Buena navegación con NihilScio!  Página de Facebook
NihilScio                Home

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

á   è   é   ì   í   ò
ó   ù   ú   ü   ñ   ç
Inglese
sinonimi di abundar

  Cerca  frasi:
Vocabulario y frases
abundar
= intr. abbondare .
---------------
* AMADÍS DE GAULA A Soneto Tú, que imitaste la llorosa vida que tuve, ausente y desdeñado, sobre el gran ribazo de la Peña Pobre, de alegre a penitencia reducida; tú, a quien los ojos dieron la bebida de abundante licor, aunque salobre, y, alzándote la plata, estaño y cobre, te dio la tierra en tierra la comida; vive seguro de que eternamente, en tanto al menos que en la cuarta esfera sus caballos aguije el rubio Apolo, tendrás claro renombre de valiente, tu patria será en todas la primera, tu sabio autor, al mundo único y solo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Mas, en efecto, temiendo la máquina de tantos pertrechos, determinó de hablarle comedidamente, y así, le dijo: —Si vuestra merced, señor caballero, busca posada, amén del lecho, porque en esta venta no hay ninguno, todo lo demás se hallará en ella en mucha abundancia( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Las claras fuentes y corrientes ríos, en magnífica abundancia, sabrosas y transparentes aguas les ofrecían.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Mas Pedro, no reparando en niñerías, prosiguió su cuento diciendo: —Asimismo adivinaba cuándo había de ser el año abundante o estil( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En estotro escuadrón vienen los que beben las corrientes cristalinas 127 del olivífero Betis; los que tersan y pulen sus rostros con el licor del siempre rico y dorado Tajo; los que gozan las provechosas aguas del divino Genil; los que pisan los tartesios campos, de pastos abundantes; los que se alegran en los elíseos jerezanos prados; los manchegos, ricos y coronados de rubias espigas; los de hierro vestidos, reliquias antiguas de la sangre goda; los que en Pisuerga se bañan, famoso por la mansedumbre de su corriente; los que su ganado apacientan en las extendidas dehesas del tortuoso Guadiana, celebrado por su escondido curso; los que tiemblan con el frío del silboso Pirineo y con los blancos copos del levantado Apenino.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Que trata de la discreción de la hermosa Dorotea, con otras cosas de mucho gusto y pasatiempo —Esta es, señores, la verdadera historia de mi tragedia: mirad y juzgad ahora si los suspiros que escuchastes, las palabras que oístes y las lágrimas que de mis ojos salían, tenían ocasión bastante para mostrarse en mayor abundancia; y considerada la calidad de mi desgracia, veréis que será en vano el consuelo, pues es imposible el remedio della.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —¡Ay —dijo Sancho—, y cómo está vuestra merced lastimado de esos cascos! Pues dígame, señor, ¿piensa vuestra merced caminar este camino en balde 224y dejar pasar y perder un tan rico y tan principal casamiento como este, donde le dan en dote un reino, que a buena verdad que he oído decir que tiene más de veinte mil leguas de contorno, y que es abundantísimo de todas las cosas que son necesarias para el sustento de la vida humana, y que es mayor que Portugal y que Castilla juntos? Calle, por amor de Dios, y tenga vergüenza de lo que ha dicho, y tome mi consejo, y perdóneme, y cásese luego en el primer lugar que haya cura, y si no, ahí está nuestro licenciado, que lo hará de perlas( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* A lo cual el mozo, asiéndole fuertemente de las manos, como en señal de que algún gran dolor le apretaba el corazón y, derramando lágrimas en grande abundancia, le dijo: —Señor mío, yo no sé deciros otra cosa sino que desde el punto que quiso el cielo y facilitó nuestra vecindad que yo viese a mi señora doña Clara, hija vuestra y señora mía, desde aquel instante la hice dueño de mi voluntad; y si la vuestra, verdadero señor y padre mío, no lo impide, en este mesmo día ha de ser mi esposa.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Pues con todo eso —replicó Sancho—, digo que, para mayor abundancia y satisfación, sería bien que vuestra merced probase a salir desta cárcel; que yo me obligo con todo mi poder a facilitarlo, y aun a sacarle della, y probase de nuevo a subir sobre su buen Rocinante, que también parece que va encantado, según va de malencólico y triste; y hecho esto, probásemos otra vez la suerte de buscar más aventuras, y si no nos sucediese bien, tiempo nos queda para volvernos a la jaula, en la cual prometo, a ley de buen y leal escudero, de encerrarme juntamente con vuestra merced, si acaso fuere vuestra merced tan desdichado, o yo tan simple, que no acierte a salir con lo que digo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Halleme obligado a decir que era viejo, soldado, hidalgo y pobre, a que uno respondió estas formales palabras: «Pues ¿a tal hombre no le tiene España muy rico y sustentado del erario publico?» Acudió otro de aquellos caballeros con este pensamiento y con mucha agudeza, y dijo: «Si necesidad le ha de obligar a escribir, plega a Dios que nunca tenga abundancia para que con sus obras, siendo él pobre, haga rico a todo el mundo»( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y no le digas más, ni yo quiero decirte más a ti, sino advertirte que consideres que esta segunda parte de Don Quijote que te ofrezco, es cortada del mismo artífice y del mesmo paño que la primera, y que en ella te doy a don Quijote dilatado y, finalmente, muerto y sepultado, por que ninguno se atreva a levantarle nuevos testimonios, pues bastan los pasados, y basta también que un hombre honrado haya dado noticia destas discretas locuras, sin querer de nuevo entrarse en ellas; que la abundancia de las cosas, aunque sean buenas, hace que no se estimen, y la carestía, aun de las malas, se estima en algo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* De la estraña aventura que le sucedió al valeroso don Quijote con el carro o carreta de las Cortes de la Muerte Pensativo a demás iba don Quijote por su camino adelante, considerando la mala burla que le habían hecho los encantadores, volviendo a su señora Dulcinea en la mala figura de la aldeana, y no imaginaba qué remedio tendría para volverla a su ser primero, y estos pensamientos le llevaban tan fuera de sí, que, sin sentirlo, soltó las riendas a Rocinante, el cual, sintiendo la libertad que se le daba, a cada paso se detenía a pacer la verde yerba, de que aquellos campos abundaban; de su embelesamiento le volvió Sancho Panza, diciéndole: —Señor, las tristezas no se hicieron para las bestias, sino para los hombres; pero si los hombres las sienten demasiado se vuelven bestias; vuestra merced se reporte y vuelva en sí y coja las riendas a Rocinante, y avive y despierte, y muestre aquella gallardía que conviene que tengan los caballeros andantes( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Pero poco espacio de tiempo había pasado cuando le despertó un ruido que sintió a sus espaldas, y, levantándose con sobresalto, se puso a mirar y a escuchar de dónde el ruido procedía, y vio que eran dos hombres a caballo, y que el uno, dejándose derribar de la silla, dijo al otro: —Apéate, amigo, y quita los frenos a los caballos; que, a mi parecer, este sitio abunda de yerba para ellos y del silencio y soledad que han menester mis amorosos pensamientos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —No hay ninguno de los andantes que no lo sea —dijo don Quijote—, y escuchémosle; que por el hilo sacaremos el ovillo de sus pensamientos, si es que canta; que de la abundancia del corazón habla la lengua( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Fuéronse a comer, y la comida fue tal como don Diego había dicho en el camino que la solía dar a sus convidados: limpia, abundante y sabrosa; pero de lo que más se contentó don Quijote fue del maravilloso silencio que en toda la casa había, que semejaba un monasterio de cartujos.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* 452Glosa Al fin, como todo pasa, se pasó el bien que me dio Fortuna, un tiempo no escasa, y nunca me le volvió, ni abundante ni por tasa( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Cuatro días estuvo don Quijote regaladísimo en la casa de don Diego, al cabo de los cuales le pidió licencia para irse, diciéndole que le agradecía la merced y buen tratamiento que en su casa había recebido, pero que por no parecer bien que los caballeros andantes se den muchas horas al ocio y al regalo se quería ir a cumplir con su oficio, buscando las aventuras, de quien tenía noticia que aquella tierra abundaba, donde esperaba entretener el tiempo hasta que llegase el día de las justas de Zaragoza, que era el de su derecha derrota112233, y que primero había de entrar en la cueva de Montesinos, de quien tantas y tan admirables cosas en aquellos contornos se contaban, sabiendo e inquiriendo 453 122 Historia trágica de dos amantes famosos, contada por Ovidio en su Metamorfosis, que murieron víctimas de una cadena de equivocaciones, como Romeo y Julieta( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Llegose, en fin, el día de su partida, tan alegre para don Quijote como triste y aciago para Sancho Panza, que se hallaba muy bien con la abundancia de la casa de don Diego, y rehusaba de volver a la hambre que se usa en las florestas y despoblados, y a la estrecheza de sus mal proveídas alforjas; con todo esto, las llenó y colmó de lo más necesario que le pareció( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Duerme el criado y está velando el señor, pensando cómo le ha de sustentar, mejorar y hacer mercedes; la congoja de ver que el cielo se hace de bronce sin acudir a la tierra con el conveniente rocío no aflige al criado, sino al señor, que ha de sustentar en la esterilidad y hambre al que le sirvió en la fertilidad y abundancia( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Despertó, en fin, soñoliento y perezoso, y, volviendo el rostro a todas partes, dijo: —De la parte desta enramada, si no me engaño, sale un tufo y olor harto más de torreznos asados que de juncos y tomillos; bodas que por tales olores comienzan, para mi santiguada que deben de ser abundantes y generosas( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Finalmente, el aparato de la boda era rústico, pero tan abundante, que podía sustentar a un ejército( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Así que vuelvo a decir que a Camacho me atengo, de cuyas ollas son abundantes espumas gansos y gallinas, liebres y conejos, y de las de Basilio serán, si viene a mano, y aunque no venga sino al pie, aguachirle( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* A solo Sancho se le escureció el alma por verse imposibilitado de aguardar la espléndida comida y fiestas de Camacho, que duraron hasta la noche; y, así, asendereado y triste, siguió a su señor, que con la cuadrilla de Basilio iba, y así se dejó atrás las ollas de Egipto, aunque las llevaba en el alma, cuya ya casi consumida y acabada espuma que en el caldero llevaba le representaba la gloria y la abundancia del bien que perdía y, así, congojado y pensativo, aunque sin hambre, sin apearse del rucio, siguió las huellas de Rocinante( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¡Ah, bodas de Camacho y abundancia de la casa de don Diego, y cuántas veces os tengo de echar menos! Con esto dejaron la ermita y picaron hacia la venta, y a poco trecho toparon un mancebito que delante dellos iba caminando no con mucha priesa, y así le alcanzaron; llevaba la espada sobre el hombro y en ella puesto un bulto o envoltorio, al parecer, de sus vestidos, que, al parecer, debían de ser los calzones o greguescos, y herreruelo, y alguna camisa, porque traía puesta una ropilla de terciopelo, con algunas vislumbres de raso, y la camisa, de fuera; las medias eran de seda y los zapatos cuadrados, a uso de Corte; la edad llegaría a diez y ocho o diez y nueve