Buona navigazione con NihilScio!  Pagina facebook
NS NihilScio
Aiuto per la composizione
 
  Cerca  frasi:
It EnEs
English version Inglese     Spanish version Spagnolo     Latin version Latino
Laboratorio di Italiano
Ricerca nei classici sul web
Vocabulary and phrases
giuntare
= verbo trans. unire insieme , congiungere.
---------------
* Onde , col parere del Senato et di una Giunta , eccetera , ha risoluto che si pubblichi la presente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Frattanto , gli accessi e i contorni del convento formicolavan di popolo curioso: ma , giunta la sbirraglia , fece smaltir la folla , e si postò a una certa distanza dalla porta , in modo però che nessuno potesse uscirne inosservato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Con tutto ciò , la supplica non era forse ancor giunta al suo destino , che Gertrude s'era già pentita d'averla sottoscritta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Povero Griso ! In faccende tutto il giorno , in faccende mezza la notte , senza contare il pericolo di cader sotto l'unghie de' villani , o di buscarti una taglia per rapto di donna honesta , per giunta di quelle che hai già addosso ; e poi esser ricevuto in quella maniera ! Ma ! così pagano spesso gli uomini .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Nell'antecedente , le provvisioni rimaste degli anni addietro avevan supplito , fino a un certo segno , al difetto ; e la popolazione era giunta , non satolla né affamata , ma , certo , affatto sprovveduta , alla messe del 1628 , nel quale siamo con la nostra storia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Gonzalo , ingolfato fin sopra i capelli nelle faccende della guerra , fece ciò che il lettore s'immagina certamente: nominò una giunta , alla quale conferì l'autorità di stabilire al pane un prezzo che potesse correre ; una cosa da poterci campar tanto una parte che l'altra .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I deputati si radunarono , o come qui si diceva spagnolescamente nel gergo segretariesco d'allora , si giuntarono ; e dopo mille riverenze , complimenti , preamboli , sospiri , sospensioni , proposizioni in aria , tergiversazioni , strascinati tutti verso una deliberazione da una necessità sentita da tutti , sapendo bene che giocavano una gran carta , ma convinti che non c'era da far altro , conclusero di rincarare il pane .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Già lo dicono che siam troppi ; l'hanno detto nella giunta ; e lo so di certo , per averlo sentito dir io , con quest'orecchi , da una mia comare , che è amica d'un parente d'uno sguattero d'uno di que' signori .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Viva l'abbondanza ! Moiano gli affamatori ! Moia la carestia ! Crepi la Provvisione ! Crepi la giunta ! Viva il pane !
---------------
* Per giunta poi , quel disastro fu una semenza d'altre questioni molto noiose ; perché Perpetua , a forza di chiedere e domandare , di spiare e fiutare , venne a saper di certo che alcune masserizie del suo padrone , credute preda o strazio de' soldati , erano in vece sane e salve in casa di gente del paese ; e tempestava il padrone che si facesse sentire , e richiedesse il suo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Questi, parati a festa, stavano su di sé, gonfi e serii, perché, alla fin fine, il figlio sposava una vera signora, sorella d'un avvocato, e gli recava in dote una campagna con una magnifica villa, e denari per giunta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma lui, come avrebbe vissuto d'ora in poi, con quella donna che gl'incuteva tanta soggezione, e che certo gliene voleva per la vergogna e il disonore? Come avrebbe ardito d'alzar gli occhi in faccia a lei? E, per giunta, il padre pretendeva ch'egli seguitasse a frequentar la scuola! Figurarsi la baja che gli avrebbero data i compagni! Aveva venti anni piú di lui, la moglie, e pareva una montagna, pareva...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Brav'uomo, sí, quel don Lisi Chírico che le volevano dare per marito, ? non lo negava ? ma quasi vecchio, e vedovo per giunta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sembro vecchio lo stesso e, per giunta, piú brutto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E tutte queste costruzioni, alla fine del contratto, dovevano rimanere al proprietario del suolo, il quale, per giunta, esigeva che tutto gli fosse consegnato in buon ordine e in buono stato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La scimmia si chiamava Tita; era vecchia e tisica per giunta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E non bastava il danno: toccavano per giunta a don Mattia Scala le beffe degli amici.