Good navigation with NihilScio!  Facebook page
NihilScio     Home
 

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo
Italiano
Inglese

á    è     é    ì     í    ò
ó     ù    ú    ü    ñ    ç
sinonimi di
sleep
  Cerca  frasi:
Vocabulary and phrases
sleep
= sonno , dormita , riposo , morte , dormire , riposare , dar da dormire a ,
---------------
happy! I am sure I shan't get a wink of sleep all night. I knew how it
---------------
that boy, he's gone to sleep again.--Joe, let down the steps.' The fat
---------------
to sleep again. Be good enough to pinch him, sir--in the leg, if you
---------------
* 'Now, Joe, the fowls. Damn that boy; he's gone to sleep again. Joe!
---------------
* 'Damn that boy,' said the old gentleman, 'he's gone to sleep again.'
---------------
be catching--I used to sleep with him.'
---------------
and for many hours after sleep had rendered him insensible to earthly
---------------
all to sleep till twelve hours arter the election was over. They took
---------------
'Cold punch,' murmured Mr. Pickwick, as he sank to sleep again. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
in seeing him; I shall not be able to get one wink of sleep to-night, I
---------------
go round, and round, and round again; and sound was the sleep and
---------------
impressively; 'if you don't sleep a little less, and exercise a little
---------------
* Mr. Weller was then roused by his master from a sweet sleep of an hour's
---------------
* 'Where am I to sleep to-night?' inquired Mr. Pickwick. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
ain't a large 'un; but it's an out-and-outer to sleep in. This way,
---------------
the top; and the room where you're a-going to sleep to-night is the
---------------
had so flatteringly described as an out-and-outer to sleep in. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
and the singularity of the thing would cease. Some of them sleep during
---------------
fell into a sleep--only a sleep at first, for they saw him smile. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
and went to sleep about half-way. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
'Never mind me,' replied Job. 'I can sleep anywhere. But won't it be
---------------
from their first sleep and lay trembling in bed till the sound died
---------------
six-forty-five. I should prefer you, Jameson, to sleep upstairs in
---------------
thoughts ran on them so near to sleep it was because they were such
---------------
arouse from sleep
= risvegliare dal sonno ,
---------------
aroused from sleep
= risvegliato dal sonno ,
---------------
arouses from sleep
= risveglia dal sonno ,
---------------
arousing from sleep
= risvegliando dal sonno ,
---------------
arrears of sleep
= sonno arretrato ,
---------------
awake from a deep sleep
= svegliarsi da un sonno profondo ,
---------------
awakes from a deep sleep
= si sveglia da un sonno profondo ,
---------------
awaking from a deep sleep
= svegliandosi da un sonno profondo ,
---------------
awoke from a deep sleep
= svegliatosi da un sonno profondo ,
---------------
awoken from a deep sleep
= svegliatosi da un sonno profondo ,
---------------
beauty sleep
= primo sonno , il primo sonno , sonno salutare ,
---------------
broken sleep
= sonno agitato , sonno interrotto ,
---------------
cloudy with sleep
= offuscato dal sonno ,
---------------
comatose sleep
= sonno pesante ,
---------------
cried oneself to sleep
= addormentatosi per il gran piangere ,
---------------
cries oneself to sleep
= si addormenta per il gran piangere ,
---------------
cry oneself to sleep
= addormentarsi per il gran piangere ,
---------------
crying oneself to sleep
= addormentandosi per il gran piangere ,
---------------
deep sleep
= sonno profondo ,
---------------
dewy sleep
= sonno balsamico ,
---------------
dispose oneself to sleep
= disporsi a dormire ,
---------------
disposed oneself to sleep
= dispostosi a dormire ,
---------------
disposes oneself to sleep
= si dispone a dormire ,
---------------
disposing oneself to sleep
= disponendosi a dormire ,
---------------
get back to sleep
= riaddormentarsi,
---------------
gets back to sleep
= si riaddormenta,
---------------
getting back to sleep
= riaddormentandosi,
---------------
got back to sleep
= riaddormentatosi,
---------------
need one's beauty sleep
= aver bisogno di dormire a sufficienza ,
---------------
needed one's beauty sleep
= avuto bisogno di dormire a sufficienza ,
---------------
needing one's beauty sleep
= avendo bisogno di dormire a sufficienza ,
---------------
needs one's beauty sleep
= ha bisogno di dormire a sufficienza ,
---------------
there isn't anyplace to sleep
= non si può dormire da nessuna parte ,
---------------
there isn't anywhere to sleep
= non si può dormire da nessuna parte ,
---------------
unbroken sleep
= sonno ininterrotto ,
---------------
Vocabulary and phrases
dormire
= verbo intr .
---------------
* E , ad ogni modo , ridurre un uomo a spropriarsi del suo , a tosarsi la testa , a camminare a piedi nudi , a dormir sur un saccone , a viver d'elemosina , poteva parere una punizione competente , anche all'offeso il più borioso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Gli ho ricevuti , anch'io , poco fa ; e ho pensato , come vi dico , che , se li tengo a dormir con me , non so di che parere sarò domattina .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Contiguo però al muro laterale della chiesa , e appunto dal lato che rispondeva verso la casa parrocchiale , era un piccolo abituro , un bugigattolo , dove dormiva il sagrestano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Lucia lo vide , e rabbrividì ; scese con l'occhio giù giù per la china , fino al suo paesello , guardò fisso all'estremità , scoprì la sua casetta , scoprì la chioma folta del fico che sopravanzava il muro del cortile , scoprì la finestra della sua camera ; e , seduta , com'era , nel fondo della barca , posò il braccio sulla sponda , posò sul braccio la fronte , come per dormire , e pianse segretamente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La vecchia aveva parlato mentre spogliava Gertrude , quando Gertrude era a letto ; parlava ancora , che Gertrude dormiva .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dati tali ordini , don Rodrigo se n'andò a dormire , e ci lasciò andare anche il Griso , congedandolo con molte lodi , dalle quali traspariva evidentemente l'intenzione di risarcirlo degl'improperi precipitati coi quali lo aveva accolto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Va a dormire , povero Griso , che tu ne devi aver bisogno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Va a dormire per ora: che un giorno avrai forse a somministrarcene un'altra prova , e più notabile di questa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Chi è di questi bravi signori che voglia insegnarmi un'osteria , per mangiare un boccone , e dormire da povero figliuolo ? - disse Renzo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Preparate un buon letto a questo bravo giovine , - disse la guida: - perché ha intenzione di dormir qui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Volete dormir qui ? - domandò l'oste a Renzo , avvicinandosi alla tavola .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
L'oste , vedendo che il gioco andava in lungo , s'era accostato a Renzo ; e pregando , con buona grazia , quegli altri che lo lasciassero stare , l'andava scotendo per un braccio , e cercava di fargli intendere e di persuaderlo che andasse a dormire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Però quelle parole: letto e dormire , ripetute al suo orecchio , gli entraron finalmente in testa ; gli fecero sentire un po' più distintamente il bisogno di ciò che significavano , e produssero un momento di lucido intervallo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E questo lo disse , non solo perché era vero , ma anche per paura che l'oste , immaginandosi che volesse dormir lì , non gli uscisse fuori a domandar del nome e del cognome , e donde veniva , e per che negozio . . .Alla larga !
---------------
* Disse poi le sue solite divozioni ; e per di più , chiese perdono a Domeneddio di non averle dette la sera avanti ; anzi , per dir le sue parole , d'essere andato a dormire come un cane , e peggio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Raccolse poi tutta la paglia che rimaneva all'intorno , e se l'accomodò addosso , facendosene , alla meglio , una specie di coperta , per temperare il freddo , che anche là dentro si faceva sentir molto bene ; e vi si rannicchiò sotto , con l'intenzione di dormire un bel sonno , parendogli d'averlo comprato anche più caro del dovere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E tu , - riprese poi subito , voltandosi alla vecchia , - falle coraggio che mangi ; mettila a dormire in questo letto: e se ti vuole in compagnia , bene ; altrimenti , tu puoi ben dormire una notte in terra .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Non voglio mangiare , non voglio dormire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma quell'immagine , più che mai presente , parve che in quel momento gli dicesse: tu non dormirai .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Che diavolo hanno costoro ? che c'è d'allegro in questo maledetto paese ? dove va tutta quella canaglia ? " E data una voce a un bravo fidato che dormiva in una stanza accanto , gli domandò qual fosse la cagione di quel movimento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Dorme ? - domandò sotto voce alla vecchia: - là , dorme ? eran questi i miei ordini , sciagurata ?