años, alegre de rostro y, al parecer, ágil de su persona; iba cantando seguidillas para entretener el trabajo del camino; cuando llegaron a él, acababa de cantar una, que el primo tomó de memoria, que dicen que decía: A la guerra me lleva mi necesidad( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* De la famosa aventura del barco encantado Por sus pasos contados y por contar, dos días después que salieron de la alameda, llegaron don Quijote y Sancho al río Ebro117711, y el verle fue de gran gusto a don Quijote, porque contempló y miró en él la amenidad de sus riberas, la claridad de sus aguas, el sosiego de su curso y la abundancia de sus líquidos cristales, cuya alegre vista renovó en su memoria mil amorosos pensamientos; especialmente, fue y vino en lo que había visto en la cueva de Montesinos, que, puesto que el mono de maese Pedro le había dicho que parte de aquellas cosas eran verdad y parte mentira, él se atenía más a las verdaderas que a las mentirosas, bien al revés de Sancho, que todas las tenía por la mesma mentira( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¡Oh carísimos amigos, quedaos en paz, y la locura que nos aparta de vosotros, convertida en desengaño, nos vuelva a vuestra presencia! Y en esto, comenzó a llorar tan amargamente, que don Quijote, mohíno y colérico, le dijo: —¿De qué temes, cobarde criatura? ¿De qué lloras, corazón de mantequillas? ¿Quién te persigue o quién te acosa, ánimo de ratón casero, o qué te falta, menesteroso en la mitad de las entrañas de la abundancia? ¿Por dicha vas caminando a pie y descalzo por las montañas rifeas, sino sentado en una tabla como un archiduque, por el sesgo curso deste agradable río, de donde en breve espacio saldremos al mar dilatado? Pero ya habemos de haber salido, y caminado, por lo menos, setecientas o ochocientas leguas y, si yo tuviera aquí un astrolabio con que tomar la altura del polo, yo te dijera las que hemos caminado, aunque, o yo sé poco, o ya hemos pasado o pasaremos presto por la línea equinocial que divide y corta los dos contrapuestos polos en igual distancia( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* La cola o falda, o como llamarla quisieren, era de tres puntas, las cuales se sustentaban en las manos de tres pajes asimesmo vestidos de luto, haciendo una vistosa y matemática figura con aquellos tres ángulos acutos, que las tres puntas formaban, por lo cual cayeron todos los que la falda puntiaguda miraron, que por ella se debía llamar la condesa Trifaldi, como si dijésemos la condesa de las tres faldas; y, así, dice Benengeli que fue verdad, y que de su propio apellido se llamó la condesa Lobuna, a causa que se criaban en su condado muchos lobos, y que, si como eran lobos fueran zorras, la llamaran la condesa Zorruna, por ser costumbre en aquellas partes tomar los señores la denominación de sus nombres de la cosa, o cosas, en que más sus estados abundan; empero esta condesa, por favorecer la novedad de su falda, dejó el Lobuna y tomó el Trifaldi( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* adunia: «en abundancia»; es una palabra morisca, propia del antiguo reino de Toledo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Para ganar la voluntad del pueblo que gobiernas, entre otras, has de hacer dos cosas: la una, ser bien criado con todos, aunque esto ya otra vez te lo he dicho; y la otra, procurar la abundancia de los mantenimientos, que no hay cosa que más fatigue el corazón de los pobres que la hambre y la carestía( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —No ha de ser así, señor gobernador —dijo el doctor Recio—; que yo le daré a vuesa merced una bebida contra caídas y molimientos que luego le vuelva en su prístina entereza y vigor, y en lo de la comida, yo prometo a vuesa merced de enmendarme, dejándole comer abundantemente de todo aquello que quisiere( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Digo esto, Sancho, porque bien has visto el regalo, la abundancia que en este castillo que dejamos hemos tenido; pues en metad de aquellos banquetes sazonados y de aquellas bebidas de nieve me parecía a mí que estaba metido entre las estrechezas de la hambre; porque no lo gozaba con la libertad que lo gozara si fueran míos; que las obligaciones de las recompensas de los beneficios y mercedes recebidas son ataduras que no dejan campear al ánimo libre.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Acudieron a las tiendas, hallaron las mesas puestas, ricas, abundantes y limpias; honraron a don Quijote, dándole el primer lugar en ellas; mirábanle todos y admirábanse de verle.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Daranos con abundantísima mano de su dulcísimo fruto las encinas, asiento los troncos de los durísimos alcornoques, sombra los sauces, olor las rosas, alfombras de mil colores matizadas los estendidos prados, aliento el aire claro y puro, luz la luna y las estrellas, a pesar de la escuridad de la noche, gusto el canto, alegría el lloro, Apolo versos, el amor conceptos, con que podremos hacernos eternos y famosos, no solo en los presentes sino en los venideros siglos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Retiráronse, cenaron tarde y mal, bien contra la voluntad de Sancho a quien se le representaban las estrechezas de la andante caballería usadas en las selvas y en los montes, si bien tal vez la abundancia se mostraba en los casti- 683 684llos y casas así de don Diego de Miranda, como en las bodas del rico Camacho y de don Antonio Moreno; pero consideraba no ser posible ser siempre de día ni siempre de noche, y así, pasó aquella durmiendo y su amo velando( Cervantes - Don Quijote)
---------------

= Melius abundare quam deficere
---------------
Vocabulario y frases
* Per una di queste stradicciole , tornava bel bello dalla passeggiata verso casa , sulla sera del giorno 7 novembre dell'anno 1628 , don Abbondio , curato d'una delle terre accennate di sopra: il nome di questa , né il casato del personaggio , non si trovan nel manoscritto , né a questo luogo né altrove .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Pienamente informato della miseria in che vive questa Città e Stato per cagione del gran numero di bravi che in esso abbonda . . .e risoluto di totalmente estirpare seme tanto pernizioso , dà fuori , il 5 decembre 1600 , una nuova grida piena anch'essa di severissime comminazioni , con fermo proponimento che , con ogni rigore , e senza speranza di remissione , siano onninamente eseguite .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Però , non essendo essi morti neppur di quelli , l'Illustrissimo ed Eccellentissimo Signore , il Signor Gonzalo Fernandez di Cordova , sotto il cui governo accadde la passeggiata di don Abbondio , s'era trovato costretto a ricorreggere e ripubblicare la solita grida contro i bravi , il giorno 5 ottobre del 1627 , cioè un anno , un mese e due giorni prima di quel memorabile avvenimento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Che i due descritti di sopra stessero ivi ad aspettar qualcheduno , era cosa troppo evidente ; ma quel che più dispiacque a don Abbondio fu il dover accorgersi , per certi atti , che l'aspettato era lui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Cosa comanda ? - rispose subito don Abbondio , alzando i suoi dal libro , che gli restò spalancato nelle mani , come sur un leggìo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Cioè . . .- rispose , con voce tremolante , don Abbondio: - cioè .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ma , signori miei , - replicò don Abbondio , con la voce mansueta e gentile di chi vuol persuadere un impaziente , - ma , signori miei , si degnino di mettersi ne' miei panni .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Questo nome fu , nella mente di don Abbondio , come , nel forte d'un temporale notturno , un lampo che illumina momentaneamente e in confuso gli oggetti , e accresce il terrore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , che , pochi momenti prima , avrebbe dato un occhio per iscansarli , allora avrebbe voluto prolungar la conversazione e le trattative .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il povero don Abbondio rimase un momento a bocca aperta , come incantato ; poi prese quella delle due stradette che conduceva a casa sua , mettendo innanzi a stento una gamba dopo l'altra , che parevano aggranchiate .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio (il lettore se n'è già avveduto) non era nato con un cuor di leone .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il nostro Abbondio non nobile , non ricco , coraggioso ancor meno , s'era dunque accorto , prima quasi di toccar gli anni della discrezione , d'essere , in quella società , come un vaso di terra cotta , costretto a viaggiare in compagnia di molti vasi di ferro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , assorbito continuamente ne' pensieri della propria quiete , non si curava di que' vantaggi , per ottenere i quali facesse bisogno d'adoperarsi molto , o d'arrischiarsi un poco .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A chi , messosi a sostener le sue ragioni contro un potente , rimaneva col capo rotto , don Abbondio sapeva trovar sempre qualche torto ; cosa non difficile , perché la ragione e il torto non si dividon mai con un taglio così netto , che ogni parte abbia soltanto dell'una o dell'altro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Lo spavento di que' visacci e di quelle parolacce , la minaccia d'un signore noto per non minacciare invano , un sistema di quieto vivere , ch'era costato tant'anni di studio e di pazienza , sconcertato in un punto , e un passo dal quale non si poteva veder come uscirne: tutti questi pensieri ronzavano tumultuariamente nel capo basso di don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Era Perpetua , come ognun se n'avvede , la serva di don Abbondio: serva affezionata e fedele , che sapeva ubbidire e comandare , secondo l'occasione , tollerare a tempo il brontolìo e le fantasticaggini del padrone , e fargli a tempo tollerar le proprie , che divenivan di giorno in giorno più frequenti , da che aveva passata l'età sinodale dei quaranta , rimanendo celibe , per aver rifiutati tutti i partiti che le si erano offerti , come diceva lei , o per non aver mai trovato un cane che la volesse , come dicevan le sue amiche .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Vengo , - rispose , mettendo sul tavolino , al luogo solito , il fiaschetto del vino prediletto di don Abbondio , e si mosse lentamente ; ma non aveva ancor toccata la soglia del salotto , ch'egli v'entrò , con un passo così legato , con uno sguardo così adombrato , con un viso così stravolto , che non ci sarebbero nemmen bisognati gli occhi esperti di Perpetua , per iscoprire a prima vista che gli era accaduto qualche cosa di straordinario davvero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Niente , niente , - rispose don Abbondio , lasciandosi andar tutto ansante sul suo seggiolone .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Date qui , date qui , - disse don Abbondio , prendendole il bicchiere , con la mano non ben ferma , e votandolo poi in fretta , come se fosse una medicina .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il fatto sta che don Abbondio aveva forse tanta voglia di scaricarsi del suo doloroso segreto , quanta ne avesse Perpetua di conoscerlo ; onde , dopo aver respinti sempre più debolmente i nuovi e più incalzanti assalti di lei , dopo averle fatto più d'una volta giurare che non fiaterebbe , finalmente , con molte sospensioni , con molti ohimè , le raccontò il miserabile caso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quando si venne al nome terribile del mandante , bisognò che Perpetua proferisse un nuovo e più solenne giuramento ; e don Abbondio , pronunziato quel nome , si rovesciò sulla spalliera della seggiola , con un gran sospiro , alzando le mani , in atto insieme di comando e di supplica , e dicendo: - per amor del cielo !
