Buena navegación con NihilScio!  Página de Facebook
NihilScio                Home

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo

Italiano

á   è   é   ì   í   ò
ó   ù   ú   ü   ñ   ç
Inglese
sinonimi di abrasar

  Cerca  frasi:
Vocabulario y frases
abrasar
= bruciare , sperperare .
---------------
* Mas yo me tengo la culpa de todo, que no avisé a vuestras mercedes de los disparates de mi señor tío, para que lo remediaran antes de llegar a lo que ha llegado y quemaran todos estos descomulgados libros; que tiene muchos, que bien merecen ser abrasados como si fuesen de herejes( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y en pago de esta lástima y del deseo que en nosotros nació de remedialla si pudiéramos, te rogamos, ¡oh discreto Ambrosio!, a lo menos yo te lo suplico de mi parte que, dejando de abrasar estos papeles, me dejes llevar algunos dellos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Y, sin aguardar que el pastor respondiese, alargó la mano y tomó algunos de los que más cerca estaban; viendo lo cual Ambrosio, dijo: —Por cortesía consentiré que os quedéis, señor, con los que ya habéis tomado; pero pensar que dejaré de abrasar los que quedan es pensamiento vano( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Mas, apenas la hubo visto Ambrosio, cuando, con muestras de ánimo indignado, le dijo: —¿Vienes a ver por ventura, ¡oh fiero basilisco de estas montañas!, si con tu presencia vierten sangre las heridas deste miserable a quien tu crueldad quitó la vida? ¿O vienes a ufanarte en las crueles hazañas de tu condición, o a ver desde esa altura, como otro despiadado Nero, el incendio de su abrasada Roma, o a pisar arrogante este desdichado cadáver, como la ingrata hija al de su padre Tarquino? Dinos presto a lo que vienes, o qué es aquello de que más gustas; que por saber yo que los pensamientos de Grisóstomo jamás dejaron de obedecerte en vida, haré que, aun él muerto, te obedezcan los de todos aquellos que se llamaron sus amigos( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* O ya que fuese por las amenazas de don Quijote o porque Ambrosio les dijo que concluyesen con lo que a su buen amigo debían, ninguno de los pastores se movió ni apartó de allí hasta que, acabada la sepultura y abrasados los papeles de Grisóstomo, pusieron su cuerpo en ella, no sin muchas lágrimas de los circunstantes.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —No corre por ti esa razón —respondió Leonela—, porque el amor, según he oído decir, unas veces vuela y otras anda, con este corre y con aquel va despacio, a unos entibia y a otros abrasa, a unos hiere y a otros mata.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¿No sabes tu, licenciadillo menguado, que lo podré hacer, pues, como digo, soy Júpiter tonante, que tengo en mis manos los rayos abrasadores con que puedo y suelo amenazar y destruir el mundo? Pero con sola una cosa quiero castigar a este ignorante pueblo, y es con no llover en él, ni en todo su distrito y contorno, por tres enteros años, que se han de contar desde el día y punto en que ha sido hecha esta amenaza en adelante.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* A lo que replicó Sancho: —Luz da el fuego, y claridad las hogueras, como lo vemos en las que nos cercan, y bien podría ser que nos abrasasen; pero la música siempre es indicio de regocijos y de fiestas( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Bien es verdad que sentí que pasaba por la región del aire, y aun que tocaba a la del fuego; pero que pasásemos de allí, no lo puedo creer, pues, estando la región del fuego entre el cielo de la luna y la última región del aire, no podíamos llegar al cielo donde están las siete cabrillas, que Sancho dice, sin abrasarnos; y pues no nos asuramos, o Sancho miente, o Sancho sueña( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —No siento ninguno, señora —respondió don Quijote—, porque osaré jurar a vuestra excelencia que en mi vida he subido sobre bestia más reposada, ni de mejor paso que Clavileño, y no sé yo qué le pudo mover a Malambruno para deshacerse de tan ligera y tan gentil cabalgadura, y abrasarla así, sin más ni más( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —A eso se puede imaginar —respondió la duquesa— que, arrepentido del mal que había hecho a la Trifaldi y compañía, y a otras personas, y de las maldades que, como hechicero y encantador, debía de haber cometido, quiso concluir con todos los instrumentos de su oficio, y como a principal y que más le traía desasosegado, vagando de tierra en tierra, abrasó a Clavileño; que con sus abrasadas cenizas, y con el trofeo del cartel queda eterno el valor del gran don Quijote de la Mancha( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Recorrida, pues, y afinada la arpa, Altisidora dio principio a este romance: ¡Oh tú, que estás en tu lecho, entre sábanas de holanda, durmiendo a pierna tendida de la noche a la mañana, caballero el más valiente que ha producido la Mancha, más honesto y más bendito que el oro fino de Arabia! Oye a una triste doncella, bien crecida y mal lograda, que en la luz de tus dos soles se siente abrasar el alma( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* ¡Oh, qué de cofias te diera qué de escarpines de plata, 573 574qué de calzas de damasco, qué de herreruelos de holanda! ¡Qué de finísimas perlas, cada cual como una agalla, que, a no tener compañeras, las solas fueran llamadas! No mires de tu Tarpeya este incendio que me abrasa, Nerón manchego del mundo, ni le avives con tu saña( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Llévaste dos mil suspiros, que, a ser de fuego, pudieran abrasar a dos mil Troyas, si dos mil Troyas hubiera( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* —No —dijo Ricote, que se halló presente a esta plática— hay que esperar en favores ni en dádivas; porque con el gran don Bernardino de Velasco, conde de Salazar, a quien dio su majestad cargo de nuestra expulsión, no valen ruegos, no promesas, no dádivas, no lástimas; porque, aunque es verdad que él mezcla la misericordia con la justicia, como él vee que todo el cuerpo de nuestra nación está contaminado y podrido, usa con él antes del cauterio que abrasa que del ungüento que molifica; y así, con prudencia, con sagacidad, con diligencia y con miedos que pone, ha llevado sobre sus fuertes hombros a debida ejecución el peso desta gran máquina, sin que nuestras industrias, estratagemas, solicitudes y fraudes hayan podido deslumbrar sus ojos de Argos, que contino tiene alerta, porque no se le quede ni encubra ninguno de los nuestros, que como raíz escondida que con el tiempo venga después a brotar y a echar frutos venenosos en España, ya limpia, ya desembarazada de los temores en que nuestra muchedumbre la tenía.( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Quitose la coroza, viola pintada de diablos, Volviosela a poner, diciendo entre si: —Aun bien que ni ellas me abrasan ni ellos me llevan( Cervantes - Don Quijote)
---------------
* Viendo lo cual don Quijote, dijo: —Estas dos señoras fueron desdichadísimas por no haber nacido en esta edad, y yo sobre todos desdichado en no haber nacido en la suya: encontrara a aquestos señores, ni fuera abrasada Troya ni Cartago destruida, pues con solo que yo matara a Paris se escusaran tantas desgracias( Cervantes - Don Quijote)
---------------
Vocabulario y frases
bruciare
= verbo trans. ardere , consumare , distruggere , rovinare con l'azione del fuoco o del calore
---------------