---------------
* - Lasciala dormire in pace ; guarda di non la disturbare ; e quando si sveglierà . . .Marta verrà qui nella stanza vicina ; e tu manderai a prendere qualunque cosa che costei possa chiederti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La vecchia le si era subito avvicinata , e , con quella voce forzatamente umile , le aveva detto: - ah ! avete dormito ? Avreste potuto dormire in letto: ve l'ho pur detto tante volte ier sera - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La moglie del sarto , ch'era la sola che si trovava lì presente , fa coraggio a tutt'e due , le acquieta , si rallegra con loro , e poi , sempre discreta , le lascia sole , dicendo che andava a preparare un letto per loro ; che aveva il modo , senza incomodarsi ; ma che , in ogni caso , tanto lei , come suo marito , avrebbero piuttosto voluto dormire in terra , che lasciarle andare a cercare un ricovero altrove .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Salito poi a prendere una sua lanterna , girò di nuovo i cortili , i corridoi , le sale , visitò tutte l'entrature , e , quando vide ch'era tutto quieto , andò finalmente a dormire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Sì , a dormire ; perché aveva sonno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Come non avete pensato , - proseguiva questo , - che , se a quegli innocenti insidiati non fosse stato aperto altro rifugio , c'ero io , per accoglierli , per metterli in salvo , quando voi me gli aveste indirizzati , indirizzati dei derelitti a un vescovo , come cosa sua , come parte preziosa , non dico del suo carico , ma delle sue ricchezze ? E in quanto a voi , io , sarei divenuto inquieto per voi ; io , avrei dovuto non dormire , fin che non fossi sicuro che non vi sarebbe torto un capello .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dormivano ammontati a venti a trenta per ognuna di quelle cellette , o accovacciati sotto i portici , sur un po' di paglia putrida e fetente , o sulla nuda terra: perché , s'era bensì ordinato che la paglia fosse fresca e a sufficienza , e cambiata spesso ; ma in effetto era stata cattiva , scarsa , e non si cambiava .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ma vada a letto subito , ché il dormire le farà bene .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Hai ragione: se posso dormire . . .Del resto , sto bene .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Le buttò via , e si rannicchiò , per dormire ; ché infatti moriva dal sonno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non c'era nessuno: vide da un canto un gran portico , con sotto del fieno ammontato , e a quello appoggiata una scala a mano ; diede un'occhiata in giro , e poi salì alla ventura ; s'accomodò per dormire , e infatti s'addormentò subito , per non destarsi che all'alba .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Che avrebbe dovuto far lui, allora? Ah, come volentieri se ne sarebbe scappato a dormire nella casa colonica, presso la madre, o anche giú all'aperto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gerlando, che a notte inoltrata s'era tratto dal balcone tutto indurito dall'umido a dormire sul divano della sala da pranzo, ora, cosí sorpreso nel sonno, con una gran voglia di stropicciarsi gli occhi coi pugni, aprendo la bocca per lo sforzo d'aggrottar le ciglia, perché voleva mostrare non tanto di capire, quanto d'esser convinto, disse a tutto di sí, di sí, col capo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma, per ripicco, la madre gl'impose di scegliersi la camera piú bella per dormire, la camera piú bella per studiare, la camera piú bella per mangiare...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora sarebbe stato tutto di quest'altra, padre e marito insieme; ma le nuove cure per la sposa non gli avrebbero fatto trascurare quelle che da tant'anni si prendeva amorosamente di tutti coloro, amici o ignoti, che dormivano lassú sotto la sua custodia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
IL TABERNACOLO I Coricatosi accanto alla moglie, che già dormiva, voltata verso il lettuccio, su cui giacevano insieme i due figliuoli, Spatolino disse prima le consuete orazioni, s'intrecciò poi le mani dietro la nuca; strizzò gli occhi, e - senza badare a quello che faceva - si mise a fischiettare, com'era solito ogni qual volta un dubbio o un pensiero lo rodevano dentro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si tirò giú, voltò le spalle alla moglie e si raggricchiò anche lui da fianco, per dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma che dormire! - Fififí...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E lui: - Mi rivesto, mannaggia! Non posso dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E prima e dopo di lui, quel gobbo del dottor Niscemi, l'ateo, signori miei, l'ateo; e il repubblicano e libero pensatore avvocato Rocco Turrisi, e il notajo Scimè e il cavalier Preato e il commendator Tino Laspada, consigliere di prefettura, e anche i fratelli Morlesi che, appena seduti, poverini, come se avessero le anime avvelenate di sonno, si mettevano tutt'e quattro a dormire, e il barone Cerrella, anche il barone Cerrella: i meglio, insomma, i pezzi piú grossi di Montelusa: professionisti, impiegati, negozianti...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dio ti benedica, figliuolo mio! Dio ti benedica! E Monsignor Landolina, animato da quell'esemplare, fervidissimo zelo di carità, di cui meritamente godeva fama, arrivò fino al punto di non voler neppure riconoscere che la cambiale dei quattro poveri fratelli Morlesi che dormivano sempre, firmata per mille, fosse in realtà di cinquecento lire; e pretese da loro, come da tutti gli altri, gl'interessi del ventiquattro per cento anche su le cinquecento lire che non avevano mai avute.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Accanto, sullo stesso sedile, un operajo disoccupato dormiva con la testa tra le braccia, appoggiato di traverso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Co' la bona grazia, signo', - gli disse Tuta, ancora sorridente e inchinandosi, come se il servizio lo avesse reso a lui e non all'operajo che dormiva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E rimase lí ad aspettare, senza saper perché, né che cosa, in quella tetra saletta d'ingresso che aveva il soffitto basso basso, di tela fuligginosa, qua e là strappata e con lo strambello pendente, in cui le mosche s'eran raccolte e dormivano a grappoli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dormi tranquillo, eh? - gli raccomandò la madre, commossa dalla carezza a quella mano, che egli s'era lasciata fare e, asciugandosi gli occhi, per non guastarsi questa tenerezza angosciosa, se n'uscí.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Provatevi a non dormire per parecchie e parecchie notti di fila, dopo aver faticato tutto il giorno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il pensiero dei miei figliuoli, che durante l'intera giornata non avevano fatto nulla e ora dormivano saporitamente, al caldo, mentr'io tremavo e spasimavo di freddo, in quella camera ammorbata dal lezzo dei medicinali, mi faceva saltar dalla rabbia come un orso, e venir la tentazione di correre a strappar le coperte dai loro lettucci e dal letto di mia moglie per vederli balzar dal sonno in camicia a quel freddo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le dissi che la smettesse una buona volta e mi lasciasse dormire in pace: non avrei sfidato nessuno, anche per non dare a lei questa soddisfazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Allora Fanfulla chiamò Pallino, che dormiva nella cuccia sotto il banco: - Cane, figlio di cane, brutto libertino scodato, guarda qua la tua sposa! Ma ormai Mimí non era piú una cagnetta signorina, era divenuta una cagnetta di strada, una delle tante del paese.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Con le mani in tasca, gridava forte a chiunque volesse sentirlo, che quella sera stessa sarebbe andato a dormire nella casa degli spiriti - solo! Solo, solo, sí, perché la vecchia serva che stava da tant'anni con lui, grazie all'infamia dei Piccirilli, lo aveva piantato, dichiarandosi pronta a servirlo dovunque, foss'anche in una grotta, tranne che in quella povera casa infamata da quei signori là.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora egli vi fece trasportare un letto, un cassettone, un lavamano e alcune seggiole, che allogò in una delle tante camere vuote; e, venuta la sera, dopo aver fatto il giro del quartiere per far vedere a tutti che manteneva la parola, andò a dormire solo in quella sua povera casa infamata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Di giorno, con tutte le finestre aperte, non avrebbe avuto piú, di certo, quella sciocchissima paura; e, venendo di nuovo la sera, avendo già preso confidenza con la casa, sarebbe stato tranquillo, senza dubbio, che diamine! Aveva fatto male, ecco, ad andarci a dormire, cosí, in prima, per una bravata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Fuoco alla paglia! Gli uccellini, a quell'ora, dormivano tutti, nelle cinque stanze del piano di sotto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E poco dopo, tutti e due dormivano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
All'alba, i primi cinguettii degli uccelli imprigionati svegliarono subito il vagabondo, che dalla seggiola s'era buttato a dormire in terra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Oh come avrebbe voluto che la sua Silvia fosse stata presente quella sera, dopo la festa per il compleanno! Il Verona, venuto apposta senza alcun regalo in mano per Ginetta, appena questa se ne andò a dormire, se lo trasse in disparte e, serio e commosso, gli annunziò che un suo giovane amico, il marchese Flavio Gualdi, chiedeva a lui per suo mezzo la mano della figliuola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si forzava a dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma quanto tempo mise a vestirsi! e volle prima recarsi a vedere i bambini che dormivano, e rassettò ben bene le coperte sui loro lettini, e poi quante raccomandazioni alla serva, che stesse bene attenta, per carità! Tuttavia, non ardí alzare gli occhi al ritratto della moglie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il cocchiere, che cascava a pezzi dal sonno, con la tuba spelacchiata, buttata a sghembo sul naso, e un piede sul parafango davanti, al primo portone che gli era parso accostato in segno di lutto, aveva dato una stratta alle briglie, l'arresto al manubrio della martinicca, e s'era sdrajato a dormire piú comodamente su la cassetta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E davanti al portone, anch'esso accostato della casa piú in là, si fermò e riprese a dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma quando, attraversata sempre a passo Piazza Barberini, imboccò l'erta via di San Niccolò da Tolentino, rialzò il piede sul parafango, si calò di nuovo la tuba sul naso e si riaccomodò a dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quasi quasi aveva ragione il cocchiere che se la dormiva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E cosí avesse seguitato a dormire Scalabrino fino al principio di Via San Lorenzo! Ma i cavalli, appena superata l'erta, svoltando per Via Volturno, pensarono bene d'avanzare un po' il passo; e Scalabrino si destò.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A poco a poco, col crescere dell'ombra, aveva chiuso gli occhi, quasi per lusingar se stesso che poteva dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il giudice D'Andrea non poteva dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come non dormiva lui, cosí sul suo tavolino nell'ufficio d'Istruzione non lasciava mai dormire nessun incartamento, anche a costo di ritardare di due o tre ore il desinare e di rinunziar la sera, prima di cena, alla solita passeggiata coi colleghi per il viale attorno alle mura del paese.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Eppure, per la prima volta, da circa una settimana, dormiva un incartamento sul tavolino del giudice D'Andrea.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
