Buona navigazione con NihilScio!  Pagina facebook
NS NihilScio
Aiuto per la composizione
 
  Cerca  frasi:
It EnEs
English version Inglese     Spanish version Spagnolo     Latin version Latino
Laboratorio di Italiano
Ricerca nei classici sul web
Coniugazione attiva e passiva del verbo: gelare
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
gelare avere gelato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
gelante gelato
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
gelando avendo gelato
Coniugazione del verbo: gelare
coniugazione:1
forma: attiva transitivo/intransitivo
ausiliare: avere
- Infinito - Presente
Sinonimi di: gelare
agghiacciare congelare impietrire assiderarsi congelarsi

raffreddare raggelare surgelare stupire spaventare

impaurire bloccare sconcertare
Vocabulary and phrases
gelare
= verbo trans.rendere gelido , ghiacciato
---------------
D'accordo, sí, non c'entrano neanche i salici e le betulle; ma ci sono anch'essi, cara, e tanto tanto tristi attorno ai laghi gelati tra le steppe.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma perché poi, quand'egli andava a veder la figlia, e lo trovava lí, a tavola con lei e il genero, come se fosse di casa, era accolto da lui quasi con dispetto, gelidamente? Poteva darsi che quest'impressione di gelo gli fosse data dal luogo, da quella vasta sala da pranzo, lucida di specchi, splendidamente arredata? Ma che! no! no! Non si era soltanto allontanato il Verona; il tratto, il tratto di lui era proprio cangiato; gli stringeva appena la mano, appena lo guardava, e seguitava a conversar col Gualdi, come se non fosse entrato nessuno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché? Non intendevano piú trattarlo da fratello? Il gelo cresceva di giorno in giorno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma il gelo crebbe ancor piú.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se l'era dunque portata via lui con sé? E che ne aveva fatto? Dov'era piú in lui la vita? Gli altri avevano potuto credere che se la fosse portata via con sé; ma lui sapeva di averla lasciata lí, invece, la sua, partendo; e ora, a non ritrovarcela piú, nel sentirsi dire che non poteva piú trovarci nulla, perché s'era portato via tutto lui, aveva provato, nel vuoto, un gelo di morte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Con questo gelo nel cuore ritornava ora in Abruzzo, spirata la licenza di quindici giorni concessagli dal direttore delle scuole normali maschili di Città Sant'Angelo, ove da cinque anni insegnava disegno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Spesso lo aveva; ma pure talvolta quello sguardo gli si velava per la commozione improvvisa di qualche lontano ricordo; e allora quella velatura di gelo era come l'appannarsi dei vetri d'una finestra, per il caldo di dentro e il freddo di fuori.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Faustino Sangelli restò di gelo a quello sguardo d'assoluta indifferenza.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Bell'assistenza notturna! E le parole, sotto il lume della lanterna rossa, vaporano nel gelo della notte, quasi andandosene in fumo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E subito il signore: - C'è un medico? Ma quegli, avvertendo sulla faccia e sulle mani il gelo di fuori, dà indietro, alza le braccia, stringe le pugna e comincia a stropicciarsi gli occhi, sbadigliando: - A quest'ora? Poi, per interrompere le proteste dell'avventore, il quale - ma sí, Dio mio, sí - tutta quella furia, sí, con ragione: chi dice di no? - ma dovrebbe pure compatire chi a quell'ora ha anche ragione d'aver sonno - ecco, ecco, si toglie le mani dagli occhi e prima di tutto gli fa cenno d'aspettare; poi, di seguirlo dietro il banco, nel laboratorio della farmacia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il dottor Mangoni si volta allora a guardar di nuovo quella tristezza di lettino vuoto, che rende vana la sua visita; poi guarda la finestra che, non ostante il gelo della notte, è rimasta aperta in quella lugubre stanza per farne svaporare il puzzo del carbone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E, si sa, questo gelo ora, e questo silenzio della cima.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sidora, a quelle parole accompagnate da un ambiguo sorriso, si sentiva gelare e lo guardava sbigottita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