* Che il personaggio sia quel medesimo , l'identità de' fatti non lascia luogo a dubitarne ; ma per tutto un grande studio a scansarne il nome , quasi avesse dovuto bruciar la penna , la mano dello scrittore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Era , se ci si lascia passare questo paragone , come lo stoppino umido e ammaccato d'una candela , che presentato alla fiamma d'una gran torcia , da principio fuma , schizza , scoppietta , non ne vuol saper nulla ; ma alla fine s'accende e , bene o male , brucia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Della filosofia naturale s'era fatto più un passatempo che uno studio ; l'opere stesse d'Aristotile su questa materia , e quelle di Plinio le aveva piuttosto lette che studiate: non di meno , con questa lettura , con le notizie raccolte incidentemente da' trattati di filosofia generale , con qualche scorsa data alla Magia naturale del Porta , alle tre storie lapidum , animalium , plantarum , del Cardano , al Trattato dell'erbe , delle piante , degli animali , d'Alberto Magno , a qualche altr'opera di minor conto , sapeva a tempo trattenere una conversazione ragionando delle virtù più mirabili e delle curiosità più singolari di molti semplici ; descrivendo esattamente le forme e l'abitudini delle sirene e dell'unica fenice ; spiegando come la salamandra stia nel fuoco senza bruciare: come la remora , quel pesciolino , abbia la forza e l'abilità di fermare di punto in bianco , in alto mare , qualunque gran nave ; come le gocciole della rugiada diventin perle in seno delle conchiglie ; come il cameleonte si cibi d'aria ; come dal ghiaccio lentamente indurato , con l'andar de' secoli , si formi il cristallo ; e altri de' più maravigliosi segreti della natura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Questi , non trovando più da far preda , con tanto più furore facevano sperpero del resto , bruciavan le botti votate da quelli , gli usci delle stanze dove non c'era più nulla , davan fuoco anche alle case ; e con tanta più rabbia , s'intende , maltrattavan le persone ; e così di peggio in peggio , per venti giorni: ché in tante squadre era diviso l'esercito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il tribunale della sanità fece segregare e sequestrare in casa la di lui famiglia ; i suoi vestiti e il letto in cui era stato allo spedale , furon bruciati .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Siccome però , a ogni scoperta che gli riuscisse fare , il tribunale ordinava di bruciar robe , metteva in sequestro case , mandava famiglie al lazzeretto , così è facile argomentare quanta dovesse essere contro di esso l'ira e la mormorazione del pubblico , " della Nobiltà , delli Mercanti et della plebe " , dice il Tadino ; persuasi , com'eran tutti , che fossero vessazioni senza motivo , e senza costrutto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Questo gli toccò per aver veduto chiaro , detto ciò che era , e voluto salvar dalla peste molte migliaia di persone: quando , con un suo deplorabile consulto , cooperò a far torturare , tanagliare e bruciare , come strega , una povera infelice sventurata , perché il suo padrone pativa dolori strani di stomaco , e un altro padrone di prima era stato fortemente innamorato di lei (Storia di Milano del Conte Pietro Verri ; Milano , 1825 , Tom .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I primi erano addetti ai servizi più penosi e pericolosi della pestilenza: levar dalle case , dalle strade , dal lazzeretto , i cadaveri ; condurli sui carri alle fosse , e sotterrarli ; portare o guidare al lazzeretto gl'infermi , e governarli ; bruciare , purgare la roba infetta e sospetta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Eran vestiti , letti e altre masserizie infette che si bruciavano: e di tali triste fiammate se ne faceva di continuo , non lì soltanto , ma in varie parti delle mura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E quando mai s'è sentito dire che l'influenze si propaghino . . . ? E lor signori mi vorranno negar l'influenze ? Mi negheranno che ci sian degli astri ? O mi vorranno dire che stian lassù a far nulla , come tante capocchie di spilli ficcati in un guancialino ? . . .Ma quel che non mi può entrare , è di questi signori medici ; confessare che ci troviamo sotto una congiunzione così maligna , e poi venirci a dire , con faccia tosta: non toccate qui , non toccate là , e sarete sicuri ! Come se questo schivare il contatto materiale de' corpi terreni , potesse impedir l'effetto virtuale de' corpi celesti ! E tanto affannarsi a bruciar de' cenci ! Povera gente ! brucerete Giove ? brucerete Saturno ?
---------------
Qua, le coste aride, livide di tufi arsicci, non avevano piú da tempo un filo d'erba, sforacchiate dalle zolfare come da tanti enormi formicaj e bruciate tutte dal fumo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A chi attendeva a riempire di minerale grezzo i forni o i "calcheroni", a chi vigilava alla fusione dello zolfo, o s'affaccendava sotto i forni stessi a ricevere dentro ai giornelli che servivan da forme lo zolfo bruciato che vi colava lento come una densa morchia nerastra, la vista di tutto quel verde lontano alleviava anche la pena del respiro, l'agra oppressura del fumo che s'aggrappava alla gola, fino a promuovere gli spasimi piú crudeli e le rabbie dell'asfissia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E quando il vento spirava di là, recando il lezzo asfissiante dello zolfo bruciato, guardavano gli alberi come a difenderli e borbottavano imprecazioni contro quei pazzi che s'ostinavano a scavar la fossa alle loro fortune e che, non contenti d'aver devastato la vallata, quasi invidiosi di quell'unico occhio di verde, avrebbero voluto invadere coi loro picconi e i loro forni anche le belle campagne.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Unico guadagno: le nostre campagne bruciate dal fumo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non si vedeva che zolfo, da per tutto, in quel paese! Lo zolfo era anche nell'aria che si respirava, e tagliava il respiro, e bruciava gli occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma tu mi parli anche in diminutivi, adesso, e sei cosí grosso, cosí superlativo, povero Gigione mio! Che t'hanno fatto? T'hanno bruciato la coda? Vuoi farmi piangere? - Mah! - fece il Mear, aspettando sul pianerottolo che la serva venisse ad aprire la porta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mia moglie mi guardò, pallidissima, cose se quella diagnosi a bruciapelo la avesse lí per lí anemizzata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Afferrò Nàzzaro per le braccia e, scotendolo, gli gridò: - Che hai fatto? - Ho bruciato il grano del vostro podere, - gli rispose tranquillamente Nàzzaro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Tu? Il grano? Assassino! Dici davvero? M'hai bruciato il grano? Nàzzaro lo respinse con una bracciata furiosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Potevo figurarmi che tu intendessi dir questo? bruciarmi il grano? E come faccio ora? Come pago il censo alla mensa vescovile? il censo che grava sul podere? Nàzzaro lo guardò con aria di compatimento sdegnoso: - Bambino! Vendete la casa, che non vi serve a nulla, e liberate del censo il podere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il sonno del cocchiere su la cassetta e il sonno del morto dentro il carro: freddo e nel bujo, quello del morto; caldo e nel sole, quello del cocchiere; e poi quell'unica accompagnatrice con l'ombrellino chiaro e il velo nero abbassato sul volto: tutto l'insieme di quel mortorio, insomma, cosí zitto zitto e solo solo, a quell'ora, bruciata, faceva proprio cader le braccia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quelle levavano il capo, appena, e scoprivano gli occhi bruciati dal pianto, volgendo intorno un rapido sguardo pieno d'ansietà torbida e schiva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ebbene: sposatemi voi! Il vecchio rimase un pezzo come stordito, a quella proposta a bruciapelo; poi sulle labbra cominciò a delinearglisi quel certo sorrisetto ambiguo dell'altra volta: - Eh...