I due ragazzi si erano addormentati; la madre aveva abbassato il velo sul volto e forse dormiva anche lei, col libro su le ginocchia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Calma, signori miei, calma! Il prete, agitato, sconvolto, rimase perplesso se accorrere o no alla chiamata, mentre i suoi uomini, non meno agitati e sconvolti di lui, domandavano, piangendo di rabbia per una ingiustizia, che sembrava loro patente: - E noi? e noi? Ma come? Che risposta? Poi, tutti insieme, in gran confusione, presero a vociare: - Noi vogliamo il camposanto! - Siamo carne battezzata! - In groppa a una mula, signor Prefetto, i nostri morti! - Come bestie macellate! - Il riposo dei morti, signor Prefetto! - Vogliamo le nostre fosse! - Un palmo di terra, dove gettare le nostre ossa! E le donne, tra un diluvio di lagrime: - Per nostro padre che muore! Per nostro padre che vuol sapere, prima di chiudere gli occhi per sempre, che dormirà nella fossa che s'è fatta scavare! sotto l'erbuccia della nostra terra! E il prete, piú forte di tutti, con le braccia levate, innanzi all'uscio del prefetto: - È l'implorazione suprema dei fedeli: Requiem aeternam dona eis, Domine! Accorsero, a quel pandemonio, da ogni parte uscieri, guardie, impiegati che, a un comando gridato dal prefetto dalla soglia, sgombrarono violentemente l'anticamera, cacciando via tutti per la scala, anche quelli che non c'entravano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La amava ancora come un pazzo, e senza lei non poteva piú stare; non aveva piú requie! Spesso, il figliuolo, che gli dormiva accanto, sentendolo piangere o gemere con la faccia affondata nel guanciale, si levava su un gomito e cercava di confortarlo amorosamente: - Papà, papà...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma spesso anche Torellino si seccava a vederlo smaniare cosí; e nei giorni che doveva recarsi a visitare la madre, sbuffava ogni qual volta egli si metteva a suggerirgli tutto quello che avrebbe desiderato le dicesse per intenerirla, lo stato in cui si trovava, cosí senza cure, alla sua età; la sua disperazione; il suo pianto; e che non poteva dormire, e che non sapeva piú reggere, né come fare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Zuffe furibonde, inseguimenti, mobili rovesciati, stoviglie rotte, pianti, urli, tonfi, perché qualcuno dei ragazzi, al bujo, scappava e andava a cacciarsi fra le tre vecchie cieche, che dormivano in un letto a parte, e che ogni sera litigavano anch'esse tra loro, perché nessuna delle tre voleva stare in mezzo e si ribellava quando veniva la sua volta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Due sere avanti, buttandosi a dormire stremato su quel divanaccio, forse per l'eccessiva stanchezza, insolitamente, non gli era riuscito d'addormentarsi subito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
"Giovanotto, e allora sí acceso di tanta luce d'idealità e pieno di fede e di sogni, balzai subito dal terrore, che dapprima m'invase, eroe, eroe anch'io, credano pure, sublime, agli strilli disperati di tre creaturine, che dormivano nella cameretta accanto alla mia e di due vecchi nonni e della loro figliuola vedova, che mi ospitavano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tutta quella notte Didí s'era agitata sul letto senza poter dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E dormivano! Sí, perché, forse, era tutta cosí, e non era altro, la vita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Essi, che già c'erano entrati, lo sapevano; c'erano ormai avvezzi e, andando, lasciandosi portare dal treno, potevano dormire...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Legata com'era, qua, dal sonno di quei due, dalla lentezza enorme di quel treno, uguale alla lentezza del tempo là, nell'antico palazzo, dove non si poteva far altro che dormire, come dormivano quei due...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il padre, il fratello seguitavano a dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi, quasi senza badare a quello che faceva, la sturò pian piano e lentamente l'accostò alle labbra, tenendo fissi gli occhi ai due che dormivano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Oltre al lettuccio dell'inferma, in quell'altra camera, c'era soltanto una seggiola sgangherata e un pagliericcio arrotolato per terra, che il vecchio ogni sera si trascinava nella stanza vicina per buttarvisi a dormir vestito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Voliamo, don Nuccio, voliamo! - gli diceva don Bartolo, tenendogli i pollici delle due mani, mentr'egli già dormiva e vedeva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma il letto a casa tua, no, mai piú! E ogni notte, sai, prima di lasciarti, pregavo tutti i venti della terra che andassero a prendere e rovesciassero su Roma un uragano, perché tu provassi rimorso nel vedermi andar via solo, povero vecchio, a dormire altrove, mentre prima il mio lettuccio era accanto al tuo e tenevamo calda la cameretta nostra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
cioè, no: verrebbe a essere di te cognato di tua moglie, è vero? il signor Postella, insomma, il quale - te ne avverto di passata - ha preso definitivamente domicilio in casa tua insieme con la sua metà, e dormono nella stessa camera in cui sei morto, in cui dormivamo tu e io.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A un certo punto, però, stanco di stare in ozio a guardare, s'era recato in una stalla lí vicino per buttarsi a dormire, raccomandando alla ciurma di svegliarlo quando sarebbe venuta l'ora d'andar via.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le donne proposero di smallarle tutte quella sera stessa, lavorando fino a tardi e rimanendo a dormire lí il resto della notte, per risalire al paese la mattina dopo, levandosi al bujo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A mezzanotte, finito di smallare, si buttarono tutti, uomini e donne, a dormire al sereno su l'aja, dove la paglia rimasta era bagnata dall'umido, come se veramente fosse piovuto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sí, il giorno avanti, quando s'era buttato lí a dormire, aspettando che i cugini finissero di smallare le mandorle del Lopes, una mosca gli aveva dato fastidio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non s'era portato nemmeno il letto, dormiva con uno scialletto su le spalle, avvoltolato in una coperta di lana, entro il seggiolone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Rifornito d'olio il lampadino, quegli si accostò pian piano al feretro; si chinò; poi, senza volerlo, volse in giro uno sguardo e, prima di ritirarsi nella sua cameruccia sopra la sagrestia a dormire, tolse pulitamente con due dita la berretta al morto, e se la filò zitto zitto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Va', va' a letto ora, e procura di dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma che dormire! Pareva che le punte delle molle sconnesse fossero diventate piú irte quella notte, compenetrate delle difficoltà, fra cui don Paranza si dibatteva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A bordo dormivano tutti, tranne il timoniere a poppa e il secondo di guardia sul ponte di comando.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non si poteva dar pace che quella gente abitasse lí, in quella stanzaccia, ch'era divenuta quasi una grotta fumida e fetida, e invano Venerina gli ripeteva: - Ma se togli loro l'asino, il porcellino e le galline dalla camera, non vi possono piú dormire in pace.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non m'ha fatto dormire tutta la notte, poverino: ha le dogliette.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma soprattutto un grosso Bambino Gesú di cera in un cestello imbottito di seta celeste, sul canterano, riparato dalle mosche da un tenue velo anche esso celeste, pareva profittasse del silenzio, in quella luce di sole, per dormire con una manina sotto la guancia paffuta il suo roseo sonno tra quegli odori misti d'incenso, di spigo e di caldo pane di casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poggiò allora i gomiti sul letto non toccato, poi vi si stese con tutto il busto, piegando il bel capo biondo su i guanciali e socchiudendo gli occhi, come per assaporare nella freschezza del lino i sonni che egli soleva dormirvi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Va' pure a dormire - disse Anna alla cameriera che la attendeva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Di furia, inferocito, con la scusa della caduta di quel piccino riparata a tempo, mentre tra il cresciuto clamore la sirena della ciminiera avventava il rauco fischio formidabile, acchiappò gli altri due, andò a prendere la moglie, e giú, a cuccia! a cuccia! - Andiamo a dormire! Ma Niní voleva il biscotto; l'acqua, Bicetta; Carluccio, la tromba.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- A dormire! a dormire! Avete sentito il babau? - Oh Dio, Faustino, e non è presto? - Che presto! che presto! Meglio che ti trovi accucciata, prima che si esca dal porto! Giú! giú! - La tromba, papà! - Oh Dio, Faustino, mi gira la testa...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Faustino Sangelli tirò sú il bavero del pastrano; si diede una rincalcata al berretto da viaggio; passeggiò un tratto sul ponte riservato alla prima classe; guardò i passeggeri di terza buttati come bestie a dormire su la coperta, con le teste sui fagotti, attorno alla bocca della stiva: poi, alzando il capo, vide dall'altra parte, sul ponte di poppa riservato ai passeggeri di seconda, uno - lui? - presso il parapetto, appoggiato a una delle bacchette di ferro che sorreggevano la tenda.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Anche lui, dunque, sapendo che l'antico rivale viaggiava sullo stesso piroscafo, non poteva dormire, quella notte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La tavola in mezzo, ingombra di bocce, vasetti, bilance, mortaj e imbuti, impedisce di vedere in prima se sul logoro divanuccio di cuojo, là sotto a quello scaffale dirimpetto all'entrata, sia rimasto a dormire il medico di guardia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Eccolo, c'è - dice il giovine di farmacia, indicando un pezzo d'omone che dorme penosamente, tutto aggruppato e raffagottato, con la faccia schiacciata contro la spalliera.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E spiega che, tra l'altro, c'è affezionato lui a quel cappello, perché è un cappello storico: comperato circa undici anni addietro in occasione dei solenni funerali di Suor Maria dell'Udienza, Superiora del ricovero notturno al vicolo del Falco, in Trastevere, dove si reca spesso a mangiare ottime ciotole di minestra economica, e a dormire, quando non è di guardia nelle farmacie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Me n'approfitto; lo ficco lí a dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Alessandro De Marchis, che era pure un celebre fisico, i cui libri senza dubbio quel giovine inventore italiano aveva dovuto studiare e consultare, Alessandro De Marchis s'era messo a dormire, col testone reclinato sul petto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il vecchio però, eh! il vecchio se ne vendica: dorme cosí dappertutto, sapete! Dorme, dorme.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Pensò alla prossima lettura della sua commedia, mentre il vecchio dormiva; pensò al detto di un celebre commediografo francese: che durante la lettura o la rappresentazione d'un dramma, il sonno debba esser considerato come un'opinione, e si lasciò scappare dalle labbra: - Oh Dio! E allora? La Venanzi, a questo ingenuo sospiro, scoppiò a ridere, proprio di cuore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma se mi dice che dorme sempre! - No: sempre sempre poi no! Se mai, però, gli metteremo accanto il Gabrini: sapete? quello che vi tormenta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando di lí a poco, questa con una tazza di tè in una mano e nell'altra il bricco del latte, pregò la signora inglese che sedeva accanto al De Marchis di scuoterlo per un braccio, Vittorino Lamanna, divenuto nervosissimo, avrebbe voluto gridarle: "Ma lo lasci dormire, perdio!".(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A un tratto però, dagli occhi degli ascoltatori comprese che il vecchio s'era rimesso a dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mezz'ora dopo, nel salotto della Venanzi non c'era piú nessuno, tranne il vecchio che dormiva sul seggiolone, col capo rovesciato sul petto, le labbra flosce, da cui pendeva sul panciotto un filo di bava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ecco: la levatrice lo aveva fasciato e messo a giacere sul lettino, in cui egli dormiva, quand'era in casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lí seduta, o dormiva o piangeva in silenzio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Qualcuno, passando, le buttava in grembo un soldo o un tozzo di pane; ella si scoteva appena dal sonno o dal pianto; baciava il soldo o il pane; si segnava, e riprendeva a piangere o a dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A dormire, adesso! Andate a dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma che dormire! Circa due ore dopo, il dottore, ripassando per quella straducola, la ritrovò ancora lí, che piangeva, inconsolabile, accosciata sotto il lampioncino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Andate a dormire! Domani scriveremo anche del casalino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
