Buona navigazione con NihilScio!  Pagina facebook
NS NihilScio
Aiuto per la composizione
 
  Cerca  frasi:
It EnEs
English version Inglese     Spanish version Spagnolo     Latin version Latino
Laboratorio di Italiano
Ricerca nei classici sul web
Coniugazione attiva e passiva del verbo: toccare
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
toccare avere toccato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
toccante toccato
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
toccando avendo toccato
Coniugazione del verbo: toccare
coniugazione:1
forma: attiva transitivo
ausiliare: avere
- Infinito - Presente
Sinonimi di: toccare
abbordare abbracciare accarezzare accennare appassionare

bagnare brancicare commuovere emozionare impressionare

intenerire interessare lambire palparsi palpeggiarsi saggiarsi tastarsi
Vocabulary and phrases
* Come stesse di dentro , s'intenderà meglio , quando avrem detto qualche cosa del suo naturale , e de' tempi in cui gli era toccato di vivere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* L'impunità era organizzata , e aveva radici che le gride non toccavano , o non potevano smovere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il nostro Abbondio non nobile , non ricco , coraggioso ancor meno , s'era dunque accorto , prima quasi di toccar gli anni della discrezione , d'essere , in quella società , come un vaso di terra cotta , costretto a viaggiare in compagnia di molti vasi di ferro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non conosceva don Rodrigo che di vista e di fama , né aveva mai avuto che far con lui , altro che di toccare il petto col mento , e la terra con la punta del suo cappello , quelle poche volte che l'aveva incontrato per la strada .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Vengo , - rispose , mettendo sul tavolino , al luogo solito , il fiaschetto del vino prediletto di don Abbondio , e si mosse lentamente ; ma non aveva ancor toccata la soglia del salotto , ch'egli v'entrò , con un passo così legato , con uno sguardo così adombrato , con un viso così stravolto , che non ci sarebbero nemmen bisognati gli occhi esperti di Perpetua , per iscoprire a prima vista che gli era accaduto qualche cosa di straordinario davvero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Perpetua s'avvide d'aver toccato un tasto falso ; onde , cambiando subito il tono , - signor padrone , - disse , con voce commossa e da commovere , - io le sono sempre stata affezionata ; e , se ora voglio sapere , è per premura , perché vorrei poterla soccorrere , darle un buon parere , sollevarle l'animo . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Volete tacere ? volete tacere ? Son pareri codesti da dare a un pover'uomo ? Quando mi fosse toccata una schioppettata nella schiena , Dio liberi ! l'arcivescovo me la leverebbe ?
---------------
* Io son troppo dolce di cuore , non penso che a levar di mezzo gli ostacoli , a facilitar tutto , a far le cose secondo il piacere altrui , e trascuro il mio dovere ; e poi mi toccan de' rimproveri , e peggio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Come eh ? Vorrei che la fosse toccata a voi , come è toccata a me , che non c'entro per nulla ; che certamente non vi sarebber rimasti tanti grilli in capo - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ora vi fo vedere , e toccar con mano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ah ci siamo: quel prete non faccia quello che è obbligato per l'uficio suo , o faccia cose che non gli toccano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Passavano zitti accanto al padre Cristoforo , lo guardavano pietosamente , e , benché non avesser nulla a sperar da lui , giacché un cappuccino non toccava mai moneta , gli facevano un inchino di ringraziamento , per l'elemosina che avevan ricevuta , o che andavano a cercare al convento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A sinistra , e a un altro lato della tavola , stava , con gran rispetto , temperato però d'una certa sicurezza , e d'una certa saccenteria , il signor podestà , quel medesimo a cui , in teoria , sarebbe toccato a far giustizia a Renzo Tramaglino , e a fare star a dovere don Rodrigo , come s'è visto di sopra .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In faccia al signore , il povero vecchio non si sarebbe mai arrischiato d'accennare , non che d'esprimere la sua disapprovazione di ciò che vedeva tutto il giorno: appena ne faceva qualche esclamazione , qualche rimprovero tra i denti a' suoi colleghi di servizio ; i quali se ne ridevano , e prendevano anzi piacere qualche volta a toccargli quel tasto , per fargli dir di più che non avrebbe voluto , e per sentirlo ricantar le lodi dell'antico modo di vivere in quella casa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E in quella casa medesima ! E senza ch'io sognassi neppure di cercarlo ! " Così ruminando , alzò gli occhi verso l'occidente , vide il sole inclinato , che già già toccava la cima del monte , e pensò che rimaneva ben poco del giorno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Signore , non si può levare un fiore dalla pianta , e portarlo a vossignoria , senza toccarlo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il garzoncello trema come una foglia , e non tenta neppur di gridare ; ma , tutt'a un tratto , in vece di lui , e con ben altro tono , si fa sentir quel primo tocco di campana così fatto , e dietro una tempesta di rintocchi in fila .