Buona navigazione con NihilScio!  Pagina facebook
NS NihilScio
Aiuto per la composizione
 
  Cerca  frasi:
It EnEs
English version Inglese     Spanish version Spagnolo     Latin version Latino
Laboratorio di Italiano
Ricerca nei classici sul web
Coniugazione attiva del verbo: emergere
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
emergere essere emerso
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
emergente emerso
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
emergendo essendo emerso
Coniugazione del verbo: emergere
coniugazione:2
forma: attiva intransitivo
ausiliare: essere
- Infinito - Presente
Sinonimi di: emergere
affermare conseguire elevare profilare segnalare

sfondare sopraelevare sovrastare spiccare spuntare

staccare avere successo consolidarsi stagliarsi affermare segnalare delinearsi disegnarsi

evidenziarsi risaltare spiccare -
Vocabulary and phrases
emergere
= verbo intr . - venire a galla - risultare , manifestarsi , segnalarsi .
---------------
E stando cosí seduto, si vide, a un certo punto, sotto gli occhi emergere il pancino, che da alcuni anni gli era cresciuto; e vide quasi per ischerno ciondolare dalla catena dell'orologio una medaglina d'oro, premio volgare d'un misero concorso vinto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il dottor Mangoni lascia il piede e fa per muoversi, volendo sapere che cosa è accaduto, quando si vede venire addosso come una bufera quel signore che grida: - Sí, sí, da stupidi! da stupidi! da stupidi! Fa appena a tempo a scansàrlo; si volta, lo vede inciampare nel sacco d'ossigeno: - Piano! piano, per carità! Ma che piano! Quello allunga un calcio al sacco; se lo ritrova tra i piedi; è di nuovo per cadere e, bestemmiando, scappa via, mentre sulla soglia della stanza in fondo al corridojo appare un tozzo e goffo vecchio in pantofole e papalina, con una grossa sciarpa di lana verde al collo, da cui emerge un faccione tutto enfiato e paonazzo, illuminato dalla candela stearica, sorretta in una mano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Rimase Bellavita un pezzo a contemplare con occhi gravi e densi d'angoscia la calvizie paonazza del signor Notajo, emergente là dalle braccia conserte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si sentiva avvolto e protetto dall'infinita tenerezza che spirava da quegli occhi, che sarebbero stati pur belli, cosí neri, se le palpebre, sotto, non se ne fossero staccate, mostrando il roseo smorto delle congiuntive e scivolando con le occhiaje e le guance nel cavo dell'orrenda ammaccatura, da cui emergeva appena la punta del naso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il grido tremolava come un nitrito , e le gambe delle donne , disegnate dalle gonne scure , e i piedi corti emergenti dall'ondulare dell'orlo rosso si movevan sempre piú agili scaldati dal piacere del ballo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— C'è il campanello — disse una voce timida. Ed entrambi soltanto allora si accorsero che dietro i due sedili emergeva, di mezzo a un cumulo di cerchioni sovrapposti, il meccanico trasfigurato dalla polvere in un busto di gesso parlante. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
E l'elica s'arrestò; l'Àrdea fu sciolta, cessato il battito del suo cuore settemplice. Afferrandola per le traverse del corpo e per le cèntine delle ali, gli uomini si accinsero a spingerla verso il campo di slancio. Le tende scorrevoli si aprirono; una opulenta luce bionda fluì, come venuta dall'oro delle più lontane mèssi italiche. Un cumulo di nubi apparve, alpe ariosa d'ambra e di neve. Il clamore della moltitudine dava il fiotto marino alla pianura selvaggia. Un uomo era nel cielo, fragile e invitto, con tutto il busto emergente dal dosso dell'airone, disegnato contro la vasta bianchezza. Primi i due occhi chiari lo riconobbero. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli sosteneva il volo con la sua pazienza, incitava la rapidità con la sua febbre. A quando a quando, contro la nuvola o contro l'azzurro, il suo busto emergente appariva proteso come per l'istinto di acuirsi, di sfuggire al contrasto dell'aria, di adeguarsi alla forma del fuso e del dardo. E gli occhi più perspicaci o i meglio armati scorgevano il suo capo scoperto, a cui il vento aveva rapito il camaglio; scorgevano il suo viso affilato, onde pareva esalarsi l'ardore dello sforzo come di fra le alette dei cilindri il calore dell'attrito, quel viso fatto quasi di fluida violenza, quasi che il vento rovesciasse indietro non soltanto i capelli di su la fronte ma dal mento alle tempie tutte le fibre dei muscoli palesi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