---------------
- Oh vedete , - disse don Abbondio , con voce stizzosa: - vedete che bei pareri mi sa dar costei ! Viene a domandarmi come farò , come farò ; quasi fosse lei nell'impiccio , e toccasse a me di levarnela .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ci penserò io , - rispose , brontolando , don Abbondio: - sicuro ; io ci penserò , io ci ho da pensare - E s'alzò , continuando: - non voglio prender niente ; niente: ho altra voglia: lo so anch'io che tocca a pensarci a me .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio in vece non sapeva altro ancora se non che l'indomani sarebbe giorno di battaglia ; quindi una gran parte della notte fu spesa in consulte angosciose .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Confidare a Renzo l'occorrente , e cercar con lui qualche mezzo . . .Dio liberi ! - Non si lasci scappar parola . . .altrimenti . . .ehm !- aveva detto un di que' bravi ; e , al sentirsi rimbombar quell'ehm ! nella mente , don Abbondio , non che pensare a trasgredire una tal legge , si pentiva anche dell'aver ciarlato con Perpetua .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Assaporato dolorosamente questo momento , don Abbondio ricapitolò subito i suoi disegni della notte , si confermò in essi , gli ordinò meglio , s'alzò , e stette aspettando Renzo con timore e , ad un tempo , con impazienza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Comparve davanti a don Abbondio , in gran gala , con penne di vario colore al cappello , col suo pugnale del manico bello , nel taschino de' calzoni , con una cert'aria di festa e nello stesso tempo di braverìa , comune allora anche agli uomini più quieti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* L'accoglimento incerto e misterioso di don Abbondio fece un contrapposto singolare ai modi gioviali e risoluti del giovinotto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Oggi ? - replicò don Abbondio , come se ne sentisse parlare per la prima volta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Si sis affinis , . . .- cominciava don Abbondio , contando sulla punta delle dita .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
" Siamo a buon porto " , pensò fra sé don Abbondio ; e , con un fare più manieroso che mai , - via , - disse: - in quindici giorni cercherò , . . .procurerò . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Quindici giorni ! oh questa sì ch'è nuova ! S'è fatto tutto ciò che ha voluto lei ; s'è fissato il giorno ; il giorno arriva ; e ora lei mi viene a dire che aspetti quindici giorni ! Quindici . . .- riprese poi , con voce più alta e stizzosa , stendendo il braccio , e battendo il pugno nell'aria ; e chi sa qual diavoleria avrebbe attaccata a quel numero , se don Abbondio non l'avesse interrotto , prendendogli l'altra mano , con un'amorevolezza timida e premurosa: - via , via , non v'alterate , per amor del cielo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E così detto , se n'andò , facendo a don Abbondio un inchino men profondo del solito , e dandogli un'occhiata più espressiva che riverente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* L'accoglienza fredda e impicciata di don Abbondio , quel suo parlare stentato insieme e impaziente , que' due occhi grigi che , mentre parlava , eran sempre andati scappando qua e là , come se avesser avuto paura d'incontrarsi con le parole che gli uscivan di bocca , quel farsi quasi nuovo del matrimonio così espressamente concertato , e sopra tutto quell'accennar sempre qualche gran cosa , non dicendo mai nulla di chiaro ; tutte queste circostanze messe insieme facevan pensare a Renzo che ci fosse sotto un mistero diverso da quello che don Abbondio aveva voluto far credere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo , rispostole con un saluto , tornò indietro pian piano , per non farla accorgere del cammino che prendeva ; ma , quando fu fuor del tiro dell'orecchio della buona donna , allungò il passo ; in un momento fu all'uscio di don Abbondio ; entrò , andò diviato al salotto dove l'aveva lasciato , ve lo trovò , e corse verso lui , con un fare ardito , e con gli occhi stralunati .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Eh ! eh ! che novità è questa ? - disse don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Misericordia ! - esclamò con voce fioca don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quel " dunque " fu proferito con una tale energia , l'aspetto di Renzo divenne così minaccioso , che don Abbondio non poté più nemmen supporre la possibilità di disubbidire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A quel nuovo scongiuro , don Abbondio , col volto , e con lo sguardo di chi ha in bocca le tanaglie del cavadenti , proferì: - don . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Come eh ? come ? - rispose , con voce quasi sdegnosa , don Abbondio , il quale , dopo un così gran sagrifizio , si sentiva in certo modo divenuto creditore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Posso aver fallato , - rispose Renzo , con voce raddolcita verso don Abbondio , ma nella quale si sentiva il furore contro il nemico scoperto: - posso aver fallato ; ma si metta la mano al petto , e pensi se nel mio caso . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio gli andò dietro , e , mentre quegli girava la chiave nella toppa , se gli accostò , e , con volto serio e ansioso , alzandogli davanti agli occhi le tre prime dita della destra , come per aiutarlo anche lui dal canto suo , - giurate almeno . . .- gli disse .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Giurate . . .- replicò don Abbondio , afferrandogli il braccio con la mano tremante .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Perpetua ! Perpetua ! - gridò don Abbondio , dopo avere invano richiamato il fuggitivo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Perpetua non risponde: don Abbondio non sapeva più in che mondo si fosse .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* È accaduto più d'una volta a personaggi di ben più alto affare che don Abbondio , di trovarsi in frangenti così fastidiosi , in tanta incertezza di partiti , che parve loro un ottimo ripiego mettersi a letto con la febbre .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Basti dire che don Abbondio ordinò a Perpetua di metter la stanga all'uscio , di non aprir più per nessuna cagione , e , se alcun bussasse , risponder dalla finestra che il curato era andato a letto con la febbre .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Son tutte qui ; e , per mettere insieme questa bella abbondanza , ho dovuto picchiare a dieci porte .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Mettere un po' di vergogna a don Abbondio , e fargli sentire quanto manchi al suo dovere ? Vergogna e dovere sono un nulla per lui , quando ha paura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La più corta sarebbe stata d'attraversarlo: che s'andava diritto alla casa di don Abbondio ; ma scelsero quella , per non esser visti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
" Carneade ! Chi era costui ? " ruminava tra se don Abbondio seduto sul suo seggiolone , in una stanza del piano superiore , con un libricciolo aperto davanti , quando Perpetua entrò a portargli l'imbasciata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Bisogna sapere che don Abbondio si dilettava di leggere un pochino ogni giorno ; e un curato suo vicino , che aveva un po' di libreria , gli prestava un libro dopo l'altro , il primo che gli veniva alle mani .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quello su cui meditava in quel momento don Abbondio , convalescente della febbre dello spavento , anzi più guarito (quanto alla febbre) che non volesse lasciar credere , era un panegirico in onore di san Carlo , detto con molta enfasi , e udito con molta ammirazione nel duomo di Milano , due anni prima .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il santo v'era paragonato , per l'amore allo studio , ad Archimede ; e fin qui don Abbondio non trovava inciampo ; perché Archimede ne ha fatte di così curiose , ha fatto dir tanto di sé , che , per saperne qualche cosa , non c'è bisogno d'un'erudizione molto vasta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - A quest'ora ? - disse anche don Abbondio , com'era naturale .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In faccia all'uscio di don Abbondio , s'apriva , tra due casipole , una stradetta , che , finite quelle , voltava in un campo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quand'ebbero voltato , e furono in luogo , donde non si poteva più veder ciò che accadesse davanti alla casa di don Abbondio , Agnese tossì forte .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio stava , come abbiam detto , sur una vecchia seggiola , ravvolto in una vecchia zimarra , con in capo una vecchia papalina , che gli faceva cornice intorno alla faccia , al lume scarso d'una piccola lucerna .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Vediamo , - replicò don Abbondio: e , preso l'involtino , si rimesse gli occhiali , l'aprì , cavò le berlinghe , le contò , le voltò , le rivoltò , le trovò senza difetto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - È giusto , - rispose don Abbondio ; poi andò a un armadio , si levò una chiave di tasca , e , guardandosi intorno , come per tener lontani gli spettatori , aprì una parte di sportello , riempì l'apertura con la persona , mise dentro la testa , per guardare , e un braccio , per prender la collana ; la prese , e , chiuso l'armadio , la consegnò a Tonio , dicendo: - va bene ?
---------------
* - Anche questa ! - disse don Abbondio: - le sanno tutte .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Bene bene , - interruppe don Abbondio , e brontolando , tirò a sé una cassetta del tavolino , levò fuori carta , penna e calamaio , e si mise a scrivere , ripetendo a viva voce le parole , di mano in mano che gli uscivan dalla penna .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , immerso nella sua scrittura , non badava ad altro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Intanto don Abbondio , finito di scrivere , rilesse attentamente , senza alzar gli occhi dalla carta ; la piegò in quattro , dicendo: - ora , sarete contento ? - e , levatosi con una mano gli occhiali dal naso , la porse con l'altra a Tonio , alzando il viso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , vide confusamente , poi vide chiaro , si spaventò , si stupì , s'infuriò , pensò , prese una risoluzione: tutto questo nel tempo che Renzo mise a proferire le parole: - signor curato , in presenza di questi testimoni , quest'è mia moglie - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Le sue labbra non erano ancora tornate al posto , che don Abbondio , lasciando cader la carta , aveva già afferrata e alzata , con la mancina , la lucerna , ghermito , con la diritta , il tappeto del tavolino , e tiratolo a sé , con furia , buttando in terra libro , carta , calamaio e polverino ; e , balzando tra la seggiola e il tavolino , s'era avvicinato a Lucia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La poveretta , con quella sua voce soave , e allora tutta tremante , aveva appena potuto proferire: - e questo . . .- che don Abbondio le aveva buttato sgarbatamente il tappeto sulla testa e sul viso , per impedirle di pronunziare intera la formola .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Cessata ogni luce , don Abbondio lasciò la poveretta , e andò cercando a tastoni l'uscio che metteva a una stanza più interna ; lo trovò , entrò in quella , si chiuse dentro , gridando tuttavia: - Perpetua ! tradimento ! aiuto ! fuori di questa casa ! fuori di questa casa ! - Nell'altra stanza , tutto era confusione: Renzo , cercando di fermare il curato , e remando con le mani , come se facesse a mosca cieca , era arrivato all'uscio , e picchiava , gridando: - apra , apra ; non faccia schiamazzo - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , sorpreso , messo in fuga , spaventato , mentre attendeva tranquillamente a' fatti suoi , parrebbe la vittima ; eppure , in realtà , era lui che faceva un sopruso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Correte , Ambrogio ! aiuto ! gente in casa , - gridò verso lui don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Agnese aveva procurato d'allontanar l'altra dalla casa di don Abbondio , il più che fosse possibile ; e , fino a un certo punto , la cosa era andata bene .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Così , a corserelle e a fermatine , eran tornate poco distante dalla casa di don Abbondio , la quale però non vedevano , per ragione di quella cantonata: e Perpetua , trovandosi a un punto importante del racconto , s'era lasciata fermare senza far resistenza , anzi senza avvedersene ; quando , tutt'a un tratto , si sentì venir rimbombando dall'alto , nel vano immoto dell'aria , per l'ampio silenzio della notte , quel primo sgangherato grido di don Abbondio: - aiuto ! aiuto !
