Buona navigazione con NihilScio!  Pagina facebook
NS NihilScio          Home
Educational search engine
Aiuto per la composizione
 
  Cerca  frasi:
It EnEs
Possibile traduzione in
English version Inglese     Spanish version Spagnolo     Latin version Latino
Laboratorio di Italiano     Ricerca nei classici sul web
Coniugazione riflessiva del verbo: ammirarsi
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
ammirarsi essersi ammirato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
ammirantesi ammiratosi
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
ammirandosi essendosi ammirato
Coniugazione del verbo: ammirarsi
coniugazione:1
forma: attiva transitivo
ausiliare: essere
- Infinito - Passato
Sinonimi di: ammirare
contemplare rimirare apprezzare inchinarsi a adorare

venerare approvare considerare onorare stimare

entusiasmarsi per lodare rispettare
Vocabulary and phrases
* Fino dall'otto aprile dell'anno 1583 , l'Illustrissimo ed Eccellentissimo signor don Carlo d'Aragon , Principe di Castelvetrano , Duca di Terranuova , Marchese d'Avola , Conte di Burgeto , grande Ammiraglio , e gran Contestabile di Sicilia , Governatore di Milano e Capitan Generale di Sua Maestà Cattolica in Italia , pienamente informato della intollerabile miseria in che è vivuta e vive questa città di Milano , per cagione dei bravi e vagabondi , pubblica un bando contro di essi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Contenta la famiglia , che ne usciva con onore ; contenti i frati , che salvavano un uomo e i loro privilegi , senza farsi alcun nemico ; contenti i dilettanti di cavalleria , che vedevano un affare terminarsi lodevolmente ; contento il popolo , che vedeva fuor d'impiccio un uomo ben voluto , e che , nello stesso tempo , ammirava una conversione ; contento finalmente , e più di tutti , in mezzo al dolore , il nostro Lodovico , il quale cominciava una vita d'espiazione e di servizio , che potesse , se non riparare , pagare almeno il mal fatto , e rintuzzare il pungolo intollerabile del rimorso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Trattandosi poi di Lucia , accorse con tanta più sollecitudine , in quanto conosceva e ammirava l'innocenza di lei , era già in pensiero per i suoi pericoli , e sentiva un'indegnazione santa , per la turpe persecuzione della quale era divenuta l'oggetto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quello su cui meditava in quel momento don Abbondio , convalescente della febbre dello spavento , anzi più guarito (quanto alla febbre) che non volesse lasciar credere , era un panegirico in onore di san Carlo , detto con molta enfasi , e udito con molta ammirazione nel duomo di Milano , due anni prima .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quanto più si avanza nel piano , il suo occhio si ritira , disgustato e stanco , da quell'ampiezza uniforme ; l'aria gli par gravosa e morta ; s'inoltra mesto e disattento nelle città tumultuose ; le case aggiunte a case , le strade che sboccano nelle strade , pare che gli levino il respiro ; e davanti agli edifizi ammirati dallo straniero , pensa , con desiderio inquieto , al campicello del suo paese , alla casuccia a cui ha già messo gli occhi addosso , da gran tempo , e che comprerà , tornando ricco a' suoi monti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Questi momenti , che si dovrebbero dagli altri ammirare con timido rispetto , son quelli appunto che l'astuzia interessata spia attentamente , e coglie di volo , per legare una volontà che non si guarda .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se Renzo si fosse trovato lì andando a spasso , certo avrebbe guardato in su , e ammirato quell'albeggiare così diverso da quello ch'era solito vedere ne' suoi monti ; ma badava alla sua strada , e camminava a passi lunghi , per riscaldarsi , e per arrivar presto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Ben raro però era il risentimento in lui , ammirato per la soavità de' suoi modi , per una pacatezza imperturbabile , che si sarebbe attribuita a una felicità straordinaria di temperamento ; ed era l'effetto d'una disciplina costante sopra un'indole viva e risentita .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E perciò , non volendo risolvere con formole semplici questioni complicate , né allungar troppo un episodio , tralasceremo anche d'esporle ; bastandoci d'avere accennato così alla sfuggita che , d'un uomo così ammirabile in complesso , noi non pretendiamo che ogni cosa lo fosse ugualmente ; perché non paia che abbiam voluto scrivere un'orazion funebre .