Good navigation with NihilScio!  Facebook page
NihilScio     Home
 

  Educational search engine

Verbi e vocaboli Spagnolo
Italiano
Inglese

á    è     é    ì     í    ò
ó     ù    ú    ü    ñ    ç
sinonimi di
abare
  Cerca  frasi:
Vocabulary and phrases
abare
= scoprire , svelare , australian bureau of agricultural and resource economics , abare ,
---------------
abare
= scoprire , svelare , australian bureau of agricultural and resource economics , abare ,
---------------
Vocabulary and phrases
* Spesso anche , mettendo due critiche alle mani tra loro , le facevam battere l'una dall'altra ; o , esaminandole ben a fondo , riscontrandole attentamente , riuscivamo a scoprire e a mostrare che , così opposte in apparenza , eran però d'uno stesso genere , nascevan tutt'e due dal non badare ai fatti e ai principi su cui il giudizio doveva esser fondato ; e , messele , con loro gran sorpresa , insieme , le mandavamo insieme a spasso .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Alla peggio , si potrebbe almeno conoscere , per questa via , più distintamente quanto colui fosse ostinato nel suo sporco impegno , scoprir di più le sue intenzioni , e prender consiglio da ciò .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Ma ora starò sull'intesa , e spero di scoprir tutto .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Tu non hai torto , e ti sei portato bene , - disse don Rodrigo: - hai fatto quello che si poteva ; ma . . .ma , che sotto questo tetto ci fosse una spia ! Se c'è , se lo arrivo a scoprire , e lo scopriremo se c'è , te l'accomodo io ; ti so dir io , Griso , che lo concio per il dì delle feste .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* - Anche a me , signore , - disse il Griso , - è passato per la mente un tal sospetto: e se fosse vero , se si venisse a scoprire un birbone di questa sorte , il signor padrone lo deve metter nelle mie mani .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Cos'era venuto a fare ? Era un'anima del purgatorio , comparsa per aiutar le donne ; era un'anima dannata d'un pellegrino birbante e impostore , che veniva sempre di notte a unirsi con chi facesse di quelle che lui aveva fatte vivendo ; era un pellegrino vivo e vero , che coloro avevan voluto ammazzare , per timor che gridasse , e destasse il paese ; era (vedete un po' cosa si va a pensare !) uno di quegli stessi malandrini travestito da pellegrino ; era questo , era quello , era tante cose che tutta la sagacità e l'esperienza del Griso non sarebbe bastata a scoprire chi fosse , se il Griso avesse dovuto rilevar questa parte della storia da' discorsi altrui .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* A poco a poco cominciò poi a scoprir campanili e torri e cupole e tetti ; scese allora nella strada , camminò ancora qualche tempo , e quando s'accorse d'esser ben vicino alla città , s'accostò a un viandante , e , inchinatolo , con tutto quel garbo che seppe , gli disse: - di grazia , quel signore .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Onde , così per venire in chiaro delle sue congetture , e scoprir paese , come per tirare in lungo , e anche per tentare un colpo , disse: - vedo bene cos'è l'origine di tutto questo: gli è per amor del nome e del cognome .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Di maniera che a uno che li veda ingegnarsi e arrabattarsi a quel modo , fanno pietà e movon le risa , e l'uomo che pretendono allora di mettere in mezzo , quantunque meno accorto di loro , scopre benissimo tutto il loro gioco , e da quegli artifizi ricava lume per sé , contro di loro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* I suoi pensieri erano , come ognuno può immaginarsi , un guazzabuglio di pentimenti , d'inquietudini , di rabbie , di tenerezze ; era uno studio faticoso di raccapezzare le cose dette e fatte la sera avanti , di scoprir la parte segreta della sua dolorosa storia , e sopra tutto come avean potuto risapere il suo nome .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Non ostante , si mise a mangiare con grand'appetito , stando , nello stesso tempo , in orecchi , senza che paresse suo fatto , per veder di scoprir paese , di rilevare come si pensasse colà sul grand'avvenimento nel quale egli aveva avuta non piccola parte , e d'osservare specialmente se , tra que' parlatori , ci fosse qualche galantuomo , a cui un povero figliuolo potesse fidarsi di domandar la strada , senza timore d'esser messo alle strette , e forzato a ciarlare de' fatti suoi .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Allora serbava quel partito all'estrema necessità , e tirava innanzi , con la speranza di scoprire almeno l'Adda , se non passarla , in quella notte ; e di non dover andarne alla cerca , di giorno chiaro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tale è la descrizione che l'anonimo fa del luogo: del nome , nulla ; anzi , per non metterci sulla strada di scoprirlo , non dice niente del viaggio di don Rodrigo , e lo porta addirittura nel mezzo della valle , appiè del poggio , all'imboccatura dell'erto e tortuoso sentiero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Se qualche volta si mostrò severo , anzi brusco , fu co' pastori suoi subordinati che scoprisse rei d'avarizia o di negligenza o d'altre tacce specialmente opposte allo spirito del loro nobile ministero .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Tenne anche lui , qualche momento , fisso nell'aspetto dell'innominato il suo sguardo penetrante , ed esercitato da lungo tempo a ritrarre dai sembianti i pensieri ; e , sotto a quel fosco e a quel turbato , parendogli di scoprire sempre più qualcosa di conforme alla speranza da lui concepita al primo annunzio d'una tal visita , tutt'animato , - oh ! - disse: - che preziosa visita è questa ! e quanto vi devo esser grato d'una sì buona risoluzione ; quantunque per me abbia un po' del rimprovero !
---------------
* - Ora , - proseguì questo , - uno fuggitivo da casa sua , l'altra in procinto d'abbandonarla , tutt'e due con troppo forti motivi di starne lontani , senza probabilità di riunirsi mai qui , e contenti di sperare che Dio li riunisca altrove ; ora , pur troppo , non hanno bisogno di voi ; pur troppo , voi non avete occasione di far loro del bene ; né il corto nostro prevedere può scoprirne alcuna nell'avvenire .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Con una tal persuasione che ci fossero untori , se ne doveva scoprire , quasi infallibilmente: tutti gli occhi stavano all'erta ; ogni atto poteva dar gelosia .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* E andando avanti , guardava in qua e in là , per veder se poteva scoprire qualche creatura umana ; ma non ne vide altra che uno sformato cadavere nel piccol fosso che corre tra quelle poche case (che allora erano anche meno) , e un pezzo della strada .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Andò allora lungo le capanne , con la mira di riguadagnar l'assito , d'andar fino alla fine di quello , e scoprir paese nuovo .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
* Nel mezzo , ce n'era un certo numero coperte di fazzoletti , o di veli: in quella parte ficcò più attentamente gli occhi ; ma , non arrivando a scoprirci dentro nulla di più , gli alzò anche lui dove tutti tenevan fissi i loro .(Manzoni-I Promessi sposi)
---------------
Dallo scialle nero tirato sul capo si scopriva soltanto il volto, che pareva anche piú pallido.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E la donna, la donna piú pericolosa, la donna umile, tenera e fedele, egli scopriva sotto il manto e le bende della monaca.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Temeva quasi d'offendere a ringraziare per quell'apparenza d'onore che gli si faceva; a non ringraziare affatto, temeva di scoprir troppo il proprio avvilimento e d'apparir doppiamente sgarbato.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma questa prova, non cercata, non voluta, gli s'era offerta da sé in una di quelle occasioni, in cui la natura umana spezza e scuote ogni imposizione, infrange ogni freno sociale e si scopre qual è, come un vulcano che per tanti inverni si sia lasciato cader neve e neve e neve addosso, a un tratto rigetta quel gelido mantello e scopre al sole le fiere viscere infocate.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Sbuffava; poi volgeva un'occhiata ai sedili intorno, chi sa gli avvenisse di scoprirne qualche altro in ombra.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Fosse l'acqua o il bagno o la doccia, o piuttosto, com'io credo, la bella aria che si gode qua e la dolcezza della campagna toscana, il fatto è che mi sentii subito meglio; tanto che decisi di fermarmi per un mese o due; e, per stare con maggior libertà, presi a pigione un appartamentino presso la Pensione, un po' piú giú, da Coli, che ha un bel poggiolo donde si scopre tutta la vallata coi due laghetti di Chiusi e di Montepulciano.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma babbo Colombo ci faceva anche di giorno una capatina di tanto in tanto, curvo, con le gambe fasciate, spasimando a ogni passo, per andar a vedere dal balcone della sala da pranzo tutta la Val di Chiana che si scopriva di là e il suo bel podere di Caggiolo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ecco che si liberava dalla mantella, prendeva il lapis dermografico che il professore le porgeva e si chinava su lei per scoprirle, con mani non ben sicure, il seno.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