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Spatolino scappò via dalla sala del tribunale come levato di cervello; non tanto per la perdita del suo capitaluccio, buttato lí, nella costruzione di quel tabernacolo; non tanto per le spese del processo a cui, per giunta, era stato condannato; quanto per il crollo della sua fede nella giustizia divina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E li voleva per giunta convincere, filando tra le labbra bianche que' suoi grumetti di biascia, che fortunati erano davvero, fortunati, fortunati di fare, anche nolenti, un'opera di carità, di cui certamente il Signore avrebbe loro tenuto conto un giorno, nel mondo di là...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Senza guida, è vero? Anche questo mi butteranno in faccia? Va', va' ad imbeccarli! Anche i rimproveri di Lucio Sarti, per giunta? - Che c'entra Lucio Sarti? - fece Flavia, stordita da quell'improvvisa domanda.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nessuno pensava a toglierle di lí: perché avrebbe dovuto pensarci lei ? Donna Ester , invece , mentre risale a passo lento e calmo la strada su dalla chiesa nuova del villaggio (quando è in casa ha sempre fretta , ma fuori fa le cose con calma perché una donna nobile dev'essere ferma e tranquilla) giunta davanti all'antico cimitero si fa il segno della croce e prega per le anime dei morti . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
No , non lo ingannavano: ma l'ora non era ancor giunta , ed egli si aggrappava alla vita solo perché aveva paura di deporre il suo peso in casa delle sue padrone .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Noi di quaggiù pregheremo che, giunta presto in luogo di luce, ci assistiate di lassù, e c’insegnate la via. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Interceda per me la madre di Lui che nella notte di domani nacque povero di povera; interceda Giovanni al qual furono rivelati i secreti del cielo." Levati gli occhi, disse: "Padre mio, è giunta l’ora".. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Mentre si accingeva a giuocare palpando ciascuna carta e aguzzandovi gli occhi su, Pasotti colse il suo momento, sperando, per giunta, fargli perdere il giuoco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La signora Peppina intese e, sgomentata per giunta dai grossi occhi feroci del suo Carlascia, si ritirò frettolosamente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
I propositi di lavoro e di sacrificio la commossero profondamente; quando lesse quella confessione da gran delinquente con la domanda di perdono a Dio e a lei, ne sorrise e baciò la lettera sentendo ch'era un atto di sottomissione e un'acquiescenza umile alle censure che tanto lo avevano a prima giunta irritato. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Ch'el senta car el me curat, quand gh'è quel poo de ris e verz con quel poo de formagg per sora, lassèm pür andà tüsscoss al diavol che l'è mej.» Dopo una sentenza tanto logica nulla restava più a dire né a grugnire e la piccola comitiva giunta in capo alla salita procedette silenziosa per le umide ombre del Campò, nell'odor fresco dei castagni e dei noci, senz'accorgersi di uno spettro che passava in aria, vôlto a Cressogno. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
2 Tutto il primo giorno – sei giorni addietro – passato in un’ansia crescente d’ora in ora, tra un’oscura costernazione e un’irritazione sorda man mano anche esse crescenti, per il ritardo del figliuolo a rincasare; ritardo sempre piú inescusabile e inesplicabile, perché non c’erano piú dimostrazioni per Roma che potessero far pensare a un arresto, come l’altra volta; – poi, la sera, le corse affannose di qua e di là in cerca di lui, dove si fosse potuto attardare tanto, nei caffè, in casa di qualche amico, nella camera mobiliata di Gino Viesi – e la sorpresa, qui, nel sapere che anche lui, Gino Viesi, uscito dalla mattina alle sette, non s’era piú fatto vedere; poi, la notte, quella prima notte senza il figliuolo in casa, con la casa che sembrava vuota e paurosa, come vuoto e pauroso l’animo di lui; e le ore che passavano a una a una lente, eterne, su la sua ansia pure angosciata dallo sgomento di vederle passare, così, a una a una, nella vana attesa alla finestra, con l’ossessione delle vie per cui il figliuolo poteva essersi incamminato, per cui torse camminava ancora nella notte, per allontanarsi sempre piú, sempre piú dalla sua casa, sciagurato! ingrato! ma dove? dove diretto? – e poi l’alba e il silenzio di tutta la casa, orribile, con le donne cedute al sonno tra il pianto, là su le seggiole, col capo su la tavola, sotto il lume ancora acceso – ah, quel lume giallo