La sua novità emergeva dal suo passato come la sirena dal sale amaro, arcana, quasi ne fosse ancor stillante. Il più impreveduto dei suoi gesti pareva avere attraversato un elemento oscuro per manifestarsi, aver mosso dietro di sé un'onda cupa di desiderio per volgersi al desiderio di quell'uno. Tale dei nostri Antichi chiamò alchìmia il liscio delle donne. Anch'ella amava rilevare col nero e col rosso la freschezza dei suoi venticinque anni; e sempre poneva il lutto alle palpebre intorno alle iridi chiare, e talvolta insanguinava di non natìo cinabro la bocca.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Per ciò, pur così fragile così elastica e così lasciva, ella s'apparentava con le grandi creature di Michelangelo. La contradizione non era se non apparente pel contemplatore acuto. Certo, quando ella s'adagiava sul divano e il suo corpo s'annegava sotto il flutto piegoso della mussolina o del tulle, non somigliava alla Libica se non forse pel fiosso arcuato del piede emergente dal flutto. Ma, se a un tratto con un colpo di reni da danzatrice di cordace ella si risollevava protendendosi dall'ombra nel cerchio della lampada per dire la sua parola in un dibattito appassionato, la virtù del suo rilievo era tanta che i prossimi ne avevano il sentimento d'una creazione e d'una apparizione geniali. All'occhio dell'artista ella era il genio stesso del rilievo, quello che noi imaginiamo aver vissuto nel fuoco del cervello michelangiolesco.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
La luna insensibile, d'una delicatezza quasi carnale, priva di raggi, con una vita senza fuoco, nata di quaggiù, simile a un grande fiore palustre, emergeva dalla torpida trasparenza dei Monti Pisani, mentre non maggiore di lei sul limite del Tirreno il sole ardeva d'un ardore così forte che sùbito s'inceneriva. Le nuvole basse e raccolte gli erano sopra come falde di cenere; che crollavano e si riformavano. Quando la linea dell'acqua tagliò il disco, parve che solo un cumulo di bragia rimanesse, covato, e fosse per estinguersi. Tutto fu cenere ineffabile. Allora il mare divenne il divino peplo della Sera, una veste dalle pieghe tanto soavi che Isabella ne desiderò un lembo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Vana era salita sul ripiano del Castello, dietro il Leccione, e dal parapetto guardava verso la valle, spiava la via terribile? Ora Isabella ne creava in sé l'imagine viva, e si rappresentava il tristo luogo della vedetta: quel prato solitario su cui s'allunga l'ombra del Mastio che emerge dalla cintola in su dominando il cammino di ronda fra i due torrioni angolari, e l'albero degli Inghirami che di quivi appare senza tronco, simile a una cupola posata su l'erba, vasta come quella del Battistero a riscontro emergente di là dal tetto del palagio, di là dalle banderuole di ferro che in perpetuo stridono portando l'Aquila su la Ruota; e sotto il parapetto la perpetua tempesta degli elci abbarbicati nell'erta, l'incessante mugghio che affatica la fronda bruna. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
o taci, e flagellami!» E la fronte del fratello, e l'ardua malinconia di quelle pupille così perspicaci, e quelle labbra così cupide e così scontente, e tutte quelle linee di pensiero e di divinazione, e tutte quelle vampe di precocità terribile emergevano in contrasto con la brutale oppressura che le toglieva perfino l'energia di mentire. Ella non ascoltava più, ma udiva nella voce il ruggito soffocato del desiderio. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella aveva sfilate le braccia dalle maniche, quelle braccia non molli ma salde che pur sembravano portare la più fresca freschezza della vita come una ghirlanda rinnovata a ogni alba. Nude le larghe spalle emergevano, e le piccole mammelle sul petto largo come il petto delle Muse vocali, dall'ossatura palese di sotto i muscoli smilzi. L'orlo della camicia era squisito di scollo e di ricamo, il busto connesso aveva la tenuità e la perfezione d'un calice florale, ingegnosi e preziosi di fibbie e di nodi erano i legàccioli che di là si partivano a rattenere le calze, tutti gli invòlucri partecipavano dell'intima grazia e sembravano arricchirsi e affinarsi quanto più s'avvicinavano alla pelle; ma ora cadevano come ingombri morbidi, disdicevoli a quel corpo come a una statua severa, quasi respinti da una severità superba che ingrandiva e poliva ogni rilievo a simiglianza del sasso. Quando, tolta la scarpa, ella fece macchinalmente il gesto consueto tirando la punta della calza rimasta aderente all'unghia del pollice, egli ne fu attonito come d'una piccola maniera femminina che contrastasse a quella potenza. In ginocchio, sguainò egli stesso le lunghe gambe lisce. E così ella fu tutta nuda, senza sorridere. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
