Good navigation with NihilScio!  Facebook page
NihilScio     Home
 

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo
Italiano
Inglese

á    è     é    ì     í    ò
ó     ù    ú    ü    ñ    ç
sinonimi di
iodize
  Cerca  frasi:
Vocabulary and phrases
iodize
= trattare con iodio, iodare, curare con tintura di iodio,
---------------
Vocabulary and phrases
* Il buon secentista ha voluto sul principio mettere in mostra la sua virtù ; ma poi , nel corso della narrazione , e talvolta per lunghi tratti , lo stile cammina ben più naturale e più piano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio , che , pochi momenti prima , avrebbe dato un occhio per iscansarli , allora avrebbe voluto prolungar la conversazione e le trattative .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Gli uomini poi incaricati dell'esecuzione immediata , quando fossero stati intraprendenti come eroi , ubbidienti come monaci , e pronti a sacrificarsi come martiri , non avrebber però potuto venirne alla fine , inferiori com'eran di numero a quelli che si trattava di sottomettere , e con una gran probabilità d'essere abbandonati da chi , in astratto e , per così dire , in teoria , imponeva loro di operare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - È vero , - riprese questo , sempre più confermandosi ne' suoi sospetti ; e , cercando d'accostarsi più alla questione , - è vero , - soggiunse , - ma tocca ai preti a trattar male co' poveri ?
---------------
* Non si tratta di torto o di ragione ; si tratta di forza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si figurava allora di prendere il suo schioppo , d'appiattarsi dietro una siepe , aspettando se mai , se mai colui venisse a passar solo ; e , internandosi , con feroce compiacenza , in quell'immaginazione , si figurava di sentire una pedata , quella pedata , d'alzar chetamente la testa ; riconosceva lo scellerato , spianava lo schioppo , prendeva la mira , sparava , lo vedeva cadere e dare i tratti , gli lanciava una maledizione , e correva sulla strada del confine a mettersi in salvo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E parimente comanda a' barbieri , sotto pena di cento scudi o di tre tratti di corda da esser dati loro in pubblico , et maggiore anco corporale , all'arbitrio come sopra , che non lascino a quelli che toseranno , sorte alcuna di dette trezze , zuffi , rizzi , né capelli più lunghi dell'ordinario , così nella fronte come dalle bande , e dopo le orecchie , ma che siano tutti uguali , come sopra , salvo nel caso dei calvi , o altri difettosi , come si è detto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quando questa ebbe ben parlato de' grandi effetti che si dovevano sperare dai consigli del dottore , Lucia disse che bisognava veder d'aiutarsi in tutte le maniere ; che il padre Cristoforo era uomo non solo da consigliare , ma da metter l'opera sua , quando si trattasse di sollevar poverelli ; e che sarebbe una gran bella cosa potergli far sapere ciò ch'era accaduto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Lodovico aveva contratte abitudini signorili ; e gli adulatori , tra i quali era cresciuto , l'avevano avvezzato ad esser trattato con molto rispetto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma poi ne stava lontano con rammarico ; perché gli pareva che questi veramente avrebber dovuto essere i suoi compagni ; soltanto gli avrebbe voluti più trattabili .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Nel mezzo , vile meccanico ; o ch'io t'insegno una volta come si tratta co' gentiluomini .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il suo linguaggio era abitualmente umile e posato ; ma , quando si trattasse di giustizia o di verità combattuta , l'uomo s'animava , a un tratto , dell'impeto antico , che , secondato e modificato da un'enfasi solenne , venutagli dall'uso del predicare , dava a quel linguaggio un carattere singolare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Trattandosi poi di Lucia , accorse con tanta più sollecitudine , in quanto conosceva e ammirava l'innocenza di lei , era già in pensiero per i suoi pericoli , e sentiva un'indegnazione santa , per la turpe persecuzione della quale era divenuta l'oggetto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si tratta . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Come ! - disse don Rodrigo: - si tratta d'un brindisi al conte duca .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sa lei , - disse don Rodrigo , interrompendo , con istizza , ma non senza qualche raccapriccio , - sa lei che , quando mi viene lo schiribizzo di sentire una predica , so benissimo andare in chiesa , come fanno gli altri ? Ma in casa mia ! Oh ! - e continuò , con un sorriso forzato di scherno: - lei mi tratta da più di quel che sono .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Villano rincivilito ! - proseguì don Rodrigo: - tu tratti da par tuo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il contegno del principe era abitualmente quello d'un padrone austero ; ma quando si trattava dello stato futuro de' suoi figli , dal suo volto e da ogni sua parola traspariva un'immobilità di risoluzione , una ombrosa gelosia di comando , che imprimeva il sentimento d'una necessità fatale .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Comunque sia , vi godeva d'una grandissima autorità ; e pensò che lì , meglio che altrove , la sua figlia sarebbe trattata con quelle distinzioni e con quelle finezze che potesser più allettarla a scegliere quel monastero per sua perpetua dimora .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Gertrude , appena entrata nel monastero , fu chiamata per antonomasia la signorina ; posto distinto a tavola , nel dormitorio ; la sua condotta proposta all'altre per esemplare ; chicche e carezze senza fine , e condite con quella famigliarità un po' rispettosa , che tanto adesca i fanciulli , quando la trovano in coloro che vedon trattare gli altri fanciulli con un contegno abituale di superiorità .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dietro questa idea però , ne compariva sempre infallibilmente un'altra: che quel consenso si trattava di negarlo al principe padre , il quale lo teneva già , o mostrava di tenerlo per dato ; e , a questa idea , l'animo della figlia era ben lontano dalla sicurezza che ostentavano le sue parole .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " O mi vorranno forzare " , pensava , " e io starò dura ; sarò umile , rispettosa , ma non acconsentirò: non si tratta che di non dire un altro sì ; e non lo dirò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I servitori s'uniformavano , nelle maniere e ne' discorsi , all'esempio e all'intenzioni de' padroni: e Gertrude , che , per sua inclinazione , avrebbe voluto trattarli con una famigliarità signorile , e che , nello stato in cui si trovava , avrebbe avuto di grazia che le facessero qualche dimostrazione d'affetto , come a una loro pari , e scendeva anche a mendicarne , rimaneva poi umiliata , e sempre più afflitta di vedersi corrisposta con una noncuranza manifesta , benché accompagnata da un leggiero ossequio di formalità .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quella che pareva più probabile , era di venir ricondotta al monastero di Monza , di ricomparirvi , non più come la signorina , ma in forma di colpevole , e di starvi rinchiusa , chi sa fino a quando ! chi sa con quali trattamenti ! Ciò che una tale immaginazione , tutta piena di dolori , aveva forse di più doloroso per lei , era l'apprensione della vergogna .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Sentì allora un bisogno prepotente di vedere altri visi , di sentire altre parole , d'esser trattata diversamente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E seguitò poi con Gertrude: - voglio metterli subito a parte della mia consolazione ; voglio che tutti comincin subito a trattarvi come si conviene .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Finalmente , - disse il principe , - ho avuto la consolazione di veder mia figlia trattata da par sua .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si tratta di fare una comparsa solenne nel monastero e nel paese dove siete destinata a far la prima figura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Fece dunque anche quel passo ; e nominò la dama che , in quella sera , le era andata più a genio ; quella cioè che le aveva fatto più carezze , che l'aveva più lodata , che l'aveva trattata con quelle maniere famigliari , affettuose e premurose , che , ne' primi momenti d'una conoscenza , contraffanno una antica amicizia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Orsù , figliuola , - le disse: - finora vi siete portata egregiamente: oggi si tratta di coronar l'opera .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A sua richiesta , e a suo riguardo , furono alloggiate nel quartiere della fattoressa attiguo al chiostro , e trattate come se fossero addette al servizio del monastero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- L'ho detto: e quando si tratta d'un affare serio , vi farò vedere che non sono un ragazzo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Bisognerebbe fare una gran stia , e metterli dentro , a viver di vecce e di loglio , come volevano trattar noi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si riebbe affatto dallo sbalordimento , si rammentò chi era , e chi conduceva ; e gridando: - ohe ! ohe ! - senz'aggiunta d'altre cerimonie , alla gente ormai rada abbastanza per poter esser trattata così , e sferzando i cavalli , fece loro prender la rincorsa verso il castello .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* È meglio contentarli , e . . .Di che si tratta finalmente ? Gran cosa ! dir due parole .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma , se non si tratta d'altro , ora son pronto a darle ogni soddisfazione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Cosa volete ? son tutte formalità ; e anche noi non possiamo trattar la gente a seconda del nostro cuore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E imparate a parlare un'altra volta ; principalmente quando si tratta del prossimo " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se fosse stato qualcosa di meno dell'Adda , Renzo scendeva subito , per tentarne il guado ; ma sapeva bene che l'Adda non era fiume da trattarsi così in confidenza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Così , senza voler più bene ai primi che ai secondi , cercava di soddisfarli tutti , con quell'imparzialità , che è la dote ordinaria di chi è obbligato a trattar con cert'uni , e soggetto a render conto a cert'altri .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La citta ha comprate duemila some di grano da un mercante che sta a Venezia: grano che vien di Turchia ; ma , quando si tratta di mangiare , la non si guarda tanto per il sottile .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sentite , buona donna ; il padre Cristoforo era veramente un uomo ; ma ce n'abbiamo degli altri , sapete ? pieni di carità e di talento , e che sanno trattare ugualmente co' signori e co' poveri .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per non dir altro , il conte duca l'aveva trattato con una degnazione particolare , e ammesso alla sua confidenza , a segno d'avergli una volta domandato , in presenza , si può dire , di mezza la corte come gli piacesse Madrid , e d'avergli un'altra volta detto a quattr'occhi , nel vano d'una finestra , che il duomo di Milano era il tempio più grande che fosse negli stati del re .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si trattava che , in una guerra pur troppo aperta , uno del suo nome , un suo nipote , non rimanesse al di sotto: punto essenzialissimo alla riputazione del potere che gli stava tanto a cuore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il magnifico signore fece sedere il padre molto reverendo , sedette anche lui , e cominciò: - stante l'amicizia che passa tra di noi , ho creduto di far parola a vostra paternità d'un affare di comune interesse , da concluder tra di noi , senz'andar per altre strade , che potrebbero . . .E perciò , alla buona , col cuore in mano , le dirò di che si tratta ; e in due parole son certo che anderemo d'accordo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il birro poi che vi si fosse lasciato vedere , sarebbe stato trattato come una spia nemica che venga colta in un accampamento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il Nibbio s'era tirato indietro ; e la vecchia , col mento sullo sportello , guardando Lucia , diceva: - venite , la mia giovine ; venite , poverina ; venite con me , che ho ordine di trattarvi bene e di farvi coraggio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La sua vita fu un continuo profondere ai poveri ; e a proposito di questa stessa carestia di cui ha già parlato la nostra storia , avremo tra poco occasione di riferire alcuni tratti , dai quali si vedrà che sapienza e che gentilezza abbia saputo mettere anche in questa liberalità .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se volessimo lasciarci andare al piacere di raccogliere i tratti notabili del suo carattere , ne risulterebbe certamente un complesso singolare di meriti in apparenza opposti , e certo difficili a trovarsi insieme .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se n'ha lasciati ! Circa cento son l'opere che rimangon di lui , tra grandi e piccole , tra latine e italiane , tra stampate e manoscritte , che si serbano nella biblioteca da lui fondata: trattati di morale , orazioni , dissertazioni di storia , d'antichità sacra e profana , di letteratura , d'arti e d'altro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Gli disse in succinto di che si trattava ; e se saprebbe trovar subito una buona donna che volesse andare in una lettiga al castello , a prender Lucia: una donna di cuore e di testa , da sapersi ben governare in una spedizione così nuova , e usar le maniere più a proposito , trovar le parole più adattate , a rincorare , a tranquillizzare quella poverina , a cui , dopo tante angosce , e in tanto turbamento , la liberazione stessa poteva metter nell'animo una nuova confusione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Lo saprete forse voi , - continuò la buona donna: - basta ; dunque il signor cardinale ha pensato che , trattandosi d'una giovine , ci voleva una donna per venire in compagnia , e ha detto al curato che ne cercasse una ; e il curato , per sua bontà , è venuto da me . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ho sentito parlare di questo giovine , - disse il cardinale: - ma come mai uno che si trovò involto in affari di quella sorte , poteva essere in trattato di matrimonio con una ragazza così ?
---------------
* Finché s'era trattato di gente alla buona che cercava di conoscer la giovine del miracolo , il sarto le aveva reso volentieri un tal servizio ; ma in questo caso , il rifiuto gli pareva una specie di ribellione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Trattandosi d'una di questa sorte , don Ferrante ci mise tutto il suo sapere , e , consegnando la minuta da copiare alla consorte , le raccomandò caldamente l'ortografia ; ch'era una delle molte cose che aveva studiate , e delle poche sulle quali avesse lui il comando in casa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Io ho sempre cercato di farlo , il mio dovere , anche con mio grave incomodo , ma quando si tratta della vita . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma quando la domanda gli venne fatta per commission del cardinale , senza nominarlo , e con un certo apparato d'importanza e di mistero , lasciando capire ch'era in nome d'un gran personaggio , tanto più Bortolo s'insospettì , e credé necessario di risponder secondo il solito ; anzi , trattandosi d'un gran personaggio , diede in una volta tutte le notizie che aveva stampate a una a una , in quelle diverse occorrenze .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Gonzalo , ch'era della casa del gran capitano , e ne portava il nome , e che aveva già fatto la guerra in Fiandra , voglioso oltremodo di condurne una in Italia , era forse quello che faceva più fuoco , perché questa si dichiarasse ; e intanto , interpretando l'intenzioni e precorrendo gli ordini della corte suddetta , aveva concluso col duca di Savoia un trattato d'invasione e di divisione del Monferrato ; e n'aveva poi ottenuta facilmente la ratificazione dal conte duca , facendogli creder molto agevole l'acquisto di Casale , ch'era il punto più difeso della parte pattuita al re di Spagna .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Gonzalo se ne rodeva quanto mai si possa dire ; ma temendo , se faceva appena un po' di rumore , che quel Carlo Emanuele , così attivo ne' maneggi e mobile ne' trattati , come prode nell'armi , si voltasse alla Francia , doveva chiudere un occhio , mandarla giù , e stare zitto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Lo scrivano prese anche l'incarico di far recapitare il plico ; lo consegnò a uno che doveva passare non lontano da Pescarenico ; costui lo lasciò , con molte raccomandazioni , in un'osteria sulla strada , al punto più vicino ; trattandosi che il plico era indirizzato a un convento , ci arrivò ; ma cosa n'avvenisse dopo , non s'è mai saputo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* L'indegno ritratto che la vecchia faceva del poverino , risvegliava , per opposizione , più viva e più distinta che mai , nella mente della giovine l'idea che vi s'era formata in una così lunga consuetudine ; le rimembranze compresse a forza , si svolgevano in folla ; l'avversione e il disprezzo richiamavano tanti antichi motivi di stima ; l'odio cieco e violento faceva sorger più forte la pietà: e con questi affetti , chi sa quanto ci potesse essere o non essere di quell'altro che dietro ad essi s'introduce così facilmente negli animi ; figuriamoci cosa farà in quelli , donde si tratti di scacciarlo per forza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se donna Prassede fosse stata spinta a trattarla in quella maniera da qualche odio inveterato contro di lei , forse quelle lacrime l'avrebbero , tocca e fatta smettere ; ma parlando a fin di bene , tirava avanti , senza lasciarsi smovere: come i gemiti , i gridi supplichevoli , potranno ben trattenere l'arme d'un nemico , ma non il ferro d'un chirurgo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Certo , di quelle baruffe (che avevan sempre a un di presso lo stesso principio , mezzo e fine) , non rimaneva alla buona Lucia propriamente astio contro l'acerba predicatrice , la quale poi nel resto la trattava con gran dolcezza ; e anche in questo , si vedeva una buona intenzione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per eccezione però , dava luogo nella sua libreria a que' celebri ventidue libri De subtilitate , e a qualche altr'opera antiperipatetica del Cardano , in grazia del suo valore in astrologia ; dicendo che chi aveva potuto scrivere il trattato De restitutione temporum et motuum coelestium , e il libro Duodecim geniturarum , meritava d'essere ascoltato , anche quando spropositava ; e che il gran difetto di quell'uomo era stato d'aver troppo ingegno ; e che nessuno si può immaginare dove sarebbe arrivato , anche in filosofia , se fosse stato sempre nella strada retta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Della filosofia naturale s'era fatto più un passatempo che uno studio ; l'opere stesse d'Aristotile su questa materia , e quelle di Plinio le aveva piuttosto lette che studiate: non di meno , con questa lettura , con le notizie raccolte incidentemente da' trattati di filosofia generale , con qualche scorsa data alla Magia naturale del Porta , alle tre storie lapidum , animalium , plantarum , del Cardano , al Trattato dell'erbe , delle piante , degli animali , d'Alberto Magno , a qualche altr'opera di minor conto , sapeva a tempo trattenere una conversazione ragionando delle virtù più mirabili e delle curiosità più singolari di molti semplici ; descrivendo esattamente le forme e l'abitudini delle sirene e dell'unica fenice ; spiegando come la salamandra stia nel fuoco senza bruciare: come la remora , quel pesciolino , abbia la forza e l'abilità di fermare di punto in bianco , in alto mare , qualunque gran nave ; come le gocciole della rugiada diventin perle in seno delle conchiglie ; come il cameleonte si cibi d'aria ; come dal ghiaccio lentamente indurato , con l'andar de' secoli , si formi il cristallo ; e altri de' più maravigliosi segreti della natura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In quelli della magia e della stregoneria s'era internato di più , trattandosi , dice il nostro anonimo , di scienza molto più in voga e più necessaria , e nella quale i fatti sono di molto maggiore importanza , e più a mano , da poterli verificare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Gonzalo , per riparare a questo , come dice lui , inconveniente , proibì , con un'altra grida del 15 di dicembre , di portar fuori della città pane , per più del valore di venti soldi ; pena la perdita del pane medesimo , e venticinque scudi , et in caso di inhabilità' di due tratti di corda in publico , et maggior pena ancora , secondo il solito , all'arbitrio di S .