Good navigation with NihilScio!  Facebook page
NihilScio     Home
 

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo
Italiano
Inglese

á    è     é    ì     í    ò
ó     ù    ú    ü    ñ    ç
sinonimi di
mail
  Cerca  frasi:
Vocabulary and phrases
mail
= maglia, posta, lettere, pacchi, mandare per posta, imbucare,
---------------
of old, worn-out mail coaches; and my uncle, being very fond of coaches,
---------------
contemplate the mail coaches with a deal of gravity. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
as he sat on the old axle-tree looking at the decayed mail coaches, and
---------------
animation. The mail coach doors were on their hinges, the lining was
---------------
to; in short, it was perfectly clear that every mail there, was to be
---------------
uncle before. He was dressed as a mail guard, with a wig on his head and
---------------
* '"Well," said my uncle, as he looked about him, "a mail travelling at
---------------
'The noise behind grew louder. The faster the old mail went, the faster
---------------
either by the mail or the night coach from Birmingham. If the gentleman
---------------
air mail
= posta aerea ,
---------------
air mail packet
= pacchetto per posta aerea ,
---------------
air mail packets
= pacchetti per posta aerea ,
---------------
air mail transfer
= trasferimento per via aerea ,
---------------
air mail transfers
= trasferimenti per via aerea ,
---------------
attend to the mail
= occuparsi della corrispondenza ,
---------------
attended to the mail
= occupatosi della corrispondenza ,
---------------
attending to the mail
= occupandosi della corrispondenza ,
---------------
attends to the mail
= si occupa della corrispondenza ,
---------------
by air mail
= per posta aerea , per via aerea ,
---------------
by mail
= per posta ,
---------------
by return of mail
= a volta di corriere , a giro di posta ,
---------------
cbms
= computer-based mail system, cbms ,
---------------
cems
= constituent electronic mail system, cems ,
---------------
certified mail
= corrispondenza raccomandata ,
---------------
chain mail
= cotta di maglia ,
---------------
coat of mail
= cotta di maglia, giaco ,
---------------
coats of mail
= cotte di maglia, giachi ,
---------------
deliver the mail
= distribuire la corrispondenza ,
---------------
delivered the mail
= distribuito la corrispondenza ,
---------------
deliveries of the mail
= distribuzioni della posta ,
---------------
delivering the mail
= distribuendo la corrispondenza ,
---------------
delivers the mail
= distribuisce la corrispondenza ,
---------------
delivery of the mail
= distribuzione della posta ,
---------------
ema
= electronic mail association, enterprise management architecture, ema ,
---------------
embarc
= electronic mail broadcast to a roaming computer , embarc ,
---------------
eml
= electronic mail , eml ,
---------------
ems
= sistema monetario europeo, expanded memory specification , electronic mail system, ems ,
---------------
fan mail
= lettere inviate dai fan ,
---------------
iemsi
= interactive electronic mail standard identification, iemsi,
---------------
mai
= multiple applications interface, mail , mai,
---------------
mime
= mimo, pantomima, mimare, multipurpose internet mail extension , mime,
---------------
mua
= mail user agent, mua,
---------------
mx
= mail exchanger , mx,
---------------
pem
= privacy-enhanced mail , pem,
---------------
put the junk mail straight in the bin
= gettare direttamente nel cestino la posta pubblicitaria, gettato direttamente nel cestino la posta pubblicitaria,
---------------
puts the junk mail straight in the bin
= getta direttamente nel cestino la posta pubblicitaria,
---------------
putting the junk mail straight in the bin
= gettando direttamente nel cestino la posta pubblicitaria,
---------------
slmr
= silly little mail reader , slmr ,
---------------
smtp
= simple mail transfer protocol , smtp ,
---------------
vim
= energia , forza , vigore , vendor independent mail - messaging , video interface module , vim ,
---------------
Vocabulary and phrases
mandare
= verbo trans.riferito a persona, farla andare in un determinato luogo e per lo più con uno scopo preciso
---------------
* Spesso anche , mettendo due critiche alle mani tra loro , le facevam battere l'una dall'altra ; o , esaminandole ben a fondo , riscontrandole attentamente , riuscivamo a scoprire e a mostrare che , così opposte in apparenza , eran però d'uno stesso genere , nascevan tutt'e due dal non badare ai fatti e ai principi su cui il giudizio doveva esser fondato ; e , messele , con loro gran sorpresa , insieme , le mandavamo insieme a spasso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Se Renzo si potesse mandare in pace con un bel no , via ; ma vorrà delle ragioni ; e cosa ho da rispondergli , per amor del cielo ? E , e , e , anche costui è una testa: un agnello se nessun lo tocca , ma se uno vuol contraddirgli . . .ih ! E poi , e poi , perduto dietro a quella Lucia , innamorato come . . .Ragazzacci , che , per non saper che fare , s'innamorano , voglion maritarsi , e non pensano ad altro ; non si fanno carico de' travagli in che mettono un povero galantuomo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Mandi almen giù quest'altro gocciolo , - disse Perpetua , mescendo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Mentre il dottore mandava fuori tutte queste parole , Renzo lo stava guardando con un'attenzione estatica , come un materialone sta sulla piazza guardando al giocator di bussolotti , che , dopo essersi cacciata in bocca stoppa e stoppa e stoppa , ne cava nastro e nastro e nastro , che non finisce mai .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Al vedere che una povera ragazza mandava a chiamare , con tanta confidenza , il padre Cristoforo , e che il cercatore accettava la commissione , senza maraviglia e senza difficoltà , nessun si pensi che quel Cristoforo fosse un frate di dozzina , una cosa da strapazzo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Un cavaliere spagnolo manda una sfida a un cavalier milanese: il portatore , non trovando il provocato in casa , consegna il cartello a un fratello del cavaliere ; il qual fratello legge la sfida , e in risposta dà alcune bastonate al portatore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Mi dica un poco , di grazia , se i feciali che gli antichi Romani mandavano a intimar le sfide agli altri popoli , chiedevan licenza d'esporre l'ambasciata: e mi trovi un poco uno scrittore che faccia menzione che un feciale sia mai stato bastonato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ma , padre Cristoforo , padron mio colendissimo , con queste sue massime , lei vorrebbe mandare il mondo sottosopra .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Fra Cristoforo , avvertito da queste parole che quel signore cercava di tirare al peggio le sue , per volgere il discorso in contesa , e non dargli luogo di venire alle strette , s'impegnò tanto più alla sofferenza , risolvette di mandar giù qualunque cosa piacesse all'altro di dire , e rispose subito , con un tono sommesso: - se ho detto cosa che le dispiaccia , è stato certamente contro la mia intenzione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Onde , ritirata placidamente la mano dagli artigli del gentiluomo , abbassò il capo , e rimase immobile , come , al cader del vento , nel forte della burrasca , un albero agitato ricompone naturalmente i suoi rami , e riceve la grandine come il ciel la manda .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E subito , lasciata cader la lucerna che teneva nell'altra mano , s'aiutò anche con quella a imbacuccarla col tappeto , che quasi la soffogava ; e intanto gridava quanto n'aveva in canna: - Perpetua ! Perpetua ! tradimento ! aiuto ! - Il lucignolo , che moriva sul pavimento , mandava una luce languida e saltellante sopra Lucia , la quale , affatto smarrita , non tentava neppure di svolgersi , e poteva parere una statua abbozzata in creta , sulla quale l'artefice ha gettato un umido panno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Va a chiamar gli altri , li fa entrar con sé , li manda a nascondersi accanto ai primi ; accosta adagio adagio l'uscio di strada , vi posta due sentinelle di dentro ; e va diritto all'uscio del terreno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo avrebbe voluto fermarsi lì , almeno tutto quel giorno , veder le donne allogate , render loro i primi servizi ; ma il padre aveva raccomandato a queste di mandarlo subito per la sua strada .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A quelle conveniva le più volte mandar giù e tacere: perché il principe aveva ben voluto tiranneggiar la figlia quanto era necessario per ispingerla al chiostro ; ma ottenuto l'intento , non avrebbe così facilmente sofferto che altri pretendesse d'aver ragione contro il suo sangue: e ogni po' di rumore che avesser fatto , poteva esser cagione di far loro perdere quella gran protezione , o cambiar per avventura il protettore in nemico .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Spedire la mattina presto due uomini a fare al console quella tale intimazione , che fu poi fatta , come abbiam veduto ; due altri al casolare a far la ronda , per tenerne lontano ogni ozioso che vi capitasse , e sottrarre a ogni sguardo la bussola fino alla notte prossima , in cui si manderebbe a prenderla ; giacché per allora non conveniva fare altri movimenti da dar sospetto ; andar poi lui , e mandare anche altri , de' più disinvolti e di buona testa , a mescolarsi con la gente , per scovar qualcosa intorno all'imbroglio di quella notte .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio poteva ben comandarle risolutamente , e pregarla cordialmente che stesse zitta ; lei poteva bene ripetergli che non faceva bisogno di suggerirle una cosa tanto chiara e tanto naturale ; certo è che un così gran segreto stava nel cuore della povera donna , come , in una botte vecchia e mal cerchiata , un vino molto giovine , che grilla e gorgoglia e ribolle , e , se non manda il tappo per aria , gli geme all'intorno , e vien fuori in ischiuma , e trapela tra doga e doga , e gocciola di qua e di là , tanto che uno può assaggiarlo , e dire a un di presso che vino è .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Se potesse mandar qualchedun altro . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ho visto più volte un caro fanciullo , vispo , per dire il vero , più del bisogno , ma che , a tutti i segnali , mostra di voler riuscire un galantuomo ; l'ho visto , dico , più volte affaccendato sulla sera a mandare al coperto un suo gregge di porcellini d'India , che aveva lasciati scorrer liberi il giorno , in un giardinetto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Pane ! pane ! aprite ! aprite ! - eran le parole più distinte nell'urlìo orrendo , che la folla mandava in risposta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Sopraffatto poi e come soffogato dal fracasso di tante voci , dalla vista di tanti visi fitti , di tant'occhi addosso a lui , si tirava indietro un momento , gonfiava le gote , mandava un gran soffio , e diceva tra sé: " por mi vida' que de gente ! " - Viva Ferrer ! Non abbia paura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Lì Ferrer , mentre cominciava a dare un po' di riposo a' suoi polmoni , vide il soccorso di Pisa , que' soldati spagnoli , che però sulla fine non erano stati affatto inutili , giacché sostenuti e diretti da qualche cittadino , avevano cooperato a mandare in pace un po' di gente , e a tenere il passo libero all'ultima uscita .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E persuaso , per tutto ciò che aveva visto in quel giorno , che ormal , per mandare a effetto una cosa , bastasse farla entrare in grazia a quelli che giravano per le strade , - signori miei ! - gridò , in tono d'esordio: - devo dire anch'io il mio debol parere ? Il mio debol parere è questo: che non è solamente nell'affare del pane che si fanno delle bricconerie: e giacché oggi s'è visto chiaro che , a farsi sentire , s'ottiene quel che è giusto ; bisogna andar avanti così , fin che non si sia messo rimedio a tutte quelle altre scelleratezze , e che il mondo vada un po' più da cristiani .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Bisogna che lui comandi a chi tocca , e non solamente in Milano , ma per tutto , che faccian le cose conforme dicon le gride ; e formare un buon processo addosso a tutti quelli che hanno commesso di quelle bricconerie ; e dove dice prigione , prigione ; dove dice galera , galera ; e dire ai podestà che faccian davvero ; se no , mandarli a spasso , e metterne de' meglio: e poi , come dico , ci saremo anche noi a dare una mano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ah oste , oste ! - ricominciò , accompagnandolo con l'occhio intorno alla tavola , o sotto la cappa del cammino ; talvolta fissandolo dove non era , e parlando sempre in mezzo al chiasso della brigata: - oste che tu sei ! Non posso mandarla giù . . .quel tiro del nome , cognome e negozio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dimmi un poco ; chi è che ti manda avanti la bottega ? I poveri figliuoli , n'è vero ? dico bene ? Guarda un po' se que' signori delle gride vengono mai da te a bere un bicchierino .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* S'ordinò a tutti i fornai che facessero pane senza intermissione ; si spedirono staffette a' paesi circonvicini , con ordini di mandar grano alla città ; a ogni forno furono deputati nobili , che vi si portassero di buon mattino , a invigilare sulla distribuzione e a tenere a freno gl'inquieti , con l'autorità della presenza , e con le buone parole .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Chi non lo sa ? Ma tocca a chi comanda a tener buone spie , e andarlo a disotterrare , e mandare anche gl'incettatori a dar calci all'aria , in compagnia de' fornai .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La carestia doveva poi finire: tutti gli anni si miete: intanto aveva il cugino Bortolo e la propria abilità: aveva , per di più , a casa un po' di danaro , che si farebbe mandar subito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ho qualcosina a casa ; e me li farò mandare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La donna non ebbe bisogno di pregare , per ottenere il piacere che desiderava: prese congedo dalla signora e dalla figlia , non senza lacrime , promettendo di mandar subito le sue nuove , e di tornar presto ; e partì .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E perché mandarlo via ? che faceva tanto bene qui ? Oh Signore !
