Buena navegación con NihilScio!  Página de Facebook
NihilScio                Home

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

á   è   é   ì   í   ò
ó   ù   ú   ü   ñ   ç
Inglese
sinonimi di abrazar

  Cerca  frasi:
Vocabulario y frases
abrazar
= abbracciare , comprendere .
---------------
* Hechas, pues, de galope y aprisa, las hasta allí nunca vistas ceremonias, no vio la hora don Quijote de verse a caballo y salir buscando las aventuras, y, ensillando luego a Rocinante, subió en él, y abrazando a su huésped, le dijo cosas tan extrañas, agradeciéndole la merced de haberle armado caballero, que no es posible acertar a referirlas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* A estas voces salieron todos y, como conocieron los unos a su amigo, las otras a su amo y tío, que aún no se había apeado del jumento porque no podía, corrieron a abrazarle.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¡Válgame Dios, y quién será aquel que buenamente pueda contar ahora la rabia que entró en el corazón de nuestro manchego, viéndose parar de aquella manera! No se diga más sino que fue de manera que se alzó de nuevo en los estribos, y, apretando más la espada en las dos manos, con tal furia descargó sobre el vizcaíno, acertándole de lleno sobre la almohada y sobre la cabeza, que, sin ser parte tan buena defensa, como si cayera sobre él una montaña, comenzó a echar sangre por las narices y por la boca y por los oídos, y a dar muestras de caer de la mula abajo, de donde cayera, sin duda, si no se abrazara con el cuello; pero con todo eso, sacó los pies de los estribos, y luego soltó los brazos, y la mula, espantada del terrible golpe, dio a correr por el campo, y, a pocos corcovos dio con su dueño en tierra( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y, llegándose a él, puso la una mano en el arzón delantero y la otra en el otro, de modo que quedó abrazado con el muslo izquierdo de su amo, sin osarse apartar dél un dedo: tal era el miedo que tenía a los golpes que todavía alternativamente sonaban( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Así que, de mano en mano, irán pregonando sus hechos, y luego, al alboroto de los muchachos y de la demás gente, se parará a las fenestras de su real palacio el rey de aquel reino; y, así como vea al caballero, conociéndole por las armas o por la empresa del escudo, forzosamente ha de decir: «¡Ea, sus; salgan mis caballeros, cuantos en mi corte están, a recebir a la flor de la caballería que allí viene!» A cuyo mandamiento saldrán todos, y él llegará hasta la mitad de la escalera, y le abrazará estrechísimamente, y le dará paz, besándole en el rostro, y luego le llevará por la mano al aposento de la señora reina, adonde el caballero la hallará con la infanta su hija, que ha de ser una de las mas fermosas y acabadas doncellas que en gran parte de lo descubierto de la tierra a duras penas se pueda hallar.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Don Quijote le volvió las saludes con no menos comedimiento, y, apeándose de Rocinante, con gentil continente y donaire le fue a abrazar y le tuvo un buen espacio estrechamente entre sus brazos, como si de luengos tiempos le hubiera conocido.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* El otro, a quien podemos llamar «el Roto de la Mala Figura», como a don Quijote el de la Triste, después de haberse dejado abrazar, le apartó un poco de sí, y, puestas sus manos en los hombros de don Quijote, le estuvo mirando como que quería ver si le conocía; no menos admirado quizá de ver la figura, talle y armas de don Quijote, que don Quijote lo estaba de verle a él.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En resolución, el primero que habló después del abrazamiento fue el Roto, y dijo lo que se dirá adelante( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Llegó el desposado a abrazar a su esposa, y ella, poniéndose la mano sobre el corazón, cayó desmayada en los brazos de su madre.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En efeto ellos se pusieron en el llano a la salida de la sierra y, así como salió della don Quijote y sus camaradas, el cura se le puso a mirar muy de espacio, dando señales de que le iba reconociendo; y al cabo de haberle una buena pieza estado mirando, se fue a él abiertos los brazos y diciendo a voces: —¡Para bien sea hallado el espejo de la caballería, el mi buen compatriote don Quijote de la Mancha, la flor y la nata de la gentileza, el amparo y remedio de los menesterosos, la quintaesencia de los caballeros andantes! Y, diciendo esto, tenía abrazado por la rodilla de la pierna izquierda a don Quijote, el cual, espantado de lo que veía y oía decir y hacer a aquel hombre, se le puso a mirar con atención, y al fin le conoció, y quedó como espantado de verle, y hizo grande fuerza por apearse; mas el cura no lo consintió, por lo cual don Quijote decía: —Déjeme vuestra merced, señor licenciado; que no es razón que yo esté a caballo, y una tan reverenda persona como vuestra merced esté a pie( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Así es la verdad —dijo Maritornes—; y a buena fe que yo también gusto mucho de oír aquellas cosas, que son muy lindas, y más cuando cuentan que se está la otra señora debajo de unos naranjos abrazada con su caballero, y que les está una dueña haciéndoles la guarda, muerta de envidia y con mucho sobresalto.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Todo lo miraba Anselmo, cubierto detrás de unos tapices donde se había escondido, y de todo se admiraba y ya le parecía que lo que había visto y oído era bastante satisfación para mayores sospechas, y ya quisiera que la prueba de venir Lotario faltara, temeroso de algún mal repentino suceso; y, estando ya para manifestarse y salir, para abrazar y desengañar a su esposa, se detuvo porque vio que Leonela volvía con Lotario de la mano; y así como Camila le vio, haciendo con la daga en el suelo una gran raya delante della, le dijo: —Lotario, advierte lo que te digo: si a dicha te atrevieres a pasar desta raya que ves, ni aun llegar a ella, en el punto que viere que lo intentas, en ese mismo me pasaré el pecho con esta daga que en las manos tengo, y antes que a esto me respondas palabra, quiero que otras algunas me escuches; que después responderás lo que más te agradare.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Teníala el caballero fuertemente asida por las 263 espaldas, y por estar tan ocupado en tenerla, no pudo acudir a alzarse el embozo que se le caía, como, en efeto, se le cayó del todo, y, alzando los ojos Dorotea, que abrazada con la señora estaba, vio que el que abrazada ansimesmo la tenía era su esposo don Fernando; y apenas le hubo conocido, cuando, arrojando de lo íntimo de sus entrañas un luengo y tristísimo ¡ay!, se dejó caer de espaldas desmayada, y a no hallarse allí junto el barbero, que la recogió en los brazos, ella diera consigo en el suelo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Acudió luego el cura a quitarle el embozo para echarle agua en el rostro, y así como la descubrió, la conoció don Fernando, que era el que estaba abrazado con la otra, y quedó como muerto en verla; pero no porque dejase, con todo esto, de tener a Luscinda, que era la que procuraba soltarse de sus brazos; la cual había conocido en el suspiro a Cardenio, y él la había conocido a ella.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Oyó asimesmo Cardenio el ¡ay! que dio Dorotea cuando se cayó desmayada, y creyendo que era su Luscinda, salió del aposento despavorido, y lo primero que vio fue a don Fernando, que tenía abrazada a Luscinda.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En tanto que esto decía Dorotea, aunque Cardenio tenía abrazada a Luscinda, no quitaba los ojos de don Fernando, con determinación de que, si le viese hacer algún movimiento en su perjuicio, procurar defenderse y ofender como mejor pudiese a todos aquellos que en su daño se mostrasen, aunque le costase la vida; pero a esta sazón acudieron los amigos de don Fernando, y el cura y el barbero, que a todo habían estado presentes, sin que faltase el bueno de Sancho Panza, y todos rodeaban a don Fernando, suplicándole tuviese por bien de mirar las lágrimas de Dorotea, y que, siendo verdad, como sin duda ellos creían que lo era, lo que en sus razones había dicho, que no permitiese quedase defraudada de sus tan justas esperanzas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En efeto, a estas razones añadieron todos otras, tales y tantas, que el valeroso pecho de don Fernando, en fin como alimentado con ilustre sangre, se ablandó y se dejó vencer de la verdad que él no pudiera negar aunque quisiera, y la señal que dio de haberse rendido y entregado al buen parecer que se le había propuesto fue abajarse y abrazar a Dorotea, diciéndole: —Levantaos, señora mía; que no es justo que esté arrodillada a mis pies la que yo tengo en mi alma, y si hasta aquí no he dado muestras de lo que digo, quizá ha sido por orden del cielo, para que, viendo yo en vos la fe con que me amáis, os sepa estimar en lo que merecéis.