Good navigation with NihilScio!  Facebook page
NihilScio     Home
 

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo
Italiano
Inglese

á    è     é    ì     í    ò
ó     ù    ú    ü    ñ    ç
sinonimi di
gibbet
  Cerca  frasi:
Vocabulary and phrases
gibbet
= forca, patibolo, impiccagione, condannare all'impiccagione, impiccare,
---------------
Vocabulary and phrases
condannare
= verbo trans. imporre una pena o una sanzione dopo che in un processo sia stata riconosciuta la colpevolezza del soggetto chiamato in giudizio
---------------
* Le leggi anzi diluviavano ; i delitti erano enumerati , e particolareggiati , con minuta prolissità ; le pene , pazzamente esorbitanti e , se non basta , aumentabili , quasi per ogni caso , ad arbitrio del legislatore stesso e di cento esecutori ; le procedure , studiate soltanto a liberare il giudice da ogni cosa che potesse essergli d'impedimento a proferire una condanna: gli squarci che abbiam riportati delle gride contro i bravi , ne sono un piccolo , ma fedel saggio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Nel vòto uggioso dell'animo suo s'era venuta a infondere un'occupazione forte , continua e , direi quasi , una vita potente ; ma quella contentezza era simile alla bevanda ristorativa che la crudeltà ingegnosa degli antichi mesceva al condannato , per dargli forza a sostenere i tormenti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma quando voi stesso sorgerete a condannare la vostra vita , ad accusar voi stesso , allora ! allora Dio sarà glorificato ! E voi domandate cosa Dio possa far di voi ? Chi son io pover'uomo , che sappia dirvi fin d'ora che profitto possa ricavar da voi un tal Signore ? cosa possa fare di codesta volontà impetuosa , di codesta imperturbata costanza , quando l'abbia animata , infiammata d'amore , di speranza , di pentimento ? Chi siete voi , pover'uomo , che vi pensiate d'aver saputo da voi immaginare e fare cose più grandi nel male , che Dio non possa farvene volere e operare nel bene ? Cosa può Dio far di voi ? E perdonarvi ? e farvi salvo ? e compire in voi l'opera della redenzione ? Non son cose magnifiche e degne di Lui ? Oh pensate ! se io omiciattolo , io miserabile , e pur così pieno di me stesso , io qual mi sono , mi struggo ora tanto della vostra salute , che per essa darei con gaudio (Egli m'è testimonio) questi pochi giorni che mi rimangono ; oh pensate ! quanta , quale debba essere la carità di Colui che m'infonde questa così imperfetta , ma così viva ; come vi ami , come vi voglia Quello che mi comanda e m'ispira un amore per voi che mi divora !
---------------
* Né si può pensare che l'esempio de' quattro disgraziati che n'avevan portata la pena per tutti , fosse quello che ora li tenesse tutti a freno: qual forza poteva avere , non la presenza , ma la memoria de' supplizi sugli animi d'una moltitudine vagabonda e riunita , che si vedeva come condannata a un lento supplizio , che già lo pativa ? Ma noi uomini siam in generale fatti così: ci rivoltiamo sdegnati e furiosi contro i mali mezzani , e ci curviamo in silenzio sotto gli estremi ; sopportiamo , non rassegnati ma stupidi , il colmo di ciò che da principio avevamo chiamato insopportabile .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ché , per tacere dell'antichità , e accennar solo qualcosa de' tempi più vicini a quello di cui trattiamo , in Palermo , del 1526 ; in Ginevra , del 1530 , poi del 1545 , poi ancora del 1574 ; in Casal Monferrato , del 1536 ; in Padova , del 1555 ; in Torino , del 1599 , e di nuovo , in quel medesim'anno 1630 , furon processati e condannati a supplizi , per lo più atrocissimi , dove qualcheduno , dove molti infelici , come rei d'aver propagata la peste , con polveri , o con unguenti , o con malìe , o con tutto ciò insieme .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E fuor di questa cura d'andar succinti e ristretti il più che fosse possibile , negletta e trasandata ogni persona ; lunghe le barbe di quelli che usavan portarle , cresciute a quelli che prima costumavan di raderle ; lunghe pure e arruffate le capigliature , non solo per quella trascuranza che nasce da un invecchiato abbattimento , ma per esser divenuti sospetti i barbieri , da che era stato preso e condannato , come untor famoso , uno di loro , Giangiacomo Mora: nome che , per un pezzo , conservò una celebrità municipale d'infamia , e ne meriterebbe una ben più diffusa e perenne di pietà .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Al diavolo il mestiere , al diavolo la buona condotta ! Volete condannarmi a essere arrabbiato per tutta la vita ; e da arrabbiato viverò . . .E quel disgraziato ! Lo sa il Signore se gli ho perdonato di cuore ; ma voi . . .Volete dunque farmi pensare per tutta la vita che se non era lui . . . ? Lucia ! avete detto ch'io vi dimentichi: ch'io vi dimentichi ! Come devo fare ? A chi credete ch'io pensassi in tutto questo tempo ? . . .E dopo tante cose ! dopo tante promesse ! Cosa v'ho fatto io , dopo che ci siamo lasciati ? Perché ho patito , mi trattate così ? perché ho avuto delle disgrazie ? perché la gente del mondo m'ha perseguitato ? perché ho passato tanto tempo fuori di casa , tristo , lontano da voi ? perché , al primo momento che ho potuto , son venuto a cercarvi ?
---------------
Sentiva forse ancora il peso del sacrifizio ch'ella aveva fatto per lui? si sentiva forse vincolato da questo sacrifizio per tutta la vita, condannato a sacrificare a sua volta la propria gioventú, la libertà dei proprii sentimenti alla sorella? E aveva voluto parlargli a cuore aperto: - Non prenderti nessun pensiero di me, Giorgio! Io voglio soltanto vederti lieto, contento...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma poco dopo dissero sí tutti e due, come condannati a una pena inevitabile.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sotto un albero, magari! E se lei intanto s'aspettava d'esser chiamata? Se, rassegnata alla condanna che aveva voluto infliggerle il fratello, si riteneva in potere di lui, suo marito, e aspettava che egli la...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che stava piú a farci, lí? perché ancora quella condanna per gli occhi di veder quei visi attorno e quelle cose, da cui già si sentiva tanto, tanto lontana? Perché quel ravvicinamento con le apparenze opprimenti e nauseanti della vita passata, ravvicinamento che talvolta le pareva diventasse piú brusco, come se qualcuno la spingesse di dietro, per costringerla a vedere, a sentir la presenza, la realtà viva e spirante della vita odiosa, che piú non le apparteneva? Credeva fermamente che non si sarebbe rialzata mai piú da quel seggiolone; credeva che da un momento all'altro sarebbe morta di crepacuore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
I quattro amici, a questa vivace, lampantissima dimostrazione della cecità con cui si esercitava l'industria e il commercio di quel tesoro concesso dalla natura alle loro contrade e intorno a cui pur ferveva tanta briga, tanta guerra di lucro, insidiosa e spietata, restavano muti, come oppressi da una condanna di perpetua miseria.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Bonina, Tita, bonina! Fammi questo piacere, povera Tita! Povera, povera, sí, perché era condannata, quella cara bestiola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E allora le foglie di tutti quegli alberi, come se avessero sentito la loro condanna di morte, si scossero quasi in un brivido lungo, che si ripercosse su la schiena di don Mattia Scala, curvo su la giumenta bianca.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Spatolino scappò via dalla sala del tribunale come levato di cervello; non tanto per la perdita del suo capitaluccio, buttato lí, nella costruzione di quel tabernacolo; non tanto per le spese del processo a cui, per giunta, era stato condannato; quanto per il crollo della sua fede nella giustizia divina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
