Good navigation with NihilScio!  Facebook page
NihilScio     Home
 

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo
Italiano
Inglese

á    è     é    ì     í    ò
ó     ù    ú    ü    ñ    ç
sinonimi di
uprate
  Cerca  frasi:
Vocabulary and phrases
uprate
= potenziare , migliorare ,
---------------
Vocabulary and phrases
potenziare
= verbo trans . rendere potente o più potente
---------------
* Quindi era , in que' tempi , portata al massimo punto la tendenza degl'individui a tenersi collegati in classi , a formarne delle nuove , e a procurare ognuno la maggior potenza di quella a cui apparteneva .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Così dicendo , appoggiò il gomito sinistro sul ginocchio , chinò la fronte nella palma , e con la destra strinse la barba e il mento , come per tener ferme e unite tutte le potenze dell'animo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Perciò , non vi maravigliate se fra Cristoforo , col buon testimonio della sua coscienza , col sentimento fermissimo della giustizia della causa che veniva a sostenere , con un sentimento misto d'orrore e di compassione per don Rodrigo , stesse con una cert'aria di suggezione e di rispetto , alla presenza di quello stesso don Rodrigo , ch'era lì in capo di tavola , in casa sua , nel suo regno , circondato d'amici , d'omaggi , di tanti segni della sua potenza , con un viso da far morire in bocca a chi si sia una preghiera , non che un consiglio , non che una correzione , non che un rimprovero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per don Rodrigo , l'acquisto non era stato di poca importanza ; perché il Griso , oltre all'essere , senza paragone , il più valente della famiglia , era anche una prova di ciò che il suo padrone aveva potuto attentar felicemente contro le leggi ; di modo che la sua potenza ne veniva ingrandita , nel fatto e nell'opinione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tra queste deplorabili guerricciole con sé e con gli altri , aveva varcata la puerizia , e s'inoltrava in quell'età così critica , nella quale par che entri nell'animo quasi una potenza misteriosa , che solleva , adorna , rinvigorisce tutte l'inclinazioni , tutte l'idee , e qualche volta le trasforma , o le rivolge a un corso impreveduto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Oualche parente de' più titolati , di quelli il cui solo casato era un gran titolo ; e che , col solo contegno , con una certa sicurezza nativa , con una sprezzatura signorile , parlando di cose grandi con termini famigliari , riuscivano , anche senza farlo apposta , a imprimere e rinfrescare , ogni momento , l'idea della superiorità e della potenza ; e alcuni clienti legati alla casa per una dipendenza ereditaria , e al personaggio per una servitù di tutta la vita ; i quali , cominciando dalla minestra a dir di sì , con la bocca , con gli occhi , con gli orecchi , con tutta la testa , con tutto il corpo , con tutta l'anima , alle frutte v'avevan ridotto un uomo a non ricordarsi più come si facesse a dir di no .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Queste parole furon dette con un accento disperato ; ma Federigo , con un tono solenne , come di placida ispirazione , rispose: - cosa può far Dio di voi ? cosa vuol farne ? Un segno della sua potenza e della sua bontà: vuol cavar da voi una gloria che nessun altro gli potrebbe dare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Che il mondo gridi da tanto tempo contro di voi , che mille e mille voci detestino le vostre opere . . .- (l'innominato si scosse , e rimase stupefatto un momento nel sentir quel linguaggio così insolito , più stupefatto ancora di non provarne sdegno , anzi quasi un sollievo) ; - che gloria , - proseguiva Federigo , - ne viene a Dio ? Son voci di terrore , son voci d'interesse ; voci forse anche di giustizia , ma d'una giustizia così facile , così naturale ! alcune forse , pur troppo , d'invidia di codesta vostra sciagurata potenza , di codesta , fino ad oggi , deplorabile sicurezza d'animo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Allora tutte le potenze del suo animo , appena riavute , furon sopraffatte di nuovo , a un tratto: e se quell'animo non fosse stato così preparato da una vita d'innocenza , di rassegnazione e di fiducia , la costernazione che provò in quel momento , sarebbe stata disperazione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Nel peggior dei casi, rimanere a Potenza - nel peggiore dei casi, bada! Orbene, il Governo mi lasciò a Potenza, capisci? A Potenza, a Potenza! Economie...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Di Udine, poi, non ti parlo: ci sono stato addirittura; ci son voluto andare per tre giorni, e ho veduto tutto, tutto esaminato: ho cercato di viverci tre giorni la vita che avrei potuto viverci, se il Governo assassino non m'avesse lasciato a Potenza.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E guarda, Valdoggi! Se quello sciocco non si fosse allontanato per un anno da Potenza, dando cosí agio a me d'innamorarmi per mia sciagura di Margherita, a quest'ora quei due sarebbero senza dubbio marito e moglie, e probabilmente felici...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Posso crederli vivi entrambi, quando voglio, laggiú a Potenza, nella loro casa...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma come? Per render piú sicura l'assoluzione di quei giovanotti? E perché allora vi siete querelato? Il Chiàrchiaro ebbe un prorompimento di stizza per la durezza di mente del giudice D'Andrea; si levò in piedi, gridando con le braccia per aria: - Ma perché io voglio, signor giudice, un riconoscimento ufficiale della mia potenza, non capisce ancora? Voglio che sia ufficialmente riconosciuta questa mia potenza spaventosa, che è ormai l'unico mio capitale! E ansimando, protese il braccio, batté forte sul pavimento la canna d'India e rimase un pezzo impostato in quell'atteggiamento grottescamente imperioso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché mostra di non credere alla mia potenza! Ma per fortuna ci credono gli altri, sa? Tutti, tutti ci credono! E ci son tante case da giuoco in questo paese! Basterà che io mi presenti; non ci sarà bisogno di dir nulla.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mi pagheranno per farmi andar via! Mi metterò a ronzare attorno a tutte le fabbriche; mi pianterò innanzi a tutte le botteghe; e tutti, tutti mi pagheranno la tassa, lei dice dell'ignoranza? io dico la tassa della salute! Perché, signor giudice, ho accumulato tanta bile e tanto odio, io, contro tutta questa schifosa umanità, che veramente credo d'aver ormai in questi occhi la potenza di far crollare dalle fondamenta una intera città! Il giudice D'Andrea, ancora con la testa tra le mani, aspettò un pezzo che l'angoscia che gli serrava la gola desse adito alla voce.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E nessuna traccia sarebbe rimasta di lui, che pure aveva un tempo sognato d'avere in sé la potenza di dare un'espressione nuova, un'espressione sua alle cose...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nessuno può far miracoli, e tanto meno, su la base d'un cosí fatto progetto, potrà farne il Municipio di Milocca! Scoppiarono frenetici applausi e il consigliere Ansatti si precipitò dal suo banco ad abbracciare e baciare il Maganza; poi, rivolto al pubblico e ritornando man mano al suo posto, prese a gridare tutto infocato, con violenti gesti: - Si osa proporre, o signori, oggi, oggi, come se noi ci trovassimo dieci o venti anni addietro, al tempo di Galileo Ferraris, si osa proporre un impianto idro-termo-elettrico a Milocca! Ah come mi metterei a ridere, se potesse parermi uno scherzo! Ma coi denari dei contribuenti, o signori della Giunta, non è lecito scherzare, ed io non rido, io m'infiammo anzi di sdegno! Un impianto idrotermo- elettrico a Milocca, quando già spunta su l'orizzonte scientifico la gloria consacrata di Pictet? Non vi farò il torto di credere, o signori, che voi ignoriate chi sia l'illustre professor Pictet, colui che con un processo di produzione economica dell'ossigeno industriale prepara una memoranda rivoluzione nel mondo della scienza, della tecnica e dell'industria, una rivoluzione che sconvolgerà tutto il macchinismo della vita moderna, sostituendo questo nuovo elemento di luce e di calore a tutti quelli, di potenza molto minore, che finora sono in uso! E con questo tono e con crescente fuoco, il consigliere Ansatti spiegò al pubblico attonito e affascinato la scoperta del Pictet, e come col sistema da lui inventato le fiamme delle reticelle Auer sarebbero arrivate alle altissime temperature di tre mila gradi, aumentando di ben venti volte la loro luminosità; e come la luce cosí ottenuta sarebbe stata, a differenza di tutte le altre, molto simile a quella solare; e che se poi, al posto del gas, si fosse messa un'altra miscela derivante da un trattamento del carbon fossile col vapore acqueo e l'ossigeno industriale, il potere calorifico sarebbe aumentato di altre sei volte! Mentr'egli spiegava questi prodigi, il consigliere Zagardi, suo rivale, quello che mi aveva compianto per la scala, sogghignava sotto sotto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