All'alba, dormiva, quando il dottore, ch'era mattiniero uscí per le prime visite.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
All'uscita, dico, che faccio? Andarmene a dormire in un albergo? Sono già le dodici; alle quattro prendo il primo treno; per tre orette di sonno, non vale la spesa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non mangia, non dorme piú...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Era cosciente del suo stato, e non se ne rammaricava punto; aveva vissuto a lungo, aveva assaporato la pace; ora si sentiva stanco: era tempo di chiudere gli occhi e dormire per sempre, là, nella nicchietta, sotto le rose dell'altro giardino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Hai visto come è bello? Vi tengo tutti impicciati, e io ho tanta voglia di dormire...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dormire, mangiare e andare a spasso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Pure esclamò: - Bello! Bello! Coruccio mio, dorme come un angioletto...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora la vecchia laggiú lo aveva tutto per sé, quel letto a due, poiché forse il bambino dormiva in casa della vicina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora, per dimostrare quasi a se stessa ch'era stato un sacrifizio il suo e che, nel compierlo, aveva pensato soltanto al bene degli altri e non al suo, avrebbe voluto dormire magari per terra e non lí, su quel letto signorile, sotto quel cortinaggio: il piccino, lí, poiché tutta quella ricchezza era profusa per lui; e lei per terra, come una cagna.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Mi tenga come serva, senza darmi niente! Mi dia solo un tozzo di pane! quel che dovrà buttar via! Dormirò magari per terra...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La bella balietta siciliana, scacciata or ora dalla padrona, quella sera stessa sarebbe venuta a dormire in casa sua.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La bestia vorrebbe dormire: la coscienza non glielo permette.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Molti anni fa, quando mi morí un figliuolo, dopo nove notti di veglia assidua, non sentii pena, sul momento: avevo troppo sonno, e dovetti prima dormire; poi, quando mi destai, il dolore mi assalí.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nel lato opposto, era un gran letto, dai trespoli di ferro non bene in equilibrio su l'acciottolato della stanza in pendío: vi si buttavano a dormire i tre fratelli, non mai tutti insieme, giacché ora l'uno ora l'altro passava la notte all'aperto, di guardia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Una scaletta di legno conduceva alla camera a solajo, dove dormivano i due vecchi e l'orfana.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La signora Lèuca cederà la sua, che è la piú grande, alle tre bambine, e lei dormirà nella stanzetta accanto, dov'era prima il salottino, rinunziando al grosso armadio a tre specchi, che non vi troverebbe posto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Qua dormirai tu, - dice a Sandrina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Intanto, le ripulisce ben bene, le ripettina; mostra loro tutta la casa; dove dormirà il babbo; dove dorme lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Forse Lauretta ha paura di dormir sola? o forse non è rimasta contenta di qualche risposta che Sandrina ha dovuto dare per conto di lei? Ecco, si sono quietate.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Egli resta ammirato davanti alla bella camera bianca e rosea, con quei tre lettini; ammirato e commosso; ma anche dolente; perché si vergogna a dirlo - ma da quand'è morta quella, anche di notte la piccina se n'è stata con lui, nel letto grande al posto della madre; e forse non sarà possibile indurla a dormir sola, adesso, in quel lettino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Altrimenti, pazienza! trasporteremo di là il lettuccio, e dormirà in camera tua.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E poi, dopo cena, quella sua bocca divenuta brutta, quasi nera sotto i baffi neri un po' brizzolati nel mezzo, che sorriso bello, di paterna tenerezza, aveva saputo trovare nel mostrarle la bimba che gli s'era addormentata sulle ginocchia! E le aveva domandato sottovoce se non sarebbe stato bene provarsi a svestirla pian piano, per andarla a deporre sul suo lettino, là in camera, dove già erano andate a dormire le sorelline maggiori.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E che stizza dentro di sé, intanto, per quelle sue mani che potevano dargli a vedere e a credere ch'ella non si sentisse al tutto calma e sicura! Infine, adagiata sul letto con tutte le precauzioni la bambina, e usciti tutti e due in punta di piedi dalla camera, era venuto il momento piú pericoloso: quello di vedersi loro due soli, di nuovo insieme, per un momento, prima di recarsi a dormire, nel silenzio e nell'intimità della casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Cicciuzzo è barone! Cicciuzzo è uomo fino! Non può dormire con me, Cicciuzzo! - diceva alle serve che le domandavano perché, moglie, da dieci anni si acconciava a dormir divisa dal marito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dorme come un angelo Cicciuzzo il barone; non si sente nemmeno fiatare; io dormo invece con la bocca aperta e ronfo troppo forte; ecco perché! Convinta com'era di non poter bastare a lui, di non aver niente in sé per attirare, non già l'amore, ma neanche la considerazione di un uomo cosí bello, cosí grande, cosí fino, paga e orgogliosa della benignità di lui, non si dava pensiero dei tradimenti se non per il fatto che potevano nuocergli alla salute.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A un certo punto, perché il cuore gonfio non gli scoppiasse in petto, balzava in piedi; affidava la botteguccia al vecchio cameriere che dormiva sempre, e si recava lui di nuovo, con Michelino, a trovare in casa il signor Notajo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo accompagnava a casa; lo raccomandava alla serva; e ritornava alla bottega, dove ritrovava il vecchio cameriere che dormiva ancora, nel solito angolo, con la bocca aperta, mangiato dalle mosche.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ah, per questa son brava ancora, forse! Ed entrando in quella classe, che maraviglie! Guarda! guarda! Le panche allineate, la cattedra, la lavagna, le carte geografiche alle pareti; e quel tanfo particolare della scuola! Volle sedere su una di quelle panche, e, poggiando i gomiti, con la testa tra le mani, sospirò: - Se sapessi che impressione mi fa! Varcata poi la soglia della cameretta di Mirina, altre maraviglie! Si mise a batter le mani: che nido di pace! beata solitudine! E, indicando il lettino di ferro, pulitino, con la sua brava coperta a "crocè" fatta in casa e il trasparente e la balza celeste, di mussolina rasata: - Chi sa che sogni vi fai! Dolci, puri! Ma disse che lei avrebbe pure avuto una gran paura a dormir sola in una cameretta cosí, con tutte quelle stanze vuote di là, delle classi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Misteriosamente costui, chiamandoselo prima con la mano in disparte, s'era messo a parlargli a bassissima voce della casa e del diritto da far valere sulla corte di essa, o per sè, o, se per sè non voleva, a favore d'una disgraziata che sarebbe stata carità fiorita ricompensare dell'amore e della devozione che aveva avuto per il padre e dei servizi che egli aveva reso fino all'ultimo, quando, perso di tutto il corpo e muto, s'era ridotto alla fame: una certa Nuzza La Dia sí, che fin d'allora s'era data a mendicare per lui, e che ora, senza tetto, si trascinava ogni notte a dormire là, in un sottoscala della casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ogni sera, terminato il lavoro, ritornava al paese con zi' Scarda; e là, appena finito d'ingozzare i resti della minestra, si buttava a dormire sul saccone di paglia per terra, come un cane; e invano i ragazzi, quei sette nipoti orfani del suo padrone, lo pestavano per tenerlo desto e ridere della sua sciocchezza; cadeva subito in un sonno di piombo, dal quale, ogni mattina, alla punta dell'alba, soleva riscuoterlo un noto piede.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
CHI LA PAGA Da tre notti zi' Neli Sghembri dormiva al sereno, su la paglia rimasta su l'aja dopo la trebbiatura, a guardia delle bestie, la mula e due asinelli, che strappavano la stoppia lí presso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Uscita all'aperto, nel vento, nel bujo della notte tempestosa, volse prima gli occhi alla panca su cui il figliuolo s'era raggricchiato a dormire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La mattina dopo venni a sapere dalle donne del vicinato ch'erano state disperazioni levate da una madre (una certa Sara Longo), a cui, mentre dormiva, avevano rubato il figlio di tre mesi, lasciandogliene in cambio un altro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tutto il paesello dormiva tranquillo; dormiva anche l'asinella in piedi, legata lí, all'anello accanto alla porta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Giú per terra la brocca riposava con le sue anse sui fianchi e la pentola capovolta le dormiva accanto .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Anche il ragazzo s'era coricato , ma non aveva voglia di dormire .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
È vero o non è vero ? — Dormi , ti dico , non è ora . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Dormivano assieme nello stesso letto , ma quella sera ella l'aveva attesa invano .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
S'alzò dunque e salí nella sua camera , la stessa ove un tempo dormiva con Lia: lo stesso letto di ferro arrugginito a foglie d'oro stinte , a grappoli d'uva di cui solo qualche acino conservava come nei grappoli veri acerbi un po' di rosso e di violetto: le stesse pareti imbiancate con la calce , i quadretti con cornici nere , con antiche stampe di cui nessuno in casa conosceva il valore: lo stesso armadio tarlato , sopra la cui cornice arance e limoni in fila luccicavano al tramonto come pomi d'oro .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