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Andò a casa , zitta , zitta ; si chiuse in camera , svoltò il rotolo , e quantunque preparata , vide con ammirazione , tutti in un mucchietto e suoi , tanti di que' ruspi , de' quali non aveva forse mai visto più d'uno per volta , e anche di rado ; li contò , penò alquanto a metterli di nuovo per taglio , e a tenerli lì tutti , ché ogni momento facevan pancia , e sgusciavano dalle sue dita inesperte ; ricomposto finalmente un rotolo alla meglio , lo mise in un cencio , ne fece un involto , un batuffoletto , e legatolo bene in giro con della cordellina , l'andò a ficcare in un cantuccio del suo saccone .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E perciò l'opera e il cuore di que' frati meritano che se ne faccia memoria , con ammirazione , con tenerezza , con quella specie di gratitudine che è dovuta , come in solido , per i gran servizi resi da uomini a uomini , e più dovuta a quelli che non se la propongono per ricompensa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Sdraiato su un mucchio d'erba , in una delle muristenes vuote , gli pareva ancora di ballare e di ammirare Giacinto .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Con lui visitavo giardini e gallerie, chiese e poggi; ammiravo la natura nell’arte. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ero a Padova: dal prato della Valle ammiravo, di là delle aperte finestre d’un vecchio palazzo, le calde tinte del sole occidente nell’aria estiva: e in quella prima impressione di queta voluttà cominciò la natura a rivelarsi a me giovanetto. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Il vario colore e le forme varie dei visi delle donne corse che dalla raffaellesca passano per gradi alla maniera di Michelangiolo, sopra ogni cosa il pallore possente, più ch’amare, ammirava; e gli occhi raccolti, la forte dolcezza, non so che di rientrato e d’intimo che dimostra come donne tali saprebbero al bisogno trattare sul serio la vita. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Gracile delle forme, né senza grazia il pallore del viso; ma né la voce né lo sguardo né la fronte né i silenzi, né le cure amorose di donna: ma e ragionare, e citare, e giudicar duramente le grandi cose vestite d’umiltà, ed ammirare le basse pitturate d’orgoglio; e filosofare sul male, e vantarsene per vanità; e non temere l’amore come cosa terribile; né agognarlo come necessità prepotente, ma pensacchiarlo, e calcolarlo; e in ogni atto dell’uomo vedere, con noiosa credulità, un indizio di debolezza (viene, casca, l’ho vinto!); e non mai quella sublime dimenticanza o dubbiezza di sé, nella quale rapisce le anime gentili l’amore, ma sempre il pensiero immoto a ammirar la virtù della propria parola, sempre in atto quasi da mostrarsi ignuda perché la vagheggino (vedete bel codrione ch’è il mio!); stuccavano altamente Giovanni, il quale non poteva pure non istimare le qualità buone e di donna ch’erano in lei, coperte dalle macerie letterate. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Vide di Brest l’ampia rada, quasi deserta, sentì il suon confuso delle voci, dell’opere, delle catene, montare dall’arsenale soggetto: v’entrò dentro ammirando quella magnifica e minacciosa ricchezza di strumenti di pace e di guerra; l’ancore ammontate sulla riva distendere le smisurate braccia ricurve, e le forti gomene attorte in grandi giri; accanto ai cannoni prostesi quasi mostro che dorme, ai cannoni che, più o men lontana, con dottamente computato empito manderanno la strage sulle mura merlate e sulle cittadelle nuotanti: e ammucchiarsi in piramidi le bombe che o si spegneranno stridenti nell’onde, o si conficcheranno nei fianchi d’antica fortezza americana, o porteranno volando nel vano le cervella d’un marinaro bestemmiante, o piombate in un magazzino di polvere faranno scoppiare i terrapieni, e sbalzar le tetta nel mare come foglia levata dal vento, e corpi vivi agonizzare schiacciati dalle ruine scroscianti. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Pasotti e il Puria si guardavano spesso, mangiando, per esprimere ammirazione e quasi per congratularsi a vicenda del godimento squisito, e se mai qualche occhiata di Pasotti sfuggiva al Puria, la signora Barborin, vicina di quest'ultimo, lo avvertiva con un timido tocco del gomito. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Però il Viscontini era entusiasta del suo modo di suonare; Luisa, la sua fidanzata, non divideva interamente il gusto classico di lui ma ne ammirava, senza fanatismi, il tocco; quando, pregato, egli faceva mugghiare e gemere classicamente l'organo di Cressogno, il buon popolo, intontito dalla musica e dall'onore, lo guardava come avrebbe guardato un predicatore incomprensibile, con la bocca aperta e gli occhi riverenti. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Questi ammirava l'ingegno del suo allievo; Franco invece stimava assai poco la filosofia mezzo cristiana mezzo razionalista del maestro, le sue tendenze mistiche; rideva della sua passione per i libri e per le teorie d'orticoltura e giardinaggio, scompagnata da qualsiasi senso pratico. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Questa precauzione turbò Pasotti che stava magnificando la villetta e l'orto in tutte le loro parti col tono appropriato a ciascuna, le barbabietole con amabile familiarità, le agavi con ammirazione grave e accigliata. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa incominciava con ammirar il suo genio, ma poiché i denari venivan quasi tutti dallo zio e non ci era larghezza per imprese fantastiche, piano piano, un po' per volta, lo persuadeva di lasciar a posto le pareti, i soffitti e anche i pavimenti, di studiar come si sarebbero potuti disporre meglio gli arredi senza trasformarli. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
* Don Buti infatti, visto che Giustino non s'era voluto arrendere a fargli una visitina lì nella canonica a due passi, una sera aveva portato con sé sotto il tabarro il suo vecchio famoso cannocchiale per fargli ammirare la gran potensa 'd Nosgnour come quand'era piccolino e per tener chiuso l'occhio manco faceva tante smorfie con la bocca:
---------------
* E tutti e due, egli che pareva un inglese, ella che pareva una spagnuola (era venezianina), tutta fiocchi e nastri, tutta cascante di vezzi, bruna, con due occhietti vivaci neri neri e due labbra carnute rosse rosse, il nasino ritto fiero e impertinente, avevano fatto parlar Giustino per una intera serata, ammirati da un canto, dall'altro irritati da certe notizie, da certi giudizii contrarii alle loro sviscerate simpatie di dilettanti ammiratori di provincia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E dimentichiamo spesso e volentieri di essere atomi infinitesimali per rispettarci e ammirarci a vicenda, e siamo capaci di azzuffarci per un pezzettino di terra o di dolerci di certe cose, che, ove fossimo veramente compenetrati di quello che siamo, dovrebbero parerci miserie incalcolabili. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Le pareti della stanza eran quasi tutte tappezzate di vecchie e non brutte stampe, di cui il Malagna volle farmi ammirare qualcuna, dicendomi ch’erano opera di Francesco Antonio Pescatore, suo cugino, valentissimo incisore (morto pazzo, a Torino, – aggiunse piano), del quale volle anche mostrarmi il ritratto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Eppure, forse, non sarebbe accaduto nulla di grave, se una mattina Romilda (eravamo alla Stìa e avevamo lasciato la madre ad ammirare il molino), tutt’a un tratto, smettendo lo scherzo troppo ormai prolungato sul suo timido amante lontano, non avesse avuto un’improvvisa convulsione di pianto e non m’avesse buttato le braccia al collo, scongiurandomi tutta tremante che avessi pietà di lei; me la togliessi comunque, purché via lontano, lontano dalla sua casa, lontano da quella sua madraccia, da tutti subito, subito, subito... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ho conosciuto un uomo venerando e degno anche, per le singolarissime doti dell’intelligenza, d’essere grandemente ammirato: non lo era, né poco né molto, per un paio di calzoncini, io credo, chiari, a quadretti, troppo aderenti alle gambe misere, ch’egli si ostinava a portare. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* «Oh perché gli uomini,» domandavo a me stesso, smaniosamente, «si affannano così a rendere man mano più complicato il congegno della loro vita? Perché tutto questo stordimento di macchine? E che farà l’uomo quando le macchine faranno tutto? Si accorgerà allora che il così detto progresso non ha nulla a che fare con la felicità? Di tutte le invenzioni, con cui la scienza crede onestamente d’arricchire l’umanità (e la impoverisce, perché costano tanto care), che gioia in fondo proviamo noi, anche ammirandole?»