---------------
* Voltarono , s'incamminarono in fretta verso la chiesa , attraversaron la piazza , dove per grazia del eielo , non c'era ancora anima vivente ; entrarono in una stradetta che era tra la chiesa e la casa di don Abbondio ; al primo buco che videro in una siepe , dentro , e via per i campi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Don Abbondio , il quale , appena accortosi della fuga degl'invasori , s'era ritirato dalla finestra , e l'aveva richiusa , e che in questo momento stava a bisticciar sottovoce con Perpetua , che l'aveva lasciato solo in quell'imbroglio , dovette , quando si sentì chiamare a voce di popolo , venir di nuovo alla finestra ; e visto quel gran soccorso , si pentì d'averlo chiesto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Fatti però , non ce ne fu altri ; se non che , quella medesima mattina , il console , stando nel suo campo , col mento in una mano , e il gomito appoggiato sul manico della vanga mezza ficcata nel terreno , e con un piede sul vangile ; stando , dico , a speculare tra sé sui misteri della notte passata , e sulla ragion composta di ciò che gli toccase a fare , e di ciò che gli convenisse fare , vide venirsi incontro due uomini d'assai gagliarda presenza , chiomati come due re de' Franchi della prima razza , e somigliantissimi nel resto a que' due che cinque giorni prima avevano affrontato don Abbondio , se pur non eran que' medesimi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Di che cosa ? - rispose quello: - siam quaggiù per aiutarci l'uno con l'altro , - e ritirò la mano , quasi con ribrezzo , come se gli fosse proposto di rubare , allorché Renzo cercò di farvi sdrucciolare una parte de' quattrinelli che si trovava indosso , e che aveva presi quella sera , con intenzione di regalar generosamente don Abbondio , quando questo l'avesse , suo malgrado , servito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tra i ringraziamenti , Renzo tentò pure di fargli ricevere qualche danaro ; ma quello , al pari del barcaiolo , aveva in mira un'altra ricompensa , più lontana , ma più abbondante: ritirò le mani , anche lui , e , come fuggendo , corse a governare la sua bestia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio poteva ben comandarle risolutamente , e pregarla cordialmente che stesse zitta ; lei poteva bene ripetergli che non faceva bisogno di suggerirle una cosa tanto chiara e tanto naturale ; certo è che un così gran segreto stava nel cuore della povera donna , come , in una botte vecchia e mal cerchiata , un vino molto giovine , che grilla e gorgoglia e ribolle , e , se non manda il tappo per aria , gli geme all'intorno , e vien fuori in ischiuma , e trapela tra doga e doga , e gocciola di qua e di là , tanto che uno può assaggiarlo , e dire a un di presso che vino è .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Un po' per uno , tormento che sei , - disse il marito: - abbondanza , abbondanza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quando n'aveva ottenuto un poco , i più vicini sentivano e ripetevano le sue parole: - pane , abbondanza: vengo a far giustizia: un po' di luogo di grazia - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Sì ; pane , pane , - rispondeva Ferrer: - abbondanza ; lo prometto io , - e metteva la mano al petto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sì , signori ; pane , abbondanza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Abbondanza , abbondanza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Largo ! abbondanza ! viva ! . . .Eppure , anche Ferrer . . .qualche parolina in latino . . .siés baraòs trapolorum . . .Maledetto vizio ! Viva ! giustizia ! pane ! ah , ecco le parole giuste ! . . .Là ci volevano que' galantuomini . . .quando scappò fuori quel maledetto ton ton ton , e poi ancora ton ton ton .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il mercante , il notaio , i birri , lo spadaio , l'oste , Ferrer , il vicario , la brigata dell'osteria , tutta quella turba delle strade , poi don Abbondio , poi don Rodrigo: tutta gente con cui Renzo aveva che dire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non era un conto che richiedesse una grande aritmetica ; ma però c'era abbondantemente da fare una mangiatina .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Me ? - disse ancora quella voce , significando chiaramente in quel monosillabo: come ci posso entrar io ? Ma questa volta , insieme con la voce , venne fuori l'uomo , don Abbondio in persona , con un passo forzato , e con un viso tra l'attonito e il disgustato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Uscito anche il cappellano , si voltò a don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio fece di tutto per nascondere la noia , che dico ? l'affanno e l'amaritudine che gli dava una tale proposta , o comando che fosse ; e non essendo più a tempo a sciogliere e a scomporre un versaccio già formato sulla sua faccia , lo nascose , chinando profondamente la testa , in segno d'ubbidienza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Di stretti , e con cui viva , o vivesse , non ha che la madre , - rispose don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E se andassi io ? - disse don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Dicevo , - replicò don Abbondio , - per disporre quella povera madre .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Parve però strano al cardinale che don Abbondio non l'avesse intesa per aria , anzi pensata da sé ; e così fuor di luogo gli parve la proposta e l'insistenza , che pensò doverci esser sotto qualche cosa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Volendo quindi dissipare affatto quell'ombre codarde , e non piacendogli di tirare in disparte il curato e di bisbigliar con lui in segreto , mentre il suo nuovo amico era lì in terzo , pensò che il mezzo più opportuno era di far ciò che avrebbe fatto anche senza questo motivo , parlare all'innominato medesimo ; e dalle sue risposte don Abbondio intenderebbe finalmente che quello non era più uomo da averne paura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , a quelle dimostrazioni , stava come un ragazzo pauroso , che veda uno accarezzar con sicurezza un suo cagnaccio grosso , rabbuffato , con gli occhi rossi , con un nomaccio famoso per morsi e per ispaventi , e senta dire al padrone che il suo cane è un buon bestione , quieto , quieto: guarda il padrone , e non contraddice né approva ; guarda il cane , e non ardisce accostarglisi , per timore che il buon bestione non gli mostri i denti , fosse anche per fargli le feste ; non ardisce allontanarsi , per non farsi scorgere ; e dice in cuor suo: oh se fossi a casa mia !
---------------
* - Oh quanto me ne rallegro ! - disse don Abbondio , facendo una gran riverenza a tutt'e due in comune .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dietro veniva don Abbondio , a cui nessuno badò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il cardinale gli disse che , appena arrivato questo , lo facesse parlar subito con don Abbondio: e tutto poi fosse agli ordini di questo e dell'innominato ; al quale strinse di nuovo la mano , in atto di commiato , dicendo: - v'aspetto - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si voltò a salutar don Abbondio , e s'avviò dalla parte che conduceva alla chiesa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Stava l'innominato tutto raccolto in sé , pensieroso , impaziente che venisse il momento d'andare a levar di pene e di carcere la sua Lucia: sua ora in un senso così diverso da quello che lo fosse il giorno avanti: e il suo viso esprimeva un'agitazione concentrata , che all'occhio ombroso di don Abbondio poteva facilmente parere qualcosa di peggio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E pensa e ripensa , aveva trovato che gli avrebbe potuto dire: non mi sarei mai aspettato questa fortuna d'incontrarmi in una così rispettabile compagnia ; e stava per aprir bocca , quando entrò l'aiutante di camera , col curato del paese , il quale annunziò che la donna era pronta nella lettiga ; e poi si voltò a don Abbondio , per ricevere da lui l'altra commissione del cardinale .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio se ne sbrigò come poté , in quella confusione di mente ; e accostatosi poi all'aiutante , gli disse: - mi dia almeno una bestia quieta ; perché , dico la verità , sono un povero cavalcatore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Basta . . .- replicò don Abbondio , e continuò pensando: " il cielo me la mandi buona " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il signore s'era incamminato di corsa , al primo avviso: arrivato all'uscio , s'accorse di don Abbondio , ch'era rimasto indietro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Ohi ! ohi ! ohi ! - pensò don Abbondio: - cosa vuol farne di quell'ordigno , costui ? Bel cilizio , bella disciplina da convertito ! E se gli salta qualche grillo ? Oh che spedizione ! oh che spedizione ! "
---------------
Se quel signore avesse potuto appena sospettare che razza di pensieri passavano per la testa al suo compagno , non si può dire cosa avrebbe fatto per rassicurarlo ; ma era lontano le mille miglia da un tal sospetto ; e don Abbondio stava attento a non far nessun atto che significasse chiaramente: non mi fido di vossignoria .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Vizi non ne ha ? - disse all'aiutante di camera don Abbondio , rimettendo in terra il piede , che aveva già alzato verso la staffa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , arrampicandosi alla sella , sorretto dall'aiutante , su , su , su , è a cavallo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La lettiga passò , l'innominato passò ; e davanti alla porta spalancata della chiesa , si levò il cappello , e chinò quella fronte tanto temuta , fin sulla criniera della mula , tra il susurro di cento voci che dicevano: Dio la benedica ! Don Abbondio si levò anche lui il cappello , si chinò , si raccomandò al cielo ; ma sentendo il concerto solenne de' suoi confratelli che cantavano a distesa , provò un'invidia , una mesta tenerezza , un accoramento tale , che durò fatica a tener le lacrime .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ogni tanto , comparivano viandanti , anche a comitive , che accorrevano per vedere il cardinale ; ed era un ristoro per don Abbondio ; ma passeggiero , ma s'andava verso quella valle tremenda , dove non s'incontrerebbe che sudditi dell'amico: e che sudditi ! Con l'amico avrebbe desiderato ora più che mai d'entrare in discorso , tanto per tastarlo sempre più , come per tenerlo in buona ; ma vedendolo così soprappensiero , gliene passava la voglia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Come stava allora il povero don Abbondio ! Quella valle famosa , della quale aveva sentito raccontar tante storie orribili , esserci dentro: que' famosi uomini , il fiore della braveria d'Italia , quegli uomini senza paura e senza misericordia , vederli in carne e in ossa ; incontrarne uno o due o tre a ogni voltata di strada .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si chinavano sommessamente al signore ; ma certi visi abbronzati ! certi baffi irti ! certi occhiacci , che a don Abbondio pareva che volessero dire: fargli la festa a quel prete ? A segno che , in un punto di somma costernazione , gli venne detto tra sé: " gli avessi maritati ! non mi poteva accader di peggio " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I bravi che si trovan sulla spianata e sulla porta , si ritirano di qua e di là , per lasciare il passo libero: l'innominato fa segno che non si movan di più ; sprona , e passa davanti alla lettiga ; accenna al lettighiero e a don Abbondio che lo seguano ; entra in un primo cortile , da quello in un secondo ; va verso un usciolino , fa stare indietro con un gesto un bravo che accorreva per tenergli la staffa , e gli dice: - tu sta' costì , e non venga nessuno - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Poi fa cenno al lettighiero , che apra ; poi s'avvicina a don Abbondio , e , con un sembiante così sereno come questo non gliel aveva ancor visto , né credeva che lo potesse avere , con dipintavi la gioia dell'opera buona che finalmente stava per compire , gli dice , ancora sotto voce: - signor curato , non le chiedo scusa dell'incomodo che ha per cagion mia: lei lo fa per Uno che paga bene , e per questa sua poverina - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ciò detto , prende con una mano il morso , con l'altra la staffa , per aiutar don Abbondio a scendere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La vecchia tira il paletto ; l'innominato , spingendo leggermente i battenti , fa un po' di spiraglio: ordina alla vecchia di venir fuori , fa entrar subito don Abbondio con la buona donna .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Guardò , vide un prete , una donna ; si rincorò alquanto: guarda più attenta: è lui , o non è lui ? Riconosce don Abbondio , e rimane con gli occhi fissi , come incantata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Chi siete ? - le domandò Lucia ; ma , senza aspettar la risposta , si voltò ancora a don Abbondio , che s'era trattenuto discosto due passi , con un viso , anche lui , tutto compassionevole ; lo fissò di nuovo , e esclamò: - lei ! è lei ? il signor curato ? Dove siamo ? . . .Oh povera me ! son fuori di sentimento !