E poi voi verrete a dormire con me .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Entrambe pensavano alla stessa cosa , alla fuga di Lia , all'arrivo di Giacinto , e con sorpresa sentirono Grixenda mormorare: — Ma se quelli che stanno nelle grandi città vogliono venir qui ! La gente cominciava ad uscir nel cortile ; sulle porticine apparivan le donne che si pulivan la bocca col grembiale e poi rincorrevano i bambini per prenderli e metterli a dormire .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Adesso dormiva e russava , ed Efix l'aveva veduto poco prima sul lettuccio lungo il muro , con le palpebre chiuse cosí delicate , che pareva vi trasparisse l'azzurro degli occhi , coi capelli rossicci sul bianco del guanciale e i pugni chiusi come un bambino che sogna .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Il servo solo non poteva dormire .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Sí , è come stregato , non dorme piú .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Chiudeva gli occhi , ma non dormiva: riaprendoli vedeva lo stradone giallognolo perdersi tra il verde e l'azzurro delle lontananze , su verso i monti del Nuorese , giú verso il mare della Baronia , e gli pareva di esser sempre vissuto cosí , sull'orlo d'una strada metà percorsa , metà da percorrere: laggiú in fondo , aveva lasciato il luogo del suo delitto , lassú , verso i monti , era il luogo della penitenza .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
La prima notte sostò in una cantoniera della valle , ma non poté dormire .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Il compagno , con le spalle appoggiate alla porta chiusa e le mani intorno alle ginocchia , dormiva e russava .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Va': cosa pensi quando non dormi ? Va' , va' , sei cristiana anche tu .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Domani . . .»Aspettava con ansia il domani: ecco perché non poteva dormire .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Dormivi già , Efix ? Abbi pazienza ; ma Ester mi disse che te ne saresti andato domani mattina presto e son tornata giú .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Una mattina donna Ester , che dormiva nella camera terrena per vegliarlo , s'alzò presto , rimise tutto bene in ordine parlando sottovoce fra sé , e curvandosi per fargli bere una tazzina di latte , disse: — Su , Efix , allegro ! Oggi Predu fisserà il giorno delle nozze .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ma s’io vi dicessi che per sei mesi dormii in una stanza accanto alla stanza di donna giovane e divisa dal marito e non barbara punto, e che non ho mai tentato né pur col pensiero l’uscio che ci divideva! Confesso che il pensiero tentava altr’uscio, e di più bella: ma questa è pur prova che la fragilità mia non è tanto rotta quant’altrui e io temiamo. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Solevano (tale fin dal primo era il patto) dormire divisi: che da questo reciproco rispetto, conducevole insieme a virtù e a libertà, a sanità e a pulizia, credevano giovarsi l’amore. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Tornò sull’alba del dì de’ morti, e la trovò a letto desta (Matilde dormiva accanto), sedente, mezza vestita, retta il capo da’ guanciali ammontati; e i rossori della febbre le contristavano il viso. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Certi volumi di giurisprudenza dormivano sotto un dito di polvere, e non una foglia della piccola gardenia in vaso, sul davanzale della finestra di levante, ne aveva un atomo solo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Finito il rosario, la marchesa aspettò un momento in silenzio e poi disse le sacramentali parole: «Carlotta, Friend!» Carlotta, la vecchia cameriera, aveva l'incarico di pigliare, finito il rosario, Friend in braccio e di portarlo a dormire. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dovevo dire alla nonna che andavo a dormire da Gilardoni per fare poi una gita insieme alla mattina; adesso lo sai come sono venuto via.» «Vacci lo stesso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Presentiva una visione di cose non vere e sapeva di non dormire, comprendeva che non era sogno, ch'era uno stato prodotto dal suo male. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Mi pare d'avere messa la casa in ordine, d'avere spento il fuoco, d'aver dette un po' di orazioni e di andar a dormire, tutta bella contenta; ma non così presto, sai, caro, non così subito. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Rimasto solo, Franco spense il lume e si distese sulla poltrona con la buona intenzione di dormire, cercando il sonno in qualche pensiero indifferente, se gli fosse possibile di fermarvisi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il «bargnìf» all'opera La mattina seguente, Pasotti, preso il caffè e latte e meditato il piano di caccia fino alle dieci e mezzo, fece venire la signora Barborin, che dormiva in un'altra camera perché al Controllore, ella lo chiamava umilmente così, dava noia il suo russare. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Pensava soltanto che la mamma cara, vissuta da tanti anni per lei sola, non d'altro sollecita in terra che della felicità sua, dormirebbe fra poche ore e per sempre sotto i grandi noci di Looch, nella solitudine ombrosa dove tace il piccolo cimitero di Castello, mentre ella si godrebbe la vita, il sole, l'amore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dietro alla loggia vi ha una sala spaziosa e dietro alla sala due stanze: a ponente il salottino da pranzo tappezzato di piccoli uomini illustri di carta, ciascuno sotto il proprio vetro e dentro la propria cornice, ciascuno atteggiato dignitosamente a modo degl'illustri di carne e d'ossa, come se i colleghi nemmanco esistessero e il mondo non guardasse che a lui; a levante la camera dell'alcova dove accanto agli sposi dormiva nel proprio letticciuolo la signorina Maria Maironi nata nell'agosto del 1852. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il lago dormiva oramai coperto e cinto d'ombra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Prima andarono a veder Maria, che dormiva nel lettino dell'alcova col viso inclinato alla spalla destra, con un braccio sotto il capo e un altro posato sul petto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Allora la signora Peppina, approfittando di un uragano che Franco e l'amico suo facevano insieme, arrischiò un discorsetto intimo che guai se il suo Carlascia l'avesse udito; ma fortunatamente il buon bestione dormiva nel proprio letto col berretto da notte tirato sugli orecchi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ora dormiva con la bocca aperta e il ditino sul mento. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa, nel baciar la bambina che dormiva, la sentì calda. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Maria dormiva con la testina piegata sulla spalla sinistra secondo il suo solito. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
In quella camera, che stava sopra la cucina, non ci dormiva mai nessuno, non ci si andava quasi mai; era come se non ci fosse. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Chi dorme qui?», le chiese l'aggiunto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dormivano qui i genitori di mio zio che sono morti da quarant'anni. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Mise nella valigia poca biancheria, un Dante e un Almanach du jardinier che aveva sul tavolino da notte, si chinò un momento su Maria che dormiva e non le diede un bacio per non svegliarla, baciò invece Luisa e, poiché stavano sotto gli occhi dei gendarmi posti alle due uscite della camera, si sciolse presto dalle sue braccia dicendole in francese che non conveniva dare spettacolo a quei signori. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La bambina dormiva, aveva il respiro quasi regolare. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Cercarono di dormire anch'essi e non ci riuscirono. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ci pensò anche la notte, gli parve di averla trovata e chiamò sua moglie che dormiva. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Per dormire non ho bisogno di nessuno», rispose l'ingegnere, «e se sono matti gli altri non sono matto io. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dopo di che se n'andò a dormire. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli dovette quindi prendersi in braccio Maria che s'era addormentata e continuò a dormire con la testa sulla spalla di suo padre, mostrando un bel mezzo visino pacifico. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ecco, egli poteva già dormire ed ella si teneva sicura di non chiuder occhio fino alla mattina. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Tolse una coperta, si coricò vestito, dalla parte del letticciuolo onde potersi tenere una manina di Maria che non dormiva ancora, e spense il lume. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Un bacio.» Egli si sporse dal letto, si chinò a cercar con le labbra il caro visino e poi le disse di tacere, di dormire. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Quando la udì dormire in pace gli parve così crudele di lasciarla, gli parve d'essere un tal traditore che vacillò nel suo proponimento. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa a Franco Oria, 12 settembre 1 1 Il riverito signor Ismaele ci ha fatto molto aspettare l'ultima tua, perché da Lugano invece di venire a Oria è andato a Caprino con alcuni amici suoi e delle Potenze Occidentali a festeggiare la presa di Sebastopoli nella cantina dello Scarselon e là ha bevuto «un cicinìn» e quindi è ritornato a Lugano dove un altro «cicinìn» lo ha fatto dormire come un salame fino a mercoledì mattina. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dormi e fa un bel sogno che viene papà insieme col Re Vittorio Emanuele e che la mamma e la Cia fanno un gran risotto, che ti piace tanto, e che tu dici: viva il Re! e che il Re dice: niente affatto, viva invece Ombretta Pipì e il suo papà! Fa questo sogno, sai.» «Sì, mamma, sì.» L'indomani il professore Beniamino capitò a Oria un'ora prima di quella che Luisa gli aveva indicato. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non poteva veder la Valsolda nascosta dietro il monte Brè; ma quella era l'acqua stessa che rispecchiava Oria, che dormiva nella darsena della sua casa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dalla parte della cucina si udiva qualcuno dormire, dalla parte dell'alcova non si udiva niente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gliel'avevano detto com'era stato telegrafato; ma ella sapeva pure che Ismaele doveva recarsi a Lugano per incontrarvi Franco e ignorava che Ismaele, arrivata la posta dal Ceneri senza nessuno, era andato a dormire. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Non c'è mica stata malattia.» Egli si rizzò in piedi, esclamò atterrito: «Come? Non c'è stata malattia?» La persona che Franco aveva udito dormire, la Leu, entrò in quel momento per far suffumigi, vide Franco, rimase sbalordita. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Già mezzanotte e non poter dormire! Stette alquanto ad occhi aperti ed ecco adesso immagini nel buio come prima sotto le palpebre. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ad un tratto venne alla marchesa l'idea che non riuscirebbe a dormire e il sopore già inoltrato andò rotto da capo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La marchesa dormiva e sognava. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il sior Zacomo dormiva in una stanza d'angolo oltre una sala che l'avvocato attraversò in punta di piedi camminando tra mucchi di castagne, di noci, di nocciuole e di pere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Infatti Luisa lo udì dormire rumorosamente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli venne subito e fu sorpreso di udire che lo zio dormiva già. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella sperava che sarebbe rimasto a letto fino alle nove o alle dieci e contava partire al tocco, andar a dormire a Magadino per non affaticarlo troppo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non parla mai, non si lamenta mai, pare che dorma sempre; forse non dorme mai.
---------------
Subito, vedendo entrare il padre, li chiude e finge di dormire placidamente.
---------------
Poterlo fare! Da sei giorni, non si mangia, non si dorme in casa Berecche.