DIFESA DEL MÈOLA (Tonache di Montelusa) Ho tanto raccomandato ai miei concittadini di Montelusa di non condannare cosí a occhi chiusi il Mèola, se non vogliono macchiarsi della piú nera ingratitudine.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Io per me non so tollerare in pace che i miei concittadini, riconoscendo da un canto questo bene, seguitino dall'altro a condannare il Mèola e a rendergli se non proprio impossibile, difficilissima la vita nel nostro paese.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Se io di te non mi sono mai curata, e tu quando di me? Mi rinfacci ora il tuo sacrificio, come se non fossi stata sacrificata anch'io, e condannata qua a rappresentare per te la rinunzia alla vita che tu sognavi! E per me doveva esser questa, la vita? Non dovevo sognar altro, io? Tu, nessun dovere d'amarmi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dunque è vero, - disse, - dunque tu sai che io sono condannato, tra poco, forse prima ancora del tempo calcolato da me.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Eh sfido! Ma se mi lasciavano dentro, non credere che me ne sarebbe importato! Dentro o fuori, ormai, carcere lo stesso! Cosí ho detto ai giurati: "Fate di me ciò che volete: condannatemi, assolvetemi; per me è lo stesso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E allora, di nuovo, domando e dico che conforto e che consolazione ci può venire da questa speciosa grandezza, se non debba aver altra conseguenza che quella di saperci qua condannati alla disperazione di veder grandi le cose piccole (tutte le cose nostre, qua, della terra) e piccole le grandi, come sarebbero le stelle del cielo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ah, signor dottore, da un mese non parlava piú d'altro; quasi se la fosse sentita pendere sul capo la condanna! S'ammazzerà...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gli era quasi scolata addosso tutta la carne, e pareva l'ombra di se stesso; pur non di meno, neanche il minimo dubbio in lui che il suo non fosse stato un disturbo digestivo; e, sedendo ora di nuovo a tavola con la sorella e il nipote, condannato a bere latte invece di vino, ripeteva per la millesima volta che s'era preso una bella paura: - Una bea paua...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ecco il bel servizio che gli avevano reso quegli impostori! E una casa perduta, come andata in rovina! Ma ora egli avrebbe dimostrato a tutto il paese che il tribunale, condannando alle spese e al risarcimento dei danni quegli imbecilli, gli aveva reso giustizia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sul volto della madre rilesse la condanna del marito: - "Ha ucciso il Nori; ti tradiva con la moglie del Nori".(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
M'avete ridato la vita per mandarmi in galera? E non è un atroce delitto, questo? E che giustizia può esser quella che punisce a freddo un uomo ormai privo di rimorsi? come starò io in un reclusorio a scontare un delitto che non ho pensato di commettere, che non avrei mai commesso, se non vi fossi stato trascinato; mentre, meditatamente, ora, a freddo, coloro che approfitteranno della vostra scienza, dottore, la quale mi ha tenuto per forza in vita solo per farmi condannare, commetteranno il delitto piú atroce, quello di farmi abbrutire in un ozio infame, e di fare abbrutire nei vizii della miseria e nell'ignominia i miei figliuoli innocenti? Con quale diritto? Si rizzò sul busto, sospinto da una rabbia che il sentimento della propria impotenza rendeva feroce: cacciò un urlo e s'afferrò con le dita artigliate la fascia e se la stracciò; poi si riversò bocconi sul letto, convulso; tentò di scoppiare in singhiozzi, ma non poté.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E se lei, signor Ispettore, ha il cuore duro come questo scoglio qua, ebbene, mi mandi pure davanti ai giudici: voglio vedere se avranno cuore loro da condannarmi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Diffamazione? Ma che diffamazione, povero disgraziato, se già da qualche anno era diffusissima in tutto il paese la sua fama di jettatore? se innumerevoli testimonii potevano venire in tribunale a giurare che egli in tante e tante occasioni aveva dato segno di conoscere quella sua fama, ribellandosi con proteste violente? Come condannare, in coscienza, quei due giovanotti quali diffamatori per aver fatto al passaggio di lui il gesto che da tempo solevano fare apertamente tutti gli altri, e primi fra tutti - eccoli là - gli stessi giudici? E il D'Andrea si struggeva; si struggeva di piú incontrando per via gli avvocati, nelle cui mani si erano messi quei due giovanotti, l'esile e patitissimo avvocato Grigli, dal profilo di vecchio uccello di rapina, e il grasso Manin Baracca, il quale, portando in trionfo su la pancia un enorme corno comperato per l'occasione e ridendo con tutta la pallida carnaccia di biondo majale eloquente, prometteva ai concittadini che presto in tribunale sarebbe stata per tutti una magnifica festa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Anche a costo di pagar lui le spese, voleva indurlo a desistere dalla querela, dimostrandogli quattro e quattr'otto che quei due giovanotti non potevano essere condannati, secondo giustizia, e che dalla loro assoluzione inevitabile sarebbe venuto a lui certamente maggior danno, una piú crudele persecuzione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Appena questo dubbio sorgeva in essi per l'aria triste di qualcuna, i loro sguardi s'affrettavano a esprimere un intenso accoramento o un'acerba condanna o una pietosa adorazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
"Ma sono stato un eroe, non c'è che dire! "E ora m'accusano che non faccio piú il mio dovere; che sono un pessimo professore; e ho il disprezzo freddo di chi sperò in me; e i giornali mi danno del cinico; e non m'arrischio a parlare - per non dar spettacolo soverchio a lor signori - di tutto ciò che mi ribolle qua dentro e mi sconvolge la ragione, se penso ai sogni miei d'una volta, ai propositi miei! "Signori, se in qualche momento di tregua io tento di raccogliermi e cedo alla vana speranza di potermi rimettere a conversare con l'anima mia d'un tempo, ecco quella vecchia sciancata, quella mia suocera immortale a cui è rimasta in corpo una rabbia inestinguibile contro di me, presentarsi alla soglia del mio studiolo, arrovesciar le mani sui fianchi con le gomita appuntate davanti e, chinandosi quasi fino a terra, ruggirmi tra le gengive bavose, non so se per imprecazione, o per ingiuria, o per condanna: ""Terremoto! Terremoto! Terremoto!" "I miei scolari l'hanno risaputo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E in grazia della verità, cosí candidamente confessata, Tararà fu condannato a tredici anni di reclusione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Esse ci rimettono per un momento nello stato di incandescenza, per cavar da noi un altro essere condannato alla morte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché sono nell'idea che c'è chi muore maturo per un'altra vita e chi no, e che quelli che non han saputo maturarsi su la terra siano condannati a tornarci, finché non avranno trovata la via d'uscita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E perché dovrebbe affrettarsi la tartaruga condannata a vivere una lunghissima vita? Nelle nostre favole intanto chiamiamo tarda e pigra la tartaruga, la quale, per aver tanto tempo davanti a sé, non si dà nessuna fretta, e chiamiamo pauroso il coniglio che al primo vederci scappa via.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E poi il piacere velenoso per te di vedermi fare, anche piú vecchio di te, quello per cui, in vita, tanto ti condannai.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ho forse sbagliato strada? Sono caduto per caso nel mondo della Luna? Ma che razza di scrittore è lei, scusi? Ma dunque sul serio lei non comprende l'orrore della tragedia mia? Avere il privilegio inestimabile di esser nato personaggio, oggi come oggi, voglio dire oggi che la vita materiale è cosí irta di vili difficoltà che ostacolano, deformano, immiseriscono ogni esistenza; avere il privilegio di esser nato personaggio vivo, ordinato dunque, anche nella mia piccolezza, all'immortalità, e sissignore, esser caduto in quelle mani, esser condannato a perire iniquamente, a soffocare in quel mondo d'artifizio, dove non posso né respirare né dare un passo, perché è tutto finto, falso, combinato, arzigogolato! Parole e carta! Carta e parole! Un uomo, se si trova avviluppato in condizioni di vita a cui non possa o non sappia adattarsi, può scapparsene, fuggire; ma un povero personaggio, no: è lí fissato, inchiodato a un martirio senza fine! Aria! aria! vita! Ma guardi...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sei come l'uovo, caro mio! Questi dispettucci parevano puerili a don Pietro, condannato a far la guardia, e se ne infastidiva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora ella si richiamò con soddisfazione alla mente questa condanna del marito, irritata da quel "mio" e da quel "sua" della dedica, come se colei avesse voluto ostentare cosí la strettezza del legame che reciprocamente aveva unito lei e Vittore, unicamente per farle dispetto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Seccante forse, sí, ma naturalissimo per loro che quel vento insorgesse cosí di tratto in tratto e sbattesse furiosamente di qua e di là tutte quelle foglie accartocciate senza mai riuscire a spazzarle via; e che quei platani là, poiché a tempo avevano rimesso le foglie, ora a tempo se ne spogliassero per rimaner come morti fino alla ventura primavera; e che là quel cane randagio fosse condannato da ogni fiuto nel naso a fermarsi quasi a tutti i tronchi di quei platani e ad alzare con esasperazione un'anca per non spremer che poche gocciole appena, dopo essersi rigirato piú e piú volte smaniosamente per cercarne il verso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La vista quotidiana dei cento e piú inquilini di quel casone lercio e tetro, gente che viveva per vivere, senza saper di vivere se non per quel poco che ogni giorno pareva condannata a fare: sempre le stesse cose; cominciò presto a dargli un'uggia, un'insofferenza smaniosa; che si esasperava sempre piú di giorno in giorno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non uno dei tanti, ma tutti in quell'uomo; per fare in quell'uno la vendetta dei tanti che vedeva lí, piccoli bruti che vivevano per vivere, senza saper di vivere, se non per quel poco che ogni giorno parevano condannati a fare: sempre le stesse cose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che orgoglio? Può anche essere stata una condanna; o il destino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La signora Lèuca ha allora l'impressione che quella bimba cosí avvinghiata al padre rappresenti come una condanna che gli abbia lasciato quella donna, di non potersi piú staccare, di non poter piú levarsi a respirare fuori da tutto ciò che essa, in vita, a sua volta rappresentò per lui: miseria, abbrutimento, oppressione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
