Good navigation with NihilScio!  Facebook page
NihilScio     Home
 

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo
Italiano
Inglese

á    è     é    ì     í    ò
ó     ù    ú    ü    ñ    ç
sinonimi di
wall
  Cerca  frasi:
Vocabulary and phrases
wall
= muro , muraglia , muraglione , parete , murare , cingere di mura ,
---------------
The wall must be crumbled, the stone decayed,
---------------
threw himself against the thick wall as if to force a passage through
---------------
had seemed a high wall to him; and he looked over into the old garden.
---------------
'The wall is very low, sir, and your servant will give you a leg up.'
---------------
was to jerk that immortal gentleman completely over the wall on to
---------------
retired to the angle of the wall in which he had been before ensconced;
---------------
up against the wall again. 'It's a woman.'
---------------
quite dark; and, proceeding by the dead wall in front of the Veterinary
---------------
And it echoes from wall to wall--
---------------
and looked steadily over Mr. Bob Sawyer's head, at the wall behind him. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
lips, rubbed her hands harder, and looked at the wall more steadily
---------------
imminent hazard of falling off the wall in so doing, to intimate his
---------------
occasion, was on the wall in a moment, merely pausing to request Sam to
---------------
nor wall afforded the requisite degree of inspiration, he looked out of
---------------
compelled to lean against the wall for support, while the man took the
---------------
iron cage in the wall of the Fleet Prison, within which was posted some
---------------
The area formed by the wall in that part of the Fleet in which Mr.
---------------
side being formed, of course, by the wall itself, and the other by that
---------------
of it reached the lower bricks of the great bare, brown brick wall that
---------------
* "I know a few," answered Bagshaw. "This garden wall we're walking under
---------------
side. I wish this wall were a little lower, or I were a little lighter;
---------------
* They moved hastily along and found a place where the wall seemed to
---------------
is Mr. Michael Flood, who entered the garden over the wall in an
---------------
almost empty frame hung behind them on the wall at the end of the
---------------
leaning up against the wall to be festooned with cobwebs or nibbled by
---------------
* They were now floating past the low wall and the steep strips of back
---------------
* A minute or two afterwards they had clambered over the little wall and
---------------
length of the wall opposite, they could see the Gothic arches and the
---------------
a poor fellow for a piece of folly; to wall him up alive and starve him
---------------
turned your face away from that unnatural strife. He set a wall of sand
---------------
abdominal wall
= parete addominale ,
---------------
abdominal wall fat pad biopsy
= biopsia del grasso della parete addominale ,
---------------
against the wall
= contro il muro ,
---------------
along the wall
= lungo il muro ,
---------------
anticlinal wall
= parete anticlina ,
---------------
antifire wall
= muro tagliafuoco ,
---------------
avalanche wall
= frangivalanghe , paravalanghe , spartivalanghe ,
---------------
baffle wall
= parete antiacustica ,
---------------
balls to the wall
= a tutta birra ,
---------------
bearing wall
= muro portante , spalla ,
---------------
berlin wall
= muro di berlino ,
---------------
blank wall
= muro cieco , parete bianca ,
---------------
blind wall
= muro cieco ,
---------------
boundary wall
= muro di cinta ,
---------------
breast wall
= muro di sostegno , parapetto ,
---------------
brick wall
= muro di mattoni ,
---------------
brick wall with a facing of concrete
= muro di mattoni con un rivestimento di calcestruzzo ,
---------------
cavity wall
= muro a intercapedine ,
---------------
climb over a wall
= scavalcare un muro ,
---------------
climbed over a wall
= scavalcato un muro ,
---------------
climbing over a wall
= scavalcando un muro ,
---------------
climbs over a wall
= scavalca un muro ,
---------------
common wall
= muro di confine, muro in comunione ,
---------------
crumbling wall
= muro che si sgretola ,
---------------
curtain wall
= muro non portante ,
---------------
cut-off wall
= diaframma di tenuta ,
---------------
dead wall
= muro cieco ,
---------------
dislodge a stone from a wall
= staccare una pietra da un muro ,
---------------
dislodged a stone from a wall
= staccato una pietra da un muro ,
---------------
dislodges a stone from a wall
= stacca una pietra da un muro ,
---------------
dislodging a stone from a wall
= staccando una pietra da un muro ,
---------------
dividing wall
= muro divisorio ,
---------------
face wall
= muro di sostegno ,
---------------
floating wall
= parete di un set che può essere rimossa per facilitare i movimenti di macchina ,
---------------
fly wall
= parete mobile ,
---------------
gable wall
= muro sormontato da un timpano,
---------------
had one's back to the wall
= avuto le spalle al muro, stato alla corde, stato con le spalle al muro,
---------------
has one's back to the wall
= ha le spalle al muro, è alla corde, è con le spalle al muro,
---------------
have one's back to the wall
= avere le spalle al muro, essere alla corde, essere con le spalle al muro,
---------------
having one's back to the wall
= avendo le spalle al muro, essendo alla corde, essendo con le spalle al muro,
---------------
jocke wall
= parete mobile ,
---------------
smog-blackened wall
= muro annerito dallo smog ,
---------------
the berlin wall
= il muro di berlino ,
---------------
up the wall
= furibondo , fuori dei gangheri ,
---------------
Vocabulary and phrases
* La costiera , formata dal deposito di tre grossi torrenti , scende appoggiata a due monti contigui , l'uno detto di san Martino , l'altro , con voce lombarda , il Resegone , dai molti suoi cocuzzoli in fila , che in vero lo fanno somigliare a una sega: talché non è chi , al primo vederlo , purché sia di fronte , come per esempio di su le mura di Milano che guardano a settentrione , non lo discerna tosto , a un tal contrassegno , in quella lunga e vasta giogaia , dagli altri monti di nome più oscuro e di forma più comune .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dall'una all'altra di quelle terre , dall'alture alla riva , da un poggio all'altro , correvano , e corrono tuttavia , strade e stradette , più o men ripide , o piane ; ogni tanto affondate , sepolte tra due muri , donde , alzando lo sguardo , non iscoprite che un pezzo di cielo e qualche vetta di monte ; ogni tanto elevate su terrapieni aperti: e da qui la vista spazia per prospetti più o meno estesi , ma ricchi sempre e sempre qualcosa nuovi , secondo che i diversi punti piglian più o meno della vasta scena circostante , e secondo che questa o quella parte campeggia o si scorcia , spunta o sparisce a vicenda .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I muri interni delle due viottole , in vece di riunirsi ad angolo , terminavano in un tabernacolo , sul quale eran dipinte certe figure lunghe , serpeggianti , che finivano in punta , e che , nell'intenzion dell'artista , e agli occhi degli abitanti del vicinato , volevan dir fiamme ; e , alternate con le fiamme , cert'altre figure da non potersi descrivere , che volevan dire anime del purgatorio: anime e fiamme a color di mattone , sur un fondo bigiognolo , con qualche scalcinatura qua e là .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quantunque Gertrude sapesse che andava a un combattimento , pure l'uscir di monastero , il lasciar quelle mura nelle quali era stata ott'anni rinchiusa , lo scorrere in carrozza per l'aperta campagna , il riveder la città , la casa , furon sensazioni piene d'una gioia tumultuosa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Al fermarsi della carrozza , davanti a quelle mura , davanti a quella porta , il cuore si strinse ancor più a Gertrude .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Le mura scalcinate e ammaccate da sassi , da mattoni , le finestre sgangherate , diroccata la porta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Qua e là per le strade , rasente ai muri delle case , qualche po' di paglia pesta , trita e mista d'immondo ciarpume .