Good navigation with NihilScio!  Facebook page
NihilScio     Home
 

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo
Italiano
Inglese

á    è     é    ì     í    ò
ó     ù    ú    ü    ñ    ç
sinonimi di
answer
  Cerca  frasi:
Vocabulary and phrases
answer
= risposta , riscontro , soluzione , replica , difesa , rispondere , rispondere a , corrispondere a , rispondere di , soddisfare , obbedire ,
---------------
housekeeping, when an answer arrived which deferred it all. Mr. Bingley
---------------
morning had the pleasure of being able to send a tolerable answer to the
---------------
shameful thing in the world if he did not keep it. His answer to this
---------------
shall hope to receive a more favourable answer than you have now given
---------------
Bingley would return to Netherfield and answer every wish of her heart.
---------------
* Jane had sent Caroline an early answer to her letter, and was counting
---------------
told her to write to him, and almost promised to answer her letter.
---------------
"I can answer your question," said Fitzwilliam, "without applying to
---------------
and as she did not answer them all herself, attention was necessary,
---------------
* "I am sure there is not on his. I will answer for it, he never cared
---------------
* But of this answer Lydia heard not a word. She seldom listened to
---------------
* With this answer Elizabeth was forced to be content; but her own opinion
---------------
asked her how she had liked him. Her answer was warmly in his favour.
---------------
* Their visit did not continue long after the question and answer above
---------------
head is so bewildered that I cannot answer for being coherent. Dearest
---------------
* Mr. Gardiner did not write again till he had received an answer from
---------------
Longbourn, and depend on my diligence and care. Send back your answer as
---------------
Elizabeth had the satisfaction of receiving an answer to her letter as
---------------
which she could not answer without confusion, said scarcely anything. He
---------------
equipage did not answer to that of any of their neighbours. The horses
---------------
* "How unlucky that you should have a reasonable answer to give, and that
---------------
her a much kinder answer than she knew was deserved.
---------------
* Before any answer could arrive from Mr. Collins, or any congratulations
---------------
her answer to put an end to every entreaty and expectation of the kind.
---------------
guinea, if you'll answer one or two--'
---------------
was redder in the face than ever, it seemed to answer his purpose quite
---------------
draw forth an answer to it. He emptied his glass, looked mysteriously at
---------------
* 'Cook,' said the lady abbess, with great dignity; 'don't answer me, if
---------------
effect. 'But you shall answer it, Sir.'
---------------
who had watched this telegraphic answer with considerable sternness. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
'Will you, or will you not, answer my question, Sir?' 'If you don't
---------------
* 'This answer no sooner reached Britain, than the whole nation was
---------------
Sam made no verbal answer to this complaint, nor can we precisely say
---------------
the legs of the table answer just as well,' replied the cobbler. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
* Mr. Pickwick bent his head very slightly, in answer to these
---------------
'I'll answer the door in one moment, Sir,' replied the clerk. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
'Shall I answer that question, Perker?' said Wardle. ( Dickens The Pickwick papers )
---------------
anyone to answer the bell. (Chesterton The secret of father Brown )
---------------
Bagshaw after a pause; "but, after all, the answer is simple. You can
---------------
Evan can answer for each other, I suppose; but Dr. Abbott has had an
---------------
seems obvious you have a right to an answer on that point before you
---------------
I'm not arguing those questions; I'm only trying to answer your question
---------------
* They did not answer and he went on in the same heavy tone, as if he were
---------------
aa
= aa , anti-aircraft , automobile association , alcoholic anonymous , vietato ai minori di 14 anni , auto answer ,
---------------
abdt
= answer back - day & time , abdt ,
---------------
affirmative answer
= risposta in senso affermativo ,
---------------
an answer will oblige
= sarà gradita una risposta ,
---------------
back answer
= rispostaccia ,
---------------
childish answer
= risposta puerile ,
---------------
chilly answer
= risposta raggelante ,
---------------
civil answer
= risposta civile, risposta garbata ,
---------------
colour answer print
= copia campione a colori ,
---------------
colour answer prints
= copie campione a colori ,
---------------
corrected answer print
= copia campione verificata ,
---------------
corrected answer prints
= copie campione verificate ,
---------------
crude answer
= risposta cruda ,
---------------
definite answer
= risposta precisa ,
---------------
difficult to answer
= difficile da rispondere ,
---------------
direct answer
= risposta precisa ,
---------------
don't dare answer back
= non osare rispondermi! ,
---------------
don't dare answer me back
= non osare rispondermi! ,
---------------
first answer print
= copia zero , copia campione ,
---------------
first answer prints
= copie zero , copie campione ,
---------------
first trial answer print
= copia zero ,
---------------
first trial answer prints
= copie zero ,
---------------
gave a back answer
= dato una rispostaccia,
---------------
gave a verbal answer
= dato una risposta verbale, dato una risposta a voce,
---------------
get an answer
= dare una risposta,
---------------
gets an answer
= dà una risposta,
---------------
getting an answer
= dando una risposta,
---------------
give a back answer
= dare una rispostaccia,
---------------
give a verbal answer
= dare una risposta verbale, dare una risposta a voce,
---------------
give an answer
= dare una risposta,
---------------
given a back answer
= dato una rispostaccia,
---------------
given a verbal answer
= dato una risposta verbale, dato una risposta a voce,
---------------
gives a back answer
= dà una rispostaccia,
---------------
gives a verbal answer
= dà una risposta verbale, dà una risposta a voce,
---------------
gives an answer
= dà una risposta,
---------------
giving a back answer
= dando una rispostaccia,
---------------
giving a verbal answer
= dando una risposta verbale, dando una risposta a voce,
---------------
giving an answer
= dando una risposta,
---------------
he has all the answer
= sa tutto, crede di sapere tutto,
---------------
her only answer
= per tutta risposta,
---------------
her only answer was to laugh
= per tutta risposta si mise a ridere,
---------------
his only answer
= per tutta risposta,
---------------
his only answer was to laugh
= per tutta risposta si mise a ridere,
---------------
i don't answer for him
= non rispondo di lui,
---------------
i won't take no for an answer
= non accetto rifiuti!,
---------------
in answer to
= in risposta a, in seguito a,
---------------
it's the answer to all our problems
= è la soluzione a tutti i nostri problemi, è la risposta a tutti i nostri problemi,
---------------
italy's answer to
= la risposta italiana a,
---------------
leave a blank if you don't know the answer
= lascia uno spazio in bianco se non sai la risposta,
---------------
made no answer
= non risposto nulla,
---------------
make no answer
= non rispondere nulla,
---------------
makes no answer
= non risponde nulla,
---------------
making no answer
= non rispondendo nulla,
---------------
or you'll have me to answer to
= o dovrai fare i conti con me!,
---------------
right answer
= risposta giusta,
---------------
she has all the answer
= sa tutto , crede di sapere tutto ,
---------------
silent answer print
= copia campione senza sonoro ,
---------------
silent answer prints
= copie campione senza sonoro ,
---------------
straight answer
= risposta franca ,
---------------
there is no easy answer
= non è di facile soluzione ,
---------------
there is no easy answer to the problem
= non è un problema di facile soluzione ,
---------------
there was no answer
= non ci fu risposta , non ci fu replica ,
---------------
there was no case to answer
= non c'erano accuse fondate ,
---------------
there's no answer
= non risponde nessuno ,
---------------
there's no answer to that
= che si può mai rispondere? ,
---------------
this question is difficult to answer
= è difficile rispondere a questa domanda ,
---------------
unfavorable answer
= risposta negativa ,
---------------
verbal answer
= risposta verbale , risposta a voce ,
---------------
Vocabulary and phrases
rispondere
= verbo intr. parlare o scrivere a chi si è rivolto a noi in modo diretto o indiretto, parlando o scrivendo
---------------
* Né in questo sarebbe stata la difficoltà ; giacché (dobbiam dirlo a onor del vero) non ci si presentò alla mente una critica , che non le venisse insieme una risposta trionfante , di quelle risposte che , non dico risolvon le questioni , ma le mutano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma che ? quando siamo stati al punto di raccapezzar tutte le dette obiezioni e risposte , per disporle con qualche ordine , misericordia ! venivano a fare un libro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Cosa comanda ? - rispose subito don Abbondio , alzando i suoi dal libro , che gli restò spalancato nelle mani , come sur un leggìo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Cioè . . .- rispose , con voce tremolante , don Abbondio: - cioè .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " Se Renzo si potesse mandare in pace con un bel no , via ; ma vorrà delle ragioni ; e cosa ho da rispondergli , per amor del cielo ? E , e , e , anche costui è una testa: un agnello se nessun lo tocca , ma se uno vuol contraddirgli . . .ih ! E poi , e poi , perduto dietro a quella Lucia , innamorato come . . .Ragazzacci , che , per non saper che fare , s'innamorano , voglion maritarsi , e non pensano ad altro ; non si fanno carico de' travagli in che mettono un povero galantuomo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Vengo , - rispose , mettendo sul tavolino , al luogo solito , il fiaschetto del vino prediletto di don Abbondio , e si mosse lentamente ; ma non aveva ancor toccata la soglia del salotto , ch'egli v'entrò , con un passo così legato , con uno sguardo così adombrato , con un viso così stravolto , che non ci sarebbero nemmen bisognati gli occhi esperti di Perpetua , per iscoprire a prima vista che gli era accaduto qualche cosa di straordinario davvero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Niente , niente , - rispose don Abbondio , lasciandosi andar tutto ansante sul suo seggiolone .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ci penserò io , - rispose , brontolando , don Abbondio: - sicuro ; io ci penserò , io ci ho da pensare - E s'alzò , continuando: - non voglio prender niente ; niente: ho altra voglia: lo so anch'io che tocca a pensarci a me .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo , rispostole con un saluto , tornò indietro pian piano , per non farla accorgere del cammino che prendeva ; ma , quando fu fuor del tiro dell'orecchio della buona donna , allungò il passo ; in un momento fu all'uscio di don Abbondio ; entrò , andò diviato al salotto dove l'aveva lasciato , ve lo trovò , e corse verso lui , con un fare ardito , e con gli occhi stralunati .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Chi è quel prepotente , - disse Renzo , con la voce d'un uomo ch'è risoluto d'ottenere una risposta precisa , - chi è quel prepotente che non vuol ch'io sposi Lucia ?
---------------
- Come eh ? come ? - rispose , con voce quasi sdegnosa , don Abbondio , il quale , dopo un così gran sagrifizio , si sentiva in certo modo divenuto creditore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Posso aver fallato , - rispose Renzo , con voce raddolcita verso don Abbondio , ma nella quale si sentiva il furore contro il nemico scoperto: - posso aver fallato ; ma si metta la mano al petto , e pensi se nel mio caso . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Posso aver fallato ; e mi scusi , - rispose Renzo , aprendo , e disponendosi ad uscire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Perpetua non risponde: don Abbondio non sapeva più in che mondo si fosse .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Basti dire che don Abbondio ordinò a Perpetua di metter la stanga all'uscio , di non aprir più per nessuna cagione , e , se alcun bussasse , risponder dalla finestra che il curato era andato a letto con la febbre .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Lucia ! - rispose Renzo , - per oggi , tutto è a monte ; e Dio sa quando potremo esser marito e moglie .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Pur troppo ! - rispose Lucia ; - ma a questo segno !
---------------
* - Ah , Renzo ! - rispose Lucia , rivolgendosi un momento , senza fermarsi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Un febbrone , - rispose Perpetua dalla finestra ; e la trista parola , riportata all'altre , troncò le congetture che già cominciavano a brulicar ne' loro cervelli , e ad annunziarsi tronche e misteriose ne' loro discorsi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Ora vi dirò tutto , - rispose Lucia , asciugandosi gli occhi col grembiule .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Al padre Cristoforo , in confessione , mamma , - rispose Lucia , con un accento soave di scusa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Son qui , - rispose il dottore: - parlate - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - In verità , da povero figliuolo , - rispose Renzo , - io non ho mai portato ciuffo in vita mia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Non facciam niente , - rispose il dottore , scotendo il capo , con un sorriso , tra malizioso e impaziente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Il signor curato è ammalato , e bisogna differire , - rispose in fretta la donna .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se Lucia non faceva quel segno , la risposta sarebbe probabilmente stata diversa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Or dunque , alla raccolta , il cercatore andò per riscotere la metà ch'era dovuta al convento ; ma colui se ne fece nuovo affatto , ed ebbe la temerità di rispondere che non aveva mai sentito dire che i cappuccini sapessero far noci .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Mamma , perdonatemi , - rispose Lucia ; - ma , se avessimo fatta un'elemosina come gli altri , fra Galdino avrebbe dovuto girare ancora , Dio sa quanto , prima d'aver la bisaccia piena ; Dio sa quando sarebbe tornato al convento ; e , con le ciarle che avrebbe fatte e sentite , Dio sa se gli sarebbe rimasto in mente . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Buona notte , - rispose Renzo , ancor più tristamente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Questo , per corrispondere alla celia , senza la minima ombra di malizia , proprio col candore d'un bambino , rispose: - eh ! io fo l'orecchio del mercante - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Fate luogo voi , - rispose Lodovico .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Questa risposta era di prammatica .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* N'ebbe in risposta , che bisognava guardarsi dalle risoluzioni precipitate ; ma che , se persisteva , non sarebbe rifiutato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Fra Cristoforo , in piedi , ma col capo chino , rispose: - io posso dunque sperare che lei m'abbia concesso il suo perdono ! E se l'ottengo da lei , da chi non devo sperarlo ? Oh ! s'io potessi sentire dalla sua bocca questa parola , perdono !
---------------
* Onde , con quel tono d'interrogazione che va incontro a una trista risposta , alzando la barba con un moto leggiero della testa all'indietro , disse: - ebbene ? - Lucia rispose con uno scoppio di pianto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Abbandonarvi ! - rispose .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Oh sì ! - rispose Renzo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A quel suono risposer subito di dentro gli urli e le strida di mastini e di cagnolini ; e , pochi momenti dopo , giunse borbottando un vecchio servitore ; ma , veduto il padre , gli fece un grand'inchino , acquietò le bestie , con le mani e con la voce , introdusse l'ospite in un angusto cortile , e richiuse la porta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il padre s'avanzò , inchinandosi al padrone , e rispondendo , a due mani , ai saluti de' commensali .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Bene , bene , parleremo ; - rispose questo: - ma intanto si porti da bere al padre .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Un cavaliere spagnolo manda una sfida a un cavalier milanese: il portatore , non trovando il provocato in casa , consegna il cartello a un fratello del cavaliere ; il qual fratello legge la sfida , e in risposta dà alcune bastonate al portatore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Risponda un poco a questo sillogismo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Io . . .- rispose confusetto il dottore: - io godo di questa dotta disputa ; e ringrazio il bell'accidente che ha dato occasione a una guerra d'ingegni così graziosa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ho già fatte le mie scuse , col dire che non me n'intendo , - rispose fra Cristoforo , rendendo il bicchiere a un servitore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
In vece di rispondere a quest'amorevole domanda , il padre disse una parolina in segreto a sé medesimo: " queste vengono a te ; ma ricordati , frate , che non sei qui per te , e che tutto ciò che tocca te solo , non entra nel conto " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Padre Cristoforo - rispose più d'uno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - In verità , - rispose il dottore , tenendo brandita in aria la forchetta , e rivolgendosi al padre , - in verità io non so intendere come il padre Cristoforo , il quale è insieme il perfetto religioso e l'uomo di mondo , non abbia pensato che la sua sentenza , buona , ottima e di giusto peso sul pulpito , non val niente , sia detto col dovuto rispetto , in una disputa cavalleresca .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Che si poteva mai rispondere a ragionamenti dedotti da una sapienza così antica , e sempre nuova ? Niente: e così fece il nostro frate .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il podestà rispose con un inchino , nel quale traspariva un sentimento di riconoscenza particolare ; perché tutto ciò che si faceva o si diceva in onore del conte duca , lo riteneva in parte come fatto a sé .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Viva mill'anni ! - risposer tutti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Mi perdoni ; - rispose il padre: - ma ho già fatto un disordine , e non potrei . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tirato fuor del bicchiere un naso più vermiglio e più lucente di quello , il dottore rispose , battendo con enfasi ogni sillaba: - dico , proferisco , e sentenzio che questo è l'Olivares de' vini: censui , et in eam ivi sententiam , che un liquor simile non si trova in tutti i ventidue regni del re nostro signore , che Dio guardi: dichiaro e definisco che i pranzi dell'illustrissimo signor don Rodrigo vincono le cene d'Eliogabalo ; e che la carestia è bandita e confinata in perpetuo da questo palazzo , dove siede e regna la splendidezza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Fra Cristoforo , avvertito da queste parole che quel signore cercava di tirare al peggio le sue , per volgere il discorso in contesa , e non dargli luogo di venire alle strette , s'impegnò tanto più alla sofferenza , risolvette di mandar giù qualunque cosa piacesse all'altro di dire , e rispose subito , con un tono sommesso: - se ho detto cosa che le dispiaccia , è stato certamente contro la mia intenzione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Al moversi di don Rodrigo , il nostro frate gli s'era messo davanti , ma con gran rispetto ; e , alzate le mani , come per supplicare e per trattenerlo ad un punto , rispose ancora: - la mi preme , è vero , ma non più di lei ; son due anime che , l'una e l'altra , mi premon più del mio sangue .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Verrò , - rispose il servitore: - ma lei vada via subito e . . .per amor del cielo . . .non mi nomini - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Così dicendo , e guardando intorno , uscì , per l'altra parte dell'andito , in un salotto , che rispondeva nel cortile ; e , visto il campo libero , chiamò fuori il buon frate , il volto del quale rispose a quell'ultima parola più chiaro che non avrebbe potuto fare qualunque protesta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- In mente ? - rispose Agnese: - pensa se non gli sarà venuta in mente ! Ma non ne avrà voluto parlare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Che volete ch'io vi dica ? - rispose Agnese .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Lucia , senza trovar che rispondere a quel ragionamento , non ne sembrava però capacitata: ma Renzo , tutto rincorato , disse: - quand'è così , la cosa è fatta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Vado e torno con la risposta - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Vi ringrazio , - rispose Renzo: - venivo solamente per dire una parolina a Tonio ; e , se vuoi , Tonio , per non disturbar le tue donne , possiamo andar a desinare all'osteria , e lì parleremo - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Parla , parla ; comandami pure , - rispose Tonio , mescendo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- E da mangiare , - rispose Renzo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Poh . . . ! - rispose Tonio , piegando il capo sulla spalla destra , e alzando la mano sinistra , con un viso che diceva: mi fai torto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Cosa ci manca ? - rispose Renzo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Io non so che rispondere a queste vostre ragioni , - diceva: - ma vedo che , per far questa cosa , come dite voi , bisogna andar avanti a furia di sotterfugi , di bugie , di finzioni .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Povero Renzo ! - rispose il frate , con una voce grave e pietosa , e con uno sguardo che comandava amorevolmente la pacatezza : - se il potente che vuol commettere l'ingiustizia fosse sempre obbligato a dir le sue ragioni , le cose non anderebbero come vanno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Voi ! - rispose , con una voce ch'esprimeva un'ira ben diversa , ma un'ira tuttavia: - voi ! Che bene mi volete voi ? Che prova m'avete data ? Non v'ho io pregata , e pregata , e pregata ? E voi: no ! no !
---------------
- Sì sì , - rispose precipitosamente Lucia: - verrò dal curato , domani , ora , se volete ; verrò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ve l'ho promesso , - rispose Lucia , con un tono di rimprovero timido e affettuoso: - ma anche voi avevate promesso di non fare scandoli , di rimettervene al padre . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Le zucche ! - rispose questo: - sapete che diavoli d'occhi ha il padre: mi leggerebbe in viso , come sur un libro , che c'è qualcosa per aria ; e se cominciasse a farmi dell'interrogazioni , non potrei uscirne a bene .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Va bene , - rispose Renzo ; e partì , per accudire all'affare , come aveva detto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Avutolo , lo condusse nella sua cucina , gli diede da colazione , e gli disse che andasse a Pescarenico , e si facesse vedere al padre Cristoforo , il quale lo rimanderebbe poi , con una risposta , quando sarebbe tempo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Bene , abbi giudizio ; e , quando tornerai con la risposta . . .guarda ; queste due belle parpagliole nuove son per te .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si trattenne poi , con una certa sfacciataggine , e , nello stesso tempo , con esitazione , facendo molte domande , alle quali Agnese s'affrettò di risponder sempre il contrario di quello che era .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il servitore partì , rispondendo con un inchino ; e , poco dopo , tornò , portando la ricca spada , che il padrone si cinse ; la cappa , che si buttò sulle spalle ; il cappello a gran penne , che mise e inchiodò , con una manata , fieramente sul capo: segno di marina torbida .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I contadini , gli artigiani , al vederlo venire , si ritiravan rasente al muro , e di lì facevano scappellate e inchini profondi , ai quali non rispondeva .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Lasci fare a me , - rispose il Griso , inchinandosi , con un atto d'ossequio e di millanteria ; e se n'andò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Questi pure guardaron fisso la nuova compagnia ; e un de' due specialmente , tenendo una mano in aria , con tre ditacci tesi e allargati , e avendo la bocca ancora aperta , per un gran " sei " che n'era scoppiato fuori in quel momento , squadrò Renzo da capo a piedi ; poi diede d'occhio al compagno , poi a quel dell'uscio , che rispose con un cenno del capo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Non li conosco , - rispose l'oste , spiegando la tovaglia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Sapete bene , - rispose ancora colui , stirando , con tutt'e due le mani , la tovaglia sulla tavola , - che la prima regola del nostro mestiere , è di non domandare i fatti degli altri: tanto che , fin le nostre donne non son curiose .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Buona gente qui del paese , - rispose l'oste , scodellando le polpette nel piatto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Uno si chiama Renzo , - rispose l'oste , pur sottovoce: - un buon giovine , assestato ; filatore di seta , che sa bene il suo mestiere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E guastare il negozio principale ! - rispondeva l'altro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Son io , - rispose Tonio , - con mio fratello , che abbiam bisogno di parlare al signor curato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - No , no , aspettate un momento: torno con la risposta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Diavolo ! - rispose Perpetua , e scese ; aprì l'uscio , e disse: - dove siete ? - Tonio si fece vedere ; e , nello stesso tempo , venne avanti anche Agnese , e salutò Perpetua per nome .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Perché , - rispose Agnese , - una donna di quelle che non sanno le cose , e voglion parlare . . .credereste ? s'ostinava a dire che voi non vi siete maritata con Beppe Suolavecchia , né con Anselmo Lunghigna , perché non v'hanno voluta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tonio , di dentro , rispose di sì ; e Perpetua continuò la sua narrazione appassionata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Tonio , eh ? Entrate , - rispose la voce di dentro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - È giusto , - rispose don Abbondio ; poi andò a un armadio , si levò una chiave di tasca , e , guardandosi intorno , come per tener lontani gli spettatori , aprì una parte di sportello , riempì l'apertura con la persona , mise dentro la testa , per guardare , e un braccio , per prender la collana ; la prese , e , chiuso l'armadio , la consegnò a Tonio , dicendo: - va bene ?
---------------
* Contiguo però al muro laterale della chiesa , e appunto dal lato che rispondeva verso la casa parrocchiale , era un piccolo abituro , un bugigattolo , dove dormiva il sagrestano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Vengo subito , - rispose quello ; tirò indietro la testa , richiuse la sua impannata , e , quantunque mezzo tra 'l sonno , e più che mezzo sbigottito , trovò su due piedi un espediente per dar più aiuto di quello che gli si chiedeva , senza mettersi lui nel tafferuglio , quale si fosse .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Nessun risponde: ripicchia un po' più forte ; nemmeno uno zitto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Cosa c'è ? cosa c'è ? - domandò Perpetua ansante ai fratelli , che le risposero con un urtone , e scantonarono .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma quelli pure usciron senza rispondere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si guardavano in viso gli uni con gli altri: ognuno aveva una domanda da fare , nessuno una risposta da dare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Corsero al campanile di fuori ; e uno di quelli , messa la bocca a un finestrino , una specie di feritoia , cacciò dentro un: - che diavolo c'è ? - Quando Ambrogio sentì una voce conosciuta , lasciò andar la corda ; e assicurato dal ronzìo , ch'era accorso molto popolo , rispose: - vengo ad aprire - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Son qui , - risponde il console , di mezzo alla folla: - son qui ; ma bisogna aiutarmi , bisogna ubbidire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ohe , pellegrino ! - Agnese ! Lucia ! - Nessuno risponde .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Era un bisbiglio , uno strepito , un picchiare e un aprir d'usci , un apparire e uno sparir di lucerne , un interrogare di donne dalle finestre , un rispondere dalla strada .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Costoro , con un fare ancor men cerimonioso , intimarono al console che guardasse bene di non far deposizione al podestà dell'accaduto , di non rispondere il vero , caso che ne venisse interrogato , di non ciarlare , di non fomentar le ciarle de' villani , per quanto aveva cara la speranza di morir di malattia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma , per quanto la domanda fosse importante , nessuno rispose , perché nessuno poteva darle una risposta soddisfacente .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Fidatevi pure , - rispose il padre Cristoforo ; e , all'incerto chiarore della lampada che ardeva davanti all'altare , s'accostò ai ricoverati , i quali stavano sospesi aspettando , e disse loro: - figliuoli ! ringraziate il Signore , che v'ha scampati da un gran pericolo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Lì vedrete un battello fermo ; direte: barca ; vi sarà domandato per chi ; risponderete: san Francesco .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Senza aspettar risposta , fra Cristoforo , andò verso la sagrestia ; i viaggiatori usciron di chiesa ; e fra Fazio chiuse la porta , dando loro un addio , con la voce alterata anche lui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Di che cosa ? - rispose quello: - siam quaggiù per aiutarci l'uno con l'altro , - e ritirò la mano , quasi con ribrezzo , come se gli fosse proposto di rubare , allorché Renzo cercò di farvi sdrucciolare una parte de' quattrinelli che si trovava indosso , e che aveva presi quella sera , con intenzione di regalar generosamente don Abbondio , quando questo l'avesse , suo malgrado , servito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - La signora , - rispose quello , - è una monaca ; ma non è una monaca come l'altre .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Pregò il barocciaio che , tra un par d'ore , tornasse da lui , a prender la risposta: questo lo promise , e si licenziò dalle donne , che lo caricaron di ringraziamenti , e di commissioni per il padre Cristoforo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Siate umili e rispettose , rispondete con sincerità alle domande che le piacerà di farvi , e quando non siete interrogate , lasciate fare a me - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Deve sapere , reverenda madre . . .- incominciava Agnese ; ma il guardiano le troncò , con un'occhiata , le parole in bocca , e rispose: - questa giovine , signora illustrissima , mi vien raccomandata , come le ho detto , da un mio confratello .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sono pericoli , - rispose il guardiano , - che all'orecchie purissime della reverenda madre devon essere appena leggermente accennati . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In quanto all'accostarsi , Lucia ubbidì subito ; ma rispondere era un'altra faccenda .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Una domanda su quella materia , quand'anche le fosse stata fatta da una persona sua pari , l'avrebbe imbrogliata non poco: proferita da quella signora , e con una cert'aria di dubbio maligno , le levò ogni coraggio a rispondere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - State zitta voi: già lo so che i parenti hanno sempre una risposta da dare in nome de' loro figliuoli !
