Good navigation with NihilScio!  Facebook page
NihilScio     Home
 

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo
Italiano
Inglese

á    è     é    ì     í    ò
ó     ù    ú    ü    ñ    ç
sinonimi di
glass
  Cerca  frasi:
Vocabulary and phrases
glass
= vetro, bicchiere, specchio, clessidra, binocolo, di\a vetro, specchiare,
---------------
present relief? A glass of wine; shall I get you one? You are very ill.
---------------
In this strain, with an occasional glass of ale, by way of parenthesis,
---------------
fellows. Glass of wine, Sir.'
---------------
hops, and women. Glass of wine, Sir!'
---------------
last glass settled his determination. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
himself round to catch a glimpse in the glass of the waist buttons,
---------------
another glass before you begin, Sir?' said Mr. Pickwick. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
* The dismal man took the hint, and having mixed a glass of
---------------
* Mr. Pickwick had replaced on the table the glass which, during the last
---------------
dismal man, the stranger applied the glass to Mr. Pickwick's mouth; and
---------------
two gentlemen took wine, after which they took a glass of wine round,
---------------
but the plunging of horses, and breaking of glass could be made out, Mr.
---------------
with black calico sleeves, and blue glass buttons; drab breeches and
---------------
* 'A glass of water,' said the humane Mr. Pickwick, summoning the
---------------
* 'A glass of water!' said the passionate Wardle. 'Bring a bucket, and
---------------
so," says the gen'l'm'n. So then they pours him out a glass of wine, and
---------------
health in another glass of wine," says he; vich he did, and then
---------------
mortal remains of a trout in a glass coffin. The atmosphere was redolent
---------------
prospect of the bar reflected in the glass over the chimney-piece, with
---------------
Tom's eye wandered from the glass on the chimney-piece to the glass on
---------------
mulberry man said this, he turned his glass upside down, by way of
---------------
* Mr. Trotter smiled, and holding his glass in his left hand, gave four
---------------
* 'So it is--so it is, old fellow,' replied Wardle. 'Come; a glass of
---------------
and--Tupman, my dear friend, a glass of punch?'
---------------
and finding that there was not, Mr. Pickwick took another glass to the
---------------
tavern they came to, and ordered a glass of brandy-and-water all round,
---------------
stone ink bottles of various shapes and sizes. There was a glass door
---------------
the outer side of this glass door, Mr. Pickwick, closely followed by
---------------
but first, as I have been rather ruffled, I should like a glass of
---------------
small glass of brandy to drink your health, and success to Sammy, Sir,
---------------
'Certainly not,' replied Mr. Pickwick. 'A glass of brandy here!' The
---------------
this valuable secret, Mr. Weller drained his glass once more, produced a
---------------
with a seat near the chairman and called for a glass of his favourite
---------------
great lumbering wooden press for papers, with large glass doors, and
---------------
first glass of two gallons of whisky he had ordered on credit, wondering
---------------
when his eyes encountered the glass doors of the wooden press. "Ah,"
---------------
repeated; and one of the glass doors slowly opening, disclosed a pale
---------------
re-emptying her glass immediately; feeling, as she said afterwards, that
---------------
of a long brass toasting-fork. Beside him stood a glass of reeking hot
---------------
* Mr. Stiggins was easily prevailed on to take another glass of the hot
---------------
a glass of hot brandy-and-water; at which the guard smiles too, and
---------------
quite out of breath, for they have been having a glass of ale a-piece,
---------------
The Blue Lion tap was soon gained, and the fat boy swallowed a glass of
---------------
* 'Mrs. Wardle,' said Mr. Pickwick, 'we old folks must have a glass of
---------------
she understood him at once, and drank off a full glass of wine to his
---------------
gentleman, 'a glass of wine?'
---------------
received from his master. 'Give them a glass of wine each to drink the
---------------
or drained off a good stiff glass without stopping for breath. But
---------------
* '"Cold to-night," said the king of the goblins, "very cold. A glass of
---------------
gradually growing more and more abstracted, applied his glass to his
---------------
gentleman upon the subject, by forcibly dragging every man's glass away,
---------------
waiting at the bar for the glass of warm mixture in which Mr. Pickwick
---------------
'Stop,' said Mr. Weller, ringing the bell. 'A double glass o' the
---------------
it DOES finish a portrait and put the frame and glass on complete,
---------------
day, a pint of porter, and a glass of spirits; but since she became a
---------------
wear second-hand wooden legs, and drink a glass of hot gin-and-water
---------------
pattens in one hand, and a glass bottle that might hold about a quarter
---------------
HIS private room, to refresh himself with a mutton chop and a glass of
---------------
Bob Sawyer, tossing off, as he spoke, a glass of the liquor with great
---------------
Allen, setting down his glass with emphasis. 'There's a special destiny
---------------
the counter, and rubbing it out again, peeped through the glass door,
---------------
after taking a glass of soda-water and brandy at the bar, he turned into
---------------
clay and his labours with a glass of claret from a venerable-looking
---------------
glazier, and a drover in a state of insolvency; 'and a glass of
---------------
the dirty panes of glass in a bar door. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
given, set the glass of spirits before Pell, and retired. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
Gentlemen, my service to you.' Having emptied the glass in a twinkling,
---------------
'Thank you,' said Mr. Pickwick. 'Will you take a glass of wine?'
---------------
tasted the contents of the glass which Sam had placed in his hand,
---------------
the bud by his imbibing half a glass of the old crusted 'the wrong way,'
---------------
right. Tell him so. Will you take a glass of wine, Lowten?' 'No, thank
---------------
time to time, towards the glass door, distracted by inward misgivings
---------------
interposed Mr. Weller, who had been peeping through the glass door;
---------------
The one-eyed bagman ladled out a glass of negus from the bowl, and drank
---------------
pulling the shawl over his mouth to concentrate the fumes of a glass of
---------------
rum-and-water in his face, and the glass itself into the grate. Then,
---------------
me in, and fill me a small glass of brandy. I'm out o' breath, my boy.'
---------------
with the aid of a small glass that hung in the window, was now, by dint
---------------
invited to partake of a glass of brandy-and-water, or a bowl of punch,
---------------
* 'Mr. Pell, Sir,' said the elder Mr. Weller, stirring a glass of
---------------
and every glass was set down empty. It is impossible to describe the
---------------
another glass of wine, I will satisfy your curiosity.'
---------------
Chace, lifting his glass thoughtfully. "Can you give me any examples, I
---------------
red wine transparent, like the glorious blood-red glass of a martyr's
---------------
fired by the criminal. The big fragments of falling glass were quite
---------------
something specially strange about the glass that hung at the end of that
---------------
dead. Here and there, Early Victorian coloured glass tinted the
---------------
left that garden to-day; and his mind was like a glass hive full of
---------------
open and their employer reappear, he was carrying the great glass bowl
---------------
the floor, which was covered with a litter of coloured glass like the
---------------
glass, if the sound is of a certain kind and the glass of a certain
---------------
It is similar to many experiments by which glass of special composition
---------------
annealed glass
= vetro temprato ,
---------------
antisolar glass
= vetro antisole ,
---------------
baccarat glass
= baccarà , baccarat , cristallo baccarat ,
---------------
balloon glass
= bicchiere da brandy , napoleone ,
---------------
bell glass
= campana di vetro ,
---------------
bottle glass
= vetro di bottiglia ,
---------------
bottom of the glass
= fondo del bicchiere ,
---------------
breakaway glass
= vetro speciale destinato alla rottura durante le riprese ,
---------------
burning glass
= specchio ustorio ,
---------------
candy glass
= vetro di zucchero ,
---------------
cellulate glass
= vetro cellulare ,
---------------
cellulated glass
= vetro cellulare ,
---------------
cheval glass
= specchio a bilico, psiche ,
---------------
contrast glass
= filtro di contrasto , vetrino per contrasti ,
---------------
contrast viewing glass
= vetrino per contrasti ,
---------------
cover glass
= vetrino ,
---------------
crown glass
= vetro a tondini piatti per finestre , vetro crown ,
---------------
crystal glass
= cristallo ,
---------------
cupping glass
= coppetta da salasso ,
---------------
cut glass
= vetro tagliato ,
---------------
focusing glass
= lente di messa a fuoco ,
---------------
fond of one's glass
= amante del bere ,
---------------
frosted glass
= vetro smerigliato ,
---------------
gprc
= glass passivated rectifier chip, gprc,
---------------
ground glass
= vetro smerigliato , vetro smerigliato della loupe ,
---------------
ground glass viewfinder
= loupe con vetro smerigliato ,
---------------
ground glass viewfinders
= loupe con vetro smerigliato ,
---------------
i am dying for a glass of wine
= muoio dalla voglia di bere un bicchiere di vino,
---------------
liqueur glass
= bicchierino,
---------------
magnifying glass
= lente d'ingrandimento,
---------------
milky glass bulb
= lampadina vetro-latte,
---------------
milky glass bulbs
= lampadine vetro-latte,
---------------
opal glass
= vetro opalescente,
---------------
optical glass
= vetro ottico,
---------------
pan glass
= vetrino pancromatico,
---------------
photo-cut-out glass shot
= inquadratura ottenuta riprendendo attraverso un vetro, sul quale è stata attaccata una fotografia, l'azione che ha luogo dietro di esso ,
---------------
photo-cut-out glass shots
= inquadrature ottenute riprendendo attraverso un vetro, sul quale è stata attaccata una fotografia, l'azione che ha luogo dietro di esso ,
---------------
regal
= regio, regale, reale, rigid epoxy glass acrylic laminate, regal,
---------------
shade glass
= filtro ottico ,
---------------
spun
= filato , imbutito al tornio , sfinito , stanco morto , spun glass , panno di lana di vetro ,
---------------
spun glass
= spun glass , panno di lana di vetro ,