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In marzo , il cardinal di Richelieu era poi calato infatti col re , alla testa d'un esercito: aveva chiesto il passo al duca di Savoia ; s'era trattato ; non s'era concluso ; dopo uno scontro , col vantaggio de' Francesi , s'era trattato di nuovo , e concluso un accordo , nel quale il duca , tra l'altre cose , aveva stipulato che il Cordova leverebbe l'assedio da Casale ; obbligandosi , se questo ricusasse , a unirsi co' Francesi , per invadere il ducato di Milano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Girolamo Soranzo , inviato de' Veneziani , poté bene addurre ragioni per combattere quella risoluzione ; che il re e il cardinale , dando retta alla sua prosa come ai versi dell'Achillini , se ne ritornarono col grosso dell'esercito , lasciando soltanto sei mila uomini in Susa , per mantenere il passo , e per caparra del trattato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Abbondio voleva trattenerla , e discuter con lei i vari partiti ; ma lei , tra il da fare , e la fretta , e lo spavento che aveva anch'essa in corpo , e la rabbia che le faceva quello del padrone , era , in tal congiuntura , meno trattabile di quel che fosse stata mai .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Offender poi quell'uomo , o anche trattarlo con poco riguardo , poteva parere non tanto un'insolenza e una viltà , quanto un sacrilegio: e quelli stessi a cui questo sentimento degli altri poteva servir di ritegno , ne partecipavano anche loro , più o meno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Perpetua ebbe un bel dire che , quanto più s'indugiava , tanto più si dava agio ai birboni del paese d'entrare in casa a portar via il resto ; quando si trattava d'assicurar la pelle , era sempre don Abbondio che la vinceva ; meno che l'imminenza del pericolo non gli avesse fatto perdere affatto la testa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma qui lasceremo da parte il pover'uomo: si tratta ben d'altro che di sue apprensioni private , che de' guai d'alcuni paesi , che d'un disastro passeggiero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Condotti dal filo della nostra storia , noi passiamo a raccontar gli avvenimenti principali di quella calamità ; nel milanese , s'intende , anzi in Milano quasi esclusivamente: ché della città quasi esclusivamente trattano le memorie del tempo , come a un di presso accade sempre e per tutto , per buone e per cattive ragioni .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In ogni parte della città , si videro le porte delle case e le muraglie , per lunghissimi tratti , intrise di non so che sudiceria , giallognola , biancastra , sparsavi come con delle spugne .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Bisogna però dire che fu obbligato a cedere al duca di Savoia un pezzo del Monferrato , della rendita di quindici mila scudi , e a Ferrante duca di Guastalla altre terre , della rendita di sei mila ; e che ci fu un altro trattato a parte e segretissimo , col quale il duca di Savoia suddetto cedé Pinerolo alla Francia: trattato eseguito qualche tempo dopo , sott'altri pretesti , e a furia di furberie .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* È tratta evidentemente da scritto inedito d'autore vissuto al tempo della pestilenza: se pure non è una semplice edizione , piuttosto che una nuova compilazione .) .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Certo , se in alcun caso par che si possa dare in tutto l'errore all'intelletto , e scusarne la coscienza , è quando si tratti di que' pochi (e questo fu ben del numero) , nella vita intera de' quali apparisca un ubbidir risoluto alla coscienza , senza riguardo a interessi temporali di nessun genere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Si doueua non di meno , - dice il Tadino , - compatire ancora alli Decurioni della Città , li quali si trouauano afflitti , mesti et lacerati dalla Soldatesca senza regola , et rispetto alcuno ; come molto meno nell'infelice Ducato , atteso che aggiutto alcuno , né prouisione si poteua hauere dal Gouernatore , se non che si trouaua tempo di guerra , et bisognaua trattar bene li Soldati " (Pag .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Entravano da padroni , da nemici nelle case , e , senza parlar de' rubamenti , e come trattavano gl'infelici ridotti dalla peste a passar per tali mani , le mettevano , quelle mani infette e scellerate , sui sani , figliuoli , parenti , mogli , mariti , minacciando di strascinarli al lazzeretto , se non si riscattavano , o non venivano riscattati con danari .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Citavano cent'altri autori che hanno trattato dottrinalmente , o parlato incidentemente di veleni , di malìe , d'unti , di polveri: il Cesalpino , il Cardano , il Grevino , il Salio , il Pareo , lo Schenchio , lo Zachia e , per finirla , quel funesto Delrio , il quale , se la rinomanza degli autori fosse in ragione del bene e del male prodotto dalle loro opere , dovrebb'essere uno de' più famosi ; quel Delrio , le cui veglie costaron la vita a più uomini che l'imprese di qualche conquistatore: quel Delrio , le cui Disquisizioni Magiche (il ristretto di tutto ciò che gli uomini avevano , fino a' suoi tempi , sognato in quella materia) , divenute il testo più autorevole , più irrefragabile , furono , per più d'un secolo , norma e impulso potente di legali , orribili , non interrotte carnificine .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma non è cosa da uscirne con poche parole ; e non è qui il luogo di trattarla con l'estensione che merita .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si tratta della Spagna , figliuolo mio: sai che affare è la Spagna ? San Marco è forte a casa sua ; ma ci vuol altro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Bello , savio ed utile mestiere ! mestiere , proprio , da far la prima figura in un trattato d'economia politica .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Con una tale sicurezza , temperata però dall'inquietudini che il lettore sa , e contristata dallo spettacolo frequente , dal pensiero incessante della calamità comune , andava Renzo verso casa sua , sotto un bel cielo e per un bel paese , ma non incontrando , dopo lunghi tratti di tristissima solitudine , se non qualche ombra vagante piuttosto che persona viva , o cadaveri portati alla fossa , senza onor d'esequie , senza canto , senza accompagnamento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se la pigrizia , se l'indocilità della carne ci ha resi meno attenti alle vostre necessità , men pronti alle vostre chiamate ; se un'ingiusta impazienza , se un colpevol tedio ci ha fatti qualche volta comparirvi davanti con un volto annoiato e severo ; se qualche volta il miserabile pensiero che voi aveste bisogno di noi , ci ha portati a non trattarvi con tutta quell'umiltà che si conveniva , se la nostra fragilità ci ha fatti trascorrere a qualche azione che vi sia stata di scandolo ; perdonateci ! Così Dio rimetta a voi ogni vostro debito , e vi benedica - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Oh Signore ! Cosa dite ? Dove siete stato in questo tempo ? Con chi avete trattato ? Come parlate ?
---------------
* M'ha detto che facevo bene a venirvi a cercare , e che al Signore gli piace che un giovine tratti così , e m'avrebbe aiutato a far che vi trovassi ; come è proprio stato la verità: ma già è un santo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Al diavolo il mestiere , al diavolo la buona condotta ! Volete condannarmi a essere arrabbiato per tutta la vita ; e da arrabbiato viverò . . .E quel disgraziato ! Lo sa il Signore se gli ho perdonato di cuore ; ma voi . . .Volete dunque farmi pensare per tutta la vita che se non era lui . . . ? Lucia ! avete detto ch'io vi dimentichi: ch'io vi dimentichi ! Come devo fare ? A chi credete ch'io pensassi in tutto questo tempo ? . . .E dopo tante cose ! dopo tante promesse ! Cosa v'ho fatto io , dopo che ci siamo lasciati ? Perché ho patito , mi trattate così ? perché ho avuto delle disgrazie ? perché la gente del mondo m'ha perseguitato ? perché ho passato tanto tempo fuori di casa , tristo , lontano da voi ? perché , al primo momento che ho potuto , son venuto a cercarvi ?
---------------
- Trattandosi del Signore e della Madonna ! . . .non ci ho pensato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Sicché non poté far a meno di non dire che , questa volta , trattandosi d'una povera vedova e d'una povera fanciulla , avevan fatto la guardia gli angioli .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Di donna Prassede , quando si dice ch'era morta , è detto tutto ; ma intorno a don Ferrante , trattandosi ch'era stato dotto , l'anonimo ha creduto d'estendersi un po' più ; e noi , a nostro rischio , trascriveremo a un di presso quello che ne lasciò scritto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Oh ! in quanto a questo mi scusi , - replicò Agnese: - ché , sebbene io sia una povera ignorante , le posso accertare che non gli si dice così ; perché , quando siamo state la seconda volta per parlargli , come parlo a lei , uno di que' signori preti mi tirò da parte , e m'insegnò come si doveva trattare con quel signore , e che gli si doveva dire vossignoria illustrissima , e monsignore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Piuttosto , non mi maraviglierei punto che i cavalieri , i quali sono avvezzi a sentirsi dar dell'illustrissimo , a esser trattati come i cardinali , un giorno volessero dell'eminenza anche loro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ora , trattandosi di cose vecchie , nessuno gli dà fastidio ; e , come le ho detto , lui pensa d'andarsene fuor di stato ; ma , col tempo , o tornando qui , o altro , non si sa mai , lei m'insegna che è sempre meglio non esser su que' libri .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non già che trattasse proprio contro il galateo ; ma sapete quante belle cose si posson fare senza offender le regole della buona creanza: fino sbudellarsi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Per lo studio, eh, sí: bestia; non aveva difficoltà a riconoscerlo; ma se si fosse trattato d'atterrare un albero, un bue, eh perbacco...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gli altri parenti e amici dello sposo innumerevoli, attendevano nella villa, tutti parati a festa, con gli abiti di panno turchino, gli uomini; con le mantelline nuove e i fazzoletti dai colori piú sgargianti, le donne; giacché il mezzadro, d'idee larghe, aveva preparato un trattamento proprio coi fiocchi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Onta sí, provava onta d'esser marito a quel modo, di quella signora: ecco! E tutta la colpa era del padre, il quale, per quella maledetta fissazione della scuola, lo aveva fatto trattare al modo d'un ragazzaccio stupido e inetto dalla signorina, venuta in villeggiatura, abilitandola a certi scherzi che lo avevano ferito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Anzi egli si proponeva di studiare d'ora innanzi con impegno, per potere un giorno, tra breve, figurare tra i "galantuomini" del paese, senza piú sentirne soggezione, e parlare e trattare con loro, da pari a pari.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma che! Mi tratta come un figliuolo...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Alla fin fine, santo Dio, non deve andare alla guerra! - E puoi soggiungere, - tornava a incalzare il padre, - puoi soggiungere: "Vuoi far contento tuo fratello che t'ha trattata cosí? farmi cacciar via di qua come un cane, da lui?".(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E se non era fatta in regola e con tutte le forme? Il sospetto era facile, atteso che si trattava della scrittura privata d'una donna, senza l'assistenza d'un notajo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E ricordavano che Marastella, accorsa con la madre, tutt'e due urlanti, con le braccia levate, tra il vento e la spruzzaglia dei cavalloni, in capo alla scogliera del nuovo porto, su cui i cadaveri dei tre annegati erano stati tratti dopo due giorni di ricerche disperate, invece di buttarsi ginocchioni presso il cadavere del padre, era rimasta come impietrita davanti a un altro cadavere, mormorando, con le mani incrociate sul petto: - Ah! Amore mio! amore mio! Ah, come ti sei ridotto...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poteva mai sospettare don Mattia Scala che Dima Chiarenza, di cui si fidava come di se stesso, Dima Chiarenza, ch'egli aveva raccolto dalla strada, trattato come un figliuolo e messo a parte degli affari, Dima Chiarenza lo dovesse tradire, come Giuda tradí Cristo? Proprio cosí! S'era messo d'accordo, l'infame, con l'ingegnere direttore della zolfara, d'accordo coi capimastri, coi pesatori, coi carrettieri, per rubarlo a man salva su le spese d'amministrazione, su lo zolfo estratto, finanche sul carbone che doveva servire ad alimentar le macchine per l'eduzione delle acque sotterranee.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Aceto, avvelenatevi! Beveva anche lui, sedeva, s'attortigliava le gambe e domandava: - Di che si tratta? - Si tratta, - prorompeva al solito Nino Mo, - che sono tante bestie, tutti, a uno a uno! - Chi? - Ma quei figli di cane! I zolfatari.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Qua ora si tratta de' miei denari: quelli spesi da me nel podere...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vedo che voi, al solito, non sapete trattare gli affari.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Largo e cordiale con le monache, Monsignor Vivaldi (Dio l'abbia in gloria!), si recava a visitarle almeno una volta la settimana, e accettava di gran cuore i loro trattamenti, lodandone la squisitezza, e si intratteneva a lungo con esse in lieti e onesti conversari.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gabriele, con un sorriso nervoso su le labbra, rispose piano, con calma, alle trepide domande di lei, come se non si trattasse della propria rovina; poi nel veder la moglie sconvolta: - Eh, mia cara! - esclamò.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Basta, dunque! Si tratta ora di salvare i miei figliuoli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Vieni qua! Ti dico che si tratta di salvare i miei figliuoli! Hai capito? - Ma come vuoi salvarli? Vuoi salvarli sul serio, cosí? - Con la mia morte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
a rubare, scusa? - Rubare? A chi rubo? Rubo per me? Si tratta d'una Società esposta per se stessa al rischio di siffatte perdite...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E che risate il pubblico! Vuoi che la gente, per esempio, si dimentichi che il Russo, noi, quel cagliostro, lo chiamavamo Luculloff e che lo paravamo da antico romano, con gli occhiali d'oro a stanghetta sul naso rincagnato? Quando lo han veduto là con quel faccione rosso brozzoloso, e han saputo come noi lo trattavamo, che gli strappavamo i coturni dai piedi e lo picchiavamo sodo sul cranio pelato, e che lui, sotto a quei picchi sodi, rideva, sghignava, beato...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sapessi quant'è birbone il mio! - Tratta forse male tua sorella? - Tratta male me! E gli sarebbe cosí facile ajutarmi, in questi frangenti...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
So che a giorno chiaro, dopo un tempo incommensurabile, durante il quale non avevo piú avvertito minimamente né la stanchezza, né il freddo, né la disperazione, mi ritrovai col trattatello di geografia della mia figliuola sotto gli occhi, aperto a pagina 75, sgorbiato nei margini e con una bella macchia d'inchiostro cilestrino su l'emme di Giamaica.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Di che si tratta? - Ecco, - cominciò la signora Consalvi, sedendo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sarebbe stato un peccato! un vero peccato! Non s'era mai provata a trattare i colori? Mai, mai? Perché? Oh, non ci sarebbe mica voluto molto con quella preparazione, con quella passione...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il giorno dopo venni a sapere di che si trattava; e un'altra cosa venni a sapere, che mi riempí di gioja e di rammarico a un tempo: di gioja per me, di rammarico per il mio avversario, il quale, dopo una palla in fronte, pover'uomo, non se la meritava davvero.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Pareva che a poco a poco si capacitasse che i cani debbano esser trattati cosí, che questa fosse una condizione inerente alla sua esistenza canina e che non ci fosse perciò da aversene a male.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cosí era venuta a Roma, in uno stato incerto: la trattavano come se fosse della famiglia, ma figurava intanto come istitutrice dei figliuoli piú piccoli del barone e anche un po' come dama di compagnia della baronessa: senza stipendio, beninteso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Di che si tratta? - Ecco, signor avvocato, - riprese il Piccirilli, dando un'ingollatina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E che pena, anche questa! Finché s'era trattato di prenderli, per tentare un negozio da far ridere la gente, transeat; ma ora, scender giú nel gabbione, acchiapparli, ucciderli e mangiarseli...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Lori, però, per quanto il Verona non avesse mai fatto pesar su lui il proprio grado e la propria dignità e lo trattasse ora con la massima confidenza, con la massima cordialità, fino a dargli e a farsi dare del tu, si mostrava timido e un po' impacciato, vedeva sempre nell'amico il superiore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Avevano trattato finora con la massima confidenza il Tempini; ma quella sera, che impaccio! che senso, nel vederlo rimanere in casa, con loro; lui solo, uomo; già nel pieno diritto d'entrare in una intimità che, per quanto timida in quei primi istanti e imbarazzata, avventava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché? Non intendevano piú trattarlo da fratello? Il gelo cresceva di giorno in giorno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non la aveva egli affidata alle loro cure? Ma ecco, notava intanto con grandissimo dolore che anche la piccina era trattata con freddezza, se non proprio trascurata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E Zoe: - È chiaro che a lui non basta esser trattato come possiamo trattarlo noi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ormai qui non si tratta di fare all'amore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E, poiché il dottore, non rispondendo, lasciava intendere che si trattava proprio del marito: - Che gli è accaduto? Mi dica la verità...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Indovinare, determinare il corso capriccioso della palla: per il momento, non si trattava d'altro per lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non tanto, vedete, per il fatto in sé, quanto perché si tratta d'un sostituto procuratore del re.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cominciava già a venir meno al giuramento? No, no! E si recò nella camera dei bambini; si chinò sui lettucci per contemplarli nel dolce sonno; rattenne la mano tratta irresistibilmente a carezzar le loro testoline: poi si volse, soffocato dall'angoscia, a guardare il ritratto della moglie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