«In nome di Sua Maestà il Re . . .» La carta aveva qualcosa di misterioso e di terribile: pareva mandata da una potenza malefica .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tutte le grandezze della terra , anche se toccavano a lui , anche se egli diventava re , anche se avesse la potenza di render felici tutti gli uomini del mondo , non bastavano a cancellare il suo delitto , a liberarlo dall'inferno .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Efix ! Efix ! Il viso di Giacinto , gli occhi dolci umidi di pietà stavano sopra di lui: fra tante figure morte quella gli parve ancora la sola viva , tanto viva che le sue mani calde avevano quasi la potenza di tirarlo su , rimetterlo dritto nel mondo di qua .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Egli era sempre intorno a me, supplichevole, quasi sopraffatto da’ desideri insaziati, e attonito della potenza loro, e immemore degl’impeti antichi: liberale di presenti, de’ quali io ricusavo gran parte, o li serbavo a quella donna, sempre più impicciata sì che mi faceva pietà. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Potenza dell’affetto e dell’arte! Tu non pensavi, o povero abitatore del chiostro, che poche linee segnate dalla tua mano dovessero cinquecent’anni dopo la morte tua consolare, non viste, gli occhi morenti d’una povera donna piena d’amore.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
I re e le regine di tarocchi, il Mondo, il Matto e il Bagatto erano in quel tempo e in quel paese personaggi d'importanza, minute potenze tollerate benevolmente nel seno del grande tacito impero d'Austria, dove le loro inimicizie, le loro alleanze, le loro guerre erano il solo argomento politico di cui si potesse liberamente discutere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ell'era venuta con la figliuola da Loveno dopo un'arcana azione diplomatica cui avevano preso parte altre potenze. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La grandezza, la potenza, la gloria dell'Austria gli ispiravano un orgoglio smisurato. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Un'olea fragrans vi diceva in un angolo la potenza delle cose gentili sul caldo impetuoso spirito del poeta; un cipressino poco accetto a Luisa vi diceva in un altro angolo la sua religiosità; un piccolo parapetto di mattoni a traforo, fra il cipresso e l'olea, con due righe di tufi in testa che contenevano un ridente popolo di verbene, petunie e portulache, accennava alla ingegnosità singolare dell'autore; le molte rose sparse dappertutto parlavano del suo affetto alla bellezza classica; il ficus repens che vestiva le muraglie verso il lago, i due aranci nel mezzo dei due ripiani, un vigoroso, lucido carrubo rivelavano un temperamento freddoloso, una fantasia volta sempre al mezzogiorno, insensibile al fascino del nord. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La lettera diceva ch'erano in corso a Torino, a Parigi e a Londra segretissime pratiche per avere la cooperazione armata del Piemonte in Oriente, che la cosa era in massima decisa fra i tre Gabinetti, che restavano solamente a risolvere alcuna difficoltà di forma perché il conte di Cavour esigeva i maggiori riguardi alla dignità del suo paese; che a Torino si era certi di ricevere al più tardi in dicembre l'invito ufficiale delle Potenze occidentali per accedere puramente e semplicemente al trattato del 10 aprile 1854. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa a Franco Oria, 12 settembre 1 1 Il riverito signor Ismaele ci ha fatto molto aspettare l'ultima tua, perché da Lugano invece di venire a Oria è andato a Caprino con alcuni amici suoi e delle Potenze Occidentali a festeggiare la presa di Sebastopoli nella cantina dello Scarselon e là ha bevuto «un cicinìn» e quindi è ritornato a Lugano dove un altro «cicinìn» lo ha fatto dormire come un salame fino a mercoledì mattina. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Evviva!» Egli aveva poi anche un gran concetto della potenza austriaca e non vedeva roseo come Franco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
E nessuna potenza umana o divina potrà ridar la luce degli occhi alla sua piú piccola figliuola, da sei anni cieca.
---------------
E trasposta era in lui l'illusione medesima, ché egli sentiva sotto le sue mani nella potenza dell'impulso grandeggiare il palpito della creatura agognata. Ed entrambi, come nella mischia ignuda, avevano il viso cocente ma nella schiena il brivido gelido. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella non sorrideva; ma sembrava che s'appoggiasse su ogni parola come per comunicare a ciascuna il suo proprio peso, il peso della sua potenza e della sua imperfezione e di tutto l'ignoto ch'ella portava dentro. E gli stridi delle rondini su per gli stagni le fendevano l'anima come il diamante fende il vetro, e dubbio è qual dei due strida. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ecco, ella si soffermava sul ripiano traendo un gran respiro; e l'occhio a un tratto si stupiva nello scoprire la larghezza delle sue spalle, la profondità del suo torace, la potenza delle sue reni, la rettitudine della sua ossatura su i piedi non piccoli ma dal fiosso arcuato così che si equilibravano sul calcagno e sul pollice come quelli della Libica michelangiolesca. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
E all'improvviso dal suo corpo, dalla sua grazia, dalla sua potenza, dalle pieghe della sua veste, da tutte le linee della sua persona, da quel ch'era la sua vita e da quel ch'era apposto alla sua vita — con la fatalità dell'acqua che va alla china, del vapore che tende all'alto — si formò qualcosa di breve e d'infinito, qualcosa di fuggevole e di eterno, di consueto e d'incomparabile: lo sguardo, quello sguardo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Quando per la scaletta di tredici gradini il custode li condusse agli scrigni della principessa estense, quando riudirono la rondine stridere nella perla sospesa del giorno, la potenza chimerica della vita li percosse tutti nel mezzo del cuore, quivi fece più crudamente dolere i mali e i sogni inconfessabili. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Quasi tutte le amicizie umane sono fondate su la ragion leonina; ove l'uno prende più di quel che dona, l'altro fa atto d'offerta e d'abnegazione, si sottomette e si umilia, imita e consente, è tiranneggiato e protetto. Ma la loro amicizia era fatta di due stature eguali, di due pari potenze, di due libertà e di due fedeltà indomabili.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Un aspro affanno travagliava l'adolescente, una sorta d'invidia ascetica verso la potenza di quel dolore, un'aspirazione tumultuosa verso l'inaccessibile solitudine di quello spirito. Egli voleva tutto dalla vita. Tutto era dovuto alla sua giovinezza dalla bella fronte. Ogni spettacolo dell'altrui passione o dell'altrui piacere gli suscitava il rancore come per un privilegio che gli fosse tolto. Egli soffriva di ritrovarsi in quella vecchia stanza d'albergo ingombra di bauli, piena dell'odore languido emanato dalle vesti femminili sparse per ovunque, dai veli, dalle piume, dai guanti, dalle tante squisite cose vane; mentre laggiù, nella brughiera selvaggia, sotto il nudo ricovero, un vincitore vegliava il cadavere del suo compagno avvolto nel vessillo della gara e disteso sul letto da campo, con un dolore magnanimo che agguagliava quella tettoia d'abete e di ferro alla trabacca d'abete e di paglia costrutta dai Mirmìdoni, ove portarono gli Achei la spoglia di Patroclo Actòride. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ora ella lo amava con tutte le forze della sua vita, perdutamente; e implorava dal suo amore una potenza senza limiti, una virtù d'incanti. «Entraste, come chi apre una porta e comanda a un estraneo: — Lascia tutto e vieni con me. — E non dubita dell'obbedienza». Le si riaccendevano nella memoria le parole di Paolo dette su la via della morte, dopo la corsa folle contro il carro carico di tronchi. E raccontava al suo cuore divenuto puerile: «Ecco, ora vado al campo; m'accosto alla sua tettoia; separo le cortine e sporgo il viso. Egli è seduto accanto al letto funebre. Mi sente, mi guarda, si alza, cammina come un sonnambulo, si lascia prendere per la mano, dimentica tutto, viene con me, nella notte, nell'alba». (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