---------------
- No , no , - rispose don Abbondio: - son io davvero: fatevi coraggio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - È qui anche lui in persona , venuto apposta con noi , - disse don Abbondio: - è qui fuori che aspetta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Si può dir di più ? Via , su quella testa ; non fate la bambina ; che possiamo andar presto , - le diceva don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Lucia , tutta rianimata , con la donna che le dava braccio , gli andò dietro ; don Abbondio in coda .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Slegò quindi la mula di don Abbondio , e l'aiutò anche lui a montare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per don Abbondio questo ritorno non era certo così angoscioso come l'andata di poco prima ; ma non fu neppur esso un viaggio di piacere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il lettighiero , stimolato da' cenni dell'innominato , faceva andar di buon passo le sue bestie ; le due cavalcature andavan dietro dietro , con lo stesso passo ; onde seguiva che , a certi luoghi più ripidi , il povero don Abbondio , come se fosse messo a leva per di dietro , tracollava sul davanti , e , per reggersi , doveva appuntellarsi con la mano all'arcione ; e non osava però pregare che s'andasse più adagio , e dall'altra parte avrebbe voluto esser fuori di quel paese più presto che fosse possibile .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Oltre di ciò , dove la strada era sur un rialto , sur un ciglione , la mula , secondo l'uso de' pari suoi , pareva che facesse per dispetto a tener sempre dalla parte di fuori , e a metter proprio le zampe sull'orlo ; e don Abbondio vedeva sotto di sé , quasi a perpendicolo , un salto , o come pensava lui , un precipizio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Anche don Abbondio prese una faccia più naturale , sprigionò alquanto la testa di tra le spalle , sgranchì le braccia e le gambe , si mise a stare un po' più sulla vita , che faceva un tutt'altro vedere , mandò più larghi respiri , e , con animo più riposato , si mise a considerare altri lontani pericoli .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio fece quello che aveva pensato: appena smontato , fece i più sviscerati complimenti all'innominato , e lo pregò di volerlo scusar con monsignore ; ché lui doveva tornare alla parrocchia addirittura , per affari urgenti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma , a un certo punto , aveva incontrato don Abbondio che veniva adagio adagio , mettendo avanti , a ogni passo , il suo bastone .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio l'aveva ragguagliata di ciò che aveva potuto sapere e dovuto vedere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dopo , don Abbondio era voluto entrare in un altro discorso , e darle una lunga istruzione sulla maniera di regolarsi con l'arcivescovo , se questo , com'era probabile , avesse desiderato di parlar con lei e con la figliuola ; e soprattutto che non conveniva far parola del matrimonio . . .Ma Agnese , accorgendosi che il brav'uomo non parlava che per il suo proprio interesse , l'aveva piantato , senza promettergli , anzi senza risolver nulla ; ché aveva tutt'altro da pensare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Bisognerebbe che tutti i preti fossero come vossignoria , che tenessero un po' dalla parte de' poveri , e non aiutassero a metterli in imbroglio , per cavarsene loro , - disse Agnese , animata dal contegno così famigliare e amorevole di Federigo , e stizzita dal pensare che il signor don Abbondio , dopo aver sempre sacrificati gli altri , pretendesse poi anche d'impedir loro un piccolo sfogo , un lamento con chi era al di sopra di lui , quando , per un caso raro , n'era venuta l'occasione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Trovò però il verso d'accomodarla con un piccolo stralcio: raccontò del matrimonio concertato , del rifiuto di don Abbondio , non lasciò fuori il pretesto de' superiori che lui aveva messo in campo (ah , Agnese !) ; e saltò all'attentato di don Rodrigo , e come , essendo stati avvertiti , avevano potuto scappare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Lucia , malgrado gli occhiacci che la madre cercava di farle alla sfuggita , raccontò la storia del tentativo fatto in casa di don Abbondio ; e concluse dicendo: - abbiam fatto male ; e Dio ci ha gastigati .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Verso le ventidue , ch'era l'ora in cui s'aspettava il cardinale , quelli ch'eran rimasti in casa , vecchi , donne e fanciulli la più parte , s'avviarono anche loro a incontrarlo , parte in fila , parte in truppa , preceduti da don Abbondio , uggioso in mezzo a tanta festa , e per il fracasso che lo sbalordiva , e per il brulicar della gente innanzi e indietro , che , come andava ripetendo , gli faceva girar la testa , e per il rodìo segreto che le donne avesser potuto cicalare , e dovesse toccargli a render conto del matrimonio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La gente che andava con don Abbondio , s'affrettò alla rinfusa , a raggiunger quell'altra: e lui , dopo aver detto , tre e quattro volte: - adagio ; in fila ; cosa fate ? - si voltò indispettito ; e seguitando a borbottare: - è una babilonia , è una babilonia , - entrò in chiesa , intanto ch'era vota ; e stette lì ad aspettare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio disse ch'era un giovine un po' vivo , un po' testardo , un po' collerico .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Per ora , - rispose don Abbondio , - può venire e stare , come vuole: dico , per ora ; ma , - soggiunse poi con un sospiro , - bisognerebbe che vossignoria illustrissima fosse sempre qui , o almeno vicino .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio uscì di lì tutto contento che il cardinale gli avesse parlato de' due giovani , senza chiedergli conto del suo rifiuto di maritarli .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Stava in quel momento il cardinale discorrendo con don Abbondio , sugli affari della parrocchia: dimodoché questo non ebbe campo di dare anche lui , come avrebbe desiderato , le sue istruzioni alle donne .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Terminate le funzioni , don Abbondio , ch'era corso a vedere se Perpetua aveva ben disposto ogni cosa per il desinare , fu chiamato dal cardinale .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
" Hanno votato il sacco stamattina coloro " , pensò don Abbondio ; e rispose borbottando: - monsignore illustrissimo avrà ben sentito parlare degli scompigli che son nati in quell'affare: è stata una confusione tale , da non poter , neppure al giorno d'oggi , vederci chiaro: come anche vossignoria illustrissima può argomentare da questo , che la giovine è qui , dopo tanti accidenti , come per miracolo ; e il giovine , dopo altri accidenti , non si sa dove sia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Monsignore , - disse don Abbondio , facendosi piccino piccino , - non ho già voluto dire . . .Ma m'è parso che , essendo cose intralciate , cose vecchie e senza rimedio , fosse inutile di rimestare . . .Però , però , dico . . .so che vossignoria illustrissima non vuol tradire un suo povero parroco .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Allora don Abbondio si mise a raccontare la dolorosa storia ; ma tacque il nome principale , e vi sostituì: un gran signore ; dando così alla prudenza tutto quel poco che si poteva , in una tale stretta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E non avete avuto altro motivo ? - domandò il cardinale , quando don Abbondio ebbe finito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Don Abbondio stava a capo basso: il suo spirito si trovava tra quegli argomenti , come un pulcino negli artigli del falco , che lo tengono sollevato in una regione sconosciuta , in un'aria che non ha mai respirata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Anche questi santi son curiosi , - pensava intanto don Abbondio: - in sostanza , a spremerne il sugo , gli stanno più a cuore gli amori di due giovani , che la vita d'un povero sacerdote " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
A una siffatta domanda , don Abbondio , che pur s'era ingegnato di risponder qualcosa a delle meno precise , restò lì senza articolar parola .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Anche questa gli hanno rapportata le chiacchierone " , pensava don Abbondio ; ma non dava segno d'aver nulla da dire ; onde il cardinale riprese: - se è vero , che abbiate detto a que' poverini ciò che non era , per tenerli nell'ignoranza , nell'oscurità , in cui l'iniquità li voleva . . .Dunque lo devo credere ; dunque non mi resta che d'arrossirne con voi , e di sperare che voi ne piangerete con me .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Ecco come vanno le cose , - diceva ancora tra sé don Abbondio: - a quel satanasso , - e pensava all'innominato , - le braccia al collo ; e con me , per una mezza bugia , detta a solo fine di salvar la pelle , tanto chiasso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
" I pareri di Perpetua ! " pensava stizzosamente don Abbondio , a cui , in mezzo a que' discorsi , ciò che stava più vivamente davanti , era l'immagine di que' bravi , e il pensiero che don Rodrigo era vivo e sano , e , un giorno o l'altro , tornerebbe glorioso e trionfante , e arrabbiato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
" Proprio le ragioni di Perpetua " , pensò anche qui don Abbondio , senza riflettere che quel trovarsi d'accordo la sua serva e Federigo Borromeo su ciò che si sarebbe potuto e dovuto fare , voleva dir molto contro di lui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Gli è perché le ho viste io quelle facce , - scappò detto a don Abbondio ; - le ho sentite io quelle parole .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Oh che sant'uomo ! ma che tormento ! - pensava don Abbondio: - anche sopra di sé: purché frughi , rimesti , critichi , inquisisca ; anche sopra di sé " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Tutto casca addosso a me , - disse don Abbondio: - ma queste persone che son venute a rapportare , non le hanno poi detto d'essersi introdotte in casa mia , a tradimento , per sorprendermi , e per fare un matrimonio contro le regole .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio stava zitto ; ma non era più quel silenzio forzato e impaziente: stava zitto come chi ha più cose da pensare che da dire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Non mancherò , monsignore , non mancherò , davvero , - rispose don Abbondio , con una voce che , in quel momento , veniva proprio dal cuore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Così detto , si mosse ; e don Abbondio gli andò dietro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Assediavano i fornai e i farinaioli , come già avevan fatto in quell'altra fattizia e passeggiera abbondanza prodotta dalla prima tariffa d'Antonio Ferrer ; tutti consumavano senza risparmio ; chi aveva qualche quattrino da parte , l'investiva in pane e in farine ; facevan magazzino delle casse , delle botticine , delle caldaie .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Chi non ha visto don Abbondio , il giorno che si sparsero tutte in una volta le notizie della calata dell'esercito , del suo avvicinarsi , e de' suoi portamenti , non sa bene cosa sia impiccio e spavento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , risoluto di fuggire , risoluto prima di tutti e più di tutti , vedeva però , in ogni strada da prendere , in ogni luogo da ricoverarsi , ostacoli insuperabili , e pericoli spaventosi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per portarsi lontano e fuori della strada che l'esercito aveva a percorrere , non era possibile trovar né un calesse , né un cavallo , né alcun altro mezzo: a piedi , don Abbondio non avrebbe potuto far troppo cammino , e temeva d'esser raggiunto per istrada .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio voleva trattenerla , e discuter con lei i vari partiti ; ma lei , tra il da fare , e la fretta , e lo spavento che aveva anch'essa in corpo , e la rabbia che le faceva quello del padrone , era , in tal congiuntura , meno trattabile di quel che fosse stata mai .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Oh povero me ! - esclamava don Abbondio: - oh che gente ! che cuori ! Non c'è carità: ognun pensa a sé ; e a me nessuno vuol pensare - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio ubbidì , andò allo scrigno , cavò il suo tesoretto , e lo consegnò a Perpetua ; la quale disse: - vo a sotterrarli nell'orto , appiè del fico - ; e andò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Era vero che , del bene piovutole , come si dice , dal cielo , non aveva fatta la confidenza a nessuno , fuorché a don Abbondio ; dal quale andava , volta per volta , a farsi spicciolare uno scudo , lasciandogli sempre qualcosa da dare a qualcheduno più povero di lei .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Pensò come potrebbe farsi conoscere da quel signore , e le venne subito in mente don Abbondio ; il quale , dopo quel colloquio così fatto con l'arcivescovo , le aveva sempre fatto festa , e tanto più di cuore , che lo poteva senza compromettersi con nessuno , e che , essendo lontani i due giovani , era anche lontano il caso che a lui venisse fatta una richiesta , la quale avrebbe messa quella benevolenza a un gran cimento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Che ne dite , Perpetua ? - domandò don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Non si potrebbe , - disse don Abbondio , - trovar qualche uomo che venisse con noi , per far la scorta al suo curato ? Se incontrassimo qualche birbone , che pur troppo ce n'è in giro parecchi , che aiuto m'avete a dar voi altre ?
---------------
* Don Abbondio andò , tornò , di lì a un momento , col breviario sotto il braccio , col cappello in capo , e col suo bordone in mano ; e uscirono tutt'e tre per un usciolino che metteva sulla piazzetta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio diede , nel passare , un'occhiata alla chiesa , e disse tra i denti: - al popolo tocca a custodirla , che serve a lui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Presero per i campi , zitti zitti , pensando ognuno a' casi suoi , e guardandosi intorno , specialmente don Abbondio , se apparisse qualche figura sospetta , qualcosa di straordinario .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dopo aver sospirato e risospirato , e poi lasciato scappar qualche interiezione , don Abbondio cominciò a brontolare più di seguito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Brava ! - disse don Abbondio , ormai sicuro della vita , quanto bastava per poter angustiarsi della roba: - brava ! così avete fatto ? Dove avevate la testa ?