---------------
* Per non restare al di sotto di quelle sue compagne , e per condiscendere nello stesso tempo al suo nuovo genio , rispondeva che , alla fin de' conti , nessuno le poteva mettere il velo in capo senza il suo consenso , che anche lei poteva maritarsi , abitare un palazzo , godersi il mondo , e meglio di tutte loro ; che lo poteva , pur che l'avesse voluto , che lo vorrebbe , che lo voleva ; e lo voleva in fatti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* S'era fatto , nella parte più riposta della mente , come uno splendido ritiro: ivi si rifugiava dagli oggetti presenti , ivi accoglieva certi personaggi stranamente composti di confuse memorie della puerizia , di quel poco che poteva vedere del mondo esteriore , di ciò che aveva imparato dai discorsi delle compagne ; si tratteneva con essi , parlava loro , e si rispondeva in loro nome ; ivi dava ordini , e riceveva omaggi d'ogni genere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Gertrude stava con grand'ansietà , aspettando una risposta che non venne mai .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Gertrude comparve , e , senza alzar gli occhi in viso al padre , gli si buttò in ginocchioni davanti , ed ebbe appena fiato di dire: - perdono ! - Egli le fece cenno che s'alzasse ; ma , con una voce poco atta a rincorare , le rispose che il perdono non bastava desiderarlo né chiederlo ; ch'era cosa troppo agevole e troppo naturale a chiunque sia trovato in colpa , e tema la punizione ; che in somma bisognava meritarlo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il principe (non ci regge il cuore di dargli in questo momento il titolo di padre) non rispose direttamente , ma cominciò a parlare a lungo del fallo di Gertrude: e quelle parole frizzavano sull'animo della poveretta , come lo scorrere d'una mano ruvida sur una ferita .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Domani , - rispose , con voce fiacca , Gertrude , alla quale pareva ancora di far qualche cosa , prendendo un po' di tempo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La sposina (così si chiamavan le giovani monacande , e Gertrude , al suo apparire , fu da tutti salutata con quel nome) , la sposina ebbe da dire e da fare a rispondere a' complimenti che le fioccavan da tutte le parti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Sentiva bene che ognuna delle sue risposte era come un'accettazione e una conferma ; ma come rispondere diversamente ? Poco dopo alzati da tavola , venne l'ora della trottata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Potete rispondere che chiedete d'essere ammessa a vestir l'abito in quel monastero , dove siete stata educata così amorevolmente , dove avete ricevute tante finezze: che è la pura verità .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Senza aspettar risposta , il principe si mosse ; Gertrude , la principessa e il principino lo seguirono ; scesero tutti le scale , e montarono in carrozza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Sul finir della strada , il principe rinnovò l'istruzioni alla figlia , e le ripeté più volte la formola della risposta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quella vista , risvegliando più vivi nell'animo suo tutti gli antichi sentimenti , le restituì anche un po' di quel poco antico coraggio: e già stava cercando una risposta qualunque , diversa da quella che le era stata dettata ; quando , alzato lo sguardo alla faccia del padre , quasi per esperimentar le sue forze , scorse su quella un'inquietudine così cupa , un'impazienza così minaccevole , che , risoluta per paura , con la stessa prontezza che avrebbe preso la fuga dinanzi un oggetto terribile , proseguì: - son qui a chiedere d'esser ammessa a vestir l'abito religioso , in questo monastero , dove sono stata allevata così amorevolmente - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La badessa rispose subito , che le dispiaceva molto , in una tale occasione , che le regole non le permettessero di dare immediatamente una risposta , la quale doveva venire dai voti comuni delle suore , e alla quale doveva precedere la licenza de' superiori .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Che però Gertrude , conoscendo i sentimenti che s'avevan per lei in quel luogo , poteva preveder con certezza qual sarebbe questa risposta ; e che intanto nessuna regola proibiva alla badessa e alle suore di manifestare la consolazione che sentivano di quella richiesta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quell'uomo dabbene che deve venire stamattina , vi farà cento domande sulla vostra vocazione: e se vi fate monaca di vostra volontà , e il perché e il per come , e che so io ? Se voi titubate nel rispondere , vi terrà sulla corda chi sa quanto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non se ne parli più ; e restiam d'accordo che voi risponderete con franchezza , in maniera di non far nascer dubbi nella testa di quell'uomo dabbene .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E qui , dopo aver suggerita qualche risposta all'interrogazioni più probabili , entrò nel solito discorso delle dolcezze e de' godimenti ch'eran preparati a Gertrude nel monastero ; e la trattenne in quello , fin che venne un servitore ad annunziare il vicario .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Dica pure , - rispose Gertrude .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La vera risposta a una tale domanda s'affacciò subito alla mente di Gertrude , con un'evidenza terribile .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Per dare quella risposta , bisognava venire a una spiegazione , dire di che era stata minacciata , raccontare una storia . . .L'infelice rifuggì spaventata da questa idea ; cercò in fretta un'altra risposta ; ne trovò una sola che potesse liberarla presto e sicuramente da quel supplizio , la più contraria al vero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - L'ho sempre avuto , - rispose Gertrude , divenuta , dopo quel primo passo , più franca a mentire contro se stessa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - No , no , - rispose precipitosamente Gertrude: - la cagione è quella che le ho detto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* L'esaminatore fu prima stanco d'interrogare , che la sventurata di mentire: e , sentendo quelle risposte sempre conformi , e non avendo alcun motivo di dubitare della loro schiettezza , mutò finalmente linguaggio ; si rallegrò con lei , le chiese , in certo modo , scusa d'aver tardato tanto a far questo suo dovere ; aggiunse ciò che credeva più atto a confermarla nel buon proposito ; e si licenziò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La sventurata rispose .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non passò però molto tempo , che la conversa fu aspettata in vano , una mattina , a' suoi ufizi consueti: si va a veder nella sua cella , e non si trova: è chiamata ad alta voce ; non risponde: cerca di qua , cerca di là , gira e rigira , dalla cima al fondo ; non c'è in nessun luogo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Egli camminava innanzi e indietro , al buio , per una stanzaccia disabitata dell'ultimo piano , che rispondeva sulla spianata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- L'è dura , - rispose il Griso , restando con un piede sul primo scalino , - l'è dura di ricever de' rimproveri , dopo aver lavorato fedelmente , e cercato di fare il proprio dovere , e arrischiata anche la pelle .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Il Griso rispose che sperava di no ; e la conclusione del discorso fu che don Rodrigo gli ordinò , per il giorno dopo , tre cose che colui avrebbe sapute ben pensare anche da sé .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Non so cosa vi dire , - rispose don Rodrigo , arrivandogli accanto: - pagherò la scommessa ; ma non è questo quel che più mi scotta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Avete fatto benissimo , - rispondeva il conte Attilio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Con tutto ciò , senza dar segno d'impazienza , rispose molto gentilmente: - figliuol caro , de' conventi ce n'è più d'uno: bisognerebbe che mi sapeste dir più chiaro quale è quello che voi cercate - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Io non li butto via ; cascan da sé: com'ho a fare ? - rispose quello .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Più avanti , - rispose quella ; e quando furon lontani dieci passi , soggiunse borbottando: - questi contadini birboni verranno a spazzar tutti i forni e tutti i magazzini , e non resterà più niente per noi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Fate a mio modo , - rispose il frate: - andate a aspettare in chiesa , che intanto potrete fare un po' di bene .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma Antonio Ferrer , il quale era quel che ora si direbbe un uomo di carattere , rispondeva che i fornai s'erano avvantaggiati molto e poi molto nel passato , che s'avvantaggerebbero molto e poi molto col ritornar dell'abbondanza ; che anche si vedrebbe , si penserebbe forse a dar loro qualche risarcimento ; e che intanto tirassero ancora avanti .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Pane ! pane ! aprite ! aprite ! - eran le parole più distinte nell'urlìo orrendo , che la folla mandava in risposta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* All'intimazioni che gli venivan fatte , di sbandarsi , e di dar luogo , rispondevano con un cupo e lungo mormorìo ; nessuno si moveva .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Già: il gran cancelliere - gli fu risposto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Sì ; pane , pane , - rispondeva Ferrer: - abbondanza ; lo prometto io , - e metteva la mano al petto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ferrer , guardando ora da una parte , ora dall'altra ; atteggiandosi e gestendo insieme , cercava d'intender qualche cosa , per accomodar le risposte al bisogno ; voleva far alla meglio un po' di dialogo con quella brigata d'amici ; ma la cosa era difficile , la più difficile forse che gli fosse ancora capitata , in tant'anni di gran-cancellierato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E lui , ora ingegnandosi di rispondere in modo soddisfacente a queste grida , ora dicendo a buon conto le parole che sapeva dover esser più accette , o che qualche necessità istantanea pareva richiedere , parlò anche lui per tutta la strada .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Con queste botte e risposte , tra le incessanti acclamazioni , tra qualche fremito anche d'opposizione , che si faceva sentire qua e là , ma era subito soffogato , ecco alla fine Ferrer arrivato alla casa , per opera principalmente di que' buoni ausiliari .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* All'arrivar della carrozza , fecero ala , e presentaron l'arme al gran cancelliere , il quale fece anche qui un saluto a destra , un saluto a sinistra ; e all'ufiziale , che venne più vicino a fargli il suo , disse , accompagnando le parole con un cenno della destra: - beso a usted las manos-: parole che l'ufiziale intese per quel che volevano dir realmente , cioè: m'avete dato un bell'aiuto ! In risposta , fece un altro saluto , e si ristrinse nelle spalle .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Usted farà quello che sarà più conveniente por el servicio de su magestad , - rispose gravemente il gran cancelliere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dunque bisogna romperla ; bisogna andar domattina da Ferrer , che quello è un galantuomo , un signore alla mano ; e oggi s'è potuto vedere com'era contento di trovarsi con la povera gente , e come cercava di sentir le ragioni che gli venivan dette , e rispondeva con buona grazia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Un grido confuso d'applausi , di - bravo: sicuro: ha ragione: è vero pur troppo , - fu come la risposta dell'udienza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Poco distante , - rispose colui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Vengo , - rispose Renzo , - fino , fino da Lecco .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Eh , sì ; - rispose il giovine: - non sono un signorino avvezzo a star nel cotone: qualcosa alla buona da mettere in castello , e un saccone , mi basta: quel che mi preme è di trovar presto l'uno e l'altro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Non occorre che v'incomodiate di più , - rispose Renzo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Accetterò le vostre grazie , - rispose colui ; e andò , come più pratico del luogo , innanzi a Renzo , per un cortiletto ; s'accostò all'uscio che metteva in cucina , alzò il saliscendi , aprì , e v'entrò col suo compagno .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sicuro , - rispose Renzo: - un letto alla buona ; basta che i lenzoli sian di bucato ; perché son povero figliuolo , ma avvezzo alla pulizia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
L'oste , senza rispondere , posò sulla tavola il calamaio e la carta ; poi appoggiò sulla tavola medesima il braccio sinistro e il gomito destro ; e , con la penna in aria , e il viso alzato verso Renzo , gli disse: - fatemi il piacere di dirmi il vostro nome , cognome e patria .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Prima di rispondere , Renzo votò un altro bicchiere: era il terzo ; e d'ora in poi ho paura che non li potremo più contare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sentiamo un poco , - rispose Renzo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Rispondi dunque , oste: e Ferrer , che è il meglio di tutti , è mai venuto qui a fare un brindisi , e a spendere un becco d'un quattrino ? E quel cane assassino di don . . . ? Sto zitto , perché sono in cervello anche troppo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo , ora dava segno d'averselo per male , ora prendeva la cosa in ischerzo , ora , senza badare a tutte quelle voci , parlava di tutt'altro , ora rispondeva , ora interrogava ; sempre a salti , e fuor di proposito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Buon figliuolo , galantuomo , - rispose Renzo , facendo tuttavia litigar le dita co' bottoni de' panni che non s'era ancor potuto levare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Mi vesto , - rispose Renzo ; e andava di fatti raccogliendo qua e là i panni sparsi sul letto , come gli avanzi d'un naufragio sul lido .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sì , sì , figliuolo , sarete condotto da Ferrer , - rispose il notaio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Bravo , figliuolo , bravo ! - rispose il notaio , tutto manieroso: - vedo che avete giudizio ; e , credete a me che son del mestiere , voi siete più furbo che tant'altri .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Vide ch'era un crocchio di cittadini , i quali , all'intimazione di sbandarsi , fatta loro da una pattuglia , avevan da principio risposto con cattive parole , e finalmente si separavan continuando a brontolare ; e quel che al notaio parve un segno mortale , i soldati eran pieni di civiltà .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Un mormorìo favorevole , voci più chiare di protezione s'alzano in risposta: i birri sul principio comandano , poi chiedono , poi pregano i più vicini d'andarsene , e di far largo: la folla in vece incalza e pigia sempre più .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Uh corvaccio ! - rispose colui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quel grassotto , che stava ritto sulla soglia della sua bottega , a gambe larghe , con le mani di dietro , con la pancia in fuori , col mento in aria , dal quale pendeva una gran pappagorgia , e che , non avendo altro che fare , andava alternativamente sollevando sulla punta de' piedi la sua massa tremolante , e lasciandola ricadere sui calcagni , aveva un viso di cicalone curioso , che , in vece di dar delle risposte , avrebbe fatto delle interrogazioni .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tant'è vero che all'uomo impicciato , quasi ogni cosa è un nuovo impiccio ! Visto finalmente uno che veniva in fretta , pensò che questo , avendo probabilmente qualche affare pressante , gli risponderebbe subito , senz'altre chiacchiere ; e sentendolo parlar da sé , giudicò che dovesse essere un uomo sincero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Siete fuor di strada , - gli rispose questo ; e , pensatoci un poco , parte con parole , parte co' cenni , gl'indicò il giro che doveva fare , per rimettersi sulla strada maestra .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Devo andare in molti luoghi , - rispose: - e , se trovo un ritaglio di tempo , vorrei anche passare un momento da quel paese , piuttosto grosso , sulla strada di Bergamo , vicino al confine , però nello stato di Milano . . .Come si chiama ? - " Qualcheduno ce ne sarà " , pensava intanto tra sé .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Gorgonzola , volete dire , - rispose la vecchia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
L'oste rispose a Renzo , che sarebbe servito ; e questo si mise a sedere in fondo della tavola , vicino all'uscio: il posto de' vergognosi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Io ? - disse Renzo sorpreso , per prender tempo a rispondere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Vengo da Liscate , - rispose lesto il giovine , che intanto aveva pensata la sua risposta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Potrebb'essere benissimo che qualcheduno là sapesse qualche cosa , - rispose il montanaro: - ma io non ho sentito dir nulla .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Ce n'è sicuro , - rispose l'oste , ficcandogli in viso due occhi pieni d'una curiosità maliziosa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Eccome ! e presto , - rispose il mercante .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non c'è osterie da alloggiare ? Ecco , andandomi bene , quel che mi diranno , se picchio: quand'anche non ci dorma qualche pauroso che , a buon conto , si metta a gridare: aiuto ! al ladro ! Bisogna aver subito qualcosa di chiaro da rispondere: e cosa ho da rispondere io ? Chi sente un rumore la notte , non gli viene in testa altro che ladri , malviventi , trappole: non si pensa mai che un galantuomo possa trovarsi in istrada di notte , se non è un cavaliere in carrozza " .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Che notte , povero Renzo ! Quella che doveva esser la quinta delle sue nozze ! Che stanza ! Che letto matrimoniale ! E dopo qual giornata ! E per arrivare a qual domani , a qual serie di giorni ! " Quel che Dio vuole , - rispondeva ai pensieri che gli davan più noia: - quel che Dio vuole .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Un pochino , - rispose Renzo , e ci si mise con un vigore e con una maestria , più che da dilettante .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- La città di Bergamo , - rispose il pescatore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma era ritta sulla soglia con Agnese ; la quale , conturbata anche lei , però non tanto , poté star forte ; e , per risponder qualcosa , disse che , in un piccolo paese , tutti si conoscono , e che lo conosceva ; ma che non sapeva pensare come mai gli fosse potuta seguire una cosa simile ; perché era un giovine posato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si schermiva anche , quanto poteva , dal rispondere alle domande curiose di quella , sulla storia antecedente alla promessa ; ma qui non eran ragioni di prudenza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Notizie più positive intorno a' suoi guai , nessuna ; perché , come abbiam detto al lettore , il cappuccino aveva sperato d'averle dal suo confratello di Milano , a cui l'aveva raccomandato ; e questo rispose di non aver veduto né la persona , né la lettera ; che uno di campagna era bensì venuto al convento , a cercar di lui ; ma che , non avendocelo trovato , era andato via , e non era più comparso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Eh eh eh ! - rispose il frate , trinciando verticalmente l'aria con la mano distesa , per significare una gran distanza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Questo lo so , - rispose Agnese: - scusate dell'incomodo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Capitava un suo messo a intimargli che abbandonasse la tale impresa , che cessasse di molestare il tal debitore , o cose simili: bisognava rispondere sì o no .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Don Rodrigo , resogli con molto garbo il saluto , domandò se il signore si trovasse al castello ; e rispostogli da quel caporalaccio , che credeva di sì , smontò da cavallo , e buttò la briglia al Tiradritto , uno del suo seguito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il messo ribaldo tornò più presto che il suo padrone non se l'aspettasse , con la risposta d'Egidio: che l'impresa era facile e sicura ; gli si mandasse subito una carrozza , con due o tre bravi ben travisati ; e lui prendeva la cura di tutto il resto , e guiderebbe la cosa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Nuova difficoltà per la povera giovine: dire una bugia ; ma la signora si mostrò di nuovo così afflitta delle ripulse , le fece parer così brutta cosa l'anteporre un vano scrupolo alla riconoscenza , che Lucia , sbalordita più che convinta , e soprattutto commossa più che mai , rispose: - e bene ; anderò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Andando di lì , vanno a rovescio , - rispondeva la poverina:
---------------
* - La vedo , - rispose la vecchia , cacciando avanti il mento appuntato , e aguzzando gli occhi infossati , come se cercasse di spingerli su gli orli dell'occhiaie .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Da chi vuol farvi del bene , - rispondeva la vecchia , - da un gran . . .Fortunati quelli a cui vuol far del bene ! Buon per voi , buon per voi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Tutto a un puntino , - rispose , inchinandosi , il Nibbio: - l'avviso a tempo , la donna a tempo , nessuno sul luogo , un urlo solo , nessuno comparso , il cocchiere pronto , i cavalli bravi , nessun incontro: ma . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - S'è messa dove le è piaciuto , - rispose umilmente colei: - io ho fatto di tutto per farle coraggio: lo può dire anche lei ; ma non c'è stato verso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - V'ho detto che non voglio farvi del male , - rispose , con voce mitigata , l'innominato , fissando quel viso turbato dall'accoramento e dal terrore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ih ! subito , subito , - rispondeva la vecchia ; e presa una paniera dalle mani di quella Marta , la mandò via , richiuse , e venne a posar la paniera sur una tavola nel mezzo della camera .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - No , no , non voglio nulla , - rispose questa , con voce fiacca e come sonnolenta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
A guisa di chi è colto da una interrogazione inaspettata e imbarazzante d'un superiore , l'innominato pensò subito a rispondere a questa che s'era fatta lui stesso , o piuttosto quel nuovo lui , che cresciuto terribilmente a un tratto , sorgeva come a giudicare l'antico .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quello , che ne sapeva quanto lui , rispose che anderebbe subito a informarsene .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Io ho fatto di tutto , - rispose quella: - ma non ha mai voluto mangiare , non è mai voluta venire . . .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I bravi che s'abbattevano sulla salita , si fermavano rispettosamente al passar del signore , aspettando se mai avesse ordini da dar loro , o se volesse prenderli seco , per qualche spedizione ; e non sapevan che si pensare della sua aria , e dell'occhiate che dava in risposta a' loro inchini .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - In casa del curato , - rispose quello , inchinandosi , e gl'indicò dov'era .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Io son forestiero , - rispose l'interrogato , e data un'occhiata intorno , chiamò il cappellano crocifero , che in un canto del salottino , stava appunto dicendo sotto voce a un suo compagno: - colui ? quel famoso ? che ha a far qui colui ? alla larga ! - Però , a quella chiamata che risonò nel silenzio generale , dovette venire l'innominato , stette a sentir quel che voleva , e alzando con una curiosità inquieta gli occhi su quel viso , e riabbassandoli subito , rimase lì un poco , poi disse o balbettò: - non saprei se monsignore illustrissimo . . .in questo momento . . .si trovi . . .sia . . .possa . . .Basta , vado a vedere - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A questo non abbiamo nulla da rispondere , se non che sarebbe da desiderarsi che si vedessero spesso eccessi d'una virtù così libera dall'opinioni dominanti (ogni tempo ha le sue) , così indipendente dalla tendenza generale , come , in questo caso , fu quella che mosse un uomo a dar quattromila scudi , perché una giovine non fosse fatta monaca .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma il buon vescovo , non senza un certo risentimento , rispose: - sono mie anime , e forse non vedranno mai più la mia faccia ; e non volete che gli abbracci ?
---------------
* L'innominato stava attonito a quel dire così infiammato , a quelle parole , che rispondevano tanto risolutamente a ciò che non aveva ancor detto , né era ben determinato di dire ; e commosso ma sbalordito , stava in silenzio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Che Dio v'ha toccato il cuore , e vuol farvi suo , - rispose pacatamente il cardinale .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Queste parole furon dette con un accento disperato ; ma Federigo , con un tono solenne , come di placida ispirazione , rispose: - cosa può far Dio di voi ? cosa vuol farne ? Un segno della sua potenza e della sua bontà: vuol cavar da voi una gloria che nessun altro gli potrebbe dare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La faccia del suo ascoltatore , di stravolta e convulsa , si fece da principio attonita e intenta ; poi si compose a una commozione più profonda e meno angosciosa ; i suoi occhi , che dall'infanzia più non conoscevan le lacrime , si gonfiarono ; quando le parole furon cessate , si coprì il viso con le mani , e diede in un dirotto pianto , che fu come l'ultima e più chiara risposta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Lasciamo le novantanove pecorelle , - rispose il cardinale: - sono in sicuro sul monte: io voglio ora stare con quella ch'era smarrita .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - C'è , monsignore illustrissimo , - rispose il cappellano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Non hanno sbagliato , - rispose Federigo: - ho una buona nuova da darvi , e un consolante , un soavissimo incarico .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Di stretti , e con cui viva , o vivesse , non ha che la madre , - rispose don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - No , no , voi: v'ho già pregato d'altro , - rispose il cardinale .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E per questo , vi prego d'avvertire il signor curato che scelga un uomo di proposito: voi siete molto più necessario altrove , - rispose il cardinale .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Volendo quindi dissipare affatto quell'ombre codarde , e non piacendogli di tirare in disparte il curato e di bisbigliar con lui in segreto , mentre il suo nuovo amico era lì in terzo , pensò che il mezzo più opportuno era di far ciò che avrebbe fatto anche senza questo motivo , parlare all'innominato medesimo ; e dalle sue risposte don Abbondio intenderebbe finalmente che quello non era più uomo da averne paura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- S'io tornerò ? - rispose l'innominato: - quando voi mi rifiutaste , rimarrei ostinato alla vostra porta , come il povero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Si figuri , - rispose l'aiutante , con un mezzo sogghigno: - è la mula del segretario , che è un letterato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Mise un sospiro , che da un'ora gli s'aggirava dentro , senza mai trovar l'uscita ; si chinò verso l'innominato , rispose a voce bassa bassa: - le pare ? Ma , ma , ma , ma , . . . ! - e sdrucciolò alla meglio dalla sua cavalcatura .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E non ricevendo risposta , aveva continuato , sempre con un tono di supplicazione stizzosa: - mangiate una volta: abbiate giudizio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Apri , - risponde sommessamente la nota voce .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Chi siete ? - le domandò Lucia ; ma , senza aspettar la risposta , si voltò ancora a don Abbondio , che s'era trattenuto discosto due passi , con un viso , anche lui , tutto compassionevole ; lo fissò di nuovo , e esclamò: - lei ! è lei ? il signor curato ? Dove siamo ? . . .Oh povera me ! son fuori di sentimento !
---------------
- No , no , - rispose don Abbondio: - son io davvero: fatevi coraggio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* L'innominato , alla vista di quell'aspetto sul quale già la sera avanti non aveva potuto tener fermo lo sguardo , di quell'aspetto reso ora più squallido , sbattuto , affannato dal patire prolungato e dal digiuno , era rimasto lì fermo , quasi sull'uscio ; nel veder poi quell'atto di terrore , abbassò gli occhi , stette ancora un momento immobile e muto ; indi rispondendo a ciò che la poverina non aveva detto , - è vero , - esclamò: - perdonatemi !
---------------
* Lucia rispose con uno sguardo che diceva di sì , tanto chiaro come avrebbero potuto far le parole , e con una dolcezza che le parole non avrebbero saputa esprimere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sì , - rispose Lucia con voce fioca .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Due bambinette e un fanciullo entran saltando ; si fermano un momento a dare un'occhiata curiosa a Lucia , poi corrono alla mamma , e le s'aggruppano intorno: chi domanda il nome dell'ospite sconosciuta , e il come e il perché ; chi vuol raccontare le maraviglie vedute: la buona donna risponde a tutto e a tutti con un - zitti , zitti - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dopo essersi cacciate le mani ne' capelli , dopo aver gridato più volte: - ah Signore ! ah Madonna ! - , dopo aver fatte al messo varie domande , alle quali questo non sapeva che rispondere , era entrata in fretta e in furia nel baroccio , continuando per la strada a esclamare e interrogare , senza profitto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma come rimase allorché , domandando di lui , si sentì rispondere che non c'era più , ch'era stato mandato in un paese lontano lontano , in un paese che aveva un certo nome !
---------------
* - Oh ! monsignore , - aveva risposto il curato , - non s'incomodi: manderò io subito ad avvertire che venga qui la giovine , la madre , se è arrivata , anche gli ospiti , se monsignore li vuole , tutti quelli che desidera vossignoria illustrissima .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il cardinale , salutatili cortesemente , continuò a parlar con le donne , mescolando ai conforti qualche domanda , per veder se nelle risposte potesse trovar qualche congiuntura di far del bene a chi aveva tanto patito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Oh ! sì signore , - rispose la donna , con un tono di voce e con un viso ch'esprimeva molto più di quell'asciutta risposta , strozzata dalla vergogna .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma il marito , messo in orgasmo dalla presenza d'un tale interrogatore , dal desiderio di farsi onore in un'occasione di tanta importanza , studiava ansiosamente qualche bella risposta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il curato rispose che , per verità , né i guadagni della professione , né le rendite di certi campicelli , che il buon sarto aveva del suo , non sarebbero bastate , in quell'annata , a metterlo in istato d'esser liberale con gli altri ; ma che , avendo fatto degli avanzi negli anni addietro , si trovava de' più agiati del contorno , e poteva far qualche spesa di più , senza dissesto , come certo faceva questa volentieri ; e che , del rimanente , non ci sarebbe stato verso di fargli accettare nessuna ricompensa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Pensateci questa notte: domattina vi chiamerò , a uno a uno , a darmi la risposta ; e allora vi darò nuovi ordini .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A nessuno di loro passò neppur per la mente che , per esser lui convertito , si potesse prendergli il sopravvento , rispondergli come a un altr'uomo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma , a più particolari e precise domande , dovette rispondere ch'era un galantuomo , e che anche lui non sapeva capire come , in Milano , avesse potuto fare tutte quelle diavolerie che avevan detto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Per ora , - rispose don Abbondio , - può venire e stare , come vuole: dico , per ora ; ma , - soggiunse poi con un sospiro , - bisognerebbe che vossignoria illustrissima fosse sempre qui , o almeno vicino .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Agnese tanto ci andava facendo dentro le sue congetture allegre: che Renzo finalmente , se non gli era accaduto nulla di sinistro , dovrebbe presto dar le sue nuove ; e se aveva trovato da lavorare e da stabilirsi , se (e come dubitarne ?) stava fermo nelle sue promesse , perché non si potrebbe andare a star con lui ? E di tali speranze , ne parlava e ne riparlava alla figlia , per la quale non saprei dire se fosse maggior dolore il sentire , o pena il rispondere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Quella testina bassa , col mento inchiodato sulla fontanella della gola , quel non rispondere , o risponder secco secco , come per forza , potevano indicar verecondia ; ma denotavano sicuramente molta caparbietà: non ci voleva molto a indovinare che quella testina aveva le sue idee .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E raccontava d'aver perfino sentito più d'una volta co' suoi orecchi , rispondergli: messer sì , e messer no .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
" Hanno votato il sacco stamattina coloro " , pensò don Abbondio ; e rispose borbottando: - monsignore illustrissimo avrà ben sentito parlare degli scompigli che son nati in quell'affare: è stata una confusione tale , da non poter , neppure al giorno d'oggi , vederci chiaro: come anche vossignoria illustrissima può argomentare da questo , che la giovine è qui , dopo tanti accidenti , come per miracolo ; e il giovine , dopo altri accidenti , non si sa dove sia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ma forse non mi sono spiegato abbastanza , - rispose questo: - sotto pena della vita , m'hanno intimato di non far quel matrimonio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Vedendo che qualcosa bisognava rispondere , disse , con una certa sommissione forzata: - monsignore illustrissimo , avrò torto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E , in quant'a lui , si sarebbe volentieri contentato che il discorso finisse lì ; ma vedeva il cardinale , a ogni pausa , restare in atto di chi aspetti una risposta: una confessione , o un'apologia , qualcosa in somma .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Torno a dire , monsignore , - rispose dunque , - che avrò torto io . . .Il coraggio , uno non se lo può dare .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
A una siffatta domanda , don Abbondio , che pur s'era ingegnato di risponder qualcosa a delle meno precise , restò lì senza articolar parola .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Voi non rispondete ? - riprese il cardinale .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Ah , se aveste fatto , dalla parte vostra , ciò che la carità , ciò che il dovere richiedeva ; in qualunque maniera poi le cose fossero andate , non vi mancherebbe ora una risposta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E stette lì alquanto , aspettando di nuovo una risposta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Non mancherò , monsignore , non mancherò , davvero , - rispose don Abbondio , con una voce che , in quel momento , veniva proprio dal cuore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Come ? - rispose Agnese: - non vedi quante cose possiamo fare , con tanti danari ? Senti ; io non ho altro che te , che voi due , posso dire ; perché Renzo , da che cominciò a discorrerti , l'ho sempre riguardato come un mio figliuolo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Avrei dovuto dirvelo prima , - rispose Lucia , alzando il viso , e asciugandosi le lacrime ; - ma non ho mai avuto cuore: compatitemi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Ora , - rispose Lucia , - tocca al Signore a pensarci ; al Signore e alla Madonna .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Ebbene , cosa credi ? - rispose Agnese: - glieli manderò davvero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tornato poi dalla visita a Milano , aveva ricevuto la risposta in cui gli si diceva che non s'era potuto trovar recapito dell'indicato soggetto ; che veramente era stato qualche tempo in casa d'un suo parente , nel tal paese , dove non aveva fatto dir di sé ; ma , una mattina , era scomparso all'improvviso , e quel suo parente stesso non sapeva cosa ne fosse stato , e non poteva che ripetere certe voci in aria e contraddittorie che correvano , essersi il giovine arrolato per il Levante , esser passato in Germania , perito nel guadare un fiume: che non si mancherebbe di stare alle velette , se mai si potesse saper qualcosa di più positivo , per farne subito parte a sua signoria illustrissima e reverendissima .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il residente avea risposto che la cosa gli riusciva nuova , e che scriverebbe a Venezia , per poter dare a sua eccellenza quella spiegazione che il caso avesse portato .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Alla prova poi , non ebbe che a lodarsi dell'acquisto ; meno che , sul principio , gli era parso che il giovine dovesse essere un po' stordito , perché , quando si chiamava: Antonio ! le più volte non rispondeva .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il capitano , fatte le sue diligenze , come aveva capito che si volevano , trasmise la risposta negativa , la quale fu trasmessa al residente in Milano , che la trasmettesse al gran cancelliere che potrebbe trasmetterla a don Gonzalo Fernandez di Cordova .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Alla prima domanda Bortolo rispondeva: - ma ! è scomparso - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma quando la domanda gli venne fatta per commission del cardinale , senza nominarlo , e con un certo apparato d'importanza e di mistero , lasciando capire ch'era in nome d'un gran personaggio , tanto più Bortolo s'insospettì , e credé necessario di risponder secondo il solito ; anzi , trattandosi d'un gran personaggio , diede in una volta tutte le notizie che aveva stampate a una a una , in quelle diverse occorrenze .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dopo , non s'occupò più d'un affare così minuto e , in quanto a lui , terminato ; e quando poi , che fu un pezzo dopo , gli arrivò la risposta , al campo sopra Casale , dov'era tornato , e dove aveva tutt'altri pensieri , alzò e dimenò la testa , come un baco da seta che cerchi la foglia ; stette lì un momento , per farsi tornar vivo nella memoria quel fatto , di cui non ci rimaneva più che un'ombra ; si rammentò della cosa , ebbe un'idea fugace e confusa del personaggio ; passò ad altro , e non ci pensò più .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Una , che avrebbe dovuto anche lui confidarsi a un segretario , perché il poverino non sapeva scrivere , e neppur leggere , nel senso esteso della parola ; e se , interrogato di ciò , come forse vi ricorderete , dal dottor Azzecca-garbugli , aveva risposto di sì , non fu un vanto , una sparata , come si dice ; ma era la verità che lo stampato lo sapeva leggere , mettendoci il suo tempo: lo scritto è un altro par di maniche .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo , non vedendo comparir risposta , fece stendere un'altra lettera , a un di presso come la prima , e accluderla in un'altra a un suo amico di Lecco , o parente che fosse .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Agnese trottò a Maggianico , se la fece leggere e spiegare da quell'Alessio suo cugino: concertò con lui una risposta , che questo mise in carta ; si trovò il mezzo di mandarla ad Antonio Rivolta nel luogo del suo domicilio: tutto questo però non così presto come noi lo raccontiamo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo ebbe la risposta , e fece riscrivere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Finalmente bisogna che chi non sa si metta nelle mani di chi sa , e dia a lui l'incarico della risposta: la quale , fatta sul gusto della proposta , va poi soggetta a un'interpretazione simile .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dopo un po' di tempo , Agnese trovò un mezzo fidato di far pervenire nelle mani di Renzo una risposta , co' cinquanta scudi assegnatigli da Lucia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E in quella febbre di passioni , volle che il segretario mettesse subito mano alla penna , e rispondesse .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Io non penso a nessuno , - rispondeva Lucia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Donna Prassede non s'appagava d'una risposta simile ; replicava che ci volevan fatti e non parole ; si diffondeva a parlare sul costume delle giovani , le quali , diceva , - quando hanno nel cuore uno scapestrato (ed è lì che inclinano sempre) , non se lo staccan più .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Da tutti i portamenti di don Gonzalo , pare che avesse una gran smania d'acquistarsi un posto nella storia , la quale infatti non poté non occuparsi di lui ; ma (come spesso le accade) non conobbe , o non si curò di registrare l'atto di lui più degno di memoria , la risposta che diede al Tadino in quella circostanza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Rispose che non sapeva cosa farci ; che i motivi d'interesse e di riputazione , per i quali s'era mosso quell'esercito , pesavan più che il pericolo rappresentato ; che con tutto ciò si cercasse di riparare alla meglio , e si sperasse nella Provvidenza .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In quanto a don Gonzalo , poco dopo quella risposta , se n'andò da Milano ; e la partenza fu trista per lui , come lo era la cagione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E nel processo che si fece poi su quel tumulto , uno di costoro , ripreso che , con quel suo trombettare , fosse stato cagione di farlo crescere , risponde: - caro signore , questa è la nostra professione ; et se S .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il pover'uomo correva , stralunato e mezzo fuor di sé , per la casa ; andava dietro a Perpetua , per concertare una risoluzione con lei ; ma Perpetua , affaccendata a raccogliere il meglio di casa , e a nasconderlo in soffitta , o per i bugigattoli , passava di corsa , affannata , preoccupata , con le mani e con le braccia piene , e rispondeva: - or ora finisco di metter questa roba al sicuro , e poi faremo anche noi come fanno gli altri - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Con queste e simili risposte si sbrigava da lui , avendo già stabilito , finita che fosse alla meglio quella tumultuaria operazione , di prenderlo per un braccio , come un ragazzo , e di strascinarlo su per una montagna .