ecco, noi temiamo di indagare il nostro intimo essere, perché una tale indagine potrebbe scoprirci diversi da quelli che ci piace di crederci o di esser creduti.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quante montagne sventrate per il miraggio del tesoro nascosto! Aveva creduto di scoprire dentro ogni montagna una nuova California.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- No? - insistette egli, senza scoprire il volto.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La introducono pian piano (tutto, sempre, pian piano) entro il nostro carro, dalla parte di dietro; e mentre si fa quest'operazione, la gente attorno si scopre il capo e sta a mirare sbigottita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma erano dipinti sui visi gonfii, pallidi, sudici e sbattuti dei viaggiatori una tetra ambascia, un fastidio opprimente, un'agra nausea della vita che, lontana dai consueti affetti, fuor della traccia delle abitudini, si scopriva a tutti vacua, stolta, incresciosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E, tutt'a un tratto, i due, finora l'uno accanto all'altro amici cordialissimi, si scoprirono negli occhi, l'uno di fronte all'altro, cordialissimi nemici.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Accorsero e restarono allibiti davanti a quel letto, da cui uno scheletro vestito di pelle, con la bocca enorme, arida, che scopriva già orribilmente tutti i denti, con enormi occhi, i cui globi parevan già appesiti e induriti dalla morte, voleva loro far festa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Questo, quasi non esistendo ancora per sé, non esisteva neppure propriamente per loro, se non cosí, come un obbligo; ma non gravoso: prendevano, infine, una boccata d'aria; facevano, benché soli, una scampagnata: dall'alto dell'acropoli, su le maestose mura ciclopiche, si scopriva una vista meravigliosa.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Quelle levavano il capo, appena, e scoprivano gli occhi bruciati dal pianto, volgendo intorno un rapido sguardo pieno d'ansietà torbida e schiva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che storie! IL PROFESSOR TERREMOTO Quanti, di qui a molti anni, avranno la ventura di rivedere risorte Reggio e Messina dal terribile disastro del dicembre 1908, non potranno mai figurarsi l'impressione che si aveva, allorché, passando in treno, pochi mesi dopo la catastrofe, cominciava a scoprirsi, tra il verde lussureggiante dei boschi d'aranci e di limoni e il dolce azzurro del mare, la vista atroce dei primi borghi in rovina, gli squarci e lo sconquasso delle case.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se, al cospetto d'una realtà cosí diversa, mi si scopriva illusione la mia vita d'allora, que' miei antichi compagni - vissuti sempre fuori e ignari della mia illusione - com'erano? chi erano? Ritornavo a loro da un mondo che non era mai esistito, se non nella mia vana memoria; e, facendo qualche timido accenno a quelli che per me eran ricordi lontani, avevo paura di sentirmi rispondere: "Ma dove mai? ma quando mai?" Perché, se pure a quei miei antichi compagni, come a tutti, l'infanzia si rappresentava con la soave poesia della lontananza, questa poesia certamente non aveva potuto mai prendere nell'anima loro quella consistenza che aveva preso nella mia, avendo essi di continuo sotto gli occhi il paragone della realtà misera, angusta, monotona, non diversa per loro, come diversa appariva a me adesso.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Era maraviglioso! Mi guardava fisso fisso, e con gli occhiali, facendomi quelle domande, ma non aveva negli occhi se non l'ansia di scoprirmi nel volto se fosse sincera come la sua la mia amicizia e pari al suo il mio affetto per Carlino.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Vi si scopre fittizia e inconsistente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E tutti i vostri sensi vigilano tesi con ispasimo, nella paura che sotto a questa realtà, di cui scoprite la vana inconsistenza, un'altra realtà non vi si riveli, oscura, orribile: la vera.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma posso mai fingere di non capire, come tanti fanno, la vera ragione per cui quello ora piange e grida ajuto, e mostrare d'esser cieco anch'io, quando l'ho preveduta? Tu dici: - L'hai preveduta, perché tu non senti nulla! Ma come e che potrei vedere e prevedere veramente, se non sentissi nulla, Momino? E come aver questo riso che par tanto crudele? Questa crudeltà di riso, anzi, tanto piú è sincera, quanto e dove piú sembra voluta, perché appunto strazia prima degli altri me stesso là dove esteriormente si scopre come un giuoco ch'io voglia fare, crudele.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Zrí: e par che mi domandi: "Che fai?" - Scrivo a un morto, amico pipistrello! E tu che fai? Che cosa è mai codesta tua vita nottambula? Svoli, e non lo sai; come io, del resto, non so che cosa sia la mia; io che pure so tante cose, le quali in fondo non mi hanno reso altro servizio che quello di crescere innanzi a gli occhi miei, alla mia mente, il mistero, ingrandendomelo con le cognizioni della pretesa scienza: bel servizio davvero! Che diresti tu, amico pipistrello, se a un tuo simile venisse in mente di scoprire un apparecchio da aggiustarti sotto le ali per farti volare piú alto e piú presto? Forse dapprima ti piacerebbe, ma, e poi? Quel che importa non è volare piú presto o piú piano, piú alto o piú basso, ma sapere perché si vola.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Tra il cappello e la nuca la calvizie del professor Lamis si scopriva come una mezza luna cuojacea; gli tremolava su la nuca una rada zazzeretta argentea, che gli accavallava di qua e di là gli orecchi e seguitava barba davanti - su le gote e sotto il mento - a collana.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Al solo pensiero che quel Silvestro Crispo potesse vederlo, invecchiato e cosí dietro a quei tre ragazzi mal vestiti, e con quella moglie grassa e ridicola che strillava di là, si sentiva vaneggiare in un avvilimento di vergogna, acre e insopportabile, al quale reagiva seguitando a sorridere a quel modo, mentre avvertiva con una lucidità che gl'incuteva quasi ribrezzo, che non soltanto lui qual era adesso, ma lui anche qual era stato tant'anni addietro, sedici anni addietro, viveva tuttora e sentiva e ragionava con quegli stessi pensieri, con quegli stessi sentimenti, che già da tanto tempo credeva spenti o cancellati in sé; ma cosí vivo, cosí "presentemente" vivo che, quasi non parendogli piú vero in quel momento tutto ciò che lo circondava, e pur non potendo negarne a se stesso la realtà, non potendo negare per esempio che quei tre ragazzi là fossero suoi; ecco qua, sorrideva, proprio come se non fossero; proprio come se lui non fosse questo Faustino d'adesso, ma quello: diviso in due vite distanti e contemporanee; vere tutt'e due, e vane tutte e due nello stesso tempo; e di là quella biondona pallida, di cui gli arrivava la voce sgraziata: "Faustino! Faustino!" - e qua, fuggente e ammiccante tra il rimescolío dei passeggeri sopra coperta, Lillí, Lillí di ventidue anni, bella come quando di nascosto, da lontano, per tentarlo, tenendo socchiuso l'uscio della sua cameretta si scopriva il seno tra il candor delle trine e con la mano faceva appena appena l'atto d'offrirglielo e subito con la stessa mano se lo nascondeva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ecco, perché, correndo appresso a quei bambini non belli e mal vestiti, aveva bisogno di sorridere a quel modo Faustino Sangelli in quel momento; bisogno, proprio bisogno di veder viva, di ventidue anni, là, fuggente e ammiccante, tra il rimescolío dei passeggeri Lillí, Lillí che accennava, cosí fuggendo e riparandosi dietro le spalle dei passeggeri, di scoprirsi ancora il seno e far con la mano appena appena l'atto d'offrirglielo e subito con la stessa mano l'atto di nasconderselo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Uno dei calzoni gli è rimasto tirato sul grosso polpaccio della gamba e scopre le mutande di tela legate all'antica con una cordellina sulla rozza calza nera di cotone.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E che occhi! E quelle labbra, nere, che scoprivan qua, qua, i denti, appena appena.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Allora ella non sapeva a qual riparo correr prima col braccio libero; se abbassare cioè quel pallone della veste, che rischiava di scoprirla tutta davanti, o se tener per la falda il vecchio cappello di velluto viola, alle cui malinconiche piume nere nasceva col vento una disperata velleità di volo.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gli bastava che Ninní somigliasse alla mamma; n'era felice, anzi, perché cosí non avrebbe baciato su quel visino alcun tratto che avrebbe potuto fargli nascere l'idea di quell'ignoto, che ormai non si curava piú di scoprire.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
- Mi lasci dire! Se la morte, signor mio, fosse come uno di quegl'insetti strani, schifosi, che qualcuno inopinatamente ci scopre addosso...(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Il dottor Balla chiuse l'uscio della camera, poi s'accostò al letto, per scoprire la giacente.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma se si diventa bruti! Dopo quattro o cinque anni, assediati dalle miserie, dalle bassezze umane, non ci resta piú addosso neppur una di quelle finzioni con cui la società ci mascherava e scopriamo allora che l'uomo è porco, per diritto di natura.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
La vita le si è quasi diradata fino al punto che le relazioni tra lei e le cose piú consuete non hanno piú talvolta nessuna certezza, e le avviene allora di scoprire di quelle cose tutt'a un tratto aspetti nuovi e strani che la turbano, come se d'improvviso e per un attimo lei penetrasse in un'altra insospettata realtà che le cose abbiano per sé, nascosta, oltre quella che comunemente si dà loro.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E su uno dei piatti della bilancia, sul banco, era rimasto un peso d'ottone, a ricordare l'ultima vendita di dolci fatta dalla moglie, che fino a poco tempo addietro sedeva là, ridente e sfavillante, a quel banco, col nasino bianco di cipria, lo scialletto rosso di seta a lune gialle sul seno prosperoso, i cerchioni d'oro agli orecchi; e ogni sorriso di risposta a ogni sguardo che le fosse rivolto, le scopriva le pozzette alle guance leggermente imbellettate.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E ricordava le ambasce nella nuova abitazione in quei quindici giorni che passarono prima che egli la scoprisse; l'incerto timore, forse piú di se stessa che di lui, se il non doverlo piú rivedere le rendeva spinosa di tante smanie la solitudine.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Aver potuto scoprire in sé, nei silenzii infiniti della sua anima, un brulichío cosí vivo di sentimenti, non come una ricchezza propriamente sua, ma del mondo come ella lo avrebbe dato a godere a una creaturina sua; ed esser rimasta nell'angoscia di quella solitudine, cosí staccata per sempre da ogni vita! S'accorse che s'era fatto bujo nella cameretta e si recò ad accendere il lumetto bianco a petrolio sulla scrivania.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Qua non si fabbricano case perché domani, domani chi sa come si fabbricheranno le case; non si pensa a illuminare le strade, perché domani chi sa che nuovi mezzi d'illuminazione scoprirà la scienza, domani! E cosí anch'io dovrei stare in attesa del rimedio di domani, s'intende, per tutti coloro che non hanno la morte in bocca; perché quando l'hanno, eh sono vigliacchi allora, e lo vogliono il rimedio d'oggi, e come lo vogliono! - Ah sí? - fa il giovane collega.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma che! Allegrona la ritrovai, e quasi non sapevo credere ai miei occhi, allegrona, come non l'avevo mai veduta! Piú grassa di prima, e allegrona! Non tardai però a scoprire la ragione di tanta allegria.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Ma non c'è nessuno! CIÀULA SCOPRE LA LUNA I picconieri, quella sera, volevano smettere di lavorare senz'aver finito d'estrarre le tante casse di zolfo che bisognavano il giorno appresso a caricar la calcara.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