---------------
sugar glass
= zucchero cristallizato ,
---------------
tough span
= spun glass , panno di lana di vetro ,
---------------
tough spans
= spun glass , panni di lana di vetro ,
---------------
unbreakable glass
= vetro infrangibile ,
---------------
viewing glass
= filtro di contrasto , vetrino di contrasto ,
---------------
Vocabulary and phrases
specchiare
= verbo transitivo riflettere , rispecchiare ,
---------------
* Dove un pezzo , dove un altro , dove una lunga distesa di quel vasto e variato specchio dell'acqua ; di qua lago , chiuso all'estremità o piùttosto smarrito in un gruppo , in un andirivieni di montagne , e di mano in mano più allargato tra altri monti che si spiegano , a uno a uno , allo sguardo , e che l'acqua riflette capovolti , co' paesetti posti sulle rive ; di là braccio di fiume , poi lago , poi fiume ancora , che va a perdersi in lucido serpeggiamento pur tra' monti che l'accompagnano , degradando via via , e perdendosi quasi anch'essi nell'orizzonte .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non tirava un alito di vento ; il lago giaceva liscio e piano , e sarebbe parso immobile , se non fosse stato il tremolare e l'ondeggiar leggiero della luna , che vi si specchiava da mezzo il cielo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Questa predizione , cavata , dicevano , da un libro intitolato Specchio degli almanacchi perfetti , stampato in Torino , nel 1623 , correva per le bocche di tutti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E se si fosse visto tutt'intero in uno specchio , con la tesa del cappello floscia e cascante , e i capelli stesi e incollati sul viso , si sarebbe fatto ancor più specie .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Quel salotto pieno di luce, quantunque dal tetto basso, arredato di mobili già consunti, d'antica foggia, respirava quasi un'aria d'altri tempi e pareva s'appagasse, nella quiete dei due grandi specchi a riscontro, dell'immobile visione della sua antichità scolorita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Carlo D'Andrea, con gli occhi fissi dietro le grosse lenti da miope, attese un pezzo, senza trovar parole, non sapendo ancor credere a quella rivelazione, né riuscendo a immaginare come mai quella donna, finora esempio, specchio di virtú, d'abnegazione, fosse potuta cadere nella colpa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quei nove nipoti, tutti maschi, il maggiore dei quali non aveva ancora quattordici anni, quantunque "piangenti per il pane" prendevano d'assalto, come nove demonii scatenati, la tranquilla casa campestre dello zio; gli mettevano tutto sossopra: ballavano, ballavano proprio quelle stanze, dagli urli, dalle risa, dai pianti, dalle corse sfrenate; poi s'udiva, immancabilmente, il fracasso, il rovinío di qualche grossa rottura, almeno almeno di qualche specchio d'armadio andato in briciole; allora Saro Trigona balzava in piedi, gridando: - Faccio l'organo! faccio l'organo! Rincorreva, acciuffava quelle birbe; distribuiva calci, schiaffi, pugni, sculacciate; poi, com'essi si mettevano a strillare in tutti i toni, li disponeva in fila, per ordine d'altezza, e cosí facevano l'organo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Finché una volta, nel terribile silenzio sopravvenuto nella camera a una momentanea sospensione di quel rantolo, non mi sorpresi nello specchio dell'armadio, voltando non so perché il capo, curvo sul letto di mia madre e intento a spiare davvicino, se non fosse morta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vidi con orrore in quello specchio la mia faccia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'allegrezza del Golisch, invece, quando - una ventina di giorni dopo - sorretto dalla sorella e dal nipote, poté muovere i primi passi per la camera! Gli occhi, è vero, no, senza uno specchio non se li poteva vedere: attoniti, smarriti, come quelli di Beniamino Lenzi; ma della gamba sí, perbacco, avrebbe potuto accorgersi bene che la strascicava a stento...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Per esempio: tre anni fa, radendosi la barba e vedendosi allo specchio piú brutto del solito, già invecchiato, infermiccio, s'era lasciata andare una bella rasojata alla gola, tirata coscienziosamente a regola d'arte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Uscita dall'ospedale, innanzi a un piccolo specchio nella sua povera cameretta, si confisse uno stiletto puntato contro la parete, là, nel bel mezzo del segno che la rivale ignara le aveva tracciato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
come lanciato da una mano invisibile; l'armadio a specchio scricchiolare e tremar tutto, come avesse le convulsioni, e dentro...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
LA FEDELTÀ DEL CANE Mentre donna Giannetta, ancora in sottana, e con le spalle e le braccia scoperte e un po' anche il seno (piú d'un po', veramente) si racconciava i bei capelli corvini seduta innanzi alla specchiera, il marchese don Giulio del Carpine finiva di fumarsi una sigaretta, sdrajato sulla poltrona a piè del letto disfatto, ma con tale cipiglio, che in quella sigaretta pareva vedesse e volesse distruggere chi sa che cosa, dal modo come la guardava nel togliersela dalle labbra, dalla rabbia con cui ne aspirava il fumo e poi lo sbuffava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Donna Giannetta, che se ne stava ancora alla specchiera, con le spalle voltate, lo vide nello specchio, e con una mossetta degli occhi gli domandò: - E allora...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché lo farebbe? E con Lulú, poi? Donna Giannetta, finito d'acconciarsi i capelli, si levò dalla specchiera.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando fu pronta, col cappellino in capo e la veletta abbassata, si guardò allo specchio, di faccia, di fianco, poi disse: - Non bisogna presumer troppo di sé, caro! Io ci ho piacere per il povero Lulú, e anche per me...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma perché poi, quand'egli andava a veder la figlia, e lo trovava lí, a tavola con lei e il genero, come se fosse di casa, era accolto da lui quasi con dispetto, gelidamente? Poteva darsi che quest'impressione di gelo gli fosse data dal luogo, da quella vasta sala da pranzo, lucida di specchi, splendidamente arredata? Ma che! no! no! Non si era soltanto allontanato il Verona; il tratto, il tratto di lui era proprio cangiato; gli stringeva appena la mano, appena lo guardava, e seguitava a conversar col Gualdi, come se non fosse entrato nessuno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non ti piace? - gli domandò Lina, spuntandosi il cappellino innanzi al noto specchio sul cassettone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Oh, guarda! Me n'accorgo dallo specchio...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Un lampadino ardeva sul cassettone, riparato da uno specchio a tre luci: il lume si projettava su la parete vivamente, precisando il disegno e i colori della carta da parato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le due amiche, che avrebbero provato orrore se anche fugacissimamente su lo specchio interiore della loro coscienza avesse fatto capolino, col viso spaventato del ladro, il desiderio d'un reciproco tradimento, sentirono subito e videro crescere in sé a un tratto e divampare una vivissima simpatia l'una per il cognato dell'altra, e non tardarono a dichiararsela apertamente, con gran sollievo dell'anima, come se ciascuna avesse acquistato di punto in bianco qualcosa che si sentiva mancare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma dove andare? e perché? Che funebre squallore nel bujo delle vie deserte, vegliate dai radi lampioni! Rivide col pensiero, come in sogno, altre vie meglio illuminate; immaginò la gente che vi passava, assorta nelle proprie cure, con affetti vivi in cuore, con desiderii vivi nell'anima, o guidata da una abitudine ch'egli non aveva piú; immaginò i caffè luccicanti di specchi...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Veniva da una scuderia principesca, lui, dove uno si poteva specchiare nei muri: greppie di faggio a ogni posta, campanelle d'ottone, battifianchi imbottiti di cuojo e colonnini col pomo lucente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ed ecco qua, ora sta a lavarsi la faccia; e ora si fa davanti allo specchio, al solito, per annodarsi con cura la cravatta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si recò davanti allo specchio della mensola; si cacciò un dito a un angolo della bocca e la stirò per guardarvi dentro il dente cariato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- È appunto questo il guajo, cara comare! appunto questo! - Questo? Perché? Che dite? Il cognato, in luogo di rispondere, uscí in una domanda curiosa: - Vi siete mai guardata allo specchio, cara comare? Zia Michelina si sentí riassalire improvvisamente dall'orrore di quel primo sospetto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E infine, poiché zia Michelina, oppressa dall'onta, s'era messa a piangere, prendendo questo pianto come remissione, per confortarla e dimostrarle che Marruchino aveva ben ragione se si era innamorato di lei, ripeté il consiglio d'andarsi a guardare allo specchio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Corse a guardarsi allo specchio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Già, prima d'andare a letto, aveva voluto provarsi ancora una volta la veste lunga da viaggio, davanti allo specchio dell'armadio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- si era veduta, lí nello specchio, troppo piccola, magrolina, miserina...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E lo specchio, su quel cassettone, fin dall'estate scorsa, tutto ricamato dalle mosche.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sapendo di non poter piú ingannare nessuno e neanche se stessa, si ritruccava quella sua povera maschera sciupata con violento dispetto per rappresentare almeno per qualche momento, di sfuggita, davanti allo specchio quella lontana immagine di gioventú passata invano, ahimè.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Esco io, piú tardi, - poi disse, facendosi davanti allo specchio sul cassettone, e ravviandosi dopo tanti giorni i capelli con un tale gesto, che la madre dalla poltrona rimase a mirarla per un lungo pezzo, atterrita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo specchio di quell'armadio ora riflette la vostra immagine, e non ne serba traccia; non serberà traccia domani di quella d'un altro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo specchio, per sé, non vede.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo specchio è come la verità.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma avete potuto riderne, perché non vi siete mai affondati a considerare il mio bisogno smanioso di presentarmi a me stesso nello specchio con un aspetto diverso, di illudermi di non esser sempre quell'uno, di vedermi un altro! Ma sí! Che ho potuto alterare? Sono arrivato, è vero, anche a radermi il capo, per vedermi calvo prima del tempo; e ora mi sono raso i baffi, lasciando la barba; o viceversa; ora mi sono raso baffi e barba; o mi son lasciata crescer questa ora in un modo, ora in un altro, a pizzo, spartita sul mento, a collana...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sbrigatevi! Ah sí! prima che donna Rosolina si risolvesse a licenziarsi dalla propria immagine nello specchio, dovette passare piú di un'ora.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ecco: e quelle labbra si erano congiunte nel bacio alle labbra di lui; ma perché mai agli angoli della bocca quella piega dolorosa? e perché cosí mesto lo sguardo di quegli occhi intensi? Tutto il volto spirava un profondo cordoglio; e Anna ebbe quasi dispetto della bontà umile e vera che quei lineamenti esprimevano, e quindi un moto di repulsione e di ribrezzo, sembrandole a un tratto di scorgere nello sguardo di quegli occhi la medesima espressione degli occhi suoi allorché, pensando al marito, ella si guardava nello specchio, la mattina, dopo essersi acconciata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
