con cui si accompagna un defunto alla sepoltura
---------------
ganga
= in un giacimento minerario , l'insieme dei minerali inutili o sterili che accompagnano il minerale utile.
---------------
guidare
= verbo trans.far da guida accompagnando
---------------
hostess
= assistente di volo su aerei di linea - accompagnatrice , guida , interprete
---------------
kabuki
= genere del teatro giapponese in cui l'azione scenica è accompagnata da musica e danze .
---------------
jingle
= breve motivo musicale che accompagna una comunicazione audiovisiva .
---------------
idrogenolisi
= reazione di idrogenazione accompagnata da rottura di legami nella molecola .
---------------
incubo
= sogno angoscioso , spesso accompagnato da sensazioni di oppressione o soffocamento
---------------
inno
= nella letteratura antica , componimento poetico in onore di una divinità o di un eroe , originariamente accompagnato dal canto e dalla danza
---------------
iporchema
= nella lirica corale greca , inno ispirato al culto di apollo , eseguito da un coro maschile e accompagnato da danze .
---------------
made in loc. formula d'uso internazionale stampigliata sui prodotti commerciali e accompagnata dal nome di uno stato, per indicare il luogo di fabbricazione del prodotto
---------------
megalogastria
= aumento di volume dello stomaco, non accompagnato da alterazioni funzionali.
---------------
melologo
= declamazione di un testo letterario, in prosa o in versi, con accompagnamento musicale.
---------------
melt-down
= incidente che consiste nella fusione del nòcciolo del reattore di una centrale nucleare, accompagnata dallo sprofondamento del materiale radioattivo nel sottosuolo.
---------------
mimica
= l'arte scenica di esprimere i sentimenti ricorrendo esclusivamente ai gesti e ai movimenti del corpo e del volto - l'insieme dei gesti con cui si accompagna, o talvolta si sostituisce, la parola
---------------
mimodramma
= azione mimica con accompagnamento musicale
---------------
monodia
= canto a una sola voce, eseguito da uno o più cantanti, con o senza accompagnamento strumentale.
---------------
mucopus
= muco presente negli stati infiammatori, accompagnato da leucociti e cellule epiteliali desquamate.
---------------
nevrastenia - neurastenia ,
= termine generico , con cui si designano certi disturbi funzionali del sistema nervoso accompagnati da particolare irritabilità .
---------------
olé
= usata scherzosamente come esortazione o per dare risalto a un gesto
= danza popolare spagnola in 3/8 , di andamento moderato , che si accompagna col battito delle mani .
---------------
ombrellino
= dim . di ombrello - ombrello femminile leggero ed elegante , usato per ripararsi dal sole piccolo baldacchino a forma di ombrello usato in alcune cerimonie solenni per accompagnare il trasporto del sacramento .
---------------
ossessione
= convinzione o comportamento irragionevoli , accompagnati da stati di pena e ansia , di cui il soggetto è consapevole ma che vive in modo ripetitivo e coatto
---------------
pandiculazione
= complesso dei movimenti di stiramento degli arti che accompagna di solito lo sbadiglio .
---------------
paralinguistica
= studio di tutti quei fenomeni che accompagnano l'espressione linguistica e che integrano il significato delle parole .
---------------
pasteggiabile
= vino particolarmente adatto ad accompagnare il pasto .
---------------
pentimento
= sentimento di contrizione e di dolore per aver trasgredito una legge morale o religiosa , cui si accompagna il proponimento di non commettere più la stessa azione
---------------
periegesi
= nella letteratura greca , descrizione topografica e storica di un paese , spesso accompagnata dalla narrazione dei costumi e delle leggende dei popoli che vi abitano .
---------------
piovasco
= scroscio di pioggia accompagnato da forte vento e talvolta anche da grandine .
---------------
piro-piro
= nome comune di varie specie di uccelli caradriformi , con piumaggio bruno e andatura rapida , accompagnata da un'oscillazione verticale della coda .
---------------
playgirl
= ragazza bella ed elegante che si accompagna a uomini importanti per suo piacere o , più spesso , per interesse .