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Alcuni tiravan di lungo , senza rispondere né guardare in su ; qualcheduno diceva: - eh messere ! faccia anche lei come può ; fortunato lei che non ha da pensare alla famiglia ; s'aiuti , s'ingegni .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Agnese , nell'abbracciar la buona donna , diede in un dirotto pianto , che le fu d'un gran sollievo ; e rispondeva con singhiozzi alle domande che quella e il marito le facevan di Lucia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sicuro , - risposero a una voce il padrone e la serva .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sfrattati la più parte , - rispose il sarto: - e quelli che son rimasti , han mutato sistema , ma come ! In somma è diventato quel castello una Tebaide: lei le sa queste cose .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Grazie , grazie , - rispose don Abbondio: - son circostanze , che si ha appena testa d'occuparsi di quel che è di precetto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Nessuna , - rispose ; e , fosse voto , fosse proposito , restò sempre disarmato , alla testa di quella specie di guarnigione .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ogni volta che il baroccio aveva raggiunto qualche pedone , si barattavan domande e risposte .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Zitta ! - rispose , con voce bassa ma iraconda , don Abbondio: - zitta ! che non sapete quel che vi dite .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Confidato nella gran bontà di vossignoria illustrissima , - rispose don Abbondio , - mi son preso l'ardire di venire , in queste triste circostanze , a incomodarla: e , come vede vossignoria illustrissima , mi son preso anche la libertà di menar compagnia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - No , signore , che non gli ho voluti aspettare que' diavoli , - rispose don Abbondio .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E vero , - rispose l'innominato: - ma non dubiti , che siam pronti anche per loro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Gli uomini alloggiavano ne' lati dell'altro cortile a destra e a sinistra , e in quello che rispondeva sulla spianata .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Se lo dico , - rispondeva Perpetua , - che lei si lascerebbe cavar gli occhi di testa .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il governatore scrisse in risposta condoglianze , e nuove esortazioni: dispiacergli di non poter trovarsi nella città , per impiegare ogni sua cura in sollievo di quella ; ma sperare che a tutto avrebbe supplito lo zelo di que' signori: questo essere il tempo di spendere senza risparmio , d'ingegnarsi in ogni maniera .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il gran cancelliere Ferrer gli scrisse che quella risposta era stata letta dai decurioni , con gran desconsuelo ; ci furono altre andate e venute , domande e risposte ; ma non trovo che se ne venisse a più strette conclusioni .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* In Germania se ne fece una stampa: l'elettore arcivescovo di Magonza scrisse al cardinal Federigo , per domandargli cosa si dovesse credere de' fatti maravigliosi che si raccontavan di Milano ; e n'ebbe in risposta ch'eran sogni .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Il Griso non rispose nulla , e stette aspettando dove andassero a parare questi preamboli .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Comandi , - disse questo , rispondendo con la formola solita a quell'insolita .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - No , signore , - rispose il Griso: - niente senza il parere del medico .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Va' , questa volta , che il cielo ti benedica , - rispose quello: - cerca di schivar la giustizia , com'io cercherò di schivare il contagio ; e , se Dio vuole che la ci vada bene a tutt'e due , ci rivedremo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- A chi la tocca , la tocca , - rispose Tonio , rimanendo poi con la bocca aperta .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Renzo , non sapendo cosa volesse dir questo , gli rispose chiamandolo per nome .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E così , barattando e mescolando in fretta saluti , domande e risposte , entrarono insieme nella casuccia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- So che la c'è questa casa , - rispose la donna: - ma dove sia , non lo so davvero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* All'alba , a mezzogiorno , a sera , una campana del duomo dava il segno di recitar certe preci assegnate dall'arcivescovo: a quel tocco rispondevan le campane dell'altre chiese ; e allora avreste veduto persone affacciarsi alle finestre , a pregare in comune ; avreste sentito un bisbiglio di voci e di gemiti , che spirava una tristezza mista pure di qualche conforto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ora da una , ora da un'altra finestra , veniva una voce lugubre: - qua , monatti ! - E con suono ancor più sinistro , da quel tristo brulichìo usciva qualche vociaccia che rispondeva: - ora , ora - .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ovvero eran pigionali che brontolavano , e dicevano di far presto: ai quali i monatti rispondevano con bestemmie .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Erano ammalati che venivan condotti al lazzeretto ; alcuni , spinti a forza , resistevano in vano , in vano gridavano che volevan morire sul loro letto , e rispondevano con inutili imprecazioni alle bestemmie e ai comandi de' monatti che li guidavano ; altri camminavano in silenzio , senza mostrar dolore , né alcun altro sentimento , come insensati ; donne co' bambini in collo ; fanciulli spaventati dalle grida , da quegli ordini , da quella compagnia , più che dal pensiero confuso della morte , i quali ad alte strida imploravano la madre e le sue braccia fidate , e la casa loro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - In malora , tanghero , - fu la risposta che n'ebbe .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- La non c'è più ; andate , - rispose quella donna , facendo atto di chiudere .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I nemici , all'avvicinarsi del treno , avevano , i più , voltate le spalle , e se n'andavano , non lasciando di gridare: - dàgli ! dàgli ! all'untore ! - Qualcheduno si ritirava più adagio , fermandosi ogni tanto , e voltandosi , con versacci e con gesti di minaccia , a Renzo ; il quale , dal carro , rispondeva loro dibattendo i pugni in aria .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Certo , posso dire che vi devo la vita , - rispose Renzo: - e vi ringrazio con tutto il cuore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Va' , va' , povero untorello , - rispose colui: - non sarai tu quello che spianti Milano .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Meglio di tanti poverini che tu vedi qui , - rispose il frate: e la sua voce era fioca , cupa , mutata come tutto il resto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Non dubitate , - rispose il giovine ; e il vecchio , tornato verso Renzo , - entriamo qui , - gli disse .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Non so cosa dire , - riprese il frate , rispondendo piuttosto a' suoi pensieri che alle parole del giovine: - tu vai con buona intenzione ; e piacesse a Dio che tutti quelli che hanno libero l'accesso in quel luogo , ci si comportassero come posso fidarmi che farai tu .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E , stato alquanto senza ricever risposta , tutt'a un tratto abbassò il capo , e , con voce cupa e lenta , riprese: - tu sai perché io porto quest'abito .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Lo so , - rispose Renzo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* La cappella ottangolare che sorge , elevata d'alcuni scalini , nel mezzo del lazzeretto , era , nella sua costruzione primitiva , aperta da tutti i lati , senz'altro sostegno che di pilastri e di colonne , una fabbrica , per dir così , traforata: in ogni facciata un arco tra due intercolunni ; dentro girava un portico intorno a quella che si direbbe più propriamente chiesa , non composta che d'otto archi , rispondenti a quelli delle facciate , con sopra una cupola ; di maniera che l'altare eretto nel centro , poteva esser veduto da ogni finestra delle stanze del recinto , e quasi da ogni punto del campo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma la gente che s'era veduti d'intorno que' cappuccini non occupati d'altro che di servirla , e tanti n'aveva veduti morire , e quello che parlava per tutti , sempre il primo alla fatica , come nell'autorità , se non quando s'era trovato anche lui in fin di morte ; pensate con che singhiozzi , con che lacrime rispose a tali parole .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Uomo senza cuore ! - rispose Lucia , voltandosi , e rattenendo a stento le lacrime: - quando m'aveste fatte dir delle parole inutili , delle parole che mi farebbero male , delle parole che sarebbero forse peccati , sareste contento ? Andate , oh andate ! dimenticatevi di me: si vede che non eravamo destinati ! Ci rivedremo lassù: già non ci si deve star molto in questo mondo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Come Dio vuole , e come , per sua grazia , voglio anch'io , rispose , con volto sereno , il frate .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- In quanto a questo . . .per me . . .che motivo . . . ? Non potrei proprio dire . . .- rispose Lucia , con un'esitazione che indicava tutt'altro che un'incertezza del pensiero ; e il suo viso ancora scolorito dalla malattia , fiorì tutt'a un tratto del più vivo rossore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- Così , - rispose il frate , - lei può fare un gran sacrifizio al Signore , e del bene al prossimo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
- È già molto tempo , - rispose con tono serio e dolce il vecchio , - che chiedo al Signore una grazia , e ben grande: di finire i miei giorni in servizio del prossimo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Si rimetteva col pensiero nelle circostanze più terribili di quella giornata ; si figurava con quel martello in mano: ci sarà o non ci sarà ? e una risposta così poco allegra ; e non aver nemmeno il tempo di masticarla , che addosso quella furia di matti birboni ; e quel lazzeretto , quel mare ! lì ti volevo a trovarla ! E averla trovata ! Ritornava su quel momento quando fu finita di passare la processione de' convalescenti: che momento ! che crepacore non trovarcela ! e ora non gliene importava più nulla .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Io spero di sì , - rispondeva l'altro: e spesso quello che aveva data la risposta , faceva poco dopo la domanda medesima .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sto bene quando vi vedo , - rispose il giovine , con una frase vecchia , ma che avrebbe inventata lui , in quel momento .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Dopo qualche altra botta e risposta , né più né meno concludenti , Renzo strisciò una bella riverenza , se ne tornò alla sua compagnia , fece la sua relazione , e finì con dire: - son venuto via , che n'ero pieno , e per non risicar di perdere la pazienza , e di levargli il rispetto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - E fai il tuo dovere , - rispose don Abbondio: - ma si può anche ringraziare il cielo , che ce n'abbia liberati .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Sua eminenza , - rispose don Abbondio , - è il nostro cardinale arcivescovo , che Dio conservi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* " E cosa v'importa a voi altri ? E chi v'ha detto d'aspettare ? Son mai venuto io a parlarvene ? a dirvi che la fosse bella ? E quando me lo dicevate voi altri , v'ho mai risposto altro , se non che era una buona giovine ? È una contadina ! V'ho detto mai che v'avrei menato qui una principessa ? Non vi piace ? Non la guardate .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
rimediare? - No! - rispose lei, recisamente, infoscandosi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No, - s'affrettò a risponder lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gerlando se ne stava affacciato al balcone e, per tutta risposta, pieno d'onta, scrollava di tratto in tratto le poderose spalle.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come le avrebbe detto? Doveva proprio darle del tu, cosí alla prima? Ah, maledetto impiccio! E perché, intanto, ella non rispondeva? Forse non aveva inteso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non posso, - rispose lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A un tratto, un assiolo, da presso, emise un chiú languido, accorante; da lontano un altro gli rispose, come un'eco, e tutti e due seguitarono per un pezzo a singultar cosí, nella chiara notte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Con un braccio appoggiato alla ringhiera del balcone, egli allora, istintivamente, per sottrarsi all'oppressione di quell'incertezza smaniosa, fermò l'udito a quei due chiú che si rispondevano nel silenzio incantato dalla luna; poi, scorgendo laggiú in fondo un tratto del muro che cingeva tutt'intorno il podere, pensò che ora tutta quella terra era sua; suoi quegli alberi: olivi, mandorli, carrubi, fichi, gelsi; sua quella vigna.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ogni tanto, accennando col capo, domandava alla serva: - Che fa? Gesa si stringeva nelle spalle, sporgeva il labbro, poi rispondeva: - Uhm! Sta con la testa sul libro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gerlando non rispondeva nulla.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Una sera, a cena, vedendolo con gli occhi fissi su la tovaglia, pensieroso, gli domandò: - Non mangi? che hai? Quantunque da alcuni giorni egli s'aspettasse questa domanda provocata dal suo stesso contegno, non seppe sul punto rispondere come aveva deliberato, e fece un gesto vago con la mano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Nulla, - rispose, impacciato, Gerlando.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Di' a tuo padre, - rispose allora, con gravità, Eleonora, socchiudendo gli occhi, quasi per non vedere il rossore di lui, - di' a tuo padre che non se ne dia pensiero.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
gli rispose lei, con un sospiro, socchiudendo gli occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E che te n'importa? - le aveva risposto la madre.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- rispose don Lisi con un sorriso squallido che gli tremava smarrito sulle larghe e livide labbra nude.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Eccomi, perché no? è giusto; ti ci conduco, - le rispose egli cupamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E voi buttatele a terra e fatene carbone, - gli rispondeva, indolente, il Lopes.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Limitare, - rispondeva allora placidamente Nocio Butera - limitare la produzione dello zolfo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nino Mo si cacciava in tasca le mani irrequiete, come se volesse cercarvi rabbiosamente la risposta; mentre Tino Làbiso tirava al solito daccapo il pezzolone per soffiarsi il naso e prender tempo, da uomo prudente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora don Mattia Scala voleva la campagna: aveva fretta, cominciava a essere stufo, e aveva ragione: la somma convenuta era pronta - e notare che quel denaro a don Filippino avrebbe fatto tanto comodo; ma, Dio benedetto, come avrebbe poi potuto in città gustar la poesia pastorale e campestre del suo divino Virgilio? - Abbi pazienza, caro Mattia! La prima volta che lo Scala s'era sentito rispondere cosí, aveva sbarrato tanto d'occhi: - Mi burlate, o dite sul serio? Burlare? Ma neanche per sogno! Diceva proprio sul serio, don Filippino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma intanto, - gli rispondeva lo Scala - i beneficii se li gode vostro cugino! - Che te ne importa? - gli faceva osservare il Lo Cícero.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
IV Il ragionamento di don Filippino era senza dubbio convincente; ma che sicuro aveva intanto lo Scala di quei denari spesi nel fondo di lui? E se don Filippino fosse venuto a mancare d'un colpo, Dio liberi! senza aver tempo e modo di firmar l'atto di vendita, per quel tanto che oramai gli toccava, Saro Trigona, suo unico erede, avrebbe poi riconosciuto quelle spese e il precedente accordo col cugino? Questo dubbio sorgeva di tanto in tanto nell'animo di don Mattia; ma poi pensava che, a voler forzare don Filippino a cedergli il possesso del fondo, a volerlo mettere alle strette per quei denari anticipati, poteva correre il rischio di sentirsi rispondere: "O infine, chi t'ha costretto ad anticiparmeli? Per me, il fondo poteva restar bene com'era e andar anche in malora: non me ne sono mai curato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Don Mattia picchiò: nessuno gli rispose: picchiò di nuovo, invano; guardò sú ai balconi e alle finestre: chiusi per notte, ancora.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il garzone gli rispose che non s'era visto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Allora, già con un po' d'apprensione, lo Scala tornò a picchiare alla cascina; chiamò piú volte: - Don Filippino! Don Filippino! - e, non avendo risposta, né sapendo che pensarne, si mise a stirarsi con una mano quel suo nasone palpitante.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Chiaro, eh? - Chiarissimo! - rispose il Trigona, che aveva ascoltato con molta attenzione il racconto dello Scala, approvando col capo, serio serio, come il pretore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Voi, da quel boja? da quell'assassino, che mi ha mangiato vivo? Quanto avete preso? - Aspettate, vi dirò, - rispose il Trigona, con calma dolente, ponendo innanzi una mano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Abbiano pazienza un momento, - rispose il servo, che guardava stupito lo Scala, conoscendo l'antica inimicizia di lui per il suo padrone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Bene - rispose, calmissimo, il Chiarenza.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
come? - Ecco, figlio mio: ve lo faccio vedere, - rispose senza scomporsi il Chiarenza, ponendosi di nuovo la mano dietro le reni e tirandosi su con pena.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E cosí, - riprese lo Scala - tu ti approfitterai anche del mio denaro? - Non mi approfitto di nulla, io, - rispose, pronto, il Chiarenza.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Alle corte, dunque, rispondi: - Vuoi lasciarmela? - No! - gridò, pronto, rabbiosamente, il Chiarenza, torvo, stravolto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo Scala si voltò, alzò la mano a un violento gesto di minaccia e rispose, guardandolo fieramente negli occhi: - Ti brucio! VII Uscito dalla casa del Chiarenza e sbarazzatosi con una furiosa scrollata di spalle del Trigona che voleva dimostrargli, tutto dolente, la sua buona intenzione, don Mattia Scala si recò prima in casa d'un suo amico avvocato per esporgli il caso di cui era vittima e domandargli se, potendo agire giudiziariamente per il riconoscimento del suo credito, sarebbe riuscito a impedire al Chiarenza di pigliar possesso del podere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Voi, don Mattia? Qual buon vento? Lo Scala con le enormi sopracciglia aggrottate si piantò di fronte al giovine ingegnere sorridente, lo guardò negli occhi, e rispose: - Sono pronto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- rispose l'ingegnere indicando la grande carta geologica appesa alla parete, ov'era tracciato per cura del R.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Mal'annata? - Ma che mal'annata! Quella che verrà, - gli rispose lo Scala - quando avrete aperto la zolfara! Sospettò allora lo Scelzi che don Mattia Scala avesse ricevuto tristi notizie del figliuolo scomparso: sapeva che, alcuni mesi addietro, egli aveva rivolto una supplica a Roma perché, per mezzo degli agenti consolari, fossero fatte ricerche dovunque.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non mangiò, non dormí, fu come in un continuo delirio, andando di qua e di là dietro allo Scelzi, a cui ripeteva di continuo: - Legatemi bene! Legatemi bene! - Non dubiti, - gli rispondeva sorridendo l'ingegnere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Lo domandi a me? Pezzo d'asino, che gli hai risposto? Spatolino ripeté quanto aveva detto al Ciancarella e altro aggiunse che non aveva detto, infervorandosi alle lodi del prete battagliero.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non rispose altrimenti, per tutto il tempo che durò la fabbrica.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo credette quando, recatosi dai Montoro, eredi del notajo, per aver pagata l'opera sua, s'udí rispondere che nulla essi ne sapevano e che non volevano perciò riconoscere quel debito non comprovato da nessun documento.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Soggiunse che anzi, avendo egli un giorno detto al padrone, sant'anima, che Spatolino, non ostante il divieto, scavava di là con tre manovali, il padrone, sant'anima, gli aveva risposto: - E lascialo scavare, non lo sai ch'è matto? Cerca forse il tesoro per terminare la chiesa di Santa Caterina! - A nulla giovò la testimonianza di don Lagàipa, notoriamente ispiratore a Spatolino di tante altre follie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- A casa, e giudizio, bada! - Sí, signor Pilato, - gli rispose Spatolino, inchinandosi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quante riprensioni avevano dovuto fare alle monache e alle educande le madri badesse e le vicarie per ridurle all'obbedienza e farle scendere giú nel parlatorio, quando la portinaja per annunziar la visita di Monsignore strappava a lungo la catena del campanello che strillava come un cagnolino a cui qualcuno avesse pestato una piota! Ma se le spaventava tutte con quei segnacci di croce! con quella vociaccia borbottante: - Santa, figlia, - in risposta al saluto che ciascuna gli porgeva, facendosi innanzi alla doppia grata, col viso vermiglio e gli occhi bassi: - Vostra Eccellenza benedica! Nessun discorso, che non fosse di chiesa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perciò ogni risposta che dava loro era come un colpo di ferula su le dita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come rispose egli ai primi nostri rimproveri, alle prime nostre rimostranze? Rispose energicamente: - Signori, lasciatemi fare! Voi scrollaste le spalle, indignati; diffidaste di lui; credeste e gridaste al voltafaccia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
D'altra parte, non sapeva bene che cosa gli volessero dire tutti quei signori, né che cosa doveva rispondere, né come regolarsi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si misero a rispondergli tutt'e quattro insieme, correggendosi a vicenda e ajutandosi l'un l'altro a condurre a fine il discorso: - Perché suo papà, buon'anima, purtroppo...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E di', quella donna? quella donna? Tu l'hai ancora in casa? - Andrà via domani, Monsignore, - s'affrettò a rispondergli don Arturo, finendo d'asciugarsi le lagrime.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Erano già undici domeniche, undici, dall'otto dicembre, che il pover'uomo, levando il capo dal guanciale, chiedeva con voce lamentosa alla Piconella, sua vecchia casiera, la quale ogni mattina veniva a recargli a letto il caffè: - Piove? E la Piconella non sapeva piú come rispondergli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dopo due giorni di vociferazioni nel circolo degli impiegati civili, nel caffè di Pedoca, riuscí a promuovere una tale agitazione, che Monsignor Vescovo fu costretto veramente a rispondere con una fierissima pastorale e, nell'invito sacro, chiamò a raccolta per la ventura domenica non solo tutti i fedeli di Montelusa ma anche quelli dei paesi vicini.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gabriele Orsani si avvilí; ma il signor Vannetti vi pose subito riparo: cominciò a far tutto da sé: domande e risposte, a proporsi dubbii e a darsi schiarimenti: - Qui Lei, zentilissimo signore, eh, lo so! potrebbe dirmi, obbiettarmi: Ecco, sí, caro Vannetti, d'accordo: piena fiduzia nella vostra Compagnia; ma, come si fa? per me è un po' troppo forte, poniamo, codesta tariffa; non ho tanto marzine nel mio bilanzio, e allora...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
giusto adesso, - rispose, quasi balbettando, il Bertone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gabriele, con un sorriso nervoso su le labbra, rispose piano, con calma, alle trepide domande di lei, come se non si trattasse della propria rovina; poi nel veder la moglie sconvolta: - Eh, mia cara! - esclamò.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Alla fine proruppe: - E anche i miei figli, è vero? verranno qua, adesso, a buttarmi in faccia, come uno straccio inutile, il mio sacrifizio? - Tu falsi le mie parole, - rispose ella, scrollando una spalla.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
io non so, - s'affrettò a rispondere Flavia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Va', va'! - ordinò Flavia al cameriere: poi, appena uscito questi, afferrò per un braccio il Sarti e gli domandò, guardandolo negli occhi: - Che ha? È grave? Voglio saperlo! - Non lo so bene ancora neanche io, - rispose il Sarti con calma forzata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- È grave assai? - Sí, - rispose egli, cupo, bruscamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Quello che hai detto a mia moglie, - rispose, calmo, Gabriele, fissando di nuovo gli occhi, senza sguardo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tu sei il medico della Compagnia, è vero? Lucio Sarti, angosciato dal dubbio tremendo che l'Orsani avesse inteso tutto quello ch'egli aveva detto a Flavia, rimase stordito a quella subitanea risoluzione; gli parve senza nesso, ed esclamò, sollevato per il momento da un gran peso: - Ma è una pazzia! - No, perché? - rispose, pronto, Gabriele.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E come? - Ricordi dove morí mio padre e perché? Gabriele lo guatò, stordito; bisbigliò tra sé: - Che c'entra? - Tu non sei al mio posto, - rispose il Sarti, risoluto, aspro, rimettendosi le lenti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non capisco, - rispose Gabriele con freddezza, - che rimorso potrebbe essere per te l'aver beneficato i miei figliuoli...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non c'è altro rimedio! Per un tuo scrupolo, che non può essere anche mio ormai, vuoi che rigetti questo mezzo che mi si offre spontaneo, quest'ancora che tu, tu stesso m'hai gettata? S'appressò all'uscio, ad origliare, facendo cenno al Sarti di non rispondere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No! - rispose Lucio, pronto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dio te lo paghi, - s'affrettò a risponderle Tuta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vuoi che t'accenda il lumino da notte? - Dio, me lo domandi ogni sera! La vecchia madre, come sferzata da questa risposta alla domanda superflua, corse, curva, trascinando un po' una gamba, ad accendergli in camera il lumino da notte e a preparargli il letto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mi diverto, - rispose egli, stirando le braccia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
debbo dire bettola, macelleria, trattoria? - Bettola, bettolaccia, - rispose il Mear, - ma adesso...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vuoi farmi piangere? Me ne vado! Gigi Mear, intontito dalla buffonesca loquela di quel suo amico piovuto dal cielo, lo osservava mettendo a tortura la memoria per sapere come diamine si chiamasse, come e quando lo avesse conosciuto, a Padova, da ragazzo o da studente d'Università; e passava e ripassava in rassegna tutti i suoi intimi amici d'allora, invano: nessuno rispondeva alla fisonomia di questo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ammazzami, - rispose l'amico impassibile, - tagliami a pezzi; non te lo dirò.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- rispose Lao Griffi, quasi piangendo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi si scosse di scatto e domandò: - E tu? Anche tu dimesso, è vero? Che t' è accaduto? - Nulla a me, - rispose il Valdoggi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- L'ho uccisa! - rispose Lao Griffi seccamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo so; voi adesso mi rispondete che non è possibile, quando una cura prema veramente, quando una passione accechi, sfuggire col pensiero e frastornarsene immaginando una vita diversa, altrove.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quanto calore nelle tue espressioni, e con quale trasparente evidenza, in pochi tocchi, fai balzar vivi innanzi agli occhi luoghi, fatti e persone! Sei addolorato, sei indignato, povero Marino mio; e non vorrei che questa mia risposta ti accrescesse il dolore e l'indignazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E allora io vi rispondo che siete matta, - disse il Perres alzandosi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma non rispondo dei miei nervi stasera.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sarebbe stato in certo qual modo un conforto per lui attribuire a esso la caduta della commedia; ma dovergli ora il trionfo, un trionfo che non aveva altro sostegno che nel pazzo volo di quelle sue ali schifose! Riavutosi appena dal primo stordimento, ancora piú morto che vivo, corse incontro al capocomico che lo aveva spinto con tanta mala grazia sul palcoscenico a ringraziare il pubblico, e con le mani tra i capelli gli gridò: - E domani sera? - Ma che dovevo dire? che dovevo fare? - gli urlò furente, in risposta, il capocomico.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Io, la finisco? Deve finirla lei, commendatore! - rispose, placida e sorridente, la Gàstina, sicurissima di fargli cosí, ora, il maggior dispetto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
O al terzo, o magari nel secondo stesso, subito dopo quel primo finto! Perché io vi prego di credere, signori miei, che sono svenuta davvero, sentendomelo venire in faccia, qua, qua, sulla guancia! E domani sera non recito, no, no, non recito, commendatore, perché né lei né altri può obbligarmi a recitare con un pipistrello che mi sbatte in faccia! - Ah no, sa! Questo si vedrà! questo si vedrà! - le rispose, crollando il capo energicamente, il capocomico.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Loro entrano e io me ne esco, - rispose il Colli senza levarsi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
come si dice? Passeggio, - rispose il Colli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No, no, al contrario, - s'affrettò a rispondere la signorina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Loro sono amici, non è vero? - Amicissimi, - rispose subito il Pogliani.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
ecco, - rispose vivacemente la signorina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma aveva questa barbetta? - No, - s'affrettò a rispondere la signorina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Perché questo ritratto non risponde...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Beniamino Lenzi gli rispose con parole smozzicate quasi inintelligibili, che lasciarono il Golisch nel dubbio che le sue domande non fossero state comprese.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Domandava a tutti: - Avete veduto Beniamino Lenzi? E se qualcuno gli rispondeva di no: - Colpito! Morto per metà! Rimbambito...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No, no, niente piú moglie, io! - s'affrettò a rispondere con serietà l'uomo grasso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Tu già mi conosci." Ma pure, se il marito è cosí dabbenaccio da rinzelarsi, vedendola per esempio a letto come una diavola, coi capelli incartocciati, col viso impiastricciato, e via dicendo: - Ma io lo faccio per te! - è capace di rispondergli lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il marito dovrebbe risponderle: - Ma sai, cara? i gusti son tanti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A chi vuoi piacere? Bisognerebbe che tu me lo dicessi, per saperti rispondere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A nessuno? proprio a nessuno? Ma allora, benedetta te, nessuno per nessuno, cerca di piacere a tuo marito, che almeno è uno! Caro signore, a una tale risposta la moglie guarderebbe il marito quasi per compassione, poi farebbe una spallucciata, come a dire: - Ma tu che c'entri? E avrebbe ragione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
"Uomo, - diceva, - e magari cieco d'un occhio!" Un giorno le domandai: - Ma sentiamo un po', che avresti fatto, se fossi nata uomo? Mi rispose, sbarrando tanto d'occhi: - Il mascalzone! - Brava! - E moglie, niente, sai! Non l'avrei presa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E che ti figuri che ti faranno là dentro? - Come a Nannina, - rispose la Òsimo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ti mangeranno! Che vuoi che ti facciano? - le aveva risposto quella.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Raffaella rispose, senza schiuder gli occhi; ma con le palpebre che le fervevano, nervosamente: - Trentadue giorni.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Nossignore, - rispose umilmente il Piccirilli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Commercio illecito? - Nossignore! - s'affrettò a rispondere il Piccirilli, ponendosi le mani sul petto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Signor avvocato, - rispose piano il Piccirilli, protendendosi verso la scrivania e ponendosi una mano presso la bocca, mentre con l'altra imponeva silenzio alle due donne, - (Ssss...) Signor avvocato, dagli spiriti! - Da chi? - fece Zummo, credendo d'aver sentito male.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sa che ci ha risposto quell'assassino? Storie! ci ha risposto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ritornate domani e vi saprò dare una risposta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Studio! studio! - rispondeva loro Zummo, su le furie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E se qualcuno gli proponeva di guadagnarsi, oltre a quei quattro soldi, per qualche altra faccenda, una o magari dieci lire, rifiutava, rispondendo sdegnosamente a quel suo modo: - Non negozio piú! E si metteva a vagar per le campagne o lungo la spiaggia del mare o sú per i monti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Fatti pochi passi, s'arrestò di nuovo, si voltò indietro e chiamò: - Nàzzaro! Il vagabondo non gli rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Posò una mano sul collo dell'asina, l'altra su una gamba di Simone Lampo e, guardandolo negli occhi, tornò a domandargli: - Vi volete salvar l'anima davvero? Simone Lampo sorrise e gli rispose: - Sí.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Cacciamo via, ora! cacciamo via! Libertà! Libertà! Sciò! sciò! sciò! Gli uccelli, da piú mesi lí imprigionati, in quel subitaneo scompiglio, sgomenti, sospesi sul fremito delle ali, non seppero in prima spiccare il volo: bisognò che alcuni, piú animosi, s'avventassero via, come frecce, con uno strido di giubilo e di paura insieme; seguiron gli altri, cacciati, a stormi, a stormi, in gran confusione, e si sparpagliarono dapprima, come per rimettersi un po' dallo stordimento, su gli scrimoli dei tetti, su le torrette dei camini, su i davanzali delle finestre, su le ringhiere dei balconi del vicinato, suscitando giú, nella strada, un gran clamore di meraviglia, a cui Nàzzaro, piangente dalla commozione, e Simone Lampo rispondevano seguitando a gridare per le stanze ormai vuote: - Sciò! sciò! Libertà! Libertà! S'affacciarono quindi anch'essi a godere dello spettacolo della via invasa da tutti quegli uccellini liberati alla nuova luce dell'alba.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Afferrò Nàzzaro per le braccia e, scotendolo, gli gridò: - Che hai fatto? - Ho bruciato il grano del vostro podere, - gli rispose tranquillamente Nàzzaro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E intanto che mangio io là, senza uccelli e senza grano? - A questo ci penso io, - gli rispose con placida serietà Nàzzaro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Oh senti! - s'affrettò a risponderle don Giulio, infiammato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lulú Sacchi non pensò che aveva gli occhi rossi di pianto, ma istintivamente, poiché le lagrime gli si erano raggelate sul volto in fiamme, se le portò via con due dita e, alla prima domanda lanciata nello stupore da don Giulio: Tu qua! rispose balbettando e aprendo le labbra a uno squallido sorriso: -Eh?...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ah, la signorina Ascensi? Ma allora sí, protetta! - gli rispose l'onorevole Verona, sorridendo e accrescendo l'imbarazzo del povero cavalier Martino Lori.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sí! vorrà dare ascolto a me! - gli rispondeva Silvia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Silvia cominciò a poco a poco a dirsi stufa di questi modi del Verona, e al marito che, per scusarlo, tornava a battere su quel chiodo, ch'era stato cioè un grave danno per l'amico il ritiro dalla vita politica, rispondeva che questa non era una buona ragione pèrché egli venisse a sfogare in casa loro il malumore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E istintivamente a Bartolino era venuto di inchinar la testa per rispondere a quel saluto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Va bene? - Benissimo! sí, sí, benissimo! - rispose Bartolino Fiorenzo, come se la buon'anima avesse domandato a lui un parere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
19, al secondo piano? Vorreste vedere se fosse libera? - Subito, - rispose il cameriere inchinandosi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- rispose egli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cioè, ne escogitava, tra sé e sé, anche di arditissime, ma poi, bastava che la moglie nel vederlo diventar rosso rosso gli domandasse: - Che hai? Addio, gli sbollivano tutte! Faceva un viso da scemo e le rispondeva: - Che ho? Di ritorno dal viaggio di nozze, furono turbati da una triste notizia inattesa: il Motta, l'autore del loro matrimonio, era morto improvvisamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No no! - s'affrettò a risponderle Ortensia, tra le lagrime.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E, poiché il dottore, non rispondendo, lasciava intendere che si trattava proprio del marito: - Che gli è accaduto? Mi dica la verità...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- rispose ella, stordita, non comprendendo in prima.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Speriamo bene, - le rispose il Vocalòpulo e, per impedire altre domande, aggiunse: - Mi vuol far vedere la camera? - Sí, ecco, venga...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- La donna? - Che corsa, caro professore! - rispose il dottor Cosimo Sià.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Sià veniva dietro, asciugandosi ancora il sudore dalla nuca e dalla fronte, e rispondeva ai casigliani: - Il signor...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Pervenuta alla fine innanzi alla porta, con l'aiuto di un giovinotto ben vestito, che le veniva dietro, fu su la soglia fermata dalle guardie: - Non si entra! - Sono la madre! - rispose imperiosamente e, con un gesto che non ammetteva replica, scostò le guardie e s'introdusse in casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Quella è la moglie? - domandò il giovinotto a sua volta, in luogo di rispondere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Suppongo, - rispose il Vocalòpulo accigliato, assorto, - che si sia cacciata qua sotto la scapola...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Io scappo, - disse piano il Vivoli, salutando con la mano il Vocalòpulo e di nuovo inchinando appena il capo al Sià, che rispose, questa volta, con un inchino frettoloso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma un empito di sangue impedí al Corsi di rispondere, e le parole gli gorgogliarono nella strozza soffocate dalla tosse.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E come potrei? - rispose Adriana, appena rinvenuta, all'ingiunzione della madre d'abbandonar la casa del marito insieme coi figliuoli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Sià gli rispondeva con una sola parola: - Miracoloso! Ora la primavera imminente avrebbe senza dubbio affrettato la convalescenza.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma nessuno rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Senza badare alla risposta del medico, il Corsi richiuse gli occhi, trafitto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma appena le vide gli occhi rossi di pianto, le prese un braccio e, nascondendovi il volto, le disse: - Ancora, dunque? non mi perdoni ancora? Adriana strinse le labbra tremanti, mentre nuove lagrime le sgorgavano dagli occhi; e non trovò in prima la voce per rispondergli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Io sí, - rispose Adriana, angosciata, timidamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora come faccio io? Di che debbo ringraziarvi? - Ma noi medici, scusate, - rispose, smarrito, il Vocalòpulo, - noi medici non abbiamo di questi diritti: noi medici abbiamo il dovere della nostra professione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Trascinato! - rispose, pronto, il Corsi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Prima di decidere, prima d'assegnare a quel tale giovine quella tal fanciulla, ella teneva l'uno e l'altra quattro o cinque mesi in esperimento; li interrogava su tutti i punti secondo un formulario prestabilito e segnava in un taccuino le risposte; e gusti, educazione, costumi, aspirazioni, tutto indagava, pesava tutto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E Giulia, con gli occhi bassi, rispose di sí.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E Gemma, con gli occhi bassi, rispose di sí.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sí, sí, te lo giuro, stai tranquilla! - le ripeteva in un torrente di lagrime, rispondendo al gesto di quelle mani e per placare la ferocia di quegli occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si voltò a guardarla, torvo; alzò le spalle; non volle neanche risponderle.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma egli s'era messo sulla bocca il fazzoletto listato di nero, e non le rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sul carro, il cocchiere cadaverico, con gli occhi miopi strizzati, si rimetteva in sesto la tuba e rispondeva alla guardia di città che, tra la calca e lo schiamazzo, prendeva appunti su un taccuino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Le risa erano prorotte squacquerate, appena andato via Tommasino inseguito da tutte quelle foglie secche; poi l'uno aveva preso a domandare all'altro: - Canta l'Epistola? E l'altro a rispondere: - Canta l'Epistola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando questo, al letto di morte, gli chiese: - Ma perché, figliuolo mio? perché? Tommasino con gli occhi socchiusi, con voce spenta, tra un sospiro ch'era anche sorriso dolcissimo, gli rispose semplicemente: - Padre, per un filo d'erba...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- rispose il Ciunna sorridendo imbarazzato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo guardò un po'; gli domandò: - Ha voluto provarsi il fiato o s'è sentito male? - Provarmi il fiato, - rispose cupo il Ciunna, passandosi di nuovo le mani su i capelli zuppi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No, - rispose il Ciunna, torvo; e ripeté: - Bisogna che vada.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Prima di rispondere, costui levò dal pomo del bastoncino una delle mani ischeletrite, nella quale teneva un fazzoletto appallottolato, e se la portò alla bocca, su i baffetti squallidi, spioventi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Scusi, lei, non è di Costanova, è vero? (E raccolse e nascose nel fazzoletto qualche cosa.) Il forestiere, dolente, mortificato, imbarazzato dal ribrezzo che non riusciva a dissimulare, rispose: - No; sono di passaggio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quel forestiere di passaggio restò imbalordito; lo seguí con gli occhi fino alla porta: poi si volse al vecchio cameriere del caffè e gli domandò, costernatissimo: - Chi è? Il vecchio cameriere tentennò il capo amaramente; si picchiò il petto con un dito; e rispose, sospirando: - Anche lui...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