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Vidi io , - scrive il Ripamonti , - nella strada che gira le mura , il cadavere d'una donna . . .Le usciva di bocca dell'erba mezza rosicchiata , e le labbra facevano ancora quasi un atto di sforzo rabbioso . . .Aveva un fagottino in ispalla , e attaccato con le fasce al petto un bambino , che piangendo chiedeva la poppa . . .Ed erano sopraggiunte persone compassionevoli , le quali , raccolto il meschinello di terra , lo portavan via , adempiendo così intanto il primo ufizio materno " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il lazzeretto di Milano (se , per caso , questa storia capitasse nelle mani di qualcheduno che non lo conoscesse , né di vista né per descrizione) è un recinto quadrilatero e quasi quadrato , fuori della città , a sinistra della porta detta orientale , distante dalle mura lo spazio della fossa , d'una strada di circonvallazione , e d'una gora che gira il recinto medesimo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Al tempo della nostra storia , non c'eran che due entrature ; una nel mezzo del lato che guarda le mura della città , l'altra di rimpetto , nell'opposto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* D'acqua perfino c'era scarsità ; d'acqua , voglio dire , viva e salubre: il pozzo comune , doveva esser la gora che gira le mura del recinto , bassa , lenta , dove anche motosa , e divenuta poi quale poteva renderla l'uso e la vicinanza d'una tanta e tal moltitudine .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quando furon vicini alla porta , cominciarono anche a tirar sassi , mattoni , torsoli , bucce d'ogni sorte , la munizione solita in somma di quelle spedizioni ; una parte corse sulle mura , e di là fecero un'ultima scarica sulle carrozze che uscivano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma quando , al calar delle bande alemanne , alcuni fuggiaschi di paesi invasi o minacciati capitarono su al castello a chieder ricovero , l'innominato , tutto contento che quelle sue mura fossero cercate come asilo da' deboli , che per tanto tempo le avevan guardate da lontano come un enorme spauracchio , accolse quegli sbandati , con espressioni piuttosto di riconoscenza che di cortesia ; fece sparger la voce , che la sua casa sarebbe aperta a chiunque ci si volesse rifugiare , e pensò subito a mettere , non solo questa , ma anche la valle , in istato di difesa , se mai lanzichenecchi o cappelletti volessero provarsi di venirci a far delle loro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il resto era cenere e carboni ; e con que' carboni stessi , i guastatori , per ristoro , avevano scarabocchiati i muri di figuracce , ingegnandosi , con certe berrettine o con certe cheriche , e con certe larghe facciole , di farne de' preti , e mettendo studio a farli orribili e ridicoli: intento che , per verità , non poteva andar fallito a tali artisti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma siccome questo non pareva un mezzo bastante , né appropriato a una mortalità così vasta , e così diffusa in ogni classe di persone ; siccome , a quel che pare , non era stato possibile all'occhio così attento , e pur così travedente , del sospetto , di scorgere untumi , macchie di nessuna sorte , su' muri , né altrove ; così si ricorse , per la spiegazion del fatto , a quell'altro ritrovato , già vecchio , e ricevuto allora nella scienza comune d'Europa , delle polveri venefiche e malefiche ; si disse che polveri tali , sparse lungo la strada , e specialmente ai luoghi delle fermate , si fossero attaccate agli strascichi de' vestiti , e tanto più ai piedi , che in gran numero erano quel giorno andati in giro scalzi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Allora , andò carpon carponi verso l'orlo di quel gran letto ; mise la testa fuori , e non vedendo nessuno , scese di dov'era salito , uscì di dov'era entrato , s'incamminò per viottole , prendendo per sua stella polare il duomo ; e dopo un brevissimo cammino , venne a sbucar sotto le mura di Milano , tra porta Orientale e porta Nuova , e molto vicino a questa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Su queste notizie , il disegno di Renzo era di tentare d'entrar dalla prima porta a cui si fosse abbattuto ; se ci fosse qualche intoppo , riprender le mura di fuori , finché ne trovasse un'altra di più facile accesso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Arrivato dunque sotto le mura , si fermò a guardar d'intorno , come fa chi , non sapendo da che parte gli convenga di prendere , par che n'aspetti , e ne chieda qualche indizio da ogni cosa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma , a destra e a sinistra , non vedeva che due pezzi d'una strada storta ; dirimpetto , un tratto di mura ; da nessuna parte , nessun segno d'uomini viventi: se non che , da un certo punto del terrapieno , s'alzava una colonna d'un fumo oscuro e denso , che salendo s'allargava e s'avvolgeva in ampi globi , perdendosi poi nell'aria immobile e bigia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Eran vestiti , letti e altre masserizie infette che si bruciavano: e di tali triste fiammate se ne faceva di continuo , non lì soltanto , ma in varie parti delle mura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La strada che Renzo aveva presa , andava allora , come adesso , diritta fino al canale detto il Naviglio: i lati erano siepi o muri d'orti , chiese e conventi , e poche case .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Appena infatti ebbe Renzo passata la soglia del lazzeretto e preso a diritta , per ritrovar la viottola di dov'era sboccato la mattina sotto le mura , principiò come una grandine di goccioloni radi e impetuosi , che , battendo e risaltando sulla strada bianca e arida , sollevavano un minuto polverìo ; in un momento , diventaron fitti ; e prima che arrivasse alla viottola , la veniva giù a secchie .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
E certe sere vedeva la moglie appoggiata alla ringhiera dell'ampio terrazzo della casa, alle cui mura veniva quasi a battere il mare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E DUE! Dopo aver vagato a lungo per il quartiere addormentato dei Prati di Castello, rasentando i muri delle caserme, sfuggendo istintivamente il lume dei lampioni sotto gli alberi dei lunghissimi viali, pervenuto alla fine sul Lungotevere dei Mellini, Diego Bronner montò, stanco, sul parapetto dell'argine deserto e vi si pose a sedere, volto verso il fiume, con le gambe penzoloni nel vuoto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Avevo veduto sotto le acque chiare le mura delle case della città di Porto Reale sprofondate nel mare da un terribile terremoto; le piantagioni dello zucchero e del caffè, del grano d'India e della Guinea; le foreste delle montagne; avevo sentito e respirato con indicibile conforto il tanfo caldo e grasso del letame nelle grandi stalle degli allevamenti; ma proprio sentito e respirato, ma proprio veduto tutto, col sole che è là su quelle praterie, con gli uomini e con le donne e coi ragazzi come sono là, che portano con le ceste e rovesciano a mucchi sugli spiazzi assolati il raccolto del caffè ad asciugarsi; con la certezza precisa e tangibile che tutto questo era vero, in quella parte del mondo cosí lontana; cosí vero da sentirlo e opporlo come una realtà altrettanto viva a quella che mi circondava là nella camera di mia madre moribonda.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nessuno! Tirò a sé il portone e, rasentando il muro della casa, sgattajolò per il viottolo fuori delle mura al bujo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