---------------
* - Con patto di non perder tempo ; ché non siamo in viaggio per divertimento , - concluse don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sta meglio di noi , - disse don Abbondio: - è a Milano , fuor de' pericoli , lontana da queste diavolerie .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Siamo incamminati , - disse don Abbondio ; - al castello di *** .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E qui , non hanno paura ? - disse don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Perpetua cavò fuori le provvisioni ; s'apparecchiò: un tovagliolo e un piatto di maiolica al posto d'onore , per don Abbondio , con una posata che Perpetua aveva nella gerla .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Voglio sperare , - disse don Abbondio , - che saremo ben accolti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Gran bella conversione ! - riprese don Abbondio: - e si mantiene , n'è vero ? si mantiene .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E quella gente che teneva con sé ? . . .tutta quella servitù ? . . .- riprese don Abbondio , il quale n'aveva più d'una volta sentito dir qualcosa , ma non era mai quieto abbastanza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio faceva fretta ; il sarto s'impegnò di trovare un baroccio che li conducesse appiè della salita ; n'andò subito in cerca , e poco dopo , tornò a dire che arrivava .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si voltò poi a don Abbondio , e gli disse: - signor curato , se mai desiderasse di portar lassù qualche libro , per passare il tempo , da pover'uomo posso servirla: ché anch'io mi diverto un po' a leggere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Grazie , grazie , - rispose don Abbondio: - son circostanze , che si ha appena testa d'occuparsi di quel che è di precetto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il sarto aveva detto la verità a don Abbondio , intorno all'innominato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E aveva dato ordine di far venire provvisioni abbondanti , per ispesare gli ospiti che Dio gli manderebbe , e i quali infatti andavan crescendo di giorno in giorno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma don Abbondio non trovava che ci fosse tanto da rallegrarsi ; anzi quel concorso , e più ancora il maggiore che sentiva esserci dall'altra parte , cominciava a dargli ombra .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - In molti ? in molti ? - replicava don Abbondio: - povera donna ! Non sapete che ogni lanzichenecco ne mangia cento di costoro ? E poi , se volessero far delle pazzie , sarebbe un bel gusto , eh ? di trovarsi in una battaglia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Chetatevi un po' , - disse don Abbondio: - ché già le chiacchiere non servono a nulla .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Zitta ! - rispose , con voce bassa ma iraconda , don Abbondio: - zitta ! che non sapete quel che vi dite .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Se ha poi paura anche d'esser difeso e aiutato . . .- ricominciava Perpetua ; ma don Abbondio l'interruppe aspramente , sempre però a voce bassa: - zitta ! E badate bene di non riportare questi discorsi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Alla Malanotte , trovarono un altro picchetto d'armati , ai quali don Abbondio fece una scappellata , dicendo intanto tra sé: " ohimè , ohimè: son proprio venuto in un accampamento ! " Qui il baroccio si fermò ; ne scesero ; don Abbondio pagò in fretta , e licenziò il condottiere ; e s'incamminò con le due compagne per la salita , senza far parola .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Volete stare zitta ? donna senza giudizio ! - le gridò in un orecchio don Abbondio: - son discorsi codesti da farsi qui ? Non sapete che siamo in casa sua ? Fortuna che ora nessun vi sente ; ma se parlate in questa maniera . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- State zitta , - le replicò don Abbondio: - credete voi che ai santi si possa dire , senza riguardo , tutto ciò che passa per la mente ? Pensate piuttosto a ringraziarlo del bene che v'ha fatto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma: - zitta ! - gridò sottovoce don Abbondio , e insieme si levò il cappello in fretta , e fece un profondo inchino: ché , guardando in su , aveva visto l'innominato scender verso di loro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Anche questo aveva visto e riconosciuto don Abbondio ; e affrettava il passo per andargli incontro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Confidato nella gran bontà di vossignoria illustrissima , - rispose don Abbondio , - mi son preso l'ardire di venire , in queste triste circostanze , a incomodarla: e , come vede vossignoria illustrissima , mi son preso anche la libertà di menar compagnia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E questa , - continuò don Abbondio , - è una donna a cui vossignoria ha già fatto del bene: la madre di quella . . .di quella . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - No , signore , che non gli ho voluti aspettare que' diavoli , - rispose don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Speriamo che non vengano , - disse don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Tra due fuochi , - diceva tra sé don Abbondio: - proprio tra due fuochi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* L'innominato v'accompagnò in persona don Abbondio , che fu il primo a prenderne il possesso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Agnese e Perpetua , per non mangiare il pane a ufo , avevan voluto essere impiegate ne' servizi che richiedeva una così grande ospitalità ; e in questo spendevano una buona parte della giornata ; il resto nel chiacchierare con certe amiche che s'eran fatte , o col povero don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Credo che i nostri tre fossero gli ultimi ad andarsene ; e ciò per volere di don Abbondio , il quale temeva , se si tornasse subito a casa , di trovare ancora in giro lanzichenecchi rimasti indietro sbrancati , in coda all'esercito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Perpetua ebbe un bel dire che , quanto più s'indugiava , tanto più si dava agio ai birboni del paese d'entrare in casa a portar via il resto ; quando si trattava d'assicurar la pelle , era sempre don Abbondio che la vinceva ; meno che l'imminenza del pericolo non gli avesse fatto perdere affatto la testa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I ringraziamenti umili e sviscerati di don Abbondio e i complimenti di Perpetua , se gl'immagini il lettore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio e Perpetua entrano in casa , senza aiuto di chiavi ; ogni passo che fanno nell'andito , senton crescere un tanfo , un veleno , una peste , che li respinge indietro ; con la mano al naso , vanno all'uscio di cucina ; entrano in punta di piedi , studiando dove metterli , per iscansar più che possono la porcheria che copre il pavimento ; e dànno un'occhiata in giro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non c'era nulla d'intero ; ma avanzi e frammenti di quel che c'era stato , lì e altrove , se ne vedeva in ogni canto: piume e penne delle galline di Perpetua , pezzi di biancheria , fogli de' calendari di don Abbondio , cocci di pentole e di piatti ; tutto insieme o sparpagliato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* C'era , dico , un rimasuglio di tizzi e tizzoni spenti , i quali mostravano d'essere stati , un bracciolo di seggiola , un piede di tavola , uno sportello d'armadio , una panca di letto , una doga della botticina , dove ci stava il vino che rimetteva lo stomaco a don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ah baroni ! - esclamò don Abbondio ; e , come scappando , andaron fuori , per un altr'uscio che metteva nell'orto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Qui nacquero de' guai: don Abbondio cominciò a prendersela con Perpetua , che non avesse nascosto bene: pensate se questa rimase zitta: dopo ch'ebbero ben gridato , tutt'e due col braccio teso , e con l'indice appuntato verso la buca , se ne tornarono insieme , brontolando .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tasto più odioso non si poteva toccare per don Abbondio ; giacché la sua roba era in mano di birboni , cioè di quella specie di persone con cui gli premeva più di stare in pace .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ma vedete se codesti sono spropositi da dirsi ! - replicava don Abbondio: - ma volete stare zitta ?
---------------
* Alcuni , ai quali era parso di vedere , la sera del 17 di maggio , persone in duomo andare ungendo un assito che serviva a dividere gli spazi assegnati a' due sessi , fecero , nella notte , portar fuori della chiesa l'assito e una quantità di panche rinchiuse in quello ; quantunque il presidente della Sanità , accorso a far la visita , con quattro persone dell'ufizio , avendo visitato l'assito , le panche , le pile dell'acqua benedetta , senza trovar nulla che potesse confermare l'ignorante sospetto d'un attentato venefico , avesse , per compiacere all'immaginazioni altrui , e più tosto per abbondare in cautela , che per bisogno , avesse , dico , deciso che bastava dar una lavata all'assito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Fu spesso lì lì per mancare affatto di viveri , a segno di temere che ci s'avesse a morire anche di fame ; e più d'una volta , mentre non si sapeva più dove batter la testa per trovare il bisognevole , vennero a tempo abbondanti sussidi , per inaspettato dono di misericordia privata: ché , in mezzo allo stordimento generale , all'indifferenza per gli altri , nata dal continuo temer per sé , ci furono degli animi sempre desti alla carità , ce ne furon degli altri in cui la carità nacque al cessare d'ogni allegrezza terrena ; come , nella strage e nella fuga di molti a cui toccava di soprintendere e di provvedere , ce ne furono alcuni , sani sempre di corpo , e saldi di coraggio al loro posto: ci furon pure altri che , spinti dalla pietà , assunsero e sostennero virtuosamente le cure a cui non eran chiamati per impiego .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Pescavan ne' libri , e pur troppo ne trovavano in quantità , esempi di peste , come dicevano , manufatta: citavano Livio , Tacito , Dione , che dico ? Omero e Ovidio , i molti altri antichi che hanno raccontati o accennati fatti somiglianti: di moderni ne avevano ancor più in abbondanza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Frutte , n'aveva a sua disposizione , lungo la strada , anche più del bisogno: fichi , pesche , susine , mele , quante n'avesse volute ; bastava ch'entrasse ne' campi a coglierne , o a raccattarle sotto gli alberi , dove ce n'era come se fosse grandinato ; giacché l'anno era straordinariamente abbondante , di frutte specialmente ; e non c'era quasi chi se ne prendesse pensiero: anche l'uve nascondevano , per dir così , i pampani , ed eran lasciate in balìa del primo occupante .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ed ecco spuntar da una cantonata , e venire avanti una cosa nera , che riconobbe subito per don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Siete qui , voi ? - esclamò don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Eh eh ! - esclamò don Abbondio ; e , cominciando da Perpetua , nominò una filastrocca di persone e di famiglie intere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Vedete ! - continuò don Abbondio: - e non è finita .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ho inteso , - disse don Abbondio , sospirando stizzosamente: - ho inteso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In quella enumerazion di morti fattagli da don Abbondio , c'era una famiglia di contadini portata via tutta dal contagio , salvo un giovinotto , dell'età di Renzo a un di presso , e suo compagno fin da piccino ; la casa era pochi passi fuori del paese .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Tornate , con sicurezza e con pace , ai pensieri d'una volta , seguì a dirle il cappuccino: - chiedete di nuovo al Signore le grazie che Gli chiedevate , per essere una moglie santa ; e confidate che ve le concederà più abbondanti , dopo tanti guai .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Chi volesse anche sapere come Renzo se la passasse con don Abbondio , in quel tempo d'aspetto , dirò che stavano alla larga l'uno dall'altro: don Abbondio , per timore di sentire intonar qualcosa di matrimonio: e , al solo pensarci , si vedeva davanti agli occhi don Rodrigo da una parte , co' suoi bravi , il cardinale dall'altra , co' suoi argomenti: Renzo , perché aveva fissato di non parlargliene che al momento di concludere , non volendo risicare di farlo inalberar prima del tempo , di suscitar , chi sa mai ? qualche difficoltà , e d'imbrogliar le cose con chiacchiere inutili .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo disse finalmente che andava da don Abbondio , a prendere i concerti per lo sposalizio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio non disse di no ; ma cominciò a tentennare , a trovar cert'altre scuse , a far cert'altre insinuazioni: e perché mettersi in piazza , e far gridare il suo nome , con quella cattura addosso ? e che la cosa potrebbe farsi ugualmente altrove ; e questo e quest'altro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Questo non ci ha che fare , - disse don Abbondio: - v'ho forse detto di no ? Io non dico di no ; parlo . . .parlo per delle buone ragioni .