non so! Guardi, sono di là, su la specchiera, in camera della mamma.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dov'erano le chiavi? Le prese dalla specchiera, e seguí la serva nello studiolo della madre.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
a goder dell'ordine perfetto di tutte le stanze, della lindura di tutti i mobili, di quel silenzio di specchio che c'era prima in casa mia, misurato dal tic-tac della pendola nel salotto da pranzo...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma possibile che tal necessità non le appaja quasi grottesca e, a ogni modo, ripugnante? Va a guardarsi allo specchio; si vede anche piú brutto di quel che non sia: ingiallito dai patimenti e dalla miseria, squallido, calvo, quasi cieco.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Annicchia sporse il capo per guardarsi nello specchio dell'armadio e subito esclamò, con le mani per aria: - Mamma mia! Il fumo della ferrovia e le lagrime versate alla stazione le avevano insudiciato il volto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nel silenzio, gli oggetti della camera, le tende, la candela che ardeva sul cassettone, riflessa nello specchio, parve al Gelli che assumessero, nella immobilità loro, sentimento di vita e fossero come sospesi in una attesa angosciosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ella sapeva com'egli, per la malía di questa voce e attraverso alle timide risposte che riceveva alle sue domande insistenti, la vedeva; e si sforzava davanti allo specchio di somigliare a quell'immagine fittizia di lei, si sforzava di vedersi com'egli nel suo bujo la vedeva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
PENA DI VIVERE COSÍ I Silenzio di specchio, odore di cera ai pavimenti, fresca lindura di tendine di mussola alle finestre: da undici anni cosí, la casa della signora Lèuca.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tutto arruffato, arrozzito, malandato, irto di commozione, fu, tra quella specchiante lindura di casa, per quei mobiletti gracili, nitidi del salottino, gelosi della loro castità, uno sbalordimento d'angosciosa trepidazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma l'altro giorno s'è fermato allo specchio d'uno sporto di bottega per guardarsi a lungo le labbra, passandovi sopra un dito, lentamente, stirando, per accertarsi che non vi avvertiva nessuna screpolatura.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lei stessa, guardandosi allo specchio, in mezzo alle belle cose che la circondano in quella camera da letto, e che si riflettono quiete e luminose nello stesso specchio, quasi non si riconosce piú.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si rammenta all'improvviso delle due cordelline bisunte che tenevan legate le treccine della figliuola e che son rimaste sulla specchiera.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Addio silenzio di specchio, ordine, quiete, lindura.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La signora Lèuca cederà la sua, che è la piú grande, alle tre bambine, e lei dormirà nella stanzetta accanto, dov'era prima il salottino, rinunziando al grosso armadio a tre specchi, che non vi troverebbe posto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E nuovo, tutto quanto nuovo veramente ha voluto almeno l'arredo per la camera delle bambine, scegliendo lei ogni cosa, in giro per mezze giornate da una bottega all'altra: i tre lettucci bianchi, di ferro smaltato (di legno, li avrebbe voluti; ma, fosse stato uno! tre, costavano troppo; e bisognerà pensare a far un po' d'economia su tutto, d'ora in poi!); bianchi però, li ha voluti anche bianchi, laccati bianchi, i due cassettoni e l'armadietto a specchio, le seggiole e i due tavolinetti da scrivere col palchettino da un lato, per le due piú grandicelle che vanno a scuola (forse, non è stato prudente, bianchi anche questi: ci sarà il pericolo che presto li macchieranno d'inchiostro; ma ella si propone d'insegnar loro a far tutto a modino e di sorvegliarle sempre, tutt'e due, quando faranno i compiti di scuola, non perché non macchino i tavolini, ma per i compiti, che li facciano bene); e poi rosei, i tappetini a piè del letto; rosea anche la tenda alla finestra, e rosee le sopracoperte dei lettucci.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La signora Mielli nota poi che l'amica, prima cosí curata sempre nelle vesti, nell'acconciatura, ora è proprio trascurata, pettinata male, se non addirittura spettinata, come se non avesse piú né tempo né voglia di guardarsi allo specchio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché a poco a poco l'orrore del corpo di lui, in tutte quelle immagini indelebili che le si erano destate durante la confessione delle sue turpitudini, era divenuto orrore del suo stesso corpo; il quale, ogni sera, davanti allo specchio, appena ella si richiudeva in camera (e senza piú girar la chiave nella serratura!) le domandava, se davvero esso fosse ormai cosí poco desiderabile, da non esser piú nemmeno guardato di sfuggita da un uomo come quello, che s'era contentato fino a poco fa d'una donnaccia volgare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E allora, per quest'orrore del proprio corpo, di giorno in giorno crescente, quanto piú le cresceva la certezza della piú tranquilla noncuranza di esso da parte del marito (sempre, per altro, umile e come mortificato davanti a lei), via ogni tentazione di guardarsi allo specchio! Non s'era piú guardata neanche di mattina, per pettinarsi; ma senza voler tuttavia riconoscere che lo faceva per questo, rappresentando la commedia davanti a se stessa, dicendosi che doveva rifarsi, cosí, in fretta in furia, i capelli, perché non aveva piú tempo, con quelle due piú grandicelle da badare ogni mattina, perché arrivassero in orario alla scuola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Voleva che il suo sguardo, il suo mostrarsi a ogni bisogno fossero tacito ammonimento o muta riprensione; specchio, sostegno, intoppo, consiglio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
È vero che, sempre, per paura che lo specchio fosse appannato dai fiati brutali della plebe, o che il sostegno fosse scalzato con qualche spintone che lo mandasse a schizzar lontano, soleva tenersi alquanto discosto; ma pur sempre restava con tutto il corpo a far atto di volersi appressare e parare e moderare, secondo i casi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come mai una cosí specchiata amministrazione non si rendeva conto dei furti continuati e cosí esorbitanti di quel cagliostro? Saltavano agli occhi di tutti; e lui stesso lo Zezza, lui stesso, con la sua espansiva spontaneità di bestia impudente, quasi non ne faceva piú mistero.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Usceri in livrea; scale di marmo, corridoj da potercisi specchiare, con magnifiche guide, illuminati a luce elettrica, riscaldati a termosifone; e per tutto tabelle: Sezione I, Sezione II, Sezione III, e a ogni uscio l'indicazione dell'ufficio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se volesse aver la bontà di guardarsi allo specchio...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il professor Gori scattò in piedi, urlando: - Lasciate! Mi proverò io! Non ne posso piú! Ma, appena si presentò allo specchio, diede in tali escandescenze, che quella poverina si spaventò.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
S'appressò all'unico specchio della cameretta, lí in un angolo, a bilico nel modestissimo lavabo di ferro smaltato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sí, ma se non era l'antico amore a farle da fermento dal piú profondo dell'anima, perché ora quella specie d'ebbrezza che le gonfiava il petto, e quello struggimento che voleva traboccarle in nuove lagrime; non piú brucianti, queste? Per fortuna lo specchio era là nell'angolo, e la maestrina Boccarmè non vide come s'appuntiva sgraziatamente sulla sua povera bocca appassita quel vezzo che sogliono fare i bambini prima che si buttino a piangere; e il mento, come le tremava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cosí in camicia e scalzo, passando davanti all'armadio per prendere dal cassettone la boccetta dell'acqua antisterica e il contagocce, si vide nello specchio, e istintivamente levò la mano a rassettarsi sul capo la lunga ciocca di capelli, con cui s'illudeva di nascondere in qualche modo la calvizie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Perché ti fai cosí brutto? Perché non mi baci? Lui scappò via e, davanti allo specchio, si mise a piangere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Allibí dapprima, poi l'ira, lo sdegno le fecero un tale impeto nello spirito ch'ella, con le mani tra i capelli e gli occhi sbarrati e ferocemente fissi, si vide quasi impazzita nello specchio di quello stipetto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La moglie era davanti la specchiera a pettinarsi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Di tra le braccia alzate sul capo, le scorse nello specchio il volto, incontrò lo sguardo di lei, che esprimeva sorpresa di vederlo in casa a quell'ora insolita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Donna Ester lo seguí con gli occhi e guardò a lungo verso il belvedere , come affascinata dal luccichio dei bicchieri e del vassoio d'argento che Natòlia agitava lassú come uno specchio ; l'idea che il cugino ricco facesse caso del nipote povero bastava per renderla felice .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Grandi ranuncoli gialli , umidi come di rugiada , brillarono nei prati argentei , e le prime stelle apparse al cadere della sera sorrisero ai fiori: il cielo e la terra parevano due specchi che si riflettessero .