L'atto ch'egli era per compiere al conspetto della folla era un atto di silenzio, un atto religioso, comandato da una necessità interiore ch'egli non indagava ma che nessuna forza di persuasione avrebbe potuto abolire. Andava egli incontro al presagio? sfidava la morte? sperava nella morte? Non v'era in lui né l'ansia del presentimento né l'eccitazione della prodezza; sì v'era una pacata potenza di dolore e di attesa come s'egli andasse a un alto colloquio desiderato dalla cara Ombra fraterna. Egli sentiva in sé quello stupendo gelo che accompagna la volontà di là dal limite noto, quando sembra che l'anima si muti in un monte di rigido diamante e non lasci vivere sul suo culmine aguzzo se non un solo pensiero aquilino. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ma, quanto più egli saliva, quanto più egli lottava, tanto più gli si rivelava quella presenza animosa, «Dove giungesti? dove fermasti il volo? dove ti raggiunse il soffio mortale? ancóra più in alto? Tutto è scomparso. La terra è una nuvola più opaca. È nostro il cielo». Vivido e torbido come una gioventù impaziente era il cielo. Un riso indocile vi correva, or sì or no, a scrosci, a sprazzi. Le righe della pioggia v'eran tiepide come i raggi; gli sprazzi del sole v'eran freschi come la pioggia, a volta a volta; i vapori vi si laceravano come gli orli delle tuniche sotto i piedi che danzano. Il nembo danzava con proterva allegrezza fra i tuoni. La nuvola immobile della terra era piena di delirio, era piena d'un clamore che non s'udiva nel cielo. La potenza eroica crosciava su la moltitudine remota come un nembo mille volte più forte. Non la Nike soltanto ma tutta la gloria della stirpe era alzata su la colonna di Roma. Ché le miriadi delle pupille avevano veduto anche una volta su l'albero il segno del limite superato!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli non s'era mai accorto che tanto ella pesasse: pesava come il marmo, gli schiacciava le costole. Ma sotto le costole egli aveva una ben altra tortura: il becco dell'avvoltoio invisibile, che gli lacerava il fegato. Non udiva le ciance della lusingatrice, ma dentro di sé una estranea voce virile. «La mia macchina è a ordine, di tutto punto. Il sopraccarico del cilindro d'aria appena appena ne diminuisce la potenza. Ho un'elica nuova che rende a meraviglia. Sento con gioia un soffio che viene dalla terra, un vento di marea che mi spingerà verso lo Stretto». (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli era più pallido della morte. Ella era presso la muraglia, in piedi, col fianco e con l'omero contro quella. Tacque, ma qualcosa di spietato era nel suo profilo che si rilevava dal piano del masso fulvo, qualcosa di spietato e di serrato. Entrambi stettero in silenzio, sospesi nella vertigine, con tutte le potenze e tutte le fatalità della vita imminenti alla loro giovinezza miserabile. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli le accarezzava i capelli le gote il mento con le dita tremanti, accosciato negli sterpi accanto a lei. E, mentre le sue dita si bagnavano, mentre la creatura estenuata gli singhiozzava presso il cuore, guardò la proda discosta, guardò la sterpaia costellata di fiori, la luna rosea sospesa su la collina di viola, il fuoco morente d'una nuvola sul colosso di San Giusto; e l'inconsapevole gioia della giovinezza respirò in lui dall'intimo. Egli viveva: dilatava i suoi polmoni sani nel suo petto, adunava nei suoi occhi la bellezza mutevole del mondo, risuscitava il sapore dell'acqua nella sua bocca che aveva turbato le donne alla fontana, celava nella sua anima l'arte di conciliare l'inconciliabile. Egli viveva, era incolume con tutti i suoi mali ma con tutte le sue armi. E conosceva il brivido dell'agonia e la potenza dell'abisso. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Una musculatura leonina, i tendini d'un leone balzante aveva il dolore di Vana. Era una potenza irrefrenabile, che la sopraffaceva e la traeva senza scampo, la scoteva e la sbatteva senza pietà. Né ella tentava di resistere, né pensava che in una tregua potesse ella trovare sollievo. Tale forse la vergine cristiana che il bestiario legava alla fiera preparata pel gioco circense. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella parlava con bassissima voce, come allora là dove il silenzio era suggellato. Egli riceveva ogni parola come un aumento di dolore, come una pena che entrasse nella sua pena e la dilatasse e risollevasse dal fondo qualcuna delle forze che un tempo avevano fatta la bellezza della sua guerra. Gli pareva di riudirla nella sua solitudine di quella notte, con qualcosa di quella sua potenza e di quella sua pietà. Il pianto che colava sotto quella voce senza inumidirla, gli pareva quello ch'ella aveva pianto dentro di lui innanzi al compagno esanime, quello che tanto gli era stato dolce nell'arido lutto. Una commozione dileguata gli si riadunava dentro: egli la sentiva crescere fino alla pienezza. E, come per una fenditura irreparabile, una fuga era in lui continua, una fuga dell'intima sua sostanza, quasi che di continuo il suo sangue, le ossa del suo petto, gli organi stessi del suo respiro divenuti un solo miscuglio fluido e affannoso lo abbandonassero, se ne andassero, seguissero una traccia, un cammino: la corsa di quei due già fuori della vista, già scomparsi nella caligine. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Non più esse chiedevano, non più sceglievano le canzoni. Ella medesima sfogliava con la mano febrile il quaderno sospeso su la tastiera, indicava a Novella la pagina, senza intervallo passava da un grido di amore a un grido di dolore, da un anelito per la vita a una invocazione della morte. Esse tutte s'abbandonavano al rapimento, si protendevano verso la potenza, in attitudini che sembravano palesare il rilievo della loro verità nascosto fino a quel punto dalla grazia fallace. Poggiavano la gota su la palma, il cubito sul ginocchio, annodavano le due mani e le ponevano presso il mento, col gesto di chi supplica, rovesciavano in dietro il capo e schiudevano all'aria le labbra come chi ha il petto scavato dall'ambascia. I loro volti erano mutati, come spogli di ciò che li adornava, non ricchi se non di ciò che esprimevano: volti di angeli neutri, sospesi tra l'inquietudine della lor natura incompiuta e la divinazione di tutte le possibilità. Sentivano esse in confuso che quella voce era la voce d'una vita simile alla loro ma giunta con uno sforzo di pena in un cammino ignoto al culmine dell'erta per ove esse salivano e tentata di precipitarsi dalla parte dell'ombra.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ben era viva, uno stretto nesso di vita ella era, un tenace nodo di potenza; e la massa della sua chioma piantata intorno alla sua fronte era come quel torsello che è imposto al capo il qual debba sollevare grande peso. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Per l'ultima volta la potenza dell'odio creò di tutto rilievo la figura ondeggiante con la pieghevolezza delle malvage murene. — Aveva vinto, aveva vinto ancóra! Ancóra una volta, certo, aveva inebriato di voluttà e di menzogna la bestia ruggente! Era incolume. L'ora del pericolo era trascorsa. Non schiacciata dall'ira, non gittata sul lastrico ma creduta, ma temuta, ma ripresa, a rabbia e a infamia della delatrice. — Le imaginazioni vergognose assalivano la misera. Ella rivide la bestia orrenda affacciarsi tra la fronte e la gola di colui ch'ella aveva amato sopra la vita e sopra la morte. E dalla selvaggia repulsione risorse la forza; si raddrizzarono le vertebre nella schiena, un tenace nodo di potenza si riformò nell'anima; un sovrano dispregio fiammeggiò nello stretto viso senza carne, sotto la massa della chioma piantata intorno alla fronte come quel torsello ch'è imposto al capo il qual debba sollevare grande peso. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