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Le donne rimasero un pezzetto a discorrere , a concertarsi sulla maniera di prender don Abbondio ; e finalmente andarono all'assalto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Le fece mettere a sedere , e poi entrò subito a parlar della peste: volle sentir da Lucia come l'aveva passata in que' guai: il lazzeretto diede opportunità di far parlare anche quella che l'era stata compagna ; poi , com'era giusto , don Abbondio parlò anche della sua burrasca ; poi de' gran mirallegri anche a Agnese , che l'aveva passata liscia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma cosa volete ? Don Abbondio era sordo da quell'orecchio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Qui , parte Agnese , parte la vedova , a ribatter quelle ragioni ; don Abbondio a rimetterle in campo , sott'altra forma: s'era sempre da capo ; quando entra Renzo , con un passo risoluto , e con una notizia in viso ; e dice: - è arrivato il signor marchese *** .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Cosa vuol dir questo ? arrivato dove ? - domanda don Abbondio , alzandosi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sicuro , - disse don Abbondio: - l'ho sentito nominar più d'una volta per un bravo signore davvero , per un uomo della stampa antica .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sentiamo , - disse don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ah ! è morto dunque ! è proprio andato ! - esclamò don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E fai il tuo dovere , - rispose don Abbondio: - ma si può anche ringraziare il cielo , che ce n'abbia liberati .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sua eminenza , - rispose don Abbondio , - è il nostro cardinale arcivescovo , che Dio conservi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - No no , - riprese don Abbondio: - i curati a tirar la carretta: non abbiate paura che gli avvezzin male , i curati: del reverendo , fino alla fin del mondo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il marchese lodò molto il suggerimento ; ringraziò don Abbondio , e lo pregò di voler esser arbitro del prezzo , e di fissarlo alto bene ; e lo fece poi restar di sasso , col proporgli che s'andasse subito insieme a casa della sposa , dove sarebbe probabilmente anche lo sposo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per la strada , don Abbondio , tutto gongolante , come vi potete immaginare , ne pensò e ne disse un'altra .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , pregato da lui di fissare il prezzo , si fece avanti ; e , dopo un po' di cerimonie e di scuse , e che non era sua farina , e che non potrebbe altro che andare a tastoni , e che parlava per ubbidienza , e che si rimetteva , proferì , a parer suo , uno sproposito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Ah ! - diceva poi tra sé don Abbondio , tornato a casa: - se la peste facesse sempre e per tutto le cose in questa maniera , sarebbe proprio peccato il dirne male: quasi quasi ce ne vorrebbe una , ogni generazione ; e si potrebbe stare a patti d'averla ; ma guarire , ve' " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Venne la dispensa , venne l'assolutoria , venne quel benedetto giorno: i due promessi andarono , con sicurezza trionfale , proprio a quella chiesa , dove , proprio per bocca di don Abbondio , furono sposi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il marchese fece loro una gran festa , li condusse in un bel tinello , mise a tavola gli sposi , con Agnese e con la mercantessa ; e prima di ritirarsi a pranzare altrove con don Abbondio , volle star lì un poco a far compagnia agl'invitati , e aiutò anzi a servirli .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non meno tenera , eccettuate le lacrime , fu la separazione di Renzo e della famiglia dall'ospite amico: e non crediate che con don Abbondio le cose passassero freddamente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Don Lisi, zelantissimo del suo ufficio, si raccomandava, tenuto su le spine specialmente dalla sorella intrigante e chiassona, massime dopo il pranzo e le abbondanti libazioni.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il naso vasto e carnoso, tutto bucherato dal vajuolo come una spugna, pareva gli fosse divenuto, dopo la malattia, piú abbondante.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Raddoppiava, per un vezzo di pronunzia, la effe in principio di parola, e pareva sbuffasse, e di continuo si passava il fazzoletto su la punta del naso e sul labbro superiore che, stranamente, nella furia del parlare, le s'imperlavano di sudore; e la salivazione le si attivava con tanta abbondanza, che la voce, a tratti, quasi vi affogava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Zia Michelina, di sangue placido, d'indole mite, subito s'era sentita a posto in quella casa di contadini arricchiti, ove tutto odorava delle abbondanti quotidiane provviste della campagna lontana e tutto aveva la solida quadratura dell'antica vita patriarcale.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mi dica lei chi era Sancho Panza! Mi dica lei chi era don Abbondio! Eppure vivono eterni perché - vivi germi - ebbero la ventura di trovare una matrice feconda, una fantasia che li seppe allevare e nutrire per l'eternità.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Anche quel giorno vollero arrivare alla meta, non ostante che il fiume per le abbondanti piogge recenti fosse in piena e straripato minacciosamente sul declivio, quasi fin sotto a quel loro pietrone; e non ostante che, seduto su questo, come se stesse ad aspettarli, scorgessero da lontano il loro coinquilino Nicola Petix: tutto aggruppato e raccolto in sé come un grosso gufo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mobili piú che decenti, tutte le comodità, guardaroba ben fornito, dispensa abbondantemente provvista, eh sí, sfido! Con tutto questo gran lavoro della mammina infaticabile; ma che tristezza anche, e che silenzio in quella casa! Cesarino, ripensandoci dal collegio, se ne sentiva ancora stringere il cuore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Attenzione! Lei, ragione, con una g sola la scriva, per piacere, mi raccomando! - Meglio abbondare, professore, meglio abbondare quando si tratta di ragione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il medico, sentendo ch'egli doveva mettersi in viaggio, volle abbondare in cautela, e gli combinò allora con le bende una specie di turbante, il quale gl'impedí d'assettarsi il cappello sul capo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La campagna, infestata nei mesi estivi dalla malaria, pareva respirasse, ora, per la pioggia abbondante della notte, che aveva fatto "calar la piena" nel burrone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le loro famiglie erano cresciute accanto, nel cortile della masseria, in due ampie stanze a terreno dove, al tempo degli antichi massari, si rammontavano i raccolti abbondanti della terra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma la puerpera perdeva sangue, perdeva sangue in spaventosa abbondanza, e non c'era verso d'arrestarlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
* In silenzio piangeva, ma con calde lagrime abbondanti e sussulti di singhiozzi raffrenati. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E, per cominciare, scrissi una elaboratissima istanza, d’ufficio, all’esimio cavalier Gerolamo Pomino, assessore comunale per la pubblica istruzione, affinché la biblioteca Boccamazza o di Santa Maria Liberale fosse con la maggior sollecitudine provveduta di un paio di gatti per lo meno, il cui mantenimento non avrebbe importato quasi alcuna spesa al Comune, atteso che i suddetti animali avrebbero avuto da nutrirsi in abbondanza col provento della loro caccia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Quel suo vicino era un signore magro, elegantissimo, su i quarant’anni; ma aveva il collo troppo lungo e gracile, ed era quasi senza mento, con un paio d’occhietti neri, vivaci, e bei capelli corvini, abbondanti, rialzati sul capo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ho ancora qualcosa da dire e il tempo dinanzi in me : e in casa mia c'è sempre carta bianca in abbondanza , carta liscia , bianca , tagliata , dove la penna scorre via con facilità e rapidità — e ho ancora pennini d' acciaio e bottiglie d' inchiostro piene , non ancora aperte . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Per essere sicura , la povera Giovanna aveva voluto abbondare .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Aveva poi dei capelli non molto abbondanti , biondi , ma di un colore fosco privo di luce e la figura intera non disgraziata , pure un po’ grossa per quell’età .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Restai a bocca aperta! Ora che lo conosco meglio , so ch’egli si lancia a un discorrere abbondante in qualsiasi direzione quando si crede sicuro di piacere al suo interlocutore .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Quella sera il cielo aveva cominciato a coprirsi di leggere nubi bianche , di quelle da cui il popolo spera la pioggia abbondante , ma una grande luna s’avanzava nel cielo intensamente azzurro dov’era ancora limpido , una di quelle lune dalle guancie gonfie che lo stesso popolo crede capaci di mangiare le nubi .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* A cena abbondavo di parole affettuose per Augusta; proprio quanto la mia bocca piena me lo permetteva , e i genitori suoi potevano aver solo la brutta impressione che il grande mio affetto fosse diminuito dalla mia bestiale voracità .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Abbondante anzi! Nel piccolo ambiente ne avevo l’orecchio ferito .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Quando cessò , m’associai all’applauso abbondante e parolaio del Copler .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Non c’era mai stata una simile abbondanza di dolcezza in casa mia e Augusta ne pareva incantata .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Parlai abbondantemente , sempre lieto e buono .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Anche dormendo essa era tutta ordinata , con le coperte fino al mento e i capelli non abbondanti riuniti in una breve treccia annodata alla nuca .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Io la diedi subito e abbondante perché il vecchio ora sentiva meno di prima .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Ne risultò che i suoi singhiozzi si calmarono e le sue lagrime fluirono abbondanti e non trattenute come la pioggia che segue ad un temporale .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Non avrei fatto meglio di dire loro di nuovo la verità? Il Copler era morto , e non appena fossi stato solo , avrei trovate le lacrime pronte per piangerlo , spontanee e abbondanti .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Mi fu descritto anche il suo aspetto; giovine , biondo , piuttosto robusto , dal vestire negletto , una camicia molle non sempre di bucato , una cravatta che doveva essere stata nera , abbondante e sciolta , un cappello a cencio dalle falde spropositate .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
abbondante abondante , participio presente di abbondare
= che è in grande quantità che supera la giusta misura
---------------
abbuffarsi
= o abboffarsi , verbo rifl. mangiare voracemente e in abbondanza .
---------------
abondare
= abbondare
---------------
battente part. pres. di batter nei sign. del verbo pioggia battente , abbondante e violenta a tamburo battente , con rapidità e senza indugio
---------------
bazzoffia basoffia ,
= minestrone , o altro cibo abbondante e grossolano insieme di cose disordinate
---------------
bengodi
= nome di un immaginario paese dove regnano allegria e abbondanza
---------------
bevitore
= colui che beve abbondantemente alcolici
---------------
bizzeffe
= a bizzeffe , in grande quantità , in abbondanza.
---------------
breakfast
= prima colazione piuttosto abbondante , secondo l'uso inglese.
---------------
cannata
= colpo di cannagraticcio di canne bevuta abbondante, tutta d'un fiato.
---------------
cebo
= scimmia arboricola americana con pelame abbondante e coda prensile .
---------------
cenata
= cena abbondante.
---------------
centrosperme
= ordine di piante dicotiledoni comprendente numerose famiglie per lo più erbacee, con foglie senza stipole, fiori con perianzio semplice o doppio, semi con abbondante involucro
---------------
chiomato
= che ha abbondante capigliatura
---------------
colluvie
= flusso abbondante di rifiuti liquidi, di materia putrida gran quantità di cose o di persone
---------------
copia
= grande quantità , abbondanza
---------------
copioso
= che è in grande quantità abbondante
---------------
cornucopia
= vaso a forma di corno pieno di frutti e di fiori, che nella mitologia greco-romana era simbolo di abbondanza e prosperità .
---------------
cottolengo
= ambiente in cui abbondano persone di scarsa perspicacia.
---------------
davanzo
= o d'avanzo - più del necessario - in abbondanza
---------------
descrittivismo
= in letteratura e nelle arti figurative - tendenza ad abbondare nei particolari descrittivi
---------------
dirotto
= impetuoso e abbondante
---------------
divizia
= abbondanza
---------------
dovizia
= grande abbondanza - ricchezza
---------------
elargire
= verbo trans . donare - distribuire in abbondanza e con generosità
---------------
eldorado
= luogo di abbondanza e di ricchezza .
---------------
enarrare
= verbo trans . descrivere minutamente - esporre con abbondanza di particolari .
---------------
farraginoso
= abbondante e disordinato
---------------
galliformi
= pl. ordine di uccelli commestibili di media grandezza , cattivi volatori , con ali corte , becco robusto e incurvato , piumaggio abbondante e , nella maggior parte dei casi , cresta e bargigli
---------------
gariga o garriga ,
= associazione vegetale tipica dei terreni calcarei e rocciosi delle regioni mediterrane , costituita da arbusti e suffrutici molto bassi , sempreverdi , tra i quali vegetano abbondanti specie erbacee.
---------------
guazzetto
= soprattutto nella loc. in guazzetto , modo di cuocere la carne o il pesce , con abbondante sugo brodoso
---------------
iosa
= avv . a iosa , in abbondanza , in grande quantità
---------------
ipernutrizione
= nutrizione più abbondante o sostanziosa di quella normale .