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi mi domandò a bruciapelo: - Scusi, com'è illuminata la sua città? - A luce elettrica, - risposi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Un pianto che gli bruciava gli occhi e lo strozzava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La faccia giallastra era un fitto reticcio di rughe, in cui le palpebre sanguinavano, rovesciate, bruciate dal continuo lacrimare; ma, tra quelle rughe e quel sangue e quelle lagrime, gli occhi chiari apparivano come lontani, quelli d'un infanzia senza memorie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E s'aggirò, faccente, con l'aria d'un furbo matricolato, in mezzo al traffico rumoroso del piccolo porto di mare, tra i grandi depositi di zolfo accatastati su la spiaggia; a bordo dei piroscafi d'ogni nazione, tra marinai e interpreti e scaricatori e stivatori, aspirando con voluttà l'odor del catrame e della pece, mentre gli occhi gli lacrimavano bruciati dalla polvere dello zolfo diffusa nell'aria.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che siano su questa piaga come gocce di limone, quelle parole, non è male, perché adesso, quanto piú le brucia, questa piaga, meglio è.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La figlia Vittoria - o Bittò, come il padre la chiamava, - rossa di pelo, gigantesca come la madre morta nel darla alla luce, fino a trent'anni non aveva mai avuto un pensiero per sé, tutta intesa, col padre, ai lavori della campagna, al governo della masseria, alla vendita dei raccolti ammontati nei vasti magazzini polverosi, di cui teneva appese alla cintola le chiavi, bruciata dal sole e sudata, sempre con qualche festuca di paglia tra i cerfugli arruffati.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si lavò gli occhi, che le bruciavano: prese il pettine per rifarsi i capelli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E come, allora? Si smarrí; e nuove lagrime, piú brucianti delle prime, le sgorgarono dagli occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sí, ma se non era l'antico amore a farle da fermento dal piú profondo dell'anima, perché ora quella specie d'ebbrezza che le gonfiava il petto, e quello struggimento che voleva traboccarle in nuove lagrime; non piú brucianti, queste? Per fortuna lo specchio era là nell'angolo, e la maestrina Boccarmè non vide come s'appuntiva sgraziatamente sulla sua povera bocca appassita quel vezzo che sogliono fare i bambini prima che si buttino a piangere; e il mento, come le tremava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vaporavano tutt'intorno dalle terre assolate vecchi odori, di tante cose sparse e seccate da anni all'aperto, e qua si mescolavano coi tepori grassi del letame, col tanfo secco delle granaglie, con quello acre della paglia bruciata e bagnata del forno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi, oppressa dalla gran calura, tornava ad allungare lo sguardo alla striscia azzurra di mare lontano, come in attesa che un soffio d'aria, essendo ormai prossimo il tramonto, si levasse di là e trascorresse lieve fino a lei, a traverso le terre nude, irte di stoppie bruciate.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Una fila di mendicanti vigilava il sentiero e le loro figure accovacciate , terree e turchine , alcune con orribili occhi bianchi , altre con piaghe rosse e tumori violacei , coi petti nudi come scorticati , con le braccia e le dita brancicanti nerastre come ramicelli bruciati , si disegnavano fra un cespuglio e l'altro sulla linea azzurrognola e lattea dell'orizzonte .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Che cosa volete ? — Voglio parlare con la vossignoria , ma con calma , come da cristiano a cristiano , — disse la vecchia , che s'accomodava i coralli sul collo bruciato e tremava , scarna e triste come uno scheletro .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
I loro volti eran vicini ; quello di lui aveva un odore maschio , di sudore , di pelle bruciata dal sole , di vino e di tabacco , quello di lei un profumo di chiuso , di spigo e di lagrime .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ed Efix ebbe l'impressione che quello sguardo gli bruciasse le pupille: un rombo gli risuonò entro le orecchie .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Lo respinse ed egli spalancò gli occhi , ma gli parve di averli bruciati , coperti di cenere , come tornasse dall'inferno .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Mi struggevo sola in pensieri senza lagrime, accanto a un fuoco che mi bruciava sovente il vestito, o su un terrazzino che dava sui campi Elisii, a sentir l’acqua scrosciare, e passar le carrozze delle peccatrici onorate.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Su questo tempo, anni sono, i’ bruciavo. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Dite che perdonate, Maria." "Oh sì: a tutti perdono." "V’affido questi fogli: scorreteli; e quelli che possono nuocere all’altrui pace o alla fama, bruciate: non ve li lasciate uscir di mano a verun prezzo. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
"Se fosse bruciato il pranzo!", pensava componendosi un viso indifferente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Conveniva dire al professore di bruciar tutto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Anche questo pensiero venne coll'odor di lavanda, vennero lagrime brucianti, acri di tenerezza e di un sentimento che non era propriamente odio, che non era propriamente collera, ma che aveva un amaro dell'uno e dell'altra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco, a cui il tocco della Imperial Regia mano bruciava, fu sorpreso di questa uscita. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Sull'erta da Cressogno al Campò il sole bruciava. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Entrò dal fresco della notte in un'afa pesante, in un odore strano di aceto bruciato e d'incenso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Subitamente egli patì la bruciatura profonda, senza comprendere, senza riflettere. Or come con una qualunque parola quella voce poteva far tanto male? Come poteva con un solo accento rimescolare tante cose torbide, rappresentare l'oscurità del passato inesplorabile e l'incertezza del domani impuro? (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Non mi duole quasi più. Mi brucia un poco soltanto. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Mi brucia soltanto. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
S'era cementata nell'inferno dei battelli sottomarini, entro il chiuso scafo ove non è per l'uomo altro posto che il posto di manovra o di combattimento, tra i fumi dell'olio bruciato, tra i vapori della benzina, tra i miscugli d'idrogeno e d'ossigeno svolti dagli accumulatori elettrici, nel pericolo assiduo dello scoppio, nella tenebra improvvisa causata dal corto circuito, nella lotta costante dell'attenzione contro il tossico sonnifero dell'anidride carbonica, nel silenzio sostenuto per ore lunghe come giorni con l'occhio fiso ai quadranti indicatori, con l'orecchio teso al linguaggio metallico degli apparecchi di misura e di governo. Ben quivi entrambi avevano cominciato ad acquistare il senso della terza dimensione manovrando i timoni orizzontali e correggendo per innumerevoli esperienze l'instabilità nel verso dell'asse, che a ogni più lieve causa drizza lo scafo per prua fuori dell'acqua o lo piega a dar di becco nel fondo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Entrambe, oscure l'una per l'altra, sentivano soffrire le loro voci come si sente soffrire una mano bruciata, una caviglia distorta. Chiuse nella dissimulazione, caute, si palpavano con le loro voci come con qualcosa di dolente a cui ogni più lieve tocco sia un urto che l'offenda e strazii. Dall'ora di Mantova, separate all'improvviso per uno di quei piccoli fatti che sono come un colpo di cesoie in un filo teso, si spiavano, si esploravano. Sotto le apparenze della loro vita comune covavano i loro istinti di dolore, di menzogna e di lotta, l'una facendosi forte della pazienza terribile ch'era in fondo alla sua furia vitale, l'altra consumandosi negli eccessi nelle contraddizioni nei languori della sua verginità sospesa fra tanta inconsapevolezza e tanto conoscimento. Talvolta una bontà subitanea le ammolliva; e le assaliva un bisogno quasi carnale di stringersi l'una contro l'altra, di schiacciare fra l'uno e l'altro petto la pena inconfessata.