---------------
— Ah se l'amore, che offendete e abbassate così forsennatamente, si vendicasse di voi e vi torturasse come mi torturate! Se un giorno voi non poteste più dormire né sorridere né piangere!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Io non voglio dormire. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Che faremo? Mi chiuderete laggiù in una stanza d'albergo, fra poco? Io non voglio dormire. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Uno strillone brutale, sotto la sua finestra, all'alba, nel dormiveglia. Prima frantenderà il nome; poi l'anima sola, più desta della povera carne, ascolterà. Non crederà di avere inteso; ascolterà ancóra quella voce più lontana, che sarà rauca d'acquavite. Nell'intervallo udrà cantare la rondine sotto la gronda, come negli altri mattini. Senza sangue, senza respiro, vuota di tutto, nel buio della stanza, con gli occhi sbarrati, vedrà lo spavento del giorno entrare per le fessure.... (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Lasciami dormire così ancóra! — mormorò con un profondo sospiro. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Mormorava interrottamente come affievolendosi nel sonno. Già pareva dormire quando Isabella si accostò al letto col suo passo lieve. Sentì ella il profumo delle rose bionde che erano là presso a ravvivarsi in un vaso d'acqua. Si chinò, toccò appena con le labbra i capelli addormentati. Si ritrasse. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Era tardi. Era sorta la luna logora dietro il Mastio mediceo. La magnolia, solitaria nel cortiletto inverdito di muschi, insaporava del suo profumo il silenzio notturno, possente di mollezza nella notte contro il grand'elce austero, tutta molle della sua cerea carne. Già nel palagio tacevano le opere dei servi. Già Volterra, muta come i suoi sepolcreti, dormiva respirando l'immensità dalle sue bocche di macigno. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
«Che farà laggiù Attinia, che non ho riveduta ancóra? Culla il suo bambino? Dorme in pace?» Si raffigurava la contadina battezzata nel nome della dolce martire, la placida custode della Badia diroccata; e s'incamminava in sogno per visitarla, passava per lo stretto sentiero battuto che divide il pratello come uno spartimento fatto col pettine; volgeva a sinistra giù per il ciglio erboso che declina sotto il muro ove s'affacciano gli elci schiantati e torti, rimasti nani sotto l'oppressura dei venti, simili ai mendicanti monchi e storpii che si pongono in fila allo svolto d'una via per l'elemosina; s'addossava al muro, e guardava la voragine; e vedeva tremare su l'orlo i tristi fiori gialli, cari all'umiltà di Santa Greciniana e di Santa Agatinia, delle due vergini sorelle in Cristo e in supplizio. L'agghiacciava il fàscino; ed ella rabbrividendo si ritraeva a tentoni lungo il muro scabro. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Non fu se non un attimo scoccato all'apice dell'anima. Fu come un'urna scoperchiata e richiusa: la grande urna quadrilunga ove la forza della Città dorme fra un cipresso e un roseto, con i piedi congiunti, con le mani in croce sul petto, ben profonda nella terra del Calvario recata dalle galèe dell'Arcivescovo Ubaldo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Ma non ti passa l'angoscia, e poi stenti a dormire. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Ma sarà il sonno. Portala dunque a dormire. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
_Già dorme Tiapa, dorme._
---------------
— Gridagli che Tiapa dorme — sussurrò ella alzandosi su le punte dei piedi per andarsene cautamente. — Il covo dell'Orco è in fondo alle Balze. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— L'ho portato sempre con me, il mio scarabillo. Qualche volta lo lascio dormire in fondo a un baule o a un tiretto per mesi e mesi. Poi lo risveglio. E m'incanta e mi culla ancóra. Mi ricordo che quando ero bimba facevo gighe e volte e sarrabande, sola sola, intorno alla scatola posata per terra. Ma come mai stasera lo scarabillo della mia innocenza ha accompagnato la danza della mia perdizione, Aini?
---------------
— «Se un giorno voi non poteste più dormire né sorridere né piangere!» Ti ricordi di queste parole? Che mai valevano in quella campagna molle? Ma allora io pensai al mio deserto di cenere. Guarda!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Consolata dalle promesse, accarezzata, cullata, cedeva alla stanchezza, s'addormentava. Una lacrima le luceva ancora all'angolo dei cigli, il singulto sempre più fievole le risaliva di quando in quando alla bocca socchiusa. Anche Tiapa dormiva, sul medesimo origliere, senza ninna nanna, senza la minaccia dell'Orco. Le forbici d'acciaio e d'oro lucevano sospese per la catenina, sul capezzale. «O stanchezza, stanchezza, addormenta anche me!» sospirava nel cuore Isabella, posando il capo su la proda del piccolo letto candido, estenuata e affannosa. Era in lei come una vicenda d'annientamento e d'insurrezione. Una parvenza di sonno le veniva incontro; e il bisogno di tutta la sua carne s'addensava, ne faceva qualcosa di materiale come una creta tenace in cui volesse ella ficcare la sua fronte e suggellare i suoi occhi. E nella densità una fenditura si apriva, un crepaccio simile a quelli ch'ella aveva veduti innumerevoli nell'orrenda via; e cresceva, e diventava un antro, una voragine, un abisso mobile per ove risalivano tutti i pensieri tutte le paure tutte le angosce. E del sonno non rimaneva se non l'incoerenza delle visioni che non dissipava il battito volontario delle palpebre. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Si riavvicinò al piccolo letto, si chinò, ascoltò. Lunella dormiva d'un sonno tanto profondo che pareva doloroso, come una pena rimasta intera ma addentrata nell'oblio. «Povera cara! Fino a domani non si sveglierà, non chiamerà. E se si svegliasse di soprassalto e mi chiamasse, e io non fossi là? Che penserebbe? Ah sorellina, sorellina ardente e amara, sdegnosa e tirannica, anche per te l'anima sarà il tuo veleno, come per Isa!» Esitò. Passò la soglia, rientrò nella sua stanza. Per la finestra aperta rivide in fondo alla notte i muti baleni, respirò il fiato dei gelsomini, riudì il ferro stridere sul colmigno. Una lacrima di fuoco bianco sgorgò, colò, si consunse. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— L'altra sera, la Driade con una sorellina di undici anni, con un piccolo cugino di tredici e con la zia ottantenne, dormiva in una capanna del suo campo, distante da Fondi alcune miglia. Era tardi quando arrivò a cavallo un fratello di lei, un giovanetto, che scorse un'ombra presso la porta e riconobbe il pastore. Questi gli tirò due colpi di fucile per freddarlo: il primo andò a vuoto, il secondo uccise il cane. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Il fratello illeso fuggì di galoppo per andare a chiamare in aiuto certi suoi parenti che dormivano in un'altra capanna distante due miglia. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Me m'assonna, mi mette tanta voglia di dormire. Dormo anche con gli occhi aperti. Dammene una!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Vana s'accorse che Lunella s'era addormentata; e l'anima le venne meno, di struggimento. Non si mosse, non diede il più lieve crollo. Come Miss Imogen apparve all'uscio, con gli occhi ella le accennò di non appressarsi. Quella si ritrasse. La bimba dormiva con la gota contro la spalla della sorella, abbandonata su le ginocchia che la reggevano. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
La contenne, la riversò dentro, per tema che le gocciole calde scorressero, cadessero sul viso di Lunella, la risvegliassero. «Ah dormire, dormire, non saper più nulla, non ricordarsi più di nulla, entrare così nella pace, senza risveglio!» Ella pensò che un giorno, per essere felice e per ringraziare il Cielo d'esser nata, parve le bastasse di appoggiare il capo sopra un petto crudele e di piangere un poco e di addormentarsi e di non svegliarsi più. Ora la sua piccola sorella faceva quell'atto, ed era come s'ella medesima lo facesse verso quella madre che si sentiva rispondere per ambagi sempre la parola disperata. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Aini, Aini, sono qui. Dormivi?
---------------
Era notte alta, ma la nuvola qua e là rotta scopriva le stelle fioche. La luna nascosta diffondeva un albore simile all'alba, giù pei lunghi chiostri solitarii. Che faceva Isabella? Non dormiva: aveva ucciso il sonno. Né egli sperava di chiudere gli occhi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Un pastore conduceva la greggia non forse all'ovile ma all'Oracolo di Fauno, laggiù, nel bosco sacro ove tra la mefite ch'esala e la fonte che suona l'antichissimo nume delle genti italiche, colcato sotto le pelli delle pecore offerte, ancor dorme vaticinando per sogni nel silenzio notturno. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il silenzio era come quando la Città guerriera dei Rutuli dormiva intorno alla reggia di Turno, erma su le sue rupi che come le mura apparivano opera d'uomo, covando i sepolcri dei suoi morti. Non s'udiva se non il croscio dell'Incastro a valle, continuo come il tempo. Un cane uggiolava in un casale. Cigolava un baroccio su la strada di Anzio. Su i Monti Lanuvini brillava l'Orsa. Era come una notte nota che ritornasse nel giro degli anni, di molto molto lontano. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Se potessi trovarti un posto nella fusoliera, ti porterei con me, povero solo! — gli disse Paolo Tarsis sorridendo, mentre gli sonavano in fondo all'orecchio le modulazioni strambe che Giulio inventava per parlare ai due vecchi Penati candidi dai piedi olivastri. — Proteggi intanto il mio penultimo sonno breve. Domani dormirò assai più lungamente. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
* Guglielmo Groa dormiva, sdraiato su una poltrona, con un giornale su la faccia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* e ho bisogno di dormire... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* bisogna proprio che vada a dormire... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Silvia ebbe all'improvviso la tentazione di mandar via a dormire l'una e l'altra, di restar sola lì col suo bimbo, serrar bene la finestra e l'uscio, stendersi accanto al suo piccino, lasciarsi prendere tutta dal suo gelo di morte e uccidere da tutti quei fiori. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Una sera, per esempio, io e Berto, sapendo che egli soleva dormire, seduto su la cassapanca, nella saletta d’ingresso, in attesa della cena, saltammo furtivamente dal letto, in cui ci avevano messo per castigo prima dell’ora solita, riuscimmo a scovare una canna di stagno, da serviziale, lunga due palmi, la riempimmo d’acqua saponata nella vaschetta del bucato; e, così armati, andammo cautamente a lui, gli accostammo la canna alle nari – e zifff! –. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Dovetti prima dormire. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Caddi a sedere sul divano, sfinito; appoggiai il capo alla spalliera, per un bisogno improvviso, irresistibile, di dormire, di ristorarmi con un po’ di sonno. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Il cuore mi balzò in gola e guardai, spiritato, i miei compagni di viaggio che dormivano tutti. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Questo senso penoso di precarietà mi teneva ancora e non mi faceva amare il letto su cui mi ponevo a dormire, i varii oggetti che mi stavano intorno. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Adriana, figliuola mia, tu dormivi: ritorna pure a letto, se vuoi... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* A un tratto, questa si mise a parlare, come in un leggero dormiveglia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Dormivano tutti? Adriana, forse, no... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Presi qualche cibo, e quindi dormii quasi fino a sera. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Avrei potuto , dopo , mangiare , dormire , scrivere e magari piacere (interessare gli altri , farmi nome ecc .) , ma il corso metafisico di me stesso era tagliato di netto . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E via via strappavo i fogli non ancor tutti riempiti di grosse lettere nere e frettolose e mi tormentavo gli occhi con le mani , e fissavo stupidamente gh occhi verso una qualche stupida cosa , eppure tracciavo quasi sognando profili di mostri e di vecchi arcigni barbuti e strappavo altri fogli e maledicevo me stesso e finalmente mi alzavo ad un tratto e gettando via seggiola e penna mi buttavo sul letto , senza poter dormire , senza poter sognare , senza poter dimenticare . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Mentre i figli dell' uomo non hanno dove posare il capo , io ho una casa di cinque stanze , in un palazzo antico , vicino ai giardini sempre nuovi e vi — 254 — batte sopra il sole e vi son dentro buoni letti per dormire , larghe poltrone per sedere , piatti fondi per mangiare . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