---------------
leontocebo
= piccola scimmia sudamericana con lunga coda , pelame lucido e abbondante criniera .
---------------
loess
= deposito di argille sabbiose finissime e giallastre di origine eolica , molto abbondanti in cina .
---------------
lusso
= sfoggio di ricchezza , di abbondanza
---------------
macca
= grandissima abbondanza
---------------
mangiamento
= il mangiare, spec. abbondantemente e in compagnia - tormento, rodimento
---------------
muscicapa
= genere di piccoli uccelli, con becco corto dalla punta incurvata e piumaggio abbondante .
---------------
nubifragio
= temporale improvviso e violento , con pioggia abbondante e raffiche di vento
---------------
opulento
= aggettivo - molto ricco , abbondante - plur.: olpulenti - fem.: opulenta , opulente
---------------
opulenza
= fem., - ricchezza , abbondanza - plur.: opulenze
---------------
pacchia
= condizione di vita facile , piacevole , senza responsabilità e preoccupazioni , in cui ci sia abbondanza di mangiare e bere
---------------
pappare
= verbo trans . mangiare abbondantemente e con avidità - nel linguaggio corrente , appropriarsi in modo esclusivo e con rapacità di un bene , un vantaggio , un guadagno
---------------
pescoso
= ricco , abbondante di pesci
---------------
pitiriasi
= abbondante desquamazione dell'epidermide
---------------
profluvio
= flusso abbondante , spec . di umori e sostanze che scaturiscono dal corpo umano
---------------
prozio
= l'isotopo più abbondante dell'idrogeno , con numero di massa uno .
---------------
ricco
= che possiede beni e mezzi di sussistenza in misura superiore alla media, in abbondanza
---------------
rinorrea
= secrezione nasale abbondante.
---------------
sbafare
= verbo transitivo mangiare avidamente e in abbondanza , mangiare a spese d'altri ,
---------------
sbafata
= abbondante mangiata , se fatta a spese altrui .
---------------
schiccherare
= verbo transitivo e intr . versare bere vino e liquori spesso e abbondantemente .
---------------
sciott
= lago temporaneo , salato e poco profondo , che si forma nei deserti caldi dopo acquazzoni abbondanti ,
---------------
scorpacciata
= mangiata abbondante e ingorda ,
---------------
slatinare
= verbo intransitivo fare uso abbondante , nel parlare o nello scrivere , di parole e locuzioni latine .
---------------
sovrabbondante
= participio presente di sovrabbondare , più che abbondante ,
---------------
sovrabbondanza ,
= eccessiva quantità , grande abbondanza ,
---------------
specificare
= verbo transitivo precisare per mezzo di dati specifici , con chiarezza e abbondanza di particolari ,
---------------
spumante
= participio presente di spumare , vino bianco o rosato che , in seguito a un processo di doppia fermentazione , produce , nel momento in cui si stappa e si versa nei bicchieri , una spuma abbondante e leggera ,
---------------
strapagare
= verbo transitivo pagare abbondantemente , più del dovuto ,
---------------
strippata
= mangiata molto abbondante .
---------------
succulenza
= abbondanza di succo ,
---------------
sudata
= il sudare abbondantemente per uno sforzo , una corsa , il caldo eccessivo ,
---------------
Conjugacíon: 1 - abundar
auxiliar: haber - intransitivo/transitivo
INDICATIVO activo
Presente
yo abundo
abundas
él/ella abunda
nosotros abundamos
vosotros abundáis
ellos/ellas abundan
Imperfecto
yo abundaba
abundabas
él/ella abundaba
nosotros abundabamos
vosotros abundabais
ellos/ellas abundaban
Pretérito indefinito
yo abundé
abundaste
él/ella abundó
nosotros abundamos
vosotros abundasteis
ellos/ellas abundaron
Preterito perfecto
yo he abundado
has abundado
él/ella ha abundado
nosotros hemos abundado
vosotros habéis abundado
ellos/ellas han abundado
Preterito pluscuamperfecto
yo había abundado
habías abundado
él/ella había abundado
nosotros habíamos abundado
vosotros habíais abundado
ellos/ellas habían abundado
Preterito anterior
yo hube abundado
hubiste abundado
él/ella hubo abundado
nosotros hubimos abundado
vosotros hubisteis abundado
ellos/ellas hubieron abundado
Futuro
yo abundaré
abundaras
él/ella abundará
nosotros abundaremos
vosotros abundareis
ellos/ellas abundarán
Futuro perfecto
yo habré abundado
habrás abundado
él/ella habrá abundado
nosotros habremos abundado
vosotros habréis abundado
ellos/ellas habrán abundado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo abunde
abundes
él/ella abunde
nosotros abundemos
nosotros abundéis
ellos/ellas abunden
Pretérito perfecto
yo haya abundado
hayas abundado
él/ella haya abundado
nosotros hayamos abundado
nosotros hayáis abundado
ellos/ellas hayan abundado
Pretérito imperfetto I
yo abundara
abundaras
él/ella abundara
nosotros abundáramos
nosotros abundarais
ellos/ellas abundaran
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera abundado
hubieras abundado
él/ella hubiera abundado
nosotros hubiéramos abundado
nosotros hubierais abundado
ellos/ellas hubieran abundado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese abundado
hubieses abundado
él/ella hubiese abundado
nosotros hubiésemos abundado
nosotros hubieseis abundado
ellos/ellas hubiesen abundado
Pretérito imperfetto II
yo abundase
abundases
él/ella abundase
nosotros abundásemos
nosotros abundaseis
ellos/ellas abundasen
Futuro
yo abundare
abundares
él/ella abundare
nosotros abundáremos
nosotros abundareis
ellos/ellas abundaren
Futuro perfecto
yo hubiere abundado
hubieres abundado
él/ella hubiere abundado
nosotros hubiéremos abundado
nosotros hubiereis abundado
ellos/ellas hubieren abundado
POTENCIAL - activo
Presente
yo abundaría
abundarías
él/ella abundaría
nosotros abundaríamos
vosotros abundaríais
ellos/ellas abundarían
Perfecto
yo habría abundado
habrías abundado
él/ella habría abundado
nosotros habríamos abundado
vosotros habríais abundado
ellos/ellas habrían abundado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
abunda
abunde
abundemos
abundad
abunden
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber abundado
PARTICIPIO - activo
Presente
que abunda
Compuesto
abundado
GERUNDIO activo
Presente
abundando
Compuesto
habiendo abundado
Coniugazione:1 - abbondare
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io abbondo
tu abbondi
egli abbonda
noi abbondiamo
voi abbondate
essi abbondano
Imperfetto
io abbondavo
tu abbondavi
egli abbondava
noi abbondavamo
voi abbondavate
essi abbondavano
Passato remoto
io abbondai
tu abbondasti
egli abbondò
noi abbondammo
voi abbondaste
essi abbondarono
Passato prossimo
io ho abbondato
tu hai abbondato
egli ha abbondato
noi abbiamo abbondato
voi avete abbondato
essi hanno abbondato
Trapassato prossimo
io avevo abbondato
tu avevi abbondato
egli aveva abbondato
noi avevamo abbondato
voi avevate abbondato
essi avevano abbondato
Trapassato remoto
io ebbi abbondato
tu avesti abbondato
egli ebbe abbondato
noi avemmo abbondato
voi eveste abbondato
essi ebbero abbondato
Futuro semplice
io abbonderò
tu abbonderai
egli abbonderà
noi abbonderemo
voi abbonderete
essi abbonderanno
Futuro anteriore
io avrò abbondato
tu avrai abbondato
egli avrà abbondato
noi avremo abbondato
voi avrete abbondato
essi avranno abbondato
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io abbondi
che tu abbondi
che egli abbondi
che noi abbondiamo
che voi abbondiate
che essi abbondino
Passato
che io abbia abbondato
che tu abbia abbondato
che egli abbia abbondato
che noi abbiamo abbondato
che voi abbiate abbondato
che essi abbiano abbondato
Imperfetto
che io abbondassi
che tu abbondassi
che egli abbondasse
che noi abbondassimo
che voi abbondaste
che essi abbondassero
Trapassato
che io avessi abbondato
che tu avessi abbondato
che egli avesse abbondato
che noi avessimo abbondato
che voi aveste abbondato
che essi avessero abbondato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io abbonderei
tu abbonderesti
egli abbonderebbe
noi abbonderemmo
voi abbondereste
essi abbonderebbero
Passato
io avrei abbondato
tu avresti abbondato
egli avrebbe abbondato
noi avremmo abbondato
voi avreste abbondato
essi avrebbero abbondato
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
abbonda
abbondi
abbondiamo
abbondate
abbondino
Futuro
-
abbonderai
abbonderà
abbonderemo
abbonderete
abbonderanno
INFINITO - attivo
Presente
abbondare
Passato
avere abbondato
PARTICIPIO - attivo
Presente
abbondante
Passato
abbondato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
abbondando
Passato
avendo abbondato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono abbondato
tu sei abbondato
egli é abbondato
noi siamo abbondati
voi siete abbondati
essi sono abbondati
Imperfetto
io ero abbondato
tu eri abbondato
egli era abbondato
noi eravamo abbondati
voi eravate abbondati
essi erano abbondati
Passato remoto
io fui abbondato
tu fosti abbondato
egli fu abbondato
noi fummo abbondati
voi foste abbondati
essi furono abbondati
Passato prossimo
io sono stato abbondato
tu sei stato abbondato
egli é stato abbondato
noi siamo stati abbondati
voi siete stati abbondati
essi sono stati abbondati
Trapassato prossimo
io ero stato abbondato
tu eri stato abbondato
egli era stato abbondato
noi eravamo stati abbondati
voi eravate stati abbondati
essi erano statiabbondati
Trapassato remoto
io fui stato abbondato
tu fosti stato abbondato
egli fu stato abbondato
noi fummo stati abbondati
voi foste stati abbondati
essi furono stati abbondati
Futuro semplice
io sarò abbondato
tu sarai abbondato
egli sarà abbondato
noi saremo abbondati
voi sarete abbondati
essi saranno abbondati
Futuro anteriore
io sarò stato abbondato
tu sarai stato abbondato
egli sarà stato abbondato
noi saremo stati abbondati
voi sarete stati abbondati
essi saranno stati abbondati
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia abbondato
che tu sia abbondato
che egli sia abbondato
che noi siamo abbondati
che voi siate abbondati
che essi siano abbondati
Passato
che io sia stato abbondato
che tu sia stato abbondato
che egli sia stato abbondato
che noi siamo stati abbondati
che voi siate stati abbondati
che essi siano stati abbondati
Imperfetto
che io fossi abbondato
che tu fossi abbondato
che egli fosse abbondato
che noi fossimo abbondati
che voi foste abbondati
che essi fossero abbondati
Trapassato
che io fossi stato abbondato
che tu fossi stato abbondato
che egli fosse stato abbondato
che noi fossimo stati abbondati
che voi foste stati abbondati
che essi fossero stati abbondati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei abbondato
tu saresti abbondato
egli sarebbe abbondato
noi saremmo abbondati
voi sareste abbondati
essi sarebbero abbondati
Passato
io sarei stato abbondato
tu saresti stato abbondato
egli sarebbe stato abbondato
noi saremmo stati abbondati
voi sareste stati abbondati
essi sarebbero stati abbondati
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii abbondato
sia abbondato
siamo abbondati
siate abbondati
siano abbondati
Futuro
-
sarai abbondato
sarà abbondato
saremo abbondati
sarete abbondati
saranno abbondati
INFINITO - passivo
Presente
essere abbondato
Passato
essere stato abbondato
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
abbondato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo abbondato
Passato
essendo stato abbondato