---------------
* Si sparge la voce , da quelle parti , di questo gran predicatore ; e lo possono cercare da . . .da che so io ? E allora , bisogna mandarlo ; perché noi viviamo della carità di tutto il mondo , ed è giusto che serviamo tutto il mondo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Va bene ; ma la protezione de' traviati d'una certa specie . . . ! Son cose spinose , affari delicati . . .- E qui , in vece di gonfiar le gote e di soffiare , strinse le labbra , e tirò dentro tant'aria quanta ne soleva mandar fuori , soffiando .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Anche alcuni principi esteri , - dice , - si valsero più volte dell'opera sua , per qualche importante omicidio , e spesso gli ebbero a mandar da lontano rinforzi di gente che servisse sotto i suoi ordini " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Io so che , quando ho voluto mandare all'altro mondo qualcheduno , uomo o donna che fosse , c'è voluto altro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Digli che mandi . . .ma subito subito , perché altrimenti . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Mi mandi con questa donna a *** dov'è mia madre .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Basta . . .- replicò don Abbondio , e continuò pensando: " il cielo me la mandi buona " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Socchiude poi di nuovo l'uscio , si ferma dietro a quello , e manda la vecchia in una parte lontana del castellaccio ; come aveva già mandata via anche l'altra donna che stava fuori , di guardia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Brava giovine ! - riprese la donna: - e trovandosi al nostro paese anche il vostro curato (che ce n'è tanti tanti , di tutto il contorno , da mettere insieme quattro ufizi generali) , ha pensato il signor cardinale di mandarlo anche lui in compagnia ; ma è stato di poco aiuto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se ha avuto cuore fin d'allora di mandare que' due demòni a farmi una figura di quella sorte sulla strada , ora poi , chi sa cosa farà ! Con sua signoria illustrissima non la può prendere , che è un pezzo molto più grosso di lui ; lì bisognerà rodere il freno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Oh santo cielo ! Dalla parte dell'iniquità io ! Per gli spassi che la mi dà ! Basta ; il meglio sarà raccontare a Perpetua la cosa com'è ; e lascia poi fare a Perpetua a mandarla in giro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E Dio che ha usato con me tanta misericordia , vi mandi il buon pensiero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I rimorsi che gliel avevan levato la notte avanti , non che essere acquietati , mandavano anzi grida più alte , più severe , più assolute ; eppure aveva sonno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E quando vi siete presentato alla Chiesa , - disse , con accento ancor più grave , Federigo , - per addossarvi codesto ministero , v'ha essa fatto sicurtà della vita ? V'ha detto che i doveri annessi al ministero fossero liberi da ogni ostacolo , immuni da ogni pericolo ? O v'ha detto forse che dove cominciasse il pericolo , ivi cesserebbe il dovere ? O non v'ha espressamente detto il contrario ? Non v'ha avvertito che vi mandava come un agnello tra i lupi ? Non sapevate voi che c'eran de' violenti , a cui potrebbe dispiacere ciò che a voi sarebbe comandato ? Quello da Cui abbiam la dottrina e l'esempio , ad imitazione di Cui ci lasciam nominare e ci nominiamo pastori , venendo in terra a esercitarne l'ufizio , mise forse per condizione d'aver salva la vita ? E per salvarla , per conservarla , dico , qualche giorno di più sulla terra , a spese della carità e del dovere , c'era bisogno dell'unzione santa , dell'imposizion delle mani , della grazia del sacerdozio ? Basta il mondo a dar questa virtù , a insegnar questa dottrina .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per mandar poi in pace i più insistenti , senza dar loro sospetto di quel che n'era davvero , aveva creduto bene di regalar loro , a chi l'una , a chi l'altra delle notizie da noi riferite di sopra: però , come cose incerte , che aveva sentite dire anche lui , senza averne un riscontro positivo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Gonzalo se ne rodeva quanto mai si possa dire ; ma temendo , se faceva appena un po' di rumore , che quel Carlo Emanuele , così attivo ne' maneggi e mobile ne' trattati , come prode nell'armi , si voltasse alla Francia , doveva chiudere un occhio , mandarla giù , e stare zitto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Pensate se si struggeva di mandar le sue nuove alle donne , e d'aver le loro ; ma c'eran due gran difficoltà .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Agnese trottò a Maggianico , se la fece leggere e spiegare da quell'Alessio suo cugino: concertò con lui una risposta , che questo mise in carta ; si trovò il mezzo di mandarla ad Antonio Rivolta nel luogo del suo domicilio: tutto questo però non così presto come noi lo raccontiamo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dal canto suo , faceva cento volte al giorno una risoluzione simile riguardo a lui ; e adoprava anche ogni mezzo , per mandarla ad effetto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Mentre si discute questa proposta , mentre s'approva , mentre si pensa ai mezzi , ai modi , ai luoghi , per mandarla ad effetto , i cadaveri crescono nelle strade ogni giorno più ; a proporzion di questo , cresce tutto l'altro ammasso di miserie .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si mandarono in ronda birri che cacciassero gli accattoni al lazzeretto , e vi menassero legati quelli che resistevano ; per ognun de' quali fu assegnato a coloro il premio di dieci soldi: ecco se , anche nelle maggiori strettezze , i danari del pubblico si trovan sempre , per impiegarli a sproposito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Sarà quel che vorrà la Provvidenza: il cielo ce la mandi buona .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A ogni avviso , l'innominato mandava uomini a esplorare ; e , se faceva bisogno , prendeva con sé della gente che teneva sempre pronta a ciò , e andava con essa fuor della valle , dalla parte dov'era indicato il pericolo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Siccome però , a ogni scoperta che gli riuscisse fare , il tribunale ordinava di bruciar robe , metteva in sequestro case , mandava famiglie al lazzeretto , così è facile argomentare quanta dovesse essere contro di esso l'ira e la mormorazione del pubblico , " della Nobiltà , delli Mercanti et della plebe " , dice il Tadino ; persuasi , com'eran tutti , che fossero vessazioni senza motivo , e senza costrutto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Finalmente , peste senza dubbio , e senza contrasto: ma già ci s'è attaccata un'altra idea , l'idea del venefizio e del malefizio , la quale altera e confonde l'idea espressa dalla parola che non si può più mandare indietro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Senza parlare degli ecclesiastici , coi quali era sempre per lodare e regolare il loro zelo , per eccitare chiunque di loro andasse freddo nel lavoro , per mandarli ai posti dove altri eran morti , volle che fosse aperto l'adito a chiunque avesse bisogno di lui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Soggiunge che lui aveva preso , in gran segreto , i concerti necessari per mandar là il podestà di Milano e l'auditore della Sanità , con trenta soldati di cavalleria ; che pur troppo uno de' fratelli era stato avvertito a tempo per poter trafugare gl'indizi del delitto , e probabilmente dall'auditor medesimo , suo amico ; e che questo trovava delle scuse per non partire ; ma che non ostante , il podestà co' soldati era andato a reconocer la casa , y a ver si hallará algunos vestigios , e prendere informazioni , e arrestar tutti quelli che fossero incolpati .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dalla porta dove s'era fermato , fino alla cappella del mezzo , e di là all'altra porta in faccia , c'era come un viale sgombro di capanne e d'ogni altro impedimento stabile ; e alla seconda occhiata , Renzo vide in quello un tramenìo di carri , un portar via roba , per far luogo ; vide cappuccini e secolari che dirigevano quell'operazione , e insieme mandavan via chi non ci avesse che fare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- No , figliuolo: da che Dio m'ha allontanato da voi altri , io non n'ho saputo più nulla ; ma ora ch'Egli mi ti manda , dico la verità che desidero molto di saperne .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ah padre ! - disse Renzo , andandogli dietro in atto supplichevole: - mi vuol mandar via in questa maniera ?
---------------
* Ci andò ; la chiamò dalla strada: a una tal voce , essa s'affacciò di corsa alla finestra ; e , mentre stava a bocca aperta per mandar fuori non so che parola , non so che suono , Renzo la prevenne dicendo: - Lucia è guarita: l'ho veduta ierlaltro ; vi saluta ; verrà presto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Ah, la sorte le serbava questa consolazione, e lei non ci aveva ancora pensato; avrebbe avuto un piccino, una piccina a cui attendere, a cui consacrarsi tutta! Ma Dio doveva farle la grazia di mandarle un maschietto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Di' franco: Voglio nuocerti, come t'ho sempre nociuto! Ah non t'è bastato d'avermi distrutta la casa, d'avermi quasi uccisa la moglie e messo in fuga per disperazione l'unico figlio, non t'è bastato d'avermi ridotto là, misero, in ricompensa del bene ricevuto; anche la terra ora vuoi levarmi, la terra dove io ho buttato il sangue mio? Ma perché, perché cosí feroce contro di me? Che t'ho fatto io? Non ho nemmeno fiatato dopo il tuo tradimento da Giuda: avevo da pensare alla moglie che mi moriva per causa tua, al figlio scomparso per causa tua: prove, prove materiali del furto non ne avevo, per mandarti in galera; e dunque, zitto; me ne sono andato là, in quei tre palmi di terra; mentre qua tutto il paese, a una voce, t'accusava, ti gridava: Ladro! Giuda! Non io, non io! Ma Dio c'è, sai? e t'ha punito: guarda le tue mani ladre come sono ridotte...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Giusto in quel tempo accadeva che i contadini per i loro seminati non fossero mai paghi dell'acqua che il cielo mandava; e se davvero qualche anno non pioveva, ecco che la colpa era dei canonici della Cattedrale, a cui non pareva l'ora di levarsi d'addosso la SS.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il sagrestano, dàgli di nuovo a sonar tutte le campane per scongiurarla, sul fermento della folla che s'era messa intanto a protestare, indignata perché sotto quella incombente minaccia del tempo i canonici volessero mandar via a precipizio la Madonna.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Orbene, bisognava mandar furtivamente al Mèola due fidati amici a proporgli a nome dell'intero Capitolo di tenere per la ventura domenica una conferenza contro le feste religiose in genere, contro le processioni sacre in ispecie, togliendo a pretesto i deplorati disordini delle scorse domeniche, quegli urli, quei fischi, quelle minacce del popolo per impedire il trasporto della SS.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo manda il dottor Sarti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Anzi manda subito a chiamarlo, o meglio: va' tu stesso! Subito, eh? Richiuse l'uscio e si voltò a guardare il Sarti, stropicciandosi le mani, allegramente: - Me l'hai mandato tu.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E poi accarezzava un sogno, che pur sarebbe stato la sua morte: metter tanto da parte, lavorando e risparmiando, da mandare il figlio lontano, in America.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Bisogna mandare subito un ajuto, per carità! una lancia, una lancia! qualcuno subito in ajuto! E tanto fa e tanto dice, che alla fine due bravi giovanotti balzano eroicamente su una lancia, e via a quattro remi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma Faustino Perres, convinto pienamente che la ragione unica degli applausi di quella sera era stata l'intrusione improvvisa e violenta di un elemento estraneo, casuale, che invece di mandare a gambe all'aria, come avrebbe dovuto, la finzione dell'arte, s'era miracolosamente inserito in essa, conferendole lí per lí, nell'illusione del pubblico, l'evidenza d'una prodigiosa verità, ritirò la sua commedia, e non se ne parlò piú.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
sí, gli diedi un piccolo spintone e lo mandai a ruzzolare per la strada.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Pallino, distratto dai suoi giuochi furibondi con un gomitolo o con qualche pantofola da una pedata che lo mandava a ruzzolare da un capo all'altro della cucina, si levava lesto lesto su le due zampette davanti, le orecchie dritte, la testa da un lato, e stava un pezzo a guardare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Miss Galley, assalita dalla stizza, strappava la veste dai denti della cagnolina e la mandava a ruzzolar lontano su l'erbetta del prato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non so se basterà l'espiazione che v'ho fatto fare! Sú, andiamo! Bisognerà mandarli tutti in una stanza, prima.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Lori si lasciò mandar via; ma poi, a notte alta, silenzioso come un'ombra, ricomparve nella camera mortuaria e vi trovò il Verona con la faccia affondata nella sponda del letto, su cui giaceva rigido e allividito il cadavere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Aveva finalmente compiuto la poderosa opera scientifica concepita e iniziata da Bernardo Ascensi, e già attendeva a mandarla a stampa in una magnifica edizione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Valentissimo chimico, se avesse voluto mandare a stampa gli studii profondi, nuovi, d'indiscutibile originalità, che aveva fatto fin da giovinetto in quella scienza - passione finora unica, esclusiva della sua vita - ma senza dubbio, chi sa...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lui, di solito cosí timido, cosí ossequente, cosí misurato nelle espressioni, si lasciò scappare parole di fuoco contro la burocrazia, contro l'amministrazione dello Stato, anche contro il Ministro, contro tutto il Governo, che gli mandava a monte il viaggio di nozze.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Forse è meglio, - le disse sottovoce, - che si mandi per il dottor Vocalòpulo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