— E parla pure ! — disse Noemi , ma con tale disprezzo ch'egli si sentí gelare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
E narrando passava dal mare alle selve, dal gelo agl’incendi.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Il curatone le fece due o tre inchini a scatto, stando alla larga, ma Pasotti le baciò la mano, e la signora Barborin, sentendosi gelare sotto quello sguardo morto, non sapeva come muoversi né che dire. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella precipitò col viso sui piedi gelati della sua creatura, li coperse di baci forsennati. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco si senti gelare il sangue, ma Dina, quando udì del telegramma, fece un atto di stupore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ascolta invece quello che ti dice Maria.» «Povero Franco! Poveretto, poveretto!», disse Luisa, con un'amarezza di sottintesi paurosi, da far gelare il sangue. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Un alito fresco saliva dai salci dalle canne dai giunchi, prossimo come quel d'una bocca silvana che abbia bevuto a gorgate il gelo della fonte senza asciugarsi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il nome cadde senza risonanza, come qualcosa che s'afflosci. Un chiarore violaceo appariva pel tetto squarciato. Nell'ombra era un aliare molle di nottole. Vene di gelo vi s'insinuavano come se pei crepacci stillasse l'acqua degli stagni. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Aldo! — chiamò ella con la voce rotta da un colpo sordo del cuore appesantito, sentendo il gelo delle mani fraterne. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Paolo sentì una vena di gelo salire nel suo gelo. Credette che quella fosse la voce della follìa; e lo sgomento e la pietà lo strinsero. Egli si chinò a guardare più da presso il povero viso insensato. Tutta la notte gli parve piena di sciagura. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
L'atto ch'egli era per compiere al conspetto della folla era un atto di silenzio, un atto religioso, comandato da una necessità interiore ch'egli non indagava ma che nessuna forza di persuasione avrebbe potuto abolire. Andava egli incontro al presagio? sfidava la morte? sperava nella morte? Non v'era in lui né l'ansia del presentimento né l'eccitazione della prodezza; sì v'era una pacata potenza di dolore e di attesa come s'egli andasse a un alto colloquio desiderato dalla cara Ombra fraterna. Egli sentiva in sé quello stupendo gelo che accompagna la volontà di là dal limite noto, quando sembra che l'anima si muti in un monte di rigido diamante e non lasci vivere sul suo culmine aguzzo se non un solo pensiero aquilino. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ma qualcuno in lui, a un tempo, era in ascolto se mai udisse un passo leggero avvicinarsi; qualcuno in lui era come il fanciullo occupato da un indefinito orrore, che imagina una presenza terribile al suo fianco e la vede con la visione senza pupilla, la vede più reale delle sue proprie mani ch'egli tiene smorte su le sue ginocchia, e resta immobile, e non volge il capo, e vive nel filo di gelo che nasce dal mezzo della sua schiena curva. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Vana entrò con risolutezza, come superando un impedimento; e rapida guardò intorno, guardò in tutti gli angoli, scrutò tutta l'ombra. Il gelo le colava giù per le spalle. Il Refettorio era deserto. Ella rivide su la parete il gran cavallo bianco cavalcato dal cavaliere portatore dell'Aquila; e, lì presso, i Santi spettrali dalle lunghe cappe bianche. Il vento scoteva le assi inchiodate alle finestre, che scricchiolavano. Una sala era aperta; e v'apparivano le Balze, e sul ciglio la nuda mole di San Giusto simile a un colosso di ghisa, e la strada curva su la collina magra, e il pallore tormentoso dell'uliveto. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Era di gelo perché riviveva il momento dell'alba di giugno, perché le stelle tremolavano ancóra alla sua anima sotto la prima onda argentina, perché in quell'atto s'era compiuta l'intera sua vita, perché era orribile che la sorte l'avesse costretta a trascinarsi nell'inutile martirio. «Pace, pace, piccola buona». (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Quando Aldo sedeva stringendo il violoncello come per possederlo e girava nel tallone occhiuto dell'arco la vite di tensione con un orgasmo palese, quasi che non tendesse il crino bianco ma il fascio dei suoi nervi più delicati, Isabella non osava guardarlo. Ella soffriva meravigliosamente, con la vicenda della vampa e del gelo nel solco delle sue spalle. Vicino al pianoforte di lucido palissandro dai cupi riflessi violetti (di sotto apparivano a traverso la lira dei pedali i piedi sensitivi dell'accompagnatrice) egli inchinava un viso di strazio e di estasi lungo il manico trascorso dalla mano che aveva fatto piangere di pietà Lunella. Il suo strumento era ben quello che il sogno d'Isa aveva veduto nello stipo della Estense, colorato di quel colore rossobruno ch'ella invidiava pe' suoi capelli, con quelle chiazze giallastre della vernice sul fianco più trasparenti dell'ambra, con nel mezzo della cassa quella doratura a strisce di zebra, ricca e dolce come la gola di un uccello tropicale. E il suo arco pareva divenuto quasi igneo.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Tutti rabbrividivano, ché il gelo sotterraneo si faceva sempre più crudo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Non il pensiero dominante della morte ma il gelo stesso della morte allora fu nella misera che di dietro la tenda assisteva allo spettacolo di quella vita ignara. Ella s'agghiacciò tutta, dalla nuca alle calcagna. La figura dello spettro entrò nella sua immobilità. Le parve non d'essere sul punto di trapassare ma d'essere già simile al trapassato che ritorna nella sua casa come un testimone invisibile e guarda le creature familiari vivere senza terrore sotto le sciagure imminenti. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli ebbe il gelo in tutte le ossa. A traverso la distanza, su da quella bocca nera e insensibile, il soffio della follia gli ventò sul viso e l'agghiacciò. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
* In tutto il teatro s'era già, fin dalle prime battute, diffuso il gelo d'una disillusione. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Giustino lo avvertiva, e da tutto quel gelo si sentiva venire un gran caldo alla testa, e sudava e s'agitava, smanioso. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Silvia ebbe all'improvviso la tentazione di mandar via a dormire l'una e l'altra, di restar sola lì col suo bimbo, serrar bene la finestra e l'uscio, stendersi accanto al suo piccino, lasciarsi prendere tutta dal suo gelo di morte e uccidere da tutti quei fiori. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* e io me n’ero approfittato! Più d’una volta, al buio – lo confesso – gelai di paura. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Allora prendevo un libro e leggevo alla fiochissima luce di quella funebre lucerna e a poco a poco tutto il mio corpo si raffreddava , i piedi tornavan gelati , la tristezza raddoppiava ed io mi buttavo sul letto a seppellir nel sonno i desideri inespressi e i sogni indeterminabili di una vita troppo diversa da questa — e da ogni vita . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Soffiava il vento spruzzandoci in viso qualche goc — GG — eia rimasta sulle foglie ingrinzite ; viaggiavano le rigide nuvole bianche nel cielo grande senza colore ; si rammaricavano gli alberi percossi senza grazia da un' ondata di tramontana e V erbe bruciate e impallidite dal gelo aspettavano pazienti la primavera e V odoroso segreto delle mammole . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
agghiacciare
= addiacciare , verbo trans. rendere di ghiaccio , gelare raggelare , paralizzare per lo spavento
---------------
algere
= verbo intr. patire gran freddo , gelare .
---------------
cremeria
= latteria in cui si vendono anche dolci, gelati ecc.
---------------
disgelare
= verbo trans . sciogliere - liberare dal gelo
---------------
gelamento
= il gelare , il gelarsi , l'essere gelato.
---------------
intemperie
= l'insieme delle perturbazioni atmosferiche , quali il gelo , la pioggia , la neve , la grandine
---------------
pacciamatura
= copertura del terreno , dopo la semina o il trapianto , per ripararlo dal gelo e accelerare la crescita della vegetazione
---------------
raggelare
= verbo trans. gelare
---------------
rigelare
= verbo trans. far gelare di nuovo
---------------
soliflussione
= slittamento lentissimo della superficie di un terreno impregnato d'acqua lungo una pendenza , per effetto dell'azione del gelo e del disgelo .
---------------
sorbettiera
= macchina per fare gelati e granite , ormai poco in uso , costituita essenzialmente da un recipiente cilindrico girevole di metallo immerso in una miscela di ghiaccio in pezzi e sale .