---------------
psicopompo
= nella religione greca antica , epiteto di divinità che accompagnano le anime dei morti nell'oltretomba
---------------
riaccompagnare rar. raccompagnare
= verbo trans. accompagnare di nuovo
---------------
savana
= tipo di vegetazione caratteristica delle zone tropicali , costituita da piante erbacee e arbustive a rapido sviluppo , alle quali si accompagnano qua e là gruppi di grandi alberi a foglie caduche - ogni regione che presenta tale tipo di vegetazione .
---------------
schola cantorum
= sost . f . scuola corale e coro destinati ad accompagnare le funzioni religiose cattoliche - nome di associazioni e scuole laiche , dedite soprattutto allo studio e alla pratica del canto gregoriano , luogo della chiesa occupato dai cantori durante le funzioni sacre ,
---------------
scortare
= verbo transitivo accompagnare per sorvegliare , proteggere , rendere onore ,
---------------
scudiero scudiere ,
= giovane di nobile famiglia che nel medioevo accompagnava un cavaliere assistendolo e reggendogli lo scudo ,
---------------
segnavia
= segno di varia forma e colore , spesso accompagnato da numeri o lettere dell'alfabeto , fatto su rocce e su massi per indicare itinerari e sentieri di montagna ad alpinisti ed escursionisti .
---------------
serenata
= canto d'amore o di omaggio , per lo più accompagnato dal suono di strumenti musicali , che si eseguiva o si faceva eseguire di notte sotto le finestre della donna amata ,
---------------
sicinno
= nell'antichità greco-romana , danza di satiri in onore di dioniso , accompagnata da canti .
---------------
singhiozzo
= rapida inspirazione per improvvisa contrazione del diaframma , accompagnata da un suono particolare ,
---------------
sonorizzare
= verbo transitivo trasformare un suono sordo in sonoro , dotare un film di colonna sonora - accompagnare la proiezione di un film muto con brani musicali sonati su uno strumento , o registrati e riprodotti da una macchina diversa dal proiettore - sonorizzarsi
= verbo riflessivo ,
---------------
sordomutismo
= mutismo che accompagna la sordità congenita o acquisita prima dei tre anni .
---------------
spasmo
= spasimo , contrazione involontaria e anomala di un muscolo , che può accompagnars ,
---------------
superbia
= eccessiva stima di sé accompagnata da ambizione smodata e da disprezzo verso gli altri ,
---------------
tamburello
= strumento musicale a percussione , usato soprattutto per accompagnare canti e danze popolari
---------------
telegiornale
= notiziario trasmesso per televisione , accompagnato dalla proiezione di inserti filmati sui fatti più importanti della giornata .
---------------
temporale
= improvvisa perturbazione dell'atmosfera , a volte molto violenta , accompagnata da lampi , tuoni e scrosci di pioggia , frequente soprattutto in estate
---------------
terzetto
= composizione a tre parti vocali , di solito concertanti , accompagnate da uno - più strumenti
---------------
tovagliolo
= piccolo drappo di forma quadrangolare , di solito confezionato con lo stesso tessuto della tovaglia cui si accompagna
---------------
tuono
= tono - fenomeno acustico che accompagna le scariche elettriche atmosferiche
---------------
usciere
= uscere , in amministrazioni pubbliche e private , impiegato d'ordine con l'incarico di dare informazioni al pubblico , accompagnare e annunciare i visitatori , prestare servizi minuti ecc.