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ora una minaccia soprastava ardente; e bisognava aspettarla senza scampo, come quei forzati all'ombra del Mastio, costretti di bruciare nella galera se invasa dal fuoco. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Parlavano a bassa voce, come nella notte del contagio, con una mutua eccitazione d'energia, lacerato il velo dei sogni, rimessa a nudo la bruciatura intollerabile. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Anch'ella faceva musica con la sua voce e col suo ricordo; e faceva uno dei suoi incanti consueti a sé stessa e al suo amico. E, come il suo amico pareva intento a levigarle le gambe con le labbra, ella dalla pressione viva e perfino dal mutamento di calore e dai più lievi sussulti sentiva come il silenzioso fosse bruciato dalle parole. Per ciò le rendeva più ambigue. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Era per essi il ritorno alla povertà, la separazione, la dispersione, la vita di lotta e di strettezza, forse il ricovero nella casa odiosa del padre e della matrigna, forse il lavoro umiliante, tutto l'orrore dell'avvenire incerto. Ognun d'essi era due volte colpito, due volte tradito. Nel fratello il furore sopraffaceva lo sgomento, e dalla sua natura tirannica sorgevano in confuso disegni di rappresaglia e di perfidia, imagini impure che lo bruciavano e pensieri perigliosi che gli moltiplicavano la brama di vivere e di gioire. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli l'ascoltava, con sordi tonfi nel petto, con una repulsione che bruciava come un desiderio, con un desiderio che si torceva come una repulsione. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella aveva ancóra quel viso sfrontato e convulso, quello sguardo nudato, quel respiro bruciante; e in tutta la sua carne triste quella sensuale attesa del martirio, ch'era quasi luce. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Mi ami? Sei bruciato così anche tu? Non c'è più nulla in te se non il tuo desiderio? Diménticati, diménticati dei nostri giorni e delle nostre notti; diménticati dei nostri rantoli e delle nostre grida; diménticati che cento volte abbiamo agonizzato l'uno nell'altra, che cento volte abbiamo domandato pietà senza ottenerla. Diménticati d'ogni carezza e d'ogni violenza; perché lassù non ci toccheremo neppure con lo sguardo, patiremo una sete peggiore di questa, saremo com'eravamo prima del bacio sanguinoso. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Anch'ella subitamente ridiveniva ferina; ché la mancanza di pudore nel modo e nell'accento della sorella riagitava il suo più torbido fondo. Gli occhi scrutatori la bruciavano. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il giovinetto teneva la fiaccola discosta e riversa bruciacchiando l'erba. Era vestito di tela bianca, aveva il capo scoperto, portava i sandali; e pareva che dalla sua negligente eleganza si rivelasse la proporzione del suo corpo degna di quella che segna il ritmo nella Cavalcata fidiaca. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli la guardò con uno sgomento che lo rapiva come dinanzi a un'incarnazione mistica; guardò quella parola che non sonava come un suono ma si foggiava come un'effigie, si stampava come un'impronta, si faceva figura umana in sigillo d'eternità. E la medesima parola gli apparve impressa nell'altro volto, nel volto consanguineo, ch'egli aveva avuto accosto su per la medesima erta nella vampa del solleone. «Mi ami? mi ami? Sei bruciato così anche tu? Non c'è più nulla in te se non il tuo desiderio? Diménticati, diménticati....» E seppe quel ch'egli perdeva, ma non temette quel che l'attendeva. Un presentimento gli ondeggiava nel fondo e non prendeva forma; e pareva a lui che, se avesse potuto fermarlo e interpretarlo, avrebbe avuto la chiave della sua sorte. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Allora, spinta dall'onda terribile del suo cuore, anche Vana si sporse insinuando tra quei corpi freschi e sani la sua magrezza cocente, le sue ossa bruciate nelle midolle, come un fastello di stipa tra floridi rami di mandorlo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
perché c'è un male in me, che non mi perdona, e non so quel che io farò ma so che non potrò fare se non qualcosa di male. Non mi lasciate al mio demonio! Perché, perché m'avete raccontata la vendetta del pastore? Come l'invidio! Non soffre più. Non ha lasciato nulla del suo amore e del suo furore in terra, null'altro che un po' di cenere. Non soffre più. È in pace. Vedete come sono! E forse io canto come lui per l'ultima volta, intorno a un fuoco spaventoso. Ah, non mi lasciate uscire di qui, non mi lasciate tornare in quella casa, dove tutto brucia, tutto avvelena, tutto macchia. Tenetemi con voi, tra queste cose bianche. Credevo che non ce ne fossero più, nel mondo. Circondatemi come dianzi, serratemi in mezzo a voi, rifatemi quale ero, fate che io non sappia quello che so, toglietemi dall'orrore! Se mi lasciate andare, non mi vedrete più. Se me ne vado, qualcosa di male accadrà. Debbo dirvi addio? Vi do questo canto come il commiato? Ah, e sono come voi tanto giovine, e nessuno m'ha toccata ancóra, e avrei potuto essere tanto dolce, tanto fedele;(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Il dubbio tu stessa ti sei piaciuta di suscitarlo, di eccitarlo, per la frenesia malvagia delle torture, quante volte, con quanti modi ambigui! Tu lo sai. Io me ne ricordo. Porto le bruciature. Ma pensavo che tu ti eccitassi col fantasma della colpa, per una delle tue tante perversioni crudeli. Non credevo possibile la duplicità in una creatura che ogni giorno si torce urla agonizza nelle mie braccia e ogni giorno mi chiede di più e si dona con più furore.... (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella era fissa. Qualcosa come un flutto dell'anima saliva di dentro e velava la sua sfrontatezza. La sua menzogna ora pesava alla sua passione. La necessità della discolpa la umiliava. Quell'uomo doloroso e iroso, simile ad ogni altro uomo nella rampogna nel dispregio e nel castigo, le sembrava ottuso e tardo. Ella avrebbe voluto rispondere: «È vero. Mi ricordo. Anche dissi: — L'amore che io amo è quello che non si stanca di ripetere: Fammi più male, fammi sempre più male. — Ah, perché voi siete come tutti gli altri? perché la vostra gelosia è così cieca, è così ferina? Vi amo sino alla morte. Questo è certo. Se voi ora veramente aveste la forza di scacciarmi o di fuggire, io non saprei continuare a vivere. Quel che di me più vi brucia e vi crucia, la mia carne, si disseccherebbe, non si nutrendo se non della vostra. Eppure, la colpa di cui mi accusate, io l'ho commessa; e vorrei non discolparmi.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli restò attonito e intento per alcuni istanti. Poi fece l'atto di balzare su la sabbia; ma lo spasimo della bruciatura profonda gli strappò un grido, lo trattenne. Allora discese cauto, cercando intorno un sostegno. Sedette sul lido solitario; e si pose a distaccare dal piede incotto i resti del cuoio incarbonito. Come aveva esausta la forza e non sosteneva lo strazio, scivolò fino alla riva; e tenne il piede immerso nel mare.