L'ho commessa per amore dell'amore, perché non è vero che la perfezione dell'amore sia nella congiunzione di due; e questo gli uomini sanno ma non osano confessare. L'amore, come tutte le potenze divine, non si esalta veramente se non nella trinità. E questa non è una dottrina perversa, non è un gioco di perfidia, in me, ma è un verbo testimoniato col martirio, col più dolente sangue del petto.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella aveva sfilate le braccia dalle maniche, quelle braccia non molli ma salde che pur sembravano portare la più fresca freschezza della vita come una ghirlanda rinnovata a ogni alba. Nude le larghe spalle emergevano, e le piccole mammelle sul petto largo come il petto delle Muse vocali, dall'ossatura palese di sotto i muscoli smilzi. L'orlo della camicia era squisito di scollo e di ricamo, il busto connesso aveva la tenuità e la perfezione d'un calice florale, ingegnosi e preziosi di fibbie e di nodi erano i legàccioli che di là si partivano a rattenere le calze, tutti gli invòlucri partecipavano dell'intima grazia e sembravano arricchirsi e affinarsi quanto più s'avvicinavano alla pelle; ma ora cadevano come ingombri morbidi, disdicevoli a quel corpo come a una statua severa, quasi respinti da una severità superba che ingrandiva e poliva ogni rilievo a simiglianza del sasso. Quando, tolta la scarpa, ella fece macchinalmente il gesto consueto tirando la punta della calza rimasta aderente all'unghia del pollice, egli ne fu attonito come d'una piccola maniera femminina che contrastasse a quella potenza. In ginocchio, sguainò egli stesso le lunghe gambe lisce. E così ella fu tutta nuda, senza sorridere. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— «E poi Amnon l'odiò d'un odio molto grande; perciocché l'odio che le portava era maggiore che l'amore che le aveva portato. Ed egli le disse: Lèvati, vattene via.» Io allora bruscamente le domandai: Chi è Amnon? Rispose: «Quegli che mi cacciò e serrò l'uscio dietro a me,» Poi divagò oscuramente. C'è dentro di lei un travaglio così fiero che, per contenerlo, non le bastano le sue forze umane. Nella più torbida delle sue tempeste dà prova d'una incredibile potenza di costrizione. Sento di continuo il suo sforzo intorno a un nucleo profondo della sua coscienza, su cui essa poggia e preme con tutta sé come per impedirgli d'insorgere e di manifestarsi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli guardava di tratto in tratto le sue mani alla manovra, le sue mani nude come quelle che sporgevano dallo scafandro; e gli pareva che vivessero con una straordinaria potenza. Erano là, infaticabili come le due pale dell'elica, senza tremare, senza tentare, senza fallire. Il tono della raggiera ignita era pieno e gagliardo. Il Sole dietro di lui salendo per l'erta feriva le ali ma non creava l'ombra. La grande Àrdea di metallo di legno e di canape era immune dall'ombra, come sparente, come inesistente, come cosa della riva di là, come segno spettrale. Ma in quelle due mani le ossa i muscoli i tendini i nervi erano tesi a un'opera disperata di vita, erano furenti di vita come quelle che brandiscono l'arme alla suprema difesa, come quelle che s'aggrappano al bordo del battello o alla scheggia dello scoglio nel naufragio. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Al ritornello era seguito un lungo predicozzo pieno di oh! e di eh! perché da quel tentennar del capo con gli occhi aggrondati la gran potenza di Dio era parsa a don Buti, se non propriamente messa in dubbio, riconosciuta però anche capace di permettere che si facesse tanto male a un povero innocente. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* - Chi la portò al trionfo? Ditelo voi, Boggiolo! Non credetti io sola, io sola, mentre tutti ridevano o dubitavano, nella potenza del suo ingegno e del suo lavoro? Ebbene, ecco qua: ha pensato a tutte le altre, tranne che a me, per il nuovo dramma! Badate, questo lo dico a voi, perché so ciò che anche voi ne avete ricevuto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Leonardo era l'uomo che aveva dipinto enigmatiche anime e roccie e fiori e cieU meglio dei migliori ; aveva cercato paziente la verità , tra macchine e cadaveri , più dei sapienti ; e aveva scritto sulla vita e sulla bellezza con parole più profonde e immagini più speciose dei letterati di mestiere ; e aveva sognato la potenza divina dell'uomo terrestre e la conquista dei cieli come gli amanti dell'impossibile . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* In due maniere : colla potenza dello spirito e coll'evocazione del fantastico , — colla volontà e colla poesia . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma perchè non rammento , prima degli altri , Poe che mi istradò verso le complicazioni degli spaventi ; e Novalis che mi sedusse col misticismo della potenza ? E i filosofi ? Platone : giovani belli , vecchi sottili , miti e sofismi , banchetti e portici vicino al mare . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Perchè restringere questa azione alle credenze ? Perchè creare solo la verità di certe fedi ? Lo spirito doveva esser padrone di tutto ; la potenza della volontà non doveva aver più limiti . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* S''era fissato di prepararsi per qualche anno , in solitudine , studiando il problema della potenza dell'anima — sperimentando , raff'orzando la nostra volontà , scoprendo i segreti dell'azione spirituale diretta , in modo da esser pronti a offrire miracoli e prodigi se gli uomini di laggiù duri come Pietro e increduli come Tommaso , ce li avessero chiesti . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* La potenza perfetta si potrebbe raggiungere soltanto colla rinuncia perfetta del proprio io . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Accennavano a dottrine superiori , a tradizioni segrete , a maestri invisibili o lontani , a esoterismi di prim'ordine serbati a chi può sormontare le mille terribili prove — e promettevano vagamente la potenza , quella stessa potenza ch'io cercavo in ogni parte . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* La vera causa risiedeva dunque nell' essere medesimo di questi uomini privilegiati che soltanto per caso o spinti da una qualunque frenesia teorica manifestavano saltuariamente la loro potenza . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Io non son riuscito a fare quel che m'ero proposto , non ho compiuto quel che avevo promesso , non sono arrivato a quell'altezza d'animo , a quella gloria , a quella potenza che ho sognato , desiderato e voluto negli anni che furono . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E se anche E anche se avessi ottenuto la potenza ? Anche se fossi diventato una specie di semidio terrestre , signore del cielo e della terra , vincitore della materia e della morte , padrone degli uomini e degli spiriti ? Cosa avrei fatto de' miei poteri ? In che modo avrei adoprato quella universale sovranità ? Mentre durava il mistico tirocinio verso il sognato comando non avevo pensato quasi mai al dopo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* L'unico amore mio era quello della potenza : solo fine la potenza ; estremo sogno la potenza . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma dopo la potenza ? Ero vuoto — mi sentii spaventosamente vuoto come una pozza che sembra un abisso soltanto perché rispecchia la profonda lontananza del cielo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Tutti i sentimenti degli uomini son mossi dall' impotenza — appena la piena potenza é conquistata tu sei disumanato , sopraumanato , ma diventi insensibile , morto ; non hai più molla , più volontà , più direzione . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Sarei rimasto immoto per sempre — impotente per troppa potenza . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Cosa mai poteva uscire di grande da un uomo siffattamente sommerso e infangato nell' ignoranza ? Sapere è potere: che meraviglia se la mia potenza è rimasta , tormentoso ricordo e rimorso , nella spazzatura dei desideri morti ? E chi dovrò accusare di questa necessaria disfatta ? Me stesso , sempre me stesso , solamente me stesso . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il sapere non mi basta ; gli uomini mi disgustano ; le donne ancora di più ; la letteratura mi fa schifo ; V ispirazione non viene ; la gloria mi nausea ; la mia vita è sudicia e tediosa ; il mio corpo si disfà e il mio desiderio , unico , primo e profondo , il desiderio della potenza , non è più , ormai , neppure un desiderio . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Al diavolo anche l'amore debilitante ! Chi sono , dunque ? QuaFè questo mio capitale tutto mio , da nessuno ereditato , a nessuno rubato , guadagnato soldo a soldo nelle fabbriche dell'esperienza , colle fatiche della mia anima e che ora costituisce il mio solo tesoro , tutta la mia poca potenza , — il mio vero me , insomma ? Molti hanno tentato di definirmi , di descrivermi , di limitarmi — amici e nemici . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
Il medico è una potenza quando si trova al letto di un ammalato ed io al dottor Coprosich usai ogni riguardo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Quale potenza aveva tuttavia nel mio animo il pensiero di Augusta , se continuavo ostinatamente a protestare di non essere stato trascinato dal mio desiderio!