M'avete ridato la vita per mandarmi in galera? E non è un atroce delitto, questo? E che giustizia può esser quella che punisce a freddo un uomo ormai privo di rimorsi? come starò io in un reclusorio a scontare un delitto che non ho pensato di commettere, che non avrei mai commesso, se non vi fossi stato trascinato; mentre, meditatamente, ora, a freddo, coloro che approfitteranno della vostra scienza, dottore, la quale mi ha tenuto per forza in vita solo per farmi condannare, commetteranno il delitto piú atroce, quello di farmi abbrutire in un ozio infame, e di fare abbrutire nei vizii della miseria e nell'ignominia i miei figliuoli innocenti? Con quale diritto? Si rizzò sul busto, sospinto da una rabbia che il sentimento della propria impotenza rendeva feroce: cacciò un urlo e s'afferrò con le dita artigliate la fascia e se la stracciò; poi si riversò bocconi sul letto, convulso; tentò di scoppiare in singhiozzi, ma non poté.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E se lei, signor Ispettore, ha il cuore duro come questo scoglio qua, ebbene, mi mandi pure davanti ai giudici: voglio vedere se avranno cuore loro da condannarmi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le furie non sono svaporate, perché Mazzarini, per vendicarsi, ha fatto mandare al Municipio di Costanova...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mascalzone! Offesa alla memoria, alla effigie del nostro Gran Re! Irrisione, attentato al prestigio dell'autorità! Bisognava a ogni costo impedirlo; mandare presto presto per un barbiere fidato; e lí stesso, nella sala d'aspetto, indurre il Regio Commissario a sacrificare almeno il pappafico...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E questa, ora, è la ricompensa, caro signore! Mi si manda qua lei, non so perché: aspetto che lei me lo dica...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Mi manda in galera? - compí la frase il Cappadona, sghignazzando.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Appena, o per qualche rumore o per un crollo piú forte del capo, si ridestava e gli occhi gli andavano lí, a quell'angolo del tavolino dove giaceva l'incartamento, voltava la faccia e, serrando le labbra, tirava con le nari fischianti aria aria aria e la mandava dentro, quanto piú dentro poteva, ad allargar le viscere contratte dall'esasperazione, poi la ributtava via spalancando la bocca con un versaccio di nausea, e subito si portava una mano sul naso adunco a regger le lenti che, per il sudore, gli scivolavano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Orbene, proprio per non dare al paese lo spettacolo di quella "magnifica festa" alle spalle d'un povero disgraziato, il giudice D'Andrea prese alla fine la risoluzione di mandare un usciere in casa del Chiàrchiaro per invitarlo a venire all'ufficio d'Istruzione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mi hanno fatto cacciar via dal banco dov'ero scritturale, con la scusa che, essendoci io, nessuno piú veniva a far debiti e pegni; mi hanno buttato in mezzo a una strada, con la moglie paralitica da tre anni e due ragazze nubili, di cui nessuno vorrà piú sapere, perché sono figlie mie; viviamo del soccorso che ci manda da Napoli un mio figliuolo, il quale ha famiglia anche lui, quattro bambini, e non può fare a lungo questo sacrifizio per noi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E Niní, placido e cupo, imitando goffamente il gesto della sorella: - Non mi vollo lavare! E se Caterina lo costringeva appena, o s'accostava loro col pettine o col catino, strilli che arrivavano al cielo! Subito allora le vicine: - Ecco che comincia! Ah, povere creature! Dio di misericordia, senti, senti! Ma che fa? Ih, strappa i capelli alla grande! Senti che schiaffi al piccino! Ah che strazio, Dio, Dio, abbiate pietà di questi due poveri innocenti! Se poi Caterina, per non farli strillare, lasciava Nenè spettinata e sporco Niní: - Ma guardate qua questi due amorini come sono ridotti: una cagnetta scarduffata e un porcellino! Nenè, certe mattine, scappava di casa in camicia, a piedi nudi; si metteva a sedere su lo scalino innanzi all'uscio di strada, accavalciando una gambetta su l'altra e squassando la testina per mandarsi via dagli occhi le ciocche ribelli, rideva e annunziava a tutti: - Sono castigata! Poco dopo, piano piano, scendeva con le gambette a roncolo Niní, in camicina e scalzo anche lui, reggendo per il manico l'orinaletto di latta; lo posava accanto alla sorellina, vi si metteva a sedere, e ripeteva serio serio, aggrondato e con la lingua grossa: - So' cattigato! Figurarsi attorno le grida di commiserazione e di sdegno delle vicine indignate! Eccoli qua, ignudi! ignudi! Che barbarie, con questo freddo! Far morire cosí d'una bronchite, d'una polmonite due povere creaturine! Come poteva Dio permetter questo? Ah sí, di nascosto, è vero? essi, di nascosto, erano scappati dal letto? E perché erano scappati? Segno che i due piccini chi sa com'erano trattati! Ah, già, niente...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Egli poteva mandare i suoi campieri a cacciarli via tutti, come tanti cani, e a diroccar le loro case; non lo aveva fatto; non lo faceva; li lasciava vivere e moltiplicare, peggio dei conigli: ognuna di quelle donne metteva al mondo una ventina di figliuoli; tanto che, in meno di sessant'anni, era cresciuta lassú una popolazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ebbene, no! questo, no! questo, mai! Li sopportava da vivi; ma la soperchieria di averli anche morti nelle terre, mai! Anche perché l'usurpazione loro non si radicasse sottoterra coi loro morti! Il prefetto gli aveva dato ragione; gli aveva anzi promesso di mandare lassú guardie e carabinieri per impedire ogni violenza: perché il vecchio, da un mese moribondo per idropisia, era uomo da farsi seppellire vivo nella fossa che già s'era fatta scavare nel posto ove sognava che dovesse sorgere il cimitero, appena le due figliuole e quel prete gli annunzierebbero il rifiuto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il padre stava a guardar lo Spina con occhi sbarrati, feroci; all'improvviso lo afferrava per il bavero della giacca, gli dava un poderoso scrollone e lo mandava a schizzare lontano; poi, balzando sul parapetto dell'argine gridava con le braccia levate, enorme: - Ecco, si fa cosí! E giú, nel fiume.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'Africa? L'Asia? Le montagne che c'erano? i fiumi, i laghi, le città? Ma a lui bastava conoscer bene il pezzetto di terra in cui Dio aveva voluto farlo nascere! Piú ingegno di cosí? Le lettere che ora mandava dal reggimento erano l'unico conforto di zia Michelina, quantunque, attraverso lo stento che le costava il decifrarle, le apparisse sempre piú manifesto da esse, che Marruchino al reggimento aveva perduto del tutto quel battagliero buonumore con cui fin da ragazzo s'era coraggiosamente difeso, ribellandosi a una soverchia istruzione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ragazzaccio! Bisognava mandargli danaro, molto danaro, perché si distraesse.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nel vederlo scappar via cosí, ripensando al modo con cui la aveva guardata sottraendosi alle sue premure materne, alle sue carezze, zia Michelina si vide a un tratto assalire da un sospetto che le fece orrore; cadde a sedere su una seggiola, e rimase lí per un pezzo, pallida, con gli occhi sbarrati, a grattarsi con le dita la fronte: - Possibile? Possibile? Non osò mandare nessuno a prender notizie di lui, al podere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Roberto San Romé ebbe la tentazione di tirarle una spinta da mandarla a schizzar fuori della finestra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma nessuno era mai venuto a dirmelo, signor presidente; e io, a ogni buon fine, se mi capitava qualche volta di dover ritornare al paese in mezzo della settimana, mandavo avanti qualcuno per avvertirne mia moglie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non ci vedeva quasi piú; le dita avevano perduto l'agilità, le gambe la forza di mandare avanti il pedale della macchina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ahimè, per maturarmi bene, dovrei, con questo stomacuccio di taffetà che mi son fatto, digerir tante cose, che non riesco neppure a mandar giú: quel tuo signor Postella, per esempio! Quanto mi piacerebbe, se ci facessero tornare tutti e due insieme! Sono sicuro che, pur non avendo memoria della nostra vita anteriore, noi ci cercheremmo su la terra e saremmo amici come prima.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le mandava ora per mezzo d'un bidello dell'Università, puntualmente ogni mese, lo stipendio, di cui tratteneva soltanto lo stretto necessario per sé.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E scese la scaletta, con una mano appoggiata al muro e l'altra al bastoncino che mandava innanzi; poi giú un piede gonfio e poi l'altro, soffiando per le nari, a ogni scalino, la pena e lo stento; attraversò la stanza terrena e uscí senza dir nulla a Rorò, che già parlava con una vicina e non si voltò neppure a guardarlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
ma no, che strillavano, poverette, se non avevano neanche fiato per dire: "Ho fame"? Eppure, quel caffè-concerto era ogni sera pieno zeppo d'avventori che, con la gola strozzata dal fumo e dal puzzo del tabacco, si spassavano come a un carnevale alle smorfie sguajate e compassionevoli, ai lezii da scimmie tisiche, di quelle femmine disgraziate, le quali, non potendo la voce, mandavano le braccia e piú spesso le gambe ai sette cieli ("Benee! Bravaa! Biiis!"), e parteggiavano anche per questa o per quella, mettendo negli applausi e nelle disapprovazioni tanto calore e tanto accanimento, che piú volte la questura era dovuta intervenire a sedarne la violenza rissosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sul far della sera, veniva al chiosco e aspettava che una ragazzetta, sua nipotina, gli recasse un grosso scaldino di terracotta; lo prendeva per il manico e, col braccio teso, lo mandava un pezzo avanti e dietro per ravvivarne il fuoco; poi lo ricopriva con un po' di cenere che teneva in serbo nel chiosco e lo lasciava lí, a covare, senza neanche curarsi di chiudere a chiave lo sportello.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'altra sera, intanto, o che avesse l'anima piú imbecillita del solito, o che si sentisse piú stanco, nel mandare avanti e dietro lo scaldino, tutt'a un tratto, ecco che gli sfugge di mano, e va a schizzar là, in mezzo alla piazza, in frantumi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Papa-re, ancora col braccio proteso, nell'atto di mandare avanti lo scaldino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Era chiaro che tutte le altre camíce (che non dovevano poi esser molte) stavano ad aspettare da mesi dentro la cesta della biancheria da mandare al bucato i vapori mercantili di Svezia e Norvegia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E me lo terrà lei a battesimo, lei e zio Pietro! Donna Rosolina apriva e chiudeva gli occhi, mandava giú saliva, con l'angoscia nel naso, fra le strette di quella santa figliuola che pareva impazzita e non aveva nessun riguardo per tutti i suoi cerotti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo avesse almeno saputo vivo, pazienza per lei, se non le mandava niente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Lamanna, già col sangue tutto rimescolato, avrebbe voluto pregare la Venanzi di mandare a monte la lettura della commedia e di permettergli d'andar via di nascosto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo mandava a pesare ogni due giorni, per paura che calasse di peso con quell'allattamento artificiale, non ostante che Rosa lo rassicurasse: - Ma non sente che a momenti pesa piú di me? Sempre con la trombetta in bocca! La trombetta era il biberon.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che altro volete aggiungere? - Ecco, questo: che la vostra povera mamma, cari figli, ora che l'inverno è alle porte, trema di freddo; vorrebbe farsi un vestitino e non può; che vogliate farle la carità di mandarle almeno una carta da cinque lire, per...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La vecchia Maragrazia andava curva, premendosi con una mano sul seno la lettera da mandare ai figliuoli, come per comunicare a quel pezzo di carta il suo calore materno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Vorrebbe farmi la carità, - ripeté Maragrazia, - di leggermi questa letterina che debbo mandare ai miei figliuoli? - Se ci vedo...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma la vecchia badava ancora a scusare i figliuoli lontani del lungo silenzio, straziata dal rimorso d'averli incolpati per tanti anni dell'abbandono, sicurissima ora ch'essi sarebbero ritornati, volati a lei se una sola di quelle tante lettere, ch'ella aveva creduto di mandar loro, fosse stata scritta veramente e fosse loro pervenuta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sissignore! E sa che coraggio ha avuto questo bel galantuomo? Di mandarmi un ritratto di lui e della sua bella di laggiú! Glielo posso far vedere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Rimasto sul lastrico, il disgraziato, si regolò in modo da farsi mandare all'isola, a domicilio coatto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Consigliava alla figlia di non stare a mandar l'altra metà che la Marullo non avrebbe mai accettato, e concludeva dichiarandosi dolentissima di essersi cacciata in questo impiccio per aver voluto seguire il consiglio altrui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E si raffermava sempre piú nel proposito di mandarla via.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poco dopo, attraverso l'uscio chiuso, intese il pianto disperato di quella disgraziata e le parole strazianti con cui pregava la padrona di non mandarla via.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non c'è stato possibile, creda, mandarlo via.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non ci fu verso - venuto il giorno delle nozze - d'indurre Nicolina a levarsi l'abito di lutto: minacciò di mandare a monte il matrimonio, se la costringevano a indossarne uno di colore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ah, signor Cavaliere, - gridò, - per carità, signor Cavaliere, abbia considerazione di me! Non m'abbandoni, non m'abbandoni in questo momento, signor Cavaliere! Tutti mi disprezzano per causa sua; tutti ridono di me; di questo mio stesso lutto! Lei solo mi può e mi deve compatire! Lei che sa il sentimento mio! Lei che sa che non ho voluto mai nulla da Lei! Un po' di considerazione soltanto, per il rispetto che le ho sempre portato; un po' di considerazione per la mia disgrazia, per la nostra disgrazia, signor Cavaliere! E lo guardò, in cosí dire, da vicino, cosí affitto affitto e con certi occhi cosí smarriti e atroci, da pazzo, che al Notajo passò la tentazione di tirargli una spinta per levarselo d'addosso e mandarlo a schizzar lontano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E cosí alla fine riuscí a mandarlo via.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando andava, mandava dentro lo studio del Notajo Michelino, e lui si sedeva silenzioso e con gli occhi chiusi nell'anticamera, lí accanto alla bussola di panno verde ingiallito con l'occhio opaco nel mezzo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché il signor Notajo mi propone di mandarlo in un collegio, e cosí lontano, a Napoli? E io? Ah, non vuol piú tenere nessun conto di me, il signor Notajo? Senza il ragazzo, io morrei...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