SOLE E OMBRA I Tra i rami degli alberi che formavano quasi un portico verde e lieve al viale lunghissimo attorno alle mura della vecchia città, la luna, comparendo all'improvviso, di sorpresa, pareva dicesse a un uomo d'altissima statura, che, in un'ora cosí insolita, s'avventurava solo a quel bujo mal sicuro: - Sí, ma io ti vedo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come non dormiva lui, cosí sul suo tavolino nell'ufficio d'Istruzione non lasciava mai dormire nessun incartamento, anche a costo di ritardare di due o tre ore il desinare e di rinunziar la sera, prima di cena, alla solita passeggiata coi colleghi per il viale attorno alle mura del paese.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Questo, quasi non esistendo ancora per sé, non esisteva neppure propriamente per loro, se non cosí, come un obbligo; ma non gravoso: prendevano, infine, una boccata d'aria; facevano, benché soli, una scampagnata: dall'alto dell'acropoli, su le maestose mura ciclopiche, si scopriva una vista meravigliosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E si videro, dov'erano antichi parchi patrizii, magnifiche ville e, di là dal fiume, orti e prati, sorger case e case e case, interi isolati, per vie eccentriche appena tracciate; e tante all'improvviso restare - ruderi nuovi - alzate fino ai quarti piani, a infracidar senza tetto, con tutti i vani delle finestre sguarniti, e fissato ancora in alto, ai buchi dei muri grezzi, qualche resto dell'impalcatura abbandonata, annerito e imporrito dalle piogge; e altri isolati, già compiuti, rimaner deserti lungo intere vie di quartieri nuovi, per cui non passava mai nessuno; e l'erba nel silenzio dei mesi rispuntare ai margini dei marciapiedi, rasente ai muri e poi, esile, tenerissima, abbrividente a ogni soffio d'aria, riprendersi tutto il battuto delle strade.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La quale, come può bene immaginarsi, ne fece in poco tempo tale scempio, che quando alla fine, con l'andar degli anni, cominciò a Roma veramente la penuria degli alloggi, troppo presto temuta prima, troppo tardi rimediata poi per la paura che teneva tutti di far nuove costruzioni a causa di quella solenne scottatura, i nuovi proprietarii, che le avevano acquistate a poco prezzo dalle banche sussidiatrici degli antichi costruttori falliti, facendosi ora il conto di quanto avrebbero dovuto spendere a riattarle e rimetterle in uno stato di decenza per darle in affitto a inquilini disposti a pagare una piú alta pigione, stimarono piú conveniente non farne nulla e contentarsi di lasciar le scale con gli scalini smozzicati, i muri oscenamente imbrattati, le finestre dalle persiane cadenti e i vetri rotti imbandierate di cenci sporchi e rattoppati, stesi sui cordini ad asciugare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ninfarosa scoppiò a ridere: - Pure il casalino? Ma che volete che se ne facciano, se già sono ricchi, di quei quattro muri di creta e canne che crollano a soffiarci sú? - E tu scrivi, - ripeté la vecchia, ostinata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si divertiva poi a rendere furioso il mare, perché si ripigliasse la spiaggia, e venisse a rompersi fragoroso e spaventevole contro le mura delle case.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tutt'a un tratto, balzò in piedi, quant'era lunga, con un tal grido che per poco non ne tremarono i muri dell'antico palazzo baronale.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gli alberetti, affacciati di qua e di là dai muri di cinta che incassavano quella viuzza stretta e sassosa tra i campi, pareva stessero a godersi la scena.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'immagine della rovina era in quell'arco di porta senza la porta, che superava di tutta la cèntina da una parte e dall'altra i muri di cinta della vasta corte davanti, non finiti: muri ora vecchi, di pietra rossa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi, forse presentendo l'inutilità di quel riparo, aveva lasciato cosí sguarnito l'arco e a mezzo i muri di cinta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Eccolo tutto ai suoi piedi , silenzioso e qua e là scintillante d'acque nel crepuscolo , il poderetto che Efix considerava piú suo che delle sue padrone: trent'anni di possesso e di lavoro lo han fatto ben suo , e le siepi di fichi d'India che lo chiudono dall'alto in basso come due muri grigi serpeggianti di scaglione in scaglione dalla collina al fiume , gli sembrano i confini del mondo . Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Dal tetto a cono , di canne e giunchi , che copriva i muri a secco e aveva un foro nel mezzo per l'uscita del fumo , pendevano grappoli di cipolle e mazzi d'erbe secche , croci di palma e rami d'ulivo benedetto , un cero dipinto , una falce contro i vampiri e un sacchetto di orzo contro le panas: ad ogni soffio tutto tremava e i fili dei ragni lucevano alla luna .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Lunghe muriccie in rovina , casupole senza tetto , muri sgretolati , avanzi di cortili e di recinti , catapecchie intatte piú melanconiche degli stessi ruderi fiancheggiano le strade in pendío selciate al centro di grossi macigni ; pietre vulcaniche sparse qua e là dappertutto danno l'idea che un cataclisma abbia distrutto l'antica città e disperso gli abitanti ; qualche casa nuova sorge timida fra tanta desolazione , e piante di melograni e di carrubi , gruppi di fichi d'India e palmizi danno una nota di poesia alla tristezza del luogo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le ombre si muovono fantastiche sull'erba calpestata e sui muri della chiesa ; brillano i bottoni d'oro , i galloni argentei dei costumi , i tasti della fisarmonica: il resto si perde nella penombra perlacea della notte lunare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
IV Un gran fuoco di lentischi , come lo aveva veduto Noemi fanciulla , ardeva nel cortile di Nostra Signora del Rimedio , illuminando i muri nerastri del Santuario e le capanne attorno .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Qua e là davanti ai piccoli fuochi accesi lungo i muri si curvava la figura nera di qualche donna intenta a cucinare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
ah , che hai fatto ? Nel cortiletto fu tutto un subbuglio ; le colombe volarono sul tetto , i gatti s'arrampicarono sui muri ; solo la donna taceva per non far accorrere gente , ma si curvò per sfuggire ai colpi e si difese col fuso , balzando , indietreggiando , e quando fu dentro la cucina si volse verso l'angolo dietro la porta , afferrò con tutte e due le mani un palo di ferro e si drizzò , ferma contro la parete , terribile come una Nemesi con la clava .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Solo qualche grido di rondine pareva uscir dai muri in rovina , e un trotto di cavallo risuonò lontano , sempre piú lontano .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tutta la casa spirava pace e benessere: sui muri chiari tremolava l'ombra dei palmizi e tra il fogliame dorato dei melagrani le frutta rosse spaccate mostravano i grani perlati come denti di bambino .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
L'erba rimaneva lungo i muri delle case deserte .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Era l'ultima tappa del suo viaggio mondano , l'ultima salita del suo calvario , quel vicolo in salita , lurido , oleoso , con un gattino morto in mezzo alle immondezze e il cielo rosso sopra i muri alti coperti di gramigne .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
E tutta questa casa era fatta di colonne d'oro e d'argento , con le travi di legno forte lavorato , e il pavimento di marmo come nelle chiese ; in mezzo alla casa c'era un cortile con una fontana che dava acqua giorno e notte , e i muri erano tutti di pietre fini , segate a pezzi uguali come mattoni .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