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y, diciendo esto, la tornó a abrazar y a juntar su rostro con el suyo, con tan tierno sentimiento, que le fue necesario tener gran cuenta con que las lágrimas no acabasen de dar indubitables señas de su amor y arrepentimiento.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Él, como vio allí a su hija, comenzó a suspirar ternísimamente, y más cuando vio que yo estrechamente la tenía abrazada, y que ella, sin defender, quejarse ni esquivarse, se estaba queda; pero, con todo esto, callaba, porque no pusiesen en efeto las muchas amenazas que el renegado le hacía.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Dimos de comer a los moros bagarinos y el renegado les consoló, diciéndoles como no iban cautivos: que en la primera ocasión les darían libertad; lo mismo se le dijo al padre de Zoraida, el cual respondió: «Cualquiera otra cosa pudiera yo esperar y creer de vuestra liberalidad y buen término, ¡oh cristianos!; mas el darme libertad, no me tengáis por tan simple que lo imagine; que nunca os pusistes vosotros al peligro de quitármela para volverla tan liberalmente, especialmente sabiendo quién soy yo, y el interese que se os puede seguir de dármela, el cual interese, si le queréis poner nombre, desde aquí os ofrezco todo aquello que quisiéredes por mí y por esa desdichada hija mía, o si no, por ella sola, que es la mayor y la mejor parte de mi alma.» En diciendo esto, comenzó a llorar tan amargamente, que a todos nos movió a compasión, y forzó a Zoraida que le mirase; la cual, viéndole llorar, así se enterneció, que se levantó de mis pies y fue a abrazar a su padre, y juntando su rostro con el suyo comenzaron los dos tan tierno llanto, que muchos de los que allí íbamos le acompañamos en él; pero cuando su padre la vio adornada de fiesta y con tantas joyas sobre sí, le dijo en su lengua: «¿Qué es esto, hija, que ayer al anochecer antes que nos sucediese esta terrible desgracia en que nos vemos, te vi con tus ordinarios y caseros vestidos, y agora, sin que hayas tenido tiempo de vestirte, y sin haberte dado alguna nueva alegre de solenizalle con adornarte y pulirte, te veo compuesta con los mejores vestidos que yo supe y pude darte cuando nos fue la ventura más favorable? Respóndeme a esto, que me tienes más suspenso y admirado que la misma desgracia en que me hallo.» Todo lo que el moro decía a su hija nos lo declaraba el renegado, y ella no le respondía palabra; pero cuando él vio a un lado de la barca el cofrecillo donde ella solía tener sus joyas, el cual sabía él bien que le había dejado en Argel y no traídole al jardín, quedó más confuso, y preguntole que cómo aquel cofre había venido a nuestras manos, y qué era lo que venía dentro.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* «Sí», dije yo; y queriendo comenzar a decirle mi suceso, y de dónde veníamos, y quién éramos, uno de los cristianos que con nosotros venían conoció al jinete que nos había hecho la pregunta, y dijo sin dejarme a mí decir más palabra: «Gracias sean dadas a Dios, señores, que a tan buena parte nos ha conducido, porque si yo no me engaño, la tierra que pisamos es la de Vélez Málaga, si ya los años de mi cautiverio no me han quitado de la memoria el acordarme que vos, señor, que nos preguntáis quién somos, sois Pedro de Bustamante, tío mío.» Apenas hubo dicho esto el cristiano cauti300 vo, cuando el jinete se arrojó del caballo y vino a abrazar al mozo, diciéndole: «Sobrino de mi alma y de mi vida; ya te conozco, y ya te he llorado por muerto yo, y mi hermana tu madre, y todos los tuyos, que aún viven, y Dios ha sido servido de darles vida para que gocen el placer de verte; ya sabíamos que estabas en Argel, y por las señales y muestras de tus vestidos y la de todos los desta compañía, comprehendo que habéis tenido milagrosa libertad.» «Así es», respondió el mozo, «y tiempo nos quedará para contároslo todo.» Luego que los jinetes entendieron que éramos cristianos cautivos, se apearon de sus caballos, y cada uno nos convidaba con el suyo para llevarnos a la ciudad de Vélez Málaga, que legua y media de allí estaba.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Acudió el capitán a abrazar a su hermano, y él le puso ambas manos en los pechos, por mirarle algo más apartado; mas cuando le acabó de conocer, le abrazó tan estrechamente, derramando tan tiernas lágrimas de contento, que los más de los que presentes estaban le hubieron de acompañar en ellas.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Allí, en breves razones, se dieron cuenta de sus sucesos; allí mostraron, puesta en su punto, la buena amistad de dos hermanos; allí abrazó el oidor a Zoraida; allí la ofreció su hacienda; allí hizo que la abrazase su hija; allí la cristiana hermosa y la mora hermosísima renovaron las lágrimas de todos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Entonces Clara, temerosa de que Luscinda no la oyese, abrazando estrechamente a Dorotea, puso su boca tan junto del oído de Dorotea, que seguramente podía hablar sin ser de otro sentida.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Todos se abrazaron y quedaron de darse noticia de sus sucesos, diciendo don Fernando al cura dónde había de escribirle para avisarle en lo que paraba don Quijote, asegurándole que no habría cosa que más gusto le diese que saberlo; y que él asimesmo le avisaría de todo aquello que él viese que podría darle gusto, así de su casamiento, como del bautismo de Zoraida y suceso de don Luis y vuelta de Luscinda a su casa.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Tornaron a abrazarse otra vez, y otra vez tornaron a nuevos ofrecimientos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Finalmente, don Quijote y Sancho se abrazaron y quedaron amigos, y con parecer y beneplácito del gran Carrasco, que por entonces era su oráculo, se ordenó que de allí a tres días fuese su partida, en los cuales habría lugar de aderezar lo necesario para el viaje, y de buscar una celada de encaje, que en todas maneras dijo don Quijote que la había de llevar.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Él es de hechura de una media naranja, grandísimo en estremo y está muy claro, sin entrarle otra luz que la que le concede una ventana o, por mejor decir, claraboya redonda que está en su cima, desde la cual mirando el emperador el edificio, estaba con él y a su lado un caballero romano declarándole los primores y sutilezas de aquella gran máquina y memorable arquitectura, y, habiéndose quitado de la claraboya, dijo al emperador: «Mil veces, sacra Majestad, me vino deseo de abrazarme con vuestra Majestad y arrojarme de aquella claraboya abajo por dejar de mí fama eterna en el mundo».( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Llegose a mí, y lo primero que hizo fue abrazarme estrechamente y luego decirme: «Luengos tiempos ha, valeroso caballero don Quijote de la Mancha, que los que estamos en estas soledades encantados esperamos verte, para que des noticia al mundo de lo que encierra y cubre la profunda cueva por donde has entrado, llamada la cueva de Montesinos; hazaña sólo guardada para ser acometida de tu invencible corazón y de tu ánimo estupendo.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —Estas piernas abrazo, bien así como si abrazara las dos colunas de Hércules, ¡oh resucitador insigne de la ya puesta en olvido andante caballería, oh no jamás como se debe alabado caballero don Quijote de la Mancha, ánimo de los desmayados, arrimo de los que van a caer, brazo de los caídos, báculo y consuelo de todos los desdichados! Quedó pasmado don Quijote, absorto Sancho, suspenso el primo, atónito el paje, abobado el del rebuzno, confuso el ventero y, finalmente, espantados todos los que oyeron las razones del titerero, el cual prosiguió, diciendo: —Y tú, ¡oh buen Sancho Panza!, el mejor escudero y del mejor caballero del mundo: alégrate, que tu buena mujer Teresa está buena, y esta es la hora en que ella está rastrillando una libra de lino, y por más señas, tiene a su lado izquierdo un jarro desbocado que cabe un buen porqué de vino, con que se entretiene en su trabajo( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* El duque mandó a sus cazadores que acudiesen al caballero y al escudero, los cuales levantaron a don Quijote maltrecho de la caída, y, renqueando y como pudo, fue a hincar las rodillas ante los dos señores; pero el duque no lo consintió en ninguna manera; antes, apeándose de su caballo, fue a abrazar a don Quijote, diciéndole: —A mí me pesa, señor Caballero de la Triste Figura, que la primera que 511 512vuesa merced ha hecho en mi tierra haya sido tan mala como se ha visto; pero descuidos de escuderos suelen ser causa de otros peores sucesos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Leyó el duque el cartel con los ojos medio cerrados, y luego, con los brazos abiertos, fue a abrazar a don Quijote, diciéndole ser el más buen caballero que en ningún siglo se hubiese visto( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Admirose Sancho de verse nombrar por su nombre, y de verse abrazar del estranjero peregrino, y después de haberle estado mirando, sin hablar palabra, con mucha atención, nunca pudo conocerle; pero viendo su suspensión el peregrino, le dijo: —¿Cómo y es posible, Sancho Panza hermano, que no conoces a tu vecino Ricote el morisco, tendero de tu lugar? Entonces Sancho le miró con más atención, y comenzó a rafigurarle, y, finalmente, le vino a conocer de todo punto, y, sin, apearse del jumento, le echó los brazos al cuello y le dijo: —¿Quién diablos te había de conocer, Ricote, en ese traje de moharracho que traes? Dime: ¿quién te ha hecho franchote, y cómo tienes atrevimiento de volver a España donde, si te cogen y conocen, tendrás harta mala ventura? —Si tú no me descubres, Sancho —respondió el peregrino—, seguro estoy; que en este traje no habrá nadie que me conozca; y apartémonos del camino a aquella alameda que allí parece, donde quieren comer y reposar mis compañeros, y allí comerás con ellos, que son muy apacible gente.