---------------
amplidina
= macchina rotante generatrice di corrente continua , usata come amplificatore di potenza .
---------------
appeasement
= politica di concessioni a un potenziale aggressore o a uno stato più forte per mantenere la pace .
---------------
bel
= unità di misura della potenza o della intensità di un'oscillazione rispetto a un riferimento dato unità di misura della sensazione uditiva , della quale si usa in genere il sottomultiplo decibel.
---------------
biquadratico
= - equazione binomia di quarto grado nella quale l'incognita compare solamente alla quarta e alla seconda potenza.
---------------
cabestano
= argano di grande potenza, caratterizzato dal tamburo a campana, che si usa nei piazzali ferroviari per lo smistamento dei vagoni e nelle banchine dei porti.
---------------
castrante
= part. pres. di castrare - che inibisce, che blocca le potenzialità di un individuo
---------------
chilovoltampere scient. kilovoltampere,
= unità di misura di potenza elettrica pari a 1000 voltampere
---------------
chilowatt scient. kilowatt,
= unità di misura di potenza elettrica equivalente a 1000 watt
---------------
colonialismo
= la politica di dominio coloniale perseguita dalle potenze europee, spec. a partire dalla seconda metà del sec. xix agli anni successivi alla seconda guerra mondiale vocabolo o espressione di origine coloniale entrati in una lingua europea.
---------------
depotenziare
= verbo trans . ridurre una potenza - un potere
---------------
diavolo
= nell'ebraismo e nel cristianesimo - potenza che guida le forze del male e si identifica con lucifero - il capo degli angeli che si ribellarono a dio - poi divenuto satana - principe delle tenebre
---------------
disruttivo
= o disruptivo - scarica ad arco che si verifica tra due conduttori - anche isolati - quando la loro differenza di potenziale supera un determinato valore .
---------------
dragster
= vettura di eccezionale potenza e minimo peso usata per gare di accelerazione in rettilineo .
---------------
eduzione
= nella scolastica - l'emergere della forma dalla materia - ossia il passaggio dalla potenza all'atto
---------------
elettrometria
= scienza e tecnica che si occupa della misurazione delle grandezze elettriche - e in particolare delle differenze di potenziale elettrostatiche - determinabili con l'elettrometro .
---------------
elettrometro
= dispositivo atto a misurare differenze di potenziale .
---------------
elettronegativo
= quello dei due elettrodi di un conduttore che ha potenziale elettrico più basso
---------------
elettronvolt
= unità di misura dell'energia - usata in fisica atomica e nucleare - pari all'energia cinetica che acquista un elettrone passando attraverso la differenza di potenziale di un volt
---------------
elettropositivo
= quello dei due elettrodi di un conduttore che ha potenziale elettrico più elevato
---------------
elettrosmosi
= o elettroosmosi - passaggio di un liquido attraverso un setto poroso - provocato dalla differenza di potenziale esistente tra le due parti di liquido separate dal setto stesso .
---------------
emanatismo
= concezione filosofica e religiosa che spiega la molteplicità degli esseri come emanazione dall'unità assoluta di dio - per irradiazione spontanea e continua della sua potenza
---------------
entelechia alla greca entelecheia
= secondo aristotele - lo stato di perfezione raggiunto da un ente che abbia attuato pienamente il suo essere in potenza
---------------
equipotenziale
= che possiede uguale potenziale .
---------------
ettowatt
= unità di misura di potenza elettrica pari a 100 watt .
---------------
fatalismo
= concezione di colui che crede nella potenza del fato - atteggiamento di colui che accetta passivamente il corso degli eventi .
---------------
frombolare
= verbo intr . giocatore di calcio dotato di potenza di tiro , buon realizzatore di reti
---------------
fulmine
= scarica elettrica , accompagnata da rumore e radiazione luminosa , che si produce per una forte differenza di potenziale elettromagnetico tra una nube e la terra - o tra due nubi - fulmine a ciel sereno , fatto imprevisto e spiacevole - colpo di fulmine , innamoramento improvviso qualunque cosa che sia molto veloce , potente - o minacciosa
---------------
gilbert
= unità di misura di forza magneto-motrice e differenza di potenziale magnetico , nel sistema cgs elettromagnetico.
---------------
leveraggio
= serie di due o più leve disposte in modo che la resistenza di una coincida con la potenza della successiva
---------------
lustra
= apparenza o simulazione di ricchezza , di potenza e sim .
---------------
mainframe
= elaboratore di grande potenza e di vastissima memoria
---------------
megaton o megatone ,
= unità di misura della potenza delle esplosioni nucleari
---------------
megawatt
= unità di misura della potenza elettrica pari a un milione di watt.
---------------
microvolt
= unità di misura di potenziale elettrico, pari a un milionesimo di volt.
---------------
millivolt
= unità di misura di differenza di potenziale, pari a un millesimo di volt.
---------------
minielaboratore
= elaboratore elettronico di dimensioni e potenza intermedie tra quelle di un microelaboratore e quelle di un mainframe
---------------
moloch
= o moloc, nella religione fenicio-cananea, nome di una divinità alla quale venivano sacrificate vittime umane -un essere o una potenza guidati dal solo istinto di distruzione
---------------
multiprocessore
= grande elaboratore elettronico dotato di più processori che hanno stessa potenza e architettura e lavorano automaticamente in modo coordinato, gestiti da un unico sistema operativo.
---------------
muscolazione
= potenziamento della muscolatura mediante una ginnastica appropriata
---------------
nazionalismo
= movimento politico sorto in europa nell'ottocento , e oggi variamente presente nel mondo con diverse connotazioni ideologiche , volto ad affermare i caratteri ritenuti originali di un popolo e la potenza di una nazione
---------------
neocolonialismo
= politica attuata da potenze ex coloniali al fine di mantenere i paesi in via di sviluppo in una condizione di sudditanza , attraverso il dominio delle loro economie e l'ingerenza nella loro politica .
---------------
neper
= unità di misura del livello di potenza e del guadagno , molto usata nelle telecomunicazioni .
---------------
ohm
= unità di misura della resistenza elettrica nel sistema internazionale , pari alla resistenza elettrica esistente tra due punti di un conduttore ai quali è applicata la differenza di potenziale di\n volt , quando il conduttore è percorso dalla corrente di\n ampere e non è sede di alcuna forza elettromotrice .
---------------
poderoso
= che ha forza , potenza , gagliardia
---------------
polarografia
= metodo di analisi elettrochimica basato sulla misura del potenziale di un elettrodo a mercurio su cui si ossidano o si riducono le sostanze organiche o inorganiche da analizzare .
---------------
possa
= forza , potenza , vigore
---------------
possanza
= potere , potenza
---------------
postbruciatore
= parte di un turbomotore , compresa tra la turbina e l'ugello di scarico , dove viene bruciato combustibile aggiuntivo per incrementare la potenza del getto .
---------------
potentino
= di potenza
= nativo , abitante di potenza .
---------------
potenza
= potenzia , l'essere potente
---------------
potenziale
= che è in potenza , che ha la possibilità di realizzarsi
---------------
potenzialità
= l'essere potenziale
---------------
potenziamento
= il potenziare , l'essere potenziato
---------------
potenziato
= participio passato di potenziare
= nei sign . del verbo
---------------
potenziometro
= apparecchio per la misurazione di differenze di potenziale fra due punti di un circuito elettrico
---------------
quasi-particella
= entità che , sotto l'azione di un potenziale , si propaga come una particella libera , ma ha massa diversa da questa .
---------------
radiosegnalatore
= apparecchio trasmittente di piccola potenza utilizzato per comunicazioni tra navi a breve distanza.