«Come sono contento ! Adesso posso morire» pensava Efix sotto il panno ; ma aveva come l'impressione di non potersene andare , di non poter uscire da quel cerchio di muri che lo serrava .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Efix , rammenti ? Efix , rammenti ? Com'era diventata grande la cucina ! Scura e tiepida , coi muri lontani , con sfondi misteriosi come una tanca di notte .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le vie ornate di tabernacoli con istatue, con vasi d’argento prestati alla breve pompa; le mura d’arazzi, le finestre di tappeti, la terra di fiori. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Vide di Brest l’ampia rada, quasi deserta, sentì il suon confuso delle voci, dell’opere, delle catene, montare dall’arsenale soggetto: v’entrò dentro ammirando quella magnifica e minacciosa ricchezza di strumenti di pace e di guerra; l’ancore ammontate sulla riva distendere le smisurate braccia ricurve, e le forti gomene attorte in grandi giri; accanto ai cannoni prostesi quasi mostro che dorme, ai cannoni che, più o men lontana, con dottamente computato empito manderanno la strage sulle mura merlate e sulle cittadelle nuotanti: e ammucchiarsi in piramidi le bombe che o si spegneranno stridenti nell’onde, o si conficcheranno nei fianchi d’antica fortezza americana, o porteranno volando nel vano le cervella d’un marinaro bestemmiante, o piombate in un magazzino di polvere faranno scoppiare i terrapieni, e sbalzar le tetta nel mare come foglia levata dal vento, e corpi vivi agonizzare schiacciati dalle ruine scroscianti. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Si disse innamorato della muraglia fiorita che sosteneva l'orto Gilardoni a fronte del lago, e desideroso di imitarla ad Albogasio 60 Superiore dove, se il lago mancava, i muri nudi eran troppi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La vecchia casa portava incrostati qua e là parecchi di questi venerandi nomi fossili che vivevano per la tradizione e figuravano, nella loro apparente assurdità, i misteri nella religione delle mura domestiche. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco non era conservatore che in religione e in arte; per le mura domestiche era un radicale ardente, immaginava sempre trasformazioni di pareti, di soffitti, di pavimenti, di arredi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Pareva che il Gilardoni e Luisa pensassero ad altro, che ascoltassero il batter delle onde ai muri dell'orto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli pareva che il silenzio della grande città avesse qualche cosa di minaccioso e di formidabile per quei soldati, che le stesse mura delle case nereggiassero d'odio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli venne in mente che il battello del signor ingegnere fosse legato male e potesse fracassarsi ai muri della darsena. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Arrivarono sulla scaletta preceduti dal prefetto che saltava muri e siepi come uno scoiattolo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ecco tra i vapori, oltre gli ulivi di Mainè, le bianche mura della dimora di Ombretta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Apparivano in lontananza le mura rossastre, i baluardi saglienti, le torri quadrangolari della città forte. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Appariva una esedra rossa su un prato sparso di gelsi ove pascolavano cavalli bai. Dinanzi erano le mura della città fendute di feritoie. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Era un triste cortile abbandonato. E i lampadarii di pallido vetro riapparvero in sale pompose e vuote; e riapparvero i letti insonni; e le vecchie tele cieche rossicarono e nereggiarono su le mura delle lunghe gallerie, simili alle pelli bovine tese e appese dai conciatori; e il coro dei passeri dagli embrici rotti cigolò giù per le armature sconnesse delle travi, giù pei travicelli attraversati, giù pei graticci sfondati dei palchi in ruina; e tutto fu ancóra desolazione senza bellezza. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
E, attraverso una grata, apparve una corte ingombra di macerie e d'erbe fra mura fendute ove rimanevano tracce di ornati dipinti a nodi; e, oltre le mura, una zona di palude rifulse, e riudito fu lo stridìo delle rondini, e traudito fu il gracidìo delle rane, nel cielo, nell'acqua, in un solo ardore indistinto. E la straziante Estate chiamò, tra l'una e l'altra voce. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
E apparivano nelle lunette le piante dipinte delle città circondate di mura e di torri, bagnate dal mare, attraversate dal fiume, fondate sul monte: Parise e Gerusalemme, Ulma e Lisbona, Berna e Marsilia; e quelle che sono per le imaginazioni degli uomini come gli aromi gli ozii le febbri i filtri le danze: Algeri, Toledo, Messina, Malta, l'egizia Alessandria. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Poi le figure superstiti nell'enormità di quella morte escirono dall'ombra e l'assalirono, e s'ingigantirono del suo dolore; e i contorcimenti dei grandi corpi rossastri nelle mura piene di battaglia furono come l'agitazione della sua demenza; e gli squarci e le fenditure e i mucchi furono come i resti del suo crollo; e tutto l'oro scolpito e sospeso e infranto sul suo capo fu come la perdizione del suo sogno ponderoso.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli era omai solo. Il cielo ridiveniva deserto. Qua e là sul campo i velìvoli s'atterravano: si posavano come migratori affaticati, cadevano sul fianco o sul rostro come falchi feriti. Una luce fulva, lo splendore distante delle biade mature, si spandeva su la brughiera selvaggia. L'abete degli steccati brillava come oro forbitissimo. Le mura delle cascine, le facce delle chiese e delle ville, i culmini dei campanili e delle torri in lontananza ardevano. Le ombre delle mète, delle travi, delle antenne s'allungavano. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
«Chi sa come gli usignuoli cantano, alla porta di Docciòla!» pensava Morìccica, presso il davanzale, svogliata di coricarsi, disperata di respirare, soffocata come se col respiro dovesse sollevare le mura della sua stanza. «Chi sa come cantano alla fonte di Mandringa, alla Badia!»
---------------
Non io le porterò questa volta; le porterà un'altra messaggera....» Cantando lontano un assiolo — dove? su le mura della Rocca vecchia? più lontano, laggiù, verso la Porta all'Arco? — Vana stava per rompere in pianto, contro il davanzale; quando udì qualcuno battere all'uscio della stanza. Sobbalzò. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella aveva socchiuso gli occhi ma vedeva per la lunga fenditura il bellissimo viso dell'adolescente inebriato di dolore. E dall'una giovinezza s'apprendeva all'altra il fascino del Buio, e ciascuna sentiva ingigantirsi la sua infelicità non confessata; e li accomunava entrambi il contagio letale; e la melodia ammonitrice li cerchiava del suo cerchio elastico come la pulsazione delle loro tempie. E intorno, presso e lontano, sentivano essi quel medesimo orrore che avevan sentito nella ruina irremeabile della Reggia estense quando s'erano stretti senza parlare e senza guardarsi; ché gli stessi fati facevano terribile la notte della Città di vento e di macigno sospesa su la sua bolgia tra le mura della Rocca piene di colpa e le case di San Girolamo piene di demenza. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
La vasta chiesa era smantellata, le mura erano pericolanti, tutti gli altari erano distrutti; i rocchi delle colonne erano abbattuti fra il pietrisco; altri erano ritti, e sopra vi riposavano i rudi capitelli dalle tre foglie e dai tre grappoli. Nell'abside dall'arco fatto di cunei neri e bianchi, nella sacrestia irta di rovi, qua e là nelle scaglie di scialbo rimaste su la panchina fulva, rosseggiavano vestigi di affreschi, simili a chiazze di sangue indelebile. Ogni imagine era vanita; soltanto il rosso persisteva come il testimonio d'un martirio insigne. E superstiti erano anche i due piedi trafitti del Crocifisso, accanto a una cupa tunica color di grumo. E la testa mozza di San Giusto, la testa quadra e barbata, lebbrosa di lichene, giaceva tra le céppite gialle. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Tuono d'infiniti guai udivano nella valle d'abisso. Lo sterpeto era deserto. La mole ferrigna di San Giusto si levava su l'altura munita di scarpate e di contrafforti come uno spalto. Dietro il colle la Città di vento e di macigno drizzava contro l'incursione delle nuvole le sue torri, i suoi campanili, il suo Mastio feroce, lo sprone formidabile della Rocca vecchia, le mura gigantesche costruite dagli scavatori di sepolcri e quelle cementate dal sangue civico. Le campane sonavano a doppio. A quando a quando la raffica simulava più alto quel clamore che perpetuo suona dentro la cerchia e sotto le porte dal giorno che la fellonìa del conestabile chiamò al bottino i fanti del Montefeltro: «Sacco, sacco!»