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Passando dal ponte dell’Arti gli mostravo quel po’ di verdura che cresce modesta nell’isoletta appiè degli archi del ponte Nuovo, e consola le meste acque dove si specchia il palazzo di Luigi Filippo: ed egli: sì, bene: e guardava la facciata dell’Istituto, e le fide colonne appiccicate agli edifizi di Francia, che pare vogliano entrar loro in corpo.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Il cielo or mi pare innamorato specchiarsi in quest’atomo, or quasi mano immensa che minacci serrarsi e schiacciare la terra.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma l’ampia rada, allegro specchio dell’ampio sereno, e i suoi cento vascelli schierati in grand’ordine quasi a pompa, vomitano sulla briosa città l’oro e i vizi e il contagio di tutti i paesi del mondo.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ella, taciuto, intenda e affini il mio sentire, brilli del mio gioire, e come specchio il renda.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quando rivedo nella memoria qualche casupola nera che ora specchia nel lago le sue gale di zotica arricchita, qualche gaia palazzina elegante che ora decade in un silenzioso disordine; il vecchio gelso di Oria, il vecchio faggio della Madonnina, caduti con le generazioni che li veneravano; tante figure umane piene di rancori che si credevano eterni, di arguzie che parevano inesauribili, fedeli ad abitudini di cui si sarebbe detto che solo un cataclisma universale potesse interromperle, figure non meno familiari di quegli alberi alle generazioni passate, e scomparse con essi, quel tempo mi pare lontano da noi molto più del vero, come al barcaiuolo Pin, se si voltava a guardar il ponente, parevano lontani più del vero, dietro la pioggia, il San Salvatore e i monti di Carona. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Alzò le dita dalla tabacchiera con un sorriso maligno, e scosso giù, a colpettini misurati, il soverchio della presa, se la fiutò a suo grande agio, si fece dar il fazzoletto dalla moglie e la ricompensò borbottando con una faccia benigna, nel raggomitolar il fazzoletto: «Povera donna! Povera diavola!» Infilato e abbottonato l'abito dopo mezz'ora di lavoro, esclamò sul serio: «Corpo, che fatica!», e andò allo specchio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Chi passando per l'alto lago avesse potuto discernere tutte queste figure 80 meditabonde, inclinate all'acqua, senza veder le bacchette né i fili né i sugheri, si sarebbe creduto nel soggiorno d'un romito popolo ascetico, schivo della terra, che guardasse il cielo giù nello specchio liquido, solo per maggiore comodità. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
I soldati si erano tutti ammucchiati a prora su cataste di sacchi e barili, quale seduto, quale sdraiato, quale in piedi, e cantavano a squarciagola, con l'accompagnamento cupo delle ruote del vapore che filava diritto giù verso lo sfondo di cielo cui le sottili colline d'Ispra dividono dall'immenso specchio dell'acque, verso il Ticino. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Lo zio Piero si piantò a quella finestra contemplando l'isolotto, il mucchietto di case sporgente dallo specchio del lago e appuntato in un campanile, le grandi montagne di Val di Toce e di Val di Gravellone, mezzo nascoste da una nebbiolina penetrata di sole. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dietro ai bambù, fra i grossi tronchi distorti degli strobus, si vedeva tremolare lo specchio delle acque bianche fino alla lista nera delle colline d'Ispra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
E non mai aveva conosciuto la sua propria forma come in quel punto, non mai nel suo letto, non mai nel suo bagno, non mai davanti al suo specchio: le lunghe gambe lisce come quelle dei chiari Crocifissi d'argento levigate da mille e mille labbra pie; l'esiguità delle ginocchia agevoli in cui era il segreto del passo ammirabile; le piccole mammelle sul petto largo come il petto delle Muse vocali, dall'ossatura palese di sotto i muscoli smilzi; e le braccia non molli ma salde che pur sembravano portare la più fresca freschezza della vita come una ghirlanda rinnovata a ogni alba; e chiuse nei guanti flosci le magre mani fino alle unghie screziate di bianco, sensibili come il cuore purpureo, ricche di un'arte più misteriosa che i segni scritti nelle palme; e tutto il calore diffuso sotto la pelle come una stagione dorata, e l'inquietudine delle vene, e l'odore profondo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
E il regno era del cielo inoccupato; ché qualcosa d'aereo, per tante quiete acque specchianti, alleviava la terra come i grandi occhi allèviano il volto umano. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
La lor felicità terribile non più si tendeva a mordere il dolore ma ad ascoltare il grido della bellezza dilaniata e derelitta. Pareti e volte decrepite; vecchie tele sfondate; tavole e seggiole sgangherate dalle gambe d'oro misere; tappezzerie lacere accanto a intonachi che si scrostavano, a mattoni che si sgretolavano; vasti letti pomposi, riflessi da specchi foschi; impalcature alzate a reggere i soffitti; e l'odore della muffa risecca e l'odore della calcina fresca; e pel vano d'una finestra due torri rosse nel cielo, un cigolio di passeri, uno schiamazzo di monelli; e pel vano d'un'altra una strada deserta, una chiesa senza preghiere, il picchierellare di due stampelle; e appeso un lampadario a gocciole di cristallo, e obliqua una striscia di sole sul pavimento; e un altro lampadario e un'altra striscia, e più triste la cosa lucida che l'estinta; e ancóra lampadarii in fila, guasti, pencolanti, simili a fragili scheletri congelati. O desolazione, desolazione senza bellezza!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Varcarono una soglia; e li coperse il cupo azzurro d'un cielo notturno ove i segni zodiacali scintillarono riflettendosi nell'acqua stagnante degli specchi. Per la finestra saliva il profumo cocente e possente della magnolia, ebrezza delle costellazioni. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— No, Isabella. Siamo noi, nello specchio. Perché tremate così?
---------------
Era un alto cristallo che, in bilico tra due colonnette, rasentava il pavimento specchiando l'intera persona diritta in piedi. Il fascino n'emanava come da un parallelogrammo magico. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Un gran sobbalzo la distaccò dall'amante. E le sue pàlpebre gravi battevano per respingere la nube addensata, per riacquistare il lume, per distinguere il fantasma dalla presenza certa. Era ancóra l'imagine nello specchio? Era ancóra lo sguardo della follia negli occhi suoi divenuti estranei? Era il pallore stesso della sua perdizione quello? Ah, non credeva di poter essere tanto livida!(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Involontariamente Paolo si volse dall'altra parte, con l'atto di guardare sul camino di marmo rosso lo specchio barocco in una ghirlanda di Amorini alati, stretto dall'ansia, temendo che su lui apparisse la medesima traccia. Scorse il capo di Vana alzato verso il labirinto del soffitto e percosso da un fascio di luce sinistra. Con un colpo sordo nel cuore, udì l'accento della voce ammirabile nella menzogna. Conobbe la nuova qualità di quella voce, che diceva: (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Non un soffio moveva le cime delle canne, le vermene dei giunchi, le fiammelle dei papaveri, lo specchio delle acque. Solo il coro delle rane diffondeva il senso del moto in forma di ritmo, simile alla vibrazione della bianchezza. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Posatoi rupestri del Mokattam, pregni di splendore come gli alabastri delle meschite, dove nel mattino gli avvoltoi fulvi s'indugiano al sole che dissecchi la rugiada su le lunghe remiganti disgiunte e curano i fusti teneri delle penne nascenti e a quando a quando starnazzano per esercitar le giunture e, nel sentire il soffio, di sùbito si gettano giù abbassandosi per un tratto di frombola senza batter l'ali e partono di primo volo e salgono al sommo e poi discendono col becco al vento e s'aggirano spiando tutta la contrada e si sospendono nell'aria immobili e poi risalgono e poi ridiscendono, senza mai batter l'ali! Specchi della Palude Mareotide, coperti d'ampie ninfee natanti che sorgono all'improvviso con uno strepito simile a quello dei cigni; e sono i pellicani dall'occhio scarlatto, i gravi pellicani dal sacco gutturale venato come le dàlie;(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Quando sedette dinanzi allo specchio e diede nelle mani della cameriera le sue trecce strette come i torticci dei marinai, mirò attonita la sua bellezza che le parve meravigliosamente maturata in quei pochi attimi all'ardore dei suoi mali. Quando i capelli sciolti la copersero contendendole la vista di quel volto troppo nudo, ebbe un senso di sollievo e di refrigerio come sotto un tremolìo di rivi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il luogo era fatto pel grido lirico e per la meditazione appassionata. V'entrava la luce della foresta e del giardino. La massa cupa del lungo pianoforte orizontale vi riluceva polita come un'arca costrutta col marmo notturno della Palmària. Quando Aldo sollevava il coperchio, vedeva due mani esangui escire dal buio; ed erano le sue proprie mani riflesse dall'ebano come da un nero specchio. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
L'umidità fluviale attirava l'Àrdea come in un risucchio. Nella corrente pigra si specchiavano come in uno stagno immobile le grandi ali senza battito. Tra i canneti tra i salci tra le vétrici, lungo le ripe di belletta arenosa e di radiche scalzate, l'uccello gigantesco visse per qualche attimo la vita solinga e guardinga del piombino verdecilestro, quasi rasente l'acqua. Poi si risollevò, sorpassò gli argini, volò su le paludi su i pascoli su i silenzii compresi fra l'Anguillara e il Fiume Morto come fra il Cocito e il Flegetonte. La bellezza dell'Elisio e dell'Ade sorrise e pianse nel vespero. Tutto fu ricordo e sogno. Tutto fu melodia e visione. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— La canzone che non canterai! La canzone che non canterai! — ripeteva la moritura sorridendo e guardando il giovinetto con uno sguardo che lo agghiacciava come fosse il suo medesimo veduto di notte in uno specchio quando l'imagine specchiata non è la nostra ma quella dell'intruso che abita in noi e usurpa la nostra sostanza. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Noi stessi, nello specchio cupo
---------------
— Ciascuno in uno specchio ha una follìa che l'atterrisce e l'attira. Vuoi andartene da me? Vuoi che ci separiamo domani? Vuoi che non ci rivediamo più?