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Iba llorando y abrazaba a todas sus amigas y conocidas y a cuantos llegaban a verla, y a todos pedía la encomendasen a Dios y a Nuestra Señora su madre; y esto, con tanto sentimiento que a mí me hizo llorar, que no suelo ser muy llorón.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y luego se abrazaron los dos, y Sancho subió en su rucio y Ricote se arrimó a su bordón, y se apartaron( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Llegaron a su playa la víspera de San Juan, en la noche, y abrazando Roque a don Quijote y a Sancho, a quien dio los diez escudos prometidos, que hasta entonces no se los había dado, los dejó con mil ofrecimientos que de la una a la otra parte se hicieron.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En tanto, pues, que la morisca cristiana su peregrina historia trataba, tuvo clavados los ojos en ella un anciano peregrino que entró en la galera cuando entró el virrey, y, apenas dio fin a su plática la morisca, cuando él se arrojó a sus pies y, abrazado dellos, con interrumpidas palabras de mil sollozos y suspiros le dijo: —¡Oh Ana Félix, desdichada hija mía! Yo soy tu padre Ricote, que volvía a buscarte, por no poder vivir sin ti, que eres mi alma( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* No se abrazaron unos a otros, porque donde hay mucho amor no suele haber demasiada desenvoltura.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* En este poco espacio le contó don Quijote la desgracia de su vencimiento y el encanto y el remedio de Dulcinea, que todo puso en nueva admiración a don Álvaro, el cual, abrazando a don Quijote y a Sancho, siguió su camino.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
Vocabulario y frases
abbracciare
= abbraccio
---------------
* " Perché non si potrebbe , pensai , prender la serie de' fatti da questo manoscritto , e rifarne la dicitura ? " Non essendosi presentato alcuna obiezion ragionevole , il partito fu subito abbracciato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Di quegli stessi ch'eran deputati a farle eseguire , alcuni appartenevano per nascita alla parte privilegiata , alcuni ne dipendevano per clientela ; gli uni e gli altri , per educazione , per interesse , per consuetudine , per imitazione , ne avevano abbracciate le massime , e si sarebbero ben guardati dall'offenderle , per amor d'un pezzo di carta attaccato sulle cantonate .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo abbracciò molto volentieri questo parere ; Lucia l'approvò ; e Agnese , superba d'averlo dato , levò , a una a una , le povere bestie dalla stìa , riunì le loro otto gambe , come se facesse un mazzetto di fiori , le avvolse e le strinse con uno spago , e le consegnò in mano a Renzo ; il quale , date e ricevute parole di speranza , uscì dalla parte dell'orto , per non esser veduto da' ragazzi , che gli correrebber dietro , gridando: lo sposo ! lo sposo ! Così , attraversando i campi o , come dicon colà , i luoghi , se n'andò per viottole , fremendo , ripensando alla sua disgrazia , e ruminando il discorso da fare al dottor Azzecca-garbugli .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Chiese quindi licenza ; e , abbracciato di nuovo il padron di casa , e tutti quelli che , trovandosi più vicini a lui , poterono impadronirsene un momento , si liberò da essi a fatica ; ebbe a combatter nell'anticamere , per isbrigarsi da' servitori , e anche da' bravi , che gli baciavano il lembo dell'abito , il cordone , il cappuccio ; e si trovò nella strada , portato come in trionfo , e accompagnato da una folla di popolo , fino a una porta della città ; d'onde uscì , cominciando il suo pedestre viaggio , verso il luogo del suo noviziato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Brava ! bene ! - esclamarono , a una voce , la madre e il figlio , e l'uno dopo l'altra abbracciaron Gertrude ; la quale ricevette queste accoglienze con lacrime , che furono interpretate per lacrime di consolazione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Insegna a continuare con sapienza ciò ch'è stato intrapreso per leggerezza ; piega l'animo ad abbracciar con propensione ciò che è stato imposto dalla prepotenza , e dà a una scelta che fu temeraria , ma che è irrevocabile , tutta la santità , tutta la saviezza , diciamolo pur francamente , tutte le gioie della vocazione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma il buon vescovo , non senza un certo risentimento , rispose: - sono mie anime , e forse non vedranno mai più la mia faccia ; e non volete che gli abbracci ?
---------------
* Così dicendo , stese le braccia al collo dell'innominato ; il quale , dopo aver tentato di sottrarsi , e resistito un momento , cedette , come vinto da quell'impeto di carità , abbracciò anche lui il cardinale , e abbandonò sull'omero di lui il suo volto tremante e mutato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Con queste ed altre simili , e più volte ripetute parole di lamento e di conforto , di rammarico e di rassegnazione , con molte raccomandazioni e promesse di non dir nulla , con molte lacrime , dopo lunghi e rinnovati abbracciamenti , le donne si separarono , promettendosi a vicenda di rivedersi il prossimo autunno , al più tardi ; come se il mantenere dipendesse da loro , e come però si fa sempre in casi simili .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Di quelli poi che s'eran potuti avvezzare al nuovo tenor di vita , o che lo avevano abbracciato volentieri , i più , nativi della valle , eran tornati ai campi , o ai mestieri imparati nella prima età , e poi abbandonati ; i forestieri eran rimasti nel castello , come servitori: gli uni e gli altri , quasi ribenedetti nello stesso tempo che il loro padrone , se la passavano , al par di lui , senza fare né ricever torti , inermi e rispettati .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Gli animi , sempre più amareggiati dalla presenza de' mali , irritati dall'insistenza del pericolo , abbracciavano più volentieri quella credenza: ché la collera aspira a punire: e , come osservò acutamente , a questo stesso proposito , un uomo d'ingegno (P .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Cosí dicendo, fu lesto ad abbracciarle i ginocchi, sorridendo nervosamente, con le labbra aride.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tita allora scendeva dalla trabacca e gli montava sul petto, angustiata, costernata; don Filippino la abbracciava e le diceva, al colmo della gioja: - Senti, Tita, senti...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Al suono festivo delle campane, nell'aria chiara, tutti i Montelusani uscirono a inebriarsi del voluttuoso tepore del primo sole della nuova stagione; ed era su tutte le labbra un liquido sorriso di beatitudine e in tutte le membra un delizioso languore, un'accorata voglia d'abbandonarsi in cordiali abbracci fraterni.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lei, per modo d'esempio, vede una bella donna, la segue con gli occhi, se la immagina tutta, e col pensiero la abbraccia, senza dirne nulla, naturalmente, a sua moglie che le cammina accanto? Nel frattempo, sua moglie vede un bell'uomo, lo segue con gli occhi, se lo immagina tutto, e col pensiero lo abbraccia, senza dirne nulla a lei, naturalmente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Fermo per farle piacere, esso la seguiva con gli occhi in quelle mossette aggraziate; poi, quasi temendo che si straccasse e affiochisse dal troppo abbajare (donde la cavava quella voce piú grossa di lei?) si sdrajava a terra, a pancia all'aria, e aspettava che essa, dopo essersi sfogata per finta, tornasse indietro con la stessa furia e gli saltasse addosso; la abbracciava e si lasciava mordere beatamente il muso e le orecchie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma questi, di scatto gli si levò contro, fremente, trasfigurato; e - come egli, convulso, gli tendeva le mani per abbracciarlo - lo respinse, proprio lo respinse con fosca durezza, con rabbia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma quando ella, tra tante parole affollate di cui egli non udiva altro che il suono, gli tolse il cappello e il bastone e poi i guanti, e fece per abbracciarlo, Teodoro Piovanelli, che già tremava tutto, la respinse, si portò le mani al volto, vacillò, come per una vertigine.