aggallare
= verbo intr. venire a galla , affiorare , emergere .
---------------
baraccopoli
= agglomerato di baracche alla periferia di una grande città in situazioni di emergenza , gruppo di baracche che ospitano temporaneamente i senzatetto.
---------------
barena
= bassofondo o dosso sabbioso delle lagune che emerge dall'acqua con la bassa marea.
---------------
briccola
= antica macchina da guerra usata per scagliare grosse pietrenella laguna veneta , palo o gruppo di pali conficcati sul fondo del mare ed emergenti , usati come segnale o per ormeggiarvi imbarcazioni.
---------------
centotredici
= numero telefonico a cui risponde in italia il servizio di soccorso pubblico di emergenza della polizia
---------------
emergente
= participio pres . di emergere
= che comincia a imporsi - che va acquistando un particolare rilievo
---------------
emergenziale
= di emergenza - dovuto ad emergenza
---------------
emerso
= participio pass . di emergere
= che sta fuori dall'acqua
---------------
meda
= segnale fisso, in muratura o in metallo, emergente dal mare per indicare scogli non visibili, bassi fondali ecc.
---------------
militarizzare
= verbo trans.assoggettare temporaneamente, in caso di guerra o di emergenza, alla disciplina o legge militare
---------------
palude
= terreno , zona pianeggiante in cui si raccolgono acque stagnanti poco profonde e coperto di una particolare vegetazione subacquea o emergente
---------------
sabbiera
= nelle locomotive e nelle motrici , serbatoio , collocato vicino alle ruote , contenente sabbia che , in caso di emergenza , viene sparsa sulle rotaie per evitare slittamenti .
---------------
sagittaria
= pianta erbacea perenne , acquatica , con foglie sommerse nastriformi , foglie emergenti sagittate e fiori a tre petali per lo più bianchi , diffusa nelle regioni temperate ,
---------------
scoglio
= roccia che affiora o emerge dalle acque del mare , di un fiume o di un lago ,
---------------
INDICATIVO NS
PresenteAudio con chrome
ImperfettoAudio con chrome
io emergo
tu emergi
egli emerge
noi emergiamo
voi emergete
essi emergono
emergevo
emergevi
emergeva
emergevamo
emergevate
emergevano
Passato remotoAudio con chrome Futuro sempliceAudio con chrome
emersi
emergésti
emerse
emergémmo
emergéste
emersero
emergerò
emergerai
emergerà
emergeremo
emergerete
emergeranno
Passato prossimoAudio con chrome Trapassato prossimoAudio con chrome
io sono emerso
tu sei emerso
egli é emerso
noi siamo emersi
voi siete emersi
essi sono emersi
ero emerso
eri emerso
era emerso
eravamo emersi
eravate emersi
erano emersi
Trapassato remotoAudio con chrome Futuro anterioreAudio con chrome
fui emerso
fosti emerso
fu emerso
fummo emersi
foste emersi
furono emersi
sarò emerso
sarai emerso
sarà emerso
saremo emersi
sarete emersi
saranno emersi
CONGIUNTIVO
PresenteAudio con chrome ImperfettoAudio con chrome
che Io emerga
che Tu emerga
che Egli emerga
che Noi emergiamo
che Voi emergiate
che Essi emergano
emergéssi
emergéssi
emergésse
emergéssimo
emergéste
emergéssero
PassatoAudio con chrome TrapassatoAudio con chrome
sia emerso
sia emerso
sia emerso
siamo emersi
siate emersi
siano emersi
fossi emerso
fossi emerso
fosse emerso
fossimo emersi
foste emersi
fossero emersi
CONDIZIONALE
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
io emergerei
tu emergeresti
egli emergerebbe
noi emergeremmo
voi emergereste
essi emergerebbero
sarei emerso
saresti emerso
sarebbe emerso
saremmo emersi
sareste emersi
sarebbero emersi
IMPERATIVO
PresenteAudio con chrome
-
emergi
emerga
emergiamo
emergete
emergano
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
emergere essere emerso
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
emergente emerso
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
emergendo essendo emerso

Ricerca nei classici sul web