---------------
* Dal fuoco che gli bruciava la fronte venivano fuori gocce di sudore grosse come lagrime. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
E Giustino si buttò in ginocchio accanto al lettuccio, a toccare con la fronte la manina bruciante del bimbo, e tra i singhiozzi pensò che non aveva dato mai, mai tutto il suo cuore a quell'esseruccio che se n'andava, ch'era vissuto circa due anni quasi fuori dell'anima sua, fuori di quella de la madre, povero bimbo, e aveva trovato rifugio soltanto nell'amor della nonna... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* ah, quella! Ancora, tra vampe di soffocanti immaginazioni, ella si sentiva bruciar le carni dalla vergogna d'un unico amplesso, tentato quasi a freddo, per un'orrida necessità ineluttabile, là a Ostia, e rimasto disperatamente incompiuto; si sentiva da esso insozzata per sempre, più che se si fosse resa colpevole mille e mille volte con tutti quei giovani che la voce pubblica le aveva affibbiati e le affibbiava ancora per amanti. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Il giovine, mortificato da quell'ansia scomposta, quasi ilare, del Boggiolo, che avventava in mezzo al luttuoso momento, benché il pover'uomo mostrasse pure il volto bruciato dalle lagrime, s'inchinò e stese la mano a Silvia, dicendo:
---------------
Viene da restare, no? a una siffatta notizia a bruciapelo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Questa domanda mi fu rivolta a bruciapelo, una sera, dalla signorina Caporale nel terrazzino, dove ella si trovava con Adriana e dove mi avevano invitato a passare un po’ di tempo in loro compagnia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
«Allora, di colpo» dice il critico «un fiotto d’umanità invade questi personaggi, le marionette divengono improvvisamente creature di carne e di sangue, e parole che bruciano l’anima e straziano il cuore escono dalle loro labbra»
---------------
* Un ricordo più di tutti gli altri s'è inciso nel mio cuore : umide serate domenicali di novembre o dicem bre , in casa del nonno , col vino caldo in mezzo alla tavola , dentro a una zuppiera , sotto il gran lume a petrolio bronzato ; col vassoio delle bruciate accosto e tutta la famiglia — zii e zie , cugini e cugine in quantità — coi visi rossi attorno . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Quella cesta era in una stanzina nascosta in fondo alla casa e che dava sui tetti — vera Alhambra delle mie prime fantasie — dove c'era di tutto : legni da bruciare , cenci smessi , trappole per i topi , gabbie di passerotti , un fucile da guardia nazionale e un' intignata camicia rossa garibaldina con la medaglia del "60 . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* In certi pomeriggi bruciati d'estate vedevo Garibaldi galoppar col mantello sollevato dalla brezza tra le mandrie e le fucilate della pampa ; nelle mattinate uggiose e piovigginose ero insieme al conte Alfieri che bestemmiava dietro ai cavalli ed ai versi su tutte le strade postali d'Europa ; e la sera fremevo di patriottico odio o di oratoria frenesia di gloria cogli uomini illustri di un Plutarco minutamente stampato in tanti volumettini rivestiti di carta color zeffirino . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Un soldo di ciliege o di fichi Testate e di bruciate o pattona l'inverno bastavano alla mia ghiottonizia . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E una domenica Tanno a mangiare in campagna , sempre al solito posto [Fiumiciattolo sitracco con poc'acqua , sassi , canneti , prati bruciati , pesci fritti] . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* A forza di camminare tornavo a casa coi piedi brucianti e il viso acceso , tutto vibrante e vigoroso come se tornassi da una vittoria . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Soffiava il vento spruzzandoci in viso qualche goc — GG — eia rimasta sulle foglie ingrinzite ; viaggiavano le rigide nuvole bianche nel cielo grande senza colore ; si rammaricavano gli alberi percossi senza grazia da un' ondata di tramontana e V erbe bruciate e impallidite dal gelo aspettavano pazienti la primavera e V odoroso segreto delle mammole . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non ci vorremmo mettere addosso , per tutti i libri del mondo , la giubba del fantaccino , ma la guerra è il nostro ossigeno e ogni assedio è una festa e vorremmo che ogni parola fosse una fucilata a bruciapelo e ogni idea un'infallibile bomba da fortezza . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* I manoscritti mediocri e i libri idioti si sarebbero bruciati ogni settimana , sopra una piazza , in un falò di gioia . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Li pungevo , li bruciavo e li frustavo: li pungevo coi più feroci sarcasmi eh' io sapessi trovare ; li bruciavo colle parole dure e spiacenti e colle accuse spietatamente sincere ; li frustavo mostrando loro quant'eran vigliacchi nella vita , umili nei desideri , primitivi nelle idee , ignoranti in ogni cosa e assolutamente incapaci di capire a fondo e di ragionar diritti . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Bisogna tagliare dove c'è da tagliare ; e bruciare dove c'è il marcio ; e portar fuori dal soffice nido delle abitudini chi non conosce la fresca furia del vento e la salutare gelidità della neve se non traverso i vetri di casa sua . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Aguzzate lo sguardo , fatevi più maligni , seguitemi di soppiatto , interrogatemi a bruciapelo ! Fate pur cosa volete ma voglio in ogni modo che mi denunziate e accusate senza pietà . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Una vampa infernale di vergogna mi brucia il viso . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Sono un piccolo prometeo che ha nel suo petto l'avvoltoio del rimorso perché col fuoco rubato ha saputo bruciare solamente sé stesso . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Oh se ad un tratto scoppiasse dentro di me , come una vena lungamente rattenuta e chiusa a forza , la maestosa e profonda corrente dell' ispirazione e le idee zampillassero come getti fantastici fino al cielo e le immagini e i sentimenti , e le care definitive parole cascassero come pioggia a rinfrescare il mio cuore ; a consolare , a destare , a intenerire tutti i cuori degli uomini ! Oh se l'anima mia ad un tratto s' infiammasse come un campo di stoppie e di sterpi , come una selva arida e folta , e i pensieri illuminassero il cielo come razzi spiegati e le parole bruciassero come fuoco vero e le idee sprizzassero sotto la fuga della mìa penna come faville da un ceppo infocato percosso e potessi finalmente illuminare e scaldare tutte le anime degli uomini ! Perchè dev'esser negata a me , proprio a me che la chiedo , aspetto , desidero e voglio questa gioia , questa feHcità , questa grazia ? Oh se di questi giorni , dopo tanti anni di attesa impaziente e di forsennate invocazioni , mi sentissi sgorgare una fiumana di parole nuove , mi sentissi sopraffare da un' ondata non mai sentita e invece di scrivere le stesse storie , d' infilare le solite parole , di strascicarmi penosamente sull'orme degli stanchi e rattoppati pensieri mi venissero in bocca inaspettate verità , meravigliose immagini e accenti e armonie e passioni che nessun uomo avesse mai scoperto , trovato e sentito ì Tante volte , la sera , al lume rosso e ondeggiante di una candela o a quello calmo e bianco di una lampada nascosta , ho aspettato l'arriva dell'ora divina come gli amanti sempre delusi aspettano a mezzanotte la bella che finalmente s'è promessa . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Che ragione ci sarebbe perchè dovessi sparire anch' io , stupidamente , come uno qualunque ? Ma non sapete eh' io porto tutto il mondo dentro di me ? Non sapete che se muoio non esiste più né la pioggia che casca e rimbalza sulle foglie , né il bel sole caldo che brucia la pelle , né il prato verde e bianco che fa i cavalloni d'ombra quando il vento lo sfiora , né il gran cielo blu , né il bove calmo e bianco , né le madonne in mezzo all'oro in fondo alle chiese buie , né i canti smaniosi delle ragazze abbandonate , né le gioie che scintillano nelle vetrine , di sera , sotto il rosso chiarore elettrico ? — 264 — Tutto il mondo colle sue bellezze e i suoi orrori , colle sue idee e i suoi corpi , tutto il mondo è qui , in me , dentro di me , e sarebbe annullato s' io morissi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* L' uomo soloy assolutamente solo , assolutamente spogliato , che non chiede nulla , che non vuol nulla , ch'è giunto al vertice del disinteresse per troppa perspicuità e non per cieca rinunzia , si rivolge al mondo ch'é spoglio per lui come una prateria bruciata , come una città devastata , il mondo che non ha più chiese , più mète , più asili e rifugi , e gli dice : Per quanto tu non mi prometta nulla sono ancora con te , mi unisco ancora alla tua forza , lavoro col tuo lavoro , ti accompagno e ti rifletto nel tuo spietato cammino . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* In mezzo a una casta larghissima e potentissima di schiavi dell'opinione e della tradizione , di pedanti parassiti e sofistici , di predicatori delle vecchie leggende , di carcerieri di prigioni moralistiche e mistiche , di pappagalli pertinaci di tutte le antiche norme sociali e di tutti i luoghi comuni , è necessario uno svegliatore notturno , una guardia dalla pura intelligenza , uno zappatore di buoni muscoli , un incendiario di buona volontà che bruci e smantelli per dar posto alla luce delle piazze , agli alberi della riconquistata libertà , alle costruzioni future . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Vorrei che invece del livido inchiostro che esce dalle sue quadrate punte di acciaio scorresse giù sangue scuro e fumante come quello che gocciola dal petto dell'eroe di una rissa notturna — vorrei che il ferrò bucasse e divorasse la carta per dove passa , come se fosse rovente — e che dai solchi bruciacchiati salisse al naso aperto del lettore un acre fumo benefico . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Avevamo molte sigarette e volevamo vedere chi ne sapesse bruciare di più nel breve tempo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* L’altro giorno ella mi domandò a bruciapelo , con la sua faccia incorniciata da capelli grigi giovanilmente arrossata:
---------------
* Guai se Augusta e sua madre non m’avessero impedito di bruciare quella fiamma in una sola volta come io spesso ne avrei avuto il desiderio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
abbruciacchiare
= verbo trans. bruciare leggermente
---------------
abbruciamento
= il bruciare
---------------
abbruciare
= verbo trans. bruciare
---------------
abbrustolire
= verbo trans. seccare e bruciare leggermente un alimento esponendolo al calore del fuoco
---------------
acceso
= participio passato di accendere
= che brucia
---------------
acetilene
= idrocarburo gassoso , incolore , appartenente alla classe degli alchini , che brucia con fiamma luminosa
---------------
arsiccio
= bruciacchiato , riarso
---------------
arso
= participio passato di ardere
= bruciato
---------------
avvampare
= avampare , verbo intr. accendersi , bruciare divampando
---------------
braciere
= recipiente di metallo in cui si tiene la brace accesa per riscaldare l'ambiente. dim. bracierino analogo recipiente , spesso di grandi proporzioni , che si teneva nei templi antichi per bruciarvi profumi o versarvi libagioni in onore del dio.
---------------
bruciabile
= che si può bruciare.
---------------
bruciacchiare
= verbo trans. bruciare superficialmente qua e là
---------------
bruciacchiatura
= il bruciacchiare
---------------
bruciamento
= il bruciare
---------------
bruciante
= part. pres. di bruciare che brucia che ferisce , che offende
---------------
bruciapelo
= a bruciapelo , da brevissima distanza , riferito a colpo d'arma da fuoco
---------------
bruciaprofumi
= recipiente di metallo o ceramica in cui si bruciano sostanze profumate.
---------------
bruciaticcio
= che è bruciacchiato
= rimasuglio di cosa bruciata odore , sapore di bruciaticcio , di cosa bruciata.
---------------
bruciato
= part. pass. di bruciar arso dal fuoco
---------------
bruciatorista
= operaio addetto a sorvegliare il funzionamento dei bruciatori negli impianti termici.
---------------
bruciatura
= il bruciare
---------------
brusire
= verbo intr. nome di varie malattie delle piante che provocano avvizzimenti o imbrunimenti simili a bruciacchiature.
---------------
carburante
= part. pres. di carburare e
= sostanza liquida o gassosa, gener. un idrocarburo, che bruciando in presenza di aria in date condizioni fornisce l'energia necessaria al funzionamento dei motori a combustione interna alternativi a carburazione, detti anche a ciclo otto
---------------
causalgia
= nevralgia conseguente alla lesione di nervi periferici, che dà un dolore bruciante.
---------------
cauterizzazione
= operazione chirurgica consistente nel bruciare tessuti malati con un filamento incandescente o con sostanze caustiche.
---------------
comburere
= verbo trans. bruciare
---------------
combustibile
= qualsiasi sostanza che, in presenza di un comburente, può bruciare sviluppando luce e calore
---------------
combusto
= part. pass. di comburere - bruciato, arso
---------------
controfuoco
= incendio col quale si bruciano materiali combustibili per impedire che alimentino un altro incendio in atto.
---------------
cremare
= verbo trans. bruciare un cadavere.
---------------
crematoio
= la parte del forno crematorio in cui viene deposto il cadavere per essere bruciato.
---------------
crepitare
= verbo intr. scoppiettare, propr. riferito al fuoco e alla legna che brucia, ma detto anche della pioggia, della grandine, degli spari delle armi automatichescricchiolare, cricchiare
---------------
debaccare
= verbo intr . migliorare un terreno agricolo bruciando le erbe - gli sterpi - le stoppie e interrando poi le ceneri .
---------------
fascina
= fascio di ramoscelli e sterpi da bruciare .
---------------
fenice
= uccello sacro dell'arabia che , secondo antiche leggende , era unico e moriva ogni cinquecento anni lasciandosi bruciare su una pira di legno aromatico , per poi rinascere dalle sue stesse ceneri - nell'uso letterario , simbolo di cosa leggendaria , inesistente
---------------
fiaccola
= lume fatto con sostanze resinose - o altro materiale infiammabile , che brucia lentamente resistendo al vento
---------------
flagrare
= verbo intr .
= ardere , bruciare
---------------
fumacchio
= pennacchio di fumo che si alza da un fuoco lento e nascosto legno imperfettamente carbonizzato che bruciando emette fumo
= 3 fumigazione
= 4 lento sprigionarsi dal terreno di vapori caldissimi che preludono all'apparizione d'un soffione .
---------------
inarsicciato
= participio passato di inarsicciare nel sign . del verbo
= segno di bruciatura .
---------------
incensiere
= recipiente di metallo in cui si fa bruciare l'incenso .
---------------
incenso
= gommoresina che si ottiene praticando profonde incisioni nel tronco di varie specie di piante originarie dell'india , arabia e somalia , e che , bruciata , emana un intenso aroma
---------------
incombusto
= non bruciato
---------------
infiammato
= participio passato di infiammare , che brucia con fiamma
---------------
monachina
= diminutivo di monaca - donna, ragazza che affetta timidezza e modestia 3 cappello a tesa larga di paglia di firenze, che per la foggia richiama il copricapo di taluni ordini di monache 4 dolce napoletano a base di panna, così detto perché in origine preparato dalle monache 5 faville che si sprigionano dalla legna o dalla carta che brucia.
---------------
mozzicone
= ciò che rimane di una cosa mozzata, spezzata o bruciata
---------------
olocausto
= nelle religioni del mondo antico , sacrificio cruento in cui la vittima veniva bruciata interamente sull'altare
---------------
pipa dial . pippa ,
= strumento per fumatori formato da un piccolo contenitore , detto fornello , dove si brucia il tabacco , collegato con una cannuccia da cui si aspira il fumo
---------------
postbruciatore
= parte di un turbomotore , compresa tra la turbina e l'ugello di scarico , dove viene bruciato combustibile aggiuntivo per incrementare la potenza del getto .
---------------
rasiccia
= terreno preparato per la semina, su cui sono state tagliate e bruciate le erbe secche e gli sterpi per renderlo fertile.