---------------
Le ginocchia non la reggevano. Si volse; sedette dinanzi allo specchio e diede nelle mani della cameriera le sue trecce strette come i torticci dei marinai. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ascoltò, inclinata verso l'uscio aperto. S'udì soltanto il ferro stridere sul colmigno, e poi nulla più. Le mani silenziose la pettinarono. La sua anima inquieta entrò in uno stato d'indefinito ricordo. Le pareva che quella notte fosse incominciata chi sa quando; chi sa quando, come in una favola confusa. I suoi capelli scorrevano, scorrevano come un'acqua lenta, e con essi mille cose della sua vita informi, oscure, labili, tra oblio e ritorno. E a un tratto, sopra quel fluire, sembrava che le pareti si serrassero, massicce, minacciose, inesorabili. E la realtà era in loro come il mattone, come il cemento. Ed ella sentiva vivere nella casa le creature che soffrivano di lei, che soffrivano per lei. Sentiva su sé tutta la casa pesante come una nube d'angoscia. E si chiedeva: «Perché ho fatto questo?» E, mentre cercava dentro di sé la risposta, tutto ancóra si difformava, si dissolveva, fluiva. Il passaggio iterato del pettine nella massa dei suoi capelli era come un incantesimo che da tempo durasse, che fosse per continuare senza fine. Il suo viso in fondo allo specchio s'allontanava s'allontanava senza lineamento, poi si ravvicinava ritornando dal fondo, e non era più il suo viso. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
L'insonne levò la fronte bagnata di sudore; e l'atto ch'ella compiva le fu presente come in uno specchio. Una sensazione confusa di duplicità era nel suo corpo. Ella stessa pareva trarre sé fuori di sé. Poi dalla sua sostanza si foggiavano cose mostruose, come quelle malattie che ci deformano nei sogni e che talvolta sono un indizio latente. E il silenzio viveva ingannevole, inafferrabile, traversato da suoni che mutavano di natura quando l'orecchio era per riconoscerli. Qualcosa di simile a un passo vi s'iterava, qualcosa di simile a una pesta lieve ma assidua, onde sorgeva l'imagine indistinta della fiera che senza posa percorre su e giù la gabbia con le sue zampe elastiche e concitate. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
La donna uscì. Ella rimase nella vasta camera di damasco verde, che odorava di gelsomino come l'estate del giardino di Volterra. Il gran letto era preparato; la lunga camicia molle e trasparente era posata su la rimboccatura orlata di pizzo. Su la tavola della specchiera brillavano innumerevoli cristalli metalli avorii: fiale d'essenze, scatole di cosmetici, pettini e spazzole di varia densità, in bacili o in custodie arnesi più sottili e più diversi che quelli di qualsiasi altra arte, tutti gli strumenti e tutti i segreti addetti al culto del corpo trionfale. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella sapeva come la salma si ponga in apparecchio di sepoltura: si ricordava di sua madre. Apprestò il suo giovine corpo, scarno e forte come quello d'una Martire indomabile. Lo purificò. Si lasciò pettinare, pazientemente. Scelse la più bella delle sue vesti bianche. Evitò di guardarsi nello specchio per non essere indotta a commiserare la sua giovinezza. Ma era tanto bella nel suo rigore adamantino, che la donna non poté trattenere una parola di maraviglia. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli uscì per dare gli ordini alla donna abile e discreta che accudiva al servizio. Rientrando, trovò Isabella che si guardava nello specchio minutamente i segni dei colpi nella faccia. Ella aveva su la fronte una lunga scalfittura rossa; un'altra scalfittura sul collo, sotto l'orecchio destro; un gonfiore nerastro al labbro di sopra, e qua e là lividure che cominciavano a scurirsi. Sorrise nello specchio, senza volgersi; e la contrattura le fece dolere il labbro. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Non dovevi guardare in quello specchio. Ho paura, ho paura. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Paolo non sopportava quegli occhi limpidi che lo guardavano; né poteva gridare la sua discolpa. Ma accoglieva la fatalità del male che la misera gli faceva e nell'amore e nella demenza e nella morte. E tacque; e specchiò la sua solitudine nel suo duro silenzio come in una lastra di marmo nero. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
* Berto, al contrario, bello di volto e di corpo (almeno paragonato con me), non sapeva staccarsi dallo specchio e si lisciava e si accarezzava e sprecava denari senza fine per le cravatte più nuove, per i profumi più squisiti e per la biancheria e il vestiario. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* La casa era modesta; ma già tra i vecchi mobili si notavano parecchi nuovi venuti, pretensiosi e goffi nell’ostentazione della loro novità troppo appariscente: due grandi lumi di maiolica, per esempio, ancora intatti, dai globi di vetro smerigliato, di strana foggia, su un’umilissima mensola dal piano di marmo ingiallito, che reggeva uno specchio tetro in una cornice tonda, qua e là scrostata, la quale pareva si aprisse nella stanza come uno sbadiglio d’affamato. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Eseguito con le proprie mani, da sé, davanti allo specchio. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Andai ad accertarmene allo specchio. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ero ancora com’ebbro di quella gaiezza mala che si era impadronita di me da quando m’ero guardato allo specchio. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Il brav’uomo, tutto sudato, mi porgeva uno specchietto perché gli sapessi dire se era stato bravo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Ma a codesto specchietto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Avevo già effettuato da capo a piedi la mia trasformazione esteriore: tutto sbarbato, con un paio di occhiali azzurri chiari e coi capelli lunghi, scomposti artisticamente: parevo proprio un altro! Mi fermavo qualche volta a conversar con me stesso innanzi a uno specchio e mi mettevo a ridere. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Il cuore forse ce l’avrei; ma io sono anche giusto, signorina; mi guardo allo specchio, con questo bel paio d’occhiali, che pure sono in parte pietosi, e mi sento cader le braccia: «Come puoi tu pretendere, mio caro Adriano,» dico a me stesso, «che qualche donna s’innamori di te?». ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Vedi? vedi, Adriana, che lo specchio ha parlato? Che ti dicevo io?
---------------
* – Non lo specchio, signorina – dissi però. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Non era vero: aveva ragione lei, la signorina Caporale: lo specchio, lo specchio aveva parlato e mi aveva detto che se un’operazione relativamente lieve poteva farmi sparire dal volto quello sconcio connotato così particolare di Mattia Pascal, Adriano Meis avrebbe potuto anche fare a meno degli occhiali azzurri, concedersi un paio di baffi e accordarsi insomma, alla meglio, corporalmente, con le proprie mutate condizioni di spirito. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi trovai, senza saperlo, davanti allo specchio, come se qualcuno mi ci avesse condotto per mano. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Non potendo con altri, mi consigliai di nuovo con lo specchio. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E invano quel povero me che per tanto tempo se n’era stato con le finestre chiuse e aveva fatto di tutto per alleviarsi la noia smaniosa della prigionia, ora – timido come un cane bastonato – andava appresso a quell’altro me che aveva aperte le finestre e si destava alla luce del giorno, accigliato, severo, impetuoso; invano cercava di stornarlo dai foschi pensieri, inducendolo a compiacersi piuttosto, dinanzi allo specchio, del buon esito dell’operazione e della barba ricresciuta e anche del pallore che in qualche modo m’ingentiliva l’aspetto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma se il valore e il senso universalmente umano di certe mie favole e di certi miei personaggi, nel contrasto com’egli dice, tra realtà e illusione, tra volto individuale ed immagine sociale di esso, consistesse innanzi tutto nel senso e nel valore da dare a quel primo contrasto, il quale per una beffa costante della vita, ci si scopre sempre inconsistente, in quanto che, necessariamente purtroppo, ogni realtà d’oggi è destinata a scoprircisi illusione domani, ma illusione necessaria, se purtroppo fuori di essa non c’è per noi altra realtà? Se consistesse appunto in questo, che un uomo o una donna, messi da altri o da se stessi in una penosa situazione, socialmente anormale, assurda per quanto si voglia, vi durano, la sopportano, la rappresentano davanti agli altri, finché non la vedono, sia pure per la loro cecità o incredibile buonafede; perché appena la vedono come a uno specchio che sia posto loro davanti, non la sopportano più, ne provan tutto l’orrore e la infrangono o, se non possono infrangerla, se ne senton morire? Se consistesse appunto in questo, che una situazione, socialmente anormale, si accetta, anche vedendola a uno specchio, che in questo caso ci para davanti la nostra stessa illusione; e allora la si rappresenta, soffrendone tutto il martirio, finché la rappresentazione di essa sia possibile dentro la maschera soffocante che da noi stessi ci siamo imposta o che da altri o da una crudele necessità ci sia stata imposta, cioè fintanto che sotto questa maschera un sentimento nostro, troppo vivo, non sia ferito così addentro, che la ribellione alla fine prorompa e quella maschera si stracci e si calpesti?