tu? Lo volevo dire! Ma come? Tu qua, amico mio? Sei tornato da Roma? - Oggi, - rispose, cupo, Luca Fazio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Questi dovette aspettare un pezzo per rispondere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Carica, - rispose frigido il Fazio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Gliel'ho detto, che cosa ho fatto io! E ci sono le prove lí: c'è tutto il paese che può rispondere per me! Chi è lei? che cosa vuole da me? - Io rappresento qua il Governo! - rispose infoscandosi il commendator Zegretti, e poggiò ambo le mani su la scrivania.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma io non le so, non le voglio, né le debbo sapere io, codeste cose! - rispose, sempre piú eccitandosi, il commendator Zegretti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Agli amici piú intimi, che lo attendevano ansiosi, non poté rispondere fuorché queste parole: - Faccio nascere un macello, parola d'onore! E la guerra cominciò, ferocissima, tra i due re.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma perché? Per seguitare ad abbrutirvi, a incarognirvi! Il professor Sabato non rispose: aveva in bocca di nuovo il bicchiere, che già gli ballava in mano: accennò di sí col testone, seguitando a bere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Guardando smarritamente le due suore e l'antico alunno, ora l'una ora l'altro, rispose: - M'hanno scritto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non esagereremo, no! - gli aveva risposto dentro il demonio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Né questa d'adesso, - rispose il D'Andrea, - né quella là del processo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
quanto l' hai pagata? Melina alzò gli occhi, ove la malizietta sorrideva implorante: - Oh, poco, - rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Prima di tutto, via, ci voleva poco a intendere che lui, cosí su due piedi, e senza consultare l'altro, non poteva darle nessuna risposta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ecco, era questo! era questo! - Ma a me, Carlino? - rispose pronta, con ardore, Melina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma nient'affatto! Perché io le ho detto di no, di no, precisamente come dici tu! Ma capirai che ella ha insistito, ha pianto, ha scongiurato, ha fatto tante promesse e tanti giuramenti; e, di fronte a queste lagrime e a queste promesse, io non so, non potevo sapere, come saresti rimasto tu, e se anche tu per tuo conto avresti voluto risponderle di no! - Ma non s'era stabilito no? Dunque, no! Carlino Sanni si scrollò rabbiosamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sei sicuro tu, che non ti saresti "piegato, commosso e intenerito" al posto mio? E avresti avuto il coraggio, cosí commosso e intenerito, di dirle di no, anche per conto di un altro, che forse al tuo posto si sarebbe, come te, commosso e intenerito? Rispondi a questo! Rispondi! Cosí sfidato, con gli occhi negli occhi, Tito non volle darsi per vinto, e mentí, imperterrito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Io fo, - rispose Carlino, alzandosi, - precisamente quello che fai tu, né piú né meno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Pochi giorni dopo, com'era da aspettarsi, arrivò a entrambi la risposta di Melina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- rispondeva all'uno e all'altro la balia, dapprima costernata e afflitta da quell'accanita contesa, sul bimbo, ma poi raffidata appieno, per il consiglio che le avevano dato i parenti e i vicini, che fosse meglio, cioè, per lei e anche per il bimbo, tenerli cosí a bada tutti e due, senz'affermare mai e senza negare recisamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Era difatti una gara, tra i due, d'amorevolezze, di pensieri squisiti, di regali, per guadagnarsi quanto piú potevano il cuore del bimbo, a cui ella intanto dava istruzioni non di malizia, ma d'accortezza: se veniva zio Carlo, non parlare di zio Tito, e viceversa; se uno gli domandava qualcosa dell'altro, risponder poco, un sí, un no, e basta; se poi volevano sapere a chi egli volesse piú bene, rispondere a ciascuno: - Piú a te! - solo per contentarli, ecco, perché poi egli doveva voler bene a tutti e due allo stesso modo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E veramente a Nillí non costava alcuno sforzo rispondere, secondo i consigli della balia, all'uno e all'altro dei due zii: - Piú a te! - perché, stando con l'uno o con l'altro, gli sembrava ogni volta che non si potesse star meglio, tanto amore e tante cure gli prodigavano entrambi, pronti a soddisfare ogni suo capriccio, pendendo ciascuno da ogni suo minimo cenno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quanto al nome, se Nenè e Niní lo volevano proprio sapere, la risposta era facile: Erminio Del Donzello, si chiamava; ed era professore: professore di francese nelle scuole tecniche.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- C'è gente, - rispondevano gli uscieri.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il consigliere delegato si rivolse al prete: - Ecco, siete chiamato per la risposta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Calma, signori miei, calma! Il prete, agitato, sconvolto, rimase perplesso se accorrere o no alla chiamata, mentre i suoi uomini, non meno agitati e sconvolti di lui, domandavano, piangendo di rabbia per una ingiustizia, che sembrava loro patente: - E noi? e noi? Ma come? Che risposta? Poi, tutti insieme, in gran confusione, presero a vociare: - Noi vogliamo il camposanto! - Siamo carne battezzata! - In groppa a una mula, signor Prefetto, i nostri morti! - Come bestie macellate! - Il riposo dei morti, signor Prefetto! - Vogliamo le nostre fosse! - Un palmo di terra, dove gettare le nostre ossa! E le donne, tra un diluvio di lagrime: - Per nostro padre che muore! Per nostro padre che vuol sapere, prima di chiudere gli occhi per sempre, che dormirà nella fossa che s'è fatta scavare! sotto l'erbuccia della nostra terra! E il prete, piú forte di tutti, con le braccia levate, innanzi all'uscio del prefetto: - È l'implorazione suprema dei fedeli: Requiem aeternam dona eis, Domine! Accorsero, a quel pandemonio, da ogni parte uscieri, guardie, impiegati che, a un comando gridato dal prefetto dalla soglia, sgombrarono violentemente l'anticamera, cacciando via tutti per la scala, anche quelli che non c'entravano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Su la strada maestra, al precipitarsi di tutti quegli uomini urlanti dal palazzo della Prefettura, si raccolse subito una gran folla; e allora padre Sarso, al colmo dell'indignazione e dell'esaltazione, pressato dalle domande che gli piovevano da tutte le parti, si mise ad agitar le braccia come un naufrago e a far cenni col capo, con le mani di voler rispondere a tutti, or ora...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Tenersi un poco discosti? Se si potesse far credere pietosamente a quel povero vecchio, che abbiamo ottenuto la concessione! Il maresciallo tardò un pezzo a rispondere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sancta Dei Genitrix, - Ora pro nobis! - Sancta Virgo Virginum, - Ora pro nobis! E al formicolio di tutti quei lumi rispondeva dalla cupola immensa del cielo il fitto sfavillío delle stelle.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Appena attorno a lui la sua gente levò le grida, vedendo accorrere tra strepito di sciabole sú per l'erta una cosí grossa frotta di cavalcature, provò a rizzarsi in piedi; udí il pianto e le risposte affannose dei sopravvenuti; e, comprendendo, tentò di gettarsi a capofitto giú nella fossa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Bella risposta gli aveva dato la sorte! Lo Spina, ora, vecchio scapolo, cominciava a soffrire del vuoto della sua vita, in una camera d'affitto, tra mobili volgari, neppur suoi; ma almeno poteva dire d'aver goduto a suo modo in gioventú e d'aver voluto lui che fosse cosí sola e senza conforto di cure amiche e senz'abitudine d'affetti la sua vecchiaja.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tanto piú che poi quelle ambasciate non servivano a nulla, perché già piú volte la madre, irremovibile, gli aveva fatto rispondere che non ne voleva nemmeno sentir parlare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Subito, appena lo vedeva, lo assaliva di domande: - Com'è? com'è? che t'ha detto? come l'hai trovata? E a ogni risposta, arricciava il naso, chiudeva gli occhi, divaricava le labbra, come se ricevesse pugnalate.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
"Ma che dice Vossignoria!" gli risposi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ecco, sissignore, - rispose Dolcemàscolo, ingollando.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non c'era il padrone? - Nossignore! - rispose subito Dolcemàscolo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora Vossignoria, uomo di legge, mi deve dire semplicemente se il padrone del cane è tenuto a risarcirmi del danno, ecco! Piccarone non pose tempo a rispondere: - Sicuro che è tenuto, figliuolo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- T'avevano detto forse di no? - Nossignore, - rispose Dolcemàscolo gongolante, giungendo le mani.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No no, - rispose Piccarone, fermo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Capirà, - rispose Dolcemàscolo, tutto miele.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ah, perciò, - disse, accostandoglisi, con le mani levate e contratte, - perciò è cosí ladro il suo cane? L'ha addottorato lei! Piccarone si levò in piedi, torbido, levò un braccio: - Esci fuori! Risponderai anche d'ingiurie a un galantuomo che...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ohé, Belluca! - Niente, - aveva risposto Belluca, sempre con quel sorriso tra d'impudenza e d'imbecillità su le labbra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Disperazione? Che disperazione? Piú volte la zia lo pregò, lo scongiurò di confidargliela; Marruchino rispose sempre che non poteva; che non sapeva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- È appunto questo il guajo, cara comare! appunto questo! - Questo? Perché? Che dite? Il cognato, in luogo di rispondere, uscí in una domanda curiosa: - Vi siete mai guardata allo specchio, cara comare? Zia Michelina si sentí riassalire improvvisamente dall'orrore di quel primo sospetto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- A spasso, già! Avete comandi da darmi? - rispondeva dalla strada, inchinandosi con una smorfia di dispetto, che l'ombra dietro, nel sole, le rifaceva goffamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Invece, sorridendo con le ciglia alzate, gli rispondeva, senza scomporsi: - Caro mio, sei un cretino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E aveva seguitato a parlare a lungo, apposta, di sé solamente, su questo tono, cioè del bene che pur si riprometteva di fare, perché Didí, stuzzicata cosí da una parte e, dall'altra, indispettita di vedersi messa da canto, alla fine domandasse: - E io? Venuta fuori la domanda, Cocò le aveva risposto con un profondo sospiro: - Eh, per te, Didí mia, per te la faccenda è molto, ma molto piú difficile! Non sei sola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Che dici? - Ah, sai, morta! - s'era affrettato a risponderle Cocò.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se, al cospetto d'una realtà cosí diversa, mi si scopriva illusione la mia vita d'allora, que' miei antichi compagni - vissuti sempre fuori e ignari della mia illusione - com'erano? chi erano? Ritornavo a loro da un mondo che non era mai esistito, se non nella mia vana memoria; e, facendo qualche timido accenno a quelli che per me eran ricordi lontani, avevo paura di sentirmi rispondere: "Ma dove mai? ma quando mai?" Perché, se pure a quei miei antichi compagni, come a tutti, l'infanzia si rappresentava con la soave poesia della lontananza, questa poesia certamente non aveva potuto mai prendere nell'anima loro quella consistenza che aveva preso nella mia, avendo essi di continuo sotto gli occhi il paragone della realtà misera, angusta, monotona, non diversa per loro, come diversa appariva a me adesso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Tutti! tutti! - gli rispose a una voce, dal verde spiazzo ancor bagnato e luccicante di guazza, la comitiva dei villeggianti ravvivati dalla gaja freschezza dell'aria mattutina, essendo venuti sú da Sarli a piedi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E perché manca Pepi? - Mal di capo, - rispose Biagio Casòli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E non è venuto, - rispose San Romé, pigiando su le parole.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non è permesso aver mal di capo in casa vostra? - In casa nostra, - prese a risponderle San Romé, con violenza; ma si contenne; cangiò tono: - Sú, Dora, ti prego, levati e smetti codesta commedia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dapprima, la cognatina elegante e capricciosa s'era annojata e gliel'aveva dimostrato in tutti i modi: aveva scritto cinque, sei, sette volte al marito, ch'ella di Gori ne aveva già fin sopra gli occhi e che venisse subito a prenderla; ma, poiché Cesare su questo punto non s'era nemmeno curato di risponderle e, con la scusa di certi affari da sbrigare, se la spassava liberamente a Milano; per dispetto, là, s'era attaccata a quel signor Pepi che le faceva una corte scandalosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Bisogna sempre saper fare le cose per bene, caro mio! - Eh già, - sorrideva San Romé, che si sentiva struggere dalla brama di mordere e avrebbe voluto risponderle che sapeva quel che le male lingue dicevano, che ella cioè era stata cameriera di quel marchese, prima, del Generale poi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quelle risposero che non lo sapevano, e allora il Casòli si mise a declamare: De' bei giovenchi dal quadrato petto, erte sul capo le lunate corna, dolci negli occhi, nivei, che il mite Virgilio amava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E quando sei arrivato? - Ma stamattina alle nove, perbacco! - gli rispose il fratello.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Un corno! - gli rispondeva però, volta per volta, don Bartolo Scimpri: l'unico che non avesse paura, ormai, d'avvicinarlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Passiamo questo mare, - rispondeva cupamente don Bartolo con la fronte contratta, quasi in un supremo sforzo di volontà.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Viene, viene, - rispose, quasi parlando tra sé; e apriva e chiudeva le mani, senza curarsi di nascondere l'agitazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Anche tu dunque, povero verme, come tutta questa mandra di bestie, mi credi un demonio? Rispondi! Don Nuccio s'era addossato al muro presso la porta: non si reggeva piú in piedi, e a ogni parola di don Bartolo pareva diventasse piú piccolo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Per non provocare nuove risate, il presidente fece le altre interrogazioni, rispondendo da sé a ognuna: - È vero? - è vero? - Infine disse: - Sedete.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché dovesse rispondere di ciò che aveva fatto, di una cosa, cioè, che non riguardava altri che lui, non capiva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Imputato Argentu, avete sentito di che siete accusato? Tararà fece un atto appena appena con la mano e, col suo solito sorriso, rispose: - Eccellenza, per dire la verità, non ci ho fatto caso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma tutti, ormai, nell'aula, avevano disposto l'animo all'ilarità e lo guardavano col sorriso preparato in attesa d'una sua risposta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dove siamo? Qua siamo in una Corte di giustizia! E si tratta di giudicare un uomo che ha ucciso! Se qualcuno si attenta un'altra volta a ridere, farò sgombrare l'aula! E mi duole di dover richiamare anche i signori giurati a considerare la gravità del loro compito! Poi, rivolgendosi con fiero cipiglio all'imputato: - Che intendete dire, voi, che non ne avete potuto far di meno? Tararà, sbigottito in mezzo al violento silenzio sopravvenuto, rispose: - Intendo dire, Eccellenza, che la colpa non è stata mia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Rispondete, imputato Argentu: vi era nota, sí o no, la tresca di vostra moglie? Tararà, smarrito, combattuto, guardò l'avvocato, guardò l'uditorio, e alla fine: - Debbo...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La signora Elvira porse a Nenè una lettera e rispose con le mani per aria: - Che cos'è? Centoquattordici lire di ritenuta! Bisogna che mi vuoti il cuore dalla bile, o schiatto! Sono parti da fare a una come me? Ma dico..(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Me lo sconti col lavoro, - rispose la signora Elvira.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non meritava dunque nessuna considerazione, lei come lei, pur essendo ridotta in quello stato, peggio d'una serva? E sissignori! Per disgrazia, a un certo punto, ad Adelaide scappò un sospiro in forma di domanda: - E ora come si fa? - Come si fa? - rispose agra Nenè.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nenè guardò l'una e l'altra, poi alzò le spalle e rispose: - Semplicissimo! Non glieli farò.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Grazie! - Oh, per me, sai, - disse allora, stanca, la madre, - se mi lasci morire cosí, tanto meglio! Nenè non rispose, lí per lí; ma sentí in quel breve silenzio crescere in sé l'esasperazione; alla fine proruppe: - Ma se non basto! se non basto! Non vedete? M'arrabatto e, per far piú presto, invece di guadagnare, la ritenuta a quella strega ritinta! e qua i sacchettini alla giraffa sposa, che li vuol belli...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Mi figuro, - diceva con gli occhi bassi, arrossendo, - mi figuro che strazio dev'esser per lei, signor Fabrizio, vedere il padre da tanti anni in questo stato! - Sissignora, - le rispondevo io sgarbatamente, e le voltavo le spalle e me n'andavo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma voglio riallacciare le fila proprio dal momento che il mondo per te si fece vano; dal momento che, sentendoti colpire improvvisamente dalla morte, a tavola, mentre si cenava, alla mia esclamazione: "Non è niente! non è niente!" rispondesti: - L'ora di dire addio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sai come m'ha risposto tua moglie? M'ha ringraziato, prima di tutto, come si può ringraziare un qualunque estraneo; ma lasciamo andare; ha poi soggiunto che, per il momento, sí, dice, purtroppo si vede costretta a non ricusare i miei graziosi favori, perché avendo dischiavacciato lo stipetto, dove tu eri solito di riporre il sudor delle tue fatiche, dice, non vi ha trovato che sole lire cinquanta, con le quali evidentemente, dice, non è possibile pagar la pigione di casa che scade il giorno quindici, saldare alcuni conti con parecchi fornitori di commestibili e farsi un modesto abito da lutto di assoluta necessità.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma d'altra parte, poi, ha temuto che io, nel vedermi messo alla porta, per risposta, avrei chiuso la bocca al mio sacchetto, e allora, capisci? è venuto tutto sorridente a farmi scuse e cerimonie, che vorrebbero essere uncini per tirarmi a pagare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Perla d'uomo! - ha esclamato il signor Postella rispondendo allo sguardo della moglie e scrollando il capo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Proprio cosí, - le ho risposto io.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- È la casa di Momo, - ho risposto a Giulia infine, sillabando.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Scusi, tutta quanta la casa non l'ha forse lasciata a lei, suo marito? - Momo, - mi rispose tua moglie - non poteva lasciarmi ciò che non gli apparteneva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma se ai topi di campagna, ai grilli, alle lucertole, agli uccelli, noi domandassimo notizia del coniglio, chi sa che cosa ci risponderebbero, non certo però, che sia una bestia paurosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E se per caso alla volpe, che ha la fama di savia, venisse in mente di comporre favole in risposta a tutte quelle che da gran tempo gli uomini van mettendo fuori calunniando le bestie; quanta materia non le offrirebbero queste scoperte umane, pipistrello mio, e questa scienza umana.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Li ho ritrovati all'incontro quasi nani e storti, umili e polverosi: li ho guardati a lungo, non credendo agli occhi miei; ma erano ben dessi, senz'alcun dubbio, lí, al lor posto; e ho sentito in fine come se essi avessero risposto cosí alla mia disillusione: "Hai fatto male, vecchio, a ritornare! Eravamo per te alberi altissimi e superbi; ma, vedi ora? Noi siamo stati sempre cosí, tristi e meschini..." Senza i tuoi augurii, ho compito a Moltrasio sul lago di Como sessant'anni.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
È suo e mio diritto, capisce? - Sarà suo diritto, caro dottore, - risposi, - e sarà anche legittimo, come lei crede.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Oh poveretti! E perché correvano cosí? Neli, il minore dei fratelli, non potendone piú, si fermò un momento per tirar fiato e rispondere a quelle donne; ma Saro se lo trascinò via, per un braccio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'avete portata? - Corro subito a prenderla, - s'affrettò a rispondere il Tortorici.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'abbiamo condotto noi; lo vedi? - Portatemi al paese! - pregò il Zarú, e con affanno, senza potere accostar le labbra: - Oh mamma mia! - Sí, ecco, c'è qua la mula! - rispose subito Saro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi, tra l'affanno catarroso, domandò con una voce da caverna: - Una mosca, può essere? - Una mosca? E perché no? - rispose il medico.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Questa sua difesa, però, per la troppa lunghezza e per lo scarso interesse che avrebbe potuto destare nella maggioranza dei lettori, era stata rifiutata da due riviste; una terza se la teneva da piú d'un mese, e chi sa quanto tempo ancora se la sarebbe tenuta, a giudicare dalla risposta punto garbata che il Lamis, a una sua sollecitazione, aveva ricevuto dal direttore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma il Ciotta avrebbe messo le mani sul fuoco che servivano proprio per lui, per il professore stesso; perché una volta lo aveva sorpreso per via nel mentre che si cacciava una mano in tasca per trarne fuori una di quelle schiumette e doveva già averne un'altra in bocca, di sicuro, la quale gli aveva impedito di rispondere a voce al saluto che lui gli aveva rivolto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il professor Bernardino Lamis, cosí rigido sempre, cosí contegnoso, quel giorno, gestiva! Troppa bile aveva accumulato in sei mesi, troppa indignazione gli avevano cagionato la servilità, il silenzio della critica italiana; e questo ora, ecco, era per lui il momento della rivincita! Tutti quei bravi giovani, che stavano ad ascoltarlo religiosamente, avrebbero parlato di questa sua lezione, avrebbero detto che egli era salito in cattedra quel giorno perché con maggior solennità partisse dall'Ateneo di Roma la sua sdegnosa risposta non al von Grobler soltanto, ma a tutta quanta la Germania.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Perché? Perché c'è il progetto, - mi rispose il vetturino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La solita retorica! La ricchezza e la felicità nella beata ignoranza, è vero? Vuoi dirmi questo? - No, al contrario, - mi rispose Merigo Tucci, con un sorriso, opponendo studiatamente alla mia stizza altrettanta calma.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quegli si voltò di mala grazia e rispose appena, con un grugnito, alla presentazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi mi domandò a bruciapelo: - Scusi, com'è illuminata la sua città? - A luce elettrica, - risposi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
L'Ansatti se ne accorse e gli gridò: - C'è poco da sogghignare, collega Zagardi! Dico e sostengo di altre sei volte! Ci ho qui i libri; te lo dimostrerò! E glielo dimostrò, difatti; e alla fine, balzando da quella terribile dimostrazione piú vivo e piú infocato di prima, concluse, rivolto alla Giunta: - Ora in quali condizioni, o ciechi amministratori, in quali condizioni d'inferiorità si troverebbero il Municipio e il paese di Milocca, coi loro miserabili 1 cavalli di forza elettrica, quando questo enorme rivolgimento sarà nell'industria e nella vita un fatto compiuto? - Scusami, - diss'io piano all'amico Tucci, mentre gli applausi scrosciavano nella sala con tale impeto che il tetto pareva ne dovesse subissare, - levami un dubbio: non è intanto al bujo il paese di Milocca? Ma Tucci non volle rispondermi: - Zitto! Zitto! Ecco che parla Zagardi! Sta' a sentire! Il tozzo omacciotto barbuto s'era infatti levato, col sogghigno ancora su le labbra, torcendosi sul mento, con gesto dispettoso, il rosso pelo ricciuto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Piú d'una volta Rorò, la figliastra, s'era fatta all'uscio, a domandargli: - Che cerca? E lui, dissimulando subito il turbamento, frenando la smania, le aveva risposto, dapprima, con una faccetta morbida, ingenua: - Il bastone, cerco.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Molti, vedendolo passare, gli gridavano: - Viva la patria, Sciaramè! E lui sorrideva, abbassando gli occhietti calvi, quasi mortificato, e rispondeva piano, come a se stesso: - Viva...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma risponda ai signori Reduci cosí: che si facciano gli affari loro, ché ai miei ci bado io; se questo loro non accomoda, se ne vadano, che mi faranno un grandissimo piacere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E io le ho risposto che a casa mia...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Secondo voi, sono o non sono garibaldino? - Siete garibaldino? Ma sí, perché no? - rispose, imbalordito, Sciaramè, non sapendo dove il La Rosa volesse andar a parare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ne prenderesti forse le difese? - No! - rispose subito Sciaramè.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vergognare, perché difendeva quattro mascalzoni scioperati! - O che le epopee, le vere epopee come la garibaldina, potevano avere aggiunte, appendici? Di ridicolo, di ridicolo s'era coperta la Grecia! Il povero Sciaramè non poteva rispondere a tutti, sopraffatto, investito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma le medaglie? La camicia rossa? - riprese il Bellone, scrollandolo furiosamente, - di chi sono? Tue o di tuo fratello? Rispondi! Sciaramè aprí le braccia, senza ardire di levare il capo; poi disse: - Siccome Stefanuccio non...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
al La Rosa? Rorò non poté in prima rispondere; poi, sconcertata e sgomenta, disse: - Mi aveva chiesto di vederli...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Salutalo, salutalo tu per primo: un bell'inchino, con dignitosa umiltà! Il padre Fioríca ubbidiva subito al suggerimento del diavolo; s'inchinava sorridente; ma il signor Greli, accigliato, rispondeva appena appena, con brusca durezza, a quell'inchino e a quel sorriso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E per l'angusta viuzza, ancora invasa dalle tenebre notturne, abbrividendo, si stringeva alla vecchia serva e, arrivato alla piazzetta della chiesa, alzava gli occhi al campanile, e allo sgomento misterioso che gliene veniva, non meno misterioso rispondeva il conforto che, appena entrato nella chiesa, gli veniva dai ceri placidi accesi sull'altare, nella frescura dell'ombra solenne insaporata d'incenso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sei matta o ubbriaca davvero? La donna non rispose, né si mosse.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non è bella? Papa-re non rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non ti ricordi che mi prese con sé, l'anno scorso? - No, - le rispose il vecchio, seccato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che naso! Una vela! In capo, quella stessa berrettina di tela, dalla visiera di cuojo; e a tutti coloro che gli domandavano perché, con tanti bei denari, non si concedesse il lusso di portare il cappello: - Non per il cappello, signori miei, - rispondeva invariabilmente, - ma per le conseguenze del cappello.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma la voce dello zio le rispose dietro quel gruppo d'uomini che s'affannava a salire gli ultimi gradini.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Venerina vide accanto allo zio un giovine di statura gigantesca, straniero all'aspetto, biondo, e dal volto un po' affumicato, che reggeva sotto il braccio una cassetta; poi chinò gli occhi su la barella, che i marinaj, per riprender fiato, avevano deposta presso l'entrata, e domandò: - Chi è? Che è avvenuto? - Pesce di nuovo genere, non ti confondere! - le rispose don Pietro, promovendo il sorriso dei marinaj che s'asciugavano la fronte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Riaprí l'uscio e rivolse qualche frase in francese a quel giovane straniero, che chinò piú volte il capo in risposta; poi, uscendo, soggiunse alla nipote: - Mi raccomando: te ne starai di là, in camera tua.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Per istrada, alla gente che gli domandava notizie, seguitò a rispondere senza nemmeno voltarsi: - Pesca, pesca: tricheco! Forzando la consegna della serva, s'introdusse in casa di donna Rosolina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dite un po': è turco o cristiano? - Turco, turco: non si confessa! - rispose in fretta don Pietro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poteva buttarlo in mezzo alla strada? Aveva scritto al Console di Palermo - ma sí! - Il Console gli aveva risposto che desse ricetto e cura al marinajo dell'Hammerfest, fin tanto che esso non fosse guarito, o - nel caso che fosse morto - gli desse sepoltura per bene, che delle spese poi avrebbe avuto il rimborso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Miracoli! Entrava nella camera dell'infermo, fregandosi le mani: - Bon suarre, mossiur Cleen, bon suarre! - Buona sera, - rispondeva in italiano il convalescente, sorridendo, staccando e quasi incidendo con la pronunzia le due parole.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Eh che! Parlavano dunque di lei? a quel modo? Vergogna, ansia, dispetto le fecero a un tratto tale impeto dentro, che appena il Cleen si ritirò, saltò sú a domandare allo zio: - Che c'entro io? Che avete detto di me? - Di te? Niente, - rispose don Pietro, rosso e sbuffante, dopo quella terribile fatica.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ci vuol tanto a dir di sí? - Io non lo so, - rispose Venerina, tra due singhiozzi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
oui? - Si vous voulez, - rispose il Cleen aprendo le mani, come se non fosse ben certo del consenso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sorrideva, per rispondere al sorriso di lui non meno impacciato, ma volentieri sarebbe scappata a chiudersi sola sola in camera, a buttarsi sul letto, per piangere...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La sorella, a cui egli aveva scritto per darle notizia della sua malattia mortale e annunziarle il fidanzamento, gli aveva risposto da Trondhjem con una lunga lettera piena d'angoscia e di lieta meraviglia, e annunziato che l'Hammerfest a New York aveva ricevuto un contr'ordine ed era stato noleggiato per un viaggio nell'India, come le aveva scritto il marito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Scherzino tra loro, e non stupidamente, con un forestiere che non può loro rispondere per le rime.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Lo chiami L'arso, come lo chiamano tutti! - le rispondeva ridendo Venerina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Eh già! - gli rispose il Di Nica.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Egli, che per gli affari del viceconsolato se la sbrigava con quattro frasucce solite, dovette quella volta violentare orribilmente la sua immaginaria conoscenza della lingua francese, per rispondere a tutte le domande che gli venivano rivolte a tempesta sul Cleen; e ridusse in uno stato compassionevole la sua povera camicia inamidata, tanto sudò per lo stento di far comprendere a quei diavoli che egli propriamente non era il suocero de L'arso, perché la sposa di lui non era propriamente sua figlia, quantunque come figlia la avesse allevata fin da bambina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Dice che somiglia a te, - rispose don Paranza.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La discussione s'era fatta, da parte sua soltanto, sempre piú violenta, non tanto per le risposte che gli aveva dato don Pietro, quanto per un dispetto man mano crescente contro se stesso, per il bisogno che aveva sentito, invincibile e assurdo, d'andarsi a confidare con quel santo vecchio, già suo primo precettore e poi confessore per tanti anni, pur riconoscendolo incapace d'intendere i suoi tormenti, la sua angoscia, la sua disperazione.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Penso io, penso io, signor dottore, - risponde quello, girando la chiavetta della luce elettrica e dandosi attorno tutt'a un tratto con una allegra fretta che impressiona l'avventore notturno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- La siringa per le iniezioni, dottore, ce l'ha? - Io? - si volta a rispondergli il dottor Mangoni con una maraviglia che provoca in quello uno scoppio di risa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Lei? Il dottor Mangoni tarda a rispondere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
dico, o che era meglio allora, che lo lasciavamo morire qua, aspettando il medico? Il dottor Mangoni crede che si rivolga a lui e gli risponde: - Eccomi qua, sono io.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non già perché li ha rimproverati, ma perché gli ho domandato se aveva moglie, e mi ha risposto di sí; ma senza sospirare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi riprende: - Scusi, a quel giovinetto, se non si fosse ucciso, lei avrebbe dato in moglie la sua figliuola? Quella lo guarda un pezzo, di traverso, e poi, come a sfida, gli risponde: - E perché no? - E se lo sarebbero preso qua con loro in questa casa? - torna a domandare il dottor Mangoni.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E quella, di nuovo: - E perché no? - E lei, - domanda ancora il dottor Mangoni, rivolto al vecchio marito, - lei che se n'intende, professore di belle lettere a riposo, gli avrebbe anche consigliato di stampare quelle sue poesie? Per non esser da meno della moglie, il vecchio risponde anche lui: - E perché no? - E allora, - conclude il dottor Mangoni, - me ne dispiace, ma debbo dir loro, che sono per lo meno due volte piú imbecilli di quel signore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il dottor Mangoni si ferma e le risponde pacatamente: - Abbia pazienza.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma il Balicci aveva accolto ogni volta questa ricetta con quel sorriso vano con cui si risponde a una celia troppo evidente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Lei si burla di me? Che vuole che me ne faccia io, dei suoi libri, se lei non deve sentire? - Ecco, le spiego, - rispose il Balicci, quieto, con un amarissimo sorriso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E di tratto in tratto le domandava: - Bello, eh? - oppure: - Ha voltato? - Non sentendola nemmeno fiatare, s'immaginava che fosse sprofondata nella lettura e che non gli rispondesse per non distrarsene.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- le rispondeva lui, con una voce che pareva arrivasse da lontano lontano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No, - rispose il vecchio, provandosi piú volte a levarsi dal seggiolone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vuoi? S'era affrettato a rispondere di sí, senza pensarci sú due volte; tanto turbamento la vista della madre gli cagionava da alcuni mesi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Egli le dava brevi risposte: sí, no; prometteva con freddezza e aspettava con impazienza la fine della cena per andarsene a letto, presto presto, poiché era solito di levarsi per tempo la mattina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quasi in risposta, venne dall'altra stanza, a infrangere orribilmente quel silenzio di morte, uno strillo infantile, roco.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- È il padre! È il padre! - rispose Cesarino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E io, signorino? Questa povera Rosa? Cesarino, per non risponderle direttamente, si tolse in braccio il piccino, se lo strinse al petto, e, piangendo, cominciò a dirgli: - La povera Rosa, Ninní? Insieme con noi anche lei? Non è giusto! Non si può! Le lasceremo tutto, alla povera Rosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La vecchia Rosa obbedí, senza rispondere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sí, certo, - le rispose Cesarino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- O perché mi guardate cosí? Vorreste cavarmi gli occhi? - No, bello, te li invidio! - gli rispondeva la vecchia - Perché tu li vedrai i miei figliuoli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E perché m'ha ingannata cosí? Ah, per questo, dunque, i miei figli non mi rispondono! Dunque, nulla! Mai nulla ha scritto loro di tutto quello che io le ho dettato...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Eccomi qua, sono io, signor dottore, - gli rispose, ridendo e arrossendo, Ninfarosa; e lo invitò a entrare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma che! Quella? - rispose vivacemente Ninfarosa - Avrebbe da vivere anche lei, ih! Bella seduta e servita in bocca.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- C'è, ma non fa niente: tonosce, - rispose il ragazzo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Che v'ha fatto? Dite sú! - Nulla, m'ha fatto, - s'affrettò a rispondere la vecchia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
vede come tremo, signorino mio, appena ne parlo? Non ne posso parlare! Perché quello lí, signor dottore, non è figlio mio! Il giovane medico perdette la pazienza, proruppe: - Ma come non è figlio vostro? Che dite? Siete stolida o matta davvero? Non l'avete fatto voi? La vecchia chinò il capo, a questa sfuriata, socchiuse gli occhi sanguigni, rispose: - Sissignore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Aspetti, - rispose la vecchia, appena poté riprender fiato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Suo figlio, - rispose Maragrazia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ora non Le pare, signor dottore ch'io possa dire davvero ch'egli non è figlio mio? Il giovane dottore stette un pezzo senza rispondere, assorto a pensare; poi disse: - Ma lui, in fondo, vostro figlio, che colpa ha? - Nessuna! - rispose subito la vecchia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il professor Corvara Amidei risponde subito che se la terrà con sé, c'è bisogno di dirlo? Le farà lui da padre, che diamine! Tanto il direttore del ginnasio quanto i colleghi, a questa sua risposta, alzano le spalle e socchiudono gli occhi, sospirando.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ne parla a Satanina, e - con suo sommo stupore - sente rispondersi anche da lei che non è possibile; ch'ella non può piú, ormai, rimanere con lui; che le conviene andar via, al piú presto, anzi subito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E Satanina - sissignore - gli risponde di sí, senz'arrossire, e che anzi, se egli vi fosse disposto, ella gliene serberebbe eterna gratitudine Cosmo Antonio Corvara Amidei si mette allora a piangere come un bambino, facendole con la mano cenno di tacere, per carità! Grata, lei? Ma che dice? E allora lui? Una tal gioja, dunque, gli serbava la sorte? Come crederci? Per piú giorni il professor Corvara Amidei non può articolar parola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Esce, dapprima senza meta, in cerca; poi si reca al Telegrafo e spedisce alla balia di Dolfino un telegramma d'urgenza, con risposta pagata; seguita a gironzolare, di qua e di là, dove lo portano i piedi, con la testa che gli gira come un molino; e non s'accorge neppure che s'è fatto bujo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quando gli pare che il telegramma di risposta non possa ormai piú tardare di molto, rincasa con la speranza di trovar su Satanina; ma il portinajo gliela leva subito; e allora egli si sente cosí stanco, cosí stanco, da non saper come fare a risalire ancora una volta tutta quella scala.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
All'alba arriva finalmente la risposta della balia - negativa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Egli, ora, può licenziare la serva, pagarle il resto della mesata, rispondere anche alle altre esortazioni ch'ella gli fa nell'andarsene, col suo solito: - E va bene...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come? Sí: una grossa pigna, staccandosi in quel momento dai rami lassú, piombò, a guisa di fulminea risposta, sul capo del professor Corvara Amidei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
domani, immancabilmente..." - si china, l'abbranca per i piedi, e giú! La rovescia dalla finestra, gridando: - Signor tenente, se la pigli! Al doppio urlo che gli risponde di sotto, dell'ufficiale e della precipitata, egli si ritrae, raccapricciato, in preda a un tremor convulso di tutto il corpo: si prova a richiuder le imposte, ma non può, poiché dallo spiazzo nuove grida si levano, di soldati, di ufficiali, d'altra gente accorsa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- risponde lui, fremebondo, abbracciando il figliuolo sul letto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Con me! Senza storie! - gli risponde, brusco, il delegato, prendendolo per una spalla.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nonno Bauer (lo chiamavo cosí fin da quand'ero ragazzo) mi guardò con occhi smarriti, poi guardò in giro lentamente la camera, la cui vecchia suppellettile gli era tanto cara quanto la sua stessa persona, e dal seggiolone di cuojo, entro al quale stava sprofondato, volse infine gli occhi alla finestra, senza rispondermi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