CERTI OBBLIGHI Quando la civiltà, ancora in ritardo, condanna un uomo a portare una lunga scala in collo da un lampione all'altro e a salire e a scendere questa scala a ogni lampione tre volte al giorno, la mattina per spengerlo, il dopo pranzo per rigovernarlo, la sera per accenderlo; quest'uomo, per forza, quantunque duro di mente e dedito al vino, deve contrarre la cattiva abitudine di ragionar con se stesso, assorgendo anche a considerazioni alte per lo meno quanto quella sua scala.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La scienza, le scoperte, la gloria, il dominio! E si domandano come faccia a vivere senza tutte queste belle e grandi cose la gente del popolo, quella che zappa la terra e che appare loro condannata alle piú dure e umili fatiche; come faccia a vivere e perché viva; e la stimano bruta, perché non pensano che una ben piú grande idealità, di fronte alla quale diventano vane e ridicole miserie tutte le scoperte della scienza e il dominio del mondo e la gloria delle arti, vive come certezza irrefragabile in quelle povere anime e rende loro desiderabile come un giusto premio la morte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Guarita, già donna, mirandosi il corpo fiorente, le carni ancor quasi acerbe e già offese e condannate a rimanere per sempre ignare d'ogni gioja d'amore, non poté sottrarsi alla riflessione che la misera, magra bruttezza di lui, già quasi vecchio, dava un valore inestimabile a quel suo corpo, e che perciò il pagamento che di esso egli aveva voluto farsi, rappresentava quasi un patto d'usura, solo in parte mitigato dall'adorazione di cui la circondava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'ombra del disonore che gravava su lui e su l'intera famiglia , per la fuga di Lia , gli pesava come una cappa da condannato .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tu , tu almeno devi comprendere e non condannarmi .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Allora fu una gara a chi piú offriva al condannato a morir presto: le monete piovevano sulla sua bisaccia , tanto che il compagno di Efix diventò livido e la sua voce tremò per l'invidia .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Adesso arrestano anche me , e vengono a sapere chi sono , e vengono a sapere tutto e mi condannano .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Tornare , condannarsi anche l'anima , ma non farle soffrire: questa era la vera penitenza .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Di festa in festa camminavano , o soli o in fila con altri mendicanti , come condannati diretti a un luogo di pena irraggiungibile .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Si andava , in fila , come i condannati . . .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Una sottile e ampia tela m’aveva data a lavorare Iddio, trapunta d’ardito e gentile disegno: io la insudiciai, la stracciai; e, là dov’era intatta, la colorii d’imagini invereconde; e, quasi a mia condanna, ad esse intramischiai qualche forma delicata, delineatami in cuore dalla mano degli Angeli. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Odo tuttavia la sua voce modesta dappiè della scala piangere addio: e quando penso alla mia patrizia freddezza in quel punto, sento che non ho diritto di condannare veruna delle più dispregevoli umane malvagità.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Parevagli d’abbracciare una donna condannata a morire, e la stringeva a sé come per rattenere l’angelo suo fuggente. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Se questa visita si dovesse fare o no, se il decoro della famiglia Carabelli lo permettesse, se vi fosse quella probabilità di successo che donna Eugenia richiedeva, erano state le ultime questioni definite dalla diplomazia; perché malgrado la vecchia relazione della mamma Carabelli e della nonna Maironi i giovani non s'erano veduti che un paio di volte alla sfuggita ed erano i loro involucri di ricchezza e di nobiltà, di parentele e di amicizie, che si attraevano come si attraggono una goccia d'acqua marina e una goccia d'acqua dolce, benché le creature minuscole che vivono nell'una e nell'altra sieno condannate, se le due gocce si uniscono, a morirne. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Oh Signore, dovrebbe toccarle anche questa condanna? Per grazia del cielo il gesto non venne fatto e la sua prima impressione nel veder i quattro prender posto al tavolino fu di sollievo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Sei condannata alla morte eterna.» Gli occhi soli, i fissi, tristi, pietosi occhi dicevano tutto questo ad un tempo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Prima credevo che ci fosse un Dio cattivo, adesso non credo più che esista; ma se vi fosse il Dio buono nel quale credi tu, non potrebbe condannare una madre che ha perduto la sua unica figliuola e cerca persuadersi che una parte di lei vive ancora!» Ester non rispose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
E se domani, là in Francia, Faustino sarà ucciso, Oh, allora anche per lui, senza piú quella benda, con gli occhi di nuovo aperti alla vista del mondo, sarà tutto bujo, sempre, così, anche per lui; ma forse peggio, perché condannato a vederla ancora la vita, questa atrocissima vita degli uomini.
---------------
Le tettoie nuove, dalle fronti dipinte alla maniera degli antichi pavesi, custodivano i più diversi mostri artificiati con le materie più diverse, coi più diversi ingegni. Per mezzo alle ampie tende di tela agitate dal turbine delle eliche in prova, apparivano a quando a quando le strane forme delle chimere senza bellezza e senza virtù partorite dalla manìa pertinace o dalla presunzione ignara, condannate irremissibilmente a sollevare la polvere e ad arare il suolo: ali ricurve e aguzze costrette al remeggio con uno stridore di usci in càrdini rugginosi; adunazioni di celle quadrangolari, simili a mucchi di scatole senza fondo; lievi scafi oppressi da impalcature sovrapposte, simili a fragili canghe; alberi giranti forniti d'una sorta di cilindri cavi come i burattelli di stamigna nei frulloni dei fornai; (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Condannati all'ozio invece che al lavoro, ella e Aldo e Lunella in quella casa estranea non erano come in un ergastolo addolcito? (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli vide veramente scoperchiato il suo tetto, egli considerò veramente la spoliazione inevitabile, l'abbandono di tutte le cose che gli facevano bella e molle la vita; e non guardò dietro a sé quel mucchio di pietre rischiarato dal sorriso della larva smorticcia, ma guardò dinanzi a sé Volterra come una città condannata al saccheggio, come una signoria perduta. Ebbe lo sguardo del venturiere. E le parole brutali gli sfuggirono. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Parlavano a viso a viso, l'una ancóra piegata contro la proda del letto, l'altra poggiata le mani alla lettiera che di tratto in tratto gemeva, entrambe scapigliate e trascolorate, con qualcosa di bestiale come la fame nel loro modo di mangiarsi l'anima, con qualcosa di simile alla voracità dei cavalli in una posta, che pigliano a grandi boccate quel ch'è loro messo innanzi, come per tema di rimanere indietro. E certo lo spavento era sotto l'audacia provocatrice della più giovine; ma uno spavento ben più profondo era nell'altra che sentiva percosso il suo cuore da quella condanna di sterilità e veramente sotto le imagini della tormentosa orgia dubitava d'avere amato. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Forse l'ho io separata da te? T'ho preso a lei? E come avrei potuto prenderti se tu non fossi stato già mio? Certo, quella sera, alla marina, ti parvi orribile quando ti parlai dell'amore di mia sorella. Ti ricondussi verso di lei, e le dissi: «Fa dunque ch'egli t'ami.» Ti parvi orribile. Ma chi può mai giudicare l'amore? e chi può dire il termine della voluttà e il termine del tormento e dove il male cessi d'essere il male e dove il bene cessi d'essere il bene, e per che modo una nuova vergogna crei un amore nuovo, e di che cosa debba vivere l'amore per piacere alla morte? Come fate voi a condannare e ad assolvere? Nulla è certo fuorché la crudeltà e la fame del cuore, e il sangue e le lacrime, e la fine di tutto; e neppure si sa quale sia il tempo di piangere. Ma forse c'è ancora da scoprire qualche dolore più lontano. Il mio lo conosci?
