Buona navigazione con NihilScio!  Pagina facebook
NS NihilScio          Home
Educational search engine
Aiuto per la composizione
 
  Cerca  frasi:
It EnEs
Possibile traduzione in
English version Inglese     Spanish version Spagnolo     Latin version Latino
Laboratorio di Italiano     Ricerca nei classici sul web
Coniugazione riflessiva del verbo: stupirsi
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
stupirsi essersi stupito
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
stupentesi stupitosi
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
stupendosi essendosi stupito
Coniugazione del verbo: stupirsi
coniugazione:3
forma: attiva transitivo
ausiliare: essere
- Infinito - Passato
Sinonimi di: stupire
annichilire folgorare gelare ghiacciare meravigliare

sbalordire sorprendere allibire abbagliare colpire

sconcertare lasciare di sasso lasciare di stucco
Vocabulary and phrases
* Così detto , fece chiamare un'altra donna , e le ordinò di servir Gertrude ; la quale intanto , masticando e assaporando la soddisfazione che aveva ricevuta , si stupiva di trovarci così poco sugo , in paragone del desiderio che n'aveva avuto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E su questo pure s'avanzava a domande , che facevano stupire e arrossire l'interrogata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Verrà una donna a portarvi da mangiare , - disse l'innominato ; e dettolo , rimase stupito anche lui che gli fosse venuto in mente un tal ripiego , e che gli fosse nato il bisogno di cercarne uno , per rassicurare una donnicciola .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Egli la fissò, stupito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Abbiano pazienza un momento, - rispose il servo, che guardava stupito lo Scala, conoscendo l'antica inimicizia di lui per il suo padrone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Anche lui? Disgraziato! - borbottò don Mattia, guardando i contadini in attesa, stupiti come il servo della presenza di lui in quella casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Questi, che da anni e anni non lo aveva piú riveduto, neanche da lontano, rimase dapprima stupito, a mirarlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se tu sapessi chi le suona! - Chi le suona? - Tre campane, tre colombelle! Mi voltai a guardarlo, stupito del tono e dell'aria con cui aveva proferito quelle parole.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E vedemmo, stupiti, subito dopo quel giuramento solenne, cambiar vita a Marco Mèola; lo vedemmo ogni domenica e in tutte le feste del calendario ecclesiastico entrare in chiesa e sentirsi la messa; lo vedemmo a passeggio in compagnia di preti e di vecchi bigotti; lo vedemmo in gran faccende ogni qual volta si preparavano le visite pastorali nella Diocesi, che Monsignor Partanna faceva con la massima vigilanza a' tempi voluti dai Canoni, non ostante la gran difficoltà delle vie e la mancanza di comunicazioni e di veicoli; e lo vedemmo con lo zio far parte del seguito in quelle visite.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ti fo stupire? Flavia s'appressò, turbata, con gli occhi fissi sul marito, come in dubbio ch'egli non dicesse sul serio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Valdoggi lo squadrò, tra stordito e stupito, non sapendo come regolarsi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Questa è un'altra idea! stupenda! un'altra cosa, diversissima! stupenda! L'anello...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Coraggio, don Simo'! Simone Lampo rimase stupito a mirare la fiducia serena di quel matto, ch'era rimasto innanzi a lui con una mano alzata a un gesto di noncuranza sdegnosa e un bel riso d'arguta spensieratezza negli occhi chiari e tra il folto barbone abbatuffolato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Rimaneva stupito Martino Lori del concetto che sua moglie s'andava man mano formando di lui, delle interpretazioni che dava dei suoi atti, delle sue parole.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Martino Lori, lí per lí, rimase stupito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Angelica Noti, a cui egli offriva il braccio, glielo stringeva a un tratto furtivamente con la mano; egli si voltava a guardarla, stupito, ed ella accoglieva quello sguardo con un sorriso impudente, da scema, e chiudeva voluttuosamente le palpebre su i grandi occhi neri, globulenti, in presenza di tutti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Tu non lo sai, è vero? - gli gridava sdegnata, indispettita, nel vederlo cosí stupito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Un silenzio dolce profondo avvolgeva tutte le cose ; nuvole gialle si affacciavano stupite sul Monte umido , e dall'alto del paese , davanti al portone delle dame , si vedeva la pianura coperta di giunchi dorati , e il fiume verde fra isole di sabbia bianca .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