IV Ogni giorno, andando a visitarlo, mi sorgeva innanzi alla porta la speranza che la mia assidua costernazione dovesse essere ovviata da un repentino miglioramento; ma la men giovane delle suore che veniva ad aprirmi la porta, rispondeva sempre con un gesto di triste rassegnazione alla mia prima, ansiosa domanda.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Nove giorni, - risposi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Aveva forse capito male l'invito del Comitato elettorale? A un certo punto, non potendone piú, s'alzò sdegnoso, e, zoppicando, s'accostò a domandarlo al Laleva: - Scusate, debbo rimanere o me ne debbo andare? Ho forse fatto male a venire? - Ma no! Perché, caro don Ciccino? - s'affrettò a rispondergli il Laleva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Si fermava un momento a ripetere una domanda insistente alla quale era chiaro che non riceveva una risposta che lo soddisfacesse; negava col dito, scrollava le spalle come se esclamasse: "Ma che! Ma che! Impossibile!", o stirava il volto sporgendo il labbro inferiore, come uno che non riesca a capacitarsi, e s'allontanava rivoltandosi a guardare di sfuggita e di sbieco, con quegli occhietti puntuti, Cirinciò.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che importava a lui, infatti, ora che con gli occhi di quell'ometto si vedeva rientrare in sé medesimo con tutte le sue sciagure e la sua miseria, che importava piú a lui della vittoria del Laleva? Delle vergogne del deputato sconfitto? Tutti i convitati, nel vederlo cosí d'un subito appassire, credettero in prima che fosse effetto di momentanea stanchezza, e cercarono di ravvivarlo con incitamenti e congratulazioni; ma si sentirono rispondere e agghiacciare con certi scemi e strascicati: "Già...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E quando, il giorno appresso, Cirinciò se ne partí da Borgetto, ingrugnato, funebre, rispondendo a mala pena ai saluti, tutti restarono a guardarsi tra loro, non sapendo comprendere la ragione di un mutamento cosí improvviso, e parecchi avanzarono il sospetto che fosse un imbroglione, un miserabile impostore venuto a mistificarli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ho capito! - rispose Lisi, e sollevò una spalla e si contorse, mentre un sorriso scemo gli alzava quasi il bollo in gola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lisi si storcignò di nuovo, come se il padrone gli avesse fatto un bel complimento, e rispose: - Vado a dirglielo, sissignore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sí, ma la risposta, subito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Che gli hai risposto? Annicchia volse uno sguardo alle vicine, come per dire: Fatele intender voi, che io debbo accettare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Gli ho risposto che sarei venuta a dirvelo, mamma.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- s'affrettò a rispondergli Annicchia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No, sempre! Li odio tutti! A questo punto, s'intese dall'altra parte un grido di Ennio Mori: - L'universo mondo! A cui rispose un altro grido: - Eccomi, signorino! Mi comandi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quanto tempo ha il tuo figliuolo? - L'ho comprato, - rispose Annicchia, forzandosi a guardarlo in volto, - che saranno due mesi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Come comanda Vossignoria, - s'affrettò a risponderle Annicchia, per calmarla.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non ardiva piú, intanto, di parlarne alla padrona che già piú volte le aveva risposto male, forse perché urtata della sua soverchia insistenza, o forse perché temeva che ella - pensando troppo alla sua creaturina - trascurasse il bimbo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Doveva contentarsi di queste risposte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Guardava, e pareva non vedesse; udiva ciò che le si diceva, rispondeva di sí col capo o con la voce, ma poi dimostrava di non aver compreso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tentò di muovergliene il discorso, dichiarandole che teneva a disposizione di lei il danaro che la suocera aveva rifiutato; ma Annicchia le rispose: - E che vuole che me ne faccia piú, oramai? Non ho piú che questo qua, ora! E si strinse al seno Nònida, ch'era tornato a lei e le dimostrava lo stesso amore, quantunque divezzato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non mi sento bene, - rispondeva Cichè, la sera ritornando dal lavoro, alla moglie che gli domandava perché avesse quell'aria da intronato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Col suo asino Cichè parlava, come sogliono i contadini; e l'asino, rizzando ora questa ora quell'orecchia, di tanto in tanto sbruffava, come per rispondergli in qualche modo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Calerai! calerai! Devi aver fame anche tu! Il corvo, intanto, dal cielo, col suono della campanella, pareva gli rispondesse, dispettoso: - Né tu né io! Né tu né io! Passò cosí la giornata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
LA VEGLIA I Marco Mauri, nel bujo della scala avvivato appena da l'incerto barlume che s'insinuava dal corridojo dove aveva lasciato la candela accesa, domandò a un signore che s'affrettava a salire: - Il medico? Venga, muore! Quegli si arrestò un istante, come per discernere chi l'investiva con quella domanda e con quell'annunzio: - Muore? Il Mauri, singhiozzando e gestendo, senza poter rispondere, si mise a risalire a balzi la scala, poi tolse da terra la candela, attraversò il corridojo, infilò per primo l'uscio in fondo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Silvio Gelli lo fissò un tratto; poi domandò al Righi: - Questa è casa vostra? - Albergo! - rispose il Mauri, invece del prete, senza alzar gli occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- gli rispose il Gelli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No, no, - rispose egli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Gelli si chinò di nuovo a osservare; poi guardò la moglie, senza badare all'altro che domandava: - Rifasciamo? Rifasciata e ricoperta, Fulvia schiuse gli occhi, guardò il marito e domandò con un filo di voce: - Muojo? - No, - rispose egli, posandole una mano su la fronte.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sí, - rispose il Gelli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Gelli stette un pezzo a osservarlo, poi gli domandò con voce cupa: - Dove l'avete conosciuta? - Io? Flora? A Perugia, - s'affrettò a rispondergli il Mauri, scotendosi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cosí investito, il Noccia guardò la grinta della vecchi, e subito concepí il sospetto che, essendosi egli messo in tasca la borsetta, quella dovesse ritener per certo che avesse voluto appropriarsela, e allora le rivolse un sorriso vano da scemo, e si finse ignaro: - Una borsetta? dove? - E prima si scostò e poi si alzò per farla cercar bene; e quando la vecchia, dopo aver cercato su la panca, sotto la panca tra i piedi dei tavolini con irosa smania che lasciava intender chiaramente quel sospetto, levò l'arcigna faccia e gli domandò, squadrandolo biecamente: - Lei non l'ha trovata? - egli, che pur si struggeva di non poter piú ormai cacciarsi due dita in tasca per restituirgliela, ebbe naturalmente, per quello stesso struggimento, un fiero scatto e, arrossendo fin nel bianco degli occhi, le rispose: - Siete matta? Il caffettiere e i pochi avventori gli diedero ragione e, appena la vecchia piangendo e brontolando se ne fu andata, gli dissero che era una poveraccia da compatire, mezzo svanita di cervello e stordita sempre dal caffè e dai liquori che ingozzava, dacché le era morta all'ospedale l'unica figliuola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ed egli non trovò la voce per rispondergli; disse di no, col capo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
S'era presentato a parecchi suoi conoscenti, e tutti, alla sua vista, s'erano turbati, quasi per ribrezzo; gli avevano risposto duramente, a monosillabi, schivando persino di guardarlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- O pa'! Venite! È arrivato! Il Siròli ebbe un sussulto, s'aggrappò al ramo dell'albero su cui si teneva in equilibrio e si mise a tremar tutto! Giovanni? Arrivato? E che voleva da lui? E come aveva potuto rimetter piede nella casa di suo padre? alzar gli occhi in faccia alla madre? - Va'! - gridò in risposta, furente, squassando il ramo dell'albero, - corri a dirgli che se ne vada, subito! Non lo voglio in casa, non lo voglio! Carmine guardò negli occhi gli altri fratelli per prender consiglio, poi si mosse verso la casa campestre, facendo segno alla nipotina orfana, che aveva recato tutta esultante la notizia dell'arrivo dello zio prete, di precederlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non vuol vederlo, - rispose Càrmine, - né lo vuole in casa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Aspetta, - rispose il campiere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il vecchio strinse le pugna, impallidí, mormorò: - Questo fa il vescovo? - Questo e piú, - rispose il campiere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Monsignore; ma io no! - rispose pronto il vecchio indignato, percotendosi il petto cavo con la mano deforme, spalmata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A un certo punto, con una lieve meraviglia che tradiva la diffidenza, quella gli aveva domandato: - Ma vanno dunque soggetti anche i giovani alla cateratta? Il Falci l'aveva guardata un tratto negli occhi, poi, con un sorriso ironico, percettibile piú nello sguardo che sulle labbra, le aveva risposto: - E perché no? Moralmente, sempre, signorina: quando s'innamorano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ella sapeva com'egli, per la malía di questa voce e attraverso alle timide risposte che riceveva alle sue domande insistenti, la vedeva; e si sforzava davanti allo specchio di somigliare a quell'immagine fittizia di lei, si sforzava di vedersi com'egli nel suo bujo la vedeva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Di primo impeto, fu per rispondere: - Non sono in casa! Ma il cieco, che aveva udito parlar sottovoce, domandò: - Chi è? - Il dottor Falci, - ripeté il servo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tuttavia si sforzò di contenersi ancora e domandò con apparente calma: - Lei insiste nel ritenere che il marchese possa, con l'ajuto di lei, riacquistare la vista? - Piano, signorina, - rispose il Falci, alzando un'altra volta la mano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E se il dubbio, - s'affrettò a replicare Lydia, con aria di sfida, - dopo la sua visita non potesse piú sussistere se la speranza restasse delusa? Non avrà lei inutilmente crudelmente, ora, turbata un'anima che si è già rassegnata? - No, signorina - rispose con dura e seria calma il Falci.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tu ricordi che il dottore, nella sua prima visita, disse che voleva ritornare, è vero? - Sí, - rispose il Borghi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Questo è ciò che ho detto io, non quel che pensa lei, - rispose Lydia, pronta e fiera.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se ella fosse andata a dirgli: "Silvio, tu devi scegliere fra il bene della vista e il mio amore", "E perché tu vuoi lasciarmi cieco?", avrebbe egli certamente risposto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Per rispondere al signor parroco che le ha domandato: "Ma chi le ha detto, in nome di Dio, che la carità debba esser facile?" lei s'è lasciata persuadere a ricevere il marito di tanto in tanto, per una breve visita, ora che il disprezzo di prima s'è cangiato in questa commiserazione, che non è propriamente per lui soltanto, ma per tutti quei disgraziati che sentono la vita come lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
è una zia, - le risponde lui.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma sí, te lo dirò io poi, te lo dirò io come devi risponderle, se ti domanda dove sei stata...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma Sandrina, con gli occhi bassi, risponde: - La zia.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ah cara, sí, la zia, - conferma subito la signora Lèuca, che non s'aspetta la risposta da parte di lei, e si china a baciarle una manina.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma dov'è lui? Sandrina, che è venuta ad aprire in sottanina, con le magre braccine nude, spettinata, risponde, ancora tutta abbagliata dalla vista inattesa della bella "zia", della casa ricca e lucente, che il babbo è di là, buttato sul letto, e che c'è la sarta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sandrina risponde subito di sí, battendo le mani.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ecco la vostra camera, vi piace? Non riescono neppure a risponder di sí, Sandrina e Lauretta, tanto ne restano ammirate.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma Lauretta, a ogni incitamento, si volta a Sandrina, come convinta che non tocchi a lei di rispondere per quella sera.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Forse Lauretta ha paura di dormir sola? o forse non è rimasta contenta di qualche risposta che Sandrina ha dovuto dare per conto di lei? Ecco, si sono quietate.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Conduce il padre a veder la camera che gli ha assegnata, con l'aria di scusarsi che, data la casa, meglio di cosí non ha potuto alloggiarlo; ma s'accorge subito che non è giusto che si dia quell'aria; e le fa uno strano effetto ch'egli le risponda, infatti, accigliato: - Ma no, ma no, che dici? Accigliato, quasi senza volerlo; perché ha veduto il letto, che è per uno; mentre lui finora ha dormito in un letto a due.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma c'è il lettuccio per lei di là, - s'affretta a rispondergli la signora Lèuca.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ebbene, vedremo stasera, - gli risponde la signora Lèuca.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Zia, - domanda allora Lauretta, - perché noi sí, di nero, per la mamma, e papà no? La signora Leuca, che non ha badato al colore dell'abito del marito, resta a guardar la ragazza, e lí per lí non sa che cosa risponderle; non già perché le sia difficile trovare una ragione qualsiasi, ma perché pensa che egli forse non s'è vestito di nero per un riguardo a lei, per non portarle sotto gli occhi il lutto di quell'altra donna.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La signora Marzorati si volta a guardarla, sorpresa e accigliata: - Da lei? E come? a far che? E la signorina Trecke risponde: - A trovare mia nipote.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma si sono acquietate alla risposta che lei ha dato: - Papà è partito.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non t'ha baciato? - M'ha fatto cosí, - rispondeva alla fine Michelino, passandosi celermente una mano sui capelli irsuti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E su uno dei piatti della bilancia, sul banco, era rimasto un peso d'ottone, a ricordare l'ultima vendita di dolci fatta dalla moglie, che fino a poco tempo addietro sedeva là, ridente e sfavillante, a quel banco, col nasino bianco di cipria, lo scialletto rosso di seta a lune gialle sul seno prosperoso, i cerchioni d'oro agli orecchi; e ogni sorriso di risposta a ogni sguardo che le fosse rivolto, le scopriva le pozzette alle guance leggermente imbellettate.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Il ragazzo? E perché? - Per dargli una migliore educazione, - rispose subito quegli, come se fosse una cosa chiara per se stessa, evidente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il Notajo andò a ricorrere al Commissario di polizia; ma al Commissario di polizia Bellavita, quando fu chiamato, rispose che non disturbava nessuno; che la strada non era del signor Notajo e che egli ci camminava per conto suo, vestito cosí perché gli era morta la moglie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Inchinò appena il capo in risposta al profondo ossequio del visitatore; con la mano gli fe' cenno di sedere; poi poggiò un gomito sul bracciuolo e abbassò la fronte sulla palma, nascondendovi un occhio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nessuno rispose al suo saluto, quasi che il lutto, la gravità del momento non consentissero neppure un lieve cenno del capo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi, guardando in giro per il salotto, domandò: - E il signor Andrea? Gli rispose il fratello, simulando indifferenza: - Ma...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Povera figliuola! Gli rispose un coro di commiserazioni per la sposa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Come Cesara, però, senza muovere il capo, senza batter ciglio, levò appena una mano ad accennar la sua mamma lí distesa, dicendogli: - Vede, professore? - il professore ebbe uno scatto, e: - Sí, cara, sí! - le rispose con una concitazione quasi astiosa, che stordí la sua antica allieva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
ma àlzati prima! ti dico che non mi posso calare, santo Dio! - le rispose il Gori.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non è ancora venuto lo sposo? I parenti, gl'invitati si voltarono a guardarlo, sorpresi dal tono imperioso della voce; e il Migri domandò con simulata premura: - Si sente male la signorina? - Si sente benone! - gli rispose il professore guardandolo con tanto d'occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Andrea Migri, cosí soprappreso, guardò prima il Gori, poi gli altri, e infine rispose esitante: - Ma...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E Florestano, voltandosi, gli risponderà sgarbato: - Che vuoi? Il marito di tua madre, Carluccio, che non è il tuo papà vero.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E che vuoi che abbia da raccontarti io? Avvezza ormai da tant'anni a vivere tutta chiusa in sé, appena una qualche domanda accennava di volerle entrar dentro, la sviava con una risposta evasiva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma la Valpieri, scoprendo la faccia ora tutta alterata, senza neppur curarsi di risponderle, cominciò a smaniare, torcendosi le mani: - Ah Dio mio, Dio mio! È cosí! Di', ne hai notizie, tu? - Che vuoi dire? - È cosí; senza dubbio! Ho ragione, credi, d'essere superstiziosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Fu forse tuo fidanzato? - Sí, - rispose la maestrina Boccarmè, con un filo di voce.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E lei, a quelle loro maraviglie, sorrideva e rispondeva che lei stessa non avrebbe piú saputo ripetere ciò che aveva potuto dire in iscuola per un caso imprevisto, d'un'ape entrata in classe, d'un geranio che improvvisamente s'era acceso nel sole sul davanzale della finestra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo domandano d'una cosa e risponde a un'altra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Piccaglione, senza scomporsi, risponde: - Per qualche piccola gastrica occorsa ai vostri figliuoli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
I vostri figliuoli, dottore, non li ho mai visti, perché i consulti, domande e risposte, sono stati sempre per iscritto, con codesti bigliettini mandati per la donna di servizio, che può esser testimone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E, appena viene a sapere che quel giovane medico l'ha fatta lui, per suo conto, la denunzia, e che Piccaglione, per tutta risposta, senza neanche aspettare l'interdizione, ha fatto fagotto e se n'è andato via con la sonnambula, interroga la propria coscienza e sta in angosciosa perplessità se non abbia l'obbligo d'avvertire segretamente i cittadini di Milocca di guardarsi dal marito, a cui ha dato di volta il cervello.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ancora? Gli risposero di sí col capo, senza voltarsi, e via.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Non posso dare ascolto a nessuno, - rispose il Marchese, seccato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ora? Non posso, non posso! ditele che non posso, - rispose smaniosamente il Marchese.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Questa non rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La piccina, osando appena alzar gli occhi, rispose: - Nulla.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- rispondeva il medico, con la beatitudine dipinta in tutto il faccione di luna piena.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo investí con la stessa domanda rivolta invano alla nipotina, alla servetta: - Che avete? perché siete tutti cosí oggi? che è avvenuto? che mi nascondete? - Ma nulla, babbo! Che vuoi che ti si nasconda? - rispose il figlio, stupito, afflitto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma che cosa? La risposta, quand'egli restò solo nella stanza, gli venne tutt'a un tratto dal balcone, silenziosamente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cosí lunga, gracile e languida, soffriva, soffriva tanto; ma nessuno voleva credere ai suoi languori, alle sue sofferenze; e tutti, sorridendo, le rispondevano: - Via via, signora Rossana, esagerazioni! - Ebbene, eccotela qua; guardala, ora, la mia esagerazione! E la signora Rossana, indignata, indicava al marito la figliuola, ch'era un'esagerazione per davvero.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma dovrebbe averlo lei, scusi, il coraggio di sposar me! Applaudimmo tutti, a lungo, strepitosamente, a questa bella risposta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Lo pigli in parola! - Ebbene, sí, accetto! - rispose lei.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ed ecco che quell'omino, in risposta al suo sguardo, subito gli aveva strizzato un occhio, ammiccando con l'altro, improvvisamente acceso d'una furbizia davvero diabolica.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Lo guardai, sorpreso; guardai la bottiglia, come per domandargli perché allora il cameriere gliel'avesse messa lí davanti; il vecchio signore mi lesse negli occhi la domanda e mi rispose: - Per finta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Povero Costantino! Mi parve che non fosse piú il caso di prender la cosa sul serio, e gli domandai: - Le proibisce di bere, eh? Mi rispose: - Non lui; me lo proibisce mio figlio; e non perché gl'importi della mia salute, ma perché io non offenda il decoro del casato con quel po' d'allegria che mi verrebbe subito da un dito di vin pretto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E lo gridava, all'alba; lo gridava a tutte le altre ore designate; e, dopo aver gridato, piú che in ascolto, pareva stesse all'aspetto, che all'alba il sole e nelle altre ore tutti i galli, che da lontano gli rispondevano, dovessero venire in suo ajuto, a liberarlo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Aveva da tempo chiamato, ed ecco già qualcuno cominciava a rispondergli.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
A questo grido di rabbia e di minaccia tacquero quasi smarrite, sgomente, le fuggitive; ma subito a rassicurarle, il giovine re si avanzò verso la buca, vi s'impostò fieramente davanti, levò la zampa e rispose con un grido di sfida.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nessuno rispose dal vicolo; ma alte grida rissose si levarono invece nella soprastante cucina della casa, che turbarono e sconcertarono alquanto il giovine re e misero lo scompiglio tra le galline.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Com'ebbre, in quell'onda stagnante di odori misti, ronzavano senza fine le mosche; e da lontane aje, nel silenzio dei piani, giungeva il canto di qualche gallo, a cui rispondevano, prima l'uno e poi l'altro, o talvolta insieme, con due diverse voci, i galli del cortile.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Costantemente, per undici annate, la terra aveva risposto alle dure fatiche dei due socii.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Placido e duro, col faccione tondo cotto dal sole e tutto raso, egli si stirava il lobo dell'orecchia manca e stava a sentire e a pensar le risposte di quelli: poi, se occorreva, diceva la sua: due parole e non di piú.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Butticè, che lavorava poco discosto, domandò: - Non ti pare che abbiano chiamato? - Cosí pare, - rispose Giglione: e, ponendosi le mani attorno alla bocca, diede la voce: - Aoòh! Butticè lascio la zappa e si lanciò di corsa su per l'erta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tanto che, come Giglione lo trasse fuori e lo alzò sú le braccia a dosso della mula e gli diede in mano la fune della cavezza, gridandogli: - Scappa! - adirato da quella violenza, gli rispose col viso sbiancato e senza muoversi: - E se non volessi scappare? - Scappa, in nome di Dio! Dici sul serio? E Giglione spinse a due mani per di dietro la mula e le allungò un calcio.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Giglione, al rumore, uscí dalla stanza accanto; stette un pezzo a guardare, poi gli domandò: - Che fai? Butticè stava a legare per terra un grosso fagotto di panni; si rizzò su la vita, gli piantò gli occhi in faccia e rispose: - Me ne vado, - Dove te ne vai? Sei pazzo? - replicò quello.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Butticè non rispose; si ridiede a legare per terra il fagotto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Fervide, da una parte sola, s'intende: da parte del Vernoni; perché il senatore rispondeva asciutto e mordace, con un frigido sogghignetto su le labbra, il quale dava a vedere com'egli degnasse di qualche risposta quel suo strambo discepolo, solamente per pigliarselo a godere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tutti scoppiavano a ridere, di tratto in tratto, a certe argute risposte dell'illustre senatore, mentre il Vernoni ora balzava in piedi con tanto d'occhi sbarrati, ora, tutto sospeso, spalmava sul petto le due manacce come a trattenere una valanga di precipitose proteste.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Allora il senatore rispondeva con una certa vocetta agra di stizza.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E l'uomo? Scusi, perché deve poter vedere le stelle, l'uomo? Una ragione ci dev'essere, scusi! Tutti restavano sospesi per un momento nell'attesa della risposta del signor senatore; ma questi socchiudeva gli occhi stanchi, enfiati, tentennava il capo, apriva le labbra a un sorrisetto di sdegnosa commiserazione e lasciava tutti delusi recitando: - Gestit enim mens exilire ad magis generalia ut acquiescat: et post parvam moram fastidit experientiam.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- rispose, confuso, l'albergatore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dionisio Vernoni non diede tempo agli altri di sorridere di questa considerazione; incalzò: - Organo e arpe? - Arpe? Arpe, non so, - rispose quella, atterrita dal modo con cui il Vernoni la guardava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Poi, rivolto al Vernoni: - Lei, signor mio, dica pure quel che vuole: è padrone! Ma guardi: la migliore risposta è quella lí! E indicò con la mano il senatore che scompariva pian piano, piccolino, sotto gli altissimi ippocàstani in discesa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Nessuno le rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Scese con la lucerna a olio davanti la porta; vide quello sconquasso; chiamò di nuovo per nome il marito: ma dov'era? cos'era stato? Domande, a cui certo il cavallo, ancora ansante e felice della bella galoppata, non poteva rispondere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sicuro, - gli ha risposto l'assessore.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Perentorio, - risponde il cavalier Bissi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Cràh! cràh! - rispose anche quella sera al richiamo del suo padrone; e gli si presentò tutto nudo, con la sola galanteria di quel panciotto debitamente abbottonato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Una, a un certo punto, prese a tremargli convulsamente cosí forte che, temendo di non piú reggere al peso, con quel tremitio, Ciàula gridò: - Basta! basta! - Che basta, carogna! - gli rispose zi' Scarda.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Non te lo scordare: Quella stessa di tanti e tanti anni fa! Portami questa sera la risposta, che ti darò in premio uno ziretto di macco.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La sera la ragazzetta ritornò con la risposta: - Dice la zâ Tresa, che i capelli sono bianchi e la candelina non fa piú lume.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Alle vicine, che venivano a raccontarle tutte le amorevolezze che la zâ Tresa faceva a Narda, cose che non si sarebbero fatte nemmeno a una vera figliuola: orecchini d'oro, anelli d'oro, collane di corallo, fazzoletti di seta, da capo e da collo, "guardaspalle" di seta con quattro dita di frangia, scarpe di vitello col tacco alto e la mascheretta di coppale; cose, insomma, cose da non credersi; rispondeva, verde dalla bile: - Ah! baggiane! E non capite che lo fa per adescarla? Se la vuole ingrassare e tenere in casa come la troja! Restò, quando quelle vennero a dirle che la sorella sposava.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- E se qualcuno di quelli viene? Il vecchio non rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La moglie, spaventata, lo chiamò tre volte, senza ottener risposta; alla fine, con le mani nei capelli e gli occhi pieni di lagrime, scongiurò: - Oh Madre santa, Saru mio, che pensi di fare? Saru balzò in piedi come un tigre, col coltello levato: - Corpo di Dio, non fiatare, o comincio da te! La moglie allora, per soffocare il pianto, si tirò sul volto con le due mani il grembiule e andò a rintanarsi in un angolo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Dal cortile della chiusa della zâ Tresa cantò il gallo, e subito il gallo di qua gli rispose, con una zampa levata, squassando la cresta sanguigna.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Per esempio, gli andavano a chiedere in prestito la somara, in un caso d'urgenza, come sarebbe di andare a chiamare a un bisogno di notte il medico a Nocera? Don Marchino rispondeva invariabilmente: - Non ti ci fa arrivare.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ma che è caso di morte? - Proprio a questo no, pare che non sia venuto ancora, - rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mi disponevo ad andar a letto, figúrati! Via, sbrighiamoci! o la capra o il figliuolo: chi n'ha piú bisogno? - Il figliuolo, - rispose subito Nunziata.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il ragazzo non rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sidora gli rispondeva con un gesto vivace di noncuranza e seguitava, ridendo, ad aizzarlo con gli occhi.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Mi risposero che l'avevano trattenuta a viva forza perché voleva lasciar tutto, abbandonare la casa e buttarsi alla ventura in cerca del figlio, come una pazza.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se talvolta qualche bambino gli s'accostava per rivolgergli una domanda, egli lo guardava e non sapeva rispondere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Ecco, ci vengo adesso, - rispose donna Gesa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Celestino Calandra protese le mani per rispondergli, e l'eterna discussione si riaccese piú calorosa che mai.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Niente, - le rispondeva con un sorriso vano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Cominciò a esistere il giorno della morte della nonna, allorché, ritornata in casa dal camposanto, si vide insieme con Marco Perla: insieme e divisa, insieme e nemica, conoscendo in lui un sentimento al quale non sapeva e non voleva rispondere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ritornò poco dopo a rispondere che il signor Perla si scusava, ma proprio non poteva riceverlo perché ammalato e che anche la signora era indisposta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
tu hai sposato mia figlia? Dov'è? dov'è? Il Perla, accasciato, curvo, con le mani su la faccia, gridò rabbiosamente: - Non l'avessi mai fatto! - Non dovevi farlo, Marco! - rispose pronto il Tranzi, con una voce strana, che voleva parer di rimprovero e di rammarico soltanto, ma in cui vibrava un furore a stento contenuto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- rispose il Perla.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Perché, gli venne di domandare in prima, se non fosse stato già chiamato il medico? - No, nessun medico ancora, - rispose la serva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Nudo, nudo, nudo, cara mia; carissima mia, nudo! Potevo venir giú? - rispose frettolosamente al rimprovero di donna Angeletta.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Le solite sciocchezze! - Già! Perché tu sempre hai protetto Giulio, - rispose la marchesa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tutti e due, donna Angeletta e il pappagallo, gli risposero con lo stesso tono: - Povero Cocò! - Permetti? - disse allora il Morozzi su le furie.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Capisci adesso? - D'aver figliuoli? Il Morozzi le rispose con un gesto espressivo delle mani, e aggiunse: - Ma s'è ricordata, com'ella dice, che da ragazza "colse a volo" qualche discorso tra me e te, sul conto di Giulio, qualche accenno a quel trascorso giovanile di lui, alla nascita di quel bambino...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ne dubita, è evidente! E perché ne dubita? Tornò a rider forte il commendator Morozzi e concluse: - Sciocchezze! sciocchezze! sciocchezze! - Risponderò allora...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E il commendatore: - Risponderai cosí: Sciocchezze, dice Federico; dice che...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Glielo aveva domandato scherzosamente una volta, ed ella gli aveva subito risposto che non pregava per questo, ma perché Dio lo ajutasse a salvare i suoi malati.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Grazie, signor dottore, - s'affrettò a rispondere il giardiniere, prendendo il denaro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Sí, ora, - rispose.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
È vero o non è vero ? Efix non rispose: chiuse gli occhi , si mise la mano sull'orecchio , ma la voce del ragazzo ronzava nel buio e gli sembrava la voce stessa degli spiriti del passato .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le sorelle però non perdonarono , non risposero .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Le sorelle non le perdonarono questo nuovo errore: il matrimonio con un uomo plebeo incontrato in cosí tristo modo: e non risposero .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Donna Noemi , buon giorno , padrona mia ! Non scende ? Ella si chinò alquanto , coi folti capelli neri dorati splendenti intorno al viso pallido come due bande di raso: rispose al saluto con gli occhi anch'essi neri dorati sotto le lunghe ciglia , ma non parlò e non scese .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— aggiunse dopo un momento di esitazione , — si tratta di rispondergli netto e chiaro che in casa nostra non c'è posto per lui ! Allora Efix aprí le mani e reclinò un poco la testa come per dire: e allora perché mi consultate ? – ma donna Ester si mise a ridere e alzò sbattendo con impazienza le due ali nere del suo scialle .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— E dove vuoi che vada , allora ? In casa del Rettore come i forestieri che non trovano alloggio ? — Io piuttosto non gli risponderei niente , — propose donna Ruth , togliendo di mano a Noemi il telegramma che quella piegava e ripiegava nervosamente .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
L'usuraia non rispose ; ma lo guardò a lungo da capo a piedi e tese il pugno verso di lui facendo le fiche .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Don Predu rispose con un cenno sprezzante del capo , da sotto in su , ma non sdegnò di tender l'orecchio per sentire cosa il servo comprava .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Non l'ho presa in casa delle tue padrone , — rispose il Milese che aveva la lingua lunga .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Voi avete la nobiltà nell'anima , — rispose galantemente Efix , ma ella roteò lieve il fuso come per dire «lasciamo andare !» — Anche mio fratello il Rettore ha molta stima per le tue padrone .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— A lei che importa ? A lei non abbiamo domandato mai niente ! — Sfido , babbeo ! Non vi darei mai niente ! Un buon consiglio però , sí ! Lasciate quel ragazzo dov'è !Ma Efix era uscito dalla bottega a testa alta , con la berretta sotto il braccio , e si allontanava senza rispondere .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Se verrà ch'egli sia il benvenuto , — rispose fredda ; ma andata via la vecchia riprese il filo dei suoi pensieri .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Finalmente domandò un po' aspra: — Chi è ? — Amici , — rispose una voce straniera .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Giacinto non rispose subito ; pareva molto preoccupato per l'esito della frittata che ella rivoltava cautamente .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Grixenda lo aiutò a stenderli sul sedile in muratura , lungo la parete , e fu lei a spazzar la celletta e a preparare il lettuccio , mentre nell'altra capanna si udiva Giacintino rispondere rispettoso e quasi timido alle domande delle zie .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Spiriti , topi e donne per me son la stessa cosa , — rispose Giacinto .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— E perché nascere ? — Oh bella , perché Dio vuole cosí ! Giacinto non rispose: guardava sempre per terra e le sue palpebre si sbattevano quasi stesse per piangere .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
È meglio anche per lei: dica in sua coscienza: li ho versati o no , i denari ? — L'amico rispose: sí .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Che pena ! Perché son venuto , Efix ? Perché ? Il servo non sapeva rispondere .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Benché fosse presto , quando arrivò al villaggio , Efix vide l'usuraia filare nel suo cortile , fra i porcellini grassi e i colombi in amore , e la salutò accennandole che sarebbe passato piú tardi ; ma ella rispose agitando il fuso: ella poteva aspettare , non aveva fretta .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ti ha pagato , per parlare cosí ? Allora egli ebbe il coraggio di guardarla negli occhi , e una risposta sola: «io non sono avvezzo a esser pagato» gli riempí la bocca di saliva amara ; ma ringhiottí parole e saliva perché vedeva donna Ester tirar la giacca di Noemi , e donna Ruth pallida guardarlo supplichevole , e capiva ch'esse tutte indovinavano la sua risposta , e sapevano che non era un servo da esser pagato lui ; o meglio , sí , un servo , ma un servo che nessun compenso al mondo poteva retribuire .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
A testa curva , a occhi chiusi , livido , apriva e chiudeva i pugni spaventato e non gli riusciva di rispondere .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Intendi ?Ma Giacinto , che fino all'ultimo momento aveva sperato nell'aiuto del servo , non rispose , non parlò piú .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Vieni pure , — egli rispose , ma la sua voce era triste ; e sebbene la vecchia padrona ammonisse: — Ognuno deve andare coi pari suoi , Natòlia ! — quando fu nella strada , egli sentí che le donne ridevano parlando di lui e di Grixenda .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Quanto la posta ? — Cinquanta lire , — rispose Giacinto .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Io devo dirgli questo ? E perché proprio io ? — domandò Noemi , e poiché l'altra a sua volta la fissava senza rispondere , ebbe una penosa impressione: le parve che la vecchia sapesse .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Che è successo ? Noemi non rispose: non poteva parlare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Neanche cuore hai ! Solo son venuto a dirti che non devi piú rimetter piede in casa loro ! — Potevi risparmiarti questa fatica ! Chi pensa a ritornare ? — Cosí rispondi ? Di' almeno cosa intendi di fare .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Hai capito ? Non rispondi adesso ? Ah , tremi adesso , assassino ? Va' , che mi vergogno di averti toccato .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Giací ? Giací ? — ripeté due volte Efix , con voce bassa e ansante , come se chiamasse ancora la sua vittima — lo chiamai . . .( Grazia Deledda - Canne al vento) Non rispondeva .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix non rispose .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
E urtò Stefana per incitarla a rispondere male al padrone .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Non lo ha detto a te che la sposa ? Dillo su , l'ha detto o no ? Efix la guardò un attimo , come aveva guardato Stefana , e non rispose .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
E quando furono dentro e donna Ester domandò notizie del poderetto come fosse ancora suo , egli risposealzando le spalle con rozzezza insolita e andò a lavarsi al pozzo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Allora , piano piano , cominciò a parlare , afferrando il lembo della gonna di Noemi , e non capiva bene ciò che diceva , ma doveva essere un discorso poco convincente perché la donna continuava a cucire e non rispondeva , di nuovo calma con un sorriso ambiguo alle labbra .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix lo guardava senza rispondere lasciandosi trascinare su per la straducola fino a un cortiletto chiuso fra due casette sopra la valle: un uomo , un borghesepiccolo quasi nano , con gli occhi grandi melanconici e il viso bianco , attingeva acqua dal pozzo e Giacinto lo presentò come il suo padrone di casa .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Colpa tua ! Giacinto non rispose , ma gli afferrò forte il braccio e parve volesse stroncarglielo: poi glielo lasciò .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ebbene , — disse Efix sollevandosi , — tu sei un uomo ! — Che vuoi ? — rispose Giacinto subito lusingato .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Era malato ? Non rispondi ? L'uomo tentò di parlare , ma solo un mugolío tremulo gli uscí di bocca: poi scoppiò a piangere .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Tu sei forte e potente ancora , — gli disse un giovane sciancato , — come va che chiedi l'elemosina ? — Ho un male segreto che mi consuma e mi impedisce di lavorare , — rispose Efix , ma ebbe vergogna della sua bugia .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
«Che penserà don Predu che mi aspetta con la risposta di Noemi ? Ma Dio provvederà: e provvederà bene , adesso che io col mio peccato mortale e con la mia scomunica sono lontano da loro .» E andava , andava , in fila coi mendicanti , su , su , attraverso la valle verde di Mamojada , su , su , verso Fonni , per i sentieri sopra i quali , nella sera nuvolosa , i monti del Gennargentu incombevano con forme fantastiche di muraglie , di castelli , di tombe ciclopiche , di città argentee , di boschi azzurri coperti di nebbia ; ma gli sembrava che il suo corpo fosse come un sacco vuoto , sbattuto dal vento , lacero , sporco , buono solo da buttarsi fra i cenci .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Efix rispondeva a occhi bassi alle loro domande , e raccoglieva con tristezza l'elemosina .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Bravo ! Gira gira sei tornato ! Ma perché mai una riga , un saluto ? Eppure gente d'America ne è venuta ! Efix aprí la bocca per rispondere , ma vide Noemi che rideva come se sapesse anche lei la verità , e tacque ancora piú umiliato .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— E sei andato via cosí , Efix ! Come se ti avessimo offeso , senza dire una parola , Efix ! E pensa , pensa , io dicevo sempre a me stessa: perché Efix ha fatto cosí ? Si può finalmente sapere il perché ? — Cose del mondo ! S'invecchia , si rimbambisce , — egli rispose con un gesto vago .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Ma perché io non gli ho mai portato la risposta , donna Noemi mia ! Come potevo portargliela ? Non osavo , e sono fuggito per questo .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Domani parlerà con Noemi ; riprenderanno il discorso interrotto tanti mesi prima ; ed egli forse potrà portare la buona risposta a don Predu .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