---------------
— Non ho finito di raccontarle la storia di Amnon — rispose il medico, riaprendo il libro. — L'inferma delirava interrottamente, sotto un'imagine dominante. Non ho mai veduto le linee del volto umano decomporsi e ricomporsi come quelle. La sua forma espressiva sembra una materia in fusione, una materia condannata a una metamorfosi che si travagli e non si compia. D'improvviso, dopo una specie di lungo soliloquio incompreso, con una chiarezza che sbigottiva lei medesima nel dire, disse: «Eppure, la colpa di cui m'accusate, io l'ho commessa; e non debbo discolparmi.» Allora io ripetei la mia domanda guardandola nelle pupille: «Chi è Amnon?» Ebbe uno di quei sorrisi indicibili che sono nelle sue stìmate direi quasi un raggio d'ombra, assai più misterioso del raggio di luce che si vede nelle rappresentazioni della stìmate sante. Poi recitò lenta un altro versetto, traendolo dalla sua memoria come dal fuoco: «E Amnon era in grande ansietà, fino a infermare, per amor di Tamar sua sorella.» Allora io ripetei la mia domanda incalzandola:(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
E ritornò sollecito a Silvia, la quale ora, seduta, con le mani sul volto, il capo piegato come sotto una condanna, che oltre al peso del cordoglio avesse quello del rimorso e della vergogna, piangeva scossa da violenti singulti. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Eh, no! non mi ero ucciso, io, per la morte della mamma e della figlietta mia, per quanto forse, quella notte, ne avessi avuto l’idea! Me n’ero fuggito, è vero, disperatamente; ma, ecco, ritornavo ora da una casa di giuoco, dove la Fortuna nel modo più strano mi aveva arriso e continuava ad arridermi, e un altro, invece, s’era ucciso per me, un altro, un forestiere certo, cui io rubavo il compianto dei parenti lontani e degli amici, e condannavo – oh suprema irrisione! – a subir quello che non gli apparteneva falso compianto, e finanche l’elogio funebre dell’incipriato cavalier Pomino!
---------------
* Ciò che per lui, insomma, poteva essere uno spasso e quasi l’esercizio d’un diritto, era per me, all’incontro, obbligo increscioso, condanna. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E che seguiva da questa riflessione? Ahimè, che io, condannato inevitabilmente a mentire dalla mia condizione, non avrei potuto avere mai più un amico, un vero amico. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Eppure la scienza, pensavo, ha l’illusione di render più facile e più comoda l’esistenza! Ma, anche ammettendo che la renda veramente più facile, con tutte le sue macchine così difficili e complicate, domando io: «E qual peggior servizio a chi sia condannato a una briga vana, che rendergliela facile e quasi meccanica?». ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma vedete un po’ a quali conclusioni uno scherzo suggerito dall’ozio può condurre un uomo condannato a star solo con se stesso! Mi veniva quasi di prendermi a schiaffi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Avevo già sperimentato come la mia libertà, che a principio m’era parsa senza limiti, ne avesse purtroppo nella scarsezza del mio denaro; poi m’ero anche accorto ch’essa più propriamente avrebbe potuto chiamarsi solitudine e noia, e che mi condannava a una terribile pena: quella della compagnia di me stesso; mi ero allora accostato agli altri; ma il proponimento di guardarmi bene dal riallacciare, foss’anche debolissimamente, le fila recise, a che era valso? Ecco: s’erano riallacciate da sé, quelle fila; e la vita, per quanto io, già in guardia, mi fossi opposto, la vita mi aveva trascinato, con la sua foga irresistibile: la vita che non era più per me. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Guardi un po’, Adriana: la Natura fa una delle sue solite stramberie; per tanti anni mi condanna a portare un occhio, diciamo così, disobbediente; io soffro dolori e prigionia per correggere lo sbaglio di lei, e ora per giunta mi tocca a pagare. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ed ecco, ora, dopo essermi aggirato due anni, come un’ombra, in quella illusione di vita oltre la morte, mi vedevo costretto, forzato, trascinato pei capelli a eseguire su me la loro condanna. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma sì! ma sì! Io non dovevo uccider me, un morto, io dovevo uccidere quella folle, assurda finzione che m’aveva torturato, straziato due anni, quell’Adriano Meis, condannato a essere un vile, un bugiardo, un miserabile; quell’Adriano Meis dovevo uccidere, che essendo, com’era, un nome falso, avrebbe dovuto aver pure di stoppa il cervello, di cartapesta il cuore, di gomma le vene, nelle quali un po’ d’acqua tinta avrebbe dovuto scorrere, invece di sangue: allora sì! Via, dunque, giù, giù, tristo fantoccio odioso! Annegato, là, come Mattia Pascal Una volta per uno! Quell’ombra di vita, sorta da una menzogna macabra, si sarebbe chiusa degnamente, così, con una menzogna macabra! E riparavo tutto! Che altra soddisfazione avrei potuto dare ad Adriana per il male che le avevo fatto? Ma l’affronto di quel farabutto dovevo tenermelo? Mi aveva investito a tradimento, il vigliacco! Oh, io ero ben sicuro di non aver paura di lui. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Si domanda a questo punto se vogliono esser considerati come zoologi o come critici letterarii quei tali signori che, giudicando un romanzo o una novella o una commedia, condannano questo o quel personaggio, questa o quella rappresentazione di fatti o di sentimenti, non già in nome dell’arte come sarebbe giusto, ma in nome d’una umanità che sembra essi conoscano a perfezione, come se realmente in astratto esistesse, fuori cioè di quell’infinita varietà d’uomini capaci di commettere tutte quelle sullodate assurdità che non hanno bisogno di parer verosimili, perché sono vere. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Io mi raccomando a voi , uomini , a voi tutti , amici e nemici , abbiate pietà di questo povero aflFamato di grandezza ! Non gli negate V amarezza dell'accusa e la durezza della condanna . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Parlate senza ritegno , condannate ferocemente . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E disegnai allora nella mente e sulla carta unica tragedia consentita alla mia demenza : il Dies Irae , il giorno dell' ira , dello spavento , dello stridor dei denti , della condanna ultima del primo e dell' ultimo uomo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Avrebbero visto finalmente il loro Cristo scender dalle nubi del cielo per condannare e premiare . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Chi ha mai pensato che quelli che illuminarono la nostra fanciullezza e ci accompagnarono con tante loro creature parlanti nelle serate malinconiche e libidinose dell' adolescenza e della giovinezza fossero dei buffoni ? Anch' io , quando non son preso da questa oscura rabbia che mi fa vomitar condanne e offese , dubito delle mie parole e sto per credermi ingiusto , forsennato e cattivo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non c'è lastra di marmo che mi possa far piegare il capo : le vostre condanne di morte mi mettono addosso un brio , una voglia di ridere , di muovermi , di fare , quale non conoscevo da un pezzo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non posso condannare e sopprimere tutta questa parte di me ch'è la migliore , ch'è l'unica la quale giustifichi tutte l'altre . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Sento pendere sulla mia testa la loro sentenza sprezzante , la loro disdegnosa condanna . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Se fanno cose mediocri o scrivono sciocchezze non li condanno : bisogna far molte cose cattive per arrivare a farne qualcuna passabile . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Poteva esserci un’azione più malvagia di quella di richiamare in sé un ammalato , senz’avere la minima speranza di salvarlo e solo per esporlo alla disperazione , o al rischio di dover sopportare – con quell’affanno! – la camicia di forza? Con tutta violenza , ma sempre accompagnando le mie parole di quel pianto che domandava indulgenza , dichiarai che mi pareva una crudeltà inaudita di non lasciar morire in pace chi era definitivamente condannato .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Dacché li prendeva sentiva meno fastidio per il fumare esagerato , al quale anche lui era condannato .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* La vera schiavitù è la condanna all’astensione: Tantalo e non Ercole .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Egli parlava il toscano con grande naturalezza mentre io e Ada eravamo condannati al nostro dialettaccio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Subito , virilmente , si liberò dallo stato d’inferiorità a cui pareva fosse condannato , aggredendomi con grande energia:
---------------
* Così il Copler ritornò allo stato d’inferiorità cui era condannato .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Registrava tutto da quel bravo uomo d’affari che era , ed io pensai che quel libro fosse il suo viatico e che io , nel caso suo , condannato a breve vita e privo di famiglia com’egli era , l’avrei arricchito intaccando il mio capitale .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Quell’Olivi! Me l’ha fatta grossa condannandomi a tanta inerzia .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Forse tale impressione si fece in me alla vista di mio suocero condannato ad una minestrina e ad un bicchiere di latte , mentre attorno a lui tutti si caricavano dei cibi più prelibati .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
anatematizzare
= o anatemizzare , verbo trans. colpire con anatema condannare .