E che poteva importare a Ciàula, che in cielo ci fosse la Luna? Ora, ora soltanto, cosí sbucato, di notte, dal ventre della terra, egli la scopriva.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Che pregi straordinarii e doti scoprisse in quella fanciulla che venne ad aprirgli la porta, spettinata, mezzo discinta, tutta affannata tra le lagrime, l'avrà saputo lui che li scoperse.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Gridava con la voce d'allora cu-cu, e stava ad aspettare che quella, quell'altra, ma viva, viva ancora in questa piccina, venisse a scoprirlo, a scovar lui anche piccino lí dietro quell'uscio; e, appena dallo spiraglio la intravedeva tutta ansiosa e vibrante e perplessa, ecco, come allora, tratteneva il fiato e trepidava e, potendo, scappava via da quel nascondiglio e si metteva a correre, a girare per non farsi prendere, attorno alla tavola apparecchiata, e si cacciava tra le seggiole sotto la tavola per riuscir dall'altra parte, finché, caduto a sedere per terra, non si lasciava acchiappare dalla bimba accesa in volto e inferocita.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Se non che, durante lo sgombero della casa per la partenza, avvenne a Bebè di scoprire in un vecchio stipetto della nonna, relegato in soffitta, un fascio di lettere di quel giovane pittore partito per Roma circa due anni addietro per il pensionato artistico, lettere che la nonna aveva intercettate e nascoste intatte, forse perché non aveva osato distruggerle o forse perché fino all'ultimo s'era ripromessa di darle alla nipote, se Marco si fosse convinto ch'era vano sperare d'indurla a cedere.(Pirandello - Novelle per un anno)
---------------
Matilde nel ritornare si sentiva turbata in modo uggioso: troppo le pareva d’aver detto; e pensando le proprie parole, e le parole e gli atti dell’Italiano, scopriva a un tratto in lui certa sincerità tra timida e altera, che la faceva quasi pentire della sua diffidenza. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
Sovrumana virtù della fede! Nelle parole usuali, per tanti anni ripetute senza trovarvi alcun senso profondo, in quell’atto ella scopriva un valore, un effetto nuovi: dal dolore interpretate, le rischiaravano il dolore, e parevano medicina che l’amor di Dio avesse da molto tempo riposta all’estremo suo male. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
E cercava come nell’anima sua, assodata dal consorzio di lei, penetrasse la molle gioia di tali pensieri; e studiando se stesso scopriva che solita causa del condiscendere al senso era l’aver compiaciuto all’orgoglio, l’avere offesa la carità ch’è dovuta a’ fratelli. (Tommaseo - Fede e bellezza)
---------------
«Ha cento ragioni! Ma», soggiunse piano, «dice di essere partito di casa in modo che la nonna verrà molto probabilmente a scoprir tutto.» «Meglio», disse lo zio, incamminandosi verso la terrazza. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ciò non poteva a meno di condurre la nonna a scoprir tutto subito, perché lo avrebbe interrogato su quest'assenza, ed egli non voleva mentire, e tacere era come confessare. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
«Senti, zio», diss'ella, «mio marito dice che certo la nonna scoprirà tutto subito, ch'egli non potrà più stare a Cressogno, che se la mamma fosse in buone condizioni si potrebbe venire da te a Oria, ma che così, pur troppo, non è possibile. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Franco fu il primo a scoprir la quarta carta e le buttò via dispettosamente tutte mentre don Giuseppe esclamava: «Ovèj! L'è négher!», e si fermava a pigliar fiato prima di andar avanti a scoprire «se l'era güzz o minga güzz», cioè s'erano picche o fiori. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
L'idea di non essere con lui quando si scoprisse l'arma, l'atterriva. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Prima di scrivere si sentiva forte, si teneva sicuro che pensandoci avrebbe trovato facilmente argomenti vittoriosi; gliene venivano anche alla penna di quelli che gli sembravan tali ma poi, quand'erano scritti, ne scopriva subito la insufficienza, ne stupiva, se ne doleva, ritentava la prova e sempre con eguale successo. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Parve che scoprisse qualche cosa in quello sguardo, in quella fisionomia, perché si fermò a contemplarla con la tazza di caffè in mano e poi gli si diffuse sul volto una tenerezza, un'ansia, una commozione inesprimibile. (Fogazzaro - Piccolo mondo antico)
---------------
Ecco, ella si soffermava sul ripiano traendo un gran respiro; e l'occhio a un tratto si stupiva nello scoprire la larghezza delle sue spalle, la profondità del suo torace, la potenza delle sue reni, la rettitudine della sua ossatura su i piedi non piccoli ma dal fiosso arcuato così che si equilibravano sul calcagno e sul pollice come quelli della Libica michelangiolesca. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Vana e Paolo s'appressarono; ed ella si scansò perché giungessero a scoprire i rosai. Attirò Vana contro sé per sentirla fremere; e sul capo chino di lei fece passare il suo sguardo verso l'amante, uno sguardo che non era un baleno ma qualcosa che pesava, che colava come una materia fusa. E stavano là tutt'e quattro in un gruppo, nel calore, nell'odore, invasi da un intorpidimento leggero che somigliava il principio di un incantesimo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Tutt'e quattro, raccolti nello strombo della finestra, ascoltarono il lungo errante ronzo. Poi si guardarono tra loro fuggevolmente, e videro che tutt'e quattro avevano gli occhi chiari ma diversi, attoniti come se questa simiglianza dissimile scoprissero per la prima volta. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il fratello la guardò fisamente, con quell'amore della bellezza patetica, che tanto gli rendeva profondi i giovani occhi. Egli immerse il suo male in quella disperazione ammirabile. E lo assalì un bisogno imperioso di scoprire la piaga nascosta, di toccarla, di farla sanguinare e di macchiarsene. Ma troppo gli tremava il cuore. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Così essi dovunque con occhi intentissimi scoprivano indizii del lor proprio destino, imagini manifeste dei lor più segreti pensieri. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Or bisogna che io ti guardi bene per scoprire se tu sei l'amore o se tu sei l'odio, o se tu sei biforme; perché ella m'ama e vuole ch'io l'ami così che ancóra e sempre quell'imagine di morte accompagna il mio delirio, e la mia voluttà si rattrista per non poter cancellare la bellezza di cui non si sazia». (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli era serrato nell'ostilità nell'invidia e nel sogno. Vedeva il Canale color d'acciaio tra le coste frastagliate a picco; e dietro l'astro dell'elica, dietro il ventaglio dei tre cilindri, l'eroe solo, con la sua segreta di panno bruno, con la sua tunica azzurra d'artiere su la cinta di salvamento, col suo profilo aquilino di Franco che ha abbassato la fràmea, paralo la bocca dai baffi come da una baviera. Si ricordava d'averlo veduto a Montichiari, d'avergli parlato. Si ricordava della mascella robusta, dei pomelli saglienti, della ciocca ritrosa sul mezzo della fronte rimasta pallida nel volto rossastro. Anche si ricordava della donna semplice e possente che gli stava accanto, esule dal focolare, nella tettoia come sotto una trabacca di guerra, simile a una moglie di leudo che tralasci di riporre il lino nei forzieri e di distribuire la lana alle serve per brandire la mezzapicca e la francisca, attenta a incantare il pericolo con la forza di quel sorriso che le scopriva tutti i denti sani e le scavava nelle gote due fosse fonde. «La torpediniera è rimasta indietro, non è più visibile.(D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Egli le vedeva straordinariamente rilucere nell'ombra il bianco degli occhi; e tra quel bianco e il sorriso esiguo credeva scoprire un'astuzia lugubre. La voragine era là, a due passi: con un guizzo rapido ella poteva lanciarsi nel vuoto. Egli era nella tenaglia dell'angoscia mortale, ma non osava levare la mano per tema di provocare il salto. Il cuore gli si fermò, quando ella alzò le braccia per togliersi gli spilli che configgevano la paglia. Egli si sentiva come col capo sul ceppo, sotto la scure sospesa d'un carnefice lento. Ella si tolse la ghirlanda di rose, appese il cappello tessalico a una sporgenza del masso. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Ella si levò, prese la cosa nascosta e la portò presso i cuscini. Nell'aria, ch'ella aveva abbellita di tanta vita bella, ora l'alba lunare si diffondeva per l'ombra composta d'una vena violetta e d'una vena verdiccia che si mescevano tacitamente. Come taluno si china su un tizzo fioco e col soffio ne suscita vive faville sonore, ella aveva ravvivato e moltiplicato con l'agitazione dei suoi incanti le note interrotte. Ora scopriva una piccola cosa morta, una specie di cassetta funebre per Tiapa, per la bambola di Lunella. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Non era forse là in quell'ora, china a scoprire una nube di polvere, la stretta faccia olivigna? Non era là sotto il sole, con tutta la sua vita d'odio e d'amore protesa verso la via bianca, la piccola sorella indomabile? Quale era su la tempesta degli elci la tempesta di quella vita?