«Se io davo subito la risposta a don Predu tutto era finito» , pensava con un senso di sollievo ; e sognava addormentandosi .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
— Nulla , donna Noemi mia ! — Un'altra cosa ti voglio domandare , Efix ; ma mi devi rispondere il vero .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Avevo paura e vergogna di presentarmi a don Predu con quella risposta .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Cominciò a gridare come se lo uccidessero davvero , ma nella notte solo il mormorio dell'acqua rispondeva .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Ma Efix la guardava fisso , con gli occhi vitrei nel viso nero brillante di gocce di sudore ; il terrore della fine lo soffocava , aveva paura che l'anima gli sfuggisse d'improvviso dal corpo , come era fuggito lui dalla casa dei suoi padroni , e scacciata dal mondo dei giusti si mettesse a vagabondare inquieta e dannata coi fantasmidella valle ; eppure rispose di no , di no .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Egli non rispose .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Noemi era agitata ed Efix la sentiva andare e venire per la casa , con passo lieve ma inquieto ; finalmente ella sedette accanto all'uscio a cucire silenziosa , e quando arrivò don Predu scostò la sedia , tirando in là la tela per lasciarlo passare , ma sollevò appena il viso per guardarlo e rispose con un lieve cenno del capo al saluto di lui .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Rammenti quando sei venuto al Molino e ti chiesi dove andavi ? E tu rispondesti: in un bel posto .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Egli pareva ascoltasse , con gli occhi vitrei socchiusi , tranquillo ma deciso a non rispondere da buon servo rispettoso .( Grazia Deledda - Canne al vento)
---------------
Passano otto giorni; nessuno ne parla: domando, rispondono freddo, confuso: ogni dì sento qualcosa (e non so che cosa) mutato intorno a me. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Rispose cordialmente la povera vecchia, venissi; la mi mandava la benedizione di mio padre (ch’era morto nella fede de’ padri suoi): mi mandava pochi franchi ch’ella aveva potuto mettere insieme. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quando mio cugino lo seppe, venne con le lacrime agli occhi a pregar me, rimanessi: io mi sedetti di faccia a lui ritto in piedi; e lo guardavo, e non gli potevo rispondere, perché le mie parole sentivo dentro piene di pianto. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Tornò a mezzanotte; innasprita dall’attendere, appena entrato, l’assalgo: "Sapete voi di madama Blandin?" "Lo so." "Che ne dite?" Non rispondeva: io tremando di rabbia: "Vi prego di dirmene l’intenzion vostra." "Ho fatto abbastanza. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Stavo come in letargo, quando sento una voce che in italiano mi dice: oh quella donna, costì! — Levai la testa; e vidi una ragazza a braccetto a un uomo, la qual posava la mano sulla mia spalla; e guardatami in viso, con voce più pietosa soggiunse: povera signorina, che v’è egli seguito? — Conobbi l’accento toscano; mi parve di sentire mia madre: non so quel che rispondessi; ma presa per mano, le tenni dietro come una bambinuccia d’ott’anni, piangendo forte. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Qualche volta non rispondevo: ma la mia solitudine era più forte di me. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quando venne la risposta di Aiaccio, tardata di molto, come suole dall’isole: mia zia buona sempre, mia zia mi attendeva a braccia aperte. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Già imbarcata a nuovo errore, risposi non so che pretesti; ma in quel momento cominciò il mio rimorso (sempre dall’affetto mi venne medicina all’amore).. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Risposi ch’i’ non ero né una bottegaia né una donna da strada; che a Marsiglia starei quanto mi piacesse; che scioglievo il giovane indegno dai vincoli meco contratti, e gli regalavo i cento franchi da comprarsi una giubba per il dì delle nozze. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Alla mia lettera il mercante rispose che s’io non isgombravo fra tre dì, me ne sare’ ita con iscorta non troppo amorosa.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Arrossii: non risposi.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ond’egli taceva: e con gli occhi intenti e pur timidi, con la fronte serena e dimessa, intendeva rispondere alla donna; che, incerta di sé (come i buoni, e gli erranti non tristi sogliono, come suole chi comincia ad amare davvero), traeva quel silenzio a senso di disistima, e si tormentava dentro, ma senza pentirsi dell’avere parlato. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Un rusignolo sospira tra gli alberi irradiati dalla luna; un altro di lontano risponde: l’un canto s’accorda e si discerne nell’altro, come colori simili di varia tinta. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Oh potessi ora, superando quel sentiero tristo, giunto in cima, vedere non la terricciuola di Lussino, ma, seduta nella ricca pianura, te, madre d’anime sincere, Milano! E scendere nell’ampie tue vie, e rivedere gli aspetti noti; e ragionando rifare il passato, e domandare e rispondere e fare scuse.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Domandano in aria di canzonatura il parer mio; risposi: non me ne intendo.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quante volte sorto, e quante caduto! Che vergogna dell’essere sì fiacco e sì spensierato! Che gioia dell’essere sì caro a Dio! Sono io degno d’annunziare agli uomini il vero? O anni avvenire, rispondete al desiderio della umiliata, e pur balda, anima mia.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma i beni materiali volev’egli che l’uomo cercasse per altrui, non per sé: che non mi pare sproposito." Giovanni che parlava stentato il francese (lingua da lui stimata pe’ suoi vecchi prosatori, compianta per lo strazio che ne fanno oggidì deputati, poeti, e bottegai), resse Maria: la qual rispondeva interrogando: e questo impicciava forte il Francese. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli che mai non le aveva voluto concedere neppure il pretesto di certe pretese, o rispondeva secco o s’allargava apposta in lodar la Senese. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Rassicurata rispose (e questo era vero) d’essersi accorta come a quella signora paresse un gran che il trattenerla a pranzo; e come, forse non volendo, la gliene aveva fatto capire. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma che c’entro io?" E’ voleva rispondere; ma Matilde guardatolo fiso, continuava: "E poi, la stima! Si sa quel che vuol dire la stima degli uomini per le donne." "Che cosa?" "Sul primo voglia, e da ultima noia." "Oh cara Matilde..." "Cara Matilde, cara Matilde! Le so io, queste cose. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Questo, a Maria, pareva una canzonatura; e: "Stamane tu mi fai de’ misteri." "E tu mi fai de’ miracoli." "Insomma nelle cose io ci vo’ veder fino in fondo." "Se la ci vuol veder fino in fondo, oh la ci vada." "Sicuro che ci anderò." A Matilde venne sulla bocca una risposta crudele, quando s’accorse che la cominciava a perder la bussola, e che il torto era suo. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli, con quella semplicità tra d’affetto e d’orgoglio, che fa dire tante parole frantese, e che impiccia le faccende, soggiunse: credete voi, Maria, ch’io possa farvi soffrire? Ella lo guardò con cert’occhi che gli davano del buon uomo molto evidentemente; e senza rispondergli, al navicellaio accennò di dar volta. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Non mi rispondete ora: ci vedremo domani." Maria sorrise; lieta, come le donne sogliono, dell’essere comandata; e promise di dire. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Non rispondete di grazia: che neppur voi lo sapete. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli all’inaspettata proposta, sul primo rimase, poi vide d’aver fatto più strada di quel che sperava: onde rispose: "Se così vogliono la pace vostra, e le speranze del mio amore, del mio amore, Maria" (e le prese la mano, ed ella la ritrasse, chiedendo dell’atto quasi scusa con gli occhi); "obbedirò, ma ad un patto: che ci scriviamo sovente".. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Sarete voi del par sincera, o Maria? "Mi conforta qui la compagnia d’un amico vero, e come fratello; quieto uomo, ma caldo di fuoco nascosto, e però sicuro: affettuoso, con viscere d’uomo insieme e di madre..." Maria rispose senza gelosie, senza malinconie, e col linguaggio d’antica amica. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Di lì a due giorni Maria, con quel pudore timido che gli esperti del dolore picchiano alle porte del cuore altrui, le domandò del suo stato, come sorella interroga fratello malato, e teme dolorosa risposta. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Misera vita umana! Non l’odio solamente con l’odio, ma amore pugna con amore: e l’alito dell’uomo nuoce ai più cari suoi; né si può gioire un minuto senza ch’altri per ore pianga del gioir nostro; né fare un passo senz’urtare in creatura che risponda gemendo.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
"La risposta indirizzate a Versailles. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Maria scrisse per consiglio a Matilde: e Matilde le mandò per risposta un bigliettino a Giovanni, che diceva così: "Ella verrà. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma ecco nel giornale medesimo comparire uno scritto di francese, irriverente all’Italia: Giovanni volle rispondere; non gli fu consentito: e’ rinunziò al suo guadagno. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Rispose del no ringraziando: la sua vita essere omai sacra al vero, e alle traversie che attendono gli amici del vero; non volere i propri tedii addossare a donna cresciuta nella serena solitudine della domestica pace. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Leggete l’inchiusa, e la risposta ch’io fo. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
"Avete voluto la mia risposta: eccola. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli s’aspettava tutt’altra risposta; non supplichevole ma tenera, che dicesse: vi ringrazio, eccomi. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
L’altera anima di Maria vide in quella lettera come una disfida fatta alla sua generosità; egli nella risposta non vide l’amore offeso, ma la voglia di finirla; non badò all’accorato affetto dell’ultime parole, e non le credette del cuore. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Onde rispose.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Povero me! povera la vita mia!" Quando Maria ebbe la lettera, era già sera, ed essa in casa sola: onde poté rispondere singhiozzando liberamente, e portare il foglio da sé al portinaio dell’albergo di lui. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
E Rosa allora rassicurata: "Gli si risponde; gli si fanno passare questi grilli dal capo: e finito ogni cosa".. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
"Ho risposto (e allora i singhiozzi ricominciarono: abbracciò l’amica sua, appoggiò il viso al seno di lei, e gridava in voce interrotta): domani... (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ma egli che dice, quell’altro capaccio? Non risponde? Non viene? che sorta d’uomini!" "Glien’ho portat’ora la lettera." "Ora la finisco io: ci vo da me, e vo’ vedere se..." "Oh no." "Come no? Insomma parliamoci chiaro. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
"Da quella ragazza non c’è da saper nulla: ma io non debbo soffrire che le si usin soverchi." "Io soverchi?" "Lei soverchi, gnor sì: perché Maria non è capace di far torto a nessuno, e se..." "Leggete." E le porse la lettera ultima di lei: Rosa la scorse, e rispose: "Codesto non vol dir nulla: bisogna vedere quel che la le avrà scritto lei. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Tutti e due (non è vero?) siete dolenti di quel ch’è seguìto; e insomma, senza tanti preamboli, vi volete bene? Risposero con lo sguardo, egli più impicciato quasi di lei.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Maria gli rispose: "La cortese sua lettera troppo m’onora: io non merito tanto. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ella rispose di Corsica: "Non usa, e non par che stia bene, la donna dire all’uomo quando e quanto ell’è lieta per lui. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Francesi potrebbero essere di governo: ma d’ingegno e di lingua, italiani: e dai Bretoni (che a chi loro parla francese non degnan rispondere) imparar da’ Bretoni ad amare la tradizione de’ padri loro; e a’ Francesi rendersi rispettabili rispettando se stessi.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quando i Francesi, poi, chiedevano a’ Corsi per insulto: eravate al Pontenuovo, voi? E i Corsi rispondevano: e voi, al Borgo?" Questo tranquillo e forte vecchio godeva del dirsi italiano, e di ciò discorreva come di cosa sottintesa, e il contrario sentiva assurdo.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Quel linguaggio eletto d’amore, al quale non son use, le move più forte; e ne studiano ogni accento; ed è mirabile a dire come l’intendano, e il vero discernano se misto al falso, e rispondano con semplicità più avveduta d’ogni arte. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli senza sospettar male, con la provida semplicità delle anime oneste, risponde sé non esser venuto speculatore ed economo: insistono, ripromettono lucri, s’ingegnano d’addossargli una parte, un’ombra del carico. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
La gli parlava di sé, la gli domandava di lui: e domandando e rispondendo, la gl’insegnava a interrogare se stesso. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Voi n’avete una che chiudete, come s’io fossi indegna d’averne la chiave." Egli intese sull’atto, e rispose: "Non la chiudo: ne taccio, perché non avrei parole che non dicessero troppo o troppo poco. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
D’un Italiano parlando, gli scappò detto una parola avvelenata: io a lui che sapevo buono, risposi tranquillamente rammentasse ch’ero italiano, e ch’amavo l’Italia. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Fin da quando ell’aveva lasciato Lione, raccomandata dal buon prete bretone alla sorella sua, d’anno in anno la gli aveva dato nuova di sé, ed egli rispostole breve, profferendosi ove potesse. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Giovanni che, avvezzoci omai, vi badava come al suono d’uno scacciapensieri, e o rispondeva nulla, o con sorriso, o dicendoli ignoranti di tutto che francese non sia; Giovanni che e per coscienza, e per riverenza al buon senso, e perché il coraggio poneva in cose alquanto più difficili, aveva sempre disprezzato ogni provocazione coll’affrontarla quasi, e senza restare di dir fino all’ultimo le sue ragioni; quel giorno, fosse stizza dell’Italiano rinnegato, o che l’avversario gli paresse meno sciocca creatura delle solite, inalberò.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Rispose: "A chi le mie parole andassero, voi sapete. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Egli si mise a legare insieme i suoi fogli, e l’avvertiva dell’uso da farne, pregava l’aiutasse; ma ella, rispondeva: sì, e stava immota. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Mancava un’ora al fissato: Giovanni se la fece sedere accanto, pregò stesse attenta per carità; ed ella ritrovò tutto il lume della mente in udirlo: ma non rispondeva.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
"Si rizzò senza rispondere, e sedette tremando. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Maria rispose: voi dite le mogli. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
"Parete" rispose Giovanni "più di quello che siate. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Rispose: Pensavo a una povera donna con la quale m’abbattei sul vapore a Bordeaux, pallida come voi, più pochina di voi, piena di senno e di pudica mestizia le parole, gentile in ogni atto più che gentildonna, perché leggiadria le veniva non dall’abito cieco o dalla vanità vigilante, ma dal continuo inconsapevole affetto. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Le risposi con l’anima; ma nell’impazienza che par talvolta rompere gli affetti miei più veraci, le volsi le spalle, mentr’ella guardandomi pareva volesse aggiungere qualcosa, e non saper che. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Poi scendendo la Loira, videro il fiume dal mare respinto distendersi in mesta ampiezza, sì che l’occhio appena abbraccia le due rive; e le campane della chiesetta povera di san Nazzaro mandar sull’onde il saluto che fa ripensare della patria e di Dio: passeggiarono di là dal Croisic lungo la sponda inabitata dove il grande oceano infrange tonando le onde viaggiatrici per ispazio d’abissi e di cieli smisurato; le infrange nelle arene lucenti per pietruzze eleganti, per conchiglie dipinte di gai colori; le infrange ne’ massi, nido di candidi uccelli che sulle spume volteggiano aliando sicuri, ne’ massi imminenti, incavati, che quasi cetre giganti rispondono all’ingruente tempesta. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Maria sedette su un’umile pietra in fondo là dove il suolo è più sgombro, e guardando al sole che riappariva in subita serenità: "questo luogo mi piace." Giovanni non osava rispondere; ella, quasi madre sollecita di far cuore a bambino che si perita, lo prese per mano e s’alzò. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Sentite, Matilde?" Matilde, chiamata, invece di rispondere a tono: Siete du’ matti. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Ella in risposta la ribaciò. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Seguitava Giovanni a raccomandarle l’anima con le parole che la Chiesa pronunzia al letto di peccatori e di santi, di mendichi e di re; e v’intrecciava memorie de’ Salmi e del Vangelo: e alle parole di lei non trovava da rispondere altre che le parole di Dio.. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
«Pin!» Non rispondeva che l'eguale, assiduo tuonar delle onde sulla riva, il cozzar delle barche fra loro. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«A proposito», esclamò Pasotti «hai la vela?» «Ce l'ho su in casa», rispose Pin. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Pasotti rispose tracciando pure in aria un arco immaginario e soffiandovi dentro; poi affermò del capo, in silenzio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Bravo! È di pranzo? Viene a Cressogno con noi?» «Se mi toglie!», rispose il curato di Puria, scendendo verso il battello. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Sapete», esclamò Pasotti, «cosa faremo perché le passi la paura? Pin, hai un tavolino e un mazzo di tarocchi?» «Magari un po' unti», rispose Pin, «ma li ho.» Ci volle del buono per far capire alla signora Barbara, detta comunemente Barborin, di che si trattasse adesso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il prete non rispose perché in quel punto la prora strisciò sulla rena, toccò all'approdo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La marchesa Orsola teneva in moto la sua solita grossa voce sonnolenta e la Carabelli si studiava, rispondendo, di rendere amabile la sua grossa voce imperiosa, ma non sfuggì agli occhi penetranti e al maligno ingegno di Pasotti che le due vecchie dame dissimulavano, la Maironi più e la Carabelli meno, un comune malcontento. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Grazie tante», rispose la marchesa piegandosi un poco e ficcando due grosse dita nel tabacco: «Franco? a dirle la verità sono un poco in angustia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Va bene», rispose il naso sonnacchioso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Come stai, Franco?», gli chiese la nonna, e soggiunse tosto senz'aspettare risposta: «Guarda che donna Carolina desidera udire quel pezzo di Kalkbrenner.» «Oh no, sa», disse la signorina volgendosi al giovine con aria svogliata. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La risposta era ben sospetta ed ella vigilò allora più che mai sui passi del nipote e di quella «madama Trappola», poiché chiamava graziosamente così la signorina Luisa Rigey. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Udita questa fine arguzia, la marchesa rispose nel suo pacifico naso «grazie tante» e cambiò discorso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Temo, marchesa», rispose Pasotti. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Veramente, signora marchesa», disse costui tutto timido e umile, «io avrei già pranzato.» «Si accomodi, signor Viscontini», rispose la marchesa che sapeva praticare l'arte insolente della sordità come tutti coloro che assolutamente vogliono un mondo secondo il proprio comodo e il proprio gusto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Se son matto?», rispose l'ometto acceso in faccia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli era impossibile di rispondere con divozione a quella voce irritante. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non fece che immaginare un probabile interrogatorio imminente, e masticare risposte sdegnose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Venutogli tra le gambe l'antipatico mostricino infetto dell'egoismo e della superbia della sua padrona, lo scosse da sé, lo fece ruzzolare tra le unghie di Carlotta che gli diede per proprio conto una rabbiosa stretta e se lo portò via rispondendo perfidamente ai suoi guaiti: «Cossa t'han faa, poer Friend, cossa t'han faa, di' sü!» La marchesa non disse parola né il suo viso marmoreo tradì il suo cuore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Mi congratulo tanto», cominciò subito la voce sonnacchiosa, «della bella educazione e dei bei sentimenti che ci avete fatto vedere oggi.» «Accetto», rispose Franco senza levar gli occhi dal giornale. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Ecco, bravo», rispose la marchesa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco rispose «buona notte» e riprese la Gazzetta di Milano. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Stavolta la risposta fu che don Franco era uscito per un momento. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Vien subito la servente a verzeghe.» «Non occorre», rispose l'altro. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'ingegnere si contentò di rispondere: «Oh Marianna, vi saluto, neh?», e salì le scale seguito da Marianna col lume. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Euh, che diavol d'on omm!», rispose colei, alzando rabbiosamente il lume in aria. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Eh!», rispose sospirando. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Ela no ghe darà miga rason sul serio?» «Io?», rispose l'ingegnere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Se podaria saver la Sua riverita età?» L'ingegnere capì l'antifona e fermatosi un momento si voltò a rispondere quasi sottovoce, con ironica mansuetudine trionfante: «Più vecchio di Lei». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa non rispose che con una nuova stretta delle sue braccia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Sì, mamma», rispose questa; e riprese a voce più alta volgendosi al suo fidanzato: «Franco, la mamma desidera parlarti.» Il signor Giacomo capì e uscì sulla terrazza. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Fino a un dato punto bisogna che li abbiate anche voi per amor suo.» «I tedeschi andranno via presto, mamma», rispose Franco, «ma sta tranquilla, sarò prudente, vedrai.» «Oh caro, io non ho più niente da vedere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«È ora di andare?» Luisa non rispose, cinse con un braccio il collo di Franco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Un altro peso sulle vostre spalle, povero Piero.» «Amen», rispose pacificamente l'ingegnere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella credette di rispondere: «Oh Carlin! Bene e voi?», ma in fatto non aperse bocca. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Sciora no», rispose il Carlin. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Uniti per sempre!» «Nualtri», disse l'ingegnere rivolgendosi in dialetto veneto al suo collega nel celibato, «nualtri, sior Giacomo, de ste buzare no ghe ne femo.» «Sempre de bon umor, Ela, ingegnere pregiatissimo», rispose il signor Giacomo a cui la coscienza diceva che aveva fatto delle «buzare» peggiori. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Signor Giacomo», riprese l'ingegnere, «per questa notte, niente letto.» L'infelice si contorse, soffiò e batté le palpebre senza rispondere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Piero», disse la signora, «suonate il campanello.» «Signor Giacomo», fece l'ingegnere senza scomporsi, «dobbiamo suonare il campanello?» «L'idea de la signora Teresa pare propramente questa», rispose l'omino navigando alla meglio tra il fratello e la sorella. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Qui almeno non c'è pericolo di crepare come quel tale: et propter nimium est dominus meus mortuus est.» «A mi me par de resussitar», rispose il signor Giacomo, adagio adagio, quasi sottovoce, guardando sempre nel bicchiere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Vado», rispose Franco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«È fatto», rispose Franco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il professore si affrettò a rispondere di no, ma tosto pronunciato il no lo attenuò con parecchi altri no misti a inarticolati brontolii: «eh no - no già - non saprei - insomma no». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Lei sa com'è stata regolata la successione di Suo nonno? Sa come sono andati gli affari di casa Sua? Mi perdona, neh, se Le parlo di queste cose?» «So che mio nonno morì senza testamento e che non ho niente», rispose Franco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella lo guardava a bocca aperta, non capiva; gli puntò l'indice al petto, interrogandolo con gli occhi, con le sopracciglia inarcate, come se dubitasse che questa roba occorresse a lui; al che Pasotti rispose allo stesso modo con tre puntate d'indice: «tu, tu, tu». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella ebbe due o tre sussulti di sorpresa e di protesta, allargò gli occhi smisuratamente e domandò con quella voce che pareva venire dalla cantina: «Dove?» Il Controllore non rispose che con un'occhiata fulminea e un gesto: marche! Non voleva dare altre spiegazioni. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poiché nessuno rispondeva, piantò sua moglie sopra una seggiola e discese in giardino, andò diritto al fico dove don Giuseppe, al vederlo, fu preso da un accesso di convulsioni cerimoniose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Come s'era procurato il professore quelle agavi, quei capperi, quelle rose? «Ma!», rispose candidamente il professore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Non lo so», rispose il professore sentendosi, con dispetto, diventar rosso; e diventò scarlatto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Pasotti notò subito nel suo taccuino mentale la risposta imbarazzata e il colore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Come stava quella povera donna? Male! Proprio tanto male? Ma da quando? E c'era stata qualche cagione? Qualche commozione? Qualche dispiacere? Gli antichi si conoscevano, ma ce n'erano stati dei nuovi? Forse per la Luisina? Per quel matrimonio? E don Franco non veniva mai a Castello? Di giorno, no, va bene;ma… ? (Fogazzaro - Piccolo mondo antico) Come quando il chirurgo va interrogando e tastando un paziente in cerca dell'occulto posto doloroso, che il paziente risponde tanto più breve e trepido quanto più la mano indagatrice si appressa al punto e, appena essa vi arriva, trasalendo si sottrae; così la signora Cecca andò rispondendo al Pasotti sempre più breve e cauta, e a quel ma, posto delicatamente dove le doleva, scattò: «On poo de torta ancamò! Scior Controlòr! L'è roba d'i tosann!» (Fogazzaro - Piccolo mondo antico) Pasotti sacramentò in cuor suo contro i «tosann» e la loro torta di miele, creta e olio di mandorle, ma credette utile d'ingoiarne un altro boccone e tornò poi a toccare, anzi a premere, il tasto di prima. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«No go testa», rispose l'ometto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Quando è andato a Castello di notte?» «Oh Dio, oh Dio, lassemo star», rispose il signor Giacomo, rosso rosso, palpando le carte più che mai. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Andò ad ascoltar la sommessa richiesta della donna, le rispose qualche cosa e, ritrattasi colei, stette lì ad aspettare. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Un singhiozzo violento le rispose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Adesso, udite suonar le otto, si avvicinò a sua moglie, la pregò dolcemente di andar a riposare un poco, ma Luisa gli rispose subito in modo da levargli il coraggio d'insistere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Aveva risposto a Franco quasi aspramente come se l'affetto del vivo offendesse in qualche modo l'affetto della morta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Nessuna risposta era ancora venuta da Cressogno. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco si guardò dal raccontar la cosa a sua moglie, ed ella, benché sapesse delle lettere spedite a Cressogno, non domandò che dopo il funerale, parecchie ore dopo, se la nonna avesse risposto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Sorvegliato sempre», rispose il Biancòn. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Di' un po' su, Francesco, quando sarai grande, cosa farai?» Ratì rispose a precipizio come se recitasse la Dottrina Cristiana: «Io quando sarò grande mi comporterò sempre da suddito fedele e devoto di Sua Maestà il nostro Imperatore nonché da buon cristiano; e spero coll'aiuto del Signore diventare un giorno I. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si rimise subito e sentenziò: «Colpa tua! Si mettono le cose a posto! Vero, Francesco?» «Pròpe», rispose Ratì, e il Commissario, seccato da quel battibecco, da quella ridicola riuscita della sua frase paterna, prese bruscamente congedo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il padrone, irritato che per un po' di polvere si gridasse tanto contro un povero diavolo di contadino, se la pigliava con lei e le suggeriva di spolverare ella stessa; e quando la donna scattò a domandargli, in via di sdegnosa replica, se dovesse ammazzarsi a spolverare tutta la casa ogni volta che veniva, le rispose bonariamente: «Mazzèv ona volta sola ch'el sarà assée». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Lo zio Piero, quando gli scrivevano di queste novità, rispondeva poco o nulla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dopo otto o dieci giorni, stando con la piccola Maria sulla porta della sala che mette al giardinetto, le domando: «Chi ha piantato tutti questi bei fiori?», e le insegnò a rispondere: «Papà». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Lo zio non le diceva paroline dolci, le faceva, occorrendo, qualche piccola riprensione, ma le portava sempre giuocattoli, la conduceva spesso a passeggio, se la faceva saltar sulle ginocchia, rideva con lei, le diceva canzonette comiche, quella che cominciava col «Missipipì» e un'altra che finiva: Rispose tosto Barucabà. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Chi sa», aveva detto Luisa, «se Maria somiglierà alla nonna come nel viso anche nell'anima?» Il professore rispose che sarebbe stato un miracolo avere in una famiglia, a così poca distanza, due anime simili. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Direi di no», rispose Luisa e subito si sentì nel cuore un rimorso, sentì che non aveva sufficienti ragioni, che non aveva il diritto di rispondere così. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Però non volle rispondere, disse che non appartenendo a nessuna 90 Chiesa, credeva tuttavia fermamente in Dio e nella vita futura e che non poteva giudicare il proprio modo di vivere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Però, professore», disse Luisa uscendo con la parola viva da un corso occulto d'idee, «si può, non è vero, credere in Dio e dubitare della nostra vita futura?» Ell'aveva posato, così dicendo, l'aggrovigliata matassa della pesca e guardava il Gilardoni in viso con un interesse vivo, con un desiderio manifesto che rispondesse di sì; e, perché il Gilardoni taceva, soggiunse: «Mi pare che qualcuno potrebbe dire: che obbligo ha Iddio di regalarci l'immortalità? L'immortalità dell'anima è una invenzione dell'egoismo umano che in fin dei conti vuol far servire Iddio al comodo proprio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Cosa Le pare, a Lei?» «Cosa vuol che Le dica?», rispose il Gilardoni. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Io sono amico», rispose Franco, «della filosofia facile e sicura che m'insegnano anche le rose.» «La filosofia, caro professore», interloquì lo zio, solennemente, «l'è tutta in Aristòtel: quell che te pòdet avè, tòtel.» «Lei scherza», ribatté il professore, «ma Lei pure è un filosofo.» L'ingegnere gli posò una mano sulla spalla: «Sentite, caro amico, la mia filosofia in vott o des biccièr la ci sta tutta». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Aveva seguita la ragazza in casa sua presso la Madonna del Romìt e ammansato l'uomo che cercava sua moglie con un coltello in mano, per causa non tanto d'una cattiva minestra quanto d'una cattiva risposta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«No, no, suona suona », mormorò Luisa perché Franco gliele aveva afferrate; ma cercando lui col viso supino, senza rispondere, gli occhi e le labbra di lei, gli diede un bacio e rialzò il viso ripetendo: «Suona!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli rispose un bel vocione di basso: Buona sera, Miei signori, Buona sera, Buona sera. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Per servirla», rispose il signor Giacomo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Fu l'avvocato che rispose: «Abbiamo l'alleanza del Piemonte con la Francia e l'Inghilterra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
E non gli permise di rispondere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«E Lei, signor primo deputato politico», disse il Commissario volgendo il suo giallastro sorriso ironico al signor Giacomo, «cosa ne dice Lei?» Il signor Giacomo batté gli occhietti e, palpatesi alquanto le ginocchia, rispose: «Mi, signor Commissario riveritissimo, de Russia né de Franza né de Inghilterra no me ne intendo e no me ne intrigo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Se ne guardi, se ne guardi!» «Grazie», rispose Franco, asciutto, «ma non credo che avrò bisogno di guardarmi.» «Non si sa, non si sa, non si sa», sussurrò il Commissario, e toltosi di là, andò, seguito da Franco, dove il Ricevitore e l'ingegnere discorrevano di tinche presso la scaletta che scende al secondo ripiano del giardinetto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Quale?», rispose costui. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Questo lo sentirà se resta qui», rispose il Commissario, pigiando sulle ultime parole. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa approvò la risposta di suo marito. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Non lasciarti prendere! Passa dal cortiletto! Scavalca il muro!» Egli non rispose, si vestì a mezzo, in furia, e si slanciò fuori della camera, risoluto di non lasciar volontariamente la sua Luisa, la sua Maria malata, sdegnoso del pericolo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«La Polizia!», si rispose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Crede?», rispose Franco, ironico. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poi salutò la signora che non rispose al saluto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Lo trovo prudente.» «Meno di lei che si fa scortare da un esercito!», rispose Luisa aprendo l'uscio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Va bene!» Mentre Franco rispondeva così, Luisa, che si era chinata tutta sulla sua creatura per cercar di quietarla, rialzò impetuosamente il viso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'aggiunto non degnò rispondere, fece aprire e rovistare da un gendarme tutti i cassetti della scrivania, levarne lettere e carte ch'egli esaminava rapidamente e buttava parte a terra, parte nel gran sacco di cuoio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Mi metta il lettuccio in ordine», rispose Luisa fremente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
All'idea che Luisa pure fosse tratta in arresto, che si volesse togliere a Maria malata anche la madre, Franco, fuori di sé dalla collera e dal dolore, mise un grido di protesta: «Questo non è possibile! Lo dica!» L'aggiunto non degnò rispondergli, ordinò che si facesse venir la fantesca. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Mi dicano se tengono armi o pubblicazioni sediziose o carte, sia stampate che manoscritte, ostili all'Imperial Regio Governo.» Franco rispose forte: «No». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non si udiva che qualche ordine tronco dell'aggiunto, qualche risposta sommessa dei gendarmi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non c'è?» «No», rispose Franco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Intanto l'aggiunto entrò in uno stanzino dov'erano parecchi libri, trovò un'opera stampata a Capolago col titolo Scritti letterari di un italiano vivente e domandò: «Chi è quest'italiano vivente?» «Il padre Cesari», rispose Franco, audacemente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Mi pare», diss'egli, «che almeno questa camera dovrebb'essere rispettata.» «Ella si tenga le Sue osservazioni», rispose l'aggiunto, e incominciò con far buttare all'aria coperte e materasse. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco fu per rispondere che non lo sapeva com'era vero. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ma questa potendo parere una giustificazione personale, rispose invece: «In Russia». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Uscendo dal sottoportico cavalcato dalla casa, Franco si udì sopra la testa uno strepito d'imposte, vide batter sulla faccia bianca della chiesa il lume della sua camera e si voltò a dir verso la finestra: «Manda a chiamar il medico, domattina! Addio!» Luisa non rispose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella rispondeva «no» e allora tornavano in campo le monete o le carte o la sciabola o lo sgherro dall'accento veneto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Oramai non erano più davvero cose nuove e siccome sull'alba Maria si agitava, dava segno di svegliarsi, avendo Franco sussurrato da capo «dormi?» Luisa rispose «sì» ed egli tacque definitivamente, come se ne fosse persuaso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Pasotti, che non voleva assolutamente permetterle di scendere a Oria, di mostrare in quelle circostanze affetto ai Maironi, rispose con un gesto che pareva un colpo di scopa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il cavaliere Greisberg le aveva risposto che di queste sue sagge osservazioni si sarebbe tenuto conto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Era forse ai battiti dispettosi del cuore che rispondeva sopra al suo rigido busto il visibile ondulamento continuo del collo e del capo; ma pareva proprio il moto d'un animale che lavorasse faticosamente a ingoiar un boccone enorme. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il cavaliere rispose, più mansueto, che non poteva dire se si fosse trovato niente o no e che l'ultima parola sarebbe stata pronunciata dal maresciallo, il quale intendeva occuparsi personalmente della cosa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Avrebbe voluto differire, aspettar il prezzo sciagurato della sua condiscendenza, ma il cavaliere diede un altro colpo di artiglio e dichiarò che bisognava risponder subito, risponder netto, sì o no, e convenne bene che la vecchia piegasse il capo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Sì, è buona», rispose il sonnolento naso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Non lo so», rispose Luisa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa si era provata qualche volta di tastar Franco su questo terreno di dare all'educazione di Maria un indirizzo morale disgiunto dall'indirizzo religioso e il tasto aveva sempre risposto male. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella rispondeva con dolcezza e con fermezza, senza risentirsi di qualche parola pungente, sosteneva che il sentimento di Maria era buono, che opporsi alla prepotenza e all'ingiustizia era il compito migliore per tutti, che se un bambino vi adoperava le mani, fatto adulto vi avrebbe adoperato mezzi più civili, ma che se si reprimeva in lui la espressione naturale dell'animo, si correva il rischio di schiacciare con essa anche il buon sentimento nascente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ma poi, la parte della donna non era forse di opporre alle ingiustizie e alle prepotenze una dolcezza mansueta, di mitigare ed emendare gli offensori piuttosto che di respinger con la forza l'offesa? Luisa diventò rossa e rispose che ad alcune donne, forse alle migliori, questa parte conveniva, ma che non poteva convenire a tutte perché tutte non potevano essere tanto miti e umili. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non parlò più, fu pensieroso tutto quel giorno e si vedeva che cercava la sua risposta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poi, non ottenendo risposta, si voltò a guardarla in faccia, le gridò a squarciagola: «Cantami una canzonetta!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Non capisco», rispose la Pasotti, «sono sorda.» «Perché sei sorda?» «Sono sorda», replicò l'infelice, sorridendo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Lo zio aveva insistito per conoscere le accuse e colui l'aveva licenziato senza rispondere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Per dormire non ho bisogno di nessuno», rispose l'ingegnere, «e se sono matti gli altri non sono matto io. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La cosa passo liscia, Ester non rispose e tutta la compagnia entrò, mista a una frotta di donne, nelle tenebre della chiesa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Per chi si accendono quei lumi?» «Per il Signore.» «Va' a letto adesso, il Signore?» «No, taci.» «E il bambino Gesù è già a letto?» «Sì, sì», rispose Ester storditamente, per finirla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La mano virile rispose «l'avrò». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Fraintese la stretta che le rispose; le parve un'appassionata protesta contro la separazione, e non la potendo, quantunque le fosse dolce, approvare, accennava ogni tanto a ritrar la mano. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Vorrei quasi dirne uno anche adesso, donna Ester.» «Spropositi mai, sa», aveva risposto Ester e s'era staccata da lui per andare a Oria con la Cia. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa trasalì, rispose «sì, sì» tutta commossa perché non l'attendeva a questo, avendolo in chiesa creduto incerto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Caro amico», diss'egli, «Le debbo dir una cosa.» Il professore, assorto nella contemplazione del fuoco, non rispondeva. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