---------------
berlina
= antica pena che consisteva nell'esporre al pubblico ludibrio il condannato - carrozza di gala a quattro posti tipo di carrozzeria chiusa , a due o quattro porte l'automobile stessa dotata di tale carrozzeria. dim. berlinetta.
---------------
boia
= colui che esegue le condanne capitali ribaldo , mascalzone in esclamazioni di rabbia , di disappunto
---------------
canga
= antico strumento di tortura orientale consistente in una larga tavola quadrata che, fissata al collo del condannato, gli impediva di nutrirsi o di riposare.
---------------
carcere
= stabilimento in cui è rinchiuso colui che è condannato alla privazione della libertà personale o è colpito da mandato di cattura in attesa del giudizio
---------------
carnefice
= esecutore di condanne a morte persecutore, tormentatore
= spietato, crudele.
---------------
condanna
= il condannare, la sentenza con cui si condanna
---------------
condannabile
= che si può condannare, che è da condannarsi
---------------
condannato
= part. pass. di condannare - colui che è stato colpito da una condanna.
---------------
condannatore
= che, colui che condanna.
---------------
condannatorio
= che contiene una condanna
---------------
condannevole
= condannabile.
---------------
condennare
= condannare.
---------------
conforteria
= cappella in cui i condannati a morte ricevevano i conforti religiosi.
---------------
correzionale
= nell'uso corrente, casa di rieducazione
= si diceva un tempo di pena destinata a consentire il recupero del condannato e perciò di durata limitata.
---------------
croce
= antico strumento di supplizio fatto con due pali di legno incrociati, di cui uno si piantava verticalmente in terra dopo che il condannato vi era stato inchiodato o legato
---------------
dannabile
= condannabile .
---------------
dannare
= verbo trans . condannare
---------------
dannato
= part . pass . di dannare - condannato
---------------
decapitare
= verbo trans . uccidere tagliando la testa - spec . per effetto di una condanna
---------------
deportazione
= trasferimento d'autorità di un condannato lontano dal territorio d'origine
---------------
detestare
= verbo trans . avere in orrore - condannare come riprovevole
---------------
elettrocuzione
= esecuzione di una condanna a morte mediante scarica elettrica
---------------
ergastolano
= colui che è stato condannato all'ergastolo
---------------
esiliare esigliare - essiliare
= verbo trans . mandare in esilio - condannare all'esilio
---------------
estradizione
= atto con il quale l'autorità di uno stato consegna - dietro richiesta di un altro stato - una persona che si trovi nel proprio territorio - ma che sia imputata o condannata nello stato richiedente
---------------
fedina
= certificato del casellario giudiziale che attesta se qualcuno abbia avuto - o no condanne penali
---------------
fucilazione
= esecuzione di una condanna a morte mediante una scarica di colpi di fucile
---------------
galeotto galeoto ,
= colui che era condannato a vogare sulle galee o su navi da guerra a remi
---------------
giansenismo
= corrente religiosa ispirata alla dottrina teologica del vescovo olandese c. jansen , che ebbe particolare diffusione in francia e che fu condannata come eresia da innocenzo x nel 1653
---------------
giustiziare
= verbo trans. eseguire una condanna a morte
---------------
gogna
= collare di ferro che si stringeva al collo dei condannati alla berlina
---------------
incensurato
= colui che non ha mai riportato condanne penali - nel linguaggio comune , - colui che ha sempre tenuto una condotta irreprensibile , non ha mai ricevuto critiche o censure .
---------------
ostracizzare
= verbo trans . nell'antica atene , condannare all'ostracismo - esiliare , bandire
---------------
patibolo
= qualsiasi strumento per l'esecuzione di condanne a morte
---------------
recidiva
= la condizione di chi, essendo già stato in precedenza condannato per un reato, ne commette uno o più altri
---------------
recidivo
= colui che dopo essere stato condannato per un reato ne commette un altro
---------------
reclusorio
= luogo di pena in cui i condannati scontano la reclusione
---------------
redde rationem
= sost. m. giudizio finale, con implicita un'idea di condanna
---------------
reprobo
= colui che è riprovato, condannato da dio, cattivo, malvagio.
---------------
ricondannare
= verbo trans. condannare di nuovo.
---------------
riformatorio
= soltanto in riformatorio , luogo di reclusione per i minorenni condannati a pene detentive, caratterizzato da finalità di rieducazione e di ricupero sociale.
---------------
sessuofobia
= avversione patologica nei riguardi del sesso - atteggiamento intransigente di condanna nei confronti del sesso .
---------------
sillabo
= catalogo , indice , raccolta , pubblicata nel 1864 , di ottanta proposizioni , desunte da documenti del papa pio ix , con cui questi condannava alcune tesi filosofiche , ideologiche e politiche di ispirazione liberale .
---------------
squartamento
= lo squartare , l'essere squartato , forma di esecuzione capitale , prevista in passato soprattutto per i delitti di lesa maestà , che consisteva nello smembrare il condannato mediante una violenta trazione dei quattro arti .