È altro! è altro! E io lo so, signor avvocato, che cos'è! Ma come? Mi parla di spese, lui? osa parlarmi di spese? E quando mai ho ricorso a lui per mantenere il ragazzo come un figlio di signori? Io, coi miei soli mezzi! io! E finché campo, ci penserò sempre io, glielo dica! Non posso mandarlo a Napoli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Oggi non costuma piú mandare in galera chi ha le mani sporche.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non voleva niente, lei, piú niente: non che la gratitudine di lui, ma neppure il ricordo: niente! E pensò dapprima di mandar quel denaro senza fargli sapere che glielo mandava lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
No, no: ad evitare che cadesse in un cosí sciagurato equivoco, bisognava purtroppo ch'ella gli scrivesse e gli dicesse che appunto per la presenza della Valpieri nel paese aveva potuto sapere del bisogno di lui; e che gli mandava quel denaro perché lei non avrebbe saputo che farsene, prima di tutto, e poi perché le era caro far rivivere cosí in sé, per sé sola, il ricordo - non di lui, non di lui! - ma di tutto il male e di tutto il bene che le era venuto un giorno da lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando Cacciagallina alla fine lo lasciò per correre dietro agli altri e indurre con le buone maniere qualcuno a far nottata, zi' Scarda lo pregò di mandare almeno a casa uno di quelli che ritornavano al paese, ad avvertire che egli rimaneva alla zolfara e che perciò non lo aspettassero e non stessero in pensiero per lui; poi si volse attorno a chiamare il suo caruso, che aveva piú di trent'anni (e poteva averne anche sette o settanta, scemo com'era); e lo chiamò col verso con cui si chiamano le cornacchie ammaestrate: - Te', pa'! te', pa'! Ciàula stava a rivestirsi per ritornare al paese.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Bada che non voli, e non schiacciarla! Portala alla zâ Tresa, e dille che gliela manda zi' Neli Sghembri; che è quella stessa - le dirai - di tanti e tanti anni fa! Cosí.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E tu, Niluzzu, piglia il piatto grande, quello tondo, dallo stipo! Il fegato, il fegato lo voglio dare alla vecchia! Zitti tutti! Il fegato alla vecchia! Sparò per lungo la bestia; ne trasse il fegato e corse a lavarlo in una conca, poi lo compose, lucido compatto tremolante, nel piatto e lo porse al figliuolo: - Va' da tuo nonno, Niluzzu, e digli cosí: Mi manda papà Saru, con questo regalo per Mamma Tresa, e con la preghiera che gli saluti la troja! BENEDIZIONE - Io non so com'è la gente! - soleva ripetere don Marchino per lo meno una ventina di volte al giorno, insaccandosi nelle spalle e aprendo le mani a ventaglio davanti al petto, con gli angoli della bocca contratti in giú: - Io non so com'è la gente! Perché la gente in tanti e tanti casi non si regolava com'egli si sarebbe regolato; o anche perché la gente spessissimo trovava da ridire su tutto ciò che faceva lui e che a lui pareva ben fatto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Eh, quel benedetto podere ancora non lo mandavano giú, e neanche il quartierino di quattro stanze che aveva fatto fabbricare coi denari ricavati dalla vendita degli alberi, attaccato alla chiesetta, come di là era attaccata la casuccia a terreno per sé e per la sorella Marianna.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ecco, forse fu perché sparammo con un occhio chiuso e l'altro aperto, ma il fatto è che, dopo quattro giorni di caccia accanita nell'oliveto di Cumbo, non uno storno, che si dice uno, riuscimmo a far cadere, neppure per combinazione; ulive sí, invece, oh, a ogni scarica, giú come grandinare; tanto che il buon Celestino Calandra (giovane e santo) cominciò a dire tra bellissime risate che una consolazione cosí non gliela poteva mandare altri che Dio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Prese a singhiozzare, a gemere tra singhiozzi, mentre quegli, insieme con la serva, lo riconduceva alla poltrona nello stanzino: - Ti manda Iddio! ti manda Iddio! - Qua...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ancora, dopo tre anni? Pur essendo adesso sua moglie? Gli mandava di nascosto una corona...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Né amore, né rispetto? Ah, ella aveva rifiutato i giovani e s'era preso uno, per lei vecchio, perché costui l'amore, via!, non si sarebbe neppur sognato di pretenderlo, coi capelli già grigi, con la barba già brizzolata; ma avrebbe anche chiuso un occhio, e anche tutti e due, su la sua pena antica; non si sarebbe avuto a male di nulla, il vecchio! Però di soppiatto gliela mandava, la corona! Meno male! Eh già, moglie d'un altro, non aveva stimato conveniente andar lei, di persona.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sia fatto il volere di Dio: è lui che manda le buone e le cattive notizie ; ma il cuore cominciò a tremargli , ed anche le dita nere screpolate tremarono coi giunchi argentei lucenti alla luna come fili d'acqua .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Esse mandarono un regalo al nipotino , ma non scrissero alla madre .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Giacinto crebbe , e ogni anno per Pasqua e per Natale scriveva alle zie e le zie gli mandavano un regalo: una volta scrisse che studiava , un'altra volta che voleva entrare in Marina , un'altra ancora che aveva trovato un impiego ; poi annunziò la morte di suo padre , poi la morte di sua madre ; infine espresse il desiderio di visitarle e di stabilirsi con loro se al paese trovava da lavorare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Noemi pensava: «Bisogna chiamare zia Pottoi , bisogna mandar da Efix . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Andrò a chiamare qualcuno per mandarlo al podere .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Don Predu , mandi questo con la sua serva alle mie padrone .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tu , quando si trattava di farlo venire , dicesti: «Se si comporta male penso io a mandarlo via» .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ti manda lui ? — Mi manda il boia che ti impicchi ! Parla , e subito , anche .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
La luna alta sul finestrino sopra la cassa mandava un nastro d'argento fino al suo petto legnoso , e dalla scollatura della camicia si vedeva la moneta d'oro infilata nel correggiuolo diventato nero .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Peggio per lui ! — E tu , Noemi , tu parli cosí ? Si può mandare un cristiano in prigione ? — Che cosa vuoi fare dunque ? — Pagare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Donna Ester lavava il grano , prima di mandarlo alla mola , immergendolo entro un vaglio nell'acqua d'un paiuolo: le pietruzze rimanevano tutte in un angolo , ed ella dava un balzo al vaglio per cacciarle via tutte assieme .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le donne ardevano di curiosità , perché da qualche tempo il padrone mandava regali alle cugine e pur beffandosi di loro non permetteva che altri ne parlasse male in sua presenza ; ma Efix non era disposto alle confidenze .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ma fra loro due , in confidenza , poiché don Predu continuava a mandare regali e regali alle dame Pintor , ammettevano che egli , sí , sembrava stregato , e parlavano di Efix sottovoce: tutto è possibile nel mondo , ed Efix amava le sue padrone fino al punto di rendersi capace di far per loro qualche sortilegio .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le dirai: «Chi si deve mandare per la domanda ufficiale ? Prete Paskale , o la sorella , o chi ?» Se lei dice di non mandarenessuno , tanto meglio , in fede di cristiano , tanto meglio ! Eppoi le cose le faremo presto e senza chiasso: non siamo piú due ragazzetti .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Indovina chi glielo manda ? Lo prenda .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Essa verrà qui , a giorni ; non mandarla via , non perderla ! — Ma , sant'uomo ! Non hai orecchie per ascoltare ? Io ti dico che non posso tenerla , che non posso sposarla: devo pagare il debito delle zie ! — Tu lo pagherai sposandola .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Dove lo mandi che è cieco ? — disse Efix , inginocchiato con una mano sul cuore del vecchio .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ma non eravate morto ? E chi diceva che eravate in America e diventato ricco , e che mandavate tanti denari alle vostre padrone .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le frutta di qui , il mio padrone le manda in regalo alle sue cugine , le vostre padrone: ma esse stanno sempre chiuse dentro come il riccio nella sua scorza .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Don Predu è cosí ricco che può prendervi lo stesso ; vi può mandare negli altri poderi , perché a me piace star qui .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Che dovevo dirti , Ester ? Ha forse mai fatto la sua domanda , lui ? Quando s'è mai spiegato ? Manda regali , viene qualche volta , si mette a sedere , chiacchiera con te e a me quasi non rivolge la parola .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Piú tardi un nuovo accesso del male lo contorse , lo annerí ; e mentre le padrone mandavano a chiamare il dottore egli cominciò a delirare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Nei primi giorni qualcuno domandò di visitarlo ; ma Noemi apriva appena il portone e mandava via tutti .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Rispose cordialmente la povera vecchia, venissi; la mi mandava la benedizione di mio padre (ch’era morto nella fede de’ padri suoi): mi mandava pochi franchi ch’ella aveva potuto mettere insieme. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Gli scrissi, e mandai la lettera nell’atto del partire, sperando non lo rivedere più: ma un indugio mi ritenne. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Si conchiude il matrimonio: sull’ultimo e’ fa un viaggio a Lione: di là, invece di venire, mi chiama a sé, e mi manda il danaro. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Pietoso dono il dolore!" Sfollata la gente, erano ancora a una finestra loro due; Matilde all’altra, la pigionale e custode di Maria; stufa di que’ lunghi discorsi in lingua a lei barbara; sì che in suo cuore mandava di là da Roma gl’Italiani e l’Italia. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
"Vi rammentate voi, lo scorso autunno a Parigi del giorno che guardavam lieti alle isolette vagamente alberate e cespugliose del ponte a Neuilly, che, tutte vestite, bagnano nell’acqua i lembi del verde lor manto; e quando, svoltando per la via che accompagna il fiume, montavam per la costa vignata di Suresne, verso la chiesetta ch’è in cima, e vedevam la salita ad ora ad ora mollemente riposarsi in pianure ondeggianti od in seni; e i poggi a destra fender l’azzurro con le allegre lor cime: quando entrammo in un capanno biancheggiante di gesso cavato; e guardando al sole che mandava gli ultimi raggi alla già languente verzura, tale, diss’io, è l’ultimo amore? "Addio, buona mia. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Giovanni raccomandava per via all’avvocato sua moglie: come assisterla, e mandarla dov’ella desiderasse. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Poi scendendo la Loira, videro il fiume dal mare respinto distendersi in mesta ampiezza, sì che l’occhio appena abbraccia le due rive; e le campane della chiesetta povera di san Nazzaro mandar sull’onde il saluto che fa ripensare della patria e di Dio: passeggiarono di là dal Croisic lungo la sponda inabitata dove il grande oceano infrange tonando le onde viaggiatrici per ispazio d’abissi e di cieli smisurato; le infrange nelle arene lucenti per pietruzze eleganti, per conchiglie dipinte di gai colori; le infrange ne’ massi, nido di candidi uccelli che sulle spume volteggiano aliando sicuri, ne’ massi imminenti, incavati, che quasi cetre giganti rispondono all’ingruente tempesta. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Lo strumento dell'organista, corso e pesto da due generazioni di zampe incallite sulla marra, non mandava più che una comica vocina nasale sopra un tintinnio sottile come d'infiniti bicchierini minuti e fitti. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«No ghe xe ponto de dubio; quela maledetissima servente sarà la me morte.» «E perché non la manda via?», chiese l'ingegnere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il Controllore le voleva bene a modo suo, la costringeva a visite, a gite in barca, a passeggiate sui monti, ch'erano un supplizio per lei, si burlava della sua sordità, la mandava fuori coperta di seta e di piume e in casa la faceva lavorare come una fantesca. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
A questo riguardo il signor Zacomo ha dei dispiaceri da parte di certi indiscreti.» «Lassemo star, Controllore gentilissimo, lassemo star», interruppe il signor Giacomo contorcendosi tutto, e l'ingegnere lo esortò a mandar i due seccatori al diavolo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Vuole che Cavour mandi il duca di Genova e quindici o ventimila uomini a battersi per i turchi se non ha in pugno la guerra all'Austria? La signora crede che non passerà un anno.» Franco scosse i pugni in aria con un fremito di tutta la persona. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Per amor del cielo, non mandi questa lettera! Se Suo marito lo sa! Pensi che dispiacere immenso, per me, per Lei! E come Suo marito non lo avrebbe a sapere?». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Questo prete, un piccolo vecchietto contraffatto, focoso e dottissimo, lo invitò a casa sua, in piazza Paesana, si pose ad aiutarlo con entusiasmo, gli suggerì una quantità di libri, parte da legger lui, parte da mandare a sua moglie. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Maria l'udiva che brontolava tra sé contro il povero carrubo perché manda ombra in cucina e gli augurava di crepare. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il ciclamino che troverai qui dentro te lo manda Maria. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Pensò di mandarglielo a dire da Ismaele. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si parlò allo zio, si decise di mandar un telegramma da Lugano, l'indomani mattina perché oramai era troppo tardi, a nome dello zio, parlando di malattia grave. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Era Dio che gliela mandava! Fu preso da singhiozzi nervosi, senza lagrime. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Neppur s'irritò, come Franco temeva, all'idea di mandar un messaggio amorevole. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Va sul Boglia anche Lei?» Il gendarme se n'andò duro duro senza rispondergli, senza udire su quale ignominioso patibolo il deputato politico lo mandava. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Questa avrebbe voluto mandarlo via, riprendere il discorso con Luisa, ma non osò farlo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Capisci» ,le disse, «che almeno per qualche mese non potrò mandar nulla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
– Ma che vorresti? che l’Italia impedisse all’Austria in guerra di mandare contro la Russia e contro la Serbia i trentini e i triestini? Finché state sotto di lei, è nel suo diritto!