«La me dispensa.» «Non La dispenso un corno.» Gli sposi non ritornavano e la mamma, sempre più inquieta, ricominciava: «Ma suonate, dunque, Piero!» Il signor Giacomo, che moriva dalla voglia di andarsene e non poteva andarsene senza salutar gli sposi, incoraggiato dall'insistere della signora, fece uno sforzo, diventò rosso rosso e buttò fuori la sua sentenza: «Mi sonaria.» «Caro signor Giacomo», disse l'ingegnere, «mi stupisco, mi sorprendo e mi meraviglio.» Chi sa perché, quando era di buon umore e gli capitava in bocca uno di quei sinonimi, li infilzava tutti e tre. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Tutti stupirono e sopra tutti la süra Peppina: «Ma comè? El dis de bon? El sür Controlòr? Poer omasc! Anca la süra Barborin? Poera donnètta! ». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Prima di scrivere si sentiva forte, si teneva sicuro che pensandoci avrebbe trovato facilmente argomenti vittoriosi; gliene venivano anche alla penna di quelli che gli sembravan tali ma poi, quand'erano scritti, ne scopriva subito la insufficienza, ne stupiva, se ne doleva, ritentava la prova e sempre con eguale successo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Disse questo e nominò Maria quietamente, mentre quelle donne rabbrividivano e anche stupivano perché adesso Luisa non andava in chiesa mai. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ecco, ella si soffermava sul ripiano traendo un gran respiro; e l'occhio a un tratto si stupiva nello scoprire la larghezza delle sue spalle, la profondità del suo torace, la potenza delle sue reni, la rettitudine della sua ossatura su i piedi non piccoli ma dal fiosso arcuato così che si equilibravano sul calcagno e sul pollice come quelli della Libica michelangiolesca. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ma altre tettoie erano cangiate in ginecei dalle donne legittime, dalle floride figliuolanze, perfino dalle nutrici e dai pedagoghi. La famiglia palpitante vigilava il portentoso uccello concepito nel suo seno, asciugava le care gocciole della fronte geniale, si turava con le molte mani i molti orecchi allo strepito prenunziatore del prodigio, contava nel grembo l'oro imaginario del premio giusto, spingeva lo strumento della nova felicità verso il campo dell'aratura, soffiava e risoffiava le sue speranze nella viadana o nell'olona insensibile, poi respingeva lo stupendo aratro nel ricovero, quivi deplorava l'inclemenza del cielo e l'incostanza degli stantuffi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Paolo Tarsis aveva conosciuto le catene dei più ardui monti, i corsi delle più vaste acque, e i deserti di sabbie i deserti di pietre i deserti di sterpi; e l'ombra dei paesi ardenti che sembra nera e, quando l'occhio vi penetra, è chiara come un'altra luce; e le più diverse generazioni d'uomini su le più diverse vie con le loro some, con le loro armi; e le razze intorpidite che vivono sonnecchiando addosso ai vecchi muri, col mento su i ginocchi; e le dominatrici che vivono sempre in piedi agitando il mondo con la frenesia della loro forza; e gli alti fuochi vulcànii che creano i fiumi di ferro colante nelle città novelle, e gli scarsi fuochi solitarii alimentati col fimo secco del bestiame; e la polvere stupenda sollevata dai grandi movimenti umani, e le azioni che dormono nei popoli come il feto rannicchiato nel conio materno. Aveva veduto per ovunque nascere quelle strane figure di cui parla il Mistico, quelle figure che si generano dagli eventi e dagli esseri sotto la deità del Caso, misteriose come gli screzii nei marmi, i poliedri nei cristalli, le stalattiti negli antri, i gruppi della limatura intorno al magnete, i rapporti tra il numero degli stami e il numero dei petali nei fiori. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