---------------
Verb: to gibbet-gibbeted-gibbeted
Ausiliar: to have - transitivo
Affermative - INDICATIVE
Present simple
I gibbet
you gibbet
he/she/it gibbets
we gibbet
you gibbet
they gibbet
Simple past
I gibbeted
you gibbeted
he/she/it gibbeted
we gibbeted
you gibbeted
they gibbeted
Simple past
I gibbeted
you gibbeted
he/she/it gibbeted
we gibbeted
you gibbeted
they gibbeted
Present perfect
I have gibbeted
you have gibbeted
he/she/it has gibbeted
we have gibbeted
you have gibbeted
they have gibbeted
Past perfect
I had gibbeted
you had gibbeted
he/she/it had gibbeted
we had gibbeted
you had gibbeted
they had gibbeted
Past perfect
I had gibbeted
you had gibbeted
he/she/it had gibbeted
we had gibbeted
you had gibbeted
they had gibbeted
Simple future
I I will gibbet
you you will gibbet
he/she/it he/she/it will gibbet
we we will gibbet
you I will gibbet
they they will gibbet
Future perfect
I will have gibbeted
you will have gibbeted
he/she/it will have gibbeted
we will have gibbeted
you will have gibbeted
they will have gibbeted
Present continuous
I am gibbeting
you are gibbeting
he/she/it is gibbeting
we are gibbeting
you are gibbeting
they are gibbeting
Past simple continuous
I was gibbeting
you were gibbeting
he/she/it was gibbeting
we were gibbeting
you were gibbeting
they were gibbeting
Future continuous
I will be gibbeting
you will be gibbeting
he/she/it will be gibbeting
we will be gibbeting
you will be gibbeting
they will be gibbeting
Future perfect continuous
I will have been gibbeting
you will have been gibbeting
he/she/it will have been gibbeting
we will have been gibbeting
you will have been gibbeting
they will have been gibbeting
Present perfect continuous
I have been gibbeting
you have been gibbeting
he/she/it has been gibbeting
we have been gibbeting
you have been gibbeting
they have been gibbeting
Past perfect continuous
I had been gibbeting
you had been gibbeting
he/she/it had been gibbeting
we had been gibbeting
you had been gibbeting
they had been gibbeting
Affermative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I gibbet
That you gibbet
That he/she/it gibbet
That we gibbet
That you gibbet
That they gibbet
Present perfect
That I have gibbeted
That you have gibbeted
That he/she/it have gibbeted
That we have gibbeted
That you have gibbeted
That they have gibbeted
Simple past
That I gibbeted
That you gibbeted
That he/she/it gibbeted
That we gibbeted
That you gibbeted
That they gibbeted
Past perfect
That I had gibbeted
That you had gibbeted
That he/she/it had gibbeted
That we had gibbeted
That you had gibbeted
That they had gibbeted
Affermative - CONDITIONAL
Present
I would gibbet
you would gibbet
we would gibbet
we would gibbet
you would gibbet
they would gibbet
Past
I would have gibbeted
you would have gibbeted
he/she/it would have gibbeted
we would have gibbeted
you would have gibbeted
they would have gibbeted
Present continous
I would be gibbeting
you would be gibbeting
we would be gibbeting
we would be gibbeting
you would be gibbeting
they would be gibbeting
Past continous
I would have been gibbeting
you would have been gibbeting
he/she/it would have been gibbeting
we would have been gibbeting
you would have been gibbeting
they would have been gibbeting
Affermative - IMPERATIVE
Present
let me gibbet
gibbet
let him gibbet
let us gibbet
gibbet
let them gibbet
 
 
 
 
 
 
 
Affermative - INFINITIVE
Present
to gibbet
Past
to have gibbeted
Present continous
to be gibbeting
Perfect continous
to have been gibbeting
Affermative - PARTICIPLE
Present
gibbeting
Past
gibbeted
Perfect
having gibbeted
Affermative - GERUND
Present
gibbeting
Past
having gibbeted
Passive - INDICATIVE
Present simple
I am gibbeted
you are gibbeted
he/she/it is gibbeted
we are gibbeted
you are gibbeted
they are gibbeted
Past simple
I was gibbeted
you were gibbeted
he/she/it was gibbeted
we were gibbeted
you were gibbeted
they were gibbeted
Past simple
I was gibbeted
you were gibbeted
he/she/it was gibbeted
we were gibbeted
you were gibbeted
they were gibbeted
Present perfect
I have been gibbeted
you have been gibbeted
he/she/it has been gibbeted
we have been gibbeted
you have been gibbeted
they have been gibbeted
Past perfect
I had been gibbeted
you had been gibbeted
he/she/it had been gibbeted
we had been gibbeted
you had been gibbeted
they had been gibbeted
Past perfect
I had been gibbeted
you had been gibbeted
he/she/it had been gibbeted
we had been gibbeted
you had been gibbeted
they had been gibbeted
Future simple
I will be gibbeted
you will be gibbeted
he/she/it will be gibbeted
we will be gibbeted
you will be gibbeted
they will be gibbeted
Future perfect
I will have been gibbeted
you will have been gibbeted
he/she/it will have been gibbeted
we will have been gibbeted
you will have been gibbeted
they will have been gibbeted
Present continuous
I am being gibbeted
you are being gibbeted
he/she/it is being gibbeted
we are being gibbeted
you are being gibbeted
they are being gibbeted
Past simple continuous
I was being gibbeted
you were being gibbeted
he/she/it was being gibbeted
were being gibbeted
you were being gibbeted
they were being gibbeted
Future continuous
I will being gibbeted
you will being gibbeted
he/she/it will being gibbeted
we will being gibbeted
you will being gibbeted
they will being gibbeted
Future perfect continuous
I will have been gibbeted
you will have been gibbeted
he/she/it will have been gibbeted
we will have been gibbeted
you will have been gibbeted
they will have been gibbeted
Present perfect continuous
I have been gibbeted
you have been gibbeted
he/she/it has been gibbeted
we have been gibbeted
you have been gibbeted
they have been gibbeted
Past perfect continuous
I had been gibbeted
you had been gibbeted
he/she/it had been gibbeted
we had been gibbeted
you had been gibbeted
they had been gibbeted
Passive - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I be gibbeted
That you be gibbeted
That he/she/it be gibbeted
That we be gibbeted
That you be gibbeted
That they be gibbeted
Present perfect
That I have been gibbeted
That you have been gibbeted
That he/she/it have been gibbeted
That we have been gibbeted
That you have been gibbeted
That they have been gibbeted
Simple past
That I were gibbeted
That you were gibbeted
That he/she/it were gibbeted
That we were gibbeted
That you were gibbeted
That they were gibbeted
Past perfect
That I had been gibbeted
That you had been gibbeted
That he/she/it had been gibbeted
That we had been gibbeted
That you had been gibbeted
That they had been gibbeted
CONDITIONAL
Present
I would be gibbeted
you would be gibbeted
we would be gibbeted
we would be gibbeted
you would be gibbeted
they would be gibbeted
Past
I would have been gibbeted
you would have been gibbeted
he/she/it would have been gibbeted
we would have been gibbeted
you would have been gibbeted
they would have been gibbeted
IMPERATIVE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INFINITIVE
Present
to be gibbeted
Past
to have been gibbeted
PARTICIPLE
Present
being gibbeted
Past
gibbeted
Perfect
having been gibbeted
GERUND
Present
being gibbeted
Past
having been gibbeted
Negative - INDICATIVE
Present simple
I do not gibbet
you do not gibbet
he/she/it does not gibbets
we do not gibbet
you do not gibbet
they do not gibbet
Simple past
I did not gibbet
you did not gibbet
he/she/it did not gibbet
we did not gibbet
you did not gibbet
they did not gibbet
Simple past
I did not gibbet
you did not gibbet
he/she/it did not gibbet
we did not gibbet
you did not gibbet
they did not gibbet
Present perfect
I have not gibbeted
you have not gibbeted
he/she/it has not gibbeted
we have not gibbeted
you have not gibbeted
they have not gibbeted
Past perfect
I had not gibbeted
you had not gibbeted
he/she/it had not gibbeted
we had not gibbeted
you had not gibbeted
they had not gibbeted
Past perfect
I had not gibbeted
you had not gibbeted
he/she/it had not gibbeted