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma la voce non volle venir fuori; e allora egli, socchiudendo dietro le lenti i piccoli occhi plumbei, stese le mani e abbracciò il Chiàrchiaro a lungo, forte forte, a lungo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Fremiti di sdegno, brividi d'orrore assalivano a siffatti pensieri uomini e donne del vicinato; e impetuosamente i due piccini, in questa o in quella casa, erano abbracciati e inondati di lagrime.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nessuno può far miracoli, e tanto meno, su la base d'un cosí fatto progetto, potrà farne il Municipio di Milocca! Scoppiarono frenetici applausi e il consigliere Ansatti si precipitò dal suo banco ad abbracciare e baciare il Maganza; poi, rivolto al pubblico e ritornando man mano al suo posto, prese a gridare tutto infocato, con violenti gesti: - Si osa proporre, o signori, oggi, oggi, come se noi ci trovassimo dieci o venti anni addietro, al tempo di Galileo Ferraris, si osa proporre un impianto idro-termo-elettrico a Milocca! Ah come mi metterei a ridere, se potesse parermi uno scherzo! Ma coi denari dei contribuenti, o signori della Giunta, non è lecito scherzare, ed io non rido, io m'infiammo anzi di sdegno! Un impianto idrotermo- elettrico a Milocca, quando già spunta su l'orizzonte scientifico la gloria consacrata di Pictet? Non vi farò il torto di credere, o signori, che voi ignoriate chi sia l'illustre professor Pictet, colui che con un processo di produzione economica dell'ossigeno industriale prepara una memoranda rivoluzione nel mondo della scienza, della tecnica e dell'industria, una rivoluzione che sconvolgerà tutto il macchinismo della vita moderna, sostituendo questo nuovo elemento di luce e di calore a tutti quelli, di potenza molto minore, che finora sono in uso! E con questo tono e con crescente fuoco, il consigliere Ansatti spiegò al pubblico attonito e affascinato la scoperta del Pictet, e come col sistema da lui inventato le fiamme delle reticelle Auer sarebbero arrivate alle altissime temperature di tre mila gradi, aumentando di ben venti volte la loro luminosità; e come la luce cosí ottenuta sarebbe stata, a differenza di tutte le altre, molto simile a quella solare; e che se poi, al posto del gas, si fosse messa un'altra miscela derivante da un trattamento del carbon fossile col vapore acqueo e l'ossigeno industriale, il potere calorifico sarebbe aumentato di altre sei volte! Mentr'egli spiegava questi prodigi, il consigliere Zagardi, suo rivale, quello che mi aveva compianto per la scala, sogghignava sotto sotto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non ebbe piú tempo né voglia di curarsi di sé, tutta in pensiero già per l'angioletto che sarebbe venuto, - dal cielo, zia Rosolina! dal cielo! - gridava alla zitellona pudibonda, abbracciandola con furia e scombinandola tutta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma non tardò a comprendere, quel giovanotto, che - via - doveva essere uscito di cervello quel pover'uomo, se per ogni libro che gli nominava, eccolo là, saltava di gioja, piangeva, se lo faceva dare, e allora, palpeggiamenti carezzevoli alle pagine e abbracci, come a un amico ritrovato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- risponde lui, fremebondo, abbracciando il figliuolo sul letto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Annicchia corse ad abbracciarla festosamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La prima volta che la serva glielo recò lí a letto, ne provò una viva repulsione; per lui il suo bambino era morto! Ma poi, commossa dall'amorosa impazienza con cui il piccino ignaro le tendeva le manine, se lo abbracciò stretto stretto, come si sarebbe abbracciato il suo stesso figliuolo, e sciolse il cordoglio che la soffocava in un pianto senza fine.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma io non vedrò nulla, dapprima: te sola! Ella, risolutamente, soffocò il pianto disperato, s'ilarò tutta in volto, e lí, inginocchiata innanzi a lui, con lui curvo su lei, abbracciato, cominciò a parlargli del suo amore quasi all'orecchio, con quella sua voce piú che mai dolce e maliosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
I parenti del Barone, accorsi poco dopo a precipizio, dovettero stentar molto a staccare quelle tre donne, prima dal cadavere e poi l'una dall'altra, abbracciate come s'erano per aggruppare in un nodo indissolubile la loro pena.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Oh voluttà! Pazienza anche tu, cara Eufemia mia! E certe paroline di notte, come le hai dette a me, abbracciata con me, le dirai presto, le dirai anche a lui, senza quasi sapere di dirle: - Tesoro mio...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mirina mia, come mai? E quella signorona, tra lo stupore rispettoso delle brave donnine del paese, abbracciò baciò ribaciò la maestrina Boccarmè con la maggiore effusione d'affetto che la soffocante strettura del busto le permise.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma ecco che la figliuola, come per una tacita scommessa, approfittando della lunga assenza di lui, d'intesa con la madre (nessuno poteva levare dal capo a Poldo Carega che la moglie non c'entrasse per qualche cosa): - Ah, - dice, - cresce il tuo amore per me d'anno in anno? Aspetta, che ti faccio vedere come cresco anch'io in pochi anni! Diventerò cosí grande, che il tuo amore non potrà piú abbracciarmi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
— Donna Noemi , mi permette una domanda ? È contenta ? Noemi lo guardò sorpresa , con la coperta abbracciata .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Poi tutte le donne gli furono attorno , guardandolo , toccandolo , interrogandolo: il calore dei loro corpi parve eccitarlo ; sorrise , gli sembrò d'esser giunto in mezzo ad una numerosa famiglia , e cominciò ad abbracciare tutti .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Aveva abbracciato le zie e le altre donne , aveva mangiato bene e ballato come un pastore alla festa .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix sentí un brivido alla schiena , eppure staccò una margheritina , ne masticò lo stelo e guardò senza invidia Grixenda e Giacinto abbracciati .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Al diavolo ! Neanche qui lasciate in pace ? — Don Predu , padrone mio ! Sono Efix , non mi riconosce ? Don Predu balzò sollevando le falde del gabbano quasi volesse abbracciare il suo servo: e si guardarono come due vecchi amici .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
I’ sedevo stordita senza sapermi risolvere: mia zia venne a abbracciarmi, e più commossa che intenerita, mi disse: Addio, poverina. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Oh l’aveste veduto, con che tenerezza abbandonata mi stese le braccia e mi baciò! A quella vista mia zia pianse anch’essa, e tornò ad abbracciarmi, e disse: Maria, figliuola mia, il cielo ti benedica.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Si fu presto ai baci: quindi alle lunghe veglie frementi di silenzi amorosi, di sguardi con penoso ardore protratti, e di lunghissimi abbracciamenti. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Si divertì più alla galleria delle monete che a quella de’ quadri: e ne’ quadri abbracciava con gli occhi la ciccia del Rubens, le arie di teste di Frate Angelico non capiva. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Fosse stata aperta una chiesa, o il giardino: il primo pensiero fu di prostrarmi a pregare: poi, di gettarmi sotto un albero delle Tuilerie, ed abbracciare la terra, e urlare nel pianto. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Una donna, passata i trentatré, ma pur bella, s’intendeva molto materialmente in me giovanetto che molto spiritualmente l’andavo considerando: e non m’accorgevo de’ suoi consumati ma pure schietti artifizi, né discernevo le tenerezze ch’ella mi scoccava tratte da’ libri, e volevo a forza adorarla com’angelo: e lei che prima posava la sua sulla mia mano, e mi si abbandonava in provocatrici attitudini, non capivo e con lunghissimi abbracciamenti, a me quasi puri, ferocemente la tormentavo e la rimandavo delusa, ma non disperata di vincermi, e maledicente in cuore i letterati matterugi e le meteore platoniche. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