---------------
radiotelescopio
= strumento utilizzato in radioastronomia, costituito essenzialmente da un radioricevitore collegato con un'antenna direttiva di grande potenza che capta le onde radio provenienti dallo spazio stellare.
---------------
saktismo
= una delle grandi sette dell'induismo , che incentra il proprio culto in sakti , la potenza cosmica , identificata con la dea kalì , consorte di siva .
---------------
scacchiere
= scacchiera , vasta regione , strategicamente autonoma , che costituisce un teatro reale o potenzi ,
---------------
sepoy
= nel periodo del colonialismo , nome dato ai soldati indigeni dell'india che erano al servizio di una potenza europea , in particolare degli inglesi .
---------------
sfondatore
= colui che sfonda , nel calcio , attaccante che basa il proprio gioco soprattutto sulla potenza .
---------------
sinergia
= azione simultanea di due fenomeni sull'organismo , che ne potenzia i singoli effetti ,
---------------
sottoutilizzare
= verbo transitivo utilizzare qualcuno o qualcosa non sfruttandone a pieno le capacità , le potenzialità ,
---------------
spinterometro
= dispositivo costituito da una coppia di elettrodi sferici affacciati , tra i quali si può far scoccare una scintilla a una determinata distanza che permette di valutare il valore della differenza di potenziale applicata .
---------------
surcompressione
= nei motori a scoppio , riduzione volumetrica della camera di combustione che ha come conseguenza l'aumento del rapporto di compressione e un aumento di potenza del motore stesso .
---------------
swattare
= verbo transitivo in un circuito a corrente alternata , far sì che la differenza di fase fra tensione e corrente sia di novanta gradi , condizione in cui la potenza media assorbita è nulla .
---------------
tiratron
= triodo a gas inerte - a vapori di mercurio , usato nei sistemi di controllo industriali , spec . come relé di grande potenza .
---------------
transistor
= invar . piccolo dispositivo elettronico a semiconduttore , dotato di tre o più terminali , in grado di amplificare la potenza di un segnale elettrico radio a transistor .
---------------
Verb: to uprate-uprated-uprated
Ausiliar: to have - transitivo
Affermative - INDICATIVE
Present simple
I uprate
you uprate
he/she/it uprates
we uprate
you uprate
they uprate
Simple past
I uprated
you uprated
he/she/it uprated
we uprated
you uprated
they uprated
Simple past
I uprated
you uprated
he/she/it uprated
we uprated
you uprated
they uprated
Present perfect
I have uprated
you have uprated
he/she/it has uprated
we have uprated
you have uprated
they have uprated
Past perfect
I had uprated
you had uprated
he/she/it had uprated
we had uprated
you had uprated
they had uprated
Past perfect
I had uprated
you had uprated
he/she/it had uprated
we had uprated
you had uprated
they had uprated
Simple future
I I will uprate
you you will uprate
he/she/it he/she/it will uprate
we we will uprate
you I will uprate
they they will uprate
Future perfect
I will have uprated
you will have uprated
he/she/it will have uprated
we will have uprated
you will have uprated
they will have uprated
Present continuous
I am uprating
you are uprating
he/she/it is uprating
we are uprating
you are uprating
they are uprating
Past simple continuous
I was uprating
you were uprating
he/she/it was uprating
we were uprating
you were uprating
they were uprating
Future continuous
I will be uprating
you will be uprating
he/she/it will be uprating
we will be uprating
you will be uprating
they will be uprating
Future perfect continuous
I will have been uprating
you will have been uprating
he/she/it will have been uprating
we will have been uprating
you will have been uprating
they will have been uprating
Present perfect continuous
I have been uprating
you have been uprating
he/she/it has been uprating
we have been uprating
you have been uprating
they have been uprating
Past perfect continuous
I had been uprating
you had been uprating
he/she/it had been uprating
we had been uprating
you had been uprating
they had been uprating
Affermative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I uprate
That you uprate
That he/she/it uprate
That we uprate
That you uprate
That they uprate
Present perfect
That I have uprated
That you have uprated
That he/she/it have uprated
That we have uprated
That you have uprated
That they have uprated
Simple past
That I uprated
That you uprated
That he/she/it uprated
That we uprated
That you uprated
That they uprated
Past perfect
That I had uprated
That you had uprated
That he/she/it had uprated
That we had uprated
That you had uprated
That they had uprated
Affermative - CONDITIONAL
Present
I would uprate
you would uprate
we would uprate
we would uprate
you would uprate
they would uprate
Past
I would have uprated
you would have uprated
he/she/it would have uprated
we would have uprated
you would have uprated
they would have uprated
Present continous
I would be uprating
you would be uprating
we would be uprating
we would be uprating
you would be uprating
they would be uprating
Past continous
I would have been uprating
you would have been uprating
he/she/it would have been uprating
we would have been uprating
you would have been uprating
they would have been uprating
Affermative - IMPERATIVE
Present
let me uprate
uprate
let him uprate
let us uprate
uprate
let them uprate
 
 
 
 
 
 
 
Affermative - INFINITIVE
Present
to uprate
Past
to have uprated
Present continous
to be uprating
Perfect continous
to have been uprating
Affermative - PARTICIPLE
Present
uprating
Past
uprated
Perfect
having uprated
Affermative - GERUND
Present
uprating
Past
having uprated
Passive - INDICATIVE
Present simple
I am uprated
you are uprated
he/she/it is uprated
we are uprated
you are uprated
they are uprated
Past simple
I was uprated
you were uprated
he/she/it was uprated
we were uprated
you were uprated
they were uprated
Past simple
I was uprated
you were uprated
he/she/it was uprated
we were uprated
you were uprated
they were uprated
Present perfect
I have been uprated
you have been uprated
he/she/it has been uprated
we have been uprated
you have been uprated
they have been uprated
Past perfect
I had been uprated
you had been uprated
he/she/it had been uprated
we had been uprated
you had been uprated
they had been uprated
Past perfect
I had been uprated
you had been uprated
he/she/it had been uprated
we had been uprated
you had been uprated
they had been uprated
Future simple
I will be uprated
you will be uprated
he/she/it will be uprated
we will be uprated
you will be uprated
they will be uprated
Future perfect
I will have been uprated
you will have been uprated
he/she/it will have been uprated
we will have been uprated
you will have been uprated
they will have been uprated
Present continuous
I am being uprated
you are being uprated
he/she/it is being uprated
we are being uprated
you are being uprated
they are being uprated
Past simple continuous
I was being uprated
you were being uprated
he/she/it was being uprated
were being uprated
you were being uprated
they were being uprated
Future continuous
I will being uprated
you will being uprated
he/she/it will being uprated
we will being uprated
you will being uprated
they will being uprated
Future perfect continuous
I will have been uprated
you will have been uprated
he/she/it will have been uprated
we will have been uprated
you will have been uprated
they will have been uprated
Present perfect continuous
I have been uprated
you have been uprated
he/she/it has been uprated
we have been uprated
you have been uprated
they have been uprated
Past perfect continuous
I had been uprated
you had been uprated
he/she/it had been uprated
we had been uprated
you had been uprated
they had been uprated
Passive - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I be uprated
That you be uprated
That he/she/it be uprated
That we be uprated
That you be uprated
That they be uprated
Present perfect
That I have been uprated
That you have been uprated
That he/she/it have been uprated
That we have been uprated
That you have been uprated
That they have been uprated
Simple past
That I were uprated
That you were uprated
That he/she/it were uprated
That we were uprated
That you were uprated
That they were uprated
Past perfect
That I had been uprated
That you had been uprated
That he/she/it had been uprated
That we had been uprated
That you had been uprated
That they had been uprated
CONDITIONAL
Present
I would be uprated
you would be uprated
we would be uprated
we would be uprated
you would be uprated
they would be uprated
Past
I would have been uprated
you would have been uprated
he/she/it would have been uprated
we would have been uprated
you would have been uprated