---------------
Da quella proda, più che dall'altra di laggiù, la voragine era spaventevole. Dalla profonda erosione centrale si creava un golfo d'ombra ove un dirupo irto di croste e di schegge si protendeva a piombo, smisurato come la ruina prodotta dal tremor dell'Inferno nel punto dell'estremo sospiro di Cristo. Quivi era la fauce inestinta che aveva già inghiottito le case degli uomini e di Dio, i borghi i monasteri le basiliche, e gli ipogei e le mura delle antichissime genti, e i cipressi e gli elci dalle radici inespugnabili. Come grofi di sale, come gromme di tartaro, come coaguli di sangue, biancheggiavano rosseggiavano le crete e i tufi giù per le ripe e per le lacche. Era la riviera del bollor vermiglio quella che fumigava a valle della vecchia roccia? Quella che luceva tra le grotte allamate era la lorda pozza ove Dante vide fitti nel limo gli iracondi? I sospiri, i pianti, le strida si rinnovellavano. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Un giardino chiuso in quattro muri folti di gelsomini, e non so se più odori quello di levante o quello di mezzodì. Senti!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Isabella, non so a che giovi questo interrogatorio inopportuno. Stanotte voglio andare con l'Àrdea su le mura di Lucca, risalendo il Serchio, voglio passare su la torre dei Guinigi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Dopo pranzo, uscì di nuovo per le vie non sapendo come ingannare la sua ansia. Sotto un portico violentemente illuminato udì un clamore di folla, uno scroscio di applausi. Alle mura e alle colonne pendevano imagini di pugilatori giganteschi in atto di combattere, seminudi, coi pugni armati di guanti enormi. Entrò in una vasta sala gremita, afosa di mille petti anelanti. Sopra un palco recinto di corde, un bianco e un negro combattevano, assistiti dall'arbitro. Ma non era un combattimento, era una carneficina disgustosa. Il bianco, già ridotto un cencio sanguinante, aveva le labbra lacere, il naso pesto, le palpebre gonfie, tutto il ceffo disfatto; ma resisteva tuttavia con un coraggio inumano, sputando nel sangue ingiurie atroci contro il suo carnefice. Il negro ghignava dalla larga fauce piena di denti d'oro, e senza pietà scagliava contro la mascella dell'avversario il pugno infallibile.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il silenzio era come quando la Città guerriera dei Rutuli dormiva intorno alla reggia di Turno, erma su le sue rupi che come le mura apparivano opera d'uomo, covando i sepolcri dei suoi morti. Non s'udiva se non il croscio dell'Incastro a valle, continuo come il tempo. Un cane uggiolava in un casale. Cigolava un baroccio su la strada di Anzio. Su i Monti Lanuvini brillava l'Orsa. Era come una notte nota che ritornasse nel giro degli anni, di molto molto lontano. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
* Là feci con quelle fronde una specie di corona e me la messi in capo ; mi buttai sulle spalle un gran cencio rosso e cominciai a girar lungo i muri cantando una lunga nenia che a me pareva eroica e fremebonda e battendo solennemente sopra una cassa di legno col manico d'un coltello . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Di sopra ai muri in cui la strada era incassata si spenzolavano i rami convulsionari de' bigi olivi o sfilavano i rosai nani , poveri , non curati , i rosai colle rose fradicie e sbiancate che cascavano foglia a foglia giù nella zanella a marcire . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Quante miglia rasente a quei muri ! Muri che vedo ancora ; muri bassi , quasi muriccioli che invitavano la gente a sedere ; muri umidi , toppati di licheni e di fungaie smeraldine , colle scolature nere e luccicanti delle feritoie ; muri altissimi , con alberi grossi , neri e fronzuti in alto , quasi a sostenere giardini pensili ; muri nuovi , appena fuori di porta , incalcinati da poco e decorati di rustici graffiti da manovale . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ogni tanto i muri si aprivano e succedevan le siepi vive , alte , prunose , bianche di brina e di neve in inverno , bianche di fiori in primavera , nere di more alla fin dell'estate . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E più lontano ancora sparivano muri e siepi — e la strada solinga e massicciata (come i viottoli conventuali in montagna) saliva tra i cipressi o tra gli abeti e avevo là sotto le valli solcate e i prati bagnati e i fondi di nebbia e T illusione dell'infinito . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E mi ricordo bene di certe corte e ventose giornate di gennaio e di febbraio , quando si camminava via lesti per le strade dure , ghiacciate , che risonavano sotto i passi , fra muri asciutti che rimandavan gli echi , sotto le sfilaccicature bianche delle nuvole alte . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Da una fanciullezza selvatica e precocemente introspettiva ; da un' umiliata solitudine imposta dalla timidezza , dalla diversità e dalla miseria ; dalle ripetute disfatte di un'enciclopedismo troppo ambizioso ; dal lirismo elegiaco rimuginato per strade grigie , tra muri anneriti sotto cieli di cenere ; dai confusi impeti verso una vita eroica , degna , poetica subito negati e annegati nella maledetta quotidianità di una vita ridotta , provinciale , striminzita e mortificante uscì un pessimismo disperato e chiuso in sé come una fortezza senza finestre . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ti rammenti dello stanzone buio tutto pieno di libri ; magazzino di tutte le delizie italiane e francesi ; ubertosa terra promessa di tutte le mie curiosità d' ignorante ? Ti rammenti le chiacchierate lunghe in camera tua , davanti al tepido sfavillio della legna asciutta , mentre scendeva rapida la sera e le campane suonavano senza mai smettere per qualche lutto dimen -65 ticato ? E ti ricordi quel giardinuccio sterile infossato tra muri umidi e finestre sempre chiuse dove per la prima volta abbiam parlato commossi di Stirner e della divina libertà dell'io ? O ti rammenti , piuttosto , quando s'andava ad aspettare il tramonto sui colli e si guardava la città distesa vigliaccamente sulle sponde del fiume lento e si diceva : Sarai nostra ? A volte s' andava più lontano , sui monti , in cerca di solitudine , di vento e di severità . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Si scappava presto dai muri di cinta , dalle siepi di fil di ferro , dai campi rigati a solchi diritti come un quaderno di scuola . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E quando si giungeva in cima , sotto i muri di un convento povero e chiuso o presso alle pietraie dei castellacci in rovina , si cantava la marsigliese nel gelido silenzio di febbraio dinanzi alle valli deserte e sconsolate , alle montagne lontane , nere di povertà lungo le coste , bianche di luce e di neve verso il cielo arruffato di nuvolaglia e il nostro petto s' allargava sotto T ansito dei polmoni e il battito del cuore . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Che tonfi ! che polvere ! Quanti calcinacci ! Cascano i muri con fracasso di bombe ; il polverio che ci intornia è denso come quello di una battaglia ancien regime , e i canti che s'alzano e si rispondono nel frastuono delle demolizioni son canti di guerra e inni di rivoluzione . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Si proclamerà la guerra a tutte le accademie fra i muri di un'accademia ! » . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Tre o quattro candele , infilzate nei chiodi che sporgevan dai muri o nelle bottiglie delle vernici , illuminavano misteriosamente lo stanzone eh' era traversato da una grossa trave che scendeva per tralice a nascondersi in uno degli angoli . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma bisognava vederlo dentro , il palazzo , in quel tempo : tutto sudicio e buio , colle scale mezze rovinate , i muri graffiati , i ballatoi murati a metà e il gran cortile pieno di svolte a sghembo e d'angoli pisciosi e di casse abbandonate . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il padrone di casa , quasi si vergognasse del sudiciume dei muri , ci portò un gran fascio di rame di lauro che vennero accomodate torno tomo o attaccate penzoloni su al palco . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E alcune volte m'è sembrato di averli presso di me , nella mia stanza , o d' incontrarli per le strade più care , lungo i fiumi scroscianti o i muri scortecciati e ho tentato di parlare e dir loro tutta la mia passione di solitario innamorato . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* La luna bianca sulla polvere bianca della strada , sui casamenti bianchi lungo la strada , sugli ulivi biancheggianti dietro i muri intonacati di fresco con la calcina bianca dava un' illuminazione di sogno un po' teatrale a quell'ora . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma per colui che non ha muri e resistenze da nessun lato , teoricamente libero , teoricamente onnipotente , il « cosa fare ? » è mille volte più enigmatico e minaccioso . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Tutti i tentativi e le prove e gli sforzi non sono stati inutili: molte pareti son cadute , molti muri sono stati atterrati e squarciati , alcuni pian piano , come rena che si sfascia , altri con gran rumore , come se una nuova terra scoppiasse fuor dell' antica . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non più le strade attorno a Firenze , incassate fra i muri bigi e i cancelli dei signori , ma i sentieri dei pecorai su per il dorso dell'Appennino , a tu per tu col cielo , coi boschi ai miei piedi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Dura cosa è la vita egoista , senza appoggi di amichevoli muri , senza calma di golfi riparati , senza offerta di mani calde di cordialità . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
aggere
= rialto - sing. masc. - plur.: aggeri - sorta di trincea costruita ai piedi delle mura nemiche
---------------
arciera
= feritoia aperta nelle mura , da cui gli arcieri scagliavano le frecce .
---------------
balestriera
= feritoia nelle mura di un castello , da cui si tirava con la balestra.
---------------
bastion terrapieno sostenuto da grosse mura , usato anticamente per rafforzare la difesa di una piazzaforte difesa.