---------------
Conjugacíon: 1 - acompañar
auxiliar: haber - transitivo
INDICATIVO activo
Presente
yo acompaño
acompañas
él/ella acompaña
nosotros acompañamos
vosotros acompañáis
ellos/ellas acompañan
Imperfecto
yo acompañaba
acompañabas
él/ella acompañaba
nosotros acompañabamos
vosotros acompañabais
ellos/ellas acompañaban
Pretérito indefinito
yo acompañé
acompañaste
él/ella acompañó
nosotros acompañamos
vosotros acompañasteis
ellos/ellas acompañeron
Preterito perfecto
yo he acompañado
has acompañado
él/ella ha acompañado
nosotros hemos acompañado
vosotros habéis acompañado
ellos/ellas han acompañado
Preterito pluscuamperfecto
yo había acompañado
habías acompañado
él/ella había acompañado
nosotros habíamos acompañado
vosotros habíais acompañado
ellos/ellas habían acompañado
Preterito anterior
yo hube acompañado
hubiste acompañado
él/ella hubo acompañado
nosotros hubimos acompañado
vosotros hubisteis acompañado
ellos/ellas hubieron acompañado
Futuro
yo acompañaré
acompañaras
él/ella acompañará
nosotros acompañaremos
vosotros acompañareis
ellos/ellas acompañarán
Futuro perfecto
yo habré acompañado
habrás acompañado
él/ella habrá acompañado
nosotros habremos acompañado
vosotros habréis acompañado
ellos/ellas habrán acompañado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo acompañe
acompañes
él/ella acompañe
nosotros acompañemos
nosotros acompañéis
ellos/ellas acompañen
Pretérito perfecto
yo haya acompañado
hayas acompañado
él/ella haya acompañado
nosotros hayamos acompañado
nosotros hayáis acompañado
ellos/ellas hayan acompañado
Pretérito imperfetto I
yo acompañara
acompañaras
él/ella acompañara
nosotros acompañáramos
nosotros acompañaras
ellos/ellas acompañaran
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera acompañado
hubieras acompañado
él/ella hubiera acompañado
nosotros hubiéramos acompañado
nosotros hubierais acompañado
ellos/ellas hubieran acompañado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese acompañado
hubieses acompañado
él/ella hubiese acompañado
nosotros hubiésemos acompañado
nosotros hubieseis acompañado
ellos/ellas hubiesen acompañado
Pretérito imperfetto II
yo acompañase
acompañases
él/ella acompañase
nosotros acompañásemos
nosotros acompañases
ellos/ellas acompañasen
Futuro
yo acompañare
acompañares
él/ella acompañare
nosotros acompañáremos
nosotros acompañares
ellos/ellas acompañaren
Futuro perfecto
yo hubiere acompañado
hubieres acompañado
él/ella hubiere acompañado
nosotros hubiéremos acompañado
nosotros hubiereis acompañado
ellos/ellas hubieren acompañado
POTENCIAL - activo
Presente
yo acompañaría
acompañarías
él/ella acompañaría
nosotros acompañaríamos
vosotros acompañaríais
ellos/ellas acompañarían
Perfecto
yo habría acompañado
habrías acompañado
él/ella habría acompañado
nosotros habríamos acompañado
vosotros habríais acompañado
ellos/ellas habrían acompañado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
acompaña
acompañe
acompañemos
acompañad
acompañen
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber acompañado
PARTICIPIO - activo
Presente
que acompaña
Compuesto
acompañado
GERUNDIO activo
Presente
acompañendo
Compuesto
habiendo acompañado
INDICATIVO pasivo
Presente
yo soy acompañado
eres acompañado
él/ella es acompañado
nosotros somos acompañados
vosotros seis acompañados
ellos/ellas son acompañados
Imperfecto
yo era acompañado
eras acompañado
él/ella era acompañado
nosotros èramos acompañados
vosotros erais acompañados
ellos/ellas eran acompañados
Pretérito indefinito
yo fui acompañado
fuiste acompañado
él/ella fue acompañado
nosotros fuimos acompañados
vosotros fuisteis acompañados
ellos/ellas fueron acompañados
Preterito perfecto
yo he sido acompañado
has sido acompañado
él/ella ha sido acompañado
nosotros hemos sido acompañados
vosotros habèis sido acompañados
ellos/ellas han sido acompañados
Preterito pluscuamperfecto
yo había sido acompañado
habías sido acompañado
él/ella había sido acompañado
nosotros habíamos sido acompañados
vosotros habías sido acompañados
ellos/ellas habían sido acompañados
Preterito anterior
yo hube sido acompañado
hubiste sido acompañado
él/ella hubo sido acompañado
nosotros hubimos sido acompañados