"Sai come ho capito, che si debba trattare di spedizione? L'ho capito da questo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Chi sa perché! Ma certo, se traffichiamo di casse anche noi, deve trattarsi di spedizione, non ti pare? "Che diavolo contiene quella cassa? Pesa oh, non credere! Fortuna, che ne trasportiamo sempre una alla volta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dal portone si fanno avanti certi uomini parati con una sottana nera e la camicia di fuori (che saranno, suppongo, i doganieri); la cassa è tratta dal carro; tutti di nuovo si scoprono il capo; e quelli segnano sulla cassa il lasciapassare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E appunto da questo suo rinascere alla modestia degli antichi sentimenti, dovuto a loro, al modo con cui essi, quasi a loro insaputa, l'avevano trattata, proveniva la sua maternità, il rifiorire di essa che, nella trista arsura del vizio non amato, s'era per tanti anni isterilita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A poco a poco, però, cioè non appena Nillí cominciò a formare i primi sorrisi, a muoversi, a balbettare, l'uno e l'altro, istintivamente, furono tratti a riconoscer ciascuno se stesso in quei primi segni, e a escludere ogni dubbio, che il figlio non fosse suo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Salomone si era trovato in condizioni molto piú facili, perché si trattava allora di due madri, e una delle due poteva esser certa che il figlio era suo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E Niní, placido e cupo, imitando goffamente il gesto della sorella: - Non mi vollo lavare! E se Caterina lo costringeva appena, o s'accostava loro col pettine o col catino, strilli che arrivavano al cielo! Subito allora le vicine: - Ecco che comincia! Ah, povere creature! Dio di misericordia, senti, senti! Ma che fa? Ih, strappa i capelli alla grande! Senti che schiaffi al piccino! Ah che strazio, Dio, Dio, abbiate pietà di questi due poveri innocenti! Se poi Caterina, per non farli strillare, lasciava Nenè spettinata e sporco Niní: - Ma guardate qua questi due amorini come sono ridotti: una cagnetta scarduffata e un porcellino! Nenè, certe mattine, scappava di casa in camicia, a piedi nudi; si metteva a sedere su lo scalino innanzi all'uscio di strada, accavalciando una gambetta su l'altra e squassando la testina per mandarsi via dagli occhi le ciocche ribelli, rideva e annunziava a tutti: - Sono castigata! Poco dopo, piano piano, scendeva con le gambette a roncolo Niní, in camicina e scalzo anche lui, reggendo per il manico l'orinaletto di latta; lo posava accanto alla sorellina, vi si metteva a sedere, e ripeteva serio serio, aggrondato e con la lingua grossa: - So' cattigato! Figurarsi attorno le grida di commiserazione e di sdegno delle vicine indignate! Eccoli qua, ignudi! ignudi! Che barbarie, con questo freddo! Far morire cosí d'una bronchite, d'una polmonite due povere creaturine! Come poteva Dio permetter questo? Ah sí, di nascosto, è vero? essi, di nascosto, erano scappati dal letto? E perché erano scappati? Segno che i due piccini chi sa com'erano trattati! Ah, già, niente...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Aveva coscienza di non aver fatto mai, mai, il minimo torto a quell'infame donna che lo aveva trattato cosí! Che ci poteva far lui se attorno al suo cuore tenero e semplice, di bambino, era cresciuto tutto quel corpaccio da maiale? Nato per la casa, per adorare una donna sola nella vita, che gli volesse - non molto! non molto! - un po' di bene, quanto compenso le avrebbe saputo dare, per questo po' di bene! Con gli occhi invetrati dalle lagrime a stento contenute, ora stava a mirar per via ogni coppia di sposi, che gli pareva andasse d'amore e d'accordo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il piccolo Romelli, vestito di nero, era nervoso, convulso; scattava a tratti come per scosse elettriche, e lo Spina, accalorato, cercava di calmarlo, di convincerlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nella chiara sera di maggio, presso le acque del fiume che pareva ritenessero ancora la luce del giorno sparito, si distinguevano con precisione tutti i gesti e anche i tratti del volto di quei tre uomini agitati.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Forse, non dico di no: pensare che da morti saremo trattati male, affidati alla custodia di Pàmpina, stolido e ubriacone, può far dispiacere...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Veramente, il fatto che Belluca, la sera avanti, s'era fieramente ribellato al suo capo-ufficio, e che poi, all'aspra riprensione di questo, per poco non gli s'era scagliato addosso, dava un serio argomento alla supposizione che si trattasse d'una vera e propria alienazione mentale.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se non che, questa volta, la vittima, con stupore e quasi con terrore di tutti, s'era ribellata, aveva inveito, gridando sempre quella stramberia del treno che aveva fischiato, e che, perdio, ora non piú, ora ch'egli aveva sentito fischiare il treno, non poteva piú, non voleva piú esser trattato a quel modo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Mettendomi con voi? Ah, brutta bestia! E gli interessi di vostro figlio, che predicate e difendete da un anno, finirebbero cosí, trattandosi di voi? Ma piuttosto con un cane, mi metto allora, anziché con voi, laido vecchiaccio! Puh! E zia Michelina se n'andò su le furie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma che sublime, signori miei! Disgraziata! disgraziata! Sapete come le andò a finire? Cosí, diciamo, precinta d'eroismo, cosí raggiante di sublimità, naturalmente apparve un'altra al marito commosso e ammirato fino al delirio, al marito che da parecchi anni, per un divieto dei medici, non la teneva piú in conto di moglie e la trattava perciò a modo d'una cagna, a cinghiate e vituperii: gli apparve bella, capite? irresistibilmente desiderabile.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tanto vero che, se ella non lo avesse compiuto, il marito, non solo non l'avrebbe ammirata né desiderata, ma la avrebbe trattata anche peggio di prima, e lei non sarebbe morta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La avrebbe tratta fuori di lí, condotta a Palermo, in una bella casa nuova: feste, teatri, viaggi, corse in automobile...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vedevano me, qual ero adesso; e ciascuno di certo mi vedeva a suo modo; e sapevan degli altri - loro sí, sapevano - come s'eran ridotti! Qualcuno era morto, poco dopo il mio allontanamento dal paese, e quasi non si serbava piú memoria di lui; ora, immagine sbiadita, attraversava il tempo che per lui non era stato piú, ma non riusciva a rifarsi vivo nemmeno per un istante e rimaneva pallida ombra di quel mio sogno lontano; qualche altro era andato a finir male, prestava umili servizi per campar la vita e dava del lei rispettosamente a coloro coi quali da fanciullo e da giovanetto trattava da pari a pari; qualche altro era stato anche in prigione, per furto; e uno, Costantino, eccolo lí: guardia di città: pezzo d'impertinente, che si divertiva a sorprendere in contravvenzione tutti gli antichi compagni di scuola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dove siamo? Qua siamo in una Corte di giustizia! E si tratta di giudicare un uomo che ha ucciso! Se qualcuno si attenta un'altra volta a ridere, farò sgombrare l'aula! E mi duole di dover richiamare anche i signori giurati a considerare la gravità del loro compito! Poi, rivolgendosi con fiero cipiglio all'imputato: - Che intendete dire, voi, che non ne avete potuto far di meno? Tararà, sbigottito in mezzo al violento silenzio sopravvenuto, rispose: - Intendo dire, Eccellenza, che la colpa non è stata mia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dissero i portantini che non ne avevano veduto mai uno simile; e trattarono quella tua cassa come una cosa molto pericolosa, non solo per loro, ma anche per noi che assistevamo alla cerimonia, voglio dire tua moglie, io, e i coniugi Postella che erano venuti con lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo salvo, Momino, sí o no? Se lo salvo, esso senza dubbio ne darà merito ai suoi piedi: affoghi dunque! E se invece fosse una graziosa farfallina rassegnata a morire? L'avrei tratta fuori da un pezzo, accuratamente...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non so perché, di solito accorre a queste mie udienze la gente piú scontenta del mondo, o afflitta da strani mali, o ingarbugliata in speciosissimi casi, con la quale è veramente una pena trattare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mi è avvenuto non di rado di ritrovare nelle novelle di parecchi miei colleghi certi personaggi, che prima s'erano presentati a me; come pure m'è avvenuto di ravvisarne certi altri, i quali, non contenti del modo com'io li avevo trattati, han voluto provare di fare altrove miglior figura.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'altro, il pallido Vannícoli, dai biondi capelli irti come fili di stoppia e dall'aria spirante, appuntí invece le labbra, rese piú dolente che mai lo sguardo dei chiari occhi languidi e stette col naso come in punto a annusar qualche odore sgradevole, per significare che era compreso della pena che al venerato maestro doveva certo costare la trattazione di quel tema, dopo quanto glien'aveva detto privatamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Bernardino Lamis n'era rimasto ferito proprio nel cuore; e piú s'era addolorato e indignato della critica italiana che, elogiando anch'essa a occhi chiusi il libro tedesco, non aveva minimamente ricordato i due volumi anteriori di lui, né speso una parola per rilevare l'indegno trattamento usato dallo scrittore tedesco a uno scrittor paesano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La meraviglia mi era poi accresciuta, dall'aria, dall'aspetto di quella gente, che non mi pareva affatto cosí sciocca da doversi con tanta facilità contentare d'esser trattata com'era, cioè a modo di cani, dal Municipio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nessuno può far miracoli, e tanto meno, su la base d'un cosí fatto progetto, potrà farne il Municipio di Milocca! Scoppiarono frenetici applausi e il consigliere Ansatti si precipitò dal suo banco ad abbracciare e baciare il Maganza; poi, rivolto al pubblico e ritornando man mano al suo posto, prese a gridare tutto infocato, con violenti gesti: - Si osa proporre, o signori, oggi, oggi, come se noi ci trovassimo dieci o venti anni addietro, al tempo di Galileo Ferraris, si osa proporre un impianto idro-termo-elettrico a Milocca! Ah come mi metterei a ridere, se potesse parermi uno scherzo! Ma coi denari dei contribuenti, o signori della Giunta, non è lecito scherzare, ed io non rido, io m'infiammo anzi di sdegno! Un impianto idrotermo- elettrico a Milocca, quando già spunta su l'orizzonte scientifico la gloria consacrata di Pictet? Non vi farò il torto di credere, o signori, che voi ignoriate chi sia l'illustre professor Pictet, colui che con un processo di produzione economica dell'ossigeno industriale prepara una memoranda rivoluzione nel mondo della scienza, della tecnica e dell'industria, una rivoluzione che sconvolgerà tutto il macchinismo della vita moderna, sostituendo questo nuovo elemento di luce e di calore a tutti quelli, di potenza molto minore, che finora sono in uso! E con questo tono e con crescente fuoco, il consigliere Ansatti spiegò al pubblico attonito e affascinato la scoperta del Pictet, e come col sistema da lui inventato le fiamme delle reticelle Auer sarebbero arrivate alle altissime temperature di tre mila gradi, aumentando di ben venti volte la loro luminosità; e come la luce cosí ottenuta sarebbe stata, a differenza di tutte le altre, molto simile a quella solare; e che se poi, al posto del gas, si fosse messa un'altra miscela derivante da un trattamento del carbon fossile col vapore acqueo e l'ossigeno industriale, il potere calorifico sarebbe aumentato di altre sei volte! Mentr'egli spiegava questi prodigi, il consigliere Zagardi, suo rivale, quello che mi aveva compianto per la scala, sogghignava sotto sotto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poiché, perdio, non si trattava soltanto di mantenere un proposito deliberato, ma anche di non venir meno a un giuramento fatto, ecco, a un giuramento! a un giuramento! Cosí, quando il mortorio giunse (ch'era già sera chiusa) alla chiesetta fuorimano dove lo scaccino aveva preparato i due cavalletti su cui il misero feretro doveva esser deposto, mentre la gente assisteva alla benedizione del cadavere, andò a nascondersi quatto quatto dietro un confessionale.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Don Paranza l'aveva tratta fuori con due dita, cautamente, come se anche quella avesse temuto abitata dai prolifici animaletti dei due piani superiori; poi, osservando il collo, lo sparato e i polsini sfilacciati: - Bravi! - aveva aggiunto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cominciava a sentire una sorda irritazione, un segreto rodío, nel vedersi trattato, in quel paese, e considerato quasi come uno stupido, e temeva di istupidirsi davvero.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Insomma, lo aveva trattato come un ragazzo, ecco, un buon ragazzo che sicuramente non avrebbe fatto lo scandalo che minacciava, anche in considerazione del cordoglio che avrebbe cagionato alla sua vecchia mamma, che aveva fatto tanti sacrifizii per lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La vecchia tornò a guardarlo, quasi atterrita, e ripeté: - Ma come! Che dice? E allora che voto è? Se non do quello che ho promesso, che vale? Ma scusi, a chi parlo? Non parlo forse a un sacerdote? E perché allora mi tratta cosí? O che forse crede che non do a San Calògero miracoloso con tutto il cuore quello che gli ho promesso? Oh Dio! oh Dio! Forse perché le ho parlato di quanto ho penato per raccoglierlo? E cosí dicendo, si mise a piangere perdutamente, con quegli orribili occhi insanguati.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vittore Brivio trattava la moglie come una bambina non d'altro capace che di quell'amore ingenuo e quasi puerile di cui si sentiva circondato, spesso con fastidio, e al quale si era proposto di prestar solo attenzione di tempo in tempo, mostrando anche allora una condiscendenza quasi soffusa di lieve ironia, come se volesse dire: "Ebbene, via! per un po' diventerò anch'io bambino con te: bisogna fare anche questo, ma non perdiamo troppo tempo!".(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non si trattava piú per lui del parto imminente della signora Porrella, che doveva dargli una sconfitta; si trattava dell'uomo, dell'uomo che tutte quelle donne volevano che nascesse dal ventre di quella donna; dell'uomo quale può nascere dalla bruta necessità dei due sessi che si sono accoppiati.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Appena seppe di che si trattava, e lo vide turbato e severo, si piegò, procace, verso di lui, col volto dolente, per il dispiacere ch'egli si prendeva senza ragione, via! E, appena poté, senza commettere la sconvenienza d'interromperlo: - Ma scusi tanto, signor dottore, - disse, socchiudendo i begli occhi neri, - lei s'affligge sul serio per quella vecchia matta? Qua in paese la conoscono tutti, signor dottore, e non le bada piú nessuno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non volendo un'altra volta mostrarsi stupito, per nascondere il turbamento crescente il dottore s'accigliò e disse: - Forse l'avrà trattata male, codesto figlio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il naso largo, schiacciato, e la troppa lunghezza del labbro superiore, raso, rilevato, gli davano un aspetto scimmiesco; era rosso di pelo, e aveva la pelle del viso pallida e sparsa di lentiggini; gli occhi verdastri, affossati, gli guizzavano a tratti di torvi sguardi, sfuggenti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tutt'a un tratto, però, quando ha già preso i primi ordini religiosi, gli avviene d'impuntarsi in questo passo del trattato De Gratia: "Si quis dixerit gratiam perseverantiae non esse gratis datam, anathema sit." Perché la perseveranza, per il caso che qualcuno volesse saperlo, è - secondo la teologia cattolica cristiana - una grazia che Dio concede a chi vuol salvare, senza attenzione ai meriti o ai demeriti del salvando.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Attenzione! Lei, ragione, con una g sola la scriva, per piacere, mi raccomando! - Meglio abbondare, professore, meglio abbondare quando si tratta di ragione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La servetta sta un pezzo a mirarlo, impietosita, poi esclama tra sé, alludendo alla padrona: "Imbecille, vah! Poteva starsene qua, col su' sposo che la trattava 'osí perbenino, tranquillo là, poer'omo, come una tartaruga." - Sú via, sor padrone, si faccia animo, sú! 'un stia 'osí, si dia uno sfogo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma, pure in quella lettura, come in casa trattando con la moglie, non riusciva a trovare un momento di requie; e, quasi a ogni notizia, tornava a ripetere quella sua solita frase: - Cose da pazzi! - Seguitava a leggere, tuttavia; e, ogni giorno, non si dichiarava soddisfatto, se non aveva scorso da capo a fondo tutti i fogli piú in vista di Roma e di Milano, di Napoli, di Torino, di Firenze, di cui aveva sempre cosí piene le tasche.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma questo no, in coscienza: non poteva, né doveva dirlo: eccolo qua Nònida, florido e vispo! Annicchia quasi quasi non sapeva piú riconoscere nella padrona d'oggi la signorina Ersilia d'un tempo, cosí malamente si vedeva trattata: peggio d'una serva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La madre, dapprima, nella sua santità patriarcale, non aveva saputo neanche farsi un'idea del delitto commesso dal figliuolo: il vecchio marito aveva dovuto spiegarglielo alla meglio; e allora ella ne era rimasta sbalordita, inorridita e pur quasi incredula: - Giovanni? Che mi dici? Il Siròli s'era recato in città per avere notizie piú precise e con la speranza segreta che si trattasse d'una calunnia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
ecc.; gli era parso piuttosto che si trattasse di una rara e strana manifestazione di quel male che comunemente suol chiamarsi cateratta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ho esaminato una volta sola gli occhi del signor marchese, e m'è parso di dovere escludere assolutamente che si tratti di glaucoma.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Perché la signorina, badi, - s'affrettò a soggiungere il dottor Falci, - trattandosi d'un dubbio espresso da me in quel momento, in termini molto vaghi, lo considerò piuttosto come un conforto ch'io volessi apprestare, e non vi diede molto peso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E che impressione, anche, nell'osservare in lui ancora i tratti dell'antico signore, a tavola! Imbarazzo, soltanto se lei lo guardava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Di Michelino si tratta! E non voglio far nulla, io, senza il consiglio e il consenso di Vossignoria.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo aveva ancora nelle narici il profumo di quella donna e gli veniva di serrare i pugni, assalito da una disperata voglia di fracassar quelle vetrine, di rovesciar quelle bottiglie, che gli esasperavano insopportabilmente l'angoscia con la loro simmetrica immobilità di cose che potevano seguitare a esser per sé, là come prima, mentre tutto per lui era finito, finito! E l'infame calunnia ch'egli tenesse sú quella bottega di caffè coi denari del notajo Denora; quand'invece, aveva proibito alla moglie d'accettare perfino quello che si dice un fiore dal signor Notajo! Si pigliava i soldi del caffè, quando il Notajo veniva lí con gli amici, proprio perché, a non pigliarseli, gli sarebbe parso di dar troppo nell'occhio; ma Dio sa quanto ne soffriva! Altro che quel poco di caffè, pur fatto con specialissima cura, gli avrebbe dato il sangue delle vene, per la sviscerata gratitudine che gli serbava, della difesa che nei primi tempi del matrimonio il signor Notajo aveva fatto di lui contro la moglie che lo accusava di poco avvedimento, di poco tatto con gli avventori e d'inesperienza anche e di goffaggine; gratitudine poi della pace che il signor Notajo, con la sua tranquilla e circospetta relazione, gli aveva rimesso in famiglia; gratitudine della rivincita che con l'amicizia di lui aveva potuto prendersi su tutti coloro che lo avevano sempre deriso per le sue arie da "persona civile", che sapeva trattare e stare in confidenza coi meglio signori.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come mai, ora ch'era rimasto cosí stroncato dalla sciagura, nemmeno uno di essi si faceva piú vedere al caffè? Che male aveva fatto al signor Notajo, da esser trattato cosí dai suoi amici? Se mai qualcuno tra loro due, poteva aver rimorso d'aver fatto male all'altro, quest'uno certamente non poteva esser lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come spiattellargli in faccia che, con la morte della donna, il Notajo aveva creduto d'essersi liberato dell'incubo di lui, che col ridicolo della sua incredibile mansuetudine, col rispetto ossequioso di cui lo faceva segno davanti a tutti gli amici, con le lodi sperticate che profondeva con chiunque ne parlasse, gli aveva avvelenato il piacere di quell'unica avventura tardiva della sua sobria, riservatissima esistenza? Poteva mai tollerare il signor Notajo la minaccia di non levarselo piú d'attorno, e che egli seguitasse a rispettarlo, a incensarlo, a servirlo davanti a tutti, a dimostrare in tutti i modi, come aveva sempre fatto, che se tanti trattavano con confidenza il signor notajo Denora, non stessero a farsi illusioni, perché il signor notajo Denora aveva in segreto una ragione di speciale intimità con lui, e non avrebbe potuto accordarla ad altri? Legato a lui, per forza, dall'amore per la stessa donna, poteva il signor Notajo seguitare ora a rimaner legato, attaccato a lui dal dolore comune, dal lutto comune per la perdita di lei? Siamo giusti! Era ridicolo! ridicolo! E Bellavita, perdio, doveva capirlo, che, essendo forzato quel primo legame, ora che la morte finalmente lo aveva sciolto, il signor Notajo non aveva piú nulla da spartire con lui, perché il dolore, se lo aveva, il lutto, se voleva portarlo per la morte di quella donna, non c'era nessun bisogno che lo avesse e lo portasse in comune con lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