---------------
biffa
= asta che reca in cima un segno ben visibile da lontano e un foro di traguardo , usata per operazioni topografiche e per allineamentisegnale a forma di x , di materiale rigido e fragile , posto alle crepe dei muri per controllare se si allargano.
---------------
bornio
= nelle antiche costruzioni , pietra sporgente verso l'esterno allo scopo di difendere i muri da colpi o urti masso sporgente.
---------------
brida
= briglia macchina da guerra con la quale , dall'alto delle mura di una città assediata , si agganciavano le macchine degli assedianti 3 dispositivo di serraggio , generalmente a forma di staffa a doppia vite 4 dispositivo accessorio del tornio , a forma di morsetto , che serve a bloccare il pezzo in lavorazione al menabrida.
---------------
brio
= muschio di color verde-argento , diffuso lungo i muri delle strade .
---------------
bugna
= ciascuna delle pietre lavorate aggettanti che caratterizzano la facciata o i muri esterni di certi edifici
---------------
canto
= angolo formato, all'interno o all'esterno, da due muri che s'incontrano
---------------
cantonata
= angolo formato dai muri esterni di una casa fra una strada e un'altra
---------------
castello
= grande edificio munito di mura e di torri, per lo più circondato anche da un fossato, eretto in età medievale come dimora fortificata di un signore feudale
---------------
edera
= frutice sempreverde con foglie palmate e infiorescenze verdicce - frequente sui muri o sui tronchi degli alberi cui si attacca per mezzo di piccole radici avventizie
---------------
falconara
= luogo in cui si allevano i falconi feritoia per le artiglierie nelle mura di una rocca
= 3 trave di rinforzo dal fondo alla poppa della nave .
---------------
feritoia
= piccola apertura , praticata nelle mura di torri e fortezze , nelle trincee , in mezzi blindati e sim . , allo scopo di tirare sul nemico rimanendo al coperto analoga apertura per l'aerazione e l'illuminazione di locali sotterranei
= 3 qualsiasi apertura molto stretta rispetto alla lunghezza
---------------
forato
= participio pass . di forare
= e - un tipo di mattone attraversato longitudinalmente da due - o più serie di fori a scopo di alleggerimento e isolamento termico e acustico , usato per muri non portanti .
---------------
geco
= piccolo rettile terrestre dei paesi mediterranei , con i polpastrelli delle dita muniti di organi adesivi che gli consentono di arrampicarsi sui muri .
---------------
immorsare
= verbo transitivo , mettere il morso al cavallo . - collegare due elementi a incastro , calettare - collegare due muri tramite immorsatura .
---------------
navata
= ciascuno degli spazi longitudinali in cui , mediante muri , colonne o pilastri , è divisa una chiesa
---------------
pelasgico
= che si riferisce o è proprio dei pelasgi , antichissima popolazione mediterranea ' mura pelasgiche , mura costruite con grandi blocchi di pietra squadrata , attribuite erroneamente alla civiltà pelasgica .
---------------
pomerio
= nell'antica roma , lo spazio di terreno immediatamente esterno e interno alle mura urbane , considerato sacro e mantenuto libero da costruzioni .
---------------
postierla o posterla , sett . pustierla ,
= un tempo , porticina segreta nelle mura di una città o di una fortezza .
---------------
ramparo
= massa di terra addossata alle mura di una fortificazione per proteggerla dal tiro d'artiglieria.
---------------
rampicante
= participio presente di rampicare , pianta a fusto lungo e sottile, che si appoggia su muri o altri sostegni attaccandovisi con viticci, radichette, cuscinetti adesivi
= gruppo di uccelli arrampicatori, caratterizzati dall'avere i piedi con due dita rivolte in avanti e due rivolte indietro .
---------------
rimurare
= verbo trans. murare di nuovo
---------------
saettiera
= nelle antiche mura , lo spazio tra i merli da cui i difensori potevano tirare con l'arco , la balestra , rimanendo al coperto .
---------------
sottotraccia o sotto traccia ,
= impianto elettrico o idraulico le cui condutture sono disposte sotto la superficie esterna dei muri di un edificio , in appositi alloggiamenti , in modo che restino visibili e raggiungibili i soli comandi esterni ed eventuali punti nodali .
---------------
terrapieno
= terra ammassata come rinforzo - sostegno di muri , argini , fortificazioni , sedi stradali ecc .
---------------
Verb: to wall-walled-walled
Ausiliar: to have - transitivo
Affermative - INDICATIVE
Present simple
I wall
you wall
he/she/it walls
we wall
you wall
they wall
Simple past
I walled
you walled
he/she/it walled
we walled
you walled
they walled
Simple past
I walled
you walled
he/she/it walled
we walled
you walled
they walled
Present perfect
I have walled
you have walled
he/she/it has walled
we have walled
you have walled
they have walled
Past perfect
I had walled
you had walled
he/she/it had walled
we had walled
you had walled
they had walled
Past perfect
I had walled
you had walled
he/she/it had walled
we had walled
you had walled
they had walled
Simple future
I I will wall
you you will wall
he/she/it he/she/it will wall
we we will wall
you I will wall
they they will wall
Future perfect
I will have walled
you will have walled
he/she/it will have walled
we will have walled
you will have walled
they will have walled
Present continuous
I am walling
you are walling
he/she/it is walling
we are walling
you are walling
they are walling
Past simple continuous
I was walling
you were walling
he/she/it was walling
we were walling
you were walling
they were walling
Future continuous
I will be walling
you will be walling
he/she/it will be walling
we will be walling
you will be walling
they will be walling
Future perfect continuous
I will have been walling
you will have been walling
he/she/it will have been walling
we will have been walling
you will have been walling
they will have been walling
Present perfect continuous
I have been walling
you have been walling
he/she/it has been walling
we have been walling
you have been walling
they have been walling
Past perfect continuous
I had been walling
you had been walling
he/she/it had been walling
we had been walling
you had been walling
they had been walling
Affermative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I wall
That you wall
That he/she/it wall
That we wall
That you wall
That they wall
Present perfect
That I have walled
That you have walled
That he/she/it have walled
That we have walled
That you have walled
That they have walled
Simple past
That I walled
That you walled
That he/she/it walled
That we walled
That you walled
That they walled
Past perfect
That I had walled
That you had walled
That he/she/it had walled
That we had walled
That you had walled
That they had walled
Affermative - CONDITIONAL
Present
I would wall
you would wall
we would wall
we would wall
you would wall
they would wall
Past
I would have walled
you would have walled
he/she/it would have walled
we would have walled
you would have walled
they would have walled
Present continous
I would be walling
you would be walling
we would be walling
we would be walling
you would be walling
they would be walling
Past continous
I would have been walling
you would have been walling
he/she/it would have been walling
we would have been walling
you would have been walling
they would have been walling
Affermative - IMPERATIVE
Present
let me wall
wall
let him wall
let us wall
wall
let them wall
 
 
 
 
 
 
 
Affermative - INFINITIVE
Present
to wall
Past
to have walled
Present continous
to be walling
Perfect continous
to have been walling
Affermative - PARTICIPLE
Present
walling
Past
walled
Perfect
having walled
Affermative - GERUND
Present
walling
Past
having walled
Passive - INDICATIVE
Present simple
I am walled
you are walled
he/she/it is walled
we are walled
you are walled
they are walled
Past simple
I was walled
you were walled
he/she/it was walled
we were walled
you were walled
they were walled
Past simple
I was walled
you were walled
he/she/it was walled
we were walled
you were walled
they were walled
Present perfect
I have been walled
you have been walled
he/she/it has been walled
we have been walled
you have been walled
they have been walled
Past perfect
I had been walled
you had been walled
he/she/it had been walled
we had been walled
you had been walled
they had been walled
Past perfect
I had been walled
you had been walled
he/she/it had been walled
we had been walled
you had been walled
they had been walled
Future simple
I will be walled
you will be walled
he/she/it will be walled
we will be walled
you will be walled
they will be walled
Future perfect
I will have been walled
you will have been walled
he/she/it will have been walled
we will have been walled
you will have been walled
they will have been walled
Present continuous
I am being walled
you are being walled
he/she/it is being walled
we are being walled
you are being walled
they are being walled