vosotros hubisteis sido acompañados
ellos/ellas hubieron sido acompañados
Futuro
yo seré acompañado
serás acompañado
él/ella será acompañado
nosotros seremos acompañados
vosotros sereis acompañados
ellos/ellas serán acompañados
Futuro perfecto
yo habrè sido acompañado
habrás sido acompañado
él/ella habrá sido acompañado
nosotros habremos sido acompañados
vosotros habreis sido acompañados
ellos/ellas habrán sido acompañados
CONJUNTIVO - pasivo
Presente
yo sea acompañado
seas acompañado
él/ella sea acompañado
nosotros seamos acompañados
nosotros seáis acompañados
ellos/ellas sean acompañados
Pretérito perfecto
yo haya sido acompañado
hayas sido acompañado
él/ella haya sido acompañado
nosotros hayamos sido acompañado
nosotros hayáis sido acompañado
ellos/ellas hayan sido acompañado
Pretérito imperfetto I
yo fuere acompañado
fueres acompañado
él/ella fuere acompañado
nosotros fuéremos acompañados
nosotros fuereis acompañados
ellos/ellas fueren acompañados
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiere sido acompañado
hubieres sido acompañado
él/ella hubiere sido acompañado
nosotros hubiéremos sido acompañados
nosotros hubierei sido acompañados
ellos/ellas hubieren sido acompañados
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese sido acompañado
hubieses sido acompañado
él/ella hubiese sido acompañado
nosotros hubiésemos sido acompañados
nosotros hubieseis sido acompañados
ellos/ellas hubiesen sido acompañados
Pretérito imperfetto II
yo fuese acompañado
fuesess acompañado
él/ella fuese acompañado
nosotros fuésemos acompañados
nosotros fueseis acompañados
ellos/ellas fuesen acompañados
Futuro
yo fuere acompañado
fueres acompañado
él/ella fuere acompañado
nosotros fuéremos acompañados
nosotros fuereis acompañados
ellos/ellas fueren acompañados
Futuro perfecto
yo hubiere sido acompañado
hubieres sido acompañado
él/ella hubiere sido acompañado
nosotros hubiéremos sido acompañados
nosotros hubiereis sido acompañados
ellos/ellas hubieren sido acompañados
POTENCIAL - pasivo
Presente
yo sería acompañado
serías acompañado
él/ella sería acompañado
nosotros seríamos acompañados
vosotros seríais acompañados
ellos/ellas serían acompañados
Perfecto
yo habría sido acompañado
habrías sido acompañado
él/ella habría sido acompañados
nosotros habríamos sido acompañados
vosotros habríais sido acompañados
ellos/ellas habrían sido acompañados
IMPERATIVO - pasivo
Positivo
-
sé acompañado
sea acompañado
seamos acompañados
sed acompañados
sean acompañados
INFINITO pasivo
Presente
ser acompañado
Compuesto
haber sido acompañado
PARTICIPIO - pasivo
Presente
que es acompañado
Compuesto
acompañado
GERUNDIO pasivo
Presente
siendo acompañado
Compuesto
habiendo sido acompañado
Coniugazione:1 - accompagnare
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io accompagno
tu accompagni
egli accompagna
noi accompagniamo
voi accompagnate
essi accompagnano
Imperfetto
io accompagnavo
tu accompagnavi
egli accompagnava
noi accompagnavamo
voi accompagnavate
essi accompagnavano
Passato remoto
io accompagnai
tu accompagnasti
egli accompagnò
noi accompagnammo
voi accompagnaste
essi accompagnarono
Passato prossimo
io ho accompagnato
tu hai accompagnato
egli ha accompagnato
noi abbiamo accompagnato
voi avete accompagnato
essi hanno accompagnato
Trapassato prossimo
io avevo accompagnato
tu avevi accompagnato
egli aveva accompagnato
noi avevamo accompagnato
voi avevate accompagnato
essi avevano accompagnato
Trapassato remoto
io ebbi accompagnato
tu avesti accompagnato
egli ebbe accompagnato
noi avemmo accompagnato
voi eveste accompagnato
essi ebbero accompagnato
Futuro semplice
io accompagnerò
tu accompagnerai
egli accompagnerà
noi accompagneremo
voi accompagnerete
essi accompagneranno
Futuro anteriore
io avrò accompagnato
tu avrai accompagnato
egli avrà accompagnato
noi avremo accompagnato
voi avrete accompagnato
essi avranno accompagnato
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io accompagni
che tu accompagni
che egli accompagni
che noi accompagniamo
che voi accompagniate
che essi accompagnino
Passato
che io abbia accompagnato
che tu abbia accompagnato
che egli abbia accompagnato
che noi abbiamo accompagnato
che voi abbiate accompagnato