nell’alba, e quei corpi là, che da sé a poco a poco s’erano composti in atteggiamenti pietosi, rassettati per non soffrir tanto, per trovare un po’ di requie essi almeno, se l’anima nel sonno angoscioso non poteva trovarne! – e poi, al mattino e durante tutto il giorno seguente, le altre corse, tre, quattro, alla Questura, prima per denunziare la scomparsa del figliuolo e di quell’altro là, perché fosse spiccato subito e diramato da per tutto un ordine d’arresto; poi per sapere se qualche notizia fosse giunta; e mai nessuna! – quei no, quel no del delegato rosso lentigginoso, che pure la mattina pareva avesse preso con impegno la cosa nel sentire che forse si trattava di due giovanotti che tentavano di passare in Francia per arruolarsi nella legione garibaldina; e ora piú niente, tutto intento ad altro ora, come se non si ricordasse piú neanche dell’ordine dato; – e le invettive, le aggressioni d’ora in ora piú violente della moglie e della figlia Carlotta, perché erano sicure che Faustino e quell’altro erano scappati via per lui, ma sì, per lui, per lui che aveva fin dall’infanzia oppresso quel figliuolo col metodo tedesco, con la disciplina tedesca, con la coltura tedesca, fino a fargli concepire un odio indomabile, inestinguibile per la Germania, che Dio la danni in eterno! e – ultimamente, in faccia all’altro che piangeva due fratelli uccisi, non aveva forse avuto il coraggio di gridare che l’Austria aveva tutto il diritto di mandarglieli al macello quei due fratelli? – lui! lui! – per questo erano scappati, per dargli una giusta risposta, per fare una giusta vendetta dei sentimenti da lui offesi nell’uno e oppressi nell’altro fin dall’infanzia: ebbene, non basta tutto questo? Ce n’è anche d’avanzo per spiegare come Berecche si sia in sei giorni invecchiato di venti anni.
---------------
Con gli occhi abituati all'oscurità nella corsa notturna, ella lo scorgeva sul fondo illuminato delle tende chiuse, lo vedeva bene; lo divorava, si saziava di lui come se fosse giunta ad essergli vicina dopo un'attesa interminabile. Tutto quel che era dietro, nella notte, ora le pareva sogno confuso; s'esalava il fervore del vóto; la volontà, tesa così terribilmente fino a quel punto, s'allentava, s'annientava. Ella aveva un desiderio mortale di prendergli le mani e di baciargliele, e poi di lasciar cadere a terra le rose e sé stessa perché egli passasse sopra. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Qualcosa d'argenteo lustrò nell'ombra, come se fosse quivi giunta e spirasse la voluta d'una di quelle onde rare che si levavano dalla dolcezza del mar cinerino. Era entrata Isabella, senza romore, coi sandali ch'ella usava per camminare su la sabbia. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Non più esse chiedevano, non più sceglievano le canzoni. Ella medesima sfogliava con la mano febrile il quaderno sospeso su la tastiera, indicava a Novella la pagina, senza intervallo passava da un grido di amore a un grido di dolore, da un anelito per la vita a una invocazione della morte. Esse tutte s'abbandonavano al rapimento, si protendevano verso la potenza, in attitudini che sembravano palesare il rilievo della loro verità nascosto fino a quel punto dalla grazia fallace. Poggiavano la gota su la palma, il cubito sul ginocchio, annodavano le due mani e le ponevano presso il mento, col gesto di chi supplica, rovesciavano in dietro il capo e schiudevano all'aria le labbra come chi ha il petto scavato dall'ambascia. I loro volti erano mutati, come spogli di ciò che li adornava, non ricchi se non di ciò che esprimevano: volti di angeli neutri, sospesi tra l'inquietudine della lor natura incompiuta e la divinazione di tutte le possibilità. Sentivano esse in confuso che quella voce era la voce d'una vita simile alla loro ma giunta con uno sforzo di pena in un cammino ignoto al culmine dell'erta per ove esse salivano e tentata di precipitarsi dalla parte dell'ombra.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Quando si svegliò, era tardi: non era giunta notizia alcuna. Diede gli ordini al meccanico per la partenza. Uscì per andare all'ufficio delle comunicazioni. La piazza ancor umida di pioggia splendeva al sole di aprile come se tutta consentisse alla grazia della sua Fontana; la terracotta della vecchia città sembrava perdere il fosco e il sanguigno, tingersi di rosa novella. Egli ebbe un desiderio disperato di riudire la voce che gli faceva tanto male. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