Past simple continuous
I was being walled
you were being walled
he/she/it was being walled
were being walled
you were being walled
they were being walled
Future continuous
I will being walled
you will being walled
he/she/it will being walled
we will being walled
you will being walled
they will being walled
Future perfect continuous
I will have been walled
you will have been walled
he/she/it will have been walled
we will have been walled
you will have been walled
they will have been walled
Present perfect continuous
I have been walled
you have been walled
he/she/it has been walled
we have been walled
you have been walled
they have been walled
Past perfect continuous
I had been walled
you had been walled
he/she/it had been walled
we had been walled
you had been walled
they had been walled
Passive - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I be walled
That you be walled
That he/she/it be walled
That we be walled
That you be walled
That they be walled
Present perfect
That I have been walled
That you have been walled
That he/she/it have been walled
That we have been walled
That you have been walled
That they have been walled
Simple past
That I were walled
That you were walled
That he/she/it were walled
That we were walled
That you were walled
That they were walled
Past perfect
That I had been walled
That you had been walled
That he/she/it had been walled
That we had been walled
That you had been walled
That they had been walled
CONDITIONAL
Present
I would be walled
you would be walled
we would be walled
we would be walled
you would be walled
they would be walled
Past
I would have been walled
you would have been walled
he/she/it would have been walled
we would have been walled
you would have been walled
they would have been walled
IMPERATIVE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INFINITIVE
Present
to be walled
Past
to have been walled
PARTICIPLE
Present
being walled
Past
walled
Perfect
having been walled
GERUND
Present
being walled
Past
having been walled
Negative - INDICATIVE
Present simple
I do not wall
you do not wall
he/she/it does not walls
we do not wall
you do not wall
they do not wall
Simple past
I did not wall
you did not wall
he/she/it did not wall
we did not wall
you did not wall
they did not wall
Simple past
I did not wall
you did not wall
he/she/it did not wall
we did not wall
you did not wall
they did not wall
Present perfect
I have not walled
you have not walled
he/she/it has not walled
we have not walled
you have not walled
they have not walled
Past perfect
I had not walled
you had not walled
he/she/it had not walled
we had not walled
you had not walled
they had not walled
Past perfect
I had not walled
you had not walled
he/she/it had not walled
we had not walled
you had not walled
they had not walled
Simple future
I I will not wall
you you will not wall
he/she/it he/she/it will not wall
we we will not wall
you I will not wall
they they will not wall
Future perfect
I will not have walled
you will not have walled
he/she/it will not have walled
we will not have walled
you will not have walled
they will not have walled
Present continuous
I am not walling
you are not walling
he/she/it is not walling
we are not walling
you are not walling
they are not walling
Past simple continuous
I was not walling
you were not walling
he/she/it was not walling
we were not walling
you were not walling
they were not walling
Future continuous
I will not be walling
you will not be walling
he/she/it will not be walling
we will not be walling
you will not be walling
they will not be walling
Future perfect continuous
I will not have been walling
you will not have been walling
he/she/it will not have been walling
we will not have been walling
you will not have been walling
they will not have been walling
Present perfect continuous
I have not been walling
you have not been walling
he/she/it has not been walling
we have not been walling
you have not been walling
they have not been walling
Past perfect continuous
I had not been walling
you had not been walling
he/she/it had not been walling
we had not been walling
you had not been walling
they had not been walling
Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I do not wall
That you do not wall
That he/she/it does not wall
That we do not wall
That you do not wall
That they do not wall
Present perfect
That I have not walled
That you have not walled
That he/she/it have not walled
That we have not walled
That you have not walled
That they have not walled
Simple past
That I did not wall
That you did not wall
That he/she/it did not wall
That we did not wall
That you did not wall
That they did not wall
Past perfect
That I had not walled
That you had not walled
That he/she/it had not walled
That we had not walled
That you had not walled
That they had not walled
Negative - CONDITIONAL
Present
I would not wall
you would not wall
we would not wall
we would not wall
you would not wall
they would not wall
Past
I would not have walled
you would not have walled
he/she/it would not have walled
we would not have walled
you would not have walled
they would not have walled
Present continous
I would not be walling
you would not be walling
we would not be walling
we would not be walling
you would not be walling
they would not be walling
Past continous
I would not have been walling
you would not have been walling
he/she/it would not have been walling
we would not have been walling
you would not have been walling
they would not have been walling
Negative - IMPERATIVE
Present
do not let me wall
do not wall
do not let him wall
do not let us wall
do not wall
do not let them wall
 
 
 
 
 
 
 
Negative - INFINITIVE
Present
not to wall
Past
not to have walled
Present continous
not to be walling
Perfect continous
not to have been walling
Negative - PARTICIPLE
Present
not walling
Past
not walled
Perfect
not having walled
Negative - GERUND
Present
not walling
Past
not having walled
Interrogative - INDICATIVE
Present simple
do I wall ?
do you wall ?
does she/he/it walls ?
do we wall ?
do you wall ?
do they wall ?
Simple past
did I wall ?
did you wall ?
did she/he/it wall ?
did we wall ?
did you wall ?
did they wall ?
Simple past
did I wall ?
did you wall ?
did she/he/it wall ?
did we wall ?
did you wall ?
did they wall ?
Present perfect
have I walled ?
have you walled ?
has she/he/it walled ?
have we walled ?
have you walled ?
have they walled ?
Past perfect
had I walled ?
had you walled ?
had she/he/it walled ?
had we walled ?
had you walled ?
had they walled ?
Past perfect
had I walled ?
had you walled ?
had she/he/it walled ?
had we walled ?
had you walled ?
had they walled ?
Simple future
will I wall ?
will you wall ?
will she/he/it wall ?
will we wall ?
will I wall ?
will they wall ?
Future perfect
will I have walled ?
will you have walled ?
will she/he/it have walled ?
will we have walled ?
will you have walled ?
will they have walled ?
Present continuous
am I walling ?
are you walling ?
is she/he/it walling ?
are we walling ?
are you walling ?
are they walling ?
Past simple continuous
was I walling ?
were you walling ?
was she/he/it walling ?
were we walling ?
were you walling ?
were they walling ?
Future continuous
will I be walling ?
will you be walling ?
will she/he/it be walling ?
will we be walling ?
will you be walling ?
will they be walling ?
Future perfect continuous
will I have been walling ?
will you have been walling ?
will she/he/it have been walling ?
will we have been walling ?
will you have been walling ?
will they have been walling ?
Present perfect continuous
have I been walling ?
have you been walling ?
has she/he/it been walling ?
have we been walling ?
have you been walling ?
have they been walling ?
Past perfect continuous
had I been walling ?
had you been walling ?
had she/he/it been walling ?
had we been walling ?
had you been walling ?
had they been walling ?
Interrogative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I wall ?
That do you wall ?
That does she/he/it wall ?
That do we wall ?
That do you wall ?
That do they wall ?
Present perfect
That have I walled ?
That have you walled ?
That have she/he/it walled ?
That have we walled ?
That have you walled ?
That have they walled ?
Simple past
That did I wall ?
That did you wall ?
That did she/he/it wall ?
That did we wall ?
That did you wall ?
That did they wall ?
Past perfect
That had I walled ?
That had you walled ?
That had she/he/it walled ?
That had we walled ?
That had you walled ?
That had they walled ?
Interrogative - CONDITIONAL
Present
would I wall ?
would you wall ?
would she/he/it wall ?
would we wall ?
would you wall ?
would they wall ?
Past
would I have walled?
would you have walled?
would she/he/it have walled?
would we have walled?
would you have walled?
would they have walled?
Present continous
would I be walling ?
would you be walling ?
would she/he/it be walling ?
would we be walling ?
would you be walling ?
would they be walling ?