---------------
ma sì, quello del padrone che manda a scudisciate gli schiavi dove gli pare e piace! Ma chi ha mai riconosciuto all’Austria il diritto di tenere sotto di sé Trento, Trieste, l’Istria, la Dalmazia? Se lei stessa, l’Austria, sa di non averlo questo diritto! Sì, tanto è vero che fa di tutto per sopprimerci, per cancellare ogni vestigio di italianità da quelle terre nostre! L’Austria, sì, lo sa; e voi no, voi che la lasciate fare! E ora di fronte a una guerra che subito, dal principio s’è presentata come volta ai danni nostri, contro gl’interessi nostri, ora la neutralità, è vero? il partito da prendere, e non le armi per la liberazione nostra e la difesa di quegli interessi, là appunto dove prima l’Austria ha cominciato a minacciarla?
---------------
2 Tutto il primo giorno – sei giorni addietro – passato in un’ansia crescente d’ora in ora, tra un’oscura costernazione e un’irritazione sorda man mano anche esse crescenti, per il ritardo del figliuolo a rincasare; ritardo sempre piú inescusabile e inesplicabile, perché non c’erano piú dimostrazioni per Roma che potessero far pensare a un arresto, come l’altra volta; – poi, la sera, le corse affannose di qua e di là in cerca di lui, dove si fosse potuto attardare tanto, nei caffè, in casa di qualche amico, nella camera mobiliata di Gino Viesi – e la sorpresa, qui, nel sapere che anche lui, Gino Viesi, uscito dalla mattina alle sette, non s’era piú fatto vedere; poi, la notte, quella prima notte senza il figliuolo in casa, con la casa che sembrava vuota e paurosa, come vuoto e pauroso l’animo di lui; e le ore che passavano a una a una lente, eterne, su la sua ansia pure angosciata dallo sgomento di vederle passare, così, a una a una, nella vana attesa alla finestra, con l’ossessione delle vie per cui il figliuolo poteva essersi incamminato, per cui torse camminava ancora nella notte, per allontanarsi sempre piú, sempre piú dalla sua casa, sciagurato! ingrato! ma dove? dove diretto? – e poi l’alba e il silenzio di tutta la casa, orribile, con le donne cedute al sonno tra il pianto, là su le seggiole, col capo su la tavola, sotto il lume ancora acceso – ah, quel lume giallo nell’alba, e quei corpi là, che da sé a poco a poco s’erano composti in atteggiamenti pietosi, rassettati per non soffrir tanto, per trovare un po’ di requie essi almeno, se l’anima nel sonno angoscioso non poteva trovarne! – e poi, al mattino e durante tutto il giorno seguente, le altre corse, tre, quattro, alla Questura, prima per denunziare la scomparsa del figliuolo e di quell’altro là, perché fosse spiccato subito e diramato da per tutto un ordine d’arresto; poi per sapere se qualche notizia fosse giunta; e mai nessuna! – quei no, quel no del delegato rosso lentigginoso, che pure la mattina pareva avesse preso con impegno la cosa nel sentire che forse si trattava di due giovanotti che tentavano di passare in Francia per arruolarsi nella legione garibaldina; e ora piú niente, tutto intento ad altro ora, come se non si ricordasse piú neanche dell’ordine dato; – e le invettive, le aggressioni d’ora in ora piú violente della moglie e della figlia Carlotta, perché erano sicure che Faustino e quell’altro erano scappati via per lui, ma sì, per lui, per lui che aveva fin dall’infanzia oppresso quel figliuolo col metodo tedesco, con la disciplina tedesca, con la coltura tedesca, fino a fargli concepire un odio indomabile, inestinguibile per la Germania, che Dio la danni in eterno! e – ultimamente, in faccia all’altro che piangeva due fratelli uccisi, non aveva forse avuto il coraggio di gridare che l’Austria aveva tutto il diritto di mandarglieli al macello quei due fratelli? – lui! lui! – per questo erano scappati, per dargli una giusta risposta, per fare una giusta vendetta dei sentimenti da lui offesi nell’uno e oppressi nell’altro fin dall’infanzia: ebbene, non basta tutto questo? Ce n’è anche d’avanzo per spiegare come Berecche si sia in sei giorni invecchiato di venti anni.
---------------
— Isa, promettimi che vieni con me pel resto della strada e mandi Morìccica con Paolo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Allora la marchesa di Cotrone ti mandava a chiedere per modello una sbèrnia, come oggi Giacinta Cesi ti manda a chiedere un mantello. Che erano al confronto i grandi corredi d'Ippolita Sforza, di Bianca Maria Sforza e di Leonora d'Aragona? Ma quella Beatrice era veramente la spina del tuo cuore. S'era fatti ottanta quattro vestiti nuovi in due anni! Tu l'anno scorso per le quattro stagioni te ne facesti novantatre (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Ma spesso tu mandavi invece di denari un bussoletto, perch'eri piena di debiti. — Oh no!
---------------
— Una rosa perduta, una rosa ritrovata! Chi La manda a me? Veramente viene di Madura? Ha fatto tanto cammino? È la prima volta che porto un fiore nel cielo. Crede che sia leggero? Forse pesa quanto un doppio destino. Lo porterò in alto, in alto. Le prometto che lo porterò oggi a un'altezza non raggiunta mai da me né da altri, sopra le nubi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
I miei piedi sono d'avorio oggi. Vedi. Allora avevo preso l'abitudine di farmeli miniare con l'henné; e i calcagni arrossati dal minio somigliavano due mandarini. Poveri piedi tristi!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Yasmina, la mia negretta, una creatura adorabile, che sempre rimpiango: svelta e pieghevole come un giunco marino, tutta riso, tutta un riso abbagliante che le fendeva sino a mezzo delle gote un volto funebre come quello di Proserpina. La mandavo sempre vestita di verde e di nero, acconciata all'egiziana, coi bottoni d'argento e di smalto sul corsetto sanguigno. Era di forme così vive che, quando camminava, anche sotto il largo futa i muscoli le si palesavano come sotto un lino bagnato e aderente. S'innamorò di Aldo; e rise molto più di rado, ma gli occhi carezzevoli le divennero più belli. Il pianto le fece l'effetto del koheul. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Prendilo! Tienilo! — proruppe, dislacciandosi dalla sorella, respingendola. — Mandaci via, manda via noi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Forse egli mi manda — disse, e sùbito si pentì d'aver detto. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— No, non esitate. La sorte vi manda a slegarmi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Quasi in un sogno cupo rotto dai sobbalzi delle ossa ma con un languore d'amante pur sotto l'orrore, ma con un abbandono avido al potere che l'avviluppava, ma col presentimento d'una mutazione miracolosa che fosse per compiersi, ella era discesa a quel punto. «Non è più l'amore» egli le aveva detto. Nel tumulto e nell'oscurità, uno spirito d'ingenua giovinezza ancor superstite in fondo all'abominazione aveva risposto: «Ecco, ti slego. Ecco, sei libero. T'eri già volto verso di me; ora ritorni a me, ora mi riconosci. Forse m'amavi già, forse non hai mai cessato d'amarmi. Quell'altra cosa torbida e trista non più ti tiene, non più t'infetta. E, se io metto le dita su le tue tempie, nulla più rimane in te, neppure il disgusto, neppure il dispregio. Ti guarisco, ti consolo, ti rinnovo. Non so se sei tu che mi porti via, che mi porti lontano, o se sono io che ti rapisco, che ti nascondo. Di tutte le rive, di tutte le isole che tu hai dentro gli occhi, qual'è la più lontana, qual'è la più bella?» Come nella notte di Volterra, l'amato le era apparso vittima di un sortilegio, prigioniero d'un malefizio, che da lei attendesse la liberazione. Egli aveva detto: «La sorte vi manda a slegarmi».(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ripartirono lasciando su la strada la carcassa inànime. Dal Covigliaio mandarono buoi a tirarla. Filarono su Firenze senz'altri indugi. La montagna era tutta violacea. Faceva freddo. La compagnia si rattristava, serrata e silenziosa. Paolo sentiva che ogni minuto aveva un'importanza incalcolabile e ch'egli correva verso una catastrofe oscura. Certo, ogni minuto aveva il suo peso; e nei pressi di Pratolino ne andaron perduti dieci per accendere i fanali mal pronti. Eran passate le otto quando entrarono in città. Paolo fu deposto alla porta del suo rifugio d'amore. Ringraziò breve: aprì il primo cancello, fece per entrare. Ma un domestico dell'appartamento di sopra venne giù per le scale come se lo aspettasse e dovesse dirgli qualcosa. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Non dormì. Si mondò di tanta infezione e di tanto fango. Ritornò nell'altra casa, al mattino. L'ispettore cortese aveva promesso di mandargli un uomo di polizia per recar notizie e per raccogliere la testimonianza del domestico di Mrs. Culmer. Egli era omai rassegnato a patire tutte le onte, come un supplizio che è inevitabile ma che deve avere la sua fine. «Spero di vedere a faccia a faccia il mio Pilota — quando io abbia passato la linea.»
---------------
* Solo per qualche traccia rimasta del soggiorno di colei nella casa accennava di rianimarsi un po', e come un cane che si sdrai su le vestigia del padrone morto, quasi a covarne l'ultimo sentore, che non se ne vada via anche quello, stava lì e non c'era verso di mandarlo fuori a distrarsi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Via, via, quella tentazione! E si sentì più tranquilla quando, alcuni giorni dopo, a quei due che ebbero la sfrontatezza di mandargli a chiedere per la servetta un certo libro della moglie e d'invitarlo a colazione, Giustino rispose che non aveva il libro e che non poteva andare. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Silvia ebbe all'improvviso la tentazione di mandar via a dormire l'una e l'altra, di restar sola lì col suo bimbo, serrar bene la finestra e l'uscio, stendersi accanto al suo piccino, lasciarsi prendere tutta dal suo gelo di morte e uccidere da tutti quei fiori. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Aveva per noi una tenerezza addirittura morbosa, piena di palpiti e di sgomento: ci voleva sempre vicini, quasi temesse di perderci, e spesso mandava in giro le serve per la vasta casa, appena qualcuno di noi si fosse un po’ allontanato. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Non aveva voluto nemmeno mandarci a scuola. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi manda la mamma, che n’è tanto impensierita!