No, non capiva, non rispondeva. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Bisogna poi anche sapere… » Franco stese impetuoso le braccia verso di lui, gridò: «Professore!» «Fa male!», gli rispose questi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Fu questi che rispose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa si lasciò abbracciare ma non rispose all'abbraccio; onde suo marito, disperato, le promise subito di dirle tutto, tutto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Non ho mai parlato», riprese Franco, «per non accusar la nonna e poi anche… » Qui seguì una pausa; quindi fu egli che mescolò al suo dire le più tenere carezze mentre sua moglie, invece, non vi rispondeva più. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco rispose prontamente di no. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ma se l'accusa non era possibile? Franco non rispose ed ella, dopo aver pensato un poco, esclamò: «Ah, la copia del testamento? Adoperarla? Quello è un testamento che potrebbe valere?» «Sì» «E tu non l'hai voluto far valere?» «No.» «Perché, Franco?» «Ecco!», esclamò Franco, pigliando fuoco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Tu ti vuoi mettere fra la giustizia divina e questa donna?» «Lascia stare la giustizia divina!», rispose Franco, violento. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli si irritò del rimprovero e rispose alla cieca: «Non so niente». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa gli rispose sospirando «sì, sì» ma egli non fu contento, volle che dicesse proprio «ti perdono», che lo abbracciasse. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Sussurrò: «Mi hai proprio perdonato?», e udì rispondersi con dolcezza: «Sì, caro». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Solo quando i quattro cavalli ebbero ripreso il trotto, Gilardoni domandò al prete suo vicino se conoscesse il nome del giovine e quegli rispose bruscamente «off!», girò verso il professore due occhi sgomentati e sospettosi. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Immaginava una risposta che poi gli pareva o troppo ossequiosa o troppo ardita o troppo lontana dall'argomento o troppo vicina ad esso e ricominciava la via dal solito principio: "Cosa desidera?". (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Suppongo», diss'ella, «che avrà qualche parente alle Dame Inglesi.» «No», rispose il professore, «veramente no.» La marchesa era faceta, qualche volta, alla sua maniera. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«La ringrazio tanto», diss'ella, «della visita, e adesso La congedo perché Ell'avrà le Sue faccende e, per dire il vero, ho un impegno anch'io.» Qui bisognò saltare: «Veramente», rispose il Gilardoni, tutto agitato, «io ero venuto a Lodi per parlare con Lei, signora marchesa.» «Questo», osservò la dama, gelida, «non lo avrei potuto immaginare.» Il professore trascorse avanti, nello slancio del salto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Che storie mi conta?», rispose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Alla Polizia, un piccolo Commissario insolente gli domandò perché fosse venuto a Lodi e avutone risposta che c'era venuto per affari privati, fece un atto d'incredulità sprezzante. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa non rispose, lo guardo a lungo, non pensando a lui, pensando a Franco, pensando che forse la marchesa potrebbe prendere quella lettera per un artificio, per uno spauracchio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Quando finalmente si udì rispondere «zitto, basta» tacque un poco e poi ricominciò rovesciando all'indietro la sua testolina ridente, proprio per stuzzicar la mamma: «Cosa, silenzio?». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«I genitori devono farsi ubbidire, già.» «Ma sì, così mi piace», le rispose il padrone, «mettete fuori anche voi la vostra sapienza. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa, dal canto suo, si dolse subito d'avergli risposto così, ma non poteva trattenerlo, gittarglisi al collo e finirla con due baci; troppo le pesava sul cuore l'altra cosa! Franco finì di accomodar le fasciature a' suoi aranci e rientrò a pigliarsi il mantello per andar in chiesa ad Albogasio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco non rispose, parve respingerla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa non gli rispose, gli cinse con le braccia il collo riluttante, gli piegò il viso sul petto e disse sottovoce: «Non dobbiamo esser in collera, sai, in questi giorni». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli, che aveva aspettato parole di scusa, si staccò dal collo le braccia di sua moglie e rispose asciutto: «Io non sono in collera. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Sì sì sì», rispose il vecchio ritirando l'anima dagli occhi e dalla voce, «tutte belle cose, cose che bisogna dire. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli aranci avevano il compito speciale di dare al quadretto una intonazione mite e gentile; il dovere del nespolo era di alzare e allargar le braccia frondose sopra un futuro sedile; i rosai e i capperi del muro verso il lago dovevano dire a chi passava in barca la fantasia d'un poeta; le agavi vi avrebbero risposto, in un accordo minore, agli aranci, compagni di esilio; finalmente gli alti destini del pino erano di spiegar un grazioso ombrello sulla breve oasi, di porre il suo accento meridionale sopra l'accordo delle agavi e degli aranci, di incorniciar con la sua verde corona il piccolo seno azzurro di Casarico. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Addio, addio! Pareva a Franco che le pianticelle gli rispondessero tristemente: "Perché ci lasci? Che sarà di noi? Tua moglie non ci ama come te". (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
» Per quanto anche Luisa ed Ester le gridassero nelle orecchie la stessa domanda, per quanto ella spalancasse la bocca, la sorda non capiva, andava rispondendo a caso: «Se ho mangiàa? Se voeui disnà chì?». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La Pasotti guardò suo marito che le teneva gli occhi addosso e rispose: «Sì sì, la bügada, la bügada!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Stavolta la Pasotti capì, rispose che non sapeva niente, che suo marito non le aveva detto niente, che le aveva imposto la storia del bucato ma che del bucato a lei non importava nulla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Del resto il signor Gilardoni è stato fedele alla consegna, ha detto di esser venuto di suo capo, senza farne saper niente a voi.» 1 Franco ascoltò, livido come un cadavere, sentendosi oscurar la vista e l'anima, raccogliendo tutte le sue forze per non smarrirsi, per dare una risposta degna. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco rispose concitato: «Metti a letto Maria». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Certo!», diss'ella, «avrebbe voluto anche questo! Canaglia!» Suo marito trasalì come se quella scudisciata avesse toccato il sangue anche a lui… «Adagio», diss'egli, «con queste parole! Prima, è una supposizione tua; e poi… » «È una supposizione mia? E il resto? E offrirti una viltà simile?» Franco che aveva risposto a Pasotti con furore, rispose ora mollemente a sua moglie. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Fa giustizia.» «No!», rispose Franco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Nessuna risposta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Gli fu risposto un impercettibile: «No». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
E adesso veniva questa domanda terribile! Doveva o non doveva rispondere? Rispondendo, rivelando per la prima volta cose sepolte in fondo al cuore, avrebbe allargata la scissura dolorosa; ma poteva non essere leale? Il suo silenzio durò tanto che Franco le chiese ancora: «Non parli? ». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Se vuoi», disse umilmente Luisa, «mi fermo.» «No, no, avanti, fuori tutto, è meglio!» Egli rispose tanto concitato, tanto sdegnoso, che Luisa tacque e solo ripigliò il suo discorso dopo un altro «avanti!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Non mi puoi amare più?» 1 Egli non rispose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli rispose con ira: «Sì, basta basta basta basta!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poi si sfogò a immaginare pentimenti di Luisa, domande di perdono, magnanime risposte proprie. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella rispose «no» tremando più di prima. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco rispose asciutto: «Buona notte». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Senti, senti», rispose, e si mise a recitare una ballata di Carrer, Al bosco nacque, povera bambina, Gerolimina, rifacendosi, dopo quattro strofe che ne sapeva, sempre da capo, con intonazioni sempre più misteriose e abbassando via via la voce in un bisbiglio inarticolato, fino a che Ombretta Pipì, cullata dal metro e dalla rima, entrò con essi nel mondo dei sogni. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Dovevo risponderti diversamente, anche avendo ragione. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Almeno non serbarmi rancore.» «Per parte mia non ne sento affatto», rispose Luisa con dolcezza, come uno che facilmente è benigno perché si sente superiore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
È un comando che ti do.» «Lo avrei fatto anche senza comando», rispose Luisa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Esci anche tu?» Ella rispose: «Se credi». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa si era figurata che Franco avrebbe risposto alla sua letterina e sarebbe entrato nel grande argomento. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Allora egli le rispose, questo non proprio sinceramente, che, anzi tutto, non pativa mai la fame; che, del resto, sarebbe stato felice anche di digiunare perché provava un'avidità intensa di mutar vita, di espiar gli ozi passati, compreso il soverchio tempo dato ai fiori e alla musica, di espiar tutte le passate mollezze, tutte le debolezze, comprese quelle per la cucina raffinata e per i vini scelti. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Povero Franco, ecco gli slanci della sua nobile, generosa natura! Ma durerebbero? Rispose subito e se dalla risposta traspariva la sua commozione, ne traspariva pure il sorriso, del quale Franco non fu contento. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Su questo punto Franco non rispose affatto, anzi la sua prima lettera fu alquanto freddina. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli rispose: «Di quanto mi scrivi circa le pratiche religiose di Maria, sono contento e ti ringrazio». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella ha risposto che studiava per scrivere a papà. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Oggi ha versato molte lagrime perché la breva soffiava scotendo forte il carrubo, e poi ch'ella gli ebbe fatta la solita domanda, io le dissi: «Vedi che non sta bene il carrubo? Vedi che risponde di no?». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Le risposi che siccome il carrubo disturba la Veronica mandando l'ombra in cucina, non può andare in Paradiso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«L'è ben che ghe n'è minga», risponde lo zio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Io gli rispondo netto che mi meraviglio della sua domanda. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Io non stetti tanto a riflettere e risposi: «Sarà!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Io lo aiutai presso Ester che deciderà entro due giorni e vuole che la risposta gli sia fatta da me. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Sappi però, Franco, che non rispondo esser padrona di me sempre! È venuto dunque da me, la sera del 15, l'agente di tua nonna. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Come», rispondo, «se Le è bastata il 16 marzo?» «Ma!», dice. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Io gli risposi che andava bene, gli feci portare il caffè e gli dissi che avrei desiderato comperare dalla signora marchesa le librerie del tuo antico studio di Cressogno. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
» Ho risposto quel che ho risposto, parole amare; avrò fatto anche male, se vuoi, lo confesso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ci narrò di avere risposto che lo vedranno presto arrivare sopra un cavallo del Re Vittorio Emanuele. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ti offenderai di questo mio sfogo? Pensa che otto mesi sono devi aver trovato una mia lettera nella tua borsa da viaggio e che da otto mesi aspettavo risposta! Il professore ed Ester si vedono in casa nostra, oramai come fidanzati. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il professore, meravigliato della domanda inattesa, rispose di sì e ne aspettava una spiegazione; ma Luisa partì senz'altro. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La Pasotti rispose che il pranzo era alle tre e mezzo, che la marchesa doveva scendere verso le tre allo sbarco della Calcinera, che Pasotti vi si sarebbe trovato a riceverla con quattro uomini e la famosa portantina che aveva servito nel secolo scorso per un arcivescovo di Milano. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Ne ha troppo», rispose Luisa, «e bisogna cavarglielo perché non le faccia male.» «Oh no, cavarglielo, poveretta!» «Taci, dormi.» Ma la bambina non si addormentò. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il passo e il respiro erano sempre inquieti, nervosi, rotti da sussulti che rispondevano al balenar d'immagini, Dio sa di quali immagini, sotto quel cranio lucido. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Un dubbio che lo tormentava era questo: sarebbe o non sarebbe da arrischiare un bacio? Appena venutogli questo dubbio, l'aveva sottoposto a Luisa e Luisa, la sapienza incarnata, gli aveva risposto: «No, adesso è troppo presto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Addio, signor Pipì», rispose la bambina, petulante. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Alle due e mezzo i nuvoloni torvi di Carona diedero un altro tuono cupo a cui subito risposero gli altri nuvoloni del Boglia e della Zocca d'i Ment. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Dove la va, sciora Lüisa, con sto temp?» Luisa rispose che andava ad Albogasio e passò oltre. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Sì, adesso!», rispose a Pasotti con alterezza inesprimibile. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Qualcuno rispose: «No, no!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Molte voci risposero che c'era. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ismaele piangeva, seppe solamente rispondere: «Esüsmaria, sciora Luisa!», e fece atto di trattenerla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Facciamo il possibile», rispose il dottore, grave. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ester fece un gesto sconsolato, passò senza rispondere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Rispose la voce del dottore con un accento di premurosa protesta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Scior sì», rispose il Toni Gall e andò a pigliar un lume. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Signor ingegnere», diss'egli con le lagrime agli occhi, «adesso bisogna che faccia qualche cosa Lei.» «Io?», rispose lo zio Piero alzando il viso. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Che la guarda», soggiunse, «che La guarda, sciora Lüisa, se La voeur propi minga donàghela al Signor, che ghe La dona a la Soa nonna Teresa, a la Soa mammin de Lee, che ghe l'avarà inscì cara, sü in Paradis!» Luisa fu intenerita, non dalle parole, ma dal pianto e rispose con dolcezza: «L'à capii che ghe credi minga, mi, al So Paradis! El me Paradis l'è chi!». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco tacque e il suo direttore, nel congedarlo, insistette: «Abbia prudenza! Non si lasci prendere!», ma non ebbe alcuna risposta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Essi cercarono di rincorarlo con ogni sorta di supposizioni rosee e di ragionamenti vani, ma egli non rispondeva parola, aspettava con una avidità immensa il momento di partire, di esser solo, di correre verso Oria, perché, qualunque ne fosse il pericolo, era ben deciso di andare a Oria. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Sul punto di cimentarsi nel fitto delle tenebre ai pericoli di un sentiero difficile, di un incontro con le guardie austriache, per giungere poi a quell'altro pauroso passo dell'entrar in casa, del far la prima domanda, dell'udir la prima risposta, alzò la mente a Dio, raccolse tutti i suoi pensieri in un proposito di fortezza e di calma. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ne intese una dire: «Non resta qui nessuno? », e un'altra rispondere: «È inutile». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Quanti anni aveva?» Uno di coloro rispose, pure forte: «Tre anni e un mese». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Vieni», gli rispose sua moglie, «ti racconterò tutto.» Lo fece sedere sulla dormeuse, a piè del letto matrimoniale. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Tu sei buono», rispose Luisa con voce accorata e debole, «tu hai pietà di me ma non pensi quello che tu dici. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco trasse teneramente a sé quella di lei, tentò un'ultima parola: «Perché non mi vuoi rispondere?» «Ti farei troppo male», diss'ella, sottovoce. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ah Iddio aveva preso la bambina per toglierla agli errori del mondo, Iddio aveva punito Luisa degli errori suoi ma non era disegnato l'orribile castigo anche per lui? Non aveva egli colpe? Oh sì, quante, quante! Ebbe la chiara visione di tutta la propria vita miseramente vuota di opere, piena di vanità, mal rispondente alle credenze che professava, tale da renderlo responsabile dell'irreligiosità di Luisa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
I due o tre presenti rispondevano «sem chì» e incominciava l'entro in tre o la partita in quattro. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Si voltò a Pasotti e gli disse: «Controllore, se desideran giuocare Loro… » «Marchesa», rispose Pasotti, pronto, «la presenza di mia moglie non deve impedirle di fare la Sua partita. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Barbara giuoca male ma si diverte moltissimo a guardare.» «Stasera non giuoco», rispose la marchesa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Stasera non bevo», rispose il prefetto, eroicamente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il giudice non rispondeva, leggeva, leggeva sempre con voce compunta e solenne, e la marchesa insisteva: «No, non l'ho uccisa». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Badi», rispondeva il giudice. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La cameriera si svegliò al tonfo, chiamò, non ebbe risposta, udì il gemito e, acceso il lume, accorse, vide nella penombra, tra la sedia e la poltrona, qualche cosa di bianco e d'enorme che si divincolava sul pavimento come una bestia mostruosa del mare tirata in secco. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco attese che arrivasse sul sagrato e chiamò a mezza voce: «Ismaele!» «Sono io», rispose una voce che non era quella di Ismaele. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Andiamo e non perdiamo tempo.» Franco gli rispose che subito non poteva venire e che lo precedessero. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Dovrò prendere la montagna.» Nessuna risposta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Accompagnali tu!» Il prefetto stava per rispondere che forse la marchesa potrebbe aver bisogno di lui, quando l'avvocato fece: «Zitto! guardate». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Costei non risponde; la sua camera è vuota. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Va sul Boglia anche Lei?» Il gendarme se n'andò duro duro senza rispondergli, senza udire su quale ignominioso patibolo il deputato politico lo mandava. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
rispose che gli aveva dato un pugno da donna, restituì la carabina all'amico e ghermita la guardia per il colletto dell'uniforme, la tirò in piedi, le fece imbracciare la gerla. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Poi rispose: «Non fa niente. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ho paura che i miei vecchi abbiano sbagliato a tenerla!» La nonna non ebbe tempo di rispondere perché fu picchiato all'uscio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa non rispose al suo saluto che le parve imbarazzato, la guardò soltanto e quando fu nel salottino terreno dove Ester soleva passar le sue serate, l'abbracciò tanto appassionatamente che l'altra si mise a piangere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Prima credevo che ci fosse un Dio cattivo, adesso non credo più che esista; ma se vi fosse il Dio buono nel quale credi tu, non potrebbe condannare una madre che ha perduto la sua unica figliuola e cerca persuadersi che una parte di lei vive ancora!» Ester non rispose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Il tavolino rispose battendo il 250 piede a terra secondo l'alfabeto suggeritogli. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Van Helmont rispose: «Vicina». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa non rispose ma il professore durò fatica a impedire 2 che gli baciasse la mano. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Tali vorrei pure i colloqui tuoi con essa; e se 2 rispondendo alla lettera in cui alludevi a una comunicazione di lei mi sono espresso con acerbità, perdonami in grazia non solamente del mio cattivo carattere ma delle idee altresì e dei sentimenti che sono come parte della mia natura. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Vero che tu sei sorvegliata dalla Polizia e che ti è proibito di venire a Lugano; però io ti ho proposto più volte più modi di venirmi a incontrare segretamente almeno al confine, sulla montagna, e tu non mi hai risposto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli le posò la lettera sulle ginocchia e disse a stento: «Donna Luisa, può avere un dubbio?» «Sono cattiva», rispose Luisa sottovoce, «sono matta.» «Ma non gli vuol bene?» «Alle volte mi pare tanto e alle volte niente.» «Dio mio!», fece il professore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Conosci», disse il Gilardoni, «la lettera che tuo padre ha scritto a tua madre?» Il tavolino rispose: «Sì». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Non insista, non insista! Maria non vuol rispondere!» Ma il professore voleva insistere. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Non è possibile», diceva, «che lo spirito non risponda. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Ho domandato col pensiero s'Ella deve andare e il tavolino ha risposto "sì". (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
La risposta era «no». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli rimase lungamente muto, poi rispose sospirando: «Potrebbe non essere Maria. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Una voce intima le disse: e se il professore si è ingannato? Se non è vero che il tavolino abbia risposto prima di si e poi di no? Se non è vero di questi spiriti menzogneri? Si tolse dal parapetto e sali, a passi lenti, in casa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«E perché non andresti?» Ella rispose con tranquillità, come se dicesse una cosa ovvia: «Ho paura di non poter lasciare Maria». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non puoi capire.» «Siamo intesi», rispose lo zio con tutta l'ironia di cui era capace. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Ma tu devi restar qui.» «Niente affatto», rispose lo zio contento. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Vuol proprio partire anche il mio padrone? Cara lei, per amor del Cielo, non glielo permetta!» E le raccontò che due ore prima egli aveva stralunato gli occhi e piegata la testa sul petto; che chiamato da lei non aveva risposto; che poi si era riavuto e che alle premurose domande di lei era andato in collera protestando di non aver avuto male, di aver sentito solo un po' di sonno. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Bella giornata!» Luisa non rispose e il vecchio discese allegro in loggia, uscì sulla terrazza a goder la battaglia magnifica della nebbia e del sole. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Guarda, Luisa», 260 esclamò, «se non bisogna dire: Gloria al Padre, al Figliuolo, allo Spirito Santo!» Luisa non rispose, si allontanò subito per non veder quel recinto bianco, di là dall'orto, che l'attirava con violenza, con una tacita voce di rimprovero e di dolore. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
I soldati, la maggior parte bersaglieri, bei giovinotti allegri, rispondevano ai saluti, gridando: «Viva l'Italia!» promettevano regali da Milano. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Sto benone.» «Però andrai a letto presto questa sera?» Lo zio, distratto, non rispose. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ella gli rispose che preferiva l'altra camera, più chiara, più allegra. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa tremava a capo chino, non gli rispondeva in alcun modo ed egli si frenò, le prese il capo come una cosa santa, le andò sfiorando con le labbra, qua, là, i capelli bianchi che vedeva. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Luisa prese la mano di suo marito, gliela strinse in silenzio, non con la stretta d'un'amante, ma pure abbastanza forte per significargli ch'era una commossa risposta. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Sarà! E tu, Luisa, non dici niente? » Luisa rispose ch'era persuasa di quanto aveva detto suo marito. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Sì», rispose Luisa. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Tacque un poco, indi rispose sottovoce: «Sì, caro». (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ti ricordi che nella discesa t'ho dato il braccio e che c'era chiaro di luna?» «Sì.» «E ti ricordi che ho fatto uno sdrucciolone prima di arrivare al ponte e che tu mi hai detto: "Caro signore, tocca a Lei di sostenere me"?» Luisa non rispose, gli strinse la mano. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Non udì rispondere, piegò adagio adagio il viso, vide le labbra di lei porgersi, vi posò le sue. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco le restò diritto accanto, attese un poco e poi le domandò di rispondergli. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco non rispose che con una stretta del braccio. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Qui sotto», rispose colui, «a sinistra, sulla piazza degli Strobus.» Lo zio si lasciò persuadere a discendere su questa piazza degli Strobus. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Egli era venuto, sì, ad arruolarsi, Iddio lo voleva in una milizia superiore, ed ecco era suonato l'appello, egli aveva risposto. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
E Margheritina senza rimuovere il capo dal muro, gli risponderà:
---------------
Ebbene? – Nessuno risponde.
---------------
– Là, pure lui, coi dimostranti! – risponde subito Gino Viesi.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
Carlotta s’è chiusa nella sua stanza e seguita a piangere, anch’essa al bujo; risponde alle domande col tono secco e sgarbato della madre: – Gino? Andato via.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
E ora lui vuole andarci, vuole andarci, vuole andarci alla guerra, per dare a quei soldati che lo hanno arrestato una degna risposta.
---------------
2 Tutto il primo giorno – sei giorni addietro – passato in un’ansia crescente d’ora in ora, tra un’oscura costernazione e un’irritazione sorda man mano anche esse crescenti, per il ritardo del figliuolo a rincasare; ritardo sempre piú inescusabile e inesplicabile, perché non c’erano piú dimostrazioni per Roma che potessero far pensare a un arresto, come l’altra volta; – poi, la sera, le corse affannose di qua e di là in cerca di lui, dove si fosse potuto attardare tanto, nei caffè, in casa di qualche amico, nella camera mobiliata di Gino Viesi – e la sorpresa, qui, nel sapere che anche lui, Gino Viesi, uscito dalla mattina alle sette, non s’era piú fatto vedere; poi, la notte, quella prima notte senza il figliuolo in casa, con la casa che sembrava vuota e paurosa, come vuoto e pauroso l’animo di lui; e le ore che passavano a una a una lente, eterne, su la sua ansia pure angosciata dallo sgomento di vederle passare, così, a una a una, nella vana attesa alla finestra, con l’ossessione delle vie per cui il figliuolo poteva essersi incamminato, per cui torse camminava ancora nella notte, per allontanarsi sempre piú, sempre piú dalla sua casa, sciagurato! ingrato! ma dove? dove diretto? – e poi l’alba e il silenzio di tutta la casa, orribile, con le donne cedute al sonno tra il pianto, là su le seggiole, col capo su la tavola, sotto il lume ancora acceso – ah, quel lume giallo nell’alba, e quei corpi là, che da sé a poco a poco s’erano composti in atteggiamenti pietosi, rassettati per non soffrir tanto, per trovare un po’ di requie essi almeno, se l’anima nel sonno angoscioso non poteva trovarne! – e poi, al mattino e durante tutto il giorno seguente, le altre corse, tre, quattro, alla Questura, prima per denunziare la scomparsa del figliuolo e di quell’altro là, perché fosse spiccato subito e diramato da per tutto un ordine d’arresto; poi per sapere se qualche notizia fosse giunta; e mai nessuna! – quei no, quel no del delegato rosso lentigginoso, che pure la mattina pareva avesse preso con impegno la cosa nel sentire che forse si trattava di due giovanotti che tentavano di passare in Francia per arruolarsi nella legione garibaldina; e ora piú niente, tutto intento ad altro ora, come se non si ricordasse piú neanche dell’ordine dato; – e le invettive, le aggressioni d’ora in ora piú violente della moglie e della figlia Carlotta, perché erano sicure che Faustino e quell’altro erano scappati via per lui, ma sì, per lui, per lui che aveva fin dall’infanzia oppresso quel figliuolo col metodo tedesco, con la disciplina tedesca, con la coltura tedesca, fino a fargli concepire un odio indomabile, inestinguibile per la Germania, che Dio la danni in eterno! e – ultimamente, in faccia all’altro che piangeva due fratelli uccisi, non aveva forse avuto il coraggio di gridare che l’Austria aveva tutto il diritto di mandarglieli al macello quei due fratelli? – lui! lui! – per questo erano scappati, per dargli una giusta risposta, per fare una giusta vendetta dei sentimenti da lui offesi nell’uno e oppressi nell’altro fin dall’infanzia: ebbene, non basta tutto questo? Ce n’è anche d’avanzo per spiegare come Berecche si sia in sei giorni invecchiato di venti anni.
---------------
A ogni modo, se non proprio impaurito, si mostra per lo meno sbalordito, il buon Fongi, e non risponde né no né sì, quantunque Berecche lo miri con certi occhi che aspettano irosi una risposta affermativa.
---------------
La mamma li ha educati alla prudenza, alla tolleranza, a far le viste di non capire, di non sentire; a prendersi anche in santa pace, se capita, uno schiaffo per mancia, rispondendo con un bell’inchino; – Grazie, signore! – ; li ha educati a portare con disinvoltura tutte le livree come l’abito a loro piú proprio, a spazzolare con disinvoltura dalle falde di ciascuna l’impronta dei calci ricevuti, e a star bene attenti nel fare i conti, che spesso, ahimè, povera mamma, le sono venuti sbagliati a suo danno.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
Margheritina non risponde.(Pirandello - Berecche e la guerra)
---------------
* Via, via, quella tentazione! E si sentì più tranquilla quando, alcuni giorni dopo, a quei due che ebbero la sfrontatezza di mandargli a chiedere per la servetta un certo libro della moglie e d'invitarlo a colazione, Giustino rispose che non aveva il libro e che non poteva andare. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Egli si buttava su quelle lettere come un affamato; andava a chiudersi in camera e si metteva a rispondere. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma non rimandava poi quelle lettere con la risposta direttamente alla moglie. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* S'era prima stancata la Barmis, ora non rispondeva più neanche il Raceni. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* - Non ancora, - gli rispose quello. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Sobbalzò a uno squillo prolungato d'un campanello, che rispondeva al chiasso cresciuto nel loggione. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Gli risposero tre scoppi di pianto dalla stanza attigua, e un quarto alle spalle, del Prever ch'era risalito. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* - Eh, signora, - rispose il Lais. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* - Così, no, - rispose al dottore. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma ignoravo allora che cosa volesse dire il non sapere neppur questo, il non poter più rispondere, cioè, come prima, all’occorrenza:
---------------
* Io scrollo le spalle e gli rispondo che non è fatica per me. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* L’ho detto l’altro giorno a un vecchio contadino, e sapete come m’ha risposto? ch’era una buona scusa per gli ubriachi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Non nego, – risponde don Eligio, – ma è vero altresì che non si sono mai scritti libri così minuti, anzi minuziosi in tutti i più riposti particolari, come dacché, a vostro dire, la Terra s’è messa a girare. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – rispose, con la faccia più tosta del mondo; e le narrò per filo e per segno quanto avevamo fatto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Arrampicato là, su la sua scala da lampionaio, don Eligio Pellegrinotto mi risponde:
---------------
* La moglie, per tutta risposta, si levava da sedere, gli toglieva dalle mani il bicchiere e andava a buttare il vino dalla finestra. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* La povera Oliva non rispondeva, non sapeva che dire; veniva spesso a casa nostra per sfogarsi con mia madre, che la confortava con buone parole a sperare ancora, poiché infine era giovane, tanto giovane:
---------------
* La vecchia, dura, arcigna, gli risponde che gli sta bene. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Non dubitare, – gli risposi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Eh no, cara suocera! – le rispondevo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Mi faceva un atto appena appena con la mano e mi rispondeva:
---------------
* Berto mi rispose che non poteva; non poteva perché la sua condizione di fronte alla famiglia della moglie e alla moglie stessa era penosissima, dopo il nostro rovescio: egli viveva ormai su la dote della moglie, e non avrebbe dunque potuto imporre a questa anche il peso della suocera. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Finito di abburattare; intrisa la farina e coagulatala in pasta, ora essa la brandiva alta e la sbatteva forte apposta, su la madia: rispondeva così a quel che diceva la zia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Una mi morì pochi giorni dopo; l’altra volle darmi il tempo, invece, di affezionarmi a lei, con tutto l’ardore di un padre che, non avendo più altro, faccia della propria creaturina lo scopo unico della sua vita; volle aver la crudeltà di morirmi, quando aveva già quasi un anno, e s’era fatta tanto bellina, tanto, con quei riccioli d’oro ch’io m’avvolgevo attorno le dita e le baciavo senza saziarmene mai; mi chiamava papà, e io le rispondevo subito: – Figlia –; e lei di nuovo: – Papà...–; così, senza ragione, come si chiamano gli uccelli tra loro. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Rido, – mi rispose. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Godeva, evidentemente, nel risponder di sì al giovinetto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Mi parlava in un italiano bastardo, comicissimo; poiché io, che non connettevo già più, mi ostinavo a rispondergli nella mia lingua:
---------------
* Mi misi a ridere e gli risposi che fino alla mattina di quello stesso giorno non avevo visto neppure dipinta una roulette, e che non solo non sapevo affatto come ci si giocasse, ma non sospettavo nemmen lontanamente che avrei giocato e vinto a quel modo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Non rispondeva: con gli occhi fissi, senza sguardo, ripeteva ancora: – Il Foglietto?... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi rispose di sì e che me l’avrebbe venduta anche per poco, benché valesse molto: ah, si sarebbe fatto un bel cane, un gran cane, quella bestiola:
---------------
* E più le sue domande mi stringevano, e io con le mie risposte m’allontanavo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Di commettere bestialità? Ma ne ho già commesse tante, creda pure! – rispose con un gesto e un sorriso fatuo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Si agitava nella gabbia, si voltava, saltava, guardava di traverso, scotendo la testina, poi mi rispondeva, chiedeva, ascoltava ancora. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ebbene, a pensarci non avviene anche a noi uomini qualcosa di simile? Non crediamo anche noi che la natura ci parli? e non ci sembra di cogliere un senso nelle sue voci misteriose, una risposta, secondo i nostri desiderii, alle affannose domande che le rivolgiamo? E intanto la natura, nella sua infinita grandezza, non ha forse il più lontano sentore di noi e della nostra vana illusione. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – gli rispose la signorinetta mortificata, con una vocina tenera che, pur nella lieve irritazione, esprimeva la mitezza dell’indole. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Questa è la migliore, – mi rispose, senza guardarmi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Faccia lei, – mi rispose. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ella mi rispose: – Come vuole, – ma io me ne andai con l’impressione che le avrei fatto un gran piacere se non fossi più tornato. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Volli domandarle se la avesse tolta lei dal muro; ed ella, arrossendo leggermente, mi rispose:
---------------
Il Paleari giunse le mani e, con espressione di benigno compatimento, mi rispose:
---------------
Mi strinsi ne le spalle e gli risposi:
---------------
* Restai male, lì per lì; risposi:
---------------
* Notavo che Adriana stessa, la quale non mi rivolgeva mai alcuna domanda men che discreta, stava pure tutta orecchi ad ascoltare ciò che rispondevo a quelle della Caporale, che, per dir la verità, andavano spesso un po’ troppo oltre i limiti della curiosità naturale e scusabile. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Posso rispondere? – domandai io per rimetter la calma. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Perché c’è sotto un mistero, – risposi io allora alterando burlescamente la voce. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Né in casa, né ferme in posta! – risposi io. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Dico che ha torto, – poi rispose. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Avevo tanto parlato e avevo rivolto tutte quelle domande particolareggiate alla Caporale, perché m’ero accorto del piacere forse incosciente che provava Adriana alle risposte vittoriose che quella mi dava. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Eccomi, signorina! – m’affrettai a rispondere. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Non saprei, – risposi, stringendomi ne le spalle. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – le risposi, inchinandomi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Ma che c’entro io? – risposi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– No no, – s’affrettò a rispondermi lei. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
E io ero tentato di rispondergli:
---------------
* Ma poiché l’intenzione in fondo era buona, di tenermi cioè compagnia, gli rispondevo che mi divertivo invece moltissimo e lo pregavo anzi di seguitare. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Correttivo! – mi rispose. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Sto benone, signorina! – le rispondevo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – rispose, impacciata, Adriana, – io non ci credo, ecco... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Ecco, – mi rispose subito, come se avesse preveduto la domanda. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Adriano Tui, – mi veniva quasi di rispondergli. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
La semioscurità rossastra permetteva appena di discernere i contorni; cosicché non potei vedere fino a qual punto rispondesse al vero il ritratto che della signorina Pantogada m’aveva abbozzato Papiano; il tratto però, la voce e quella sùbita ribellione s’accordavano perfettamente all’idea che m’ero fatta di lei, dopo quella descrizione. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Colpi, – rispose Papiano, – o battuti sul tavolino o su le seggiole o altrove o anche fatti percepire per via di toccamenti. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* La risposta della Caporale si fece attendere un bel po’. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* «Ma sì, contentone!» le risposi io con un’altra stretta, che significava anche: «E ora fate pure, fate pure quel che vi piace!». ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Benissimo! – rispose questi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ora, come risponder coi fatti alla promessa? Potevo far mia Adriana? Ma nella gora del molino, là alla Stìa, ci avevano buttato me quelle due buone donne, Romilda e la vedova Pescatore, – non ci s’eran mica buttate loro! E libera dunque era rimasta lei, mia moglie; non io, che m’ero acconciato a fare il morto, lusingandomi di poter diventare un altro uomo, vivere un’altra vita. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Il servo vuol sapere se c’è risposta. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Ebbi in quel momento un impeto di ribellione, fui tentato di svelarle tutto, di risponderle: «Perché? senti io ti amo, e non posso, non debbo amarti! Se tu vuoi però...». ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Le risposi col gesto: «Qui, qui» per togliermi la tentazione che di punto in punto mi vinceva, di parlare, di aprirmi con lei. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Forse, – disse, – il dottor Ambrosini non sarebbe contento se lei gli rispondesse di rivolgersi alla Natura per il pagamento. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Che risponderle? Potevo dirle che per forza, nella condizione mia dovevo tener con me il denaro? potevo dirle che mi era interdetto d’investirlo in qualche modo, d’affidarlo a qualcuno? che non avrei potuto neanche lasciarlo in deposito in qualche banca, giacché, se poi per caso fosse sorta qualche difficoltà non improbabile per ritirarlo, non avrei più avuto modo di far riconoscere il mio diritto su esso?