* Per giunta, la signora Guendalina poco dopo il matrimonio, si ammalò d’un male di cui non poté più guarire, giacché, per guarirne, avrebbe dovuto fare un sacrifizio superiore alle sue forze: privarsi nientemeno di certi pasticcini coi tartufi, che le piacevano tanto, e di simili altre golerie, e anche, anzi soprattutto, del vino. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Stimo, è vero, Marianna Dondi, vedova Pescatore, capace di tutto; ma come immaginare un uomo, e per giunta bello, capace d’essersi innamorato di lei? Tranne che non fosse stato un pazzo più pazzo del marito. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Si vanta, osa vantarsi per giunta della bella prodezza che è andato a commettere c quella... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Oh, ingratitudine umana! Me ne voleva, per giunta, me ne voleva, Pomino, del tradimento che, a suo credere, gli avevo fatto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Guardi un po’, Adriana: la Natura fa una delle sue solite stramberie; per tanti anni mi condanna a portare un occhio, diciamo così, disobbediente; io soffro dolori e prigionia per correggere lo sbaglio di lei, e ora per giunta mi tocca a pagare. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Non ci mancava altro, che ora, per giunta, Adriana mi costringesse a denunziare il furto! Non bastava che mi avessero rubato, come niente, dodici mila lire? Dovevo anche temere che il furto si conoscesse; pregare, scongiurare Adriana che non lo gridasse forte, non lo dicesse a nessuno, per carità? Ma che! Adriana – e ora lo intendo bene – non poteva assolutamente permettere che io tacessi e obbligassi anche lei al silenzio, non poteva in verun modo accettare quella che pareva una mia generosità, per tante ragioni: prima per il suo amore, poi per l’onorabilità della sua casa, e anche per me e per l’odio ch’ella portava al cognato. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Una figlia, per giunta?... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* e riconosciuto, per giunta! Grazie a Dio. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi sembrava d'aver già promesso e che fosse giunta l'ora improrogabile del mantenere . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* - r85 Che farcene di una conoscenza che non ci fa neppur conoscere e che per giunta non entra neppur di straforo nella vita nostra né la cambia d'un ette ? Noi vogliamo la teoria -strumento , l'idea martello , la filosofia industriale , lo sfruttamento pratico dello spirito . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Eppoi c'è di peggio : ho perfin paura , certe volte , di dovere quel che chiamo il mio ingegno a cose assolutamente estranee a me , — e fisiche per giunta . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Tutt’altro! Per spiegarmi meglio le descrissi un mio eventuale modo di morire: le mie gambe , nelle quali la circolazione era certamente già povera , si sarebbero incancrenite e la cancrena dilatata , dilatata , sarebbe giunta a toccare un organo qualunque , indispensabile per poter tener aperti gli occhi .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* rispondo alla sua graditissima che mi è giunta ieri
---------------
ad abundantiam
= lat . per giunta , in sovrappiù .
---------------
assessore
= colui che fa parte di una giunta comunale , provinciale o regionale , con responsabilità di un settore amministrativo
---------------
damare
= verbo trans . nel gioco della dama - raddoppiare una pedina che è giunta al fondo della scacchiera .
---------------
giuntatore
= operaio addetto a lavori di giuntatura.
---------------
giuntatura
= il giuntare le varie parti di una struttura.
---------------
prosindaco
= componente della giunta comunale che fa le veci del sindaco .
---------------
soprammercato
= per soprammercato , per giunta , per di più ,
---------------
soprassello
= sovraccarico di un animale da soma - per soprassello , per giunta , inoltre .
---------------
sovrammercato ,
= per soprammercato , per giunta , per di più ,
---------------
Coniugazioni di verbi simili

girellare :1 Con.
gironzolare :1 Con.
girovagare :1 Con.
giubilare :1 Con.
giudaizzare :1 Con.
giudicare :1 Con.
giungere :2 Con.
giurare :1 Con.
giustapporre :2 Con.
giustificare :1 Con.
giustiziare :1 Con.
glassare :1 Con.
glissare :1 Con.
Vocaboli simili

giuntatore
giuntatore
giuntatrice
giuntatura
giunteria
giuntino
giuntista
giunto
giuntoia
giuntura
giunzione
giuocare
giuoco
giuntare: Coniugazione non trovata.
         I motivi possono essere:

          I - Il vocabolo non e' stato ancora inserito nell'archivio.

          II - Non e' stato digitato correttamente:
                    Ricorda: Per i verbi devi cercare l'INFINITO PRESENTE o la
                    PRIMA PERSONA dell'INDICATIVO PRESENTE ( es. amare, amo.).

          III - Per un errore di programmazione.
              In tal caso ci scusiamo e ti preghiamo di comunicarcelo.