they would have been uprated
IMPERATIVE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INFINITIVE
Present
to be uprated
Past
to have been uprated
PARTICIPLE
Present
being uprated
Past
uprated
Perfect
having been uprated
GERUND
Present
being uprated
Past
having been uprated
Negative - INDICATIVE
Present simple
I do not uprate
you do not uprate
he/she/it does not uprates
we do not uprate
you do not uprate
they do not uprate
Simple past
I did not uprate
you did not uprate
he/she/it did not uprate
we did not uprate
you did not uprate
they did not uprate
Simple past
I did not uprate
you did not uprate
he/she/it did not uprate
we did not uprate
you did not uprate
they did not uprate
Present perfect
I have not uprated
you have not uprated
he/she/it has not uprated
we have not uprated
you have not uprated
they have not uprated
Past perfect
I had not uprated
you had not uprated
he/she/it had not uprated
we had not uprated
you had not uprated
they had not uprated
Past perfect
I had not uprated
you had not uprated
he/she/it had not uprated
we had not uprated
you had not uprated
they had not uprated
Simple future
I I will not uprate
you you will not uprate
he/she/it he/she/it will not uprate
we we will not uprate
you I will not uprate
they they will not uprate
Future perfect
I will not have uprated
you will not have uprated
he/she/it will not have uprated
we will not have uprated
you will not have uprated
they will not have uprated
Present continuous
I am not uprating
you are not uprating
he/she/it is not uprating
we are not uprating
you are not uprating
they are not uprating
Past simple continuous
I was not uprating
you were not uprating
he/she/it was not uprating
we were not uprating
you were not uprating
they were not uprating
Future continuous
I will not be uprating
you will not be uprating
he/she/it will not be uprating
we will not be uprating
you will not be uprating
they will not be uprating
Future perfect continuous
I will not have been uprating
you will not have been uprating
he/she/it will not have been uprating
we will not have been uprating
you will not have been uprating
they will not have been uprating
Present perfect continuous
I have not been uprating
you have not been uprating
he/she/it has not been uprating
we have not been uprating
you have not been uprating
they have not been uprating
Past perfect continuous
I had not been uprating
you had not been uprating
he/she/it had not been uprating
we had not been uprating
you had not been uprating
they had not been uprating
Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I do not uprate
That you do not uprate
That he/she/it does not uprate
That we do not uprate
That you do not uprate
That they do not uprate
Present perfect
That I have not uprated
That you have not uprated
That he/she/it have not uprated
That we have not uprated
That you have not uprated
That they have not uprated
Simple past
That I did not uprate
That you did not uprate
That he/she/it did not uprate
That we did not uprate
That you did not uprate
That they did not uprate
Past perfect
That I had not uprated
That you had not uprated
That he/she/it had not uprated
That we had not uprated
That you had not uprated
That they had not uprated
Negative - CONDITIONAL
Present
I would not uprate
you would not uprate
we would not uprate
we would not uprate
you would not uprate
they would not uprate
Past
I would not have uprated
you would not have uprated
he/she/it would not have uprated
we would not have uprated
you would not have uprated
they would not have uprated
Present continous
I would not be uprating
you would not be uprating
we would not be uprating
we would not be uprating
you would not be uprating
they would not be uprating
Past continous
I would not have been uprating
you would not have been uprating
he/she/it would not have been uprating
we would not have been uprating
you would not have been uprating
they would not have been uprating
Negative - IMPERATIVE
Present
do not let me uprate
do not uprate
do not let him uprate
do not let us uprate
do not uprate
do not let them uprate
 
 
 
 
 
 
 
Negative - INFINITIVE
Present
not to uprate
Past
not to have uprated
Present continous
not to be uprating
Perfect continous
not to have been uprating
Negative - PARTICIPLE
Present
not uprating
Past
not uprated
Perfect
not having uprated
Negative - GERUND
Present
not uprating
Past
not having uprated
Interrogative - INDICATIVE
Present simple
do I uprate ?
do you uprate ?
does she/he/it uprates ?
do we uprate ?
do you uprate ?
do they uprate ?
Simple past
did I uprate ?
did you uprate ?
did she/he/it uprate ?
did we uprate ?
did you uprate ?
did they uprate ?
Simple past
did I uprate ?
did you uprate ?
did she/he/it uprate ?
did we uprate ?
did you uprate ?
did they uprate ?
Present perfect
have I uprated ?
have you uprated ?
has she/he/it uprated ?
have we uprated ?
have you uprated ?
have they uprated ?
Past perfect
had I uprated ?
had you uprated ?
had she/he/it uprated ?
had we uprated ?
had you uprated ?
had they uprated ?
Past perfect
had I uprated ?
had you uprated ?
had she/he/it uprated ?
had we uprated ?
had you uprated ?
had they uprated ?
Simple future
will I uprate ?
will you uprate ?
will she/he/it uprate ?
will we uprate ?
will I uprate ?
will they uprate ?
Future perfect
will I have uprated ?
will you have uprated ?
will she/he/it have uprated ?
will we have uprated ?
will you have uprated ?
will they have uprated ?
Present continuous
am I uprating ?
are you uprating ?
is she/he/it uprating ?
are we uprating ?
are you uprating ?
are they uprating ?
Past simple continuous
was I uprating ?
were you uprating ?
was she/he/it uprating ?
were we uprating ?
were you uprating ?
were they uprating ?
Future continuous
will I be uprating ?
will you be uprating ?
will she/he/it be uprating ?
will we be uprating ?
will you be uprating ?
will they be uprating ?
Future perfect continuous
will I have been uprating ?
will you have been uprating ?
will she/he/it have been uprating ?
will we have been uprating ?
will you have been uprating ?
will they have been uprating ?
Present perfect continuous
have I been uprating ?
have you been uprating ?
has she/he/it been uprating ?
have we been uprating ?
have you been uprating ?
have they been uprating ?
Past perfect continuous
had I been uprating ?
had you been uprating ?
had she/he/it been uprating ?
had we been uprating ?
had you been uprating ?
had they been uprating ?
Interrogative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I uprate ?
That do you uprate ?
That does she/he/it uprate ?
That do we uprate ?
That do you uprate ?
That do they uprate ?
Present perfect
That have I uprated ?
That have you uprated ?
That have she/he/it uprated ?
That have we uprated ?
That have you uprated ?
That have they uprated ?
Simple past
That did I uprate ?
That did you uprate ?
That did she/he/it uprate ?
That did we uprate ?
That did you uprate ?
That did they uprate ?
Past perfect
That had I uprated ?
That had you uprated ?
That had she/he/it uprated ?
That had we uprated ?
That had you uprated ?
That had they uprated ?
Interrogative - CONDITIONAL
Present
would I uprate ?
would you uprate ?
would she/he/it uprate ?
would we uprate ?
would you uprate ?
would they uprate ?
Past
would I have uprated?
would you have uprated?
would she/he/it have uprated?
would we have uprated?
would you have uprated?
would they have uprated?
Present continous
would I be uprating ?
would you be uprating ?
would she/he/it be uprating ?
would we be uprating ?
would you be uprating ?
would they be uprating ?
Past continous
would I have been uprating?
would you have been uprating?
would she/he/it have been uprating?
would we have been uprating?
would you have been uprating?
would they have been uprating?
Interrogative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Interrogative-Negative - INDICATIVE
Present simple
do I not uprate ?
do you not uprate ?
does she/he/it not uprates ?
do we not uprate ?
do you not uprate ?
do they not uprate ?
Simple past
did I not uprate ?
did you not uprate ?
did she/he/it not uprate ?
did we not uprate ?
did you not uprate ?
did they not uprate ?
Simple past
did I not uprate ?
did you not uprate ?
did she/he/it not uprate ?
did we not uprate ?
did you not uprate ?
did they not uprate ?
Present perfect
have I not uprated ?
have you not uprated ?
has she/he/it not uprated ?
have we not uprated ?
have you not uprated ?
have they not uprated ?
Past perfect
had I not uprated ?
had you not uprated ?
had she/he/it not uprated ?
had we not uprated ?
had you not uprated ?
had they not uprated ?
Past perfect
had I not uprated ?
had you not uprated ?
had she/he/it not uprated ?
had we not uprated ?
had you not uprated ?
had they not uprated ?