---------------
riarso
= participio passato di riardere , bruciato
---------------
ribruciare
= verbo trans. e intr. bruciare di nuovo
---------------
ribruciarsi
= verbo riflessivo o intr. pron. bruciarsi di nuovo.
---------------
sbraciare
= verbo transitivo smuovere la brace accesa perché bruci meglio ,
---------------
scottare
= verbo transitivo causare un'ustione , una bruciatura ,
---------------
scottato
= participio passato di scottare - bruciato , ustionato , cotto per brevissimo tempo ,
---------------
sfiammare
= verbo transitivo calmare , eliminare un'infiammazione -
= verbo intransitivo bruciare con grandi fiamme - sfiammarsi
= verbo riflessivo diventare meno infiammato , cessare di essere infiammato ,
---------------
sfregio
= taglio , ferita , bruciatura che deturpano i tratti del viso ,
---------------
spartifiamma
= nel bruciatore del fornello a gas , il disco forato lungo il bordo da cui fuoriesce il gas infiammato .
---------------
strinato
= participio passato di strinare
= bruciacchiato ,
---------------
suffumigio
= inalazione di vapori medicamentosi a scopo terapeutico o di disinfezione , in alcune religioni , purificazione fatta bruciando piante aromatiche .
---------------
tizzone
= pezzo di legno - di carbone che sta bruciando - comincia a bruciare
---------------
turibolo
= turribolo , vaso di metallo con coperchio traforato , appeso a tre catenelle e contenente i carboni accesi sui quali , durante le funzioni , si pone l'incenso da bruciare , in modo da farne uscire il fumo profumato
---------------
urente
= aggettivo bruciante
---------------
usto
= aggettivo bruciato , scottato
---------------
ustorio
= aggettivo che serve a bruciare
---------------
Conjugacíon: 1 - abrasar
auxiliar: haber - transitivo/intransitivo/pronominale
INDICATIVO activo
Presente
yo abraso
abrasas
él/ella abrasa
nosotros abrasamos
vosotros abrasáis
ellos/ellas abrasan
Imperfecto
yo abrasaba
abrasabas
él/ella abrasaba
nosotros abrasabamos
vosotros abrasabais
ellos/ellas abrasaban
Pretérito indefinito
yo abrasé
abrasaste
él/ella abrasó
nosotros abrasamos
vosotros abrasasteis
ellos/ellas abrasaron
Preterito perfecto
yo he abrasado
has abrasado
él/ella ha abrasado
nosotros hemos abrasado
vosotros habéis abrasado
ellos/ellas han abrasado
Preterito pluscuamperfecto
yo había abrasado
habías abrasado
él/ella había abrasado
nosotros habíamos abrasado
vosotros habíais abrasado
ellos/ellas habían abrasado
Preterito anterior
yo hube abrasado
hubiste abrasado
él/ella hubo abrasado
nosotros hubimos abrasado
vosotros hubisteis abrasado
ellos/ellas hubieron abrasado
Futuro
yo abrasaré
abrasaras
él/ella abrasará
nosotros abrasaremos
vosotros abrasareis
ellos/ellas abrasarán
Futuro perfecto
yo habré abrasado
habrás abrasado
él/ella habrá abrasado
nosotros habremos abrasado
vosotros habréis abrasado
ellos/ellas habrán abrasado
CONJUNTIVO - activo
Presente
yo abrase
abrases
él/ella abrase
nosotros abrasemos
nosotros abraséis
ellos/ellas abrasen
Pretérito perfecto
yo haya abrasado
hayas abrasado
él/ella haya abrasado
nosotros hayamos abrasado
nosotros hayáis abrasado
ellos/ellas hayan abrasado
Pretérito imperfetto I
yo abrasara
abrasaras
él/ella abrasara
nosotros abrasáramos
nosotros abrasarais
ellos/ellas abrasaran
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiera abrasado
hubieras abrasado
él/ella hubiera abrasado
nosotros hubiéramos abrasado
nosotros hubierais abrasado
ellos/ellas hubieran abrasado
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese abrasado
hubieses abrasado
él/ella hubiese abrasado
nosotros hubiésemos abrasado
nosotros hubieseis abrasado
ellos/ellas hubiesen abrasado
Pretérito imperfetto II
yo abrasase
abrasases
él/ella abrasase
nosotros abrasásemos
nosotros abrasaseis
ellos/ellas abrasasen
Futuro
yo abrasare
abrasares
él/ella abrasare
nosotros abrasáremos
nosotros abrasareis
ellos/ellas abrasaren
Futuro perfecto
yo hubiere abrasado
hubieres abrasado
él/ella hubiere abrasado
nosotros hubiéremos abrasado
nosotros hubiereis abrasado
ellos/ellas hubieren abrasado
POTENCIAL - activo
Presente
yo abrasaría
abrasarías
él/ella abrasaría
nosotros abrasaríamos
vosotros abrasaríais
ellos/ellas abrasarían
Perfecto
yo habría abrasado
habrías abrasado
él/ella habría abrasado
nosotros habríamos abrasado
vosotros habríais abrasado
ellos/ellas habrían abrasado
IMPERATIVO - activo
Positivo
-
abrasa
abrase
abrasemos
abrasad
abrasen
INFINITO activo
Presente
Compuesto
haber abrasado
PARTICIPIO - activo
Presente
que abrasa
Compuesto
abrasado
GERUNDIO activo
Presente
abrasando
Compuesto
habiendo abrasado
INDICATIVO pasivo
Presente
yo soy abrasado
eres abrasado
él/ella es abrasado
nosotros somos abrasados
vosotros seis abrasados
ellos/ellas son abrasados
Imperfecto
yo era abrasado
eras abrasado
él/ella era abrasado
nosotros èramos abrasados
vosotros erais abrasados
ellos/ellas eran abrasados
Pretérito indefinito
yo fui abrasado
fuiste abrasado
él/ella fue abrasado
nosotros fuimos abrasados
vosotros fuisteis abrasados
ellos/ellas fueron abrasados
Preterito perfecto
yo he sido abrasado
has sido abrasado
él/ella ha sido abrasado
nosotros hemos sido abrasados
vosotros habèis sido abrasados
ellos/ellas han sido abrasados
Preterito pluscuamperfecto
yo había sido abrasado
habías sido abrasado
él/ella había sido abrasado
nosotros habíamos sido abrasados
vosotros habías sido abrasados
ellos/ellas habían sido abrasados
Preterito anterior
yo hube sido abrasado
hubiste sido abrasado
él/ella hubo sido abrasado
nosotros hubimos sido abrasados
vosotros hubisteis sido abrasados
ellos/ellas hubieron sido abrasados
Futuro
yo seré abrasado
serás abrasado
él/ella será abrasado
nosotros seremos abrasados
vosotros sereis abrasados
ellos/ellas serán abrasados
Futuro perfecto
yo habrè sido abrasado
habrás sido abrasado
él/ella habrá sido abrasado
nosotros habremos sido abrasados
vosotros habreis sido abrasados
ellos/ellas habrán sido abrasados
CONJUNTIVO - pasivo
Presente
yo sea abrasado
seas abrasado
él/ella sea abrasado
nosotros seamos abrasados
nosotros seáis abrasados
ellos/ellas sean abrasados
Pretérito perfecto
yo haya sido abrasado
hayas sido abrasado
él/ella haya sido abrasado
nosotros hayamos sido abrasado
nosotros hayáis sido abrasado
ellos/ellas hayan sido abrasado
Pretérito imperfetto I
yo fuere abrasado
fueres abrasado
él/ella fuere abrasado
nosotros fuéremos abrasados
nosotros fuereis abrasados
ellos/ellas fueren abrasados
Pretérito pluscuamperfecto I