S'era da un pezzo costituito esempio a tutti di compostezza e di misura, nel trattar gli affari, nelle discussioni che si facevano al circolo o nei caffè, in tutti gli atti, nel modo anche di vestire e di camminare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
In pochissimo tempo costui era saltato sú, coi denari rubati, a pretendere, a imporre una considerazione che gli doveva assolutamente esser negata; a trattare confidenzialmente, a tu per tu, con chi per nascita, per età, per educazione doveva essergli e restargli superiore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quand'ebbe terminato, senza dir nulla, porse a don Filiberto Fiorinnanzi il suo foglio segnato e quella carta tratta dallo stipo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Decida lei! Mi lascino dire! Si tratta di questo: ho indotto di là la signorina Reis a farsi forza; a vincersi, considerando la gravità della situazione, in cui, caro signore, lei l'ha messa e la lascerebbe.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Eufemia mi guarda, come se le paresse strano che io, Luca Lèuci, possa dirle cosí, io che - secondo lei - non avrei davvero alcun obbligo di crederci, poiché Dio mi tratta male, facendomi morire cosí presto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché piaceva anche, alla maestrina Boccarmè, intenerirsi cosí, amaramente, allo spettacolo di quelle navi che all'alba lasciavano il porto, e s'indugiava lí a sognare con gli occhi alle vele che a mano a mano si gonfiavano al vento e si portavano via quei naviganti, lontano, sempre piú lontano nella luminosa vastità del cielo e del mare, in cui a tratti gli alberi scintillavano come d'argento; finché la campana della scuola non la richiamava al dovere quotidiano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La maestrina Boccarmè, vedendosi guardata con considerazione dalle signore del paese per l'intimità che le dimostrava quella bella signora forestiera, voleva quasi quasi dare a credere a se stessa che realmente quell'intimità tra lei e la Valpieri ci fosse, pur ricordando bene che, nel collegio, non c'era mai stata, e che anzi lei, di umili natali ed entrata in quel collegio gratuitamente, piú che per la freddezza sdegnosa delle compagne ricche aveva crudelmente sofferto per gli astii biliosi di questa Valpieri, la quale, appartenendo a una nobile famiglia decaduta, non aveva saputo tollerare in cuor suo di vedersi da quelle trattata male e messa a pari con lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Rovinato? - Ma sí, ma sí: negozii andati a male, spese pazze! Non per me, sta' bene attenta! Io fui tratta in inganno, vigliaccamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E ora, se egli ha commesso, come temo, qualche pazzia, guarda, me ne lavo le mani, me ne lavo le mani! - Ah, dunque tu? - Fui tratta in inganno, ti dico; e ora per giunta mi si calunnia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sempre, quando bisognava, trattando col padrone della terra o coi mercanti di città, lasciava parlare il compagno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
ah, non si trattava di malandrini? E che incontro, allora? La cara Niní, o la Gillina come la chiamavano, era venuta sú dalle macchie di corsa, di corsa, scarmigliata, urlando, in preda a un terror pazzo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Giú nelle macchie del Conventino? Se lei dice psicosi, io so di che si tratta! So tutto, so tutto! La signorina Gilli ha veduto! La signorina Gilli ha sentito anche lei! Lo Scamozzi, il Borisi, il dottor Sandrocca, la moglie, Miss Green si voltarono a guardarlo a bocca aperta: - Veduto...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma stesse tranquilla perché il bambino, dove stava, stava bene, a patto però che anche lei trattasse bene la creaturina che le era toccata in cambio: badasse anzi, che quanta piú cura lei avrebbe avuto qua per questo bambino, e tanto meglio di là si sarebbe trovato il suo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Celestino Calandra (giovane e santo) sorrise bonariamente e ci spiegò che quel centuno, non era, a dir proprio, un numero progressivo; ma che si trattava invece di un angelo particolare, per cui la gente del paese aveva una special divozione, come quello che aveva in custodia cento anime del purgatorio e le guidava ogni notte a sante imprese.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si tratta...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Si tratta che io dovrei fingere di non aver ricevuto questa lettera, e che, discorrendo cosí...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ah, - esclamò egli aggrondato, offeso, - si tratta di suo marito? - Già...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Se si trattasse d'un vecchio peccataccio, che tu sai? - La Zena? - domandò allora il Morozzi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Si tratta di quella povera diavola? - Ecco! - fece la Dinelli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma il sentimento non ragiona! Si trattava d'un morto, alla fin fine! Cosí tutti avrebbero pensato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma Noemi era ridiventata pallida: parole di protesta le salivano alle labbra , e sebbene come sempre riuscisse a dominarsi davanti al servo al quale pareva non desse molta importanza , non poté fare a meno di ribattere: — Qui non c'entra la provvidenza , e non si tratta di questo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Si tratta . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— aggiunse dopo un momento di esitazione , — si tratta di rispondergli netto e chiaro che in casa nostra non c'è posto per lui ! Allora Efix aprí le mani e reclinò un poco la testa come per dire: e allora perché mi consultate ? – ma donna Ester si mise a ridere e alzò sbattendo con impazienza le due ali nere del suo scialle .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
È contenta ? — Di che , anima mia ? Ella lo trattava maternamente , senza famigliarità però ; lo aveva sempre considerato un uomo semplice .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Dio , Signore ! Perché parla cosí , don Predu ? Come un nemico delle sue povere cugine ? — Al diavolo le cugine e la loro testa piena di vento ! Son loro che mi han trattato sempre da nemico .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ah , Efix , sono cosí amareggiato ! Eppoi mi fa tanta vergogna vederle cosí misere ; vederle vender di nascosto le patate , le pere e i pomi ai bambini che entrano piano piano nel cortile , col soldo nel pugno , e domandando la roba sottovoce quasi si tratti di cosa rubata ! Mi vergogno , sí ! Questo deve cessare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Io devo fare laserva ; ma lo faccio con piacere poiché si tratta di render felici i ragazzi . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tu , quando si trattava di farlo venire , dicesti: «Se si comporta male penso io a mandarlo via» .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Anzi ti devo dire che non voglio piú pazientare , giacché mi trattate cosí .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
La serva allora tornò in chiesa , e guardò se poteva dire alle dame che il servo era giunto , – cosí avrebbero lasciato libero il prete ; ma da una parte del confessionale stava donna Ester di cui si vedeva il lembo dello scialle venir fuori come un'ala nera , e dall'altra stava già donna Noemi , col dorso che ondulava lievemente , a tratti , sotto la stoffa nera opaca , e un piede lungo e nervoso fuori dalla sottana sollevata .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le donne specialmente guardavano dall'alto dei cavalli , dalla cornice dei loro scialli , coi grandi occhi smarriti eppure a tratti scintillanti di gioia: qualche cosa le spaventava , qualche cosa le rallegrava , forse il loro stesso spavento .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
«Ecco fatta la grazia che lei chiedeva , padrone mio» , pensava , e sorrideva agli improperi che don Predu , pentito del suo primo impeto di benevolenza , gli rivolgeva trattandolo da mendicante quale era .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ma quando si trattava di aprir la porta non poteva .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
I minori di sé trattati come cose, gli uguali senza tenerezza, i maggiori senz’amore: sfoghi d’ira bestiale, repressi a lungo da vergogna di parer troppo russo, ma scoppianti a volte con impeti più selvaggi. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Mi trattava con rispettosa domestichezza, ai più de’ Francesi non nota, che usciti del complimento, escono d’ogni limite: e le impazienze sue furibonde placava per riguardo di me, e le superbie ammansava. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
E’ ci trattano com’arnesi: e così noi. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli stesso però tentennava; e a Livorno dov’erano i suoi maggior debiti, per addormentare la gente, trattava di matrimonio: prese me per zimbello. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
I suoi titoli a lei negai con reticenza affettata, e la trattai ora con famigliarità, or con durezza; e al suo sorriso feci più volte cipiglio. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quanto devota a’ servigi miei! Quanto riverente della mia povertà! Perché povera tu pure; e non sempre stata così: e bella un tempo, e pur non amata, e dal disamore altrui forse tratta a fallire. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Un giorno a pranzo da lei, due settimane dopo il primo incontro, e’ ritrova Maria; che veniva a lavorare in casa: e ve la trattavano con rispetto, sì perché così vogliono un poco i tempi, sì perché Maria era tal donna da ornare una tavola e un discorso qualsiasi. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Il vario colore e le forme varie dei visi delle donne corse che dalla raffaellesca passano per gradi alla maniera di Michelangiolo, sopra ogni cosa il pallore possente, più ch’amare, ammirava; e gli occhi raccolti, la forte dolcezza, non so che di rientrato e d’intimo che dimostra come donne tali saprebbero al bisogno trattare sul serio la vita. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Si tratta d’una ragazza. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
«Sapete», esclamò Pasotti, «cosa faremo perché le passi la paura? Pin, hai un tavolino e un mazzo di tarocchi?» «Magari un po' unti», rispose Pin, «ma li ho.» Ci volle del buono per far capire alla signora Barbara, detta comunemente Barborin, di che si trattasse adesso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si trattava di una torta e di una bottiglia preziosa di vino del Niscioree, regalata con altre parecchie, tempo addietro, dal marchese Bianchi che aveva per la signora Rigey una singolare venerazione. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il professore lo coltivava con l'aiuto del suo servitorello Giuseppe, detto il Pinella, e d'una bibliotechina di trattati francesi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Teneva nel salotto la bibliotechina d'orticoltura; i libri mistici, i trattati di negromanzia, di gnosticismo, gli scritti sulle allucinazioni e sui sogni li teneva in uno studiolo vicino alla camera da letto, in una specie di cabina di nave dove il lago o il cielo parevano entrare dalla finestra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si tratta d'una lettera, proprio d'una lettera che io ho fatto vedere due anni sono alla signora Teresa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Mi sveglio con una emozione straordinaria, con la convinzione che si tratta di un sogno veridico. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Se si fosse trattato di me, di mio padre, di mia madre, avrei lasciato andare un milione piuttosto di domandarlo con queste carte alla mano. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il Gilardoni notò quell'occhiata e siccome si trattava di un libro proibito dal Governo, appena avviata la conversazione, lo prese quasi per istinto e se lo tenne sulle ginocchia in modo che colui non potesse leggerne il titolo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
In fatto tutti quegli ascetici pescavano alle tinche e nessun mistero dell'avvenire umano aveva per essi maggior importanza dei misteri cui arcanamente alludeva il piccolo sughero, quando, posseduto quasi da uno spirito, dava segni d'inquietudine sempre più viva e in fine di alienazione mentale; poiché, dati dei crolli, dei tratti ora avanti ora indietro, pigliava per ultimo, nella confusione delle sue idee, il partito disperato di entrar giù a capofitto nell'abisso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Malgrado questa occulta mansuetudine, posando la bacchetta e pensando che si trattava di pescare quel povero vecchio ingegnere Ribera, egli provò una singolare compiacenza non nel cuore, non nel cervello né in alcuno dei soliti sensi, ma in un suo particolare senso, puramente I. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Allora Pasotti, tutto ridente e trionfante perché si trattava proprio d'una burla sua, fece tacere Pedraglio che scoppiava dalla curiosità di saper la storia e rimise in corso il tarocco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La lettera diceva ch'erano in corso a Torino, a Parigi e a Londra segretissime pratiche per avere la cooperazione armata del Piemonte in Oriente, che la cosa era in massima decisa fra i tre Gabinetti, che restavano solamente a risolvere alcuna difficoltà di forma perché il conte di Cavour esigeva i maggiori riguardi alla dignità del suo paese; che a Torino si era certi di ricevere al più tardi in dicembre l'invito ufficiale delle Potenze occidentali per accedere puramente e semplicemente al trattato del 10 aprile 1854. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
All'idea che Luisa pure fosse tratta in arresto, che si volesse togliere a Maria malata anche la madre, Franco, fuori di sé dalla collera e dal dolore, mise un grido di protesta: «Questo non è possibile! Lo dica!» L'aggiunto non degnò rispondergli, ordinò che si facesse venir la fantesca. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non si trattava di sopprimere il sentimento religioso; questo, Luisa non l'avrebbe fatto mai, non foss'altro per rispetto a Franco; ma occorreva che Maria, fatta donna, sapesse trovare il perno della propria vita in un senso morale sicuro e forte per sé, non appoggiato a credenze che finalmente erano ipotesi e opinioni, e potevano un giorno o l'altro mancarle. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Si tratta della nonna», diss'egli. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Cosa sappiamo noi delle vie che prende la giustizia divina? Vi è anche la misericordia divina! Si tratta della madre di mio padre, sai! E non li ho disprezzati sempre questi maledetti denari? Cosa ho fatto quando la nonna mi ha minacciato di non lasciarmi un soldo se sposavo te?» La tenerezza e la collera, miste insieme, gli fecero groppo alla gola. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Si tratta di cose urgentissime», diss'egli, «e io debbo pregare… » La marchesa lo interruppe. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Se si tratta di affari, bisogna ch'Ella si rivolga al mio agente di Brescia.» «Scusi, signora marchesa; si tratta d'un affare specialissimo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Le dico subito che si tratta di Suo nipote.» La marchesa si alzò e il cane accovacciato sul seggiolone si levò pure, abbaiando verso il Gilardoni. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Marchesa!», esclamò alle sue spalle il professor Beniamino, mentre Friend, saltato dal seggiolone, gli abbaiava disperatamente alle gambe: «Si tratta del testamento di Suo marito!» Stavolta la marchesa non poté a meno di fermarsi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Si tratta del tuo viaggio di domani », diss'egli. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Si tratta del tuo viaggio di domani!» Appena partiti i Pasotti per Albogasio Superiore, Franco riferì questo colloquio a sua moglie. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Dunque», diss'egli, «caro Franco, come ti dicevo, si tratta del tuo viaggio di domani. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ho inteso dire oggi a casa tua che parti per affari: si tratta di vedere se io non ti porto un affare anche più grosso di quello che hai a Milano.» Franco, sorpreso da questo inaspettato esordio, tacque. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Si tratta, mio caro Franco, del tuo presente e del tuo avvenire.» Ciò detto, Pasotti posò risolutamente il foulard da banda. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Ecco», soggiunse, «se si trattasse solamente di questo dispiacere circa la nonna, non credi che avrei sacrificato mille volte l'opinione mia piuttosto che affliggerti? Bisognava bene che ci fosse sotto qualche altra cosa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il disegno scolastico della trattazione, quella uniformità nella forma dell'argomentare pro e contro, quel gelido latino denso di profondo pensiero e incolore alla superficie, gli schiacciarono in tre giorni tutta la buona volontà. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Perché doveva trattarsi di un male subitaneo, altrimenti Luisa avrebbe scritto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Questa Intelligenza aveva freddamente disegnato la visita della Pasotti e il suo dono, aveva allontanato da Maria le persone che potevano custodirla in assenza della madre, l'aveva tratta senza difesa nelle sue insidie feroci, e uccisa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
S'egli fosse stato un poeta presuntuoso avrebbe supposto che la Valsolda gli desse il buon viaggio con uno spettacolo d'addio, volesse mostrarglisi bella come forse non l'aveva veduta mai; ma queste fantasie poetiche a lui non venivano e poi si trattava di un viaggio così breve! No, gli passò invece nella mente l'immagine di Maria, l'idea di vedersela capitar correndo fra le gambe, di prenderla sulle ginocchia, di recitarle la canzonetta antica: Ombretta sdegnosa Del Missipipì. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
In prova di che, tratta di tasca la scatoletta di legno turchina e gialla, aveva acceso la pipa con uno streichholtz, perché Berecche sdegna come molle l’uso e l’industria dei cerini italiani.
---------------
Gino Viesi è giovine e addolorato; così, col bel volto in fiamme e il bel ciuffo biondo scomposto, non può intendere che nulla irrita tanto quanto il porre innanzi, in certi momenti, e il far gridare un sentimento che è il nostro stesso in segreto, ma che noi vogliamo tener nascosto dentro, soffocato ancora da certe ragioni che ci si sono già scoperte false; queste ragioni allora s infiammano del sentimento che, pur essendo nostro, ci vediamo opposto come nemico, e ci vediamo tratti a difendere ciò che in fondo stimiamo falso e ingiusto.