---------------
* Afferrai per un braccio la vedova Pescatore e la mandai a ruzzolar lontano. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi mandarono dapprima due gattini così miseri che si spaventarono subito di quegli enormi topi, e – per non morir di fame – si ficcavano loro nelle trappole, a mangiarsi il cacio. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Balzavo in piedi, come per scuotermela d’addosso, e mi mettevo a passeggiare lungo la riva; ma vedevo allora il mare mandar senza requie, là, alla sponda, le sue stracche ondate sonnolente; vedevo quelle sabbie lì abbandonate; gridavo con rabbia, scotendo le pugna:
---------------
* Mi veniva di sorridere così di tutto e a ogni cosa: a gli alberi della campagna, per esempio, che mi correvano incontro con stranissimi atteggiamenti nella loro fuga illusoria; a le ville sparse qua e là, dove mi piaceva d’immaginar coloni con le gote gonfie per sbuffare contro la nebbia nemica degli olivi o con le braccia levate a pugni chiusi contro il cielo che non voleva mandar acqua: e sorridevo agli uccelletti che si sbandavano, spaventati da quel coso nero che correva per la campagna, fragoroso; all’ondeggiar dei fili telegrafici, per cui passavano certe notizie ai giornali, come quella da Miragno del mio suicidio nel molino della Stìa; alle povere mogli dei cantonieri che presentavan la bandieruola arrotolata, gravide e col cappello del marito in capo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi calcai il cappellaccio su gli occhi e, sotto la pioggerella fina fina che già il cielo cominciava a mandare, m’allontanai, considerando però, per la prima volta, che era bella, sì, senza dubbio, quella mia libertà così sconfinata, ma anche un tantino tiranna, ecco, se non mi consentiva neppure di comperarmi un cagnolino. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma non si poteva mandar via. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* D’allora in poi, il marchese d’Auletta non aveva avuto più pace, forzato continuamente a mandar danaro per pagare i debiti di giuoco del genero incorreggibile. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma come potevo ascoltarla, questa benedetta voce della ragione, se essa mi parlava appunto per la bocca di lui, di Papiano, il quale per me aveva torto, torto evidente, torto sfacciato? Non voleva egli mandarmi via, infatti, per frodare il Paleari e rovinare Adriana? Questo soltanto io potevo allora comprendere da tutti que’ suoi discorsi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Tuttavia, sdegnato, esasperato com’ero in quel momento, avrei forse confessato tutto ad Adriana, se lei, invece di mandare la Caporale, fosse entrata di persona in camera mia a spiegarmi perché era venuta meno al giurarnento. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Tentò di calmarmi anche il marchese, dicendomi che, da gentiluomo, io dovevo mandar due amici per dare una buona lezione a quel villano, che aveva osato di mostrar così poco rispetto per la sua casa. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* L’arruffìo, se c’è, dunque è voluto; il macchinismo, se c’è, dunque è voluto; ma non da me: bensì dalla favola stessa, dagli stessi personaggi; e si scopre subito, difatti: spesso è concertato apposta e messo sotto gli occhi nell’atto stesso di concertarlo e di combinarlo: è la maschera per una rappresentazione; il giuoco delle parti; quello che vorremmo o dovremmo essere; quello che agli altri pare che siamo; mentre quel che siamo, non lo sappiamo, fino a un certo punto, neanche noi stessi; la goffa incerta metafora di noi; la costruzione, spesso arzigogolata, che facciamo di noi, o che gli altri fanno di noi: dunque, davvero, un macchinismo, sì, in cui ciascuno volutamente, ripeto, è la marionetta di se stesso; e poi, alla fine, il calcio che manda all’aria tutta la baracca. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Lì i polipi giganti dai tondi occhi crudeli affìoravan dal mare per abbrancare i grossi velieri del Pacifico ; un giovane alto , in capelli , genuflesso in cima a un monte mandava sopra un oscuro cielo tedesco la sua ombra colossale ; in mezzo alle altissime e ritte pareti di una valle spagnuola stretta e buia un piccolo cavaliere passava , appena illuminato da un raggio del cielo alto , tutto spaurito da quel silenzio d'abisso ; un imbambolato demiurgo cinese , sol vestito da un cencio alla cintola , con lo scalpello in una mano e il martello nell'altra , stava rifinendo il mondo in mezzo al disordine di una rigida foresta di stalattiti spuntate su dalla terra ; un fiero esploratore impellicciato piantava una gran bandiera nera , sconvolta dal vento , sull'estrema punta di un promontorio , in faccia al Mar Polare , bianco , solitario e furioso . . . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* L'unica realtà è il presente , la sensazione : ognuno viva il suo presente e mandi al diavolo le formule e le fedi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ci dettero soldi , ci dettero libri , ci mandarono articoli . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Quello sparuto scimmiotto tedesco vuol tradurre le opere mie ; quella pallida ragazza russa vuole che le scriva la mia vita ; la signora americana vuol sapere assolutamente le mie ultime notizie ; il signore americano mi manda la carrozza alla porta perchè vada a mangiare e a confidarmi con lui ; il mio compagno di scuola e di chiacchiere di dieci anni fa vuole eh' io gli legga via via quel che scrivo ; V amico pittore pretende ch'io stia fermo davanti a lui per ore e ore a farmi fare il iitratto ; il giornalista vuol sapere dove sto di casa ; l'amico mistico in che stato è l'anima mia ; l'amico pratico come è pieno il mio portafogli ; il presidente della società ordina eh' io faccia un discorso ; la signora spiri — 214 — male si raccomanda eh' io vada a prendere il the a casa sua più spesso che posso per conoscere il mio parere su Gesù Cristo e sul chiromante arrivato in questi giorni . . . . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il buon secentista ha voluto sul principio mettere in mostra la sua virtù ; ma poi , nel corso della narrazione , e talvolta per lunghi tratti , lo stile cammina ben più naturale e più piano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Sì ; ma com'è dozzinale ! com'è sguaiato ! com'è scorretto ! Idiotismi lombardi a iosa , frasi della lingua adoperate a sproposito , grammatica arbitraria , periodi sgangherati .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E poi , qualche eleganza spagnola seminata qua e là ; e poi , ch'è peggio , ne' luoghi più terribili o più pietosi della storia , a ogni occasione d'eccitar maraviglia , o di far pensare , a tutti que' passi insomma che richiedono bensì un po' di rettorica , ma rettorica discreta , fine , di buon gusto , costui non manca mai di metterci di quella sua così fatta del proemio .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E allora , accozzando , con un'abilità mirabile , le qualità più opposte , trova la maniera di riuscir rozzo insieme e affettato , nella stessa pagina , nello stesso periodo , nello stesso vocabolo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ecco qui : declamazioni ampollose , composte a forza di solecismi pedestri , e da per tutto quella goffaggine ambiziosa , ch'è il proprio carattere degli scritti di quel secolo , in questo paese .(Manzoni-I Promessi Sposi)* In vero , non è cosa da presentare a lettori d'oggigiorno : son troppo ammaliziati , troppo disgustati di questo genere di stravaganze .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Meno male , che il buon pensiero m'è venuto sul principio di questo sciagurato lavoro : e me ne lavo le mani» .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Nell'atto però di chiudere lo scartafaccio , per riporlo , mi sapeva male che una storia così bella dovesse rimanersi tuttavia sconosciuta ; perché , in quanto storia , può essere che al lettore ne paia altrimenti , ma a me era parsa bella , come dico ; molto bella .(Manzoni-I Promessi Sposi)* «Perché non si potrebbe , pensai , prender la serie de' fatti da questo manoscritto , e rifarne la dicitura ?» Non essendosi presentato alcuna obiezion ragionevole , il partito fu subito abbracciato .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ed ecco l'origine del presente libro , esposta con un'ingenuità pari all'importanza del libro medesimo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Taluni però di que' fatti , certi costumi descritti dal nostro autore , c'eran sembrati così nuovi , così strani , per non dir peggio , che , prima di prestargli fede , abbiam voluto interrogare altri testimoni ; e ci siam messi a frugar nelle memorie di quel tempo , per chiarirci se veramente il mondo camminasse allora a quel modo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Una tale indagine dissipò tutti i nostri dubbi : a ogni passo ci abbattevamo in cose consimili , e in cose più forti : e , quello che ci parve più decisivo , abbiam perfino ritrovati alcuni personaggi , de' quali non avendo mai avuto notizia fuor che dal nostro manoscritto , eravamo in dubbio se fossero realmente esistiti .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E , all'occorrenza , citeremo alcuna di quelle testimonianze , per procacciar fede alle cose , alle quali , per la loro stranezza , il lettore sarebbe più tentato di negarla .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma , rifiutando come intollerabile la dicitura del nostro autore , che dicitura vi abbiam noi sostituita ? Qui sta il punto .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Chiunque , senza esser pregato , s'intromette a rifar l'opera altrui , s'espone a rendere uno stretto conto della sua , e ne contrae in certo modo l'obbligazione : è questa una regola di fatto e di diritto , alla quale non pretendiam punto di sottrarci .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Anzi , per conformarci ad essa di buon grado , avevam proposto di dar qui minutamente ragione del modo di scrivere da noi tenuto ; e , a questo fine , siamo andati , per tutto il tempo del lavoro , cercando d'indovinare le critiche possibili e contingenti , con intenzione di ribatterle tutte anticipatamente .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Né in questo sarebbe stata la difficoltà ; giacché (dobbiam dirlo a onor del vero) non ci si presentò alla mente una critica , che non le venisse insieme una risposta trionfante , di quelle risposte che , non dico risolvon le questioni , ma le mutano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Spesso anche , mettendo due critiche alle mani tra loro , le facevam battere l'una dall'altra ; o , esaminandole ben a fondo , riscontrandole attentamente , riuscivamo a scoprire e a mostrare che , così opposte in apparenza , eran però d'uno stesso genere , nascevan tutt'e due dal non badare ai fatti e ai principi su cui il giudizio doveva esser fondato ; e , messele , con loro gran sorpresa , insieme , le mandavamo insieme a spasso .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Non ci sarebbe mai stato autore che provasse così ad evidenza d'aver fatto bene .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma che ? quando siamo stati al punto di raccapezzar tutte le dette obiezioni e risposte , per disporle con qualche ordine , misericordia ! venivano a fare un libro .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Veduta la qual cosa , abbiam messo da parte il pensiero , per due ragioni che il lettore troverà certamente buone : la prima , che un libro impiegato a giustificarne un altro , anzi lo stile d'un altro , potrebbe parer cosa ridicola : la seconda , che di libri basta uno per volta , quando non è d'avanzo .(Manzoni-I Promessi Sposi)*
---------------
* Quando arriverai a sapere che sarebbe bene tu sapessi mandare a mente la tua vita , anche quella tanta parte di essa che ti ripugnerà? E intanto , inconscio , vai investigando il tuo piccolo organismo alla ricerca del piacere e le tue scoperte deliziose ti awieranno al dolore e alla malattia cui sarai spinto anche da coloro che non lo vorrebbero .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* All’Università tutti lo conoscevano col nomignolo ch’io gli diedi di vecchio Silva manda denari .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Fu Maria che per prima parlò del medico e andò poi a destare il contadino per mandarlo in città .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Mi rintanai nel mio studio e il giorno festivo per gli altri non era ancora finito! Trassi il violino dalla busta , indeciso se mandarlo a pezzi o suonarlo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Scommetto che il signor Giovanni manda a casa dell’acido citrico per fare le spremute .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Trovammo una farmacia ancora aperta ed egli ebbe l’idea di mandarmi a letto accompagnato da un calmante .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Le raccontai che una volta al Louvre , m’imbizzarrii talmente in mezzo a tante opere d’arte , che fui in procinto di mandare in pezzi la Venere .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Gli sembrava di aver dormito saporitamente e non pensava di aver avuto mancanza d’aria in faccia al vasto mare che gliene mandava tanta! Ma la sua voce era fioca e la sua parola interrotta dall’ansare; aveva la faccia terrea e , levatosi dalla poltrona , si sentiva ghiacciare .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Lo vedo ancora muoversi traverso la spianata , la coperta sotto il braccio , ansante ma ridendo , mentre ci mandava il suo saluto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Però mi sarei dichiarato pronto di mandarle per posta dell’altro denaro ogni qualvolta essa me ne avesse domandato scrivendomi ad un indirizzo che le avrei fatto sapere .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
In quanto a me , sicuro che ora mi mandavano via , ebbi persino un momento di buon umore .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Potrò mandare a quel paese il maestro di canto assieme al Copler?
---------------
* Mandai con la mano un bacio ad Augusta che lo accolse con un sorriso riconoscente .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Spiegai il concetto di valore negativo: una donna aveva tale valore quando un uomo calcolava quale somma sarebbe pronto di pagare per mandarla molto ma molto lontano da lui .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Mandai a lei o le mandai
---------------
addentrare
= verbo trans. mandare dentro , inserire addentrarsi
= verbo rifl. penetrare , inoltrarsi
---------------
affondare
= verbo trans. mandare a fondo
---------------
alitare
= verbo intr. mandare fuori l'aria , respirare .
---------------
allontanare
= verbo trans. mandare via , portare lontano
---------------
anelito
= respiro affannoso mandare l'ultimo , l'estremo anelito , morire soffio vitale
---------------
bacchiare
= verbo trans. percuotere con il bacchio i rami di un albero per farne cadere i frutti - abbattere , mandare in rovina bacchiare un terreno , un palazzo , svenderlo.
---------------
bocciata
= nel gioco delle bocce , colpo con cui si manda la propria boccia contro un'altra o contro il boccino per spostarli.
---------------
carambola
= nel biliardo, colpo col quale si manda la propria palla a colpirne altre due
---------------
carbon copy
= sost. f. nella trasmissione telematica dei messaggi, copia che si manda a terzi per conoscenza .
---------------
chinotto
= alberello dai frutti simili a piccoli mandarini, di sapore amarognolo, da cui si ricava un estratto che si impiega nella fabbricazione di bibite dissetanti
---------------
cigolare
= verbo intr. mandare un suono stridente
---------------
clementina
= mandarancio.
---------------
corruscare - coruscare,
= verbo intr. mandare bagliori
---------------
cortocircuitare
= verbo trans. mandare in cortocircuito.
---------------
disalloggiare
= verbo trans . fare uscire dagli alloggiamenti militari' mandare via - sfrattare
---------------
discacciare
= verbo trans . scacciare - mandar via .
---------------
effettuare
= verbo trans . mandare a effetto - attuare - realizzare
---------------
emettere
= verbo trans . mandar fuori
---------------
enter
= il tasto del computer che dà l'accapo nella videoscrittura o manda in esecuzione un programma .
---------------
esiliare esigliare - essiliare
= verbo trans . mandare in esilio - condannare all'esilio
---------------
espirare
= verbo trans . mandar fuori l'aria dai polmoni
---------------
estasiare
= verbo trans . mandare in estasi
---------------
estivare
= verbo trans . mandare il bestiame ai pascoli estivi di alta montagna
---------------
fetente
= che manda fetore
---------------
fetido
= che puzza , che manda fetore turpe , disonesto fetidamente
=
---------------
fiammeggiante
= participio pres di fiammeggiare
= che manda fiamme , che risplende come fiamma
---------------
golf
= gioco all'aperto che consiste nel mandare una pallina in una serie di buche col minor numero di colpi possibile dati con apposite mazze.