---------------
* Subito, la donna, che era di Napoli, prese a narrare il «guaio che aveva passato» con me, profondendo le frasi più affettuose e ammirative del suo repertorio dialettale al mio indirizzo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E mentre egli parlava, io non potevo fare a meno di ammirare il privilegiato congegno della sua coscienza che, pur potendo indignarsi così, realmente, delle altrui nequizie, gli permetteva poi di farne delle simili o quasi, tranquillissimamente, a danno di quel buon uomo del Paleari, suo suocero. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Leggendo ad alta voce questo documento, il vecchio s’accese e si commosse tanto, che, sebbene ciò ch’ei leggeva fosse affatto contrario al mio sentimento, pure mi destò ammirazione. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Colei che è modesta è più ammirata - chi è modesta è più ammirata
---------------
adoratore
= colui che adora ammiratore , corteggiatore .
---------------
aficionado
= acceso ammiratore
---------------
almiraglio
= ammiraglio .
---------------
almirante
= ammiraglio .
---------------
ammirabile
= ammirevole , mirabile
---------------
ammiraglia
= nave sulla quale si trova imbarcato un ammiraglio la nave di maggior prestigio di una compagnia di navigazione nel linguaggio giornalistico , il modello di automobile più prestigioso di una casa automobilistica come
=
---------------
ammiragliato
= grado e ufficio di ammiraglio sede degli uffici e residenza di un ammiraglio in alcune nazioni , il ministero della marina
---------------
ammirando
= da ammirarsi , ammirevole .
---------------
ammirativo
= che denota ammirazione o meraviglia
---------------
ammirato
= participio passato di ammirare , pieno di ammirazione , di meraviglia
---------------
ammiratore
= colui che ammira corteggiatore
---------------
ammirevole
= degno di ammirazione
---------------
complimento
= atto, parola, atteggiamento che può esprimere ammirazione, apprezzamento, ossequio, congratulazione
---------------
contrammiraglio
= grado della marina militare, intermedio tra capitano di vascello e ammiraglio di divisione.
---------------
cribbio inter. esclamazione che indica sorpresa, ammirazione o rabbia.
---------------
entusiasmo
= commozione intensa dell'animo che si esprime con accese manifestazioni di gioia - meraviglia - ammirazione
---------------
esterofilia
= ammirazione esagerata per tutto ciò che viene dall'estero .
---------------
fanatico
= e manifestazione di entusiasmo esagerato , di cieca ammirazione .
---------------
feticismo
= forma di religiosità primitiva consistente nel culto di feticci adorazione cieca , ammirazione fanatica di una persona - o di una cosa
= 3 deviazione sessuale per cui l'interesse erotico si concentra su parti del corpo che di norma non suscitano attrazione - o su capi di vestiario
---------------
filellenismo
= amore , ammirazione per la grecia antica , la sua cultura .
---------------
filelleno
= e che , colui che è ammiratore della civiltà della grecia classica - seguace del filellenismo ottocentesco .
---------------
gallofilia
= simpatia , ammirazione per i francesi e per tutto ciò che è francese.
---------------
gallomania
= ammirazione o emulazione esagerata per tutto ciò che si fa in francia o viene dalla francia.