E fin nell’abbaruffarmi, amai; ma d’amore ombroso, immite; battagliai, il più per difendere persone a me care; ma meglio era abbracciarle nell’anima vereconda, e tacere.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
I Francesi (e più quelli che non l’hanno punto provata) dicono l’infinita abbracciabilità delle donne d’Italia. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Io, entrato a pena in Francia, ritrovo in vettura una signora francese, che mi si mostra a chiari segni abbracciabile: e perch’io, per buone ragioni, non le do retta, ed ella si butta a un altro Italiano lì accosto, e scende seco la notte a contemplare il firmamento de’ cieli. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Maria, l’abbracciò con tanta pietà con quanto non aveva abbracciato altri che suo cugino al mondo. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
L’altra, combattuta da affetti diversi, e gentili tutti, non sapea che si fare: ma sentì quella vita esserle omai insopportabile: e, promesso di ritornare fra breve, e fingendo allegria chiassona; e sorridendo col cuore straziato, e, abbracciando strettamente la misera amica sua (che l’accompagnò fino alla piazza dov’era la vettura, e entrò seco a pregare in una chiesetta gotica lì vicino, e la riabbracciò molte volte piangendo) partì.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
"Ho risposto (e allora i singhiozzi ricominciarono: abbracciò l’amica sua, appoggiò il viso al seno di lei, e gridava in voce interrotta): domani... (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Da sera a mane che cambiamento nell’anima di Maria! Ieri vedova dell’ultima e più strettamente abbracciata speranza: oggi alle speranze ringiovanite ricongiunta più forte che mai. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Giovanni stese a Rosa la mano, che gli diede la sua lagrimando; abbracciò l’oriuolaio come fratello. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Una vettura s’avanza; è gridato: Marsiglia; e lì sull’atto di salire, abbracciamenti e strette di mano e raccomandazioni e consigli, e lagrime, più preziose se represse: entrati, via. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quante memorie vietate, fin ne’ concessi abbracciamenti! Perdono, o terribile Iddio dell’amore severo! Non mi punite: non togliete a me questa ch’è omai conglutinata con l’anima mia!" Era a Nantes un medico italiano, affettuoso più che medico non soglia, e schietto, e non ancora credente ma desideroso di credere, e innamorato. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
La prese sulle sue ginocchia, senz’osar di guardarla; e abbracciandola, disse: "Maria, vi ricordate voi d’una promessa che mi faceste da’ primi giorni ch’io vissi consolato di voi?" "Per pietà, dite subito." "Che se all’amore d’Italia, al bene de’ fratelli io dovessi sacrificare la vita..." (Qui Maria si rizzò, impallidita in un subito...) "...vi chieggo perdono, Maria, del dolor che vi reco. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma perché non la confortav’egli con più carezzevoli parole, con la speranza di ritornar vivo e sano? — Perché, non l’avendo questa speranza, non voleva profanar con menzogna la santità dell’ultimo abbracciamento; perché la stima e la fiducia sua nell’anima di Maria superavan l’affetto, e parevano sopprimere la pietà; perch’e’ non osava farle poi più crudele l’annunzio della sua fine, e sapeva bene come terribile sopravvenga a speranza ostinata e a infiammato affetto un immedicabil dolore; perch’egli andava disposto a consumare quel che pareva a lui sacrifizio, e sperare d’uscirne, era un toglierne il merito; e l’intenerirsi in quella imagine gli pareva mollezza: perché più d’ogni cosa l’atterrivano le spese e i perditempi e le cure che costerebbe a lei malaticcia una ferita non mortale ma grave; sebbene, anche a ciò fosse già preparato: perché l’uomo che con parole consola l’ambascia altrui, non la sente nel fondo. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Poi scendendo la Loira, videro il fiume dal mare respinto distendersi in mesta ampiezza, sì che l’occhio appena abbraccia le due rive; e le campane della chiesetta povera di san Nazzaro mandar sull’onde il saluto che fa ripensare della patria e di Dio: passeggiarono di là dal Croisic lungo la sponda inabitata dove il grande oceano infrange tonando le onde viaggiatrici per ispazio d’abissi e di cieli smisurato; le infrange nelle arene lucenti per pietruzze eleganti, per conchiglie dipinte di gai colori; le infrange ne’ massi, nido di candidi uccelli che sulle spume volteggiano aliando sicuri, ne’ massi imminenti, incavati, che quasi cetre giganti rispondono all’ingruente tempesta. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Un giorno passando davanti alla spera, si guardò più fiso che non solesse, e: "sono assecchita "domandò: "non è vero?" Egli che mai le parlava né della bellezza né d’altro de’ pregi che gliela rendevano terribilmente cara, in quel momento, abbracciandola: "oh no "sclamò "tu sei bella." E della lode e del tu, come d’atto irriverente e volgare, si vergognò seco stesso.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
«Grazie, grazie», fece Luisa, «passi, La prego, devo dire una parola allo zio.» L'ometto passò con il suo cappellone in mano, e la giovane abbracciò teneramente il suo vecchio zio, lo baciò, gli posò il viso sul petto, tenendogli le braccia al collo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Cosa vi pare che tutte le nostre prudenze non serviranno a niente?» «Ma no, mamma, questo non si sa ancora, questo non si può dire!» Mentre Luisa parlava così, Franco che stava nel salotto col curato ne uscì per abbracciar lo zio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Dunque?», disse questi stendendogli la mano, perché gli abbracciamenti non erano di suo gusto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'altro lo abbracciò e lo baciò silenziosamente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Questi lo prese piangendo, s'accostò a Franco che rivedeva per la prima volta dopo quella notte, l'abbracciò e ne fu abbracciato con una commozione silenziosa, e uscì, in punta di piedi, dalla camera. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Insomma», riprese lo zio, «si può sapere?» Franco si scosse, si precipitò ad abbracciarlo, reprimendo a stento i singhiozzi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco, prima ch'ella aprisse bocca, intese, l'abbracciò come aveva abbracciato lo zio, con impeto ancor maggiore, le disse di prender il suo cuore, l'anima sua, la sua vita, di non cercar altro al mondo, se la sentì tremar tutta fra le braccia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Indovinò adesso che significasse quella effusione musicale di gioia e, commossa, abbracciò Franco, fece tacere il piano d'un colpo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Cantò l'aria di Anna Bolena: Al dolce guidami Castel natìo il canto dell'anima, che prima scende e si abbandona poco a poco, per più dolcezza, all'amore, e poi, abbracciata con esso, risale in uno slancio di desiderio verso qualche alto lume lontano che tuttavia manca alla sua felicità piena. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Volete altro?» Franco abbracciò di slancio, con un singulto, i suoi amici I tre stettero abbracciati in silenzio, palpitando, stringendosi forte, nella ebbrezza della magica parola: guerra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Appena lo vide entrare gli andò, grave, incontro, lo abbracciò stretto stretto, e quando egli, passati alcuni momenti, fece dolcemente atto di sciogliersi, raddoppiò la stretta, sempre in silenzio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella lo abbracciava adesso come lo aveva impetuosamente baciato prima, quando si era parlato di andar tutti alla guerra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poi Franco esclamò: «Oh zio, zio!», e lo abbracciò. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa abbracciò Franco, lo baciò, gli tenne il capo sul petto, ad occhi chiusi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa si lasciò abbracciare ma non rispose all'abbraccio; onde suo marito, disperato, le promise subito di dirle tutto, tutto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco tenne sempre abbracciato il collo di sua moglie e guardava tacendo quel punto lucente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa gli rispose sospirando «sì, sì» ma egli non fu contento, volle che dicesse proprio «ti perdono», che lo abbracciasse. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