yo hubiere sido abrasado
hubieres sido abrasado
él/ella hubiere sido abrasado
nosotros hubiéremos sido abrasados
nosotros hubierei sido abrasados
ellos/ellas hubieren sido abrasados
Pretérito pluscuamperfecto II
yo hubiese sido abrasado
hubieses sido abrasado
él/ella hubiese sido abrasado
nosotros hubiésemos sido abrasados
nosotros hubieseis sido abrasados
ellos/ellas hubiesen sido abrasados
Pretérito imperfetto II
yo fuese abrasado
fuesess abrasado
él/ella fuese abrasado
nosotros fuésemos abrasados
nosotros fueseis abrasados
ellos/ellas fuesen abrasados
Futuro
yo fuere abrasado
fueres abrasado
él/ella fuere abrasado
nosotros fuéremos abrasados
nosotros fuereis abrasados
ellos/ellas fueren abrasados
Futuro perfecto
yo hubiere sido abrasado
hubieres sido abrasado
él/ella hubiere sido abrasado
nosotros hubiéremos sido abrasados
nosotros hubiereis sido abrasados
ellos/ellas hubieren sido abrasados
POTENCIAL - pasivo
Presente
yo sería abrasado
serías abrasado
él/ella sería abrasado
nosotros seríamos abrasados
vosotros seríais abrasados
ellos/ellas serían abrasados
Perfecto
yo habría sido abrasado
habrías sido abrasado
él/ella habría sido abrasados
nosotros habríamos sido abrasados
vosotros habríais sido abrasados
ellos/ellas habrían sido abrasados
IMPERATIVO - pasivo
Positivo
-
sé abrasado
sea abrasado
seamos abrasados
sed abrasados
sean abrasados
INFINITO pasivo
Presente
ser abrasado
Compuesto
haber sido abrasado
PARTICIPIO - pasivo
Presente
que es abrasado
Compuesto
abrasado
GERUNDIO pasivo
Presente
siendo abrasado
Compuesto
habiendo sido abrasado
Coniugazione:1 - bruciare
Ausiliare:avere/essere transitivo/intransitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io brucio
tu bruci
egli brucia
noi bruciamo
voi bruciate
essi bruciano
Imperfetto
io bruciavo
tu bruciavi
egli bruciava
noi bruciavamo
voi bruciavate
essi bruciavano
Passato remoto
io bruciai
tu bruciasti
egli bruciò
noi bruciammo
voi bruciaste
essi bruciarono
Passato prossimo
io ho bruciato
tu hai bruciato
egli ha bruciato
noi abbiamo bruciato
voi avete bruciato
essi hanno bruciato
Trapassato prossimo
io avevo bruciato
tu avevi bruciato
egli aveva bruciato
noi avevamo bruciato
voi avevate bruciato
essi avevano bruciato
Trapassato remoto
io ebbi bruciato
tu avesti bruciato
egli ebbe bruciato
noi avemmo bruciato
voi eveste bruciato
essi ebbero bruciato
Futuro semplice
io brucerò
tu brucerai
egli brucerà
noi bruceremo
voi brucerete
essi bruceranno
Futuro anteriore
io avrò bruciato
tu avrai bruciato
egli avrà bruciato
noi avremo bruciato
voi avrete bruciato
essi avranno bruciato
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io bruci
che tu bruci
che egli bruci
che noi bruciamo
che voi bruciate
che essi brucino
Passato
che io abbia bruciato
che tu abbia bruciato
che egli abbia bruciato
che noi abbiamo bruciato
che voi abbiate bruciato
che essi abbiano bruciato
Imperfetto
che io bruciassi
che tu bruciassi
che egli bruciasse
che noi bruciassimo
che voi bruciaste
che essi bruciassero
Trapassato
che io avessi bruciato
che tu avessi bruciato
che egli avesse bruciato
che noi avessimo bruciato
che voi aveste bruciato
che essi avessero bruciato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io brucerei
tu bruceresti
egli brucerebbe
noi bruceremmo
voi brucereste
essi brucerebbero
Passato
io avrei bruciato
tu avresti bruciato
egli avrebbe bruciato
noi avremmo bruciato
voi avreste bruciato
essi avrebbero bruciato
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
brucia
bruci
bruciamo
bruciate
brucino
Futuro
-
brucerai
brucerà
bruceremo
brucerete
bruceranno
INFINITO - attivo
Presente
bruciar
Passato
essersi bruciato
PARTICIPIO - attivo
Presente
bruciante
Passato
bruciato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
bruciando
Passato
avendo bruciato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono bruciato
tu sei bruciato
egli é bruciato
noi siamo bruciati
voi siete bruciati
essi sono bruciati
Imperfetto
io ero bruciato
tu eri bruciato
egli era bruciato
noi eravamo bruciati
voi eravate bruciati
essi erano bruciati
Passato remoto
io fui bruciato
tu fosti bruciato
egli fu bruciato
noi fummo bruciati
voi foste bruciati
essi furono bruciati
Passato prossimo
io sono stato bruciato
tu sei stato bruciato
egli é stato bruciato
noi siamo stati bruciati
voi siete stati bruciati
essi sono stati bruciati
Trapassato prossimo
io ero stato bruciato
tu eri stato bruciato
egli era stato bruciato
noi eravamo stati bruciati
voi eravate stati bruciati
essi erano statibruciati
Trapassato remoto
io fui stato bruciato
tu fosti stato bruciato
egli fu stato bruciato
noi fummo stati bruciati
voi foste stati bruciati
essi furono stati bruciati
Futuro semplice
io sarò bruciato
tu sarai bruciato
egli sarà bruciato
noi saremo bruciati
voi sarete bruciati
essi saranno bruciati
Futuro anteriore
io sarò stato bruciato
tu sarai stato bruciato
egli sarà stato bruciato
noi saremo stati bruciati
voi sarete stati bruciati
essi saranno stati bruciati
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia bruciato
che tu sia bruciato
che egli sia bruciato
che noi siamo bruciati
che voi siate bruciati
che essi siano bruciati
Passato
che io sia stato bruciato
che tu sia stato bruciato
che egli sia stato bruciato
che noi siamo stati bruciati
che voi siate stati bruciati
che essi siano stati bruciati
Imperfetto
che io fossi bruciato
che tu fossi bruciato
che egli fosse bruciato
che noi fossimo bruciati
che voi foste bruciati
che essi fossero bruciati
Trapassato
che io fossi stato bruciato
che tu fossi stato bruciato
che egli fosse stato bruciato
che noi fossimo stati bruciati
che voi foste stati bruciati
che essi fossero stati bruciati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei bruciato
tu saresti bruciato
egli sarebbe bruciato
noi saremmo bruciati
voi sareste bruciati
essi sarebbero bruciati
Passato
io sarei stato bruciato
tu saresti stato bruciato
egli sarebbe stato bruciato
noi saremmo stati bruciati
voi sareste stati bruciati
essi sarebbero stati bruciati
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii bruciato
sia bruciato
siamo bruciati
siate bruciati
siano bruciati
Futuro
-
sarai bruciato
sarà bruciato
saremo bruciati
sarete bruciati
saranno bruciati
INFINITO - passivo
Presente
essere bruciato
Passato
essere stato bruciato
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
bruciato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo bruciato
Passato
essendo stato bruciato