Nel dormiveglia ricordo che il mio testo asserisce che con questo sistema si può arrivar a ricordare la prima infanzia , quella in fasce .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Mia madre m’aveva aiutato a spogliarmi e , avvoltomi in un accappatoio , m’aveva messo a dormire su un sofà sul quale essa stessa sedette occupata a certo lavoro di cucito .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Fingevo anche di dormire per indurlo ad allontanarsi prima .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Invece egli dichiarò di trovarmi sanamente costituito e poiché m’ero lagnato di digerire e dormire male , egli suppose che il mio stomaco mancasse di acidi e che da me il movimento peristaltico (disse tale parola tante volte che non la dimenticai più) fosse poco vivo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Anche mio figlio che dormiva nella stanza vicina non s’apprestava certamente ancora a giudicarmi o ad imitarmi .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Fumava il giorno intero e , dopo la morte di mamma , quando non dormiva , anche di notte .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Non posso dire di star male , ma sono molto stanco e vado subito a dormire .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Così andai a dormire anch’io del tutto rasserenato .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Lo trovammo che dormiva adagiato sul fianco destro .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Oh , dormi! Dormi fino ad arrivare al sonno eterno! Ed è così che augurai a mio padre la morte , ma il dottore non l’indovinò perché mi disse bonariamente:
---------------
L’ammalato dormiva sempre .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Insomma non avevo ancora perduta la capacità di ridere della mia avventura; la sola capacità che mi mancasse era quella di dormire .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Se avessi saputo eliminare ogni asprezza dai miei rapporti con Ada e con tutti gli altri , mi sarebbe stato più facile di dormire .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Mi venne un’altra idea che mi parve tanto importante da poter compararla alla grande luna che s’avanzava nel cielo nettandolo: avevo accettato di fidanzarmi ad Augusta per essere sicuro di dormir bene quella notte .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Come avrei potuto dormire se avessi ammazzato Guido? Quest’idea salvò me e lui .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Respiravo tanto bene da non poter dormire .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ma Giovanni , dacché era malato anche lui , non aveva tempo per nessuno e non me ne aveva detto niente ad onta che ogni giorno di sole venisse nella mia villa per dormire qualche ora all’aria aperta .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
La discussione continuò nei giorni seguenti con un tono più calmo mentre Giovanni dormiva in giardino .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Dinanzi al portico , su una grande poltrona , il capo coperto da un berretto e anche protetto dal bavero rialzato della pelliccia , le gambe avvolte in una coperta , mio suocero dormiva .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Intanto avrei guadagnato del tempo e avrei potuto tuttavia continuare a dormire i miei sonni tranquilli , pur sollazzandomi sempre col pensiero all’avventura che m’aspettava .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Prima di mettermi a dormire , come m’avviene di spesso , guardai lungamente mia moglie che già dormiva raccolta nella sua lieve respirazione .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Forse nel grembo della donna che mi dormiva accanto già s’iniziava un’altra vita di cui sarei stato responsabile .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Non avevo ancora sonno e mi disperavo al pensiero che , se ne avessi avuto , non avrei potuto dormire con tanta poca aria a mia disposizione .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Così appresi che Carla , tormentata di notte dalla paura , dormiva sempre nella sua antica stanza da letto con la madre , ove aveva un altro letto , mentre quello sul quale dovevamo dormire insieme restava vuoto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* tu dormi
---------------
addormentare
= verbo trans. far dormire
---------------
addormire
= verbo trans. addormentare quietare , calmare addormirsi
= verbo rifl. addormentarsi , dormire placarsi , acquietarsi
---------------
cullare
= verbo trans. dondolare un bambino tra le braccia o nella culla per calmarlo o farlo dormire far oscillare dolcemente
---------------
dormicchiare
= verbo intr . colui che ama dormire molto
---------------
dormizione
= il dormire
---------------
insonne
= colui che trascorre senza dormire le ore riservate al sonno
---------------
insonnia
= difficoltà o impossibilità , patologica od occasionale , a prendere sonno o a dormire
---------------
nanna
= nel linguaggio dei bambini , il sonno , il dormire
---------------
nottambulo
= chi di notte , anziché dormire , va a passeggio o a divertirsi
---------------
ridormire
= verbo intr. dormire di nuovo.
---------------
saccopelista
= chi dorme in un sacco a pelo ,
---------------
senzacasa
= chi è privo di una casa dove dormire , per estrema povertà o per scelta volontaria ,
---------------
senzatetto
= o senza tetto , chi è privo di una casa dove dormire ,
---------------
sonnecchiare
= verbo intransitivo dormire leggermente ,
---------------
sveglio
= che non dorme , che veglia ,
---------------
Verb: to sleep-slept-slept
Ausiliar: to have - intransitivo/transitivo
Affermative - INDICATIVE
Present simple
I sleep
you sleep
he/she/it sleeps
we sleep
you sleep
they sleep
Simple past
I slept
you slept
he/she/it slept
we slept
you slept
they slept
Simple past
I slept
you slept
he/she/it slept
we slept
you slept
they slept
Present perfect
I have slept
you have slept
he/she/it has slept
we have slept
you have slept
they have slept
Past perfect
I had slept
you had slept
he/she/it had slept
we had slept
you had slept
they had slept
Past perfect
I had slept
you had slept
he/she/it had slept
we had slept
you had slept
they had slept
Simple future
I I will sleep
you you will sleep
he/she/it he/she/it will sleep
we we will sleep
you I will sleep
they they will sleep
Future perfect
I will have slept
you will have slept
he/she/it will have slept
we will have slept
you will have slept
they will have slept
Present continuous
I am sleeping
you are sleeping
he/she/it is sleeping
we are sleeping
you are sleeping
they are sleeping
Past simple continuous
I was sleeping
you were sleeping
he/she/it was sleeping
we were sleeping
you were sleeping
they were sleeping
Future continuous
I will be sleeping
you will be sleeping
he/she/it will be sleeping
we will be sleeping
you will be sleeping
they will be sleeping
Future perfect continuous
I will have been sleeping
you will have been sleeping
he/she/it will have been sleeping
we will have been sleeping
you will have been sleeping
they will have been sleeping
Present perfect continuous
I have been sleeping
you have been sleeping
he/she/it has been sleeping
we have been sleeping
you have been sleeping
they have been sleeping
Past perfect continuous
I had been sleeping
you had been sleeping
he/she/it had been sleeping
we had been sleeping
you had been sleeping
they had been sleeping
Affermative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I sleep
That you sleep
That he/she/it sleep
That we sleep
That you sleep
That they sleep
Present perfect
That I have slept
That you have slept
That he/she/it have slept
That we have slept
That you have slept
That they have slept
Simple past
That I slept
That you slept
That he/she/it slept
That we slept
That you slept
That they slept
Past perfect
That I had slept
That you had slept
That he/she/it had slept
That we had slept
That you had slept
That they had slept
Affermative - CONDITIONAL
Present
I would sleep
you would sleep
we would sleep
we would sleep
you would sleep
they would sleep
Past
I would have slept
you would have slept
he/she/it would have slept
we would have slept
you would have slept
they would have slept
Present continous
I would be sleeping
you would be sleeping
we would be sleeping
we would be sleeping
you would be sleeping
they would be sleeping
Past continous
I would have been sleeping
you would have been sleeping
he/she/it would have been sleeping
we would have been sleeping
you would have been sleeping
they would have been sleeping
Affermative - IMPERATIVE
Present
let me sleep
sleep
let him sleep
let us sleep
sleep
let them sleep
 
 
 
 
 
 
 
Affermative - INFINITIVE
Present
to sleep
Past
to have slept
Present continous
to be sleeping
Perfect continous
to have been sleeping
Affermative - PARTICIPLE
Present
sleeping
Past
slept
Perfect
having slept
Affermative - GERUND
Present
sleeping
Past
having slept
Negative - INDICATIVE
Present simple
I do not sleep
you do not sleep
he/she/it does not sleeps
we do not sleep
you do not sleep
they do not sleep
Simple past
I did not sleep
you did not sleep
he/she/it did not sleep
we did not sleep
you did not sleep
they did not sleep
Simple past
I did not sleep
you did not sleep
he/she/it did not sleep
we did not sleep
you did not sleep
they did not sleep
Present perfect
I have not slept
you have not slept
he/she/it has not slept
we have not slept
you have not slept
they have not slept
Past perfect
I had not slept
you had not slept
he/she/it had not slept
we had not slept
you had not slept
they had not slept
Past perfect
I had not slept
you had not slept
he/she/it had not slept
we had not slept
you had not slept
they had not slept
Simple future
I I will not sleep
you you will not sleep
he/she/it he/she/it will not sleep
we we will not sleep
you I will not sleep
they they will not sleep
Future perfect
I will not have slept
you will not have slept
he/she/it will not have slept
we will not have slept
you will not have slept
they will not have slept
Present continuous
I am not sleeping
you are not sleeping
he/she/it is not sleeping
we are not sleeping
you are not sleeping
they are not sleeping
Past simple continuous
I was not sleeping
you were not sleeping
he/she/it was not sleeping
we were not sleeping
you were not sleeping
they were not sleeping
Future continuous
I will not be sleeping
you will not be sleeping
he/she/it will not be sleeping
we will not be sleeping
you will not be sleeping
they will not be sleeping
Future perfect continuous
I will not have been sleeping
you will not have been sleeping
he/she/it will not have been sleeping
we will not have been sleeping
you will not have been sleeping
they will not have been sleeping
Present perfect continuous
I have not been sleeping
you have not been sleeping
he/she/it has not been sleeping
we have not been sleeping
you have not been sleeping
they have not been sleeping
Past perfect continuous
I had not been sleeping
you had not been sleeping
he/she/it had not been sleeping
we had not been sleeping
you had not been sleeping
they had not been sleeping
Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I do not sleep
That you do not sleep
That he/she/it does not sleep
That we do not sleep
That you do not sleep
That they do not sleep
Present perfect
That I have not slept
That you have not slept
That he/she/it have not slept
That we have not slept
That you have not slept
That they have not slept
Simple past
That I did not sleep
That you did not sleep
That he/she/it did not sleep
That we did not sleep
That you did not sleep
That they did not sleep
Past perfect
That I had not slept
That you had not slept
That he/she/it had not slept
That we had not slept
That you had not slept
That they had not slept
Negative - CONDITIONAL
Present
I would not sleep
you would not sleep
we would not sleep
we would not sleep
you would not sleep
they would not sleep
Past
I would not have slept
you would not have slept
he/she/it would not have slept
we would not have slept
you would not have slept
they would not have slept
Present continous
I would not be sleeping
you would not be sleeping
we would not be sleeping
we would not be sleeping
you would not be sleeping
they would not be sleeping
Past continous
I would not have been sleeping
you would not have been sleeping
he/she/it would not have been sleeping
we would not have been sleeping
you would not have been sleeping
they would not have been sleeping
Negative - IMPERATIVE
Present
do not let me sleep
do not sleep
do not let him sleep
do not let us sleep
do not sleep
do not let them sleep
 
 
 
 
 
 
 
Negative - INFINITIVE
Present
not to sleep
Past
not to have slept
Present continous
not to be sleeping
Perfect continous
not to have been sleeping
Negative - PARTICIPLE
Present
not sleeping
Past
not slept
Perfect
not having slept
Negative - GERUND
Present
not sleeping
Past
not having slept
Interrogative - INDICATIVE
Present simple
do I sleep ?
do you sleep ?
does she/he/it sleeps ?
do we sleep ?
do you sleep ?
do they sleep ?