S'intesero sino al fondo con una comunicazione magnetica e stettero a lungo abbracciati, parlandosi in un muto sforzo spasmodico di tutto l'esser loro, dolendosi l'uno dell'altro, rimproverandosi, volendosi appassionatamente riprendere, gustando il piacere acuto e amaro di unirsi per un momento con la volontà e con l'amore malgrado la intima disunione delle loro idee e della loro natura; tutto senza una parola, senza una sola voce. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Perciò, posto che non ci vediamo più, ti prego, appena morto io, se le cose non saranno ancora accomodate, di fare qualche passo.» Franco si alzò, abbracciò lo zio con le lagrime agli occhi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Questo dover infinocchiar la gente non è la più bella cosa del mondo », disse lo zio, «ma insomma! Io ti abbraccio adesso, neh, Franco, perché so che domani mattina parti per tempo e oggi difficilmente saremo soli. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Baciò la mano a Luisa, abbracciò l'ingegnere e Franco accompagnando gli atti con effusioni e profluvi di sentimento. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco andò ad abbracciare lo zio che non aveva salutato la sera, poi entrò solo nell'alcova, si inginocchiò al lettuccio di Maria, sfiorò col labbro una manina che pendeva dalla sponda. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
1 «Guarda», disse Luisa, «che nella borsa troverai da far colazione.» Si abbracciarono, si scambiarono un bacio rapido e freddo davanti tre o quattro curiosi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Addio, Franco; ti abbraccio Luisa P.S. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ti abbraccio, Luisa mia, con l'anima. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
E così fanno novecentonovantanove sposi su mille, credo! Ti abbraccio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco si sentì mancare, baciò sua moglie sui capelli, le disse addio, entrò nell'alcova, s'inginocchiò, abbracciò il lettuccio voto, pensò alla vocina del suo tesoro: «ancora un bacio, papà», ebbe un assalto di pianto, si contenne, corse via precipitosamente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si conoscevano poco ma si abbracciarono come fratelli. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si abbracciarono, egli muto, cieco d'emozione, ridente e lagrimoso, pieno di gratitudine e anche trepido, incerto circa l'animo di lei, circa il modo di regolarsi; ella più composta, pallidissima e seria. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non si commosse, non pianse, abbracciò e baciò suo marito come trasognata e come trasognata discese le scale insieme a lui. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Quando udirono il fragore delle ruote si abbracciarono per l'ultima volta, si dissero addio senza lagrime, piuttosto sconvolti dal loro comune pensiero occulto che afflitti dalla separazione. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Carlotta abbraccia Margheritina e piangono forte anch’esse.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
Se la fa sedere su un ginocchio; la abbraccia.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
* lo riassaliva, a farlo tremar tutto, il pensiero che gli era sorto al primo annunzio ch'ella sarebbe venuta a Torino: che fosse venuta appunto per riaccostarsi a lui; che si aspettasse, dopo i primi applausi, una furiosa irruzione di lui sul palcoscenico e un abbraccio frenetico innanzi a tutti gli attori commossi; e poi, e poi... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Silvia non mosse un braccio; s'interì per resistere allo strazio che quell'impeto disperato le cagionava, serrò gli occhi per pietà, poi li riaprì per rassicurar la madre che non temesse di lei, che - ecco - non abbracciava, si lasciava abbracciare per pietà, e quella pietà avrebbe saputo contenere. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Don Eligio veramente sostiene che mi riconobbe subito e che soltanto aspettò ch’io pronunziassi il mio nome per buttarmi le braccia al collo, parendogli impossibile che fossi io, e non potendo abbracciar subito uno che gli pareva Mattia Pascal. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Le teorie mi piacevano più delle prove , le idee più che le esperienze e due fatti soli mi sembravan più che bastanti per tirar su un sistema , A forza di andare innanzi per abbracciare sempre più realtà con meno principi cascai , com'era naturale e necessario , nel monismo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ed io le ho fatte godere e soffrire come gli altri uomini ed ho conosciuto anch' io le febbri della bramosia , le angoscie dell' incertezza , i tormenti del dubbio , le tristezze dell'attesa , il travaglio della gelosia e la divina incoscienza dell' abbraccio violento quando par che le due anime vogliano strapparsi dai corpi congiunti per farne i una sola . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma .come ? Ma non c'è proprio nessuno tra voialtri che abbia il cuore di venir qua in casa mia , in faccia a me , e di parlarmi chiaramente e di scoprirmi senza compassione e senza inzuccherature cosa son io ? Non c'è nessuno che mi voglia dire spietatamente , da vero amico , quel che ho fatto di male , quel che non ho fatto e avrei dovuto fare , i miei difetti , i miei vizi , i miei delitti ? Siete tutti ipocriti e vigliacchi come le signore perbene di cinquant'anni ? Avete paura che non dica sul serio ? Temete eh' io m' abbia a male di quel che mi direte , e che invece di abbracciarvi e di baciarvi vi romperò la testa o vi butterò fuori dell' uscio ? Ma venite innanzi , perdio ! Non avete mai visto la faccia d'un uomo franco che dice la verità ? Io vi chiamo e invoco con tutta l'anima , con tutta la disgraziata anima mia ! Ho bisogno di sapere cosa ho commesso di brutto per pentirmene e per scontarlo — ho bisogno in tutte le maniere di conoscere i miei difetti per sbarbarli , abbru - IS8 ciarli , disfarmene una volta per sempre . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Cesare può parlare con Alessandro ; Dante abbraccia Virgilio ; Carlo V interroga Salomone . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Vi fu chi propose di costruir case e nominare un governo ; e furon visti uomini e donne abbracciati assieme giù in terra per dimenticare il terrore in quella peccaminosa voluttà . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E ho mangiato troppo , tanto da non poter lavorare per molte ore ; e ho bevuto tanto da mettermi in quello stato di piacevole ebrietà nella quale niente sembra serio e tutto par facile , allegro e lontano ; e ho perso ore ed ore , e serate e nottate , accanto alle donne , abbracciato , infocato , beato . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Appena cerco d'esprimerlo le parole mi s'agghiaccian sui labbri ; appena tento di abbracciarvi si trasforma in disgusto ; appena respiro tra' vostri fiati s'avvelena e si nasconde . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non domando abbracci alle donne o soldi ai banchieri o elogi a' « geniali » . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il buon secentista ha voluto sul principio mettere in mostra la sua virtù ; ma poi , nel corso della narrazione , e talvolta per lunghi tratti , lo stile cammina ben più naturale e più piano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Sì ; ma com'è dozzinale ! com'è sguaiato ! com'è scorretto ! Idiotismi lombardi a iosa , frasi della lingua adoperate a sproposito , grammatica arbitraria , periodi sgangherati .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E poi , qualche eleganza spagnola seminata qua e là ; e poi , ch'è peggio , ne' luoghi più terribili o più pietosi della storia , a ogni occasione d'eccitar maraviglia , o di far pensare , a tutti que' passi insomma che richiedono bensì un po' di rettorica , ma rettorica discreta , fine , di buon gusto , costui non manca mai di metterci di quella sua così fatta del proemio .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E allora , accozzando , con un'abilità mirabile , le qualità più opposte , trova la maniera di riuscir rozzo insieme e affettato , nella stessa pagina , nello stesso periodo , nello stesso vocabolo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ecco qui : declamazioni ampollose , composte a forza di solecismi pedestri , e da per tutto quella goffaggine ambiziosa , ch'è il proprio carattere degli scritti di quel secolo , in questo paese .(Manzoni-I Promessi Sposi)* In vero , non è cosa da presentare a lettori d'oggigiorno : son troppo ammaliziati , troppo disgustati di questo genere di stravaganze .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Meno male , che il buon pensiero m'è venuto sul principio di questo sciagurato lavoro : e me ne lavo le mani» .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Nell'atto però di chiudere lo scartafaccio , per riporlo , mi sapeva male che una storia così bella dovesse rimanersi tuttavia sconosciuta ; perché , in quanto storia , può essere che al lettore ne paia altrimenti , ma a me era parsa bella , come dico ; molto bella .