---------------
2 Tutto il primo giorno – sei giorni addietro – passato in un’ansia crescente d’ora in ora, tra un’oscura costernazione e un’irritazione sorda man mano anche esse crescenti, per il ritardo del figliuolo a rincasare; ritardo sempre piú inescusabile e inesplicabile, perché non c’erano piú dimostrazioni per Roma che potessero far pensare a un arresto, come l’altra volta; – poi, la sera, le corse affannose di qua e di là in cerca di lui, dove si fosse potuto attardare tanto, nei caffè, in casa di qualche amico, nella camera mobiliata di Gino Viesi – e la sorpresa, qui, nel sapere che anche lui, Gino Viesi, uscito dalla mattina alle sette, non s’era piú fatto vedere; poi, la notte, quella prima notte senza il figliuolo in casa, con la casa che sembrava vuota e paurosa, come vuoto e pauroso l’animo di lui; e le ore che passavano a una a una lente, eterne, su la sua ansia pure angosciata dallo sgomento di vederle passare, così, a una a una, nella vana attesa alla finestra, con l’ossessione delle vie per cui il figliuolo poteva essersi incamminato, per cui torse camminava ancora nella notte, per allontanarsi sempre piú, sempre piú dalla sua casa, sciagurato! ingrato! ma dove? dove diretto? – e poi l’alba e il silenzio di tutta la casa, orribile, con le donne cedute al sonno tra il pianto, là su le seggiole, col capo su la tavola, sotto il lume ancora acceso – ah, quel lume giallo nell’alba, e quei corpi là, che da sé a poco a poco s’erano composti in atteggiamenti pietosi, rassettati per non soffrir tanto, per trovare un po’ di requie essi almeno, se l’anima nel sonno angoscioso non poteva trovarne! – e poi, al mattino e durante tutto il giorno seguente, le altre corse, tre, quattro, alla Questura, prima per denunziare la scomparsa del figliuolo e di quell’altro là, perché fosse spiccato subito e diramato da per tutto un ordine d’arresto; poi per sapere se qualche notizia fosse giunta; e mai nessuna! – quei no, quel no del delegato rosso lentigginoso, che pure la mattina pareva avesse preso con impegno la cosa nel sentire che forse si trattava di due giovanotti che tentavano di passare in Francia per arruolarsi nella legione garibaldina; e ora piú niente, tutto intento ad altro ora, come se non si ricordasse piú neanche dell’ordine dato; – e le invettive, le aggressioni d’ora in ora piú violente della moglie e della figlia Carlotta, perché erano sicure che Faustino e quell’altro erano scappati via per lui, ma sì, per lui, per lui che aveva fin dall’infanzia oppresso quel figliuolo col metodo tedesco, con la disciplina tedesca, con la coltura tedesca, fino a fargli concepire un odio indomabile, inestinguibile per la Germania, che Dio la danni in eterno! e – ultimamente, in faccia all’altro che piangeva due fratelli uccisi, non aveva forse avuto il coraggio di gridare che l’Austria aveva tutto il diritto di mandarglieli al macello quei due fratelli? – lui! lui! – per questo erano scappati, per dargli una giusta risposta, per fare una giusta vendetta dei sentimenti da lui offesi nell’uno e oppressi nell’altro fin dall’infanzia: ebbene, non basta tutto questo? Ce n’è anche d’avanzo per spiegare come Berecche si sia in sei giorni invecchiato di venti anni.
---------------
Ella si prendeva le labbra tra i denti alternamente, inumidendole d'una stilla tratta con uno sforzo penoso dal fondo della gola. E i suoi occhi parevano aver perduta la pupilla, erano senza centro, pieni d'un tremolìo chiaro di forze che scaturivano dal buio come il gorgóglio delle dure polle nel letto delle fontane; e il segno nero nell'orlo della pàlpebra inferiore, segnato dall'arte mattutina, persisteva netto rilevando l'inumana chiarità delle iridi, allargando la larga orbita, appassionando la bellezza per la volontà di farsi più acuta. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Una piccola porta di marmo era dinanzi a lei, una porta gemmea, trattata anch'essa con ceselli da orafo come quella d'un ciborio, a cui i dischi di nero antico alternati coi tondi candidi in basso rilievo davan qualcosa di funebre quasi che s'aprisse sopra il sepolcro d'una delle «pute» mantovane, forse di Livia, forse di Delia, morta di baci (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Immense lande liquide dei Barari, folte di canne e di tamerici sul pattume salmastro, interrotte da cumuli di mattoni e di cocci che sono le ruine obliate delle città regie senza nome divenute nido innumerevole alle dinastie delle mèropi; ove su le grandi assemblee degli acquatici volteggia il grifone indagando le ripe se qualche carogna di bufalo vi approdi portato dai canali, mentre a quando a quando capovaccai e corvi trapassano in voli veementi con ombre di morte come tratti dalla fame sagace verso un campo ignoto di carneficina ai limiti del deserto! Passione del deserto, palpitazione visibile della vampa su l'aridità commossa, odore elettrico dello spazio in attesa, quando la grande aquila sola sui rossi torrioni del Khamsin valica in un attimo il campo del più pronto sguardo umano e col fato della turbinosa metropoli di sabbia e d'angoscia si dilegua per sempre!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Vana gli stava al fianco alzata, per cantare, nella sua attitudine immutabile come quella d'una statua, con le dita intessute dietro il dorso, con il peso del corpo su la gamba destra, con la sinistra un poco innanzi, piegato lievemente il ginocchio, protratta oltre l'orlo della gonna la punta del piede mosso a quando a quando dall'urto ritmico. Ella gettava le grandi note rovesciando indietro il capo; e per un attimo i suoi lineamenti sembravano sparire come sotto una vampa che li cancellasse. Ella si consumava nel canto come se accendesse di sé un rogo per ogni canzone. Talvolta, quando terminava rimanendo fissa, pareva che nel silenzio musicale si formasse su la sua persona quella falda di cenere onde si coprono i tizzi tratti dal focolare. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Isabella si raddrizzò, scosse indietro la sua capellatura, inarcò le sue reni, magnifica e formidabile, si scrollò come per riporre nel serrame delle sue ossa e nel viluppo della sua carne la sua anima tratta fuori. Andò verso la finestra, si sporse dal davanzale, respirò dal pieno petto. L'odore dei gelsomini, l'odore delle tuberose, l'umidore del grande vivaio salivano dal chiuso. Laggiù, di là dall'Era, sui Monti Pisani lampeggiava senza tuono. Nuvole come gramaglie lacere qua e là velavano la Via Lattea. Una lacrima di fuoco bianco sgorgò e colò su la faccia della notte; e poi un'altra, e un'altra ancóra. Ella risentì al suo collo alle sue spalle aggrapparsi l'amante con lo sforzo supremo di chi sia per piombare nell'abisso, e riudì il suo grido di dannato, la sua implorazione orrida e divina dietro il getto violento della vita. Si volse e disse:
---------------
— Perché mi avete tratta fuori da quel buio? Ora tutta la terra è vuota sotto di me, e non ho se non la volontà di sprofondarmi. In quell'attimo di demenza, quando cercavo la vostra mano, la cercavo come si cerca qualcosa che ci farà morire. Ero certa che non poteva esserci più nulla, dopo. Ero certa. Pensavo: «Ecco, tutto il male che porto sta per cessare. Ora tutto finisce. Non ci sarà più nulla. La luce non tornerà più. Non vedrò più nessun viso terribile». Vi giuro che questo avevo nell'anima, in quell'attimo, che questa era la mia demenza. E non so dire, non so dire; ma ieri mi sembrò che la luce mi profanasse, che qualcuno mi avesse disseppellita e rigettata nella vita come in una di queste pozzanghere, con la faccia nel fango. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il primo impeto fu di correre in fondo alla via. Ma, dopo qualche passo, Paolo riconobbe l'inutilità dell'inseguimento senza tracce. Rientrò. Si precipitò al telefono. Non poté ottenere la comunicazione perché di laggiù nessuno rispondeva. Egli cercava di tenere in pugno la sua volontà e di non perdere la lucidezza; ma le più strane imaginazioni assalivano il suo cervello. Che mai poteva essere accaduto? Com'era ella capitata in mano delle due guardie? L'avevano trovata forse vaneggiante per la strada e avevano tentato di ricondurla? Ella stessa aveva dato l'indirizzo segreto? E perché le guardie con quell'insistenza e con quella brutalità pretendevano di entrare nella casa di Mrs. Culmer? O forse si trattava di una estorsione tentata da due sconosciuti che, per compierla, simulavano di essere due agenti di polizia? E dove dunque portavano la misera? Che facevano di lei?
---------------
Mancava un quarto d'ora alle undici. Cresceva la notte. Che fare? Che pensare? Come attendere? Si trattava forse d'un sequestro di persona? compiuto da chi? per mandato di chi? a qual fine? E le parole della povera trasognante, balbettate di sotto il labbro gonfio, di sotto la genciva sanguinolenta, gli sonavano sempre sul sospetto: «Lo Sciacallo. Mio padre e lo Sciacallo.»
---------------
— Mi sembra che la cosa si vada illuminando. È probabile che si tratti veramente d'una guardia. La guardia deve aver trovata la signora in Piazza d'Azeglio, che appunto verso sera è mal frequentata nell'ombra del giardino. Colpito dal contegno strano, ha commesso l'errore.... Faremo le ricerche. Sapremo tutta la verità. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Dopo ricerche minute e discrete, ho potuto stabilire che nessuno dei due sconosciuti era agente di polizia. Si tratta di due sozii, d'una vera coppia criminale. L'uomo magro, il violento, è un certo Stefano Feri, una canaglia della più bassa specie, sfruttatore di bagasce, ricattatore e ladro. Il grasso, soprannominato Il Canonico, è un certo Beppe della Luzza, abbiettissimo tra gli abbietti, che Dante avrebbe messo alla pioggia di fuoco in compagnia di quell'altro canonico de' Mozzi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Sotto la sua tettoia ardeatina, anch'egli aveva acceso i suoi fuochi. Tutto il giorno aveva lavorato intorno al suo grande airone, in silenzio, con i suoi meccanici, portando anch'egli la tunica azzurra, non temendo per le mani che gli s'eran fatte troppo bianche, tenendo ben celato il suo disegno e il suo proposito. «Ponente una quarta a libeccio!» Non si trattava già d'approdare all'altra riva ma di naufragare al largo, alla massima distanza dalla spiaggia d'Enea.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
* La Carmi aveva riconosciuto, e tutti con lei, certo, avrebbero riconosciuto ch'egli non meritava d'esser trattato a quel modo; e questa pietà degli altri, se da un canto gli faceva sentire più profonda e più amara la sua miseria, gliela rendeva dall'altro più cara, perché era quasi l'ombra superstite di ciò che egli era stato. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
- Tutti, sa? tutti gli amici che m'aiutarono, furono trattati così da lei... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* - Non suppose veramente che si trattasse d'un caso così grave... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Appena la vide, il ventre, il petto gli si misero a sussultare e le gambe e il mento a tremar d'un lieve e fitto tremito crescente, finché il pianto, scomponendogli a mano a mano i tratti del viso, non gli gorgogliò in gola convulso; ma come il Prever e don Buti cercarono di trarlo via, si strappò da loro ferocemente:
---------------
* Ma è mio dovere avvertirlo che non si tratta propriamente di questo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Nessuno prima di lui s’era curato di sapere, almeno all’ingrosso, dando di sfuggita un’occhiata ai dorsi, che razza di libri quel Monsignore avesse donato al Comune: si riteneva che tutti o quasi dovessero trattare di materie religiose. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Si sono strette per la vicinanza fra questi libri amicizie oltre ogni dire speciose: don Eligio Pellegrinotto mi ha detto, ad esempio, che ha stentato non poco a staccare da un trattato molto licenzioso Dell’arte di amar le donne libri tre di Anton Muzio Porro, dell’anno 1571, una Vita e morte di Faustino Materucci, Benedettino di Polirone, che taluni chiamano beato, biografia edita a Mantova nel 1625. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Notare che nel libro secondo di quel trattato licenzioso si discorre a lungo della vita e delle avventure monacali. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E non uscì più di casa, tranne le domeniche, di mattina per tempo, per andare a messa nella prossima chiesa, accompagnata dalle due vecchie serve, ch’ella trattava come parenti. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* In un Trattato degli Arbori di Giovan Vittorio Soderini si legge che i frutti maturano «parte per caldezza e parte per freddezza; perciocché il calore, come in tutti è manifesto, ottiene la forza del concuocere, ed è la semplice cagione della maturezza». ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Non sapevo affatto di che si trattasse, in che consistesse il giuoco e come fosse congegnato. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Nulla s’inventa, è vero, che non abbia una qualche radice, più o men profonda, nella realtà; e anche le cose più strane possono esser vere, anzi nessuna fantasia arriva a concepire certe follie, certe inverosimili avventure che si scatenano e scoppiano dal seno tumultuoso della vita; ma pure, come e quanto appare diversa dalle invenzioni che noi possiamo trarne la realtà viva e spirante! Di quante cose sostanziali, minutissime, inimmaginabili ha bisogno la nostra invenzione per ridiventare quella stessa realtà da cui fu tratta, di quante fila che la riallaccino nel complicatissimo intrico della vita, fila che noi abbiamo recise per farla diventare una cosa a sé!
---------------
* Via, via, non ci pensiamo! Me ne dispiace per quel pover’uomo, il quale forse avrà avuto parenti più umani de’ miei che lo avrebbero trattato meglio. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Man mano che la familiarità cresceva per la considerazione e la benevolenza che mi dimostrava il padron di casa, cresceva anche per me la difficoltà del trattare, il segreto impaccio che già avevo provato e che spesso ora diventava acuto come un rimorso, nel vedermi lì, intruso in quella famiglia, con un nome falso, coi lineamenti alterati, con una esistenza fittizia e quasi inconsistente. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Certo quella disgraziata non meritava molto rispetto per il disordine della sua vita, ma neanche d’esser trattata a quel modo da un uomo che non aveva con lei né parentela né affinità. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Sono orfana, e debbo star qua, trattata come... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– E come va, Max, – domandò il Paleari, in tono d’amorevole rimprovero, – che tu, tanto buono tanto gentile, hai trattato così malamente la signorina Silvia? Ce lo vuoi dire?
