Buona navigazione con NihilScio!  Pagina facebook
NS NihilScio
Aiuto per la composizione
 
  Cerca  frasi:
It EnEs
English version Inglese     Spanish version Spagnolo     Latin version Latino
Laboratorio di Italiano
Ricerca nei classici sul web
Coniugazione attiva e passiva del verbo: invocare
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
invocare avere invocato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
invocante invocato
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
invocando avendo invocato
Coniugazione del verbo: invocare
coniugazione:1
forma: attiva transitivo
ausiliare: avere
- Infinito - Presente
Sinonimi di: invocare
appigliarsi aggrappare appellarsi
Vocabulary and phrases
invocare
= verbo transitivo , chiamare con fervore , con tono di preghiera , spec . per avere aiuto , conforto
---------------
* E fargli paura ? Che mezzi ho io mai di fargliene una che superi quella che ha d'una schioppettata ? Informar di tutto il cardinale arcivescovo , e invocar la sua autorità ? Ci vuol tempo: e intanto ? e poi ? Quand'anche questa povera innocente fosse maritata , sarebbe questo un freno per quell'uomo ? Chi sa a qual segno possa arrivare ? . . .E resistergli ? Come ? Ah ! se potessi , pensava il povero frate , se potessi tirar dalla mia i miei frati di qui , que' di Milano ! Ma ! non è un affare comune ; sarei abbandonato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Quel nome santo e soave , già ripetuto con venerazione ne' primi anni , e poi non più invocato per tanto tempo , né forse sentito proferire , faceva nella mente della sciagurata che lo sentiva in quel momento , un'impressione confusa , strana , lenta , come la rimembranza della luce , in un vecchione accecato da bambino .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Quest'ultima, reiterata invocazione non era stata sua; gli era uscita dalle labbra con voce non sua, con fervore non suo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Questa, dunque, la liberazione che la Vergine gli concedeva? Ah, ma non questa, non questa aveva invocata tante volte; ma la propria morte: ché la figlia, allora, nel vedersi sola, si sarebbe lasciata portare all'ospedale.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Mia sorella, - aggiunse, rivolto al Gelli, con uno sguardo che invocava compassione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Iddio mi dava forza, invocato; egli sì buono! Accorcio il racconto già troppo lungo: altra volta rianderemo le parti soppresse. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Giovanni seduto a mezzo il poggio su un sedile di pietra, sentiva il canto degli uccelli che invocavano e presentivano l’ombre su per gli alberi ignudi; sentiva ascendere confuso il rumore della soggiacente città: guardava or al fiume mormorante, or al mare lontano, or agli archi arditi del tempio che, con la nave di mezzo inchinata a diritta, figura il capo di Gesù in agonia. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Terribile parola all’anima degli spensierati, non a coloro che l’hanno tante volte invocata nel pianto. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
E quanto ai dolori che non vengono dagli uomini ma dalle condizioni stesse della vita umana, le pareva di ammirar coloro che vi resistono per una forza loro propria sopra quegli altri che invocano e ottengono aiuto dallo stesso Essere onde furono percossi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La povera Pasotti non sapeva che Santi invocare. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Scrollamenti del capo, stralunamenti d'occhi, sospiri, invocazioni al soffitto; pareva che si combattesse dentro di lei una gran battaglia di timori e di speranze. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non più esse chiedevano, non più sceglievano le canzoni. Ella medesima sfogliava con la mano febrile il quaderno sospeso su la tastiera, indicava a Novella la pagina, senza intervallo passava da un grido di amore a un grido di dolore, da un anelito per la vita a una invocazione della morte. Esse tutte s'abbandonavano al rapimento, si protendevano verso la potenza, in attitudini che sembravano palesare il rilievo della loro verità nascosto fino a quel punto dalla grazia fallace. Poggiavano la gota su la palma, il cubito sul ginocchio, annodavano le due mani e le ponevano presso il mento, col gesto di chi supplica, rovesciavano in dietro il capo e schiudevano all'aria le labbra come chi ha il petto scavato dall'ambascia. I loro volti erano mutati, come spogli di ciò che li adornava, non ricchi se non di ciò che esprimevano: volti di angeli neutri, sospesi tra l'inquietudine della lor natura incompiuta e la divinazione di tutte le possibilità. Sentivano esse in confuso che quella voce era la voce d'una vita simile alla loro ma giunta con uno sforzo di pena in un cammino ignoto al culmine dell'erta per ove esse salivano e tentata di precipitarsi dalla parte dell'ombra.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Questa è la mia terza volta. Tolleratemi ancóra. Pensate ancóra per un momento che sono viva, che sono una creatura di carne e d'anima, che sono una pena respirante. «Bisogna dar tutto» comanda una parola divina. Io ho dato tutto. Non chiedo nulla in cambio; ma mi sia concesso di testimoniare che ho dato tutto, prima di andarmene. La prima volta, su la brughiera, non parlai del mio amore; piansi soltanto. La seconda volta, su la strada fangosa di Volterra, parlai; e mi fu risposto. Questa è la terza. Invoco forse un diritto? No; la tolleranza che si concede al più miserabile.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Non accuso. Invoco l'indulgenza, cerco di farmi perdonare l'ostinazione. Tutto può esser dato, qualche volta, per rintracciare il valore d'un gesto, d'una parola, d'un silenzio. Lasciatemi parlare del mio amore!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
* E il giornale , il famoso giornale che sta in cima al pensiero di chi vuol irrompere tra la calca dei mille e dei milioni per svegliarli e illuminarli ; il lungamente sognato e promesso giornale di chi vuol prender il mondo d'assalto e aggredire gli assopiti contemporanei all'usanza masnadiera ; il tante volte proposto e disegnato giornale che deve raccogliere le impazienze degli ignoti , dar voce e figura a un manipolo d'oscuri , rivelare ai maestri immediati , ai non più giovani , agli uomini di trenta e quarant'anni che i veri giovani , i freschi giovani di vent'anni , son arrivati anche loro alla maggior età e che un' altra generazione ha finalmente diritto alla parola — questo giornale assolutamente necessario che dev' esser come lo stiramento de' muscoli di un prigione appena desto e disciolto , come il primo canto spiegato di una bocca che dovette fin' oggi mormorare soltanto ; questo giornale che doveva essere , che voleva essere e poteva essere la prima vendetta di tutte le malinconie , lo sfogo invocato di tutti gli sdegni , l'arma di tutti i colpi di mano , la tromba wagneriana di tutte le sfide , il diario dei nostri sogni , la cartuccia delle troppo attese demolizioni , il getto e lo zampillo arcobalenante dei pensieri più temerari — questo famoso giornale finalmente si fece . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Come potrei rinnegarli senza rinnegare tutto me stesso e il meglio della mia vita ? E difatti li accettavo , ma che dico ? li cercavo e l' invocavo con più amore che un figlio possa avere per un padre amoroso e con più tenerezza di quella che un fratello possa sentire per il fratello maggiore . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ho fatto anch' io le mie brave dichiarazioni con la voce tremante e stringendo le piccole mani , tentando di baciare prirna del tempo la bocca dàlia quale aspettavo il languido si ; sono stato anch' io sotto le finestre di lei , nei mattini pazzi di sole e ne' crepuscoli nebbiosi , ad aspettare il cenno di una mano , il moto di una tendina , l'apparizione di un lume o di un fazzoletto ; ho scritto anch' io centinaia di lettere liricamente e disperatamente invocanti e celebranti , suggellate in fondo dall'eterna e vana parola degli amanti : sempre ; ed ho stretto al mio petto altri petti ; e ho baciato più d'una bocca e ho fatto chiuder molti occhi con le mie carezze ; ed ogni strada fuori di mano mi ricorda un nome , un fiore , una parola — un nome che ora non dico più ; un fiore che sta secco e stiacciato dentro un libro messo da parte ; una parola che vorrei dimenticare . . . . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Alcune volte il mio stato d'animo somigliava a quello d'un Dio che senta una moltitudine dolorosa pregare ai suoi piedi invocando felicità e liberazione , morte e redenzione . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma .come ? Ma non c'è proprio nessuno tra voialtri che abbia il cuore di venir qua in casa mia , in faccia a me , e di parlarmi chiaramente e di scoprirmi senza compassione e senza inzuccherature cosa son io ? Non c'è nessuno che mi voglia dire spietatamente , da vero amico , quel che ho fatto di male , quel che non ho fatto e avrei dovuto fare , i miei difetti , i miei vizi , i miei delitti ? Siete tutti ipocriti e vigliacchi come le signore perbene di cinquant'anni ? Avete paura che non dica sul serio ? Temete eh' io m' abbia a male di quel che mi direte , e che invece di abbracciarvi e di baciarvi vi romperò la testa o vi butterò fuori dell' uscio ? Ma venite innanzi , perdio ! Non avete mai visto la faccia d'un uomo franco che dice la verità ? Io vi chiamo e invoco con tutta l'anima , con tutta la disgraziata anima mia ! Ho bisogno di sapere cosa ho commesso di brutto per pentirmene e per scontarlo — ho bisogno in tutte le maniere di conoscere i miei difetti per sbarbarli , abbru - IS8 ciarli , disfarmene una volta per sempre . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Già cominciavano qua e là le discolpe e le preghiere ; le invocazioni di pietà , le disperate domande dell'ultimo perdono . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E alle mie invocazioni nessuno aveva risposto ; nessuno era venuto incontro alla mia attesa . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Oh se ad un tratto scoppiasse dentro di me , come una vena lungamente rattenuta e chiusa a forza , la maestosa e profonda corrente dell' ispirazione e le idee zampillassero come getti fantastici fino al cielo e le immagini e i sentimenti , e le care definitive parole cascassero come pioggia a rinfrescare il mio cuore ; a consolare , a destare , a intenerire tutti i cuori degli uomini ! Oh se l'anima mia ad un tratto s' infiammasse come un campo di stoppie e di sterpi , come una selva arida e folta , e i pensieri illuminassero il cielo come razzi spiegati e le parole bruciassero come fuoco vero e le idee sprizzassero sotto la fuga della mìa penna come faville da un ceppo infocato percosso e potessi finalmente illuminare e scaldare tutte le anime degli uomini ! Perchè dev'esser negata a me , proprio a me che la chiedo , aspetto , desidero e voglio questa gioia , questa feHcità , questa grazia ? Oh se di questi giorni , dopo tanti anni di attesa impaziente e di forsennate invocazioni , mi sentissi sgorgare una fiumana di parole nuove , mi sentissi sopraffare da un' ondata non mai sentita e invece di scrivere le stesse storie , d' infilare le solite parole , di strascicarmi penosamente sull'orme degli stanchi e rattoppati pensieri mi venissero in bocca inaspettate verità , meravigliose immagini e accenti e armonie e passioni che nessun uomo avesse mai scoperto , trovato e sentito ì Tante volte , la sera , al lume rosso e ondeggiante di una candela o a quello calmo e bianco di una lampada nascosta , ho aspettato l'arriva dell'ora divina come gli amanti sempre delusi aspettano a mezzanotte la bella che finalmente s'è promessa . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Tutte le sventure chiamo sopra il mio capo ; invoco innumeri disgrazie sulla strada della mia vita . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non so come cominciare e invoco l’assistenza delle sigarette tutte tanto somiglianti a quella che ho in mano .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
domine inter . forma di invocazione che equivale a 'o signore'
---------------
epiclesi
= nella liturgia cristiana - parte del canone della messa in cui il celebrante - dopo aver ripetuto le parole di gesù all'ultima cena - invoca dio affinché invii lo spirito santo sul pane e sul vino per trasformarli nel corpo e nel sangue di cristo .
---------------
invocabile
= che si può invocare .
---------------
invocativo
= che serve a invocare
---------------
invocatore
= che , colui che invoca .