(Manzoni-I Promessi Sposi)* «Perché non si potrebbe , pensai , prender la serie de' fatti da questo manoscritto , e rifarne la dicitura ?» Non essendosi presentato alcuna obiezion ragionevole , il partito fu subito abbracciato .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ed ecco l'origine del presente libro , esposta con un'ingenuità pari all'importanza del libro medesimo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Taluni però di que' fatti , certi costumi descritti dal nostro autore , c'eran sembrati così nuovi , così strani , per non dir peggio , che , prima di prestargli fede , abbiam voluto interrogare altri testimoni ; e ci siam messi a frugar nelle memorie di quel tempo , per chiarirci se veramente il mondo camminasse allora a quel modo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Una tale indagine dissipò tutti i nostri dubbi : a ogni passo ci abbattevamo in cose consimili , e in cose più forti : e , quello che ci parve più decisivo , abbiam perfino ritrovati alcuni personaggi , de' quali non avendo mai avuto notizia fuor che dal nostro manoscritto , eravamo in dubbio se fossero realmente esistiti .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E , all'occorrenza , citeremo alcuna di quelle testimonianze , per procacciar fede alle cose , alle quali , per la loro stranezza , il lettore sarebbe più tentato di negarla .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma , rifiutando come intollerabile la dicitura del nostro autore , che dicitura vi abbiam noi sostituita ? Qui sta il punto .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Chiunque , senza esser pregato , s'intromette a rifar l'opera altrui , s'espone a rendere uno stretto conto della sua , e ne contrae in certo modo l'obbligazione : è questa una regola di fatto e di diritto , alla quale non pretendiam punto di sottrarci .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Anzi , per conformarci ad essa di buon grado , avevam proposto di dar qui minutamente ragione del modo di scrivere da noi tenuto ; e , a questo fine , siamo andati , per tutto il tempo del lavoro , cercando d'indovinare le critiche possibili e contingenti , con intenzione di ribatterle tutte anticipatamente .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Né in questo sarebbe stata la difficoltà ; giacché (dobbiam dirlo a onor del vero) non ci si presentò alla mente una critica , che non le venisse insieme una risposta trionfante , di quelle risposte che , non dico risolvon le questioni , ma le mutano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Spesso anche , mettendo due critiche alle mani tra loro , le facevam battere l'una dall'altra ; o , esaminandole ben a fondo , riscontrandole attentamente , riuscivamo a scoprire e a mostrare che , così opposte in apparenza , eran però d'uno stesso genere , nascevan tutt'e due dal non badare ai fatti e ai principi su cui il giudizio doveva esser fondato ; e , messele , con loro gran sorpresa , insieme , le mandavamo insieme a spasso .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Non ci sarebbe mai stato autore che provasse così ad evidenza d'aver fatto bene .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma che ? quando siamo stati al punto di raccapezzar tutte le dette obiezioni e risposte , per disporle con qualche ordine , misericordia ! venivano a fare un libro .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Veduta la qual cosa , abbiam messo da parte il pensiero , per due ragioni che il lettore troverà certamente buone : la prima , che un libro impiegato a giustificarne un altro , anzi lo stile d'un altro , potrebbe parer cosa ridicola : la seconda , che di libri basta uno per volta , quando non è d'avanzo .(Manzoni-I Promessi Sposi)*
---------------
– L’amore sano è quello che abbraccia una donna sola e intera , compreso il suo carattere e la sua intelligenza .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Io rinunziai a discutere e convincerlo che a questo mondo v’erano molte cose di cui si poteva e doveva ridere e volli rassicurarlo con un forte abbraccio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Essa poi abbracciò Augusta e la grandezza del suo affetto si rivelò in un singhiozzo che le sfuggì interrompendo le sue manifestazioni di gioia .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Ma non vede che a me non importa nulla del suo canto? – gridai io e l’aggredii con un abbraccio violento che mi portò a baciarla prima in bocca eppoi subito sul punto stesso ove avevo baciato il giorno prima .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
La baciai e abbracciai con pieno desiderio e il mio accento fu improntato a tale sincerità ch’essa si vergognò del suo sospetto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Nell’oscurità mi parve fosse mio dovere di baciare e abbracciare mia moglie perché in simili incontri molte volte avevo usato così e temevo che , se non l’avessi fatto , essa avrebbe potuto pensare che fra di noi ci fosse qualche cosa di mutato .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ma non le ebbe neppure allora perché il sonno mi abbracciò annientandomi .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
abbracciare
= abbraccio
---------------
abbracciata
= abbraccio .
---------------
antesignano
= legionario romano che combatteva in prima linea a difesa delle insegne
= colui che per primo o tra i primi abbraccia idee nuove , o è precursore di un movimento
---------------
bracciata
= quantità di materiale che può essere racchiusa tra le braccia a bracciate , in grande quantità ognuno dei movimenti regolari eseguiti dal nuotatore con le braccia per avanzare tratto compiuto con ogni movimento 3 colpo dato con le braccia 4 abbraccio.
---------------
monaco
= colui che ha abbracciato il monachesimo
---------------
paesaggio
= aspetto di un luogo , di un territorio quale appare quando lo si abbraccia con lo sguardo
---------------
riabbracciarerabbracciare
= verbo trans. abbracciare di nuovo
---------------
Conjugacíon: 1 - abrazar
auxiliar: haber - transitivo/pronominale
INDICATIVO activo
Presente
yo abrazo
abrazas
él/ella abraza
nosotros abrazamos
vosotros abrazáis
ellos/ellas abrazan
Imperfecto
yo abrazaba
abrazabas
él/ella abrazaba
nosotros abrazabamos
vosotros abrazabais
ellos/ellas abrazaban
Pretérito indefinito
yo abracé
abrazaste
él/ella abrazó
nosotros abrazamos
vosotros abrazasteis
ellos/ellas abrazaron
Preterito perfecto
yo he abrazado
has abrazado
él/ella ha abrazado
nosotros hemos abrazado
vosotros habéis abrazado
ellos/ellas han abrazado
Preterito pluscuamperfecto
yo había abrazado
habías abrazado
él/ella había abrazado
nosotros habíamos abrazado
vosotros habíais abrazado
ellos/ellas habían abrazado
Preterito anterior
yo hube abrazado
hubiste abrazado
él/ella hubo abrazado
nosotros hubimos abrazado
vosotros hubisteis abrazado
ellos/ellas hubieron abrazado
Futuro
yo abrazaré
abrazaras
él/ella abrazará
nosotros abrazaremos
vosotros abrazareis
ellos/ellas abrazarán
Futuro perfecto
yo habré abrazado
habrás abrazado
él/ella habrá abrazado
nosotros habremos abrazado
vosotros habréis abrazado
ellos/ellas habrán abrazado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo abrace
abraces
él/ella abrace
nosotros abracemos
nosotros abracéis
ellos/ellas abracen
Pretérito perfecto
yo haya abrazado
hayas abrazado
él/ella haya abrazado
nosotros hayamos abrazado
nosotros hayáis abrazado
ellos/ellas hayan abrazado
Pretérito imperfetto I
yo abrazara
abrazaras
él/ella abrazara
nosotros abrazáramos
nosotros abrazarais
ellos/ellas abrazaran
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera abrazado
hubieras abrazado
él/ella hubiera abrazado
nosotros hubiéramos abrazado
nosotros hubierais abrazado
ellos/ellas hubieran abrazado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese abrazado
hubieses abrazado
él/ella hubiese abrazado
nosotros hubiésemos abrazado
nosotros hubieseis abrazado
ellos/ellas hubiesen abrazado
Pretérito imperfetto II
yo abrazase
abrazases
él/ella abrazase
nosotros abrazásemos
nosotros abrazaseis
ellos/ellas abrazasen
Futuro
yo abrazare
abrazares
él/ella abrazare
nosotros abrazáremos
nosotros abrazareis
ellos/ellas abrazaren
Futuro perfecto
yo hubiere abrazado
hubieres abrazado
él/ella hubiere abrazado
nosotros hubiéremos abrazado
nosotros hubiereis abrazado
ellos/ellas hubieren abrazado
POTENCIAL - activo
Presente
yo abrazaría
abrazarías
él/ella abrazaría
nosotros abrazaríamos
vosotros abrazaríais
ellos/ellas abrazarían
Perfecto
yo habría abrazado
habrías abrazado
él/ella habría abrazado
nosotros habríamos abrazado
vosotros habríais abrazado
ellos/ellas habrían abrazado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
abraza
abrace
abracemos
abrazad
abracen
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber abrazado
PARTICIPIO - activo
Presente
que abraza
Compuesto
abrazado
GERUNDIO activo
Presente
abrazando