---------------
C’era dentro lo stipetto un gran disordine: i miei biglietti di banca erano stati tratti dalla busta di cuoio, in cui li tenevo custoditi, ed erano lì sul palchetto sparpagliati. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Si tratta, ripeto, di dodici mila lire, signorina. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Uno studente di medicina , biondo e bello , che preferiva Shelley e De Musset ai trattati di psichiatria e la galleria degli Ufizi alla sala anatomica ; un quasi dottore in lettere , nano e loquace , frugatore di librerie , poeta in incognito , a volte bombone e sfargione ma infine buon figliuolo ; un ragazzaccio , minore di tutti noi , irregolare in ogni cosa , scolaro di nessuna scuola , studioso di nessun argomento , nemico giurato d'ogni disciplina ; sfiduciato di sé e orgogliosissimo ; cinico e malinconico . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Possiamo parlare di quei tempi pacatamente , serenamente , come se non si trattasse proprio di noialtri che abbiamo ancora gli stessi nomi e cognomi e tante memorie in comune . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Conquistato il senso dell'unità mi si parò dinanzi la domanda eternamente ritornante : Di cosa è fatta quest'unità ? Che nome ha la sostanza invisibile e onnipresente che tutto fa e tutto diventa ? Materia ? Etere ? Energia ? Spirito ? Rifeci dentro di me , a grandi tratti , il dramma della filosofia . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ora , a distanza di anni , vedo tutta T ingenuità del mio modo di porre i problemi e la grossolanità delle soluzioni , ma in quei giorni si trattava di cose gravi , di avvenimenti interni assai più importanti di un primo affetto e di un guadagno inaspettato . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Si tratta di un ricordo assai lontano : del primo ricordo d' amore eh' io conti nella mia vita . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* -- 143 — Pareva che sì trattasse di fare il chiasso , i balocchi — un giuoco nuovo , inventato da me : il giuoco del matrimonio , il giuoco della vita . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Credete voi che abbia guardato poco me stesso ? V'immaginate eh' io non sia stato a spiare tutti i moti e i lampeggiamenti e i ritiri e i nascondigli e i tremiti e i palpiti più nascosti dell'anima mia ? Eppure , — meravigliatevi quanto volete e trattatemi pur di bugiardo ! — non ho trovato niente , capite , non ho trovato niente che mi faccia schifo e disonore . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Qui non si tratta di sotterfugi o di compHmenti . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non ho una mia specialità ; non ho un campo , sia pur piccino , sia pure un orto domestico e minuscolo , in cui mi senta veramente nel mio , e in cui possa trattare dall'alto in basso chi mi viene tra i piedi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* La terra è piena di voci ma si tratta di « buone novelle » colle quali ho desinato e cenato e che non mi dicon più nulla . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Li ho trattati male quando ho creduto che fossero degni di ascoltare la verità da un uomo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il buon secentista ha voluto sul principio mettere in mostra la sua virtù ; ma poi , nel corso della narrazione , e talvolta per lunghi tratti , lo stile cammina ben più naturale e più piano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Sì ; ma com'è dozzinale ! com'è sguaiato ! com'è scorretto ! Idiotismi lombardi a iosa , frasi della lingua adoperate a sproposito , grammatica arbitraria , periodi sgangherati .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E poi , qualche eleganza spagnola seminata qua e là ; e poi , ch'è peggio , ne' luoghi più terribili o più pietosi della storia , a ogni occasione d'eccitar maraviglia , o di far pensare , a tutti que' passi insomma che richiedono bensì un po' di rettorica , ma rettorica discreta , fine , di buon gusto , costui non manca mai di metterci di quella sua così fatta del proemio .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E allora , accozzando , con un'abilità mirabile , le qualità più opposte , trova la maniera di riuscir rozzo insieme e affettato , nella stessa pagina , nello stesso periodo , nello stesso vocabolo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ecco qui : declamazioni ampollose , composte a forza di solecismi pedestri , e da per tutto quella goffaggine ambiziosa , ch'è il proprio carattere degli scritti di quel secolo , in questo paese .(Manzoni-I Promessi Sposi)* In vero , non è cosa da presentare a lettori d'oggigiorno : son troppo ammaliziati , troppo disgustati di questo genere di stravaganze .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Meno male , che il buon pensiero m'è venuto sul principio di questo sciagurato lavoro : e me ne lavo le mani» .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Nell'atto però di chiudere lo scartafaccio , per riporlo , mi sapeva male che una storia così bella dovesse rimanersi tuttavia sconosciuta ; perché , in quanto storia , può essere che al lettore ne paia altrimenti , ma a me era parsa bella , come dico ; molto bella .(Manzoni-I Promessi Sposi)* «Perché non si potrebbe , pensai , prender la serie de' fatti da questo manoscritto , e rifarne la dicitura ?» Non essendosi presentato alcuna obiezion ragionevole , il partito fu subito abbracciato .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ed ecco l'origine del presente libro , esposta con un'ingenuità pari all'importanza del libro medesimo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Taluni però di que' fatti , certi costumi descritti dal nostro autore , c'eran sembrati così nuovi , così strani , per non dir peggio , che , prima di prestargli fede , abbiam voluto interrogare altri testimoni ; e ci siam messi a frugar nelle memorie di quel tempo , per chiarirci se veramente il mondo camminasse allora a quel modo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Una tale indagine dissipò tutti i nostri dubbi : a ogni passo ci abbattevamo in cose consimili , e in cose più forti : e , quello che ci parve più decisivo , abbiam perfino ritrovati alcuni personaggi , de' quali non avendo mai avuto notizia fuor che dal nostro manoscritto , eravamo in dubbio se fossero realmente esistiti .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E , all'occorrenza , citeremo alcuna di quelle testimonianze , per procacciar fede alle cose , alle quali , per la loro stranezza , il lettore sarebbe più tentato di negarla .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma , rifiutando come intollerabile la dicitura del nostro autore , che dicitura vi abbiam noi sostituita ? Qui sta il punto .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Chiunque , senza esser pregato , s'intromette a rifar l'opera altrui , s'espone a rendere uno stretto conto della sua , e ne contrae in certo modo l'obbligazione : è questa una regola di fatto e di diritto , alla quale non pretendiam punto di sottrarci .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Anzi , per conformarci ad essa di buon grado , avevam proposto di dar qui minutamente ragione del modo di scrivere da noi tenuto ; e , a questo fine , siamo andati , per tutto il tempo del lavoro , cercando d'indovinare le critiche possibili e contingenti , con intenzione di ribatterle tutte anticipatamente .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Né in questo sarebbe stata la difficoltà ; giacché (dobbiam dirlo a onor del vero) non ci si presentò alla mente una critica , che non le venisse insieme una risposta trionfante , di quelle risposte che , non dico risolvon le questioni , ma le mutano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Spesso anche , mettendo due critiche alle mani tra loro , le facevam battere l'una dall'altra ; o , esaminandole ben a fondo , riscontrandole attentamente , riuscivamo a scoprire e a mostrare che , così opposte in apparenza , eran però d'uno stesso genere , nascevan tutt'e due dal non badare ai fatti e ai principi su cui il giudizio doveva esser fondato ; e , messele , con loro gran sorpresa , insieme , le mandavamo insieme a spasso .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Non ci sarebbe mai stato autore che provasse così ad evidenza d'aver fatto bene .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma che ? quando siamo stati al punto di raccapezzar tutte le dette obiezioni e risposte , per disporle con qualche ordine , misericordia ! venivano a fare un libro .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Veduta la qual cosa , abbiam messo da parte il pensiero , per due ragioni che il lettore troverà certamente buone : la prima , che un libro impiegato a giustificarne un altro , anzi lo stile d'un altro , potrebbe parer cosa ridicola : la seconda , che di libri basta uno per volta , quando non è d'avanzo .(Manzoni-I Promessi Sposi)*
---------------
* Ma un po’ d’ordine pur dovrebb’esserci e per poter cominciare ab ovo , appena abbandonato il dottore che di questi giorni e per lungo tempo lascia Trieste , solo per facilitargli il compito , comperai e lessi un trattato di psico–analisi .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Soltanto mi ricordo , come se si trattasse di cosa avvenuta ieri , che un paio di volte ch’io lo guardai negli occhi , egli stornò il suo sguardo dal mio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Non si tratta di una discussione – rispose egli trasognato – ma di tutt’altra cosa .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Si tratta anzi di trovare una parola , una sola e la troverò! Ma non questa notte perché farò tutto un sonno , senza il più piccolo pensiero .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* La sua incoscienza diminuiva quando si trattava di difendersi da un nostro intervento .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Si trattava di provare al malato la camicia di forza .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Avrei dovuto anche subito intendere quel decreto e vederne le conseguenze ciò che non era tanto facile perché con esso si riduceva il tasso di un dazio per cui la merce di cui si trattava veniva deprezzata .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Fu forse un caso che prima di presentarmi in casa Malfenti io mi fossi liberato da un legame abbastanza antico con una donna che forse avrebbe meritato un trattamento migliore .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Naturalmente non le abbellisco alterandone i tratti , ma faccio come un mio amico , pittore delicatissimo , che quando ritratta delle donne belle , pensa intensamente anche a qualche altra bella cosa per esempio a della porcellana finissima .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Fino ad allora avevo trattato altrimenti con le donne con cui avevo avuto a fare .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Credo in verità che se non ci fosse stato il rude intervento di zia Rosina , quella politicona della signora Malfenti avrebbe raggiunto perfettamente il suo scopo ed io mi sarei allontanato da quella casa tutto contento di essere stato trattato bene .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ero suo marito e avevo acquistato il diritto di domandarle: «Come hai potuto permettere ch’io fossi trattato così?» Di altro diritto non mi premeva .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Credo si trattasse di stabilire la forma in cui dovevano svolgersi i rapporti fra l’ufficio e il magazzino .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Ne ero certo! Non sapevo io forse , ch’essa avrebbe sposato un uomo dopo di averlo vagliato e pesato come se si fosse trattato di concedergli un’onorificenza accademica? Mi pareva ridicolo perché veramente il violino fra esseri umani non avrebbe potuto contare nella scelta di un marito , ma ciò non mi salvava .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Guido domandò poi se si trattava di buone o di cattive notizie .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Fra altro mi domandò se non si fosse trattato dello stesso dolore prodotto da quella caduta al caffè .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* E mi preparavo a trattarla molto rudemente se si fosse rimessa da tanto da darmi della bestia perché m’ero lasciato prendere a quel modo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Di fronte ad essa io dovevo comportarmi almeno con la modestia che usavo quando si trattava di spiritismo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Si trattava di un maestro poco noto ancora in città , ma sarebbe certo divenuto una futura grande celebrità .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Mi domandò che cosa facessi e sentito che si trattava di un nuovo metodo , pensò fosse per violino e non si curò di guardare meglio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Essa non capì che si trattava di Carla , ma a me parve di averlo detto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Più tardi appresi che una donna , quand’anche si lasci trattare con meno gentilezza sempre salvo in certi istanti , non ammette di venir rinnegata in pubblico .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Tu me l’avevi descritta nei suoi tratti più importanti .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Il mare era bellissimo ma deserto .
Una brezza soffice e domestica appena l'increspava a tratti , rendendo simile la superficie blu a una seta cangiante .

---------------
abaco o abbaco
= libretto che tratta i primi elementi di aritmetica
---------------
affabile
= che tratta con familiarità e cortesia
---------------
agenzia
= impresa che assume e tratta affari come intermediaria
---------------
agevolazione
= l'agevolare , l'essere agevolato aiuto , trattamento di favore
---------------
alchimizzare
= verbo trans. trattare i metalli con pratiche alchimistiche
---------------
alginato
= sale dell'acido alginico , usato soprattutto nell'industria alimentare
= fibra tessile trattata con sali dell'acido alginico .
---------------
alluminare
= o alluminiare , verbo trans. rivestire con uno strato d'alluminio specchio alluminato , - verbo trans. illuminare istruire , spiegare - verbo trans. miniare - verbo trans. trattare una stoffa con allume .
---------------
almagesto
= trattato di astronomia .
---------------
analitica
= trattazione sistematica in cui si fa uso del procedimento dell'analisi .
---------------
anatossina
= tossina batterica trattata in modo che perda la tossicità ma non il potere immunizzante
---------------
antiallergico
= trattamento o medicamento che combatte le manifestazioni allergiche
---------------
anticato
= trattato ad arte in modo da apparire antico
---------------
anticellulite
= preparato o trattamento volto a ridurre o eliminare la cellulite .
---------------
anticorrosivo
= sostanza o trattamento che impedisce la corrosione .
---------------
anticrittogamico
= composto chimico o trattamento usato per combattere le crittogame parassite delle piante .
---------------
antieroe
= personaggio letterario o cinematografico contrapposto all'eroe della vicenda personaggio in cui si incarnano polemicamente i tratti opposti a quelli dell'eroe tradizionale .
---------------
antinfettivo
= o antiinfettivo , farmaco o trattamento che previene o cura i processi di infezione .
---------------
antinfiammatorio
= o antiinfiammatorio , farmaco o trattamento che combatte le infiammazioni
---------------
antipolio
= medicamento o trattamento che immunizza contro la poliomielite
---------------
antipsichiatria
= corrente della psichiatria europea e nordamericana degli anni sessanta e settanta che rifiuta i principi e i metodi di trattamento tradizionali e si pone come negazione della stessa scienza psichiatrica , attribuendo le cause della malattia mentale a fattori sociali e istituzionali .
---------------
antiruggine
= sostanza o di trattamento che impedisce la formazione della ruggine su materiali ferrosi
---------------
antisettico
= sostanza o trattamento che uccide i germi patogeni e previene le infezioni .
---------------
antitumorale
= farmaco o trattamento che contrasta lo sviluppo dei tumori
---------------
antropologia
= disciplina che studia l'uomo nei suoi aspetti fisico-organici e razziali o , in correlazione con le scienze umane , le caratteristiche culturali dei vari gruppi antropologia criminale , scienza medica che studia i tratti somatici e le anomalie fisiche e psichiche che caratterizzano i criminali antropologia filosofica , studio e descrizione dei tratti essenziali che definiscono la vita e il comportamento umano .
---------------
apodittica
= parte della logica aristotelica che tratta della dimostrazione fondata sull'apodissi .
---------------
armistizio
= accordo per la sospensione delle ostilità tra due o più belligeranti , in vista di trattative di pace .
---------------
arsenicato
= sostanza trattata con composti dell'arsenico , o contenente arsenico usato anche come
=
---------------
aspreggiare
= verbo trans. trattare con durezza , con asprezza
---------------
basilica
= nell'antichità romana , edificio a pianta rettangolare , diviso per mezzo di colonnati in tre o cinque navate , dove si amministrava la giustizia e si trattavano gli affarinell'antichità cristiana , tempio con struttura architettonica derivante da quella dell'antica basilica romana e terminante in un'abside
---------------
bestiario
= titolo generico di opere didascaliche medievali che trattavano in modi mitici e leggendari delle qualità degli animali , soprattutto con intento moraleggiantedecorazione scultorea a base di animali reali o fantastici.
---------------
bioterapia
= trattamento curativo che si basa sull'impiego di colture viventi o di prodotti organici .
---------------
bisognare
= verbo intr. la persona indicata sulla cambiale-tratta e tenuta al pagamento in vece del trattario in caso di suo rifiuto.
---------------
bitumizzazione
= trattamento di materiali deperibili con bitume , al fine di preservarli e proteggerli.
---------------
bocciardare
= verbo trans. trattare , lavorare con la bocciarda o mediante una bocciardatrice.
---------------
boicottare
= verbo trans. danneggiare un imprenditore , un'azienda o anche una nazione , bloccando i rapporti economici o impedendogli di vendere le merci prodottemettere in difficoltà qualcuno rifiutandosi di trattare con lui o isolandolo ostacolare la riuscita di qualcosa
---------------
bonderizzazione
= trattamento antiruggine cui si sottopongono i metalli ferrosi mediante bagno in una soluzione fosfatica.
---------------
bronco
= ciascuno dei due tratti dell'apparato respiratorio che hanno origine dalla biforcazione della trachea e che penetrano nei polmoni , dove si ramificano in canali sempre più piccoli.
---------------
brunito
= part. pass. di brunire - metallo trattato con la brunitura di cosa che presenta una superficie scura , levigata o lucente
---------------
brunitura
= trattamento chimico di una superficie metallica per evitarne l'ossidazione
---------------
brutalizzare
= verbo trans. trattare in modo brutale , tormentare crudelmente violentare.
---------------
carbonatazione
= trattamento di ossidi o idrossidi con anidride carbonica, che porta alla formazione di carbonati.
---------------
carbonicazione
= in enologia, trattamento dei vini con anidride carbonica, per renderli frizzanti e migliorarne la limpidezza e il colore.
---------------
caricatura
= rappresentazione in cui i tratti caratteristici del soggetto sono esagerati o distorti per produrre un effetto comico o grottesco
---------------
cementazione
= il cementare, il cementarsi trattamento termochimico avente lo scopo di conferire particolare durezza a superfici metalliche, spec. d'acciaio
---------------
cianografia
= stampa fotografica per contatto, eseguita su carta trattata con ferrocianuro di potassio.
---------------
cianurazione
= processo di estrazione di oro e argento dai minerali mediante trattamento con cianuri.
---------------
clorurato
= trattato con cloro
---------------
cobelligerante
= - stato che combatte con un altro o con altri stati contro un comune nemico, senza essere vincolato a essi da un trattato di alleanza.
---------------
colturamento
= l'insieme dei trattamenti periodici a cui viene sottoposto un terreno per adattarlo a una data coltivazione.
---------------
commentario
= lo stesso che commento trattazione ampia e ricca di erudizione che illustra un testomemoria storica di un avvenimento scritta da persona che vi ebbe parte
---------------
connotato
= part. pass. di connotare ciascuno dei tratti somatici e dei segni caratteristici che identificano una persona
---------------
controfferta
= in una trattativa, offerta che viene fatta in risposta a una richiesta
---------------
convenzione
= trattato, patto, accordo su particolari questioni o per la prestazione di determinati servizi
---------------
cotonare
= verbo trans. trattare un tessuto in modo che rassomigli al cotoneincrespare con colpi di spazzola o di pettine i capelli per dare maggior volume e consistenza alla pettinatura.
---------------
cotonizzare
= verbo trans. trattare una materia tessile in modo da renderla simile al cotone per aspetto e qualità
---------------
cromoforo
= - gruppo chimico che contiene legami multipli fra alcune coppie di atomi ed è in grado di dar luogo a sostanze colorate se trattato con particolari gruppi.
---------------
decerato
= riferito a caffè - trattato con solventi che eliminano la maggior parte del contenuto di cera .
---------------
decolorazione
= trattamento che serve a rimuovere o ad attenuare il colore in un materiale
---------------
delirante
= part . pres . di delirare
= che presenta i tratti del delirio
---------------
dematerializzazione
= tendenza - indotta dalle tecnologie elettroniche e informatiche - ad attribuire crescente importanza al trattamento automatico dell'informazione nei processi produttivi .
---------------
diazotipia
= procedimento di stampa di immagini fotografiche a colori su carta o tessuto appositamente trattato .
---------------
digitalizzatore
= dispositivo di input costituito di una tavola e di una penna ottica - il quale consente di tracciare disegni che - opportunamente elaborati - possono essere memorizzati e trattati da un computer
---------------
diktat
= trattato di pace imposto dai vincitori - senza possibilità di negoziazione
---------------
discettazione
= trattazione ampia su un argomento
---------------
discolibro
= libro cui sono aggiunti uno o più dischi a integrazione dell'argomento trattato .
---------------
domiciliazione
= l'operazione del domiciliare una cambiale - una tratta .
---------------
dopoelezioni
= nell'uso giornalistico - il periodo immediatamente successivo a un'elezione politica - durante il quale i partiti aprono le trattative per gli accordi di governo .
---------------
elaidinizzazione
= trasformazione dell'acido oleico in acido elaidinico - che si produce come reazione secondaria durante alcuni trattamenti chimici .
---------------
esauriente
= participio pres . di esaurire
= che tratta in modo compiuto un argomento
---------------
esaustivo
= che tratta o tende a trattare un argomento in tutti i suoi aspetti
---------------
fasto
= presso gli antichi romani , si diceva di ognuno dei giorni nei quali era lecito trattare e concludere affari - o discutere cause senza che intervenissero divieti - o altri vincoli religiosi
---------------
feziale
= o feciale , presso gli antichi romani , ciascuno dei venti sacerdoti depositari dei riti e delle procedure da espletare nella stipulazione di alleanze e trattati di pace - o nelle dichiarazioni di guerra .
---------------
filettato
= participio pass . di filettare
= nei sign . del verbo - - un carattere in cui le lettere sono percorse da tratti bianchi .
---------------
finissaggio
= l'insieme dei trattamenti di completamento e rifinitura ai quali viene sottoposto un prodotto industriale greggio , in partic . un tessuto .
---------------
fisioterapista
= tecnico paramedico che esegue trattamenti di fisioterapia .
---------------
flottante
= participio pres di flottare e
= nei sign . del verbo quantitativo di titoli azionari di una società che può essere trattato in borsa .
---------------
fluorurazione
= trattamento di una sostanza con fluoro - o composti fluorurati , in modo che alla fine della reazione essa contenga fluoro .
---------------
flussaggio
= trattamento con cui il bitume viene reso fluido per poter essere impiegato nelle pavimentazioni stradali .
---------------
follato
= participio pass . di follare e
= nei sign . del verbo tessuto di lana dopo il trattamento della follatura .
---------------
fosfatazione
= o fosfatizzazione , trattamento superficiale di metalli con acido fosforico , eseguito a scopo protettivo .
---------------
fosforare
= verbo trans . trattare con il fosforo .