Simple future
will I not uprate ?
will you not uprate ?
will she/he/it not uprate ?
will we not uprate ?
will I not uprate ?
will they not uprate ?
Future perfect
will I not have uprated ?
will you not have uprated ?
will she/he/it not have uprated ?
will we not have uprated ?
will you not have uprated ?
will they not have uprated ?
Present continuous
am I not uprating ?
are you not uprating ?
is she/he/it not uprating ?
are we not uprating ?
are you not uprating ?
are they not uprating ?
Past simple continuous
was I not uprating ?
were you not uprating ?
was she/he/it not uprating ?
were we not uprating ?
were you not uprating ?
were they not uprating ?
Future continuous
will I not be uprating ?
will you not be uprating ?
will she/he/it not be uprating ?
will we not be uprating ?
will you not be uprating ?
will they not be uprating ?
Future perfect continuous
will I not have been uprating ?
will you not have been uprating ?
will she/he/it not have been uprating ?
will we not have been uprating ?
will you not have been uprating ?
will they not have been uprating ?
Present perfect continuous
have I not been uprating ?
have you not been uprating ?
has she/he/it not been uprating ?
have we not been uprating ?
have you not been uprating ?
have they not been uprating ?
Past perfect continuous
had I not been uprating ?
had you not been uprating ?
had she/he/it not been uprating ?
had we not been uprating ?
had you not been uprating ?
had they not been uprating ?
Interrogative-Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I not uprate ?
That do you not uprate ?
That does she/he/it not uprate ?
That do we not uprate ?
That do you not uprate ?
That do they not uprate ?
Present perfect
That have I not uprated ?
That have you not uprated ?
That have she/he/it not uprated ?
That have we not uprated ?
That have you not uprated ?
That have they not uprated ?
Simple past
That did I not uprate ?
That did you not uprate ?
That did she/he/it not uprate ?
That did we not uprate ?
That did you not uprate ?
That did they not uprate ?
Past perfect
That had I not uprated ?
That had you not uprated ?
That had she/he/it not uprated ?
That had we not uprated ?
That had you not uprated ?
That had they not uprated ?
Interrogative-Negative - CONDITIONAL
Present
would I not uprate ?
would you not uprate ?
would she/he/it not uprate ?
would we not uprate ?
would you not uprate ?
would they not uprate ?
Past
would I not have uprated?
would you not have uprated?
would she/he/it not have uprated?
would we not have uprated?
would you not have uprated?
would they not have uprated?
Present continous
would I not be uprating ?
would you not be uprating ?
would she/he/it not be uprating ?
would we not be uprating ?
would you not be uprating ?
would they not be uprating ?
Past continous
would I not have been uprating?
would you not have been uprating?
would she/he/it not have been uprating?
would we not have been uprating?
would you not have been uprating?
would they not have been uprating?
Interrogative-Negative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Coniugazione:1 - potenziare
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io potenzio
tu potenzi
egli potenzia
noi potenziamo
voi potenziate
essi potenziano
Imperfetto
io potenziavo
tu potenziavi
egli potenziava
noi potenziavamo
voi potenziavate
essi potenziavano
Passato remoto
io potenziai
tu potenziasti
egli potenziò
noi potenziammo
voi potenziaste
essi potenziarono
Passato prossimo
io ho potenziato
tu hai potenziato
egli ha potenziato
noi abbiamo potenziato
voi avete potenziato
essi hanno potenziato
Trapassato prossimo
io avevo potenziato
tu avevi potenziato
egli aveva potenziato
noi avevamo potenziato
voi avevate potenziato
essi avevano potenziato
Trapassato remoto
io ebbi potenziato
tu avesti potenziato
egli ebbe potenziato
noi avemmo potenziato
voi eveste potenziato
essi ebbero potenziato
Futuro semplice
io potenzierò
tu potenzierai
egli potenzierà
noi potenzieremo
voi potenzierete
essi potenzieranno
Futuro anteriore
io avrò potenziato
tu avrai potenziato
egli avrà potenziato
noi avremo potenziato
voi avrete potenziato
essi avranno potenziato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io potenzi
che tu potenzi
che egli potenzi
che noi potenziamo
che voi potenziate
che essi potenzino
Passato
che io abbia potenziato
che tu abbia potenziato
che egli abbia potenziato
che noi abbiamo potenziato
che voi abbiate potenziato
che essi abbiano potenziato
Imperfetto
che io potenziassi
che tu potenziassi
che egli potenziasse
che noi potenziassimo
che voi potenziaste
che essi potenziassero
Trapassato
che io avessi potenziato
che tu avessi potenziato
che egli avesse potenziato
che noi avessimo potenziato
che voi aveste potenziato
che essi avessero potenziato
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io potenzierei
tu potenzieresti
egli potenzierebbe
noi potenzieremmo
voi potenziereste
essi potenzierebbero
Passato
io avrei potenziato
tu avresti potenziato
egli avrebbe potenziato
noi avremmo potenziato
voi avreste potenziato
essi avrebbero potenziato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
potenzia
potenzi
potenziamo
potenziate
potenzino
Futuro
-
potenzierai
potenzierà
potenzieremo
potenzierete
potenzieranno
INFINITO - attivo
Presente
potenziare
Passato
avere potenziato
 
 
PARTICIPIO - attivo
Presente
potenziante
Passato
potenziato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
potenziando
Passato
avendo potenziato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono potenziato
tu sei potenziato
egli é potenziato
noi siamo potenziati
voi siete potenziati
essi sono potenziati
Imperfetto
io ero potenziato
tu eri potenziato
egli era potenziato
noi eravamo potenziati
voi eravate potenziati
essi erano potenziati
Passato remoto
io fui potenziato
tu fosti potenziato
egli fu potenziato
noi fummo potenziati
voi foste potenziati
essi furono potenziati
Passato prossimo
io sono stato potenziato
tu sei stato potenziato
egli é stato potenziato
noi siamo stati potenziati
voi siete stati potenziati
essi sono stati potenziati
Trapassato prossimo
io ero stato potenziato
tu eri stato potenziato
egli era stato potenziato
noi eravamo stati potenziati
voi eravate stati potenziati
essi erano statipotenziati
Trapassato remoto
io fui stato potenziato
tu fosti stato potenziato
egli fu stato potenziato
noi fummo stati potenziati
voi foste stati potenziati
essi furono stati potenziati
Futuro semplice
io sarò potenziato
tu sarai potenziato
egli sarà potenziato
noi saremo potenziati
voi sarete potenziati
essi saranno potenziati
Futuro anteriore
io sarò stato potenziato
tu sarai stato potenziato
egli sarà stato potenziato
noi saremo stati potenziati
voi sarete stati potenziati
essi saranno stati potenziati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia potenziato
che tu sia potenziato
che egli sia potenziato
che noi siamo potenziati
che voi siate potenziati
che essi siano potenziati
Passato
che io sia stato potenziato
che tu sia stato potenziato
che egli sia stato potenziato
che noi siamo stati potenziati
che voi siate stati potenziati
che essi siano stati potenziati
Imperfetto
che io fossi potenziato
che tu fossi potenziato
che egli fosse potenziato
che noi fossimo potenziati
che voi foste potenziati
che essi fossero potenziati
Trapassato
che io fossi stato potenziato
che tu fossi stato potenziato
che egli fosse stato potenziato
che noi fossimo stati potenziati
che voi foste stati potenziati
che essi fossero stati potenziati
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei potenziato
tu saresti potenziato
egli sarebbe potenziato
noi saremmo potenziati
voi sareste potenziati
essi sarebbero potenziati
Passato
io sarei stato potenziato
tu saresti stato potenziato
egli sarebbe stato potenziato
noi saremmo stati potenziati
voi sareste stati potenziati
essi sarebbero stati potenziati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii potenziato
sia potenziato
siamo potenziati
siate potenziati
siano potenziati
Futuro
-
sarai potenziato
sarà potenziato
saremo potenziati
sarete potenziati
saranno potenziati
INFINITO - passivo
Presente
essere potenziato
Passato
essere stato potenziato
 
 
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
potenziato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo potenziato
Passato
essendo stato potenziato