---------------
— Vedi la cortina della Rocca? vedi l'ultimo torrione a ponente? Vedi, accanto, una macchia nera di lecci su la scarpata? Quelli sono i miei lecci, sotto lo spiazzo del Castello. Dal parapetto, in alto, si scopre tutta la distesa fino al mare e la strada con tutte le sue svolte. Son certa che Vana è là, e spia. Ti trema il cuore? Tutto arde, e sono certa che nessuna cosa arde come lei. Pensa! Fra poco la prenderò fra le mie braccia. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Come scopri che sono di cavallo se non hanno forma? Sembrano buchi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il desiderio coceva così forte il volto d'Isabella Inghirami ch'ella ne aveva onta; e all'aria aperta lo velava d'un velo, o lo inclinava in attitudini sfuggenti come s'inclina una fiaccola or a seconda or a contrasto dei soffii per evitare che il fuoco s'appicchi. Ma negli scorci irrequieti la sua bellezza si faceva tanto acuta che il cuore d'ognuno vi si feriva come contro una lama presentata di punta e di taglio. Paolo Tarsis non poteva guardarla senza che la vista gli vacillasse nella vertigine. Quando le loro pupille s'incontravano, egli scopriva tra i cigli di lei uno sguardo ben più remoto dello sguardo umano, che sembrava espresso dalla terribilità di un istinto più antico degli astri. Allora quella carne frale assumeva una grandezza insormontabile, gli appariva come un confine della vita, gli limitava il destino come un monte limita un regno. E sentiva che, per tenerla ancóra una volta fra le sue braccia, avrebbe mille volte tradito la sua propria anima e gittato leggermente il resto. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Non conosci dunque il fatto di Fondi, Vana? — insistette Novella Aldobrandeschi, curiosa di scoprire il sentimento della sua amica olivastra su quella vendetta d'amore che eccitava il suo vecchissimo sangue maremmano. — No?
---------------
Una tristezza e una pietà infinite erano nel suo accento. E la carne di lui, nello scoprire quella nudità, conobbe un tremito nuovo. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Forse l'ho io separata da te? T'ho preso a lei? E come avrei potuto prenderti se tu non fossi stato già mio? Certo, quella sera, alla marina, ti parvi orribile quando ti parlai dell'amore di mia sorella. Ti ricondussi verso di lei, e le dissi: «Fa dunque ch'egli t'ami.» Ti parvi orribile. Ma chi può mai giudicare l'amore? e chi può dire il termine della voluttà e il termine del tormento e dove il male cessi d'essere il male e dove il bene cessi d'essere il bene, e per che modo una nuova vergogna crei un amore nuovo, e di che cosa debba vivere l'amore per piacere alla morte? Come fate voi a condannare e ad assolvere? Nulla è certo fuorché la crudeltà e la fame del cuore, e il sangue e le lacrime, e la fine di tutto; e neppure si sa quale sia il tempo di piangere. Ma forse c'è ancora da scoprire qualche dolore più lontano. Il mio lo conosci?
---------------
Era notte alta, ma la nuvola qua e là rotta scopriva le stelle fioche. La luna nascosta diffondeva un albore simile all'alba, giù pei lunghi chiostri solitarii. Che faceva Isabella? Non dormiva: aveva ucciso il sonno. Né egli sperava di chiudere gli occhi. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Il tempo fluiva, la luce diminuiva. Gli sforzi per sanare il congegno infermo erano vanissimi. In che modo avrebbe potuto egli giungere alla città? Omai la speranza di riaccordare il motore era perduta. Stava in ascolto per distinguere un indizio lontano, per scoprire se qualche veicolo si avvicinasse; quando in fatti udì nel valico il rombo ben noto. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
— Ora, in realtà, l'inferma ha le stìmate nella bocca. Le gencive sanguinano intorno ai denti, le labbra sono arse e screpolate, tutti i muscoli del viso sono stravolti. E certo è questa la più intensa delle sue idee deliranti; ma ve n'è qualche altra, forse più tormentosa e di natura più grave, di cui non so scoprire l'origine. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
Tutte quelle cose, ch'egli vedeva per la prima volta, si misero a vivere in lui come se anch'esse fossero impregnate della vita d'Isabella. Il cuore gli si gonfiò d'una pietà disperata, quand'egli scopri nell'ombra la piletta dell'acqua santa. Vi luceva poc'acqua, dove forse la povera folle aveva intinte le dita per segnarsi, col gesto della consuetudine. (D'Annunzio - Forse che sì forse che no)
---------------
* Qualcuno vorrà bene compiangermi (costa così poco), immaginando l’atroce cordoglio d’un disgraziato, al quale avvenga di scoprire tutt’a un tratto che... ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Di tutti gli uomini che avevano chiesto la sua mano, e che poi si erano ammogliati, ella era riuscita a scoprire qualche tradimento, e ne aveva ferocemente goduto. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Favorito così eccezionalmente dal caso, io non potevo più fidarmi di esso; tutto ormai dovevo creder possibile, finanche questo: che un anellino buttato nell’aperta campagna, trovato per combinazione da un contadino, passando di mano in mano, con quei due nomi incisi internamente e la data, facesse scoprir la verità, che l’annegato della Stìa cioè non era il bibliotecario Mattia Pascal. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Mi chinai a guardare e gli scoprii tra le scarpacce rotte un cucciolotto minuscolo, di pochi giorni, che tremava tutto di freddo e gemeva continuamente, lì rincantucciato. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Di ciò che m’era occorso di scoprire quella sera, nascosto dietro la persiana, non ero ancor venuto in chiaro. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ah, perdio! Ecco la traccia! Era riuscito a scoprirla Papiano!
---------------
* Ma nossignore! Noi vogliamo scoprire altre leggi, altre forse, altra vita nella natura, sempre nella natura, perbacco! oltre la scarsissima esperienza normale; noi vogliamo sforzare l’angusta comprensione, che i nostri sensi limitati ce ne dànno abitualmente. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Ma se il valore e il senso universalmente umano di certe mie favole e di certi miei personaggi, nel contrasto com’egli dice, tra realtà e illusione, tra volto individuale ed immagine sociale di esso, consistesse innanzi tutto nel senso e nel valore da dare a quel primo contrasto, il quale per una beffa costante della vita, ci si scopre sempre inconsistente, in quanto che, necessariamente purtroppo, ogni realtà d’oggi è destinata a scoprircisi illusione domani, ma illusione necessaria, se purtroppo fuori di essa non c’è per noi altra realtà? Se consistesse appunto in questo, che un uomo o una donna, messi da altri o da se stessi in una penosa situazione, socialmente anormale, assurda per quanto si voglia, vi durano, la sopportano, la rappresentano davanti agli altri, finché non la vedono, sia pure per la loro cecità o incredibile buonafede; perché appena la vedono come a uno specchio che sia posto loro davanti, non la sopportano più, ne provan tutto l’orrore e la infrangono o, se non possono infrangerla, se ne senton morire? Se consistesse appunto in questo, che una situazione, socialmente anormale, si accetta, anche vedendola a uno specchio, che in questo caso ci para davanti la nostra stessa illusione; e allora la si rappresenta, soffrendone tutto il martirio, finché la rappresentazione di essa sia possibile dentro la maschera soffocante che da noi stessi ci siamo imposta o che da altri o da una crudele necessità ci sia stata imposta, cioè fintanto che sotto questa maschera un sentimento nostro, troppo vivo, non sia ferito così addentro, che la ribellione alla fine prorompa e quella maschera si stracci e si calpesti?
---------------
* L’arruffìo, se c’è, dunque è voluto; il macchinismo, se c’è, dunque è voluto; ma non da me: bensì dalla favola stessa, dagli stessi personaggi; e si scopre subito, difatti: spesso è concertato apposta e messo sotto gli occhi nell’atto stesso di concertarlo e di combinarlo: è la maschera per una rappresentazione; il giuoco delle parti; quello che vorremmo o dovremmo essere; quello che agli altri pare che siamo; mentre quel che siamo, non lo sappiamo, fino a un certo punto, neanche noi stessi; la goffa incerta metafora di noi; la costruzione, spesso arzigogolata, che facciamo di noi, o che gli altri fanno di noi: dunque, davvero, un macchinismo, sì, in cui ciascuno volutamente, ripeto, è la marionetta di se stesso; e poi, alla fine, il calcio che manda all’aria tutta la baracca. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Credo che non mi resti che di congratularmi con la mia fantasia se, con tutti i suoi scrupoli, ha fatto apparir come difetti reali, quelli ch’eran voluti da lei: difetti di quella fittizia costruzione che i personaggi stessi han messo su di sé e della loro vita, o che altri ha messo sù per loro: i difetti insomma della maschera finché non si scopre nuda. ( Pirandello - Il fu Mattia Pascal )
---------------