---------------
fotomontaggio
= composizione fotografica ottenuta riprendendo insieme parti di diverse fotografie opportunamente accostate , così da dare l'illusione che si tratti di una fotografia unica .
---------------
galeopiteco
= mammifero grande come un gatto , con una membrana alare tesa fra gli arti anteriori e i posteriori , che gli permette di saltare per lunghi tratti tra gli alberi
---------------
garbo
= compitezza nel comportarsi e nel trattare con gli altri
---------------
gessato part. pass. di gessare
= mescolato , trattato con gesso
---------------
gram-negativo
= - batterio che , trattato con coloranti basici e immerso in alcol , non mantiene il colore fissato in precedenza
---------------
gram-positivo
= - batterio che , trattato con coloranti basici e immerso in alcol , mantiene il colore fissato in precedenza
---------------
grezzo
= non lavorato né trattato
---------------
guardrail
= barriera di protezione , di cemento o di lamiera d'acciaio , posta lungo i tratti pericolosi delle strade per evitare che i veicoli escano dalla carreggiata in caso di sbandamento.
---------------
immunità
= esenzione da obblighi e da imposte , della quale godevano in passato determinate persone o enti , spec . ecclesiastici - privilegio di un soggetto che , per le sue funzioni o il suo ufficio , gode di un particolare trattamento rispetto alla legge
---------------
impolverazione
= trattamento delle piante con polveri antiparassitarie .
---------------
inanonimo
= non anonimo
= negli avvisi pubblicitari , colui che tratta dando le proprie generalità
---------------
inevaso
= non trattato , non sbrigato
---------------
informatica
= scienza che studia l'informazione e , più specificamente , l'elaborazione dei dati e il loro trattamento automatico mediante elaboratori elettronici .
---------------
ingressione
= fenomeno di sommersione , da parte del mare , di tratti più o meno ampi di terraferma .
---------------
interconfessionalismo
= tendenza a stabilire relazioni tra più confessioni religiose per trattare e definire problemi comuni di fede , di organizzazione e di apostolato .
---------------
intrattabile
= non trattabile , difficilmente trattabile
---------------
linguaiolo
= colui che tratta pedantescamente di questioni di lingua
---------------
lisciviatura
= nell'industria della carta , il trattamento degli stracci con agenti chimici , gener . sostanze alcaline , per ridurli in pasta .
---------------
maquillage
= trattamento del viso con cosmetici
---------------
marocchino
= cuoio pregiato ricavato dalla pelle di capra conciata con trattamenti vegetali, punteggiata e variamente colorata
---------------
massaggio
= trattamento fisioterapico che consiste nel praticare sul corpo, con le mani o con appositi apparecchi, frizioni o pressioni per riattivare le funzioni dei muscoli
---------------
matrizzare verbo intr. assomigliare alla madre, nei tratti somatici o nel carattere
---------------
metacromasia
= fenomeno per cui alcuni elementi dei tessuti, trattati con determinati coloranti, assumono un colore diverso da quello dei coloranti stessi.
---------------
metafisica
= parte della filosofia che tratta, o presume di poter trattare, dei principi primi della realtà , posti oltre la conoscenza sensibile e in genere al di là di ogni esperienza diretta dell'uomo
---------------
minchionare
= verbo trans. prendere in giro qualcuno trattandolo da sciocco
---------------
monografia
= scritto, saggio che tratta di un solo argomento
---------------
mordenzare
= verbo trans. trattare con un mordente
---------------
mummia
= cadavere trattato con un processo di imbalsamazione, che lo conserva per un tempo indefinito
---------------
mummificazione
= trattamento praticato su cadaveri per assicurarne la conservazione
---------------
negligere
= verbo trans . trattare per la compravendita
---------------
negoziato
= trattativa per stipulare un contratto o raggiunge un accordo , in ambito politico
---------------
negoziatore
= chi conduce un negoziato , una trattativa
---------------
negriero
= che riguarda la tratta dei negri o degli schiavi in genere
---------------
neutralizzare
= verbo trans . in diritto internazionale , rendere neutrale uno stato , dichiararne la neutralità permanente mediante un trattato
---------------
nutrizionistica
= disciplina che studia la fisiologia della nutrizione , i regimi alimentari , l'uso , il trattamento e i valori nutritivi degli alimenti
---------------
oppiare
= verbo trans . mescolare , trattare con oppio
---------------
ossigenare
= verbo trans . trattare con ossigeno , arricchire di ossigeno
---------------
ossigenato
= participio passato di ossigenare - che contiene ossigeno , che è stato trattato con ossigeno
---------------
ozonizzare
= verbo trans . trattare con ozono
---------------
ozonoterapia
= trattamento terapeutico basato sulla somministrazione di ossigeno ozonizzato .
---------------
panachage
= sistema di votazione in cui l'elettore ha la possibilità di votare candidati tratti da liste diverse .
---------------
par condicio
= parità di trattamento o di condizione giuridica
---------------
parkerizzazione
= trattamento a cui si sottopongono il ferro e le sue leghe per proteggerli dalla ruggine .
---------------
passio
= insieme di brani evangelici che trattano della passione di cristo , letti o cantati durante le funzioni liturgiche della settimana santa
---------------
patteggiare
= verbo trans . trattare , fare oggetto di trattative
---------------
pedicure
= colui che è addetto alla cura e al trattamento estetico del piede
---------------
pergamenato
= carta a cui sia stata conferita , mediante un particolare trattamento , consistenza e lucentezza di pergamena .
---------------
pertrattare
= verbo trans . trattare in modo esauriente , esaminare a fondo
---------------
pigmeo
= appartenente a un gruppo etnico-razziale dell'africa equatoriale , caratterizzato da tratti fisici del tutto diversi da quelli degli altri africani e dalla bassissima statura
---------------
pilotina
= piccola imbarcazione che porta il pilota a bordo di una nave in arrivo o che fa da guida a una nave in tratti di mare difficili .
---------------
piumaio
= colui che è addetto al trattamento e alla lavorazione delle piume da letto e da ornamento .
---------------
platforming
= processo al quale si sottopongono alcune frazioni petrolifere , trattate con catalizzatori al platino , per migliorarne le proprietà antidetonanti .
---------------
polifosfato
= denominazione di un gruppo di composti chimici derivati dall'anidride fosforica e da un ossido , usati nel trattamento delle acque industriali , nella preparazione di detergenti , come conservanti alimentari ecc .
---------------
pornografia
= trattazione o rappresentazione , in scritti , disegni , fotografie , spettacoli , di temi o soggetti osceni , fatta senza altro intento che quello di stimolare eroticamente i fruitori .
---------------
predigestione
= trattamento per rendere più facilmente digeribili alcuni alimenti , destinati soprattutto a bambini molto piccoli
---------------
privilegiare
= verbo trans . accordare un privilegio , un trattamento di favore a qualcuno
---------------
psichiatrizzare
= verbo trans . trattare con metodi psichiatrici
---------------
psicoanalizzare o psicanalizzare ,
= verbo trans . sottoporre a trattamento psicoanalitico .
---------------
psicolisi
= psicoterapia condotta su un soggetto trattato con farmaci psicotropi .
---------------
psicoterapia
= trattamento sistematico dei disturbi psichici che può avvalersi di procedimenti diversi , ma si fonda essenzialmente sul dialogo e sull'interazione verbale tra paziente e terapeuta
---------------
radiosensibilità
= sensibilità dei tessuti patologici al trattamento con terapia radiante.
---------------
revisionismo
= tendenza a rivedere, a modificare almeno in parte i trattati che regolano la situazione politica internazionale
---------------
rinegoziato
= participio passato di rinegoziare, trattativa per addivenire a un nuovo accordo su qualcosa che è già stata oggetto di precedente negoziato.
---------------
salicilizzazione
= nell'industria , trattamento di una sostanza con salicilati per migliorarne o stabilizzarne le qualità oppure per garantirne una più lunga conservazione .
---------------
salmistrare
= verbo transitivo trattare la lingua di bue con sale e salnitro , lasciandola poi alcuni giorni a marinare in una salamoia con varie droghe e infine lessandola in modo da assicurarle una lunga conservazione ,
---------------
sanificazione
= insieme dei procedimenti con i quali si rende igienico un impianto destinato all'industria alimentare - insieme dei trattamenti cui viene sottoposto un prodotto alimentare per renderlo conforme alle norme sanitarie che ne regolano il commercio e il consumo .
---------------
sanitizzazione
= operazione mediante la quale si sterilizza un impianto destinato all'industria alimentare o anche un prodotto , trattandoli con apposite sostanze battericide .
---------------
sapienziale
= che riguarda la sapienza , che tratta della sapienza - libri sapienziali , denominazione di alcuni libri dell'antico testamento , che hanno per argomento la sapienza intesa sia come comportamento retto e avveduto sia come sapienza divina che ispira l'uomo e governa il mondo - letteratura sapienziale , letteratura di ispirazione gnomica e didascalica sviluppatasi anticamente presso egizi , sumeri , accadi , babilonesi .
---------------
scamosceria
= particolare tipo di concia in cui le pelli vengono trattate con speciali miscugli di oli di pesce per renderle morbide ,
---------------
scanzonato
= che tratta con sorridente disinvoltura o ironia qualsiasi problema , anche serio ,
---------------
scatologia
= lo scrivere o il parlare scherzosamente degli escrementi o delle funzioni fisiologiche , lo scritto o il discorso stessi che trattano di questi argomenti .
---------------
schematico
= che rappresenta i tratti essenziali e caratteristici di qualcosa , lasciando da parte l'accessorio e l'accidentale ,
---------------
schiavista
= sostenitore , difensore dello schiavismo , chi tende a trattare gli altri come schiavi - usato anche come agg . ,
---------------
schiavizzare
= verbo transitivo ridurre in schiavitù , rendere schiavo - trattare in modo dispotico e umiliante ,
---------------
semema
= insieme di tratti semantici che si concretizza in un lessema .
---------------
seracco
= blocco o cumulo di ghiaccio prodotto da una fessurazione longitudinale e trasversale del ghiacciaio , nei tratti di più forte pendenza .
---------------
sfregio
= taglio , ferita , bruciatura che deturpano i tratti del viso ,
---------------
sgarbo
= maniera di trattare ineducata , priva di garbo , azione , parola , comportamento scortese ,
---------------
sgrassaggio
= nella pulitura superficiale di un prodotto , il trattamento chimico di sgrassatura .
---------------
shiatsu
= o shatsu , shiatzu , pratica terapeutica consistente nel massaggiare con la punta delle dita particolari punti del corpo per riequilibrare l'energia corporea del soggetto trattato .
---------------
siliconato
= trattato con silicone in un intervento di chirurgia plastica ,
---------------
sillogistica
= parte della logica che tratta della natura e delle forme del sillogismo ,
---------------
smerigliato
= participio passato di smerigliare - trattato con lo smeriglio ,
---------------
sol
= soluzione colloidale da cui è possibile separare , con opportuni trattamenti , la fase colloidale dispersa , detta gel .
---------------
solfitare
= verbo transitivo trattare sostanze con zolfo o anidride solforosa ,
---------------
solfonazione
= trattamento di composti organici con agenti solfonanti per introdurre il gruppo solfonico ,
---------------
solubilizzare
= verbo transitivo rendere solubile , mediante trattamenti fisici o chimici , una sostanza insolubile ,
---------------
solubilizzazione
= operazione e risultato del solubilizzare , trattamento termico per ,
---------------
sommario
= libro che offre una trattazione non completa di una materia , ma limitata ai suoi aspetti principali ,
---------------
sopracciglio
= ognuno dei due tratti cutanei arcuati , e ricoperti di peli , che si trovano in corrispondenza del margine superiore dell'orbita dell'occhio ,
---------------
splitting
= nella lavorazione del petrolio , operazione di distillazione frazionata per ebollizione che consente di ottenere due prodotti diversi con uno stesso processo , trattamento fiscale dei redditi familiari che consente di determinare l'aliquota dell'imposta progressiva sul reddito , in base alla media dei redditi dei coniugi - frazionamento della base imponibile dell'imposta progressiva sul reddito , ottenuto dal contribuente intestando quote di reddito ai vari componenti della famiglia .
---------------
spocchia
= atteggiamento di chi ha eccessiva considerazione di sé e tratta altezzosamente gli altri ,
---------------
standolio
= ciascuno degli oli insaturi siccativi o semisiccativi derivati dall'olio di lino trattato con aria ad alta temperatura , usati come surrogati di cere e resine e per fabbricare inchiostri da stampa .
---------------
sterlingato
= trattato con sterling .
---------------
stilizzare
= verbo transitivo raffigurare , rappresentare qualcosa riducendola agli elementi essenziali o modificandone i tratti secondo un determinato criterio stilistico .
---------------
summa
= termine con cui nel medioevo erano indicate le trattazioni sistematiche di una disciplina esposizione sistematica di una materia , di una dottrina .
---------------
superclorazione
= trattamento di sterilizzazione delle acque potabili , consistente nell'addizionarvi una quantità di cloro superiore a quella necessaria alla semplice ossidazione delle sostanze organiche che già consente la distruzione dei microrganismi .
---------------
supercomputer
= computer in grado di trattare contemporaneamente grandi quantità di dati , dotato di alta velocità operativa e memoria di notevoli dimensioni .
---------------
svillaneggiare
= verbo transitivo trattare con villania ,
---------------
sviluppatrice
= attrezzatura usata per trattare pellicole cinematografiche e fotografiche .
---------------
svolto
= participio passato di svolgere - trattato , sviluppato per esteso ,
---------------
tar
= organo giudiziario istituito in ogni regione , competente a trattare le controversie amministrative in primo grado .
---------------
transessuale
= e si dice di persona che , a seguito di modificazioni nei suoi caratteri sessuali , assume sembianze , comportamenti e in certi casi , dopo trattamento medico-chirurgico , anche caratteristiche anatomiche e fisiologiche dell'altro sesso .
---------------
trapelo
= cavallo o altra bestia da tiro che si attacca di rinforzo nei tratti malagevoli di un percorso o quando il carico è molto pesante .
---------------
ultrapastorizzazione
= trattamento di sterilizzazione del latte
---------------
unitizzazione
= divisione delle merci in unità o in blocchi di dimensioni tali da poter essere facilmente trattati con i sistemi standardizzati di trasporto .