---------------
INDICATIVO NS
PresenteAudio con chrome
ImperfettoAudio con chrome
io gelo
tu geli
egli gela
noi geliamo
voi gelate
essi gelano
gelavo
gelavi
gelava
gelavamo
gelavate
gelavano
Passato remotoAudio con chrome Futuro sempliceAudio con chrome
gelai
gelasti
gelò
gelammo
gelaste
gelarono
gelerò
gelerai
gelerà
geleremo
gelerete
geleranno
Passato prossimoAudio con chrome Trapassato prossimoAudio con chrome
io ho gelato
tu hai gelato
egli ha gelato
noi abbiamo gelato
voi avete gelato
essi hanno gelato
avevo gelato
avevi gelato
aveva gelato
avevamo gelato
avevate gelato
avevano gelato
Trapassato remotoAudio con chrome Futuro anterioreAudio con chrome
ebbi gelato
avesti gelato
ebbe gelato
avemmo gelato
aveste gelato
ebbero gelato
avrò gelato
avrai gelato
avrà gelato
avremo gelato
avrete gelato
avranno gelato
CONGIUNTIVO
PresenteAudio con chrome ImperfettoAudio con chrome
che Io geli
che Tu geli
che Egli geli
che Noi geliamo
che Voi geliate
che Essi gelino
gelassi
gelassi
gelasse
gelassimo
gelaste
gelassero
PassatoAudio con chrome TrapassatoAudio con chrome
abbia gelato
abbia gelato
abbia gelato
abbiamo gelato
abbiate gelato
abbiano gelato
avessi gelato
avessi gelato
avesse gelato
avessimo gelato
aveste gelato
avessero gelato
CONDIZIONALE
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
io gelerei
tu geleresti
egli gelerebbe
noi geleremmo
voi gelereste
essi gelerebbero
avrei gelato
avresti gelato
avrebbe gelato
avremmo gelato
avreste gelato
avrebbero gelato
IMPERATIVO
PresenteAudio con chrome
-
gela
geli
geliamo
gelate
gelino
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
gelare avere gelato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
gelante gelato
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
gelando avendo gelato
Coniugazione del verbo: essere gelato
coniugazione:1
forma: passiva transitivo/intransitivo
ausiliare: Essere
- Infinito - Presente
INDICATIVO NS
PresenteAudio con chrome
ImperfettoAudio con chrome
io sono gelato
tu sei gelato
egli é gelato
noi siamo gelati
voi siete gelati
essi sono gelati
ero gelato
eri gelato
era gelato
eravamo gelati
eravate gelati
erano gelati
Passato remotoAudio con chrome Futuro sempliceAudio con chrome
fui gelato
fosti gelato
fu gelato
fummo gelati
foste gelati
furono gelati
sarò gelato
sarai gelato
sarà gelato
saremo gelati
sarete gelati
saranno gelati
Passato prossimoAudio con chrome Trapassato prossimoAudio con chrome
io sono stato gelato
tu sei stato gelato
egli é stato gelato
noi siamo stati gelati
voi siete stati gelati
essi sono stati gelati
ero stato gelato
eri stato gelato
era stato gelato
eravamo stati gelati
eravate stati gelati
erano statigelati
Trapassato remotoAudio con chrome Futuro anterioreAudio con chrome
fui stato gelato
fosti stato gelato
fu stato gelato
fummo stati gelati
foste stati gelati
furono stati gelati
sarò stato gelato
sarai stato gelato
sarà stato gelato
saremo stati gelati
sarete stati gelati
saranno stati gelati
CONGIUNTIVO
PresenteAudio con chrome ImperfettoAudio con chrome
che Io sia gelato
che Tu sia gelato
che Egli sia gelato
che Noi siamo gelati
che Voi siate gelati
che Essi siano gelati
fossi gelato
fossi gelato
fosse gelato
fossimo gelati
foste gelati
fossero gelati
PassatoAudio con chrome TrapassatoAudio con chrome
sia stato gelato
sia stato gelato
sia stato gelato
siamo stati gelati
siate stati gelati
siano stati gelati
fossi stato gelato
fossi stato gelato
fosse stato gelato
fossimo stati gelati
foste stati gelati
fossero stati gelati
CONDIZIONALE
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
io sarei gelato
tu saresti gelato
egli sarebbe gelato
noi saremmo gelati
voi sareste gelati
essi sarebbero gelati
sarei stato gelato
saresti stato gelato
sarebbe stato gelato
saremmo stati gelati
sareste stati gelati
sarebbero stati gelati
IMPERATIVO
PresenteAudio con chrome
-
sii gelato
sia gelato
siamo gelati
siate gelati
siano gelati
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
essere gelato essere stato gelato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
- gelato
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
essendo gelato essendo stato gelato

Ricerca nei classici sul web