---------------
– Si, benissimo! – rispose Adriana con fuoco, tutta vibrante di sdegno. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Perché non crede, – mi rispose, – che lei abbia davvero ritrovato il danaro. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Ma guardi un po’ come stavo per andare anch’io – rispose tra le risa, additandomi le pantofole ai piedi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Subito Pepita gli voltò le spalle e si sforzò d’assumere un contegno freddo e indifferente; ma quando egli, dopo aver salutato il marchese, si avvicinò a noi, o meglio a lei e, parlandole nella sua lingua, chiese scusa del ritardo, ella non seppe contenersi più e gli rispose con vertiginosa rapidità:
---------------
* – Ma comodo! – gli rispose lei con la stessa aria e lo stesso tono. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Sotto lo sguardo fermo e provocante di lui, nell’eccitazione in cui mi trovavo anch’io, non potei fare a meno di rispondergli:
---------------
Non mi trovai più in gola la voce per rispondergli. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ero ormai però tanto scombussolato da questa notizia inattesa, che non potei rispondere alla festa che mi fecero mia cognata e la madre e il fratello di lei. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Ma pure è così, – mi rispose. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Ma perché lei non sa che cosa voglia dire! – gli risposi, scrollando le spalle. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Come ho fatto? – gli risposi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Oh, non so, – mi rispose Berto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Non potei, lì per lì, rispondere: mi strinsi le pugna al petto, come per impedir che il cuore mi balzasse fuori. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Non potei rispondere ancora sotto l’impressione di questa nuova notizia. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Sta’ zitto! L’ho qua, – gli risposi. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Perché voglio parlarle! – gli risposi ruvidamente. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – E tu fa’ conto che io sia morto! – gli risposi tranquillamente. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi alzai; gli battei una mano su la spalla per calmarlo e gli risposi, prima di tutto, ch’ero già stato a Oneglia, da mio fratello, e che perciò tutti, là, a quest’ora, mi sapevano vivo, e che domani, inevitabilmente, la notizia sarebbe arrivata a Miragno; poi:
---------------
* Di’, è vero? Rispondi! – Ti va di scherzare!... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Si, – s’affrettò a rispondermi Pomino. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
– Niente, – rispose, dura, asciutta, la Pescatore. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Pomino mi rispose che non la vedeva più da due anni, ma che era viva; poi, a sua volta, mi domandò che avevo fatto io, dov’ero stato, ecc. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – Ma sì! ma sì! – mi rispose egli, premuroso. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* – mi rispose, dolente, aprendo le mani. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* E dunque ero io, proprio io: donde tornavo? dall’altro mondo! che avevo fatto? il morto! Presi il partito di non rimuovermi da queste due risposte e lasciar tutti stizziti nell’orgasmo della curiosità, che durò parecchi e parecchi giorni. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
Mi stringo nelle spalle, socchiudo gli occhi e gli rispondo:
---------------
* Perché lo zoologo, se gli presentate un tale con una gamba di legno o con un occhio di vetro, vi risponde che egli non lo conosce, perché quello non è l’uomo, ma un uomo. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* È vero però che noi tutti, a nostra volta, possiamo rispondere allo zoologo che l’uomo ch’egli conosce non esiste, e che invece esistono gli uomini, di cui nessuno è uguale all’altro e che possono anche avere per disgrazia una gamba di legno o un occhio di vetro. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* I parenti m'invitavano o mi carezzavano quando proprio non potevan farne a meno , per non mo strare dinanzi agU altri una parzialità troppo indecente , , ma io m'accorgevo benissimo della finzione e dello sforzo e mi nascondevo e tacevo e ad ogni loro parola rispondevo sgarbato ed acerbo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* L' impiegato — lo ricordo ancora: sia maledetto ! — 14 — era un omicciuolo con tanto- di pancetta e due occhietti cilestri di pesce morto e una piegaccia maligna a* due lati della bocca — mi squadrò con aria di compatimento e colla sua esosa voce strascicata mi chiese : Scusi , quanti anni ha lei ? Io feci il viso rosso più per la rabbia che per la vergogna e risposi , facendomi più vecchio di tre anni: — Quindici . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* — i8 — Ad ogni domanda renciclopedia rispondeva e subito e senza che si dovesse durar fatica a cercare . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Appena l'intelletto — alla fine dell'adolescenza — fu maggiorenne chiese alla vita le sue ragioni e non ebbe risposta . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Alla tristezza fisica e assoluta dei pomeriggi delle feste invernali tenne dietro l' inchiesta sui beni e sui mali dell'esistenza e lo spirito rispondeva di no a ogni promessa ; replicava di no a ogni bugiardo sogno , a ogni falso piacere e soffiava sugli ultimi incanti come il vento di mezzanotte sulle poche fiamme rimaste di una luminaria andata male . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* A quella età la perpetua domanda inutile si ripresentò a me con le stesse parole di tutti i tempi e di tutti i tediati : La vita è degna d'esser vissuta ? Cosa potevo rispondere ? La vita poco mi prometteva e nulla mi dava . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il nulla mascherato in cento maniere ! Fede , gloria , arte , azione , paradiso , conquista : maschere sul vuoto , occhiaie senza occhi , bocche senza lingue , baci senza risposta . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* La mia risposta — la sola possibile allora — alla maligna ingiustizia della sorte e alla fredda e silenziosa inimicizia degli uomini fu la persuasione dell' infinita vanità del tutto , della canaglieria congenita e dell' infelicità perfetta e indistruttibile del genere umano . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma se ti rivedo seduto dinanzi ai banconi immensi e scarabocchiati della biblioteca , nelle mattinate e nei pomeriggi del lavoro appassionato , chino sui libri aperti , sulla carta apparecchiata , e risento la tua voce che mi chiedeva o mi rispondeva qualcosa (e si guardava intorno colla coda dell' occhio perchè Y uomo severo che gira su e giù non si avvedesse del nostro cicaleccio illegale) allora capisco ogni cosa e tu ridiventi mio , tutto mio , come in quei giorni lontani della nostra impaziente vigilia . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Che tonfi ! che polvere ! Quanti calcinacci ! Cascano i muri con fracasso di bombe ; il polverio che ci intornia è denso come quello di una battaglia ancien regime , e i canti che s'alzano e si rispondono nel frastuono delle demolizioni son canti di guerra e inni di rivoluzione . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Si viveva in uno stato continuo di eccitazione , di scoperta , d'operosità d'ogni specie : tutti i giorni c'era da scoprire nuove anime , da legger nuovi libri , da corregger infinite bozze , da tener testa a polemiche , da rispondere a ignoti compagni e da rinsaldare fresche amicizie . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E non seppi rispondere . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ogni momento una voce s'alzava tentando di farsi udire ; altre mille Voci rispondevano e il tumulto si faceva cosi insopportabile da persuader tutti al silenzio . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Presi dunque la parte che suggeriva di più — quella che insegnava come render vere , per mezzo della fede , le credenze non rispondenti alla realtà . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E alle mie invocazioni nessuno aveva risposto ; nessuno era venuto incontro alla mia attesa . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non feci più nulla : non risposi alle lettere , non replicai agli insulti , non corrisposi all'amore . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Cosa fare ? La risposta é già difiìcile per l'uomo appena appena superiore , tutto barricato da ogni parte d'impossibilità e impotenze . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il genio non c'è , Teco non risponde , l'estro non si sveglia: buio , silenzio , tortura . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma niente , ma nulla è venuto e nessuno ha risposto . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Nessuno ha risposto in modo da spengere ogni voglia e bisogno di chiedere ancora ; niente è venuto che abbia calmato il cuore troppo impaziente e abbia saziata quest' anima mia , sitibonda come un deserto . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Di ogni cosa ho veduto il prò e il contro e il prò del contro e il contro del prò ; tutte le idee eran diamanti e prismi , ed erme quadrifronti e sfingi con mille risposte a dieci dimande . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* A nessun problema si può rispondere in una maniera sola e soltanto in quella maniera . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Senza questa verità non riesco più a vivere e se nessuno ha pietà di me , se nessuno può rispondermi , cercherò nella morte la beatitudine della piena luce o la quiete dell'eterno nulla . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Son sempre qua , io in persona , pronto a rispondere a tutti di tutto . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il buon secentista ha voluto sul principio mettere in mostra la sua virtù ; ma poi , nel corso della narrazione , e talvolta per lunghi tratti , lo stile cammina ben più naturale e più piano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Sì ; ma com'è dozzinale ! com'è sguaiato ! com'è scorretto ! Idiotismi lombardi a iosa , frasi della lingua adoperate a sproposito , grammatica arbitraria , periodi sgangherati .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E poi , qualche eleganza spagnola seminata qua e là ; e poi , ch'è peggio , ne' luoghi più terribili o più pietosi della storia , a ogni occasione d'eccitar maraviglia , o di far pensare , a tutti que' passi insomma che richiedono bensì un po' di rettorica , ma rettorica discreta , fine , di buon gusto , costui non manca mai di metterci di quella sua così fatta del proemio .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E allora , accozzando , con un'abilità mirabile , le qualità più opposte , trova la maniera di riuscir rozzo insieme e affettato , nella stessa pagina , nello stesso periodo , nello stesso vocabolo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ecco qui : declamazioni ampollose , composte a forza di solecismi pedestri , e da per tutto quella goffaggine ambiziosa , ch'è il proprio carattere degli scritti di quel secolo , in questo paese .(Manzoni-I Promessi Sposi)* In vero , non è cosa da presentare a lettori d'oggigiorno : son troppo ammaliziati , troppo disgustati di questo genere di stravaganze .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Meno male , che il buon pensiero m'è venuto sul principio di questo sciagurato lavoro : e me ne lavo le mani» .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Nell'atto però di chiudere lo scartafaccio , per riporlo , mi sapeva male che una storia così bella dovesse rimanersi tuttavia sconosciuta ; perché , in quanto storia , può essere che al lettore ne paia altrimenti , ma a me era parsa bella , come dico ; molto bella .(Manzoni-I Promessi Sposi)* «Perché non si potrebbe , pensai , prender la serie de' fatti da questo manoscritto , e rifarne la dicitura ?» Non essendosi presentato alcuna obiezion ragionevole , il partito fu subito abbracciato .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ed ecco l'origine del presente libro , esposta con un'ingenuità pari all'importanza del libro medesimo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Taluni però di que' fatti , certi costumi descritti dal nostro autore , c'eran sembrati così nuovi , così strani , per non dir peggio , che , prima di prestargli fede , abbiam voluto interrogare altri testimoni ; e ci siam messi a frugar nelle memorie di quel tempo , per chiarirci se veramente il mondo camminasse allora a quel modo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Una tale indagine dissipò tutti i nostri dubbi : a ogni passo ci abbattevamo in cose consimili , e in cose più forti : e , quello che ci parve più decisivo , abbiam perfino ritrovati alcuni personaggi , de' quali non avendo mai avuto notizia fuor che dal nostro manoscritto , eravamo in dubbio se fossero realmente esistiti .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E , all'occorrenza , citeremo alcuna di quelle testimonianze , per procacciar fede alle cose , alle quali , per la loro stranezza , il lettore sarebbe più tentato di negarla .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma , rifiutando come intollerabile la dicitura del nostro autore , che dicitura vi abbiam noi sostituita ? Qui sta il punto .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Chiunque , senza esser pregato , s'intromette a rifar l'opera altrui , s'espone a rendere uno stretto conto della sua , e ne contrae in certo modo l'obbligazione : è questa una regola di fatto e di diritto , alla quale non pretendiam punto di sottrarci .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Anzi , per conformarci ad essa di buon grado , avevam proposto di dar qui minutamente ragione del modo di scrivere da noi tenuto ; e , a questo fine , siamo andati , per tutto il tempo del lavoro , cercando d'indovinare le critiche possibili e contingenti , con intenzione di ribatterle tutte anticipatamente .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Né in questo sarebbe stata la difficoltà ; giacché (dobbiam dirlo a onor del vero) non ci si presentò alla mente una critica , che non le venisse insieme una risposta trionfante , di quelle risposte che , non dico risolvon le questioni , ma le mutano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Spesso anche , mettendo due critiche alle mani tra loro , le facevam battere l'una dall'altra ; o , esaminandole ben a fondo , riscontrandole attentamente , riuscivamo a scoprire e a mostrare che , così opposte in apparenza , eran però d'uno stesso genere , nascevan tutt'e due dal non badare ai fatti e ai principi su cui il giudizio doveva esser fondato ; e , messele , con loro gran sorpresa , insieme , le mandavamo insieme a spasso .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Non ci sarebbe mai stato autore che provasse così ad evidenza d'aver fatto bene .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma che ? quando siamo stati al punto di raccapezzar tutte le dette obiezioni e risposte , per disporle con qualche ordine , misericordia ! venivano a fare un libro .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Veduta la qual cosa , abbiam messo da parte il pensiero , per due ragioni che il lettore troverà certamente buone : la prima , che un libro impiegato a giustificarne un altro , anzi lo stile d'un altro , potrebbe parer cosa ridicola : la seconda , che di libri basta uno per volta , quando non è d'avanzo .(Manzoni-I Promessi Sposi)*
---------------
Pure a voce bassa , ma che tradiva un’ilarità trattenuta solo dalla paura di destarmi , mia madre rispose:
---------------
Con una grande calma , che rendeva comico il suo viso emaciato egli rispose:
---------------
Il grosso uomo dimagrato non diede subito la sua risposta .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Con un lieve sorriso , che pur mi ferì , il dottore rispose:
---------------
– Io non mi degnerei di ammazzarla , – risposi con accento che certo non poteva rassicurare la poverina .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Giovanna fu pronta nella risposta e , con mia meraviglia in un vero tono di conversazione , senz’urlare:
---------------
* Egli , senza rispondere , si levò dalla sedia , vuotò ancora il suo bicchiere e disse:
---------------
* Invece io , che finché mio padre era vivo mi sentivo combattivo (e poi non più) risposi con una di quelle solite frasi che si sentono tutti i giorni nei caffè situati presso le Università:
---------------
* Cercò una pronta risposta e aperse la bocca per darla .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Io , da quel perfetto studente scioperato che sono sempre stato , con la bocca piena , risposi:
---------------
– Non si tratta di una discussione – rispose egli trasognato – ma di tutt’altra cosa .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Egli rispose:
---------------
* Non gli riferii i discorsi strani di mio padre: forse temevo di essere costretto di dire qualche cosa delle risposte che allora io a mio padre avevo dato .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Nessunissima! – rispose seccamente .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Con grande severità e una calma che la rendeva quasi minacciosa , egli rispose:
---------------
– L’effetto atteso non potrà mancare! – rispose il dottore .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Carlo rispose che non poteva farlo causa il grande freddo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Non credo che la mia risposta lo raggiungesse .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ed egli mi rispose proprio così:
---------------
* Allora Augusta , a cui per caso m’ero rivolto , non rispose .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Rispose per lei Alberta ch’essa aveva guardata come per invocarne l’assistenza: Ada era andata da una zia .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Ella non mi rispose perché dapprima si piegò sulla bambina piangente .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Quell’uomo d’affari avrebbe saputa la risposta da darmi non appena intesa la mia domanda .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Mi rispose che vi si trovava da un mese e che vi fondava una casa commerciale .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Non risposi né ringraziai .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ella mi rispose che l’avrei trovato nel suo ufficio ove s’era recato per un affare urgente .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
La fanciulla non rispose subito .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Seguii un mio istinto e non risposi alla sua domanda , ma , dopo una breve esitazione , le dissi:
---------------
* Rispose di sì .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* D’affari od altre? D’affari! Questa risposta fu preferita solo perché per darla bastava movere il tavolo per una volta sola .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* M’è poi del tutto indifferente quello ch’essa risponderà .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Fui tanto stupito da quella risposta che la mia faccia dovette assumere un aspetto molto comico così che l’ilarità che aveva sperata non mancò .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– No – rispose , – non occorre ch’io vada con gli altri .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Poi appena ricordò che mi doveva una risposta:
---------------
* Fu mite nella risposta perché ora gli mancava l’appoggio di tutto il suo piccolo pubblico entusiasta .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Io continuai a lamentarmi più mitemente senza rispondere .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* L’Olivi rispose che quegli affari non li faceva che per conto di terzi quando poteva realizzare un piccolo beneficio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Bellissima – egli rispose – ma non è pane per i nostri denti .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Mi fu difficile di rispondere: dissi che la povera fanciulla mi era parsa molto anemica .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Ci pensavo tanto poco che non risposi neppure alle sue parole che mi parevano compromettenti e mi rimisi a parlare del Garcia e della necessità di quel libro per lei .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Poiché io non risposi subito , essa temette ch’io mi sentissi solidale col Copler , e aggiunse:
---------------
– Mai! – rispose Carla con vivacità .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
– Domani o forse più tardi! – risposi io già incerto .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Mia moglie , subito desta , mi domandò che cosa avessi ed io risposi con una breve parola , la prima che mi si fosse affacciata alla mente quando seppi rimettermi dallo spavento di vedermi interrogato in un momento in cui mi pareva di aver gridata una confessione:
---------------
* Essa rispose che avrei potuto andarmene subito , ma che mi pregava di fare prima i miei convenevoli col padre di Guido .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Una visita a Carla non implicava ancora niente di male ed anzi , se io da quelle parti mi fossi imbattuto ancora una volta in mia suocera , e se essa mi avesse domandato che cosa io fossi andato a farvi , le avrei subito risposto:
---------------
* Essa non rispondeva alle mie carezze , ma le subiva sommessa , un atteggiamento ch’io adoro forse perché amo il sesso debole in proporzione diretta della sua debolezza .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Al momento di andarmene io la baciai , ma questa volta , con tutta intensità , essa rispose al mio bacio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Io poi avevo subito risposto:
---------------
* Bussai alla porta del suo studio ch’era chiusa a chiave , ma nessuno rispose .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Approfittavo di qualche momento in cui mio suocero ficcava il grosso naso nella tazza del latte o rispondeva a qualche parola che gli era stata rivolta , per inghiottire dei grossi bocconi o per tracannare dei grandi bicchieri di vino .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Essa , per rispondere , andò all’uscio e lo socchiuse .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Essa manifestò il suo sdegno piuttosto verso il povero zoppo che verso me e non gli rispose quand’egli le indirizzò la parola .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* rispondo alla sua graditissima che mi è giunta ieri
---------------
antiestetico
= non rispondente a criteri estetici brutto , sgraziato o che rende tale
---------------
assonare
= verbo intr. rispondere armoniosamente ad un suono,
---------------
astrazione
= operazione attraverso la quale l'intelletto ricava concetti universali dalla conoscenza di oggetti individuali , prescindendo dalle determinazioni particolari degli oggetti stessi separazione , isolamento di un concetto , di una nozione da altri fare astrazione , prescindere idea che non ha rispondenza nella realtà .
---------------
centotredici
= numero telefonico a cui risponde in italia il servizio di soccorso pubblico di emergenza della polizia
---------------
chiamare
= verbo trans. rivolgersi a qualcuno pronunziandone il nome, oppure con gesti, segnali o altri mezzi , affinché risponda, si avvicini o compia un'azione
---------------
ciancia
= discorso inutile, sconclusionato o non rispondente al vero
---------------
congruenza
= rispondenza, proporzione di una cosa con un'altra
---------------
contrassalto
= immediata azione di contrattacco in risposta a un assalto nemico.
---------------
contrattaccare
= verbo trans. fare un contrattacco, rispondere a un attacco con un altro attacco.
---------------
contrattacco
= azione offensiva in risposta a un attacco nemico
---------------
controfferta
= in una trattativa, offerta che viene fatta in risposta a una richiesta
---------------
controparola
= nel linguaggio militare, parola convenzionale che si dà in risposta alla parola d'ordine.
---------------
controreplicare
= verbo trans. e intr. rispondere, ribattere a una replica altrui.
---------------
controtransfert
= l'insieme delle reazioni emotive inconsce che si sviluppano nello psicoanalista in risposta al transfert del paziente.
---------------
elettrotropismo
= tendenza degli organismi vegetali e dei protoplasmi animali a muoversi in risposta a uno stimolo elettrico
---------------
evasivo
= che non manifesta chiaramente il proprio pensiero - che cerca di evitare una precisa risposta
---------------
funzionalità
= rispondenza alle funzioni che si devono assolvere
---------------
immunodepresso
= persona con ridotte capacità di risposta immunitaria agli agenti patogeni .
---------------
immunogeno
= di sostanza capace di stimolare le risposte immunitarie organiche .
---------------
informante
= il parlante che fornisce risposte alle domande dei questionari sulla sua madre lingua .
---------------
intervista
= conversazione , scambio di domande e risposte tra un giornalista e una persona le cui dichiarazioni e opinioni sono destinate a essere diffuse pubblicamente attraverso la stampa , la radio e sim .
---------------
isocolo
= uguaglianza , perfetta rispondenza di numero di vocaboli e di ritmo sintattico tra due o più membri che costituiscono un periodo .
---------------
ma
= o mah, inter. indica incertezza, dubbio, nelle risposte
---------------
magnificat
= cantico che si recita o si canta al vespro, il quale utilizza il testo della preghiera che, secondo il racconto evangelico, maria avrebbe rivolto a dio in risposta al saluto di santa elisabetta - il mangiare
---------------
neopurismo
= orientamento linguistico secondo il quale il neologismo è accettabile purché risponda a una effettiva esigenza e si concili con la struttura tradizionale della lingua .
---------------
no negazione equivalente a una frase negativa , usata nelle risposte
---------------
no comment
= risposta negativa data soprattutto nel corso di un'intervista , una conferenza-stampa e sim . , quando non ci si vuole compromettere con una presa di posizione o quando una situazione è tanto chiara da non aver bisogno di commenti
---------------
o
= cong . con valore disgiuntivo , coordina più elementi della stessa natura grammaticale all'interno di una proposizione , o più proposizioni dello stesso - rafforza il vocativo -
= per introdurre un'esortazione , una domanda retorica o nelle risposte per esprimere una certa meraviglia
---------------
ormone
= ciascuna delle diverse sostanze prodotte dalle ghiandole endocrine , capaci di stimolare specifiche risposte fisiologiche in cellule di vario tipo - ormoni vegetali , sostanze simili agli ormoni propr . detti , che regolano i processi di accrescimento dei vegetali
---------------
ortodosso
= che aderisce , che è rispondente a un'ortodossia
---------------
ostare
= o obstare - verbo intr . chi gestisce un'osteria - domandare all'oste se ha buon vino , fare una domanda inutile , in quanto la risposta è scontata - fare i conti senza l'oste , agire senza tener conto di eventuali complicazioni o impedimenti che potrebbero derivare dall'intervento di altri interessati
---------------
prego interiezione si usa in formule di cortesia per rispondere a persona che ringrazia o chiede scusa , o per invitare ad accomodarsi , a entrare , a prendere qualcosa ecc .
---------------
razionalizzare
= verbo trans. rendere razionale, più rispondente a criteri di funzionalità o di efficienza economica
---------------
reagire
= verbo intr. rispondere, replicare a una violenza, a un'ingiustizia, a un'offesa
---------------
rescritto
= risposta scritta che gli imperatori romani davano a quesiti posti da magistrati
---------------
responsione
= risposta
---------------
responsivo
= che serve a rispondere, responsiva, lettera di risposta.
---------------
responso
= risposta data da un oracolo
---------------
responsorio
= canto liturgico nel quale al versetto intonato dal solista risponde un ritornello corale.
---------------
responsura
= responso, risposta.
---------------
riammogliare
= verbo trans. ridare moglie, far risposare
---------------
rimbeccare
= verbo trans. detto di uccelli, beccare in risposta a una beccata ricevuta
---------------
rispondente
= participio presente di rispondere , corrispondente, conforme, adatto
---------------
rispondenza
= l'essere rispondente
---------------
risponditore
= chi risponde
---------------
risposta
= il rispondere, il modo di rispondere
---------------
signornò
= o signor no , nel linguaggio militare , forma di risposta negativa assoluta usata da chi si rivolge a un superiore .
---------------
signorsì
= o signor sì , nel linguaggio militare , forma di risposta affermativa assoluta usata da chi si rivolge a un superiore .
---------------
sissignora
= o sì signora , risposta affermativa rivolta a donna cui si porta rispetto certo , proprio così ,
---------------
sissignore
= o sì signore , risposta affermativa rivolta a persona di rango superiore ,
---------------
star del credere
= sost . m . obbligazione assunta dal commissionario di rispondere nei confronti del committente per il buon esito dell'affare o della fornitura - il compenso speciale o la maggiore provvigione a cui il commissionario ha diritto per tale obbligazione .
---------------
sufficiente sofficiente ,
= che basta al bisogno , che risponde alla necessità bastevole ,
---------------
ultramoderno
= aggettivo modernissimo , che risponde ai più moderni criteri
---------------
Verb: to answer-answered-answered
Ausiliar: to have - transitivo
Affermative - INDICATIVE
Present simple
I answer
you answer
he/she/it answers
we answer
you answer
they answer
Simple past
I answered
you answered
he/she/it answered
we answered
you answered
they answered
Simple past
I answered
you answered
he/she/it answered
we answered
you answered
they answered
Present perfect
I have answered
you have answered
he/she/it has answered
we have answered
you have answered
they have answered
Past perfect
I had answered
you had answered
he/she/it had answered
we had answered
you had answered
they had answered
Past perfect
I had answered
you had answered
he/she/it had answered
we had answered
you had answered
they had answered
Simple future
I I will answer
you you will answer
he/she/it he/she/it will answer
we we will answer
you I will answer
they they will answer
Future perfect
I will have answered
you will have answered
he/she/it will have answered
we will have answered
you will have answered
they will have answered
Present continuous
I am answering
you are answering
he/she/it is answering
we are answering
you are answering
they are answering
Past simple continuous
I was answering
you were answering
he/she/it was answering
we were answering
you were answering
they were answering
Future continuous
I will be answering
you will be answering
he/she/it will be answering
we will be answering
you will be answering
they will be answering
Future perfect continuous
I will have been answering
you will have been answering
he/she/it will have been answering
we will have been answering
you will have been answering
they will have been answering
Present perfect continuous
I have been answering
you have been answering
he/she/it has been answering
we have been answering
you have been answering
they have been answering
Past perfect continuous
I had been answering
you had been answering
he/she/it had been answering
we had been answering
you had been answering
they had been answering
Affermative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I answer
That you answer
That he/she/it answer
That we answer
That you answer
That they answer
Present perfect
That I have answered
That you have answered
That he/she/it have answered
That we have answered
That you have answered
That they have answered
Simple past
That I answered
That you answered
That he/she/it answered
That we answered
That you answered
That they answered
Past perfect
That I had answered
That you had answered
That he/she/it had answered
That we had answered
That you had answered
That they had answered
Affermative - CONDITIONAL
Present
I would answer
you would answer
we would answer
we would answer
you would answer
they would answer
Past
I would have answered
you would have answered
he/she/it would have answered
we would have answered
you would have answered
they would have answered
Present continous
I would be answering
you would be answering
we would be answering
we would be answering
you would be answering
they would be answering
Past continous
I would have been answering
you would have been answering
he/she/it would have been answering
we would have been answering
you would have been answering
they would have been answering
Affermative - IMPERATIVE
Present
let me answer
answer
let him answer
let us answer
answer
let them answer
 
 
 
 
 
 
 
Affermative - INFINITIVE
Present
to answer
Past
to have answered
Present continous
to be answering
Perfect continous
to have been answering
Affermative - PARTICIPLE
Present
answering
Past
answered
Perfect
having answered
Affermative - GERUND
Present
answering
Past
having answered
Passive - INDICATIVE
Present simple
I am answered
you are answered
he/she/it is answered
we are answered
you are answered
they are answered
Past simple
I was answered
you were answered
he/she/it was answered
we were answered
you were answered
they were answered
Past simple
I was answered
you were answered
he/she/it was answered
we were answered
you were answered
they were answered
Present perfect
I have been answered
you have been answered
he/she/it has been answered
we have been answered
you have been answered
they have been answered
Past perfect
I had been answered
you had been answered
he/she/it had been answered
we had been answered
you had been answered
they had been answered
Past perfect
I had been answered
you had been answered
he/she/it had been answered
we had been answered
you had been answered
they had been answered
Future simple
I will be answered
you will be answered
he/she/it will be answered
we will be answered
you will be answered
they will be answered
Future perfect
I will have been answered
you will have been answered
he/she/it will have been answered
we will have been answered
you will have been answered
they will have been answered
Present continuous
I am being answered
you are being answered
he/she/it is being answered
we are being answered
you are being answered
they are being answered
Past simple continuous
I was being answered
you were being answered
he/she/it was being answered
were being answered
you were being answered
they were being answered
Future continuous
I will being answered
you will being answered
he/she/it will being answered
we will being answered
you will being answered
they will being answered
Future perfect continuous
I will have been answered
you will have been answered
he/she/it will have been answered
we will have been answered
you will have been answered
they will have been answered
Present perfect continuous
I have been answered
you have been answered
he/she/it has been answered
we have been answered
you have been answered
they have been answered
Past perfect continuous
I had been answered
you had been answered
he/she/it had been answered
we had been answered
you had been answered
they had been answered
Passive - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I be answered
That you be answered
That he/she/it be answered
That we be answered
That you be answered
That they be answered
Present perfect
That I have been answered
That you have been answered
That he/she/it have been answered
That we have been answered
That you have been answered
That they have been answered
Simple past
That I were answered
That you were answered
That he/she/it were answered
That we were answered
That you were answered
That they were answered
Past perfect
That I had been answered
That you had been answered
That he/she/it had been answered
That we had been answered
That you had been answered
That they had been answered
CONDITIONAL
Present
I would be answered
you would be answered
we would be answered
we would be answered
you would be answered
they would be answered
Past
I would have been answered
you would have been answered
he/she/it would have been answered
we would have been answered
you would have been answered
they would have been answered
IMPERATIVE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INFINITIVE
Present
to be answered
Past
to have been answered
PARTICIPLE
Present
being answered
Past
answered
Perfect
having been answered
GERUND
Present
being answered
Past
having been answered
Negative - INDICATIVE
Present simple
I do not answer
you do not answer
he/she/it does not answers
we do not answer
you do not answer
they do not answer
Simple past
I did not answer
you did not answer
he/she/it did not answer
we did not answer
you did not answer
they did not answer
Simple past
I did not answer
you did not answer
he/she/it did not answer
we did not answer
you did not answer
they did not answer
Present perfect
I have not answered
you have not answered
he/she/it has not answered
we have not answered
you have not answered
they have not answered
Past perfect
I had not answered
you had not answered
he/she/it had not answered
we had not answered
you had not answered
they had not answered
Past perfect
I had not answered
you had not answered
he/she/it had not answered
we had not answered
you had not answered
they had not answered
Simple future
I I will not answer
you you will not answer
he/she/it he/she/it will not answer
we we will not answer
you I will not answer
they they will not answer
Future perfect
I will not have answered
you will not have answered
he/she/it will not have answered
we will not have answered
you will not have answered
they will not have answered
Present continuous
I am not answering
you are not answering
he/she/it is not answering
we are not answering
you are not answering
they are not answering
Past simple continuous
I was not answering
you were not answering
he/she/it was not answering
we were not answering
you were not answering
they were not answering
Future continuous
I will not be answering
you will not be answering
he/she/it will not be answering
we will not be answering
you will not be answering
they will not be answering
Future perfect continuous
I will not have been answering
you will not have been answering
he/she/it will not have been answering
we will not have been answering
you will not have been answering
they will not have been answering
Present perfect continuous
I have not been answering
you have not been answering
he/she/it has not been answering
we have not been answering
you have not been answering
they have not been answering
Past perfect continuous
I had not been answering
you had not been answering
he/she/it had not been answering
we had not been answering
you had not been answering
they had not been answering
Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I do not answer
That you do not answer
That he/she/it does not answer
That we do not answer
That you do not answer
That they do not answer
Present perfect
That I have not answered
That you have not answered
That he/she/it have not answered
That we have not answered
That you have not answered
That they have not answered
Simple past
That I did not answer
That you did not answer
That he/she/it did not answer
That we did not answer
That you did not answer
That they did not answer
Past perfect
That I had not answered
That you had not answered
That he/she/it had not answered
That we had not answered
That you had not answered
That they had not answered
Negative - CONDITIONAL
Present
I would not answer
you would not answer
we would not answer
we would not answer
you would not answer
they would not answer
Past
I would not have answered
you would not have answered
he/she/it would not have answered
we would not have answered
you would not have answered
they would not have answered
Present continous
I would not be answering
you would not be answering
we would not be answering
we would not be answering
you would not be answering
they would not be answering
Past continous
I would not have been answering
you would not have been answering
he/she/it would not have been answering
we would not have been answering
you would not have been answering
they would not have been answering
Negative - IMPERATIVE
Present
do not let me answer
do not answer
do not let him answer
do not let us answer
do not answer
do not let them answer
 
 
 
 
 
 
 
Negative - INFINITIVE
Present
not to answer
Past
not to have answered
Present continous
not to be answering
Perfect continous
not to have been answering
Negative - PARTICIPLE
Present
not answering
Past
not answered
Perfect
not having answered
Negative - GERUND
Present
not answering
Past
not having answered
Interrogative - INDICATIVE
Present simple
do I answer ?
do you answer ?
does she/he/it answers ?
do we answer ?
do you answer ?
do they answer ?
Simple past
did I answer ?
did you answer ?
did she/he/it answer ?
did we answer ?
did you answer ?
did they answer ?
Simple past
did I answer ?
did you answer ?
did she/he/it answer ?
did we answer ?
did you answer ?
did they answer ?
Present perfect
have I answered ?
have you answered ?
has she/he/it answered ?
have we answered ?
have you answered ?
have they answered ?
Past perfect
had I answered ?
had you answered ?
had she/he/it answered ?
had we answered ?
had you answered ?
had they answered ?
Past perfect
had I answered ?
had you answered ?
had she/he/it answered ?
had we answered ?
had you answered ?
had they answered ?
Simple future
will I answer ?
will you answer ?
will she/he/it answer ?
will we answer ?
will I answer ?
will they answer ?
Future perfect
will I have answered ?
will you have answered ?
will she/he/it have answered ?
will we have answered ?
will you have answered ?
will they have answered ?
Present continuous
am I answering ?
are you answering ?
is she/he/it answering ?
are we answering ?
are you answering ?
are they answering ?
Past simple continuous
was I answering ?
were you answering ?
was she/he/it answering ?
were we answering ?
were you answering ?
were they answering ?
Future continuous
will I be answering ?
will you be answering ?
will she/he/it be answering ?
will we be answering ?
will you be answering ?
will they be answering ?
Future perfect continuous
will I have been answering ?
will you have been answering ?
will she/he/it have been answering ?
will we have been answering ?
will you have been answering ?
will they have been answering ?
Present perfect continuous
have I been answering ?
have you been answering ?
has she/he/it been answering ?
have we been answering ?
have you been answering ?
have they been answering ?
Past perfect continuous
had I been answering ?
had you been answering ?
had she/he/it been answering ?
had we been answering ?
had you been answering ?
had they been answering ?
Interrogative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I answer ?
That do you answer ?
That does she/he/it answer ?
That do we answer ?
That do you answer ?
That do they answer ?
Present perfect
That have I answered ?
That have you answered ?
That have she/he/it answered ?
That have we answered ?
That have you answered ?
That have they answered ?
Simple past
That did I answer ?
That did you answer ?
That did she/he/it answer ?
That did we answer ?
That did you answer ?
That did they answer ?
Past perfect
That had I answered ?
That had you answered ?
That had she/he/it answered ?
That had we answered ?
That had you answered ?
That had they answered ?
Interrogative - CONDITIONAL
Present
would I answer ?
would you answer ?
would she/he/it answer ?
would we answer ?
would you answer ?
would they answer ?
Past
would I have answered?
would you have answered?
would she/he/it have answered?
would we have answered?
would you have answered?
would they have answered?
Present continous
would I be answering ?
would you be answering ?
would she/he/it be answering ?
would we be answering ?
would you be answering ?
would they be answering ?
Past continous
would I have been answering?
would you have been answering?
would she/he/it have been answering?
would we have been answering?
would you have been answering?
would they have been answering?
Interrogative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Interrogative-Negative - INDICATIVE
Present simple
do I not answer ?
do you not answer ?
does she/he/it not answers ?
do we not answer ?
do you not answer ?
do they not answer ?
Simple past
did I not answer ?
did you not answer ?
did she/he/it not answer ?
did we not answer ?
did you not answer ?
did they not answer ?
Simple past
did I not answer ?
did you not answer ?
did she/he/it not answer ?
did we not answer ?
did you not answer ?
did they not answer ?
Present perfect
have I not answered ?
have you not answered ?
has she/he/it not answered ?
have we not answered ?
have you not answered ?
have they not answered ?
Past perfect
had I not answered ?
had you not answered ?
had she/he/it not answered ?
had we not answered ?
had you not answered ?
had they not answered ?
Past perfect
had I not answered ?
had you not answered ?
had she/he/it not answered ?
had we not answered ?
had you not answered ?
had they not answered ?
Simple future
will I not answer ?
will you not answer ?
will she/he/it not answer ?
will we not answer ?
will I not answer ?
will they not answer ?
Future perfect
will I not have answered ?
will you not have answered ?
will she/he/it not have answered ?
will we not have answered ?
will you not have answered ?
will they not have answered ?
Present continuous
am I not answering ?
are you not answering ?
is she/he/it not answering ?
are we not answering ?
are you not answering ?
are they not answering ?
Past simple continuous
was I not answering ?
were you not answering ?
was she/he/it not answering ?
were we not answering ?
were you not answering ?
were they not answering ?
Future continuous
will I not be answering ?
will you not be answering ?
will she/he/it not be answering ?
will we not be answering ?
will you not be answering ?
will they not be answering ?
Future perfect continuous
will I not have been answering ?
will you not have been answering ?
will she/he/it not have been answering ?
will we not have been answering ?
will you not have been answering ?
will they not have been answering ?
Present perfect continuous
have I not been answering ?
have you not been answering ?
has she/he/it not been answering ?
have we not been answering ?
have you not been answering ?
have they not been answering ?
Past perfect continuous
had I not been answering ?
had you not been answering ?
had she/he/it not been answering ?
had we not been answering ?
had you not been answering ?
had they not been answering ?
Interrogative-Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I not answer ?
That do you not answer ?
That does she/he/it not answer ?
That do we not answer ?
That do you not answer ?
That do they not answer ?
Present perfect
That have I not answered ?
That have you not answered ?
That have she/he/it not answered ?
That have we not answered ?
That have you not answered ?
That have they not answered ?
Simple past
That did I not answer ?
That did you not answer ?
That did she/he/it not answer ?
That did we not answer ?
That did you not answer ?
That did they not answer ?
Past perfect
That had I not answered ?
That had you not answered ?
That had she/he/it not answered ?
That had we not answered ?
That had you not answered ?
That had they not answered ?
Interrogative-Negative - CONDITIONAL
Present
would I not answer ?
would you not answer ?
would she/he/it not answer ?
would we not answer ?
would you not answer ?
would they not answer ?
Past
would I not have answered?
would you not have answered?
would she/he/it not have answered?
would we not have answered?
would you not have answered?
would they not have answered?
Present continous
would I not be answering ?
would you not be answering ?
would she/he/it not be answering ?
would we not be answering ?
would you not be answering ?
would they not be answering ?
Past continous
would I not have been answering?
would you not have been answering?
would she/he/it not have been answering?
would we not have been answering?
would you not have been answering?
would they not have been answering?
Interrogative-Negative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Coniugazione:2 - rispondere
Ausiliare:avere intransitivo/transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io rispondo
tu rispondi
egli risponde
noi rispondiamo
voi rispondete
essi rispondono
Imperfetto
io rispondevo
tu rispondevi
egli rispondeva
noi rispondevamo
voi rispondevate
essi rispondevano
Passato remoto
io risposi
tu rispondésti
egli rispose
noi rispondémmo
voi rispondéste
essi risposero
Passato prossimo
io ho risposto
tu hai risposto
egli ha risposto
noi abbiamo risposto
voi avete risposto
essi hanno risposto
Trapassato prossimo
io avevo risposto
tu avevi risposto
egli aveva risposto
noi avevamo risposto
voi avevate risposto
essi avevano risposto
Trapassato remoto
io ebbi risposto
tu avesti risposto
egli ebbe risposto
noi avemmo risposto
voi eveste risposto
essi ebbero risposto
Futuro semplice
io risponderò
tu risponderai
egli risponderà
noi risponderemo
voi risponderete
essi risponderanno
Futuro anteriore
io avrò risposto
tu avrai risposto
egli avrà risposto
noi avremo risposto
voi avrete risposto
essi avranno risposto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io risponda
che tu risponda
che egli risponda
che noi rispondiamo
che voi rispondiate
che essi rispondano
Passato
che io abbia risposto
che tu abbia risposto
che egli abbia risposto
che noi abbiamo risposto
che voi abbiate risposto
che essi abbiano risposto
Imperfetto
che io rispondéssi
che tu rispondéssi
che egli rispondésse
che noi rispondéssimo
che voi rispondéste
che essi rispondéssero
Trapassato
che io avessi risposto
che tu avessi risposto
che egli avesse risposto
che noi avessimo risposto
che voi aveste risposto
che essi avessero risposto
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io risponderei
tu risponderesti
egli risponderebbe
noi risponderemmo
voi rispondereste
essi risponderebbero
Passato
io avrei risposto
tu avresti risposto
egli avrebbe risposto
noi avremmo risposto
voi avreste risposto
essi avrebbero risposto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
rispondi
risponda
rispondiamo
rispondete
rispondano
Futuro
-
risponderai
risponderà
risponderemo
risponderete
risponderanno
INFINITO - attivo
Presente
rispondere
Passato
avere risposto
 
 
PARTICIPIO - attivo
Presente
rispondente
Passato
risposto
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
rispondendo
Passato
avendo risposto