---------------
* Era ancora l' idea fissa medioevale dello specchio di tutte le cose , ma fatta più ragionata e spirituale . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* C è qualcosa al di là della rappresentazione ? La conoscenza è una fida finestra sul reale oppure un sistema di vetri appannati e istoriati che filtrano solo immagini false e ombre incerte di verità ? E e' è davvero qualcosa dietro la conoscenza oppure il nulla , come dietro la vita ? Sarebbe forse soltanto specchio di sé stessa , buccia senza tronco e finestra sul vuoto ? Queste domande che Tuomo sano non si fa ; che il filosofo di mestiere fa tacere colle sentenze e gli espedienti della profondità verbaiola mi turbavano profondamente , e mi forzavano a un gioco di cervello senza riposo , a una caccia disperata di argomenti , di sofismi e di scappatoie , mi rendevano ansimante , inquieto , instancabile , come se la mia vita stessa ne dovesse dipendere . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Pochi discorsi mi bastavano per ricostruire la psicologia d'un uomo e quando l'avevo ricostruita gliela mettevo dinanzi perchè quello ci si vedesse dentro come in uno specchio e ne arrossisse e se ne vergognasse . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Le teorie non persuadon che i meno e seccano i più , ma arte viva , la poesia prepotente e afferrante [la poesia poetica , con tutto il suo colore , la sua armonia e la sua irrespingibile immediatezza] avrebbe piegato gli uomini a specchiarsi nel mar morto dell' esistenza umana e a ritrarsene inorriditi , — subitaneamente presi dalla volontà di fuggire , di essere altrimenti . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Per Narciso lo specchiarsi nello stagno incorniciato di margherite fu cagione di morte ; per l'umanità sarebbe stato cagione di nuova vita . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Trovo un po' di conforto nella confessione , ma quando ho riflesso nello specchio delle concitate parole la mia lurida immagine di traditor di sé stesso , perchè tutti la veggano e ci sputino sopra , mi credo perdonato e salvato , mi rialzo con aria di trionfo , come se la sciagurata esibizione mi avesse purificato e trasformato . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma dopo questa furia divoratrice torna fuori il fantastico che immagina storie impossibili , che deforma la realtà , che proietta nel comodo specchio dell' immaginazione i suoi istinti più malvagi , i suoi desideri più forsennati , che crea più in grande gli uomini che odia e gli uomini che ama , prendendo dalla vita stessa lo spunto reale per prolungarlo e ingigantirlo nel sogno . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
Quel giorno , passando dal letto alla poltrona , si fermò dinanzi allo specchio e , rimirandovisi , mormorò:
---------------
* Giunto accanto a lui , guardandomi in uno specchio , accesi una sigaretta .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Nello specchio mi vidi molto pallido ciò che per me è una ragione per impallidire di più .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Essa , che non vi aveva mai abitato , conosceva la nostra villa meglio di me e sapeva che in una stanza mancava uno specchio , in un’altra un tappeto e che in una terza v’era il posto per una statuina .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* La salute non analizza se stessa e neppur si guarda nello specchio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
alluminare
= o alluminiare , verbo trans. rivestire con uno strato d'alluminio specchio alluminato , - verbo trans. illuminare istruire , spiegare - verbo trans. miniare - verbo trans. trattare una stoffa con allume .
---------------
ammaraggio
= discesa di un aeromobile su uno specchio d'acqua .
---------------
armoire
= armadio a vetri o a specchi .
---------------
avamporto
= specchio d'acqua protetto antistante il porto vero e proprio , per operazioni di manovra o sosta o per accogliere le navi più grandi .
---------------
caminiera
= grande specchio ornamentale sovrastante il caminettola mensola che sporge sopra il caminettoparafuoco di metallo collocato davanti al caminetto 4 cassa o cesta per la legna che si tiene vicino al camino 5 fumaiolo delle navi a vapore
---------------
cardano
= giunto cardanicocardano ottico, sistema di lenti e specchi usato in fotogrammetria per dirigere in una direzione voluta un raggio o un fascio di raggi provenienti da una direzione qualsiasi.
---------------
caustica
= figura prodotta dall'aberrazione sferica quando un fascio di raggi paralleli si riflette su uno specchio curvo o si rifrange attraverso una lente.
---------------
celostato o celostata,
= strumento ottico costituito da due specchi , usato per riflettere la radiazione del sole o di un'altra stella sempre nella stessa direzione.
---------------
darsena
= specchio d'acqua nella parte più riparata di un porto - per il ricovero delle navi in avaria
---------------
eliografo
= telegrafo ottico che trasmette segnali riflettendo la luce del sole - o una luce artificiale - mediante specchi
---------------
endoreico
= bacino idrografico le cui acque si riversano - anziché nel mare - in uno specchio d'acqua interno .
---------------
gibigiana o gibigianna ,
= gioco di luce riflessa su uno specchio o su un vetro
---------------
idroaerogiro
= aerogiro munito di strutture per l'ammaraggio e il decollo da specchi d'acqua .
---------------
mandracchio
= nei porti, specchio d'acqua ben riparato, usato quale darsena per piccoli scafi
---------------
miraggio
= fenomeno ottico, dovuto a rifrazione e riflessione totale di raggi luminosi attraverso strati di atmosfera a diversa densità , per cui oggetti lontani possono apparire in posizione diversa dal reale, capovolti come se fossero riflessi in uno specchio d'acqua oppure librati nell'aria - illusione, speranza infondata
---------------
miraglio
= specchio
---------------
navigabile
= si dice di canale , fiume , specchio d'acqua in cui sia possibile la navigazione
---------------
otoscopio
= strumento ottico a specchio per effettuare l'otoscopia .
---------------
photoflood
= lampada da fotografia con specchio incorporato che fornisce un fascio di luce ampio e uniforme .
---------------
portacipria
= astuccio per borsetta che contiene cipria , un piumino e un piccolo specchio
---------------
psiche
= grande specchio mobile con cornice e montanti in legno , per camera da letto .
---------------
reflex
= apparecchio fotografico in cui l'immagine è proiettata nel mirino direttamente dall'obiettivo attraverso specchi e prismi rifrangenti
---------------
retrovisore
= nei veicoli, specchietto retrovisivo
---------------
riflettore
= apparecchio costituito da una sorgente luminosa e da uno specchio concavo, per lo più di forma parabolica, che proietta i raggi luminosi a grande distanza
---------------
rinoscopio
= specchietto per l'esame medico delle fosse nasali.
---------------
rispecchiare
= verbo trans. specchiare di nuovo
---------------
sorgitore
= specchio di mare adatto all'ancoraggio delle navi .
---------------
specchiaio
= chi fabbrica o vende specchi .
---------------
specchiamento
= lo specchiarsi .
---------------
specchiato
= participio passato di specchiare - riflesso in uno specchio o in un'altra superficie - integro , esemplare ,
---------------
specchiatura
= lo specchiarsi , lucentezza caratteristica delle sezioni radiali di alcune piante da legno , 3 decorazione architettonica a riquadri rientranti delimitati da cornici - riquadro c ,
---------------
specchiera
= grande specchio con cornice , tavolino con lo specchio e l'occorrente per acconciarsi - mobile in cui lo specchio costituisce l'elemento principale - armadio a specchiera , con le ante di specchio . dim . specchierina .
---------------
specchietto
= specchio ,
---------------
speculare
= di , da specchio ,
---------------
speglio
= specchio ,
---------------
sponda
= ciascuna delle strisce di terreno che fiancheggiano e delimitano uno specchio o un corso d'acqua ,
---------------
stagno
= specchio d'acqua stagnante , poco profondo e poco esteso .