Past continous
would I have been walling?
would you have been walling?
would she/he/it have been walling?
would we have been walling?
would you have been walling?
would they have been walling?
Interrogative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Interrogative-Negative - INDICATIVE
Present simple
do I not wall ?
do you not wall ?
does she/he/it not walls ?
do we not wall ?
do you not wall ?
do they not wall ?
Simple past
did I not wall ?
did you not wall ?
did she/he/it not wall ?
did we not wall ?
did you not wall ?
did they not wall ?
Simple past
did I not wall ?
did you not wall ?
did she/he/it not wall ?
did we not wall ?
did you not wall ?
did they not wall ?
Present perfect
have I not walled ?
have you not walled ?
has she/he/it not walled ?
have we not walled ?
have you not walled ?
have they not walled ?
Past perfect
had I not walled ?
had you not walled ?
had she/he/it not walled ?
had we not walled ?
had you not walled ?
had they not walled ?
Past perfect
had I not walled ?
had you not walled ?
had she/he/it not walled ?
had we not walled ?
had you not walled ?
had they not walled ?
Simple future
will I not wall ?
will you not wall ?
will she/he/it not wall ?
will we not wall ?
will I not wall ?
will they not wall ?
Future perfect
will I not have walled ?
will you not have walled ?
will she/he/it not have walled ?
will we not have walled ?
will you not have walled ?
will they not have walled ?
Present continuous
am I not walling ?
are you not walling ?
is she/he/it not walling ?
are we not walling ?
are you not walling ?
are they not walling ?
Past simple continuous
was I not walling ?
were you not walling ?
was she/he/it not walling ?
were we not walling ?
were you not walling ?
were they not walling ?
Future continuous
will I not be walling ?
will you not be walling ?
will she/he/it not be walling ?
will we not be walling ?
will you not be walling ?
will they not be walling ?
Future perfect continuous
will I not have been walling ?
will you not have been walling ?
will she/he/it not have been walling ?
will we not have been walling ?
will you not have been walling ?
will they not have been walling ?
Present perfect continuous
have I not been walling ?
have you not been walling ?
has she/he/it not been walling ?
have we not been walling ?
have you not been walling ?
have they not been walling ?
Past perfect continuous
had I not been walling ?
had you not been walling ?
had she/he/it not been walling ?
had we not been walling ?
had you not been walling ?
had they not been walling ?
Interrogative-Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I not wall ?
That do you not wall ?
That does she/he/it not wall ?
That do we not wall ?
That do you not wall ?
That do they not wall ?
Present perfect
That have I not walled ?
That have you not walled ?
That have she/he/it not walled ?
That have we not walled ?
That have you not walled ?
That have they not walled ?
Simple past
That did I not wall ?
That did you not wall ?
That did she/he/it not wall ?
That did we not wall ?
That did you not wall ?
That did they not wall ?
Past perfect
That had I not walled ?
That had you not walled ?
That had she/he/it not walled ?
That had we not walled ?
That had you not walled ?
That had they not walled ?
Interrogative-Negative - CONDITIONAL
Present
would I not wall ?
would you not wall ?
would she/he/it not wall ?
would we not wall ?
would you not wall ?
would they not wall ?
Past
would I not have walled?
would you not have walled?
would she/he/it not have walled?
would we not have walled?
would you not have walled?
would they not have walled?
Present continous
would I not be walling ?
would you not be walling ?
would she/he/it not be walling ?
would we not be walling ?
would you not be walling ?
would they not be walling ?
Past continous
would I not have been walling?
would you not have been walling?
would she/he/it not have been walling?
would we not have been walling?
would you not have been walling?
would they not have been walling?
Interrogative-Negative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Coniugazione:1 - murare
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io muro
tu muri
egli mura
noi muriamo
voi murate
essi murano
Imperfetto
io muravo
tu muravi
egli murava
noi muravamo
voi muravate
essi muravano
Passato remoto
io murai
tu murasti
egli murò
noi murammo
voi muraste
essi murarono
Passato prossimo
io ho murato
tu hai murato
egli ha murato
noi abbiamo murato
voi avete murato
essi hanno murato
Trapassato prossimo
io avevo murato
tu avevi murato
egli aveva murato
noi avevamo murato
voi avevate murato
essi avevano murato
Trapassato remoto
io ebbi murato
tu avesti murato
egli ebbe murato
noi avemmo murato
voi eveste murato
essi ebbero murato
Futuro semplice
io murerò
tu murerai
egli murerà
noi mureremo
voi murerete
essi mureranno
Futuro anteriore
io avrò murato
tu avrai murato
egli avrà murato
noi avremo murato
voi avrete murato
essi avranno murato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io muri
che tu muri
che egli muri
che noi muriamo
che voi muriate
che essi murino
Passato
che io abbia murato
che tu abbia murato
che egli abbia murato
che noi abbiamo murato
che voi abbiate murato
che essi abbiano murato
Imperfetto
che io murassi
che tu murassi
che egli murasse
che noi murassimo
che voi muraste
che essi murassero
Trapassato
che io avessi murato
che tu avessi murato
che egli avesse murato
che noi avessimo murato
che voi aveste murato
che essi avessero murato
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io murerei
tu mureresti
egli murerebbe
noi mureremmo
voi murereste
essi murerebbero
Passato
io avrei murato
tu avresti murato
egli avrebbe murato
noi avremmo murato
voi avreste murato
essi avrebbero murato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
mura
muri
muriamo
murate
murino
Futuro
-
murerai
murerà
mureremo
murerete
mureranno
INFINITO - attivo
Presente
murare
Passato
avere murato
 
 
PARTICIPIO - attivo
Presente
murante
Passato
murato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
murando
Passato
avendo murato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono murato
tu sei murato
egli é murato
noi siamo murati
voi siete murati
essi sono murati
Imperfetto
io ero murato
tu eri murato
egli era murato
noi eravamo murati
voi eravate murati
essi erano murati
Passato remoto
io fui murato
tu fosti murato
egli fu murato
noi fummo murati
voi foste murati
essi furono murati
Passato prossimo
io sono stato murato
tu sei stato murato
egli é stato murato
noi siamo stati murati
voi siete stati murati
essi sono stati murati
Trapassato prossimo
io ero stato murato
tu eri stato murato
egli era stato murato
noi eravamo stati murati
voi eravate stati murati
essi erano statimurati
Trapassato remoto
io fui stato murato
tu fosti stato murato
egli fu stato murato
noi fummo stati murati
voi foste stati murati
essi furono stati murati
Futuro semplice
io sarò murato
tu sarai murato
egli sarà murato
noi saremo murati
voi sarete murati
essi saranno murati
Futuro anteriore
io sarò stato murato
tu sarai stato murato
egli sarà stato murato
noi saremo stati murati
voi sarete stati murati
essi saranno stati murati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia murato
che tu sia murato
che egli sia murato
che noi siamo murati
che voi siate murati
che essi siano murati
Passato
che io sia stato murato
che tu sia stato murato
che egli sia stato murato
che noi siamo stati murati
che voi siate stati murati
che essi siano stati murati
Imperfetto
che io fossi murato
che tu fossi murato
che egli fosse murato
che noi fossimo murati
che voi foste murati
che essi fossero murati
Trapassato
che io fossi stato murato
che tu fossi stato murato
che egli fosse stato murato
che noi fossimo stati murati
che voi foste stati murati
che essi fossero stati murati
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei murato
tu saresti murato
egli sarebbe murato
noi saremmo murati
voi sareste murati
essi sarebbero murati
Passato
io sarei stato murato
tu saresti stato murato
egli sarebbe stato murato
noi saremmo stati murati
voi sareste stati murati
essi sarebbero stati murati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii murato
sia murato
siamo murati
siate murati
siano murati
Futuro
-
sarai murato
sarà murato
saremo murati
sarete murati
saranno murati
INFINITO - passivo
Presente
essere murato
Passato
essere stato murato
 
 
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
murato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo murato
Passato
essendo stato murato