* Più d'una sera ficcai i miei poveri occhi già miopi nel fondo del cielo per scoprire una di quelle biancheggianti nebulose , immani matrici di stelle e di pianeti , di cui favoleggiavano con cifre e figure i cosmologi nuovi . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Una storia com' io sognavo non era da farsi a furia di titoli : bisognava conoscer tutto r importante , pagina per pagina , e rileggere più d'una volta per scoprire le fonti e stabiUre le comparazioni . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il maestro la scopri : fui castigato e dovetti restituire ogni cosa . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il pensiero già armato si buttò dunque su questa vita miserabile senza carnevali e senza fari e fece presto a scoprirne il vuoto e il rinchiuso dolore . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Giovane e generoso com'era seppe scoprire nelle mie parole e ne' miei sguardi anima che per tutti era muta . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Era esultante disotterramento quotidiano del nostro io , del nostro più intimo e vero io ; lo scoprimento , il rifacimento perpetuo della nostra intelligenza di lirici del concetto e di scandagliatori di profondità . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Però in quello scegliere la scura e disadorna assisa della filosofia piuttosto che lo shakespeariano e ghirigorato mantello della poesia e' era il segno d'una inclinazione istintiva verso il pensiero astratto e il riconoscimento , posso dir ora , che quella veste aveva un valore anche di per sé e più valore di altre e infine l'avviamento a scoprire che sotto quell'abito ci poteva anch'essere un corpo solido e vivo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* La verità più profonda si scopre sempre tardi e da ultimo . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Tutto per nulla — nulla o tutto ! Ci sono ancora mondi da scoprire , verità da rivelare , torri e muraglie da sfondare al suono delle nostre trombe ? Noi diamo noia a tutti : buttiamo giù Iddio dalle nuvole del cielo e i re dalle poltrone della terra e neppure i morti possono star tranquilli sotto i fiori e le bugie dei camposanti ; né le impettite celebrità di bronzo sui loro piedistalli di pietra . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Si viveva in uno stato continuo di eccitazione , di scoperta , d'operosità d'ogni specie : tutti i giorni c'era da scoprire nuove anime , da legger nuovi libri , da corregger infinite bozze , da tener testa a polemiche , da rispondere a ignoti compagni e da rinsaldare fresche amicizie . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* A Cervantes ho preso la santa pazzia dell'ideale e il disprezzo per la volgare sanità dei Sanci ; a Dostoievski la santa pazzia dell'amore per i disgraziati e il tremendo incanto delle tragedie interiori ; a Stendhal lo stoicismo dell'uomo che vede lucidamente le cose del mondo e l' inclinazione al pudor del segreto ; a Ibsen il rispetto , la ricerca e la difesa di sé stesso ; a Carlyle lo scoprimento dello spirito sotto il simbolo e l'abito e il ritrovamento dell'affermazione nella negazione ; ai due fratelli italiani la malinconica arguzia contemplativa che a fatica raffrena il pianto . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Confesso : non m' importava di che né perchè , ma che gli occhi di tutti fosser rivolti — almeno un momento ! — su di me e le bocche di tutti avessero ripetuto il mio nome Fondatore di scuola , iniziatore di setta , profeta di religione , scopritore di teorie o d'ingegni mirabili , capitano di un partito nuovo , redentore di anime , autore di un libro di .cento edizioni , maestro di cenacolo: qualunque cosa , ma il primo , il più celebre , il più grande in qualche cosa . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il mondo puramente cerebrale , verbale e cartaceo in cui mi dibattevo mi si scopriva arido e senza speranza . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Ma .come ? Ma non c'è proprio nessuno tra voialtri che abbia il cuore di venir qua in casa mia , in faccia a me , e di parlarmi chiaramente e di scoprirmi senza compassione e senza inzuccherature cosa son io ? Non c'è nessuno che mi voglia dire spietatamente , da vero amico , quel che ho fatto di male , quel che non ho fatto e avrei dovuto fare , i miei difetti , i miei vizi , i miei delitti ? Siete tutti ipocriti e vigliacchi come le signore perbene di cinquant'anni ? Avete paura che non dica sul serio ? Temete eh' io m' abbia a male di quel che mi direte , e che invece di abbracciarvi e di baciarvi vi romperò la testa o vi butterò fuori dell' uscio ? Ma venite innanzi , perdio ! Non avete mai visto la faccia d'un uomo franco che dice la verità ? Io vi chiamo e invoco con tutta l'anima , con tutta la disgraziata anima mia ! Ho bisogno di sapere cosa ho commesso di brutto per pentirmene e per scontarlo — ho bisogno in tutte le maniere di conoscere i miei difetti per sbarbarli , abbru - IS8 ciarli , disfarmene una volta per sempre . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Non siete capaci di scoprire il male ? E allora siete orbi e imbecilli perchè se il male c'è , voi , estranei , dovete vederlo a prima vista . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* — 197 — Bisognava assolutamente scoprire il segreto: dovevo in tutti i modi impadronirmene — o sparire . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Chiunque voglia trovare le vie del loro cuore , e scoprire la molla de' loro atti deve aver conosciuto i loro pensieri più segreti , i loro bisogni più gravi , le loro scelte più nascoste . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* E vi pare che questa sia azione di uomini che abbiano coscienza del loro posto in questo misterioso e adorabile universo ? Vi pare che i pochi che vedono quattro spanne più in là di queste bestie fanciulle , e sanno la fine che ci aspetta se non sapremo vincer coraggiosamente il destino creando una vita più pura dinanzi alla minaccia del nulla , vi pare , dico , che costoro dovrebbero incoraggiare questa fanciullonaggine e baloccaggine degli uomini e tenerli qui fermi davanti ai teatri di fogUo dove si muovono i burattini dei sogni ad ascoltare le peripezie immaginarie di fantasmi immaginari ? Perchè aver tanta compassione fuor di posto per loro e adoprar tanto genio per addormentarli e trastullarli mentre tanto più bello e pericoloso sarebbe svegliarli a forza — 247 — d'urli , metterli in faccia al buio , farli spenzolare col capo giù nell'abisso e forzarli così a rialzarsi , a scoprirsi , a farsi più dolorosi ma più alti davanti all'universo che ora appena li sopporta . (G .Papini - Un uomo finito)
---------------
* Il buon secentista ha voluto sul principio mettere in mostra la sua virtù ; ma poi , nel corso della narrazione , e talvolta per lunghi tratti , lo stile cammina ben più naturale e più piano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Sì ; ma com'è dozzinale ! com'è sguaiato ! com'è scorretto ! Idiotismi lombardi a iosa , frasi della lingua adoperate a sproposito , grammatica arbitraria , periodi sgangherati .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E poi , qualche eleganza spagnola seminata qua e là ; e poi , ch'è peggio , ne' luoghi più terribili o più pietosi della storia , a ogni occasione d'eccitar maraviglia , o di far pensare , a tutti que' passi insomma che richiedono bensì un po' di rettorica , ma rettorica discreta , fine , di buon gusto , costui non manca mai di metterci di quella sua così fatta del proemio .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E allora , accozzando , con un'abilità mirabile , le qualità più opposte , trova la maniera di riuscir rozzo insieme e affettato , nella stessa pagina , nello stesso periodo , nello stesso vocabolo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ecco qui : declamazioni ampollose , composte a forza di solecismi pedestri , e da per tutto quella goffaggine ambiziosa , ch'è il proprio carattere degli scritti di quel secolo , in questo paese .(Manzoni-I Promessi Sposi)* In vero , non è cosa da presentare a lettori d'oggigiorno : son troppo ammaliziati , troppo disgustati di questo genere di stravaganze .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Meno male , che il buon pensiero m'è venuto sul principio di questo sciagurato lavoro : e me ne lavo le mani» .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Nell'atto però di chiudere lo scartafaccio , per riporlo , mi sapeva male che una storia così bella dovesse rimanersi tuttavia sconosciuta ; perché , in quanto storia , può essere che al lettore ne paia altrimenti , ma a me era parsa bella , come dico ; molto bella .(Manzoni-I Promessi Sposi)* «Perché non si potrebbe , pensai , prender la serie de' fatti da questo manoscritto , e rifarne la dicitura ?» Non essendosi presentato alcuna obiezion ragionevole , il partito fu subito abbracciato .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ed ecco l'origine del presente libro , esposta con un'ingenuità pari all'importanza del libro medesimo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Taluni però di que' fatti , certi costumi descritti dal nostro autore , c'eran sembrati così nuovi , così strani , per non dir peggio , che , prima di prestargli fede , abbiam voluto interrogare altri testimoni ; e ci siam messi a frugar nelle memorie di quel tempo , per chiarirci se veramente il mondo camminasse allora a quel modo .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Una tale indagine dissipò tutti i nostri dubbi : a ogni passo ci abbattevamo in cose consimili , e in cose più forti : e , quello che ci parve più decisivo , abbiam perfino ritrovati alcuni personaggi , de' quali non avendo mai avuto notizia fuor che dal nostro manoscritto , eravamo in dubbio se fossero realmente esistiti .(Manzoni-I Promessi Sposi)* E , all'occorrenza , citeremo alcuna di quelle testimonianze , per procacciar fede alle cose , alle quali , per la loro stranezza , il lettore sarebbe più tentato di negarla .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma , rifiutando come intollerabile la dicitura del nostro autore , che dicitura vi abbiam noi sostituita ? Qui sta il punto .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Chiunque , senza esser pregato , s'intromette a rifar l'opera altrui , s'espone a rendere uno stretto conto della sua , e ne contrae in certo modo l'obbligazione : è questa una regola di fatto e di diritto , alla quale non pretendiam punto di sottrarci .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Anzi , per conformarci ad essa di buon grado , avevam proposto di dar qui minutamente ragione del modo di scrivere da noi tenuto ; e , a questo fine , siamo andati , per tutto il tempo del lavoro , cercando d'indovinare le critiche possibili e contingenti , con intenzione di ribatterle tutte anticipatamente .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Né in questo sarebbe stata la difficoltà ; giacché (dobbiam dirlo a onor del vero) non ci si presentò alla mente una critica , che non le venisse insieme una risposta trionfante , di quelle risposte che , non dico risolvon le questioni , ma le mutano .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Spesso anche , mettendo due critiche alle mani tra loro , le facevam battere l'una dall'altra ; o , esaminandole ben a fondo , riscontrandole attentamente , riuscivamo a scoprire e a mostrare che , così opposte in apparenza , eran però d'uno stesso genere , nascevan tutt'e due dal non badare ai fatti e ai principi su cui il giudizio doveva esser fondato ; e , messele , con loro gran sorpresa , insieme , le mandavamo insieme a spasso .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Non ci sarebbe mai stato autore che provasse così ad evidenza d'aver fatto bene .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Ma che ? quando siamo stati al punto di raccapezzar tutte le dette obiezioni e risposte , per disporle con qualche ordine , misericordia ! venivano a fare un libro .(Manzoni-I Promessi Sposi)* Veduta la qual cosa , abbiam messo da parte il pensiero , per due ragioni che il lettore troverà certamente buone : la prima , che un libro impiegato a giustificarne un altro , anzi lo stile d'un altro , potrebbe parer cosa ridicola : la seconda , che di libri basta uno per volta , quando non è d'avanzo .(Manzoni-I Promessi Sposi)*