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Agli altri furfanti che frugavan la casa , dall'alto al basso , il terribile tocco fece la stessa impressione: si confondono , si scompigliano , s'urtano a vicenda: ognuno cerca la strada più corta , per arrivare all'uscio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Come il cane che scorta una mandra di porci , corre or qua or là a quei che si sbandano ; ne addenta uno per un orecchio , e lo tira in ischiera ; ne spinge un altro col muso ; abbaia a un altro che esce di fila in quel momento ; così il pellegrino acciuffa un di coloro , che già toccava la soglia , e lo strappa indietro ; caccia indietro col bordone uno e un altro che s'avviavan da quella parte: grida agli altri che corron qua e là , senza saper dove ; tanto che li raccozzò tutti nel mezzo del cortiletto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Poi tutte le donne gli furono attorno , guardandolo , toccandolo , interrogandolo: il calore dei loro corpi parve eccitarlo ; sorrise , gli sembrò d'esser giunto in mezzo ad una numerosa famiglia , e cominciò ad abbracciare tutti .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Si vedevano infatti in lontananza , tra il verde delle macchie , lui alto e verdognolo , lei piccola e nera , tutti e due con in mano le secchie scintillanti che di tanto in tanto si toccavano e di cui l'acqua , traboccando , simischiava e sgocciolava .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tutti e tre ridevano , la fanciulla a testa bassa , Giacinto toccando il collo del cavallo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— C'è dentro le bisacce qualche cosa che si rompe a toccarla , come voi . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le donne ballavano: si vedeva Grixenda col viso acceso ridere come la creatura piú folle della festa ; ed Efix mormorò toccando il ginocchio di Giacinto: — Vossignoria . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Stava là ore ed ore immobile , seduta all'ombra di un ontano , con le gambe nude nell'acqua trasparente verdognola venata d'oro ; e mentre con una mano teneva ferma sulla sabbia una bottiglia , con l'altra si toccava la collana .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ogni sera don Predu , che possedeva grandi poderi verso il mare , passava di ritorno al paese , e se vedeva il servo tendeva l'indice verso la terra delle sue cugine e poi si toccava il petto per significare che aspettava l'espropriazione e il possesso del poderetto ; ma Efix , abituato a quella mimica , salutava , e a sua volta accennava di no , di no , con la mano e con la testa .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Eran le lucciole: ma anche lei credeva alle cose fantastiche , alla vita soprannaturale degli esseri notturni e ricordava che da ragazzetta , quando era povera e andava a chieder l'elemosina ed a raccogliere sterpi sotto le rovine del castello , e la fame e la febbre di malaria la perseguitavano come cani arrabbiati , una volta mentre scendeva fra i ciottoli , acuti come coltelli , in faccia al sole cremis fermo sopra i monti violetti di Dorgali , un signore l'aveva raggiunta , silenzioso , toccandola per la spalla .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le tocco la spalla come il Barone , ed ella s'alzò e andò a prendere i denari dalla cassa: due biglietti da cinquanta lire che palpò a lungo , guardandoli attraverso la luna e pensando che per il viaggio di Giacinto bastava uno .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Da cinque giorni il ragazzo è assente e non si sa dov'è ! Dillo tu ; anima mia , Efix , dov'è ? — Come posso dirvelo se non lo so neppur io ? — Dimmelo , dimmelo , — ella insisté , curvandosi su Efix e toccandosi le collane quasi volesse levarsele e offrirgliele .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Hai capito ? Non rispondi adesso ? Ah , tremi adesso , assassino ? Va' , che mi vergogno di averti toccato .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
E non ho potuto toccarlo . . .( Grazia Deledda - Canne al vento) E son fuggito ; e poi son tornato . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tre volte cosí: mai ho potuto toccarlo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tutte le grandezze della terra , anche se toccavano a lui , anche se egli diventava re , anche se avesse la potenza di render felici tutti gli uomini del mondo , non bastavano a cancellare il suo delitto , a liberarlo dall'inferno .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
E don Predu stava lí , a toccarsi la catena e a guardare giú verso il fiume quasi anche lui aspettasse qualcuno .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Non ho mai toccato la roba altrui , non ho mai conosciuta la donna .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Pregava assorto , ma quando Efix gli ebbe toccato lievemente il cappotto si volse dapprima sorpreso , poi violento , senza riconoscere il mendicante .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Il bimbo, a cavalcioni su le gambe di nonno Prever, lo guardava con gli occhioni intenti e ridenti, frenandosi; poi subito alzava una manina e con l'indice teso si toccava la fronte. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* - La rovina, capisce? - proruppe, soffocando la voce e le lagrime, Giustino, - la rovina, la rovina di tutto un edificio, signora, messo su da me, a pietra a pietra! da me, da me soltanto! Sul più bello, quando già tutto era a posto, e mi toccava di goder la soddisfazione di quanto avevo fatto, una ventata a tradimento, una ventata di pazzia, creda, di pazzia, con quel vecchio là, con quel vecchio pazzo, che si è prestato vilmente, forse per vendicarsi, distruggendo un'altra vita com'era stata distrutta la sua; giù tutto, giù tutto, giù tutto!