---------------
Verb: to glass-glassed-glassed
Ausiliar: to have - transitivo
Affermative - INDICATIVE
Present simple
I glass
you glass
he/she/it glasses
we glass
you glass
they glass
Simple past
I glassed
you glassed
he/she/it glassed
we glassed
you glassed
they glassed
Simple past
I glassed
you glassed
he/she/it glassed
we glassed
you glassed
they glassed
Present perfect
I have glassed
you have glassed
he/she/it has glassed
we have glassed
you have glassed
they have glassed
Past perfect
I had glassed
you had glassed
he/she/it had glassed
we had glassed
you had glassed
they had glassed
Past perfect
I had glassed
you had glassed
he/she/it had glassed
we had glassed
you had glassed
they had glassed
Simple future
I I will glass
you you will glass
he/she/it he/she/it will glass
we we will glass
you I will glass
they they will glass
Future perfect
I will have glassed
you will have glassed
he/she/it will have glassed
we will have glassed
you will have glassed
they will have glassed
Present continuous
I am glassing
you are glassing
he/she/it is glassing
we are glassing
you are glassing
they are glassing
Past simple continuous
I was glassing
you were glassing
he/she/it was glassing
we were glassing
you were glassing
they were glassing
Future continuous
I will be glassing
you will be glassing
he/she/it will be glassing
we will be glassing
you will be glassing
they will be glassing
Future perfect continuous
I will have been glassing
you will have been glassing
he/she/it will have been glassing
we will have been glassing
you will have been glassing
they will have been glassing
Present perfect continuous
I have been glassing
you have been glassing
he/she/it has been glassing
we have been glassing
you have been glassing
they have been glassing
Past perfect continuous
I had been glassing
you had been glassing
he/she/it had been glassing
we had been glassing
you had been glassing
they had been glassing
Affermative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I glass
That you glass
That he/she/it glass
That we glass
That you glass
That they glass
Present perfect
That I have glassed
That you have glassed
That he/she/it have glassed
That we have glassed
That you have glassed
That they have glassed
Simple past
That I glassed
That you glassed
That he/she/it glassed
That we glassed
That you glassed
That they glassed
Past perfect
That I had glassed
That you had glassed
That he/she/it had glassed
That we had glassed
That you had glassed
That they had glassed
Affermative - CONDITIONAL
Present
I would glass
you would glass
we would glass
we would glass
you would glass
they would glass
Past
I would have glassed
you would have glassed
he/she/it would have glassed
we would have glassed
you would have glassed
they would have glassed
Present continous
I would be glassing
you would be glassing
we would be glassing
we would be glassing
you would be glassing
they would be glassing
Past continous
I would have been glassing
you would have been glassing
he/she/it would have been glassing
we would have been glassing
you would have been glassing
they would have been glassing
Affermative - IMPERATIVE
Present
let me glass
glass
let him glass
let us glass
glass
let them glass
 
 
 
 
 
 
 
Affermative - INFINITIVE
Present
to glass
Past
to have glassed
Present continous
to be glassing
Perfect continous
to have been glassing
Affermative - PARTICIPLE
Present
glassing
Past
glassed
Perfect
having glassed
Affermative - GERUND
Present
glassing
Past
having glassed
Passive - INDICATIVE
Present simple
I am glassed
you are glassed
he/she/it is glassed
we are glassed
you are glassed
they are glassed
Past simple
I was glassed
you were glassed
he/she/it was glassed
we were glassed
you were glassed
they were glassed
Past simple
I was glassed
you were glassed
he/she/it was glassed
we were glassed
you were glassed
they were glassed
Present perfect
I have been glassed
you have been glassed
he/she/it has been glassed
we have been glassed
you have been glassed
they have been glassed
Past perfect
I had been glassed
you had been glassed
he/she/it had been glassed
we had been glassed
you had been glassed
they had been glassed
Past perfect
I had been glassed
you had been glassed
he/she/it had been glassed
we had been glassed
you had been glassed
they had been glassed
Future simple
I will be glassed
you will be glassed
he/she/it will be glassed
we will be glassed
you will be glassed
they will be glassed
Future perfect
I will have been glassed
you will have been glassed
he/she/it will have been glassed
we will have been glassed
you will have been glassed
they will have been glassed
Present continuous
I am being glassed
you are being glassed
he/she/it is being glassed
we are being glassed
you are being glassed
they are being glassed
Past simple continuous
I was being glassed
you were being glassed
he/she/it was being glassed
were being glassed
you were being glassed
they were being glassed
Future continuous
I will being glassed
you will being glassed
he/she/it will being glassed
we will being glassed
you will being glassed
they will being glassed
Future perfect continuous
I will have been glassed
you will have been glassed
he/she/it will have been glassed
we will have been glassed
you will have been glassed
they will have been glassed
Present perfect continuous
I have been glassed
you have been glassed
he/she/it has been glassed
we have been glassed
you have been glassed
they have been glassed
Past perfect continuous
I had been glassed
you had been glassed
he/she/it had been glassed
we had been glassed
you had been glassed
they had been glassed
Passive - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I be glassed
That you be glassed
That he/she/it be glassed
That we be glassed
That you be glassed
That they be glassed
Present perfect
That I have been glassed
That you have been glassed
That he/she/it have been glassed
That we have been glassed
That you have been glassed
That they have been glassed
Simple past
That I were glassed
That you were glassed
That he/she/it were glassed
That we were glassed
That you were glassed
That they were glassed
Past perfect
That I had been glassed
That you had been glassed
That he/she/it had been glassed
That we had been glassed
That you had been glassed
That they had been glassed
CONDITIONAL
Present
I would be glassed
you would be glassed
we would be glassed
we would be glassed
you would be glassed
they would be glassed
Past
I would have been glassed
you would have been glassed
he/she/it would have been glassed
we would have been glassed
you would have been glassed
they would have been glassed
IMPERATIVE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INFINITIVE
Present
to be glassed
Past
to have been glassed
PARTICIPLE
Present
being glassed
Past
glassed
Perfect
having been glassed
GERUND
Present
being glassed
Past
having been glassed
Negative - INDICATIVE
Present simple
I do not glass
you do not glass
he/she/it does not glasses
we do not glass
you do not glass
they do not glass
Simple past
I did not glass
you did not glass
he/she/it did not glass
we did not glass
you did not glass
they did not glass
Simple past
I did not glass
you did not glass
he/she/it did not glass
we did not glass
you did not glass
they did not glass
Present perfect
I have not glassed
you have not glassed
he/she/it has not glassed
we have not glassed
you have not glassed
they have not glassed
Past perfect
I had not glassed
you had not glassed
he/she/it had not glassed
we had not glassed
you had not glassed
they had not glassed
Past perfect
I had not glassed
you had not glassed
he/she/it had not glassed
we had not glassed
you had not glassed
they had not glassed
Simple future
I I will not glass
you you will not glass
he/she/it he/she/it will not glass
we we will not glass
you I will not glass
they they will not glass
Future perfect
I will not have glassed
you will not have glassed
he/she/it will not have glassed
we will not have glassed
you will not have glassed
they will not have glassed
Present continuous
I am not glassing
you are not glassing
he/she/it is not glassing
we are not glassing
you are not glassing
they are not glassing
Past simple continuous
I was not glassing
you were not glassing
he/she/it was not glassing
we were not glassing
you were not glassing
they were not glassing
Future continuous
I will not be glassing
you will not be glassing
he/she/it will not be glassing
we will not be glassing
you will not be glassing
they will not be glassing
Future perfect continuous
I will not have been glassing
you will not have been glassing
he/she/it will not have been glassing
we will not have been glassing
you will not have been glassing
they will not have been glassing
Present perfect continuous
I have not been glassing
you have not been glassing
he/she/it has not been glassing
we have not been glassing
you have not been glassing
they have not been glassing
Past perfect continuous
I had not been glassing
you had not been glassing
he/she/it had not been glassing
we had not been glassing
you had not been glassing
they had not been glassing
Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I do not glass
That you do not glass
That he/she/it does not glass
That we do not glass
That you do not glass
That they do not glass
Present perfect
That I have not glassed
That you have not glassed
That he/she/it have not glassed
That we have not glassed
That you have not glassed
That they have not glassed
Simple past
That I did not glass
That you did not glass
That he/she/it did not glass
That we did not glass
That you did not glass
That they did not glass
Past perfect
That I had not glassed
That you had not glassed
That he/she/it had not glassed
That we had not glassed
That you had not glassed
That they had not glassed
Negative - CONDITIONAL
Present
I would not glass
you would not glass
we would not glass
we would not glass
you would not glass
they would not glass
Past
I would not have glassed
you would not have glassed
he/she/it would not have glassed
we would not have glassed
you would not have glassed
they would not have glassed
Present continous
I would not be glassing
you would not be glassing
we would not be glassing
we would not be glassing
you would not be glassing
they would not be glassing
Past continous
I would not have been glassing
you would not have been glassing
he/she/it would not have been glassing
we would not have been glassing
you would not have been glassing
they would not have been glassing
Negative - IMPERATIVE
Present
do not let me glass
do not glass
do not let him glass
do not let us glass
do not glass
do not let them glass
 
 
 
 
 
 
 
Negative - INFINITIVE
Present
not to glass
Past
not to have glassed
Present continous
not to be glassing
Perfect continous
not to have been glassing
Negative - PARTICIPLE
Present
not glassing
Past
not glassed
Perfect
not having glassed
Negative - GERUND
Present
not glassing
Past
not having glassed
Interrogative - INDICATIVE
Present simple
do I glass ?
do you glass ?
does she/he/it glasses ?
do we glass ?
do you glass ?
do they glass ?
Simple past
did I glass ?
did you glass ?
did she/he/it glass ?
did we glass ?
did you glass ?
did they glass ?
Simple past
did I glass ?
did you glass ?
did she/he/it glass ?
did we glass ?
did you glass ?
did they glass ?
Present perfect
have I glassed ?
have you glassed ?
has she/he/it glassed ?
have we glassed ?
have you glassed ?
have they glassed ?
Past perfect
had I glassed ?
had you glassed ?
had she/he/it glassed ?
had we glassed ?
had you glassed ?
had they glassed ?
Past perfect
had I glassed ?
had you glassed ?
had she/he/it glassed ?
had we glassed ?
had you glassed ?
had they glassed ?
Simple future
will I glass ?
will you glass ?
will she/he/it glass ?
will we glass ?
will I glass ?
will they glass ?
Future perfect
will I have glassed ?
will you have glassed ?
will she/he/it have glassed ?
will we have glassed ?
will you have glassed ?
will they have glassed ?
Present continuous
am I glassing ?
are you glassing ?
is she/he/it glassing ?
are we glassing ?
are you glassing ?
are they glassing ?
Past simple continuous
was I glassing ?
were you glassing ?
was she/he/it glassing ?
were we glassing ?
were you glassing ?
were they glassing ?
Future continuous
will I be glassing ?
will you be glassing ?
will she/he/it be glassing ?
will we be glassing ?
will you be glassing ?
will they be glassing ?
Future perfect continuous
will I have been glassing ?
will you have been glassing ?
will she/he/it have been glassing ?
will we have been glassing ?
will you have been glassing ?
will they have been glassing ?
Present perfect continuous
have I been glassing ?
have you been glassing ?
has she/he/it been glassing ?
have we been glassing ?
have you been glassing ?
have they been glassing ?
Past perfect continuous
had I been glassing ?
had you been glassing ?
had she/he/it been glassing ?
had we been glassing ?
had you been glassing ?
had they been glassing ?
Interrogative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I glass ?
That do you glass ?
That does she/he/it glass ?
That do we glass ?
That do you glass ?
That do they glass ?
Present perfect
That have I glassed ?
That have you glassed ?
That have she/he/it glassed ?
That have we glassed ?
That have you glassed ?
That have they glassed ?
Simple past
That did I glass ?
That did you glass ?
That did she/he/it glass ?
That did we glass ?
That did you glass ?
That did they glass ?
Past perfect
That had I glassed ?