we had not gibbeted
you had not gibbeted
they had not gibbeted
Simple future
I I will not gibbet
you you will not gibbet
he/she/it he/she/it will not gibbet
we we will not gibbet
you I will not gibbet
they they will not gibbet
Future perfect
I will not have gibbeted
you will not have gibbeted
he/she/it will not have gibbeted
we will not have gibbeted
you will not have gibbeted
they will not have gibbeted
Present continuous
I am not gibbeting
you are not gibbeting
he/she/it is not gibbeting
we are not gibbeting
you are not gibbeting
they are not gibbeting
Past simple continuous
I was not gibbeting
you were not gibbeting
he/she/it was not gibbeting
we were not gibbeting
you were not gibbeting
they were not gibbeting
Future continuous
I will not be gibbeting
you will not be gibbeting
he/she/it will not be gibbeting
we will not be gibbeting
you will not be gibbeting
they will not be gibbeting
Future perfect continuous
I will not have been gibbeting
you will not have been gibbeting
he/she/it will not have been gibbeting
we will not have been gibbeting
you will not have been gibbeting
they will not have been gibbeting
Present perfect continuous
I have not been gibbeting
you have not been gibbeting
he/she/it has not been gibbeting
we have not been gibbeting
you have not been gibbeting
they have not been gibbeting
Past perfect continuous
I had not been gibbeting
you had not been gibbeting
he/she/it had not been gibbeting
we had not been gibbeting
you had not been gibbeting
they had not been gibbeting
Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I do not gibbet
That you do not gibbet
That he/she/it does not gibbet
That we do not gibbet
That you do not gibbet
That they do not gibbet
Present perfect
That I have not gibbeted
That you have not gibbeted
That he/she/it have not gibbeted
That we have not gibbeted
That you have not gibbeted
That they have not gibbeted
Simple past
That I did not gibbet
That you did not gibbet
That he/she/it did not gibbet
That we did not gibbet
That you did not gibbet
That they did not gibbet
Past perfect
That I had not gibbeted
That you had not gibbeted
That he/she/it had not gibbeted
That we had not gibbeted
That you had not gibbeted
That they had not gibbeted
Negative - CONDITIONAL
Present
I would not gibbet
you would not gibbet
we would not gibbet
we would not gibbet
you would not gibbet
they would not gibbet
Past
I would not have gibbeted
you would not have gibbeted
he/she/it would not have gibbeted
we would not have gibbeted
you would not have gibbeted
they would not have gibbeted
Present continous
I would not be gibbeting
you would not be gibbeting
we would not be gibbeting
we would not be gibbeting
you would not be gibbeting
they would not be gibbeting
Past continous
I would not have been gibbeting
you would not have been gibbeting
he/she/it would not have been gibbeting
we would not have been gibbeting
you would not have been gibbeting
they would not have been gibbeting
Negative - IMPERATIVE
Present
do not let me gibbet
do not gibbet
do not let him gibbet
do not let us gibbet
do not gibbet
do not let them gibbet
 
 
 
 
 
 
 
Negative - INFINITIVE
Present
not to gibbet
Past
not to have gibbeted
Present continous
not to be gibbeting
Perfect continous
not to have been gibbeting
Negative - PARTICIPLE
Present
not gibbeting
Past
not gibbeted
Perfect
not having gibbeted
Negative - GERUND
Present
not gibbeting
Past
not having gibbeted
Interrogative - INDICATIVE
Present simple
do I gibbet ?
do you gibbet ?
does she/he/it gibbets ?
do we gibbet ?
do you gibbet ?
do they gibbet ?
Simple past
did I gibbet ?
did you gibbet ?
did she/he/it gibbet ?
did we gibbet ?
did you gibbet ?
did they gibbet ?
Simple past
did I gibbet ?
did you gibbet ?
did she/he/it gibbet ?
did we gibbet ?
did you gibbet ?
did they gibbet ?
Present perfect
have I gibbeted ?
have you gibbeted ?
has she/he/it gibbeted ?
have we gibbeted ?
have you gibbeted ?
have they gibbeted ?
Past perfect
had I gibbeted ?
had you gibbeted ?
had she/he/it gibbeted ?
had we gibbeted ?
had you gibbeted ?
had they gibbeted ?
Past perfect
had I gibbeted ?
had you gibbeted ?
had she/he/it gibbeted ?
had we gibbeted ?
had you gibbeted ?
had they gibbeted ?
Simple future
will I gibbet ?
will you gibbet ?
will she/he/it gibbet ?
will we gibbet ?
will I gibbet ?
will they gibbet ?
Future perfect
will I have gibbeted ?
will you have gibbeted ?
will she/he/it have gibbeted ?
will we have gibbeted ?
will you have gibbeted ?
will they have gibbeted ?
Present continuous
am I gibbeting ?
are you gibbeting ?
is she/he/it gibbeting ?
are we gibbeting ?
are you gibbeting ?
are they gibbeting ?
Past simple continuous
was I gibbeting ?
were you gibbeting ?
was she/he/it gibbeting ?
were we gibbeting ?
were you gibbeting ?
were they gibbeting ?
Future continuous
will I be gibbeting ?
will you be gibbeting ?
will she/he/it be gibbeting ?
will we be gibbeting ?
will you be gibbeting ?
will they be gibbeting ?
Future perfect continuous
will I have been gibbeting ?
will you have been gibbeting ?
will she/he/it have been gibbeting ?
will we have been gibbeting ?
will you have been gibbeting ?
will they have been gibbeting ?
Present perfect continuous
have I been gibbeting ?
have you been gibbeting ?
has she/he/it been gibbeting ?
have we been gibbeting ?
have you been gibbeting ?
have they been gibbeting ?
Past perfect continuous
had I been gibbeting ?
had you been gibbeting ?
had she/he/it been gibbeting ?
had we been gibbeting ?
had you been gibbeting ?
had they been gibbeting ?
Interrogative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I gibbet ?
That do you gibbet ?
That does she/he/it gibbet ?
That do we gibbet ?
That do you gibbet ?
That do they gibbet ?
Present perfect
That have I gibbeted ?
That have you gibbeted ?
That have she/he/it gibbeted ?
That have we gibbeted ?
That have you gibbeted ?
That have they gibbeted ?
Simple past
That did I gibbet ?
That did you gibbet ?
That did she/he/it gibbet ?
That did we gibbet ?
That did you gibbet ?
That did they gibbet ?
Past perfect
That had I gibbeted ?
That had you gibbeted ?
That had she/he/it gibbeted ?
That had we gibbeted ?
That had you gibbeted ?
That had they gibbeted ?
Interrogative - CONDITIONAL
Present
would I gibbet ?
would you gibbet ?
would she/he/it gibbet ?
would we gibbet ?
would you gibbet ?
would they gibbet ?
Past
would I have gibbeted?
would you have gibbeted?
would she/he/it have gibbeted?
would we have gibbeted?
would you have gibbeted?
would they have gibbeted?
Present continous
would I be gibbeting ?
would you be gibbeting ?
would she/he/it be gibbeting ?
would we be gibbeting ?
would you be gibbeting ?
would they be gibbeting ?
Past continous
would I have been gibbeting?
would you have been gibbeting?
would she/he/it have been gibbeting?
would we have been gibbeting?
would you have been gibbeting?
would they have been gibbeting?
Interrogative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Interrogative-Negative - INDICATIVE
Present simple
do I not gibbet ?
do you not gibbet ?
does she/he/it not gibbets ?
do we not gibbet ?
do you not gibbet ?
do they not gibbet ?
Simple past
did I not gibbet ?
did you not gibbet ?
did she/he/it not gibbet ?
did we not gibbet ?
did you not gibbet ?
did they not gibbet ?
Simple past
did I not gibbet ?
did you not gibbet ?
did she/he/it not gibbet ?
did we not gibbet ?
did you not gibbet ?
did they not gibbet ?
Present perfect
have I not gibbeted ?
have you not gibbeted ?
has she/he/it not gibbeted ?
have we not gibbeted ?
have you not gibbeted ?
have they not gibbeted ?
Past perfect
had I not gibbeted ?
had you not gibbeted ?
had she/he/it not gibbeted ?
had we not gibbeted ?
had you not gibbeted ?
had they not gibbeted ?
Past perfect
had I not gibbeted ?
had you not gibbeted ?
had she/he/it not gibbeted ?
had we not gibbeted ?
had you not gibbeted ?
had they not gibbeted ?