---------------
* E gli toccava di vederla proseguire, là, ecco, in quella fiumana di gente ansiosa, a cui non poteva più neanche accostarsi, mescolarsi; espulso, respinto, egli, egli per cui la prima volta quella fiumana s'era mossa, egli che primo la aveva raccolta e guidata, in quella serata memorabile al teatro Valle di Roma!
---------------
E Giustino si buttò in ginocchio accanto al lettuccio, a toccare con la fronte la manina bruciante del bimbo, e tra i singhiozzi pensò che non aveva dato mai, mai tutto il suo cuore a quell'esseruccio che se n'andava, ch'era vissuto circa due anni quasi fuori dell'anima sua, fuori di quella de la madre, povero bimbo, e aveva trovato rifugio soltanto nell'amor della nonna... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Il pianto, allora, che nella cameretta del bimbo le era venuto agli occhi se non propriamente sforzato, quasi strappato dalla violenza di quella vista, qua le sgorgò spontaneo e impetuoso: qua si sentì lacerare il cuore dai ricordi vivi della sua creaturina, qua si risentì madre veramente, col cuore d'allora, quando la bàlia ogni mattina le recava a lato il piccino roseo ignudo levato or ora dal bagno, ed ella, stringendoselo al seno, pensava che presto le sarebbe toccato di separarsi da lui... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E a questo frigido irrigidirsi delle cose toccate dalla luce del giorno, anch'ella sentì la divina fluidità del proprio essere quasi rapprendersi, e avvertì l'urto della realtà cruda, la terribilità bruta e dura della materia, la possente, avida, distruttrice ferocia della natura sotto l'occhio implacabile del sole che sorgeva. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Oliva, in lagrime, raccoglieva le sue robe: voleva tornare dal suo babbo, a cui finora, per prudenza, non aveva fatto neppure un cenno di quanto le era toccato a soffrire. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Le scene poi, a cui giornalmente mi toccava d’assistere e di prender parte in casa mia mi toglievano quella calma che mi abbisognava per raccogliermi un po’ a considerare, ciò che avrei potuto e saputo fare. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– In questo caso, – m’affrettai a dirgli, – debbo io piuttosto felicitarmi con lei che c’è stato, perché io posso quasi quasi dire di non esserci stato, tuttoché nativo di là; ma ne venni via di pochi mesi; sicché dunque i miei piedi non han proprio toccato il suolo americano, ecco!
---------------
* E poi, toccandomi la faccia e scoprendomela sbarbata, passandomi una mano su quei capelli lunghi o rassettandomi gli occhiali sul naso, provavo una strana impressione: mi pareva quasi di non esser più io, di non toccare me stesso. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Potei vedere però e toccar con mano, pochi giorni dopo, che la povera fanciulla doveva proprio portarla, quella veste da camera, di cui ben volentieri, forse, avrebbe fatto a meno. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Toccava allora alla povera piccola mammina in veste da camera vegliarla, confortarla fino a tarda notte: ne aveva pietà, pietà che vinceva la nausea: la sapeva sola al mondo e infelicissima, con quella rabbia in corpo che le faceva odiar la vita, a cui già due volte aveva attentato; la induceva pian piano a prometterle che sarebbe stata buona che non l’avrebbe fatto più; e sissignori, il giorno appresso se la vedeva comparire tutta infronzolata e con certe mossette da scimmia, trasformata di punto in bianco in bambina ingenua e capricciosa. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Vedeva tutto e toccava tutto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* A noi uomini, invece, nascendo, è toccato un tristo privilegio: quello di sentirci vivere, con la bella illusione che ne risulta: di prendere cioè come una realtà fuori di noi questo nostro interno sentimento della vita, mutabile e vario, secondo i tempi, i casi e la fortuna. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* La delicata leggerezza del tocco e la precisione erano state, a ogni modo, meravigliose. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E che uomo dunque? Un’ombra d’uomo! E che vita? Finché m’ero contentato di star chiuso in me e di veder vivere gli altri, sì, avevo potuto bene o male salvar l’illusione ch’io stessi vivendo un’altra vita; ma ora che a questa m’ero accostato fino a cogliere un bacio da due care labbra, ecco, mi toccava a ritrarmene inorridito, come se avessi baciato Adriana con le labbra d’un morto, d’un morto che non poteva rivivere per lei! Labbra mercenarie, sì, avrei potuto baciarne; ma che sapor di vita in quelle labbra? Oh, se Adriana, conoscendo il mio strano caso... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi toccava ora a pregare il mio ladro che mi facesse da testimonio: lui e il Paleari: a chi altri avrei potuto rivolgermi?