That had you glassed ?
That had she/he/it glassed ?
That had we glassed ?
That had you glassed ?
That had they glassed ?
Interrogative - CONDITIONAL
Present
would I glass ?
would you glass ?
would she/he/it glass ?
would we glass ?
would you glass ?
would they glass ?
Past
would I have glassed?
would you have glassed?
would she/he/it have glassed?
would we have glassed?
would you have glassed?
would they have glassed?
Present continous
would I be glassing ?
would you be glassing ?
would she/he/it be glassing ?
would we be glassing ?
would you be glassing ?
would they be glassing ?
Past continous
would I have been glassing?
would you have been glassing?
would she/he/it have been glassing?
would we have been glassing?
would you have been glassing?
would they have been glassing?
Interrogative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Interrogative-Negative - INDICATIVE
Present simple
do I not glass ?
do you not glass ?
does she/he/it not glasses ?
do we not glass ?
do you not glass ?
do they not glass ?
Simple past
did I not glass ?
did you not glass ?
did she/he/it not glass ?
did we not glass ?
did you not glass ?
did they not glass ?
Simple past
did I not glass ?
did you not glass ?
did she/he/it not glass ?
did we not glass ?
did you not glass ?
did they not glass ?
Present perfect
have I not glassed ?
have you not glassed ?
has she/he/it not glassed ?
have we not glassed ?
have you not glassed ?
have they not glassed ?
Past perfect
had I not glassed ?
had you not glassed ?
had she/he/it not glassed ?
had we not glassed ?
had you not glassed ?
had they not glassed ?
Past perfect
had I not glassed ?
had you not glassed ?
had she/he/it not glassed ?
had we not glassed ?
had you not glassed ?
had they not glassed ?
Simple future
will I not glass ?
will you not glass ?
will she/he/it not glass ?
will we not glass ?
will I not glass ?
will they not glass ?
Future perfect
will I not have glassed ?
will you not have glassed ?
will she/he/it not have glassed ?
will we not have glassed ?
will you not have glassed ?
will they not have glassed ?
Present continuous
am I not glassing ?
are you not glassing ?
is she/he/it not glassing ?
are we not glassing ?
are you not glassing ?
are they not glassing ?
Past simple continuous
was I not glassing ?
were you not glassing ?
was she/he/it not glassing ?
were we not glassing ?
were you not glassing ?
were they not glassing ?
Future continuous
will I not be glassing ?
will you not be glassing ?
will she/he/it not be glassing ?
will we not be glassing ?
will you not be glassing ?
will they not be glassing ?
Future perfect continuous
will I not have been glassing ?
will you not have been glassing ?
will she/he/it not have been glassing ?
will we not have been glassing ?
will you not have been glassing ?
will they not have been glassing ?
Present perfect continuous
have I not been glassing ?
have you not been glassing ?
has she/he/it not been glassing ?
have we not been glassing ?
have you not been glassing ?
have they not been glassing ?
Past perfect continuous
had I not been glassing ?
had you not been glassing ?
had she/he/it not been glassing ?
had we not been glassing ?
had you not been glassing ?
had they not been glassing ?
Interrogative-Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I not glass ?
That do you not glass ?
That does she/he/it not glass ?
That do we not glass ?
That do you not glass ?
That do they not glass ?
Present perfect
That have I not glassed ?
That have you not glassed ?
That have she/he/it not glassed ?
That have we not glassed ?
That have you not glassed ?
That have they not glassed ?
Simple past
That did I not glass ?
That did you not glass ?
That did she/he/it not glass ?
That did we not glass ?
That did you not glass ?
That did they not glass ?
Past perfect
That had I not glassed ?
That had you not glassed ?
That had she/he/it not glassed ?
That had we not glassed ?
That had you not glassed ?
That had they not glassed ?
Interrogative-Negative - CONDITIONAL
Present
would I not glass ?
would you not glass ?
would she/he/it not glass ?
would we not glass ?
would you not glass ?
would they not glass ?
Past
would I not have glassed?
would you not have glassed?
would she/he/it not have glassed?
would we not have glassed?
would you not have glassed?
would they not have glassed?
Present continous
would I not be glassing ?
would you not be glassing ?
would she/he/it not be glassing ?
would we not be glassing ?
would you not be glassing ?
would they not be glassing ?
Past continous
would I not have been glassing?
would you not have been glassing?
would she/he/it not have been glassing?
would we not have been glassing?
would you not have been glassing?
would they not have been glassing?
Interrogative-Negative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Coniugazione:1 - specchiare
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io specchio
tu specchi
egli specchia
noi specchiamo
voi specchiate
essi specchiano
Imperfetto
io specchiavo
tu specchiavi
egli specchiava
noi specchiavamo
voi specchiavate
essi specchiavano
Passato remoto
io specchiai
tu specchiasti
egli specchiò
noi specchiammo
voi specchiaste
essi specchiarono
Passato prossimo
io ho specchiato
tu hai specchiato
egli ha specchiato
noi abbiamo specchiato
voi avete specchiato
essi hanno specchiato
Trapassato prossimo
io avevo specchiato
tu avevi specchiato
egli aveva specchiato
noi avevamo specchiato
voi avevate specchiato
essi avevano specchiato
Trapassato remoto
io ebbi specchiato
tu avesti specchiato
egli ebbe specchiato
noi avemmo specchiato
voi eveste specchiato
essi ebbero specchiato
Futuro semplice
io specchierò
tu specchierai
egli specchierà
noi specchieremo
voi specchierete
essi specchieranno
Futuro anteriore
io avrò specchiato
tu avrai specchiato
egli avrà specchiato
noi avremo specchiato
voi avrete specchiato
essi avranno specchiato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io specchi
che tu specchi
che egli specchi
che noi specchiamo
che voi specchiate
che essi specchino
Passato
che io abbia specchiato
che tu abbia specchiato
che egli abbia specchiato
che noi abbiamo specchiato
che voi abbiate specchiato
che essi abbiano specchiato
Imperfetto
che io specchiassi
che tu specchiassi
che egli specchiasse
che noi specchiassimo
che voi specchiaste
che essi specchiassero
Trapassato
che io avessi specchiato
che tu avessi specchiato
che egli avesse specchiato
che noi avessimo specchiato
che voi aveste specchiato
che essi avessero specchiato
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io specchierei
tu specchieresti
egli specchierebbe
noi specchieremmo
voi specchiereste
essi specchierebbero
Passato
io avrei specchiato
tu avresti specchiato
egli avrebbe specchiato
noi avremmo specchiato
voi avreste specchiato
essi avrebbero specchiato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
specchia
specchi
specchiamo
specchiate
specchino
Futuro
-
specchierai
specchierà
specchieremo
specchierete
specchieranno
INFINITO - attivo
Presente
specchiare
Passato
avere specchiato
 
 
PARTICIPIO - attivo
Presente
specchiante
Passato
specchiato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
specchiando
Passato
avendo specchiato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono specchiato
tu sei specchiato
egli é specchiato
noi siamo specchiati
voi siete specchiati
essi sono specchiati
Imperfetto
io ero specchiato
tu eri specchiato
egli era specchiato
noi eravamo specchiati
voi eravate specchiati
essi erano specchiati
Passato remoto
io fui specchiato
tu fosti specchiato
egli fu specchiato
noi fummo specchiati
voi foste specchiati
essi furono specchiati
Passato prossimo
io sono stato specchiato
tu sei stato specchiato
egli é stato specchiato
noi siamo stati specchiati
voi siete stati specchiati
essi sono stati specchiati
Trapassato prossimo
io ero stato specchiato
tu eri stato specchiato
egli era stato specchiato
noi eravamo stati specchiati
voi eravate stati specchiati
essi erano statispecchiati
Trapassato remoto
io fui stato specchiato
tu fosti stato specchiato
egli fu stato specchiato
noi fummo stati specchiati
voi foste stati specchiati
essi furono stati specchiati
Futuro semplice
io sarò specchiato
tu sarai specchiato
egli sarà specchiato
noi saremo specchiati
voi sarete specchiati
essi saranno specchiati
Futuro anteriore
io sarò stato specchiato
tu sarai stato specchiato
egli sarà stato specchiato
noi saremo stati specchiati
voi sarete stati specchiati
essi saranno stati specchiati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia specchiato
che tu sia specchiato
che egli sia specchiato
che noi siamo specchiati
che voi siate specchiati
che essi siano specchiati
Passato
che io sia stato specchiato
che tu sia stato specchiato
che egli sia stato specchiato
che noi siamo stati specchiati
che voi siate stati specchiati
che essi siano stati specchiati
Imperfetto
che io fossi specchiato
che tu fossi specchiato
che egli fosse specchiato
che noi fossimo specchiati
che voi foste specchiati
che essi fossero specchiati
Trapassato
che io fossi stato specchiato
che tu fossi stato specchiato
che egli fosse stato specchiato
che noi fossimo stati specchiati
che voi foste stati specchiati
che essi fossero stati specchiati
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei specchiato
tu saresti specchiato
egli sarebbe specchiato
noi saremmo specchiati
voi sareste specchiati
essi sarebbero specchiati
Passato
io sarei stato specchiato
tu saresti stato specchiato
egli sarebbe stato specchiato
noi saremmo stati specchiati
voi sareste stati specchiati
essi sarebbero stati specchiati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii specchiato
sia specchiato
siamo specchiati
siate specchiati
siano specchiati
Futuro
-
sarai specchiato
sarà specchiato
saremo specchiati
sarete specchiati
saranno specchiati
INFINITO - passivo
Presente
essere specchiato
Passato
essere stato specchiato
 
 
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
specchiato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo specchiato
Passato
essendo stato specchiato