---------------
Il dottore aveva una grande pancia e la sua respirazione asmatica accompagnava il picchio della macchina elettrica messa in opera subito alla prima seduta , che mi disilluse , perché m’ero aspettato che il dottore studiandomi scoprisse il veleno che inquinava il mio sangue .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Quando compresi che da sé egli non sarebbe mai più arrivato a scoprire la nicotina nel mio sangue , volli aiutarlo ed espressi il dubbio che la mia indisposizione fosse da attribuirsi a quella .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Cercai di scoprire il punto esatto del cielo ch’egli fissava .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Tanta vivacità messa da lui in un ambito tanto ristretto , una gabbia in cui non v’era altro che una merce e due nemici (i due contraenti) ove nascevano e si scoprivano sempre delle nuove combinazioni e relazioni , animava meravigliosamente la vita .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
È difficile di scoprire le origini miti di un sentimento divenuto poi tanto violento , ma io sono certo che da me mancò il cosidetto coup de foudre per Ada .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Il caso volle ch’io scoprissi ch’essa si trovava in casa , ma rinchiusa nella sua stanza .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Ma scoprii che non era vero ch’io non avrei più saputo perdonarle: anche questo era un grande vantaggio .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
Guido disse che si compiaceva di scoprire in me una persona tanto previdente .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Chi avrebbe potuto prevederlo quando avevo zoppicato da Ada ad Alberta per arrivare ad Augusta? Scoprivo di essere stato non un bestione cieco diretto da altri , ma un uomo abilissimo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Spesso , dopo una certa quantità di ore di studio , essa si concedeva lo svago e il premio di cantare «La mia Bandiera» sperando di scoprire nella propria voce qualche nuova qualità .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
Mi parve di scoprire la ragione del malcontento che come al solito faceva serpeggiare vaghi dolori nel mio organismo .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
* Non s’accorgeva che così rivelava non la falsità di quel particolare soltanto! Se ci fosse stato a quel tavolo un osservatore , avrebbe presto fatto a scoprire di quale natura fosse quell’amore ch’io prospettavo in un ambiente ove non aveva potuto svolgersi .(I.Svevo - La coscienza di zeno)*
---------------
* Data la sua ignoranza , era meraviglioso che nel grande sforzo di scoprire una forte espressione , non le fosse mai capitato di cacciare nella canzonetta dei suoni falsi o esagerati .(I.Svevo - La coscienza di zeno)
---------------
avanscoperta
= ricognizione militare a largo raggio volta a scoprire in anticipo le posizioni e i movimenti del nemico soprattutto in usi estens .
---------------
controtempo
= fuori tempo, non a tempo
= nel pugilato, finta azione d'attacco che invita l'avversario alla parata, costringendolo a scoprire un altro bersaglio
---------------
discoprimento
= scoprimento - scoperta .
---------------
discoprire
= discovrire , verbo trans . scoprire
---------------
emissario
= persona inviata da altri per conoscere o scoprire qualcosa
---------------
euristica
= complesso dei metodi e delle attività della ricerca scientifica - specialmente in quanto rivolta a individuare nuovi dati e a scoprire nuove verità .
---------------
indagine
= ricerca sistematica volta a conoscere , a scoprire qualcosa
---------------
masurio
= nome attribuito a un elemento che si credette di scoprire in alcuni minerali e poi si rivelò inesistente
---------------
nudare
= verbo trans . denudare , spogliare , scoprire
---------------
rinvenire
= verbo trans. ritrovare, scoprire
---------------
riscoprire
= verbo trans. scoprire di nuovo
---------------
riscoprirsi
= verbo riflessivo scoprirsi di nuovo.
---------------
scappottare o scapotare ,
= verbo transitivo scoprire una macchina togliendo o abbassando la cappotta .
---------------
scoperchiare
= verbo transitivo scoprire qualcosa togliendo il coperchio ,
---------------
scoperta
= o - scoverta , lo scoprire , l'essere scoperto ,
---------------
scoperto
= o - scoverto , participio passato di scoprire
---------------
scoprimento
= lo scoprire , il togliere quanto copre ,
---------------
scopritore
= chi scopre , chi fa conoscere cose , fatti , paesi , persone prima ignoti .
---------------
scopritura
= lo scoprire , lo scoprirsi , l'essere scoperto .
---------------
scovrire
= scoprire
---------------
scrutare
= verbo transitivo esaminare , osservare con attenzione cercando di capire o scoprire qualcosa ,
---------------
serendipità
= lo scoprire qualcosa di inatteso e importante che non ha nulla a vedere con quanto ci si proponeva di trovare o con i presupposti teorici sui quali ci si basava - l'attitudine a fare scoperte fortunate e impreviste .
---------------
sgamare
= verbo transitivo capire , intuire qualcosa di dissimulato - farsi sgamare , farsi scoprire mentre si sta facendo qualcosa di nascosto .
---------------
spiare
= verbo transitivo osservare attentamente e di nascosto il comportamento e l'attività altrui per scoprire , sapere qualcosa o anche solo per ricavarne indizi , elementi utili ,
---------------
trama
= il complesso dei fili che , intrecciati perpendicolarmente con l'ordito , formano il tessuto macchinazione , intrigo , ordire , scoprire una trama - l'insieme delle vicende che costituiscono lo svolgimento di un racconto , un romanzo , un'opera teatrale , un film . . . , una trama avvincente , semplice , complicata - (sport) serie di azioni di gioco ben coordinate compiute da una squadra .
---------------
Verb: to abare-abared-abared
Ausiliar: to have - transitivo
Affermative - INDICATIVE
Present simple
I abare
you abare
he/she/it abares
we abare
you abare
they abare
Simple past
I abared
you abared
he/she/it abared
we abared
you abared
they abared
Simple past
I abared
you abared
he/she/it abared
we abared
you abared
they abared
Present perfect
I have abared
you have abared
he/she/it has abared
we have abared
you have abared
they have abared
Past perfect
I had abared
you had abared
he/she/it had abared
we had abared
you had abared
they had abared
Past perfect
I had abared
you had abared
he/she/it had abared
we had abared
you had abared
they had abared
Simple future
I I will abare
you you will abare
he/she/it he/she/it will abare
we we will abare
you I will abare
they they will abare
Future perfect
I will have abared
you will have abared
he/she/it will have abared
we will have abared
you will have abared
they will have abared
Present continuous
I am abaring
you are abaring
he/she/it is abaring
we are abaring
you are abaring
they are abaring
Past simple continuous
I was abaring
you were abaring
he/she/it was abaring
we were abaring
you were abaring
they were abaring
Future continuous
I will be abaring
you will be abaring
he/she/it will be abaring
we will be abaring
you will be abaring
they will be abaring
Future perfect continuous
I will have been abaring
you will have been abaring
he/she/it will have been abaring
we will have been abaring
you will have been abaring
they will have been abaring
Present perfect continuous
I have been abaring
you have been abaring
he/she/it has been abaring
we have been abaring
you have been abaring
they have been abaring
Past perfect continuous
I had been abaring
you had been abaring
he/she/it had been abaring
we had been abaring
you had been abaring
they had been abaring
Affermative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I abare
That you abare
That he/she/it abare
That we abare
That you abare
That they abare
Present perfect
That I have abared
That you have abared
That he/she/it have abared
That we have abared
That you have abared
That they have abared
Simple past
That I abared
That you abared
That he/she/it abared
That we abared
That you abared
That they abared
Past perfect
That I had abared
That you had abared
That he/she/it had abared
That we had abared
That you had abared
That they had abared
Affermative - CONDITIONAL
Present
I would abare
you would abare
we would abare
we would abare
you would abare
they would abare
Past
I would have abared
you would have abared
he/she/it would have abared
we would have abared
you would have abared
they would have abared
Present continous
I would be abaring
you would be abaring
we would be abaring
we would be abaring
you would be abaring
they would be abaring
Past continous
I would have been abaring
you would have been abaring
he/she/it would have been abaring
we would have been abaring
you would have been abaring
they would have been abaring
Affermative - IMPERATIVE
Present
let me abare
abare
let him abare
let us abare
abare
let them abare
 