Compuesto
habiendo abrazado
INDICATIVO pasivo
Presente
yo soy abrazado
eres abrazado
él/ella es abrazado
nosotros somos abrazados
vosotros seis abrazados
ellos/ellas son abrazados
Imperfecto
yo era abrazado
eras abrazado
él/ella era abrazado
nosotros èramos abrazados
vosotros erais abrazados
ellos/ellas eran abrazados
Pretérito indefinito
yo fui abrazado
fuiste abrazado
él/ella fue abrazado
nosotros fuimos abrazados
vosotros fuisteis abrazados
ellos/ellas fueron abrazados
Preterito perfecto
yo he sido abrazado
has sido abrazado
él/ella ha sido abrazado
nosotros hemos sido abrazados
vosotros habèis sido abrazados
ellos/ellas han sido abrazados
Preterito pluscuamperfecto
yo había sido abrazado
habías sido abrazado
él/ella había sido abrazado
nosotros habíamos sido abrazados
vosotros habías sido abrazados
ellos/ellas habían sido abrazados
Preterito anterior
yo hube sido abrazado
hubiste sido abrazado
él/ella hubo sido abrazado
nosotros hubimos sido abrazados
vosotros hubisteis sido abrazados
ellos/ellas hubieron sido abrazados
Futuro
yo seré abrazado
serás abrazado
él/ella será abrazado
nosotros seremos abrazados
vosotros sereis abrazados
ellos/ellas serán abrazados
Futuro perfecto
yo habrè sido abrazado
habrás sido abrazado
él/ella habrá sido abrazado
nosotros habremos sido abrazados
vosotros habreis sido abrazados
ellos/ellas habrán sido abrazados
CONJUNTIVO - pasivo
Presente
yo sea abrazado
seas abrazado
él/ella sea abrazado
nosotros seamos abrazados
nosotros seáis abrazados
ellos/ellas sean abrazados
Pretérito perfecto
yo haya sido abrazado
hayas sido abrazado
él/ella haya sido abrazado
nosotros hayamos sido abrazado
nosotros hayáis sido abrazado
ellos/ellas hayan sido abrazado
Pretérito imperfetto I
yo fuere abrazado
fueres abrazado
él/ella fuere abrazado
nosotros fuéremos abrazados
nosotros fuereis abrazados
ellos/ellas fueren abrazados
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiere sido abrazado
hubieres sido abrazado
él/ella hubiere sido abrazado
nosotros hubiéremos sido abrazados
nosotros hubierei sido abrazados
ellos/ellas hubieren sido abrazados
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese sido abrazado
hubieses sido abrazado
él/ella hubiese sido abrazado
nosotros hubiésemos sido abrazados
nosotros hubieseis sido abrazados
ellos/ellas hubiesen sido abrazados
Pretérito imperfetto II
yo fuese abrazado
fuesess abrazado
él/ella fuese abrazado
nosotros fuésemos abrazados
nosotros fueseis abrazados
ellos/ellas fuesen abrazados
Futuro
yo fuere abrazado
fueres abrazado
él/ella fuere abrazado
nosotros fuéremos abrazados
nosotros fuereis abrazados
ellos/ellas fueren abrazados
Futuro perfecto
yo hubiere sido abrazado
hubieres sido abrazado
él/ella hubiere sido abrazado
nosotros hubiéremos sido abrazados
nosotros hubiereis sido abrazados
ellos/ellas hubieren sido abrazados
POTENCIAL - pasivo
Presente
yo sería abrazado
serías abrazado
él/ella sería abrazado
nosotros seríamos abrazados
vosotros seríais abrazados
ellos/ellas serían abrazados
Perfecto
yo habría sido abrazado
habrías sido abrazado
él/ella habría sido abrazados
nosotros habríamos sido abrazados
vosotros habríais sido abrazados
ellos/ellas habrían sido abrazados
IMPERATIVO - pasivo
Positivo
-
sé abrazado
sea abrazado
seamos abrazados
sed abrazados
sean abrazados
INFINITO pasivo
Presente
ser abrazado
Compuesto
haber sido abrazado
PARTICIPIO - pasivo
Presente
que es abrazado
Compuesto
abrazado
GERUNDIO pasivo
Presente
siendo abrazado
Compuesto
habiendo sido abrazado
Coniugazione:1 - abbracciare
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io abbraccio
tu abbracci
egli abbraccia
noi abbracciamo
voi abbracciate
essi abbracciano
Imperfetto
io abbracciavo
tu abbracciavi
egli abbracciava
noi abbracciavamo
voi abbracciavate
essi abbracciavano
Passato remoto
io abbracciai
tu abbracciasti
egli abbracciò
noi abbracciammo
voi abbracciaste
essi abbracciarono
Passato prossimo
io ho abbracciato
tu hai abbracciato
egli ha abbracciato
noi abbiamo abbracciato
voi avete abbracciato
essi hanno abbracciato
Trapassato prossimo
io avevo abbracciato
tu avevi abbracciato
egli aveva abbracciato
noi avevamo abbracciato
voi avevate abbracciato
essi avevano abbracciato
Trapassato remoto
io ebbi abbracciato
tu avesti abbracciato
egli ebbe abbracciato
noi avemmo abbracciato
voi eveste abbracciato
essi ebbero abbracciato
Futuro semplice
io abbraccerò
tu abbraccerai
egli abbraccerà
noi abbracceremo
voi abbraccerete
essi abbracceranno
Futuro anteriore
io avrò abbracciato
tu avrai abbracciato
egli avrà abbracciato
noi avremo abbracciato
voi avrete abbracciato
essi avranno abbracciato
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io abbracci
che tu abbracci
che egli abbracci
che noi abbracciamo
che voi abbracciate
che essi abbraccino
Passato
che io abbia abbracciato
che tu abbia abbracciato
che egli abbia abbracciato
che noi abbiamo abbracciato
che voi abbiate abbracciato
che essi abbiano abbracciato
Imperfetto
che io abbracciassi
che tu abbracciassi
che egli abbracciasse
che noi abbracciassimo
che voi abbracciaste
che essi abbracciassero
Trapassato
che io avessi abbracciato
che tu avessi abbracciato
che egli avesse abbracciato
che noi avessimo abbracciato
che voi aveste abbracciato
che essi avessero abbracciato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io abbraccerei
tu abbracceresti
egli abbraccerebbe
noi abbracceremmo
voi abbraccereste
essi abbraccerebbero
Passato
io avrei abbracciato
tu avresti abbracciato
egli avrebbe abbracciato
noi avremmo abbracciato
voi avreste abbracciato
essi avrebbero abbracciato
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
abbraccia
abbracci
abbracciamo
abbracciate
abbraccino
Futuro
-
abbraccerai
abbraccerà
abbracceremo
abbraccerete
abbracceranno
INFINITO - attivo
Presente
abbracciar
Passato
essersi abbracciato
PARTICIPIO - attivo
Presente
abbracciante
Passato
abbracciato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
abbracciando
Passato
avendo abbracciato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono abbracciato
tu sei abbracciato
egli é abbracciato
noi siamo abbracciati
voi siete abbracciati
essi sono abbracciati
Imperfetto
io ero abbracciato
tu eri abbracciato
egli era abbracciato
noi eravamo abbracciati
voi eravate abbracciati
essi erano abbracciati
Passato remoto
io fui abbracciato
tu fosti abbracciato
egli fu abbracciato
noi fummo abbracciati
voi foste abbracciati
essi furono abbracciati
Passato prossimo
io sono stato abbracciato
tu sei stato abbracciato
egli é stato abbracciato
noi siamo stati abbracciati
voi siete stati abbracciati
essi sono stati abbracciati
Trapassato prossimo
io ero stato abbracciato
tu eri stato abbracciato
egli era stato abbracciato
noi eravamo stati abbracciati
voi eravate stati abbracciati
essi erano statiabbracciati
Trapassato remoto
io fui stato abbracciato
tu fosti stato abbracciato
egli fu stato abbracciato
noi fummo stati abbracciati
voi foste stati abbracciati
essi furono stati abbracciati
Futuro semplice
io sarò abbracciato
tu sarai abbracciato
egli sarà abbracciato
noi saremo abbracciati
voi sarete abbracciati
essi saranno abbracciati
Futuro anteriore
io sarò stato abbracciato
tu sarai stato abbracciato
egli sarà stato abbracciato
noi saremo stati abbracciati
voi sarete stati abbracciati
essi saranno stati abbracciati
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia abbracciato
che tu sia abbracciato
che egli sia abbracciato
che noi siamo abbracciati
che voi siate abbracciati
che essi siano abbracciati
Passato
che io sia stato abbracciato
che tu sia stato abbracciato
che egli sia stato abbracciato
che noi siamo stati abbracciati
che voi siate stati abbracciati
che essi siano stati abbracciati
Imperfetto
che io fossi abbracciato
che tu fossi abbracciato
che egli fosse abbracciato
che noi fossimo abbracciati
che voi foste abbracciati
che essi fossero abbracciati
Trapassato
che io fossi stato abbracciato
che tu fossi stato abbracciato
che egli fosse stato abbracciato
che noi fossimo stati abbracciati
che voi foste stati abbracciati
che essi fossero stati abbracciati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei abbracciato
tu saresti abbracciato
egli sarebbe abbracciato
noi saremmo abbracciati
voi sareste abbracciati
essi sarebbero abbracciati
Passato
io sarei stato abbracciato
tu saresti stato abbracciato
egli sarebbe stato abbracciato
noi saremmo stati abbracciati
voi sareste stati abbracciati
essi sarebbero stati abbracciati
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii abbracciato
sia abbracciato
siamo abbracciati
siate abbracciati
siano abbracciati
Futuro
-
sarai abbracciato
sarà abbracciato
saremo abbracciati
sarete abbracciati
saranno abbracciati
INFINITO - passivo
Presente
essere abbracciato
Passato
essere stato abbracciato
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
abbracciato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo abbracciato
Passato
essendo stato abbracciato