---------------
Verb: to iodize-iodized-iodized
Ausiliar: to have - transitivo
Affermative - INDICATIVE
Present simple
I iodize
you iodize
he/she/it iodizes
we iodize
you iodize
they iodize
Simple past
I iodized
you iodized
he/she/it iodized
we iodized
you iodized
they iodized
Simple past
I iodized
you iodized
he/she/it iodized
we iodized
you iodized
they iodized
Present perfect
I have iodized
you have iodized
he/she/it has iodized
we have iodized
you have iodized
they have iodized
Past perfect
I had iodized
you had iodized
he/she/it had iodized
we had iodized
you had iodized
they had iodized
Past perfect
I had iodized
you had iodized
he/she/it had iodized
we had iodized
you had iodized
they had iodized
Simple future
I I will iodize
you you will iodize
he/she/it he/she/it will iodize
we we will iodize
you I will iodize
they they will iodize
Future perfect
I will have iodized
you will have iodized
he/she/it will have iodized
we will have iodized
you will have iodized
they will have iodized
Present continuous
I am iodizing
you are iodizing
he/she/it is iodizing
we are iodizing
you are iodizing
they are iodizing
Past simple continuous
I was iodizing
you were iodizing
he/she/it was iodizing
we were iodizing
you were iodizing
they were iodizing
Future continuous
I will be iodizing
you will be iodizing
he/she/it will be iodizing
we will be iodizing
you will be iodizing
they will be iodizing
Future perfect continuous
I will have been iodizing
you will have been iodizing
he/she/it will have been iodizing
we will have been iodizing
you will have been iodizing
they will have been iodizing
Present perfect continuous
I have been iodizing
you have been iodizing
he/she/it has been iodizing
we have been iodizing
you have been iodizing
they have been iodizing
Past perfect continuous
I had been iodizing
you had been iodizing
he/she/it had been iodizing
we had been iodizing
you had been iodizing
they had been iodizing
Affermative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I iodize
That you iodize
That he/she/it iodize
That we iodize
That you iodize
That they iodize
Present perfect
That I have iodized
That you have iodized
That he/she/it have iodized
That we have iodized
That you have iodized
That they have iodized
Simple past
That I iodized
That you iodized
That he/she/it iodized
That we iodized
That you iodized
That they iodized
Past perfect
That I had iodized
That you had iodized
That he/she/it had iodized
That we had iodized
That you had iodized
That they had iodized
Affermative - CONDITIONAL
Present
I would iodize
you would iodize
we would iodize
we would iodize
you would iodize
they would iodize
Past
I would have iodized
you would have iodized
he/she/it would have iodized
we would have iodized
you would have iodized
they would have iodized
Present continous
I would be iodizing
you would be iodizing
we would be iodizing
we would be iodizing
you would be iodizing
they would be iodizing
Past continous
I would have been iodizing
you would have been iodizing
he/she/it would have been iodizing
we would have been iodizing
you would have been iodizing
they would have been iodizing
Affermative - IMPERATIVE
Present
let me iodize
iodize
let him iodize
let us iodize
iodize
let them iodize
 
 
 
 
 
 
 
Affermative - INFINITIVE
Present
to iodize
Past
to have iodized
Present continous
to be iodizing
Perfect continous
to have been iodizing
Affermative - PARTICIPLE
Present
iodizing
Past
iodized
Perfect
having iodized
Affermative - GERUND
Present
iodizing
Past
having iodized
Passive - INDICATIVE
Present simple
I am iodized
you are iodized
he/she/it is iodized
we are iodized
you are iodized
they are iodized
Past simple
I was iodized
you were iodized
he/she/it was iodized
we were iodized
you were iodized
they were iodized
Past simple
I was iodized
you were iodized
he/she/it was iodized
we were iodized
you were iodized
they were iodized
Present perfect
I have been iodized
you have been iodized
he/she/it has been iodized
we have been iodized
you have been iodized
they have been iodized
Past perfect
I had been iodized
you had been iodized
he/she/it had been iodized
we had been iodized
you had been iodized
they had been iodized
Past perfect
I had been iodized
you had been iodized
he/she/it had been iodized
we had been iodized
you had been iodized
they had been iodized
Future simple
I will be iodized
you will be iodized
he/she/it will be iodized
we will be iodized
you will be iodized
they will be iodized
Future perfect
I will have been iodized
you will have been iodized
he/she/it will have been iodized
we will have been iodized
you will have been iodized
they will have been iodized
Present continuous
I am being iodized
you are being iodized
he/she/it is being iodized
we are being iodized
you are being iodized
they are being iodized
Past simple continuous
I was being iodized
you were being iodized
he/she/it was being iodized
were being iodized
you were being iodized
they were being iodized
Future continuous
I will being iodized
you will being iodized
he/she/it will being iodized
we will being iodized
you will being iodized
they will being iodized
Future perfect continuous
I will have been iodized
you will have been iodized
he/she/it will have been iodized
we will have been iodized
you will have been iodized
they will have been iodized
Present perfect continuous
I have been iodized
you have been iodized
he/she/it has been iodized
we have been iodized
you have been iodized
they have been iodized
Past perfect continuous
I had been iodized
you had been iodized
he/she/it had been iodized
we had been iodized
you had been iodized
they had been iodized
Passive - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I be iodized
That you be iodized
That he/she/it be iodized
That we be iodized
That you be iodized
That they be iodized
Present perfect
That I have been iodized
That you have been iodized
That he/she/it have been iodized
That we have been iodized
That you have been iodized
That they have been iodized
Simple past
That I were iodized
That you were iodized
That he/she/it were iodized
That we were iodized
That you were iodized
That they were iodized
Past perfect
That I had been iodized
That you had been iodized
That he/she/it had been iodized
That we had been iodized
That you had been iodized
That they had been iodized
CONDITIONAL
Present
I would be iodized
you would be iodized
we would be iodized
we would be iodized
you would be iodized
they would be iodized
Past
I would have been iodized
you would have been iodized
he/she/it would have been iodized
we would have been iodized
you would have been iodized
they would have been iodized
IMPERATIVE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INFINITIVE
Present
to be iodized
Past
to have been iodized
PARTICIPLE
Present
being iodized
Past
iodized
Perfect
having been iodized
GERUND
Present
being iodized
Past
having been iodized
Negative - INDICATIVE
Present simple
I do not iodize
you do not iodize
he/she/it does not iodizes
we do not iodize
you do not iodize
they do not iodize
Simple past
I did not iodize
you did not iodize
he/she/it did not iodize
we did not iodize
you did not iodize
they did not iodize
Simple past
I did not iodize
you did not iodize
he/she/it did not iodize
we did not iodize
you did not iodize
they did not iodize
Present perfect
I have not iodized
you have not iodized
he/she/it has not iodized
we have not iodized
you have not iodized
they have not iodized
Past perfect
I had not iodized
you had not iodized
he/she/it had not iodized
we had not iodized
you had not iodized
they had not iodized
Past perfect
I had not iodized
you had not iodized
he/she/it had not iodized
we had not iodized
you had not iodized
they had not iodized
Simple future
I I will not iodize
you you will not iodize
he/she/it he/she/it will not iodize
we we will not iodize
you I will not iodize
they they will not iodize
Future perfect
I will not have iodized
you will not have iodized
he/she/it will not have iodized
we will not have iodized
you will not have iodized
they will not have iodized
Present continuous
I am not iodizing
you are not iodizing
he/she/it is not iodizing
we are not iodizing
you are not iodizing
they are not iodizing
Past simple continuous
I was not iodizing
you were not iodizing
he/she/it was not iodizing
we were not iodizing
you were not iodizing
they were not iodizing
Future continuous
I will not be iodizing
you will not be iodizing
he/she/it will not be iodizing
we will not be iodizing
you will not be iodizing
they will not be iodizing
Future perfect continuous
I will not have been iodizing
you will not have been iodizing
he/she/it will not have been iodizing
we will not have been iodizing
you will not have been iodizing
they will not have been iodizing
Present perfect continuous
I have not been iodizing
you have not been iodizing
he/she/it has not been iodizing
we have not been iodizing
you have not been iodizing
they have not been iodizing
Past perfect continuous
I had not been iodizing
you had not been iodizing
he/she/it had not been iodizing
we had not been iodizing
you had not been iodizing
they had not been iodizing
Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I do not iodize
That you do not iodize
That he/she/it does not iodize
That we do not iodize
That you do not iodize
That they do not iodize
Present perfect
That I have not iodized
That you have not iodized
That he/she/it have not iodized
That we have not iodized
That you have not iodized
That they have not iodized
Simple past
That I did not iodize
That you did not iodize
That he/she/it did not iodize
That we did not iodize
That you did not iodize
That they did not iodize
Past perfect
That I had not iodized
That you had not iodized
That he/she/it had not iodized
That we had not iodized
That you had not iodized
That they had not iodized
Negative - CONDITIONAL
Present
I would not iodize
you would not iodize
we would not iodize
we would not iodize
you would not iodize
they would not iodize
Past
I would not have iodized
you would not have iodized
he/she/it would not have iodized
we would not have iodized
you would not have iodized
they would not have iodized
Present continous
I would not be iodizing
you would not be iodizing
we would not be iodizing
we would not be iodizing
you would not be iodizing
they would not be iodizing
Past continous
I would not have been iodizing
you would not have been iodizing
he/she/it would not have been iodizing
we would not have been iodizing
you would not have been iodizing
they would not have been iodizing
Negative - IMPERATIVE
Present
do not let me iodize
do not iodize
do not let him iodize
do not let us iodize
do not iodize
do not let them iodize
 
 
 
 
 
 
 
Negative - INFINITIVE
Present
not to iodize
Past
not to have iodized
Present continous
not to be iodizing
Perfect continous
not to have been iodizing
Negative - PARTICIPLE
Present
not iodizing
Past
not iodized
Perfect
not having iodized
Negative - GERUND
Present
not iodizing
Past
not having iodized
Interrogative - INDICATIVE
Present simple
do I iodize ?
do you iodize ?
does she/he/it iodizes ?
do we iodize ?
do you iodize ?
do they iodize ?
Simple past
did I iodize ?
did you iodize ?
did she/he/it iodize ?
did we iodize ?
did you iodize ?
did they iodize ?
Simple past
did I iodize ?
did you iodize ?
did she/he/it iodize ?
did we iodize ?
did you iodize ?
did they iodize ?
Present perfect
have I iodized ?
have you iodized ?
has she/he/it iodized ?
have we iodized ?
have you iodized ?
have they iodized ?
Past perfect
had I iodized ?
had you iodized ?
had she/he/it iodized ?
had we iodized ?
had you iodized ?
had they iodized ?
Past perfect
had I iodized ?
had you iodized ?
had she/he/it iodized ?
had we iodized ?
had you iodized ?
had they iodized ?
Simple future
will I iodize ?
will you iodize ?
will she/he/it iodize ?
will we iodize ?
will I iodize ?
will they iodize ?
Future perfect
will I have iodized ?
will you have iodized ?
will she/he/it have iodized ?
will we have iodized ?
will you have iodized ?
will they have iodized ?
Present continuous
am I iodizing ?
are you iodizing ?
is she/he/it iodizing ?
are we iodizing ?
are you iodizing ?
are they iodizing ?
Past simple continuous
was I iodizing ?
were you iodizing ?
was she/he/it iodizing ?
were we iodizing ?
were you iodizing ?
were they iodizing ?
Future continuous
will I be iodizing ?
will you be iodizing ?
will she/he/it be iodizing ?
will we be iodizing ?
will you be iodizing ?
will they be iodizing ?
Future perfect continuous
will I have been iodizing ?
will you have been iodizing ?
will she/he/it have been iodizing ?
will we have been iodizing ?
will you have been iodizing ?
will they have been iodizing ?
Present perfect continuous
have I been iodizing ?
have you been iodizing ?
has she/he/it been iodizing ?
have we been iodizing ?
have you been iodizing ?
have they been iodizing ?
Past perfect continuous
had I been iodizing ?
had you been iodizing ?
had she/he/it been iodizing ?
had we been iodizing ?
had you been iodizing ?
had they been iodizing ?
Interrogative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I iodize ?
That do you iodize ?
That does she/he/it iodize ?
That do we iodize ?
That do you iodize ?
That do they iodize ?
Present perfect
That have I iodized ?
That have you iodized ?
That have she/he/it iodized ?
That have we iodized ?
That have you iodized ?
That have they iodized ?
Simple past
That did I iodize ?
That did you iodize ?
That did she/he/it iodize ?
That did we iodize ?
That did you iodize ?
That did they iodize ?
Past perfect
That had I iodized ?
That had you iodized ?
That had she/he/it iodized ?
That had we iodized ?
That had you iodized ?
That had they iodized ?
Interrogative - CONDITIONAL
Present
would I iodize ?
would you iodize ?
would she/he/it iodize ?
would we iodize ?
would you iodize ?
would they iodize ?
Past
would I have iodized?
would you have iodized?
would she/he/it have iodized?
would we have iodized?
would you have iodized?
would they have iodized?
Present continous
would I be iodizing ?
would you be iodizing ?
would she/he/it be iodizing ?
would we be iodizing ?
would you be iodizing ?
would they be iodizing ?
Past continous
would I have been iodizing?
would you have been iodizing?
would she/he/it have been iodizing?
would we have been iodizing?
would you have been iodizing?
would they have been iodizing?
Interrogative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Interrogative-Negative - INDICATIVE
Present simple
do I not iodize ?
do you not iodize ?
does she/he/it not iodizes ?
do we not iodize ?
do you not iodize ?
do they not iodize ?
Simple past
did I not iodize ?
did you not iodize ?
did she/he/it not iodize ?
did we not iodize ?
did you not iodize ?
did they not iodize ?
Simple past
did I not iodize ?
did you not iodize ?
did she/he/it not iodize ?
did we not iodize ?
did you not iodize ?
did they not iodize ?
Present perfect
have I not iodized ?
have you not iodized ?
has she/he/it not iodized ?
have we not iodized ?
have you not iodized ?
have they not iodized ?
Past perfect
had I not iodized ?
had you not iodized ?
had she/he/it not iodized ?
had we not iodized ?
had you not iodized ?
had they not iodized ?
Past perfect
had I not iodized ?
had you not iodized ?
had she/he/it not iodized ?
had we not iodized ?
had you not iodized ?
had they not iodized ?
Simple future
will I not iodize ?
will you not iodize ?
will she/he/it not iodize ?
will we not iodize ?
will I not iodize ?
will they not iodize ?
Future perfect
will I not have iodized ?
will you not have iodized ?
will she/he/it not have iodized ?
will we not have iodized ?
will you not have iodized ?
will they not have iodized ?
Present continuous
am I not iodizing ?
are you not iodizing ?
is she/he/it not iodizing ?
are we not iodizing ?
are you not iodizing ?
are they not iodizing ?
Past simple continuous
was I not iodizing ?
were you not iodizing ?
was she/he/it not iodizing ?
were we not iodizing ?
were you not iodizing ?
were they not iodizing ?
Future continuous
will I not be iodizing ?
will you not be iodizing ?
will she/he/it not be iodizing ?
will we not be iodizing ?
will you not be iodizing ?
will they not be iodizing ?
Future perfect continuous
will I not have been iodizing ?
will you not have been iodizing ?
will she/he/it not have been iodizing ?
will we not have been iodizing ?
will you not have been iodizing ?
will they not have been iodizing ?
Present perfect continuous
have I not been iodizing ?
have you not been iodizing ?
has she/he/it not been iodizing ?
have we not been iodizing ?
have you not been iodizing ?
have they not been iodizing ?
Past perfect continuous
had I not been iodizing ?
had you not been iodizing ?
had she/he/it not been iodizing ?
had we not been iodizing ?
had you not been iodizing ?
had they not been iodizing ?
Interrogative-Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I not iodize ?
That do you not iodize ?
That does she/he/it not iodize ?
That do we not iodize ?
That do you not iodize ?
That do they not iodize ?
Present perfect
That have I not iodized ?
That have you not iodized ?
That have she/he/it not iodized ?
That have we not iodized ?
That have you not iodized ?
That have they not iodized ?
Simple past
That did I not iodize ?
That did you not iodize ?
That did she/he/it not iodize ?
That did we not iodize ?
That did you not iodize ?
That did they not iodize ?
Past perfect
That had I not iodized ?
That had you not iodized ?
That had she/he/it not iodized ?
That had we not iodized ?
That had you not iodized ?
That had they not iodized ?
Interrogative-Negative - CONDITIONAL
Present
would I not iodize ?
would you not iodize ?
would she/he/it not iodize ?
would we not iodize ?
would you not iodize ?
would they not iodize ?
Past
would I not have iodized?
would you not have iodized?
would she/he/it not have iodized?
would we not have iodized?
would you not have iodized?
would they not have iodized?
Present continous
would I not be iodizing ?
would you not be iodizing ?
would she/he/it not be iodizing ?
would we not be iodizing ?
would you not be iodizing ?
would they not be iodizing ?
Past continous
would I not have been iodizing?
would you not have been iodizing?
would she/he/it not have been iodizing?
would we not have been iodizing?
would you not have been iodizing?
would they not have been iodizing?
Interrogative-Negative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Coniugazione:1 - trattare con iodare
Ausiliare:avere transitivo/intransitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io tratto
tu tratti
egli tratta
noi trattiamo
voi trattate
essi trattano
Imperfetto
io trattavo
tu trattavi
egli trattava
noi trattavamo
voi trattavate
essi trattavano
Passato remoto
io trattai
tu trattasti
egli trattò
noi trattammo
voi trattaste
essi trattarono
Passato prossimo
io ho trattato
tu hai trattato
egli ha trattato
noi abbiamo trattato
voi avete trattato
essi hanno trattato
Trapassato prossimo
io avevo trattato
tu avevi trattato
egli aveva trattato
noi avevamo trattato
voi avevate trattato
essi avevano trattato
Trapassato remoto
io ebbi trattato
tu avesti trattato
egli ebbe trattato
noi avemmo trattato
voi eveste trattato
essi ebbero trattato
Futuro semplice
io tratterò
tu tratterai
egli tratterà
noi tratteremo
voi tratterete
essi tratteranno
Futuro anteriore
io avrò trattato
tu avrai trattato
egli avrà trattato
noi avremo trattato
voi avrete trattato
essi avranno trattato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io tratti
che tu tratti
che egli tratti
che noi trattiamo
che voi trattiate
che essi trattino
Passato
che io abbia trattato
che tu abbia trattato
che egli abbia trattato
che noi abbiamo trattato
che voi abbiate trattato
che essi abbiano trattato
Imperfetto
che io trattassi
che tu trattassi
che egli trattasse
che noi trattassimo
che voi trattaste
che essi trattassero
Trapassato
che io avessi trattato
che tu avessi trattato
che egli avesse trattato
che noi avessimo trattato
che voi aveste trattato
che essi avessero trattato
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io tratterei
tu tratteresti
egli tratterebbe
noi tratteremmo
voi trattereste
essi tratterebbero
Passato
io avrei trattato
tu avresti trattato
egli avrebbe trattato
noi avremmo trattato
voi avreste trattato
essi avrebbero trattato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
tratta
tratti
trattiamo
trattate
trattino
Futuro
-
tratterai
tratterà
tratteremo
tratterete
tratteranno
INFINITO - attivo
Presente
trattare
Passato
avere trattato
 
 
PARTICIPIO - attivo
Presente
trattante
Passato
trattato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
trattando
Passato
avendo trattato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono trattato
tu sei trattato
egli é trattato
noi siamo trattati
voi siete trattati
essi sono trattati
Imperfetto
io ero trattato
tu eri trattato
egli era trattato
noi eravamo trattati
voi eravate trattati
essi erano trattati
Passato remoto
io fui trattato
tu fosti trattato
egli fu trattato
noi fummo trattati
voi foste trattati
essi furono trattati
Passato prossimo
io sono stato trattato
tu sei stato trattato
egli é stato trattato
noi siamo stati trattati
voi siete stati trattati
essi sono stati trattati
Trapassato prossimo
io ero stato trattato
tu eri stato trattato
egli era stato trattato
noi eravamo stati trattati
voi eravate stati trattati
essi erano statitrattati
Trapassato remoto
io fui stato trattato
tu fosti stato trattato
egli fu stato trattato
noi fummo stati trattati
voi foste stati trattati
essi furono stati trattati
Futuro semplice
io sarò trattato
tu sarai trattato
egli sarà trattato
noi saremo trattati
voi sarete trattati
essi saranno trattati
Futuro anteriore
io sarò stato trattato
tu sarai stato trattato
egli sarà stato trattato
noi saremo stati trattati
voi sarete stati trattati
essi saranno stati trattati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia trattato
che tu sia trattato
che egli sia trattato
che noi siamo trattati
che voi siate trattati
che essi siano trattati
Passato
che io sia stato trattato
che tu sia stato trattato
che egli sia stato trattato
che noi siamo stati trattati
che voi siate stati trattati
che essi siano stati trattati
Imperfetto
che io fossi trattato
che tu fossi trattato
che egli fosse trattato
che noi fossimo trattati
che voi foste trattati
che essi fossero trattati
Trapassato
che io fossi stato trattato
che tu fossi stato trattato
che egli fosse stato trattato
che noi fossimo stati trattati
che voi foste stati trattati
che essi fossero stati trattati
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei trattato
tu saresti trattato
egli sarebbe trattato
noi saremmo trattati
voi sareste trattati
essi sarebbero trattati
Passato
io sarei stato trattato
tu saresti stato trattato
egli sarebbe stato trattato
noi saremmo stati trattati
voi sareste stati trattati
essi sarebbero stati trattati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii trattato
sia trattato
siamo trattati
siate trattati
siano trattati
Futuro
-
sarai trattato
sarà trattato
saremo trattati
sarete trattati
saranno trattati
INFINITO - passivo
Presente
essere trattato
Passato
essere stato trattato
 
 
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
trattato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo trattato
Passato
essendo stato trattato