---------------
* Mi toccava rifornirmi di tutto, non potendo sperare che, dopo tanto tempo, là a Miragno, mia moglie avesse conservato qualche mio vestito e la biancheria. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Frattanto, non potendo correre a Miragno, o almeno a Oneglia, mi toccava a rimanere in una bella condizione, dentro una specie di parentesi di due, di tre giorni e fors’anche più: morto di là, a Miragno, come Mattia Pascal; morto di qua, a Roma, come Adriano Meis. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
badminton
= gioco simile al tennis che si gioca lanciandosi il volano senza mai fargli toccare terra.
---------------
brancicare
= verbo trans. toccare , tastare insistentemente
---------------
brindisi
= saluto che si fa in onore di qualcuno o come buon auspicio di qualcosa , alzando e toccando i bicchieri prima di bere
---------------
casqué
= nel ballo del tango, figura in cui l'uomo si piega in avanti e la donna all'indietro sotto di lui, fin quasi a toccare terra.
---------------
contatto
= il toccare o il toccarsi materialmente
---------------
culminare
= verbo intr. detto di un astro, trovarsi nel punto più alto della sua traiettoria sulla sfera celeste, passare per il meridiano toccare il culmine, raggiungere il punto più alto
---------------
intangibile
= che non si può toccare
---------------
intatto
= non mai toccato da alcuno , non manomesso , non sciupato
---------------
intoccabile
= che non può o non deve essere toccato
---------------
manomesso participio passato di manomettere
= che è stato indebitamente toccato, aperto, danneggiato
---------------
net
= nel tennis e nel ping-pong , il tiro nullo di battuta che si ha quando la palla giunge nel settore dell'avversario dopo aver toccato il bordo superiore della rete .
---------------
onisco
= piccolo crostaceo terrestre che vive nel terreno sotto le pietre e che , se toccato , si avvolge a palla .
---------------
orizzonte orizzonta
= linea ideale che delimita il raggio visuale di un dato luogo e lungo la quale il cielo sembra toccare la superficie terrestre
---------------
palpabile
= che si può palpare , toccare con la mano
---------------
palpare
= verbo trans . toccare leggermente con il palmo della mano
---------------
pizzicato
= participio passato di pizzicare s . m . particolare maniera di far vibrare le corde di uno strumento , toccandole con le punte delle dita
---------------
rinquarto
= nel gioco del biliardo, colpo che consiste nel far toccare tre sponde alla propria palla o a quella dell'avversario, descrivendo così un quadrilatero.
---------------
rinterzo
= nel gioco del biliardo, colpo che consiste nel far toccare due sponde alla propria palla o a quella dell'avversario, descrivendo un quadrilatero aperto.
---------------
scarabillare
= verbo transitivo toccare con le dita , suonare uno strumento a corde ,
---------------
sfioramento
= lo sfiorare , il toccare appena ,
---------------
sfiorare
= verbo transitivo - passare accanto toccando leggermente , - privare del fiore - scremare
---------------
solleticare
= verbo transitivo toccare in modo da provocare solletico ,
---------------
stuzzicare
= verbo transitivo toccare , frugare qua e là , ,
---------------
toccaferro
= tocca ferro , gioco di ragazzi in cui uno cerca di acchiappare tutti gli altri , i quali , però , non possono essere presi se riescono a toccare un oggetto di ferro
---------------
toccamento
= il toccare , il toccarsi , l'essere toccato .
---------------
toccatutto
= persona , spec . bambino , che ha l'abitudine di toccare ogni cosa .