---------------
invidiabile
= che suscita ammirazione e invidia
---------------
maestà
= nobiltà d'aspetto, imponenza, grandiosità che suscita riverenza e ammirazione
---------------
meraviglioso tosc. o maraviglioso,
= che desta meraviglia e ammirazione
---------------
mirabile
= degno di ammirazione
---------------
mirando
= degno di essere ammirato, ammirevole
---------------
miro
= ammirevole
---------------
occhieggiare
= verbo trans . guardare con ammirazione o desiderio
---------------
pucciniano
= del musicista italiano giacomo puccini o che si riferisce al suo stile , alla sua opera
= ammiratore , seguace , imitatore di g . puccini .
---------------
sgonnellare
= verbo intransitivo andare in giro qua e là , affaccendandosi per farsi notare e ammirare .
---------------
slavofilia
= ammirazione incondizionata per la civiltà e i popoli slavi .
---------------
stravedere
= verbo transitivo e intr . vedere anche ciò che non c'è vedere qualcosa diversamente da come è - stravedere per qualcuno , amarlo o ammirarlo oltre misura , tanto da giudicarlo con parzialità ,
---------------
tedescofilo
= chi ammira i tedeschi e i loro usi e costumi .
---------------
INDICATIVO NS
PresenteAudio con chrome
ImperfettoAudio con chrome
io mi ammiro
tu ti ammiri
egli si ammira
noi ci ammiriamo
voi vi ammirate
essi si ammirano
mi ammiravo
ti ammiravi
si ammirava
ci ammiravamo
vi ammiravate
si ammiravano
Passato remotoAudio con chrome Futuro sempliceAudio con chrome
mi ammirai
ti ammirasti
si ammirò
ci ammirammo
vi ammiraste
si ammirarono
mi ammirerò
ti ammirerai
si ammirerà
ci ammireremo
vi ammirerete
si ammireranno
Passato prossimoAudio con chrome Trapassato prossimoAudio con chrome
io mi sono ammirato
tu ti sei ammirato
egli si é ammirato
noi ci siamo ammirati
voi vi siete ammirati
essi si sono ammirati
mi ero ammirato
ti eri ammirato
era ammirato
ci eravamo ammirati
vi eravate ammirati
si erano ammirati
Trapassato remotoAudio con chrome Futuro anterioreAudio con chrome
mi fui ammirato
ti fosti ammirato
si fu ammirato
ci fummo ammirati
vi foste ammirati
si furono ammirati
mi sarò ammirato
ti sarai ammirato
si sarà ammirato
ci saremo ammirati
vi sarete ammirati
si saranno ammirati
CONGIUNTIVO
PresenteAudio con chrome ImperfettoAudio con chrome
che Io mi ammiri
che Tu ti ammiri
che Egli si ammiri
che Noi ci ammiriamo
che Voi vi ammiriate
che Essi si ammirino
mi ammirassi
ti ammirassi
si ammirasse
ci ammirassimo
vi ammiraste
si ammirassero
PassatoAudio con chrome TrapassatoAudio con chrome
mi sia ammirato
ti sia ammirato
si sia ammirato
ci siamo ammirati
vi siate ammirati
si siano ammirati
mi fossi ammirato
ti fossi ammirato
si fosse ammirato
ci fossimo ammirati
vi foste ammirati
si fossero ammirati
CONDIZIONALE
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
io mi ammirerei
tu ti ammireresti
egli si ammirerebbe
noi ci ammireremmo
voi vi ammirereste
essi si ammirerebbero
mi sarei ammirato
ti saresti ammirato
si sarebbe ammirato
ci saremmo ammirati
vi sareste ammirati
si sarebbero ammirati
IMPERATIVO
PresenteAudio con chrome
-
ammirati
si ammiri
ammiriamoci
ammiratevi
si ammirino
INFINITO  
Presente Audio con chrome Passato Audio con chrome
ammirarsi essersi ammirato
PARTICIPIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
ammirantesi ammiratosi
GERUNDIO  
PresenteAudio con chrome Passato Audio con chrome
ammirandosi essendosi ammirato

Ricerca nei classici sul web