---------------
immettere
= verbo transitivo - mettere dentro mandare dentro - intransitivo pronominale: immettersi , confluire , introdursi
---------------
ingozzare
= verbo transitivo , mandare , far entrare nel gozzo
---------------
inviare
= verbo transitivo , mandare , spedire , indirizzare
---------------
mandante part. pres. di mandare nei sign. del verbo
= colui che affida ad altri il compimento di un atto giuridico
---------------
mandarancio
= frutto ottenuto dall'incrocio tra il mandarino e l'arancio amaro
---------------
mandarinato
= carica, ufficio, dignità di mandarino.
---------------
mandarinesco
= di, da mandarino
---------------
mandarinetto
= liquore che si ottiene con essenza di mandarino.
---------------
mandarinismo
= burocrazia venale e vessatoria come quella dei mandarini cinesi
---------------
mandarino
= nel gioco della palla a muro, il lanciatore che manda la palla al di sopra della linea segnata sul muro.
---------------
mandata
= il mandare, l'inviare
---------------
mandato participio passato di mandare nei sign. del verbo
= ambasciatore.
---------------
mapo
= denominazione com. del frutto ottenuto dall'incrocio del mandarino con il pompelmo
---------------
missione
= il mandare, l'essere mandato da un'autorità presso qualcuno per assolvere un compito, un incarico specifico
---------------
polo
= gioco che si disputa fra due squadre di quattro cavalieri che cercano di mandare nella porta avversaria una palla rigida colpendola con una mazza
---------------
prepensionamento
= l'andare o il mandare in pensione prima del tempo stabilito .
---------------
radiante
= participio presente di radiare , che manda raggi
---------------
radiare
= verbo intr. mandare raggi, raggiare.
---------------
raggiante
= participio presente di raggiare , che manda raggi
---------------
raggiare
= verbo intr. mandare, diffondere raggi
---------------
ramengo
= utilizzato nelle andare, mandare a ramengo, in rovina, in malora
---------------
realizzare
= verbo trans. attuare, tradurre in realtà mandare a effetto
---------------
redolire
= verbo intr. olezzare, mandare un intenso profumo
---------------
ricacciare
= verbo trans. cacciare, mandar via di nuovo
---------------
rifulgere refulgere
= verbo intr. mandare luce viva e brillante, risplendere
---------------
rimandare
= verbo trans. mandare di nuovo
---------------
rinviare
= verbo trans. mandare indietro o mandare di nuovo
---------------
risplendente
= participio presente di risplendere , che risplende, che manda splendore
---------------
risplendere
= verbo intr. avere, mandare splendore
---------------
sbaluginare
= verbo intransitivo mandare bagliori ,
---------------
sbuffare
= verbo intransitivo mandar fuori il fiato con impeto , rumorosamente ,
---------------
scasare
= verbo transitivo mandare via da una casa , da un fondo ,
---------------
scintillare
= verbo intransitivo mandare scintille ,
---------------
sconcludere
= verbo transitivo disfare , mandare a monte ciò che era stato concluso o si era in procinto di concludere .
---------------
scoppiettare
= verbo intransitivo mandare brevi scoppi secchi , crepitare ,
---------------
sfavillare
= verbo intransitivo mandare , ,
---------------
sferragliare
= verbo intransitivo mandare un rumore forte di ferraglie mosse ,
---------------
smorzata
= nel tennis , nel ping pong , nella pallavolo , respinta con la quale si riduce notevolmente la velocità impressa alla palla e la si manda a cadere appena al di là della rete .
---------------
solluccherare
= verbo transitivo mandare in solluchero - sollucherarsi
= verbo riflessivo andare in solluchero .
---------------
sollucchero
= senso di intimo godimento che si prova nel vedersi soddisfatto nei desideri, mandare in solluchero ,
---------------
sollucherare
= verbo transitivo mandare in solluchero - sollucherarsi
= verbo riflessivo andare in solluchero .
---------------
solluchero
= senso di intimo godimento che si prova nel vedersi soddisfatto nei desideri, mandare in solluchero ,
---------------
splendido
= che ha o manda grande splendore ,
---------------
spoderare
= verbo transitivo mandar via da un podere -
= verbo intransitivo lasciare un podere .
---------------
stillare
= verbo transitivo distillare , filtrare - stillarsi il cervello , lambiccarsi il cervello , scervellarsi , mandar fuori a stille ,
---------------
tallonaggio
= nel rugby , tentativo di colpire la palla col tallone per mandarla all'indietro durante la mischia .
---------------
tangelo
= agrume dalle dimensioni di un pompelmo , ottenuto dall'innesto di una varietà  di mandarino sul pompelmo .
---------------
tralucere
= verbo intransitivo , (coniugato come lucere - mancano il part . pass . e i tempi composti) mandare una luce attenuata , filtrata - splendere attraverso qualcosa , attraverso la tenda traluceva un raggio di sole trasparire , trapelare .
---------------
trangugiare
= verbo transitivo , mangiare , inghiottire rapidamente - mandar giù .
---------------
trasferire
= verbo transitivo , spostare , mandare qualcuno , qualcosa da un luogo
---------------
Verb: to mail-mailed-mailed
Ausiliar: to have - transitivo
Affermative - INDICATIVE
Present simple
I mail
you mail
he/she/it mails
we mail
you mail
they mail
Simple past
I mailed
you mailed
he/she/it mailed
we mailed
you mailed
they mailed
Simple past
I mailed
you mailed
he/she/it mailed
we mailed
you mailed
they mailed
Present perfect
I have mailed
you have mailed
he/she/it has mailed
we have mailed
you have mailed
they have mailed
Past perfect
I had mailed
you had mailed
he/she/it had mailed
we had mailed
you had mailed
they had mailed
Past perfect
I had mailed
you had mailed
he/she/it had mailed
we had mailed
you had mailed
they had mailed
Simple future
I I will mail
you you will mail
he/she/it he/she/it will mail
we we will mail
you I will mail
they they will mail
Future perfect
I will have mailed
you will have mailed
he/she/it will have mailed
we will have mailed
you will have mailed
they will have mailed
Present continuous
I am mailing
you are mailing
he/she/it is mailing
we are mailing
you are mailing
they are mailing
Past simple continuous
I was mailing
you were mailing
he/she/it was mailing
we were mailing
you were mailing
they were mailing
Future continuous
I will be mailing
you will be mailing
he/she/it will be mailing
we will be mailing
you will be mailing
they will be mailing
Future perfect continuous
I will have been mailing
you will have been mailing
he/she/it will have been mailing
we will have been mailing
you will have been mailing
they will have been mailing
Present perfect continuous
I have been mailing
you have been mailing
he/she/it has been mailing
we have been mailing
you have been mailing
they have been mailing
Past perfect continuous
I had been mailing
you had been mailing
he/she/it had been mailing
we had been mailing
you had been mailing
they had been mailing
Affermative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I mail
That you mail
That he/she/it mail
That we mail
That you mail
That they mail
Present perfect
That I have mailed
That you have mailed
That he/she/it have mailed
That we have mailed
That you have mailed
That they have mailed
Simple past
That I mailed
That you mailed
That he/she/it mailed
That we mailed
That you mailed
That they mailed
Past perfect
That I had mailed
That you had mailed
That he/she/it had mailed
That we had mailed
That you had mailed
That they had mailed
Affermative - CONDITIONAL
Present
I would mail
you would mail
we would mail
we would mail
you would mail
they would mail
Past
I would have mailed
you would have mailed
he/she/it would have mailed
we would have mailed
you would have mailed
they would have mailed
Present continous
I would be mailing
you would be mailing
we would be mailing
we would be mailing
you would be mailing
they would be mailing
Past continous
I would have been mailing
you would have been mailing
he/she/it would have been mailing
we would have been mailing
you would have been mailing
they would have been mailing
Affermative - IMPERATIVE
Present
let me mail
mail
let him mail
let us mail
mail
let them mail
 
 
 
 
 
 
 
Affermative - INFINITIVE
Present
to mail
Past
to have mailed
Present continous
to be mailing
Perfect continous
to have been mailing
Affermative - PARTICIPLE
Present
mailing
Past
mailed
Perfect
having mailed
Affermative - GERUND
Present
mailing
Past
having mailed
Passive - INDICATIVE
Present simple
I am mailed
you are mailed
he/she/it is mailed
we are mailed
you are mailed
they are mailed
Past simple
I was mailed
you were mailed
he/she/it was mailed
we were mailed
you were mailed
they were mailed
Past simple
I was mailed
you were mailed
he/she/it was mailed
we were mailed
you were mailed
they were mailed
Present perfect
I have been mailed
you have been mailed
he/she/it has been mailed
we have been mailed
you have been mailed
they have been mailed
Past perfect
I had been mailed
you had been mailed
he/she/it had been mailed
we had been mailed
you had been mailed
they had been mailed
Past perfect
I had been mailed
you had been mailed
he/she/it had been mailed
we had been mailed
you had been mailed
they had been mailed
Future simple
I will be mailed
you will be mailed
he/she/it will be mailed
we will be mailed
you will be mailed
they will be mailed
Future perfect
I will have been mailed
you will have been mailed
he/she/it will have been mailed
we will have been mailed
you will have been mailed
they will have been mailed
Present continuous
I am being mailed
you are being mailed
he/she/it is being mailed
we are being mailed
you are being mailed
they are being mailed
Past simple continuous
I was being mailed
you were being mailed
he/she/it was being mailed
were being mailed
you were being mailed
they were being mailed
Future continuous
I will being mailed
you will being mailed
he/she/it will being mailed
we will being mailed
you will being mailed
they will being mailed
Future perfect continuous
I will have been mailed
you will have been mailed
he/she/it will have been mailed
we will have been mailed
you will have been mailed
they will have been mailed
Present perfect continuous
I have been mailed
you have been mailed
he/she/it has been mailed
we have been mailed
you have been mailed
they have been mailed
Past perfect continuous
I had been mailed
you had been mailed
he/she/it had been mailed
we had been mailed
you had been mailed
they had been mailed
Passive - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I be mailed
That you be mailed
That he/she/it be mailed
That we be mailed
That you be mailed
That they be mailed
Present perfect
That I have been mailed
That you have been mailed
That he/she/it have been mailed
That we have been mailed
That you have been mailed
That they have been mailed
Simple past
That I were mailed
That you were mailed
That he/she/it were mailed
That we were mailed
That you were mailed
That they were mailed
Past perfect
That I had been mailed
That you had been mailed
That he/she/it had been mailed
That we had been mailed
That you had been mailed
That they had been mailed
CONDITIONAL
Present
I would be mailed
you would be mailed
we would be mailed
we would be mailed
you would be mailed
they would be mailed
Past
I would have been mailed
you would have been mailed
he/she/it would have been mailed
we would have been mailed
you would have been mailed
they would have been mailed
IMPERATIVE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INFINITIVE
Present
to be mailed
Past
to have been mailed
PARTICIPLE
Present
being mailed
Past
mailed
Perfect
having been mailed
GERUND
Present
being mailed
Past
having been mailed
Negative - INDICATIVE
Present simple
I do not mail
you do not mail
he/she/it does not mails
we do not mail
you do not mail
they do not mail
Simple past
I did not mail
you did not mail
he/she/it did not mail
we did not mail
you did not mail
they did not mail
Simple past
I did not mail
you did not mail
he/she/it did not mail
we did not mail
you did not mail
they did not mail
Present perfect
I have not mailed
you have not mailed
he/she/it has not mailed
we have not mailed
you have not mailed
they have not mailed
Past perfect
I had not mailed
you had not mailed
he/she/it had not mailed
we had not mailed
you had not mailed
they had not mailed
Past perfect
I had not mailed
you had not mailed
he/she/it had not mailed
we had not mailed
you had not mailed
they had not mailed
Simple future
I I will not mail
you you will not mail
he/she/it he/she/it will not mail
we we will not mail
you I will not mail
they they will not mail
Future perfect
I will not have mailed
you will not have mailed
he/she/it will not have mailed
we will not have mailed
you will not have mailed
they will not have mailed
Present continuous
I am not mailing
you are not mailing
he/she/it is not mailing
we are not mailing
you are not mailing
they are not mailing
Past simple continuous
I was not mailing
you were not mailing
he/she/it was not mailing
we were not mailing
you were not mailing
they were not mailing
Future continuous
I will not be mailing
you will not be mailing
he/she/it will not be mailing
we will not be mailing
you will not be mailing
they will not be mailing
Future perfect continuous
I will not have been mailing
you will not have been mailing
he/she/it will not have been mailing
we will not have been mailing
you will not have been mailing
they will not have been mailing
Present perfect continuous
I have not been mailing
you have not been mailing
he/she/it has not been mailing
we have not been mailing
you have not been mailing
they have not been mailing
Past perfect continuous
I had not been mailing
you had not been mailing
he/she/it had not been mailing
we had not been mailing
you had not been mailing
they had not been mailing
Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I do not mail
That you do not mail
That he/she/it does not mail
That we do not mail
That you do not mail
That they do not mail
Present perfect
That I have not mailed
That you have not mailed
That he/she/it have not mailed
That we have not mailed
That you have not mailed
That they have not mailed
Simple past
That I did not mail
That you did not mail
That he/she/it did not mail
That we did not mail
That you did not mail
That they did not mail
Past perfect
That I had not mailed
That you had not mailed
That he/she/it had not mailed
That we had not mailed
That you had not mailed
That they had not mailed
Negative - CONDITIONAL
Present
I would not mail
you would not mail
we would not mail
we would not mail
you would not mail
they would not mail
Past
I would not have mailed
you would not have mailed
he/she/it would not have mailed
we would not have mailed
you would not have mailed
they would not have mailed
Present continous
I would not be mailing
you would not be mailing
we would not be mailing
we would not be mailing
you would not be mailing
they would not be mailing
Past continous
I would not have been mailing
you would not have been mailing
he/she/it would not have been mailing
we would not have been mailing
you would not have been mailing
they would not have been mailing
Negative - IMPERATIVE
Present
do not let me mail
do not mail
do not let him mail
do not let us mail
do not mail
do not let them mail
 
 
 
 
 
 
 
Negative - INFINITIVE
Present
not to mail
Past
not to have mailed
Present continous
not to be mailing
Perfect continous
not to have been mailing
Negative - PARTICIPLE
Present
not mailing
Past
not mailed
Perfect
not having mailed
Negative - GERUND
Present
not mailing
Past
not having mailed
Interrogative - INDICATIVE
Present simple
do I mail ?
do you mail ?
does she/he/it mails ?
do we mail ?
do you mail ?
do they mail ?