 
 
 
 
 
 
Affermative - INFINITIVE
Present
to abare
Past
to have abared
Present continous
to be abaring
Perfect continous
to have been abaring
Affermative - PARTICIPLE
Present
abaring
Past
abared
Perfect
having abared
Affermative - GERUND
Present
abaring
Past
having abared
Passive - INDICATIVE
Present simple
I am abared
you are abared
he/she/it is abared
we are abared
you are abared
they are abared
Past simple
I was abared
you were abared
he/she/it was abared
we were abared
you were abared
they were abared
Past simple
I was abared
you were abared
he/she/it was abared
we were abared
you were abared
they were abared
Present perfect
I have been abared
you have been abared
he/she/it has been abared
we have been abared
you have been abared
they have been abared
Past perfect
I had been abared
you had been abared
he/she/it had been abared
we had been abared
you had been abared
they had been abared
Past perfect
I had been abared
you had been abared
he/she/it had been abared
we had been abared
you had been abared
they had been abared
Future simple
I will be abared
you will be abared
he/she/it will be abared
we will be abared
you will be abared
they will be abared
Future perfect
I will have been abared
you will have been abared
he/she/it will have been abared
we will have been abared
you will have been abared
they will have been abared
Present continuous
I am being abared
you are being abared
he/she/it is being abared
we are being abared
you are being abared
they are being abared
Past simple continuous
I was being abared
you were being abared
he/she/it was being abared
were being abared
you were being abared
they were being abared
Future continuous
I will being abared
you will being abared
he/she/it will being abared
we will being abared
you will being abared
they will being abared
Future perfect continuous
I will have been abared
you will have been abared
he/she/it will have been abared
we will have been abared
you will have been abared
they will have been abared
Present perfect continuous
I have been abared
you have been abared
he/she/it has been abared
we have been abared
you have been abared
they have been abared
Past perfect continuous
I had been abared
you had been abared
he/she/it had been abared
we had been abared
you had been abared
they had been abared
Passive - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I be abared
That you be abared
That he/she/it be abared
That we be abared
That you be abared
That they be abared
Present perfect
That I have been abared
That you have been abared
That he/she/it have been abared
That we have been abared
That you have been abared
That they have been abared
Simple past
That I were abared
That you were abared
That he/she/it were abared
That we were abared
That you were abared
That they were abared
Past perfect
That I had been abared
That you had been abared
That he/she/it had been abared
That we had been abared
That you had been abared
That they had been abared
CONDITIONAL
Present
I would be abared
you would be abared
we would be abared
we would be abared
you would be abared
they would be abared
Past
I would have been abared
you would have been abared
he/she/it would have been abared
we would have been abared
you would have been abared
they would have been abared
IMPERATIVE
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INFINITIVE
Present
to be abared
Past
to have been abared
PARTICIPLE
Present
being abared
Past
abared
Perfect
having been abared
GERUND
Present
being abared
Past
having been abared
Negative - INDICATIVE
Present simple
I do not abare
you do not abare
he/she/it does not abares
we do not abare
you do not abare
they do not abare
Simple past
I did not abare
you did not abare
he/she/it did not abare
we did not abare
you did not abare
they did not abare
Simple past
I did not abare
you did not abare
he/she/it did not abare
we did not abare
you did not abare
they did not abare
Present perfect
I have not abared
you have not abared
he/she/it has not abared
we have not abared
you have not abared
they have not abared
Past perfect
I had not abared
you had not abared
he/she/it had not abared
we had not abared
you had not abared
they had not abared
Past perfect
I had not abared
you had not abared
he/she/it had not abared
we had not abared
you had not abared
they had not abared
Simple future
I I will not abare
you you will not abare
he/she/it he/she/it will not abare
we we will not abare
you I will not abare
they they will not abare
Future perfect
I will not have abared
you will not have abared
he/she/it will not have abared
we will not have abared
you will not have abared
they will not have abared
Present continuous
I am not abaring
you are not abaring
he/she/it is not abaring
we are not abaring
you are not abaring
they are not abaring
Past simple continuous
I was not abaring
you were not abaring
he/she/it was not abaring
we were not abaring
you were not abaring
they were not abaring
Future continuous
I will not be abaring
you will not be abaring
he/she/it will not be abaring
we will not be abaring
you will not be abaring
they will not be abaring
Future perfect continuous
I will not have been abaring
you will not have been abaring
he/she/it will not have been abaring
we will not have been abaring
you will not have been abaring
they will not have been abaring
Present perfect continuous
I have not been abaring
you have not been abaring
he/she/it has not been abaring
we have not been abaring
you have not been abaring
they have not been abaring
Past perfect continuous
I had not been abaring
you had not been abaring
he/she/it had not been abaring
we had not been abaring
you had not been abaring
they had not been abaring
Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That I do not abare
That you do not abare
That he/she/it does not abare
That we do not abare
That you do not abare
That they do not abare
Present perfect
That I have not abared
That you have not abared
That he/she/it have not abared
That we have not abared
That you have not abared
That they have not abared
Simple past
That I did not abare
That you did not abare
That he/she/it did not abare
That we did not abare
That you did not abare
That they did not abare
Past perfect
That I had not abared
That you had not abared
That he/she/it had not abared
That we had not abared
That you had not abared
That they had not abared
Negative - CONDITIONAL
Present
I would not abare
you would not abare
we would not abare
we would not abare
you would not abare
they would not abare
Past
I would not have abared
you would not have abared
he/she/it would not have abared
we would not have abared
you would not have abared
they would not have abared
Present continous
I would not be abaring
you would not be abaring
we would not be abaring
we would not be abaring
you would not be abaring
they would not be abaring
Past continous
I would not have been abaring
you would not have been abaring
he/she/it would not have been abaring
we would not have been abaring
you would not have been abaring
they would not have been abaring
Negative - IMPERATIVE
Present
do not let me abare
do not abare
do not let him abare
do not let us abare
do not abare
do not let them abare
 
 
 
 
 
 
 