Simple future
will I not gibbet ?
will you not gibbet ?
will she/he/it not gibbet ?
will we not gibbet ?
will I not gibbet ?
will they not gibbet ?
Future perfect
will I not have gibbeted ?
will you not have gibbeted ?
will she/he/it not have gibbeted ?
will we not have gibbeted ?
will you not have gibbeted ?
will they not have gibbeted ?
Present continuous
am I not gibbeting ?
are you not gibbeting ?
is she/he/it not gibbeting ?
are we not gibbeting ?
are you not gibbeting ?
are they not gibbeting ?
Past simple continuous
was I not gibbeting ?
were you not gibbeting ?
was she/he/it not gibbeting ?
were we not gibbeting ?
were you not gibbeting ?
were they not gibbeting ?
Future continuous
will I not be gibbeting ?
will you not be gibbeting ?
will she/he/it not be gibbeting ?
will we not be gibbeting ?
will you not be gibbeting ?
will they not be gibbeting ?
Future perfect continuous
will I not have been gibbeting ?
will you not have been gibbeting ?
will she/he/it not have been gibbeting ?
will we not have been gibbeting ?
will you not have been gibbeting ?
will they not have been gibbeting ?
Present perfect continuous
have I not been gibbeting ?
have you not been gibbeting ?
has she/he/it not been gibbeting ?
have we not been gibbeting ?
have you not been gibbeting ?
have they not been gibbeting ?
Past perfect continuous
had I not been gibbeting ?
had you not been gibbeting ?
had she/he/it not been gibbeting ?
had we not been gibbeting ?
had you not been gibbeting ?
had they not been gibbeting ?
Interrogative-Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I not gibbet ?
That do you not gibbet ?
That does she/he/it not gibbet ?
That do we not gibbet ?
That do you not gibbet ?
That do they not gibbet ?
Present perfect
That have I not gibbeted ?
That have you not gibbeted ?
That have she/he/it not gibbeted ?
That have we not gibbeted ?
That have you not gibbeted ?
That have they not gibbeted ?
Simple past
That did I not gibbet ?
That did you not gibbet ?
That did she/he/it not gibbet ?
That did we not gibbet ?
That did you not gibbet ?
That did they not gibbet ?
Past perfect
That had I not gibbeted ?
That had you not gibbeted ?
That had she/he/it not gibbeted ?
That had we not gibbeted ?
That had you not gibbeted ?
That had they not gibbeted ?
Interrogative-Negative - CONDITIONAL
Present
would I not gibbet ?
would you not gibbet ?
would she/he/it not gibbet ?
would we not gibbet ?
would you not gibbet ?
would they not gibbet ?
Past
would I not have gibbeted?
would you not have gibbeted?
would she/he/it not have gibbeted?
would we not have gibbeted?
would you not have gibbeted?
would they not have gibbeted?
Present continous
would I not be gibbeting ?
would you not be gibbeting ?
would she/he/it not be gibbeting ?
would we not be gibbeting ?
would you not be gibbeting ?
would they not be gibbeting ?
Past continous
would I not have been gibbeting?
would you not have been gibbeting?
would she/he/it not have been gibbeting?
would we not have been gibbeting?
would you not have been gibbeting?
would they not have been gibbeting?
Interrogative-Negative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Coniugazione:1 - condannare impiccare
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io condanno
tu condanni
egli condanna
noi condanniamo
voi condannate
essi condannano
Imperfetto
io condannavo
tu condannavi
egli condannava
noi condannavamo
voi condannavate
essi condannavano
Passato remoto
io condannai
tu condannasti
egli condannò
noi condannammo
voi condannaste
essi condannarono
Passato prossimo
io ho condannato
tu hai condannato
egli ha condannato
noi abbiamo condannato
voi avete condannato
essi hanno condannato
Trapassato prossimo
io avevo condannato
tu avevi condannato
egli aveva condannato
noi avevamo condannato
voi avevate condannato
essi avevano condannato
Trapassato remoto
io ebbi condannato
tu avesti condannato
egli ebbe condannato
noi avemmo condannato
voi eveste condannato
essi ebbero condannato
Futuro semplice
io condannerò
tu condannerai
egli condannerà
noi condanneremo
voi condannerete
essi condanneranno
Futuro anteriore
io avrò condannato
tu avrai condannato
egli avrà condannato
noi avremo condannato
voi avrete condannato
essi avranno condannato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io condanni
che tu condanni
che egli condanni
che noi condanniamo
che voi condanniate
che essi condannino
Passato
che io abbia condannato
che tu abbia condannato
che egli abbia condannato
che noi abbiamo condannato
che voi abbiate condannato
che essi abbiano condannato
Imperfetto
che io condannassi
che tu condannassi
che egli condannasse
che noi condannassimo
che voi condannaste
che essi condannassero
Trapassato
che io avessi condannato
che tu avessi condannato
che egli avesse condannato
che noi avessimo condannato
che voi aveste condannato
che essi avessero condannato
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io condannerei
tu condanneresti
egli condannerebbe
noi condanneremmo
voi condannereste
essi condannerebbero
Passato
io avrei condannato
tu avresti condannato
egli avrebbe condannato
noi avremmo condannato
voi avreste condannato
essi avrebbero condannato
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
condanna
condanni
condanniamo
condannate
condannino
Futuro
-
condannerai
condannerà
condanneremo
condannerete
condanneranno
INFINITO - attivo
Presente
condannare
Passato
avere condannato
 
 
PARTICIPIO - attivo
Presente
condannante
Passato
condannato
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
condannando
Passato
avendo condannato
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono condannato
tu sei condannato
egli é condannato
noi siamo condannati
voi siete condannati
essi sono condannati
Imperfetto
io ero condannato
tu eri condannato
egli era condannato
noi eravamo condannati
voi eravate condannati
essi erano condannati
Passato remoto
io fui condannato
tu fosti condannato
egli fu condannato
noi fummo condannati
voi foste condannati
essi furono condannati
Passato prossimo
io sono stato condannato
tu sei stato condannato
egli é stato condannato
noi siamo stati condannati
voi siete stati condannati
essi sono stati condannati
Trapassato prossimo
io ero stato condannato
tu eri stato condannato
egli era stato condannato
noi eravamo stati condannati
voi eravate stati condannati
essi erano staticondannati
Trapassato remoto
io fui stato condannato
tu fosti stato condannato
egli fu stato condannato
noi fummo stati condannati
voi foste stati condannati
essi furono stati condannati
Futuro semplice
io sarò condannato
tu sarai condannato
egli sarà condannato
noi saremo condannati
voi sarete condannati
essi saranno condannati
Futuro anteriore
io sarò stato condannato
tu sarai stato condannato
egli sarà stato condannato
noi saremo stati condannati
voi sarete stati condannati
essi saranno stati condannati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia condannato
che tu sia condannato
che egli sia condannato
che noi siamo condannati
che voi siate condannati
che essi siano condannati
Passato
che io sia stato condannato
che tu sia stato condannato
che egli sia stato condannato
che noi siamo stati condannati
che voi siate stati condannati
che essi siano stati condannati
Imperfetto
che io fossi condannato
che tu fossi condannato
che egli fosse condannato
che noi fossimo condannati
che voi foste condannati
che essi fossero condannati
Trapassato
che io fossi stato condannato
che tu fossi stato condannato
che egli fosse stato condannato
che noi fossimo stati condannati
che voi foste stati condannati
che essi fossero stati condannati
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei condannato
tu saresti condannato
egli sarebbe condannato
noi saremmo condannati
voi sareste condannati
essi sarebbero condannati
Passato
io sarei stato condannato
tu saresti stato condannato
egli sarebbe stato condannato
noi saremmo stati condannati
voi sareste stati condannati
essi sarebbero stati condannati
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii condannato
sia condannato
siamo condannati
siate condannati
siano condannati
Futuro
-
sarai condannato
sarà condannato
saremo condannati
sarete condannati
saranno condannati
INFINITO - passivo
Presente
essere condannato
Passato
essere stato condannato
 
 
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
condannato
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo condannato
Passato
essendo stato condannato