Simple past
did I mail ?
did you mail ?
did she/he/it mail ?
did we mail ?
did you mail ?
did they mail ?
Simple past
did I mail ?
did you mail ?
did she/he/it mail ?
did we mail ?
did you mail ?
did they mail ?
Present perfect
have I mailed ?
have you mailed ?
has she/he/it mailed ?
have we mailed ?
have you mailed ?
have they mailed ?
Past perfect
had I mailed ?
had you mailed ?
had she/he/it mailed ?
had we mailed ?
had you mailed ?
had they mailed ?
Past perfect
had I mailed ?
had you mailed ?
had she/he/it mailed ?
had we mailed ?
had you mailed ?
had they mailed ?
Simple future
will I mail ?
will you mail ?
will she/he/it mail ?
will we mail ?
will I mail ?
will they mail ?
Future perfect
will I have mailed ?
will you have mailed ?
will she/he/it have mailed ?
will we have mailed ?
will you have mailed ?
will they have mailed ?
Present continuous
am I mailing ?
are you mailing ?
is she/he/it mailing ?
are we mailing ?
are you mailing ?
are they mailing ?
Past simple continuous
was I mailing ?
were you mailing ?
was she/he/it mailing ?
were we mailing ?
were you mailing ?
were they mailing ?
Future continuous
will I be mailing ?
will you be mailing ?
will she/he/it be mailing ?
will we be mailing ?
will you be mailing ?
will they be mailing ?
Future perfect continuous
will I have been mailing ?
will you have been mailing ?
will she/he/it have been mailing ?
will we have been mailing ?
will you have been mailing ?
will they have been mailing ?
Present perfect continuous
have I been mailing ?
have you been mailing ?
has she/he/it been mailing ?
have we been mailing ?
have you been mailing ?
have they been mailing ?
Past perfect continuous
had I been mailing ?
had you been mailing ?
had she/he/it been mailing ?
had we been mailing ?
had you been mailing ?
had they been mailing ?
Interrogative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I mail ?
That do you mail ?
That does she/he/it mail ?
That do we mail ?
That do you mail ?
That do they mail ?
Present perfect
That have I mailed ?
That have you mailed ?
That have she/he/it mailed ?
That have we mailed ?
That have you mailed ?
That have they mailed ?
Simple past
That did I mail ?
That did you mail ?
That did she/he/it mail ?
That did we mail ?
That did you mail ?
That did they mail ?
Past perfect
That had I mailed ?
That had you mailed ?
That had she/he/it mailed ?
That had we mailed ?
That had you mailed ?
That had they mailed ?
Interrogative - CONDITIONAL
Present
would I mail ?
would you mail ?
would she/he/it mail ?
would we mail ?
would you mail ?
would they mail ?
Past
would I have mailed?
would you have mailed?
would she/he/it have mailed?
would we have mailed?
would you have mailed?
would they have mailed?
Present continous
would I be mailing ?
would you be mailing ?
would she/he/it be mailing ?
would we be mailing ?
would you be mailing ?
would they be mailing ?
Past continous
would I have been mailing?
would you have been mailing?
would she/he/it have been mailing?
would we have been mailing?
would you have been mailing?
would they have been mailing?
Interrogative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Interrogative-Negative - INDICATIVE
Present simple
do I not mail ?
do you not mail ?
does she/he/it not mails ?
do we not mail ?
do you not mail ?
do they not mail ?
Simple past
did I not mail ?
did you not mail ?
did she/he/it not mail ?
did we not mail ?
did you not mail ?
did they not mail ?
Simple past
did I not mail ?
did you not mail ?
did she/he/it not mail ?
did we not mail ?
did you not mail ?
did they not mail ?
Present perfect
have I not mailed ?
have you not mailed ?
has she/he/it not mailed ?
have we not mailed ?
have you not mailed ?
have they not mailed ?
Past perfect
had I not mailed ?
had you not mailed ?
had she/he/it not mailed ?
had we not mailed ?
had you not mailed ?
had they not mailed ?
Past perfect
had I not mailed ?
had you not mailed ?
had she/he/it not mailed ?
had we not mailed ?
had you not mailed ?
had they not mailed ?
Simple future
will I not mail ?
will you not mail ?
will she/he/it not mail ?
will we not mail ?
will I not mail ?
will they not mail ?
Future perfect
will I not have mailed ?
will you not have mailed ?
will she/he/it not have mailed ?
will we not have mailed ?
will you not have mailed ?
will they not have mailed ?
Present continuous
am I not mailing ?
are you not mailing ?
is she/he/it not mailing ?
are we not mailing ?
are you not mailing ?
are they not mailing ?
Past simple continuous
was I not mailing ?
were you not mailing ?
was she/he/it not mailing ?
were we not mailing ?
were you not mailing ?
were they not mailing ?
Future continuous
will I not be mailing ?
will you not be mailing ?
will she/he/it not be mailing ?
will we not be mailing ?
will you not be mailing ?
will they not be mailing ?
Future perfect continuous
will I not have been mailing ?
will you not have been mailing ?
will she/he/it not have been mailing ?
will we not have been mailing ?
will you not have been mailing ?
will they not have been mailing ?
Present perfect continuous
have I not been mailing ?
have you not been mailing ?
has she/he/it not been mailing ?
have we not been mailing ?
have you not been mailing ?
have they not been mailing ?
Past perfect continuous
had I not been mailing ?
had you not been mailing ?
had she/he/it not been mailing ?
had we not been mailing ?
had you not been mailing ?
had they not been mailing ?
Interrogative-Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I not mail ?
That do you not mail ?
That does she/he/it not mail ?
That do we not mail ?
That do you not mail ?
That do they not mail ?
Present perfect
That have I not mailed ?
That have you not mailed ?
That have she/he/it not mailed ?
That have we not mailed ?
That have you not mailed ?
That have they not mailed ?
Simple past
That did I not mail ?
That did you not mail ?
That did she/he/it not mail ?
That did we not mail ?
That did you not mail ?
That did they not mail ?
Past perfect
That had I not mailed ?
That had you not mailed ?
That had she/he/it not mailed ?
That had we not mailed ?
That had you not mailed ?
That had they not mailed ?
Interrogative-Negative - CONDITIONAL
Present
would I not mail ?
would you not mail ?
would she/he/it not mail ?
would we not mail ?
would you not mail ?
would they not mail ?
Past
would I not have mailed?
would you not have mailed?
would she/he/it not have mailed?
would we not have mailed?
would you not have mailed?
would they not have mailed?
Present continous
would I not be mailing ?
would you not be mailing ?
would she/he/it not be mailing ?
would we not be mailing ?
would you not be mailing ?
would they not be mailing ?
Past continous
would I not have been mailing?
would you not have been mailing?
would she/he/it not have been mailing?
would we not have been mailing?
would you not have been mailing?
would they not have been mailing?
Interrogative-Negative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Coniugazione:1 - mandare per posta
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io mando
tu mandi
egli manda
noi mandiamo
voi mandate
essi mandano
Imperfetto
io mandavo
tu mandavi
egli mandava
noi mandavamo
voi mandavate
essi mandavano
Passato remoto
io mandai
tu mandasti
egli mandò
noi mandammo
voi mandaste
essi mandarono
Passato prossimo
io ho mandato
tu hai mandato
egli ha mandato
noi abbiamo mandato
voi avete mandato
essi hanno mandato
Trapassato prossimo
io avevo mandato
tu avevi mandato
egli aveva mandato
noi avevamo mandato
voi avevate mandato
essi avevano mandato
Trapassato remoto
io ebbi mandato
tu avesti mandato
egli ebbe mandato
noi avemmo mandato
voi eveste mandato
essi ebbero mandato
Futuro semplice
io manderò
tu manderai
egli manderà
noi manderemo
voi manderete
essi manderanno
Futuro anteriore
io avrò mandato
tu avrai mandato
egli avrà mandato
noi avremo mandato
voi avrete mandato
essi avranno mandato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io mandi
che tu mandi
che egli mandi
che noi mandiamo
che voi mandiate
che essi mandino
Passato
che io abbia mandato
che tu abbia mandato
che egli abbia mandato
che noi abbiamo mandato
che voi abbiate mandato
che essi abbiano mandato
Imperfetto
che io mandassi
che tu mandassi
che egli mandasse
che noi mandassimo
che voi mandaste
che essi mandassero
Trapassato
che io avessi mandato
che tu avessi mandato
che egli avesse mandato
che noi avessimo mandato
che voi aveste mandato
che essi avessero mandato
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io manderei
tu manderesti
egli manderebbe
noi manderemmo
voi mandereste
essi manderebbero
Passato
io avrei mandato
tu avresti mandato
egli avrebbe mandato
noi avremmo mandato
voi avreste mandato
essi avrebbero mandato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
manda
mandi
mandiamo
mandate
mandino
Futuro
-
manderai
manderà
manderemo
manderete
manderanno
INFINITO - attivo
Presente
mandare
Passato
avere mandato
 
 
PARTICIPIO - attivo
Presente
mandante
Passato
mandato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
mandando
Passato
avendo mandato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono mandato
tu sei mandato
egli é mandato
noi siamo mandati
voi siete mandati
essi sono mandati
Imperfetto
io ero mandato
tu eri mandato
egli era mandato
noi eravamo mandati
voi eravate mandati
essi erano mandati
Passato remoto
io fui mandato
tu fosti mandato
egli fu mandato
noi fummo mandati
voi foste mandati
essi furono mandati
Passato prossimo
io sono stato mandato
tu sei stato mandato
egli é stato mandato
noi siamo stati mandati
voi siete stati mandati
essi sono stati mandati
Trapassato prossimo
io ero stato mandato
tu eri stato mandato
egli era stato mandato
noi eravamo stati mandati
voi eravate stati mandati
essi erano statimandati
Trapassato remoto
io fui stato mandato
tu fosti stato mandato
egli fu stato mandato
noi fummo stati mandati
voi foste stati mandati
essi furono stati mandati
Futuro semplice
io sarò mandato
tu sarai mandato
egli sarà mandato
noi saremo mandati
voi sarete mandati
essi saranno mandati
Futuro anteriore
io sarò stato mandato
tu sarai stato mandato
egli sarà stato mandato
noi saremo stati mandati
voi sarete stati mandati
essi saranno stati mandati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia mandato
che tu sia mandato
che egli sia mandato
che noi siamo mandati
che voi siate mandati
che essi siano mandati
Passato
che io sia stato mandato
che tu sia stato mandato
che egli sia stato mandato
che noi siamo stati mandati
che voi siate stati mandati
che essi siano stati mandati
Imperfetto
che io fossi mandato
che tu fossi mandato
che egli fosse mandato
che noi fossimo mandati
che voi foste mandati
che essi fossero mandati
Trapassato
che io fossi stato mandato
che tu fossi stato mandato
che egli fosse stato mandato
che noi fossimo stati mandati
che voi foste stati mandati
che essi fossero stati mandati
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei mandato
tu saresti mandato
egli sarebbe mandato
noi saremmo mandati
voi sareste mandati
essi sarebbero mandati
Passato
io sarei stato mandato
tu saresti stato mandato
egli sarebbe stato mandato
noi saremmo stati mandati
voi sareste stati mandati
essi sarebbero stati mandati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii mandato
sia mandato
siamo mandati
siate mandati
siano mandati
Futuro
-
sarai mandato
sarà mandato
saremo mandati
sarete mandati
saranno mandati
INFINITO - passivo
Presente
essere mandato
Passato
essere stato mandato
 
 
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
mandato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo mandato
Passato
essendo stato mandato