---------------
tocco
= il toccare , l'essere toccato
---------------
tokaj
= tocai , toccai , vitigno coltivato in ungheria , austria , croazia e nel friuli
---------------
INDICATIVO NS
PresenteAudio con chrome
ImperfettoAudio con chrome
io tocco
tu tocchi
egli tocca
noi tocchiamo
voi toccate
essi toccano
toccavo
toccavi
toccava
toccavamo
toccavate
toccavano
Passato remotoAudio con chrome Futuro sempliceAudio con chrome
toccai
toccasti
toccò
toccammo
toccaste
toccarono
toccherò
toccherai
toccherà
toccheremo
toccherete
toccheranno
Passato prossimoAudio con chrome Trapassato prossimoAudio con chrome
io ho toccato
tu hai toccato
egli ha toccato
noi abbiamo toccato
voi avete toccato
essi hanno toccato
avevo toccato
avevi toccato
aveva toccato
avevamo toccato
avevate toccato
avevano toccato
Trapassato remotoAudio con chrome Futuro anterioreAudio con chrome
ebbi toccato
avesti toccato
ebbe toccato
avemmo toccato
aveste toccato
ebbero toccato
avrò toccato
avrai toccato
avrà toccato
avremo toccato
avrete toccato
avranno toccato
CONGIUNTIVO
PresenteAudio con chrome ImperfettoAudio con chrome
che Io tocchi
che Tu tocchi
che Egli tocchi
che Noi tocchiamo
che Voi tocchiate
che Essi tocchino
toccassi
toccassi
toccasse
toccassimo
toccaste
toccassero
PassatoAudio con chrome TrapassatoAudio con chrome
abbia toccato
abbia toccato
abbia toccato
abbiamo toccato
abbiate toccato
abbiano toccato
avessi toccato
avessi toccato
avesse toccato
avessimo toccato
aveste toccato
avessero toccato
CONDIZIONALE
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
io toccherei
tu toccheresti
egli toccherebbe
noi toccheremmo
voi tocchereste
essi toccherebbero
avrei toccato
avresti toccato
avrebbe toccato
avremmo toccato
avreste toccato
avrebbero toccato
IMPERATIVO
PresenteAudio con chrome
-
tocca
tocchi
tocchiamo
toccate
tocchino
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
toccare avere toccato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
toccante toccato
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
toccando avendo toccato
Coniugazione del verbo: essere toccato
coniugazione:1
forma: passiva transitivo
ausiliare: Essere
- Infinito - Presente
INDICATIVO NS
PresenteAudio con chrome
ImperfettoAudio con chrome
io sono toccato
tu sei toccato
egli é toccato
noi siamo toccati
voi siete toccati
essi sono toccati
ero toccato
eri toccato
era toccato
eravamo toccati
eravate toccati
erano toccati
Passato remotoAudio con chrome Futuro sempliceAudio con chrome
fui toccato
fosti toccato
fu toccato
fummo toccati
foste toccati
furono toccati
sarò toccato
sarai toccato
sarà toccato
saremo toccati
sarete toccati
saranno toccati
Passato prossimoAudio con chrome Trapassato prossimoAudio con chrome
io sono stato toccato
tu sei stato toccato
egli é stato toccato
noi siamo stati toccati
voi siete stati toccati
essi sono stati toccati
ero stato toccato
eri stato toccato
era stato toccato
eravamo stati toccati
eravate stati toccati
erano statitoccati
Trapassato remotoAudio con chrome Futuro anterioreAudio con chrome
fui stato toccato
fosti stato toccato
fu stato toccato
fummo stati toccati
foste stati toccati
furono stati toccati
sarò stato toccato
sarai stato toccato
sarà stato toccato
saremo stati toccati
sarete stati toccati
saranno stati toccati
CONGIUNTIVO
PresenteAudio con chrome ImperfettoAudio con chrome
che Io sia toccato
che Tu sia toccato
che Egli sia toccato
che Noi siamo toccati
che Voi siate toccati
che Essi siano toccati
fossi toccato
fossi toccato
fosse toccato
fossimo toccati
foste toccati
fossero toccati
PassatoAudio con chrome TrapassatoAudio con chrome
sia stato toccato
sia stato toccato
sia stato toccato
siamo stati toccati
siate stati toccati
siano stati toccati
fossi stato toccato
fossi stato toccato
fosse stato toccato
fossimo stati toccati
foste stati toccati
fossero stati toccati
CONDIZIONALE
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
io sarei toccato
tu saresti toccato
egli sarebbe toccato
noi saremmo toccati
voi sareste toccati
essi sarebbero toccati
sarei stato toccato
saresti stato toccato
sarebbe stato toccato
saremmo stati toccati
sareste stati toccati
sarebbero stati toccati
IMPERATIVO
PresenteAudio con chrome
-
sii toccato
sia toccato
siamo toccati
siate toccati
siano toccati
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
essere toccato essere stato toccato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
- toccato
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
essendo toccato essendo stato toccato

Ricerca nei classici sul web