che essi abbiano accompagnato
Imperfetto
che io accompagnassi
che tu accompagnassi
che egli accompagnasse
che noi accompagnassimo
che voi accompagnaste
che essi accompagnassero
Trapassato
che io avessi accompagnato
che tu avessi accompagnato
che egli avesse accompagnato
che noi avessimo accompagnato
che voi aveste accompagnato
che essi avessero accompagnato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io accompagnerei
tu accompagneresti
egli accompagnerebbe
noi accompagneremmo
voi accompagnereste
essi accompagnerebbero
Passato
io avrei accompagnato
tu avresti accompagnato
egli avrebbe accompagnato
noi avremmo accompagnato
voi avreste accompagnato
essi avrebbero accompagnato
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
accompagna
accompagni
accompagniamo
accompagnate
accompagnino
Futuro
-
accompagnerai
accompagnerà
accompagneremo
accompagnerete
accompagneranno
INFINITO - attivo
Presente
accompagnare
Passato
avere accompagnato
PARTICIPIO - attivo
Presente
accompagnante
Passato
accompagnato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
accompagnando
Passato
avendo accompagnato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono accompagnato
tu sei accompagnato
egli é accompagnato
noi siamo accompagnati
voi siete accompagnati
essi sono accompagnati
Imperfetto
io ero accompagnato
tu eri accompagnato
egli era accompagnato
noi eravamo accompagnati
voi eravate accompagnati
essi erano accompagnati
Passato remoto
io fui accompagnato
tu fosti accompagnato
egli fu accompagnato
noi fummo accompagnati
voi foste accompagnati
essi furono accompagnati
Passato prossimo
io sono stato accompagnato
tu sei stato accompagnato
egli é stato accompagnato
noi siamo stati accompagnati
voi siete stati accompagnati
essi sono stati accompagnati
Trapassato prossimo
io ero stato accompagnato
tu eri stato accompagnato
egli era stato accompagnato
noi eravamo stati accompagnati
voi eravate stati accompagnati
essi erano statiaccompagnati
Trapassato remoto
io fui stato accompagnato
tu fosti stato accompagnato
egli fu stato accompagnato
noi fummo stati accompagnati
voi foste stati accompagnati
essi furono stati accompagnati
Futuro semplice
io sarò accompagnato
tu sarai accompagnato
egli sarà accompagnato
noi saremo accompagnati
voi sarete accompagnati
essi saranno accompagnati
Futuro anteriore
io sarò stato accompagnato
tu sarai stato accompagnato
egli sarà stato accompagnato
noi saremo stati accompagnati
voi sarete stati accompagnati
essi saranno stati accompagnati
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia accompagnato
che tu sia accompagnato
che egli sia accompagnato
che noi siamo accompagnati
che voi siate accompagnati
che essi siano accompagnati
Passato
che io sia stato accompagnato
che tu sia stato accompagnato
che egli sia stato accompagnato
che noi siamo stati accompagnati
che voi siate stati accompagnati
che essi siano stati accompagnati
Imperfetto
che io fossi accompagnato
che tu fossi accompagnato
che egli fosse accompagnato
che noi fossimo accompagnati
che voi foste accompagnati
che essi fossero accompagnati
Trapassato
che io fossi stato accompagnato
che tu fossi stato accompagnato
che egli fosse stato accompagnato
che noi fossimo stati accompagnati
che voi foste stati accompagnati
che essi fossero stati accompagnati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei accompagnato
tu saresti accompagnato
egli sarebbe accompagnato
noi saremmo accompagnati
voi sareste accompagnati
essi sarebbero accompagnati
Passato
io sarei stato accompagnato
tu saresti stato accompagnato
egli sarebbe stato accompagnato
noi saremmo stati accompagnati
voi sareste stati accompagnati
essi sarebbero stati accompagnati
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii accompagnato
sia accompagnato
siamo accompagnati
siate accompagnati
siano accompagnati
Futuro
-
sarai accompagnato
sarà accompagnato
saremo accompagnati
sarete accompagnati
saranno accompagnati
INFINITO - passivo
Presente
essere accompagnato
Passato
essere stato accompagnato
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
accompagnato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo accompagnato
Passato
essendo stato accompagnato