L'atto ch'egli era per compiere al conspetto della folla era un atto di silenzio, un atto religioso, comandato da una necessità interiore ch'egli non indagava ma che nessuna forza di persuasione avrebbe potuto abolire. Andava egli incontro al presagio? sfidava la morte? sperava nella morte? Non v'era in lui né l'ansia del presentimento né l'eccitazione della prodezza; sì v'era una pacata potenza di dolore e di attesa come s'egli andasse a un alto colloquio desiderato dalla cara Ombra fraterna. Egli sentiva in sé quello stupendo gelo che accompagna la volontà di là dal limite noto, quando sembra che l'anima si muti in un monte di rigido diamante e non lasci vivere sul suo culmine aguzzo se non un solo pensiero aquilino. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ma l'avrebbe egli amata diversa? Quali doni l'attraevano in lei se non quella molteplicità di aspetti, quel potere di trasfigurazioni, quella stupenda arte di mentire mista a quella tremenda voglia di soffrire, quelle maschere tragiche alternate con quelle grazie puerili, quelle maniere d'imperatrice e di schiava, quel furore armato e quella fragilità inerme, tutti quei contrasti e quei dissidii che la rendevano innumerevole come la concordia discorde degli elementi?(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Non aveva alcuna consapevolezza dei suoi moti. Si lanciava da una parete all'altra, dall'uno all'altro angolo; e, nella rapidità, si stupiva di ritrovarsi dinanzi agli occhi sempre lo stesso quadro, lo stesso armadio, la sedia stessa, immutati, fermi, indifferenti. Un bisogno iroso di farsi male la spingeva a urtare contro il muro i pugni; e non sentiva quel dolore, ma soltanto lo spasimo del cuore chiuso, ove le mani non sapevano giungere. E, nel ripetere gli urti, più s'adirava contro il ritegno istintivo che le rompeva il gesto, che le contrastava l'impeto, che le risparmiava la ferita. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Eri da Lunella? non eri altrove? Non vieni da un'altra stanza? Mi stupisco. Vieni perché io ti asciughi la bocca un'altra volta? Vieni per mostrarmi su le braccia quelle lividure, non avendo osato di mostrarmele a tavola iersera?
---------------
Era stupenda di furore e di onta, con quel suo stretto viso fosco a cui lo smagrimento aveva alterato la purità dell'ovale, con quella capellatura di viola che diffusa la faceva rassomigliare a Lunella, con quel bianco degli occhi intenso come l'incorruttibile smalto. E l'accusata la mirava senza opporle difesa, senza interromperla, sentendo nel suo segreto nascere uno strano sorriso e temendo che non le salisse fino alle labbra; perché, contro ogni sua volontà e contro ogni suo pentimento, ella si compiaceva di ciò che le era rinfacciato come scelleratezza. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
* L'ansia, l'angoscia, la smania gli crebbero di punto in punto, progredendo l'atto, approssimandosi alla fine, alla scena stupenda tra il marito e la moglie, allorché Ersilia, perdonando a Leonardo, lo allontana da sé: «Tu non puoi più rimanere qua, ora. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Silvia lo lesse e restò, sotto gli occhi del dottore in attesa, assorta stupita e perplessa. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Io stavo a guardarlo, stupito. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi guardai attorno, stupito: nessuno fiatava, neppure il mio vicino che pur mi aveva veduto posare quei pochi scudi sul venticinque. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Non ebbi più né modo né tempo di stupirmi allora del favore, più favoloso che straordinario, della fortuna: ero fuori di me, matto addirittura; non ne provo stupore neanche adesso, sapendo pur troppo che tiro essa m’apparecchiava, favorendomi in quella maniera e in quella misura. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma infine, per non dar dispiacere al padrone, che seguitava a guardarmi stupito, me lo posi sotto gli occhi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma come mai, come mai Papiano era potuto arrivare fin là, fino alla mia avventura di Montecarlo? Questo più d’ogni altro mi stupiva. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
E, per non apparire stupito, fui crudele:
---------------
Adriana levò il volto dalle mani e mi guardò stupita, come per dire: «E non lo sai?». ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
La Caporale mi guardò stupita:
---------------
– Io? – esclamò, candido e stupito, il signor Anselmo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Che si dovesse stare insieme tutta la vita , noi due — per l'appunto noi due ! — non la stupiva affatto . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Tutti in famiglia si stupiscono della mia memoria per gli anniversarii lieti e tristi nostri e mi credono tanto buono!