---------------
litania - o pop . letania
= preghiera costituita da una serie di invocazioni a dio , alla madonna o ai santi che vengono pronunciate per lo più collettivamente in forma responsoriale
---------------
INDICATIVO NS
PresenteAudio con chrome
ImperfettoAudio con chrome
io invoco
tu invochi
egli invoca
noi invochiamo
voi invocate
essi invocano
invocavo
invocavi
invocava
invocavamo
invocavate
invocavano
Passato remotoAudio con chrome Futuro sempliceAudio con chrome
invocai
invocasti
invocò
invocammo
invocaste
invocarono
invocherò
invocherai
invocherà
invocheremo
invocherete
invocheranno
Passato prossimoAudio con chrome Trapassato prossimoAudio con chrome
io ho invocato
tu hai invocato
egli ha invocato
noi abbiamo invocato
voi avete invocato
essi hanno invocato
avevo invocato
avevi invocato
aveva invocato
avevamo invocato
avevate invocato
avevano invocato
Trapassato remotoAudio con chrome Futuro anterioreAudio con chrome
ebbi invocato
avesti invocato
ebbe invocato
avemmo invocato
aveste invocato
ebbero invocato
avrò invocato
avrai invocato
avrà invocato
avremo invocato
avrete invocato
avranno invocato
CONGIUNTIVO
PresenteAudio con chrome ImperfettoAudio con chrome
che Io invochi
che Tu invochi
che Egli invochi
che Noi invochiamo
che Voi invochiate
che Essi invochino
invocassi
invocassi
invocasse
invocassimo
invocaste
invocassero
PassatoAudio con chrome TrapassatoAudio con chrome
abbia invocato
abbia invocato
abbia invocato
abbiamo invocato
abbiate invocato
abbiano invocato
avessi invocato
avessi invocato
avesse invocato
avessimo invocato
aveste invocato
avessero invocato
CONDIZIONALE
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
io invocherei
tu invocheresti
egli invocherebbe
noi invocheremmo
voi invochereste
essi invocherebbero
avrei invocato
avresti invocato
avrebbe invocato
avremmo invocato
avreste invocato
avrebbero invocato
IMPERATIVO
PresenteAudio con chrome
-
invoca
invochi
invochiamo
invocate
invochino
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
invocare avere invocato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
invocante invocato
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
invocando avendo invocato
Coniugazione del verbo: essere invocato
coniugazione:1
forma: passiva transitivo
ausiliare: Essere
- Infinito - Presente
INDICATIVO NS
PresenteAudio con chrome
ImperfettoAudio con chrome
io sono invocato
tu sei invocato
egli é invocato
noi siamo invocati
voi siete invocati
essi sono invocati
ero invocato
eri invocato
era invocato
eravamo invocati
eravate invocati
erano invocati
Passato remotoAudio con chrome Futuro sempliceAudio con chrome
fui invocato
fosti invocato
fu invocato
fummo invocati
foste invocati
furono invocati
sarò invocato
sarai invocato
sarà invocato
saremo invocati
sarete invocati
saranno invocati
Passato prossimoAudio con chrome Trapassato prossimoAudio con chrome
io sono stato invocato
tu sei stato invocato
egli é stato invocato
noi siamo stati invocati
voi siete stati invocati
essi sono stati invocati
ero stato invocato
eri stato invocato
era stato invocato
eravamo stati invocati
eravate stati invocati
erano statiinvocati
Trapassato remotoAudio con chrome Futuro anterioreAudio con chrome
fui stato invocato
fosti stato invocato
fu stato invocato
fummo stati invocati
foste stati invocati
furono stati invocati
sarò stato invocato
sarai stato invocato
sarà stato invocato
saremo stati invocati
sarete stati invocati
saranno stati invocati
CONGIUNTIVO
PresenteAudio con chrome ImperfettoAudio con chrome
che Io sia invocato
che Tu sia invocato
che Egli sia invocato
che Noi siamo invocati
che Voi siate invocati
che Essi siano invocati
fossi invocato
fossi invocato
fosse invocato
fossimo invocati
foste invocati
fossero invocati
PassatoAudio con chrome TrapassatoAudio con chrome
sia stato invocato
sia stato invocato
sia stato invocato
siamo stati invocati
siate stati invocati
siano stati invocati
fossi stato invocato
fossi stato invocato
fosse stato invocato
fossimo stati invocati
foste stati invocati
fossero stati invocati
CONDIZIONALE
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
io sarei invocato
tu saresti invocato
egli sarebbe invocato
noi saremmo invocati
voi sareste invocati
essi sarebbero invocati
sarei stato invocato
saresti stato invocato
sarebbe stato invocato
saremmo stati invocati
sareste stati invocati
sarebbero stati invocati
IMPERATIVO
PresenteAudio con chrome
-
sii invocato
sia invocato
siamo invocati
siate invocati
siano invocati
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
essere invocato essere stato invocato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
- invocato
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
essendo invocato essendo stato invocato

Ricerca nei classici sul web