Negative - INFINITIVE
Present
not to abare
Past
not to have abared
Present continous
not to be abaring
Perfect continous
not to have been abaring
Negative - PARTICIPLE
Present
not abaring
Past
not abared
Perfect
not having abared
Negative - GERUND
Present
not abaring
Past
not having abared
Interrogative - INDICATIVE
Present simple
do I abare ?
do you abare ?
does she/he/it abares ?
do we abare ?
do you abare ?
do they abare ?
Simple past
did I abare ?
did you abare ?
did she/he/it abare ?
did we abare ?
did you abare ?
did they abare ?
Simple past
did I abare ?
did you abare ?
did she/he/it abare ?
did we abare ?
did you abare ?
did they abare ?
Present perfect
have I abared ?
have you abared ?
has she/he/it abared ?
have we abared ?
have you abared ?
have they abared ?
Past perfect
had I abared ?
had you abared ?
had she/he/it abared ?
had we abared ?
had you abared ?
had they abared ?
Past perfect
had I abared ?
had you abared ?
had she/he/it abared ?
had we abared ?
had you abared ?
had they abared ?
Simple future
will I abare ?
will you abare ?
will she/he/it abare ?
will we abare ?
will I abare ?
will they abare ?
Future perfect
will I have abared ?
will you have abared ?
will she/he/it have abared ?
will we have abared ?
will you have abared ?
will they have abared ?
Present continuous
am I abaring ?
are you abaring ?
is she/he/it abaring ?
are we abaring ?
are you abaring ?
are they abaring ?
Past simple continuous
was I abaring ?
were you abaring ?
was she/he/it abaring ?
were we abaring ?
were you abaring ?
were they abaring ?
Future continuous
will I be abaring ?
will you be abaring ?
will she/he/it be abaring ?
will we be abaring ?
will you be abaring ?
will they be abaring ?
Future perfect continuous
will I have been abaring ?
will you have been abaring ?
will she/he/it have been abaring ?
will we have been abaring ?
will you have been abaring ?
will they have been abaring ?
Present perfect continuous
have I been abaring ?
have you been abaring ?
has she/he/it been abaring ?
have we been abaring ?
have you been abaring ?
have they been abaring ?
Past perfect continuous
had I been abaring ?
had you been abaring ?
had she/he/it been abaring ?
had we been abaring ?
had you been abaring ?
had they been abaring ?
Interrogative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I abare ?
That do you abare ?
That does she/he/it abare ?
That do we abare ?
That do you abare ?
That do they abare ?
Present perfect
That have I abared ?
That have you abared ?
That have she/he/it abared ?
That have we abared ?
That have you abared ?
That have they abared ?
Simple past
That did I abare ?
That did you abare ?
That did she/he/it abare ?
That did we abare ?
That did you abare ?
That did they abare ?
Past perfect
That had I abared ?
That had you abared ?
That had she/he/it abared ?
That had we abared ?
That had you abared ?
That had they abared ?
Interrogative - CONDITIONAL
Present
would I abare ?
would you abare ?
would she/he/it abare ?
would we abare ?
would you abare ?
would they abare ?
Past
would I have abared?
would you have abared?
would she/he/it have abared?
would we have abared?
would you have abared?
would they have abared?
Present continous
would I be abaring ?
would you be abaring ?
would she/he/it be abaring ?
would we be abaring ?
would you be abaring ?
would they be abaring ?
Past continous
would I have been abaring?
would you have been abaring?
would she/he/it have been abaring?
would we have been abaring?
would you have been abaring?
would they have been abaring?
Interrogative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Interrogative-Negative - INDICATIVE
Present simple
do I not abare ?
do you not abare ?
does she/he/it not abares ?
do we not abare ?
do you not abare ?
do they not abare ?
Simple past
did I not abare ?
did you not abare ?
did she/he/it not abare ?
did we not abare ?
did you not abare ?
did they not abare ?
Simple past
did I not abare ?
did you not abare ?
did she/he/it not abare ?
did we not abare ?
did you not abare ?
did they not abare ?
Present perfect
have I not abared ?
have you not abared ?
has she/he/it not abared ?
have we not abared ?
have you not abared ?
have they not abared ?
Past perfect
had I not abared ?
had you not abared ?
had she/he/it not abared ?
had we not abared ?
had you not abared ?
had they not abared ?
Past perfect
had I not abared ?
had you not abared ?
had she/he/it not abared ?
had we not abared ?
had you not abared ?
had they not abared ?
Simple future
will I not abare ?
will you not abare ?
will she/he/it not abare ?
will we not abare ?
will I not abare ?
will they not abare ?
Future perfect
will I not have abared ?
will you not have abared ?
will she/he/it not have abared ?
will we not have abared ?
will you not have abared ?
will they not have abared ?
Present continuous
am I not abaring ?
are you not abaring ?
is she/he/it not abaring ?
are we not abaring ?
are you not abaring ?
are they not abaring ?
Past simple continuous
was I not abaring ?
were you not abaring ?
was she/he/it not abaring ?
were we not abaring ?
were you not abaring ?
were they not abaring ?
Future continuous
will I not be abaring ?
will you not be abaring ?
will she/he/it not be abaring ?
will we not be abaring ?
will you not be abaring ?
will they not be abaring ?
Future perfect continuous
will I not have been abaring ?
will you not have been abaring ?
will she/he/it not have been abaring ?
will we not have been abaring ?
will you not have been abaring ?
will they not have been abaring ?
Present perfect continuous
have I not been abaring ?
have you not been abaring ?
has she/he/it not been abaring ?
have we not been abaring ?
have you not been abaring ?
have they not been abaring ?
Past perfect continuous
had I not been abaring ?
had you not been abaring ?
had she/he/it not been abaring ?
had we not been abaring ?
had you not been abaring ?
had they not been abaring ?
Interrogative-Negative - SUBJUNCTIVE
Present simple
That do I not abare ?
That do you not abare ?
That does she/he/it not abare ?
That do we not abare ?
That do you not abare ?
That do they not abare ?
Present perfect
That have I not abared ?
That have you not abared ?
That have she/he/it not abared ?
That have we not abared ?
That have you not abared ?
That have they not abared ?
Simple past
That did I not abare ?
That did you not abare ?
That did she/he/it not abare ?
That did we not abare ?
That did you not abare ?
That did they not abare ?
Past perfect
That had I not abared ?
That had you not abared ?
That had she/he/it not abared ?
That had we not abared ?
That had you not abared ?
That had they not abared ?
Interrogative-Negative - CONDITIONAL
Present
would I not abare ?
would you not abare ?
would she/he/it not abare ?
would we not abare ?
would you not abare ?
would they not abare ?
Past
would I not have abared?
would you not have abared?
would she/he/it not have abared?
would we not have abared?
would you not have abared?
would they not have abared?
Present continous
would I not be abaring ?
would you not be abaring ?
would she/he/it not be abaring ?
would we not be abaring ?
would you not be abaring ?
would they not be abaring ?
Past continous
would I not have been abaring?
would you not have been abaring?
would she/he/it not have been abaring?
would we not have been abaring?
would you not have been abaring?
would they not have been abaring?
Interrogative-Negative - IMPERATIVE
Present
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Coniugazione:3 - scoprire
Ausiliare:avere transitivo
INDICATIVO - attivo
Presente
io scopro
tu scopri
egli scopre
noi scopriamo
voi scoprite
essi scoprono
Imperfetto
io scoprivo
tu scoprivi
egli scopriva
noi scoprivamo
voi scoprivate
essi scoprivano
Passato remoto
io scoprii
tu scopristi
egli scoprì
noi scoprimmo
voi scopriste
essi scoprirono
Passato prossimo
io ho scoperto
tu hai scoperto
egli ha scoperto
noi abbiamo scoperto
voi avete scoperto
essi hanno scoperto
Trapassato prossimo
io avevo scoperto
tu avevi scoperto
egli aveva scoperto
noi avevamo scoperto
voi avevate scoperto
essi avevano scoperto
Trapassato remoto
io ebbi scoperto
tu avesti scoperto
egli ebbe scoperto
noi avemmo scoperto
voi eveste scoperto
essi ebbero scoperto
Futuro semplice
io scoprirò
tu scoprirai
egli scoprirà
noi scopriremo
voi scoprirete
essi scopriranno
Futuro anteriore
io avrò scoperto
tu avrai scoperto
egli avrà scoperto
noi avremo scoperto
voi avrete scoperto
essi avranno scoperto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - attivo
Presente
che io scopra
che tu scopra
che egli scopra
che noi scopriamo
che voi scopriate
che essi scoprano
Passato
che io abbia scoperto
che tu abbia scoperto
che egli abbia scoperto
che noi abbiamo scoperto
che voi abbiate scoperto
che essi abbiano scoperto
Imperfetto
che io scoprissi
che tu scoprissi
che egli scoprisse
che noi scoprissimo
che voi scopriste
che essi scoprissero
Trapassato
che io avessi scoperto
che tu avessi scoperto
che egli avesse scoperto
che noi avessimo scoperto
che voi aveste scoperto
che essi avessero scoperto
CONDIZIONALE - attivo
Presente
io scoprirei
tu scopriresti
egli scoprirebbe
noi scopriremmo
voi scoprireste
essi scoprirebbero
Passato
io avrei scoperto
tu avresti scoperto
egli avrebbe scoperto
noi avremmo scoperto
voi avreste scoperto
essi avrebbero scoperto
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - attivo
Presente
-
scopri
scopra
scopriamo
scoprite
scoprano
Futuro
-
scoprirai
scoprirà
scopriremo
scoprirete
scopriranno
INFINITO - attivo
Presente
scoprire
Passato
avere scoperto
 
 
PARTICIPIO - attivo
Presente
scoprente
Passato
scoperto
 
 
GERUNDIO - attivo
Presente
scoprendo
Passato
avendo scoperto
INDICATIVO - passivo
Presente
io sono scoperto
tu sei scoperto
egli é scoperto
noi siamo scoperti
voi siete scoperti
essi sono scoperti
Imperfetto
io ero scoperto
tu eri scoperto
egli era scoperto
noi eravamo scoperti
voi eravate scoperti
essi erano scoperti
Passato remoto
io fui scoperto
tu fosti scoperto
egli fu scoperto
noi fummo scoperti
voi foste scoperti
essi furono scoperti
Passato prossimo
io sono stato scoperto
tu sei stato scoperto
egli é stato scoperto
noi siamo stati scoperti
voi siete stati scoperti
essi sono stati scoperti
Trapassato prossimo
io ero stato scoperto
tu eri stato scoperto
egli era stato scoperto
noi eravamo stati scoperti
voi eravate stati scoperti
essi erano statiscoperti
Trapassato remoto
io fui stato scoperto
tu fosti stato scoperto
egli fu stato scoperto
noi fummo stati scoperti
voi foste stati scoperti
essi furono stati scoperti
Futuro semplice
io sarò scoperto
tu sarai scoperto
egli sarà scoperto
noi saremo scoperti
voi sarete scoperti
essi saranno scoperti
Futuro anteriore
io sarò stato scoperto
tu sarai stato scoperto
egli sarà stato scoperto
noi saremo stati scoperti
voi sarete stati scoperti
essi saranno stati scoperti
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
CONGIUNTIVO - passivo
Presente
che io sia scoperto
che tu sia scoperto
che egli sia scoperto
che noi siamo scoperti
che voi siate scoperti
che essi siano scoperti
Passato
che io sia stato scoperto
che tu sia stato scoperto
che egli sia stato scoperto
che noi siamo stati scoperti
che voi siate stati scoperti
che essi siano stati scoperti
Imperfetto
che io fossi scoperto
che tu fossi scoperto
che egli fosse scoperto
che noi fossimo scoperti
che voi foste scoperti
che essi fossero scoperti
Trapassato
che io fossi stato scoperto
che tu fossi stato scoperto
che egli fosse stato scoperto
che noi fossimo stati scoperti
che voi foste stati scoperti
che essi fossero stati scoperti
CONDIZIONALE - passivo
Presente
io sarei scoperto
tu saresti scoperto
egli sarebbe scoperto
noi saremmo scoperti
voi sareste scoperti
essi sarebbero scoperti
Passato
io sarei stato scoperto
tu saresti stato scoperto
egli sarebbe stato scoperto
noi saremmo stati scoperti
voi sareste stati scoperti
essi sarebbero stati scoperti
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IMPERATIVO - passivo
Presente
-
sii scoperto
sia scoperto
siamo scoperti
siate scoperti
siano scoperti
Futuro
-
sarai scoperto
sarà scoperto
saremo scoperti
sarete scoperti
saranno scoperti
INFINITO - passivo
Presente
essere scoperto
Passato
essere stato scoperto
 
 
PARTICIPIO - passivo
Presente
-
Passato
scoperto
 
 
GERUNDIO - passivo
Presente
essendo scoperto
Passato
essendo stato scoperto