---------------
* Tante volte , quando ci penso , resto stupito della stranezza per cui questa disperazione di me e del mio avvenire si sia prodotta alla morte di mio padre e non prima .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Un’altra volta , stupito di tanta sbadataggine , mi morsi le mani .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Io , stupito , gli domandai che cosa gli avessi fatto per fargli desiderare di vedermi malato .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ada invece era stupita e credeva di avere frainteso .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Lo stesso libraio fu stupito del contegno del gatto che con tutti gli altri si comportava bene .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Non stetti a sentire la bambina , stupito di vedere che Ada si trovava in casa .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
meravigliato tosc. o maravigliato, participio passato di meravigliare
= pieno di meraviglia, stupito
---------------
sbalorditivo
= che fa sbalordire , che stupisce profondamente ,
---------------
sbigottito
= participio passato di sbigottire , stupito , attonito , sbalordito ,
---------------
sorprendente
= participio presente di sorprendere , che sorprende , stupisce ,
---------------
stupefare
= verbo transitivo far stupire , riempire di stupore ,
---------------
stupendo
= che stupisce per la sua bellezza ,
---------------
stupito
= participio passato di stupire , preso da stupore ,
---------------
INDICATIVO NS
PresenteAudio con chrome
ImperfettoAudio con chrome
io mi stupisco
tu ti stupisci
egli si stupisce
noi ci stupiamo
voi vi stupite
essi si stupiscono
mi stupivo
ti stupivi
si stupiva
ci stupivamo
vi stupivate
si stupivano
Passato remotoAudio con chrome Futuro sempliceAudio con chrome
mi stupii
ti stupisti
si stupì
ci stupimmo
vi stupiste
si stupirono
mi stupirò
ti stupirai
si stupirà
ci stupiremo
vi stupirete
si stupiranno
Passato prossimoAudio con chrome Trapassato prossimoAudio con chrome
io mi sono stupito
tu ti sei stupito
egli si é stupito
noi ci siamo stupiti
voi vi siete stupiti
essi si sono stupiti
mi ero stupito
ti eri stupito
era stupito
ci eravamo stupiti
vi eravate stupiti
si erano stupiti
Trapassato remotoAudio con chrome Futuro anterioreAudio con chrome
mi fui stupito
ti fosti stupito
si fu stupito
ci fummo stupiti
vi foste stupiti
si furono stupiti
mi sarò stupito
ti sarai stupito
si sarà stupito
ci saremo stupiti
vi sarete stupiti
si saranno stupiti
CONGIUNTIVO
PresenteAudio con chrome ImperfettoAudio con chrome
che Io mi stupisca
che Tu ti stupisca
che Egli si stupisca
che Noi ci stupiamo
che Voi vi stupiate
che Essi si stupiscano
mi stupissi
ti stupissi
si stupisse
ci stupissimo
vi stupiste
si stupissero
PassatoAudio con chrome TrapassatoAudio con chrome
mi sia stupito
ti sia stupito
si sia stupito
ci siamo stupiti
vi siate stupiti
si siano stupiti
mi fossi stupito
ti fossi stupito
si fosse stupito
ci fossimo stupiti
vi foste stupiti
si fossero stupiti
CONDIZIONALE
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
io mi stupirei
tu ti stupiresti
egli si stupirebbe
noi ci stupiremmo
voi vi stupireste
essi si stupirebbero
mi sarei stupito
ti saresti stupito
si sarebbe stupito
ci saremmo stupiti
vi sareste stupiti
si sarebbero stupiti
IMPERATIVO
PresenteAudio con chrome
-
stupisciti
si stupisca
stupiamoci
stupitevi
si stupiscano
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
stupirsi essersi stupito
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
stupentesi stupitosi
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
stupendosi essendosi stupito

Ricerca nei classici sul web