Simple past
did I sleep ?
did you sleep ?
did she/he/it sleep ?
did we sleep ?
did you sleep ?
did they sleep ?
Simple past
did I sleep ?
did you sleep ?
did she/he/it sleep ?
did we sleep ?
did you sleep ?
did they sleep ?
Present perfect
have I slept ?
have you slept ?
has she/he/it slept ?
have we slept ?
have you slept ?
have they slept ?
Past perfect
had I slept ?
had you slept ?
had she/he/it slept ?
had we slept ?
had you slept ?
had they slept ?
Past perfect
had I slept ?
had you slept ?
had she/he/it slept ?
had we slept ?
had you slept ?
had they slept ?
Simple future
will I sleep ?
will you sleep ?
will she/he/it sleep ?
will we sleep ?
will I sleep ?
will they sleep ?
Future perfect
will I have slept ?
will you have slept ?
will she/he/it have slept ?
will we have slept ?
will you have slept ?
will they have slept ?
Present continuous
am I sleeping ?
are you sleeping ?
is she/he/it sleeping ?
are we sleeping ?
are you sleeping ?
are they sleeping ?
Past simple continuous
was I sleeping ?
were you sleeping ?
was she/he/it sleeping ?
were we sleeping ?
were you sleeping ?
were they sleeping ?
Future continuous
will I be sleeping ?
will you be sleeping ?
will she/he/it be sleeping ?
will we be sleeping ?
will you be sleeping ?
will they be sleeping ?
Future perfect continuous
will I have been sleeping ?
will you have been sleeping ?
will she/he/it have been sleeping ?
will we have been sleeping ?
will you have been sleeping ?
will they have been sleeping ?
Present perfect continuous
have I been sleeping ?
have you been sleeping ?
has she/he/it been sleeping ?
have we been sleeping ?
have you been sleeping ?
have they been sleeping ?
Past perfect continuous
had I been sleeping ?
had you been sleeping ?
had she/he/it been sleeping ?
had we been sleeping ?
had you been sleeping ?
had they been sleeping ?
Interrogative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I sleep ?
That do you sleep ?
That does she/he/it sleep ?
That do we sleep ?
That do you sleep ?
That do they sleep ?
Present perfect
That have I slept ?
That have you slept ?
That have she/he/it slept ?
That have we slept ?
That have you slept ?
That have they slept ?
Simple past
That did I sleep ?
That did you sleep ?
That did she/he/it sleep ?
That did we sleep ?
That did you sleep ?
That did they sleep ?
Past perfect
That had I slept ?
That had you slept ?
That had she/he/it slept ?
That had we slept ?
That had you slept ?
That had they slept ?
Interrogative - CONDITIONAL
Present
would I sleep ?
would you sleep ?
would she/he/it sleep ?
would we sleep ?
would you sleep ?
would they sleep ?
Past
would I have slept?
would you have slept?
would she/he/it have slept?
would we have slept?
would you have slept?
would they have slept?
Present continous
would I be sleeping ?
would you be sleeping ?
would she/he/it be sleeping ?
would we be sleeping ?
would you be sleeping ?
would they be sleeping ?
Past continous
would I have been sleeping?
would you have been sleeping?
would she/he/it have been sleeping?
would we have been sleeping?
would you have been sleeping?
would they have been sleeping?
Interrogative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Interrogative-Negative - INDICATIVE
Present simple
do I not sleep ?
do you not sleep ?
does she/he/it not sleeps ?
do we not sleep ?
do you not sleep ?
do they not sleep ?
Simple past
did I not sleep ?
did you not sleep ?
did she/he/it not sleep ?
did we not sleep ?
did you not sleep ?
did they not sleep ?
Simple past
did I not sleep ?
did you not sleep ?
did she/he/it not sleep ?
did we not sleep ?
did you not sleep ?
did they not sleep ?
Present perfect
have I not slept ?
have you not slept ?
has she/he/it not slept ?
have we not slept ?
have you not slept ?
have they not slept ?
Past perfect
had I not slept ?
had you not slept ?
had she/he/it not slept ?
had we not slept ?
had you not slept ?
had they not slept ?
Past perfect
had I not slept ?
had you not slept ?
had she/he/it not slept ?
had we not slept ?
had you not slept ?
had they not slept ?
Simple future
will I not sleep ?
will you not sleep ?
will she/he/it not sleep ?
will we not sleep ?
will I not sleep ?
will they not sleep ?
Future perfect
will I not have slept ?
will you not have slept ?
will she/he/it not have slept ?
will we not have slept ?
will you not have slept ?
will they not have slept ?
Present continuous
am I not sleeping ?
are you not sleeping ?
is she/he/it not sleeping ?
are we not sleeping ?
are you not sleeping ?
are they not sleeping ?
Past simple continuous
was I not sleeping ?
were you not sleeping ?
was she/he/it not sleeping ?
were we not sleeping ?
were you not sleeping ?
were they not sleeping ?
Future continuous
will I not be sleeping ?
will you not be sleeping ?
will she/he/it not be sleeping ?
will we not be sleeping ?
will you not be sleeping ?
will they not be sleeping ?
Future perfect continuous
will I not have been sleeping ?
will you not have been sleeping ?
will she/he/it not have been sleeping ?
will we not have been sleeping ?
will you not have been sleeping ?
will they not have been sleeping ?
Present perfect continuous
have I not been sleeping ?
have you not been sleeping ?
has she/he/it not been sleeping ?
have we not been sleeping ?
have you not been sleeping ?
have they not been sleeping ?
Past perfect continuous
had I not been sleeping ?
had you not been sleeping ?
had she/he/it not been sleeping ?
had we not been sleeping ?
had you not been sleeping ?
had they not been sleeping ?
Interrogative-Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I not sleep ?
That do you not sleep ?
That does she/he/it not sleep ?
That do we not sleep ?
That do you not sleep ?
That do they not sleep ?
Present perfect
That have I not slept ?
That have you not slept ?
That have she/he/it not slept ?
That have we not slept ?
That have you not slept ?
That have they not slept ?
Simple past
That did I not sleep ?
That did you not sleep ?
That did she/he/it not sleep ?
That did we not sleep ?
That did you not sleep ?
That did they not sleep ?
Past perfect
That had I not slept ?
That had you not slept ?
That had she/he/it not slept ?
That had we not slept ?
That had you not slept ?
That had they not slept ?
Interrogative-Negative - CONDITIONAL
Present
would I not sleep ?
would you not sleep ?
would she/he/it not sleep ?
would we not sleep ?
would you not sleep ?
would they not sleep ?
Past
would I not have slept?
would you not have slept?
would she/he/it not have slept?
would we not have slept?
would you not have slept?
would they not have slept?
Present continous
would I not be sleeping ?
would you not be sleeping ?
would she/he/it not be sleeping ?
would we not be sleeping ?
would you not be sleeping ?
would they not be sleeping ?
Past continous
would I not have been sleeping?
would you not have been sleeping?
would she/he/it not have been sleeping?
would we not have been sleeping?
would you not have been sleeping?
would they not have been sleeping?
Interrogative-Negative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Coniugazione:3 - dormire
Ausiliare:avere intransitivo/transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io dormo
tu dormi
egli dorme
noi dormiamo
voi dormite
essi dormono
Imperfetto
io dormivo
tu dormivi
egli dormiva
noi dormivamo
voi dormivate
essi dormivano
Passato remoto
io dormii
tu dormisti
egli dormì
noi dormimmo
voi dormiste
essi dormirono
Passato prossimo
io ho dormito
tu hai dormito
egli ha dormito
noi abbiamo dormito
voi avete dormito
essi hanno dormito
Trapassato prossimo
io avevo dormito
tu avevi dormito
egli aveva dormito
noi avevamo dormito
voi avevate dormito
essi avevano dormito
Trapassato remoto
io ebbi dormito
tu avesti dormito
egli ebbe dormito
noi avemmo dormito
voi eveste dormito
essi ebbero dormito
Futuro semplice
io dormirò
tu dormirai
egli dormirà
noi dormiremo
voi dormirete
essi dormiranno
Futuro anteriore
io avrò dormito
tu avrai dormito
egli avrà dormito
noi avremo dormito
voi avrete dormito
essi avranno dormito
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io dorma
che tu dorma
che egli dorma
che noi dormiamo
che voi dormiate
che essi dormano
Passato
che io abbia dormito
che tu abbia dormito
che egli abbia dormito
che noi abbiamo dormito
che voi abbiate dormito
che essi abbiano dormito
Imperfetto
che io dormissi
che tu dormissi
che egli dormisse
che noi dormissimo
che voi dormiste
che essi dormissero
Trapassato
che io avessi dormito
che tu avessi dormito
che egli avesse dormito
che noi avessimo dormito
che voi aveste dormito
che essi avessero dormito
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io dormirei
tu dormiresti
egli dormirebbe
noi dormiremmo
voi dormireste
essi dormirebbero
Passato
io avrei dormito
tu avresti dormito
egli avrebbe dormito
noi avremmo dormito
voi avreste dormito
essi avrebbero dormito
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
dormi
dorma
dormiamo
dormite
dormano
Futuro
-
dormirai
dormirà
dormiremo
dormirete
dormiranno
INFINITO - attivo
Presente
dormire
Passato
avere dormito
 
 
PARTICIPIO - attivo
Presente
dormiente
Passato
dormito
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
dormendo
Passato
avendo dormito